Foto di copertina, P. Picasso, La Ronde. Con approvazione ecclesiastica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foto di copertina, P. Picasso, La Ronde. Con approvazione ecclesiastica"

Transcript

1 Foto di copertina, P. Picasso, La Ronde Con approvazione ecclesiastica Caritas Diocesana - Diocesi di Andria Piazza Bovio, Minervino M. (BA) Tel

2 Diocesi di Andria Caritas Diocesana Luoghi e volti della carità Abbecedario per declinare la carità a cura di Domenico Francavilla e Roberta Miracapillo 3

3 La carità non è per la Chiesa una specie di attività di assistenza sociale che si potrebbe anche lasciare ad altri, ma appartiene alla sua stessa natura, è espressione irrinunciabile della sua stessa essenza (Benedetto XVI, Deus caritas est, 25) 5

4 Celebrare, annunciare e testimoniare il Vangelo oggi in parrocchia: il linguaggio della carità 1 di don Giancarlo Perego Responsabile Area Nazionale Caritas Italiana La Chiesa Italiana sta approfondendo in questo decennio, alla luce del documento Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia (2001), il proprio stile di vita comunitaria, con una particolare attenzione al tema della parrocchia, approfondito nella nota pastorale Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia (2004), e in preparazione al Convegno ecclesiale di Verona (Testimoni di Gesù Risorto, speranza del mondo) che sarà celebrato dal 16 al 20 ottobre Anche il dono recente del Papa Benedetto XVI di un enciclica dedicata alla carità, Deus caritas est, aiuta a rileggere il linguaggio e i segni della carità, dentro un mondo che cambia. Dentro questo quadro pastorale, due sono le chiavi di lettura dell azione della Caritas oggi: da una parte la relazione stretta tra evangelizzazione e testimonianza e dall altra contribuire a una parrocchia che abbia un volto nuovo, grazie anche all azione pastorale della caritas diocesana e parrocchiale. 1) Relazione tenuta il 14 aprile 2005 al Convegno Diocesano delle Caritas Parrocchiali Ripartire dagli ultimi per costruire comunità e successivamente riveduta dall autore. La relazione ha la funzione di costituire l orizzonte più ampio in cui collocare le successive schede per l animazione pastorale della carità. 7

5 PARTE PRIMA 1. L evangelizzazione è testimonianza L 8 dicembre 1975 Paolo VI promulgava l esortazione apostolica Evangelii Nuntiandi, uno dei documenti più importanti e discussi del suo Pontificato, come recentemente un Colloquio internazionale di studi organizzato dall Istituto Paolo VI di Brescia ha rilevato 2. In quel documento, nato tra opposte tendenze di chi riduceva l evangelizzazione alla promozione umana cadendo in una nuova secolarizzazione e di chi escludeva la promozione umana dall evangelizzazione, si affermava che tra evangelizzazione e promozione umana esistono legami profondi. Al n. 24 del documento, Paolo VI arriverà a scrivere che l evangelizzazione è un processo complesso e dagli elementi vari: rinnovamento dell umanità, testimonianza, annuncio esplicito, adesione del cuore, ingresso nella comunità, accoglienza dei segni, iniziative di apostolato. Luogo dell evangelizzazione è la Chiesa: compito fondamentale della Chiesa è l evangelizzazione. La Chiesa assolve al compito dell evangelizzazione nella misura in cui ascolta di continuo ciò che deve credere, le ragioni della sua speranza, il comandamento nuovo dell amore (EN n. 15). Fede, speranza e carità non sono solo le virtù del singolo credente, ma anche le virtù di una Chiesa che evangelizza oggi. In forza di questa visione complementare, dinamica dell evangelizzazione della Chiesa e nella Chiesa, Paolo VI arriva ad affermare che la prima forma di annuncio è la testimonianza. In un mondo ricco di messaggi, in parole e immagini, che talora disorientano, scandalizzano, l uomo cerca più volentieri i testimoni che i maestri o se ascolta i maestri lo fa perché sono dei testimoni (EN n. 41). La Chiesa che evangelizza è una Chiesa di testimoni, di testimonianze : di profeti e di segni che incarnano in maniera nuova una cultura e dei tempi. 2) L esortazione apostolica di Paolo VI Evangelii nuntiandi. Storia, contenuti, ricezione, Brescia-Roma, Studium,

6 La Chiesa della testimonianza è una Chiesa che ascolta e custodisce la Parola e la confronta con le parole degli uomini, che custodisce e ascolta. Continuamente è il duplice primato: il Primato della Parola e la scelta preferenziale dei poveri. E anche il senso della circolarità tra liturgia, catechesi e carità La Chiesa che testimonia è una Chiesa che osserva e valuta, ragiona sulle tragedie e sulle possibilità umane per costruire un futuro, per sperare. La Chiesa che testimonia è una Chiesa che riascolta, nelle parole e nei gesti di Gesù, una storia d amore e la traduce in una storia di comunione fraterna, sempre in maniera originale. 2. L evangelizzazione come testimonianza in parrocchia L evangelizzazione scriveva ancora Paolo VI non si esaurisce nella predicazione e nell insegnamento di una dottrina. Essa deve raggiungere la vita (EN n. 47). La nuova evangelizzazione chiede un immagine di Chiesa nuova, esemplare come si è ricordato al Convegno di Palermo e nella nota pastorale della CEI Con il dono della carità dentro la storia al n. 2: - una Chiesa che ascolta e medita la Parola, perché non c è rinnovamento, anche sociale, che non parta dalla contemplazione; una Chiesa che celebra la liturgia con canti festosi e gesti semplici, ma significativi; una Chiesa unita nell attiva partecipazione di pastori, teologi, religiosi, laici, uomini e donne, nel confronto cordiale e costruttivo di diverse esperienze e sensibilità; una Chiesa sinceramente disponibile alla condivisione ecumenica, al dialogo interreligioso, al confronto interculturale; una Chiesa aperta sulla città, cioè inserita nella società, con un attenzione preferenziale ai poveri. La Parrocchia ci ricordano i nostri Vescovi nel documento Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia - può incarnare questa nuova immagine esemplare di Chiesa, questa storia nuova di fede, speranza e carità. 9

7 La parrocchia si legge nel documento Da questo vi riconosceranno 3 sulle caritas parrocchiali è un segno e un luogo rinnovato di evangelizzazione: uno strumento per dire oggi la Parola di Dio che salva; per dire ancora, con fermezza, pazienza e simpatia col nostro tempo, le ragioni della fede in Gesù Cristo morto e risorto per noi; per accompagnare ogni persona a scoprire la propria filiazione divina (n. 9). La Parrocchia è Chiesa tra le case, è comunione di persone: più che una macchina organizzativa è un cuore che vive: è fatta per tutti e da tutti. Ciascuno è membro, ciascuno è parte, ciascuno è pietra viva di quel tempio scriverà don Primo Mazzolari Nessuno può essere escluso. Se c è una preferenza, questa è per i poveri 4. Nella Parrocchia la Chiesa cresce nel suo volto di Madre (Il volto missionario, 7): nella parrocchia disse Giovanni Paolo II ai vescovi lombardi nell incontro - visita ad limina del 18 dicembre 1986 la Chiesa mostra veramente la maternità rivolta a tutti, senza criteri esclusivi di elitarietà ed impegnandosi ad essere educatrice convinta e fiduciosa di cristiani sempre più aperti allo Spirito. 3. I dieci volti della parrocchia Chiesa fraterna Incarnazione, comunione, maternità - anche alla luce del documento CEI, Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia - sono le parole chiavi sulle quali costruire i volti di una parrocchia oggi come Chiesa fraterna. Primo volto: pluralità delle culture e delle diverse sensibilità porta a comprendere il volto e lo stile di una parrocchia multietnica, cioè luogo di incontro tra culture. Sembrano dover andare in questo senso alcuni servizi segno, ma anche alcune esperienze di celebrazione cariche di problemi umani (giustizia, pace, salvaguardia dell ambiente ). Sul piano interculturale la parrocchia dovrà avere alcune attenzioni nuove e integrate, che derivano anche dai fenomeni della mobilità umana e dell immigrazione. 3) CARITAS ITALIANA, Da questo vi riconosceranno (Gv 13,35), Bologna, EDB, ) P. MAZZOLARI, La parrocchia, Vicenza, La Locusta,

8 Secondo volto: non solo la pluralità delle culture, ma anche la pluralità delle religioni aprono lo stile della parrocchia ad essere luogo interreligioso, scegliendo lo stile del dialogo. Il Concilio Vaticano II, con il documento Nostra Aetate, Paolo VI nell enciclica Ecclesiam suam e nell esortazione Evangelii nuntiandi, Giovanni Paolo II nella lettera apostolica Novo millennio ineunte e nel messaggio per la pace del 1º gennaio 2001, hanno richiamato il dovere del dialogo interreligioso, come una delle prospettive dell inculturazione della fede e dell incontro nuovo tra le religioni. Nella condizione di più spiccato pluralismo culturale e religioso ha scritto il Papa nella Novo Millennio ineunte -, quale si va prospettando nella società del nuovo millennio, il dialogo è importante anche per mettere un sicuro presupposto di pace (n. 55). Terzo volto: le esperienze positive di dono e di amore, nate dall ascolto della Parola e alimentate dai sacramenti, che si costruiscono in parrocchia la rendono luogo d amore, sacramento dell amore tra Dio e l uomo. Quarto volto: luogo accanto alle persone, la parrocchia è il primo luogo ecclesiale in cui si impara e si costruisce la prossimità come stile e prospettiva. Una prossimità che chiede nuove forme di accostamento per l annuncio (la storia di Filippo evocata dagli Atti, ma anche quella di Stefano indicano questa nuova diaconia dell annuncio), nuovi linguaggi, una nuova valorizzazione degli itinerari di preparazione dei sacramenti, una nuova pastorale d ambiente. Quinto volto: luogo dentro il territorio, la parrocchia non è estranea ai problemi della gente, ai luoghi istituzionali in cui cresce la democrazia, anche se non diventa strumento diretto della partecipazione politica. In questa collocazione territoriale matura una scelta profetica della parrocchia, che sposa la relatività delle cose, cioè la povertà, la condivisione delle cose, cioè la colletta, esperienze di servizio sociale esemplari e nuove. Sesto volto: luogo aperto, la parrocchia aiuta a superare i localismi e gli individualismi, a sentire la responsabilità di tutti, a educare alla mondialità come uno dei volti della cattolicità. Nella liturgia noi respiriamo questa universalità, non sempre la respiriamo nella catechesi e nella carità. Settimo volto: la parrocchia serve la nota dell unità della Chiesa cercando non di essere soggetto autoreferenziale, ma di educazione al 11

9 senso diocesano e universale, tenendo viva la dinamica dell uno-molti che è propria della Chiesa. Ottavo volto: la parrocchia ha una guida, un ministro, non è guidata dal popolo, ma il popolo di Dio chiede al suo interno un garante, un custode che richiama continuamente il collegamento all esperienza apostolica della Chiesa come norma normante la propria vita. Il ruolo del prete va riscoperto in parrocchia, dentro una prospettiva ecclesiale di ministerialità diffusa, ma anche dentro una prospettiva che valorizza anche la sintesi (parroco ministro della sintesi). Nono volto: la parrocchia preferisce gli ultimi. Si tratta di riordinare le cose, il tempo, le persone, i luoghi parrocchiali a partire da chi manca, da chi è lontano, da chi è solo, da chi soffre, da chi cresce, da chi non lavora. Parlare di parrocchia che preferisce gli ultimi non significa avere intenzioni classiste o populiste : vuol dire semplicemente ricordava don Mazzolari amare di più chi ha bisogno di essere amato di più, e non lasciare fuori questi o quelli dal nostro amore 5. Oltre che nelle opere di carità, nei sacramenti in particolare nel sacramento della misericordia di Dio, ma anche dell Unzione dei malati si respira molto quest aria di attenzione agli ultimi, ai peccatori, a chi ha sbagliato, a chi è malato. Decimo volto: la parrocchia è serva del mistero, del Santo, dell oltre. E un aspetto importante per non ridurre la parrocchia semplicemente a un insieme di servizi e di proposte strutturate rigide. La mistica parrocchiale nasce dall educazione alla libertà, alla preghiera, al rispetto per ciò che è creduto senza una logica ( religiosità popolare ). 4. Segni e gesti per un cammino comune in parrocchia In questa parrocchia, Chiesa fraterna, per servire la qualità dell annuncio e la scelta preferenziale dei poveri, nascono alcuni luoghi e spazi importanti per camminare insieme e per coniugare liturgia, catechesi e carità Per dare voce al Vangelo e per essere tra le persone Chiesa fraterna, in particolare tra chi vive un bisogno con sofferenza, per 5) P. MAZZOLARI, La Parrocchia, Vicenza, La Locusta, 1957, p

10 essere portatori di una Parola, ma anche di un bene, di un dono, la Parrocchia è chiamata a diventare anzitutto un luogo di ascolto, un Centro di ascolto. La parola è bella, anche perché è condivisa nella Chiesa con una ricchezza di significati. Il Centro di ascolto richiama l ascolto della Parola nella comunità e l ascolto delle parole dei piccoli per parafrasare un espressione di don Primo Mazzolari. Il Centro di ascolto indica la voglia di rischiare la condivisione, offre una disponibilità, costruisce il dialogo, richiama al perdono, costruisce la speranza. La qualità dell annuncio al Centro di ascolto passa attraverso la qualità della testimonianza delle parole, la professionalità delle risposte, l interesse per l ascoltatore, la costruzione di una risposta che, anche se non risolutiva, è espressiva di una fraternità. Il centro di ascolto, i luoghi di ascolto sono una sfida per la pastorale odierna, chiamata a inventare nuove forme di relazione, di incontro. Il centro d ascolto diventa un luogo importante per rendere esperienziale la catechesi e legare alla quotidianità e al territorio la nostra celebrazione eucaristica domenicale. 4.2 Un secondo luogo sono i segni. I sacramenti, le esperienze, i servizi-segno tra i poveri, sono luoghi importanti sul piano dell educazione della fede, ma anche della credibilità della fede, che vanno valorizzati insieme. Le esperienze, poi, del volontariato e del servizio civile sono forme importanti di partecipazione e di responsabilità o educative alla partecipazione e alla responsabilità nella Chiesa da valorizzare, perché espressione della speranza laicale. 4.3 Un terzo luogo: la colletta, il dono Ogni servizio-segno vive anche della colletta, che è un altro modo di partecipare concretamente alle gioie e alle speranze, alle tristezze e alle angosce del nostro tempo e con la Chiesa, è un altro modo per fare comunione. E un altro segno, la colletta, in cui si crede nel valore di un segno, di un gesto, di una struttura, di una campagna. La colletta, in parrocchia, assume oggi la forma del Progetto, della promozione di forme nuove e alternative di mercato e di finanza, del credito gratuito, dell anticipazione. L Offertorio, ma anche la proposta catechistica di un tempo forte, si carica di questa intelligenza, concretezza della comunione gestita poi direttamente dalla caritas diocesana. 13

11 4.4 Un quarto luogo: l annuncio e la denuncia Non si può ingenuamente pensare che ogni male, ogni povertà e abbandono sia frutto soltanto dell incapacità, della debolezza dell individuo. Molti mali sono strutturali, frutto di un ideologia e di una struttura di peccato che rende l uomo incapace di gestire la propria vita, le proprie risorse. La denuncia, in questo sempre più complesso mondo della comunicazione e della politica, diventa uno strumento importante di annuncio, mediato dalla dottrina sociale della chiesa, ma anche portato nella preghiera e nella riflessione soprattutto domenicale, per ricordare, ammonire, stimolare nuove progettualità politiche, economiche e sociali sul piano del rispetto della dignità e dei diritti, della politica familiare, della casa, del lavoro, della salute e dei servizi alla persona. Ogni denuncia, per non essere superficiale ed emotiva, deve essere accompagnata dallo studio, dall osservazione puntuale, dalla discussione fraterna, anche negli organi di partecipazione pastorale. La denuncia, nei cuori profondi, ricordava don P. Mazzolari anche se vivace e ardita, è sempre una pretesa d amore e un documento di vita Un quinto luogo: il tempo e la memoria La carità interpreta i tempi (è uno dei segni dei tempi ), ma si concretizza dentro il tempo liturgico. Quaresima e Avvento sono i tempi che, proprio perchè forti chiedono una attenzione particolare a coniugare fede e vita, contemplazione e azione: per questo i tempi vedono anche una maggiore attenzione a iniziative e percorsi fraterni e di carità. Anche alcune memorie e feste di santi, dentro l anno liturgico, richiamano la carità come vocazione che incarna concretamente la fede e la speranza. 5. Conclusioni: camminare insieme La Chiesa prosegue il suo pellegrinaggio fra le persecuzioni del mondo e le consolazioni di Dio, annunziando la passione e la morte del Signore fino a che Egli venga (1Cor 11, 26). Dalla forza del Signore 6) P. MAZZOLARI, ivi, p

12 risuscitato trova forza per vincere con pazienza e amore le sue interne ed esterne afflizioni e difficoltà, e per svelare al mondo, con fedeltà, anche se sotto ombre, il mistero del Signore, fino a che alla fine dei tempi sarà manifestato nella pienezza della sua luce. Questo passaggio della Lumen Gentium n. 8, applicato alla vita delle nostre parrocchie impegnate nell annuncio, nella catechesi e nella carità, ricorda la necessità di un cammino o itinerario, di condividere la sofferenza, con pazienza e amore, nella fedeltà all insegnamento evangelico. Prendere il largo nell evangelizzazione come invitò a fare il Papa Giovanni Paolo II all inizio di questo Terzo Millennio 7 significa anche costruire nuove scelte e percorsi, sempre fedeli a una Chiesa luce delle genti e che desidera essere un segno di gioia e di speranza per l uomo di oggi. 7) Cfr. GIOVANNI PAOLO II, Novo Millennio ineunte, Roma, 2001, nn

13 Come nasce l Abbecedario 16 INTRODUZIONE In questi tre anni ( ) di lavoro nella Caritas diocesana si è compreso che la mancanza di strumenti e di indicazioni operative costituiscono una delle cause che impediscono un corretto svolgimento delle funzioni proprie di ogni Caritas parrocchiale. Ci si è chiesti: Quale è la funzione propria di una Caritas parrocchiale? La risposta immediata, data dai più, è aiutare i poveri, i bisognosi; ma confrontandosi con lo statuto (a livello nazionale, diocesano e parrocchiale) si scopre che la sua funzione principale è animare, coordinare e promuovere la testimonianza della carità nella comunità con funzione prevalentemente pedagogica (art. 1). Abbiamo cercato di metterci in ascolto delle esigenze delle Caritas parrocchiali e di comprendere dove nascesse la difficoltà di considerare più l essere che il fare. La risposta è data dal fatto che si conosce poco la struttura Caritas, si conosce poco il suo funzionamento e ancora meno quali sono i contenuti che oggi animano la pastorale della carità. Ci si è resi conto che si indagano poco le cause della povertà e ancor meno si declina la povertà dei/nei nostri contesti. Parlare di povertà, chiedersi quali sono le forme di povertà, quasi sempre emerge lo stereotipo dell immigrato; individuare le cause e studiarle quasi sempre si riduce all applicazione di un concetto atavico; procedere alla ricerca di una soluzione quasi sempre coincide con un pacco viveri e qualche indumento o suppellettile da donare. Nulla di tutto questo se si considera più da vicino la struttura Caritas e gli strumenti che in questi più di trenta anni di vita si è data. La Caritas è sostanzialmente differente da un centro di distribuzione o dalla pre - esistente P.O.A.!

14 Quale poteva essere il suggerimento che a livello diocesano potevamo offrire? Quale poteva essere lo strumento da offrire? Quale livello assumere nel coordinamento e nel compito di animazione? Ecco la proposta di un abbecedario della carità. Letteralmente un abc della carità che non considera, in questa sua prima stesura, il suo funzionamento, ma cerca di individuare dei nuclei che possano aiutare le comunità parrocchiali e gli animatori della carità a leggere il mondo delle povertà, dei bisogni, del disagio, dell esclusione. Da questa lettura la Caritas parrocchiale diventa così quell organismo vivo che trasmette a tutta la comunità il richiamo pressante alle situazioni di povertà individuate e suggerisce, in particolare a livello comunitario e familiare, forme concrete di condivisione (Lo riconobbero allo spezzare il pane, 34). La scelta delle parole o l alfabeto per declinare la carità Ci siamo dati un metodo. Abbiamo preso in prestito le lettere dell alfabeto, quasi un tentativo non di ripartire da zero, ma di riappropriarci di ciò che è nostro. Abbiamo abbinato ad ogni lettera dell alfabeto una parola che divenisse chiave per affrontare un tema, un argomento, un attenzione, un bisogno. Da questo primo elenco noi stessi ci siamo resi conto dinanzi a quale e quanta ricchezza eravamo posti e a quale servizio eravamo chiamati nei confronti dei nostri fratelli e sorelle che quotidianamente sono in prima linea nelle Caritas parrocchiali come nei Centri di ascolto. Abbiamo iniziato a declinare un ricco alfabeto, un alfabeto che mostrava molti volti! Ci siamo dati dei criteri per individuare le parole (ce ne potevano essere altre oltre a quelle elencate): volevamo che ci fossero le persone (minori, nonni/anziani), le nuove attenzioni (Barnaba/lavoro, legalità, responsabilità verso l ambiente), le povertà antiche (accoglienza, dipendenze, handicap/diversamente abili, immigrazione), le nuove povertà (carcere, gioco d azzardo, Kossovo/conflitti dimenticati, tratta), la proposta pastorale (emergenza e quotidianità, fantasia della carità, opera segno, volontariato, welfare, zone pastorali/centri di ascolto), il grande tema della pace (pace, servizio civile), i nuovi stili di vita (qualità e stili di vita, urbanizzazione). 17

15 Non consideriamo concluso il lavoro. Anzi, molti altri ancora sono gli aspetti da indagare. Molte ancora sono le povertà non emerse. Il nostro desiderio è di approfondire in seguito le altre forme di povertà, le metodologie adottate, gli strumenti che in questi anni si sono individuati e sperimentati e ciò per rendere più dinamiche e più fedeli le nostre comunità al vangelo che ci affidava i poveri ( i poveri li avrete sempre con voi Gv 12, 8) e non che ce li lasciava come peso quasi che noi fossimo chiamati a un compito di supplenza con un atteggiamento di rassegnazione e non di autentico protagonismo per tirare fuori chi è incappato nella rete della povertà e impedire che altri possano cascarci. Non troverete, dunque, parole come giovani o famiglia, alcool o sostanze stupefacenti, disabilità mentale o zingari, non troverete descritto il metodo ascoltare - osservare discernere che è fondamentale nel lavoro delle Caritas, non ci sarà un riferimento preciso alle leggi dello Stato e alle buone prassi in atto. Non è segno di distrazione, ma compito che ci assumiamo per il futuro e impegno da condividere con le singole Caritas perché diano il proprio contributo a partire dal particolare, dal proprio vissuto. Il testo volutamente rimane aperto perché nasca un dialogo, un confronto. La scelta dei collaboratori L abbecedario si presenta con una caratteristica multiforme di stile, di linguaggio, di esperienza. Tutto ciò non dovrà rappresentare un limite, ma una ricchezza. Ciascuno ha riletto e interpretato dal suo punto di vista ciò che veniva chiesto. Abbiamo voluto raggruppare intorno a questo lavoro uomini e donne che sono impegnati in prima persona sul campo. Uomini e donne che hanno fatto scelte precise di vita e sanno accogliere prima ancora di teorizzare sulle povertà. Uomini e donne che appartengono al nostro popolo, alle nostre comunità, sono visibili, sono conosciuti perché camminano sul nostro suolo. Uomini e donne che si declinano in prima persona. E dove non avevamo la possibilità di avvalerci di collaboratori della nostra Diocesi abbiamo chiesto aiuto ad amici delle Diocesi vicine o con una esperienza a carattere nazionale. È stato bello scoprire che anche nella nostra realtà diocesana ci sono tante risorse, una ricchezza che chiede di essere condivisa. Voci che chiedono di essere ascoltate. 18

16 Dall analisi è emerso che la carità è diversa dall elemosina Già dalla lettura dell indice - alfabeto emerge uno spaccato completo di ciò che è stato oggetto della nostra riflessione e studio. Emerge soprattutto che la carità non può essere declinata solo come elemosina, che i soggetti non sono solo i poveri, che poveri non si nasce, che la comunità è chiamata a svolgere un ruolo attivo. Ricorderemo tutti le parole del documento dei vescovi italiani Evangelizzazione e testimonianza della carità che ci invitava a compiere un passo in avanti, a lasciarci coinvolgere e non a vivere il distaccato gesto dell elemosina. Rischio che si annida sempre dentro di noi e ci lascia dormire sonni tranquilli anche quando con un semplice SMS abbiamo pensato di contribuire alla soluzione di problemi che richiedono un cambio della nostra vita. La carità, e la proposta pastorale della carità, obbliga ad un cambiamento, ad una conversione! Come si presenta il testo Ogni singola scheda è suddivisa in paragrafi. Le voci di ogni singolo paragrafo sono: la lettera/parola, il contenuto, la bibliografia, le pagine web, le esperienze sul nostro territorio e recapiti, le idee e proposte, le note. Contenuto: in questa sezione viene sviluppato il contenuto rappresentato dalla parola in questione. Si tratta di offrire un panorama minimo della situazione nella nostra Diocesi (e/o in Italia) in modo tale da suscitare interesse e iniziare a ricercare come declinare la parola con la testimonianza della carità. L attenzione sarà prevalentemente pastorale. Bibliografia: si tratta di raccogliere pubblicazioni significative sull argomento, magari l ultima in ordine di tempo per evitare una dispersione o un eccesso di documentazione, ed eventualmente l ultimo documento o testo pubblicato dalla Caritas Italiana e/o altre realtà del volontariato per un maggiore confronto dal punto di vista pastorale (tutti i libri citati possono essere consultati presso la sede della Caritas diocesana). Pagina web: si tratta di indicare un sito o più siti web tra i principali selezionati in modo tale da offrire indicazioni concrete per la ricerca e un orientamento tra i tanti possibili che potrebbero portare lontani dal modo di essere e di agire della Caritas. 19

17 Esperienze sul nostro territorio e recapiti: si tratta di raccogliere e indicare esperienze concrete che si stanno facendo sul territorio della nostra Diocesi o nelle Diocesi limitrofe, in modo tale da avere una banca dati minima per poter rispondere ad eventuali bisogni o a suscitare un confronto che porti anche ad una riproposta nei propri ambienti di servizi o buone prassi simili. Idee e proposte: si raccolgono in questo spazio alcune idee e proposte che potrebbero essere assunte dalle nostre comunità. Note: in questo spazio, molto spesso lasciato vuoto, si potrà annotare tutto ciò che emerge dalla lettura, dallo studio, dalla riflessione e dal confronto, in modo tale che si possa giungere, all interno di ogni singola comunità, a individuare una risposta e a suggerire una buona prassi per l animazione della carità, e comunque a saper osare l accompagnamento dei poveri e la condivisione dei problemi, in uno dei numerosi volti che qui appaiono, anche quando non si intravedono vie di uscita. Volutamente in questo testo mancano i riferimenti biblico - teologici e del magistero perché questo compito è affidato al singolo lettore e alla Caritas parrocchiale che nel confronto sappiano attingere, nella Parola di Dio e nell insegnamento della Chiesa, un suggerimento e una illuminazione per il proprio cammino e impegno. La Caritas parrocchiale ha innanzitutto il compito di aiutare l intera comunità a mettere la carità al centro della testimonianza cristiana, così che la comunità ne faccia esperienza concreta e quotidiana e impari a servire il suo Signore presente nei poveri, a seguire l esempio di lui che, da ricco che era, si fece povero («Da questo vi riconosceranno», n. 31). È l augurio che vogliamo rivolgere a tutti coloro che vorranno leggere e sapranno utilizzare queste schede. 20

18 Accoglienza (affido, adozione, ospitalità, sostegno alla vita, progetto Gemma) Contenuto L accoglienza per una famiglia cristiana è una testimonianza di vita ed educativa oltre che un doveroso impegno pastorale. Naturalmente parliamo di ogni tipo di accoglienza: temporanea o per lunghi periodi, di un anziano o di un disabile o di una persona in difficoltà. Ma una delle forme più impegnative di accoglienza è l Affidamento di bambini. Le famiglie cristiane che nella fede riconoscono tutti gli uomini come figli del comune Padre, verranno generosamente incontro ai figli delle altre famiglie, sostenendoli e amandoli non come estranei ma come membri dell unica famiglia dei figli di Dio. I genitori cristiani potranno così allargare al di là dei vincoli della carne e del sangue, alimentando i legami che si radicano nello spirito e che si sviluppano nel servizio concreto ai figli di altre famiglie, spesso bisognosi persino delle cose più necessarie (Familiaris Consortio n. 41). L affido familiare è uno dei modi più efficaci per aiutare un minore la cui famiglia si trovi in difficoltà. Che differenza c è tra affido ed adozione? Con l affido il bambino si inserisce in una famiglia che lo accoglie solo per un periodo di tempo limitato, durante il quale mantiene rapporti con la sua famiglia d origine che nel frattempo viene aiutata a risolvere i suoi problemi. Con l adozione invece il minore perde ogni contatto con la famiglia d origine e diventa figlio legittimo dei coniugi adottivi come se fosse nato da loro. 21

19 Chi può diventare affidatario? Coppie con figli o senza figli e persone singole: tutti possono accogliere un minore in difficoltà! Se si tratta di una famiglia è opportuno che tutti i membri di essa siano d accordo nell affrontare questa esperienza. Come si diventa affidatari Chi decide di diventare famiglia affidataria deve prendere contatto con il Servizio Affidi del Comune di residenza oppure con il Consultorio Familiare delle ASL o anche con le associazioni che con essi collaborano. Quanto tempo può durare un affido Esso può durare da alcune ore al giorno, per aiutare il minore nell impegno scolastico, fino ad alcuni mesi o anni. La famiglia ospitante deve avere la capacità di accogliere non solo il minore, ma anche le necessità e i problemi della famiglia d origine. Deve cioè contribuire insieme coi Servizi che hanno proposto l affido a ridurre o addirittura ad eliminare le cause di quell affido. Deve inoltre evitare che il minore che sta accogliendo guardi alla sua famiglia d origine come una famiglia cattiva o sbagliata, deve anzi accettare e accogliere la storia di quel bambino in tutte la sue sfaccettature e contraddizioni. La famiglia affidataria si impegna a: accogliere presso di sè il bambino; provvedere al suo mantenimento, alla sua educazione ed istruzione, assumendo le dovute attenzioni psicologiche, affettive, materiali; garantire il rispetto della storia del bambino e delle sue relazioni significative; assicurare la massima discrezione circa la situazione del minore e della sua famiglia di origine; curare e mantenere i rapporti con la famiglia d origine e agevolare il rientro del minore secondo le indicazioni contenute nel progetto; partecipare agli incontri di verifica sull affidamento predisposti dai Servizi Sociali secondo le modalità ed i tempi specificati nel progetto. 22

20 Dal punto di vista pastorale le parrocchie dovrebbero impegnarsi a coinvolgere maggiormente proprio le famiglie e le persone che fanno esperienza di affido e di accoglienza: grazie alla loro esperienza che affrontano quotidianamente in questa straordinaria e difficile avventura, potranno essere punto di riferimento e testimonianza vivente di una Comunità accogliente. È necessario che si sostenga una cultura dell accoglienza e dell ospitalità. Per favorire ciò ci sono delle tappe intermedie che educano all accoglienza. Ad esempio la Caritas diocesana ha in corso il progetto di accoglienza dei minori di Chernobyl: per un mese in estate o in inverno un minore è ospite nella famiglia intessendo così relazioni che vanno al di là del semplice soggiornare in famiglia; il Progetto Gemma: un progetto di adozione a distanza della vita nascente e del sostegno a ragazze o giovani genitori, un modo per condividere le difficoltà ed aiutare a sradicare le cause che molto spesso conducono all aborto e alla violenza sui più indifesi; le Adozioni a distanza: un modo per far entrare nella propria casa e nella propria famiglia uno spicchio di mondo e formarsi una sensibilità e coscienza che porterà alla condivisione anche del proprio tempo, sentimenti, affetti oltre che del denaro. Bibliografia MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, Affidare, un percorso informativo nell affidamento familiare, Cagliari, 2004; MARTINI V., Una famiglia per ogni bambino: famiglie accoglienti e affido, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2003; CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE E ANALISI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA, I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare, Firenze, Istituto degli Innocenti, 2002; BERETTA G., Storie di affidamento, Liguori Editore, Napoli GARELLI F., L affidamento. Esperienza delle famiglie e dei servizi, Carocci, Roma 2000; 23

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti

LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti LA CARITAS PARROCCHIALE: ORGANISMO PASTORALE DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE Identità, collocazione, compiti Giuseppe DARDES in occasione del seminario di formazione per parroci - Pianezza, 24 febbraio 2003.

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO

LA CURA DEI GIOVANI. Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO LA CURA DEI GIOVANI Suore di Carità delle Sante B. Capitanio e V. Gerosa dette di Maria Bambina Venezia Diocesi di Venezia MENSA SAN MARTINO CARCERE FEMMINILE GIUDECCA COLLEGI UNIVERSITARI STORIA La comunità

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE

Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE Azione Cattolica Italiana Azione Cattolica dei Ragazzi Diocesi di Torino PROGETTO SINDONE PROGETTO SINDONE I ragazzi accolgono i ragazzi In occasione dell Ostensione della Sindone indetta dal 10 aprile

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA Art 1 Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

CHIESA DROGA E TOSSICOMANIA

CHIESA DROGA E TOSSICOMANIA PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PASTORALE DELLA SALUTE CHIESA DROGA E TOSSICOMANIA MANUALE DI PASTORALE LIBRERIA EDITRICE VATICANA 00120 CITTÀ DEL VATICANO

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli