QUALI FAMIGLIE? PER UN APERTURA VERSO LE DIVERSE MODALITà DI FAMIGLIA. FAMILIARMENTE IN PRATICA INTERVISTA a SIVANA OSTINI REFERENTE AFFIDO FAMILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALI FAMIGLIE? PER UN APERTURA VERSO LE DIVERSE MODALITà DI FAMIGLIA. FAMILIARMENTE IN PRATICA INTERVISTA a SIVANA OSTINI REFERENTE AFFIDO FAMILIARE"

Transcript

1 dicembre 2013 n. 05 QUALI FAMIGLIE? PER UN APERTURA VERSO LE DIVERSE MODALITà DI FAMIGLIA FAMILIARMENTE IN PRATICA INTERVISTA a SIVANA OSTINI REFERENTE AFFIDO FAMILIARE FAMIGLIA E FAMIGLIE NONNI, GENITORI E FIGLI IN RETE APPUNTAMENTI & EVENTI LE COSTELLAZIONI FAMILIARI: iscrizioni corso base

2 03 editoriale Quali famiglie? di Antonio Restori familiarmenteinpratica Le profonde risorse di cui le famiglie sono capaci. Intervista a Silvana Ostini referente affido familiare. di Alida Cappelletti e Alessia Ravasini famiglia&istituzioni L esperienza dell affido: due famiglie raccontano di Clara Foglia ed E.C famiglia&istituzioni Incontro la famiglia nel percorso pre adottivo di Fabio Sbattella famiglia&istituzioni Dove si incontra con gli amici mio figlio? di Gianfranco Bruschi famiglia&cultura Sono figlio di immigrati ma sono nato in italia di Marcella Gussoni famiglia&benessere Le cose cambiano tra i miei genitori: come posso sentirmi? di Monica Premoli famiglia&benessere Straniero a casa mia di Francesca Martino famiglia&famiglie Grazie Nonni di Antonella Cortese famiglia&famiglie Il gruppo dei genitori ci ha accompagnato fin qui di Alida Cappelletti e Rossana Baccarini Periodico Quadrimestrale Anno 2013 Registrazione del Tribunale di Parma con autorizzazione n. 6 del 21 aprile 2011 Proprietario: Associazione Coinetica Direttore responsabile: Elisa Chittò Direttore editoriale: Alida Cappelletti Comitato Scientifico: Antonio Restori, Alessia Ravasini, Valentina Nucera,Monica Premoli, Gianfranco Bruschi Staff redazionale: Gianfranco Bruschi, Alida Cappelletti, Elisa Chittò, Antonella Cortese, Francesa Martino, Valentina Nucera, Monica Premoli, Alessia Ravasini Hanno collaborato: Rossana Baccarini, Clara Foglia, Evelina Ceccato,Francesca Donati, Francesca Moretti, Silvana Ostini, Fabio Sbattella Si ringraziano per la collaborazione Il centro per le famiglie di Parma, Il Servizio sociale Provincia Parma, Forum Solidarietà. Progetto Grafico e Stampa: Edicta Con il Patrocinio della Provincia di Parma 2 familiarmentelibri-film Una piccola impresa meridionale di Antonella Cortese si consiglia il libro Il linguaggio segreto dei fiori familiarmenteappuntamenti&eventi Le costellazioni familiari - Dott. Attilio Piazza SE DESIDERATE ESPRIMERE UN VOSTRO PARERE IN MERITO ALLA RIVISTA, CONTATTATECI AL SEGUENTE INDIRIZZO la redazione

3 editoriale di Antonio Restori QUALI FAMIGLIE? I temi affrontati nei primi quattro numeri di Familiarmente verranno ripresi a partire da questo, il numero cinque, ripartendo dalla domanda quali famiglie? Ricordiamo che Familiamente NON è una rivista SULLE famiglie, ma DELLE famiglie, scritta PER le famiglie. E di quali famiglie parliamo? Di tutte quelle esperienze di convivenza legate da vincoli affettivi ed economici, anche non necessariamente sancite dall istituto giuridico del matrimonio, e che si caratterizzano da un profondo legame di appartenenza, reciprocità, vicinanza, anche se non sempre facile da gestire. Non è dunque solo la classica immagine di famiglia che abbiamo in mente, quella dove tutto è sempre al suo posto, con la mamma ai fornelli, il papà giacca e cravatta che si legge il giornale, e i bimbi che giocano serenamente, o che escono con i nonni a prendere il gelato. Ma è la famiglia reale, la nostra famiglia, quella di cui vogliamo parlare, che affronta i cambiamenti con timore, con speranza, che sogna, che parte, che torna, che si perde, ma che tenta sempre un modo per ridefinirsi in nuove forme, disseminandosi, cercando di non dissolversi, cercando di mantenere la propria dignità di esistenza di fronte alle sfide della vita dei nostri tempi. Probabilmente dovremmo disporre di un numero infinito di edizioni di Familiarmente per poter condividere la moltitudine di differenti modalità con cui una famiglia può manifestarsi. Abbiamo da poco iniziato questo percorso fatto di racconti, storie, esperienze, e le risposte dei nostri lettori, i commenti alle letture, ci incoraggiano a continuare questa esperienza editoriale. Continueremo quindi ad usare sempre un linguaggio non tecnico, il più possibile comprensibile, affinché la rivista possa essere veramente percepita come famigliare e alla portata di tutti. Per facilitare il dialogo con i lettori abbiamo pensato di inserire una rubrica aperta al confronto con i temi che trattiamo. Affiancheremo alle letture alcune informazioni su iniziative che le associazioni di volontariato e gli enti pubblici hanno in programma di realizzare sul territorio parmense. Una buona lettura 3

4 familiarmenteinpratica Le profonde risorse di cui le famiglie sono capaci di ALIDA CAPPELLETTI e alessia ravasini Intervista alla referente dell affido familiare del Centro per le Famiglie di Parma Silvana Ostini Noi operatori sogniamo una città dove non ci sia la necessità di fare affido. Immaginiamo una città accogliente dove ognuno si accorge delle difficoltà dell altro, del proprio vicino di casa, dove sia naturale chiedere e dare aiuto senza la mediazione dei servizi. 4 N oi della redazione di Familiarmente pensiamo alla famiglia al di fuori degli stereotipi comuni, quindi con diverse forme e diverse esperienze e che, nel tempo, può cambiare e trasformarsi nella sua definizione. Anche l esperienza dell affido ci pare esca dagli stereotipi comuni secondo i quali la famiglia debba essere costituita da mamma papà e figli loro. Ci piacerebbe in questo numero che riparte dalla domanda Quali Famiglie? raccontare esperienze di grande valore umano, di profonde risorse di cui le famiglie sono capaci. Ci presenterebbe in breve qual è il suo ruolo all interno del centro per le famiglie e dell area affido di cui vi occupate Il Centro per le Famiglia di Parma è, e vuole essere, un luogo per e delle famiglie intese nella loro complessità e multi varietà. È un luogo che vede le famiglie con delle preziose risorse interne anche quando stanno attraversando momenti complessi e passaggi critici ma soprattutto che considera le famiglie come risorse per la comunità. Per questo le attività e i servizi presenti nel nostro Centro si approcciano alla famiglia considerandola portatrice di opportunità e di cambiamento. Io personalmente mi occupo, con un gruppo di colleghi, dell affido famigliare e di tutte le attività ad esso connesse. Accolgo le persone interessate a comprendere meglio questa esperienza. Mi occupo di formazione e sostegno alle famiglie affidatarie, della promozione dell affido e dell accoglienza, lavoro con i colleghi nella fase di abbinamento e nel sostegno all affido. Che cos è l affido familiare? L affido familiare è, per le sue caratteristiche, uno degli interventi che meglio rappresenta lo spirito sopra descritto. Ci troviamo di fronte a una famiglia che apre le porte della sua casa ad un bambino e alla sua storia e che, contrariamente all adozione, non ha bisogno di rispondere ad uno schema rigido (la legge parlando di affido dice: il minore temporaneamente privo di ambiente famigliare idoneo,...è affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l educazione e le relazioni affettive di cui ha bisogno. ) diventando risorsa per un bambino e per la sua famiglia momentaneamente in difficoltà. Qual è il ruolo della famiglia che si avvicina all affido? Essere disponibili per l affido famigliare è immaginarsi di poter essere per un bambino una famiglia in più che lo affianca e lo accompagna per un pezzo della sua vita.

5 familiarmenteinpratica Per fare affido non occorre essere famiglie o persone speciali. Occorre disponibilità all accoglienza, voglia di mettersi in gioco.occorre inoltre poter immaginare di non aiutare solo il bambino ma anche i suoi genitori a recuperare competenze e a trovare interlocutori aperti e disponibili all ascolto. Spesso i genitori dei bambini che vanno in affido sono persone sole, malate, a loro volta abbandonate e che hanno, per questo, bisogno di qualcuno che gli stia vicino. Il bambino in affido si sentirà veramente accolto solo se troverà negli affidatari uno spazio, anche solo mentale, per i suoi genitori, lontano dal giudizio e dal pregiudizio. In familiarmente parliamo di famiglie nel senso più ampio del termine, quindi per intenderci non solo della classica famiglia ma anche di famiglie ricomposte, unioni di fatto, e anche coppie appartenenti allo stesso sesso. Quali sono le caratteristiche che ritiene utili e che rendono la coppia candidabile per fare questo tipo di esperienza? Ogni famiglia e ogni singola persona può rendersi disponibile per fare una esperienza di affido familiare. La nostra Direttiva Regionale n del 2011, definisce un iter preciso e rigoroso per le persone che sono interessate a diventare affidatari che prevede, oltre ad un colloquio informativo, un successivo percorso formativo informativo ed una serie di colloqui con dei tecnici per arrivare a definire la propria idoneità all affido. L intero percorso consente di arrivare a definire insieme, famiglie e operatori, la possibilità di concretizzare l esperienza di affido e soprattutto per quale tipologia di affido e di minore si è più adatti. Qual è la durata dell affido? Il nostro Servizio da anni preferisce spostare il focus dall affido all accoglienza. Quest ultima, non riduce l attenzione sul minore, ma racchiude una vasta gamma di esperienze che vanno dall affiancamento famigliare (Progetto Una famiglia per una famiglia) dove vi è una progettazione che non vede il minore al centro dell intervento, all affido vero e proprio di un minore ad una famiglia. L esperienza di affido può essere fortemente variegata sia nelle modalità di concretizzazione che nei tempi. Si può accogliere un minore alcuni giorni la settimana (ad esempio nei fine settimana), aiutarlo nei compiti tutti i giorni, o occupandosene in fasce orarie in cui i genitori sono impegnati e non ci sono servizi per accoglierli (lavoratori su turni). A volte la necessità è più ampia e richiede una permanenza vera e propria del bambino nella famiglia affidataria. I progetti possono essere per alcuni mesi, per qualche anno, a volte richiedono tempi lunghi. Noi operatori sogniamo una città dove non ci sia la necessità di fare affido. Immaginiamo una città accogliente dove ognuno si accorge delle difficoltà dell altro, del proprio vicino di casa, dove sia naturale chiedere e dare aiuto senza la mediazione dei servizi. Quali sono le criticità che si incontrano in tali esperienze da parte delle famiglie? A questa domanda saprebbero rispondere meglio di me le diverse famiglie che in questi anni hanno accolto bambini in affido a Parma. Dal mio punto di vista, l affido familiare, nella sua eccezione classica di intervento di tutela per un minore in difficoltà, rimane comunque una esperienza complessa. Le famiglie affidatarie devono essere in grado di accogliere un bambino che ha vissuto a volte momenti molti difficili e contemporaneamente sapere accogliere e dare valore alla sua famiglia, spesso causa diretta di queste difficoltà. È una esperienza che costringe la famiglia che si apre a questa esperienza ad aprire la porta di casa alla società, spesso nelle sue espressioni più drammatiche, ai servizi, ai tribunali. Costringe la famiglia a non chiudersi in sé stessa, a modificarsi, a confrontarsi. Attraverso l affido ci si misura quotidianamente con i propri limiti e le proprie risorse sia come famiglie che come operatori. 5

6 famiglia&istituzioni L esperienza dell affido: due famiglie raccontano di Clara Foglia 6 si aprono territori inattesi da esplorare Siamo una famiglia di Parma, composta da madre, padre e una figlia. Facciamo affido dal Abbiamo dato la disponibilità sia per l affido in emergenza e sia per affidi a lungo termine. Ad oggi abbiamo accolto sei bimbe/i. Abbiamo una casa piccola piccola. Abbiamo due lavori normali... Questo per dire che non è necessario avere delle caratteristiche strutturali speciali per far pratica di affido. L affido è una pratica complessa, che la nostra famiglia, piccola squadra d accoglienza, cerca di vivere come una cosa naturale e importante, feconda e rivoluzionaria. Perché per noi fare affido è in definitiva prenderci cura di una creatura piccola e delle sue relazioni. Un/a bimbo/a è senza mamma? Un/a bimbo/a è senza casa? Un/a bimbo/a o i suoi genitori hanno bisogno? Bene, noi vogliamo vedere e rispondere, ci siamo, facciamo posto, scoviamo il tempo, siamo pronti. E l affido, vissuto in questo modo, con questa linearità logica, non dovrebbe essere straordinario perché è sempre accaduto e continuerà a succedere. Eppure è ancora vissuto come un evento difficile e faticoso. È vero che è complesso, e che implica una fatica grossa, perché è una scelta che agisce concretamente sulla vita di tutti i giorni moltiplicando le acrobazie del quotidiano, ma è anche molto premiante e importante. Le persone ci domandono spesso: ma come fate a separarvene? Siamo arrivati a comprendere, a volte anche con fatica, che l amore e le sue strade misteriose escano dalla logica del mio, del per sempre, del e poi come fai a lasciar andare?, del ma non hai paura di soffrire?... e si scompiglia il mazzo delle carte aprendo territori inattesi da esplorare.. Noi cerchiamo di vivere l affido come un apertura incondizionata, per prenderci cura di un/a bimbo/a e di chi può capitare che non ce la faccia, anche solo per un po. Nell accoglienza, la nostra famiglia ha trovato un senso proprio in questo gesto naturale che è l affido, perché è un gesto carico di valori e di senso. È un luogo dove i giudizi si vorrebbero sospendere e dove è necessario esserci, il fare, il riempire i vuoti del bisogno, le mancanze. Per noi fare affido è fondamentalmente il nostro fare politica, il nostro fare politica concreta, il nostro esserci per e nella nostra polis, la comunità che ci circonda. Perché, abbiamo imparato nel corso degli anni, che nell affido non ci si prende cura solo del/la bambino/a da accogliere ma anche di tutti i suoi legami, anche di una larga fetta della società che ha bisogno di cure e di attenzione, di moltiplicazione di relazioni, di intrecci intessuti. Perché spesso l affido cura anche tutti noi.

7 famiglia&istituzioni La risata di A. è tra i miei ricordi più belli di E.C. Ci siamo accostati all affido prima ancora di diventare marito e moglie. Una sera, nella nostra parrocchia, era stato organizzato un incontro con un signore, un medico di Reggio Emilia che aveva da tempo, assieme alla moglie ed ai figli, aperto la sua casa a bambini in situazioni di disagio o di fragilità. Il racconto di quest esperienza ci aveva particolarmente colpito: questo signore trasmetteva una gioia, un senso di serenità contagiosi.una volta sposati, L. ed io, dopo averne parlato a lungo ed esserci confrontati con amici che avevano già fatto affidi, ci siamo rivolti ai Servizi Sociali ed abbiamo dato la nostra disponibilità ad accogliere un bambino in affido. Il percorso dell affido era allora leggermente diverso da com è oggi, ma era comunque un iter strutturato che prevedeva la frequenza mensile di un gruppo misto di famiglie con affidi in corso e famiglie disponibili ad accogliere. Oltre a questo, erano previsti dei colloqui d informazione e preparazione all affido con un assistente sociale ed uno psicologo. Personalmente preferivo gli incontri con le altre famiglie ai colloqui con gli operatori dei servizi: ascoltare le storie di chi aveva affidi in corso, infatti, era molto coinvolgente e stimolante ed era anche più facile che mettersi a nudo nei colloqui con assistente sociale e psicologo. Il nostro primo affido, comunque, è avvenuto un po per caso: una signora del gruppo affido ci aveva segnalato che le suore di una comunità cittadina stavano cercando una famiglia per un bambino da collocare in affido eterofamiliare. Il bambino, C., di anni 6, aveva alle spalle una storia familiare pesante in un contesto estremamente disagiato e violento ed era reduce da un affido fallito. Poco tempo prima, infatti, era stato affidato ad una famiglia composta dai genitori e da un coetaneo, ma dopo solo una settimana C. era stato riaccompagnato dalle suore. Gli affidatari avevano spiegato alle suore ed ai servizi che erano sorti problemi di lavoro per il papà, ma l impressione delle suore era che C. competesse con il figlio della coppia per avere l attenzione dei genitori e che gli affidatari non riuscissero a gestire la situazione. Per questa ragione i servizi cercavano una coppia giovane preferibilmente senza figli e noi potevamo forse essere la risorsa giusta per C. La prima volta che abbiamo incontrato C., lui era in punizione e non poteva uscire a giocare in giardino. Le suore ci avevano presentato come degli amici e come tali ci siamo comportati quel giorno e durante le frequenti visite che, nelle settimane successive, abbiamo fatto a C.: giocavamo con lui e con i suoi amici, lo aiutavamo nei compiti, cercavamo di entrare in punta di piedi nella sua vita. Ovviamente lui aveva grandi aspettative su di noi: C., infatti, era l ultimo di 5 figli ed aveva già visto gli altri fratelli andare via dalla comunità, chi in altre comunità, chi in affido presso altre famiglie. Già dopo pochi incontri ci aveva chiesto di venire a casa nostra e quando aveva visto che c era una camera in più si era dimostrato molto contento. Noi, però, in accordo con i servizi, avevamo preferito farci desiderare, aspettare che fosse lui a chiedere di venire a vivere con noi. C., infatti, nei suoi 6 anni aveva subito così tante decisioni prese da altri (assistenti sociali, psicologi, giudici), che aveva bisogno di credere di poter scegliere lui. I primi tempi in famiglia sono stati bellissimi e difficili: C. aveva bisogno di attenzioni continue e cercava di frapporsi sempre tra me e L., di dividerci. Sembrava geloso del nostro rapporto e voleva una sorta di esclusiva su L., che cercava continuamente di allontanare da me. Conoscevamo parte della sua storia e sapevamo che, nella sua famiglia, il padre aveva un ruolo predominante ed il figlio più grande era l unico al quale il padre dedicasse attenzioni. La madre, invece, totalmente subalterna e sottomessa al marito, non aveva nessuna credibilità ed autorevolezza. C. aveva bisogno di riacquistare fiducia nella figura femminile in generale ed in quella materna in particolare e noi abbiamo cercato di aiutarlo in questo percorso. Nel giro di qualche mese siamo passati da frasi del tipo maschi con maschi e femmine con femmine ad espressioni come i maschi sono più forti, ma le femmine sono più furbe! : inutile dire che per me è stata una grande vittoria! Tre anni più tardi ci siamo imbattuti nel nostro secondo affido. Si trattava di una bambina questa volta ed era un vero e proprio affido a termine. A. doveva rimanere con noi per tre mesi, durante l estate, intanto che la mamma tornava in Africa con la sorella più piccola a trovare i parenti. A. aveva solo 3 anni, ma sembrava molto più grande: responsabile, educata, simpatica e bellissima. Ci siamo subito innamorati di lei ed è stato difficile riaccompagnarla a casa quando la mamma è rientrata in Italia. Questi bambini, che per un periodo più o meno lungo cresci come figli tuoi, ti entrano nel cuore: dai tanto, ma ancora di più ricevi e quest esperienza arricchisce molto anche il rapporto di coppia.il rapporto con A. non si è interrotto quando è tornata a casa, anzi. Con la mamma di A. siamo diventati amici, una vera e propria famiglia allargata. Abbiamo aiutato N., la mamma di A., che viveva da sola a Parma con tre bambini, nella gestione quotidiana, dandole una mano con i figli così che potesse lavorare. A. trascorreva con noi molti weekend e le vacanze estive. N. cucinava spesso per noi pietanze africane e ogni volta che comprava un gioco per A., ne regalava uno uguale anche a mia figlia. Dalla mamma di A. ho imparato tanto: so acconciare i capelli afro e cucinare le banane fritte, ma soprattutto a volte riesco, con qualche difficoltà devo ammetterlo, a ridimensionare i problemi con lo spirito africano di chi ne ha passate così tante che non si fa spaventare dalle difficoltà della vita. La risata di N. è tra i miei ricordi più belli. 7

8 famiglia&istituzioni Incontro la famiglia nel percorso pre adottivo di Fabio Sbattella Alla fine del percorso ci siamo sentiti accompagnati 8 Marco e Marina hanno appena concluso i colloqui presso la ASL del loro paese, dove avevano offerto disponibilità per un adozione internazionale. Mi raccontano le loro emozioni e con piacere accettano di condividere alcune riflessioni. Quando abbiamo pensato di adottare un bambino, non avevamo la minima idea della complessità di questo percorso. Negli anni precedenti avevamo con gioia consolidato la nostra coppia e poi ascoltato il nascere di un desiderio intenso. Il desiderio di allargare a un bambino, che pensavamo di poter generare, il dono del nostro essere insieme. Quelli che sono seguiti sono stati anni frustranti. La scoperta dell infertilità di Marco, l inutile tentativo di una cura sanitaria. E poi i tentativi di procreazione assistita, le false promesse, la scoperta dei limiti del corpo anche in Marina. È difficile in poche righe spiegare la tristezza e l angoscia di quegli anni, il dolore legato ai confronti, i sensi di colpa sollevati da inutili domande del tipo se avessimo fatto. Eppure, nel tempo, abbiamo scoperto che il nostro amore era ben fondato: lui (dice Marina) ha saputo starmi vicino più di quanto avessi potuto mai sperare. Lei (spiega Marco) mi ha incoraggiato a scoprire cosa significa veramente amare. Così, gradualmente, abbiamo iniziato a pensare all adozione. Non era, in verità, il nostro progetto originario, ma a quel punto era chiaro per noi che il desiderio di una vita piena era capace di orientarsi verso progetti diversi, come l adozione. Non pensavamo, a quel tempo, che la strada per divenire genitori adottivi fosse ancor più complessa della maternità e la paternità biologica. Abbiamo iniziato a informarci presso alcuni conoscenti e abbiamo raccolto racconti agghiaccianti. Parlavano di iter burocratici assurdi, colloqui con gente che ti rivolta come un calzino, giovani operatrici che si arrogano il diritto di decidere se il progetto di vita che hai costruito va bene o no. Sembrava un percorso in cui qualcuno avrebbe fatto di tutto per metterti i bastoni tra le ruote. I suggerimenti sulle strategie da adottare erano tra loro in contrasto. Se avessimo parlato della nostra fede in Dio,

9 famiglia&istituzioni come forza che dà speranza al nostro amore, avremmo corso il rischio di essere bocciati, da operatori ostili, che vedono ogni fede come una mezza follia. Se avessimo parlato del sano desiderio di avere un bambino, saremmo stati bocciati da chi interpreta il verbo avere come indicatore di possessività o invidia. Sentivamo la possibilità di realizzare la nostra vita come in balia della volontà di altri. Non nego (continua Marco), che arrivai ai primi colloqui con le operatrici ASL carico di pregiudizi e scetticismo. Per il lavoro che faccio, inoltre, conosco il lato ostile delle istituzioni, della pubblica amministrazione, del suo apparato burocratico. È una realtà che prende tutto ciò che vuole e non ti restituisce mai nulla. Così, quando incontrammo la psicologa e l assistente sociale, incaricate dal Tribunale per i minorenni, eravamo molto difesi. Mi chiedevo continuamente: cosa stanno pensando? Sono intelligenti? Domande rimaste a lungo senza risposta. Non ricevevamo molti feed-back durante i colloqui. Abbiamo però molto apprezzato la loro professionalità. Puntuali, discrete, precise e trasparenti nelle procedure. Io temevo (aggiunge Marina) che parlassero come un libro stampato, che ci vedessero come uno dei tanti casi letti sui libri che descrivono i tipici genitori adottivi. Gradualmente, tuttavia, con intelligenza hanno saputo sgretolare la nostra diffidenza. Anch io (prosegue Marina), per lavoro, faccio a volte colloqui e si è dunque sviluppato tra noi un confronto appassionato. Siamo riusciti a intravedere la loro umanità, soprattutto quando, ascoltandoci profondamente, hanno dimostrato di non dare per scontato che noi adottivi siamo tutti uguali. Così, giunti alla fine del percorso, possiamo dire che ci siamo sentiti accompagnati. Accompagnati a capire meglio ciò che stiamo facendo, ciò che vogliamo, ciò che sappiamo fare da anni per amarci sempre di più. E anche a capire Servizi per IL TERRITORIO che la complessità dell adozione non sta nella burocrazia sviluppata per difendere i diritti dei bambini e contrastare i traffici internazionali, ma sta nei bambini stessi. Sono loro i veri protagonisti della vicenda. Sedi e componenti équipe adozioni provincia di Parma Zona Sociale di Fidenza 13 Comuni: Busseto, Fontanellato, Fontevivo, Fidenza, Noceto, Polesine P.se, Roccabianca, Salsomaggiore Terme, San Secondo, Sissa, Soragna, Trecasali, Zibello. Servizio e Sede équipe adozioni: Servizio Sociale Azienda USL Distretto Fidenza - Via Berenini, Fidenza (PR) - Tel. 0524/ Zona Sociale di Parma 5 Comuni: Parma, Colorno, Sorbolo, Mezzani, Torrile. Servizio e Sede équipe adozioni: Centro per le famiglie del Comune di Parma - Borgo San Giuseppe, Parma - Tel. 0521/ Zona Sociale Sud Est 5 Comuni: Calestano, Corniglio, Langhirano, Lesignano dè Bagni, Monchio delle Corti. Servizio e Sede équipe adozioni: ASP Azienda Sociale Sud-Est Via Don Luigi Orsi, Langhirano (PR) - Tel. 0521/ Comuni: Neviano degli Arduini, Palanzano, Tizzano Val Parma. Servizio e Sede équipe adozioni: Comunità Montana Unione Comuni Parma Est - P.zza Ferrari, Langhirano (PR) Tel. 0521/ Comuni: Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza, Traversetolo. Servizio e Sede équipe adozioni: Azienda Speciale Consortile Pedemontana Sociale - P.zza Fraternità, Collecchio (PR) Tel. 0521/ Zona Sociale Valli Taro e Ceno 14 Comuni: Albareto, Bardi, Bedonia, Bore, Borgo Val di Taro, Compiano, Fornovo Taro, Medesano, Pellegrino P.se, Solignano, Terenzo, Tornolo, Varano Melegari, Varsi. Servizio e Sede équipe adozioni: ASP Azienda Pubblica di Servizi alla Persona - Rossi Sidoli - V. Duca degli Abruzzi, Compiano (PR) Tel. 0525/ Comune: Valmozzola. Servizio e Sede équipe adozioni: Servizio Sociale Comune di Valmozzola Via Provinciale - Mormarola Valmozzola (PR) Tel. 0525/67144/ Comune: Berceto. Servizio e Sede équipe adozioni: Servizio Sociale Comune di Berceto Via G. Marconi, Berceto (PR) - Tel. 0525/629220/11 9

10 famiglia&istituzioni di Gianfranco Bruschi Riflessione di un genitore sui Centri di aggregazione: sono occasioni di crescita o luoghi in cui ci si può perdere? Sono laboratori esperienziali e relazionali o luoghi in cui legarsi a persone sbagliate? Le differenze spesso ci spaventano perchè parlano della diversità, ma spesso (ci) offrono più informazioni di sé attraverso la relazione con l altro. 10 Dove si incontra con gli amici mio figlio? i centri di aggregazione giovanile M io figlio al centro di aggregazione... Siamo già arrivati fin qua? Mi sembrava ieri che l accompagnavo alla scuola elementare. Lo lasciavo al cancello, lo salutavo con un bacio se non correva via, i primi anni e poi mi scappava via e allora lo salutavo e basta. Lo guardavo salire le scale e sparire dietro il portone, insieme ad un nugolo di ragazzi scalpitanti. In seguito lo avrei lasciato prima del cancello e lo avrei visto fino al varco del solito portone. Mi sembrava ieri anche quando lo accompagnavo alle scuole medie: stavolta neanche prima del cancello. Mi chiedeva di lasciarlo di fianco all edificio, che non voleva farsi vedere con me da tutti gli altri compagni che aspettavano l ingresso davanti alla scuola. Poi andavo a riprenderlo attendendolo allo stesso angolo del mattino. E ora va al centro di aggregazione. Chissà chi ci incontra? Cosa fanno? Magari i più grandi lo portano chissà dove. Me lo direbbe. Mah? Siamo sicuri? Fanno sport, stanno insieme, e poi c è anche quello un po strano, quello straniero con un anno o due in più, quell altro un po effeminato... quello bocciato due volte Lui non ci trova niente di strano. Io ci penso qualche volta che potrebbe guardare gli altri con ammirazione, per le cose da grandi che fanno o che hanno fatto o magari per il loro mitico percorso scolastico accidentato. Oppure incuriosito seguirli per qualche bravata o per andarsi a vedere certi video su youtube o su internet. Anche a casa può farlo ma posso controllarlo... bè insomma almeno a distanza di qualche ora o passando di lì senza farmi troppo notare (secondo me non ci casca). Comunque ho impostato il filtro genitori. Anche se poi conosce la mia password e potrebbe entrare lo stesso. Se lo facesse però prima o poi me ne accorgerei. Strano: ai miei tempi si usciva fuori in cortile oppure in giro per i campi e le strade chiuse o dismesse. Potevamo incontrare chiunque e combinare qualsiasi cosa. Di pericoli ne abbiamo anche corsi, ma alla fine non è mai successo niente di grave. E oggi siamo qui a difenderci da minacce che possono tranquillamente entrare nelle nostre case. E il nostro controllo è aumentato di pari passo con la velocità della comunicazione. Mi fido però degli spazi come i centri di aggregazione. Ci sono degli educatori che danno un occhio a quello che fanno, li coinvolgono in attività di gioco insieme. Mica da soli, l uno di fianco all altro davanti alla play station!! Mi sembrano in gamba questi educatori, anche se a volte un po troppo giovani. Mah forse si capiscono meglio. Ormai ci va da solo, in bicicletta, autonomo e ancora fragile ma mi pare che usi la testa a patto di ricordarsi di averla!! Eppure non posso fermarlo, neanche controllarlo. Ha bisogno di imparare con i suoi mezzi, con la sua

11 famiglia&istituzioni Servizi per IL TERRITORIO Spazi di aggregazione giovanile Report di indagine La Provincia di Parma partecipa al progetto Centri di aggregazione giovanile dell Emilia- Romagna: dalla conoscenza alla rete il cui intento è quello di costruire conoscenza per la prima volta a livello regionale sulle opportunità di incontro e socializzazione e sulla componente di offerta della rete dei servizi rivolta alle giovani generazioni di età compresa tra i 15 e i 30 anni. Si tratta di una delle azioni di sistema previste dall Accordo di Programma Quadro Giovani Evoluti e Consapevoli (APQ GECO) co-finanziato dal Ministero della Gioventù e dalla Regione Emilia-Romagna. Nell ambito del progetto è stata effettuata una rilevazione degli Spazi di Aggregazione Giovanile (d ora in poi SAG), definiti come: Quei luoghi fisici in cui i giovani in età 15/30 si incontrano e si intrattengono per sviluppare competenze in attività di tipo creativo, culturale, ludico sportivo, di informazione e di formazione finalizzate alla promozione dell agio e alla prevenzione del disagio. Luoghi in cui si lavora mirando all empowerment delle competenze giovanili utilizzando le metodologie della programmazione dal basso, della progettazione partecipata e dell educazione tra pari. In breve, spazi in cui si promuove l aggregazione intorno ad attività comuni. Definita l unità di analisi, è stato messo a punto uno strumento di rilevazione articolato in sette sezioni e comprendente anche un approfondimento relativo agli spazi strutturati: elementi identificativi dei SAG; caratteristiche dei soggetti gestori; sede, strutture e organizzazione dei SAG; attività svolte; fonti di finanziamento; giovani che frequentano lo spazio di aggregazione; esigenze dello spazio di aggregazione. Il lavoro di raccolta delle informazioni si è svolto con modalità simili a quelle di un censimento, con l utilizzo di rilevatori appositamente formati dai referenti del gruppo di progetto e coordinati a livello provinciale. Per coprire tutto il territorio regionale e comporre gli elenchi delle unità da rilevare è stata richiesta la collaborazione di funzionari e operatori dei servizi e dei referenti delle organizzazioni che le gestiscono. In considerazione dei diversi livelli di strutturazione dei SAG il questionario è stato somministrato a soggetti con profili professionali e livelli di responsabilità differenti. Le informazioni registrate dal gruppo di rilevatori sono state memorizzate su supporto elettronico mediante un interfaccia web e i flussi di dati sono stati ricomposti in funzione della realizzazione di report a livello provinciale e regionale, verificati nella loro integrità e opportunamente ricodificati. Tale lavoro ha consentito di costruire un unico database di partenza, composto da unità di analisi. Il database potrà contribuire alla costruzione del Sistema informativo delle Politiche giovanili, attraverso un aggiornamento continuo di alcune categorie di informazione delle ipotizzate banche dati. La rilevazione ha prodotto nove distinti report provinciali e un report regionale che ha evidenziato gli elementi comuni e le inevitabili differenze che caratterizzano l oggetto di analisi in un contesto territoriale così ampio ed eterogeneo. Gli spazi censiti riguardano luoghi in cui abitualmente si svolgono attività di aggregazione giovanile, che si articolano in tipologie con diverso grado di strutturazione e di organizzazione. Evidenziamo, in particolare: centri di aggregazione giovanile tradizionalmente intesi (CAG); centri monotematici; polisportive/associazioni sportive; associazioni culturali e/o di promozione sociale; parrocchie/oratori; informagiovani; aggregazione informale. capacità di sentire, comprendere, pensare, decidere, agire. E se lo può fare in uno spazio con altri adulti poco più grandi di lui, con altri ragazzi e ragazze come lui, dove per gioco può misurarsi con il mondo e può sperimentarsi ed imparare penso che sia la cosa migliore. Solo che devo trovare un modo per stargli vicino ed esserci senza essere troppo di impiccio e allo stesso tempo non troppo lontano. E forse è qualcosa che anch io come padre sto imparando. 11

12 famiglia&cultura Sono figlio di immigrati ma sono nato in Italia Il nostro paese sta cambiando e i nuovi italiani originari di paesi diversi, giovani nati e cresciuti in Italia, condividono la loro realtà e le loro esperienza con i nostri figli, nel tentativo, spesso difficile, di mettere finalmente radici e, nello stesso tempo, di non perdere la loro identità. 12 M i chiamo P. K. Sono italiano e ho la pelle nera. Così comincia il tema del mio allievo, classe prima, scuola media, che si cimenta con un testo descrittivo, quello di inizio anno scolastico, che l insegnante solitamente usa per conoscere meglio i ragazzi, spesso con risultati sorprendenti. La scrittura, le parole, fanno diventare i ragazzi protagonisti, desiderosi di raccontarsi. Sono diventato cittadino italiano l anno scorso e di questo sono molto contento. È stato un percorso un po difficile: sono stato in vari uffici, mi hanno dato tanti documenti e alla fine, ce l ho fatta! Mi capita, però, ancora, che alcune persone si stupiscano del mio essere italiano ricordo un giorno una signora di un ufficio che chiamò altre due persone per controllare che il mio documento fosse vero. E continuava a chiedermi se capivo bene l italiano Io, quando capitano queste cose, mi arrabbio molto - sono un tipo impulsivo! -mentre i miei genitori, oramai, ci sono abitua- Un italiano di colore di MARCELLA gussoni ti. Sono dunque un black italiano, come mi ha definito Filippo, un mio compagno di classe: non so se mi ha fatto un complimento ma sì mi sento un po così. Ma cominciamo dall inizio. La mia famiglia è composta da cinque persone: mio padre, mia madre, io e i miei due fratelli. Mio padre è partito dal Senegal vent anni fa ed è venuto qui in Italia. La mamma dice che tornava tutte le estati a casa ma io ancora non c ero. È venuto qui per lavorare e so che all inizio ha fatto tanti mestieri come il muratore e l operaio. Adesso lavora in un azienda di trasporti ma da un anno è a casa: la crisi, dice. La mamma mi racconta che dopo cinque anni l ha fatta venire in Italia ma lei non voleva; allora lui le faceva molti regali che l aiutassero a conoscere questo Paese. Ma la mamma, anche adesso, vorrebbe tornare in Senegal; lei non lavora e ha molta nostalgia della sua vera casa, come la chiama, anche perché lì vivono i nonni che io ho però visto due volte, d estate. Del Senegal, io, invece, conosco poco; ho visto soltanto il paese dove sono nati e si sono conosciuti i miei genitori: è un paese piccolissimo, non c è molto da fare, ho qualche amico lì ma i miei veri amici sono qui, in Italia. Da piccolo ho cambiato casa molte volte, ho abitato in case belle e in altre meno belle, con inquilini più simpatici e, altre volte, più chiusi e sospettosi nei nostri confronti. Alcuni ci salutavano con un sorriso, altri, invece, ci guardavano male e, quando ci incontravano, scappavano via. Ma in Italia ho tanti amici, soprattutto della mia squadra: il mio sport preferito è, infatti, il calcio e gioco nel ruolo di centrocampista. Il calcio è la mia vita e da grande vorrei diventare un giocatore ricco e famoso, come Messi, per poter comprare tutto quello che voglio, cosa che non posso fare ora. Con i miei genitori non ho un rapporto tranquillo, perché, secondo me, a differenza di quelli dei miei amici, mi danno troppe regole. A volte mi stanco di essere sgridato. Mio padre è infatti molto severo; dice che ognuno di noi ha un compito: i miei genitori devono lavorare mentre io e miei fratelli dobbiamo andare a scuola. Questo è il nostro lavoro e dobbiamo farlo bene! A scuola non vado male, secondo me; certo, mi piace scherzare e quando le maestre lo hanno detto a mio papà, lui si è arrabbiato molto e non mi ha più fatto andare agli allenamenti. Vorrei che i miei genitori fossero diversi, vorrei che mi aiutassero di più, soprattutto nei compiti, e che mi facessero più regali; vorrei andare meglio in italiano e matematica perché ancora non le so studiare; vorrei andare di più in va-

13 famiglia&cultura canza e vedere più spesso i miei amici. Mi piacerebbe, infatti, essere come loro. A volte non mi sento un italiano vero perché i miei genitori sono di origine africana, e si vede: in casa parlano la loro lingua (mia mamma fa ancora fatica a parlare l italiano), ascoltano la loro musica, praticano la religione musulmana e hanno solo amici africani. Così spesso mi chiedo: anche se sono nato qui, ho fatto l asilo e la scuola qui, anche se parlo e penso in italiano, sono tutto italiano o ancora un po senegalese? Sarebbe bello essere P. K. e basta! Così, oltre a rispondere a questa domanda, provo anzitutto a considerare il suo testo come uno sguardo sul mondo. I bambini imparano con gli occhi, interiorizzano l idea che le persone non siano tutte uguali e che le differenze non siano il sale della terra ma uno stigma di cui vergognarsi. Allora rifletto sulla modalità del mio intervento e sul fatto di far capire quanto identità e diversità facciano parte del nostro essere persone. E consiglio e decido di insegnare a P. K. ed alla sua famiglia a conservare i propri ricordi, le proprie esperienze, la propria lingua, in poche parole, a mantenere la continuità con se stessi. Servizi per IL TERRITORIO Ecco IL Centro interculturale! È un punto di riferimento e di incontro per tutti i cittadini, stranieri e italiani, per conoscere, conoscersi, informarsi e incontrarsi. È uno spazio fisico e non solo; un luogo di progettazione di eventi e iniziative che coinvolgeranno il territorio tutto. 41 soggetti, fra associazioni, cooperative, coordinamenti e comunità, scommettono su un futuro di convivenza positiva fra persone di diverse origini. Il Centro interculturale è sostenuto dalla Provincia di Parma. La rete del Centro Interculturale di Parma è composta da: Abahoza consolatrice italo-rwandese, Ad ogni luogo, Amici d Africa, Ass. dei cittadini di Gohoud Glode in Italia, Ass. don Camillo Mellini, Ass. Il Borgo, Ass. Nigeriana, Bokk jeff, Caritas diocesana Fidenza, Centro di aiuto alla vita, Ciac Centro Immigrazione Asilo e Cooperazione Internazionale, Comunità Islamica, Comunità senegalese di Parma e provincia, Cooperativa Eidè, Cooperativa Il cortile, Coordinamento pace e solidarietà, Di mano in mano, Ecosolgea, Ecuador senza frontiere, Fuori di teatro, Futuria, Futuro, Garabombo, Gruppo amici di Lodesana, Immigrati alta Val Taro, Insieme coordinamento del volontariato, Kwa dunia, Le giraffe, Milleunmondo, Neri per forza, Parma per gli altri, Perchè no?, Pozzo di Sicar, Progetto Hina, Rete intercultura, Romania chiama Parma, Sejuti - Comunità indiana, Sms family, Vagamonde, Vip clown Parma, Voce nuova Tunisia. Il Centro interculturale nasce dal progetto Luoghi interculturali, realizzato in collaborazione con Forum Solidarietà. Redazione: ANOLF - Associazione Nazionale Oltre le Frontiere Provinciale di Parma L A.N.O.L.F. Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere Provinciale di Parma, sorta nel 1998 si occupa prevalentemente di immigrati e della tutela dei loro diritti. L Associazione oltre ad offrire agli immigrati assistenza, aiuto, ascolto, promuove per questi cittadini servizi solidali, iniziative atte a recupreare e salvaguardare il patrimonio culturale dei loro paesi d origine. Pur nella consapevole difficoltà di integrazione razziale l A.N.O.L.F è impegnata nel favorire il soddisfacimento dei bisogni di vita degli immigrati e organizza incontri tra loro ed il resto dei cittadini attraverso azioni contrarie alla discriminazione e mirate a sconfiggere l intolleranza. L azione di sensibilizzazione a queste tematiche sono sviluppate prettamente sotto il profilo lavorativo dei cittadini stranieri ed è forte la sinergia con la Cisl ed altri enti ed associazioni che risultano impegnate sul fronte immigrazione ed integrazione sociale. Settore: Attività di tutela e valorizzazione dei diritti Telefono: 0521/ Fax: 0521/

14 famiglia&benessere Le cose cambiano tra i miei genitori: come posso sentirmi? di Monica Premoli la paura di non essere all altezza della situazione, di non sentirsi adeguati porta talvolta a urlare con chi amiamo di più. Ascoltare questo sentimento, fermandoci prima, può aprire un grande spazio dentro di noi e tra di noi. 14 Una figlia scrive il suo silenzio Guardo le foto sulle pareti di casa. Tutto mi parla di voi, di quello che sembrava un grande amore, destinato a durare per sempre. Quando ero piccola mi piaceva restare seduta sulle gambe della mamma e guardare a lungo tutte quelle immagi- Vedrai che andrà tutto bene, forse meglio mi ripetono tutti. Meglio di cosa? Di quello che vedo in quelle foto appese? Meglio di quei sorrisi, di quegli abbracci? Meglio di tutti quei momenti passati insieme? O meglio di questi silenzi, meglio di questi sguardi mancati? Ormai non so a cosa credere. Prima credevo che tutto sarebbe passato, i litigi, i malintesi, i cattivi umori, le ire di mamma. Tutto tranne l amore. Mi dite che non posso capire ma siete voi che non volete capire, troppo presi da voi stessi, da quello che pensate, che provate e che volete. Io con i miei sedici anni capisco benissimo, anche se non dico quello che mi passa per la testa. Anche se non urlo come fate voi. Capisco che sono stata ingannata da tutte quelle favole che ho letto, dove la storia finisce sempre con un lieto fine, capisco che questa cosa è più grande di me e che ho bisogno di aiuto per afni, racchiuse in un album, di quel giorno, il giorno che lei definiva come il giorno più bello, vestita in quell abito bianco che ancora si trova nell armadio. Poi i giorni, i mesi, gli anni passano. Ea quanto pare si cambia idea. Chissà adesso per te, mamma, qual è il giorno più bello?

15 famiglia&benessere Servizi per IL TERRITORIO Informa Famiglie & Bambini Cos è È il servizio che offre informazioni e orientamento sui servizi del Centro per le Famiglie e sulle diverse risorse della città e del territorio per le famiglie, sia in ambito educativo sia scolastico, sanitario, culturale e ricreativo. A chi è rivolto A tutte le famiglie e/o genitori che desiderano ricevere informazioni o necessitano di chiarimenti sui diversi servizi o opportunità offerte dal territorio per le famiglie con figli. Come si accede Recandosi presso lo Sportello informativo attivo presso la sede del Centro per le Famiglie in b.go San Giuseppe, 32/a, Parma. Telefonando ai numeri: 0521/ Utilizzando il sito internet Nel sito si trovano informazioni utili su temi generali quali: matrimonio, attesa di un bambino, leggi sulla maternità, salute bambini, scuole e servizi educativi per l infanzia, famiglie straniere, servizi a sostegno delle famiglie, aiuti economici alle famiglie, adozione e affido, tempo libero; e informazioni specifiche sui servizi offerti dal Centro per le Famiglie del Comune di Parma. È inoltre possibile ricevere consulenze personalizzate. Iscrivendosi alla newsletter: il servizio informa sui principali eventi cittadini rivolti a famiglie, genitori, bambini, ragazzi, futuri genitori. Per iscriversi occorre comunicare il proprio indirizzo di posta elettronica con una di richiesta all indirizzo: frontarla, capisco che niente sarà più come prima e che quelle foto finiranno in cantina. Ma nonostante tutto mi piace pensare che un giorno avrò mie pareti, mie foto, un mio album del mio giorno più bello. Perché sono sicura che l amore esiste e io ne sono la prova, anche se voi ormai preferite avere cornici vuote da ricominciare a riempire. 15

16 16 famiglia&benessere Spinge ancora un poco di miscela dentro il filtro della caffettiera, prima di incastrarlo nella caldaia. Poi, con gesti lenti, come di chi vuole gustarsi ogni attimo di questo rito, chiude la caffettiera e accende una debole fiammella sotto la moka. Il caffè va fatto così, con calma, altrimenti non viene buono. Glielo diceva sempre l Ada, quando era ancora viva. L Ada. quanto gli manca l Ada. I suoi figli non capiscono quanto gli manchi la mamma. Pensano solo a loro, alle loro famiglie, al loro lavoro. Loro, loro, loro, sempre loro al centro dell universo. E chi si occupa di lui, ora che non c è più la sua adorata Ada? Neanche il caffè è buono come quello che gli preparava lei. Ciabatta fino al soggiorno: ha ancora qualche minuto prima che l aroma del caffè si sprigioni in tutta la casa. Si lascia cadere pesantemente sul divano, davanti alla televisione accesa. Se non ci fosse la televisione pensa a volte - forse potrebbe anche morire. Non è un bel pensiero, lo sa, però è un pensiero vero, reale. Anche questo non lo capiscono i suoi figli. Come potrebbe vivere senza la televisione? Come potrebbe riempire le ore interminabili che si susseguono dalla mattina alle sei, quando si sveglia, fino alle sera a mezzanotte, quando finalmente gli viene abbastanza sonno da riuscire a riposare qualche ora? Non c è la televisione in camera in quel posto in cui lo vorrebbero rinchiudere. Forse, se ci fosse. Potrebbe farci un pensiero. Ci farebbe un pensiero ad andare in quella casa di riposo, se ci fosse la televisione. Che nome buffo, casa di riposo : lui si riposa anche a casa sua. Perché qui, in casa sua, senza figli e senza l Ada è come stare all ospizio. Il caffè è uscito, deve riemergere dalla morbidezza accogliente del cuscino, che ha preso la sua forma col passare degli anni. Aveva anche la forma dell Ada, ma piano piano si sta conformando sulla sagoma di altri corpi. Pochi corpi, per la verità, perché riceve rare visite. I suoi figli, una volta alla settimana, passano da lui in sequenza. Probabilmente hanno stabilito una sorta di turnistica: il lunedì Giacomo, il mercoledì Federica, il venerdì Alberto. La settimana successiva slitta l ordine: lunedì Alberto, mercoledì Giacomo, venerdì Federica. La settimana Straniero a casa mia Quanto mi manca l Ada dopo ancora comincerà Federica, poi verranno Alberto e Giacomo. Pensano che lui non se ne sia accorto che fanno i turni, vogliono fargli credere che si tratti di visite di piacere I nipotini solo una volta al mese, quando Federica è di turno il lunedì: è il giorno in cui i due piccoli non hanno il rientro a scuola. Allora il divano prende anche la loro forma, e tutto per qualche ora sembrerebbe tornato com era ai tempi di di Francesca Martino Ada. Solo che lui non sa fare le lasagne come Ada e allora, invece del pranzo, offre loro le caramelle. Federica si arrabbia: non vuole che i suoi figli mangino dolci, ma lui non riesce a capire che male possano fare due o tre caramelle. Tra l altro, possono stare nell armadio sempre pronte in attesa della visita dei nipoti, chè ogni tanto si confonde e non ricorda più la turnistica stabilita dai suoi figli. Spegne il fuoco e solleva il coperchio

17 famiglia&benessere Servizi per IL TERRITORIO In palestra per imparare il PC Il circolo anziani Il tulipano in via Marchesi attiva la palestra informatica per aspiranti navigatori over sessanta e non solo Una palestra dove non ci sono pesi da sollevare o tapis roulant ma dove ad allenarsi è solo la mente e il dito indice per doppio clic del mouse. È la palestra informatica nata nel Centro sociale anziani il Tulipano, in via Marchesi 6: tre postazioni collegate a internet, una rete wi-fi aperta alla quale connettersi, un istruttore a disposizione per tre pomeriggi alla settimana. Una risorsa gratuita per tutti: per chi vuole avvicinarsi per la prima volta al PC ma anche per chi non ne possiede uno proprio. Il progetto nasce da Telecom in occasione del 2012, Anno dell invecchiamento attivo, si chiama Navigare insieme e promuove l uso delle nuove tecnologie della comunicazione, tra gli over sessanta e non solo. Gli anziani e le nuove tecnologie non sono più mondi lontanissimi. Oggi i silver surfer sono il 14% della popolazione navigante e, viste le potenzialità del web, è auspicabile che questa percentuale cresca ancora. Internet può essere di grande aiuto, soprattutto per chi fatica a uscire di casa. Il web può rispondere agli interessi personali ma anche alle necessità del quotidiano: comunicare con amici e parenti magari lontani, informarsi, fare la spesa, gestire un conto corrente, svagarsi Ecco perché allenarsi e diventare autonomi nell uso di un computer e della rete, oggi è irrinunciabile. Per il circolo di via Marchesi si tratta di un occasione in più di essere, nel quartiere, un luogo di incontro e di agio, un punto di riferimento che offre nuove opportunità per migliorare la vita delle persone non più giovani. Per frequentare la palestra informatica, è sufficiente una telefonata allo tutti i giorni, dalle 8 alle 11 e dalle alle o scrivere a della caffettiera. Con un cucchiaino mescola il caffè bollente e all improvviso non è più sicuro di sapere dove sono le tazzine. Mannaggia! Non ha ancora imparato a muoversi in quella casa come sapeva fare Ada, che ne conosceva ogni angolo. Rovista dentro la dispensa e, spostando le provviste, gli cade un pacco nuovo di farina che, nell impatto col pavimento, provoca una specie di piccola esplosione proprio nel momento in cui suona il campanello. Che giorno è oggi? Chi deve arrivare in visita? Dove sarà finito l aspirapolvere? Non può mica accogliere ospiti in quel caos, i suoi figli potrebbero pensare che non è più in grado di vivere da solo a casa sua. Potrebbero ricominciare con quella storia della casa di riposo. Meglio cercare l aspirapolvere, allora. Dove l avrà nascosto Ada? 17

18 famiglia&famiglie GRAZIE NONNI Peccato che non riescano a godersi questo splendore come faccio io di antonella cortese I nonni: preziosa risorsa per famiglie che, tra impegni lavorativi e problemi economici, non saprebbero come allevare i propri figli garantendo loro le cure e l affetto di cui hanno bisogno. I nipoti: preziosa risorsa per nonni che, tra un impegno sociale ed un incontro tra amici, rischiano sempre di sentirsi ugualmente un po inutili e soli. Quando due bisogni affettivi riescono così bene ad incastrarsi, ne può nascere un piccolo miracolo d amore. Nonna e nipote che affrontano insieme la vita di ogni giorno, evitando la solitudine ad entrambe. Un rapporto d amore che arricchisce la loro vita. E i genitori ringraziano È tardi. Paola avrebbe dovuto essere già tornata da scuola a quest ora ma non la vedo arrivare. Ormai ha 12 anni e rientra da sola, mangia con me, fa i compiti, la accompagno in palestra a fare danza i giorni dispari. Mia figlia Patrizia è impegnata tutta la giornata, e suo marito lo stesso. A volte mi dico: che peccato che non riescano a godersi questo splendore come faccio io. Il tempo passa e non ritroveranno più quelle manine cicciottelle con cui afferrava tutto e neanche quegli strilli acuti di quando aveva mal d orecchie. Per fortuna mia e loro, Paoletta è nata che ero già in pensione. Ma perché non arriva ancora? Dal balcone vedo passare gruppetti di ragazzini con lo zaino in spalla. La nipote dei vicini con i capelli colorati di viola e l orecchino al naso; quanto ci si arrabbia sua nonna! C è anche Giovanni con la sua morosina,

19 famiglia&famiglie Servizi per IL TERRITORIO Università della Terza Età Sono state conferite alla Provincia le funzioni di promozione delle Università della terza età. Le aree tematiche prioritarie, oggetto di possibili finanziamenti, riguardano le seguenti linee di attività corsuali: - educazione alla multiculturalità - diffusione della cultura scientifica, linguistico-letteraria - attività educative in grado di favorire l inserimento delle persone adulte/anziane nel contesto sociale e culturale in cui risiedono. Le Università presenti nel territorio provinciale sono: Università della terza età: Via Berenini, 151; Tel. e Fax: Fidenza Università Popolare: B.go S.Giuseppe, 13; Parma Università degli Anziani: Via Bizzozero, 13; tel ; Parma UNISALSO Viale Indipendenza, 12; Tel Salsomaggiore Terme camminano abbracciati; si capisce proprio che si amano, che tenerezza! Ma la mia Paola proprio non si vede. Esco, le vado incontro, sempre che non faccia una strada diversa. O chiamo Patrizia e le chiedo se ne sa qualcosa? No, la farei preoccupare inutilmente, è sempre così ansiosa e non le mancano le preoccupazioni: arrivare a fine mese non è sempre facile. Non so perché mi sia tanto intestardita nel rifiutare un cellulare per il mio compleanno, a quest ora l avrei già chiamata, sempre che il suo sia acceso Anche Paoletta me lo dice sempre: nonna, sei antiquata! Spengo il sugo ed esco. Il solo pensiero che possa esserle successo qualcosa in bicicletta mi fa salire la pressione a 200! Mi sa che sto diventando ansiosa anch io e poi, cosa direbbero i suoi genitori? Già ogni tanto quando mi dimentico qualcosa mi trattano come una rimbambita, anche se ho solo 73 anni! Nella fretta mi sono dimenticata di mettere le scarpe Pierre-Auguste Renoir lezione di scrittura va bene, fa lo stesso, queste ciabatte sono quasi dei mocassini, alla mia età posso permettermi di essere originale. Mia nipote in questo momento è tutto per me. È il motivo per cui apro gli occhi al mattino, che mi porta fuori casa a far la spesa, per lei e per me. Da quando Luciano, il mio povero marito, se ne andato due anni fa, solo la vitalità di Paola è riuscita a strapparmi ai cattivi pensieri e alla solitudine. Ha sempre preteso la mia attenzione e non ammetteva ritardi o tentennamenti neanche da piccolina! Aiutare Patrizia è stato necessario. Se non avessero potuto contare su di noi di sicuro non avrebbero potuto neanche pensare di allevare una figlia, con quel che costa e con il lavoro precario che tutti e due si ritrovano. Ma quella è Paoletta! Guardala lì che cammina spingendo la bici a mano ridacchiando. Paoletta! Ma che ti è successo? Nonna, ma che ci fai per strada in ciabatte? Sono in ritardo perché ho bucato la gomma, mica ti sarai preoccupata, vero? 19

20 famiglia&famiglie Il gruppo dei genitori ci ha accompagnato fin qui una rete morbida che ci permette anche di cadere 20 L abbiamo accolta tra le nostre braccia poco più che un decennio fa. Il giorno in cui ci siamo conosciuti è sempre presente a noi come se fossero passati solo due giorni. L intensità emotiva che suscitò la telefonata dal tribunale dei minori non ha paragone: fu tanto forte e profonda da farmi abbassare completamente le difese immunitarie e far salire la temperatura a 39!!! Cosa stava succedendo nella nostra vita? Forse la nostra fiducia, la convinzione autentica, maturata negli anni precedenti, che diventare genitori non implicava necessariamente fare un figlio, ma crescere un figlio, volergli bene e accogliere in toto la sua storia, tutto questo ci ha dato il coraggio di spingerci così avanti fino ad abbracciare un altro mondo, diverso da quello a cui eravamo abituati a pensare. A volte la profondità e l autenticità delle nostre emozioni più intime può davvero arrivare ovunque e a chiunque. Mano nella mano, impauriti, ma curiosi e gonfi di gratitudine, facemmo capolino alla nursery di quell ospedale dove ci aspettava quella piccola creatura dagli di ALIDA CAPPELLETTI e Rossana Baccarini occhi luminosi, come una stella in un cielo d oriente. Un istante cambiò il corso degli eventi. È nella potenza di un solo istante che a volte si gioca la nostra partita. Il suo karma si era trasformato, così almeno direbbero in ambito buddista. È stata la sua fortuna - dicevano le assistenti sociali- : Certamente, -rispondevamo noi, Ma anche la nostra - pensiamo a posteriori- perché se avessimo avuto figli naturali non avremmo mai potuto conoscerla. In questi anni siamo cresciuti con lei, raccontandole via via la sua storia, esprimendo sempre gratitudine nei confronti della sua mamma naturale che le ha dato la possibilità di vivere e avere due genitori, incontrando anche momenti di difficoltà e talvolta soffrendo con lei davanti alle ingiustizie che spesso gli altri le hanno fatto percepire per la sua meravigliosa diversità. Fu proprio il motivo della diversità, forse vissuta dagli altri a volte come minaccia alle proprie certezze, che ci spinse a cercare un confronto con altre storie, con altre persone che avevano fatto la scelta dell adozione. Eravamo tutti desiderosi di farci ascoltare e di parlare delle nostre storie che, accomunate da una stessa partenza, si diversificavano una con l altra con migliaia di sfaccettature. Il gruppo dei genitori, che nel frattempo si era così formato e costituito come un gruppo libero di ascolto e di riflessione, ci è servito periodicamente per non farci sentire soli nella Genitori si diventa L associazione Genitori si diventa - onlus nasce a livello nazionale nel 1999 quando alcune famiglie adottive hanno sentito la necessità di dare vita ad una associazione di volontariato che si poneva l obiettivo di effettuare interventi a favore delle coppie che intendevano diventare genitori adottivi o che, avendo già dei figli, vivevano l esigenza di approfondire i temi dell essere genitori. Al cuore della scelta di dare vita all Associazione sta la convinzione che la tutela del minore non può prescindere dalla responsabilizzazione dei genitori. La nostra associazione è impegnata a realizzare campagne di informazione e di preparazione a favore di quanti sentano la necessità di approfondire le tematiche relative al disagio del minore abbandonato, a favore di genitori adottivi e di quanti vogliano avvicinarsi all adozione ed a favorire una corretta cultura dell infanzia.

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli