SPETTACOLI OPINIONI POLITICA ESTERI CRONACHE COSTUME ECONOMIA TECNOLOGIA CULTURA&SPETTACOLI SPORT TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPETTACOLI OPINIONI POLITICA ESTERI CRONACHE COSTUME ECONOMIA TECNOLOGIA CULTURA&SPETTACOLI SPORT TORINO"

Transcript

1 Salome, magnifica Lolita e la danza dei vecchioni - LA... versione accessibile HOME 1 von :58 SERVIZI RICERCA METEO DOSSIER MULTIMEDIA RADIO LAVORO LEGALI TUTTO AFFARI Cerca SPETTACOLI 11:58 Giovedì 28/2/8 OPINIONI POLITICA ESTERI CRONACHE COSTUME ECONOMIA TECNOLOGIA CULTURA&SPETTACOLI SPORT TORINO ARTE BENESSERE CUCINA MODA MOTORI SCIENZA SCUOLA TEMPO LIBERO PERIODICI 28/2/2008 (7:59) - LIRICA Salome, magnifica Lolita e la danza dei vecchioni GIORGIO PESTELLI La nota più forte di questa Salome torinese, sicuramente da non perdere, è forse l'interpretazione del soprano tedesco Nicola Beller Carbone: al suo esordio italiano nell'opera di Strauss si è presa dal pubblico del Regio un uragano di applausi, rispondendo a ogni chiamata con serpentinate reverenze in perfetto stile liberty. Strauss, si sa, pensava alla sedicenne sottile e viperina di Wilde, ma la voleva con una voce da Isotta wagneriana: donde lo scoglio della "Salome" di Struss al Teatro Regio di Torino danza «dei sette veli», punto decisivo della vicenda, un tempo aggirato sostituendo pingui cantanti con la controfigura di una ballerina provvista di «physique du rôle». Invece la Beller Carbone fa tutto da sola e lo fa benissimo: voce espressiva, penetrante e all'occasione capricciosa col suo «air enfantin», e grande appello fisico in scena: giovane, bella, e danzatrice flessuosa e affascinante. ULTIMI ARTICOLI SPETTACOLI MINISERIE SU RAIUNO L'ultima volta del Maresciallo Proietti CULTURA L'ebreo ingombrante SPETTACOLI LIRICA Salome, magnifica Lolita e la danza dei vecchioni CULTURA PATRIMONIO COMUNE Cento film per fare gli italiani PUBBLICITA' Lo spettacolo era molto atteso, specie per la regìa in odore di scandalo dell'infaticabile Robert Carsen: con le scene di Radu Boruzescu l'azione si svolge nel sotterraneo di una banca, fra pareti di cassette di sicurezza, mentre ai piani superiori si aggirano fra tavoli da gioco tipi di ogni risma, simboli di una società agli ultimi giorni; a questa corruzione, oltre a Jochanaan, Carsen oppone anche una positività di Salome, la cui attrazione per l'irsuto profeta non è tanto perversione, quanto richiamo di un nuovo mondo che sta sorgendo e affascina la donna come l'ignoto. L'idea non è nuova, ma Carsen la spinge all'estremo con la sua scaltrezza teatrale, l'abilità a muovere i personaggi, l'efficacia delle luci di Manfred Voss e qualche felice trovata che coglie spunti ironici dello stesso Wilde quando rasenta la parodia della materia decadentista. Il suo dovere trasgressivo Carsen lo compie in particolari esteriori: Salome in tenuta da ginnastica e pedalini, in stile Lolita; lo striptease trasferito agli attempati frequentatori della banca-bisca, una sorta di pazzo capovolgimento della storia di Susanna e i vecchioni. Qualche volta il gusto del regista è inferiore alla sua abilità teatrale, come quando si vede giocare a palla con la testa mozzata (c'è già in Atta Troll di Heine, ma con altra leggerezza); ma l'unica cosa che è difficile passargli per buona è quella di far morire Erodiade al posto di Salome: in un'opera che rappresenta la corsa di una perversione al suo precipizio, se alla fine non si vede Salome schiacciata dagli scudi, dov'è il senso del tutto? Alla guida della direzione musicale Gianandrea Noseda è molto bravo a non lasciarsi intimidire da tanta esuberanza visiva: la partitura di Strauss continua a essere il punto di riferimento di ogni suggestione, con la solennità a largo giro melodico del profeta e la nevrotica irrequietudine del mondo attorno: così Noseda ha condotto l'orchestra del Regio a precisioni e finezze ragguardevoli, frutto evidente di un intenso lavoro di preparazione. Resta da dire che la forza unitaria dello spettacolo, accolto con applausi per tutti, e d'inconsueto calore, si regge ancora sulla scelta perfetta di tutti i personaggi, oltre quello della protagonista: la coppia regale, Peter Bronder e Dagmar Peckova, con lo straordinario realismo delle loro risse odiose, l'autorità di Mark S.Doss quale profeta Jochanaan e l'estatico Narraboth di Jörg Dürmüller; ma in quest'opera i personaggi sono una miriade, e tutti caratterizzati, per cui non possiamo che elogiarli tutti insieme: e qui bisogna ringraziare ancora il regista, che in questa azione di fusione-emulsione ha una delle sue facoltà maestre. SPAZIO DEL LETTORE BLOG! tutti i blog CATTIVA MAESTRA UN LETTORE AL CINEMA Presidenziali USA 2008 No you can t&rd... Straneuropa Marco Zatterin Effetto Radiohead sul clima Diritto di cronaca Flavia Amabile Con i barboni in corsia PUBBLICITA' «Salome», Torino, Teatro Regio *** Fai di LaStampa la tua homepage P.I Copyright 2008 Per la pubblicità Scrivi alla redazione Credits & partners Aiuto

2 gdm - recensioni on line 1 von :19 Sidebar_dx banner "Salome" al cabaret IL NUMERO IN EDICOLA RECENSIONI ON LINE Salome dramma musicale in un atto di Richard Strauss Libretto di dal dramma omonimo di Oscar Wilde tradotto da Hedwig Lachmann Prima rappresentazione: Dresda, Hofoper 9 dicembre 1905 Edizione Fürstner/Schott, Mainz ON LINE REVIEWS NEWS ANDAR PER SITI UN WEEK-END AL MESE Teatro Regio piazza Castello 215 Torino febbraio 2008 PREMIATI: LE INTERVISTE CONCORSI MP3 E DOWNLOADS ANNUNCI ECONOMICI LETTERE APERTE APPROFONDIMENTI TESI DI LAUREA DOCUMENTAZIONE DIREZIONE E REDAZIONE IL GDM IN EUROPA REGISTRAZIONE RICERCA ARTICOLI SOMMARIO ARRETRATI ABBONAMENTI LISTINO PUBBLICITARIO Nicola Beller Carbone è una Salome bella, sa recitare molto bene l'idea di lolita preparata per lei dal regista Robert Carsen, e quando deve danzare la danza terribile, il coreografo Philippe Giraudeau le fa fare poche falcate da vamp scatena feromoni, soprattutto le fa spalancare le gambe, e mostrare le belle cosce su tacchi alti di scarpissime dorate: questo climax di un regia ambientata dallo scenografo Radu Boruzescu nell'immenso ma claustrofobico smagliante caveau di un casinò (geniale che la cisterna del prestante Jochanaan di Mark Doss sia la super cassaforte!) inventa intorno al magistrale Erode di Peter Bronder (nanetto maniaco sessuale che riprende la danza clou con la videocamera che proietta sul video-wall dettagli sexy della sbavata figliastra) e alla pacchiana megera Erodiade di Dagmar Peckova un drappello di vecchiacci e osceni travestiti che trasforma il capolavoro fulminante di Richard Strauss in una fenomenale anticipazione dell'espressionismo cabarettistico di Kurt Weill o Alban Berg: è Gianandrea Noseda, molto brillante a guidare una molto buona Orchestra del Teatro Regio di Torino, ad aver scovato in partitura ogni corrispondenza con la visione intelligente di Carsen? Com'è e come non è, quando un capolavoro del repertorio te lo trovi scuoiato e palpitante come cosa contemporanea, si è di fronte a quanto di meglio si può chiedere al teatro d'opera oggi. Anche se il regista mette nudi alla danza sei laidi cortigiani, si permette infine di lasciare andar via in sottoveste nel deserto la impazzita Lolita sbaciucchiante il decapitato capo, fa ammazzare da Erode l'ex cognata madre della figliastra, pazienza, perché in fondo ci mette anche un po' di Pasolini e Eschilo. Commenti Nessun commento. Daniele Martino Inserisci un commento Password: Commento: Inserisci il commento

3 gdm - recensioni on line 2 von :19 Per inserire un commento devi essere registrato. Clicca qui per effettuare la registrazione. Ti verrà inviata, oltre al bollettino periodico del giornale della musica, una con la password per poter scrivere i commenti. N.B.: Se ti sei registrato prima del 16/01/2006 per ricevere il bollettino novità del giornale della musica on-line, e non possiedi una password per i commenti, non devi reiscriverti: basta cliccare qui per richiedere la tua password. Se hai dimenticato la password che ti è stata assegnata, clicca qui per richiederne una nuova. I commenti alle Recensioni On-Line vengono inserite direttamente dagli utenti senza controllo preventivo da parte della redazione. Il Giornale della Musica e EDT Srl non si assumono alcuna responsabilità circa il contenuto di tali commenti. La redazione provvederà ad eliminare testi giudicati offensivi, razzisti, e messaggi a carattere privato o commerciale. EvolutionTravel.it/Lavorare_On_line Commenti - Annunci Google il giornale della musica - via Pianezza 17, Torino - Partita IVA

4 Torino - Teatro Regio: Salome La recensione Nel dicembre 1906 Torino e Milano si contesero la première italiana della Salome: il 22 a dirigere i complessi del Regio c era Richard Strauss in persona, ma Arturo Toscanini aprì al pubblico la prova generale del giorno prima alla Scala e così l arabesco liberty del clarinetto con il quale principia l opera risuonò per la prima volta all ombra della Madonnina. Altri tempi: un avvenimento musicale aveva grande risonanza mediatica! Oggi sappiamo invece come stanno, mestamente, andando le cose La nuovissima Salome torinese rappresenta la punta di diamante della stagione del Teatro Regio: la presenza contemporanea del direttore musicale Gianandrea Noseda sul podio e di Robert Carsen in cabina di regia sembrerebbe sulla carta una garanzia. Torno quindi senza indugio a quelle otto biscrome che aprono il primo capolavoro operistico straussiano. Wie schön ist die Prinzessin Salome heute nacht! canta Narraboth, con la voce chiara e squillante di Jörg Dürmüller e il paggio di inconsueta presenza scenica e vocalmente sicuro di Manuela Custer risponde Sieh die Mondscheibe, wie sie seltsam aussieht. CHOC! Ci troviamo presumibilmente a Las Vegas, nel caveau di una casa da gioco. Narraboth, il capo delle guardie del corpo, sta esaminando il grande monitor sul quale vengono trasmesse le immagini delle telecamere a circuito chiuso connesse ai piani superiori dove tra tavoli verdi, mazzi di carte e roulettes gli invitati si dilettano nel gioco d azzardo. Siamo nel Casinò gestito da Erode e consorte! Salome la vediamo inquadrata di tanto in tanto sullo schermo: pare svogliata, indifferente, avulsa dal clima festaiolo che accompagna la brigata dei debosciati, assorta. Quando scenderà nel caveau di lì a poco per cercare aria più respirabile ( Hier kann ich atmen ), in un ambiente non propriamente luminoso e areato ma anzi lucidamente metallico, opprimente, con le pareti completamente rivestite da cassette di sicurezza e sulla destra una grande cassaforte aperta piantonata dagli scagnozzi del patrigno (dinamiche e funzionali le scene di Radu Boruzescu), intenderemo che disagio e malessere sono intimi, interiori: ella non appartiene a quel mondo, un mondo corrotto, vacuo, un mondo che le ha anche sottratto il padre. Salome si presenta in maglietta nera, fuseaux neri a tre quarti e anfibi. Una ribelle di oggi! Possiamo così cogliere anche esteriormente il conflitto profondo che rode il suo animo. Nicola Beller Carbone inizia con dedizione una prestazione che non sarà mai al

5 risparmio, e la notevole presenza scenica la fragilità, l insicurezza di Salome ma anche la sua caparbietà, la cocciutaggine, i sentimenti di ritorsione e rivalsa vengono esaltati dalla sua performance- compensa ampiamente qualche lieve insicurezza nel registro più acuto. Il soprano tedesco, in questo che è il suo debutto italiano assoluto, si impone subito per intensità, incisività e temperamento. Davvero una lieta sorpresa! La voce di Jochanaan proviene dall interno del grande oblò, dalle profondità inaccessibili del forziere, uno spazio misterioso, forse sconosciuto alla stessa Salome a giudicare dallo sguardo indagatore verso il monitor sul quale viene ingrandita l immagine verdastra di un luogo impenetrabile e decisamente angosciante. Jauchze nicht, du Land Palästina minaccia il profeta con la voce stentorea e indubbiamente carismatica di Mark Doss. Salome ha un sussulto che sembra risvegliarla dalla persistente apatia. Finalmente qualcuno osa affermare cose nuove, cose che nessuno aveva mai osato affermare prima; finalmente Salome ha qualcosa di importante da ascoltare; finalmente qualcuno dice ciò che ella avrebbe da tempo voluto sentirsi dire. E Salome è talmente presa dalla voce di Jochanaan da mitizzarne, da aureolarne la sua apparizione. La cassaforte ora si apre completamente per permettere l uscita del profeta. Le luci radenti magistralmente manovrate da Manfred Voss e la suspence creata senza effettismi o ridondanze da Gianandrea Noseda ci preparano al colpo di scena. La cassaforte si spalanca, ma Jochanaan comparirà sullo sfondo della scena, nel frattempo dischiusasi, fra dune desertiche sotto un cielo terso. Stiamo vedendo con gli occhi di Salome! Una Salome sempre più affascinata, conquistata, sedotta. Lo desidera, lo brama, lo vuole, cerca di toccarlo, lei ragazzina viziata che ha sempre avuto tutto. Eppure questa volta deve fare i conti con un entità superiore, una forza imperscrutabile che la attrae irresistibilmente. Der in der Wüste und in den Häusern der Könige gekündet hat : il motivo delle quarte discendenti in orchestra è un cumulo di tensione e Noseda è bravo a restituircelo affilato come una lama di coltello. Un terribile anatema, un apocalisse si abbatte sull uditorio. Saltiamo dalla sedia! Nicola Beller Carbone ha una voce timbricamente suadente, non voluminosissima - Noseda si è accollato il difficilissimo compito di alleggerire la possente e densissima trama sinfonica, mai peraltro rischiando di venir meno in quanto a tensione interna e chiarezza- e riesce sempre a trovare un accento appassionato, fraseggio interessante, e poi l intonazione è perfetta (sentire, a metà circa della terza scena, l invocazione Jochanaan cantata sul terribile intervallo di undicesima diminuita discendente); con il prosieguo della recita anche il

6 registro acuto acquista sicurezza. Quando Jochanaan torna nella sua buia prigione - Doss è commosso e anche discretamente morbido in Er ist in einem Nachem auf dem See von Galiläa mentre descrive la predicazione del Figlio dell Uomo in Galilea- Salome prima lo segue con lo sguardo stranito poi striscia come un rettile curioso ed impaurito fino al gradino che immette nella grande cassaforte. Momento di grande emozione e suggestione! Durante il secondo intermezzo orchestrale l Orchestra del Teatro Regio (al gran completo con quasi cento elementi in buca) è guidata da Noseda con virtuosismo in un procedere dal ritmo incalzante, ma comunque sempre ben definito. L idea che Robert Carsen persegue con lucidità e rigore maniacale, determinata da un indagine psicologica finissima e capillare, non senza una certa dose di ironia (i mille particolari potranno essere apprezzati soltanto vedendo lo spettacolo dal vivo) è ormai chiara: Erode ed Erodiade sono due plutocrati, corrotti e viziosi, circondati da un codazzo di depravati che vivacchiano senza scopo se non quello di aumentare il capitale. L entrata in scena di Erode e della sua disgustosa compagnia resta paradigmatica, tutti agghindati (efficaci e curatissimi i costumi di Miruna Boruzescu) con abiti dai colori sgargianti in abbinamenti improbabili - lussuosamente argentato quello del Tetrarca, un istrionico e svettante Peter Bronder, viscido, ambiguo e pusillanime, dalla voce ferma e sonora, mentre la sua signora, una Dagmar Peckova con qualche disomogeneità timbrica ma comunque straordinariamente a suo agio nella parte, era in abito lungo dorato tutto lustrini e paillettespreceduti dalla servitù acconciata un po all egiziana e un po in stile antica Roma, seni al vento e petti virili palestrati, servitù che in un battibaleno trasforma il vuoto e freddo caveau in un inquietante salone delle feste con sedie, poltrone, tavolini di gusto decisamente kitsch. Ma mai come in questo caso il kitsch è parso così appropriato! Salome accucciata sul bancone all estrema sinistra del palcoscenico, testa bassa, un po imbronciata, assente, non vuole farsi coinvolgere da questo mondo di cartapesta. Lo rinnega. Toccante il momento in cui Salome in piedi e di spalle fissa la luna virtuale proiettata sullo schermo, quasi un soffio di natura, un anelito di libertà in quel mondo claustrofobico di morti viventi. E nella Danza dei sette veli vediamo come la sempre più strafottente e trasgressiva figlia di Erodiade, abbigliata provocatoriamente come l odiata madre -stesso vestito e stessa parrucca- saprà tirare le fila di quella che diventerà a breve una vera e propria orgia del voyeurismo più dissoluto. Erode infatti si eccita non tanto perché sta assistendo ad un normale spettacolo di strip-tease, ma la sua esaltazione sessuale si accende quando inizierà a

7 riprendere con la videocamera ciò che si sta svolgendo sotto ai suoi occhi e cioè Salome che gioca duro provocando sette vecchi depravati (che alla fine rimarranno loro completamente nudi). A suggellare il tutto ecco, sull accordo di la minore che chiude la Danza, il dissacrante bacio stampato dalla figlia sulle labbra della madre, un Erodiade sempre più sbalordita e disorientata! Da vedere! Davvero geniale la coreografia curata da Philippe Giraudeau! Noseda ci mette del suo per rendere credibile la narrazione nel nuovo contesto drammatico, sottolineando alcuni passaggi e stringendo in altri -come ad esempio l inizio della Danza eseguito quasi meccanicamente, quasi fosse musica da film muto, a commento dell esilarante scena in cui gli ospiti cercano sgomitando di prendere i posti migliori per assistere allo spettacolo hard. E il voyeurismo continuerà - siamo o non siamo nella società dominata dal Grande Fratello? - anche nel momento della decapitazione del Battista con il gruppo degli invitati al completo che si trasferirà con un che di automatico, come fosse la cosa più normale di questo mondo, nella zona più segreta del caveau oltrepassando l oblò della cassaforte, dopo aver sfondato il cordone di sicurezza delle guardie. E proprio perché tutto si deve vedere altrimenti non esiste, non è reale, Carsen non rinuncia a mostrarci la testa mozzata di Jochanaan. La tiene una donna, simbolo atavico del peccato, rappresentante in questo caso del gruppo degli ospiti che ormai sembrano essersi compattati in un corpo unico, una specie di mostro strisciante, feroce e brutale, e la esibisce crudamente ad una sempre più smarrita Salome. Robert Carsen parteggia per la giovane, infantile e incolpevole. Sì, Salome NON COLPEVOLE! La sua folle richiesta pare situarsi a metà strada tra la sfida generazionale (ma non dimentichiamo che Erode ed Erodiade si sono anche macchiati del ferale delitto per sbarazzarsi di suo padre) ed un innocente gioco puerile. Non c è traccia di perversione alcuna. E quando la giovane si troverà la testa del Profeta fra le mani si accorgerà troppo tardi, come succede spesso ai bimbi, che il giocattolo si è irrimediabilmente rotto! Il lungo monologo finale di Salome è un banco di prova irto di difficoltà per la protagonista. Nicola Beller Carbone termina in crescendo la sua ottima prestazione. La voce, penetrante, corre con naturalezza, pare ben appoggiata ed è omogenea nei complicati passaggi di registro che costellano questa pagina: si va nel giro di poco dal Si b sopra il rigo al Sol b sotto. Dopo il fatidico bacio Salome esce di scena con la testa di Jochanaan sollevata sulla propria, esce sullo sfondo che si apre lentamente per accoglierla fra le dune sabbiose e il cielo terso del suo subconscio, in una sorta di assoluzione-redenzione finale. Una catarsi! E quando Erode urla il suo ultimo Man töte

8 dieses Weib! gli astanti, dopo un attimo di smarrimento, si dirigono minacciosi su una esterrefatta Erodiade, vera anima nera della vicenda. Parti di fianco eccellenti con una menzione particolare per il primo Nazzareno commosso e molto musicale di Roberto Abbondanza e il primo soldato di bella presenza timbrica di Vladimir Baykov. Questa Salome è destinata a lasciare il segno, ma proprio per questo anche a dividere. Complimenti dunque ad un teatro italiano che ha avuto il coraggio di credere in un operazione che certamente qui da noi trova ancora il pubblico un po impreparato. Peraltro qui al Teatro Regio di Torino si è trattato di un trionfo! Un ultima riflessione: questa è la prima volta che Carsen monta un suo nuovo allestimento in Italia e Robert Carsen è unanimemente considerato dalla critica mondiale un numero uno Massimo Viazzo

9 In Fernem Land: L'incantata innocenza della perversione Blog Drucken Nach Datum Einträge Zusammen-fassung März 2008 Februar 2008 Januar 2008 Dezember 2007 November 2007 Oktober 2007 September März L'incantata innocenza della perversione E' inutile negare che il principale interesse del nuovo allestimento della "Salome" di Richard Strauss allestita al Teatro Regio di Torino fosse dato dalla regia di Robert Carsen, il geniale e provocatorio regista canadese che tornava nel teatro subalpino dopo i successi raccolti gli scorsi anni. Attese che non sono andate deluse. L'aproccio del regista canadese all'opera straussiana presenta numerosi punti di interesse, non tanto nella posticipazione della vicende in un casinò contemporaneo (e nel quale si riconosceva con facilità il Cesar Palace di Las Vegas con gli inservienti in abiti egizi e romani), quanto nella costruzione stessa dello spettacolo, secondo un tratto caratteristico di Carsen. A fare da scenario all'opera era infatti un claustrofobico caveau, una prigione metallica nella quale il mondo esterno filtra solo attraverso alcuni monitor, una lussuosa oppressione di una società senza valori, schiava delle proprie ricchezze. In questo carcere eterno l'unico libero è Jokanaan, il portatore di un messaggio diverso. Al suo apparire le pareti metalliche si aprono su un deserto orientale, la natura, la vita, la storia entrano in questo pozzo chiuso in cui il nulla genera i peggiori mostri. I costumi ribadiscono l'alterità di Jokanaan al mondo circostante, ai pacchiami vestiti di Erode e dei suo cortigiani si oppone l'austero abito orientale del profeta, quasi uscito da un dipinto medioevale. Oltre al profeta esiste solo un'altro elemento di positività: quello rappresentato da Salome. La principessa è un'adolescente ribelle, viziata e infelice, cresciuta in un mondo corrotto che ha respirato fin da bambina ma alla quale non si sente appartenere e attratta da Jokannan non per semplice capriccio ma per una sostanziale comunanza di fondo nell'odio verso la coppia Erode-Erodiade e nella ricerca di qualcosa di diverso. Per una volta il loro duetto è un autentico duetto d'amore, è la scoperta per Salome che esiste qualcosa di diverso dall'abbiezione in cui è cresciuta. E' praticamente impossibile raccontare uno spettacolo così ricco di idee, spunti, sollecitazioni, pare quindi preferibile concentrarsi su alcuni momenti topici. La "danza dei sette veli" è forse il momento centrale dello spettacolo risolta da Carsem in modo scioccante capace di rendere lo scandalo della prima. Spinta da Erode a danzare la principessa entra in scena vestita, pettinata e truccata esattamente come la madre, nel momento in cui devo ricorre ad una seduzione squallida - ben diversa da quella spontanea, ingenua, più da bambina piagnucolosa che da donna fatele usata nei confronti di Narraboth - imitata automaticamente la madre ma allo stesso tempo le grida tutto il suo disprezzo. Intorno alla sua danza lasciva, colma di esplicite provocazioni ma di scarse nudita, si scatena un orgia senile che Erode riprende morbosamente con una telecamera - le cui immagini sono proiettate sui monitor di controllo. Un gruppo di sette vecchia si denuda - in qualche caso integralmente - incapace di contenersi di fronte alle provocazioni della fanciulla. Un orgia inquitante e macabra che ricorda certe pagine di Svetonio, immagine di un'imanità abbruttita e senza dignità (ironicamente potremmo dire rappresentazione della gerontofilia che alberga in tanti melomani, ma qui stò scherzando,ben più pregnanti gli obiettivi del regista) Altro momento di straordinario suggestioni il finale, Salome bacia la testa di Giovanni in un autentico momento d'amore, quasi ne assume la forza morale, quel bacio crea una nuova Salome. A quel punto le pareti si aprono, ricompare il deserto di Giovanni in cui Salome - vestita solo di una sottoveste-tunica, totalmente altera rispetto agli altri e in qualche modo prossima alla semplicità di Jokanaa) si addentra, libera dalla prigione in cui è vissuta mentre al grido di Erode "Man tote dieses Weib" i convitati si avventano su Erodiade (per altro il libretto non indica quale donna). Uno spettacolo di tale complessità non è facile da portare in porto, a volte viene a mancare una conseguenza logica fra le varie parti del palcoscenico (se durante la danza quello che compare sui monitor è ciò che filma Erode come si spiegano i seni nudi che a tratti compaiono quando Salome rimane in sottoveste e non mostra mai maggiori nudità). In altri momenti il regista si fa prendere la mano e si lascia andare a soluzioni du gusto molto dubbio (due travesti nel quintetto dei giudei che disputano di teologia, gli invitati che palleggiano con la testa del Battista), che non arrivano però a compromettere la forza dell'insieme. Ho trovato straordinaria la direzione di Noseda che rinuncia alle esplosioni telluriche ed esalta la rarefatta atmosfera di molti passi, una "Salome" dolcissima ed ipnotica, perfettamente in linea con l'idea che Carsen ha della protagonista. Cast di ottimo livello. Nicola Beller Carbone dona a Salome una voce molto bella, una prescenza scenica ideale ed un notevole talento di attrice, semplicemente perfetta nel delineare una ragazza viziata, sostanzialmente ingenua e infantile nell'uso del suo micidiale potere di seduzione. Vocalmente tende a schiacciare sugli estremi acuti ma in queste repertorio qualche nota non pulita non inficia la riuscita del personaggio. Mark M. Doss è uno Jokhanaan nero, vocalmente e scenicamente imponente, dotato di un'innata autorità sacerdotale. Peter Broder delinea un Erode ansiogeno e nevrotico, incapace di reggere le sue responsabilità. La Peckova è un Erodiade volutamente grossolana e sguaiata (personalmente preferisco una lettura diversa del personaggio) ma di grande carisma. Inoltre entrambi cantano molto bene le rispettive parti, cosa non comune. Ben delineati - e soprattutto molto ben cantati - lo stupito Narraboth di Jorg Durmuller e il paggio (in questo caso agente di sicurezza) di Manuela Custer, per una volta giustamente virile così che l'affetto che lo lega a Narraboth appare più compagnonage militare che gelosia di un'amante respinta, come troppo spesso capita. Spettacolo di grande forza, capace di colpire cuore e mente. Consiglio a chi avesse la possibilità di andarlo a vedere, ne vale la pena. 22:45 Kommentar hinzufügen Nachricht senden Trackbacks anzeigen (0) In Blog aufnehmen Recensioni 2008 Microsoft Datenschutz Rechtliche Hinweise Impressum Werbung Verhaltensregeln Missbrauch melden Sicherheit Hilfezentrale Konto Feedback 2 von :47

10 ilgiornale.it del Articolo - Mahler incantev von :49 giovedì 06 marzo 2008 Aggiornato oggi alle 19:24 Prima Pagina IlmioGiornale Interni Esteri Economia e Finanza Cultura e Spettacoli Sport Motori Hi-Tech Multimedia Edizioni locali Il blog di Paolo Giordano Rss Podcast Ricerche Mahler incantevole Elettra e Salome di grande intensità di Lorenzo Arruga Vota Risultato Strumenti utili Carattere Salva l'articolo Invia a un amico Stampa Rss Con ilgiornale.it la tua opinione fa informazione Commenti mercoledì 05 marzo 2008, 07:00 Chi lo sa, se sapremo mai perché, ma in questi giorni i tedeschi del Novecento storico ci bombardano con serate da un'ora e mezzo e più senza intervallo, salutati da applausi strepitosi. Ha cominciato il Wozzeck alla Scala; poi Daniele Gatti, che lo sta dirigendo, ha sciorinato la competenza nella composizione musicale e il carisma crescente, nella Sesta Sinfonia di Gustav Mahler, coacervo di dolcezze e di disperazioni, per il pubblico milanese della Filarmonica. E intanto a Firenze e a Torino, pronubo Robert Carsen regista, si presentano le due crudeli ed angosciate principesse di Strauss, Elettra e Salome. Elettra è nera da vedere, donne vestite di nero tra le nude pareti d'un contenitore nero. C'è un rettangolo aperto, piccolo, in mezzo al palcoscenico. E ci son luci livide o infuocate. C'è un coro muto di donne che si muove come in un rito da tragedia greca: si ammucchiano e sparpagliano e si ricompongono in cerchio ripetendo con sincronia in immagini precise i gesti dell'eroina che deve vendicare il padre ucciso dalla madre e attende invano il fratello. Seji Ozawa, giapponese minutino ed in età rispettabile, scatena violenza inesorabile all'inizio, nella pienezza cruda chiesta all'eccellente orchestra del Maggio Musicale, e poi è sopraffatto dalla dolcezza stranita del colloquio tra i fratelli, come vissuto in un tempo remoto, e perentorio nella tragica danza liberatoria finale. Susan Bullock, Elettra, ci sta abituando a riscoprire grandi personaggi con una nuova intensità ; Agnes Baltsa è la madre, con tutta la sua autorità tagliente; Matthias Goerne è il fratello, e un Oreste così sembra venire dal mondo di Ibsen o di Britten, pacato, intimo, forte. E tutto è memorabile. Condividi la tua opinione con gli altri lettori de ilgiornale.it Leggi tutti i commenti Log in / Registrati alla community e lascia il tuo commento Disclaimer Salome di Torino è irraccontabile. I segni si affermano e si contraddicono, le idee si lasciano sprofondare nelle immagini in una specie di visionarietà decadente assorbita dall'impeto vitale della musica e dal suo frangersi in richiami misteriosi. Gianandrea Noseda sta portando l'orchestra del Regio a una forte convinzione, e sospinge a dovere il tenore Peter Bronder e Mark S. Doss, Erode e Giovanni un po' troppo sempre stentorei, Dagmar Perckova, Erodiade petulante e protettiva. Ma ecco: il mondo arido e lussurioso di Erode un caveau d'una banca, nelle immagini dei Boruzescu, e la cisterna da cui viene la voce di Giovanni Battista imprigionato è nel forziere, dietro all'enorme porta circolare; a un bancone le immagini accostate di schermi televisivi possono comporsi nel ritratto di Salome giovinetta o in una luna solitaria. Salome è una lolita capricciosa. Quando Salome vorrebbe suo Giovanni, la parete del fondo si apre ed egli appare nel deserto; per la famosa danza dei sette veli, la ragazzina si traveste da diva e a spogliarsi non è lei, che ha comunque erotismo da vendere, ma goffi uomini coinvolti. Non crederemmo che esistesse Nicola Beller Carbone, se non l'avessimo ascoltata e vista: invece esiste, fenomeno meraviglioso, e teniamocela cara. Inviaci il tuo commento su questo articolo e condividi il tuo punto di vista con tutti gli altri lettori. più letti più votati più commentati "Così il governo Prodi ha ucciso la crescita" Luca Ricolfi Inchiesta sui rimborsi: ecco gli affari d oro dell immobiliare Di Pietro Gian Marco Chiocci Calearo spara sul governo, caos nei democratici Stefano Filippi VECCHIE RUGHE SOTTO IL TRUCCO Mario Giordano Berlusconi: "Veltroni? La bugia è il suo mestiere" Adalberto Signore Username Careers Incontri Password Hai dimenticato la password? Accedi Che cos'è? Leggi il disclaimer Registrati Leggi la nostra privacy policy 31/01/08 in LOMBARDIA ACCOUNT & SALES SPECIALIST SENIOR Se non sei ancora registrato scopri tutti i servizi che ilgiornale.it ti mette a disposizione per fare de ilgiornale il tuo Giornale. Se fai già parte della nostra community effettua il login qui sotto: Username Password Hai dimenticato la password? Leggi il disclaimer Leggi la nostra privacy policy Accedi Pubblicità Vai alla sezione Apri entro il 30/04: hai il 5%, bolli gratis e molto altro! Solo SKY ti dà così tanto a così poco: più di 40 canali a solo 15 al mese! 2 Mesi gratis? Paghi solo 10 Mesi sulla tua Polizza Auto! Ogni occasione è buona per partire con lastminute.com! Scopri le vacanze a punti di Hapimag!

11 E-Paper von :48 Frankfurter Allgemeine Zeitung vom Seite 39

12 Turin. Teatro Regio. 24-II Richard Strauss ( ) : Salomé, drame musical en un acte, livret d Hedwig Lachmann d après le drame éponyme d Oscar Wilde. Mise en scène : Robert Carsen. Chorégraphie : Philippe Giraudeau. Décors : Radu Boruzescu. Costumes : Miruna Boruzescu. Lumières : Manfred Voss. Vidéo : Dario Cioni. Avec : Nicola Beller Carbone, Salomé ; Peter Bronder, Hérode Antipas ; Dagmar Pecková, Hérodiade ; Mark S. Doss, Jochanaan ; Jörg Dürmüller, Narraboth ; Manuela Custer, le page d Herodiade ; Roberto Abbondanza, Thomas Gazheli, les nazaréens ; Nicola Pamio, 1er juif ; Cristiano Olivieri, 2ème juif ; Karl Michael Ebner, 3ème juif ; Ulfried Haselsteiner, 4ème juif ; Nikolai Karnolsky, 5ème juif ; Vladimir Baykov, Robert Holzer, les soldats ; Vladimir Jurlin, un Cappadocien ; Daniela Valdenassi, un esclave. Orchestre du Teatro Regio, direction : Gianandrea Noseda. C est un tonnerre d applaudissements qui salue l extraordinaire Salomé de Richard Strauss du Teatro Regio. Des applaudissements et des bravos qui s adressent indifféremment aux chanteurs ou au chef d orchestre jusqu au moment où apparaît le véritable héros de la soirée : le metteur en scène canadien Robert Carsen. Alors, le public lui offre un triomphe. Un triomphe largement mérité. Sa conception de Salomé est un chef d œuvre d intelligence, d humour et d ironie. En choisissant de transposer la légende biblique de Saint-Jean Baptiste dans l univers contemporain du Caesar s Palace de Las Vegas, Carsen plonge le spectateur dans la réflexion. Quelle différence entre le roi Hérode d il y a 2000 ans et les richissimes magnats hantant ce temple de plaisirs? Dans la froide et grise salle des coffres du palace, des éphèbes coiffés de casques romains dorés à crêtes rouges et des jeunes femmes aux seins nus transfèrent, sous l œil de gardes de sécurité, l argent et les valeurs des joueurs du casino qu un mur de téléviseurs montre en train de s affairer autour des tables de jeux. Derrière la grande porte circulaire à combinaison du coffre-fort principal s échappent les prophéties de Jochanaan, prisonnier d Hérode, le tout-puissant du lieu. En survêtement noir, Salomé fuit l ambiance de la salle de jeux et les assiduités de son beau-père Hérode. Les parois aluminium des coffres lui servent de havre de paix. Enfant gâtée, à qui rien ni personne ne résiste, elle convainc les gardes de libérer Jochanaan pour son seul plaisir de le contempler. Alors comme les remparts de Jéricho, les murs de coffres s écartent alors pour s ouvrir sur un paysage de dunes d où s avance un majestueux Jochanaan, homme du désert vêtu d une djellaba noire. Image superbe, prémices de l émotion qui sourd de la rencontre de Jochanaan et de Salomé. Si Robert Carsen imagine une Salomé-Lolita passant de la jeune femme rêveuse et capricieuse, consciente de la fascination qu elle opère sur les hommes à la femme psychotique en proie à la folie meurtrière, il possède en Nicola Beller Carbone une interprète d exception. Se pliant parfaitement aux besoins du drame, splendide, sculpturale, elle construit son personnage avec une sensibilité attachante. D abord la voix. Câline alors qu elle tente d arracher un baiser des lèvres de Jochanaan, blanche lorsqu elle sombre dans sa folie naissante d obtenir la tête de cet homme qui se refuse à elle, triomphante lors qu elle tient dans ses mains la tête de Jochanaan. Grande straussienne, dominant la partition avec une maestria remarquable, la jeune femme est une actrice au corps gracile et mouvant. S il ne devait rester qu une seule image de la formidable Salomé mise en scène par Robert Carsen, «sa» danse des sept voiles de Salomé demeure inoubliable. Mélange de sexe, d ironie, de pathétique, Carsen projette les fantasmes sexuels dans une vision renversée de cette danse. Alors qu Hérode demande à Salomé de danser pour lui, la jeune femme entame sa chorégraphie lascive devant le magnat et ses invités. Entraînant derrière ses mouvements caressants les spectateurs les plus âgés de l assemblée, ils perdent peu à peu leur sang-froid, pour s immiscer dans la danse érotique de Salomé. Éperdus de désirs, ils se déshabillent entièrement alors que Salomé tournoie en combinaison légère. Quand cessent ses arabesques, les voici nus, pitoyables et décharnés, pauvres fous ramassant leurs vêtements à la hâte, honteux de leurs fantasmes. Autour de cette Salomé habitée des démons de son triste marché, le ténor Peter Bronder

13 campe un Hérode autoritaire. Son assise vocale lui confère la brutalité du rôle sans jamais qu il ne tombe dans la caricature. Au besoin même, le voici doucereux invitant Salomé à la danse, ou introverti devant les foudres de d Hérodiade, son épouse. L expression vocale du rôle d Hérodiade s inscrit dans l implication profonde de la prosodie. Dans le rôle d Hérodiade, délaissant la vocalité de conservatoire au bénéfice de l expression théâtrale, la mezzo-soprano Dagmar Pecková s insinue à ravir dans le caractère revanchard, colérique et vicieux de son personnage. Le succès de cette production doit aussi compter pour beaucoup sur la direction musicale de Gianandrea Noseda. Dirigeant un excellent Orchestre du Teatro Regio, il tire de cette musique expressive des accents orchestraux admirables. Passant de la solennité qui accompagne les prophéties de Jochanaan, au lyrisme des rêves lunaires de Salomé, à l explosion tonitruante des orgies d Hérode au langoureux sublime de l air final de Salomé, le chef italien s affirme comme l une des plus belles baguettes de l art lyrique. Près de deux heures de passion musicale et scénique, sans entracte, la Salomé sublimée de Robert Carsen se construit autour d une tension continuelle qui trouve son paroxysme dans les ultimes paroles d Hérode à l encontre de Salomé : «Tuez cette femme!». Une soirée chargée d un engagement artistique sans limites, qui plonge le spectateur au cœur du drame. Un spectacle total qui doit être repris au Maggio Fiorentino et au Teatro Real de Madrid, lors de prochaines saisons. Crédit photographique : Ramella&Giannese ã Fondazione Teatro Regio di Torino Rédacteur : Jacques Schmitt pour ResMusica.com le 03/03/2008

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Pagina 1 di 5 Giovedì, 8 Maggio 2008 Notizie Web Politica NOTIZIE Cronaca Economia Esteri Politica Scienze e Tech Spettacoli Sport Top New MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Presentata

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli