COMUNE DI PULSANO (TA) SETTORE URBANISTICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PULSANO (TA) SETTORE URBANISTICA"

Transcript

1 COMUNE DI PULSANO (TA) SETTORE URBANISTICA INTERVENTO FORUM TURISMO ASSUNTO L attenzione e la corsa impetuosa verso il turismo che molti paesi in via di sviluppo hanno avviato da almeno 20 anni, è stata sollecitata dalla constatazione che il turismo è uno dei motori di riequilibrio dello sviluppo più potenti ed efficaci nel mondo ; tra le economie rilevanti, il turismo rappresenta una leva di sviluppo economico molto particolare, unica : il flusso monetario che viene trasferito non è un obbligo o un piacere da fare a favore della destinazione che si presceglie, ma è un piacere per se stessi. IL TERRITORIO DI RIFERIMENTO La costa ad est della città di Taranto, che denuncia una configurazione ben diversa da quella occidentale, nel corso dei suoi trenta km. di estensione lineare, è caratterizzata da profonde diversità geomorfologiche, con la presenza di paesaggi totalmente diversi. - La prima tratta, comprensiva dei territori comunali di Leporano ed in parte Pulsano, per la sua zona occidentale, si presenta a scogliera medio bassa con rientranze e sporgenze, con profonde insenature, per l intensa erosione marina delle rocce affioranti, con limitate tratte di costa sabbiosa alla radice delle insenature-porti. - Per la tratta da Pulsano, versante est, sino ad est di torre dell Ovo, la costa ha andamento rettilineo, con litorale sabbioso, interrotto da alcuni promontori rocciosi; all interno è compresa la tratta appartenente al territorio dell isola amministrativa del 1

2 Comune di Taranto, caratterizzata da un paesaggio a dune, che si sviluppano a notevole altezza ( 6,00-7,00 ), il cui sedime interessa sia il versante a sud che quello a nord della strada litoranea salentina, il cui tracciato si evidenzia come una profonda cicatrice del sistema dunale che, durante il periodo invernale, con frequentazioni di uomini e mezzi minima e venti frequenti, tende a riappropriarsi dello spazio sottrattogli. - L ultima tratta, sino al confine provinciale ad est, è caratterizzata da spiaggia sabbiosa, bordata verso l interno da una costa un po più alta arretratesi progressivamente sotto l azione del moto ondoso, che funziona da contenimento per il successivo cordone dunale, ricco di vegetazione costituita da un centinaio di specie di cui sono tipici il timo, il ginepro, il lentisco, la gramigna delle sabbie, il rosmarino. A nord, sono presenti siti a macchia mediterranea su terreno vegetale, non sabbioso, con specie ricorrenti quali il pero, il cisto, il mirto, il lentisco. Nel 2002 è stato istituito il Sistema delle Riserve Naturali Regionali Orientate del Litorale Tarantino Orientale nell ambito delle Aree Naturali Protette della Regione Puglia i cui elementi e nuclei principali sono costituiti dalle dune di Campomarino, ampie distese di sabbia con particolari configurazioni, ricoperte da rigogliosa e profumata macchia mediterranea; dal Fiume Chidro, il principale fiume del Salento, che ha le sue scaturigini in un ampio cratere subacqueo generato dalla forza erosiva delle acque che con impeto sgorgano dal sottosuolo; dalla Vecchia salina di Torre Colimena, specchio acqueo dall aspetto di ampio stagno, separato dal mare da una sottile linea di verdeggianti dune, che ha la particolarità di non possedere sorgenti sotterranee e che, in tempo passato, fu sede di produzione del sale, elemento principe dell alimentazione ed unico conservante per generi alimentari, prima della affermazione dei prodotti chimici, di tale attività sono conservati i ruderi delle strutture costituite dai vecchi magazzini del sale e da una torre di protezione interna; dalle Paludi del Conte. I tre nuclei costituiscono una vasta zona umida di richiamo e di nidificazione per l avifauna in uno con la rarissima tartaruga palustre europea che ha in questi siti uno dei suoi ultimi rifugi e le sue parenti marine, che depositano le uova sulla bianca spiaggia a sabbia finissima. Il descritto sistema delle Riserve Naturali è completato, a nord, dai Boschi Cuturi, con macchia mediterranea e maestose querce, ultimo lembo di quella che fu la grande foresta Oritana impostata dall imperatore Federico II di Svevia, oggetto di perimetrazione all interno sempre delle riserve naturali orientate della Regione Puglia. 2

3 Le dune di Campo Marino e di Torre Columena sono classificati quali Siti di Importanza Comunitaria. Sono state evidenziate le caratteristiche orografiche-paesaggistico-ambientali delle varie tratte di coste che costituiscono il sistema della costa, che all attualità presenta : - totale assenza di una politica ambientale di salvaguardia e di sviluppo del territorio, legato principalmente al comparto turistico; - totale assenza di darsene ed approdi turistici di supporto alla ricettività e di tutte le altre attività di interesse turistico. - totale assenza di spazi di aggregazione, attività culturali ed per il tempo libero, attività sportive, con particolare riguardo alla risorsa mare - notevoli carenze localizzative e funzionali delle aree previste per la balneazione; OBIETTIVI STRUTTIURALI Da tempo, a seguito di leggi Nazionali che si sono poste come obiettivo l utilizzo della costa a fini turistici, la Regione ha in atto la redazione, con il competente assessorato allo sviluppo del territorio, di un Piano Regionale di Utilizzo delle Aree Costiere e, con l assessorato al turismo, affronta le problematiche specifiche della portualità turistica al fine dello sviluppo del turismo nautico e da diporto. I Comuni, nelle more dell attuazione dei piani-programmi a livello regionale, avanzano proposte di Piano delle Spiagge, da intendersi quali contributi alle problematiche complessive oggetto di studio da parte dei competenti Organi Regionali. Nell affrontare le politiche di riqualificazione e di sviluppo del settore turistico legato alla risorsa mare, occorre innanzi tutto affrontare il problema in termini di sistema esteso a tutto il litorale jonico tarantino orientale, con l individuazione di un insieme di strutture tra di loro complementari e differenziate con il risultato finale di offrire all utente un ampia gamma di scelte differenziate. All uopo : - curare il collegamento via terra, ai fini di una integrazione ed un coinvolgimento delle risorse ambientali-rurali-ricettive-servizi presenti nelle aree interne, ed attualmente escluse dai vantaggi sociali ed economici prodotti dal comparto turistico; - curare il collegamento via mare tra i poli primari di attività legate al turismo marino; 3

4 - prevedere parchi acquatici, parchi di divertimento, parchi a tema di livello sopraterritoriale, funzionalmente collegati alle reti previste in precedenza; - prevedere, in linea con le direttive dell assessorato al turismo regionale, uno o più porti turistici, al fine di colmare il deficit all oggi evidente di tali strutture, presenti con una sola unità asll estremo est ( campo marino ), a fronte della rete riscontrabile nel contiguo litorale leccese; - prevedere aree ed adeguate strutture per lo sviluppo della piccola pesca e della pesca turismo costiera di cui al D.M. 14/9/1999, localizzandole, preferenzialmente, in siti che nel passato erano caratterizzati da tale attività ( Torre Colimena, Torre Ovo, Baia di Luogovivo ) - dotare, compatibilmente con le caratteristiche orografiche ed ambientali della costa, punti di alaggio, dotati delle strutture per l ammaraggio per lo sviluppo e la pratica della barca meco - dotare la costa di un sistema di stabilimenti balneari, di spiagge attrezzate e di spiagge libere; - dotare le zone costiere che presentano emergenze subacque marine ed archeologiche di strutture collettive ed individuali per la perlustrazione dei fondali, con la presenza di personale specializzato nelle tecniche e nell illustrazione delle emergenze; - dotare tutte le strutture di adeguati spazi a parcheggio, al fine di ridurre la pressione di mezzi privati sulla strada litoranea, che possano anche funzionare quali aree di scambio tra mezzo privato e mezzo pubblico per raggiungere la meta ; - dotare la viabilità di accesso-penetrazione-distribuzione di spazi per pedoni, ciclisti, con percorsi in sede propria e completati da strutture di servizio - dotare il sistema litoranea di idonea segnaletica personalizzata e differenziatas a seconda della meta, del percorso, dell emergenza, del servizio, etc..indicato. Il SISTEMA PRODUTTIVO - TURISMO La presente analisi, ha affrontato le problematiche connesse allo sviluppo compatibile del comparto turistico per quanto attiene le aree rurali, le coste; problematiche affrontate in termini di sistema che prevede le interconnessioni con gli altri sistemi 4

5 costituenti la realtà territoriale; in questa sezione si affrontano sempre le problematiche complessive, con particolare riguardo al settore della residenzialità alberghiera ed extra-alberghiera. La struttura del comparto-distretto produttivo turistico del versante orientale della Provincia di Taranto, come già evidenziato in precedenza, presenta notevoli deficienze strutturali imputabili a : 1. difficoltà di accesso dovute a collegamenti inadeguati con la mobilità a livello territoriale interessante i possibili fruitori provenienti dall esterno della regione, dalla regione, dalla provincia e province contermini; l assenza di sistemi alternativi al trasporto su gomma ( aria-ferro-mare ), che si traduce in sofferenza per il traffico viaggiatori e merci; 2. insufficiente infrastrutturazione territoriale per quanto attiene la mobilità di penetrazione e distribuzione alle aree interessate e la dotazione di infrastrutture a rete per il ciclo delle acque, distribuzione elettrica e pubblica illuminazione, ciclo dei rifiuti; 3. insufficiente politica ambientale globale che necessita un deciso cambiamento di rotta che si ponga come obiettivi prioritari : per il pregresso, la riqualificazione e riabilitazione dell esistente, prodotto di logiche caratterizzate dalla convinzione dell inesauribilità delle risorse e dell asservimento-consumo dell ambiente da parte dei vari attori partecipanti al processo di sviluppo e trasformazione; per il futuro, l attivazione di programmi e progetti compatibili e sostenibili, caratterizzati da corretto inquadramento-inserimento territoriale e con la previsione di strutture atte a mitigare-minimizzare gli impatti prodotti; 4. inesistenza di un sistema locale territoriale, in alternativa alle imprese ed alle reti di impresa, e di un sistema locale di offerta turistica, inteso come nuova forma di aggregazione territoriale potenzialmente capace di coagulare ed irrobustire le vocazioni, le attrattive, le dotazioni ed i servizi turistici insediati in una determinata area, sulla base di unioni e/o associazioni tra attori privati e pubblici ; di uno spazio in grado di proporre al visitatore un offerta articolata ed integrata, realizzando un sistema di ospitalità turistica specifica e distintiva che valorizza le risorse e la cultura locale secondo l approccio della Total Leisure Experience ( T.L.E. ) : una accomodation territoriale in grado di soddisfare motivazione di un attrattiva di base ( cultura, natura, mare, beni monumentali ed 5

6 archeologici, ambiente rurale, ambienti urbani, etc..) ed un appagamento complessivo nell uso del proprio tempo libero ( ricettività, strutture per il tempo libero, enogastronomia, artigianato, prodotti tipici ed altro ) 5. inesistenza di una rete completa di strutture ricettive alberghiere, strutture ricettive all aria aperta, ostelli della gioventù, residenze turistiche, case ed appartamenti per vacanze, case per ferie, esercizi di affittacamere, con standards qualitativi e tecnici in linea con quelli offerti dal mondo delle realtà antagoniste; 6. inadeguatezza-insufficienza di strutture turistiche complementari a quelle ricettive e di completamento dello spazio turistico costituite prevalentemente da stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, darsene ed approdi turistici, servizi sportivi, parchi ricreativi, etc 7. assenza di una efficace valorizzazione turistica delle attrattive culturali ed ambientali da intendersi come una ordinata interazione tra le emergenze culturali ed ambientali che il territorio offre ed i servizi che le rendono fruibili per accessibilità, accoglienza, informativa. 8. assenza di una corretta politica di eventi programmati da realtà territoriali localicomunali e sovracomunali con il risultato di scarso effetto e parziale partecipazione ( coincidenza di date, ripetività, organizzazione deficitaria, etc..) 9. assenza di una politica di eventi straordinari di area con ripercussioni a livello nazionale ed internazionale, anche con la valorizzazione corale di avvenimenti che, attualmente, si sviluppano a livello locale, con scarse ricadute ( ad esempio Premio Satirion, da inserire in un più ampio scenario che veda interessati i parchi archeologici, i luoghi museali, le biblioteche, monumenti e siti archeologici presenti nell area ) 10. scarsa valorizzazione prodotti tipici ed artigianato, necessità di incoraggiare emulazione tra produttori di area e di sito con l offrire occasioni di ristorazione, celebrazione, convivialità e festa soprattutto con prodotti trainanti di area ; esaltazione delle cosiddette vie : vino, olio, prodotti freschi, prodotti dell economia pastorale, etc ) il tutto con : calendarizzazione coordinata; coordinamento di area; innovazione creativa delle proposte ; verifica dei flussi; co-marketing con forme di sponsorizzazione locale 6

7 Per quanto attiene la ricettività gli obiettivi sono i seguenti : 1. alla realizzazione di un sistema che veda coinvolte le seconde case che già all attualità, con scarsa qualificazione, e negativa ripercussione sull immagine del territorio, svolgono funzione ricettiva limitata all offerta di un tetto e di un certo n di posti letto, in totale assenza di offer ta di servizi complementari, di partecipazione del turista alle opportunità offerte dal territorio e dai territori contermini. La organizzazione del servizio comporterebbe la possibilità di sviluppo di un settore che potrebbe vedere impegnati per tutto l arco dell anno agenzie immobiliari, giovani locali, artigiani, giardinieri, guide turistiche, etc. 2. realizzazione di un sistema di borgo albergo e di bed & brekfast da localizzare preferibilmente nei centri storici minori, offrendo al turista un ambiente che si avvale delle tradizioni locali, delle feste religiose, di avvenimenti civici, della opportunità offerte dall artigianato e produzioni locali, come valore aggiunto alla vacanza al mare; offrendo ai locali la possibilità di reddito aggiuntivo e di sviluppo sociale. 3. realizzazione di alberghi dimora storica-residenza d epoca interessanti complessi di particolare valore storico-ambientale, dotati di arredi e strutture atte ad ospitare utenza particolarmente qualificata 4. realizzazione di centro benessere con impianti e servizi di tipo specialistico del soggiorno, finalizzato a cicli di trattamento terapeutico, dietetico,estetico o relax 5. realizzazione di centro congresso dotato di strutture ricettive e complementari per la celebrazione di eventi 6. riqualificazione funzionale delle strutture esistenti, ivi compresa l opportunità di ampliamenti da effettuarsi anche con tipologia a nuclei indipendenti ma organici alla struttura di riferimento, da normarsi con puntualità all interno dei regolamenti edilizi comunali. ELEMENTI STORICI: LE TORRI COSTIERE Disseminate le torri lungo il litorale jonico per avvistare le incursioni dei nemici Saraceni e Turchi, innalzate intorno al 1500 rappresentano dei veri gioielli di edilizia militare. Esse si differenziano per dimensioni a cui corrispondeva una funzione specifica : torri imponenti per la difesa di punti strategici armare di archibugiere e caditoie, oltre ad artiglieria pesante ( torre Colimena ); torri di dimensioni più modeste, minori, che 7

8 servivano solo da avvistamento, armate con archibugi e caditoie ( torre Saturo, Castelluccia, Zozzoli, Ovo, delle Moline, Borraco, S. Pietro, Saline ). Originariamente a due piani fuori terra, con il piano terra inaccessibile dall esterno, adibito a deposito e cisterna, ed il piano superiore raggiungibile con una scala esterna, il più delle volte ad una tesa a doppio invito; il piano terrazzo, con intorno un coronamento apprestato a difesa, con falconare, archibugiere a feritoia e caditoie, strategicamente disposte atte ad impedire la scalata o l abbattimento della porta. Nel corso dei secoli la quasi totalità delle torri ha subito interventi, anche di tipo strutturale, con l aggiunta di ambienti ad uno o due piani fuori terra e la realizzazione di un piano superiore, destinato ad avvistamento ed a sede operativa di artiglieria pesante. Dell originario sistema sono scomparse torre Canneto, insistente tra torre Ovo e torre Zozzoli, e torre Rossa, tra torre Zozzoli e torre Castelluccia. I promontori su cui sorgono le torri, e gli specchi acquei contigui, sono ricchi di reperti - testimonianza di antiche civiltà; in alcuni casi, resti di precedenti postazioni per cavallari che, percorrendo il litorale, svolgevano funzione di sentinella che comunicavano all interno imminenti pericoli. Le Torri sulle quali intervenire sono le seguenti: TORRE COLIMENA, territorio di Manduria TORRE SALINE, territorio di Manduria TORRE SAN PIETRO, territorio di Manduria TORRE BORACO, territorio di Manduria TORRE DELLE MOLINE, territorio di Maruggio TORRE DEL MONTE DELL OVO territorio di Maruggio TORRE ZOZZOLI- nota come TORRE SGARRATA territorio di Taranto Torre CASTELLUCCIA territorio di Pulsano Torre SATURO, territorio di Leporano OBIETTIVI Le torri, nella quasi totalità in completo abbandono e fatiscenti, ai fini della loro salvaguardia, necessitano di interventi di presidio statico e di manutenzione finalizzata a scongiurare il pericolo di ulteriori crolli e distruzioni. Nelle more dell attuazione di progetti organici di riqualificazione ed idonea destinazione funzionale, relazionata alle caratteristiche filologiche di questi monumenti, 8

9 espressione di raffinata architettura militare, Il sistema delle torri di guardia costiere, considerata anche l amenità dei siti di pertinenza e la loro facile accessibilità, può costituire un percorso turistico da svilupparsi anche con motonavi-battelli - barconi - barche da diporto, da ancorarsi al largo, con sbarco a mezzo di vettori di dimensioni più piccole, attrezzati con il fondo trasparente o con mezzi idonei ad apprezzare i fondali e l archeologia subacquea, e successivi percorsi pedonali e/o ciclabili, in quanto i siti di sbarco sono integrati e contigui ad emergenze archeologico-ambientali e rurali di notevole interesse, oltre a strutture per la balneazione, il tempo libero e la ristorazione ( in essere o da realizzarsi ). GLI INSEDIAMENTI TURISTICO-RESIDENZIALI Come riportato in precedenza, sino a tutti gli anni 50, prevalentemente raggiungibili con viabilità proveniente dall interno, erano presenti sulla costa sparuti nuclei residenziali, abitati per lo più da addetti alla pesca ed all agricoltura ( in territorio di Manduria San Pietro in Bevagna e Torre Columena; in territorio di Maruggio Campo Marino; nel territorio all attualità di Torricella Librari-Torre dell Ovo; in territorio di Pulsano-Leporano in prossimità della Baia di Luogovivo ). L entrata in esercizio della litoranea salentina, e la conseguente veloce raggiungibilità dei luoghi, diede la stura al fenomeno della seconda casa, localizzata, in notevole percentuale, in aree aventi destinazione d uso di tipo agricolo e sensibili dal punto di vista paesaggistico ambientale. Nuclei, quindi, sorti abusivamente, sanati nella loro globalità dalle leggi di condono permissive ed omnicomprensive, che si sono succedute a partire dal 1985, e completati dalle previsioni di aree di completamento e di espansione previste dagli strumenti urbanistici adottati ed approvati negli anni Per quanto sopra, quella che era stata prevista come strada paesaggistica, di fatto in moltissime tratte svolge la funzione di attraversamento di nuclei abitati, che si distribuiscono sia a sud che a nord del suo tracciato, interessato, inoltre, da strade a pettine di distribuzione alle residenze. Nelle tratte non interessate da gemmazioni residenziali continui, la circostante campagna è punteggiata da case sparse ed a piccoli nuclei che depauperano il paesaggio rurale, di notevole valore paesaggistico-ambientale. OBIETTIVI 9

10 Le gemmazioni residenziali insistenti sulle aree litoranee necessitano : - di opere di minimizzazione e mitigazione ambientale, a mezzo di aree di rispetto e corridoi ecologici, che costituiscano connettivo con l immediato intorno e svolgano in uno azione di inserimento; - all interno ed ai margini di tali aree, individuazione di strutture complementari alla residenza e funzionali all elevazione qualitativa dell ambiente turistico, che, in funzione della localizzazione e della prevedibile consistenza superficiaria e volumetrica, svolgano ruolo a livello di vicinato e/o territoriale; - adeguamento-riqualificazione delle strutture viarie di penetrazione e distribuzione ai nuclei residenziali con la dotazione di idonee aree attrezzate per il parcheggio e la sosta e, là ove possibile, inserimento di piste ciclabili e pedonali, comprese in un disegno complessivo di mobilità alternativa, finalizzata a a collegare i poli residenziali tra di loro e con i centri urbani consolidati, i poli residenziali con aree a servizi e di interesse storico-culturale - realizzazione-completamento degli impianti a rete ( acqua, fogna, distribuzione elettrica, pubblica illuminazione, etc..) LE MASSERIE- BENI AMBIENTALI La cultura urbanistica ha sempre considerato il terreno agricolo, Verde Agricolo, quale il territorio non interessato da previsioni di infrastrutture lineari e di aree per impianti tecnologici di interesse generale, non interessato da previsioni di zone omogenee destinate ad attività residenziali, artigianali, produttive e servizi di cui al D.M. 1444/68 : l insieme, quindi, del territorio non urbanizzato o non urbanizzabile, su cui, quasi indifferentemente, venivano consentite attività legate all attività produttiva agricola, ad attività di trasformazione prodotti agricoli, alla zootecnia, etc L ampio territorio che si sviluppa da sud, in contiguità del tracciato della litoranea salentina, in direzione nord ed interessante i paesi di pianura, sarà trattato, dal punto di vista agricolo- produttivo, nel prosieguo; in questa fase della relazione, ci si soffermerà sulle caratteristiche paesaggistico-ambientali-strutturali che rendono l insieme un area, nella sua globalità, appetibile ai fini di uno sviluppo turistico sostenibile, compatibile con le trasformazioni ed attività agricolo-pastorali, potenzialmente in grado di produrre un reddito aggiuntivo e differenziato rispetto a quello squisitamente agricolo. 10

11 La zona rurale in oggetto è caratterizzata da viabilità di attraversamento e di collegamento che si sviluppa in direzione est-ovest ( che collega i paesi di pianura tra di loro e con quelli contigui all interno ed all esterno del territorio provinciale ) ed in direzione nord-sud ( collegamento con la costa con particolare riferimento alle zone in cui sono presenti aree e strutture turistiche e servizi per la balneazione ) Innestate sulla precedentemente descritta armatura principale, una fitta rete di strade che si adagiano sulla terra, senza alterarne il manto ondulante, acclivi e declivi, ignare del livellamento artefatto, si sviluppano sinuose, si curvano inutilmente, mai monotone, chiuse sui due lati da muri a secco, con pietre ben giustapposte con, sopra, una specie di cappello con pietre più grosse, aggettante, di spessore rigorosamente costante; strade in più punti fiancheggiate da rustici agricoli, ad uso deposito, lavorazione del latte, rifugio per i contadini, e caratterizzate da bianche colonne in tufo che sottolineano l accesso alle masserie, i cui massicci volumi si intravedono fra le folte chiome degli ulivi, e da edicole votive che sottolineano alcuni degli innumerevoli incroci, costituenti deviazioni e/o direzioni improvvise. L esattezza e la perizia riscontrata nella costruzione dei muri, si dilaga al di là degli stessi, nelle contigue aree coltivate a vite : talvolta a pergole basse, con i rami e le foglie disposte con logica matematica ; altre volte come alberelli fioriti su una perfetta trama di paletti e di fili ; altre ancora a tendone, a formare un cielo verde continuo sotto il quale spiccano grappoli dorati ; sempre, disposte le viti con una esattezza tale che è difficile credere che, il tutto, sia opera delle mani che non hanno per guida se non l occhio e le braccia; l impianto della vite, lungo il percorso, varia impercettibilmente da luogo a luogo : la variazione di orientamento fa sì che il sole possa elargire i suoi doni di calore sempre al massimo delle potenzialità ed i venti alitare in modo da incidere sul rendimento, qualità e varietà del prodotto. Aree coltivate a vite che sembrano illimitate, tanta è la loro estensione ; dove la vite scompare, corrono lungo i terreni, si spezzano senza un plausibile perché, si incontrano e si scontrano, i muri a secco, e formano maglie che irretiscono le terra come se la imprigionassero, a formare le piantate : la terra è tutta una fioritura di pietre, a volte frequentata da greggi, dal vello del colore dei sassi, che si nutrono brucando sotto l occhio vigile del pastore e dei suoi cani che non sono lì, in mezzo al gregge, ma sul ciglio della strada, quella strada che non è un anonima cicatrice che esiste soltanto per il suo inizio e fine, ma costituisce servizio per il pastore, il gregge, la terra petrosa che riveste ancora una funzione vitale. 11

12 E proseguendo, la strada viene fiancheggiata da alberi alti e frondosi, spesso potati ed ordinati come se la strada fosse il viale di un parco : compaiono gli ulivi, con tronchi massicci e tormentati, con la chioma potata con il vuoto al centro, per accogliere il sole, e la sommità rasa rigorosamente in orizzontale; disposti a volte a bosco, sembrano cresciuti liberamente, alti ma sempre disuguali, altre volte ordinati e disciplinati, in filari perfettamente disposti e squadrati tra di loro. E, in successione, ampi appezzamenti a seminativo sempre contornati e definiti da tortuosi muretti di pietrame calcareo a secco. Architetture in pietra a vista ( trulli ), iazzi, parallelepipedi in tufo, strutture tradizionali per l irrigazione, orti di produzione e familiari, alberi di mandorle in gruppo e/o a filare, ficheti completano questo ambiente, classico esempio di giardino mediterraneo diffuso. A sud-est, in territorio di Manduria-Avetrana-Maruggio, ampie zone, estese centinaia di ettari, costituenti alture che sovrastano la zona litoranea, si ritrova la testimonianza degli ultimi lembi della grande foresta Oritana, cara all imperatore Federico II di Svevia, dove crescono maestose querce e la macchia foresta di leccio che, un tempo, si spingevano sino al mare, come sembrano testimoniare alcune presenze isolate di leccio di evidente significato relittuale. Numerose sono le masserie, disposte a sciame sul territorio, sorte con funzione difensiva, e per questo strategicamente localizzate quali sentinelle del territorio in genere e delle ampie aree di pertinenza in particolare; concentrato di ricchezza, sia in termine di materie prime che in termini di animali, che infine di denaro liquido necessario a pagare i salariati, le rendevano inevitabilmente esposte, prede ambite all attacco dei briganti ed alle scorrerie saracene e piratesche. Costruite intorno al XVI secolo con elemento generatore una torre a base quadrata, di forma tronco piramidale, ad un solo piano ed una sola entrata protetta da caditoia, successivamente sono divenute a corte, adibite prevalentemente a cerealicoltura ed all allevamento del bestiame ovino e caprino, arricchendosi di vani per ricovero, lavorazione del latte, deposito ed abitazione dei coloni. Schema strutturale prevalente è costituito da portale di ingresso che immette nella corte attorno alla quale si dispongono i ricoveri per il bestiame, eventuali depositi per attrezzature; addossato ad un lato della cinta muraria, il corpo di fabbrica principale, di solito a due piani, che contiene la dimora del massaro, magazzini ( a volta ubicati ad un piano intermedio tra terra e primo ) e le stalle. In alcuni casi, locali per la produzione e 12

13 la conservazione dei formaggi. All esterno della corte, torri colombarie, alveari, pollai, etc. Durante il XVIII secolo, con l espansione del latifondismo, furono realizzate tipologie di masserie somiglianti a palazzotti signorili-castelli, che hanno conseguito il loro massimo splendore dagli inizi del XIX agli inizi del XX secolo con aggiunta di vani adibiti a trappeti e palmenti. L organico ambiente costituito da strade comunali, vicinali, rurali definite da preziose architetture in pietra costituite dai muretti a secco ed in alcune tratte sottolineate da strutture rurali ed intersecate da tratturi che raggiungono masserie, rustici, impianti della antica operosità contadina e contigue a siti archeologici, testimonianza della continuità di vita che ha interessato questo immenso, per conformazione oltre che per dimensioni, territorio rurale, è stato vivo e vitale sino a tutto il XIX secolo ed alla metà del XX secolo, integro nella sua sostanza, e solo in una minima parte della superficie interessato a sfruttamento agricolo improprio, avendo investito l agricoltura sistemi dunali, aree a macchia, e boschive, ed interessato ambiti contigui a zone di elevata valenza paesaggistico-ambientale. Dalla metà degli anni 50 e sino a gran parte degli anni 80, del secolo scorso, si è assistito : - al proliferare dei terreni abbandonati, incolti; - all abbandono degli insediamenti agricoli, dei fabbricati rurali, delle strutture complementari e delle emergenze architettonico-ambientali nonché alla distruzione di antiche testimonianze della economia agricolo-pastorale, rurale tradizionale. Solo nel 2003, con legge dello Stato ( n 37 8 del 24/12 ), le diverse tipologie di architettura rurale, realizzate tra il XIII ed il XIX secolo, su proposta delle Regioni interessate, sono individuate con Decreto del Ministero per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministero delle politiche agricole e forestali, dell ambiente e della tutela del territorio ; lo stesso Decreto definisce altresì i criteri tecnico-scientifici per la realizzazione degli interventi necessari per la conservazione degli elementi tradizionali e delle caratteristiche storichearchitettoniche-ambientali degli insediamenti, alla tutela delle aree circostanti, dei tipi e metodi di coltivazioni tradizionali, all insediamento di attività compatibili 13

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Le ville di Parco Lauro a Rossano Legenda iconografica

Le ville di Parco Lauro a Rossano Legenda iconografica Le ville di Parco Lauro a Rossano Legenda iconografica Lottizzazione e rilievo del verde (storiografia) Schizzi preliminari di studio Tavola a studio del piano terra Tavola b studio del primo piano Tavola

Dettagli

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT 1 TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO (ORGANIZZAZIONE MONDIALE DEL TURISMO) stima nel 2010 900 miliardi di dollari da turismo internazionale 1 miliardo di arrivi internazionali 225 milioni

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Cascina Peltraio nel cuore della Brianza! Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Il complesso è costituito da Terreni e fabbricati attualmente di proprietà di un privato utilizzato come residenza.

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO PRIVATI 15.2.2.5 AZIENDA AGRICOLA PIUMETTO

SCHEDA INTERVENTO PRIVATI 15.2.2.5 AZIENDA AGRICOLA PIUMETTO SCHEDA INTERVENTO PRIVATI 15.2.2.5 AZIENDA AGRICOLA PIUMETTO AREA AGRONATURALE DELLA DORA RIPARIA: Completamento recupero funzionale Cascina Sforzata di Collegno a) QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova La rete ciclabile provinciale: programmi e progetti arch. Annarosa Rizzo Sicurezza Stradale e Mobilità Sostenibile provincia di mantova Perché la provincia di mantova si è impegnata per costruire una rete

Dettagli

L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA

L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA LA MICRORICETTIVITÀ A LIVELLO TERRITORIALE Arezzo 14 Novembre 2009 L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA Maurizio Antonazzo (GAL Capo S. Maria di Leuca) SPECCHIA (LECCE) L Albergo Diffuso di Specchia è un insieme

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15%

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Le strutture agrituristiche la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Finalità dell agriturismo Legge 5.12.1985 n.730 Disciplina dell agriturismo Sostegno all agricoltura

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

proposta di legge n. 300

proposta di legge n. 300 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 300 a iniziativa dei Consiglieri CASTELLI, MASSI, ROMAGNOLI, CAPPONI, D ANNA, BUGARO, SORDONI, MINARDI, PISTARELLI, CIRIACI, TIBERI, D ISIDORO,

Dettagli

Scheda norma. 06. Fattibilità geologica e idraulica. 01. Obiettivi

Scheda norma. 06. Fattibilità geologica e idraulica. 01. Obiettivi ACT 13 Ville Sbertoli. Scheda norma 01. Obiettivi a)tutela e valorizzazione del luogo attraverso il recupero degli edifici di valore storico architettonico e del parco, inseriti in un contesto paesaggistico

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO E SCELTE STRATEGICHE: 2 3 4 2 5 1 5 4 7 7 6 6 8 1) INTERVENTO SU AREA SPORTIVA - CREAZIONE DI NUOVO GIARDINO, PARCHEGGIO E LOCALI DI SERVIZIO PER LE MANIFESTAZIONI SVOLTE IN PROSSIMITA DELLA ROCCA NUOVA

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

IL BILANCIO DI MANDATO

IL BILANCIO DI MANDATO IL BILANCIO DI MANDATO 19 20 3. LINEE GUIDA PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI MANDATO Il mandato 2004-2009, si è aperto nel segno della continuità per la realizzazione di opere importanti che erano state individuate

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO:

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: 1. BAIA ZAVALA, isola di Hvar La baia Zavala è situata nel golfo di Stari Grad, una delle baie più belle e protette dell isola di Hvar. Nel piano regolatore l area della baia

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

Ministero dell'interno

Ministero dell'interno Ministero dell'interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco Sicilia Dott. Ing. Emilio OCCHIUZZI Dirigente Generale Direttore

Dettagli

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998)

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998) COMUNE DI NAPOLI Carta dei Parchi Urbani della Città di Napoli (Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI PER IL PUG

STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI PER IL PUG DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA EDILITA DIRIGENTE Arch. Silvio RUFOLO STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 E POSTO AUTO SCOPERTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int.1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore

Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione. Lezioni d'autore Le città in Europa nel secolo dell industrializzazione Lezioni d'autore Il processo di urbanizzazione Dal XIX secolo, in Europa poi negli USA e, nel corso del Novecento, nel resto del mondo, la popolazione

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli