COMMENTI A CONTI CAP.10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMENTI A CONTI CAP.10"

Transcript

1 COMMENTI A CONTI CAP10 SMODICA TEOREMA DI DINI Solo per dire che il teorema vale anche se risulta F(x 0,y 0 ) = c con c R qualunque invece di F(x 0,y 0 ) = 0; l insieme F(x,y) = 0 dell enunciato diventa l insieme F(x, y) = c Per vederlo basta applicare il teorema così come è enunciato nel libro alla funzione Φ(x,y) = F(x,y) c (che è tale che Φ(x,y) = 0 se e solo se F(x,y) = c), e osservare che le derivate di F sono uguali a quelle di Φ SIGNIFICATO DI λ Siano f,ϕ di classe C 1 con gradϕ sempre diverso da zero (così possiamo applicare la proposizione 108) Supponiamo che per ogni b R il problema massimizza f(x, y) su ϕ(x,y) = b abbia soluzione unica(x(b), y(b)) con x(b) ed y(b) derivabili(rispetto a b), e poniamo V(b) = f(x(b),y(b)), il valore della funzione nel massimo Poichè per ogni b è ϕ(x(b),y(b)) = b sarà ϕ x (x(b),y(b))x (b)+ϕ y (x(b),y(b))y (b) = 1, perciò V (b) = f x x +f y y = λ(ϕ x x +ϕ y y ) = λ 1 Dunque l opposto di λ misura il tasso di variazione del valore massimo V rispetto a b UN ALTRO ESEMPIO ECONOMICO DI CONVESSITA Per esempio nel problema del consumatore, massimizzare l utilità u(x, y) ricavata dal consumo di due beni con il vincolo di bilancio p 1 x+p 2 y = b, dove p 1 e p 2 sono i prezzi dei due beni e b è il reddito, λ è il tasso di variazione dell utilità conseguita al variare del reddito, che si chiama appunto utilità marginale del reddito Se lo Stato vuole regalare una lira al consumatore che ne trae più vantaggio deve ragalarla a quello con λ più alto E utile avere condizioni sotto le quali una lira in più fa più piacere a un povero che a un ricco, cioè sotto le quali λ decresce con b (problema tipico di microeconomia); poichè λ = V, la decrescenza di λ equivale alla concavità di V Vogliamo dimostrare che V è concava se lo è u Per farlo conviene cambiare nome ai punti di R 2 : invece di (x,y) li indicheremo con x = (x 1,x 2 ) Ponendo p = (p 1,p 2 ) il problema diventa: massimizzare u(x) sul vincolo p x = b Se x(b) è una soluzione del problema, V(b) = u(x(b)) PROPOSIZIONE Se u è concava lo è anche V Dimostrazione Sianodatib 1 eb 2,esianox(b 1 )edx(b 2 )lorosoluzioni Dap x(b 1 ) = b 1 e p x(b 2 ) = b 2 segue p [tx(b 1 ) + (1 t)x(b 2 )] = tb 1 + (1 t)b 2 ; sicchè la Date: Gennaio Come x ed y, λ è in realtà un λ(b) 1

2 COMMENTI A CONTI CAP10 2 scelta in parentesi quadre è fra quelle possibili con tb 1 +(1 t)b 2, il che implica la prima disuguaglianza di qui sotto; continuando con la concavità di u otteniamo la concavità di V: V(tb 1 +(1 t)b 2 ) u(tx(b 1 )+(1 t)x(b 2 )) tu(x(b 1 ))+(1 t)u(x(b 2 )) = tv(b 1 )+(1 t)v(b 2 ) Nota che puoi ignorare In questa proposizione non si richiede unicità (nè a maggior ragione derivabilità) della soluzione; serve solo l esistenza di almeno una soluzione per ogni b Se ve ne sono più d una, se v e w sono soluzioni u(v) = u(w) (perchè dalla definizione di massimo u(v) u(w) e u(w) u(v)), dunque V è ben definita anche in assenza di unicità A differenza del solito non si assume nemmeno che le funzioni date siano di classe C 1 (ϕ = p x b lo è, ma u può non esserlo) Inoltre, il risultato resta vero con dimostrazione identica se x e p sono in R n CONDIZIONI SUFFICIENTI PER ESTREMI VINCOLATI Per individuare i massimi e minimi di f(x,y) sull insieme {(x,y) : ϕ(x,y) = 0} (che chiameremo insieme ϕ = 0 ) le condizioni della proposizione 108 non sono sufficienti, come si può vedere con esempi grafici Per enunciare condizioni sufficienti comode da leggere conviene sapere cosa sono le matrici rettangolari m n, con m righe orizzontali ed n colonne verticali, e i determinanti delle matrici quadrate n n Tre matrici: ( ) a b c d α β γ δ 2 4 ( ) a b c d 2 2 Quelle 1 1( sono) del tipo (a), a R e det(a) = a Il determinante di una matrice a b 2 2 è det = ad bc Sia ora data una matrice n n c d a 11 a 12 a 1n A = a 21 a 22 a 2n a n1 a n2 a nn Eliminando da A la riga i e la colonna j si ottiene una matrice n 1 n 1 che si chiama A ij (A senza i,j) Il determinante di A è così Si prende una qualunque riga o colonna, diciamo la riga i, di elementi a i1,,a in ; ogni elemento lo si moltiplica per ( 1) i+j e per deta ij ; e poi si sommano questi termini Cioè, deta = n j=1 ( 1)i+j a ij deta ij Lo stesso numero si ottiene con un altra riga o colonna (è un teorema) Facendolo per esempio con la prima colonna viene deta = n i=1 ( 1)i+1 a i1 deta i1 Così si riduce il calcolo a determinanti di ordine n 1 Facendolo con la prima colonna nel determinante 3 3 di sopra otteniamo det ) = ( 1) det( +0+( 1) det Condizioni sufficienti per il problema di sopra sono le seguenti ( ) 4 25 = PROPOSIZIONE Siano f,ϕ di classe C 2, e sia (x 0,y 0 ) tale che ϕ(x 0,y 0 ) = 0 e gradϕ(x 0,y 0 ) 0 Se λ 0 è tale che in (x 0,y 0,λ 0 ) riesce gradh = 0 e (con tutte le derivate calcolate in x 0,y 0,λ 0 ) det 0 ϕ x ϕ y ϕ x H xx H xy > 0 (risp < 0), ϕ y H xy H yy

3 COMMENTI A CONTI CAP10 3 allora (x 0,y 0 ) è un massimo (risp minimo) per f su ϕ = 0 Dimostrazione Supponiamo per cambiare che sia ϕ x (x 0,y 0 ) 0, così in un intorno di quel punto l insieme ϕ = 0 definisce implicitamente una funzione h(y) tale che ϕ(x,y) = 0 se e solo se x = h(y) Secondo il teorema di Dini si calcolano h (y) = ϕ y /ϕ x ed h (y) = (ϕ 2 xϕ yy 2ϕ x ϕ y ϕ xy + ϕ 2 yϕ xx )/ϕ 3 x, con derivate parziali calcolate nel punto (h(y),y) E chiaro che (x 0,y 0 ) è un estremo per f su ϕ = 0 se e solo se la funzione G(y) = f(h(y),y) ha un estremo in y 0 ; e condizioni sufficienti per un estremo di G sono che G (y 0 ) = 0 e G (y 0 ) 0 (maggiore implica minimo, minore massimo) Sia gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 Da H x = 0 e H y = 0 segue λ 0 = f x /ϕ x ed f y + λ 0 ϕ y = 0 (da ora in poi derivate parziali in x 0,y 0,λ 0 ), quindi G (y 0 ) = f x h (y 0 ) + f y = f y + ( f x /ϕ x )ϕ y = 0 Inoltre G = (h ) 2 f xx + 2h f xy + h f x + f yy ; qui si inseriscano le espressioni di h,h, e si sostituisca f x con λ 0 ϕ x (ad essa uguale); poi si metta in evidenza 1/ϕ 2 x; il risultato, come si vede facendo con calma i conti, è G (y 0 ) = (1/ϕ 2 x )deta, con A la matrice dell enunciato Quindi se deta > 0, G (y 0 ) < 0 e G ha un massimo; se deta < 0, G ha un minimo ALTRI ESEMPI DI ESTREMI VINCOLATI (1)Trovaregliestremidi f(x,y) = e xy sull insieme3x+2y = 6 Quigradϕ 0 sempre, quindi gli estremi sono soluzioni di gradh = grad(e xy +λ(3x+2y+6)) = 0 Il sistema è ye xy +3λ = 0 xe xy +2λ = 0 3x+2y +6 = 0 Osserviamo che λ = 0 non può essere (perchè implicherebbe x = y = 0 che non soddisferebbe la terza equazione) Dunque dividendo la prima equazione per la seconda otteniamo y = 3 2x; sostituendo questa nella terza viene x = 1 e quindi y = 3 2 ; dalla prima, λ = e3/2 /2 Dunque ( 1, 3/2) è l unico estremo La funzione nel punto vale e 3/2, e in ogni punto sul vincolo con x = 0 o y = 0 la funzione vale 1; quindi indoviniamo che il punto critico non può essere minimo, e deve essere massimo E si può verificare che le condizioni del secondo ordine sufficienti per un massimo sono verificate in ( 1, 3/2) (2)Comesopraperf(x,y) = x 2 xy+y 2 sull insiemex 2 +y 2 4 = 0 Osserviamo che sul vincolo è f = 4 xy Perciò il problema equivale a trovare gli estremi di 4 xy sul vincolo Il gradiente di ϕ è sempre diverso da zero, e possiamo applicare la proposizione 108 H = 4 xy +λ(x 2 +y 2 4) gradh = 0 è y +2λx = 0 x+2λy = 0 x 2 +y 2 4 = 0 Di nuovo λ 0 Dalle prime due ricaviamo x 2 = y 2, che nella terza dà 2x 2 = 4 cioè x = ± 2, e da qui anche y = ± 2 In conclusione ci sono 4 punti (x,y,λ) critici: ( 2, 2, 1/2),( 2, 2,1/2),( 2, 2,1/2),( 2, 2,1/2) Calcolando i valori della funzione in questi punti si vede che il primo e terzo sono minimi, gli altri due massimi (3) Studia f(x,y) = x 2 +2y 2 sulla circonferenza x 2 +y 2 = 1 Su questo insieme f = 1+y 2, quindi senza fare conti vediamo che il minimo è sui punti della circonferenza in cui y = 0, cioè ( 1,0),(1,0); e il massimo è sui punti in cui y 2 è massimo sulla circonferenza, cioè (0, 1),(0, 1)

4 COMMENTI A CONTI CAP10 4 (4) Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 + y 2 sull insieme x 2 + y 2 = 1 Sulla circonferenza x,y 1 quindi è f = 4 (x + y) Disegnando le curve di livello la soluzione si vede subito, comunque: H = 4 (x + y) + λ(x 2 + y 2 1), e gradh = 0 dà facile i punti critici (1/ 2,1/ 2),( 1/ 2, 1/ 2) L hessiano orlato (così si chiama il determinante nella proposizione di p2) vale 4(x + y), quindi (1/ 2,1/ 2) è minimo, l altro massimo (5)Trovaregliestremidif(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1sullacirconferenzax 2 +y 2 = 9 Useremo due procedimenti alternativi al metodo dei moltiplicatori di Lagrange, che possono essere utili Primo metodo Sulla circonferenza è f = 2 + y 2 che è chiaramente minima quando y = 0, cioè nei punti (3,0) e ( 3,0), con valore nel minimo 2 e massima per y 2 = 9, cioè nei punti (0,3) e (0, 3), con valore massimo 11 Questo metodo è utile per esempio nell esercizio 4 Secondo metodo (x,y) soddisfa il vincolo se e solo se x = 3cost, y = 3sent per t [0,2π) Dunque sul vincolo la funzione è uguale a g(t) = 2+sen 2 t, chiaramente minima per t = 0,π e massima per t = ±π/2 Ritroviamo per questa via i risultati di prima Si consiglia di usare questo metodo nell esercizio 5 (6) Trova gli estremi di f(x,y) = x sull insieme x+y = 1 Disegnando le curve di livello di f ed gradienti relativi (gradf = (1,0) per ogni (x,y)) si vede subito che non ne esistono Per confermarlo formalmente osserviamo che possiamo applicare la proposizione 108 e che gradh non si annulla mai Supponiamo di volere il massimo di f sull insieme {(x,y) : x+y = 1,x,y 0} Graficamente è di nuovo chiaro che il massimo è raggiunto in (1, 0) Per provarlo: per ogni (x,y) nell insieme dato, f(x,y) = x x+y = 1 = f(1,0) Qui il massimo è raggiunto in un estremo dell insieme vincolante, e non c è proporzionalità fra i gradienti di f e ϕ I vincoli di nonnegatività sono naturali in molti problemi, e si studiano bene quando si fanno gli estremi con vincoli di disuguaglianza 2xy (7) (Ghizzetti) Trova gli estremi di f(x,y) = (x 2 +y 2 ) sulla corona circolare 2 {(x,y) : R 1 x 2 +y 2 R 2 }, 0 < R 1 < R 2 Per problemi di questo tipo, in cui il vincolo è (x,y) A, A un insieme di R 2 chiuso e limitato, si può procedere come segue Gli estremi di f continua su A esistono Quelli interni ad A (se ce n è) devono soddisfare le stesse condizioni degli estremi liberi; gli altri sono sulla frontiera di A Dunque gli estremi di f su A si devono cercare fra i punti interni ad A con gradiente nullo, fra gli estremi di f sulla frontiera di A, e fra i punti in cui la f non è differenziabile Nel nostro caso guardando f in coordinate polari, f = sen2θ/r 2, si vedeche lungo semirette per cui sen2θ 0 laf èmonotona(quindi su tali semirette non ci sono estremi); si prenda poi un punto qualunque su una semiretta in cui sen2θ = 0 (θ = 0,π/2,π,3π/2): la f è zero, e cambia segno sulla circonferenza r = costante che passa per il punto dato, quindi neanche su queste semirette ci sono estremi Conclusione, nell interno del nostro A estremi non ce n è Sulla frontiera (cioè le due circonferenze con r = R 1, r = R 2 ) sempre in coordinate polari si vede subito che il massimo di f è 1/R1 2, il minimo 1/R2 1 Calcolare i punti in corrispondenza dei quali sono raggiunti gli estremi è facile e si lascia allo studente CONVESSITA E CONDIZIONI SUFFICIENTI, E ALTRI ESEMPI Ci sono ipotesi di convessità/concavità delle funzioni nei problemi di massimo o minimo vincolato che rendono sufficienti le condizioni del primo ordine gradh = 0 Per esempio:

5 COMMENTI A CONTI CAP10 5 PROPOSIZIONE Siano f,ϕ di classe C 1 Sia (x 0,y 0,λ 0 ) tale che ϕ(x 0,y 0 ) = 0 e gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 Se la funzione (x,y) H(x,y,λ 0 ) è convessa (risp concava), (x 0,y 0 ) è un minimo (risp massimo) per f su ϕ = 0 Dimostrazione Facciamo il caso del massimo: sia (x, y) un punto sull insieme ϕ = 0 Poichèunafunzioneconcavastasottolatangenteeϕ(x,y) = 0abbiamo(derivate in (x 0,y 0 )) f(x,y) = f(x,y)+λ 0 ϕ(x,y) f(x 0,y 0 )+λ 0 ϕ(x 0,y 0 )+(f x +λ 0 ϕ x )(x x 0 )+(f y +λ 0 ϕ y )(y y 0 ) = f(x 0,y 0 ) Prima di vedere qualche applicazione (economica) di questo risultato confermiamo l intuizione sulla curvatura delle curve di livello delle funzioni concave e convesse, che ci dice che: se f è convessa crescente in x,y, cioè ha f x,f y > 0 (che scriveremo gradf > 0), le curve di livello sono concave ; se f è crescente concava sono convesse (fra virgolette perchè le curve di livello non sono funzioni) Precisamente: PROPOSIZIONE Sia f di classe C 2 con gradf > 0 (x,y), e sia f(x 0,y 0 ) = c Se f è convessa(risp concava), la funzione y = g(x) definita implicitamente dall equazione f(x,y) = c è concava (risp convessa) nel suo dominio Se gradf < 0 le conclusioni sono al contrario Dimostrazione Sia f concava Guardiamo a g (x) nell esercizio 1004 Il numeratore, del tipo α 2 f xx + 2αβf xy + β 2 f yy, è negativo o nullo perchè f xx 0 ed f xx f yy fxy 2 0 (caratterizzazione delle funzioni concave, cap5) Dunque g o è zero o ha il segno di f y Da ciò le tesi seguono subito ESEMPI (1) Il problema del consumatore, massimizzare u(x, y) sul vincolo p 1 x + p 2 y = b Qui ϕ(x,y) = p 1 x + p 2 y b è lineare (quindi sia concava che convessa), dunque: se u è concava, dalla proposizione segue che un punto con gradh = 0 è di massimo Graficamente, il massimo è nel punto di tangenza fra una curva di livello (detta in questo caso di indifferenza ) convessa e la linea (retta) di bilancio come nella figura qui sotto gradu gradϕ (2) Minimizzazione di costi da parte dell impresa C è una funzione di produzione f che associa ad ogni combinazione (x,y) di due fattori produttivi la quantità prodotta f(x,y) Una curva di livello di f descrive diversi modi di produrre una certa quantità E usuale l ipotesi che per ogni x 0 la f(x 0,y) sia concava (se in un ettaro di terra si fanno lavorare quantità crescenti di contadini, la produttività marginale derivata parziale decresce); e lo stesso per f(x,y 0 ) Il che si traduce nell ipotesi di concavità di f Il costo della combinazione (x,y) è c(x,y) = w 1 x+w 2 y, con w 1,w 2 prezzi dei fattori Data una quantità q da produrre,

6 COMMENTI A CONTI CAP10 6 l impresa sceglierà la combinazione di fattori meno costosa per farlo, cioè risolverà il problema: min c(x, y) soggetto a f(x,y) = q Poichè anche gradc > 0, se gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 deve essere λ 0 < 0, dunque c(x,y) + λ 0 f(x,y) è convessa, e dalla proposizione (x 0,y 0 ) è minimo Il minimo lo è nel punto di tangenza fra un isoquanto convesso di f ed una curva (retta) di isocosto La figura è come quella dell esempio precedente, con altri nomi (3) Massimizzazione del profitto La generalizzazione del concetto di funzione di produzione è quella di insieme di possibilità produttive, diciamo T, con cui si descrive non solo quanto produrre di un dato bene, ma anche quale bene produrre Per esempio se (1, 2),( 2,1) T l impresa può scegliere di produrre 1 unità del primo bene usando 2 unità del secondo, o di produrre 1 unità del secondo usando 2 unità del primo La scelta (0,0) è quella di restare chiusi (in genere assunta in T), e la ( 1, 1) rappresenta distruggere 1 unità di ciascun bene E comune supporre che T = {(x,y) : F(x,y) 0} per una F di classe C 2 crescente convessa (convessa per lo stesso motivo dell esempio precedente) Il profitto (netto) di una scelta (x,y) T è π(x,y) = p 1 x+p 2 y, con p 1,p 2 > 0 prezzi Il problema in questo caso è: max π(x, y) soggetto a F(x,y) 0 D altra parte una scelta con F < 0 non può essere ottima (perchè l insieme F < 0 è aperto, ecc), sicchè il problema è di fatto quello di massimizzare p 1 x+p 2 y sul vincolo F = 0 Dato che gradπ, gradf > 0 di nuovo se gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 deve essere λ 0 < 0, dunque in questo caso π(x,y) + λ 0 F(x,y) è concava, e dalla proposizione (x 0,y 0 ) è massimo Graficamente il massimo lo vediamo nel punto di tangenza fra la curva concava F = 0 e una retta di isoprofitto π = costante: gradπ F = 0 gradπ F = 0 Le due figure: l insieme delle scelte possibili è quello a sud ovest della curva F = 0; e le rette π = costante hanno pendenza p 1 /p 2 Nella figura di sinistra il punto di massimo (x 0,y 0 ) è con y 0 > 0, x 0 < 0: poichè p 2 /p 1 è alto, l impresa sceglie di produrre (vendere) il bene y che costa molto usando (comprando) il bene x che costa poco Il contrariosuccede nella figura di destra: p 2 /p 1 è più basso, e l impresa sceglie di comprare y per produrre e vendere x

7 COMMENTI A CONTI CAP10 7 ANCORA SUL PROBLEMA DEL CONSUMATORE Guardiamo la condizione della proposizione 108, gradf + λgrad ϕ = 0, da un altra angolazione E equivalente a f x /ϕ x = f y /ϕ y (= λ); nel nostro caso f = u e ϕ = p 1 x + p 2 y b, sicchè la condizione è equivalente a: in un punto di massimo (x 0,y 0 ) deve essere u x p 1 = u y p 2, relazione che è istruttivo interpretare Se si passa da (x 0,y 0 ) ad (x 0 + h,y 0 ) l incremento lungo il piano tangente ad u in (x 0,y 0 ) è h u x Aumentare x di una unità (h = 1) vuol dire aumentare di p 1 lire la spesa su x; quindi aumentare di una lira la spesa vuol dire aumentare x di h = 1/p 1 ; e l aumento corrispondente 2 a tale h sul il piano tangente ad u è proprio u x /p 1 Analogamente, u y /p 2 è l incremento sul il piano tangente corrispondente ad una lira in più spesa su y La relazione di sopra dice allora: in un punto di massimo, sul piano tangente la variazione di utilità corrispondente ad una variazione unitaria di spesa su x deve essere la stessa prodotta da una uguale variazione della spesa su y Abbreviando, la spesa deve avere la stessa resa su entrambi i beni Ci convince questa affermazione? Si In effetti, supponiamo che così non fosse; supponiamo per esempio u x /p 1 > u y /p 2, che cioè la spesa su x renda più che su y Guardiamo cosa succede sul piano tangente (insegnamento centrale del calcolo infinitesimale) Se u x /p 1 > u y /p 2, trasferendo una lira di spesa da y ad x il consumatore sul piano tangente perde u y /p 2 ma guadagna u x /p 1, cioè di più Quindi dobbiamo sospettare che il punto di partenza non può essere massimo Confermiamoformalmenteche sein(x 0,y 0 ) risultau x /p 1 > u y /p 2, muovendosilungolalinea di bilancio verso sud est aumentando x da x 0 ad x 0 +h, h > 0 e diminuendo y del dovuto, per h piccolo abbastanza riesce u(x 0 +h,y 0 +k) > u(x 0,y 0 ) e quindi effettivamente (x 0,y 0 ) non può essere massimo Perchè (x 0 +h,y 0 +k) rispetti il vincolo deve essere p 1 (x 0 +h) +p 2 (y 0 +k) = b (= p 1 x 0 +p 2 y 0 ) cioè p 1 h+p 2 k = 0 ossia k = (p 1 /p 2 )h; da ciò ρ = h 2 +k 2 = h 1+(p 1 /p 2 ) 2 ; quindi ogni infinitesimo con ρ è infinitesimo con h, in particolare ρω(ρ) = h 1+(p 1 /p 2 ) 2 ω(h) = hω(h) Allora u(x 0 +h,y 0 +k) u(x 0,y 0 ) = h [(u x p1 p 2 u y )+ω(h)]; ma da u x /p 1 > u y /p 2 segueu x p1 p 2 u y > 0,quindiu(x 0 +h,y 0 +k) u(x 0,y 0 ) > 0perhpiccoloabbastanza Nell esercizio 8 si studia questo problema con la cosiddetta(molto usata) funzione Cobb-Douglas, u = x α y 1 α, α (0,1) ESERCIZI 1 Trova gli estremi di f(x,y) = 2x 2 +5xy 3y 2 col vincolo 9x y = 16 2 Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1 sul vincolo x 2 +y 2 = 9 3 Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 +y 2 sull insieme x y = 1 Usa la convessità di H per dimostrare che il punto critico è minimo 4 (Bononcini) Trova gli estremi relativi di f(x,y) = 3x 2 + 4y 2 6x 12 sulla circonferenza x 2 +y 2 = 4 Usa il primo metodo dell esempio (5) di sopra 3 2 se invece si riduce di 1 la spesa su x, la variazione è ux/p 1 3 Risultato: minimo in (2,0), massimo in ( 2,0)

8 COMMENTI A CONTI CAP (Bononcini) Trovagli estremidi f(x,y) = x 2 +5y xy sull ellissex2 +4y 2 4 = 0 Usa il secondo metodo dell esempio (5) di sopra (il metodo dei moltiplicatori di Lagrange è in questo caso molto più laborioso) 4 6 Trovagliestremidif(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1(esempio(5)disopra)sull insieme x 2 + y 2 9 Non dimenticare di cercare anche nell origine, in cui la f non è derivabile 7 Considera la funzione Cobb-Douglas f(x,y) = x α y 1 α, α (0,1) (i) Qual è il suo dominio? E per quali (x,y) la f è di classe C n n? (ii) passando in coordinate polari verifica che su semirette (rsenθ,rcosθ) la f è la retta r(cosθ) α (senθ) 1 α Poni α = 1/2 Poichè la pendenza della retta f = r senθ cosθ è l ordinata su essa in corrispondenza di r = 1, la retta passa per l origine e per (cosθ,senθ, senθ cosθ) Studia senθ cosθ per θ (0,π/2) Per θ (0,π/2) immagina di disegnare tutte queste rette e unirle a formare il grafico di f Cosa pensi ora della concavità/convessità di f? (iii) Verifica se la tua congettura sulla curvatura di f è giusta per ogni α (0,1), usando il segno di f xx,f yy ed H = f xx f yy f 2 xy (iv) Se ti è venuta f concava, con f xx,f yy > 0 ed H = f xx f yy f 2 xy = 0 vai avanti, se no torna indietro Dunque f è concava ma per poco perchè H è sempre zero Questo per poco non ci deve sorprendere, perchè lungo semirette dall origine la f è una retta, concava per poco Nonostante ciò, le curve di livello sembrano strettamente convesse (no?) Conferma questo fatto (qui non c è bisongo di usare le funzioni implicite; risolvi f(x,y) = c esplicitamente in y = g(x) e verifica che g > 0) 8 (i) Risolvi il problema del consumatore, massimizzare u(x,y) sul vincolo p 1 x+ p 2 y = b con u(x,y) = x α y 1 α, con α (0,1) dato (dall esercizio precedente u è concava, sicchè le condizioni di primo ordine sono sufficienti per un massimo) 5 Nota che x 0 cresce con α e b e decresce con p 1 ; analogamante y 0 (ii) Sappiamo che se u è concavalo è anche V(b) = u(x(b),y(b)) Qui u è concava di poco, sospettiamo che V(b) lo sia pure, che cioè sia retta Conferma, verificando che V (b) = λ(b) è costante in b Dunque, con questa u l utilità marginale del reddito è costante (iii) Poni α = 1/2 e verifica che in questo caso V(b) = b/2 p 1 p 2 9 Il problema della minimizzazione della spesa per ottenere una certa utilità da parte del consumatore è l analogo del problema della minimizzazione del costo di produrre una certa quantità da parte dell impresa Scrivi il problema, e fai un ipotesi su u che conduce alla stessa figura che nel caso dell impresa 6 10 Nell esempio dei ricchi e poveri, l esperimento successivo è di lasciar variare sia b che p ed esaminare la funzione V(b,p) = u(x(b,p)) (da R n+1 ad R), dove x(b,p) è soluzione del problema Una f : R n R si dice quasi concava se per ogni coppia di punti v,w R n risulta f(tv +(1 t)w) min{f(v),f(w)} per ogni t (0,1) Dimostra che se u è concava V(b, p) è quasi concava 4 Risultato: La g(t) che risulta ha minimi in t = π/8, 9π/8 e massimi in t = 5π/8, 13π/8 I corrispondenti (x,y) sono ( 2+ 2, 1 2 2), ( 2 2, 1 2 2) e 2 2 ( 2 2, ), ( 2 2, ) 5 Soluzione: x0 = αb/p 1, y 0 = (1 α)b/p 2 6 Risposta: u concava

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1

DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA. Francesco Rania 1 DISPENSA DI OTTIMIZZAZIONE MATEMATICA PER L ECONOMIA A.A. 20/2 Francesco Rania Indice. Introduzione all Ottimizzazione.. Massimi e minimi di una funzione scalare reale 2.2. Definizione del Problema 2.3.

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 3 Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali Scopo di questo capitolo è studiare le principali caratteristiche dei grafici di funzioni di più variabili, con particolare attenzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0 Punti Critici, classificazione e studio: equazione autonoma del prim'ordine: y' = f(y) con f C1 in I. studiamo il PC: y' = f(y) && y(0) = y0. y0 in I quindi PC ha una sola soluzione locale se f(y0) = 0

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

TEORIA DEL CONSUMATORE

TEORIA DEL CONSUMATORE TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata.

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

MAPPE IN DIMENSIONE UNO

MAPPE IN DIMENSIONE UNO ¾ MAPPE IN DIMENSIONE UNO Abbiamo visto come la sezione di Poincaré conduca in modo naturale alla considerazione di mappe definite mediante funzioni reali. In questo capitolo passiamo a discutere la dinamica

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli