F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave"

Transcript

1 F&B PACKAGING Food and Beverage Packaging I punti chiave

2 PREMESSA La presente linea guida fornisce indicazioni generali sulle questioni fondamentali che caratterizzano la filiera del packaging, con un focus particolare per quegli aspetti che distinguono il food e beverage packaging (FBP) dal resto del settore. Questa linea guida vuole pertanto costituire un riferimento utile per tutti quelle figure professionali che intendono interagire con le imprese della filiera del FBP per attività di animazione territoriale e di sensibilizzazione sulle tematiche della sostenibilità aziendale. DEFINIZIONI Il packaging rappresenta una parte essenziale della nostra vita quotidiana. Come vedremo in modo più approfondito nelle pagine seguenti, il packaging deve contenere, proteggere e conservare i prodotti, deve rendere il trasporto e la consegna più semplice ed economica possibile, deve fornire informazioni sul prodotto e nello stesso tempo influisce sulla vendita, consumo, utilizzo e smaltimento stesso del prodotto. Il packaging è comunemente percepito come il materiale che circonda un prodotto venduto al consumatore. In realtà esistono tre diverse tipologie di packaging:

3 1. Il packaging primario è costituito dalla confezione che riveste direttamente il prodotto destinato alla vendita al consumatore finale. Si tratta del packaging che è visto maggiormente dal consumatore finale e che quindi contiene il maggior numero di informazioni legate al branding, all uso e al contenuto del prodotto, e allo smaltimento. 1 Il packaging primario è anche il packaging in diretto contatto con il prodotto e quindi che maggiormente deve garantire i requisiti di conservazione e protezione del prodotto. Nel caso di beni di consumo, il packaging primario rappresenta quindi l unità di vendita destinata al consumatore finale. Esempi di packaging primario sono una bottiglia, una lattina di bevande, una scatola di fagioli, un pacchetto di sigarette Il packaging secondario è utilizzato per raggruppare un certo numero di unità di vendita primarie all interno del punto vendita. Può essere venduto all utente finale come un unica unità oppure utilizzato solo per facilitare la movimentazione all interno del punto vendita e successivamente rimosso dal prodotto senza alterarne le caratteristiche. 3 Nel caso di beni di largo consumo, l imballaggio secondario può costituire quindi sia l unità di vendita destinata al consumatore finale sia quella destinata al rivenditore. Esempi di packaging secondario sono una confezione contenente più bottiglie, lattine, scatole di fagioli, una stecca di sigarette. 3. Il packaging terziario è l insieme di unità primarie e secondarie predisposte specificatamente per la movimentazione e il trasporto. Nel caso di beni di largo consumo, l imballaggio terziario è riservato all utilizzo all interno della catena di distribuzione e, salvo casi particolari, non arriva al consumatore finale. Un esempio di packaging terziario è un pallet di scatoloni.

4 FUNZIONALITÀ Il packaging serve principalmente a due macro-funzioni: da un lato il packaging è infatti funzionale al marketing e dall altro alla funzione logistica. Da un punto di vista marketing, il packaging aggiunge valore al prodotto attraverso una serie di prestazioni, che possono essere sostanzialmente immateriali, come ad esempio l uso di forme o colori, oppure prestazioni materiali vere e proprie, come ad es. aggiunta di informazioni per il consumatore, maggiore preservabilità del prodotto, ecc.. il packaging rappresenta quindi un vero e proprio veicolo di promozione del prodotto. Da un punto di vista più prettamente logistico, invece, la funzione generale del packaging è quella di organizzare le merci, proteggerle e renderle identificabili in modo da permetterne la movimentazione, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione, la vendita e l utilizzazione o il consumo finale. Più in dettaglio, le funzioni svolte dal packaging sono: - Contenimento - La funzione del contenimento è storicamente la funzione più antica e originale. - Il tipo confezionamento necessario a contenere un prodotto dipende dalla forma e dalla natura del prodotto stesse e, per alcune tipologie di prodotto, come i liquidi e prodotti polverosi/granulari (free flowing products), l esigenza del contenimento è assolutamente imprenscindibile. Protezione e conservazione Qualsiasi forma di packaging rappresenta l interfaccia tra il prodotto e l ambiente circostante e rappresenta quindi una barriera protettiva per la qualità originale del prodotto. La funzione di protezione permette quindi di preservare l integrità del prodotto da sollecitazione meccaniche, come gli urti, vibrazioni e compressioni. La funzione di conservazione permette invece di bloccare o inibire variazioni chimiche e biologiche del prodotto. Nel settore del food and beverage il packaging è uno strumento essenziale per preservare la qualità degli alimenti, minimizzando lo spreco di cibo e riducendo l uso di conservanti. Nello stesso tempo il packaging contribuisce a proteggere gli alimenti dalla contaminazione di micro-organismi, parassiti, e altri agenti contaminanti. Il packaging inoltre contribuisce a preservare, l aspetto, la forma e la conformazione degli alimenti prevenendo la perdita di sapore e odori e spesso prolungando la shelf life del prodotto (con shelf life si intende la data fino alla quale un bene è igienicamente idoneo all uso e al consumo) oltre la naturale scadenza naturale o mantenere un ambiente sterile per alimenti. La funzione di conservazione rappresenta pertanto la principale funzione che deve svolgere il packging per il settore alimentare.

5 Logistica Questa funzione include tutti gli aspetti legati al trasporto e alla movimentazione del prodotto, dal suo confezionamento fino all utilizzo finale e smaltimento, che influiscono significativamente sul prezzo del prodotto. Com è facilmente intuibile il volume e il peso del packaging influiscono fortemente sui costi logistici e hanno, come vedremo in seguito, forti ripercussioni sull impatto ambientale del packaging. Informazione L informazione veicolata dal packaging può avere diverse valenze. L aspetto di un imballaggio - la forma, il colore, la grafica possono contribuire in modo significativo al successo commerciale di un prodotto; al giorno d oggi nella progettazione di una confezione sono infatti sempre coinvolti gli esperti di marketing e di comunicazione. L informazione veicolata dal packaging non è però solo di natura commerciale ma ha anche altre valenze: nel settore del food and beverage, ma non solo, il packaging facilita l identificazione del prodotto (per esempio attraverso i codici a barra e gli ologrammi), evidenzia la conformità del prodotto alle normative tecniche, fornisce informazioni utili al consumatore, come le informazioni nutrizionali, gli ingredienti, i consigli d uso e le modalità di riciclo e di smaltimento del prodotto. Facilità d uso Questa funzione dell imballaggio è sicuramente una delle più recente in ordine temporale ma sta acquisendo sempre più importanza, soprattutto nel settore alimentare, per la sua capacità di soddisfare le esigenze di nuove generazioni di consumatori. Alcuni esempi di soluzioni che condizionano e influiscono sull utilizzo del prodotto sono le aperture facilitate, le confezioni richiudibili, le confezioni adatte all utilizzo nel forno a microonde, ecc. FUNZIONALITÀ PROTEZIONE E CONSERVAZIONE LOGISTICA FUNZIONI DEL PACKAGING INFORMAZIONE FACILITÀ D USO

6 Riassumendo, sulla base delle funzioni sopra elencate che il packaging di un prodotto deve soddisfare, le principali funzioni che una confezione per alimenti e bevande deve soddisfare sono : contenere adeguatamente il prodotto alimentare; proteggere l alimento da danni meccanici; rappresentare un adeguata barriera a gas e vapori; prevenire o ritardare la degradazione biologica; provenire o ritardare la degradazione fisica; facilitare la movimentazione e il magazzino; presentare il prodotto in forma attraente; rappresentare un opportunità di informazione per quanto riguarda le proprietà organolettiche e le modalità di consumo del prodotto alimentare; consentire l identificazione sicura del prodotto. PACKAGING E SOSTENIBILITÀ AZIENDALE Come abbiamo visto, una delle funzioni principali del packaging è quella di proteggere e conservare il prodotto; in questo modo si riducono le quantità di prodotti danneggiati o avariati e di conseguenza si limita il fenomeno della sovrapproduzione necessaria per rimpiazzare la quota di prodotti non utilizzabili, contribuendo, da questo punto di vista, in modo sostanziale ad uno sviluppo sostenibile e maggiormente rispettoso dell ambiente. Ciò è particolarmente significativo per il settore degli alimenti e delle bevande, in cui, grazie anche a nuove tecnologie applicate al packaging, è stato possibile proteggere maggiormente i prodotti alimentari e prolungare la loro shelf life, limitando lo spreco di alimenti sia durante il trasporto che all interno del punto vendita. La necessità di proteggere e preservare il prodotto si scontra però con l esigenza di limitare progressivamente i volumi del packaging utilizzato: il packaging richiede infatti risorse per la propria produzione e trasporto e risulta evidente il beneficio ambientale che deriva da una diminuzione del peso e della quantità di packaging utilizzato. Il packaging, prima o poi, diventerà un rifiuto e come tale entrerà nel relativo ciclo di smaltimento. Le problematiche ambientali connesse con lo smaltimento, il riciclaggio e il riutilizzo degli imballaggi sono diventate sempre più stringenti, e spesso condizionano i criteri di progettazione degli imballaggi e l innovazione tecnologica nel settore. PACKAGING REDUCTIONS SINCE 1990S Beer bottle 45% lighter Washing-up liquid bottle 24% lighter Drinks can 24% lighter Yogurt Pot 20% lighter

7 Come conciliare l esigenza di garantire sicurezza e la salute, particolarmente importante per il settore dell FBP, con quella della sostenibilità aziendale e consentire quindi agli stakeholeder della filiera di prendere le decisioni più appropriate? In altre parole, come fare in modo quindi che il packaging possa svolgere le funzioni sopra elencate nel modo più sostenibile possibile? Si tratta di questioni molto complesse, che impongono un approccio integrato che tenga in considerazione un ampia gamma di variabili, requisiti e obiettivi: la complessità della filiera del packaging, le esigenze dei consumatori, l evoluzione continua del mercato europeo e internazionale, ecc. La filiera del packaging è estremamente complessa e in continua evoluzione: essa è costituita dai produttori delle materie prime usate nel packaging, ai venditori al dettaglio dei prodotti impacchettati, fino ad arrivare ai consumatori finali e alle imprese che gestiscono il fine vita del prodotto. In merito a queste questioni, con l obiettivo di supportare i decision-makers della filiera del packaging nella scelta del pakaging ottimale, EUROPEN, The European Organisation for Packaging and the Environment, ha realizzato nel 2011 un Green Paper denominato Packaging and Sustainibility che, proprio in merito a queste questioni, ha individuato 7 punti chiave: 1. Material selection L individuazione e la scelta del materiale più idoneo è sicuramente il primo aspetto da considerare. In questo processo di selezione, i produttori devono innanzitutto determinare quale materiale è maggiormente adatta per il loro prodotto. In questo processo i produttori devono pertanto valutare tutte le diverse implicazioni legate all utilizzo di differenti materiali a tutti gli stadi della filiera, come il costo del materiale, la lavorazione, il trasporto e il deposito, il possibile utilizzo a fine vita.in alcuni casi, come nel caso per esempio di prodotti elettronici, questa valutazione non comporta particolari criticità; in altri casi, come per il settore del Food and Beverage Packaging, si tratta di un processo complesso che deve tenere conto, oltre agli aspetti sopra elencati, anche della compatibilità al contatto alimentare dei materiali utilizzati per il packaging. A tal fine, i materiali devono rispettare, a seconda del mercato di riferimento, i requisiti che sono stabiliti da varie normative internazionali, come per esempio il regolamento comunitario 2023/2006, sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari, o la ISO EN 15593, sul sistema di gestione dell igiene per fabbricanti e fornitori di imballaggi per alimenti.

8 2. Packaging design Migliorare la sostenibilità del packaging lungo tutto il ciclo di vita del prodotto, come abbiamo già avuto modo di sottolineare, è una sfida che comporta scelte difficili. Come abbiamo accennato sopra, il progettista deve innanzitutto conciliare l esigenza di limitare gli sprechi e di svolgere le funzioni primarie sopra descritte, con quella di limitare il volume del packaging utilizzato. Nel settore del Food and Beverage Packaging, salute e sicurezza del consumatore e il prolungamento della shelf life dei prodotti sono ulteriori elementi che rendono maggiormente complesso il processo di progettazione. 3. Consumer choice Le preferenze dei consumatori e i cambiamenti degli stili di vita incidono pesantemente sulla progettazione del packaging. La domanda di prodotti alimentari da parte dei consumatori è cambiata significativamente negli ultimi 30 anni, determinate da redditi pro capite più elevate, dai cambiamenti demografici e dai cambiamenti degli stili di vita, come l incremento dei nuclei familiari composti da un unica persona, la parità di genere, ecc. 4. Transport Il peso e il volume incidono fortemente sulle quantità di merce trasportata, con conseguente aumento dei costi di carburante ed emissioni di CO 2. Si ritorna in questo modo alla necessità di dover conciliare la necessità di proteggere il prodotto e di sopportare tutti gli stress determinati dalla sua movimentazione con la sostenibilità. Per affrontare in modo appropriato le tematiche legate al trasporto, una soluzione può essere rappresentata da un approccio integrato alla questione, che impone il coinvolgimento di esperti di logistica e l utilizzo di strumenti come la Life Cycle Analaysis (LCA).

9 5. End-of-life Il fine vita del packaging e come questo influisce sull impatto ambientale e sui costi di gestione è un altra questione intorno alla quale continua ad esserci un acceso dibattito fra gli esperti. Queste questioni vanno dal trasporto del packaging usato per il riuso ai costi e benefici di usare materiali che sono riciclabili e riutilizzabili rispetto ai materiali che sono destinati alla discarica. Inoltre si discute molto su come ripartire la responsabilità per il recupero del packaging utilizzato. Molti sostengono che essa debba essere distribuita in tutta la filiera, compresi i consumatori, che nella maggior parte dei casi sono gli utilizzatori finali del packaging. In base a questa visione, acquistano particolare valore le politiche di educazione e sensibilizzazione governative e imprenditoriali. 6. Communication along the value chain Tutti gli attori coinvolti nella filiera del packaging cercano di massimizzare i profitti e minimizzare i costi, hanno priorità e bisogni diversi e ognuno di essi impatta in modo diverso sull ambiente. Ne consegue che per migliorare la sostenibilità ambientale del packaging, è assolutamente necessario migliorare la comunicazione tra i vari attori della filiera. 7. Innovative Business model Man mano che la filiera del packaging si evolve, si sviluppano e si testano nuove modelli di business per la consegna dei beni al punto vendita e la vendita dei prodotti stessi ai consumatori; è necessario quindi che la filiera del packaging continui ad investire in innovazione per studiare soluzioni che permettano al packaging di svolgere le proprie funzioni nel modo più sostenibile possibile.

10

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Sostenibilità. I Vantaggi degli Imballaggi Metallici. Associazione Nazionale fra i Fabbricanti Imballaggi Metallici ed Affini

Sostenibilità. I Vantaggi degli Imballaggi Metallici. Associazione Nazionale fra i Fabbricanti Imballaggi Metallici ed Affini Sostenibilità I Vantaggi degli Imballaggi Metallici Associazione Nazionale fra i Fabbricanti Imballaggi Metallici ed Affini La Sostenibilità è definita come Andare incontro alle necessità delle generazioni

Dettagli

Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3

Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3 29 Ottobre2013 Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3 In generale il CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi - è il consorzio privato, senza fini di lucro, costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Rifiuti & riciclaggio

Rifiuti & riciclaggio Rifiuti & riciclaggio Ridurre e riutilizzare i rifiuti e rendere gli imballaggi sempre più ecologici: ecco i principi di Migros. Nel 214 l impresa ha ampliato il proprio sistema di riciclaggio, si è impegnata

Dettagli

I gas industriali nel settore agro-alimentare e delle bevande: un grande contributo alla sostenibilita

I gas industriali nel settore agro-alimentare e delle bevande: un grande contributo alla sostenibilita I gas industriali nel settore agro-alimentare e delle bevande: un grande contributo alla sostenibilita L'efficienza e la sostenibilità della filiera alimentare sono una sfida per la società globale. Una

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe?

Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Quale è il ruolo delle certificazioni nel settore alimentare con riferimento alla filiera dei cereali: quali, quante, troppe? Simona Gullace CERTIFICAZIONE Procedura volontaria mediante la quale una terza

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

La valenza strategica della gestione ambientale

La valenza strategica della gestione ambientale Camera di Commercio di Ancona La valenza strategica della gestione ambientale 10 marzo 2008, 14.30-18.30 Antonio Tencati Università Bocconi antonio.tencati@unibocconi.it Stefano Pogutz Università Bocconi

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Il settore del packaging regionale

Il settore del packaging regionale Il settore del packaging regionale Fatturato 3,6 miliardi di Euro (2011) (22,6% del fatturato nazionale) Addetti 11.300 dipendenti Numero di aziende Più di 300 aziende con specializzazioni differenti producono

Dettagli

Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY. Food Certification, Inspection & Services

Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY. Food Certification, Inspection & Services INNOVATION Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Food Certification, Inspection & Services il mercato Il RINA si rivolge al mercato dell Agroalimentare

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI LE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE PER IL PACKAGING A CONTATTO CON GLI ALIMENTI Isabella d Adda QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING Arezzo, 28 Settembre 2012 Fatturato di 127 miliardi

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

CORSO LIVELLO 400. Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori

CORSO LIVELLO 400. Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori CORSO LIVELLO 400 Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori 1 COPYRIGHT DIRITTI D AUTORE Questa presentazione è di esclusiva proprietà

Dettagli

La certificazione ambientale

La certificazione ambientale La certificazione ambientale Vi sono due forme di certificazione: la certificazione di un organizzazione, cioè delle sue attività e dei suoi processi; la certificazione di un prodotto o servizio offerto

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015

RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO. A.I.S.O 17 aprile 2015 RICONDIZIONAMENTO DELLO STRUMENTARIO A.I.S.O 17 aprile 2015 Sterilizzazione : lo stato di fatto Momento fondamentale di prevenzione nel controllo del rischio infettivo Direttiva CEE 42/93 Norme UNI-EN

Dettagli

Grifal, Innovazione nella Tradizione.

Grifal, Innovazione nella Tradizione. Grifal, Innovazione nella Tradizione. Grifal: Innovazione nella Tradizione Presente dal 1969 nel mercato del packaging di protezione, il nome Grifal è da sempre sinonimo di competenza e innovazione. La

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

La Germania dal modello usa e getta al vuoto a rendere con cauzione

La Germania dal modello usa e getta al vuoto a rendere con cauzione La Germania dal modello usa e getta al vuoto a rendere con cauzione Cittadini d Europa Verso l Economia Circolare I Workshop Nazionale - Roma sede Arci 24 ottobre 2015 PRESENTAZIONE A CURA DI ING. FRANCESCO

Dettagli

TECNICHE DI CONFEZIONAMENTO: ULTIMI AGGIORNAMENTI M. BEATRICE BENEDETTI MICHELANGELI

TECNICHE DI CONFEZIONAMENTO: ULTIMI AGGIORNAMENTI M. BEATRICE BENEDETTI MICHELANGELI TECNICHE DI CONFEZIONAMENTO: ULTIMI AGGIORNAMENTI M. BEATRICE BENEDETTI MICHELANGELI LUGANO 16/10/2008 MONITORARE UN PROCESSO SIGNIFICA: controllo costante dei parametri registrazione archiviazione dati

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

I_I22.s Chimica ed EXPO2015

I_I22.s Chimica ed EXPO2015 PoliCulturaExpoMilano2015 I_I22.s Chimica ed EXPO2015 Versione Breve Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott. Emiliano Miriani Presidente dell Ordine Interprovinciale

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI Città di Portogruaro Assessorato all Ambiente PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI PREMESSA Questa Carta dei Principi nasce da un anno di lavoro sul progetto Vivere con Stile, promosso dall Amministrazione Comunale

Dettagli

LEADER IN CELLE DI CARICO E SOLUZIONI DI PESATURA PER PROCESSI INDUSTRIALI

LEADER IN CELLE DI CARICO E SOLUZIONI DI PESATURA PER PROCESSI INDUSTRIALI SENSOR SOLUTIONS LEADER IN CELLE DI CARICO E SOLUZIONI DI PESATURA PER PROCESSI INDUSTRIALI Automazione di processo e controllo nei processi industriali. Grazie a decenni di esperienza nello sviluppo e

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Carta etica del. Packaging. Principi condivisi per progettare, produrre, utilizzare gli imballaggi in modo consapevole

Carta etica del. Packaging. Principi condivisi per progettare, produrre, utilizzare gli imballaggi in modo consapevole Carta etica del Packaging Principi condivisi per progettare, produrre, utilizzare gli imballaggi in modo consapevole La Carta etica del Packaging è redatta da: Giovanni Baule Valeria Bucchetti È un progetto

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

DNV Business Assurance

DNV Business Assurance DNV Business Assurance Sicurezza alimentare e Sostenibilità: la sfida nel packaging Marco Omodei Salè AIBO: Desenzano del Garda 27 giugno 2013 Agenda Chi è DNV Business Assurance Scenario Food Supply Chain

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

e nel 2007 in Europa Claudio Dall Agata

e nel 2007 in Europa Claudio Dall Agata e nel 2007 in Europa In principio Bestack e il settore del Cartone Ondulato nel 2004: Lacune da Colmare Gli strumenti messi in campo 1. Ricerche e monitoraggio di mercato: 1. Market Overview, 2. Indagini

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI LIFE10 ENV/IT/000367 PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI Buone pratiche di gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza di Sustainable Cruise Sustainable

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero)

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero) Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK (Dir. Prof. Angelo Montenero) Lo spreco alimentare Nel mondo: Viene sprecato 1/3 del cibo prodotto Lo spreco equivale a 1,3 miliardi

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014 LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO Cremona 22 Ottobre 2014 Standard sicurezza alimentare: trend nazionale e internazionale PREMESSA Certificazione nel settore agro-alimentare

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

conveyours and dividers

conveyours and dividers conveyours and dividers IT SMILINE DIVISION Movimentazione fluida dei prodotti La movimentazione di contenitori e prodotti da una macchina all altra all interno di una linea di imbottigliamento è un fattore

Dettagli

Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale

Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale La sostenibilità lungo tutta la filiera: una nuova sfida per le aziende eticamente all avanguardia 14 Maggio 2012 Chi siamo: una PMI Dipendenti:

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHI, GAVA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHI, GAVA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2429 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MAZZOCCHI, GAVA Disposizioni concernenti il recupero degli imballaggi, per la reintroduzione

Dettagli

Presentazione del caso 2015

Presentazione del caso 2015 Presentazione del caso 2015 La SIMKTG www.simktg.it XXVI Edizione Premio Marketing 2 1 Le attività della SIMKTG 1. La rivista: 2. I convegni annuali: 2010: VII, Ancona, Marketing & Sales oltre la crisi

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

Gli imballaggi in carta e cartone: nuove sfide per il futuro

Gli imballaggi in carta e cartone: nuove sfide per il futuro Gli imballaggi in carta e cartone: nuove sfide per il futuro Eliana Farotto Responsabile Ricerca e Sviluppo Milano, 7 ottobre 2014 scaletta intervento Comieco e la gestione degli imballaggi in carta e

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN

CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN biz plan green_copertina 07/09/2012 15:41 Pagina 1 CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN biz plan green_copertina 07/09/2012 15:41 Pagina 2 Indice pag. 3 A chi si rivolge questa guida

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche

Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Norma UNI 11155 Gli Indici Logistici Attività operative delle imprese Misurazione delle prestazioni logistiche Cos è l UNI L'UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione è un'associazione privata senza

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Premessa Analisi iniziale Pre-assessment modifiche Il percorso per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Nuovo standard per la massima sicurezza dei prodotti alimentari

Nuovo standard per la massima sicurezza dei prodotti alimentari INFORMAZIONE PER LA STAMPA / 08 marzo 2013 Nuovo standard per la massima sicurezza dei prodotti alimentari L impegno di Schütz per la sicurezza del prodotto e dei processi produttivi Leader fra i produttori

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

MODULO 1 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1

MODULO 1 VERIFICA GUIDATA DI FINE UNITA 1 Modulo 1 unità 1 erifica guidata di fine unità pag. 1 di 5 MODULO 1 ERIICA GUIDATA DI INE UNITA 1 Il contratto di vendita 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Nel contratto di vendita il compratore

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Michela Melis - IEFE Università Bocconi Alberto Riva - Gdl Qualità Ambientale, Assolombarda

Dettagli

LAYMAN S REPORT. www.lifeplus-lightpet.com

LAYMAN S REPORT. www.lifeplus-lightpet.com LIFE11 ENV/IT/000184 Il progetto è realizzato con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione Europea PROCESSO INNOVATIVO E SOLUZIONI PER DIMINUIRE IL PESO DEI CONTENITORI IN PET E PROMUOVERE

Dettagli

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI SCOPO DI QUESTA PUBBLICAZIONE è quello di illustrare le caratteristiche

Dettagli

CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY

CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY CAPITOLO 2 / GREEN ECONOMY A cura del Prof. Carlo Alberto Pratesi Università Roma 3* Cosa si deve intendere oggi per Green Economy Disoccupazione,

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

LA NORMATIVA VOLONTARIA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

LA NORMATIVA VOLONTARIA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE LA NORMATIVA VOLONTARIA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Santina Modafferi Federchimica, 13 settembre 2010 QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING CERTIQUALITY SALUTE E

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ALLUMINIO IL GLOSSARIO E I RIFERIMENTI NORMATIVI

ALLUMINIO IL GLOSSARIO E I RIFERIMENTI NORMATIVI ALLUMINIO IL GLOSSARIO E I RIFERIMENTI NORMATIVI A Al e Alu Sono i simboli riportati sugli imballaggi in alluminio, per riconoscerli e poterli differenziare durante la raccolta. Allumina Minerale composto

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Mavi Drink A2) Forma giuridica srl A3) Codice Fiscale 03196350361 Partita IVA 03196350361 A4) Sede

Dettagli

Using APS.net for Effective Scheduling in the Food Process Industry

Using APS.net for Effective Scheduling in the Food Process Industry Using APS.net for Effective Scheduling in the Food Process Industry In generale il processo di produzione delle aziende alimentari è molto simile a quello di altri settori: Rispetto della date di consegna

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini.

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Rimini, 6 giugno 2008 a cura di Maria Berrini e Emanuela Manca Gli acquisti verdi nel settore

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Petainer Keg L alternativa economica ed ecologica ai keg in metallo per bevande alla spina. Pet Keg Innovazione per un futuro sostenibile

Petainer Keg L alternativa economica ed ecologica ai keg in metallo per bevande alla spina. Pet Keg Innovazione per un futuro sostenibile Petainer Keg L alternativa economica ed ecologica ai keg in metallo per bevande alla spina Pet Keg Innovazione per un futuro sostenibile Anche se altamente tecnico, il concetto alla base del Keg di Petainer

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO ALLEGATO A DENOMINAZIONE PROGETTO Educazione al Consumo Consapevole progetto per la realizzazione di un programma di educazione al consumo consapevole per le scuole di istruzione primaria

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

www.bigpaper.it LICENZIATARIO INTERNAZIONALE SISTEMA CONFORME REG. CE 2023/2006 Gastronomia Big Paper Big One Big Bag

www.bigpaper.it LICENZIATARIO INTERNAZIONALE SISTEMA CONFORME REG. CE 2023/2006 Gastronomia Big Paper Big One Big Bag www.bigpaper.it LICENZIATARIO INTERNAZIONALE SISTEMA CONFORME REG. CE 2023/2006 Gastronomia Big Paper Big One Big Bag Semplicemente inimitabile STRATO INTERNO INCONTAMINATO A COPERTURA TOTALE ALETTE LATERALI

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

Gli indicatori dei processi e della qualità del servizio

Gli indicatori dei processi e della qualità del servizio CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE PER IL FARMACISTA SSN (IIª edizione) Catania, 13-15 febbraio 2014 Codice ECM 313-85084 Gli indicatori dei processi e della qualità

Dettagli

Il Vostro ufficio a impatto zero

Il Vostro ufficio a impatto zero Il Vostro ufficio a impatto zero Via Lungo Isarco Destro, 23 39100 Bolzano Tel 0471/201.301 www.papavero.bz.it info@papavero.bz.it Chi siamo Tradizione e competenza: siamo sul mercato da oltre 25anni;

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance 62 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La governance Conai dispone di una propria organizzazione che svolge, attraverso le sedi di Roma e Milano, l attività di coordinamento e gli altri compiti descritti

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli