Solidaria. Istruzione: una promessa non mantenuta [1]2011. Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus. BRASILE Piegato dalle inondazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solidaria. Istruzione: una promessa non mantenuta [1]2011. Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus. BRASILE Piegato dalle inondazioni"

Transcript

1 Solidaria [1]2011 Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus NEWS Istruzione: una promessa non mantenuta BRASILE Piegato dalle inondazioni HAITI Prima il terremoto, adesso il colera MOZAMBICO La siccità eterna nemica REPUBBLICA DOMINICANA Aiutiamo i bambini ad andare a scuola PERIODICO QUADRIMESTRALE - ISCRIZIONE TRIBUNALE DI GENOVA N. 4/ REGISTRO STAMPA N. 1/2009

2 sommario Marzo 2011 NEL MONDO 3 Istruzione, una promessa non mantenuta REPUBBLICA DOMINICANA 5 Scuola: centinai di bambini aspettano il nostro aiuto HAITI 7 Gli scultori di Porto Principe 8 Il colera e la collera BRASILE 9 Devastanti inondazioni: una regione in ginocchio 10 Grazie Suor Inês MOZAMBICO 11 Al via il nuovo anno scolastico senza aule 12 La siccità ha colpito ancora PROTAGONISTI 13 Io, missionario con l Aids Periodico informativo quadrimestrale di Solidaria Onlus Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo Via Molteni, 2/1 sc. B Genova Tel Fax Direttore Responsabile: Andrea Bazzurro Redazione: Via Molteni, 2/1 sc. B Genova Impaginazione: Studio Helix - Recco (Ge) Stampa: Angassini Arti Grafiche - Genova Registrazione: Tribunale di Genova n. 4/2008 Corrispondenti: Repubblica Dominicana: Blanca Severino - Domingo De Peña Haiti: P. Wilnor Ilieris Brasile: Frei Diego Da Melo - Frei Alvaci Mozambico: Danilo Barca - Daniela Bulha Hanno collaborato a questo numero: Guido Greppi - Sabina Perozzi - Ida Monicelli Solidaria News viene inviato a tutti i sostenitori e a chi ne fa richiesta. SOLIDARIA NEWS è il periodico informativo di Solidaria Onlus, Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo. Fondata da persone impegnate da anni in attività di sviluppo nei Paesi Emergenti con la finalità di combattere la povertà e l esclusione sociale, la missione di Solidaria è quella di promuovere il benessere dei minori e delle loro comunità di appartenenza, senza distinzioni religiose, etniche o di genere. Solidaria realizza le proprie attività avvalendosi della collaborazione di partner locali e strutture religiose, attraverso le quali vengono sostenuti, nelle necessità di base, migliaia di bambini perseguendo principi di trasparenza finanziaria, sostenibilità degli interventi e valorizzazione del patrimonio sociale e ambientale locale. Solidaria attualmente è presente in 4 paesi (Repubblica Dominicana, Haiti, Brasile e Mozambico) con 27 progetti che rispondono a precise richieste delle comunità e si caratterizzano per essere gestiti da partner locali la cui professionalità ed esperienza garantiscono il corretto svolgimento delle iniziative. I progetti di Solidaria riguardano prevalentemente i seguenti settori d'intervento: Infanzia. Migliorare le condizioni di vita dei minori orfani o a rischio di vulnerabilità. Acqua. Favorire l accesso all acqua potabile, educando ad un utilizzo corretto e responsabile delle risorse idriche. Diritti. Difendere la giustizia sociale, promuovendo il ruolo femminile e sostenendo le comunità svantaggiate. Formazione. Valorizzare la cultura e le risorse locali, sostenendo l'istruzione e la formazione professionale. Solidaria realizza le proprie iniziative tramite programmi di sostegno a distanza: con un contributo mensile di 24,00 euro i sottoscrittori possono offrire un aiuto concreto a bambini in situazione di povertà e residenti nei PVS, senza sradicarli dalla loro famiglia e dalla loro cultura. Vuoi aderire alle nostre iniziative? Vuoi contribuire? Poste Italiane c/c IBAN IT 06 D Carige c/c 16722/80 IBAN IT 35 M Intestati a: Solidaria Onlus - Genova

3 NEL MONDO Marzo ISTRUZIONE PER TUTTI Una promessa non mantenuta Nel Foro Mondiale dell Educazione svoltosi a Dakar nel 2000, gli Stati si sono impegnati a garantire, entro il 2015, l istruzione di base per tutti i bambini del mondo. Ma oggi, a pochi anni da questa data, oltre 72 milioni di bambini in età scolastica non hanno accesso all educazione. La giornata scolastica inizia molto presto nella scuola di Nguni, un villaggio situato al nord del Mozambico. Alle sei del mattino, quando arrivano gli alunni, l insegnante è già vicino alla lavagna, una tavola di legno dipinta di nero appoggiata a un albero di acacia. Intorno, sul terreno, delle pietre in cui gli alunni si siedono e assistono alla lezione, sperando nella clemenza del vento e della pioggia. Due ore dopo, alle otto, la scuola termina e gli alunni si allontanano rapidamente verso le proprie abitazioni: alcuni devono aiutare il padre ad abbeverare i buoi, altri a zappare mentre le femmine devono svolgere i lavori domestici o accudire i fratelli più piccoli. Solo al pomeriggio si ritroveranno sotto il grande albero per altre due ore di lezione. Questa situazione è comune a molti paesi africani dove lo scarso accesso all istruzione è principalmente dovuto all insufficiente numero di scuole, all impossibilità di sostenere i costi dell istruzione, alla necessità di lavorare per aiutare i genitori, all Aids che sta causando decine di migliaia di orfani. Tutte queste difficoltà impediscono a tanti bambini di frequentare

4 4 Marzo2011 NEL MONDO e terminare la scuola primaria, con tutte le conseguenze che ne derivano. A solo quattro anni dalla data stabilita nel Foro Mondiale dell Educazione, 72 milioni di bambini sono privati del diritto allo studio, mentre altri 20 milioni abbandonano la scuola primaria prima d averla conclusa e molti di coloro che la terminano non sono preparati per l insufficiente professionalità degli insegnanti. Ma anche se alcuni paesi hanno fatto progressi nel settore dell educazione, l impegno di garantire l istruzione a tutti entro il 2015 difficilmente verrà mantenuto: i dati recentemente pubblicati dall Unesco dimostrano che nel 2015 i bambini ancora senza istruzione saranno circa 56 milioni, a meno che gli Stati non intensifichino lo sforzo in questi anni. UN CAMMINO PIENO DI OSTACOLI Nelle città del Sud del mondo, da Manila a Maputo, la mancanza di scuole efficienti e decorose costringe molte famiglie, già in condizioni di difficoltà economica, a iscrivere i propri figli in scuole private, spesso di bassa qualità. Ma molte altre famiglie non possono permettersi questo lusso. La difficoltà di accesso all educazione non è un problema isolato, ma è legato a fenomeni più vasti, come la povertà o la discriminazione delle bambine e delle donne. In Pakistan, per esempio, le bambine appartenenti a famiglie rurali povere frequentano solo i primi due anni di scuola primaria. Ma non sono solo i governi dei paesi Emergenti che devono fare grandi sforzi a favore dell educazione: i paesi donatori non hanno mantenuto l impegno da loro assunto con i bambini del mondo. Per fare in modo che tutti accedano all istruzione di base, è necessario un maggiore contributo economico a sostegno dell educazione. È vero che vi sono molte barriere da superare come la mancanza di insegnanti, povertà e tradizioni, ma queste barriere possono essere vinte con un appoggio ai gruppi più vulnerabili, la costruzione di scuole e una maggior preparazione degli insegnanti. Una buona scuola è lo strumento ideale per lottare contro la povertà e un insegnamento di qualità significa sviluppo e possibilità di un futuro migliore, non solo per l alunno, ma anche per il paese in cui egli vive. Kewin Watkins Funzionario dell Unesco

5 REPUBBLICA DOMINICANA CENTINAIA DI BAMBINI ASPETTANO IL NOSTRO AIUTO Felipe non può andare a scuola Attraversando le basse colline in cui scorre il fiume Ozama, alle spalle della città di Santo Domingo, si incontrano gruppi di baracche costruite in legno e lamiera, alcune dipinte con tinte vivaci che aiutano a nascondere la povertà al loro interno, altre seminascoste tra la vegetazione, quasi una continuazione dell anonimato che caratterizza l esistenza dei suoi abitanti. Molte sembrano rimanere in piedi per magia, quasi una sfida alla legge di gravità. Le famiglie che vivono in queste colline o a margine del fiume non sono molte e tra disoccupazione, povertà e criminalità sopravvivono come possono, vendendo frutta od ortaggi nel mercato e svolgendo dei lavori saltuari. Dalle soglie delle case gli adulti ci guardano con diffidenza. I bambini sono meno timidi e si avvicinano incuriositi. La maggior parte di loro sono scalzi. La casa di Rosaria non è diversa dalle altre: è costruita in legno e lamiera, dipinta di celeste. Dietro altre case simili, con davanti un piccolo terreno incolto. Ci viene incontro sorridendo, anche se i suoi occhi riflettono una vita di privazioni. Vive da sola con il figlio Felipe di sette anni, che lo scorso anno avrebbe dovuto iniziare a frequentare la scuola, ma Rosaria non ha la possibilità di pagare la tassa d iscrizione e tanto meno il materiale scolastico necessario. Mentre conversiamo con lei, stende il braccio e dice. Aquí la vida es muito difícil. Las riquezas de Dios están en la tierra, pero as veces no es suficiente. Il desiderio di Rosaria è trovare un padrino per Felipe. Qualcuno che lo sostenga nel frequentare la scuola e lo aiuti nei periodi in cui in casa non vi è nulla da mangiare. Rosaria sa che Solidaria lavora in questa località ed ha esposto al nostro animatore locale le sue difficoltà nell iscriverlo a scuola. Non posso permettere che Felipe vada ad aumentare le statistiche dei bambini che non hanno accesso allo studio afferma. Parliamo a lungo con Rosaria e raccogliamo i dati necessari per inserire Felipe nel programma di sostegno. Tra breve Marzo tempo potrà iscriversi a scuola ed avere altri benefici, come alimenti e vestiario: miglioramenti concreti che difficilmente avrebbe potuto acquisire. Terminato l incontro, lasciamo Rosaria, Felipe e i bambini del villaggio che non hanno smesso di seguirci curiosi. Lungo la via del ritorno ci tormenta il pensiero che, per ogni bambino che entra nel programma di sostegno, molti altri non ricevono nessun aiuto. Solo qui nella Repubblica Dominicana sono migliaia i bambini come Filipe che stanno aspettando il nostro aiuto. Vivono in contesti difficili, alcuni di loro non hanno neppure una casa o una famiglia. Spesso sono costretti a lavorare anzichè andare a scuola. Eppure basta poco per migliorare la vita di ognuno di loro: basta meno di un euro al giorno. Per informazioni vai sul nostro sito (www.solidaria. org) oppure chiamaci al numero verde

6 6 Marzo2011 REPUBBLICA DOMINICANA LA VISITA A YANDIRIS E SULEQUI L ALTRO ASPETTO DELLA REPUBBLICA DOMINICANA La signora Valentina Clerici sta sostenendo una bambina nella Repubblica Dominicana, Yandiris Abreu. Riportiamo la testimonianza della visita alla bambina effettuata dal marito della signora Valentina, il signor Felipe Polanco, che ha colto l occasione del viaggio per visitare anche la piccola Sulequi Garcia, sostenuta da Marina Pomarico, madre della signora Valentina. Da molto tempo sentivamo parlare delle adozioni a distanza senza mai approfondire l argomento fino a quando non siamo entrati in contatto con Solidaria e i suoi progetti nella Repubblica Dominicana. La scelta è caduta su questo Paese poiché ne sono originario, pensando che sarebbe stato più facile recarci lì che in qualsiasi altro posto dove Solidaria opera, con il fine di conoscere personalmente i bimbi adottati. Con mia moglie sosteniamo Yandiris, mentre i miei suoceri sono diventati padrini di Sulequi. Sono due bambine che vivono nel Batey di Gautier. Nella settimana che ho trascorso nella Repubblica Dominicana ho avuto la possibilità di incontrarle. Con il signor Domingo e la signora Rosa Alba, responsabili di Solidaria nei Caraibi, mi sono recato a Gautier, a pochi chilometri dalla capitale. L incontro è stato molto emozionante, le due bambine mi hanno accolto con i genitori, i fratelli, le sorelle e sono stato invitato a visitare le loro abitazioni. Naturalmente la mia visita ha richiamato l attenzione e l interesse di moltissimi altri bambini e la tentazione di prenderli tutti in braccio e portarli a casa è stata forte. Prima di partire, avevamo chiesto a Solidaria di interessarsi direttamente presso le famiglie delle due bambine sulle loro necessità, per evitare di acquistare oggetti superflui, per quanto sia difficile parlare di superfluo. Solidaria si è operata immediatamente per trasmettere questa nostra richiesta alle famiglie e farci avere le loro risposte. La distribuzione dei doni (vestiti, sandaletti, libri e colori) è avvenuta in un atmosfera di curiosità e sorpresa, forse le bambine non si aspettavano una visita così tempestiva del padrino anche perché le adozioni le abbiamo attivate nel Natale del Credo che per un Dominicano l entrare in contatto con queste realtà poco fortunate sia meno impattante rispetto ad un Europeo, ma ritengo che tutti dovrebbero approfittare di questa possibilità per conoscere un altra parte della Repubblica Dominicana, ben lontana dall immagine dei depliant turistici e degli hotel a cinque stelle. Riteniamo che l operato di Solidaria nella Repubblica Dominicana sia molto positivo e speriamo di donare un po di serenità alle bambine e alle rispettive famiglie con il nostro piccolo contributo. Felipe Polanco

7 HAITI Marzo DOLORE E SPERANZA L arte di Haiti Le opere degli scultori di Porto Principe esprimono la vita, la religione e il dolore del popolo haitiano: un arte inserita in un contesto internazionale. Il terremoto ha ucciso lo scultore Loaco. Ma prima di morire ha lasciato una rappresentazione di sé stesso: una scultura dalla forma umana realizzata con pezzi di metallo e, nella sfera che rappresenta la testa, due occhi ricavati da due orologi da polso sembrano fissare le altre sculture sparse nel laboratorio degli Scultori della Grand Rue di Porto Principe, un officina di arte apprezzata in tutto il mondo, ma ignorata in Haiti. Quasi tutti i componenti del gruppo erano pittori: dipingevano i caratteristici quadri in stile naif, tipici dell arte haitiana, che vendevano per le strade di Porto Principe o nella vicina Repubblica Dominicana. Pochi anni fa hanno deciso di cambiare genere e hanno formato un gruppo che si esprime mediante sculture metalliche ricavate da oggetti non più utilizzabili, e che in questo periodo abbondano nelle macerie degli edifici crollati di Haiti. In alcuni casi le loro opere includono anche dei teschi provenienti dai cimiteri che il terremoto ha sconvolto. Le sculture sono realizzate con pezzi prelevati da vecchi veicoli, rottami di radio e televisori, elet- Gli Artisti della Grand Rue (www.atis-rezistans.com), sono conosciuti con questo pseudonimo perché vivono in un area attraversata dalla strada che porta lo stesso nome, situata nella zona costiera di Porto Principe considerata, durante l occupazione americana del 1920, il centro economico ed elegante della città, mentre oggi è divenuta una delle zone più povere. Con gli anni, man mano che il centro economico cittadino si spostava in altri quartieri, qui sono sorte delle minuscole case in lamiera, prive di servizi igienici, acqua ed elettricità: la stessa situazione in cui vive la maggior parte degli abitanti di Haiti e di cui un esempio sono appunti gli Scultori della Grand Rue. trodomestici, legno e utilizzano, come supporto concettuale, l immaginario della religione vudù, da cui spesso gli artisti ricavano la loro ispirazione, oppure raffigurano elementi di interesse collettivo espressi con il ferro, l alluminio e materiali simili. A volte non si distinguono bene i vari componenti: occorre osservare attentamente la scultura per scoprire pale di ventilatori, cerchioni di automobili, cavi elettrici ed altri mille oggetti uniti tra di loro. Nei pressi del laboratorio, sotto una tettoia di lamiera, gli artisti hanno creato un esposizione permanente delle loro opere, un piccolo trionfo nei confronti di coloro che ritenevano strane queste persone che utilizzavano la fiamma ossidrica invece che il pennello o lo scalpello, ma che ora sono divenuti famosi all estero. Questo gruppo di artisti ha esposto, oltre che negli Stati Uniti e in alcuni paesi africani, anche in tutta Europa. In Italia, le loro opere sono state presentate alla GloriaMaria Gallery di Milano poche settimane fa: 28 sculture affiorate dalle rovine del terremoto, grovigli di materiali di recupero trasformati in figure materne oppure in simboli di resistenza, unica arma rimasta agli haitiani. La gente dorme per strada, i soldi che ci avete mandato se li sono tenuti i politici. C è troppa corruzione afferma Eugene, il fondatore del gruppo, in occasione dell inaugurazione della mostra. Le nostre opere rappresentano l anima di Haiti e rivelano la capacità di trasformare in forme espressive la nostra tragedia. Queste forme artistiche non risolvono i nostri problemi, però ci rendono coscienti della loro esistenza, che esprimiamo con le uniche risorse che ci sono permesse.

8 8 Marzo2011 HAITI «LA STORIA DI UN FALLIMENTO» Il colera e la collera L a prima cosa che viene in mente è che vi sia una sorta di maledizione, perché non è possibile che tanto dolore e tanta morte si accumulino in così poco tempo. Ma poi subentra la razionalità, la ricerca di spiegazioni, perché le maledizioni non cadono dal cielo come una condanna degli dei. Non si tratta di una maledizione ineluttabile, ma di qualcosa che ha a che fare con il nostro mondo quotidiano e, se ci si domanda come questo sia possibile, si scopre che vi è abbandono, indifferenza, oblio. Un anno fa tutti i paesi del mondo hanno dichiarato la loro disponibilità nel sostenere e ricostruire Haiti dopo il terremoto che ha ucciso quasi trecento mila persone. Ma, dopo un anno, nonostante le buone intenzioni e i proclami giunti da ogni parte del mondo, nulla è cambiato. Niente di quello che doveva essere ricostruito è stato ricostruito. Nessuna promessa è stata mantenuta. Oggi la gente continua a vivere nelle tendopoli, nelle baracche di lamiera, nei ruderi delle abitazioni distrutte, proprio come i topi. Haiti è sofferenza... è la storia di un fallimento ha affermato un funzionario delle Nazioni Unite. E le sue parole sono tragicamente vere. In questo paese in milioni soffrono ogni giorno la fame, la miseria e le malattie ma, soprattutto, soffrono perché sanno che il loro futuro non sarà migliore. Ad aumentare la disperazione, dopo il terremoto, dopo uragani e tempeste tropicali, è giunto da alcuni mesi il colera che ha giù ucciso migliaia di persone e ne ha colpite oltre 150 mila. Come se non bastasse, la furia popolare scoppiata per le voci di brogli elettorali nelle recenti elezioni, ha sconvolto la capitale e gettato Haiti, ancora una volta, nel caos più profondo con barricate, incendi, strade bloccate, aeroporto chiuso, saccheggi, feriti e morti. LA COLLERA DOPO IL COLERA Ad un anno dal terremoto nulla è cambiato, anzi la situazione è peggiorata. Non perché le persone non abbiano manifestato solidarietà o perché le organizzazioni di aiuto umanitario non siano intervenute, ma perché nelle strategie geopolitiche delle grandi potenze e nel mondo delle macrodinamiche internazionali, la piccola Haiti ha ben poco spazio. La quantità di risorse economiche stanziate per salvare Haiti dalle catastrofi, quella del terremoto e quella della sua storia, è ridicola se comparata, per esempio, con le risorse utilizzate per salvare le banche europee o americane dalla crisi economica, o con quelle impiegate per l acquisto di armamenti. In questo paese, in cui a stento sopravvivono milioni di persone, la priorità non è sostenere la vita, ma acquisire dei benefici. Nel corso del processo elettorale si è avvertito come i candidati fossero preoccupati più per gli interessi economici che la ricostruzione può generare, che per la ricostruzione di Haiti. Ecco allora come il colera sia una conseguenza del mondo legato al profitto nel quale viviamo, e la collera una conseguenza dell impotenza e della mancanza di un futuro. Fran Sevilla Giornalista

9 BRASILE pioggia così qui non l abbiamo mai veduta. Una Ho perso tutto ma ricominceremo, ce la faremo dice Teresa Gonçalvez mentre parla con un giornalista davanti ai resti della sua casa, a Nova Friburgo. Le lacrime la fanno sembrare più vecchia di quello che è, ma non perde la speranza mentre abbraccia i suoi figli. Come Teresa, altre decine di migliaia di persone hanno visto le loro abitazioni distrutte. Nova Friburgo è una delle città Marzo UNA REGIONE IN GINOCCHIO Devastanti inondazioni della provincia di Rio colpite dalle alluvioni di gennaio. La separano da Petropolis, un altra città della stessa provincia, un centinaio di chilometri. A circa metà strada, vi è un altro grande centro, Teresopolis. Una zona di montagna famosa per le bellezze naturali, con cittadine ricche di storia e bellezze architettoniche ma che ora è in ginocchio. In pochi giorni sulla provincia di Rio è caduto il 94% delle precipitazioni previste per l intero mese di gennaio: un vero e proprio diluvio che ha provocato allagamenti, frane e smottamenti. «In alcuni punti sembra uno scenario di guerra ha affermato il ministro dell Ambiente Izabella Teixeira Quello che abbiamo visto è un panorama desolante, provocato dalla violenza dell acqua e dalle frane delle colline, che hanno fatto morti e danni gravi alle strade, alle abitazioni e alle infrastrutture della zona. Delle aree che abbiamo sorvolato intorno ai municipi di Pe-

10 10 Marzo2011 BRASILE GRAZIE SUOR INÊS Chi entra quotidianamente nel Centro Educativo Terra Santa, quasi certamente è stato ricevuto e consigliato da una persone che si distingue per la sua calma e serenità: suor Inês, responsabile della segreteria del nostro Centro. Persona di molto talento, suor Inês si occupa anche di seguire i corsi di sartoria dando consigli a chi si avvicina ad una macchina da cucire e segue nel doposcuola gli alunni. Se qualcuno le chiede quali siano le motivazioni di un lavoro tanto intenso, risponde che Tutto ciò che viene fatto in nome della vita e della persona umana, specie dei giovani, è qualche cosa che ci entusiasma, ci trasmette l allegria di vivere e di continuare a credere nei nostri ideali. Ma ora, dopo diversi anni con noi, suor Inês ci lascia, destinata ad un altro importante incarico. Grazie a lei abbiamo appreso il reale significato della parabola evangelica in cui Gesù afferma che il regno dei Cieli è un piccolo seme che germina silenziosamente sino a dare i frutti. Grazie suor Inês per la tua disponibilità ai problemi dei nostri giovani. Con la tua bontà e la tua pazienza hai conquistato tutti noi di Terra Santa. Non possiamo fare altro che augurarti tanta felicità e tanti successi nel tuo cammino. Frei Diego Melo tropolis, Teresopolis e Nova Friburgo, riteniamo che la situazione peggiore sia quella di quest ultimo centro.» Per il ministro dell Ambiente brasiliano, Carlos Minc, l elevato numero di vittime è da imputare alla combinazione di due fattori: la catastrofe naturale e l incapacità dimostrata da diversi prefetti. La neo presidente Dilma Rousseff ha stanziato 500 milioni di dollari per la ricostruzione di quella che gli esperti di meteorologia definiscono la peggior catastrofe degli ultimi 43 anni, quando le inondazioni colpirono la città di Caraguatatuba uccidendo oltre 300 persone. Nova Friburgo, tra le città colpite dal disastro, è quella che ha registrato più della metà delle oltre ottocento vittime accertate, senza contare decine di migliaia di persone rimaste senta casa. Vittime anche a Teresopolis e, in misura minore, a Petropolis dove ha sede il Centro Terra Santa con cui Solidaria collabora da alcuni anni nel sostegno ai minori che vivono nei quartieri più poveri della città. Nei giorni in cui scorrevano le tragiche immagini dei danni provocate dalle alluvioni e dagli smottamenti di terra, molti sostenitori ci hanno telefonato, comprensibilmente preoccupati per i loro figli adottivi. Fortunatamente nessuno di loro, ha affermato Frei Diego che abbiamo subito raggiunto per telefono, ha riportato danni. Riportiamo il testo del messaggio di posta elettronica che Frei Diego ci ha inviato in quei giorni tragici e che abbiamo anche pubblicato nel nostro sito internet per tranquillizzare chi stava sostenendo un bambino del Centro Terra Santa.

11 MOZAMBICO MA 700MILA ALUNNI SONO SENZA AULE In Mozambico, su un totale di alunni iscritti alla scuola primaria di primo e secondo grado (dalla 1 alla 12 classe), oltre 700 mila, equivalente al 13% degli iscritti, sono costretti a studiare all aperto per mancanza di scuole, sperando nella clemenza del vento e della pioggia. Un fenomeno che si trascina da anni. Tuttavia il Ministero dell Educazione mostra ottimismo, dichiarando che il numero degli alunni costretti a studiare all aperto sta riducendosi anno dopo anno. La rete scolastica, relativamente all insegnamento primario, dalle attuali scuole del 2010, passerà a scuole alla fine del 2011, mentre per l insegnamento secondario si è passati da 119 scuole del 2009 alle 145 attuali. Intanto, a a rendere ancor più difficile la vita scolastica non sono solo le scuole mancanti, ma il costo dei libri e del materiale didattico. Un quaderno economico costa 60 meticais, circa un euro e mezzo. Marzo Al via il nuovo anno scolastico Nell anno scolastico un alunno utilizza da 4 a 8 quaderni oltre all uniforme, alle penne, matite ed altro. Per acquistare i libri relativi all 8 a classe, inizio del secondo ciclo della scuola primaria, occorrono da 4 a 6 mila meticais, circa euro. Il manuale di matematica costa 20 euro e quello di portoghese 18 euro, ma nella 11 a classe questi manuali salgono rispettivamente a 25 e 23 euro. Le famiglie, come succede tutti gli anni, devono prepararsi a grandi sacrifici e molte non potranno neppure iscrivere i loro figli a scuola o, considerato l elevato numero dei figli, dovranno scegliere chi lasciare a casa: lo stipendio medio in Mozambico non supera gli 80 euro al mese.

12 12 Marzo2011 MOZAMBICO La siccità ha colpito anche quest anno Solidaria sta intervenendo in alcuni distretti della provincia di Sofala distribuendo alimenti sia alle famiglie dei minori sostenuti a distanza che a nuclei familiari particolarmente vulnerabili, colpiti dalla siccità. La scarsa produzione agricola registrata all inizio dell anno sta causando i primi decessi per la fame, in particolare tra la popolazione più vulnerabile: bambini e anziani. Il Governo non ha ancora fornito dati relativi al numero di persone che hanno necessità di cibo, ma le organizzazioni umanitarie concordano nel riferire che circa ventimila famiglie hanno abbandonato le loro abitazioni per la fame, causata in alcune zone dalla siccità e, in altre, dalle inondazioni che hanno colpito le province centrali e meridionali del Mozambico, in particolare le valli dello Zambesi e dell Incomati, sia per le piogge che continuano a cadere da dicembre, sia per l apertura dell invaso di alcune dighe per scaricare l acqua in eccesso. Le inondazioni hanno causato ad oggi la perdita di ettari coltivati a mais, patate e fagioli che rappresentano la base dell alimentazione nelle zone rurali, oltre alla perdita di migliaia di capi di bestiame. La distribuzione, che Solidaria realizza con la collaborazione del Programma Mondiale dell Alimentazione (www.fwp.org), continuerà per tutto l anno in corso.

13 PROTAGONISTI Padre Aldo Marchesini, classe 1941, missionario dehoniano in Mozambico dal 1974, non ha mai nascosto la sua malattia. Anzi, della fatica di accettarla e farne un segno di speranza per molti africani, ne ha fatto una ragione di vita. Marzo È IN MOZAMBICO DAL 1974 Io, missionario con l Aids Padre Aldo al lavoro. Padre Aldo, quando hai scoperto di essere sieropositivo? «La mia attività di medico missionario mi ha messo spesso in contatto con malati sieropositivi. Era il tempo in cui l Aids era l equivalente di morte inevitabile ed essere sieropositivo era un marchio che cambiava totalmente la vita delle persone. Ad un certo punto notai che non stavo bene. Non riuscivo più a sopportare il caldo e avevo spesso la febbre. Rientrato in Italia feci degli esami e quando andai a ritirare i risultati, trovai il mio collega con un foglio in mano. Invece di rispondermi a voce, mi invitò a leggere il foglio. Diceva La ricerca degli anticorpi è risultata positiva per l Hiv.» Cosa hai provato in quel momento? «Non ho provato nessuna emozione in particolare e tanto meno sconforto. Ancora adesso non so rendermene conto. Molte volte avevo comunicato questa notizia ai miei pazienti e sapevo come fosse dolorosa per l interessato. Sono rimasto a guardare il foglio in silenzio. Ora ero io il paziente. Ma in me non vi era angoscia. Mi sono sottoposto ad altri esami: la malattia era arrivata al punto in cui occorreva una terapia di antiretrovirali, ma intanto pensavo a come e quando poter ritornare in Mozambico.» Non hai mai pensato di fermarti in Italia per poterti curare adeguatamente? «Al contrario. Mi chiedevo come tornare a vivere in mezzo ai miei colleghi e ai miei pazienti sieropositivi, unico malato con diritto alla terapia di antiretrovirali. Era necessario fare il possibile perché anche gli altri potessero avere la mia stessa speranza di vivere. Sapevo che la Comunità di S.Egidio aveva iniziato un programma di terapia gratuita per i malati di Aids. Sono andato a Roma a parlare con i responsabili per capire se era possibile iniziare un progetto del genere anche a Quelimane, la città in cui vivevo. Poi, tornato in Mozambico, ho preso i contatti necessari con le autorità sanitarie locali. Poco tempo dopo, non ero più l unico dei miei concittadini malati con diritto alla vita...» L Aids non è però una malattie come le altre. Sul malato persiste un marchio di vergogna... «Infatti rimaneva ancora la lotta contro lo stigma. Molte persone avevano timore ad affrontare il test. Per questo ho pensato che la mia vicenda personale di sieropositivo potesse essere utile per dare coraggio a molte persone. Nella città in cui vivevo vi era una grande curiosità di sapere quale era la misteriosa malattia che mi aveva trattenuto per lunghi mesi in Italia. Ho incontrato i lavoratori dell ospedale in cui lavoro e i cristiani della mia parrocchia, spiegando che mi ero ammalato di Aids operando e assistendo le donne nel parto. Ho approfittato per insegnare alcune cose fondamentali relative al virus e alla malat-

14 14 Marzo2011 PROTAGONISTI SACERDOTE E MEDICO Padre Aldo Marchesini è nato a Bologna il ed è entrato nel noviziato della Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore (Dehoniani) nel Ha conseguito la laurea in medicina nel 1966 ed è stato ordinato sacerdote nel Successivamente ha seguito un corso di Specializzazione in Medicina Tropicale presso l Università di Lisbona. Nel 1970 va in Uganda, presso l ospedale di Kalongo, dove il comboniano padre Ambrosoli lo introduce ai segreti della medicina di missione. Nel 1974 frequenta in Etiopia un corso di specializzazione sulla lebbra e, nello stesso anno, entra in Mozambico e lavora negli ospedali di Mocuba, Songo, Tete e Quelimane, dove si trova tutt ora. Oltre ad essere Direttore Clinico dell ospedale di Quelimane, è anche Coordinatore Provinciale di Chirurgia nei vari posti sanitari che si stanno aprendo in questi anni. tia, come si trasmette, quali sono i danni che provoca all organismo e per quale motivo, se non curata, porta alla morte in poco tempo. Gli incontri che ho avuto hanno convinto molte persone a sottoporsi al test. Molti si sono scoperti sieropositivi ed hanno inziato la terapia. Ora stiamo curando oltre un migliaio di persone e molti si sono ripresi.» La situazione in Mozambico resta drammatica e la maggior parte non ha accesso al trattamento antiretrovirale... «In Mozambico i sieropositivi ufficialmente sono il 16 per cento. Ma nella realtà sono molti di più. Nonostante l impegno da parte del governo e delle organizzazioni umanitarie sul versante della prevenzione, la percentuale di infettati continua ad aumentare. Una diminuzione potrà avvenire solo se si riuscirà a promuovere un cambiamento nelle abitudini dei giovani. Non bastano i cartelloni per le strade e gli annunci alla radio. Io sono un missionario e nei miei lunghi anni di sacerdozio posso testimoniare che la conversione, intesa come cambiamento di abitudini, avviene solo avvicinandosi a Dio.» IL MOZAMBICO E L AIDS In Mozambico l HIV/AIDS rappresenta un vero e proprio flagello sanitario. Ufficialmente il 16,2% della popolazione nella fascia compresa tra i 15 e i 49 anni è sieropositiva. Il 70% delle persone sieropositive sono di sesso femminile. Si stima che i bambini che vivono con l HIV/AIDS siano circa e la prima causa per la quale contraggono il virus è la trasmissione attraverso la madre, durante la gravidanza, il parto o l allattamento. Senza un trattamento adeguato, circa un terzo delle madri rischia di trasmettere il virus al proprio figlio. Il numero totale degli orfani nel paese è di circa 1,6 milioni; di questi hanno perso uno o entrambi i genitori a causa dell AIDS. I bambini orfani sieropositivi affrontano molte discriminazioni. Senza qualcuno che li aiuti a crescere e garantisca loro di ricevere cure adeguate, restano spesso esclusi dal sistema scolastico e dai servizi sanitari, rimanendo più esposti, rispetto ai loro coetanei, ad abusi e sfruttamento. Questi bambini vivono spesso in alloggi improvvisati, senza la figura di un adulto che possa guidarli. Hanno cibo insufficiente e per loro l istruzione è solo un sogno. Cosa fa Solidaria Solidaria sostiene in Mozambico oltre bambini orfani o in condizioni di vulnerabilità sociale a causa dell Aids, fornendo, oltre all istruzione, anche l alimentazione: la collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale (PAM/WFP) è stata recentemente rafforzata e i beneficiari di questo progetto, tra diretti e indiretti, sono oltre 3.000, identificati in base ad alcuni criteri di necessità, per esempio se il capo-famiglia è malato o è molto anziano. Il sostegno alimentare e quello formativo avranno un notevole impatto positivo sulla vita dei bambini orfani a causa dell AIDS.

15 APPUNTAMENTI 15 Marzo2011 A LIVORNO I PROSSIMI 27 E 29 APRILE Sostegno a distanza: un importante forum Sono in corso i preparativi per il XII Forum Nazionale del Sostegno a Distanza, che si terrà il 27 e 28 aprile a Livorno. Il Forum è l evento più importante che il coordinamento La Gabbianella organizza ed è anche il luogo dove si approfondiscono le tematiche sostanziali inerenti questa forma di solidarietà. Dopo aver trattato negli ultimi anni le tematiche legate al mondo del sostegno a distanza, quest anno il tema del Forum si concentra sull efficacia degli interventi di sostegno a distanza e verrà introdotto dalle puntate di RAI News 24 che daranno modo sia di divulgare maggiormente, anche fra i cittadini, quest'appuntamento, sia di approfondire il dibattito che nel Forum troverà una sintesi. Il Forum lancerà inoltre le Feste dei Sostenitori, che si terranno a Torino, a Livorno e a Roma per diffondersi poi in altre città. Questi eventi hanno lo scopo di sottolineare e rafforzare i rapporti con i sostenitori, perché il Sad è tanto più efficace quanto più sono coinvolti i sostenitori ed il loro ruolo va ben oltre l intervento economico: è innanzitutto un rapporto d amore e di solidarietà. Il Forum verrà realizzato con il contributo dell Unione Europea, nel quadro dell Anno Europeo del Volontariato. Partner nell organizzazione dell evento sono il Comune di Livorno con la collaborazione dell Agenzia per le Onlus, il patrocinio della Regione Toscana e del Segretariato Sociale Rai. Nel prossimo numero daremo ampio spazio al tema del Forum sul Sostegno a Distanza.

16

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli