Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane"

Transcript

1 Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile 1

2 Agenda 1. Introduzione: terminologica e dubbi frequenti 2. l fenomeno dei derivati in Italia: un analisi comparativa 3. Le cause e la recente evoluzione del problema derivati 4. Le diverse modalità di generazione della perdita 5. Un approccio risolutivo alla ristrutturazione 2

3 Introduzione: terminologia e dubbi frequenti Cos è un derivato Come si calcola il valore di mercato (mark to market) La differenza tra pay-out e mark to market La differenza tra prezzi a pronti e prezzi impliciti Chi ci guadagna alla fine? Quanto guadagna la banca? Il concetto di utile o perdita: rispetto a cosa? Cosa vuol dire ristrutturazione? 3

4 Agenda 1. Introduzione: terminologia e dubbi frequenti 2. Il fenomeno dei derivati in Italia: un analisi comparativa 3. Le cause e la recente evoluzione del problema derivati 4. Le diverse modalità di generazione del mark to market negativo 5. Un approccio risolutivo alla ristrutturazione: non solo derivati 4

5 La crescita dei derivati è un fenomeno mondiale, non solo italiano Importi nozionali contratti OTC con controparti non finanziarie % + 3 % miliardi di Us % + 7 % + 5 % + 32 % dic-99 giu-00 dic-00 giu-01 dic-01 giu-02 dic-02 giu-03 dic-03 giu-04 Date rilevazione BIS Interest rates Foreign Exchange Fonte: BIS 5

6 In Italia i volumi sono cresciuti molto dalla metà del 2002 Italia - Nozionali contratti OTC con controparti non finanziarie % Miliardi di % + 16% giu-02 dic-02 giu-03 dic-03 Date rilevazione Bankit Interest rates Foreign Exchange Fonte: Bollettini Statistici Banca d Italia 6

7 Il confronto con altri Paesi europei evidenzia volumi comparabili Scambi giornalieri contratti OTC FX con controparti non finanziarie 8,00 7,00 6,00 CAMBI Miliardi Us 5,00 4,00 3, ,00 1,00 - * Francia Italia Germania Spagna UK UK Local Scambi giornalieri contratti OTC IR con controparti non finanziarie 30,00 25,00 TASSI Miliardi us 20,00 15, ,00 5,00 - * Francia Italia Germania Spagna UK UK Local *: per la Germania i volumi sono modesti in quanto diverse banche tedesche operano in derivati da Londra attraverso le loro investment banks 7

8 Anche il n di aziende che utilizza i derivati è nella media internazionale % di aziende che utilizzano derivati 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Australia Canada Francia Germania Giappone Italia Olanda Spagna Svizzera UK USA Aziende che utilizzano derivati Aziende che utilizzano Foreign exchange derivatives Aziende che utilizzano Interest rate derivatives Numero aziende considerate nel campione Australia 304 Canada 592 Francia 163 Germania 412 Giappone 368 Italia 99 Olanda 134 Spagna 29 Svizzera 123 UK 886 USA 2207 Fonte: Analisi su aziende di 48 Paesi condotta nel 2003 da Bartram (Univ. di Lancaster-UK), Brown e Fehle (Univ. North Carolina-USA) 8

9 Il catalogo prodotti delle banche italiane è simile a quelli internazionali Banche italiane Banche estere A tutti i segmenti di clientela Irs Irs Step-up Cap, Floor, Collar IRS Discount Irs Barrier Carry Swap Double opportunity swap Quanto CHF o Helvetia Doppia fase Double euribor Sunrise Altlantic Swap Irs Irs Step Up Cap, floor, collar Step up barrier swap Knock-out swap Leverage CHF libor Quanto Cumulative swap Slope swap Tip Top Eur Usd Quanto Option on cumulative swap: Louvre Options on cumulative swap: Guggenheim Unique swap A tutti i segmenti di clientela Clienti istituzionali e Large Corporate Aldilà dei nomi di fantasia, i prodotti sono molto simili Poche sono le banche italiane che hanno una fabbrica prodotti interna: quasi tutti acquistano dai grossisti internazionali, le global investment banks o alcune banche francesi ed inglesi Le global investment banks propongono gli stessi prodotti ai clienti istituzionali di tutti i principali mercati euro La banca italiana fa la fabbrica di marketing, assemblando e confezionando prodotti internazionali 9

10 Il mercato dei derivati in Italia: qual è quindi il problema? Numerose situazioni di perdita in termini di valore di mercato del derivato Numerose situazioni in cui il derivato non è correlato ad obiettivi di copertura dei rischi aziendali Numerose situazioni in cui la dimensione della perdita sul derivato è molto rilevante rispetto al fatturato e alle linee di fido dell azienda Il problema non è ancora completamente emerso Il fenomeno deve ancora emergere in tutta la sua dimensione: molte aziende solo da poco conoscono il MtM delle proprie posizioni Da fine gennaio 2005 il MtM dei derivati ( anche quelli di copertura!) è entrato in Centrale Rischi Dal bilancio 2005 entra in vigore il d.lgs. 394 del 31 dicembre 2003 sull indicazione in Nota Integrativa del valore di mercato dei derivati: sindaci e revisori hanno sempre maggiori responsabilità Per molte aziende si avvicina il momento non prorogabile dell esborso della perdita sui derivati (flussi di cassa in uscita, possibile crisi di liquidità) 10

11 Agenda 1. Introduzione: terminologia e dubbi frequenti 2. Il fenomeno dei derivati in Italia: un analisi comparativa 3. Le cause e la recente evoluzione del problema derivati 4. Le diverse modalità di generazione del mark to market negativo 5. Un approccio risolutivo alla ristrutturazione 11

12 Quali le cause? Una sintesi a livello di sistema Paese A livello di sistema Paese La crescita molto rapida dell offerta bancaria non ha consentito agli attori (imprese, banche stesse, autorità di vigilanza) di adeguare con i medesimi tempi competenze e strumenti informativi ed organizzativi Le asimmetrie informative tra le diverse categorie di operatori L evoluzione della normativa è stata molto rapida: da fenomeno sommerso SOTTO LA LINEA a dati IN BILANCIO e in Centrale Rischi in pochi mesi. Anche per i professionisti ed i revisori c è il problema di adeguamento di competenze e strumenti informativi 12

13 Quali le cause del problema nei comportamenti di banche ed imprese? I volumi complessivi dei derivati con le imprese? NO L eccessivo numero di aziende che li utilizzano? NO La presenza di prodotti troppo complessi nei cataloghi delle banche? NO L andamento dei tassi di interesse e di cambio è stato sfavorevole e unidirezionale? IN PARTE Le imprese hanno voluto guadagnare più che proteggersi dai rischi? IN PARTE Prodotti complessi a tutti i segmenti di clienti? SI 13

14 Prodotti complessi a tutti i segmenti di clienti? SI Il rapporto con i clienti Corporate ha seguito modelli Retail, con campagne prodotto effettuate attraverso rete non specializzata: i gestori hanno proposto i prodotti in modo indifferenziato La campagna prodotto spesso ha addirittura riguardato uno specifico prodotto derivato, con implicita una visione della banca sull andamento di tassi e cambi Prodotti complessi sono stati proposti a tutti i segmenti di clientela. Sono stati spesso tolti dal catalogo i prodotti più semplici (e più utilizzati dalle imprese maggiori) L informativa in sede di proposta sui possibili effetti degli strumenti in diversi scenari di mercato è stata spesso carente od opportunamente indirizzata su scenari costruiti in modo arbitrario Nessuna considerazione è stata posta dalle banche alle modalità di rappresentazione del derivato nel bilancio del cliente Con l ondata di periodiche ristrutturazioni la banca si è di fatto posta nell atteggiamento del gestore della posizione del cliente, senza avere però gli obiettivi di rischio né un benchmark né un mandato 14

15 Le asimmetrie informative a sfavore dell impresa 1 Tra Banca e Impresa Le asimmetrie informative Tra payout e mark to tomarket: l impresa guarda solo al al payout Tra tassi spot e tassi impliciti: l impresa non conosce i i tassi impliciti Tra rischio effettivo e prezzi recenti: l impresa calcola il il rischio solo sulla base del recente andamento dei prezzi Le azioni intraprese negli ultimi mesi Ora le le imprese sono consapevoli del mark to to market (fin troppo ), che sembra diventato l unico elemento rilevante di di un derivato in in essere L impresa continua a non capire la la differenza tra tassi a pronti e tassi impliciti L impresa non si si sta dotando né di di strumenti software né di di competenze per interagire in in modo informato con la la banca 2 Tra Impresa e Revisore / Sindaco Le società di di revisione spesso non hanno posizioni esplicite definite a livello centrale Sindaci e revisori spesso non sono disponibili // in in grado di di inquadrare l operazione in in derivati rispetto al al complessivo rischio di di impresa I revisori affrontano il il tema a consuntivo solo in in presenza di di perdite Le società di di revisione sono ora molto attente alle posizioni in in derivati ma spesso ancora non hanno criteri interpretativi espliciti e definiti a livello centrale Le società di di revisione interpretano in in modo restrittivo i i principi di di rappresentazione in in bilancio e spesso non sono molto disponibili a supportare l azienda nel miglioramento del processo di di risk management 15

16 Le carenze informative nelle imprese e nelle banche 3 Nell Impresa Le carenze informative Logiche finanziarie e logiche contabili sono scollegate Manca la la conoscenza del rischio a cui l impresa è esposta L imprenditore è spesso propenso al al rischio, senza essere in in grado di di quantificarlo Manca un criterio gestionale di di riferimento per guidare le le scelte di di copertura o di di speculazione Le azioni intraprese negli ultimi mesi Definizione di di una policy solo su su imposizione di di revisori e sindaci (per fini di di rappresentazione in in bilancio) Scarsa propensione a migliorare la la gestione dei rischi finanziari 4 Nella Banca L area Finanza crea i i prodotti in in ottica di di pura finanza di di mercato L area Finanza non conosce il il profilo di di esposizione ai ai rischi finanziari del cliente L area Crediti misura in in modo approssimativo o parziale l esposizione dei clienti ai ai derivati L area Commerciale non domina il il profilo di di rischio dei prodotti che l area Finanza propone I gestori imprese non sono in in grado di di analizzare il il rischio del cliente e proporre il il miglior prodotto Alcune banche hanno lavorato sulla definizione dei processi interni (internal audit, profilo di di rischio dei prodotti) Poche banche stanno pensando all innovazione dell offerta nell ottica di di rilanciare un area di di attività con potenziale redditività stabile nel medio - lungo periodo 16

17 Agenda 1. Introduzione: terminologia e dubbi frequenti 2. Il fenomeno dei derivati in Italia: un analisi comparativa 3. Le cause e la recente evoluzione del problema derivati 4. Le diverse modalità di generazione del mark to market negativo 5. Un approccio risolutivo alla ristrutturazione 17

18 Le diverse situazioni dietro un mark to market negativo A) Operazioni di copertura a tassi storici operazioni finalizzate alla protezione dal rialzo dei tassi di interesse (o sui cambi con eur/usd <= 1), nate quando i prezzi erano lontani dai livelli attuali B) Operazioni nate come speculative, e trasformate in speculative a maggior rischio hanno assunto un grado di rischio e perdita crescenti nel tentativo di recuperare la perdita iniziale C) Operazioni nate come coperture, poi trasformate in operazioni speculative hanno assunto un grado di rischio crescente nel tentativo di recuperare la perdita 18

19 La lettura della situazione di perdita da parte dell impresa Comunemente l impresa identifica nello strumento derivato in sé e per sé la causa della perdita L analisi della perdita è spesso sommaria e parziale, talvolta addirittura errata A) Operazioni di copertura a tassi storici B) Operazioni nate come speculative, e trasformate in speculative a maggior rischio Il concetto di copertura è accettato solo se a condizioni convenienti rispetto ai prezzi spot al momento della valutazione dei risultati Il concetto di copertura non è compreso fino in fondo. I risultati non vengono confrontati con i risparmi sull esposizione L azienda scopre all improvviso il Mtm negativo e lo identifica come una perdita certa E disposta a rischiare ancora pur di non chiudere l operazione con un esborso C) Operazioni nate come coperture, poi trasformate in operazioni speculative Il concetto di copertura è stato rinnegato di fronte al primo pay-out negativo E difficile ritornare alla copertura a condizioni fuori mercato 19

20 Agenda 1. Introduzione: terminologia e dubbi frequenti 2. Il fenomeno dei derivati in Italia: un analisi comparativa 3. Le cause e la recente evoluzione del problema derivati 4. Le diverse modalità di generazione del mark to market negativo 5. Un approccio risolutivo alla ristrutturazione 20

21 I falsi obiettivi della ristrutturazione Evitare di pagare o cercare addirittura di incassare nel breve periodo Recuperare la perdita aumentando il rischio 21

22 I veri obiettivi comuni ai diversi percorsi Identificare una soluzione risolutiva Porre le basi affinché il problema di lettura da parte dell azienda non si ripresenti anche post-ristrutturazione Allineare sulla soluzione tutti gli attori (vertice aziendale, eventuali revisori, sindaci) 22

23 Gli obiettivi finanziari della ristrutturazione Dilazionare gli esborsi finanziari del mark to market negativo in più esercizi: il nuovo derivato avrà delle condizioni peggiorative rispetto a quelle di mercato per un importo corrispondente al mark to market Per le operazioni originariamente di copertura e poi divenute speculative evitare il rischio che la perdita aumenti Per le operazioni nate come speculative, trasformare le caratteristiche del rischio, ancorandolo a parametri più controllabili e rendendo la posizione prontamente liquidabile Ottenere un profilo che sia rappresentabile in termini chiari ad interlocutori esterni all impresa, siano essi sindaci, revisori, banche, azionisti di minoranza, potenziali investitori A questo si può eventualmente aggiungere la finalità di recuperare almeno in parte la perdita, qualora alcuni parametri di mercato dovessero muoversi in futuro in un certo modo. Questo obiettivo, se abbinato a definire comunque un livello di perdita massima per l azienda, difficilmente potrà consentire di recuperare intera perdita. Importante è che l azienda consideri questo obiettivo come secondario ed eventuale rispetto agli altri. 23

24 Le possibili direzioni di uscita dalla situazione di perdita SI E opportuno ristrutturare? NO Analisi delle operazioni in essere Costruzione posizione di rischio complessiva Analisi di sensitività sul payout per esercizio Analisi di sensitività sul Mtm alla fine dei prossimi esercizi Confronto del rischio di aumento di payout e Mtm rispetto ai prezzi storici Come ristrutturare? Chiudere la posizione? SI NO Analisi dell esposizione dell azienda ai rischi di cambio e tasso Analisi economico - finanziaria dell azienda Analisi della cultura finanziaria aziendale - Finanziamento del mark to market negativo - Impatto sull affidabilità dell azienda - Esistenza di rischi non coperti - Monitoraggio perdita - Impatto sulla rappresentazione in bilancio Analisi della rappresentazione in bilancio 24

25 Riassumendo: le linee guida per l impresa 1. Non aspettare che siano le banche ad affrontare il problema, sulla base di criteri di interpretazione ad oggi non ancora consolidati dei dati di Centrale Rischi 2. Quantificare il mark to market dei derivati 3. Identificare il rischio sottostante (importo di indebitamento strutturale dell azienda nel medio termine, esposizione import od export in divisa) e valutare l opportunità di riportare i derivati ad un profilo di copertura di questa esposizione al rischio 4. Verificare con la banca controparte delle operazioni in derivati la sua disponibilità a ristrutturare la posizione nel medio termine 5. Chiarire gli obiettivi della ristrutturazione, e poi richiedere alle banche delle proposte corrispondenti a questi obiettivi 6. Redigere una policy aziendale sulla gestione dei rischi finanziari, da far approvare in consiglio di amministrazione 7. Trasformare le operazioni che si vogliono mantenere speculative in operazioni dal profilo di rischio chiaro e controllabile, separandole da quelle di copertura 8. Definire con i professionisti, sindaci o i revisori i criteri di rappresentazione in bilancio delle operazioni post ristrutturazione 9. Verificare i prezzi della ristrutturazione e scegliere il timing 10. Mantenere un controllo periodico del valore di mercato post ristrutturazione 25

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique OBIETTIVO DERIVATI La copertura dai rischi finanziari L attività di impresa è caratterizzata da una serie di rischi finanziari, principalmente

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E GLI STRUMENTI DERIVATI Eurco S.p.A. Milano, 01 Aprile 2008 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse Eurco e il mercato dei derivati

Dettagli

della Provincia di Roma sui derivati finanziari

della Provincia di Roma sui derivati finanziari DERIVATI Presentazione del servizio di assistenza della Provincia di Roma sui derivati finanziari Le indagini Istituzionali 2005 Commissione i Finanze della Camera. 2007 Commissione i Finanze della Camera.

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse Scheda Prodotto Interest Rate Swap (IRS) ed IRS Multifase (IRSM) IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI Marco Carbone Tavola rotonda TopLegal 23/ 09/ 2010 ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

FUNZIONE CORPORATE DESK

FUNZIONE CORPORATE DESK FUNZIONE CORPORATE DESK UFFICIO VERONA (+39) 045 8042 102 UFFICIO BERGAMO (+39) 035 350 500 UFFICIO NOVARA (+39) 0321 662 790 UFFICIO MODENA (+39) 059 588 575 25 agosto 2006 STRATEGIE DI COPERTURA DAL

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato COMUNE DI MONTECATINI TERME 16 marzo 2009 1. Introduzione La valutazione del derivato del Comune

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa. (si prega di citare il presente protocollo nella risposta) spazio per l etichetta Oggetto: Allegato al Bilancio di Previsione 2014: Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA Gli swap sono accordi tra società per scambiarsi futuri pagamenti. L accordo definisce le date in cui i pagamenti vengono scambiati e il modo

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003

ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003 ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003 POL1S Dalla seconda metà degli anni 90 le pubbliche amministrazioni hanno avviato una gestione delle proprie attività e passività attraverso operazioni finanziarie sempre

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI Sezione Regionale di Controllo per l Umbria RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA CONDOTTA PER UN CAMPIONE DI ENTI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA (allegata alla deliberazione

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse COMUNE di ORISTANO COMUNI de ARISTANIS Settore Programmazione e Gestione delle Risorse NOTA SUI DERIVATI (allegato al rendiconto di gestione 2014 - art. 1 comma 383 Legge 244/2007) La presente nota è allegata

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio Titoli affermazioni di bilancio analisi fattori di rischio... criticità di bilancio Titoli procedure di revisione natura estensione tempistica criticità di bilancio... TITOLI principali aree di bilancio

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I mutui originari Nel marzo 2006 la Regione Veneto, aveva debiti con le banche per oltre un miliardo di euro; tra gli altri, aveva due prestiti obbligazionari:

Dettagli

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del Deliberazione n. FVG/ 348 /2010/VSGF REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia VI Collegio composto dai seguenti magistrati: CONSIGLIERE: avv. Fabrizio

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV)

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) INTRODUZIONE Gli effetti della crisi sulle imprese sono sintetizzabili in: minori ricavi, tempi

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A.

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. 1 DESTINATARI. Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE L IMPATTO DELLA NUOVA NORMATIVA SULLE STRUTTURE IMPLEMENTABILI EXECUTIVE SUMMARY Panoramica sulle strutture consentite dal decreto Swap di tasso di cambio Swap di tasso

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

"Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati"

Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati VI Commissione Finanze" della Camera dei Deputati "Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati" Audizione del Direttore Generale della CONSOB Dott. Massimo Tezzon 30 ottobre

Dettagli

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale

RISK MANAGEMENT. di Giovanni Segato e Davide Giovanelli. Estero >> Commercio internazionale GESTIRE IL RISCHIO DI CAMBIO IN UNO SCENARIO IN CONTINUA EVOLUZIONE RISK MANAGEMENT di Giovanni Segato e Davide Giovanelli Estero >> Commercio internazionale Il continuo rafforzamento dell euro sul dollaro

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing

Policy di Valutazione e Pricing Policy di Valutazione e Pricing Regole Interne per la Negoziazione ed Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Alto Vicentino Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte Società Cooperativa

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO 2008 NOTA INTEGRATIVA IN MERITO AI CONTRATTI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 383,

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry Prometeia/CI spa: La confrontabilità dei bilanci è necessaria quanto l adozione di criteri contabili in grado di esprimere equilibrio tra resilienza nei momenti di crisi e trasparenza. Se non c è autoregolamentazione

Dettagli

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Sito Internet: www.bancacarim.it REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004 Modelli organizzativi e procedurali della funzione di Internal Audit in Deutsche Bank Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI

CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI CONTRATTI DERIVATI E USURA: IMPATTI E CONSEGUENZE IN PROCEDURE CONCORSUALI di Roberto Baviera, consulente Rondpoint e docente, e Laura Filippi, dottore commercialista 1. Introduzione: i contratti derivati

Dettagli

Energy Risk Management

Energy Risk Management QUALITY ENERGY SOLUTIONS Energy Risk Management Rischi e opportunità della liberalizzazione del mercato dell'energia: l'attività di Energy Risk Management Attila Tarocchi Milano, 23 gennaio 2003 Indice

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo. Mettere in comune competenze. Presentazione Progetto C INTESA SANPAOLO ASSOCIAZIONI CONSUMATORI

Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo. Mettere in comune competenze. Presentazione Progetto C INTESA SANPAOLO ASSOCIAZIONI CONSUMATORI Associazioni dei consumatori Intesa Sanpaolo INTESA SANPAOLO Mettere in comune competenze ASSOCIAZIONI CONSUMATORI Presentazione Progetto C Direzione Relazioni Esterne - Ufficio Rapporti con le Associazioni

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Newsletter Novembre 2012

Newsletter Novembre 2012 Newsletter Novembre 2012 Milano, 12 novembre 2012 Gent. IRO, con l avvicinarsi della fine di un anno che ha visto perdurare forti difficoltà nel contesto economico e finanziario, abbiamo ritenuto interessante

Dettagli

Pronuncia n. 77 /2008

Pronuncia n. 77 /2008 Pronuncia n. 77 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Antonio SCUDIERI dott. Giuliano GALLANTI dott. Luisa D

Dettagli

NOTA DI SINTESI. Sintesi dei Fattori di Rischio

NOTA DI SINTESI. Sintesi dei Fattori di Rischio NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi fornisce un sommario di quelle che, ad avviso dell Emittente, sono le principali caratteristiche e rischi associati all Emittente, nonché alle Obbligazioni (Notes)

Dettagli

L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari

L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari Rupert Limentani L&P- Limentani & Partners L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie

Dettagli

Come cambia il rapporto Banche e Imprese dopo l'aqr

Come cambia il rapporto Banche e Imprese dopo l'aqr Come cambia il rapporto Banche e Imprese dopo l'aqr Giuseppe LATORRE Partner KPMG, Responsabile Financial Services Milano, 26 novembre 2014 Il sistema bancario europeo in evoluzione: AQR e Vigilanza Unica

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A.

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. I prodotti derivati: utilizzo proprio e improprio come strumento di gestione del rischio aziendale. Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. *In attesa di autorizzazione Indice degli argomenti

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale

Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Il rapporto banca-impresa Il Rating Advisory e attività professionale a supporto della continuità aziendale Massimo Talone Milano, 18 ottobre 2012 Differenze strutturali e competitive tra piccole e medie

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTE CORRELATA

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTE CORRELATA DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTE CORRELATA ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli