Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, , Milano. Data:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, 89 20131, Milano. Data: 13-6-2014."

Transcript

1 Istituto Scolastico: IIS Caterina da Siena Viale Lombardia, , Milano Relazione conclusiva Autovalutazione Data: Pagina 1 di 16

2 CRITERIO 1 LEADERSHIP 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori Evidenze/ Documenti di POF Sito Web Verbali Collegio Docenti Sostegno a progetti innovativi che coniughino efficaci produzioni in campo moda e grafica a elementi educativi e di impegno sociale e di cittadinanza come la solidarietà e il volontariato Uso della tecnologia per imparare e per comunicare in tempi brevi: nuovo sito istituzionale Stretto contatto con il mondo del lavoro e attenzione all orientamento post diploma Innovazione didattica verso le competenze Coinvolgimento dell intero corpo docente e del personale ATA Azioni di comunicazione attraverso la tecnologia, i partner, gli ex alunni ecc formazione dei docenti verso la didattica per competenze comunicazione interna feedback delle comunicazioni ricevute strutturazione più sistematica del processo di verifica valutazione delle azioni progettuali promosse a scuola Incontri di informazione/condivisione con il personale PUNTEGGIO: 67, Sviluppare e implementare un sistema di gestione dell istituzione, delle sue performance e del cambiamento sito della scuola esito questionari di CS schede di progetto il rinnovamento del sito consente una maggiore interattività anche con gli stakholder adeguamento del funzionigramma, organigramma, distribuzione ruoli e responsabilità in base alle competenze, coinvolgimento dei nuovi docenti il monitoraggio e la customer satisfaction rinnovamento sito istituzionale, casella di posta elettronica per tutti in docenti, circolari on-line e cartacee monitoraggio post diploma; la scelta delle forme di comunicazioni efficaci verso alunni e famiglie adeguamento della didattica per competenze e di conseguenza team di progettazione interdisciplinare maggior coinvolgimento delle famiglie e degli studenti nelle decisioni organizzative potenziamento della comunicazione interna PUNTEGGIO: 55 Pagina 2 di 16

3 1.3. Motivare e supportare il personale dell istituzione e agire come modello di ruolo colloqui con il personale espressioni di apprezzamento in CD la coerenza dell atteggiamento nei confronti delle sperimentazioni e del sostegno dei docenti impegnati nelle progettazioni area riservata docenti e personale ATA- mailing list docenti il sostegno a tutti i progetti proposti da docenti disponibili se nell alveo della mission proposta di incontri con esperti e iniziative di formazione rivolti a tutto il personale docente uso intensivo delle tecnologie della comunicazione, ascolto ampio dei docenti e del personale ATA una buona capacità di ascolto motivare anche i docenti poco disponibili; l ascolto ad ampio raggio delle problematiche professionali personale Azioni di formazione e informazione, incontri a tema, attenzione all accoglienza PUNTEGGIO: Gestire i rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse al fine di assicurare la condivisione delle responsabilità piano attività annuali partecipazione a eventi e progetti in collaborazione con Regione/USRL una buona collaborazione con l amministrazione scolastica centrale e decentrata; USR e UST porte aperte a tutti i portatori di idee e progetti una buona capacità di pubbliche relazioni Coprogettazione con Comune di Milano e CdZ la relazione scuola/enti locali seguire con continuità i progetti anche nella fase esecutiva Riunioni collegiali di rendicontazione dei progetti PUNTEGGIO: 65 Pagina 3 di 16

4 CRITERIO 2 - POLITICHE E STRATEGIE 2.1. Raccogliere informazioni relative ai bisogni presenti e futuri dei portatori di interesse POF, Monitoraggi Questionari CS Le responsabilità e i compiti sono indicati chiaramente Le informazioni vengono raccolte in modo sistematico e i dati analizzati con puntualità; Esiste un Responsabile di Processo Orientamento in Uscita/Monitoraggio Post-Diploma La scuola partecipa al progetto FIXO valutazione degli esiti e ipotesi di miglioramento Discutere in tutti i livelli del sistema le informazioni ricevute e utilizzarle come base di proposte di miglioramento Definire la struttura e la composizione del Comitato Tecnico Scientifico Attuare un monitoraggio in itinere Definire con precisione i rapporti tra i vari responsabili Discutere a tutti i livelli del sistema le informazioni ricevute e utilizzarle come base di proposte di miglioramento PUNTEGGIO: 56, Sviluppare, rivedere e aggiornare politiche e strategie tenendo in considerazione i bisogni dei portatori di interesse e le risorse disponibili POF sito istituzionale esiti CS relazione finale attività di progetto /processo/ commissioni La politica dell istituto è pubblicata nel POF e reperibile dal sito si sono organizzati incontri specifici con i genitori (quali ad esempio: consigli di classe ordinari e straordinari, colloqui individuali settimanali, consegna documenti di valutazione) e progetti didattici con il coinvolgimento famiglie e territorio Dati provenienti dagli esiti della customer rivolta al: personale, studenti e famiglie verifica della contrattazione di istituto e dei risultati raggiunti in base ai compiti assegnati riesame della direzione condotta annualmente e relazioni in itinere dei responsabili di processo dotazione e rinnovo laboratori/ aggiudicazione fondi progetto web generation Approfondire le indagini sui bisogni e sui portatori di interesse implementare il monitoraggio di allocazione risorse utilizzare le informazioni ricevute come base di proposte di miglioramento maggior coinvolgimento/partecipazione di studenti /Famiglie a sostegno degli obiettivi Raccogliere valutazioni e proposte attraverso un forum Pagina 4 di 16

5 Monitorare in itinere il conseguimento degli obiettivi PUNTEGGIO: 53, Implementare le strategie e le politiche nell intera organizzazione modulistica di programmazione disciplinare, individualizzata e di classe piano di formazione, progettazione di dettaglio di attività di progetti/processi; condivisione e approvazione funzionigramma/organigramma e nomine individuali con declinazione compiti in itinere Customer satisfaction/monitoraggio esiti/partecipazione alla Rete regionale delle scuole che promuovono salute/rete Milano 1/Polo Tecnico professionale condivisione obiettivi; verifica degli obiettivi raggiunti; Sensibilizzare maggiormente i responsabili Attuare un monitoraggio in itinere Predisporre una carta dei servizi PUNTEGGIO: 56, Pianificare, attuare e rivedere le attività per la modernizzazione e l innovazione accordi di rete convenzioni nomine responsabili orario laboratori tabulazione assenze studenti e personale Learning week/partnership in IFTS/ /stage come forte vicinanza al mondo del lavoro Partecipazione alla rete delle scuole che promuovono salute Gruppo interno di autovalutazione ATA/DOCENTI N assenze distinte per malattia Indagine e riflessione sull insuccesso scolastico, piano strutturato per l emergenza educativa con funzione strumentale ad hoc utilizzo di apposite cassette per eventuali reclami riunioni del Consiglio di Istituto deliberazioni rese pubbliche albo legale dell istituto; utilizzo del sito come forum di discussione diffondere sempre di più pratiche laboratoriali ampliamento di proposte di reti di scuole diffusione capillare e tempestiva della comunicazione regolamentazione per l utilizzo dei social network all interno dell istituzione implementare il monitoraggio relativamente al cambiamento e alla richiesta di innovazione Pagina 5 di 16

6 Acquisire risorse finanziarie per l aggiornamento dei laboratori Tenere i collegamenti con altre scuole di simile tipologia PUNTEGGIO: 47,5 CRITERIO 3 PERSONALE 3.1. Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente e coerente con le politiche e le strategie contrattazione d istituto piano attività DSGA nomine individuali modulistica programmazione individuale/relazione attività svolte DVR Distribuzione capillare dei compiti in rapporto alle competenze anche tecnico informatiche Riunioni e organizzazione del lavoro inizio a. s. verifica stato avanzamento delle attività proposte di corsi di aggiornamento e formazione incarichi personali; garanzia della privacy e dello sviluppo delle competenze individuali Diffusione competenze informatiche; motivazione del personale interfaccia con i portatori di interesse esterni comunicazione Revisione degli incarichi alla luce di nuove competenze Colloqui motivazionali da parte del DS per la proposta di inserimento dei nuovi docenti nelle commissioni e gruppi di lavoro Incontri con esperti esterni nei settori di competenza formativa della scuola PUNTEGGIO: 56, Identificare, sviluppare e utilizzare le competenze del personale allineando gli obiettivi individuali a quelli dell'istituzione verbali CD, piano di formazione programma annuale, bilancio questionari CS e di gradimento Ricognizione delle esigenze formative e possibilità di scelta fra varie proposte Diffusione, nei contesti adeguati, del POF della scuola relazione orizzontale tra la direzione e il personale adesione alla formazione on line ministeriale Pagina 6 di 16

7 comunicazione al personale Acquisizione e aggiornamento delle competenze implementare l offerta di formazione potenziare l autonomia individuale monitoraggio e valutazione di quanto appreso maggiore cultura del lavoro in team; valutazione costi/benefici Implementazione delle azioni rivolte alla co-partecipazione PUNTEGGIO: 47,5 3.3 Coinvolgere il personale attraverso lo sviluppo del dialogo e dell empowerment. verbali CD verbali cdc e riunioni per materia contrattazione Volontà di dialogo con le diverse categorie di lavoratori comunicazione del POF; ascolto e questionari di customer satisfaction attenzione alle specifiche competenze individuali nell attribuzione dei compiti piano di sicurezza e rilevazione dello stress correlato Lavoro di gruppo e brainstorming collaborazione tra le varie categorie del personale discussione sui risultati e maggiore coinvolgimento del personale nelle proposte di miglioramento costante monitoraggio delle condizioni di lavoro e prevenzione della sicurezza sul lavoro. Coinvolgere maggiormente il personale nell assunzione di compiti secondo le proprie specifiche competenze PUNTEGGIO: 50 Pagina 7 di 16

8 CRITERIO 4 - PARTNERSHIP E RISORSE 4.1. Sviluppare e implementare relazioni con i partner chiave Convenzioni, contratti con i partner schede di valutazione Progetto di alternanza scuola lavoro modulistica attività di rimotivazione/riorientamen to Sono stati individuati partner in tutte le aree chiave Per alcune aree chiave sono stati stipulati specifici accordi di rete feedback, schede di valutazione certificazioni riunioni di programmazione e di valutazione finale Reti tra scuole con problematiche simili maggior condivisione dei feedback giunti integrazione dell esperienza con il lavoro di classe Implementare la presenza di esperti a supporto dei BES in sede di valutazione di progetto invitare i responsabili esterni a relazionare PUNTEGGIO: 51, Sviluppare e implementare relazioni con i discenti/le famiglie questionari CS genitori e studenti esiti monitoraggi Assemblee di classe, consigli di classe Consiglio di Istituto, colloqui famiglie /docenti, colloqui genitori e studenti con Preside e Vicepreside customer,; customer satisfaction box reclami POF, delibere C.I., bilancio, circolari sul sito. Tempestività e completezza delle comunicazioni costituzione del Comitato genitori maggiore coinvolgimento nella partecipazione individuare strategie per dare una restituzione ai genitori sugli esiti dei questionari e sulle ipotesi di miglioramento PUNTEGGIO: 52,5 Pagina 8 di 16

9 4.3. Gestire le risorse finanziarie programma annuale documento gestione finanziaria ordini mandati e fatture rendicontazione progetti contrattazione verbali revisori dei conti inventari da anni i revisori dei conti non fanno rilievi riguardo alla formalizzazione dei piani finanziari raggiungimento degli obiettivi del POF malgrado le risorse limitate costante confronto DSGA/DS verifica attuazione programma annuale e progettazione deliberata nel POF da CD revisione dei progetti in attinenza degli obiettivi deliberati dal collegio coinvolgimento del personale docente maggior coinvolgimento dei soggetti coinvolti (docenti) aumentare la consapevolezza delle famiglie sull utilizzo dei fondi e nella scelta della loro destinazione Pianificazione precisa e puntuale in relazione alle effettive risorse aumentare la consapevolezza delle famiglie sull utilizzo dei fondi e nella scelta della loro destinazione ampliamento dell azione di fund raising finalizzato PUNTEGGIO: 61, Gestire le informazioni e la conoscenza sito web CS laboratorio informatica docenti PC laboratori studenti aree riservate sito la scuola utilizza statistiche di lungo periodo e i monitoraggi finali dei progetti da utilizzare per azioni di miglioramento si tiene conto delle relazioni di esperti ed enti esterni che hanno collaborato con la scuola sito con aree riservate e dedicate e mail list il sito è stato progettato tenendo conto della facilità di accesso per tutte le categorie di visitatori; alcuni problemi tecnici devono essere risolti per garantire maggiore accessibilità uniformazione della scheda di monitoraggio e delle modalità di archiviazione creazione di un archivio delle proposte didattiche e passaggio di consegne del personale Amministrativo e Tecnico attraverso relazioni e istruzioni operative Ampliamento della biblioteca verso una mediateca PUNTEGGIO: 47,5 Pagina 9 di 16

10 4.5. Gestire la tecnologia orari dei laboratori nomine tecnici di laboratorio contratti di assistenza aggiornamento programmi programma annuale ( progetto sito web e dematerializzazione) la scuola ha potenziato le attrezzature di laboratorio utilizzo razionale dei laboratori sempre più informazioni sono reperibili attraverso il sito costituzione di un gruppo di lavoro che si occupi della gestione e soprattutto dell aggiornamento del sito maggiore tempestività nell inserimento delle informazioni maggior coinvolgimento del consiglio di classe Attrezzarsi per permettere a tutte le componenti l utilizzo della tecnologia più recente (rete wireless, LIM e tablet) PUNTEGGIO: 52, Gestire le infrastrutture incarichi assistenti tecnici per manutenzione laboratori incarichi specifici a collaboratori scolastici per piccola manutenzione richieste di interventi di manutenzione all Ente preposto, titolare dei contratti di manutenzione tempestive segnalazioni agli organi competenti l attenzione è comunque curata al punto di abbattere le barriere architettoniche l apertura del Nuovo Spazio Teatro ad altre scuole, alla Scuola dell infanzia sita nello stesso edificio e come sede di convegni l utilizzo dei laboratori per corsi di aggiornamento e formazione del personale e per concorsi pubblici. Ampliare il coinvolgimento del territorio Usare le infrastrutture interne come aule decentrate/laboratori Monitoraggio funzionamento aule speciali PUNTEGGIO:56,25 Pagina 10 di 16

11 CRITERIO 5 - PROCESSI 5.1. Identificare, progettare, gestire e migliorare i processi su base sistematica funzionigramma, nomine responsabili processi e attività relazione finale mod.31 relazione monitoraggio Descrizione dei processi, individuazione del responsabile azione di miglioramento dei processi in base alle nuove esigenze. ES: passaggi; nelle nomine dei responsabili di processo vengono assegnati compiti e responsabilità; relazioni finali in Collegio Docenti Il personale viene coinvolto nella valutazione degli esiti dei processi durante le sedute del Collegio docenti; le famiglie vengono informate durante le riunioni dei consigli di classe I risultati di alcuni processi sono presenti sul sito; : nella contrattazione d istituto si attribuiscono le risorse a seconda dell importanza strategica delle attività; le prestazioni e i servizi vengono valutati attraverso la CS programmi on line sul sito, circolari, area riservata docenti, studenti, famiglie, ATA, registro elettronico; interazione tra processi rendicontazione in itinere tempestività nella consegna delle nomine analisi e valutazione dei cambiamenti monitoraggio degli obiettivi coinvolgere maggiormente studenti e famiglie monitoraggio delle attività per un eventuale riproposta; introdurre la carta dei servizi Implementare le descrizioni di ulteriori progetti/attività che si ritengano fondamentali PUNTEGGIO: 62, Sviluppare ed erogare servizi e prodotti orientati a discenti / famiglie / cittadini/clienti patto di corresponsabilità educativa POF circolari e sito web permessi permanenti opuscoli informativi cassetta raccolta reclami questionari di CS monitoraggio dei processi Indagini sistematiche di customer satisfaction cassetta reclami, questionari gradimento progetti e attività nel sito sono disponibili aree riservate per docenti e famiglie possibilità di contattare l istituto via , orario dedicato per le telefonate agli uffici aree dedicate a comunicazioni, segreteria, didattica sul sito, cassetta reclami Pagina 11 di 16

12 utilizzo dei risultati dei monitoraggi; tempestività e sistematicità nell informazione; accessibilità dell organizzazione (orari e modalità di comunicazione con gli uffici) sviluppare sempre di più la funzionalità del sito istituzionale PUNTEGGIO: 53, Innovare i processi coinvolgendo i cittadini/clienti accordi di rete tra scuole e associazioni la dirigenza è sensibile alle innovazioni e contribuisce ad assicurare la disponibilità delle risorse necessarie processi di alternanza scuola lavoro orientamento in ingresso, orientamento in uscita, passaggi mappatura dei processi per evidenziarne le relazioni maggiore condivisione delle informazioni condivisione della gestione dei processi sistematicità nei rapporti con i partner sperimentazione e- learning PUNTEGGIO: 48,75 Pagina 12 di 16

13 CRITERIO 6 - RISULTATI ORIENTATI AI DISCENTI/ALLE FAMIGLIE 6.1. I risultati della misurazione della soddisfazione dei discenti / delle famiglie CS genitori CS studenti monitoraggio esiti in uscita Prove di livello informazioni sull'andamento scolastico attività di accoglienza Progetto FIXO, adesione alla rete di scuole e associazioni per la Youth Guarantee Importanza da attribuire alle prove di livello interne e alle prove INVALSI Azione di comunicazione delle possibilità offerte dai progetti di placement adeguatezza attrezzature di supporto alla didattica programmare incontri periodici con i rappresentanti degli studenti e delle famiglie investimenti in attrezzature miglior organizzazione del personale ATA PUNTEGGIO: Gli indicatori di orientamento ai discenti / alle famiglie iscrizioni classi I richieste di passaggi CS studenti personale degli uffici con pluriennale anzianità di ruolo, basso livello di assenteismo negli uffici, gestione della comunicazione con costante impegno al miglioramento accessibilità uffici sito multilingue; prevedere una giornata a settimana di apertura ufficio didattica PUNTEGGIO: 65 Pagina 13 di 16

14 CRITERIO 7 - RISULTATI RELATIVI AL PERSONALE 7.1. I risultati della misurazione della soddisfazione del personale organigramma/funzionigramma Customer satisfaction orario di lavoro piano annuale di formazione contratto d Istituto rapporti del personale con il DS e il DSGA rapporti con i colleghi e iniziative formazione( docenti) ampliamento dell orario di apertura dell edificio scolastico Condizioni ambientali, comunicazione all'interno dell'istituto, definizione compiti lavoro ATA revisione organizzazione lavoro ATA implementazione sito PUNTEGGIO: Gli indicatori di risultato del personale rilevazione mensili assenze personale suddivise per tipologie domande di trasferimento dati corsi formazione incarichi di coordinamento di materie voti on line, degli scrutini aree riservate sito rapporti con gli alunni, iniziative per favorire la scelta della scuola, utilizzo laboratori e attrezzature tecnologiche distribuzione incarichi e responsabilità revisione funzionigramma PUNTEGGIO:50 Pagina 14 di 16

15 CRITERIO 8 - RISULTATI RELATIVI ALLA SOCIETA' 8.1. I risultati sociali percepiti dai portatori di interesse Progetto Lo sport a scuola eventi culturali rassegna teatrale sito scuola CS docenti, studenti, genitori, ATA Presentazione e rendicontazione progetti raccolta differenziata lampade esauste e toner, numerosi interventi di educazione alla salute e al benessere, numerosi interventi di cooperative di educatori curare i canali di comunicazione prolungamento orario di apertura della struttura scolastica, apertura al territorio per progetti culturali PUNTEGGIO: Gli indicatori della performance sociale dell organizzazione Processo Intercultura, progetti di internazionalizzazione procedure emergenza e di evacuazione illuminazione esterna temporizzata,spegnimento automatico PC, progetto adozione a distanza numero progetti di volontariato a cui l'istituto aderisce promuovere iniziative per l'integrazione delle diverse culture a scuola e sul territorio PUNTEGGIO: 46,25 Pagina 15 di 16

16 CRITERIO 9 - RISULTATI RELATIVI ALLE PERFORMANCE CHIAVE 9.1. I risultati esterni: output e outcome riferiti agli obiettivi risultati positivi delle visite ispettive, progetto Fixo attività di benchmarking e benchlearning Implementare i rapporti con altri istituti della stessa tipologia PUNTEGGIO: 67, I risultati interni rilevazioni annuali degli esiti degli studenti PEI, PDP,PSP certificazioni competenze obbligo istruzione rilevazioni Invalsi prove di livello partecipazione a gare di settore indagine di CS acquisto nuove apparecchiature informatiche e sistemi operativi di settore programma annuale verbali dei revisori dei conti personale degli uffici con pluriennale anzianità di ruolo basso livello di assenteismo negli uffici gestione della comunicazione con costante impegno al miglioramento monitorare il tasso di successo degli studenti in uscita predisporre iniziative di orientamento mirato, con adesione al progetto regionale/europeo Garanzia Giovani PUNTEGGIO: 70 Pagina 16 di 16

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. BROFFERIO C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel- Fax 0141 21 26 66 Sez. associata Martiri della Libertà Tel-Fax 0141 21 12 23 C.F. : 80005780053 e-mail: atmm003004@istruzione.it -

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto

Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto Il percorso di autovalutazione nel nostro Istituto L AUTOVALUTAZIONE HA DEI CHIARI RIFERIMENTI LEGISLATIVI 1) DPR 28 MARZO 2013, N. 80 REGOLAMENTO SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE IN MATERIA DI ISTRUZIONE

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF (vademecum elaborato dal gruppo tecnico regionale: Dirigenti Scolastici Niccoletta Cipolli, Franca Da Re, Nicola Marchetti, Catterina

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE. del 20 dicembre 2013. RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ. DATI e CONSIDERAZIONI in ingresso

RIESAME DELLA DIREZIONE. del 20 dicembre 2013. RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ. DATI e CONSIDERAZIONI in ingresso Pagina 1 di 10 RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ Il presente riesame, attraverso l analisi completa dei risultati raggiunti nell anno scolastico 2012/2013, definisce le azioni

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE PROCEDURA E DI PROGETTAZIONE Pag. 1/13 LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/000 16-02-04 01 01.10.09 Pag. 2/13 Indice della Procedura 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto FUNZIONIGRAMMA 2015/2016 COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore (Vicario) Collaboratore * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto collaborazione con il DS

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA Istituto Comprensivo N 9 VIA LONGO Via Luigi Longo n. 4 40139 BOLOGNA Tel. 051/460205 Fax 051/460007 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO N 9 DI BOLOGNA Il Programma

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 04.0 SISTEMA GESTIONE PER LA QUALITÀ 04.1 Requisiti

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE L. AMABILE Via De Concilii, 13 83100 AVELLINO Tel. 0825.1643241 Fax 0825. 1643242 E-mail: AVTD03000B@istruzione.it PEC: AVTD03000B@PEC.ISTRUZIONE.IT Sito web: www.itcamabile.it

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Progettazione delle attività. Implementazione delle attività. Somministrare prove INVALSI. Analisi delle prove. Piano di miglioramento

Progettazione delle attività. Implementazione delle attività. Somministrare prove INVALSI. Analisi delle prove. Piano di miglioramento Obiettivi 1 dell offerta formativa Obiettivi 2 dell efficacia dell attività Obiettivo 3 Innovazione delle pratiche educative Obiettivo 4 professionale dei docenti Definizione delle priorità strategiche

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA data: 20-07-08 Pagina 1 di 12 Sez. 4 PER LA QUALITA Redazione e Revisione Data Modifiche verifica 0 03-04-03 RGQ - Prof. M.L.Bianchi 1 16-04-03 Tabelle a) e b) 2 29-05-03 Tabella b) e 4.2.3 3 12-07-04

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione, Istruzione e Politiche Sociali Servizio Politiche della Transnazionalità, della Governance e della Qualificazione del Sistema Formativo CARTA DI QUALITÀ

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE

RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Prof. Carmelo La Porta Al Dirigente Scolastico Liceo Scientifico E. Fermi RAGUSA RELAZIONI FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AL P.O.F. 2012/2013 AREA 5: GESTIONE TECNOLOGIE DIDATTICHE Gli interventi effettuati

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza. Nuovo SIQuS. Polo di Vicenza

Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza. Nuovo SIQuS. Polo di Vicenza Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza Nuovo SIQuS Polo di Vicenza Sistema Informativo per la Qualità nella Scuola Che cos è? E una filosofia ma è anche

Dettagli

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Istituto Scolastico Comprensivo Statale S. GIOVANNI BOSCO Sc. Infanzia, Primaria e Secondaria di I g. San Salvatore Telesino Castelvenere Distretto

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Il Progetto di Promozione della Salute dell Istituto Comprensivo E. Fermi di Porto Ceresio si ispira al Progetto della Rete delle scuole

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES A.S. 2014-15 INS. DARIO AMODEO PREMESSA La disponibilità

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento Carta dei Servizi Scolastici ITI Buonarroti Trento PREMESSA La Carta dei Servizi dell I.T.I. Buonarroti è il documento che riassume i principi ispiratori delle attività della scuola e rende esplicite tali

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

L'IS si impegna nella creazione e/o prosecuzione di rapporti con enti, istituzioni che operano nel sociale, nel volontariato e nell istruzione

L'IS si impegna nella creazione e/o prosecuzione di rapporti con enti, istituzioni che operano nel sociale, nel volontariato e nell istruzione REPORT DI SINTESI DELL'AUTOVALUTAZIONE RELATIVO AI PUNTI DI FORZA E ALLE AREE DA MIGLIORARE DEI FATTORI ABILITANTI E DEI RISULTATI per individuare 3 azioni di miglioramento significative per l'is da mettere

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Nella sezione 5 del RAV sono state indicate alcune priorità che la scuola intende perseguire nella sua azione di miglioramento e i relativi risultati/traguardi previsti

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA

PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA PIANO DEL SISTEMA GESTIONE QUALITA Piano della performance a.s. 2012/2013 Per dare senso al fare della scuola, per rilevare la coerenza tra le dichiarazioni strategiche e politiche, la progettazione dell

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

MODELLO DI. Livello strategico

MODELLO DI. Livello strategico ALLEGATO II.1 MODELLO DI CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che l organismo

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

A. S. 2014-15 OBIETTIVI PER LA QUALITÀ

A. S. 2014-15 OBIETTIVI PER LA QUALITÀ Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 5 A. S. 2014-15 OBIETTIVI PER LA QUALITÀ PROCESSI DI GOVERNO Pianificazione della qualità Descrizione dell obiettivo Indicatore Obiettivo mirato

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12 : E VALUTAZIONE PREVISIONE DI PES SPESA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ist. Sec. di I Grado VIA VOLTA VIA BATTISTI Via Volta,13-20093 Cologno (MI) Tel. 0225492649-022543060

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo.

REGOLAMENTO DEL GRUPPO DI LAVORO PER L HANDICAP. Art. 1 - Istituzione del Gruppo di Lavoro sull'handicap dell'i.c. di Belvedere M.mo. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia-Scuola Primaria- Scuola Secondaria Statale Padre G. Puglisi VIA G.FORTUNATO, 10 87021 BELVEDERE M. MO (CS) Tel. e Fax 0985/82923 - E mail: csic8as00c@istruzione.it

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Analisi Quaderno di benchmarking

Analisi Quaderno di benchmarking Laboratorio per lo Sviluppo della Qualità nella Scuola IPSS B. Montagna Polo di Vicenza Analisi Quaderno di benchmarking Laboratorio per lo sviluppo della Qualità nella scuola ITSCG "8 MARZO" - Mirano

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli