COMMENTI A CONTI CAP.10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMENTI A CONTI CAP.10"

Transcript

1 COMMENTI A CONTI CAP10 SMODICA TEOREMA DI DINI Solo per dire che il teorema vale anche se risulta F(x 0,y 0 ) = c con c R qualunque invece di F(x 0,y 0 ) = 0; l insieme F(x,y) = 0 dell enunciato diventa l insieme F(x, y) = c Per vederlo basta applicare il teorema così come è enunciato nel libro alla funzione Φ(x,y) = F(x,y) c (che è tale che Φ(x,y) = 0 se e solo se F(x,y) = c), e osservare che le derivate di F sono uguali a quelle di Φ SIGNIFICATO DI λ Siano f,ϕ di classe C 1 con gradϕ sempre diverso da zero (così possiamo applicare la proposizione 108) Supponiamo che per ogni b R il problema massimizza f(x, y) su ϕ(x,y) = b abbia soluzione unica(x(b), y(b)) con x(b) ed y(b) derivabili(rispetto a b), e poniamo V(b) = f(x(b),y(b)), il valore della funzione nel massimo Poichè per ogni b è ϕ(x(b),y(b)) = b sarà ϕ x (x(b),y(b))x (b)+ϕ y (x(b),y(b))y (b) = 1, perciò V (b) = f x x +f y y = λ(ϕ x x +ϕ y y ) = λ 1 Dunque l opposto di λ misura il tasso di variazione del valore massimo V rispetto a b UN ALTRO ESEMPIO ECONOMICO DI CONVESSITA Per esempio nel problema del consumatore, massimizzare l utilità u(x, y) ricavata dal consumo di due beni con il vincolo di bilancio p 1 x+p 2 y = b, dove p 1 e p 2 sono i prezzi dei due beni e b è il reddito, λ è il tasso di variazione dell utilità conseguita al variare del reddito, che si chiama appunto utilità marginale del reddito Se lo Stato vuole regalare una lira al consumatore che ne trae più vantaggio deve ragalarla a quello con λ più alto E utile avere condizioni sotto le quali una lira in più fa più piacere a un povero che a un ricco, cioè sotto le quali λ decresce con b (problema tipico di microeconomia); poichè λ = V, la decrescenza di λ equivale alla concavità di V Vogliamo dimostrare che V è concava se lo è u Per farlo conviene cambiare nome ai punti di R 2 : invece di (x,y) li indicheremo con x = (x 1,x 2 ) Ponendo p = (p 1,p 2 ) il problema diventa: massimizzare u(x) sul vincolo p x = b Se x(b) è una soluzione del problema, V(b) = u(x(b)) PROPOSIZIONE Se u è concava lo è anche V Dimostrazione Sianodatib 1 eb 2,esianox(b 1 )edx(b 2 )lorosoluzioni Dap x(b 1 ) = b 1 e p x(b 2 ) = b 2 segue p [tx(b 1 ) + (1 t)x(b 2 )] = tb 1 + (1 t)b 2 ; sicchè la Date: Gennaio Come x ed y, λ è in realtà un λ(b) 1

2 COMMENTI A CONTI CAP10 2 scelta in parentesi quadre è fra quelle possibili con tb 1 +(1 t)b 2, il che implica la prima disuguaglianza di qui sotto; continuando con la concavità di u otteniamo la concavità di V: V(tb 1 +(1 t)b 2 ) u(tx(b 1 )+(1 t)x(b 2 )) tu(x(b 1 ))+(1 t)u(x(b 2 )) = tv(b 1 )+(1 t)v(b 2 ) Nota che puoi ignorare In questa proposizione non si richiede unicità (nè a maggior ragione derivabilità) della soluzione; serve solo l esistenza di almeno una soluzione per ogni b Se ve ne sono più d una, se v e w sono soluzioni u(v) = u(w) (perchè dalla definizione di massimo u(v) u(w) e u(w) u(v)), dunque V è ben definita anche in assenza di unicità A differenza del solito non si assume nemmeno che le funzioni date siano di classe C 1 (ϕ = p x b lo è, ma u può non esserlo) Inoltre, il risultato resta vero con dimostrazione identica se x e p sono in R n CONDIZIONI SUFFICIENTI PER ESTREMI VINCOLATI Per individuare i massimi e minimi di f(x,y) sull insieme {(x,y) : ϕ(x,y) = 0} (che chiameremo insieme ϕ = 0 ) le condizioni della proposizione 108 non sono sufficienti, come si può vedere con esempi grafici Per enunciare condizioni sufficienti comode da leggere conviene sapere cosa sono le matrici rettangolari m n, con m righe orizzontali ed n colonne verticali, e i determinanti delle matrici quadrate n n Tre matrici: ( ) a b c d α β γ δ 2 4 ( ) a b c d 2 2 Quelle 1 1( sono) del tipo (a), a R e det(a) = a Il determinante di una matrice a b 2 2 è det = ad bc Sia ora data una matrice n n c d a 11 a 12 a 1n A = a 21 a 22 a 2n a n1 a n2 a nn Eliminando da A la riga i e la colonna j si ottiene una matrice n 1 n 1 che si chiama A ij (A senza i,j) Il determinante di A è così Si prende una qualunque riga o colonna, diciamo la riga i, di elementi a i1,,a in ; ogni elemento lo si moltiplica per ( 1) i+j e per deta ij ; e poi si sommano questi termini Cioè, deta = n j=1 ( 1)i+j a ij deta ij Lo stesso numero si ottiene con un altra riga o colonna (è un teorema) Facendolo per esempio con la prima colonna viene deta = n i=1 ( 1)i+1 a i1 deta i1 Così si riduce il calcolo a determinanti di ordine n 1 Facendolo con la prima colonna nel determinante 3 3 di sopra otteniamo det ) = ( 1) det( +0+( 1) det Condizioni sufficienti per il problema di sopra sono le seguenti ( ) 4 25 = PROPOSIZIONE Siano f,ϕ di classe C 2, e sia (x 0,y 0 ) tale che ϕ(x 0,y 0 ) = 0 e gradϕ(x 0,y 0 ) 0 Se λ 0 è tale che in (x 0,y 0,λ 0 ) riesce gradh = 0 e (con tutte le derivate calcolate in x 0,y 0,λ 0 ) det 0 ϕ x ϕ y ϕ x H xx H xy > 0 (risp < 0), ϕ y H xy H yy

3 COMMENTI A CONTI CAP10 3 allora (x 0,y 0 ) è un massimo (risp minimo) per f su ϕ = 0 Dimostrazione Supponiamo per cambiare che sia ϕ x (x 0,y 0 ) 0, così in un intorno di quel punto l insieme ϕ = 0 definisce implicitamente una funzione h(y) tale che ϕ(x,y) = 0 se e solo se x = h(y) Secondo il teorema di Dini si calcolano h (y) = ϕ y /ϕ x ed h (y) = (ϕ 2 xϕ yy 2ϕ x ϕ y ϕ xy + ϕ 2 yϕ xx )/ϕ 3 x, con derivate parziali calcolate nel punto (h(y),y) E chiaro che (x 0,y 0 ) è un estremo per f su ϕ = 0 se e solo se la funzione G(y) = f(h(y),y) ha un estremo in y 0 ; e condizioni sufficienti per un estremo di G sono che G (y 0 ) = 0 e G (y 0 ) 0 (maggiore implica minimo, minore massimo) Sia gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 Da H x = 0 e H y = 0 segue λ 0 = f x /ϕ x ed f y + λ 0 ϕ y = 0 (da ora in poi derivate parziali in x 0,y 0,λ 0 ), quindi G (y 0 ) = f x h (y 0 ) + f y = f y + ( f x /ϕ x )ϕ y = 0 Inoltre G = (h ) 2 f xx + 2h f xy + h f x + f yy ; qui si inseriscano le espressioni di h,h, e si sostituisca f x con λ 0 ϕ x (ad essa uguale); poi si metta in evidenza 1/ϕ 2 x; il risultato, come si vede facendo con calma i conti, è G (y 0 ) = (1/ϕ 2 x )deta, con A la matrice dell enunciato Quindi se deta > 0, G (y 0 ) < 0 e G ha un massimo; se deta < 0, G ha un minimo ALTRI ESEMPI DI ESTREMI VINCOLATI (1)Trovaregliestremidi f(x,y) = e xy sull insieme3x+2y = 6 Quigradϕ 0 sempre, quindi gli estremi sono soluzioni di gradh = grad(e xy +λ(3x+2y+6)) = 0 Il sistema è ye xy +3λ = 0 xe xy +2λ = 0 3x+2y +6 = 0 Osserviamo che λ = 0 non può essere (perchè implicherebbe x = y = 0 che non soddisferebbe la terza equazione) Dunque dividendo la prima equazione per la seconda otteniamo y = 3 2x; sostituendo questa nella terza viene x = 1 e quindi y = 3 2 ; dalla prima, λ = e3/2 /2 Dunque ( 1, 3/2) è l unico estremo La funzione nel punto vale e 3/2, e in ogni punto sul vincolo con x = 0 o y = 0 la funzione vale 1; quindi indoviniamo che il punto critico non può essere minimo, e deve essere massimo E si può verificare che le condizioni del secondo ordine sufficienti per un massimo sono verificate in ( 1, 3/2) (2)Comesopraperf(x,y) = x 2 xy+y 2 sull insiemex 2 +y 2 4 = 0 Osserviamo che sul vincolo è f = 4 xy Perciò il problema equivale a trovare gli estremi di 4 xy sul vincolo Il gradiente di ϕ è sempre diverso da zero, e possiamo applicare la proposizione 108 H = 4 xy +λ(x 2 +y 2 4) gradh = 0 è y +2λx = 0 x+2λy = 0 x 2 +y 2 4 = 0 Di nuovo λ 0 Dalle prime due ricaviamo x 2 = y 2, che nella terza dà 2x 2 = 4 cioè x = ± 2, e da qui anche y = ± 2 In conclusione ci sono 4 punti (x,y,λ) critici: ( 2, 2, 1/2),( 2, 2,1/2),( 2, 2,1/2),( 2, 2,1/2) Calcolando i valori della funzione in questi punti si vede che il primo e terzo sono minimi, gli altri due massimi (3) Studia f(x,y) = x 2 +2y 2 sulla circonferenza x 2 +y 2 = 1 Su questo insieme f = 1+y 2, quindi senza fare conti vediamo che il minimo è sui punti della circonferenza in cui y = 0, cioè ( 1,0),(1,0); e il massimo è sui punti in cui y 2 è massimo sulla circonferenza, cioè (0, 1),(0, 1)

4 COMMENTI A CONTI CAP10 4 (4) Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 + y 2 sull insieme x 2 + y 2 = 1 Sulla circonferenza x,y 1 quindi è f = 4 (x + y) Disegnando le curve di livello la soluzione si vede subito, comunque: H = 4 (x + y) + λ(x 2 + y 2 1), e gradh = 0 dà facile i punti critici (1/ 2,1/ 2),( 1/ 2, 1/ 2) L hessiano orlato (così si chiama il determinante nella proposizione di p2) vale 4(x + y), quindi (1/ 2,1/ 2) è minimo, l altro massimo (5)Trovaregliestremidif(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1sullacirconferenzax 2 +y 2 = 9 Useremo due procedimenti alternativi al metodo dei moltiplicatori di Lagrange, che possono essere utili Primo metodo Sulla circonferenza è f = 2 + y 2 che è chiaramente minima quando y = 0, cioè nei punti (3,0) e ( 3,0), con valore nel minimo 2 e massima per y 2 = 9, cioè nei punti (0,3) e (0, 3), con valore massimo 11 Questo metodo è utile per esempio nell esercizio 4 Secondo metodo (x,y) soddisfa il vincolo se e solo se x = 3cost, y = 3sent per t [0,2π) Dunque sul vincolo la funzione è uguale a g(t) = 2+sen 2 t, chiaramente minima per t = 0,π e massima per t = ±π/2 Ritroviamo per questa via i risultati di prima Si consiglia di usare questo metodo nell esercizio 5 (6) Trova gli estremi di f(x,y) = x sull insieme x+y = 1 Disegnando le curve di livello di f ed gradienti relativi (gradf = (1,0) per ogni (x,y)) si vede subito che non ne esistono Per confermarlo formalmente osserviamo che possiamo applicare la proposizione 108 e che gradh non si annulla mai Supponiamo di volere il massimo di f sull insieme {(x,y) : x+y = 1,x,y 0} Graficamente è di nuovo chiaro che il massimo è raggiunto in (1, 0) Per provarlo: per ogni (x,y) nell insieme dato, f(x,y) = x x+y = 1 = f(1,0) Qui il massimo è raggiunto in un estremo dell insieme vincolante, e non c è proporzionalità fra i gradienti di f e ϕ I vincoli di nonnegatività sono naturali in molti problemi, e si studiano bene quando si fanno gli estremi con vincoli di disuguaglianza 2xy (7) (Ghizzetti) Trova gli estremi di f(x,y) = (x 2 +y 2 ) sulla corona circolare 2 {(x,y) : R 1 x 2 +y 2 R 2 }, 0 < R 1 < R 2 Per problemi di questo tipo, in cui il vincolo è (x,y) A, A un insieme di R 2 chiuso e limitato, si può procedere come segue Gli estremi di f continua su A esistono Quelli interni ad A (se ce n è) devono soddisfare le stesse condizioni degli estremi liberi; gli altri sono sulla frontiera di A Dunque gli estremi di f su A si devono cercare fra i punti interni ad A con gradiente nullo, fra gli estremi di f sulla frontiera di A, e fra i punti in cui la f non è differenziabile Nel nostro caso guardando f in coordinate polari, f = sen2θ/r 2, si vedeche lungo semirette per cui sen2θ 0 laf èmonotona(quindi su tali semirette non ci sono estremi); si prenda poi un punto qualunque su una semiretta in cui sen2θ = 0 (θ = 0,π/2,π,3π/2): la f è zero, e cambia segno sulla circonferenza r = costante che passa per il punto dato, quindi neanche su queste semirette ci sono estremi Conclusione, nell interno del nostro A estremi non ce n è Sulla frontiera (cioè le due circonferenze con r = R 1, r = R 2 ) sempre in coordinate polari si vede subito che il massimo di f è 1/R1 2, il minimo 1/R2 1 Calcolare i punti in corrispondenza dei quali sono raggiunti gli estremi è facile e si lascia allo studente CONVESSITA E CONDIZIONI SUFFICIENTI, E ALTRI ESEMPI Ci sono ipotesi di convessità/concavità delle funzioni nei problemi di massimo o minimo vincolato che rendono sufficienti le condizioni del primo ordine gradh = 0 Per esempio:

5 COMMENTI A CONTI CAP10 5 PROPOSIZIONE Siano f,ϕ di classe C 1 Sia (x 0,y 0,λ 0 ) tale che ϕ(x 0,y 0 ) = 0 e gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 Se la funzione (x,y) H(x,y,λ 0 ) è convessa (risp concava), (x 0,y 0 ) è un minimo (risp massimo) per f su ϕ = 0 Dimostrazione Facciamo il caso del massimo: sia (x, y) un punto sull insieme ϕ = 0 Poichèunafunzioneconcavastasottolatangenteeϕ(x,y) = 0abbiamo(derivate in (x 0,y 0 )) f(x,y) = f(x,y)+λ 0 ϕ(x,y) f(x 0,y 0 )+λ 0 ϕ(x 0,y 0 )+(f x +λ 0 ϕ x )(x x 0 )+(f y +λ 0 ϕ y )(y y 0 ) = f(x 0,y 0 ) Prima di vedere qualche applicazione (economica) di questo risultato confermiamo l intuizione sulla curvatura delle curve di livello delle funzioni concave e convesse, che ci dice che: se f è convessa crescente in x,y, cioè ha f x,f y > 0 (che scriveremo gradf > 0), le curve di livello sono concave ; se f è crescente concava sono convesse (fra virgolette perchè le curve di livello non sono funzioni) Precisamente: PROPOSIZIONE Sia f di classe C 2 con gradf > 0 (x,y), e sia f(x 0,y 0 ) = c Se f è convessa(risp concava), la funzione y = g(x) definita implicitamente dall equazione f(x,y) = c è concava (risp convessa) nel suo dominio Se gradf < 0 le conclusioni sono al contrario Dimostrazione Sia f concava Guardiamo a g (x) nell esercizio 1004 Il numeratore, del tipo α 2 f xx + 2αβf xy + β 2 f yy, è negativo o nullo perchè f xx 0 ed f xx f yy fxy 2 0 (caratterizzazione delle funzioni concave, cap5) Dunque g o è zero o ha il segno di f y Da ciò le tesi seguono subito ESEMPI (1) Il problema del consumatore, massimizzare u(x, y) sul vincolo p 1 x + p 2 y = b Qui ϕ(x,y) = p 1 x + p 2 y b è lineare (quindi sia concava che convessa), dunque: se u è concava, dalla proposizione segue che un punto con gradh = 0 è di massimo Graficamente, il massimo è nel punto di tangenza fra una curva di livello (detta in questo caso di indifferenza ) convessa e la linea (retta) di bilancio come nella figura qui sotto gradu gradϕ (2) Minimizzazione di costi da parte dell impresa C è una funzione di produzione f che associa ad ogni combinazione (x,y) di due fattori produttivi la quantità prodotta f(x,y) Una curva di livello di f descrive diversi modi di produrre una certa quantità E usuale l ipotesi che per ogni x 0 la f(x 0,y) sia concava (se in un ettaro di terra si fanno lavorare quantità crescenti di contadini, la produttività marginale derivata parziale decresce); e lo stesso per f(x,y 0 ) Il che si traduce nell ipotesi di concavità di f Il costo della combinazione (x,y) è c(x,y) = w 1 x+w 2 y, con w 1,w 2 prezzi dei fattori Data una quantità q da produrre,

6 COMMENTI A CONTI CAP10 6 l impresa sceglierà la combinazione di fattori meno costosa per farlo, cioè risolverà il problema: min c(x, y) soggetto a f(x,y) = q Poichè anche gradc > 0, se gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 deve essere λ 0 < 0, dunque c(x,y) + λ 0 f(x,y) è convessa, e dalla proposizione (x 0,y 0 ) è minimo Il minimo lo è nel punto di tangenza fra un isoquanto convesso di f ed una curva (retta) di isocosto La figura è come quella dell esempio precedente, con altri nomi (3) Massimizzazione del profitto La generalizzazione del concetto di funzione di produzione è quella di insieme di possibilità produttive, diciamo T, con cui si descrive non solo quanto produrre di un dato bene, ma anche quale bene produrre Per esempio se (1, 2),( 2,1) T l impresa può scegliere di produrre 1 unità del primo bene usando 2 unità del secondo, o di produrre 1 unità del secondo usando 2 unità del primo La scelta (0,0) è quella di restare chiusi (in genere assunta in T), e la ( 1, 1) rappresenta distruggere 1 unità di ciascun bene E comune supporre che T = {(x,y) : F(x,y) 0} per una F di classe C 2 crescente convessa (convessa per lo stesso motivo dell esempio precedente) Il profitto (netto) di una scelta (x,y) T è π(x,y) = p 1 x+p 2 y, con p 1,p 2 > 0 prezzi Il problema in questo caso è: max π(x, y) soggetto a F(x,y) 0 D altra parte una scelta con F < 0 non può essere ottima (perchè l insieme F < 0 è aperto, ecc), sicchè il problema è di fatto quello di massimizzare p 1 x+p 2 y sul vincolo F = 0 Dato che gradπ, gradf > 0 di nuovo se gradh(x 0,y 0,λ 0 ) = 0 deve essere λ 0 < 0, dunque in questo caso π(x,y) + λ 0 F(x,y) è concava, e dalla proposizione (x 0,y 0 ) è massimo Graficamente il massimo lo vediamo nel punto di tangenza fra la curva concava F = 0 e una retta di isoprofitto π = costante: gradπ F = 0 gradπ F = 0 Le due figure: l insieme delle scelte possibili è quello a sud ovest della curva F = 0; e le rette π = costante hanno pendenza p 1 /p 2 Nella figura di sinistra il punto di massimo (x 0,y 0 ) è con y 0 > 0, x 0 < 0: poichè p 2 /p 1 è alto, l impresa sceglie di produrre (vendere) il bene y che costa molto usando (comprando) il bene x che costa poco Il contrariosuccede nella figura di destra: p 2 /p 1 è più basso, e l impresa sceglie di comprare y per produrre e vendere x

7 COMMENTI A CONTI CAP10 7 ANCORA SUL PROBLEMA DEL CONSUMATORE Guardiamo la condizione della proposizione 108, gradf + λgrad ϕ = 0, da un altra angolazione E equivalente a f x /ϕ x = f y /ϕ y (= λ); nel nostro caso f = u e ϕ = p 1 x + p 2 y b, sicchè la condizione è equivalente a: in un punto di massimo (x 0,y 0 ) deve essere u x p 1 = u y p 2, relazione che è istruttivo interpretare Se si passa da (x 0,y 0 ) ad (x 0 + h,y 0 ) l incremento lungo il piano tangente ad u in (x 0,y 0 ) è h u x Aumentare x di una unità (h = 1) vuol dire aumentare di p 1 lire la spesa su x; quindi aumentare di una lira la spesa vuol dire aumentare x di h = 1/p 1 ; e l aumento corrispondente 2 a tale h sul il piano tangente ad u è proprio u x /p 1 Analogamente, u y /p 2 è l incremento sul il piano tangente corrispondente ad una lira in più spesa su y La relazione di sopra dice allora: in un punto di massimo, sul piano tangente la variazione di utilità corrispondente ad una variazione unitaria di spesa su x deve essere la stessa prodotta da una uguale variazione della spesa su y Abbreviando, la spesa deve avere la stessa resa su entrambi i beni Ci convince questa affermazione? Si In effetti, supponiamo che così non fosse; supponiamo per esempio u x /p 1 > u y /p 2, che cioè la spesa su x renda più che su y Guardiamo cosa succede sul piano tangente (insegnamento centrale del calcolo infinitesimale) Se u x /p 1 > u y /p 2, trasferendo una lira di spesa da y ad x il consumatore sul piano tangente perde u y /p 2 ma guadagna u x /p 1, cioè di più Quindi dobbiamo sospettare che il punto di partenza non può essere massimo Confermiamoformalmenteche sein(x 0,y 0 ) risultau x /p 1 > u y /p 2, muovendosilungolalinea di bilancio verso sud est aumentando x da x 0 ad x 0 +h, h > 0 e diminuendo y del dovuto, per h piccolo abbastanza riesce u(x 0 +h,y 0 +k) > u(x 0,y 0 ) e quindi effettivamente (x 0,y 0 ) non può essere massimo Perchè (x 0 +h,y 0 +k) rispetti il vincolo deve essere p 1 (x 0 +h) +p 2 (y 0 +k) = b (= p 1 x 0 +p 2 y 0 ) cioè p 1 h+p 2 k = 0 ossia k = (p 1 /p 2 )h; da ciò ρ = h 2 +k 2 = h 1+(p 1 /p 2 ) 2 ; quindi ogni infinitesimo con ρ è infinitesimo con h, in particolare ρω(ρ) = h 1+(p 1 /p 2 ) 2 ω(h) = hω(h) Allora u(x 0 +h,y 0 +k) u(x 0,y 0 ) = h [(u x p1 p 2 u y )+ω(h)]; ma da u x /p 1 > u y /p 2 segueu x p1 p 2 u y > 0,quindiu(x 0 +h,y 0 +k) u(x 0,y 0 ) > 0perhpiccoloabbastanza Nell esercizio 8 si studia questo problema con la cosiddetta(molto usata) funzione Cobb-Douglas, u = x α y 1 α, α (0,1) ESERCIZI 1 Trova gli estremi di f(x,y) = 2x 2 +5xy 3y 2 col vincolo 9x y = 16 2 Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1 sul vincolo x 2 +y 2 = 9 3 Trova gli estremi di f(x,y) = x 2 +y 2 sull insieme x y = 1 Usa la convessità di H per dimostrare che il punto critico è minimo 4 (Bononcini) Trova gli estremi relativi di f(x,y) = 3x 2 + 4y 2 6x 12 sulla circonferenza x 2 +y 2 = 4 Usa il primo metodo dell esempio (5) di sopra 3 2 se invece si riduce di 1 la spesa su x, la variazione è ux/p 1 3 Risultato: minimo in (2,0), massimo in ( 2,0)

8 COMMENTI A CONTI CAP (Bononcini) Trovagli estremidi f(x,y) = x 2 +5y xy sull ellissex2 +4y 2 4 = 0 Usa il secondo metodo dell esempio (5) di sopra (il metodo dei moltiplicatori di Lagrange è in questo caso molto più laborioso) 4 6 Trovagliestremidif(x,y) = x 2 +y 2 +y 2 1(esempio(5)disopra)sull insieme x 2 + y 2 9 Non dimenticare di cercare anche nell origine, in cui la f non è derivabile 7 Considera la funzione Cobb-Douglas f(x,y) = x α y 1 α, α (0,1) (i) Qual è il suo dominio? E per quali (x,y) la f è di classe C n n? (ii) passando in coordinate polari verifica che su semirette (rsenθ,rcosθ) la f è la retta r(cosθ) α (senθ) 1 α Poni α = 1/2 Poichè la pendenza della retta f = r senθ cosθ è l ordinata su essa in corrispondenza di r = 1, la retta passa per l origine e per (cosθ,senθ, senθ cosθ) Studia senθ cosθ per θ (0,π/2) Per θ (0,π/2) immagina di disegnare tutte queste rette e unirle a formare il grafico di f Cosa pensi ora della concavità/convessità di f? (iii) Verifica se la tua congettura sulla curvatura di f è giusta per ogni α (0,1), usando il segno di f xx,f yy ed H = f xx f yy f 2 xy (iv) Se ti è venuta f concava, con f xx,f yy > 0 ed H = f xx f yy f 2 xy = 0 vai avanti, se no torna indietro Dunque f è concava ma per poco perchè H è sempre zero Questo per poco non ci deve sorprendere, perchè lungo semirette dall origine la f è una retta, concava per poco Nonostante ciò, le curve di livello sembrano strettamente convesse (no?) Conferma questo fatto (qui non c è bisongo di usare le funzioni implicite; risolvi f(x,y) = c esplicitamente in y = g(x) e verifica che g > 0) 8 (i) Risolvi il problema del consumatore, massimizzare u(x,y) sul vincolo p 1 x+ p 2 y = b con u(x,y) = x α y 1 α, con α (0,1) dato (dall esercizio precedente u è concava, sicchè le condizioni di primo ordine sono sufficienti per un massimo) 5 Nota che x 0 cresce con α e b e decresce con p 1 ; analogamante y 0 (ii) Sappiamo che se u è concavalo è anche V(b) = u(x(b),y(b)) Qui u è concava di poco, sospettiamo che V(b) lo sia pure, che cioè sia retta Conferma, verificando che V (b) = λ(b) è costante in b Dunque, con questa u l utilità marginale del reddito è costante (iii) Poni α = 1/2 e verifica che in questo caso V(b) = b/2 p 1 p 2 9 Il problema della minimizzazione della spesa per ottenere una certa utilità da parte del consumatore è l analogo del problema della minimizzazione del costo di produrre una certa quantità da parte dell impresa Scrivi il problema, e fai un ipotesi su u che conduce alla stessa figura che nel caso dell impresa 6 10 Nell esempio dei ricchi e poveri, l esperimento successivo è di lasciar variare sia b che p ed esaminare la funzione V(b,p) = u(x(b,p)) (da R n+1 ad R), dove x(b,p) è soluzione del problema Una f : R n R si dice quasi concava se per ogni coppia di punti v,w R n risulta f(tv +(1 t)w) min{f(v),f(w)} per ogni t (0,1) Dimostra che se u è concava V(b, p) è quasi concava 4 Risultato: La g(t) che risulta ha minimi in t = π/8, 9π/8 e massimi in t = 5π/8, 13π/8 I corrispondenti (x,y) sono ( 2+ 2, 1 2 2), ( 2 2, 1 2 2) e 2 2 ( 2 2, ), ( 2 2, ) 5 Soluzione: x0 = αb/p 1, y 0 = (1 α)b/p 2 6 Risposta: u concava

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esercitazione su massimi e minimi vincolati 9 dicembre 005 Esercizio 1. Considerare l insieme C = {(x,y) R : (x + y ) = x } e dire se è una curva

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

2 Argomenti introduttivi e generali

2 Argomenti introduttivi e generali 1 Note Oltre agli esercizi di questa lista si consiglia di svolgere quelli segnalati o assegnati sul registro e genericamente quelli presentati dal libro come esercizio o come esempio sugli argomenti svolti

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: 1 punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi PERCORSO SUI PRINCIPAI CONCETTI ECONOMICI I CONSUMATORI E OFFERTA DEI FATTORI PRODUTTIVI a DECISIONE DI RISPARMIO ovvero OFFERTA DI CAPITAI AE IMPRESE a decisione di risparmiare coinvolge necessariamente

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013 Tempo massimo 2 ore. Consegnare solamente la bella copia. Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 212/213 12 febbraio 213 1. Disegnare il grafico della funzione: [1

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici Ottimo del consumatore a.a. 2008/2009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 13:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore,

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I Esercitazione del 6-- Analisi I Dott.ssa Silvia Saoncella silvia.saoncella 3[at]studenti.univr.it a.a. 00-0 Esercizio. Determinare se la funzione f() è continua nel suo dominio sin se 0 f() = 0 se = 0

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Luigi De Giovanni Giacomo Zambelli 1 Problemi di programmazione lineare Un problema di ottimizzazione vincolata è definito dalla massimizzazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Le funzioni di due variabili

Le funzioni di due variabili Le funzioni di due variabili 1)DEFINIZIONE Se consideriamo una coppia di numeri reali X,Y e ad essi facciamo corrispondere un altro numero reale Z, allora abbiamo determinato una funzione reale di due

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità.

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità. 1 ANELLI Definizione 1.1. Sia A un insieme su cui sono definite due operazioni +,. (A, +, ) si dice Anello se (A, +) è un gruppo abeliano è associativa valgono le leggi distributive, cioè se a, b, c A

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi alle spiegazioni del

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)

DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) 1) Scrivete la funzione di profitto di un'impresa e definite i termini che la

Dettagli

Lezione 9: Cambio di base

Lezione 9: Cambio di base Lezione 9: Cambio di base In questa lezione vogliamo affrontare uno degli argomenti piu ostici per lo studente e cioè il cambio di base all interno di uno spazio vettoriale, inoltre cercheremo di capire

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Rette e curve, piani e superfici

Rette e curve, piani e superfici Rette e curve piani e superfici ) dicembre 2 Scopo di questo articolo è solo quello di proporre uno schema riepilogativo che metta in luce le caratteristiche essenziali delle equazioni di rette e curve

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli