ha pronunciato la presente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ha pronunciato la presente"

Transcript

1 N /2015REG.PROV.COLL. N /2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso in appello nr del 2014, proposto da ABITAL S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avv.ti Enrico Maccari, Gabriele Leondini e Luigi Manzi, con domicilio eletto presso quest ultimo in Roma, via F. Confalonieri, 5, contro - il COMUNE DI VERONA, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dagli avv.ti Giovanni R. Caineri, Fulvia Squadroni e Marcello Clarich, con domicilio eletto presso quest ultimo in Roma, viale Liegi, 32; - TECHNITAL S.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avv. Carlo Fratta Pasini e Daniele Sterrantino, con domicilio eletto presso quest ultimo in Roma, piazzale Flaminio, 19; per l annullamento e/o la riforma della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto, Sezione Seconda, nr. 371/2014 in data 20 marzo Visti il ricorso in appello e i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio del Comune di Verona e di Technital S.p.a.;

2 Viste le memorie prodotte dalla appellante (in data 14 febbraio 2015) e dalla appellata Technital S.p.a. (in date 7 novembre 2014 e 2 marzo 2015) a sostegno delle rispettive difese; Visti tutti gli atti della causa; Relatore, all udienza pubblica del giorno 24 marzo 2015, il Consigliere Raffaele Greco; Uditi gli avv.ti Leondini e Andrea Reggio d Aci (su delega dell avv. Manzi) per la appellante, l avv. Chiara Carli (su delega dell avv. Clarich) per il Comune di Verona e l avv. Sterrantino per Technital S.p.a.; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue. FATTO La società Abital S.p.a. ha impugnato la sentenza con la quale il T.A.R. del Veneto ha respinto il ricorso, integrato da motivi aggiunti, dalla stessa proposto avverso plurimi atti e provvedimenti posti in essere dal Comune di Verona in relazione alla realizzazione dell anello circonvallatorio a nord della città (c.d. Traforo delle Torricelle), opera interessante anche parte di un suolo in proprietà della stessa società istante, ove sorge il suo stabilimento produttivo. L appello è stato affidato ai seguenti motivi in diritto: 1) violazione degli artt. 34 e 35 cod. proc. amm.; erronea declaratoria di improcedibilità delle censure di natura asseritamente procedimentale mosse nei confronti della variante nr. 305 (approvata con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 6 del 24 febbraio 2011); insufficienza e illogicità della motivazione (nella parte in cui il primo giudice ha ritenuto le predette censure superate a sèguito del recepimento del contenuto della variante nel Piano degli interventi successivamente approvato con delibera consiliare nr. 91 del 23 dicembre 2011); 2) insufficienza e illogicità della motivazione (con riguardo alla reiezione delle doglianze relative alla localizzazione dell opera rispetto alla proprietà della società ricorrente);

3 3) violazione dell art. 28 del d.p.r. 16 dicembre 1992, nr. 495; insufficienza e illogicità della motivazione (in relazione alla reiezione della censura afferente alla previsione, sul suolo di proprietà della istante, di una fascia di rispetto stradale di ampiezza superiore a quella legislativamente prevista); 4) violazione degli artt. 3 e 10 della legge 7 agosto 1990, nr. 241; violazione dell art. 11 del d.p.r. 8 giugno 2001, nr. 327; violazione dei principi di proporzionalità e di ragionevolezza dell azione amministrativa; insufficienza e illogicità della motivazione (in relazione alla reiezione dei motivi con i quali era stata lamentata l insufficienza e l illogicità delle controdeduzioni opposte dall Amministrazione alle osservazioni formulate dalla società istante in sede di predisposizione della variante nr. 305); 5) violazione dell art. 23 del decreto legislativo 3 aprile 2006, nr. 152, e dell art. 153, comma 10, del decreto legislativo 12 aprile 2006, nr. 163; violazione dei principi di buon andamento e di economicità dell azione amministrativa di cui agli artt. 97 Cost. e 1 della legge nr. 241 del 1990; insufficienza e illogicità della motivazione (in relazione alla reiezione della censura con la quale era stata dedotta l illegittimità della mancata sottoposizione a V.I.A. del progetto dell opera per cui è causa); 6) elusione della sentenza nr. 364 del 2005 del T.A.R. del Veneto; illogicità e insufficienza della motivazione (con riguardo alla reiezione della censura relativa alla violazione del decisumsuindicato, conseguente ad annullamento del diniego opposto dal Comune di Verona ad un progetto di P.I.R.U. a suo tempo presentato dalla società odierna appellante); 7) violazione degli artt. 7 della legge 17 agosto 1942, nr. 1150, 78, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, nr. 267, 17 e 18 della legge regionale del Veneto 23 aprile 2004, nr. 11; insufficienza e illogicità della motivazione (con riguardo alla reiezione delle censure articolate in primo grado in relazione alla partecipazione di consiglieri comunali in posizione di conflitto di interessi alla approvazione del Piano degli interventi); 8) violazione degli artt. 3 e 10 della legge nr. 241 del 1990; violazione dell art. 18

4 della l.r. nr. 11 del 2004; violazione dei principi di proporzionalità e di ragionevolezza dell azione amministrativa; insufficienza e illogicità della motivazione (in relazione alla reiezione dei motivi con i quali era stata lamentata l insufficienza e l illogicità delle controdeduzioni opposte dall Amministrazione alle osservazioni formulate dalla società istante in sede di predisposizione del Piano degli interventi). Con specifico riferimento al motivo indicatosub 1), la società appellante ha conseguentemente riproposto come segue le censure dichiarate inammissibili dal T.A.R.: a) eccesso di potere per illogicità e contraddittorietà; violazione dei principi di buon andamento e di economicità dell azione amministrativa di cui agli artt. 97 Cost. e 1 della legge nr. 241 del 1990 (in relazione al non avere il Comune, prima di adottare la variante urbanistica, atteso il deposito delle conclusioni di un apposita Commissione istituita per valutare l impatto ambientale dell intervento, e al non aver poi recepito le prescrizioni contenute nella relazione di detta Commissione, successivamente depositata); b) violazione dell art. 50 della legge regionale del Veneto 27 giugno 1985, nr. 61 (in relazione alla carenza dei presupposti per il ricorso al procedimento semplificato di variante disciplinato dalla norma testé citata). Si sono costituiti in resistenza il Comune di Verona e la società Technital S.p.a., controinteressata in primo grado in quanto individuata quale esecutrice dell intervento nella procedura di project financing i cui atti erano stati anch essi impugnati dall odierna appellante, entrambi opponendosi con diffuse argomentazioni all accoglimento dell appello e instando per la conferma della sentenza di primo grado. All esito del deposito di memorie con cui le parti hanno insistito nelle rispettive tesi e replicato alle deduzioni avversarie, all udienza del 24 marzo 2015, la causa è stata trattenuta in decisione. DIRITTO

5 1. L odierna appellante, Abital S.r.l., ha agito in primo grado nella propria qualità di proprietaria di un suolo sito in territorio del Comune di Verona, sul quale sorge il proprio stabilimento produttivo, impugnando dinanzi al T.A.R. del Veneto una molteplicità di atti relativi alla realizzazione dell anello circonvallatorio a nord della città (c.d. Traforo delle Torricelle), destinato a interessare una parte dell anzidetto suolo. 2. Più specificamente, l area suindicata era assoggettata dal vigente P.A.T. comunale, approvato nel 2007, in parte a destinazione commerciale, essendo compresa tra gli ambiti cui attribuire specifiche destinazioni d uso, e per la parte restante al regime delle aree residuali e periurbane interne al sistema insediativo Con avviso pubblicato in data 9 aprile 2008 ai sensi dell art. 153 del decreto legislativo 12 aprile 2006, nr. 163, il Comune di Verona ha esplicitato la volontà di promuovere la presentazione di proposte diproject financing per la progettazione, realizzazione e gestione del tratto stradale suindicato; all esito della procedura, con deliberazione di Giunta Comunale nr. 152 del 29 maggio 2009, è stata dichiarata di pubblico interesse la proposta presentata dal r.t.i. con capogruppo Technital S.p.a., individuato quindi come promotore In seguito, è stato pubblicato lo schema di progetto preliminare ai sensi dell art. 11 del d.p.r. 8 giugno 2001, nr. 327, con invito ai proprietari delle aree interessate a far pervenire eventuali osservazioni; la società odierna appellante ha tempestivamente presentato le proprie deduzioni, cui l Amministrazione comunale ha replicato così come a tutte le altre pervenutele con la deliberazione del Consiglio Comunale nr. 62 del 22 luglio 2010, con la quale è stato anche approvato il progetto preliminare dell opera e contestualmente adottata la variante nr. 305 al vigente strumento urbanistico generale Col ricorso instaurativo del presente giudizio, Abital S.r.l. ha impugnato dinanzi al T.A.R. del Veneto la delibera consiliare da ultimo richiamata, sostenendone la illegittimità per plurimi motivi.

6 2.3. Nel prosieguo dell iter approvativo della variante urbanistica, la società odierna istante ha presentato ulteriori osservazioni sostanzialmente riproduttive di quelle già formulate avverso il progetto preliminare; dette osservazioni sono state giudicate solo parzialmente accoglibili dall Amministrazione comunale, la quale con la delibera consiliare nr. 6 del 24 febbraio 2011 ha definitivamente approvato la variante de qua Tale ultimo provvedimento è stato a sua volta censurato da Abital S.r.l. con motivi aggiunti, sia per invalidità derivata dai vizi inficianti gli atti già impugnati sia per vizi propri e autonomi, 2.4. La variante nr. 305 è stata poi integralmente recepita nel Piano degli interventi, adottato dal Comune con la deliberazione consiliare nr. 59 dell 8 settembre 2011, ai sensi dell art. 11 della legge regionale del Veneto 23 aprile 2004, nr. 11, al fine di dare attuazione alle previsioni del P.A.T. Detto piano è stato approvato con la successiva deliberazione nr. 91 del 23 dicembre 2011, dopo un ulteriore fase partecipativa, all esito della quale sono state disattese le nuove osservazioni formulate dalla società odierna appellante Tali ultimi provvedimenti sono stati gravati con ulteriori motivi aggiunti, sempre nell ambito del medesimo giudizio a suo tempo instaurato dinanzi al T.A.R. del Veneto Per completezza espositiva, occorre poi dar conto del distinto e parallelo procedimento avviato dal Comune di Verona con la deliberazione di Giunta nr. 206 dell 8 luglio 2009, con la quale è stato approvato il bando pubblico per la raccolta di manifestazioni di interesse finalizzate alla selezione degli immobili nei quali attuare interventi di nuova urbanizzazione e/o di sostituzione e riqualificazione nell ambito del territorio comunale, ai fini del loro successivo inserimento nel Piano degli interventi. In adesione a tale bando, Abital S.r.l. ha presentato una proposta di riqualificazione relativa ai suoli in sua proprietà, ritenuta compatibile con la nuova infrastruttura viaria; su di essa, però, il Comune non risulta essersi pronunciato, limitandosi a

7 respingere le osservazioni contestualmente formulate sul progetto preliminare dell opera Sempre per completezza, e per quanto interessa in questa sede, occorre aggiungere che già nel 2004 la società ricorrente aveva presentato al Comune una proposta di P.I.R.U. relativa al medesimo suolo, sulla quale l Amministrazione si era espressa sfavorevolmente, dichiarandola inammissibile; detta determinazione era stata però annullata dal T.A.R. del Veneto, in accoglimento di ricorso proposto dalla medesima società istante, con la sentenza nr del 2005 (impugnata dal Comune con appello tuttora pendente) Con la sentenza oggetto dell odierna impugnazione, il T.A.R. adìto ha complessivamente respinto le domande attoree, dichiarando inammissibili le censure proposte avverso la procedura di scelta del contraente mediante project financing,improcedibili quelle afferenti a vizi procedimentali relativi alla variante nr. 305 e infondate le residue doglianze. 3. La ricostruzione in fatto della vicenda che occupa, come sopra riportata e desunta dalla documentazione in atti, non risulta contestata dalle parti costituite, per cui, in applicazione dell art. 64, comma 2, cod. proc. amm., deve considerarsi idonea alla prova dei fatti oggetto del giudizio. 4. Tanto premesso, l appello è infondato e va conseguentemente respinto. 5. Col primo motivo, parte appellante censura la declaratoria di parziale improcedibilità dell impugnativa in relazione alle doglianze a carattere procedimentale formulate avverso gli atti di adozione e approvazione della variante urbanistica nr In particolare, si contesta la correttezza della conclusione del primo giudice secondo cui i denunciati vizi procedimentali sarebbero stati superati per effetto dell integrale recepimento della variante nel successivo Piano degli interventi (anch esso impugnato) sulla base dell affermazione che in parte qua il detto Piano sarebbe atto meramente confermativo della previgente variante, e pertanto ne

8 avrebbe ereditato tutti i vizi. Tale argomentazione non persuade la Sezione, la quale invece reputa di doversi conformare a quanto già affermato, in relazione ad identico motivo d appello mosso in distinto giudizio avverso altra sentenza del T.A.R. veneto relativa alla medesima opera pubblica per cui qui è causa, nella sentenza nr del 20 maggio In tale sede, in particolare si è affermato: È certo che il PI abbia recepito i contenuti della variante 305. Il PI tuttavia non è frutto composito della pregresse varianti, ma autonoma pianificazione, libera (ovviamente nei limiti della discrezionalità) di confermare o modificare scelte compiute in precedenza. Anche ove l opzione sia stata quella di confermare, ciò non toglie che essa sia manifestazione di discrezionalità, atteso che sebbene si tratti sempre del medesimo potere pianificatorio, il decorso del tempo e la sua riedizione, ne fanno, di per sé soli, un diverso episodio governato da proprie regole procedimentali. Non v è pertanto ragione di vagliare il rispetto delle regole di una pianificazione riconducibile all episodio precedente, proprio perché i contenuti sono stati confermati dalla successiva pianificazione. Trattasi di conclusione del tutto condivisibile, dalla quale questo Collegio non ravvisa alcun motivo per discostarsi nella presente sede Alla luce di quanto sopra, se risulta quindi non necessario esaminare le censure ritenute improcedibili dal primo giudice, occorre però rilevare, quanto alla doglianza indicata sub a) nella narrativa in fatto, che per questa la detta improcedibilità investe la sola parte relativa alla mancata attesa della relazione della Commissione nominata con la deliberazione di Giunta Comunale nr. 137 del 28 aprile 2010 prima dell adozione della variante nr. 305, e non anche quella relativa all asserito mancato recepimento, in sede di approvazione della variante medesima, delle prescrizioni e indicazioni contenute nella relazione preliminare depositata dalla Commissione nel mese di novembre del Quanto a quest ultima parte, per vero, il giudice di prime cure ha esaminato nel merito la censura, limitandosi ad affermare che nella richiamata relazione preliminare

9 erano contenute delle mere raccomandazioni, comunque recepite dall Amministrazione. La Sezione condivide tale avviso, al quale può in ogni caso aggiungersi: - che neanche parte appellante ha contestato che quelle formulate dalla Commissione fossero, appunto, delle semplici raccomandazioni (in coerenza, del resto, con la natura preliminare della relazione in cui erano contenute); - che, come pure sottolineato dal primo giudice, il recepimento di tali raccomandazioni ben poteva essere differito alla fase della successiva progettazione di dettaglio dell intervento; - che parte istante non ha specificamente indicato quali delle predette raccomandazioni sarebbero state a suo dire disattese nel progetto preliminare, e in che modo; - che, in ogni caso, l impatto ambientale dell opera (alla cui verifica era preordinata l istituzione della Commissione de qua) sarebbe stato oggetto di specifica valutazione nella successiva fase di V.I.A., istituzionalmente deputata a tale scopo. 6. Meritevole di reiezione è anche il secondo mezzo, col quale parte istante reitera le proprie doglianze in ordine alle scelte dell Amministrazione sulla localizzazione dell opera rispetto ai suoli in sua proprietà. Al riguardo, va condiviso l avviso del primo giudice secondo cui dette censure impingono il merito di valutazioni tecnico-discrezionali riservate alla p.a.: secondo il consolidato indirizzo di questa Sezione, infatti, il merito della scelta relativa alla localizzazione di un opera pubblica resta, in linea di massima, sottratto al sindacato del giudice amministrativo, con le sole eccezioni della illogicità, del travisamento e della contraddittorietà, anche se l amministrazione è tenuta a dare conto, nella relativa determinazione, dell avvenuta valutazione e considerazione di tutti gli interessi coinvolti, e, segnatamente, di quelli sacrificati, e, sotto il profilo dell adeguato apprezzamento delle posizioni interessate dall ubicazione dell opera, le delibere che ne approvano il progetto risultano sicuramente sindacabili (cfr. Cons.

10 Stato, sez. IV, 11 novembre 2014, nr. 5520; in termini, Cons. Stato, sez. IV, 7 novembre 2014, nr. 5484; id., 12 giugno 2009, nr. 3733). Si aggiunge anche che la p.a. non è tenuta a fornire al riguardo le specifiche ragioni della scelta di un luogo piuttosto che di un altro, rimanendo inibita al sindacato giurisdizionale sull eccesso di potere ogni possibilità di sovrapporre una nuova graduazione di interessi in conflitto alla valutazione che di essi sia stata già compiuta dall organo competente, in quanto profilo attinente alla discrezionalità tecnica e, quindi, al merito dell azione amministrativa (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 26 ottobre 2012, nr. 5492). In giurisprudenza, si giunge quindi ad affermare che il mero rilievo dell assenza, nel provvedimento di localizzazione di un opera pubblica, dell attestazione di soluzioni alternative, non integra ex se gli estremi di carenza motivazionale (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 20 aprile 2006, nr. 2246). Tutto ciò premesso, e venendo al caso che qui occupa, è la stessa odierna appellante a non smentire che l Amministrazione abbia apprezzato anche i suoi interessi, ponderandoli con l interesse pubblico sotteso alla realizzazione dell opera e tenendo conto delle esigenze rappresentate in sede di osservazioni; il che disvela che ciò di cui si duole l istante, in realtà, è il fatto che queste ultime non siano state accolte e condivise nel senso da essa auspicato. In tal modo, però, si sollecita al giudice amministrativo proprio quel riesame di merito delle scelte localizzative della p.a., che si è visto precluso sulla scorta di elementari principi in tema di limiti al sindacato giurisdizionale in subiecta materia: in particolare, e per stare ai principali fra gli aspetti oggetto di censura, l Amministrazione risulta aver fornito un indicazione non manifestamente irragionevole dell impossibilità di soluzioni alternative, mentre, con riguardo alla specifica questione dell accesso alla proprietà della società istante, la risoluzione delle eventuali problematiche è stata espressamente differita alla fase attuativa dell intervento (donde l ultroneità delle doglianze pure riprodotte nell odierno

11 appello - che attengono a profili ipotetici, e non ancora definiti, delle soluzioni che in tale fase potranno essere adottate). 7. Infondato è anche il terzo motivo, col quale è reiterata la censura di violazione dell art. 28 del d.p.r. 16 dicembre 1992, nr. 495, in relazione alla previsione di una fascia di rispetto di mt 20 assegnata alla viabilità urbana secondaria. Infatti, è vero che il comma 2 del citato art. 28 invocato dalla appellante - non prevede, nei centri abitati, alcuna distanza minima per le costruzioni rispetto alle strade di tipo E ed F, ma ciò non vuol dire affatto che lo strumento urbanistico non possa stabilire una fascia di rispetto (essendovi anzi tenuto in virtù della disposizione primaria di cui all art. 18 del decreto legislativo 30 aprile 1992, nr. 285); in sostanza, per le anzi dette tipologie di strade il legislatore non ha imposto limiti minimi cogenti, rimettendo alla valutazione discrezionale del pianificatore la definizione dell ampiezza di tale fascia nei singoli casi. Pertanto, la censura in esame si traduce in una critica all esercizio in concreto di tale discrezionalità, la quale però nella specie, come correttamente rilevato dal primo giudice, appare immune da evidenti profili di erroneità e irragionevolezza, in considerazione dell entità dell opera stradale da realizzare e del prevedibile volume di traffico che la interesserà. 8. Possono poi essere esaminati congiuntamente il quarto e l ottavo dei motivi di appello, sostanzialmente sovrapponibili ed entrambi incentrati sulla asseritamente illegittima reiezione delle osservazioni formulate dalla società istante durante l iter di formazione, rispettivamente, della variante e del successivo Piano degli interventi. Anche tali motivi sono infondati. Ed invero, va innanzi tutto condiviso il richiamo del primo giudice alla consolidata giurisprudenza che qualifica in termini di mero apporto collaborativo le osservazioni presentate dai privati al progetto di strumento urbanistico, per inferirne l insussistenza di un obbligo di puntuale e analitica motivazione per il rigetto di esse, essendo sufficiente che le stesse siano state esaminate e ritenute in contrasto con gli

12 interessi pubblici sottesi alle scelte di pianificazione (cfr. ex plurimis Cons. Stato, sez. IV, 10 febbraio 2014, nr. 601; id., 18 novembre 2013, nr. 5460; id., 12 febbraio 2013, nr. 845; id., 11 settembre 2012, nr. 4806; id., 31 maggio 2012, nr. 3263). Il Collegio non ignora l indirizzo, richiamato dalla odierna appellante, secondo cui, allorché l Amministrazione comunale, nel rigettare un osservazione formulata all indirizzo di una scelta pianificatoria consacrata nel documento pubblicato, esplicita le ragioni assunte a sostegno di quest ultima ed i motivi per i quali non intende modificarla, il sindacato giurisdizionale si deve concentrare sulla verifica dell attendibilità di tale motivazione, non potendosi arrestare al preliminare rilievo della natura altamente discrezionale dell opzione censurata (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 22 maggio 2008, nr. 2467); tuttavia, anche in un ipotesi del genere il sindacato giurisdizionale consentito deve mantenersi come risulta proprio dall esame integrale del precedente testé richiamato nei limiti del sindacato di regola ammesso nei confronti delle scelte tecnico-discrezionali riservate alla p.a., e quindi dei manifesti vizi di erroneità, travisamento dei fatti e irragionevolezza. Ciò premesso, nel caso che qui occupa è evidente che parte istante, malgrado l abbondanza di argomentazioni spese, non giunge a dimostrare che si ricada in una di tali ipotesi eccezionali: infatti, le critiche mosse alla motivazione addotta dall Amministrazione comunale a sostegno della reiezione delle osservazioni si risolvono, piuttosto che nell evidenziare un palese travisamento o fraintendimento della realtà dei luoghi ovvero un intrinseca ed evidente irragionevolezza delle scelte compiute, nel riproporre le medesime censure di merito articolate con altri motivi d impugnazione, già esaminati (e sostanzialmente consistenti nel dolersi per il non avere il Comune adottato soluzioni alternative, pure in astratto possibili, meno penalizzanti per gli interessi della stessa società istante). Di conseguenza, le censure qui in esame si traducono in una mera reiterazione delle doglianze, impingenti il merito delle scelte tecnico-discrezionali dell Amministrazione, che sono state esaminate al punto sub 6 che precede, e vanno

13 dunque incontro ai medesimi rilievi in tale sede svolti. 9. Destituito di fondatezza è anche il quinto mezzo, col quale si reitera la doglianza afferente alla mancata sottoposizione a V.I.A. del progetto preliminare dell opera di che trattasi. Al riguardo, non può che convenirsi con le conclusioni del primo giudice che ha ritenuto del tutto corretto l operato dell Amministrazione sul punto, non essendo affatto anomalo che alla V.I.A. si proceda all atto della progettazione definitiva, anziché di quella preliminare; e, anzi, sarebbe illegittimo il contrario, se è vero che contrariamente a quanto assume parte appellante l art. 23 del decreto legislativo 3 aprile 2006, nr. 152, come modificato dal decreto legislativo 16 gennaio 2008, nr. 4, con disposizione di principio non derogabile da parte della legislazione regionale, pone espressamente al livello della progettazione definitiva l adempimento della verifica di impatto ambientale, ove necessario per legge. Né argomenti contrari è dato ricavare dalla speciale disciplina (comunque non applicabile al caso che occupa) dettata dal d.lgs. nr. 163 del 2006 per le grandi infrastrutture e per le opere di interesse strategico nazionale, laddove effettivamente la V.I.A. è anticipata alla fase della progettazione preliminare: infatti, come più volte sottolineato nella giurisprudenza di questo Consiglio di Stato, tale disciplina speciale in tanto può essere considerata compatibile con la retrostante normativa comunitaria in materia, in quanto essa preveda come in fatto prevede che vi sia necessariamente una rinnovazione della valutazione ambientale in tutti i casi in cui il progetto abbia subìto rilevanti modifiche tra la fase preliminare e quella definitiva (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 22 luglio 2005, nr. 3917). I rilievi che precedono sono coerenti, del resto, con le conclusioni che la Sezione ha raggiunto, con riguardo ad analoga censura formulata in relazione alla medesima opera per cui qui è causa, nella già richiamata sentenza nr del Privo di pregio è anche il sesto motivo d appello, con cui viene riproposta in critica alle opposte conclusioni del giudice di prime cure la censura di elusione

14 del decisumriveniente dalla sentenza del T.A.R. del Veneto nr del 2005, con la quale era stato annullato il diniego opposto dal Comune ad un progetto di P.I.R.U. a suo tempo presentato dalla società odierna appellante. Ed invero, in disparte la circostanza che avverso tale sentenza pende tuttora appello proposto dall Amministrazione comunale dinanzi a questo Consiglio di Stato, del tutto condivisibile è l avviso del primo giudice, il quale ha evidenziato come l unico obbligo conformativo scaturente a carico del Comune dal suindicato decisum era quello di riesaminare la proposta di P.I.R.U. e pronunciarsi su di essa, non essendosi in alcun modo il T.A.R. pronunciato sul merito del progetto de quo; pertanto, l eventuale inadempienza a tale obbligo avrebbe al più legittimato la società istante ad attivare il giudizio di ottemperanza, ovvero forse ad agire con lo speciale rito in materia di silenzio-inadempimento, ma non poteva certo precludere all Amministrazione comunale ogni diversa e autonoma determinazione in ordine alle aree interessate dal progetto in questione. In buona sostanza, la posizione della società odierna appellante nella specie era del tutto analoga a quella di chi abbia presentato un istanza per ottenere un titolo ad aedificandum, ed attenda che su di essa il Comune si esprima: come è noto, la mera pendenza di una tale istanza, ed anche l eventuale ritardo dell Amministrazione nell evaderla, non sono di per sé elementi idonei a far sorgere in capo al richiedente alcuna aspettativa qualificata suscettibile di limitare la potestà pianificatoria del Comune sulle aree interessate. 11. Resta da esaminare il settimo motivo di appello, con il quale sono reiterate le censure articolate in primo grado per supposta violazione dell art. 78, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, nr. 267, in relazione alla posizione di alcuni consiglieri comunali, che a dire della società istante si trovavano in posizione di conflitto d interessi nel voto finale sul Piano degli interventi, e che tuttavia non si sarebbero astenuti da tale voto, ovvero non sarebbero usciti dall aula al momento del voto stesso.

15 Al riguardo, giova precisare che dalla documentazione in atti risulta che il Piano de quo fu approvato per stralci separati, con l astensione dei consiglieri che si trovavano in situazione d incompatibilità in relazione a ciascuna singola porzione, e quindi con un voto finale sull intero strumento urbanistico, al quale parteciparono tutti i consiglieri comunali presenti: una modalità procedurale che, come è noto, questa Sezione ha più volte ritenuto legittima al fine di scongiurare il rischio di impossibilità de facto di pervenire ad approvazione degli strumenti urbanistici, specie nei Comuni di dimensioni medie o piccole (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 16 giugno 2011, nr. 3663; id., 22 giugno 2004, nr. 4429). Ciò premesso, il motivo è infondato, dovendo condividersi i rilievi del primo giudice, il quale ha sottolineato innanzi tutto la genericità della doglianza, atteso che parte ricorrente non aveva specificamente individuato i consiglieri in posizione di conflitto di interessi, e tenuto conto dell insegnamento giurisprudenziale secondo cui il soggetto, il quale in sede di ricorso giurisdizionale avverso la deliberazione consiliare deduce la violazione dell obbligo di astensione di cui all art. 78, d.lgs. nr. 267/2000 da parte di alcuni consiglieri comunali, ha il dovere di indicare puntualmente sia i nominativi di coloro che ritiene abbiano partecipato alla discussione in aula e alla votazione finale, violando il dovere di astensione, sia gli elementi sui quali fonda l affermazione che i consiglieri o i loro prossimi congiunti fossero concretamente interessati alla votazione al punto di incidere negativamente sulla validità della deliberazione e sulla serenità degli altri consiglieri comunali (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 26 gennaio 2012, nr. 351). A fronte di tali piani e lineari rilievi, ha poco pregio l argomentazione logica spesa dalla istante in sede di appello, laddove assume che, poiché dal verbale del Consiglio Comunale risulta che effettivamente alcuni consiglieri si astennero dal voto su alcune porzioni del Piano, se ne desume automaticamente che un certo numero di consiglieri in posizione di incompatibilità doveva esservi, e ciò per un duplice ordine di ragioni:

16 - perché il mancato assolvimento del sopra richiamato onere di specificazione delle posizioni di incompatibilità non può ritenersi supplito da operazioni logicoinduttive, più o meno agevoli che siano, che si reputi rimesse al giudicante; - perché, stante la piena legittimità dell approvazione del Piano per stralci separati, parte ricorrente avrebbe dovuto in ogni caso indicare analiticamente se e quali consiglieri avessero indebitamente partecipato alla discussione o al voto in relazione a porzioni dello strumento cui erano interessati, ciò che pacificamente essa non ha fatto. 12. In conclusione, essendo acclarata l infondatezza di tutti i motivi di impugnazione articolati nell appello, s impone una decisione di reiezione di esso e di integrale conferma della sentenza di primo grado. Le questioni fin qui vagliate esauriscono la vicenda sottoposta alla Sezione, essendo stati toccati tutti gli aspetti rilevanti a norma dell art. 112 cod. proc. civ., in aderenza al principio sostanziale di corrispondenza tra il chiesto e pronunciato (come chiarito dalla giurisprudenza costante: ex plurimis, per le affermazioni più risalenti, Cass. civ., sez. II, 22 marzo 1995, nr. 3260, e, per quelle più recenti, Cass. civ., sez. V, 16 maggio 2012, nr. 7663); gli argomenti di doglianza non espressamente esaminati sono stati dal Collegio ritenuti non rilevanti ai fini della decisione, e comunque inidonei a supportare una conclusione di tipo diverso. 13. In considerazione della peculiarità della vicenda e della complessità di talune delle questioni esaminate, sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese del grado. P.Q.M. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta), definitivamente pronunciando sull appello, come in epigrafe proposto, lo respinge e, per l effetto, conferma la sentenza impugnata. Compensa tra le parti le spese del presente grado del giudizio. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall autorità amministrativa.

17 Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 24 marzo 2015 con l intervento dei magistrati: Riccardo Virgilio, Presidente Raffaele Greco, Consigliere, Estensore Raffaele Potenza, Consigliere Andrea Migliozzi, Consigliere Silvestro Maria Russo, Consigliere L'ESTENSORE IL PRESIDENTE DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 27/04/2015 IL SEGRETARIO (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... atteso che il procedimento di verifica di anomalia, essendo improntato alla massima collaborazione tra l'amministrazione appaltante e l'offerente, non ha per oggetto la ricerca di specifiche

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... la Sezione ha già posto rilievo, di recente e in una controversia attinente alla medesima procedura di gara, per quanto peculiare perché relativo ad avvalimento di garanzia nell ambito di un

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02291/2015REG.PROV.COLL. N. 10173/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa

Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa PANORAMA GIURIDICO Il procedimento di accesso agli atti e gli adempimenti della P.A. Ten. Col. Bruno Dominici Stato Maggiore Difesa del diritto di accesso ai documenti amministrativi è una delle modalità

Dettagli

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: Nelle gare d appalto, ciascun membro di un associazione temporanea può impugnare a titolo individuale gli atti della procedura, atteso che il fenomeno del raggruppamento di imprese non dà luogo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi

Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi 1. Breve excursus in tema di diritto d accesso agli atti amministrativi 2. Evoluzione normativa fino alla

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

www.cameraamministrativacampania.com

www.cameraamministrativacampania.com Consiglio di Stato, Sezione Quarta, Sentenza del 26 agosto 2014 n. 4278 sui principi che discendono in materia di efficacia del piano di attuazione, dopo la scadenza del termine previsto per la sua esecuzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori:

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori: Page 1 of 9 Ricorso n. 1370/2001 Sent. n. 605/09 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori: Avviso

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che:

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che: Ed invero, l impresa aggiudicataria di un appalto deve non solo essere in regola con gli obblighi previdenziali ed assistenziali sulla stessa gravanti fin dal momento della presentazione della domanda,

Dettagli

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: l'omessa dichiarazione di alcune condanne penali può essere sanzionata con l'esclusione dalla gara solo in presenza di un obbligo stringente imposto dal bando, mentre, in caso contrario, il concorrente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 12 14/12/2011 7.43 N. 09570/2011 REG.PROV.COLL. N. 05442/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali www.ilfogliodelconsiglio.it/wp-content/uploads/pa_f_495_1.doc Avvocato cancellato dall Albo per assunzione in azienda privata. Possibilità o meno di spendere il titolo nelle comunicazioni extragiudiziali

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli