Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari"

Transcript

1 Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria competitività nell attuale contesto economico. I dirigenti e i manager cercano di capire chi trae i maggiori benefici dalla collaborazione e quali sono i vantaggi reali. Cisco ha condotto uno dei primi studi dettagliati sui fattori associati al successo dell'adozione della collaborazione basata sulla rete. Questo documento descrive approfonditamente i risultati: Gli utenti più entusiasti sono i manager di aziende private attive da non più di dieci anni. I fattori culturali più favorevoli comprendono la creazione di modelli comportamentali da parte dei dirigenti con maggiore esperienza, processi di, attività di formazione e riconoscimenti. Dalla collaborazione traggono vantaggio organizzazioni di ogni dimensione e in ogni settore. I risultati dello studio possono essere utilizzati per ottimizzare il rendimento degli investimenti derivante dall adozione di strumenti di collaborazione. Un metodo è quello di applicare procedure aziendali che si sono rivelate più efficaci nel favorire una collaborazione più entusiastica. Un altro metodo è l identificazione e il sostegno di dipendenti che possono trarre i maggiori vantaggi. La collaborazione negli ambienti di lavoro attuali La collaborazione è il processo che unisce persone e informazioni per il raggiungimento di un obiettivo comune. La novità è che in un mondo senza barriere la collaborazione non richiede che le persone si trovino tutte nello stesso luogo, nello stesso fuso orario o che appartengano alla stessa cultura. Strumenti come la videoconferenza e la condivisione Web consentono di collaborare a qualunque distanza. Blog, wiki e spazi di lavoro condivisi rendono possibile attuare una collaborazione libera da vincoli temporali (Tabella 1). Tabella 1. Gli strumenti di collaborazione consentono alle persone di condividere informazioni senza vincoli dovuti al tempo o alla distanza Strumenti tradizionali Web 2.0 Messaggistica istantanea (chat) Spazio di lavoro condiviso Riunioni elettroniche Casella vocale Posta elettronica Fax Wiki Blog Pubblicazione su intranet Pubblicazione su internet Siti di reti sociali Messaggistica istantanea Messaggistica di testo Chat online Controllo delle revisioni o analisi dei documenti Sistemi di gestione della conoscenza Calendari elettronici Fogli elettronici online Chiamate in conferenza Videoconferenza Telepresenza Conferenze di dati o Web IPTV Forum e aree di discussione su Internet Condivisione e utilizzo comune delle applicazioni Spazi di lavoro Sistemi di riunione elettronica Extranet 2009 Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 1 di 7

2 I protagonisti e i motivi della collaborazione Le conoscenze precedenti sui metodi di collaborazione abituali non includevano i fattori personali o culturali che influiscono sul successo. Attualmente chi è più predisposto alla collaborazione? Il neolaureato che non si stacca mai dal suo BlackBerry e che lavora per un azienda tecnologica giovane oppure il manager di una società che produce beni di largo consumo? Qual è la motivazione principale della collaborazione? Aumentare la produttività personale, migliorare i processi aziendali, escogitare idee per prodotti innovativi? Nel dicembre 2008, Cisco ha condotto il primo studio sulla segmentazione formale degli utenti che utilizzano strumenti di collaborazione. Il nostro obiettivo era comprendere come si collabora attualmente sul lavoro, quali sono gli strumenti utilizzati e quali vantaggi si ritiene apportino tali strumenti in termini di produttività, innovazione e riduzione delle spese. Il sondaggio ha coinvolto 800 persone appartenenti a varie organizzazioni aziendali statunitensi di medie dimensioni, rispondenti alle seguenti caratteristiche: utilizzano un computer collegato in rete per almeno il 20% delle ore lavorative utilizzano un cellulare o un palmare hanno partecipato a due attività in collaborazione nell ultimo mese. I ricercatori hanno condotto un analisi sulla segmentazione, separando le persone in gruppi distinti in base a numerose variabili attitudinali e comportamentali. Risultato 1: i protagonisti della collaborazione appartengono a quattro segmenti distinti In base agli atteggiamenti e alle abitudini relative alla collaborazione, i dipendenti possono essere suddivisi in quattro categorie: gli entusiasti, coloro che collaborano con soddisfazione, i riluttanti e i ritardatari (Tabella 2). Le persone appartenenti ai primi due segmenti ritengono che la collaborazione sia essenziale nel loro lavoro, e non sorprende che traggono i maggiori vantaggi in termini di produttività e innovazione. Gli utenti più entusiasti sono i manager di aziende finalizzate al profitto che rivestono tale ruolo da 3-10 anni. La Figura 1 illustra la dimensione relativa di ognuna delle quattro categorie. "Gli utenti più entusiasti sono i manager di aziende private in attività da 3 fino a 9 anni." Tabella 2. Variabile Quattro categorie basate sulle abitudini e sulle opinioni Categoria Entusiasta della collaborazione Collabora con soddisfazione Riluttante alla collaborazione Ritardatario Tipo di lavoro Manager Supervisore Supervisore o collaboratore autonomo Supervisore o singolo collaboratore Tipo di organizzazione Finalizzata al profitto Finalizzata al profitto Misto: finalizzata e non finalizzata al profitto Misto: finalizzata e non finalizzata al profitto Ruolo tipico Amministrazione, progettazione, IT, comunicazioni Progettazione o IT Specialista o professionista Vendite, gestione o marketing Anzianità nel ruolo di lavoro oltre 16 anni Strumenti utilizzati Media = 22 Media = 16 Media = 11 Media = 11 Utilizza strumenti sul lavoro e a casa Utilizza strumenti più tradizionali rispetto agli entusiasti, tra cui posta elettronica, conferenza e calendari Tende a collaborare solo con i colleghi che si trovano nella stessa sede Tende a collaborare solo con un altra persona L azienda non può fornire molti strumenti 2009 Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 2 di 7

3 Atteggiamento rispetto alla collaborazione Essenziale per il lavoro Essenziale per il lavoro Utile ma non essenziale Utile ma non essenziale Cultura dell organizzazione Attua processi di Premia la collaborazione Monitora l efficacia della collaborazione Fornisce strumenti e formazione Attua alcuni processi di Fornisce strumenti e formazione Non necessariamente premia la collaborazione È meno probabile che attui processi di È poco probabile che attui processi di Può non fornire strumenti e formazione Non premia direttamente la collaborazione Figura 1. L atteggiamento personale e la cultura aziendale facilitano la definizione delle categorie Risultato 2: la cultura dell organizzazione è importante per il successo della collaborazione Per le organizzazioni che pianificano investimenti in strumenti di collaborazione, il risultato più utile dello studio è la scoperta che l importanza della cultura dell organizzazione ai fini del successo non è inferiore a quella degli strumenti di collaborazione stessi. Fattori importanti per il successo: Partecipazione alle decisioni: più del 90% degli entusiasti e di coloro che collaborano con soddisfazione sono convinti che i dirigenti forniscono un valido modello comportamentale di utilizzo degli strumenti di collaborazione. Tale convinzione si ritrova solo nel 65% dei riluttanti alla collaborazione e nel 57% dei ritardatari. Processi di : alcuni esempi includono blog e chiamate settimanali in conferenze di gruppo. Coloro che collaborano con entusiasmo (86 %) e con soddisfazione (63%) affermano che in azienda si attuava un processo di ; tale affermazione si ritrova solo nel 54% dei riluttanti e nel 29% dei ritardatari. Monitoraggio dell efficacia: circa il 40% dei partecipanti allo studio (percentuale che aumenta per i collaboratori attivi) affermavano che in azienda venivano adottati criteri di misurazione per il monitoraggio dell efficacia della collaborazione. Alcuni esempi di criteri di misurazione comprendono il risparmio sui costi, i tempi di immissione di nuove idee sul mercato e la rapidità con cui si risolvono i problemi. Riconoscimenti diretti: il livello di collaborazione è direttamente correlato ai riconoscimenti (Figura 2). Circa la metà di coloro che hanno risposto affermavano che in azienda la collaborazione veniva premiata con bonus e altri riconoscimenti. Chi collabora con entusiasmo e con soddisfazione tendeva a rispondere che l azienda è attenta ai rendimenti individuali e ritiene importante la partecipazione ad attività che richiedono collaborazione, ad esempio processi di analisi del rendimento Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 3 di 7

4 I fattori culturali che influenzano la collaborazione includono la creazione di modelli di comportamento da parte dei dirigenti più anziani, un processo di, strumenti, attività di formazione e riconoscimenti. Figura 2. L inclusione della collaborazione nelle aspettative di rendimento individuale favorisce la crescita Strumenti e formazione: non sorprende che chi collabora con maggiore successo ha risposto che l azienda aveva predisposto strumenti di collaborazione e le attività di formazione necessarie per sfruttarli efficacemente. Chi collabora con entusiasmo (95%) e con soddisfazione (94%) affermava più spesso che l azienda rendeva disponibili gli strumenti tecnici a sostegno della collaborazione; la percentuale scende per i riluttanti (73%) e i ritardatari (46%). Il campione è simile per quanto riguarda la formazione: coloro che collaborano con entusiasmo (90%) e con soddisfazione (92%) erano molto più propensi ad affermare di aver ricevuto, assieme ai membri del proprio gruppo di lavoro, la formazione necessaria per sfruttare efficacemente gli strumenti di collaborazione; tali percentuali calano per i riluttanti (71%) e i ritardatari (49%). Risultato 3: i dipendenti ritengono che la collaborazione sia importante per il successo I risultati più importanti dello studio sono i seguenti: un ampia maggioranza di coloro che hanno risposto affermava che la collaborazione è essenziale o importante per il loro successo sul lavoro (Figura 3) secondo il 75% dei partecipanti al sondaggio, le procedure di lavoro attualmente implicano una maggiore collaborazione rispetto a due anni fa; la posta elettronica e la conferenza telefonica rimangono gli strumenti per la collaborazione più frequentemente utilizzati; oltre il 75%, inoltre, utilizza calendari elettronici e conferenze Web, il 68% utilizza videoconferenze e circa il 40% utilizza wiki e blog. "La posta elettronica e le conferenze telefoniche rimangono strumenti di collaborazione più importanti. Ma i tempi cambiano: il 40% dei partecipanti affermava di utilizzare strumenti Web 2.0, ad esempio wiki e blog." 2009 Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 4 di 7

5 Figura 3. I partecipanti concordano sull importanza della collaborazione per il successo sul lavoro Risultato 4: la produttività è la principale motivazione all utilizzo di strumenti di collaborazione La collaborazione ha reso più produttivi la maggior parte di coloro che ha risposto al sondaggio, e ha contribuito all innovazione e al risparmio dei costi per le aziende a cui appartengono (Figura 4). Figura 4. Vantaggi percepiti della collaborazione Quando ai dipendenti è stato chiesto se gli strumenti di collaborazione erano utilizzati maggiormente per la produttività o per l innovazione, è interessante rilevare che le risposte propendevano per la produttività. Questo risultato è stato ottenuto praticamente in relazione a ogni strumento. La Figura 5 mostra la percentuale di entusiasti che affermavano di utilizzare strumenti per la produttività e l innovazione. Figura 5. Gli strumenti di collaborazione sono più utilizzati per la produttività che per l innovazione 2009 Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 5 di 7

6 L importanza dell utilizzo di strumenti di collaborazione è evidente specialmente in tre casi: lavoro progettuale giornaliero, miglioramento dei processi aziendali e sviluppo di nuovi prodotti (Figura 6). Un esempio lampante di miglioramento dei processi aziendali è rappresentato dal venditore che quando è al telefono col cliente può utilizzare la messaggistica istantanea per comunicare con un collega e ottenere una risposta determinante per la chiusura della vendita. La collaborazione è essenziale in due casi fondamentali: 1) il lavoro progettuale quotidiano; 2) il miglioramento dei processi aziendali; segue lo sviluppo di nuovi prodotti. Figura 6. Utilizzi più comuni degli strumenti di collaborazione Risultato 5: la collaborazione è utile nelle organizzazioni di qualunque dimensione Lo studio ha smentito le aspettative di Cisco laddove si credeva che la collaborazione fosse più importante nelle imprese di maggiori dimensioni. In effetti, la collaborazione sembra garantire risultati analoghi nelle organizzazioni di qualunque dimensione. Circa metà degli entusiasti (44%) lavorano in organizzazioni con dipendenti. Si può ritenere che la preponderanza di organizzazioni di medie dimensioni nel segmento dei collaboratori entusiasti può riflettere i limiti più flessibili tra un dipartimento e l altro. È comprensibile che i dipendenti che sono entrati in contatto con persone di altri dipartimenti tramite incontri quotidiani siano più propensi a instaurare rapporti di collaborazione Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 6 di 7

7 Storia del successo della collaborazione: una campagna di marketing Cisco ha sperimentati di prima mano i vantaggi della collaborazione nella pianificazione della sua campagna di marketing Five to Thrive (Cinque modi per avere successo), che promuoveva metodi con cui le organizzazioni potevano sfruttare al massimo gli investimenti attuati nelle reti e nella collaborazione per ottenere il successo in condizioni economiche difficoltose. Gli strumenti di collaborazione Cisco hanno contribuito al successo del progetto consentendo a 14 team di condividere idee e coordinare il loro impegno. Cisco ha seguito le metodiche migliori segnalate in questo studio reclutando campioni tra i dirigenti e implementando un processo di collaborazione formale comprendente riunioni settimanali tramite servizi Cisco WebEx e Cisco TelePresence. La campagna è stata lanciata in appena otto settimane, un tempo inferiore di circa 10 settimane rispetto a una campagna di marketing tipica di Cisco. Gli indicatori del successo, ad esempio visitatori di siti Web, visite ripetute e richieste di informazioni, superavano di gran lunga la norma, un risultato che il team attribuisce in parte alla collaborazione. Conclusioni Lo studio di Cisco sulla segmentazione della collaborazione suggerisce che le organizzazioni ottengono i maggiori benefici dalla collaborazione in termini di produttività nei seguenti casi: quando riconoscono che l'atteggiamento dei dipendenti e la cultura dell organizzazione rispetto alla collaborazione hanno la stessa importanza degli strumenti di collaborazione in sé; quando cominciano introducendo strumenti di collaborazione a persone e gruppi rispondenti alle caratteristiche di coloro che collaborano con entusiasmo e con soddisfazione; queste persone tendenzialmente sono manager o supervisori, occupano la loro posizione lavorativa da 3-10 anni e già utilizzano strumenti Web 2.0 a casa; quando incoraggiano i dirigenti a creare modelli per le procedure di collaborazione desiderate; quando premiano la collaborazione includendola in analisi del rendimento e/o offrendo riconoscimenti quando i risultati sono positivi; quando implementano processi di ; quando forniscono la formazione, il supporto IT e gli strumenti necessari per favorire la collaborazione. Per saperne di più Per articoli e blog riguardanti la collaborazione, visitare: cisco.com/go/collaboration Stampato negli Stati Uniti C / Cisco Systems, Inc. Tutti i diritti riservati. Il documento contiene informazioni non riservate su Cisco. Pagina 7 di 7

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi Efficienza operativa nel settore pubblico 10 suggerimenti per ridurre i costi 2 di 8 Presentazione La necessità impellente di ridurre i costi e la crescente pressione esercitata dalle normative di conformità,

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

CAPITOLO 2 LE SCHEDE DI ANALISI

CAPITOLO 2 LE SCHEDE DI ANALISI CAPITOLO 2 LE SCHEDE DI ANALISI 52 2.2 APPROFONDIMENTO PER SETTORE: SINTESI DEI RISULTATI 2.2.1 ASPETTI GENERALI DELLA COMUNICAZIONE Dall analisi delle risposte date alla prima domanda del questionario,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie Il MANAGER e la COMUNICAZIONE Strategie, metodi e nuove tecnologie Manuale per sviluppare le competenze individuali e facilitare il flusso comunicativo all interno e all esterno dell organizzazione Indice

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese Un profilo personalizzato di adozione della tecnologia commissionato da Cisco Gennaio 2014 Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese 1 Introduzione In un panorama aziendale

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

Checklist per l uso dei siti di deal (siti intermediari d affari)

Checklist per l uso dei siti di deal (siti intermediari d affari) 1. Il mercato dei siti di deal Sì No 1.1 Conosce i principali siti di deal esistenti sul mercato (non solo i più grandi, ma anche quelli locali)? 1.2 Lo sa che i siti di deal più piccoli, sebbene abbiano

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Programma per i Partner.

Programma per i Partner. Programma per i Partner. Il programma per i Partner Gigaset pro offre alla tua azienda sistemi di telefonia personalizzati che ottimizzano le comunicazioni. 13/EN/PP/PRO/1 Aderisci al programma visitando

Dettagli

Promuovere e Valorizzare Pistoia Terra delle piante

Promuovere e Valorizzare Pistoia Terra delle piante Promuovere e Valorizzare Pistoia Terra delle piante f a r e m a r k e t i n g MAKE Italia è una Marketing Company nata per aiutare imprese, organizzazioni ed enti, di ogni settore e dimensione, a confrontarsi

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

E-learning. Struttura dei moduli formativi

E-learning. Struttura dei moduli formativi E-learning Per e-learning (o apprendimento on-line) s intende l uso delle tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell apprendimento facilitando l accesso alle risorse e ai servizi,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei REVIMP Dalla Revisione al Miglioramento La produzione di questa brochure è stata finanziata dal Programma

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Dott. Alberto Sesini Managing Director Sesini & Associati sas 21-22 maggio 2008 - Centro Congressi VeronaFiere Il contesto

Dettagli

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Piero Leone Terna Spa Direzione Pianificazione e Sviluppo Rete - Statistiche email:piero.leone@terna.it (versione provvisoria) Sintesi: Fra i primi in

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO Proposte Corsi OFFERTA I contenuti sono stati sviluppati per rispondere ai fabbisogni formativi specifici per poter realizzare piani

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Realizzato da Plantronics Panoramica sul telelavoro. Studio condotto da Plantronics

Realizzato da Plantronics Panoramica sul telelavoro. Studio condotto da Plantronics Realizzato da Plantronics Panoramica sul telelavoro Studio condotto da Plantronics Panoramica sul telelavoro 2 Quasi 1 su 4 degli intervistati (23,3%) ha risposto che fra l 11% e il 20% del proprio personale

Dettagli

UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende

UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende Internet EXPO Milano 17/18/19 Gennaio 2002 UPGreat: per tutte le aziende la soluzione delle grandi aziende Fulvio Simonetta Prisma 2.0 S.r.l. Che cosa è UPGreat UPGreat è una soluzione innovativa per la

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo:

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo: Una storia di successo: Cento Vigne Italia Adattare le nuove strategie di social media marketing a livello globale per avere successo nel settore enologico Cento Vigne Italia ha scoperto il segreto per

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

L'importanza dell'uso di terminali mobili sul luogo di lavoro

L'importanza dell'uso di terminali mobili sul luogo di lavoro Studio sull'adozione della tecnologia commissionato da Cisco Systems L'importanza dell'uso di terminali mobili sul luogo di lavoro Febbraio 2012 Si moltiplicano le iniziative per aumentare l'uso di dispositivi

Dettagli

DETERMINANTS OF PHYSICIAN USE AN AMBULATORY PRESCRIPTION EXPERT SYSTEM

DETERMINANTS OF PHYSICIAN USE AN AMBULATORY PRESCRIPTION EXPERT SYSTEM DETERMINANTS OF PHYSICIAN USE AN AMBULATORY PRESCRIPTION EXPERT SYSTEM Joel M. Schectman, John B. Schorling, Mohan M. Nadkarni and John D. Voss: Determinants of physician use of an ambulatory prescription

Dettagli

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING 53% ottimizzazione dei costi di implementazione 48% risparmio sui costi di manutenzione 46% velocità di innovazione 30% costi adattabili in

Dettagli

Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO

Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO Tendenze e percezioni della consumerizzazione mobile Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO RAPPORTO FINALE CONFRONTI: BATTERIE 1 E 2 REDATTO PER: TREND MICRO, INC. DA: DECISIVE ANALYTICS, LLC Cheryl Harris,

Dettagli

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 Capitolo 16 La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 La vendita personale e la promozione delle vendite Obiettivi di apprendimento Vendita personale Il ruolo della forza

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2013-2014 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 16 giugno 2014

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Dicembre 2015 Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Sommario MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE... 3 1.1 OBIETTIVO DELL INDAGINE... 3 1.2 MODALITÀ DI DEFINIZIONE

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Presentiamo una soluzione totalmente diversa da altre offerte sul mercato. Un vero e proprio strumento operativo capace di far ridurre in modo

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Socializzare la conoscenza comunità online

Socializzare la conoscenza comunità online Socializzare la conoscenza 14 dicembre 2012 Le fasi del processo Socializzazione (da conoscenza tacita a tacita, in persone diverse che interagiscono) Esteriorizzazione o esternalizzazione (da conoscenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il ritorno sugli investimenti nelle tecnologie di collaborazione: il valore delle soluzioni di collaborazione di oggi

Il ritorno sugli investimenti nelle tecnologie di collaborazione: il valore delle soluzioni di collaborazione di oggi Il ritorno sugli investimenti nelle tecnologie di collaborazione: il valore delle soluzioni di collaborazione di oggi di Carl Wiese, Vice Presidente, Global Collaboration Sales, Cisco Informazioni disponibili

Dettagli

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Forum internazionale della Salute XI Edizione Alimentare la Salute 14 17 dicembre 2014 Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Mostra di prodotti e servizi per la salute Lezioni di cucina salutare

Dettagli

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE

LINEEGUIDA PEDAGOGICHE LINEEGUIDA PEDAGOGICHE Le linee guida sono lo strumento di accompagnamento alle attività formative previste nel progetto europeo Uptake_ICT2life-cycle: digital literacy and inclusion to learners with disadvantaged

Dettagli