INDICE. [Modulo 1] IL MERCATO DELLA RISTORAZIONE...2. [Modulo 2] LA PROGETTAZIONE DELL ATTIVITÀ RISTORATIVA...6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. [Modulo 1] IL MERCATO DELLA RISTORAZIONE...2. [Modulo 2] LA PROGETTAZIONE DELL ATTIVITÀ RISTORATIVA...6"

Transcript

1 INDICE [Modulo 1] IL MERCATO DELLA RISTORAZIONE...2 [Modulo 2] LA PROGETTAZIONE DELL ATTIVITÀ RISTORATIVA...6 [Modulo 3] LE ATTREZZATURE IN RISTORAZIONE...11 [Modulo 4] L IGIENE E LA SICUREZZA NELL ATTIVITÀ RISTORATIVA...15 [Modulo 5] IL SETTORE FOOD...19 [Modulo 6] IL MENU...23 [Modulo 7] LE RISORSE UMANE E LA GESTIONE DEL LAVORO IN RISTORAZIONE...27 [Modulo 8] IL SERVIZIO DI QUALITÀ...31 [Modulo 9] CATERING E BANQUETING...35 [Modulo 10] IL SETTORE BEVERAGE...39 SCHEDE E GLOSSARI DI DEGUSTAZIONE...43 [1]

2 [modulo 1] IL MErcato della ristorazione [Modulo 1] IL MERCATO DELLA RISTORAZIONE Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. Qual è l epoca in cui vengono poste le basi della ristorazione moderna? a) tra il 600 e il 700 b) nel Medio evo c) alla fine dell Individua i motivi conduttori della ristorazione del 2000: a) valorizzazione della qualità b) rapidità del servizio c) prezzi elevati 3. In quale settore della ristorazione collettiva si pone l accento anche sull appetibilità? a) ristorazione aziendale b) ristorazione socio-sanitaria c) ristorazione assistenziale 4. La neo-ristorazione si differenzia dalla tradizionale per: a) minor manodopera e meno specializzata b) clientela omogenea c) offerta di piatti ridotta 5. L offerta ristorativa del fast-food si distingue per: a) complessità b) sinteticità c) tradizione locale 6. Qual è la forma di ristorazione viaggiante che si caratterizza per un offerta gastronomica particolarmente curata? a) navale b) ferroviaria c) aerea [2]

3 [modulo 1] IL MErcato della ristorazione 7. Con il termine ristorazione commerciale si intende: a) esercizi aperti al pubblico che producono e vendono pasti in un centro commerciale b) esercizi aperti al pubblico che producono e vendono pasti c) pubblici esercizi con clientela abituale che lavora nel commercio 8. Individua l offerta tipica di un ristorante top : a) carta dei vini molto ampia b) menu degustazione di alta qualità c) menu fisso con buon rapporto qualità-prezzo 9. La formula di self-service più utilizzata è: a) a circolazione libera b) a giostra c) in linea 10. Quale tra le seguenti tipologie ristorative potresti definire di necessità : a) ristorazione di tipo etnico b) ristorazione salutista c) ristorazione scolastica 11. Cos è il format ristorativo : a) un modello b) un sogno c) un progetto 12. Individua qual è, oggigiorno, in Italia, il pasto principale: a) cena b) pranzo c) colazione 13. In che epoca storica compare l utilizzo della forchetta? a) nell epoca romana b) nel 1500 c) nei primi del La cucina molecolare prevede l utilizzo di: a) olio, idrogeno b) mercurio, azoto c) azoto, alcol [3]

4 [modulo 1] Il mercato della ristorazione 15. Qual è un obiettivo della ristorazione tradizionale del nuovo millennio? a) guadagnare di più b) incentivare la formazione professionale c) disinvestire i capitali Proposte di lavoro e applicazioni didattiche Elabora un indagine-censimento sui locali di neoristorazione della tua provincia, utilizzando come schema i seguenti punti: a) tipologia ristorativa - motivi della scelta b) ubicazione (centro storico, commerciale, periferia, ecc.) c) servizi offerti d) n dipendenti e) frequenza di clientela età media orari apertura f) data di inizio attività g) tipologia di gestione (familiare, franchising, altro) Distingui all interno della categoria RISTORANTI tra: > ristoranti > ristoranti top > trattorie Distingui all interno di chi tratta il prodotto PIZZA tra: > ristoranti pizzeria > pizzerie Rileva le caratteristiche strutturali delle diverse tipologie di locali, studiane i consumi e i canali d acquisto / Metodologia: > un questionario specifico per ogni target > rilevazione telefonica > intervista realizzata con il titolare o il gestore del locale [4]

5 [modulo 1] IL MErcato della ristorazione Il ristorante didattico Vi proponiamo ora la costruzione di un ristorante cosiddetto didattico : il ristorante della vostra scuola. L obiettivo non è certo di poco conto, ma con un attento e sistematico lavoro, con forti sinergie disciplinari e di tutte le componenti della scuola, è sicuramente raggiungibile. La vostra struttura ristorativa, a questo punto, non sarà solo immaginaria, ma una realtà operativa che potrà accrescere ancor più la vostra formazione professionale. L applicazione IL RISTORANTE DIDATTICO è riferita ad ogni modulo del testo, in modo da seguire, passo a passo, il vostro progetto. Ogni fase sarà strettamente collegata alle tematiche studiate così da permettervi una costruzione graduale, nei due anni del post-qualifica, del vostro ristorante. 1. Insieme all insegnante di Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi sviluppate il progetto e la proposta da sottoporre al Consiglio di classe ed a tutti gli organi collegiali. 2. Insieme all insegnante di Legislazione analizzate l aspetto giuridico del vostro progetto. 3. Con l insegnante d Italiano e Storia ricercate e studiate le trasformazioni della società nell epoca moderna. 4. Insieme all insegnante di Economia e gestione dell azienda ristorativa approfondite l aspetto organizzativo ed imprenditoriale dell azienda ristorativa. 5. L insegnante di Alimenti e alimentazione vi aiuterà a sviluppare il tema riguardante l aspetto nutrizionale e l igiene degli alimenti, fondamento per il vostro obiettivo. [5]

6 [modulo 2] La progettazione dell attività ristorativa [Modulo 2] LA PROGETTAZIONE DELL ATTIVITÀ RISTORATIVA Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. Il marketing nell attività ristorativa pone al centro: a) il cliente b) il servizio c) la ricerca 2. Con la formula contrattuale di franchising: a) si acquista il marchio ed il know-how di un azienda ristorativa b) si acquistano prodotti continuativamente da un azienda ristorativa c) si ristruttura un edificio cambiando la destinazione d uso 3. Il Benchmarking è: a) un filone del marketing b) una tecnica di confronto del mercato c) un modo di fare pubblicità 4. Individua le caratteristiche della produzione dei servizi: a) servizi del primario, servizi del secondario, servizi del terziario b) intangibilità, simultaneità, professionalità del personale c) prevedere, produrre, servire 5. Il marketing è: a) soddisfare i bisogni dei clienti b) orientarsi al raggiungimento degli obiettivi aziendali c) orientarsi alla produzione di prodotti a basso prezzo 6. Il webmarketing: a) è una forma di sponsorizzazione dell azienda ristorativa b) sostituisce il vecchio direct mailing c) rientra nella comunicazione del marketing mix dell azienda ristorativa [6]

7 [modulo 2] La progettazione dell attività ristorativa 7. Il principio del prezzo nel revenue management è: a) Value pricing b) Yield pricing c) Cost- plus 8. Il termine lay-out della struttura significa: a) potenziare la capacità ricettiva del locale b) sfruttare al massimo tutto lo spazio a disposizione, ottimizzando l impiego delle risorse umane c) ristrutturare l edificio in quanto fuori mercato 9. Il termine contestualizzazione nel definire una struttura ristorativa significa: a) studiare lo sviluppo orizzontale o verticale dell edificio b) adeguare architettonicamente l azienda all ambiente circostante c) adeguare le esigenze operative al contesto 10. Il lay-out dei flussi in una struttura ristorativa riguarda: a) l ottimizzazione del percorso dei liquidi nei canali di scarico b) l ottimizzazione dei percorsi e movimenti del personale c) l ottimizzazione dei percorsi e movimenti del personale e della clientela 11. Le aree a temperatura ambiente e controllata di una cucina vanno progettate: a) nella zona approvvigionamento e conservazione b) nella zona di preparazione c) nella zona di lavaggio 12. L area di vendita è composta: a) da tutta l area in cui viene ospitato il cliente b) dalla sala ristorante c) dalla sala ristorante e dalla zona di distribuzione 13. L immagine esterna di una struttura ristorativa è determinata: a) dalla facciata, che deve essere molto colorata per attrarre i clienti b) dalla facciata, dall illuminazione, dalla presenza di piante e dall insegna c) dalla facciata, che deve essere di colore chiaro per esprimere cura riservata all igiene 14. La climatizzazione regola: a) solo la temperatura dell ambiente, producendo freddo b) il grado di umidità c) temperatura, umidità, purezza e diffusione dell aria [7]

8 [modulo 2] La progettazione dell attività ristorativa 15. L insonorizzazione dell area di vendita si ottiene: a) utilizzando materiali d arredo o adoperando dispositivi fonoisolanti b) progettando l area con soffitti alti c) sistemando i tavoli molto distanziati tra loro Proposte di lavoro e applicazioni didattiche Disegna la pianta di un azienda ristorativa in cui hai operato, evidenziando la suddivisione delle aree di lavoro ed i diversi reparti. Con l utilizzo di carta da lucido (così potranno essere sovrapposte le diverse piante), disegna l impianto elettrico, l impianto a gas e l impianto idrico. Con una breve spiegazione, ed aiutato da una legenda, descrivi ciò che hai avuto modo di conoscere. Raccogli dei dati e trasformali, con l aiuto dell insegnante di matematica, in punti da unire nel piano cartesiano per costruire la parabola legata al ciclo di vita del prodotto ristorativo. Completa la tabella relativa al ciclo di vita del servizio di ristorazione, comparando, per esempio, tutti gli agriturismi della tua zona e completa poi con una breve relazione. Effettua un indagine di mercato in un gruppo omogeneo di persone (lavoratori, impiegati, liberi professionisti o tuoi coetanei) che preveda: > la preparazione di una scheda di rilevazione; > la somministrazione della scheda ad un numero di persone rappresentativo (campione di 50 persone); > la fase di raccolta dei dati; > la rielaborazione dei dati. Una scheda-tipo può contenere, ad esempio, i seguenti parametri: > età, sesso, tipo di lavoro, situazione anagrafica, distanza tra luogo di lavoro e domicilio, ore e tempi di attività lavorativa, ore ed utilizzo di tempo libero; > abitudini alimentari: pasti consumati giornalmente, numero di pietanze per pasto, preferenze tra le varie portate del pasto, gusti personali in termini di cucina tradizionale e varietà alimentare; > motivazioni nella scelta di una struttura ristorativa: igiene, servizio, velocità, qualità del cibo, professionalità del personale, arredo del locale, privacy; > budget di spesa. [8]

9 [modulo 2] La progettazione dell attività ristorativa Il ristorante didattico Risulta evidente come lo sviluppo del vostro progetto di ristorante prenda ampio respiro. Il primo blocco tematico il corretto processo formativo sarà stato studiato con attenzione perché le nuove conoscenze dovranno essere utilizzate in maniera cospicua. Tutto il piano di marketing, così come il marketing mix, dovranno essere applicati alla vostra azienda... forse anche lo yeld management può essere una via facilmente percorribile per il vostro successo. Il secondo blocco tematico, riguardante il corretto impianto, vi darà alcuni spunti per migliorare, se possibile, la struttura già probabilmente esistente. Se si tratterà di una edificazione ex-novo le competenze acquisite dovranno essere tutte sfruttate, e anche di più... Create il vostro piano di marketing attraverso diversi stampati e griglie che vi aiutino a rilevare: Le Persone: > le classi che intendete coinvolgere (terze, quarte e quinte classi) con l individuazione di alunni che possano diventare i responsabili di progetto; > il personale tecnico, ausiliario ed amministrativo occorrente per la realizzazione; > gli insegnanti coinvolti con determinazione di un referente responsabile; > la tipologia di clientela potenziale. Gli spazi: > individuare laboratori e/o parti di questi interessati all attività; > determinare tutti gli spazi annessi e connessi al ristorante; > definire il numero di coperti massimo. I tempi: > prevedere orari di laboratorio ed attività attinenti (terza area) in modo da distribuire equamente il lavoro e farlo ricadere durante le ore di attività curriculare; [9]

10 [modulo 2] La progettazione dell attività ristorativa > determinare l orario di apertura e di chiusura del locale; > definire il giorno/i di chiusura. L offerta: > confrontare la vostra idea con altri istituti grazie anche il processo di benchmarking; > costruire la lista delle vivande ed i menu (l analisi di questo punto sarà specifica nel prossimo modulo); > determinare il prezzo delle varie portate o lasciare per il primo periodo, che sia il cliente a proporlo (yeld management); > definire gli standard di servizio (Attrezzature, tipologie di servizio, divise particolari, ecc.); > predisporre una carta dei vini e bevande e relativo prezzo. L organizzazione del lavoro: > individuare brigate e ruoli, sia nel reparto di cucina che di sala/bar; > definire la collaborazione con il ricevimento per l accoglienza, informazioni, guardaroba e quant altro; > confermare il canale di approvvigionamento delle merci. Pubblicità: > creazione di biglietti da visita, brochure, stampati, articoli di giornale, costruzione sito internet, ecc.; > effettuare attività di pubbliche relazioni legata al territorio. Questo processo è sicuramente complesso ed è chiaro che questa da noi proposta vuole essere solo una traccia che poi articolerete in base alla vostra struttura scolastica e grazie alle competenze professionali dei vostri insegnanti. In relazione al secondo blocco tematico, il corretto impianto, ciò che dovete maggiormente analizzare e rivedere sono: > il lay-out dei flussi, in quanto se ne inserisce uno nuovo che è quello della clientela; > le disposizioni normative in materia di ristorazione; > se prevedere la ristrutturazione parziale di locali ed impianti non adeguati al nuovo progetto. [10]

11 [modulo 3] LE attrezzature In ristorazione [Modulo 3] LE ATTREZZATURE IN RISTORAZIONE Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. La cucina dovrebbe essere ubicata: a) nel piano inferiore rispetto alla distribuzione b) al centro rispetto alle varie zone di lavoro c) nei pressi del reparto distribuzione 2. Il lay-out di una cucina prevede: a) la marcia in avanti, dalla produzione alla distribuzione b) la marcia in avanti dei piatti sporchi e di quelli puliti c) la marcia in avanti dall arrivo delle materie prime alla somministrazione 3. La confezionatrice sottovuoto a campana: a) crea il vuoto al 90% b) crea il vuoto al 60% c) crea il vuoto al 100% 4. L abbattimento di temperatura con aria soft : a) è adatto al trattamento di alimenti delicati b) è adatto al trattamento di quantità elevate di alimenti c) è adatto al trattamento di alimenti da surgelare 5. Il thermolanet è: a) un apparecchiatura per il sottovuoto b) una frusta con vaporizzatore c) una planetaria riscaldata 6. Il materiale dei tavoli da lavoro dovrebbe essere: a) in acciaio inox 18/10 b) in plastica c) in marmo [11]

12 [modulo 3] LE attrezzature In ristorazione 7. L hotmixpro è: a) un cutter raffreddato ad acqua b) una macchina che impasta, sminuzza, trita e cuoce c) un robot per la cottura in sottovuoto 8. La piastra ad induzione è inserita in: a) una tecnologia di preparazione b) una tecnologia di cottura c) una tecnologia di pulizia 9. La conformità degli impianti elettrici alle norme italiane consegue il marchio: a) CEI b) VDE c) ISO 10. La cottura a convezione è: a) un sistema che utilizza onde elettromagnetiche b) l evoluzione del sistema statico tradizionale, attraverso l impiego dell aria forzata c) un sistema dove il calore si propaga per mezzo del vapore 11. La cottura a vapore sostituisce: a) la cottura in acqua b) la cottura a convezione c) la cottura combinata 12. I forni a microonde possono essere impiegati: a) per rigenerare precotti, per scongelare, per cotture di piatti che non necessitano di rosolatura b) per preparare dell ottimo pane c) per cotture lente e costanti 13. La parte bassa del bancone bar freestyle si chiama: a) work station b) rail mat c) speed rack [12]

13 [modulo 3] LE attrezzature In ristorazione 14. I tavolini del dehors del ristorante dovrebbero essere in: a) plastica b) alluminio c) legno 15. La lavabicchieri deve avere: a) cestello rotante b) cestello a scorrimento c) cestello fisso Proposte di lavoro e applicazioni didattiche > Crea, attraverso un disegno, la cucina ideale di un centro produzione pasti (ristorazione collettiva), inserendo le attrezzature secondo te più idonee. > In laboratorio: sperimenta l utilizzo di un forno combinato confrontando le prestazioni rispetto ad un forno statico e/o uno a vapore. > Effettua un indagine legata alle problematiche ed alle tecniche di smaltimento e compattaggio dei rifiuti nella ristorazione. > Effettua un indagine statistica sulla percentuale di locali della tua zona che utilizzano il forno combinato e l abbattitore di temperatura. > Effettua una ricerca sull utilizzo e l arredamento dell area esterna al ristorante come forma di ampliamento della vendita del servizio ristorativo. [13]

14 [modulo 3] LE attrezzature In ristorazione Il ristorante didattico L acquisto e l utilizzo di impianti ed attrezzatura devono essere supportati da una buona conoscenza professionale. Sicuramente all interno del vostro Istituto l attrezzatura non manca e nemmeno le competenze professionali. Rimane da verificare se il vostro ristorante didattico si inserisce fisicamente in un ambiente già esistente o se la costruzione è ex-novo. Alcuni punti per realizzare il vostro progetto sono: 1. Valutate se tutta l impiantistica e tutte le attrezzature siano confacenti ai bisogni della vostra attività. 2. Se acquistate grandi attrezzature, cercate anche di risparmiare nell investimento. Affidatevi, se possibile, a qualche ditta produttrice che vi possa sponsorizzare, oppure comprate qualcosa di usato mantenuto in buone condizioni d uso e di sicurezza. 3. Potete inserire nella sala ristorante un piccolo bancone bar in modo da congiungere i due reparti e arredarli con buon gusto estetico e funzionalità. Anche in questa fase dovrete ricorrere alla gara di appalto per le forniture. [14]

15 [modulo 4] L IgIEnE E La sicurezza nell attività ristorativa [Modulo 4] L IGIENE E LA SICUREZZA NELL ATTIVITÀ RISTORATIVA Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. Il gruppo HACCP deve formare gli operatori su: a) i principi della legge 626 b) il corretto comportamento da tenere nei confronti dei clienti c) il D.Lgs. 155/97 2. La DIM è la: a) concentrazione di microrganismi patogeni che supera la resistenza naturale dell uomo b) contaminazione dell alimento durante la manipolazione c) contaminazione tra alimenti 3. Individua l intervallo di temperatura di massimo sviluppo microbico: a) 10 C 35 C b) 10 C 60 C c) 30 C 60 C 4. La contaminazione crociata sporco-pulito è: a) contaminazione tra alimenti sporchi-crudi con quelli pronti alla manipolazione e/o vendita b) contaminazione batterica tra gli operatori c) contaminazione batterica tra l attrezzatura sporca e l alimento pulito 5. Il vapore umido risulta molto più efficace per: a) disinfestazione b) disinfezione c) detersione 6. Il copricapo per gli addetti alla preparazione degli alimenti deve: a) contenere tutta la capigliatura b) contenere la capigliatura frontale e i capelli lunghi raccolti c) essere elemento integrante della divisa per distinguere un cuoco [15]

16 [modulo 4] L IgIEnE E La sicurezza nell attività ristorativa 7. Il primo punto fondamentale dell HACCP è: a) analizzare tutti i passaggi ed i rischi a cui gli alimenti sono sottoposti b) predisporre una documentazione relativa alle procedure di monitoraggio c) stabilire un sistema di monitoraggio che consenta di informatizzare tutti i CCP 8. L attuazione del sistema HACCP è monitorata e verificata attraverso: a) la stesura del piano di autocontrollo b) il diagramma di flusso c) l applicazione dell allegato al D.L. 155/97 9. L UNI è: a) l ente italiano che recepisce le norme di certificazione ISO internazionali b) l unione delle società di accreditamento c) l ente nazionale di standardizzazione 10. Il piano antincendio prevede: a) la fase di prevenzione e la fase protettiva con misure attive e passive b) solo la stesura del piano di evacuazione c) l impianto luci di emergenza vicino agli estintori 11. Una delle certificazioni di prodotto è: a) ISO b) DOP c) ISO Il servizio di prevenzione in azienda elabora: a) il piano di sicurezza ed evacuazione b) il decreto legislativo c) il piano di autocontrollo 13. L obiettivo del nuovo decreto legislativo n.81/08 è: a) accrescere la sorveglianza sulla sicurezza del lavoratore b) accrescere le punizioni su chi non si adegua al programma di sicurezza c) accrescere una nuova cultura della sicurezza [16]

17 [modulo 4] L IgIEnE E La sicurezza nell attività ristorativa 14. La prevenzione dei rischi in materia igienico-sanitaria è di tipo: a) dinamico b) statico c) statico e dinamico 15. Il libretto di idoneità sanitaria: a) non è più obbligatorio per tutta Italia, ma è necessario l attestato di formazione b) è obbligatorio per le aziende che superano i 25 addetti c) è obbligatorio in tutte le regioni d Italia e per tutti coloro che manipolano alimenti Proposte di lavoro e applicazioni didattiche > Seguendo l albero delle decisioni: > individua quali sono i punti critici di controllo per la preparazione della crema inglese con servizio differito di circa quattro ore; > prepara un diagramma di flusso per la preparazione del ragù alla bolognese; > in laboratorio: - ad ogni alunno verrà affidato il compito di verificare per settori l applicazione del piano HACCP all interno del laboratorio; - ogni alunno predisporrà il piano di evacuazione antincendio del laboratorio in cui opera; > prepara uno stampato che ti permetta di verificare nella tua città o quartiere quali sono le aziende ristorative, tra quelle commerciali e quelle collettive, che si sono dotate di un piano di autocontrollo approfondito e quanti sono in percentuale gli operatori che hanno seguito dei corsi di formazione in merito alla legge 155/97. [17]

18 [modulo 4] L IgIEnE E La sicurezza nell attività ristorativa Il ristorante didattico L operatività del modulo 4 riguarda due fasi fondamentali che sono legate alle persone che operano all interno di un esercizio ristorativo ed a quelle che usufruiscono di un servizio ristorativo: la sicurezza e l igiene. Da questi elementi non si può prescindere, soprattutto quando è la norma legislativa che lo impone. L aiuto in questa progettazione di persone competenti in materia vi sarà sicuramente utile, se non indispensabile. Il vostro ristorante deve necessariamente adeguarsi; vediamo come. 1. Attenetevi alle norme igieniche generali che riguardano gli alimenti. 2. Assicuratevi che tutti gli operatori siano muniti di libretto di idoneità sanitaria o conoscano ed abbiano firmato il decalogo stampato di formazione alimentare. 3. Verificate che il magazzino e tutti i locali interessati alle fasi di lavorazione degli alimenti si attengano alle norme igienico-sanitarie prescritte. 4. Attenetevi alle regole di sanificazione degli ambienti. A tal proposito, create un piano di sanificazione che vi permetta di controllare rapidamente lo stato delle pulizie. 5. Create il gruppo HACCP. 6. Dotatevi di un piano di autocontrollo semplice, ma efficace all interno del quale inserirete anche tutte le schede di autocontrollo che avrete predisposto in base alla tipologia di ristorazione che intendete effettuare; inserite anche la ceck-list del punto Assicuratevi che gli impianti e le attrezzature siano tutti provvisti di sistemi di sicurezza in ottemperanza alla legge 626/94; così potrete lavorare con più tranquillità. 8. Predisponete un piano antincendio e dotatevi di attrezzature che permettano sia la prevenzione che la protezione dagli incendi. Rimane da preparare il piano di evacuazione. [18]

19 [modulo 5] IL settore Food [Modulo 5] IL SETTORE FOOD Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. La succulenza diretta è: a) provocata dalla salivazione b) provocata da succhi e liquidi rilasciati dal cibo c) provocata da sostanze acide e/o amare 2. L analisi sensoriale degli alimenti si distingue in: a) analisi descrittiva ed analisi edonistica b) analisi edonistica e analisi logica c) analisi descrittiva e analisi gustativa 3. Vengono definiti di I a gamma i prodotti: a) semilavorati, stabilizzati b) deperibili freschi o grezzi c) conservati per refrigerazione 4. Il reparto che si occupa dell approvvigionamento e: a) l economato b) la cucina c) l ufficio del food & beverage 5. La tracciabilità di un prodotto è: a) l etichetta posta sul prodotto b) un etichettatura che consente di conoscere tutti i passaggi della filiera produttiva c) un marchio che viene dato al prodotto per tracciare la sua qualità 6. Con il termine FIFO intendiamo: a) Federazione Italiana Food Organizzation b) una modalità di valutazione delle scorte c) una modalità per la rilevazione del movimento delle merci (food in, food out) [19]

20 [modulo 5] IL settore Food 7. Un alimento è di buona adoperabilità quando possiede le seguenti caratteristiche: a) ottima qualità organolettica, nutrizionale ed igienica b) capacità di conservazione, facilità di lavorazione ed efficacia commerciale c) caratteristiche organolettiche in grado di soddisfare il consumatore 8. La specifica di acquisto è: a) un buono d acquisto b) un documento recante una descrizione dettagliata di un prodotto da acquistare c) una scheda di prelievo per il magazzino 9. Sapendo che un ristorante consuma giornalmente 6 kg di cipolle, che il tempo di approvvigionamento è di 3 giorni e che la scorta di sicurezza è stata fissata in 9 kg, il punto d ordine è: a) 9 kg di cipolle b) 27 kg di cipolle c) 18 kg di cipolle 10. Cosa s intende per lotto economico d acquisto? a) la quantità ideale di merce da acquistare per rendere minimo il totale dei costi b) la quantità che minimizza la gestione delle scorte c) la quantità di merce da acquistare per calcolare le dimensioni del magazzino 11. La conservazione di un alimento sotto sale è: a) una conservazione con sostanze chimiche naturali b) una conservazione tramite eliminazione d acqua c) la conservazione successiva a quella dell essiccamento 12. Nei prodotti, la sigla STG significa: a) safety tecnology genetic b) superiorità tecnica gestionale c) specialità tradizionale garantita 13. La tipologia di fornitore ideale è: a) normale b) integrato c) partner [20]

21 [modulo 5] IL settore Food 14. Il sistema di approvvigionamento dei materiali a stock è valido: a) per la ristorazione tradizionale b) per la ristorazione collettiva c) per il ristorante top 15. La scorta di sicurezza serve: a) per trarre vantaggio da una variazione dei prezzi b) per far fronte ad inattese variazioni della domanda c) per il regolare svolgimento dell attività Proposte di lavoro e applicazioni didattiche > Individua, con l aiuto di alcuni testi e di internet: - i prodotti tipici e di qualità della tua regione; - acquistane alcuni ed analizza il loro rapporto qualità/prezzo e le caratteristiche organolettiche. > In laboratorio: - sperimenta l utilizzo di prodotti di III a gamma pronti e confronta tempi di lavorazione, qualità e risultati finali rispetto alla lavorazione di prodotti di I a gamma o row food. Es: preparazione di fettuccine ai funghi zuppa di pesce merluzzo alla livornese tiramisù meringata; - utilizza la schede di analisi organolettica dei prodotti ed effettua delle comparazioni tra diversi tipi o marche dello stesso alimento. > Indagine: - crea una specifica d acquisto o standard d acquisto (scheda) e ricerca i possibili canali di approvvigionamento relativi alla tua zona (raggio di 100 km); - valuta le condizioni di fornitura e riassumendo i dati su un tabulato, commenta il lavoro con il docente ed i tuoi compagni, cercando la scelta migliore. [21]

22 [modulo 5] IL settore Food Il ristorante didattico L approvvigionamento, come avete studiato, entra nel vivo delle operatività ristorative. Buona cosa per il vostro progetto, sarà nominare uno o più referenti dell economato che collaborino con il responsabile degli acquisti della vostra scuola. Per poter realizzare il ristorante didattico, nel modulo 4 non solo dovrete aver acquisito nozioni ed informazioni, ma dovrete aver tradotto queste ultime in competenze specifiche. Le succitate proposte di lavoro risulteranno molto utili alla oculata e vantaggiosa gestione del vostro ristorante virtuale. Ora dovrete: > effettuare delle prove di analisi organolettica che vi permettano di affinare la sensorialità e, quindi, di sviluppare le competenze nella scelta degli alimenti poterli sapientemente abbinare; > schedare tutti i prodotti che vi servono per la realizzazione dei piatti inseriti in menu; creare, con l ausilio informatico, tutte le specifiche di acquisto relative ad ogni singolo prodotto; pianificare gli acquisti. Questa operazione non risulterà semplice in quanto siamo in presenza di una nuova struttura ristorativa e prevedere il fabbisogno con sicurezza, necessiterà di un consistente impiego di tempo per selezionare il fornitore migliore per ogni tipologia di prodotto. Ricordate che all interno di una struttura pubblica deve essere effettuata una gara d appalto per le forniture. A questo proposito, approfondite l argomento selezione dei fornitori nella ristorazione scolastica pubblica ; poi individuate l ambiente fisico dove stoccare le merci e controllate che il vostro magazzino possieda tutte le caratteristiche richieste dalle normative. Poi acquistate o create tutta la modulistica per la movimentazione interna delle merci (libro magazzino, buoni prelievo ecc.) e gestite le scorte con il sistema che ritenete più idoneo alla vostra realtà, tenendo sempre sotto controllo il livello delle scorte con il relativo punto d ordine. Dopo un breve periodo di rodaggio, i vostri compagni referenti dell economato saranno in grado di calcolare il P O di ogni prodotto. [22]

23 [modulo 6] IL MEnu [Modulo 6] IL MENU Verifiche oggettive Indica con una crocetta la risposta corretta 1. La lista delle vivande o carta è: a) l elenco dei piatti proposto in un fast food b) l elenco dei piatti raggruppati per portate con l indicazione dei relativi prezzi c) l elenco dei piatti che verranno offerti in un banchetto 2. La zona del foglio del menu su cui si posa per primo lo sguardo è: a) dal centro in alto a sinistra b) in basso a sinistra c) dal centro in basso a destra 3. La seconda portata di un menu è costituita da: a) minestre brodose, minestre asciutte, primi gratinati b) pesci e piatti di mezzo c) antipasti freddi ed antipasti caldi 4. I piatti che costituiscono un menu devono differenziarsi: a) per tecniche di cottura, per ingredienti, per modo di preparazione b) solo in caso di menu alla grande carte c) per tecniche di cottura, ma solo in certe circostanze 5. Un menu di mezzogiorno per un cliente d affari è costituito: a) da piatti espressi di lunga cottura b) da piatti pronti e dal servizio rapido c) da piatti particolarmente strutturati 6. I parametri per pianificare tecnicamente un menu sono: a) tipologia di clientela, di ristorazione, di pasto b) tipologia gastronomica, tipologia grafica c) la stagionalità degli alimenti, la preparazione dei piatti [23]

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

www.egs-ita.com Programma per la gestione di ricette e analisi costi molto versatile per i professionisti del Foodservice

www.egs-ita.com Programma per la gestione di ricette e analisi costi molto versatile per i professionisti del Foodservice Soluzioni per l Industria dell Ospitalità Programma per la gestione di ricette e analisi costi molto versatile per i professionisti del Foodservice EGS Enggist & Grandjean Software SA Route de Soleure

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli