Tecnocap S.p.A. Relazione sulla Gestione al 31/12/2013 Bilancio consolidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnocap S.p.A. Relazione sulla Gestione al 31/12/2013 Bilancio consolidato"

Transcript

1 Tecnocap S.p.A. Sede in Cava de Tirreni (SA) Capitale Sociale versato Euro Iscritta alla C.C.I.A.A. di SALERNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese Partita IVA: N. Rea: Relazione sulla Gestione al 31/12/2013 Bilancio consolidato Signori Azionisti, l'esercizio chiude con un risultato positivo di Gruppo di Euro e con un utile della Capogruppo di Euro Il bilancio relativo all esercizio 2013 è stato redatto in applicazione ai principi contabili internazionali IAS/IFRS. Si precisa che la Società ha beneficiato del maggior termine dei 180 giorni per l approvazione del bilancio, rispetto ai canonici 120 giorni, al fine di esaminare i bilanci delle società partecipate, prima di effettuare, correttamente, la valutazione delle partecipazioni iscritte nello stesso. Il Gruppo Tecnocap opera nel settore dell imballaggio metallico. L attività esercitata è la produzione delle capsule metalliche per contenitori di metalli, vetro, plastica nonchè della progettazione, produzione, vendita e locazione di macchinari, impianti ed attrezzature per la realizzazione e l utilizzo delle suddette chiusure nei settori Food & beverage. Scenario macroeconomico Dai dati economici mondiali 2013 emergono significativi contrasti nello scenario economico finanziario globale che pongono ulteriori interrogativi per le prospettive future. A frenare la ripresa economica globale vi è sicuramente per i paesi economici più avanzati l eccessivo peso del Debito Pubblico: il debito del Giappone, ad esempio, è il più alto al mondo e pari a oltre il 230% del Pil, quello americano è superiore al 100%, Pag. 1

2 mentre l Eurozona, ha un rapporto debito/pil del 95,5%, risultato di situazioni molto eterogenee all interno dell Area Euro. La cura messa in campo da tali paesi, basata soprattutto sulla politica del rigore, non ha ancora prodotto gli effetti economici sperati, anzi in alcuni paesi si è ottenuto l effetto contrario della recessione, piuttosto che una crescita maggiore del Pil ed una riduzione del debito. Sebbene la situazione sia di difficile interpretazione, a causa della fragilità mostrata da tali economie, le stime per il 2014 prevedono a livello globale, una crescita pari al 3,7%. Tali stime saranno raggiungibili se le economie più avanzate porranno in essere politiche di stabilizzazione e riduzione del debito nel medio lungo termine, eviteranno il deflusso di capitali e risolveranno il problema dell inflazione. Lo scenario economico dell Eurozona rimane quello che desta le maggiori preoccupazioni. In quest area secondo i dati del FMI, nel 2013 il PIL ha fatto registrare una contrazione pari a -0,4%, ma più lieve rispetto a quella L attuale fase recessiva è continuata per tutto l anno concluso, sebbene, soprattutto nell ultimo trimestre, siano cominciati ad affiorare i primi segnali di una possibile uscita dalla crisi. Più in dettaglio, riguardo al 2013, il FMI stima una nuova forte contrazione del PIL per l Italia (-1,8%) e la Spagna (-1,2%) e una lieve crescita per Francia (+0,2%) e Germania (+0,5%). Fuori dall Eurozona, una delle poche note positive giunge dal Regno Unito, per il quale il FMI ha rivisto fortemente al rialzo (+0,3 punti rispetto a ottobre) le ultime stime di crescita del PIL, portandole a quota +1,7%. Il FMI prevede una reale uscita dalla fase recessiva nell Eurozona solamente dal anno in corso, con una lieve crescita del PIL 2014 stimata a +1,0%. In sintesi, nell insieme dei paesi dell euro la ripresa necessiterà di più tempo e si potrebbe rafforzare il divario tra gli stessi paesi appartenenti all Unione. Secondo i dati Eurostat, la produzione industriale nell Eurozona (EA17) è cresciuta a novembre dell 1,8% (+1,5% in EU28) su base congiunturale, dopo due flessioni consecutive. Su base annua, in altre parole, rispetto al novembre 2012 il dato è in crescita di ben 3 punti percentuali. Il clima generale che caratterizza la situazione economica permane comunque di grande incertezza e si riflette pesantemente sul mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione nell Eurozona si è attestato, a novembre, a quota 12,1%. Tra gli stati membri, i tassi di disoccupazione più bassi sono stati registrati in Austria (4,8%) e Pag. 2

3 Germania (5,2%) mentre i più alti in Spagna (26,7%) e Grecia (27,8% a ottobre 2013). In Italia, a novembre, il tasso di disoccupazione era pari al 12,7%: un valore ben superiore alla media dell Eurozona. L indice PMI (Purchasing Managers Index) composito, a dicembre si è attestato su 52,1 punti, in rialzo rispetto ai 51,7 del mese precedente e in linea con quanto previsto dagli analisti. Per quanto riguarda l inflazione, secondo le prime stime dell ufficio statistico dell Unione Europea (Eurostat), nell Eurozona il dato dovrebbe essere sceso a quota 0,8% nel mese di dicembre 2013, contro lo 0,9% di novembre con seri rischi di deflazione per l intera area Euro Negli Stati Uniti, secondo le stime dell FMI di gennaio 2014, il PIL 2013 è indicato in crescita dell 1,9%, in rialzo di 0,3 punti rispetto a quanto pubblicato a ottobre. Dopo un terzo trimestre che ha visto una crescita del 4,1%, nell ultimo trimestre dell anno l economia americana dovrebbe aver gettato le basi per una stabilizzazione e per un nuovo slancio economico nel La Federal Reserve ha comunicato che a dicembre la produzione industriale è salita dello 0,3%, in linea con le attese degli analisti, mentre a novembre la crescita era stata dell 1%. In termini di capacità produttiva, il tasso di utilizzo degli impianti è salito di 0,1 punti assestandosi al 79,2%. Nell ultimo mese del 2013 l inflazione è cresciuta su base congiunturale dello 0,3%, in linea con il consensus. Rispetto all anno precedente l incremento è stato pari a +1,5%, dal +1,2% di novembre. A testimoniare che molto dev essere ancora fatto e che il rischio di un nuovo rallentamento economico del colosso americano non è del tutto superato, è il dato relativo al tasso di disoccupazione. In valore assoluto questo indice è sceso, nel mese di dicembre, al 6,7% dal 7,0% del mese precedente, ma se si analizzano le motivazioni di tale andamento a pesare maggiormente è il calo del tasso di partecipazione alla forza lavoro che è sceso al 62,8%, tra i livelli più bassi da 35 anni. I posti di lavoro creati nel settore non agricolo nel mese di dicembre, infatti, sono solamente 74 mila, certamente meno rispetto agli oltre 190 mila attesi dagli analisti e agli oltre 240 mila creati a novembre. Il dato riguardante le vendite al dettaglio nel mese di dicembre è cresciuto poco sopra le attese segnando un +0,2% rispetto al mese precedente. In Giappone, le ultime stime disponibili dell FMI valutano per il 2013 una crescita del PIL dell 1,7%, in diminuzione rispetto a quanto pubblicato a ottobre. Dalla fine del Pag. 3

4 primo trimestre dell anno il Giappone sta modificando drasticamente la propria politica economica. Grazie al programma d iniezione di liquidità avviato dalla Banca Centrale, la deflazione ha finalmente arrestato la sua corsa e pare si stia traducendo in una ripresa sostenuta. A questo si aggiungono altri aspetti positivi come, ad esempio, il tasso di disoccupazione che a novembre è rimasto invariato a quota 4%. La produzione industriale ha segnato a novembre una lievissima diminuzione dello 0,1%. Sebbene si tratti di un calo, questo deve essere visto alla luce del +3,9% fatto registrare dagli ordini di macchinari, che lascia prefigurare un incremento degli investimenti delle corporate. La preoccupazione maggiore resta la sostenibilità del debito pubblico e di una politica economica così marcatamente aggressiva. In Cina su base annua la crescita del PIL è stata uguale a quella del 2012 (+7,7%). Nell ultimo mese dell anno la produzione industriale ha evidenziato una crescita del 9,7% annuo, un dato al di sotto delle attese degli analisti che prevedevano una crescita del 9,8% e soprattutto inferiore al +10% registrato nel mese precedente. Anche le vendite al dettaglio hanno subito una flessione, passando dal +13,7% annuo di novembre al +13,6% di dicembre. In India, le ultime stime dell FMI sono state riviste al rialzo e prevedono per l anno fiscale corrente (1 aprile marzo 2014) un incremento del PIL pari al 4,4%. Una crescita superiore a quella registrata durante il periodo precedente, ma pur sempre troppo modesta per un economia in fase di sviluppo come quella indiana. La difficoltà dell economia indiana a riprendere la propria corsa è confermata anche dalla diminuzione dei posti di lavoro non agricoli che verranno creati nei prossimi anni, rispetto all ultimo periodo. A questo si aggiunge un inflazione che continua a correre, rendendo ancora più difficoltosi gli sforzi del Governo indiano di combinare politica monetaria e crescita. Riguardo alla Russia, a gennaio 2014 il FMI ha mantenuto invariate le stime di crescita rispetto a quanto pubblicato a ottobre 2013 e la previsione di incremento del PIL 2013 è rimasta pari a +1,5%. Sebbene l economia continui a crescere, siamo di fronte ad una decelerazione legata sia a fattori interni, come il calo della domanda interna, che a fattori esterni. Per tornare ad esprimere il suo enorme potenziale di paese emergente, la Pag. 4

5 Russia ha bisogno di attuare riforme atte a migliorare il contesto per gli affari e di spingere sul fronte dell innovazione. Per quanto concerne l andamento delle materie prime, nell ultimo trimestre dell anno il prezzo medio del petrolio è diminuito rispetto al trimestre precedente. La forte spinta al ribasso, dovuta principalmente all aumento dell offerta proveniente dall Arabia Saudita, è stata contrastata dall offerta largamente al di sotto del proprio potenziale proveniente dalla Libia. La media aritmetica delle quotazioni delle tre qualità WTI, Dubai e Brent è scesa, nel corso del quarto trimestre, sotto la soglia dei 105 dollari al barile (a quota 104,7), in calo di 2,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e in crescita del 2,6% rispetto allo stesso periodo del A ottobre e novembre il prezzo è sceso rispettivamente del 3,0% e del 2,8% per poi tornare nuovamente a salire del 2,8% nel mese di dicembre. Le quotazioni delle materie prime non energetiche hanno ugualmente fatto registrare un lievissimo calo (-0,7%) nell ultimo trimestre dell anno rispetto al trimestre precedente. L aumento del prezzo dei metalli (+0,9%) è stato controbilanciato dal calo dei prezzi dei prodotti alimentari. Mercati valutari Nel corso del 2013 il dollaro si è complessivamente deprezzato contro euro. Dopo un iniziale apprezzamento fino a toccare quota 1,2768 (27 marzo), la valuta statunitense ha perso terreno nei rimanenti nove mesi dell anno fino ad un massimo deprezzamento a quota 1,3814 (27 dicembre), chiudendo l anno in linea con tali livelli (1,3791). La corona ceca, ai minimi verso l euro ad inizio anno (25,218 in apertura), ha percorso un movimento laterale fino ad ottobre, rimanendo costantemente nell intorno di 25,8. In ottobre la Banca Centrale della Repubblica Ceca ha deciso un intervento di politica monetaria volto al miglioramento della competitività sul lato delle esportazioni ed ha deprezzato il cambio fino a oltre quota 27,5. La corona ceca ha mantenuto questo livello fino alla fine dell anno, deprezzandosi ulteriormente fino a 27,734 (18 dicembre) e chiudendo a 27,427. In riferimento alla valuta ucraina, questa è passata da 10,6381 di inizio anno a 11,3292 a fine 2013, con un valore medio di 10,7877. L andamento della valuta ucraina è stato in leggero deprezzamento durante il I recenti eventi accaduti nel 2014 della penisola Pag. 5

6 della Crimea hanno contribuito ad aumentare la volatilità sui mercati finanziari, causando un forte deprezzamento della valuta. Italia: I dati macroeconomici fanno registrare per il 2013 una riduzione del PIL dell 1,9%, rispetto all anno precedente e un calo dei consumi finali nazionali del 2,2% e del 4,7% degli investimenti fissi lordi, mentre le esportazioni di beni e servizi hanno segnato una sostanziale stabilità (+0,1%). In particolare la spesa per consumi delle famiglie è diminuita del 2,6%, dopo il notevole decremento registrato già nel 2012 del 4%. I dati consuntivi del 2013 mostrano ancora un quadro negativo per l andamento economico dell Italia, e un differenziale rispetto a quella dell Eurozona e dei principali paesi. Infatti, il 2013 ha fatto registrare per gli Stati Uniti e nel Regno Unito una crescita in termini di volumi dell 1,9% per entrambi, dell 1,6% per il Giappone e dello 0,4% per la Germania. Per quanto concerne la produzione italiana, nel 2013, si è registrata una flessione del 3% (-6,7% nel 2012), anche se bisogna evidenziare che il dato relativo alle industria alimentare e bevande, principale mercato di sbocco della Capogruppo, il decremento registrato nello stesso esercizio è pari allo 0,7%, in sostanza stabile rispetto al 2012, data la peculiare Anticiclicità che lo caratterizza. In flessione anche il fatturato e gli ordinativi che sono diminuiti del 3,8% e dell 1,3% rispettivamente. La contrazione del fatturato è sintesi di una crescita all estero pari all 1,5% e di un calo del 6,1% sul mercato interno. Stesso trend per gli ordinativi che sono cresciuti all estero (+2%) e calati sul mercato interno (-3,5%). Le esportazioni italiane nel 2013 sono rimaste pressocchè ferme, rispetto all anno precedente, segnando una contrazione dello 0,1%, mentre l import ha registrato una forte discesa (-5,5%). La dinamica dell export risulta positiva verso i paesi Extra UE (+1,3%) e in flessione verso i paesi UE (-1,2%). Trend positivo per l export alimentare che nei mesi Gennaio/Novembre 2013 è cresciuto del 5,7%. Con specifico riferimento all export di conserve di pomodoro, i primi undici mesi dell anno in esame hanno registrato un incremento in volume dell 5.8% e un aumento in valore del 6.5% rispetto all analogo periodo dell anno precedente. Pag. 6

7 Il dato del commercio al dettaglio conferma il perdurare di una forte contrazione dei consumi delle famiglie. Nell intero anno 2013 le vendite hanno registrato una diminuzione del 2,1% rispetto all anno precedente, sintesi di flessioni dell 1,1% per i prodotti alimentari e del 2,7% per i prodotti non alimentari. Nella Grande Distribuzione le vendite sono diminuite dell 1% (-0.4%gli alimentari, -1.9% i non alimentari), mentre nelle piccole superfici la flessione è stata molto più marcata (-2.9%). Il tasso d'inflazione medio annuo per il 2013 è stato pari all'1,2%, livello più basso dal 2009, in decisa frenata rispetto al 3,0% registrato nel Il Deficit, misurato in rapporto al Pil, si è attestato al 3,0%, stabile rispetto all'anno precedente, ma il debito ha raggiunto livelli record. Il 2013 si è chiuso, infatti, con un rapporto fra debito e Pil al 132,6%, in crescita di oltre 5 punti percentuali rispetto al 127% del Andamento del settore conserviero I derivati del pomodoro e conserve vegetali: L andamento del mercato dei derivati del pomodoro nel 2013 è stato influenzato in gran parte dagli effetti della campagna di trasformazione dell estate 2012, caratterizzata da una riduzione del pomodoro fresco passato alla trasformazione (-7,8%), a seguito del minor numero di ettari messi a dimora e della siccità estiva e da un prezzo inferiore della materia prima, dopo il sensibile incremento del D altra parte, il settore, in particolare al Sud, aveva registrato in media rese industriali inferiori e una minore efficienza produttiva, a causa della non ottimale qualità del pomodoro e della scarsa disponibilità dello stesso in taluni periodi della campagna. Nonostante la diminuzione della produzione, non si è verificato, nel 2013, un incremento dei listini di vendita poiché il settore ha scontato gli alti livelli delle scorte derivanti dalla sovrapproduzione degli anni precedenti. Negli ultimi mesi dell anno, il mercato delle conserve di pomodoro è stato influenzato dalla campagna di trasformazione svoltasi nei mesi estivi, contrassegnata da un ulteriore calo del quantitativo di pomodoro fresco passato alla trasformazione, pari a 4.1 milioni di tonnellate, in diminuzione del 12.8% rispetto ai 4.7 milioni di tonnellate trasformate nel 2012 e del 19.6% rispetto alla media del quinquennio , pari a 5,1 milioni di Pag. 7

8 tonnellate. La produzione di pomodoro dell estate 2013 si è contraddistinta per un costo notevolmente più elevato della materia prima. In tale scenario, caratterizzato dalla contrazione dell offerta, dal basso livello degli stock del settore e dall aumento del costo della materia prima, si è registrato un trend al rialzo dei prezzi di vendita dei prodotti finiti. L andamento della campagna dell estate 2013 produrrà i suoi effetti soprattutto nell esercizio 2014, quando la gran parte della produzione rossa sarà venduta. Il calo della produzione nazionale, unitamente al basso livello degli stock del settore, rappresenta un dato positivo ai fini di un mercato più equilibrato in termini di domanda e offerta e, di conseguenza, ai fini delle quotazioni dei prodotti finiti influenzate dai volumi immessi sul mercato. Sul fronte dei consumi, il mercato italiano del pomodoro ha continuato a mostrare un trend in lieve flessione. Secondo i dati Iri Infoscan (inclusivi del canale Discount), infatti, nel 2013 si è registrata un calo a volume del 2.5% e a valore dell 1.3%. Nello specifico, i dati mostrano, nel periodo considerato, una stabilità in volume per la polpa (-0,9%) e per la passata (-0.4%) ed una flessione per i pelati (-8.6%). E, inoltre, proseguito, il trend positivo delle esportazioni italiane nel mondo, di derivati del pomodoro che, nei primi otto mesi del 2013, si sono incrementate del 7% a conferma che il pomodoro Made in Italy continua ad essere fortemente apprezzato sui mercati esteri. In riferimento al settore delle conserve vegetali (principalmente legumi conservati), il mercato italiano ha evidenziato nel 2013 un lieve calo a volume (-2.5%) e una stabilità a valore (-0.3%). Settore imballaggi Il settore degli imballaggi leggeri in acciaio in Italia nel 2013 si attesta su 650 mila tonnellate prodotte, rispetto alle 656 mila tonnellate del precedente anno, facendo registrare una sostanziale stabilità dei volumi prodotti. La produzione di imballaggi leggeri è così composta: 435 mila tonnellate destinate al consumo Italia, 227 mila tonnellate all esportazione e 12 mila tonnellate provengono dalle importazioni. Il consumo italiano di imballaggi è così ripartito: il 40,4% si riferisce all open top (derivati pomodori 21%, legumi e frutta sciroppata 6,8%, tonno 3,8%, pet food 3,7%, altro 5,1%) Pag. 8

9 mentre, mentre general line, chiusure, bombolette spray, olio oliva e semi e altro rappresentano il 59,6% dei consumi totali. Le chiusure, intendendo per queste i tappi corona e twist off, pesano per il 14,9% sul totale dei consumi di imballaggi. Il fatturato in milioni di Euro ammonta a 1.355, rispetto ai del precedente anno, dunque in sostanziale equilibrio rispetto al 2012 (fonte: dati statistici ANFIMA). La situazione economico-finanziaria del Gruppo Tecnocap può essere influenzata da vari fattori che compongono il quadro macro-economico, tra cui il costo delle commodities, in particolare l acciaio e la banda stagnata, la variazione dei tassi d interessi del credito al consumo e il livello di fiducia dei consumatori che in una situazione di crisi si traduce in una minore domanda, oltre ovviamente alla crescita del PIL. Passando ad un analisi più specifica del Gruppo Tecnocap si deve far notare che l anno 2013 presenta un incremento del fatturato consolidato di circa 4 milioni di Euro, cresciuto dai 112 milioni di Euro del 2012 ai circa 117 milioni di Euro del Tale incremento sarebbe dovuto principalmente alla capacità di tenere e confermare i volumi di vendita a livello di Gruppo, considerando le difficoltà del mercato interno e dei mercati in cui si trova ad operare, e ai proventi per oltre 5 milioni di euro derivanti dall operazione di cessione di un particolare business sul mercato americano considerato non più strategico e profittevole per il Gruppo. Esponiamo di seguito il metodo di calcolo dell EBITDA commentato nel seguito del paragrafo: Utile prima delle imposte derivante dalle attività di funzionamento + Oneri finanziari - Proventi finanziari +/- Altre rettifiche di natura finanziaria EBIT Risultato operativo +/- Svalutazioni /(Ripristini di valore) delle altre attività correnti e non correnti +/- Accantonamenti ai fondi e costi di ristrutturazione +/- Minusvalenze/(Plusvalenze) da realizzo di attività correnti e non correnti + Ammortamenti EBITDA Pag. 9

10 Si può osservare la sostanziale stabilità dei margini economici operativi ed in particolare dell EBITDA di Gruppo del 2013, pari a 10,3 milioni di Euro, contro i circa 10,2 milioni di Euro del 2012, corrispondente al 9% delle vendite annuali, con un effettiva crescita rispetto al 2012, se si escludono gli effetti migliorativi delle capitalizzazioni per lavori interni che si sono ridotte, in quanto il Gruppo ha raggiunto una capacità produttiva tale da soddisfare le richieste del mercato e non richiedere nuove implementazioni delle linee produttive. Inoltre, il Gruppo ha adottato un approccio prudenziale, provvedendo nel 2013 alla svalutazione sia di crediti, al presumibile valore di realizzo, in funzione delle informazioni documentali sopraggiunte nel corrente esercizio, sia delle rimanenze di magazzino in ragione di analisi di maggiore dettaglio che hanno comportato la registrazione di diversi costi straordinari non ripetibili. Vi è da considerare poi un risultato ancora parziale dei progetti di riduzione dei costi avviati nel 2013, i cui effetti saranno recepiti nella totalità a partire dal 2014 e gli ancora modesti risultati consuntivati dall azienda ucraina nonostante la notevole capacità produttiva installata, attribuibile alla instabile situazione politica del paese in cui opera. La Capogruppo italiana Tecnocap S.p.A. presenta invece un EBITDA 2013 di Euro 3,7 milioni con una percentuale del 7,6% sul fatturato. La marginalità è stata influenzata da alcune svalutazioni non ricorrenti che hanno influenzato l esercizio. Dal 2014 il margine operativo di Gruppo dovrebbe nettamente migliorare risultando pari a 13 milioni di Euro, con un 11% delle vendite previste, di cui Tecnocap S.p.A, un EBITDA di Euro 4,1 Milioni con una percentuale di 8,7% in miglioramento rispetto al 2014 per le seguenti principali ragioni: - Nella Capogruppo non si dovrebbero verificare le gravose svalutazioni straordinarie di diverse attività correnti, mentre si dovrebbero realizzare interamente le riduzioni di costi operativi per la chiusura del sito produttivo di Aprilia (personale, locazioni, energia etc.); - Riduzione del personale indiretto della struttura operativa della Società spagnola Tecnocap Met; - Incremento produttività per effetto di alcuni progetti di recupero di efficienza avviati in produzione; - Nella Società americana Tecnocap LLC a fronte della riduzione conseguente alla vendita del particolare business a bassa marginalità si dovrebbero incrementare le vendite degli altri business caratterizzati da una maggiore profittabilità, anche grazie ad una ristrutturazione ed implementazione della capacità produttiva; - Nella controllata ucraina Agrocap LLC, si dovrebbero finalmente realizzare le previsioni di vendita grazie alla nuova capacità produttiva installata alla fine del 2013 ed ai risultati attesi dalla rafforzata rete commerciale riguardo soprattutto ai Pag. 10

11 promettenti mercati della Russia e dei diversi paesi CSI, salvo attendere i diversi sviluppi della crisi politica in essere; - Crescita organica del fatturato grazie all ingresso nel portafoglio clienti di nuove multinazionali, dopo rigorosi e lunghi processi di qualificazione prodotti ricevendo i primi ordini produttivi, nonché allo sviluppo e l implementazione di progetti relativi a nuovi prodotti, soprattutto nella società americana, nelle divisioni e vino, farmaceutica e cosmetica. I fatti di rilievo verificatisi nel corso dell esercizio 2013 sono i seguenti: Lo scorso mese di dicembre si è completata la cessione ad un acquirente americano di un particolare business della nostra Società negli USA per un valore totale di 13 milioni di dollari, di cui 6,5 milioni di dollari ricevuti dalla Capogruppo Tecnocap S.p.A. per la concessione di licenze d uso di tecnologie industriali, e 6,5 milioni di dollari ricevuti direttamente dalla controllata americana Tecnocap LLC per la vendita di macchinari e attrezzature produttive, oltre ad un accordo commerciale per entrambe le Società relativo al solo mercato americano; Trasferimento della partecipazione nella controllata americana TAC (Tecnocap Acquisition Company Corporation, società veicolo per detenere la Tecnocap LLC, società operativa) alla sub holding italiana TGP Tecnocap Group Partecipazioni S.r.l. per completare il progetto di concentrare le diverse partecipazioni di controllo detenute dalla Capogruppo Tecnocap S.p.A. nelle diverse società estere in un unica società Sub holding appositamente costituita nel 2012 per la riorganizzazione societaria del Gruppo. Ad Aprile 2013, l Investment Company italiana Simest ha sottoscritto un aumento di Capitale nella controllata ceca Tecnocap Sro, per Euro 2,921 milioni, corrispondente ad una quota di partecipazione del 18%. Tale accordo prevede l ulteriore obbligo di riacquisto da parte della TGP s.r.l. dalla Simest della partecipazione dopo otto anni dall investimento nella Società. La liquidità ricevuta da Simest ha consentito di completare la capacità produttiva con la realizzazione di nuove linee ed impianti produttivi; Pag. 11

12 A Dicembre 2013 il Gruppo ha formalizzato con il Socio ed Amministratore negli USA un accordo per il riacquisto della propria quota del 2,21% del capitale sociale della controllata americana completando in tal modo la totale fuoriuscita dei diversi manager americani avviata nel 2011 che consentirà al Gruppo, dopo il riacquisto della partecipazione anche dalla Simest tra il 2014 e il 2015, di possedere l intero capitale sociale della controllata americana; Ad ottobre 2013, la Capogruppo Tecnocap S.p.A. ha acquistato ulteriori n azioni proprie dalla Genoa Poliplast S.r.l. portando la propria quota di partecipazione al Capitale al 6%; Nel corso del 2013 è stata costituita una società commerciale in Russia denominata Tecnocap Ltd per fornire diversi servizi ai clienti russi e per incrementare le vendite del relativo mercato e dei diversi paesi appartenenti all area CSI; Nel corso del 2013 la Capogruppo Tecnocap S.p.A. ha avviato un progetto finalizzato al reperimento di nuove risorse finanziarie ed alla parziale sostituzione del sistema bancario con finanziatori istituzionali presenti nel mercato dei capitali attraverso la sottoscrizione di Minibond o Private Placement al fine sia di rispettare gli impegni finanziari di riacquisto della partecipazione detenuta dalla Simest scadenti in parte nell anno in corso sia per cercare di ottimizzare in termini di migliori condizioni economiche e maggiore durata degli attuali finanziamenti del Gruppo. Politica di investimenti dell impresa per mantenere e rafforzare il risultato economico, inclusa la politica di distribuzione dei dividendi Il Gruppo sta continuando nelle politiche di riorganizzazione tendenti al mantenimento ed al rafforzamento del risultato economico. Nel breve non sono previste politiche di distribuzione di dividendi da parte della Capogruppo in linea con la politica di patrimonializzazione dei risultati. Pag. 12

13 Fonti di finanziamento dell impresa e il relativo rapporto tra le passività e il patrimonio netto Gruppo Posizione finanziaria netta 31/12/ /12/2012 Delta Disponibilità liquide Altre attività finanziarie correnti ( ) Passività finanziarie correnti (incluso Debito vs Simest 2013 per 6,7 mln di euro) ( ) ( ) Posizione finanziaria netta a breve termine ( ) ( ) Altre attività finanziarie non correnti ( ) Passività finanziarie non correnti (incluso Debito Vs Simest 2013 per 2,9 mln di Euro e Debiti Vs Simest 2012 per 6,7 mln di Euro) ( ) ( ) ( ) Posizione finanziaria netta ( ) ( ) Capitale Riserve Risultato Totale Gruppo Cap. e ris. di terzi Ris. di terzi Totale terzi 31/12/ ( ) Risultato consolidato 2013 di pertinenza del gruppo Risultato consolidato 2013 di pertinenza di terzi Utili/Perdite nette da cash flow hedge Delta cambi ed altri minori impatti ( ) ( ) (15.958) (15.958) Totale conto economico complessivo ( ) ( ) (13.461) Riporto ris. consolidato di gruppo 2012 ( ) Riporto ris. di terzi (3.300) - Acquisto Azioni Proprie Tecnocap SpA ( ) ( ) Cambiamento % di possesso di terzi ( ) ( ) /12/ Pag. 13

14 Per quanto riguarda i risultati patrimoniali/finanziari di Gruppo si deve osservare la significativa riduzione dell indebitamento finanziario PFN soprattutto a seguito dell incasso dei 13 milioni di dollari derivante dall operazione di cessione del particolare business negli USA, che porterebbe il risultato 2013 della posizione finanziaria netta del Gruppo a circa 72 milioni di euro in netto miglioramento ai circa 79 milioni di Euro del 2012 tenendo conto più correttamente anche del debito verso Simest tra le passività finanziarie correnti e non correnti nel 2012 e nel Si conferma inoltre un patrimonio netto di Gruppo intorno ai 20 milioni di Euro con una leggera riduzione rispetto all anno precedente a causa soprattutto delle non prevedibili perdite su cambi delle diverse valute estere contro l Euro. Per quanto riguarda invece i risultati patrimoniali/finanziari della Capogruppo si fa inoltre presente che l indebitamento finanziario netto ammonta a fine 2013 a circa 38 milioni di Euro con un miglioramento di oltre 3 milioni di euro rispetto all indebitamento di 41 milioni di euro del 2012, mentre il patrimonio netto si confermerebbe a 24 milioni di euro anche nel 2013 per non aver subito le penalità delle perdite su cambi registrate a livello consolidato. Capogruppo La posizione finanziaria netta è stata determinata in base a criteri funzionali stabiliti dalla società. Posizione finanziaria netta 31/12/ /12/2012 Delta Disponibilità liquide Altre attività finanziarie correnti ( ) Passività finanziarie correnti ( ) ( ) Posizione finanziaria netta a breve termine ( ) ( ) Altre attività finanziarie non correnti ( ) Passività finanziarie non correnti ( ) ( ) ( ) Posizione finanziaria netta ( ) ( ) Pag. 14

15 Patrimonio netto 31/12/ /12/2012 Variazione Capitale Riserva da sovrapprezzo azioni F.do riserva ordinario F.do riserva straordinario ( ) F.do ris. Contratto di Programma F.do rival. Immobile DL 185/ ( ) Riserva prima applicazione IAS ( ) ( ) 0 Avanzo utili ( ) ( ) 0 Utile/perdita periodo ( ) Totale patrimonio netto Relativamente ai dati patrimoniali si può osservare il decremento della riserva straordinaria per effetto dell acquisto delle azioni proprie e il decremento della riserva rivalutazione immobili a seguito della destinazione del risultato d esercizio Andamento del settore Il gruppo opera nell'ambito della produzione delle chiusure metalliche per imballaggi e della progettazione, produzione, vendita e locazione di macchinari, impianti ed attrezzature per la realizzazione e l utilizzo delle suddette chiusure. Le chiusure per imballaggi da noi prodotte sono destinate essenzialmente all industria alimentare che influenza indirettamente, dettando la domanda, il settore degli imballaggi. Se si analizzano i trend economici di tale settore si può notare come questo sia caratterizzato dall anticiclicità, rispetto agli altri settori produttivi. Tale caratteristica ha consentito di attenuare gli effetti della crisi rispetto al settore manifatturiero industriale ed anche dei servizi più esposti alle conseguenze della contrazione della domanda e dei consumi. Possiamo quindi dire che il settore dell imballaggio metallico assicura livelli di crescita minimi, ma con una certa stabilità tanto che in una fase di crisi internazionale come quella che stiamo attraversando viene considerato con maggiore interesse anche dagli operatori ed investitori internazionali. Pag. 15

16 Andamento della gestione Il 2013 ha chiuso con un risultato positivo pari ad Euro I mercati geografici di riferimento sono soprattutto quello italiano (24,0% di volumi venduti) seguito da Stati Uniti (17%), Germania (12% ), Spagna (10%), Olanda (7%), Francia (6%), Ucraina (6%), Repubblica Ceca (4%), Polonia, Ungheria, Austria, Bielorussia, Nord Africa e altri minori. Il Gruppo risulta stabilmente il terzo player al mondo nel mercato delle capsule metalliche con una quota di oltre il 10% circa. I suoi principali competitor a livello mondiale sono: Silgan White Cap, Società americana quotata con una quota stimata nel 38%; Crown, Società americana con una quota di mercato stimata nel 32%. Altri competitor sono dimensionalmente molto piccoli e coprono piccole nicchie di mercato. Nell ultimo ventennio la crescita del settore è determinata da politiche acquisitive. I tre principali attori di mercato (Silgan, Crown e Tecnocap) hanno operato numerose acquisizioni al fine di incrementare la propria presenza territoriale e la propria quota di mercato. La nicchia in cui opera Tecnocap è caratterizzata da elevate barriere all entrata, dovute alla elevata specializzazione del prodotto che, per essere preso in considerazione dai Pag. 16

17 grandi produttori mondiali di food & beverage, deve possedere un track record storico di affidabilità e sicurezza. Tecnocap nel 2011 è entrata nel comparto del «Baby Food» (i.e. Omogeneizzati, passate, ecc) arrivando ad accreditarsi presso importanti multinazionali. In tale comparto la specializzazione richiesta e il rischio claims sono ancora più elevati. Gli stabilimenti operativi del Gruppo Tecnocap sono i seguenti: Stabilimento di Cava de Tirreni (Italia) di proprietà della Tecnocap SpA; Lo stabilimento di Strmilov (Repubblica Ceca) di proprietà della Tecnocap S.R.O; Lo stabilimento di Soposhyn (Ucraina) di proprietà della Agrocap L.L.C.; Lo stabilimento di Glen Dale (West Virginia, USA) di proprietà della Tecnocap L.L.C; Lo stabilimento di Warren (Ohio) in locazione alla Tecnocap LLC dove viene svolta la fase della litografia; Lo stabilimento di Aprilia (Italia) in cui vengono assemblate le macchine capsulatrici fornite ai clienti in locazione. La Società francese del Gruppo, Tecnocap Eurl, e la Società tedesca, Tecnocap GmbH, la società spagnola Tecnocap Met e la società Russa Tecnocap Ltd sono unità commerciali con propri dipendenti. Oltre alla Francia e alla Germania, sono operativi altri 11 uffici commerciali in Croazia, Egitto, Grecia, Israele, Olanda, Polonia, Bielorussia, Romania, Turchia e Regno Unito, il cui personale impiegato è alle dirette dipendenze della Società italiana e ceca. Mercato di riferimento Il Mercato di riferimento del Gruppo Tecnocap si può individuare principalmente tra l Europa ed il Nord America. Esso include i principali Paesi dell Europa dell Ovest, i paesi dell Europa dell Est (Rep. Ceca, Polonia, Ungheria, le principali Repubbliche dell Ex Urss, le Repubbliche Baltiche, i Paesi dell area balcanica, ecc); alcuni paesi del Nord Africa; alcuni paesi del Medio Oriente; gli Stati Uniti d America ed il Canada. Le prospettive di Sviluppo del Gruppo prevedono una costante ed organica crescita dei Volumi in particolare dell azienda Italiana e della controllata ceca che insieme dovrebbero rappresentare circa il 65% della crescita totale. Con i risultati previsti, il Gruppo Tecnocap consoliderà la sua Posizione di Terzo player mondiale nel settore specifico delle Safety Closures- Capsule metalliche di Sicurezza dopo i due principali Competitors Multinazionali dell Imballaggio metallico Silgan e Crown e dovrebbe raggiungere quindi una quota di mercato tra il 15 ed il 20%. Lo sviluppo previsto dei mercati presidiati, secondo quanto stimato dai principali studi di mercato internazionali, l Est Europa mostrerà, nei prossimi anni, le occasioni di crescita più interessanti con forti Pag. 17

18 prospettive di sviluppo nel medio termine. I paesi maggiormente coinvolti in tali crescite dovrebbero essere la Polonia (tasso di crescita del 2,7%), la Turchia (3,8%), la Russia (2,3%), la Repubblica Ceca (1,1%) e l Ucraina per i quali è stata stimata una crescita in media del 2% rispetto ad una media dell 1% dell Europa Occidentale ed un 0,7% nel 2014 dell Italia (fonte OCSE). Altra area in prevista espansione appare il settore Agroalimentare dell Asia Centrale pur con tutti i suoi notevoli e latenti rischi in termini di protezionismo, trasparenza e corruzione. Tra i paesi appartenenti a tale area, i più attivi in termini di crescita economica sembrerebbero essere le ex-repubbliche dell Unione sovietica come il Kazakhstan, l Uzbekistan, il Tagikistan, il Turkmenistan, ecc. In questo contesto, la privilegiata posizione della nostra Società controllata Ceca Tecnocap SRO, che appare in posizione assolutamente strategica sia rispetto alle due aree dell Europa dell Est e dell Asia Centrale che rispetto ai principali paesi dell Europa occidentale, rappresenta la principale motivazione commerciale, oltre ad ulteriori evidenti ragioni economiche, per giustificare il progetto di sviluppo e di investimento che si è realizzato ad aprile 2013 con l investimento della Simest nella controllata Ceca. Analisi dei principali dati economico-patrimoniali- finanziari Gruppo ATTIVO 31/12/ /12/2012 Immobilizzazioni Materiali Immobilizzazioni Immateriali Immobilizzazioni Finanziarie Crediti per imposte anticipate Attività non correnti, Totale Rimanenze Crediti tributari Crediti commerciali e diversi Disponibilità liquide Attività Correnti, Totale Attività destinate alla vendita ATTIVITA', TOTALE PASSIVO 31/12/ /12/2012 Patrimonio Netto Consolidato Debiti verso banche e altri finanziatori Tratt. di fine rapp. e altri benefici ai dipend Altri Fondi Passività fiscali differite Altre passività Pag. 18

19 Passività non correnti, Totale Debiti verso banche e altri finanziatori Debiti tributari Debiti commerciali e diversi Altre passività Passività correnti, Totale TOTALE PASSIVITA' PATRIMONIO NETTO E PASSIVITA', TOTALE Descrizione 31/12/ /12/2012 Ricavi Operativi Costi Operativi Risultato Operativo Proventi e Oneri Finanziari Netti ( ) ( ) Risultato Prima Delle Imposte Imposte Sul Reddito ( ) ( ) Utile (Perdita) dell esercizio dell attività di funzionamento Utili (perdite) netti derivanti da attività destinate alla dismissione ( ) ( ) Utile (Perdita) dell'esercizio ( ) - Utile (Perdita) dell'esercizio di pertin. di terzi Utile (perdita) dell'esercizio di gruppo ( ) I ricavi operativi realizzati nel 2013 ammontano a Euro mila, in crescita del 2,5% rispetto al precedente esercizio. Tale incremento sarebbe dovuto principalmente alla capacità di tenere e confermare le quote di mercato a livello di Gruppo, considerando le difficoltà del mercato interno e dei mercati in cui si trova ad operare, e al ricavo derivante dall operazione di cessione di un particolare business sul mercato americano, non considerato strategico e profittevole per il Gruppo. I costi operativi pari ad Euro mila sono variati in termini assoluti di circa Euro 453 mila, mentre in termini percentuali l incremento è del 0,4%, in misura meno che proporzionale rispetto all incremento dei ricavi; i costi delle materie prime pesano per il 52% sui ricavi operativi. Il peso delle materie prime rispetto al totale dei costi operativi ammonta al 55%. I costi del personale pesano per il 21% sul totale dei costi Per quanto concerne il risultato della gestione finanziaria segnaliamo un incremento degli oneri finanziari rispetto al 2012 dovuto alle perdite su cambi, conseguenti principalmente alla svalutazione della corona ceca ed ai maggiori interessi pagati conseguenti al maggior utilizzo delle linee di credito. Tuttavia dal 2014 il Gruppo, grazie alla riduzione dell indebitamento avvenuto a fine 2013 ed al rifinanziamento del debito bancario nelle controllate USA e CZ a condizioni economiche più favorevoli conseguirà un risparmio significativo degli oneri finanziari con un conseguente miglioramento dei risultati economici. Pag. 19

20 Capogruppo DATI PATRIMONIALI-FINANZIARI 31/12/ /12/2012 Attività non correnti Attività correnti Totale Attivo Patrimonio Netto Passività non correnti Passività correnti Totale Passivo DATI ECONOMICI 31/12/ /12/2012 Ricavi Operativi Ricavi delle vendite e delle prestazioni Altri ricavi e proventi Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni Costi Operativi Materie prime, sussidiarie e di consumo Altri costi operativi Costi del personale Ammortamento attività materiali e attività immateriali Risultato Operativo Proventi ed oneri finanziari ( ) ( ) Risultato prima delle imposte ( ) Imposte sul reddito ( ) ( ) Utile (Perdita) dell attività in funzionamento ( ) Utili (perdite) netti derivanti da attività destinate alla dismissione Utile (Perdita) dell esercizio ( ) Gli obiettivi strategici tracciati dal management del Gruppo Tecnocap fanno leva sulle seguenti linee direttrici: Crescita dei volumi di vendita in modo organico e costante delle Società del gruppo; Saving industriale. Il management ha adottato un politica estesa di cost saving, con riduzione dei costi indiretti e l efficientamento produttivo, con la concentrazione della produzione nelle unità produttive a più alto valore aggiunto. Il riequilibrio della struttura finanziaria, attraverso un adeguata scelta delle fonti esterne di finanziamento, soprattutto con riferimento alla distinzione tra beve termine e medio/lungo termine oltre che dei soggetti finanziatori e miglioramento nella gestione del capitale circolante netto. Organizzazione e Corporate Governance Pag. 20

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli