MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA"

Transcript

1 MOODLE RETE-OUT UNA RISORSA PER L ORIENTAMENTO IN USCITA Ughetta Caccialupi, M. Elena Frongillo, Marinora Roffi, Roberto Toschi Rete per l orientamento in uscita degli istituti superiori di Livorno e provincia FULL PAPER ARGOMENTO: Istruzione superiore Abstract La piattaforma didattica Moodle Rete-Out nasce nell ottobre 2011 dalla necessità di coordinare le azioni di orientamento post-diploma in una provincia estesa quale quella livornese, per ottimizzare le risorse e potenziare gli interventi rivolti agli alunni delle classi terminali degli Istituti Secondari di Secondo Grado. Il progetto innovativo, frutto di un accordo di rete che riunisce tutti gli Istituti Superiori della Provincia di Livorno, poi accolto e promosso dall Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno e dall Ufficio Istruzione della Provincia di Livorno, si propone di reperire, consorziare e pianificare l utilizzo delle risorse economiche, strumentali ed umane per la realizzazione di interventi di informazione, orientamento e supporto didattico per fornire agli studenti gli strumenti per una scelta consapevole del percorso di istruzione post secondaria. Strumento cardine della rete, la piattaforma Moodle, grazie alla sua tecnologia, sopperisce alla dislocazione degli Istituti scolastici su un area territoriale vasta, che non consente frequenti incontri e scambi in presenza, favorendo la collaborazione a distanza tra docenti e studenti di scuole diverse. La piattaforma, installata sul server dell Accademia Navale, istituzione di prestigio della città di Livorno che ha messo a disposizione del progetto la propria infrastruttura tecnologica e il know-how tecnico e scientifico del proprio personale militare e civile, è gestito da docenti appositamente formati ed è finalizzato ad offrire agli studenti lezioni on line, test e programmi dei test di accesso e di autovalutazione universitari, ITS ed IFTS, forum disciplinari e di informazione, nonché azioni di documentazione sul contesto economico-produttivo, sulle prospettive del territorio e sui profili professionali più richiesti. Rete-Out, nata come progetto di ricerca con lo scopo di trovare nuovi strumenti per l orientamento post secondario, oggi, con circa 1600 partecipanti fra docenti e studenti, rappresenta il punto di forza degli interventi di orientamento della Provincia di Livorno. Keywords - Orientamento, tecnologia, reti di scuole. 1 IL PROGETTO RETE-OUT Il progetto Rete-Out è un accordo di rete per l orientamento post secondario della provincia di Livorno che riunisce tutti gli Istituti Superiori della Provincia (14). Tale accordo, nato dalla base dei docenti, è stato poi accolto e promosso dall Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno e dall Ufficio Istruzione della Provincia di Livorno che ne ha, con lungimiranza, consentito l attuazione, erogando le necessarie risorse finanziarie. Rete-Out nasce dalla necessità di reperire, consorziare e pianificare l utilizzo delle risorse economiche, strumentali ed umane - disponibili o che verranno assegnate alle Istituzioni Scolastiche aderenti all accordo - per la realizzazione di interventi di informazione, orientamento e supporto didattico. Il fine ultimo è quello di fornire agli studenti gli strumenti per una scelta consapevole del percorso di istruzione post secondaria. G. Fiorentino (Ed) MoodleMoot Italia Livorno 2012 ISBN

2 L intento è quello di fornire agli Istituti Scolastici facenti parte della rete un opportunità di socializzare le esperienze di orientamento sinora sviluppate, affinché non rimangano circoscritte alle singole realtà scolastiche Il progetto è infatti nato dopo la presentazione nell ambito del Settembre Pedagogico organizzato dal Comune di Livorno, delle iniziative intraprese da alcuni istituti (Polo Liceale F. Cecioni, Istituto tecnico Vespucci, Liceo Enriques) coinvolti nel progetto Ponte relativo agli anni scolastici e finanziato dalla Regione. In tale ambito il Liceo Cecioni si è fatto promotore dell idea di realizzare una rete che consentisse di ampliare e potenziare le esperienze precedenti. La stipulazione di un accordo di rete tra scuole intende, altresì, offrire la possibilità ai docenti di sperimentare un ampia gamma di strategie didattiche e ai singoli Istituti partecipanti di ottimizzare l utilizzo delle risorse umane ed economiche, di garantire una qualificata formazione e di favorire lo scambio di materiali e di buone prassi didattiche. 1.1 Obiettivi Gli obiettivi specifici del progetto Rete-Out riguardano l implementazione di: azioni di supporto ed orientamento in uscita tra i vari Istituti, necessarie per fornire agli studenti gli strumenti per facilitare la scelta attitudinale, l inserimento nel mondo universitario, ridurre il tasso di abbandono, sviluppare le competenze necessarie per affrontare i percorsi universitari; azioni di informazione sui percorsi post secondari, sia universitari e IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) che percorsi professionali; interventi di preparazione per i test di ingresso ai diversi Corsi di Laurea (necessari per l accesso alle Facoltà a numero programmato o aventi scopo orientativo nelle Facoltà senza barriere di ingresso); azioni di informazione sul contesto economico-produttivo e sulle prospettive del territorio; azioni di informazione sui vari profili professionali (attraverso la promozione di incontri con imprenditori, professionisti ed ex alunni delle scuole in rete per illustrare le singole professioni e gli iter di formazione); azioni di supporto alla preparazione degli studenti (tramite lezioni in presenza e a distanza e l inserimento di materiale didattico sul web), in ambiti disciplinari individuati dal Comitato Tecnico; interventi di valorizzazione delle eccellenze. Il progetto ha ottenuto l approvazione dei Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di Livorno e Provincia, del Dirigente dell Ufficio Scolastico Provinciale ed è stato finanziato dalla Provincia di Livorno.Tale finanziamento è stato previsto per i due anni trascorsi. Un nuovo finanziamento è stato assicurato dalla Provincia nel corso della conferenza stampa del , anche se non ancora erogato. Nella realizzazione degli obiettivi il primo step (marzo-settembre 2011) è stato l orientamento universitario e la preparazione ai test di accesso ai Corsi di Laurea attraverso soprattutto lezioni in presenza e utilizzando un portale provvisorio e la piattaforma e-learning Claroline del Polo Liceale Cecioni come deposito dei materiali. Di questo primo step è stato effettuato un monitoraggio disponibile tra gli atti della rete. Il secondo step (ottobre settembre 2012) si è posto come obiettivi primari il potenziamento dell informazione e l ottimizzazione delle risorse umane e finanziarie attraverso uno strumento condiviso dalla rete. Tale fase ha previsto: la formazione dei docenti per la gestione di Moodle, l ampliamento dei materiali relativi ai percorsi universitari, l incremento dell informazione sulla formazione professionale e le possibilità lavorative del territorio, l utilizzo di Moodle (febbraio 2012-inizio settembre 2012). III step (ottobre giugno 2013): potenziamento dei punti precedenti e continua revisione dei materiali, MoodleMoot Italia

3 coinvolgimento di enti pubblici e privati quali la Camera di Commercio e il Gruppo Giovani Industriali di Confindustria, per promuovere informazioni e opportunità lavorative. ulteriore monitoraggio delle attività relative al progetto, progressivo trasferimento su Moodle dei corsi di preparazione ai test di accesso alle facoltà universitarie, apertura di corsi specifici per la preparazione alle prove di accesso alle Scuole Superiori di eccellenza. IV step (luglio settembre 2013): attivazione di corsi on-line nelle varie discipline oggetto dei test universitari in sostituzione delle lezioni in presenza, offerta di attività funzionali all inserimento lavorativo. Organigramma Il Nucleo di Indirizzo della rete per l orientamento è costituito dal Dirigente (o un delegato) dell Ufficio Istruzione della Provincia di Livorno, dal Dirigente (o un delegato) dell Ufficio Scolastico territoriale e da 2 componenti scelti tra i Dirigenti Scolastici degli Istituti partecipanti (Ing. G. De Puri, Dirigente del Polo Liceale F. Cecioni, Istituto capofila, e Cristina Grieco Dirigente dell Istituto di Istruzione Superiore Vespucci-Colombo ). Il Comitato Tecnico della rete per l orientamento è costituito dai docenti referenti dell orientamento in uscita delle varie scuole e da un Dirigente Scolastico del Nucleo di Indirizzo. Il Gruppo Operativo di Progetto della rete per l orientamento è costituito da 6 referenti eletti dai componenti dal Comitato Tecnico e rappresentativi dei settori: liceale umanistico-linguistico, liceale scientifico, tecnico economico, tecnico tecnologico, professionale dei servizi e/o professionale dell industria-artigianato. 2 UTILIZZO DI MOODLE La dislocazione degli Istituti scolastici della rete su un area troppo vasta per consentire frequenti incontri e scambi in presenza ha suggerito l utilizzo di uno strumento che consentisse la collaborazione a distanza tra docenti e studenti delle varie scuole. La scelta si è orientata verso Moodle, perché gratuito (Open Source), ma estremamente ricco di funzionalità di editing, pubblicazione e condivisione; il fatto poi che non richiedesse eccessive competenze informatiche per un suo utilizzo soddisfacente è stato un ulteriore incentivo alla sua adozione. 2.1 Hosting della piattaforma Poiché il progetto aveva sviluppato già molti materiali all epoca del passaggio alla piattaforma Moodle, per essere sicuri di poterli riadattare tutti la rete aveva bisogno di un buon controllo della piattaforma (e quindi anche di personale qualificato per poterlo gestire al meglio in remoto); tali considerazioni hanno subito portato ad escludere il ricorso ad un hosting esterno. D altro canto, l acquisizione del server e l installazione della piattaforma hanno determinato la scelta dell Accademia Navale, istituzione di prestigio della città di Livorno, che ha messo a disposizione del progetto la propria infrastruttura tecnologica e il know-how tecnico e scientifico del proprio personale militare e civile. 2.2 Verso Moodle Per formare i docenti come amministratori e soprattutto come docenti in autonomia, è stato tenuto un corso di formazione dal Prof. G. Fiorentino utilizzando le aule multimediali dell Accademia Navale e un approccio hands-on. Hanno partecipato al corso 22 persone designate dai singoli Dirigenti o in base alle funzioni ricoperte nell ambito dell orientamento in uscita e facenti parte dell organigramma della rete o in base alle loro esperienze nell uso delle nuove tecnologie. Sono stati successivamente creati tre corsi: uno per i documenti, riservato ai referenti di rete, uno per la verifica dei materiali, riservato ai docenti coinvolti e uno pubblico destinato agli studenti. MoodleMoot Italia

4 Sul corso pubblico in una prima fase sono stati trasferiti i materiali già elaborati dai docenti l anno precedente e quindi usando Moodle prevalentemente come repository. In seguito sono stati utilizzati gli strumenti specifici della piattaforma per inserire tutta la produzione successiva. Il corso pubblico è stato quindi attivato nel Febbraio 2012, iscrivendo come utenti i ragazzi di tutte le classi quinte degli Istituti Superiori di Livorno e provincia. I singoli referenti delle scuole hanno inviato al gruppo operativo di progetto i files in excell con i nominativi degli alunni e relativa . Il gruppo di progetto ha trasmesso i files al responsabile tecnico dell Accademia che ha provveduto all iscrizione per gruppi. Il corso è stato poi esteso con nuovi materiali didattici organizzati come lezioni, quiz interattivi e costantemente aggiornato con le news del forum. In vista dei nuovi test di accesso ai Corsi di Laurea a numero programmato sono stati aperti due corsi che ben utilizzano le potenzialità di Moodle: uno di matematica e uno di logica. 3 STRUTTURA DEL CORSO PUBBLICO Il corso pubblico raccoglie le informazioni utili per facilitare le scelte post-diploma e la preparazione ai test di accesso ai corsi di Laurea ed è articolato in varie sezioni. 3.1 Forum news Nel forum news vengono inserite le notizie utili per gli studenti: presentazioni di Corsi di Laurea o professionali, comunicazioni di bandi IFTS, avvisi di scadenze per le iscrizioni ai concorsi militari e civili, informazioni sugli stage e sulle attività di orientamento delle Università. Il vantaggio derivante dall uso di questo strumento è la possibilità di raggiungere tempestivamente (importantissimo per i concorsi) tutti gli utenti potenzialmente interessati grazie all invio automatico. È inoltre da sottolineare che lo studente può avere un ruolo attivo partecipando al forum e chiedendo, se necessario, chiarimenti e/o ulteriori informazioni. Esiste infine un altro forum nella parte iniziale, destinato alle richieste formative degli studenti. 3.2 Argomenti Figura 1 Home del progetto Sulla piattaforma sono stati inseriti numerosi documenti, come i materiali relativi ai corsi universitari (programmi di vari concorsi, dei Corsi di Laurea a numero programmato o comportanti OFA, test in rete), link ai siti e ai concorsi delle Forze Armate e dei Corsi Professionali. I moduli di Moodle utilizzati sono: le etichette per titoli e brevi note, i link ai siti universitari o alla sezione Formazione e Lavoro della Provincia, le cartelle per rendere immediatamente disponibili agli studenti i documenti più importanti (l apertura della cartella consente di visualizzare l elenco dei file e scegliere ciò di cui si necessita). È stato inserito anche un glossario che collega automaticamente i vari acronimi ai loro significati. Il principale vantaggio ottenuto in tal modo è stato quello di riunire in un unico ambiente le informazioni più utili per orientare le scelte degli studenti. MoodleMoot Italia

5 Gli altri argomenti sono stati riservati alle discipline oggetto dei test universitari: matematica, fisica, diritto, chimica, biologia, logica, oltre ad analisi del testo e cultura generale. Ogni settore disciplinare è stato corredato di lezioni presentate in power point o video realizzati con ispring (un software che consente di trasformare le diapositive in flash). Si tratta di materiali elaborati negli anni precedenti l adozione di Moodle. Sono stati anche inseriti dei test strutturati che fanno uso di quiz a risposta multipla, analogamente a quanto avviene con i test di accesso ai Corsi di Laurea. I quiz sono stati impostati in modo da non limitare i tentativi, così la valutazione ha valore solo indicativo, coerentemente al fatto che lo scopo di tali attività è quello di allenare i ragazzi, piuttosto che quello di valutarli (anche se conservano intatta l efficacia come strumento di auto-valutazione, estremamente utile in un ambito ormai extra scolastico). A tal proposito, nei feedback differiti sono state spesso inserite delle indicazioni per rafforzare le conoscenze o correggere gli errori più comuni. Ogni argomento ha un forum per le domande degli utenti e un tutor di materia. Sono state rielaborate anche alcune lezioni strutturate, con l ausilio degli strumenti offerti dalla piattaforma. 3.3 Partecipanti Le persone coinvolte nel progetto, tra studenti e docenti, sono circa La componente preponderante è ovviamente quella dei ragazzi. Gli studenti iscritti sono infatti 1553, di questi solo 1/3 è entrato sulla piattaforma almeno una volta ai primi di settembre. Da un sondaggio fatto in 12 scuole alla fine dell anno (giugno 2012), che tuttavia non ha coperto la totalità degli studenti di quinta, risulta che di circa 300 ragazzi utenti la maggior parte ha utilizzato Moodle soprattutto per informazioni e test. Il forum news presenta 30 avvisi. Circa 40 ragazzi hanno chiesto informazioni di vario genere sul forum o più frequentemente via . Si precisa che i forum di materia, che hanno ognuno un tutor, sono stati scarsamente utilizzati (10 studenti). Il compenso del tutor è forfettario in questa fase sperimentale. Altri dati potranno essere aggiunti a completamento del monitoraggio, ad esempio il sondaggio messo su moodle, per verificare il grado di soddisfazione degli utenti dei corsi on-line di matematica e logica, non ha per il momento avuto risposta dai ragazzi. Deve ancora essere monitorato un sondaggio distribuito a fine dei corsi in presenza per la preparazione ai test di accesso che raccoglieva dati anche sull uso della piattaforma. I Corsi di Matematica e Logica Sono stati aperti due corsi che utilizzano pienamente le potenzialità di Moodle e le discipline scelte sono state la matematica e la logica; la presenza di tali materie in molti dei test di accesso ai Corsi di Laurea può favorire l uso della piattaforma da parte degli studenti. Gli studenti che si sono iscritti spontaneamente a luglio sono stati 85 per logica, 79 per matematica. Di questi il 15% ha partecipato alle attività proposte e il 5% ha usufruito solamente del materiale. 3.4 Il Corso di Logica Il corso di Logica, così come il Corso Pubblico, si sviluppa a partire dalla definizione di apprendimento collaborativo dovuta a Linda Harasim, ovvero come attività in cui due o più persone lavorano insieme per esplorare un tema, migliorare le proprie abilità, sviluppare nuove idee. Nello strutturare il corso attivato per Rete-Out si è tenuto conto degli utenti (studenti con diversi percorsi scolastici) e delle finalità (agevolare la comprensione e la risoluzione delle domande presenti nei test di accesso ai corsi di laurea). Pertanto tra le possibili attività didattiche realizzabili sono state scelte le seguenti: attivare le conoscenze precedenti; MoodleMoot Italia

6 esporre un argomento; potenziare il lessico generale e specifico; dare e raccogliere feedback. Le risorse del LMS usate per raggiungere gli obiettivi prefissati sono state: Forum per rispondere alle richieste, per condividere domande (andando a costituire così, dal basso, una sorta di FAQ sugli argomenti trattati) e per dare feedback attraverso i commenti Forum per eventuali discussioni in una elaborazione collettiva Etichetta per presentare le mappe del percorso Compito con la possibilità di feedback attraverso commenti Glossario come ambiente di collaborazione e di condivisione utile per potenziare il lessico specifico Test per dare ed ottenere feedback Domande a risposta aperta per raccogliere feedback Lezione per presentare un argomento La lezione è il modo più semplice di passare agli studenti i materiali e i test e rende possibile un controllo degli stessi attraverso il feedback degli studenti. Si precisa che i due docenti di logica e i tre di matematica non hanno avuto problemi a gestire i feedback, in quanto il numero degli studenti attivi è stato limitato al 15% degli iscritti. Fra i vari tipi di usabilità del modulo Lezione possibili nel LMS si è scelto quella libera, che permette allo studente di saltare da una pagina all altra. Alla fine di ogni lezione lo studente trova un test proposto per l autovalutazione. Per la struttura della lezione si è preferito introdurre un pacchetto di tipo SCORM (realizzato con exelearning). Questo permette un più facile riutilizzo della risorsa ed una maggiore trasferibilità ad altre situazioni di e-learning. I test proposti in parte utilizzano la risorsa presente in Moodle, in parte sono di tipo SCORM creati con software liberi (come FreeQuizMaker e HotPotatoes). 3.5 Il Corso di Matematica Il Corso di Matematica è stato strutturato con lezioni e quiz sui vari argomenti. Nel primo argomento è presente una lezione iniziale con l articolazione del corso e l accesso a tutte le lezione programmate, la data di apertura del corso e la data di fruizione del test. La lezione è generalmente strutturata attraverso pagine con domande e feedback, per ottenere un ragionamento guidato sull argomento. L obiettivo non vuole essere quello di esercitare l utente, ma di renderlo consapevole della logica di un quesito o di un test. Non è possibile, in tempi brevi, percorrere con la dovuta completezza i programmi di matematica che spaziano dall algebra alla geometria euclidea, dalla trigonometria alla geometria analitica, dalla probabilità ai concetti base dell analisi matematica. La completezza sarà raggiunta, con gli anni, con gli apporti derivanti dal lavoro dei colleghi impegnati nel progetto, dall analisi delle nuove richieste dei test di ingresso e dalle esigenze degli utenti, facilmente ricavabili sia dalle domande nei Forum sia dai risultati dei vari Quiz. Il Quiz serve a verificare quanto appreso e quindi segue immediatamente ciascuna lezione. Per far lavorare l utente consapevolmente, viene fornito un feedback anche per la risposta esatta, in modo che lo studente possa verificare la bontà del ragionamento fatto. Per ogni argomento è presente un Forum, cosicché l utente possa porre e trovare risposte sul tema dell argomento e si instauri un rapporto di collaborazione tra gli utenti stessi. Il corso contiene dei feedback per controllare sia il gradimento dell utenza rispetto al materiale messo a disposizione, sia il grado di difficoltà percepito dall utenza (rispetto a quello reale analizzato dai risultati dei Quiz). MoodleMoot Italia

7 Alcuni Quiz sono di verifica finale. Il punteggio darà una valutazione di quale è stato il progresso degli utenti nel lavoro proposto e come tale può essere ripetuto solo tre volte. 3.6 Il futuro È auspicabile che nel futuro tutte le attività di preparazione ai test di accesso si possano svolgere con corsi on-line, sia pure uniti ad alcuni incontri in presenza, per ottimizzare le risorse umane ed economiche. Si prevede inoltre un ampliamento dell offerta: sono infatti in corso collaborazioni con la Camera di Commercio e Confindustria per incrementare il data-base relativamente alle offerte professionali. 4 PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELLA PIATTAFORMA Un approccio solo online con Moodle ha presentato numerosi punti di forza ed alcuni punti di debolezza. 4.1 I punti di forza Moodle offre la possibilità di raggiungere agevolmente un numero elevato di utenti che possono lavorare in sicurezza in un ambiente a loro riservato. È da sottolineare anche che gli utenti possono lavorare in modo attivo, perché interagiscono con i materiali proposti, ma secondo i propri ritmi e stili di apprendimento. Un altro punto di forza è il fatto che gli studenti possano usufruire non solo dell intervento del docente tutor, ma anche dello scambio tra pari attraverso il forum e l osservazione degli elaborati dei compagni. Anche i docenti possono confrontarsi e collaborare alla costruzione dei materiali, in modo da valorizzare al massimo le professionalità presenti nelle varie scuole. Si viene dunque a creare una comunità di docenti e studenti di scuole diverse, che possono comunicare e condividere materiali, impostare attività didattiche collaborative, basate su un apprendimento significativo attivo e cooperativo nell ottica dell epistemologia costruttivista che è alla base di Moodle. Un aspetto positivo, specifico del progetto Rete-Out, è di avere a disposizione una documentazione condivisa fra tutte le scuole della provincia di Livorno, documentazione che, grazie al LMS, può essere ampliata e pubblicizzata. Tale vantaggio ha un risvolto economico non indifferente, perché con i fondi limitati delle scuole si può offrire un servizio a numerosi utenti. 4.2 I punti di debolezza Un aspetto critico che abbiamo riscontrato è costituito dalla scarsa sensibilità degli studenti al LMS: molti ragazzi continuano a privilegiare gli incontri in presenza e a limitare i loro accessi alla piattaforma. Anche alcuni docenti hanno scarsa dimestichezza con tale mezzo. È auspicabile che un adeguata pubblicità e un tempo di utilizzo più lungo possano portare ad una partecipazione più estesa. Si precisa che è stata prospettata l idea di utilizzare un social networking (facebook) per coinvolgere i ragazzi, ma ancora non è stata attuata, dato anche il breve intervallo di tempo (marzo settembre 2012) in cui Moodle è entrato in uso. I monitoraggi ad oggi condotti riguardano l attività della rete nel suo complesso, mentre per quanto concerne l e-learning sono stati focalizzati sul controllo degli accessi e il sul grado di soddisfazione dell utenza.il monitoraggio è ad oggi in corso. Riferimenti bibliografici [1] Marconato G., Usare Moodle, manuale di didattica, 2011, Guaraldi [2] Jonassen, Meaningful Learning with Technology, 2007, Allyn & Bacon [3] Harasim L., Learning Theory and online thecnology, 2011, Routledge Press MoodleMoot Italia

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PROGETTO PON/FESR 2014-2020

PROGETTO PON/FESR 2014-2020 PROGETTO PON/FESR 2014-2020 Prot.n. AOODGEFID/12810 del 15 Ottobre 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni Scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali Asse II Infrastrutture per

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso

Il Liceo Economico Sociale. IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso Il Liceo Economico Sociale IL PORTALE DEI LES E LA COMMUNITY: istruzioni per l uso I LES nel progetto nazionale: voi siete parte di questo! 2 I numeri del progetto 360 Licei Economico- sociali coinvolti

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE TV (AN) Filippo PONTIL Accademia Navale Livorno Ufficio Informatica/TLC filippo.pontil@marina.difesa.it

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Relazione finale progetto II anno Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Premessa Si fa riferimento ad un progetto sviluppato nel corso dell attuale anno scolastico (2009-10) presso l Istituto

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 1 Premessa Il progetto di campus biomedicale è finalizzato ad apprendere competenze

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO ORIENTAMENTO 2010-2011 Delegato di Ateneo per l orientamento: l Prof.ssa Anita Tabacco Azioni per l Orientamento Il progetto di orientamento formativo 10/11: matematica e fisica rappresentazione

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli POLO QUALITÀ DI NAPOLI - istituito con

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Uff. I - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Ordinamenti

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof.

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof. PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE Prof.ssa Rita NOTTURNO L attività della funzione strumentale Sostegno ai docenti in

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle

Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle I vantaggi dell apprendimento on-line e gli strumenti per attuarlo Apprendere senza barriere ora è possibile E-learning: il futuro dell apprendimento Per e-learning

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia - di Scuola Primaria e di Scuola Secondaria I grado ad Indirizzo Musicale A N I E L L O C A L C A R A M A R C I A N I S E Prot. n. 1064 C/2 MARCIANISE

Dettagli

Orientamento Universitario

Orientamento Universitario 1 Orientamento Universitario Moduli di Orientamento Simulazioni e Test per l accesso alle Facoltà a numero chiuso Corsi di Preparazione ai Test di ammissione la chiave per il numero chiuso 2 Indice Orientamento

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Non sai cosa scegliere?

Non sai cosa scegliere? Non sai cosa scegliere? Architettura medicina Scienze biologiche Matematica Lingue sociologia ti orienta! Moduli di Orientamento Universitari Simulazioni e Test per l accesso alle Facoltà a numero chiuso

Dettagli

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività MEDA, 10/09/2015 PROT. N. 9280 Alla c.a. Dirigenti scolastici Loro Sede Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività A seguire, si elencano i moduli formativi programmati

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015

RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 RELAZIONE ATTIVITÀ I SEMESTRE A.A. 2014-2015 Breve introduzione La Commissione Accompagnamento al Lavoro del Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali (Management & Information Technology), muovendo dalle

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Portale Didattico Social Learning Environment

Portale Didattico Social Learning Environment Portale Didattico Social Learning Environment Presentazione 11 dicembre 2015 Guastini Andrea Referente Tecnico Piattaforma Uibi Cosè UiBi Social Learning Environment Quindi Ambiente Sociale di Apprendimento

Dettagli

Prot n. Todi, 23/03/2013

Prot n. Todi, 23/03/2013 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI Agraria, Agroalimentare e Agroindustria -- Amministrazione, Finanza e Marketing Turismo - Costruzioni, Ambiente e Territorio Manutenzione ed Assistenza

Dettagli

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti

Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky. Guida rapida per gli studenti Piattaforma Moodle I.S.S.M. Tchaikovsky (www.orientamusa.it/fad) Guida rapida per gli studenti Cos'è Moodle? In questa guida vengono esposte le conoscenze di base per poter navigare in una classe virtuale

Dettagli

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Centro E-learning Ateneo Bologna (CELAB) Valentina Comba Andrea Reggiani - Teramo, 14/12/ 2006

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Progetto/Piano Lauree Scientifiche. Nicola Vittorio Università di Roma, Tor Vergata

Progetto/Piano Lauree Scientifiche. Nicola Vittorio Università di Roma, Tor Vergata Progetto/Piano Lauree Scientifiche Nicola Vittorio Università di Roma, Tor Vergata La crisi delle vocazioni scientifiche 10000 4500 8500 LS 3850 Chimica Fisica Matematica 3200 7000 2550 5500 1900 4000

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Formazione del Personale Scolastico e Innovazione Tecnologica nelle

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita,

Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, Gent.mo Dirigente scolastico, Gent.mo Responsabile dell Orientamento in Uscita, UnidTest ha sviluppato Servizi e Strumenti di Orientamento pensati per studenti, scuole, università, enti pubblici e privati.

Dettagli

TEACHMOOD Laboratorio ICT Regione Piemonte l'ufficio Scolastico Regionale open source 30 corsi on-line la piattaforma moodle Teachmood,

TEACHMOOD Laboratorio ICT Regione Piemonte l'ufficio Scolastico Regionale open source 30 corsi on-line la piattaforma moodle Teachmood, TEACHMOOD è un iniziativa formativa che il Laboratorio ICT della Regione Piemonte, in collaborazione con l'ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, propone a tutti gli insegnanti delle scuole piemontesi.

Dettagli

La Cultura del Diritto d'autore

La Cultura del Diritto d'autore La Cultura del Diritto d'autore Realizzazione portale web per la comunità accademica (docenti e studenti) focalizzato al rispetto del diritto d autore SOGGETTO CAPOFILA: Università degli Studi di Padova

Dettagli

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014 Autore con Marco Tarocco di UbiMath Matematica per il tuo futuro Ed. Le Monnier 2014 Autore diel sito aperto UbiMath www.ubimath.org se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO Il Servizio Orientamento Scolastico e Professionale partecipa al progetto Consolidamento della RETE DONNA-LAVORO, allo scopo di migliorare la qualità occupazionale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI DEL PROGETTO E PER LA VALUTAZIONE - SCHEDA B Traccia per la scuola capofila

SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI DEL PROGETTO E PER LA VALUTAZIONE - SCHEDA B Traccia per la scuola capofila Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Progetto Nazionale I CARE GRUPPO DI LAVORO REGIONALE SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali. Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali. Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015 Prot. N 1448/D8 Napoli, 04/03/2015 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE ESPERTI ESTERNI ALL ISTITUZIONE SCOLASTICA ANNUALITÀ 2014/2015 PON COMPETENZE PER LO SVILUPPO FSE-2007- IT 05 1 PO 007 ASSE II OB. H-AZ.

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ALLA LARGA DAI PERICOLI A.S. 2013/2014 CON IL PATROCINIO IN COLLABORAZIONE Per l anno scolastico 2013/2014 ANCI Umbria, forte di un esperienza di 5 anni nella divulgazione di

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE

LA COMUNICAZIONE EFFICACE LA COMUNICAZIONE EFFICACE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: Comunicazione efficace, privacy ed il consenso informato Ore di formazione previste:

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori a cura di Patrizia Vayola Moodlemoot Italia 2006, Alessandria, 6-7 aprile 2006 Alcuni dati Cosa: utilizzo

Dettagli

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali.

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali. Ministero Dell Istruzione, Dell Università e Della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Milani Via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax 0332/473798 sito Web: www.icbisuschio.gov.it e-mail

Dettagli