Solidaria. Istruzione: una promessa non mantenuta [1]2011. Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus. BRASILE Piegato dalle inondazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solidaria. Istruzione: una promessa non mantenuta [1]2011. Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus. BRASILE Piegato dalle inondazioni"

Transcript

1 Solidaria [1]2011 Associazione per la solidarietà e lo sviluppo - Onlus NEWS Istruzione: una promessa non mantenuta BRASILE Piegato dalle inondazioni HAITI Prima il terremoto, adesso il colera MOZAMBICO La siccità eterna nemica REPUBBLICA DOMINICANA Aiutiamo i bambini ad andare a scuola PERIODICO QUADRIMESTRALE - ISCRIZIONE TRIBUNALE DI GENOVA N. 4/ REGISTRO STAMPA N. 1/2009

2 sommario Marzo 2011 NEL MONDO 3 Istruzione, una promessa non mantenuta REPUBBLICA DOMINICANA 5 Scuola: centinai di bambini aspettano il nostro aiuto HAITI 7 Gli scultori di Porto Principe 8 Il colera e la collera BRASILE 9 Devastanti inondazioni: una regione in ginocchio 10 Grazie Suor Inês MOZAMBICO 11 Al via il nuovo anno scolastico senza aule 12 La siccità ha colpito ancora PROTAGONISTI 13 Io, missionario con l Aids Periodico informativo quadrimestrale di Solidaria Onlus Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo Via Molteni, 2/1 sc. B Genova Tel Fax Direttore Responsabile: Andrea Bazzurro Redazione: Via Molteni, 2/1 sc. B Genova Impaginazione: Studio Helix - Recco (Ge) Stampa: Angassini Arti Grafiche - Genova Registrazione: Tribunale di Genova n. 4/2008 Corrispondenti: Repubblica Dominicana: Blanca Severino - Domingo De Peña Haiti: P. Wilnor Ilieris Brasile: Frei Diego Da Melo - Frei Alvaci Mozambico: Danilo Barca - Daniela Bulha Hanno collaborato a questo numero: Guido Greppi - Sabina Perozzi - Ida Monicelli Solidaria News viene inviato a tutti i sostenitori e a chi ne fa richiesta. SOLIDARIA NEWS è il periodico informativo di Solidaria Onlus, Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo. Fondata da persone impegnate da anni in attività di sviluppo nei Paesi Emergenti con la finalità di combattere la povertà e l esclusione sociale, la missione di Solidaria è quella di promuovere il benessere dei minori e delle loro comunità di appartenenza, senza distinzioni religiose, etniche o di genere. Solidaria realizza le proprie attività avvalendosi della collaborazione di partner locali e strutture religiose, attraverso le quali vengono sostenuti, nelle necessità di base, migliaia di bambini perseguendo principi di trasparenza finanziaria, sostenibilità degli interventi e valorizzazione del patrimonio sociale e ambientale locale. Solidaria attualmente è presente in 4 paesi (Repubblica Dominicana, Haiti, Brasile e Mozambico) con 27 progetti che rispondono a precise richieste delle comunità e si caratterizzano per essere gestiti da partner locali la cui professionalità ed esperienza garantiscono il corretto svolgimento delle iniziative. I progetti di Solidaria riguardano prevalentemente i seguenti settori d'intervento: Infanzia. Migliorare le condizioni di vita dei minori orfani o a rischio di vulnerabilità. Acqua. Favorire l accesso all acqua potabile, educando ad un utilizzo corretto e responsabile delle risorse idriche. Diritti. Difendere la giustizia sociale, promuovendo il ruolo femminile e sostenendo le comunità svantaggiate. Formazione. Valorizzare la cultura e le risorse locali, sostenendo l'istruzione e la formazione professionale. Solidaria realizza le proprie iniziative tramite programmi di sostegno a distanza: con un contributo mensile di 24,00 euro i sottoscrittori possono offrire un aiuto concreto a bambini in situazione di povertà e residenti nei PVS, senza sradicarli dalla loro famiglia e dalla loro cultura. Vuoi aderire alle nostre iniziative? Vuoi contribuire? Poste Italiane c/c IBAN IT 06 D Carige c/c 16722/80 IBAN IT 35 M Intestati a: Solidaria Onlus - Genova

3 NEL MONDO Marzo ISTRUZIONE PER TUTTI Una promessa non mantenuta Nel Foro Mondiale dell Educazione svoltosi a Dakar nel 2000, gli Stati si sono impegnati a garantire, entro il 2015, l istruzione di base per tutti i bambini del mondo. Ma oggi, a pochi anni da questa data, oltre 72 milioni di bambini in età scolastica non hanno accesso all educazione. La giornata scolastica inizia molto presto nella scuola di Nguni, un villaggio situato al nord del Mozambico. Alle sei del mattino, quando arrivano gli alunni, l insegnante è già vicino alla lavagna, una tavola di legno dipinta di nero appoggiata a un albero di acacia. Intorno, sul terreno, delle pietre in cui gli alunni si siedono e assistono alla lezione, sperando nella clemenza del vento e della pioggia. Due ore dopo, alle otto, la scuola termina e gli alunni si allontanano rapidamente verso le proprie abitazioni: alcuni devono aiutare il padre ad abbeverare i buoi, altri a zappare mentre le femmine devono svolgere i lavori domestici o accudire i fratelli più piccoli. Solo al pomeriggio si ritroveranno sotto il grande albero per altre due ore di lezione. Questa situazione è comune a molti paesi africani dove lo scarso accesso all istruzione è principalmente dovuto all insufficiente numero di scuole, all impossibilità di sostenere i costi dell istruzione, alla necessità di lavorare per aiutare i genitori, all Aids che sta causando decine di migliaia di orfani. Tutte queste difficoltà impediscono a tanti bambini di frequentare

4 4 Marzo2011 NEL MONDO e terminare la scuola primaria, con tutte le conseguenze che ne derivano. A solo quattro anni dalla data stabilita nel Foro Mondiale dell Educazione, 72 milioni di bambini sono privati del diritto allo studio, mentre altri 20 milioni abbandonano la scuola primaria prima d averla conclusa e molti di coloro che la terminano non sono preparati per l insufficiente professionalità degli insegnanti. Ma anche se alcuni paesi hanno fatto progressi nel settore dell educazione, l impegno di garantire l istruzione a tutti entro il 2015 difficilmente verrà mantenuto: i dati recentemente pubblicati dall Unesco dimostrano che nel 2015 i bambini ancora senza istruzione saranno circa 56 milioni, a meno che gli Stati non intensifichino lo sforzo in questi anni. UN CAMMINO PIENO DI OSTACOLI Nelle città del Sud del mondo, da Manila a Maputo, la mancanza di scuole efficienti e decorose costringe molte famiglie, già in condizioni di difficoltà economica, a iscrivere i propri figli in scuole private, spesso di bassa qualità. Ma molte altre famiglie non possono permettersi questo lusso. La difficoltà di accesso all educazione non è un problema isolato, ma è legato a fenomeni più vasti, come la povertà o la discriminazione delle bambine e delle donne. In Pakistan, per esempio, le bambine appartenenti a famiglie rurali povere frequentano solo i primi due anni di scuola primaria. Ma non sono solo i governi dei paesi Emergenti che devono fare grandi sforzi a favore dell educazione: i paesi donatori non hanno mantenuto l impegno da loro assunto con i bambini del mondo. Per fare in modo che tutti accedano all istruzione di base, è necessario un maggiore contributo economico a sostegno dell educazione. È vero che vi sono molte barriere da superare come la mancanza di insegnanti, povertà e tradizioni, ma queste barriere possono essere vinte con un appoggio ai gruppi più vulnerabili, la costruzione di scuole e una maggior preparazione degli insegnanti. Una buona scuola è lo strumento ideale per lottare contro la povertà e un insegnamento di qualità significa sviluppo e possibilità di un futuro migliore, non solo per l alunno, ma anche per il paese in cui egli vive. Kewin Watkins Funzionario dell Unesco

5 REPUBBLICA DOMINICANA CENTINAIA DI BAMBINI ASPETTANO IL NOSTRO AIUTO Felipe non può andare a scuola Attraversando le basse colline in cui scorre il fiume Ozama, alle spalle della città di Santo Domingo, si incontrano gruppi di baracche costruite in legno e lamiera, alcune dipinte con tinte vivaci che aiutano a nascondere la povertà al loro interno, altre seminascoste tra la vegetazione, quasi una continuazione dell anonimato che caratterizza l esistenza dei suoi abitanti. Molte sembrano rimanere in piedi per magia, quasi una sfida alla legge di gravità. Le famiglie che vivono in queste colline o a margine del fiume non sono molte e tra disoccupazione, povertà e criminalità sopravvivono come possono, vendendo frutta od ortaggi nel mercato e svolgendo dei lavori saltuari. Dalle soglie delle case gli adulti ci guardano con diffidenza. I bambini sono meno timidi e si avvicinano incuriositi. La maggior parte di loro sono scalzi. La casa di Rosaria non è diversa dalle altre: è costruita in legno e lamiera, dipinta di celeste. Dietro altre case simili, con davanti un piccolo terreno incolto. Ci viene incontro sorridendo, anche se i suoi occhi riflettono una vita di privazioni. Vive da sola con il figlio Felipe di sette anni, che lo scorso anno avrebbe dovuto iniziare a frequentare la scuola, ma Rosaria non ha la possibilità di pagare la tassa d iscrizione e tanto meno il materiale scolastico necessario. Mentre conversiamo con lei, stende il braccio e dice. Aquí la vida es muito difícil. Las riquezas de Dios están en la tierra, pero as veces no es suficiente. Il desiderio di Rosaria è trovare un padrino per Felipe. Qualcuno che lo sostenga nel frequentare la scuola e lo aiuti nei periodi in cui in casa non vi è nulla da mangiare. Rosaria sa che Solidaria lavora in questa località ed ha esposto al nostro animatore locale le sue difficoltà nell iscriverlo a scuola. Non posso permettere che Felipe vada ad aumentare le statistiche dei bambini che non hanno accesso allo studio afferma. Parliamo a lungo con Rosaria e raccogliamo i dati necessari per inserire Felipe nel programma di sostegno. Tra breve Marzo tempo potrà iscriversi a scuola ed avere altri benefici, come alimenti e vestiario: miglioramenti concreti che difficilmente avrebbe potuto acquisire. Terminato l incontro, lasciamo Rosaria, Felipe e i bambini del villaggio che non hanno smesso di seguirci curiosi. Lungo la via del ritorno ci tormenta il pensiero che, per ogni bambino che entra nel programma di sostegno, molti altri non ricevono nessun aiuto. Solo qui nella Repubblica Dominicana sono migliaia i bambini come Filipe che stanno aspettando il nostro aiuto. Vivono in contesti difficili, alcuni di loro non hanno neppure una casa o una famiglia. Spesso sono costretti a lavorare anzichè andare a scuola. Eppure basta poco per migliorare la vita di ognuno di loro: basta meno di un euro al giorno. Per informazioni vai sul nostro sito (www.solidaria. org) oppure chiamaci al numero verde

6 6 Marzo2011 REPUBBLICA DOMINICANA LA VISITA A YANDIRIS E SULEQUI L ALTRO ASPETTO DELLA REPUBBLICA DOMINICANA La signora Valentina Clerici sta sostenendo una bambina nella Repubblica Dominicana, Yandiris Abreu. Riportiamo la testimonianza della visita alla bambina effettuata dal marito della signora Valentina, il signor Felipe Polanco, che ha colto l occasione del viaggio per visitare anche la piccola Sulequi Garcia, sostenuta da Marina Pomarico, madre della signora Valentina. Da molto tempo sentivamo parlare delle adozioni a distanza senza mai approfondire l argomento fino a quando non siamo entrati in contatto con Solidaria e i suoi progetti nella Repubblica Dominicana. La scelta è caduta su questo Paese poiché ne sono originario, pensando che sarebbe stato più facile recarci lì che in qualsiasi altro posto dove Solidaria opera, con il fine di conoscere personalmente i bimbi adottati. Con mia moglie sosteniamo Yandiris, mentre i miei suoceri sono diventati padrini di Sulequi. Sono due bambine che vivono nel Batey di Gautier. Nella settimana che ho trascorso nella Repubblica Dominicana ho avuto la possibilità di incontrarle. Con il signor Domingo e la signora Rosa Alba, responsabili di Solidaria nei Caraibi, mi sono recato a Gautier, a pochi chilometri dalla capitale. L incontro è stato molto emozionante, le due bambine mi hanno accolto con i genitori, i fratelli, le sorelle e sono stato invitato a visitare le loro abitazioni. Naturalmente la mia visita ha richiamato l attenzione e l interesse di moltissimi altri bambini e la tentazione di prenderli tutti in braccio e portarli a casa è stata forte. Prima di partire, avevamo chiesto a Solidaria di interessarsi direttamente presso le famiglie delle due bambine sulle loro necessità, per evitare di acquistare oggetti superflui, per quanto sia difficile parlare di superfluo. Solidaria si è operata immediatamente per trasmettere questa nostra richiesta alle famiglie e farci avere le loro risposte. La distribuzione dei doni (vestiti, sandaletti, libri e colori) è avvenuta in un atmosfera di curiosità e sorpresa, forse le bambine non si aspettavano una visita così tempestiva del padrino anche perché le adozioni le abbiamo attivate nel Natale del Credo che per un Dominicano l entrare in contatto con queste realtà poco fortunate sia meno impattante rispetto ad un Europeo, ma ritengo che tutti dovrebbero approfittare di questa possibilità per conoscere un altra parte della Repubblica Dominicana, ben lontana dall immagine dei depliant turistici e degli hotel a cinque stelle. Riteniamo che l operato di Solidaria nella Repubblica Dominicana sia molto positivo e speriamo di donare un po di serenità alle bambine e alle rispettive famiglie con il nostro piccolo contributo. Felipe Polanco

7 HAITI Marzo DOLORE E SPERANZA L arte di Haiti Le opere degli scultori di Porto Principe esprimono la vita, la religione e il dolore del popolo haitiano: un arte inserita in un contesto internazionale. Il terremoto ha ucciso lo scultore Loaco. Ma prima di morire ha lasciato una rappresentazione di sé stesso: una scultura dalla forma umana realizzata con pezzi di metallo e, nella sfera che rappresenta la testa, due occhi ricavati da due orologi da polso sembrano fissare le altre sculture sparse nel laboratorio degli Scultori della Grand Rue di Porto Principe, un officina di arte apprezzata in tutto il mondo, ma ignorata in Haiti. Quasi tutti i componenti del gruppo erano pittori: dipingevano i caratteristici quadri in stile naif, tipici dell arte haitiana, che vendevano per le strade di Porto Principe o nella vicina Repubblica Dominicana. Pochi anni fa hanno deciso di cambiare genere e hanno formato un gruppo che si esprime mediante sculture metalliche ricavate da oggetti non più utilizzabili, e che in questo periodo abbondano nelle macerie degli edifici crollati di Haiti. In alcuni casi le loro opere includono anche dei teschi provenienti dai cimiteri che il terremoto ha sconvolto. Le sculture sono realizzate con pezzi prelevati da vecchi veicoli, rottami di radio e televisori, elet- Gli Artisti della Grand Rue (www.atis-rezistans.com), sono conosciuti con questo pseudonimo perché vivono in un area attraversata dalla strada che porta lo stesso nome, situata nella zona costiera di Porto Principe considerata, durante l occupazione americana del 1920, il centro economico ed elegante della città, mentre oggi è divenuta una delle zone più povere. Con gli anni, man mano che il centro economico cittadino si spostava in altri quartieri, qui sono sorte delle minuscole case in lamiera, prive di servizi igienici, acqua ed elettricità: la stessa situazione in cui vive la maggior parte degli abitanti di Haiti e di cui un esempio sono appunti gli Scultori della Grand Rue. trodomestici, legno e utilizzano, come supporto concettuale, l immaginario della religione vudù, da cui spesso gli artisti ricavano la loro ispirazione, oppure raffigurano elementi di interesse collettivo espressi con il ferro, l alluminio e materiali simili. A volte non si distinguono bene i vari componenti: occorre osservare attentamente la scultura per scoprire pale di ventilatori, cerchioni di automobili, cavi elettrici ed altri mille oggetti uniti tra di loro. Nei pressi del laboratorio, sotto una tettoia di lamiera, gli artisti hanno creato un esposizione permanente delle loro opere, un piccolo trionfo nei confronti di coloro che ritenevano strane queste persone che utilizzavano la fiamma ossidrica invece che il pennello o lo scalpello, ma che ora sono divenuti famosi all estero. Questo gruppo di artisti ha esposto, oltre che negli Stati Uniti e in alcuni paesi africani, anche in tutta Europa. In Italia, le loro opere sono state presentate alla GloriaMaria Gallery di Milano poche settimane fa: 28 sculture affiorate dalle rovine del terremoto, grovigli di materiali di recupero trasformati in figure materne oppure in simboli di resistenza, unica arma rimasta agli haitiani. La gente dorme per strada, i soldi che ci avete mandato se li sono tenuti i politici. C è troppa corruzione afferma Eugene, il fondatore del gruppo, in occasione dell inaugurazione della mostra. Le nostre opere rappresentano l anima di Haiti e rivelano la capacità di trasformare in forme espressive la nostra tragedia. Queste forme artistiche non risolvono i nostri problemi, però ci rendono coscienti della loro esistenza, che esprimiamo con le uniche risorse che ci sono permesse.

8 8 Marzo2011 HAITI «LA STORIA DI UN FALLIMENTO» Il colera e la collera L a prima cosa che viene in mente è che vi sia una sorta di maledizione, perché non è possibile che tanto dolore e tanta morte si accumulino in così poco tempo. Ma poi subentra la razionalità, la ricerca di spiegazioni, perché le maledizioni non cadono dal cielo come una condanna degli dei. Non si tratta di una maledizione ineluttabile, ma di qualcosa che ha a che fare con il nostro mondo quotidiano e, se ci si domanda come questo sia possibile, si scopre che vi è abbandono, indifferenza, oblio. Un anno fa tutti i paesi del mondo hanno dichiarato la loro disponibilità nel sostenere e ricostruire Haiti dopo il terremoto che ha ucciso quasi trecento mila persone. Ma, dopo un anno, nonostante le buone intenzioni e i proclami giunti da ogni parte del mondo, nulla è cambiato. Niente di quello che doveva essere ricostruito è stato ricostruito. Nessuna promessa è stata mantenuta. Oggi la gente continua a vivere nelle tendopoli, nelle baracche di lamiera, nei ruderi delle abitazioni distrutte, proprio come i topi. Haiti è sofferenza... è la storia di un fallimento ha affermato un funzionario delle Nazioni Unite. E le sue parole sono tragicamente vere. In questo paese in milioni soffrono ogni giorno la fame, la miseria e le malattie ma, soprattutto, soffrono perché sanno che il loro futuro non sarà migliore. Ad aumentare la disperazione, dopo il terremoto, dopo uragani e tempeste tropicali, è giunto da alcuni mesi il colera che ha giù ucciso migliaia di persone e ne ha colpite oltre 150 mila. Come se non bastasse, la furia popolare scoppiata per le voci di brogli elettorali nelle recenti elezioni, ha sconvolto la capitale e gettato Haiti, ancora una volta, nel caos più profondo con barricate, incendi, strade bloccate, aeroporto chiuso, saccheggi, feriti e morti. LA COLLERA DOPO IL COLERA Ad un anno dal terremoto nulla è cambiato, anzi la situazione è peggiorata. Non perché le persone non abbiano manifestato solidarietà o perché le organizzazioni di aiuto umanitario non siano intervenute, ma perché nelle strategie geopolitiche delle grandi potenze e nel mondo delle macrodinamiche internazionali, la piccola Haiti ha ben poco spazio. La quantità di risorse economiche stanziate per salvare Haiti dalle catastrofi, quella del terremoto e quella della sua storia, è ridicola se comparata, per esempio, con le risorse utilizzate per salvare le banche europee o americane dalla crisi economica, o con quelle impiegate per l acquisto di armamenti. In questo paese, in cui a stento sopravvivono milioni di persone, la priorità non è sostenere la vita, ma acquisire dei benefici. Nel corso del processo elettorale si è avvertito come i candidati fossero preoccupati più per gli interessi economici che la ricostruzione può generare, che per la ricostruzione di Haiti. Ecco allora come il colera sia una conseguenza del mondo legato al profitto nel quale viviamo, e la collera una conseguenza dell impotenza e della mancanza di un futuro. Fran Sevilla Giornalista

9 BRASILE pioggia così qui non l abbiamo mai veduta. Una Ho perso tutto ma ricominceremo, ce la faremo dice Teresa Gonçalvez mentre parla con un giornalista davanti ai resti della sua casa, a Nova Friburgo. Le lacrime la fanno sembrare più vecchia di quello che è, ma non perde la speranza mentre abbraccia i suoi figli. Come Teresa, altre decine di migliaia di persone hanno visto le loro abitazioni distrutte. Nova Friburgo è una delle città Marzo UNA REGIONE IN GINOCCHIO Devastanti inondazioni della provincia di Rio colpite dalle alluvioni di gennaio. La separano da Petropolis, un altra città della stessa provincia, un centinaio di chilometri. A circa metà strada, vi è un altro grande centro, Teresopolis. Una zona di montagna famosa per le bellezze naturali, con cittadine ricche di storia e bellezze architettoniche ma che ora è in ginocchio. In pochi giorni sulla provincia di Rio è caduto il 94% delle precipitazioni previste per l intero mese di gennaio: un vero e proprio diluvio che ha provocato allagamenti, frane e smottamenti. «In alcuni punti sembra uno scenario di guerra ha affermato il ministro dell Ambiente Izabella Teixeira Quello che abbiamo visto è un panorama desolante, provocato dalla violenza dell acqua e dalle frane delle colline, che hanno fatto morti e danni gravi alle strade, alle abitazioni e alle infrastrutture della zona. Delle aree che abbiamo sorvolato intorno ai municipi di Pe-

10 10 Marzo2011 BRASILE GRAZIE SUOR INÊS Chi entra quotidianamente nel Centro Educativo Terra Santa, quasi certamente è stato ricevuto e consigliato da una persone che si distingue per la sua calma e serenità: suor Inês, responsabile della segreteria del nostro Centro. Persona di molto talento, suor Inês si occupa anche di seguire i corsi di sartoria dando consigli a chi si avvicina ad una macchina da cucire e segue nel doposcuola gli alunni. Se qualcuno le chiede quali siano le motivazioni di un lavoro tanto intenso, risponde che Tutto ciò che viene fatto in nome della vita e della persona umana, specie dei giovani, è qualche cosa che ci entusiasma, ci trasmette l allegria di vivere e di continuare a credere nei nostri ideali. Ma ora, dopo diversi anni con noi, suor Inês ci lascia, destinata ad un altro importante incarico. Grazie a lei abbiamo appreso il reale significato della parabola evangelica in cui Gesù afferma che il regno dei Cieli è un piccolo seme che germina silenziosamente sino a dare i frutti. Grazie suor Inês per la tua disponibilità ai problemi dei nostri giovani. Con la tua bontà e la tua pazienza hai conquistato tutti noi di Terra Santa. Non possiamo fare altro che augurarti tanta felicità e tanti successi nel tuo cammino. Frei Diego Melo tropolis, Teresopolis e Nova Friburgo, riteniamo che la situazione peggiore sia quella di quest ultimo centro.» Per il ministro dell Ambiente brasiliano, Carlos Minc, l elevato numero di vittime è da imputare alla combinazione di due fattori: la catastrofe naturale e l incapacità dimostrata da diversi prefetti. La neo presidente Dilma Rousseff ha stanziato 500 milioni di dollari per la ricostruzione di quella che gli esperti di meteorologia definiscono la peggior catastrofe degli ultimi 43 anni, quando le inondazioni colpirono la città di Caraguatatuba uccidendo oltre 300 persone. Nova Friburgo, tra le città colpite dal disastro, è quella che ha registrato più della metà delle oltre ottocento vittime accertate, senza contare decine di migliaia di persone rimaste senta casa. Vittime anche a Teresopolis e, in misura minore, a Petropolis dove ha sede il Centro Terra Santa con cui Solidaria collabora da alcuni anni nel sostegno ai minori che vivono nei quartieri più poveri della città. Nei giorni in cui scorrevano le tragiche immagini dei danni provocate dalle alluvioni e dagli smottamenti di terra, molti sostenitori ci hanno telefonato, comprensibilmente preoccupati per i loro figli adottivi. Fortunatamente nessuno di loro, ha affermato Frei Diego che abbiamo subito raggiunto per telefono, ha riportato danni. Riportiamo il testo del messaggio di posta elettronica che Frei Diego ci ha inviato in quei giorni tragici e che abbiamo anche pubblicato nel nostro sito internet per tranquillizzare chi stava sostenendo un bambino del Centro Terra Santa.

11 MOZAMBICO MA 700MILA ALUNNI SONO SENZA AULE In Mozambico, su un totale di alunni iscritti alla scuola primaria di primo e secondo grado (dalla 1 alla 12 classe), oltre 700 mila, equivalente al 13% degli iscritti, sono costretti a studiare all aperto per mancanza di scuole, sperando nella clemenza del vento e della pioggia. Un fenomeno che si trascina da anni. Tuttavia il Ministero dell Educazione mostra ottimismo, dichiarando che il numero degli alunni costretti a studiare all aperto sta riducendosi anno dopo anno. La rete scolastica, relativamente all insegnamento primario, dalle attuali scuole del 2010, passerà a scuole alla fine del 2011, mentre per l insegnamento secondario si è passati da 119 scuole del 2009 alle 145 attuali. Intanto, a a rendere ancor più difficile la vita scolastica non sono solo le scuole mancanti, ma il costo dei libri e del materiale didattico. Un quaderno economico costa 60 meticais, circa un euro e mezzo. Marzo Al via il nuovo anno scolastico Nell anno scolastico un alunno utilizza da 4 a 8 quaderni oltre all uniforme, alle penne, matite ed altro. Per acquistare i libri relativi all 8 a classe, inizio del secondo ciclo della scuola primaria, occorrono da 4 a 6 mila meticais, circa euro. Il manuale di matematica costa 20 euro e quello di portoghese 18 euro, ma nella 11 a classe questi manuali salgono rispettivamente a 25 e 23 euro. Le famiglie, come succede tutti gli anni, devono prepararsi a grandi sacrifici e molte non potranno neppure iscrivere i loro figli a scuola o, considerato l elevato numero dei figli, dovranno scegliere chi lasciare a casa: lo stipendio medio in Mozambico non supera gli 80 euro al mese.

12 12 Marzo2011 MOZAMBICO La siccità ha colpito anche quest anno Solidaria sta intervenendo in alcuni distretti della provincia di Sofala distribuendo alimenti sia alle famiglie dei minori sostenuti a distanza che a nuclei familiari particolarmente vulnerabili, colpiti dalla siccità. La scarsa produzione agricola registrata all inizio dell anno sta causando i primi decessi per la fame, in particolare tra la popolazione più vulnerabile: bambini e anziani. Il Governo non ha ancora fornito dati relativi al numero di persone che hanno necessità di cibo, ma le organizzazioni umanitarie concordano nel riferire che circa ventimila famiglie hanno abbandonato le loro abitazioni per la fame, causata in alcune zone dalla siccità e, in altre, dalle inondazioni che hanno colpito le province centrali e meridionali del Mozambico, in particolare le valli dello Zambesi e dell Incomati, sia per le piogge che continuano a cadere da dicembre, sia per l apertura dell invaso di alcune dighe per scaricare l acqua in eccesso. Le inondazioni hanno causato ad oggi la perdita di ettari coltivati a mais, patate e fagioli che rappresentano la base dell alimentazione nelle zone rurali, oltre alla perdita di migliaia di capi di bestiame. La distribuzione, che Solidaria realizza con la collaborazione del Programma Mondiale dell Alimentazione (www.fwp.org), continuerà per tutto l anno in corso.

13 PROTAGONISTI Padre Aldo Marchesini, classe 1941, missionario dehoniano in Mozambico dal 1974, non ha mai nascosto la sua malattia. Anzi, della fatica di accettarla e farne un segno di speranza per molti africani, ne ha fatto una ragione di vita. Marzo È IN MOZAMBICO DAL 1974 Io, missionario con l Aids Padre Aldo al lavoro. Padre Aldo, quando hai scoperto di essere sieropositivo? «La mia attività di medico missionario mi ha messo spesso in contatto con malati sieropositivi. Era il tempo in cui l Aids era l equivalente di morte inevitabile ed essere sieropositivo era un marchio che cambiava totalmente la vita delle persone. Ad un certo punto notai che non stavo bene. Non riuscivo più a sopportare il caldo e avevo spesso la febbre. Rientrato in Italia feci degli esami e quando andai a ritirare i risultati, trovai il mio collega con un foglio in mano. Invece di rispondermi a voce, mi invitò a leggere il foglio. Diceva La ricerca degli anticorpi è risultata positiva per l Hiv.» Cosa hai provato in quel momento? «Non ho provato nessuna emozione in particolare e tanto meno sconforto. Ancora adesso non so rendermene conto. Molte volte avevo comunicato questa notizia ai miei pazienti e sapevo come fosse dolorosa per l interessato. Sono rimasto a guardare il foglio in silenzio. Ora ero io il paziente. Ma in me non vi era angoscia. Mi sono sottoposto ad altri esami: la malattia era arrivata al punto in cui occorreva una terapia di antiretrovirali, ma intanto pensavo a come e quando poter ritornare in Mozambico.» Non hai mai pensato di fermarti in Italia per poterti curare adeguatamente? «Al contrario. Mi chiedevo come tornare a vivere in mezzo ai miei colleghi e ai miei pazienti sieropositivi, unico malato con diritto alla terapia di antiretrovirali. Era necessario fare il possibile perché anche gli altri potessero avere la mia stessa speranza di vivere. Sapevo che la Comunità di S.Egidio aveva iniziato un programma di terapia gratuita per i malati di Aids. Sono andato a Roma a parlare con i responsabili per capire se era possibile iniziare un progetto del genere anche a Quelimane, la città in cui vivevo. Poi, tornato in Mozambico, ho preso i contatti necessari con le autorità sanitarie locali. Poco tempo dopo, non ero più l unico dei miei concittadini malati con diritto alla vita...» L Aids non è però una malattie come le altre. Sul malato persiste un marchio di vergogna... «Infatti rimaneva ancora la lotta contro lo stigma. Molte persone avevano timore ad affrontare il test. Per questo ho pensato che la mia vicenda personale di sieropositivo potesse essere utile per dare coraggio a molte persone. Nella città in cui vivevo vi era una grande curiosità di sapere quale era la misteriosa malattia che mi aveva trattenuto per lunghi mesi in Italia. Ho incontrato i lavoratori dell ospedale in cui lavoro e i cristiani della mia parrocchia, spiegando che mi ero ammalato di Aids operando e assistendo le donne nel parto. Ho approfittato per insegnare alcune cose fondamentali relative al virus e alla malat-

14 14 Marzo2011 PROTAGONISTI SACERDOTE E MEDICO Padre Aldo Marchesini è nato a Bologna il ed è entrato nel noviziato della Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore (Dehoniani) nel Ha conseguito la laurea in medicina nel 1966 ed è stato ordinato sacerdote nel Successivamente ha seguito un corso di Specializzazione in Medicina Tropicale presso l Università di Lisbona. Nel 1970 va in Uganda, presso l ospedale di Kalongo, dove il comboniano padre Ambrosoli lo introduce ai segreti della medicina di missione. Nel 1974 frequenta in Etiopia un corso di specializzazione sulla lebbra e, nello stesso anno, entra in Mozambico e lavora negli ospedali di Mocuba, Songo, Tete e Quelimane, dove si trova tutt ora. Oltre ad essere Direttore Clinico dell ospedale di Quelimane, è anche Coordinatore Provinciale di Chirurgia nei vari posti sanitari che si stanno aprendo in questi anni. tia, come si trasmette, quali sono i danni che provoca all organismo e per quale motivo, se non curata, porta alla morte in poco tempo. Gli incontri che ho avuto hanno convinto molte persone a sottoporsi al test. Molti si sono scoperti sieropositivi ed hanno inziato la terapia. Ora stiamo curando oltre un migliaio di persone e molti si sono ripresi.» La situazione in Mozambico resta drammatica e la maggior parte non ha accesso al trattamento antiretrovirale... «In Mozambico i sieropositivi ufficialmente sono il 16 per cento. Ma nella realtà sono molti di più. Nonostante l impegno da parte del governo e delle organizzazioni umanitarie sul versante della prevenzione, la percentuale di infettati continua ad aumentare. Una diminuzione potrà avvenire solo se si riuscirà a promuovere un cambiamento nelle abitudini dei giovani. Non bastano i cartelloni per le strade e gli annunci alla radio. Io sono un missionario e nei miei lunghi anni di sacerdozio posso testimoniare che la conversione, intesa come cambiamento di abitudini, avviene solo avvicinandosi a Dio.» IL MOZAMBICO E L AIDS In Mozambico l HIV/AIDS rappresenta un vero e proprio flagello sanitario. Ufficialmente il 16,2% della popolazione nella fascia compresa tra i 15 e i 49 anni è sieropositiva. Il 70% delle persone sieropositive sono di sesso femminile. Si stima che i bambini che vivono con l HIV/AIDS siano circa e la prima causa per la quale contraggono il virus è la trasmissione attraverso la madre, durante la gravidanza, il parto o l allattamento. Senza un trattamento adeguato, circa un terzo delle madri rischia di trasmettere il virus al proprio figlio. Il numero totale degli orfani nel paese è di circa 1,6 milioni; di questi hanno perso uno o entrambi i genitori a causa dell AIDS. I bambini orfani sieropositivi affrontano molte discriminazioni. Senza qualcuno che li aiuti a crescere e garantisca loro di ricevere cure adeguate, restano spesso esclusi dal sistema scolastico e dai servizi sanitari, rimanendo più esposti, rispetto ai loro coetanei, ad abusi e sfruttamento. Questi bambini vivono spesso in alloggi improvvisati, senza la figura di un adulto che possa guidarli. Hanno cibo insufficiente e per loro l istruzione è solo un sogno. Cosa fa Solidaria Solidaria sostiene in Mozambico oltre bambini orfani o in condizioni di vulnerabilità sociale a causa dell Aids, fornendo, oltre all istruzione, anche l alimentazione: la collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale (PAM/WFP) è stata recentemente rafforzata e i beneficiari di questo progetto, tra diretti e indiretti, sono oltre 3.000, identificati in base ad alcuni criteri di necessità, per esempio se il capo-famiglia è malato o è molto anziano. Il sostegno alimentare e quello formativo avranno un notevole impatto positivo sulla vita dei bambini orfani a causa dell AIDS.

15 APPUNTAMENTI 15 Marzo2011 A LIVORNO I PROSSIMI 27 E 29 APRILE Sostegno a distanza: un importante forum Sono in corso i preparativi per il XII Forum Nazionale del Sostegno a Distanza, che si terrà il 27 e 28 aprile a Livorno. Il Forum è l evento più importante che il coordinamento La Gabbianella organizza ed è anche il luogo dove si approfondiscono le tematiche sostanziali inerenti questa forma di solidarietà. Dopo aver trattato negli ultimi anni le tematiche legate al mondo del sostegno a distanza, quest anno il tema del Forum si concentra sull efficacia degli interventi di sostegno a distanza e verrà introdotto dalle puntate di RAI News 24 che daranno modo sia di divulgare maggiormente, anche fra i cittadini, quest'appuntamento, sia di approfondire il dibattito che nel Forum troverà una sintesi. Il Forum lancerà inoltre le Feste dei Sostenitori, che si terranno a Torino, a Livorno e a Roma per diffondersi poi in altre città. Questi eventi hanno lo scopo di sottolineare e rafforzare i rapporti con i sostenitori, perché il Sad è tanto più efficace quanto più sono coinvolti i sostenitori ed il loro ruolo va ben oltre l intervento economico: è innanzitutto un rapporto d amore e di solidarietà. Il Forum verrà realizzato con il contributo dell Unione Europea, nel quadro dell Anno Europeo del Volontariato. Partner nell organizzazione dell evento sono il Comune di Livorno con la collaborazione dell Agenzia per le Onlus, il patrocinio della Regione Toscana e del Segretariato Sociale Rai. Nel prossimo numero daremo ampio spazio al tema del Forum sul Sostegno a Distanza.

16

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto dell associazione Kuplumussana

Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto dell associazione Kuplumussana Medici con l Africa Cuamm Donne per la vita Riduzione della mortalità materno-infantile e contrasto alla diffusione dell AIDS, con il supporto Kuplumussana Relazione attività 1 marzo - 30 settembre 2013

Dettagli

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Progetto dell UNICEF Svizzera «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Quasi ogni minuto nasce un bebè sieropositivo. Senza un oppo la metà di loro

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto HAITI INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO DATI DI SINTESI TITOLO DEL PROGETTO Chi ben comincia.sostegno all infanzia prescolare di Kandisi (Kenya) LUOGO DEL PROGETTO Località di Kandisi Parrocchia Cattolica di Kandisi (Nairobi Kenya) COSTO DEL

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio Diario di bordo Un lunedì del mese di Febbraio, la nostra professoressa di Lettere ci

Dettagli

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio

HIV/AIDS & BAMBINI. Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio HIV/AIDS & BAMBINI Restituire la speranza ad una generazione L aiuto alimentare contribuisce a dare un istruzione agli orfani e ai bambini a rischio L inarrestabile diffusione dell HIV/AIDS, lascia un

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE PRINCIPI DELLO STATUT0 DELLA ONLUS CF.97738100581 SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS nasce nel 2013 per espresso desiderio del Presidente Stefania

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

UN MILIONE DI GENITORI A DISTANZA

UN MILIONE DI GENITORI A DISTANZA adozioni a distanza UN MILIONE DI GENITORI A DISTANZA 10 C è chi conserva la foto dei bambini «adottati» nel portafogli, chi l ha messa in cornice nel salotto buono. Ma non solo. Sono sempre di più gli

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri

Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?...abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo

Dettagli

Il Bollettino del Villaggio dell Arca

Il Bollettino del Villaggio dell Arca Cari amici con un po di malinconia ci lasciamo alle spalle l estate, ricca di bei momenti e di incontri interessanti, e ci immergiamo nel nuovo anno scolastico. Come accade ogni anno, lo spirito legato

Dettagli

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE

L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE L ADOZIONE A DISTANZA UNA SCELTA FATTA CON IL CUORE ANCHE TU AVRAI UNA NUOVA FAMIGLIA. Se c è qualcosa di cui un bambino abbandonato o rimasto senza i genitori ha bisogno, questa è la famiglia. Non solo

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato)

Riceverà una nostra lettera personalizzata e redatta più o meno così (il testo può essere concordato) Ecco una idea di valore per i REGALI DI NATALE Natale: solito problema del pensierino! Fortunatamente ormai ognuno di noi ha quasi tutto, quindi regalare qualcosa significa regalare il superfluo o l inutile.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ

BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ BOMBONIERE della SOLIDARIETÀ La tua festa può diventare una festa anche per le persone in difficoltà! Per le occasioni importanti, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, hai la possibilità di sostenere

Dettagli

Che cosa è il sostegno a distanza

Che cosa è il sostegno a distanza Che cosa è il sostegno a distanza Educare un bambino, è costruire il futuro di un popolo! Un investimento sul futuro del mondo Il sostegno a distanza è una forma di solidarietà che mira a migliorare la

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Entra nella mia vita.

Entra nella mia vita. Entra nella mia vita. Cambiala. Il diritto di essere bambini. Perché tutti i bambini abbiano salute, istruzione e amore. Ogni giorno. Una campagna promossa da 2 Da quando siamo nati abbiamo imparato tante

Dettagli

suppl. 21-4-07 10/05/07 Raffaella Menichini: Senhora Mozambico da "Donna"

suppl. 21-4-07 10/05/07 Raffaella Menichini: Senhora Mozambico da Donna 10/05/07 Raffaella Menichini: Senhora Mozambico da "Donna" suppl. 21-4-07 Per la premier Luisa Diogo l'africa può farcela. Ha risollevato l'economia restituendo dignità al suo Paese. di Raffaella Menichini

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE Mi chiamo claudia e sono la mamma di due splendidi bambini, Federico ed Andrea. Federico oggi avrebbe i capelli biondi ed un simpatico

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

La vita quotidiana. Le Schede:

La vita quotidiana. Le Schede: Civiltà La vita Italia quotidiana Le Schede: 1 La scuola italiana 2 A scuola con gli immigrati 3 Il giovane volontario 4 Il giovane consumatore 5 Il giovane lettore 6 I giovani innamorati 7 I ragazzi e

Dettagli

il progetto: L ITALIA PER LUMLA

il progetto: L ITALIA PER LUMLA il progetto: L ITALIA PER LUMLA IDEATORE DEL PROGETTO: Sherap Lama Buddhist Monpa Project P.O. Gurupura 571188 Hunsur Taluk Mysore disrtict, Karnataka, India e.mail: bmsocietyus@yahoo.com AUTORE DEL PROGETTO:

Dettagli

Etiopia acqua potabile e microcredito per la sicurezza alimentare

Etiopia acqua potabile e microcredito per la sicurezza alimentare Foto: Andrea Labate Etiopia acqua potabile e microcredito per la sicurezza alimentare PROGETTO PRIORITARIO - Report conclusivo Etiopia acqua potabile e microcredito per la sicurezza alimentare Report conclusivo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

PERU, HOGAR REBUSCHINI

PERU, HOGAR REBUSCHINI OTTOBRE MISSIONARIO 2014 PERU, HOGAR REBUSCHINI Mortalità infantile sotto i 5 anni per ogni 1000 nati vivi (2012) Persone affette da HIV (migliaia) (stima 2012) accesso all acqua potabile accesso ad impianti

Dettagli

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro.

Sono stato mandato da loro per ringraziarvi per il vostro cuore generoso verso di loro. ASENABU de Buyengero et Burambi B. P. : 500 B U J U M B U R A Tel.: (257) 750694-758481-744260 GRAZIE! Carissimi amici e benefatori dei bambini orfani di Buyengero, pace e bene. la nostra cultura cristiana

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande In questo numero: Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 9 Febbraio 2008 Storia di un istituto di Lima : Casa hogar Juan Pablo II Se il Supremo Creatore ti da un figlio... Conosciamo la nostra equipe Ai.Bi.

Dettagli

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n.

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n. Volontariato Città di Treviglio Onlus Solidarietà e Sicurezza Tieni la borsetta verso il muro Per non essere soli chiama il n. 800.995988 con la collaborazione di: UNIONE BERGAMASCA CONSUMATORI Via T.

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni Il Coni, quale vertice e guida del movimento sportivo italiano, sceglie di potenziare e diffondere la cultura e la pratica sportiva nella scuola attraverso il progetto Giochi della Gioventù a cui è stato

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza!

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! Sostieni a distanza un bambino e il suo villaggio è una campagna di sostegno

Dettagli