Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future. Giugno. Food & Beverage

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future. Giugno. Food & Beverage"

Transcript

1 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future Giugno 2012 Food & Beverage

2 Indice EXECUTIVE SUMMARY Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future i. Quadro economico di riferimento ii. Campione di ricerca iii. Performance Storica: approccio tradizionale iv. Performance Storica: ottica Economic Value Added v. Performance Prospettica: MVA e FGV a confronto vi. Metodologia EVA e logiche di creazione del valore 1 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

3 Executive Summary Il clima di forte incertezza che ha contraddistinto lo scenario macroeconomico mondiale nel corso del 2011, ha pesantemente inciso sulle performance delle imprese europee, lasciando presagire per i prossimi anni scenari recessivi. L'attività di ricerca qui presentata ha quindi voluto indagare la sua influenza sul comparto Food & Beverage, settore già interessato da dinamiche economiche e socio-culturali che ne hanno incrementato negli anni il livello di challenge. L'analisi della performance di 50 tra le maggiori società europee del settore non ha tuttavia consentito di evidenziare un pattern omogeneo. Molteplici e sostanziali sono infatti le discrepanze tra i segmenti esaminati. Riduzione di fatturato (-6%) e alta incidenza dei costi operativi caratterizzano il segmento Food Products, che complessivamente registra nel 2011 la peggiore performance dell'intero comparto (EVA/Sales 6%). Un positivo incremento dei principali indicatori di performance (fatturato +5%, EBIT +7% e utile netto +23%) ha riguardato invece le società del segmento Brewers che, seppure contraddistinte da un più alto costo del capitale (WACC 7,2% - media settore 6,7%), hanno registrato un'ottima performance (EVA/Sales 14%). Straordinaria la performance dei Distillers & Vintners: grazie anche ad una minore incidenza dei costi operativi (74% - media settore 84%) e del costo del capitale (WACC 5,9%), il segmento presenta un'altissima profittabilità (Profit/Sales 16%) e la migliore performance dell'intero comparto (EVA/Sales 15%). E' infine lo scarso fabbisogno di capitale ad avvantaggiare il segmento Soft Drinks che conferma l'ottima performance registrata nel 2010 (EVA/IC 25%). In considerazione delle evidenze emerse, per le aziende del settore sarà di fondamentale importanza comprendere quali siano le aspettative del mercato riguardo alla propria performance futura (FGV). Performance EVA positive saranno sostenibili in futuro? Viceversa è plausibile un inversione di tendenza per performance EVA attualmente negative? Quali condizioni operative sono infine necessarie per conseguire e battere le attuali aspettative? Dai risultati dell'analisi è emerso come per molte società del comparto sfidanti obiettivi riguarderanno la comunicazione al mercato delle innovazioni di business già introdotte o l'avvio di nuovi piani di sviluppo; è quindi necessario dotarsi di valide tecnicalità e modelli idonei a verificare la coerenza della propria strategia aziendale al fine di dare puntuale risposta a quanto atteso dal mercato dei capitali. 2

4 Quadro economico di riferimento Nel corso del 2011, lo scenario macroeconomico è stato caratterizzato a livello globale dal persistere di un generalizzato clima di incertezza, contrazione dei consumi, rallentamento della produzione e austerità. In particolar modo, i deboli segnali di ripresa che avevano interessato il contesto europeo nella prima parte dell anno sono stati minati dall acuirsi dei timori riguardo alla sostenibilità del debito sovrano di Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna. Negli ultimi mesi Incertezza, contrazione dei consumi, rallentamento della produzione e austerità soprattutto per il contesto mediterraneo scenari recessivi. A livello complessivo europeo l indice sintetico è infatti cresciuto solamente di un punto e mezzo percentuale rispetto ai valori del 2010, con l area tedesca (+3,0%) e quella francese (+1,7%) a trainare l economia europea. L area italiana è stata invece caratterizzata da una crescita nettamente più modesta (+0,4% su base annua e -0,7% nell ultimo trimestre dell anno), sostenuta quasi interamente dalle esportazioni (+6,2%); la dinamica dei consumi interni ha invece pesantemente risentito della forte riduzione del reddito disponibile delle famiglie ita- infatti, continui declassamenti ai rating governativi hanno determinato nei mercati una forte pressione speculativa e bruschi rialzi dei tassi di rifinanziamento dei paesi maggiormente coinvolti (spread rispetto al Bund tedesco). Tale situazione ha quindi portato all adozione di misure urgenti, prevalentemente di carattere fiscale e liane (spesa delle famiglie residenti +0,2%), acuita dall aumento della disoccupazione (8,9% a fine anno) e dall andamento dell inflazione (2,8% su base annua e 3,3% nell ultimo trimestre dell anno). atte ad assicurare ai mercati la sostenibilità del proprio debito, impedendo tuttavia di varare importanti misure strutturali che potessero favorire e sostenere la ripresa a più di tre anni dal manifestarsi della crisi economica globale. Gli organismi internazionali hanno conseguentemente rivisto a ribasso sia le previsioni di crescita per l esercizio 2011 che per il prossimo biennio, ipotizzando Fig. 1 - Tassi di crescita in Europa "#$%"&'()*%+, f 2013f -.%/0, 2,0 1,5 0,0 1,3 123)&45 2,3 3,1 0,8 1,7 #56475&85 1,3 1,0 1,1 1,4 946:56;45 3,7 2,9 0,8 1,6 9& ,7 1,7 0,5 1,3 "<& ,7 3,0 0,7 1,7 =)5:45 1,8 0,4-1,4 0,4 0,7 1,4 1,7 2,0 A:56;5 1,7 1,2-0,9 0,7 1,4-1,6-3,3 0,3 2,1 0,7 0,5 1,7 0,7-1,8-0,3 C?<E45 6,2 3,9 0,3 2,1 Comparto Food & Beverage. Il difficile contesto congiunturale che ha recentemente caratterizzato l'economia globale ha influito, come vedremo nel prosieguo, anche sulle performance registrate dalle società appartenenti al comparto Food & Beverage, settore tuttavia già da tempo interessato da dinamiche economiche e socio-culturali che ne hanno incrementato negli anni il livello di challenge. Commodity Price: il primo elemento di rilievo è indubbiamente l'andamento del prezzo delle commodity. La crescita economica e demografica registrata nell'ultimo ventennio, in special modo quella dei mercati in via di sviluppo, ha agito da propulsore nei confronti della domanda aggregata globale, mentre l'aumento della ricchezza ha influito sulla sua composizione qualitativa, orientando i consumatori verso alimenti più complessi (in special modo carne e pesce da allevamenti intensivi), che tuttavia richiedono un maggior dispendio di risorse per la loro produzione. Nota: fonti EUROSTAT, ISTAT e FAO 3 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

5 Fig. 2 - FAO Price Index (totale Food) Fig. 3 - FAO Price Deflated Index (Cereali, Latticini, Carne) Nominal 200 Real 200 Cereals Dairy Meat L'offerta, d'altro canto, è invece legata a limiti di Fig. 4 - FAO Price Deflated Index natura geografica e tecnica (colture intensive e impoverimento del territorio), nonché ai continui e sempre più importanti stravolgimenti climatici. La crescente urbanizzazione e il sempre maggior ricorso ai biocombustibili hanno infine ridotto lo spazio destinato alle colture alimentari, acuendo ulteriormente il divario tra domanda e offerta. L'incremento dei costi energetici per la produzione e il trasporto ha infine agito da volano inflazionistico, slegando a volte la dinamica dei prezzi da considerazioni microeconomiche. Il risultato è lo straordinario incremento registrato nel corso del 2008, eguagliato e superato 3 anni dopo, con i principali indici statistici complessivamente più che raddoppiati dall'inizio del secolo. Prescindendo da considerazioni di natura speculativa, è bene ricordare come tali dinamiche si basino su solidi fondamentali e su fenomeni di certo non destinati a scomparire nel breve termine. Eating Habits: la disponibilità di un minore potere d'acquisto ha orientato i consumatori alla ricerca di offerte e sconti anche in fatto di prodotti alimentari, slegando sempre più frequentemente l'acquisto da considerazioni inerenti il brand e evidenziando altresì un'ampia area di miglioramento in tema di pricing dei prodotti. Laddove una strategia di prezzo non sia invece Food P. Index Congiuntura economica e dinamiche socio-culturali... come cambierà il comparto? Meat P. Index percorribile, aumentare il valore percepito dal cliente diventa un imperativo A riguardo, il tema dell'obesità infantile e di una corretta nutrizione è diventato, soprattutto nei Paesi industrializzati, uno dei maggiori trend del momento; la sempre più pressante richiesta di alimenti dal contenuto "sano" ha infatti spinto diversi rami dell'agricoltura ad orientarsi verso la coltivazione biologica, nonché i produttori a sviluppare linee di prodotti fat e sugarfree e a promuovere campagne di sensibilizzazione presso le scuole. Dairy P. Index Cereals P. Index Oils P. Index Sugar P. Index Carbon Footprint: il cambiamento nelle abitudini alimentari oggi in atto ed efficacemente esemplifi- 4

6 cato dallo scontro tra "healthy food" e "junk food", in prossimo futuro potrebbe riguardare anche la tematica dell'eco-sostenibilità. Grazie ad una maggiore consapevolezza dello stretto legame intercorrente tra emissioni inquinanti e cambiamenti climatici globali, sempre più numerosi sono infatti quelli che dichiarano di preferire i prodotti locali e a "chilometro zero", rispetto ai prodotti esotici e fuori stagione. Anche in considerazione di problemi etici legati alla salvaguardia di economie in via di sviluppo e tecnici legati alla capacità di reperire in loco prodotti sostitutivi, incerte sono per ora le modalità con cui i produttori riusciranno in futuro ad adeguarsi a simili richieste. Tougher Regulation: una soluzione univoca ai temi della corretta nutrizione e dell'eco-sostenibilità potrebbe venire dall'introduzione di etichette recanti informazioni sui contenuti nutrizionali degli alimenti e sull'impatto ambientale connesso alla loro produzione. Se da un lato i recenti interventi normativi abbiano imposto a livello europeo una maggiore disclosure in fatto di contenuti (direttiva 2000/13/CE e regolamento CE 1830/2003), limitato alla provenienza è stato il contributo in tema di eco-sostenibilità. Ciò potrebbe quindi rappresentare un'ottima opportunità per quelle imprese produttrici che, proponendo uno standard condiviso per il calcolo della "carbon footprint", verrebbero sicuramente premiate dai consumatori per la loro virtuosità. Retailers & Privat Label: la tradizionale offerta commerciale del comparto è oggigiorno affiancata dalla sempre più prepotente presenza di prodotti sviluppati e distribuiti dai retailer (private label) Come precedentemente evidenziato, forti incrementi dei prezzi, danno luogo ad acquisti impulsivi legati principalmente a tematiche di convenienza. Viene quindi meno la forza commerciale di brand noti, mentre assumono maggior valore altri poco conosciuti ma la cui qualità percepita è comunque Le abitudini alimentari mutano...e l'offerta commerciale? giudicata sufficiente. In futuro il contesto competitivo esporrà sempre più le imprese del comparto a interrogarsi sulla validità della propria offerta. Queste, in estrema sintesi, le dinamiche che interesseranno il comparto Food & Beverage nei prossimi anni. Il modo in cui le imprese del settore sapranno rispondere alle sfide imposte dal mercato, si ripercuoterà inevitabilmente sulla loro performance e sul valore creato. Campione di Ricerca L attività di ricerca ha voluto indagare la performance del comparto Food & Beverage attraverso l analisi di un ristretto paniere di società europee quotate. Il campione è stato selezionato prendendo a riferimento 50 tra le prime per capitalizzazione di mercato; di queste, 31 operanti nel segmento Food Products, 7 Brewers, 8 Distillers & Vintners e 4 Soft Drinks. La tabella in figura 6, le elenca sommariamente, distinguendole per nazione, segmento di appartenenza e capitalizzazione. Si è poi voluto riassumere in un elemento grafico (L/J) un giudizio sintetico sul rapporto tra le aspettative espresse dal mercato (MVA tangible per una maggiore comprensione si rimanda alla nota metodologica alla fine di questa ricerca) e la componente intangibile del Goodwill. Qualora negativo (L), il giudizio è sintomatico di una valutazione forse troppo ottimistica delle aspettative iscritte a bilancio (avviamento). Fig. 5 - Campione di ricerca "#$%&$ '()$ 2-#$'$ &)$ Laddove: -./$0$ &1)$ FPR - Food Products BRW - Brewers D&V - Distillers & Vintners SDR - Soft Drinks *#+$,$ %')$ 5 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

7 Fig. 6 - Il Campione europeo, settore Food & Beverage 1&2$&#'(((((( )*#"+&(,3( 4,/( 0"*$%&#'((((( )*#"+&(.(,/( "#$%&#'(((((( )*#"+&(,-(,./( Company Market Data Name Country Segment Cap.on MVA GoodWill NESTLÉ LTD CHE FPR DANONE S.A. FRA FPR KERRY GROUP PLC IRL FPR SUEDZUCKER AG DEU FPR BARRY CALLEBAUT LTD CHE FPR CHOCOLATE WORKS LINDT & SPRÜNGLI LTD CHE FPR N/A " TATE & LYLE PLC GBR FPR ARYZTA LTD CHE FPR PARMALAT S.p.A. ITA FPR # EBRO FOODS S.A. ESP FPR GLANBIA PLC IRL FPR FROMAGERIES BEL S.A. FRA FPR AGRANA AG AUT FPR EMMI LTD CHE FPR CSM N.V. NLD FPR # BONGRAIN SA FRA FPR # CAMPOFRIO FOOD GROUP S.A. ESP FPR SOCIETE LDC S.A. FRA FPR BELL AG CHE FPR BONDUELLE S.A.S. FRA FPR DAIRY CREST GROUP PLC GBR FPR DEOLEO S.A. ESP FPR # CRANSWICK PLC GBR FPR RAISIO PLC FIN FPR RIEBER & SON ASA NOR FPR LOTUS BAKERIES N.V. BEL FPR AMSTERDAM COMMODITIES N.V. NLD FPR GREENCORE GROUP PLC GBR FPR HILTON FOOD GROUP PLC GBR FPR PREMIER FOODS PLC GBR FPR # CLOETTA AB SWE FPR # ANHEUSER-BUSCH INBEV S.A. BEL BRW SABMILLER PLC GBR BRW HEINEKEN N.V. NLD BRW CARLSBERG A/S DNK BRW # ROYAL UNIBREW A/S DNK BRW DUVEL MOORTGAT N.V. BEL BRW OLVI PLC FIN BRW DIAGEO PLC GBR D&V PERNOD RICARD S.A. FRA D&V REMY COINTREAU S.A. FRA D&V N/A " DAVIDE CAMPARI-MILANO S.p.A. ITA D&V C & C GROUP PLC IRL D&V SOCIETE DES PRODUITS MARNIER LAPOSTOLLE S.A. FRA D&V LANSON-BCC S.A. FRA D&V BARON DE LEY S.A. ESP D&V N/A " BRITVIC PLC GBR SDR A.G. BARR PLC GBR SDR NICHOLS PLC GBR SDR SPADEL GROUP BEL SDR Nota: Dati Thomson Reuters Percentuali calcolate sulla capitalizzazione totale per segmento/regione 6

8 Performance Storica: approccio tradizionale Analizzando in ottica comparativa i risultati ottenuti dal Campione nel corso del 2011, il comparto Food & Beverage è stato caratterizzato da un decremento del fatturato consolidato rispetto ai valori del 2010, passando infatti da 250 Mld. a 244 Mld. (-2,4%). La riduzione ha tuttavia interessato unicamente il segmento Food Producers (-5,6%), mentre i segmenti Brewers e Soft Drinks hanno registrato straordinari incrementi (rispettivamente +4,7% e +12,9%). Invariato il segmento Distillers & Vintners (+0,2%). Esaminando la distribuzione geografica dei ricavi, l incremento si è concentrato maggiormente nella regione Meridionale dell Europa (+3,2%) e in quella Settentrionale (+1,6%); in flessione quello delle regioni Occiden- Legenda ai grafici in Fig Sales EBIT Profit Fig. 7 - Performance settore Food & Beverage (totale) % % %56% % % %56% % -./01234%56% '#$ "#)% "#$$"% (+#$,,% ('#''&% %&#$ "#$ &*#$'+% &"#'"'% tali (-3,8%). Guardando infine a redditività e profittabilità, sebbene si sia registrato un positivo incremento della prima (+2,9%) e vistoso per quanto riguarda la seconda (+8,2%), le evidenze raccolte non sono univoche in quanto le performance registrate differiscono sensibilmente da segmento a segmento e, ancor più, da società a società. Segmento Food Products. Nel suo complesso il segmento ha registrato una brusca riduzione del fatturato (-9 Mld. pari a -5,6%), per la maggior parte causata dalla negativa performance di Nestlè (-15 Mld.) che da sola rappresenta circa un terzo del fatturato del segmento, mentre la maggior parte delle imprese del segmento sono anzi cresciute nel corso del Per quanto riguarda invece i principali indicatori di performance, i valori 2011 sono sostanzialmente in linea con quelli 2010 (EBIT/Sales e Profit/Sales costanti rispettivamente a 15,7% e 6,7%). All interno del segmento mancano dei veri e propri campioni, ma si segnala: NESTLE' LTD: società svizzera leader a livello europeo e mondiale nella nutrizione, ha registrato una brusca riduzione del fatturato (-15 Mld. pari a -17,6%), falsata solo in parte dalla conversione Euro-Franco Svizzero. Nonostante ciò, la sua performance risulta la migliore del segmento sia in Fig. 8 - Performance settore Food & Beverage (totale) Fig. 9 - Best Performers per singolo segmento (Δ Sales) -2% del Paper siete pregati di contattare #'$% 15% +3% 16% Per ricevere la versione completa &'$% ("$% 9% 9% +8% TOT 10 TOT 11 "#$% )%*% #%*% 7 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

9 termini di redditività (EBIT/Sales 15,4%) che di profittabilità (Profit/Sales 11,3%). Fig Performance segmento Food Products Segmento Brewers. -6% Nel corso del 2011, il segmento ha registrato un positivo incremento di tutti i principali indicatori di performance: fatturato (+4,7%), EBIT (+7,0%) e utile netto (+22,8%). Nel complesso, il segmento risulta il secondo più performante (EBIT/Sales 22,2% e Profit/Sales 12,4%), dopo il segmento Distillers & Vintners. Quasi tutte le società hanno registrato performance brillanti e superiori alle medie dell'intero comparto, tra tutte segnaliamo: ANHEUSER-BUSH INBEV SA: società belga attiva nella produzione e commercializzazione di bevande alcoliche e analcoliche (tra i principali marchi Budweiser, Beck's e Stella Artois). Seppure il fatturato si sia solo lievemente incrementato (+1,6%), la performance registrata (EBIT/Sales 30,8%) è la migliore dell'intero settore Food & Beverage. 11% +1% 11% 7% -1% 7% FPR 10 FPR 11 Fig Performance segmento Brewers +5% 22% +7% 22% 11% +23% 12% BRW 10 BRW 11 Segmento Distillers & Vintners. Sostanzialmente invariata da un anno all'altro, nel complesso la performance del segmento Distillers & Vintners rimane la migliore all'interno del comparto, con livelli di redditività (EBIT/Sales 25,6%) e profittabilità (Profit/Sales 15,8%) decisamente molto elevati. Tra le società del segmento segnaliamo: DIAGEO PLC: società inglese attiva nella produzione di liquori (Baileys, Smirnoff, J&B...), birra (Guinness, Harp...), vino e champagne (Dom Péri- Fig Performance segmento Distillers & Vintners 26% 26% 15% +6% 16% D&V 10 D&V 11 Fig Best Performers per singolo segmento (EBIT/Sales) Fig Performance segmento Soft Drinks (#$ Per ricevere la versione completa +13% del Paper '#$ siete pregati di contattare %&#$ 12% "#$ +1372% 11% 6% )#$ ()#$ ))#$ SDR 10 SDR 11 8

10 gnon e Moët Chandon). Sebbene il fatturato si sia ridotto (-7,9%), la performance registrata (EBIT/ Sales 28,7% e Profit/Sales 19,1%) è tra le migliori del segmento e dell'intero settore. Segmento Soft Drinks. Nonostante l'esiguità delle società quotate che è stato possibile includere nel campione, anche per il segmento Soft Drinks è possibile notare un generale incremento del fatturato (+12,9%); per quanto riguarda redditività e profittabilità, i risultati sono in parte falsati dal peso di Britvic Plc, maggiore società del segmento: BRITVIC PLC: società inglese attiva nella produzione e commercializzazione di bevande analcoliche, tra cui molti brand in concessione (Pepsi, 7up, Lipton). In crescita dal 2010 (fatturato +14,4%) ha raggiunto nel 2011 un risultato positivo (Profit/Sales 4,5%), comunque inferiore alla media di settore. Fig Performance storica: approccio tradizionale Company Sales EBIT Profit Name Country Segment % % Sales % Sales NESTLÉ LTD CHE FPR % % % DANONE S.A. FRA FPR % % % KERRY GROUP PLC IRL FPR % % % SUEDZUCKER AG DEU FPR % % % BARRY CALLEBAUT LTD CHE FPR % % % CHOCOLATE WORKS LINDT & SPRÜNGLI LTD CHE FPR % % % TATE & LYLE PLC GBR FPR % % % ARYZTA LTD CHE FPR % % % PARMALAT S.p.A. ITA FPR % % % EBRO FOODS S.A. ESP FPR % % % GLANBIA PLC IRL FPR % % % FROMAGERIES BEL S.A. FRA FPR % % % AGRANA AG AUT FPR % % % EMMI LTD CHE FPR % % % CSM N.V. NLD FPR % % % BONGRAIN SA FRA FPR % % % CAMPOFRIO FOOD GROUP S.A. ESP FPR % % % SOCIETE LDC S.A. FRA FPR % % % BELL AG CHE FPR % % % BONDUELLE S.A.S. FRA FPR % % % DAIRY CREST GROUP PLC GBR FPR % % % DEOLEO S.A. ESP FPR % % % CRANSWICK PLC GBR FPR % % % RAISIO PLC FIN FPR % % % RIEBER & SON ASA NOR FPR % % % LOTUS BAKERIES N.V. BEL FPR % % % AMSTERDAM COMMODITIES N.V. NLD FPR % % % GREENCORE GROUP PLC GBR FPR % % % HILTON FOOD GROUP PLC GBR FPR % % % PREMIER FOODS PLC GBR FPR % % % CLOETTA AB SWE FPR % 3 2 2% 2 2 2% % % % ANHEUSER-BUSCH INBEV S.A. BEL BRW % % % SABMILLER PLC GBR BRW % % % HEINEKEN N.V. NLD BRW % % % CARLSBERG A/S DNK BRW % % % ROYAL UNIBREW A/S DNK BRW % % % DUVEL MOORTGAT N.V. BEL BRW % % % OLVI PLC FIN BRW % % % % % % Per ricevere la versione completa DIAGEO PLC GBR D&V % % % PERNOD RICARD S.A. FRA D&V % % % REMY COINTREAU S.A. FRA D&V % % % DAVIDE CAMPARI-MILANO S.p.A. ITA D&V % % % C & C GROUP PLC IRL D&V % % % del Paper siete pregati di contattare SOCIETE DES PRODUITS MARNIER LAPOSTOLLE S.A. FRA D&V % % 8 6 5% LANSON-BCC S.A. FRA D&V % % % BARON DE LEY S.A. ESP D&V % % % % % % BRITVIC PLC GBR SDR % % % A.G. BARR PLC GBR SDR % % % NICHOLS PLC GBR SDR % % % SPADEL GROUP BEL SDR % % % % % % 9 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

11 Performance Storica: ottica Economic Value Added L analisi precedentemente effettuata non ha permesso di evidenziare un pattern ben delineato di quale possa essere stato l impatto della congiuntura economica sulla performance del comparto Food & Beverage. Profonde differenze sono infatti emerse tra i vari segmenti e, ancor più marcate, tra le performance delle diverse società analizzate. L approccio tradizionale non è stato per certi versi capace di cogliere appieno se, come e in quale misura si sia creato o si sia distrutto valore per gli shareholder. Mediante l ottica EVA è stato possibile evidenziare come il comparto Food & Beverage abbia, nel suo insieme, generato valore. Il premio riconosciuto dal mercato (Market Value Added - MVA), positivo per entrambi gli esercizi (+373 Mld. nel 2010, +385 Mld. nel 2011), registra infatti un positivo incremento (+3,3%); generalmente ciò è riconducibile a: Un miglioramento della performance corrente; Aspettative del mercato riguardo ad un futuro miglioramento della performance (vedi infra). Creare valore - obiettivo ultimo dell impresa - signifi- Fig Determinanti performance EVA ca innanzitutto remunerare, correttamente e secondo modalità sostenibili nel tempo, tutti i fattori che abbiano concorso alla produzione, compreso il Capitale Investito. In considerazione di ciò la metrica EVA è quella che meglio riesce a misurare tale performance residuale, trovando riscontro anche nelle valutazioni di mercato. Il grafico presentato in Fig. 16 riporta 0,05 21,43% 21,62% ,01% 6,65% ROIC WACC infatti un analisi della performance e il relativo apprezzamento da parte del mercato, delle società del campione: nonostante la notevole incertezza derivante dallo scenario economico, è possibile osservare una debole correlazione positiva per le performance gestionali positive in termini di creazione di valore. Ent. Val. MVA Inv. Cap. EV Inv. Cap. ROIC WACC MVA Fig MVA e EVA: una visione d insieme (#$# '#$# +,-./ #678947:# Apprezzamento &#$# maggiore Vs. Per ricevere la versione completa Settore "#$# del Paper siete pregati di contattare Apprezzamento minore Vs. Settore %#$# "%)# *)# %)# *)# "%)# "*)# &%)# &*)# '%)# '*)# (%)# "#$# ;,-./ #678947:# Nota: Per un corretto apprezzamento della performance EVA, l'analisi qui nel prosieguo presentata, considera i soli investimenti tangibili (escluso quindi il Goodwill) ai fine del computo del Capitale Investito e del Market Value Added 10

12 L analisi ha innanzitutto permesso di avallare la prima ipotesi: similarmente a quanto emergeva dai dati 2010, la performance ottenuta dal comparto Food & Beverage nel corso del 2011 è infatti positiva (EVA > 0) e anzi migliore (Δ EVA > 0) grazie ad un rendimento del capitale investito (ROIC 21,62%) superiore al relativo costo (WACC 6,65%). Confrontando i risultati ottenuti nel biennio 10-11, il differenziale positivo (Δ EVA +5,1%) è stato ricondotto in modo puntuale alle sue componenti fondamentali: Δ NOPBT: come precedentemente evidenziato, l esercizio 2011 è stato caratterizzato da un moderato decremento del fatturato (-2,4%), accompagnato da una più che proporzionale riduzione dei costi operativi (-3,3%). Ciò ha comportando quindi un netto incremento del NOPBT (+2,9%), contribuendo significativamente ed in modo positivo alla performance (+99% del Δ EVA); Δ TAXES: sebbene sostanzialmente invariata come incidenza sul fatturato (2,4%), la componente fiscale è cresciuta in valore assoluto contribuendo negativamente alla performance (-35% del Δ EVA); Δ COST OF CAPITAL: il contesto macroeconomico ha nell ultimo anno inciso profondamente sui tassi Legenda ai grafici in Fig Contributo positivo Contributo negativo dei finanziamenti in essere, generalmente riducendoli ma incrementando contemporaneamente gli spread sui finanziamenti in rinnovo; complessivamente l effetto sul costo del capitale è stato positivo (-3,8%), contribuendo a migliorare quindi la performance (complessivamente +36% del Δ EVA). Una terza visione ci ha poi permesso di comprendere quali leve manageriali, ed in che misura, abbiano concorso al differenziale di performance registrato nel 2011, in particolare: Δ WACC: la riduzione del costo medio del capitale, come evidenziato in precedenza, ha avuto un ruolo eccezionalmente positivo sulla performance EVA registrata (+49% del Δ EVA); Δ GROWTH e Δ CAPITAL EFFICIENCY: la variazione quantitativa del capitale investito (+1,3%) ha contribuito a migliorare notevolmente la performance EVA (+25%) in quanto le nuove risorse sono state investite in presenza di un differenziale positivo tra rendimento del capitale e il relativo costo (nel 2010 Δ +14,42%). Ininfluente invece l'apporto in termini di efficienza di capitale: il rendimento del capitale investito passa infatti solo dal 21,43% al 21.62%. Δ ECONOMIC EFFICIENCY: marcatamente positivo (+26% del Δ EVA) anche il contributo dato dal mutato livello di efficienza della gestione e dalla marginalità sul fatturato prodotto. Tale evidenza permette di integrare quanto emerso dall analisi Fig Componenti Δ EVA Fig Leve manageriali Δ EVA % 33% 26% 35% 3% Per ricevere 100% la versione completa 49% del Paper siete pregati di contattare 25% 100% NOPBT Taxes W.C. F.A. EVA WACC Growth Eco. Efficiency Cap. Efficiency EVA 11 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

13 tradizionale, quantificando l entità del legame intercorrente tra incremento dell efficienza economica e creazione di valore. Guardando alle performance EVA conseguite nel 2011, l analisi ha consentito di esaminare con maggiore dettaglio le differenze strutturali esistenti tra i diversi segmenti, in parte confutando, in parte integrando quanto evidenziato dall analisi tradizionale. Nello specifico, è emerso come il segmento Food Products abbia ottenuto la peggiore performance EVA del comparto in rapporto al fatturato (EVA/Sales 6,4%), principalmente a causa di una maggiore incidenza dei costi operativi (89% - media settore 84%). Molto positiva invece la performance se rapportata al capitale investito (EVA/IC 14,5%). Nonostante sia contraddistinto da un più elevato costo del capitale (WACC 7,19% - media settore 6,65%) la performance ottenuta dal segmento Brewers risulta invece molto positiva sia in rapporto al fatturato (EVA/ Sales 13,6%), che al capitale investito (EVA/IC 17,8%). Caratterizzato dalla migliore profittabilità (Profit/Sales 15,8%), il segmento Distillers & Vintners conferma la sua ottima performance (EVA/Sales 15,2% e EVA/IC 11,2%) grazie anche ad una minore incidenza dei costi operativi (74%) e del costo del capitale (WACC 5,92%). Il segmento Soft Drinks risulta invece penalizzato da una maggiore incidenza dei costi operativi (89%), ma lo scarso fabbisogno di capitale permette di registrare la migliore performance del comparto (EVA/IC 24,8%). La tabella presentata in Fig. 24 vuole infine offrire spunti per una categorizzazione attraverso una lettura "semplificata" della performance (EVA, Δ EVA e Δ Sales) delle 50 società analizzate: Champion: performance ineccepibile e in crescita, sia in ottica EVA sia in termini di fatturato; Focusing: rallentamento della crescita a favore di una mirata e maggiore creazione di valore; Falling Angel: un tempo campioni, la loro performance è decrescente ed è pertanto necessario interrogarsi sulla validità della Value Proposition; Need for Rebirth: in declino o in crisi, si assiste ad una completa e generalizzata distruzione di valore; Fig Performance segmento Food Products 100% Sales Fig Performance segmento Brewers 100% Sales -77,8% Op. -3,1% Taxes +3,1% W.C. Fig Performance segmento Distillers & Vintners 100% Sales -88,6% Op. -74,4% Op. -2,2% Taxes +0,3% W.C. -2,2% -0,5% Taxes Fig Performance segmento Soft Drinks Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare 100% Sales -89,2% -1,4% Op. Taxes W.C. +0,5% W.C. -3,2% F.A. -8,6% F.A. -7,6% F.A. -2,2% F.A. 6,4% EVA 13,6% EVA 15,2% EVA 7,8% EVA 12

14 What after Growth?: società orientata alla sola crescita, deve verificare/ridefinire i propri obiettivi; On the right path: obiettivi corretti e performance in miglioramento, ma non ancora campioni ; Restructuring: società orientata alla rinascita ; Need for Control: possibile flessione momentanea. Laddove: Champion Focusing Falling Angel Need for Rebirth What after growth? On the right path Restructuring Need for control EVA Δ EVA Δ SALES " " " " " " " " " " " " Fig Performance storica: una prima categorizzazione Company Name Country Segment NESTLÉ LTD CHE FPR DANONE S.A. FRA FPR KERRY GROUP PLC IRL FPR SUEDZUCKER AG DEU FPR BARRY CALLEBAUT LTD GBR FPR CHOCOLATE WORKS LINDT & SPRÜNGLI LTD CHE FPR TATE & LYLE PLC CHE FPR ARYZTA LTD CHE FPR PARMALAT S.p.A. ITA FPR EBRO FOODS S.A. ESP FPR GLANBIA PLC IRL FPR FROMAGERIES BEL S.A. FRA FPR AGRANA AG AUT FPR EMMI LTD CHE FPR CSM N.V. NLD FPR BONGRAIN SA FRA FPR CAMPOFRIO FOOD GROUP S.A. FRA FPR SOCIETE LDC S.A. ESP FPR BELL AG CHE FPR BONDUELLE S.A.S. FRA FPR DAIRY CREST GROUP PLC GBR FPR DEOLEO S.A. GBR FPR CRANSWICK PLC ESP FPR RAISIO PLC FIN FPR RIEBER & SON ASA NOR FPR LOTUS BAKERIES N.V. BEL FPR AMSTERDAM COMMODITIES N.V. GBR FPR GREENCORE GROUP PLC NLD FPR HILTON FOOD GROUP PLC GBR FPR PREMIER FOODS PLC GBR FPR CLOETTA AB SWE FPR ANHEUSER-BUSCH INBEV S.A. BEL BRW SABMILLER PLC GBR BRW HEINEKEN N.V. NLD BRW CARLSBERG A/S DNK BRW ROYAL UNIBREW A/S DNK BRW DUVEL MOORTGAT N.V. BEL BRW OLVI PLC FIN BRW DIAGEO PLC GBR D&V PERNOD RICARD S.A. FRA D&V REMY COINTREAU S.A. FRA D&V DAVIDE CAMPARI-MILANO S.p.A. ITA D&V C & C GROUP PLC IRL D&V SOCIETE DES PRODUITS MARNIER LAPOSTOLLE S.A. FRA D&V LANSON-BCC S.A. FRA D&V BARON DE LEY S.A. ESP D&V BRITVIC PLC GBR SDR A.G. BARR PLC GBR SDR NICHOLS PLC GBR SDR SPADEL GROUP BEL SDR EVA/ SALES EVA (+/-) "#$%""""" &'()* "+%,#+" &'()* Status +++ " " Falling angel +++ Champion ++ " Need for control + Champion +++ " " Falling angel ++ " Focusing ++ " Focusing ++ Champion -- " " What after growth? ++ " Need for control + Champion + " Need for control - " On the right path + " Need for control ++ Champion * + Champion * + " Need for control + " " Falling angel + " " Falling angel -- " On the right path ++ " Focusing + Champion * --- " " Restructuring + Champion + " " Falling angel ++ Champion +++ Champion + Champion + Champion +++ " Focusing --- " " " Need for rebirth +++ Champion ++ Champion ++ Champion ++ Champion * ++ " Focusing ++ Champion ++ " Need for control Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare +++ " Focusing +++ Champion +++ Champion +++ Champion +++ Champion --- " " " Need for rebirth + Champion +++ " " Falling angel +++ " Need for control +++ " Need for control +++ Champion - " " What after growth? Nota: le società contrassegnate (*), sebbene rappresentino delle eccellenze, presentano a bilancio valori di goodwill superiori al valore delle aspettative riconosciutegli dal mercato (MVA, vedi supra) 13 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

15 Performance Prospettica: MVA e FGV a confronto Analizzare le performance correnti è certamente un ottimo punto di partenza per verificare qualora all interno del comparto Food & Beverage, le imprese stiano creando o meno valore per gli azionisti. Tuttavia, più del valore storico, è di fondamentale importanza comprendere quali siano le aspettative del mercato riguardo alle performance prospettiche: una performance EVA positiva sarà sostenibile in futuro? Viceversa è plausibile un inversione di tendenza per una performance EVA attualmente negativa? Ricorrendo nuovamente all approccio EVA, il valore del MVA (385 Mld.) sintetizza la sommatoria degli EVA futuri attesi. Per comprendere tale valore, può essere utile scomporlo in due componenti: EVA Perpetuity (EP nel 2011 pari a 346 Mld.): ovvero quanto del MVA è spiegato dall ipotizzare costante nel tempo l ultima performance consuntivata (2011). Tale componente, sommata al valore del Capitale Investito, può essere usata come proxy del valore corrente di impresa (COV); Future Growth Value (FGV nel 2011 pari a 39 Mld.): calcolato per differenza (MVA - EP), esprime il valore dei miglioramenti di performance attesi dal mercato, rispetto agli ultimi risultati conseguiti. Il valore positivo del FGV a dicembre 2011 implicava un atteso miglioramento dell attuale performance EVA da parte del mercato. Ciò tuttavia risultava valido Fig Metodologia EVA: visione d insieme a dicembre 2011 Esemplificativo EV 527 Mld. Fig Capitalizzazione settore, andamento Gen10 - Giu12 solamente per i segmenti Food Products (29 Mld.) e Brewers (18 Mld.) in quanto le aspettative per i segmenti Distillers & Vintners e Soft Drinks riguardavano invece attesi peggioramenti (rispettivamente -6 Mld. e -1 Mld.). E opportuno precisare come, nel momento in cui viene redatto questo report (giugno 2012), i corsi azionari abbiano subito profonde modificazioni. Nel complesso, l apprezzamento del comparto da parte del mercato è aumentato (MVA da 385 a 426 Mld.) così come le aspettative (FGV da 39 a 80 Mld.). Nel dettaglio, eccenzion fatta per il segmento Soft Drinks (FGV rimasto invariato, -1 Mld.), tutti i segmenti presentano ora aspettative positive e maggiori: Food Products (FGV da 29 a 39 Mld.), Brewers (FGV da 18 a 32 Mld.), Distillers & Vintners (FGV da -6 a 10 Mld.). Per quanto concerne le singole società analizzate, il ΔEVA valore del FGV a dicembre 2011 variava sensibilmente, dando luogo a disomogeneità anche significative.... n FGV ΔEVA 3 39 Mld. ΔEVA 2 ΔEVA MVA 1 Generalizzando (Fig. 27), a performance scadenti sono Per 385 Mld. ricevere la versione completa spesso associate aspettative ottimistiche dovute ad di cui Goodwill 116 Mld. EP 346 Mld. attese di cambiamento. Viceversa a performance particolarmente positive aspettative pessimistiche. Non del Paper siete pregati di contattare IC 141 Mld. IC 141 Mld. COV 487 Mld. $""# %$"# %""# $"# ""# &"#'#(#)# (#*# +# )#,# -#.# /# &&#'#(#)# (#*# +# )#,# -#.# /# &0#'#(# )#(#*# mancano tuttavia le eccezioni. Analizzare le aspettative di mercato è di straordinaria importanza al fine di comprendere se la strategia aziendale sia apprezzata dal mercato e/o appropriata 14

16 Fig FGV e EVA: una visione d insieme *+,-./012314# # SFIDE DI SVILUPPO '#$# &'(# '(# &'(# %'(# "'(# )'(# CAUSE PERSE "#$# %#$# &#$# &#$# %#$# "#$# Aspettative minori Vs. Settore :,;-./012314# # Aspettative maggiori Vs. Settore ECCELLENZE SFIDE DI COMUNICAZIONE Fig Top Performers Sfide di comunicazione Sfide di sviluppo Eccellenze EVA/ IC FGV/ IC 36% -663% 36% -183% 523% -1762% EVA/ IC FGV/ IC -100% 1029% -18% 493% EVA/ CIN -6% 76% FGV/ CIN nel dare risposta a quanto atteso; immaginando quindi di formare una matrice con i due assi cardinali (EVA/IC e FGV/IC) è possibile definire 4 categorie: Sfide di Comunicazione: società cui è associata una performance buona o ottima e un valore FGV negativo. Oltre alle società menzionate nella tabella in Fig. 28, ricordiamo Anheuser-Bush Inbev (EVA/ IC 35%), Britvic (EVA/IC 26%) e Tate & Lyle (EVA/ IC 20%); Sfide di Sviluppo: società cui è associata una performance negativa o scadente e un valore FGV positivo. Oltre alle società menzionate nella tabella in Fig. 28, ricordiamo Deoleo (EVA/IC -2%), Bonduelle (EVA/IC -1%) e Spadel (EVA/IC -1%); Cause Perse: società con performance negativa, cui il mercato non associa miglioramenti futuri. Nessuna società del campione presenta valori così estremi da poter esser giudicata tale; Per ricevere la versione completa Eccellenze: società con performance buona o ottima, cui il mercato associa futuri miglioramenti. Oltre alle società menzionate nella tabella in Fig. del Paper 19% 19% siete pregati di contattare 28, 23% 22% 27% 65% appartengono a questa categoria società come A.G. Barr (EVA/IC 17%), Nestlé (EVA/IC 16%) e Chocolate Works Lindt & Sprungli (EVA/IC 14%). La tabella presentata infine in Fig. 29 intende offrire una visione di sintesi basata sui corsi azionari a mag- Nota: il brand Grand Marnier appartiene a Societe des Produits Marnier Lapostolle S.A. 15 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

17 gio Sono infatti riepilogati i valori del MVA e del BV (tangible Book-Value) delle 50 società costituenti il campione, espressi non in valore assoluto ma quali quote dei prezzi di borsa. Gli stessi prezzi sono infine letti in funzione delle due grandezze precedentemente definite: BV + EP: ovvero la componente di prezzo spiegata dal tangible Book-Value e dal valore dell ultima performance EVA, ipotizzata costante nel tempo; FGV: ovvero la componente di prezzo legata ad aspettative di variazione dell ultima performance EVA conseguita. Fig Apprezzamento e Aspettative di Mercato nei corsi azionari ( ) Company Price Mkt Appreciation Mkt Expectation Name Country Segment May '12 MVA (price) BV (price) BV+EP (price) FGV (price) Nestle Ltd CHE FPR 45,82 38,88 6,94 32,95 12,86 DANONE S.A. FRA FPR 51,89 50,61 1,28 45,98 5,91 KERRY GROUP PUBLIC LIMITED COMPANY IRL FPR 34,90 33,65 1,25 26,54 8,37 Suedzucker Aktiengesellschaft Mannheim/Ochsenfurt DEU FPR 24,59 17,56 7,03 19,04 5,55 TATE & LYLE PUBLIC LIMITED COMPANY GBR FPR 8,36 6,59 1,77 9,73-1,36 Chocolate Works Lindt & Spruengli Limited CHE FPR , , , , ,56 Barry Callebaut Ltd CHE FPR 715,77 574,06 141,71 744,46-28,68 ARYZTA Ltd CHE FPR 36,45 33,67 2,79 50,17-13,72 Parmalat S.p.A. ITA FPR 1,63-0,22 1,85 1,65-0,02 Ebro Foods, S.A. ESP FPR 12,96 7,95 5,01 12,55 0,41 GLANBIA PUBLIC LIMITED COMPANY IRL FPR 5,83 4,63 1,20 5,82 0,01 FROMAGERIES BEL S.A. FRA FPR 184,00 88,32 95,68 296,83-112,83 AGRANA Beteiligungs-Aktiengesellschaft AUT FPR 85,11 34,21 50,90 47,35 37,76 Emmi Ltd. CHE FPR 150,65 36,85 113,79 188,27-37,62 CSM N.V. NLD FPR 13,46 9,73 3,73 37,14-23,68 BONGRAIN SA FRA FPR 48,00-7,06 55,06 82,85-34,85 SOCIETE LDC S.A. FRA FPR 84,20 27,44 56,76 103,10-18,90 Campofrio Food Group S.A. ESP FPR 5,77 4,38 1,39 3,42 2,35 Bell AG CHE FPR 1.501,46 341, , ,83-708,38 BONDUELLE S.A.S. FRA FPR 69,00 32,47 36,53 24,02 44,98 DAIRY CREST GROUP PLC GBR FPR 3,91 3,59 0,32 8,58-4,66 CRANSWICK PLC GBR FPR 9,86 7,65 2,21 11,53-1,68 DEOLEO, S.A. ESP FPR 0,32-0,29 0,61 0,20 0,12 Raisio plc FIN FPR 2,17 0,79 1,38 2,72-0,55 RIEBER & SON ASA NOR FPR 5,23 3,51 1,71 3,03 2,20 LOTUS BAKERIES N.V. BEL FPR 500,50 369,76 130,74 485,24 15,26 GREENCORE GROUP PUBLIC LIMITED COMPANY GBR FPR 0,96 1,64-0,68 2,68-1,72 Amsterdam Commodities N.V. NLD FPR 12,65 9,91 2,74 15,94-3,29 HILTON FOOD GROUP PLC GBR FPR 3,33 2,90 0,43 4,83-1,50 PREMIER FOODS PLC GBR FPR 1,36 2,77-1,42 24,22-22,87 Cloetta AB SWE FPR 1,71 0,32 #VALORE 1,39 0,72 0,99 #VALORE ANHEUSER-BUSCH INBEV S.A. BEL BRW 54,75 61,39-6,64 56,43-1,68 SABMILLER PLC GBR BRW 29,81 25,39 4,42 7,83 21,98 Heineken N.V. NLD BRW 38,54 34,65 3,90 41,07-2,53 CARLSBERG A/S DNK BRW 60,26 48,99 11,28 54,39 5,87 ROYAL UNIBREW A/S DNK BRW 53,50 40,93 12,56 34,39 19,11 DUVEL MOORTGAT N.V. BEL BRW 77,81 54,27 23,54 52,66 25,15 Olvi plc FIN BRW 18,77 #VALORE 13,47 5,30 15,85 #VALORE 2,92 DIAGEO PLC GBR D&V 19,26 17,12 2,13 16,62 2,64 PERNOD RICARD S.A. FRA D&V 79,00 62,94 16,06 75,35 3,65 REMY COINTREAU S.A. FRA D&V 80,29 58,85 21,44 44,49 35,80 Davide Campari-Milano S.p.A. ITA D&V 5,15 4,46 0,70 5,47-0,32 C & C GROUP PUBLIC LIMITED COMPANY IRL D&V 3,43 2,64 0,79 3,14 0,29 SOCIETE DES PRODUITS MARNIER LAPOSTOLLE S.A. FRA D&V 4.450, , , , ,07 LANSON-BCC S.A. FRA D&V 40,50 17,17 23,33 34,28 6,22 Per ricevere la versione completa BARON DE LEY, S.A. ESP D&V 37,00 2,27 34,73 61,66-24,66 #VALORE #VALORE BRITVIC PLC GBR SDR 4,13 4,71-0,58 9,35-5,22 A.G. BARR del P.L.C. Paper siete pregati GBR SDR di 4,41 contattare 3,48 0,93 4,05 0,37 NICHOLS PLC GBR SDR 8,73 8,00 0,74 7,80 0,93 SOCIETE DE SERVICES, DE PARTICIPATIONS, DE DIRECTION BEL ET D'ELABORATION SDR S.A. 62,76 40,18 22,58 21,54 41,22 Nota: Dati Thomson Reuters 16

18 Metodologia EVA e logiche di creazione del valore Fig Metodologia EVA: visione d insieme ΔEVA 1 ΔEVA FGV 2 ΔEVA 3... ΔEVAn MVA EP EV COV IC IC Creare valore significa innanzitutto accrescere la differenza tra il valore riconosciuto dal mercato al capitale investito in azienda e il valore contabile dell investimento (escluso il valore del goodwill). Tale componente (MVA) sintetizza le stime relative alle future performance sulla base delle aspettative degli operatori di mercato. Sebbene costituisca la migliore rappresentazione della ricchezza creata, il MVA non può tuttavia essere utilizzato come riferimento quotidiano nel governo dell impresa. Nell attività di gestione ordinaria (pianificazione strategica, definizione degli obiettivi, valutazioni ordinarie e straordinarie, consuntivazione dei risultati, piani di incentivazione e comunicazione) è utile infatti ricorrere ad un indicatore capace di sintetizzare pun- Metodo Residuale EVA = NOPAT - (WACC * Capitale Investito) MVA. Sempre adottando la metodologia EVA e scomponendo quindi il MVA nelle sue due componenti fondamentali (EP e FGV) è possibile comprendere quanto del valore riconosciuto dal mercato sia spiegato dall ultima performance ottenuta o quanto invece è collegato alle aspettative differenziali di performance future. In particolare, a valori positivi del FGV sono connesse aspettative di un miglioramento della performance EVA. Nell ordinaria gestione d impresa è di fondamentale importanza adottare un approccio outside-in volto a comprendere qualora la strategia aziendale sia appropriata nel dare risposta a quanto atteso dal mercato. Glossario NOPAT Net Economic Profit After Taxes EVA Economic Value Added, EV Enterprise Value IC Invested Capital MVA Market Value Added FGV Future Growth Value EP EVA Perpetuity COV Current Operation Value Fig Metodologia EVA: apprezzamento e aspettative Metodo Spread EVA = (R - WACC) * Capitale Investito EVA EVA EVA MVA MVA MVA tualmente la performance conseguita: l EVA. ΔEVA L EVA è infatti il risultato economico che residua dalla remunerazione di tutti i fattori che hanno concorso FGV 1 ΔEVA 2 ΔEVA del Paper siete pregati di contattare 3... alla produzione, incluso il costo del capitale investito, ΔEVA n rappresentando quindi il sovra-profitto che eccede le aspettative minime degli investitori. L EVA è infine il parametro più correlato al valore che il mercato riconosce all impresa: ad incrementi della performance EVA il mercato risponde con un maggiore valore del Per ricevere la versione completa Nota: EVA e FGV sono marchi registrati stern stewart & co. 17 Food & Beverage: un indagine a livello europeo sul valore creato e sulle aspettative future

19 Active Value Advisors è una società di consulenza direzionale indipendente che si propone come partner per quelle imprese che necessitano di rafforzare il proprio sistema di governo e per quelle aziende che vogliono intraprendere percorsi di crescita, attraverso soluzioni coerenti con l obiettivo di Creazione di Valore sostenibile. I professionisti di Active Value Advisors hanno un esperienza pluriennale nell assistere i principali gruppi quotati italiani nello sviluppo di Piani Industriali, nella definizione di azioni tese a migliorare la performance di Creazione di Valore e nell attività di assistenza al processo di cambiamento che le dinamiche competitive e le opportunità di mercato richiedono. Nello svolgimento dei mandati assegnati viene utilizzato un unico linguaggio professionale che si declina in servizi afferenti a tematiche di gestione diverse: lo Shareholder Value, il Customer Value, il People Value, il Corporate Value. Ciascun centro di competenza risponde ad una dimensione gestionale fondamentale, l Azionista, il Cliente, le Risorse Interne, il Valore degli Asset.

20 Active Value Advisors. T F E I Research_ Series

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Indice LE SOCIETÀ ITALIANE CREANO ANCORA VALORE? L indagine 2013 sulle principali

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA Del Dott. Stefano Setti EVA: definizione e formula EVA (Economic Value Added) è un indicatore studiato negli anni 90 dall economista americano Bennet Stewart (Stern

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il valore economico di un asset intangibile in una operazione di conferimento: i marchi «Veritas» - Caso predisposto da Alessandro CAVALLARO -

Il valore economico di un asset intangibile in una operazione di conferimento: i marchi «Veritas» - Caso predisposto da Alessandro CAVALLARO - Il valore economico di un asset intangibile in una operazione di conferimento: i marchi «Veritas» - Caso predisposto da Alessandro CAVALLARO - Contenuto del documento 1. Il criterio di valutazione adottato

Dettagli

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK * Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK 1) PARTE INTRODUTTIVA equity research cosa è, scopo metodi per l'equity

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo

Temi della lezione. 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione. 2 Principali fasi di applicazione del metodo Temi della lezione 1 Il metodo di valutazione dei multipli di borsa: introduzione 2 Principali fasi di applicazione del metodo 3 Il caso Fiorucci: selezione dei comparables 4 Il caso Fiorucci: selezione

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) 1 L impostazione dell analisi finanziaria: 5 approcci Equilibrio Finanziario cap.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2005 NUMERO DICIANNOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2005 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 8 2 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila

La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila Istituto per le ricerche economiche e sociali La Crisi dei Salari Crescita, Occupazione e Redditi perduti negli anni Duemila presentazione a cura di: Agostino Megale Riccardo Sanna Taranto, 18/9/2010 elaborazioni

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

Newsletter Novembre 2012

Newsletter Novembre 2012 Newsletter Novembre 2012 Milano, 12 novembre 2012 Gent. IRO, con l avvicinarsi della fine di un anno che ha visto perdurare forti difficoltà nel contesto economico e finanziario, abbiamo ritenuto interessante

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Indice di rischio per comparto

Indice di rischio per comparto Appendice Indice: 1. I prezzi delle materie prime 1.1. Le cause 1.1.1. La domanda globale 1.1.2. I fattori climatici 1.1.3. La speculazione 2. I prezzi alla produzione 3. Il confronto fra i beni di largo

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 PRIMI NOVE MESI DEL 2009 IN LINEA CON LE GUIDANCE DI AGOSTO, NONOSTANTE IL CONTESTO NEGATIVO DI MERCATO. LA MARGINALITA

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli