Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, , Milano. Data:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Scolastico: Relazione conclusiva Autovalutazione. IIS Caterina da Siena. Viale Lombardia, 89 20131, Milano. Data: 13-6-2014."

Transcript

1 Istituto Scolastico: IIS Caterina da Siena Viale Lombardia, , Milano Relazione conclusiva Autovalutazione Data: Pagina 1 di 16

2 CRITERIO 1 LEADERSHIP 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori Evidenze/ Documenti di POF Sito Web Verbali Collegio Docenti Sostegno a progetti innovativi che coniughino efficaci produzioni in campo moda e grafica a elementi educativi e di impegno sociale e di cittadinanza come la solidarietà e il volontariato Uso della tecnologia per imparare e per comunicare in tempi brevi: nuovo sito istituzionale Stretto contatto con il mondo del lavoro e attenzione all orientamento post diploma Innovazione didattica verso le competenze Coinvolgimento dell intero corpo docente e del personale ATA Azioni di comunicazione attraverso la tecnologia, i partner, gli ex alunni ecc formazione dei docenti verso la didattica per competenze comunicazione interna feedback delle comunicazioni ricevute strutturazione più sistematica del processo di verifica valutazione delle azioni progettuali promosse a scuola Incontri di informazione/condivisione con il personale PUNTEGGIO: 67, Sviluppare e implementare un sistema di gestione dell istituzione, delle sue performance e del cambiamento sito della scuola esito questionari di CS schede di progetto il rinnovamento del sito consente una maggiore interattività anche con gli stakholder adeguamento del funzionigramma, organigramma, distribuzione ruoli e responsabilità in base alle competenze, coinvolgimento dei nuovi docenti il monitoraggio e la customer satisfaction rinnovamento sito istituzionale, casella di posta elettronica per tutti in docenti, circolari on-line e cartacee monitoraggio post diploma; la scelta delle forme di comunicazioni efficaci verso alunni e famiglie adeguamento della didattica per competenze e di conseguenza team di progettazione interdisciplinare maggior coinvolgimento delle famiglie e degli studenti nelle decisioni organizzative potenziamento della comunicazione interna PUNTEGGIO: 55 Pagina 2 di 16

3 1.3. Motivare e supportare il personale dell istituzione e agire come modello di ruolo colloqui con il personale espressioni di apprezzamento in CD la coerenza dell atteggiamento nei confronti delle sperimentazioni e del sostegno dei docenti impegnati nelle progettazioni area riservata docenti e personale ATA- mailing list docenti il sostegno a tutti i progetti proposti da docenti disponibili se nell alveo della mission proposta di incontri con esperti e iniziative di formazione rivolti a tutto il personale docente uso intensivo delle tecnologie della comunicazione, ascolto ampio dei docenti e del personale ATA una buona capacità di ascolto motivare anche i docenti poco disponibili; l ascolto ad ampio raggio delle problematiche professionali personale Azioni di formazione e informazione, incontri a tema, attenzione all accoglienza PUNTEGGIO: Gestire i rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse al fine di assicurare la condivisione delle responsabilità piano attività annuali partecipazione a eventi e progetti in collaborazione con Regione/USRL una buona collaborazione con l amministrazione scolastica centrale e decentrata; USR e UST porte aperte a tutti i portatori di idee e progetti una buona capacità di pubbliche relazioni Coprogettazione con Comune di Milano e CdZ la relazione scuola/enti locali seguire con continuità i progetti anche nella fase esecutiva Riunioni collegiali di rendicontazione dei progetti PUNTEGGIO: 65 Pagina 3 di 16

4 CRITERIO 2 - POLITICHE E STRATEGIE 2.1. Raccogliere informazioni relative ai bisogni presenti e futuri dei portatori di interesse POF, Monitoraggi Questionari CS Le responsabilità e i compiti sono indicati chiaramente Le informazioni vengono raccolte in modo sistematico e i dati analizzati con puntualità; Esiste un Responsabile di Processo Orientamento in Uscita/Monitoraggio Post-Diploma La scuola partecipa al progetto FIXO valutazione degli esiti e ipotesi di miglioramento Discutere in tutti i livelli del sistema le informazioni ricevute e utilizzarle come base di proposte di miglioramento Definire la struttura e la composizione del Comitato Tecnico Scientifico Attuare un monitoraggio in itinere Definire con precisione i rapporti tra i vari responsabili Discutere a tutti i livelli del sistema le informazioni ricevute e utilizzarle come base di proposte di miglioramento PUNTEGGIO: 56, Sviluppare, rivedere e aggiornare politiche e strategie tenendo in considerazione i bisogni dei portatori di interesse e le risorse disponibili POF sito istituzionale esiti CS relazione finale attività di progetto /processo/ commissioni La politica dell istituto è pubblicata nel POF e reperibile dal sito si sono organizzati incontri specifici con i genitori (quali ad esempio: consigli di classe ordinari e straordinari, colloqui individuali settimanali, consegna documenti di valutazione) e progetti didattici con il coinvolgimento famiglie e territorio Dati provenienti dagli esiti della customer rivolta al: personale, studenti e famiglie verifica della contrattazione di istituto e dei risultati raggiunti in base ai compiti assegnati riesame della direzione condotta annualmente e relazioni in itinere dei responsabili di processo dotazione e rinnovo laboratori/ aggiudicazione fondi progetto web generation Approfondire le indagini sui bisogni e sui portatori di interesse implementare il monitoraggio di allocazione risorse utilizzare le informazioni ricevute come base di proposte di miglioramento maggior coinvolgimento/partecipazione di studenti /Famiglie a sostegno degli obiettivi Raccogliere valutazioni e proposte attraverso un forum Pagina 4 di 16

5 Monitorare in itinere il conseguimento degli obiettivi PUNTEGGIO: 53, Implementare le strategie e le politiche nell intera organizzazione modulistica di programmazione disciplinare, individualizzata e di classe piano di formazione, progettazione di dettaglio di attività di progetti/processi; condivisione e approvazione funzionigramma/organigramma e nomine individuali con declinazione compiti in itinere Customer satisfaction/monitoraggio esiti/partecipazione alla Rete regionale delle scuole che promuovono salute/rete Milano 1/Polo Tecnico professionale condivisione obiettivi; verifica degli obiettivi raggiunti; Sensibilizzare maggiormente i responsabili Attuare un monitoraggio in itinere Predisporre una carta dei servizi PUNTEGGIO: 56, Pianificare, attuare e rivedere le attività per la modernizzazione e l innovazione accordi di rete convenzioni nomine responsabili orario laboratori tabulazione assenze studenti e personale Learning week/partnership in IFTS/ /stage come forte vicinanza al mondo del lavoro Partecipazione alla rete delle scuole che promuovono salute Gruppo interno di autovalutazione ATA/DOCENTI N assenze distinte per malattia Indagine e riflessione sull insuccesso scolastico, piano strutturato per l emergenza educativa con funzione strumentale ad hoc utilizzo di apposite cassette per eventuali reclami riunioni del Consiglio di Istituto deliberazioni rese pubbliche albo legale dell istituto; utilizzo del sito come forum di discussione diffondere sempre di più pratiche laboratoriali ampliamento di proposte di reti di scuole diffusione capillare e tempestiva della comunicazione regolamentazione per l utilizzo dei social network all interno dell istituzione implementare il monitoraggio relativamente al cambiamento e alla richiesta di innovazione Pagina 5 di 16

6 Acquisire risorse finanziarie per l aggiornamento dei laboratori Tenere i collegamenti con altre scuole di simile tipologia PUNTEGGIO: 47,5 CRITERIO 3 PERSONALE 3.1. Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente e coerente con le politiche e le strategie contrattazione d istituto piano attività DSGA nomine individuali modulistica programmazione individuale/relazione attività svolte DVR Distribuzione capillare dei compiti in rapporto alle competenze anche tecnico informatiche Riunioni e organizzazione del lavoro inizio a. s. verifica stato avanzamento delle attività proposte di corsi di aggiornamento e formazione incarichi personali; garanzia della privacy e dello sviluppo delle competenze individuali Diffusione competenze informatiche; motivazione del personale interfaccia con i portatori di interesse esterni comunicazione Revisione degli incarichi alla luce di nuove competenze Colloqui motivazionali da parte del DS per la proposta di inserimento dei nuovi docenti nelle commissioni e gruppi di lavoro Incontri con esperti esterni nei settori di competenza formativa della scuola PUNTEGGIO: 56, Identificare, sviluppare e utilizzare le competenze del personale allineando gli obiettivi individuali a quelli dell'istituzione verbali CD, piano di formazione programma annuale, bilancio questionari CS e di gradimento Ricognizione delle esigenze formative e possibilità di scelta fra varie proposte Diffusione, nei contesti adeguati, del POF della scuola relazione orizzontale tra la direzione e il personale adesione alla formazione on line ministeriale Pagina 6 di 16

7 comunicazione al personale Acquisizione e aggiornamento delle competenze implementare l offerta di formazione potenziare l autonomia individuale monitoraggio e valutazione di quanto appreso maggiore cultura del lavoro in team; valutazione costi/benefici Implementazione delle azioni rivolte alla co-partecipazione PUNTEGGIO: 47,5 3.3 Coinvolgere il personale attraverso lo sviluppo del dialogo e dell empowerment. verbali CD verbali cdc e riunioni per materia contrattazione Volontà di dialogo con le diverse categorie di lavoratori comunicazione del POF; ascolto e questionari di customer satisfaction attenzione alle specifiche competenze individuali nell attribuzione dei compiti piano di sicurezza e rilevazione dello stress correlato Lavoro di gruppo e brainstorming collaborazione tra le varie categorie del personale discussione sui risultati e maggiore coinvolgimento del personale nelle proposte di miglioramento costante monitoraggio delle condizioni di lavoro e prevenzione della sicurezza sul lavoro. Coinvolgere maggiormente il personale nell assunzione di compiti secondo le proprie specifiche competenze PUNTEGGIO: 50 Pagina 7 di 16

8 CRITERIO 4 - PARTNERSHIP E RISORSE 4.1. Sviluppare e implementare relazioni con i partner chiave Convenzioni, contratti con i partner schede di valutazione Progetto di alternanza scuola lavoro modulistica attività di rimotivazione/riorientamen to Sono stati individuati partner in tutte le aree chiave Per alcune aree chiave sono stati stipulati specifici accordi di rete feedback, schede di valutazione certificazioni riunioni di programmazione e di valutazione finale Reti tra scuole con problematiche simili maggior condivisione dei feedback giunti integrazione dell esperienza con il lavoro di classe Implementare la presenza di esperti a supporto dei BES in sede di valutazione di progetto invitare i responsabili esterni a relazionare PUNTEGGIO: 51, Sviluppare e implementare relazioni con i discenti/le famiglie questionari CS genitori e studenti esiti monitoraggi Assemblee di classe, consigli di classe Consiglio di Istituto, colloqui famiglie /docenti, colloqui genitori e studenti con Preside e Vicepreside customer,; customer satisfaction box reclami POF, delibere C.I., bilancio, circolari sul sito. Tempestività e completezza delle comunicazioni costituzione del Comitato genitori maggiore coinvolgimento nella partecipazione individuare strategie per dare una restituzione ai genitori sugli esiti dei questionari e sulle ipotesi di miglioramento PUNTEGGIO: 52,5 Pagina 8 di 16

9 4.3. Gestire le risorse finanziarie programma annuale documento gestione finanziaria ordini mandati e fatture rendicontazione progetti contrattazione verbali revisori dei conti inventari da anni i revisori dei conti non fanno rilievi riguardo alla formalizzazione dei piani finanziari raggiungimento degli obiettivi del POF malgrado le risorse limitate costante confronto DSGA/DS verifica attuazione programma annuale e progettazione deliberata nel POF da CD revisione dei progetti in attinenza degli obiettivi deliberati dal collegio coinvolgimento del personale docente maggior coinvolgimento dei soggetti coinvolti (docenti) aumentare la consapevolezza delle famiglie sull utilizzo dei fondi e nella scelta della loro destinazione Pianificazione precisa e puntuale in relazione alle effettive risorse aumentare la consapevolezza delle famiglie sull utilizzo dei fondi e nella scelta della loro destinazione ampliamento dell azione di fund raising finalizzato PUNTEGGIO: 61, Gestire le informazioni e la conoscenza sito web CS laboratorio informatica docenti PC laboratori studenti aree riservate sito la scuola utilizza statistiche di lungo periodo e i monitoraggi finali dei progetti da utilizzare per azioni di miglioramento si tiene conto delle relazioni di esperti ed enti esterni che hanno collaborato con la scuola sito con aree riservate e dedicate e mail list il sito è stato progettato tenendo conto della facilità di accesso per tutte le categorie di visitatori; alcuni problemi tecnici devono essere risolti per garantire maggiore accessibilità uniformazione della scheda di monitoraggio e delle modalità di archiviazione creazione di un archivio delle proposte didattiche e passaggio di consegne del personale Amministrativo e Tecnico attraverso relazioni e istruzioni operative Ampliamento della biblioteca verso una mediateca PUNTEGGIO: 47,5 Pagina 9 di 16

10 4.5. Gestire la tecnologia orari dei laboratori nomine tecnici di laboratorio contratti di assistenza aggiornamento programmi programma annuale ( progetto sito web e dematerializzazione) la scuola ha potenziato le attrezzature di laboratorio utilizzo razionale dei laboratori sempre più informazioni sono reperibili attraverso il sito costituzione di un gruppo di lavoro che si occupi della gestione e soprattutto dell aggiornamento del sito maggiore tempestività nell inserimento delle informazioni maggior coinvolgimento del consiglio di classe Attrezzarsi per permettere a tutte le componenti l utilizzo della tecnologia più recente (rete wireless, LIM e tablet) PUNTEGGIO: 52, Gestire le infrastrutture incarichi assistenti tecnici per manutenzione laboratori incarichi specifici a collaboratori scolastici per piccola manutenzione richieste di interventi di manutenzione all Ente preposto, titolare dei contratti di manutenzione tempestive segnalazioni agli organi competenti l attenzione è comunque curata al punto di abbattere le barriere architettoniche l apertura del Nuovo Spazio Teatro ad altre scuole, alla Scuola dell infanzia sita nello stesso edificio e come sede di convegni l utilizzo dei laboratori per corsi di aggiornamento e formazione del personale e per concorsi pubblici. Ampliare il coinvolgimento del territorio Usare le infrastrutture interne come aule decentrate/laboratori Monitoraggio funzionamento aule speciali PUNTEGGIO:56,25 Pagina 10 di 16

11 CRITERIO 5 - PROCESSI 5.1. Identificare, progettare, gestire e migliorare i processi su base sistematica funzionigramma, nomine responsabili processi e attività relazione finale mod.31 relazione monitoraggio Descrizione dei processi, individuazione del responsabile azione di miglioramento dei processi in base alle nuove esigenze. ES: passaggi; nelle nomine dei responsabili di processo vengono assegnati compiti e responsabilità; relazioni finali in Collegio Docenti Il personale viene coinvolto nella valutazione degli esiti dei processi durante le sedute del Collegio docenti; le famiglie vengono informate durante le riunioni dei consigli di classe I risultati di alcuni processi sono presenti sul sito; : nella contrattazione d istituto si attribuiscono le risorse a seconda dell importanza strategica delle attività; le prestazioni e i servizi vengono valutati attraverso la CS programmi on line sul sito, circolari, area riservata docenti, studenti, famiglie, ATA, registro elettronico; interazione tra processi rendicontazione in itinere tempestività nella consegna delle nomine analisi e valutazione dei cambiamenti monitoraggio degli obiettivi coinvolgere maggiormente studenti e famiglie monitoraggio delle attività per un eventuale riproposta; introdurre la carta dei servizi Implementare le descrizioni di ulteriori progetti/attività che si ritengano fondamentali PUNTEGGIO: 62, Sviluppare ed erogare servizi e prodotti orientati a discenti / famiglie / cittadini/clienti patto di corresponsabilità educativa POF circolari e sito web permessi permanenti opuscoli informativi cassetta raccolta reclami questionari di CS monitoraggio dei processi Indagini sistematiche di customer satisfaction cassetta reclami, questionari gradimento progetti e attività nel sito sono disponibili aree riservate per docenti e famiglie possibilità di contattare l istituto via , orario dedicato per le telefonate agli uffici aree dedicate a comunicazioni, segreteria, didattica sul sito, cassetta reclami Pagina 11 di 16

12 utilizzo dei risultati dei monitoraggi; tempestività e sistematicità nell informazione; accessibilità dell organizzazione (orari e modalità di comunicazione con gli uffici) sviluppare sempre di più la funzionalità del sito istituzionale PUNTEGGIO: 53, Innovare i processi coinvolgendo i cittadini/clienti accordi di rete tra scuole e associazioni la dirigenza è sensibile alle innovazioni e contribuisce ad assicurare la disponibilità delle risorse necessarie processi di alternanza scuola lavoro orientamento in ingresso, orientamento in uscita, passaggi mappatura dei processi per evidenziarne le relazioni maggiore condivisione delle informazioni condivisione della gestione dei processi sistematicità nei rapporti con i partner sperimentazione e- learning PUNTEGGIO: 48,75 Pagina 12 di 16

13 CRITERIO 6 - RISULTATI ORIENTATI AI DISCENTI/ALLE FAMIGLIE 6.1. I risultati della misurazione della soddisfazione dei discenti / delle famiglie CS genitori CS studenti monitoraggio esiti in uscita Prove di livello informazioni sull'andamento scolastico attività di accoglienza Progetto FIXO, adesione alla rete di scuole e associazioni per la Youth Guarantee Importanza da attribuire alle prove di livello interne e alle prove INVALSI Azione di comunicazione delle possibilità offerte dai progetti di placement adeguatezza attrezzature di supporto alla didattica programmare incontri periodici con i rappresentanti degli studenti e delle famiglie investimenti in attrezzature miglior organizzazione del personale ATA PUNTEGGIO: Gli indicatori di orientamento ai discenti / alle famiglie iscrizioni classi I richieste di passaggi CS studenti personale degli uffici con pluriennale anzianità di ruolo, basso livello di assenteismo negli uffici, gestione della comunicazione con costante impegno al miglioramento accessibilità uffici sito multilingue; prevedere una giornata a settimana di apertura ufficio didattica PUNTEGGIO: 65 Pagina 13 di 16

14 CRITERIO 7 - RISULTATI RELATIVI AL PERSONALE 7.1. I risultati della misurazione della soddisfazione del personale organigramma/funzionigramma Customer satisfaction orario di lavoro piano annuale di formazione contratto d Istituto rapporti del personale con il DS e il DSGA rapporti con i colleghi e iniziative formazione( docenti) ampliamento dell orario di apertura dell edificio scolastico Condizioni ambientali, comunicazione all'interno dell'istituto, definizione compiti lavoro ATA revisione organizzazione lavoro ATA implementazione sito PUNTEGGIO: Gli indicatori di risultato del personale rilevazione mensili assenze personale suddivise per tipologie domande di trasferimento dati corsi formazione incarichi di coordinamento di materie voti on line, degli scrutini aree riservate sito rapporti con gli alunni, iniziative per favorire la scelta della scuola, utilizzo laboratori e attrezzature tecnologiche distribuzione incarichi e responsabilità revisione funzionigramma PUNTEGGIO:50 Pagina 14 di 16

15 CRITERIO 8 - RISULTATI RELATIVI ALLA SOCIETA' 8.1. I risultati sociali percepiti dai portatori di interesse Progetto Lo sport a scuola eventi culturali rassegna teatrale sito scuola CS docenti, studenti, genitori, ATA Presentazione e rendicontazione progetti raccolta differenziata lampade esauste e toner, numerosi interventi di educazione alla salute e al benessere, numerosi interventi di cooperative di educatori curare i canali di comunicazione prolungamento orario di apertura della struttura scolastica, apertura al territorio per progetti culturali PUNTEGGIO: Gli indicatori della performance sociale dell organizzazione Processo Intercultura, progetti di internazionalizzazione procedure emergenza e di evacuazione illuminazione esterna temporizzata,spegnimento automatico PC, progetto adozione a distanza numero progetti di volontariato a cui l'istituto aderisce promuovere iniziative per l'integrazione delle diverse culture a scuola e sul territorio PUNTEGGIO: 46,25 Pagina 15 di 16

16 CRITERIO 9 - RISULTATI RELATIVI ALLE PERFORMANCE CHIAVE 9.1. I risultati esterni: output e outcome riferiti agli obiettivi risultati positivi delle visite ispettive, progetto Fixo attività di benchmarking e benchlearning Implementare i rapporti con altri istituti della stessa tipologia PUNTEGGIO: 67, I risultati interni rilevazioni annuali degli esiti degli studenti PEI, PDP,PSP certificazioni competenze obbligo istruzione rilevazioni Invalsi prove di livello partecipazione a gare di settore indagine di CS acquisto nuove apparecchiature informatiche e sistemi operativi di settore programma annuale verbali dei revisori dei conti personale degli uffici con pluriennale anzianità di ruolo basso livello di assenteismo negli uffici gestione della comunicazione con costante impegno al miglioramento monitorare il tasso di successo degli studenti in uscita predisporre iniziative di orientamento mirato, con adesione al progetto regionale/europeo Garanzia Giovani PUNTEGGIO: 70 Pagina 16 di 16

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11

Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10. II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 1 Indice I. INTRODUZIONE...5 II. IL MODELLO CAF & EDUCATION...10 II. I criteri relativi ai fattori abilitanti... 11 II.2 I criteri relativi ai risultati... 30 II.3 Sistemi di valutazione e di assegnazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO RELAZIONE FINALE AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTE: Maria Rosaria Sebastiani DATA: 12 giugno 2013 FIRMA Il presente progetto è stato rivolto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI LISTA DI DISTRIBUZIONE nome/funzione Dirigente

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli