COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO"

Transcript

1 COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e dati ad alta velocità. È costituito da un insieme di apparecchiature radio trasmittenti e riceventi e di tratte hertziane, generalmente in visibilità ottica, interposte, mediante stazioni ripetitrici, tra le stazioni terminali, e costituenti le campate del ponte. I primi ponti radio furono installati in Italia alla fine degli anni 60 per applicazioni di teleselezione telefonica: prima le comunicazioni telefoniche avvenivano attraverso la centrale telefonica, dove interveniva manualmente un operatore che collegava i due circuiti interessati alla comunicazione. Il rapido sviluppo dei collegamenti in ponte radio si deve anche al fatto che l Italia usciva dalla II guerra mondiale che aveva causato la distruzione di quei pochi collegamenti via cavo che erano presenti: solo grazie all installazione dei ponti radio fu possibile creare una dorsale per le telecomunicazioni in breve tempo! La figura seguente mostra uno schema di un tipico collegamento in ponte radio: la tratta radio ha una lunghezza che varia da qualche Km a Km; i ripetitori intermedi hanno il compito di ricevere il segnale, convertirlo in frequenza, amplificarlo e quindi inviarlo al ricevitore; osserviamo che la frequenza di trasmissione in ponte radio è diversa da quella in ricezione per evitare fenomeni di interferenza: infatti il segnale in ricezione risulta molto attenuato e se quello in trasmissione fosse inviato alla stessa frequenza, essendo ad un livello molto elevato potrebbe offuscare il segnale ricevuto (potrebbero aversi i cosiddetti rientri d antenna, o autooscillazione). Le bande di frequenza che vengono comunemente utilizzate nei ponti radio sono dell ordine dei GHz: siamo nel campo delle microonde! La tabella seguente evidenzia le varie bande di frequenza utilizzate e i servizi corrispondenti: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 175

2 Classificazione delle bande di frequenza a microonde --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 176

3 Come abbiamo già detto prima, il collegamento in ponte radio può essere ad una tratta se la distanza tra stazione trasmittente e ricevente è inferiore a 50 Km, oppure a più tratte se le distanze sono superiori a 50 Km. Le figure che seguono raffigurano queste due situazioni. Abbiamo già detto che la stazione ripetitrice converte la frequenza della portante; il CCIR (che poi diventerà l ITU- R) definì il piano di canalizzazione dei ponti radio analogici. Schematizziamo brevemente il contenuto di tale intervento del CCIR. Consideriamo la generica banda di frequenza B (p.e. con banda 4 GHz si intende l intervallo di frequenze che va da 3600 a 4200 MHz) e suddividiamola in due sottobande a, b. In ognuna di queste sottobande si definiscono delle portanti f 1a, f 2a f 1b,f 2b ognuna delle quali dista di una banda L c dall altra; definiamo inoltre una banda di guardia L g che separa la prima frequenza portante della sottobanda b dall ultima frequenza portante della sottobanda a. Di seguito riportiamo alcuni valori di canalizzazione per ponti radio telefonici analogici: Osserviamo che la propagazione può avvenire non soltanto utilizzando una sola frequenza portante tra trasmettitore e ricevitore ma utilizzandone più di una, tenendo conto che la banda passante della antenna è molto elevata: si possono utilizzare, quindi, più trasmettitori che trasmettono a frequenza portante diversa, in analogia alle fibre ottiche dove diversi fasci luminosi corrispondenti a diverse lunghezze d onda vengono inviati in fibra consentendo un maggiore trasferimento di informazione. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 177

4 Poiché per ogni collegamento devo utilizzare due frequenze diverse (per evitare interferenze) queste si alterneranno di tratta in tratta: cioè se trasmetto un segnale a frequenza f 1a, il ricevitore al momento di inoltrare il segnale alla tratta successiva trasmetterà a frequenza f 1b, quindi nuovamente si trasmetterà a frequenza f 1a e poi ancora f 1b e così via. Ma, per quanto detto prima, si ha la possibilità di trasmettere altre frequenze portanti f 2a -f 2b, f 3a -f 3b Definiamo ognuna di tali coppie f 1a -f 1b, f 2a -f 2b, f 3a -f 3b Fascio Hertziano o fascio bidirezionale. Per esempio nella banda a 2 GHz si hanno 6 Fasci Hertziani: ognuno di tali fasci ha capacità di canali telefonici. Il discorso è analogo nelle altre bande. Schema di un ponte radio multifascio Vediamo in questo schema come è possibile trasmettere tre fasci hertziani f 1, f 2, f 3 ; osserviamo che ci sono tre circuiti, ossia tre sistemi di multiplazione, ognuno con portante diversa, capaci sia di multiplare che di demultiplare i segnali: tali circuiti sono presenti in ogni antenna sia come trasmettitori che come ricevitori. I vari flussi multiplati f 1, f 2, f 3 vengono mandati ad un filtro a microonde, detto filtro di Branching, che permette di selezionare queste tre portanti e trasmetterle attraverso l antenna in polarizzazione orizzontale. Ovviamente in ricezione il discorso è analogo: l antenna ricevente converte le frequenze f 1a, f 2a, f 3a in f 1b, f 2b, f 3b e le invia ad un filtro a microonde che le separa e le invia nei circuiti demultiplatori. Ripartizione delle frequenze di trasmissione Per una determinata zona geografica le frequenze dei canali radio vengono scelte in modo che le frequenze di trasmissione si trovino tutte nella semibanda superiore o in quella inferiore, come riassunto nel seguente schema: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 178

5 Lo scopo di tale ripartizione è, come già detto, quello di evitare le interferenze: analizziamo quindi quali sono le possibili interferenze che possono aversi nei collegamenti in ponte radio. Tipi di interferenze RF Supponiamo di trovarci nella situazione in figura (a) : si può verificare che, in determinate condizioni atmosferiche, la frequenza f 1 venga ricevuta, anche se molto attenuata, dal ripetitore D che dovrebbe ricevere solo la frequenza f 2, causando fenomeni di interferenza. (a) Per questo motivo tre ripetitori non vengono mai posti sulla stessa retta, ma su una linea immaginaria spezzata. Un altra situazione che può generare interferenze è quella raffigurata in figura (b): dato un ripetitore che trasmette a frequenza f 2 in due direzioni opposte, può verificarsi che, in presenza di oggetti esterni, un segnale venga riflesso nella direzione opposta causando in ricezione interferenze. Bisogna quindi posizionare il ponte radio in modo strategico. (b) Schema a blocchi di un trasmettitore di un ponte radio telefonico analogico I segnali di ingresso sono costituiti dai numerosi canali telefonici che devono essere trasmessi tutti dallo stesso ponte radio. La prima operazione è quindi quella della multiplazione secondo la tecnica --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 179

6 FDM, che comporta una traslazione in frequenza dei vari canali a mezzo di modulatori bilanciati, per ottenere la cosiddetta banda base, che deve essere modulata per essere poi trasmessa. La banda base così ottenuta viene poi sottoposta alla operazione di preenfasi: infatti nel caso di modulazione FM, la densità spettrale di potenza del rumore termico ha un andamento di tipo parabolico, cioè la d.s.p. aumenta all aumentare della frequenza! Ciò significa che nella modulazione di diversi canali telefonici, quelli a frequenza più alta sono caratterizzati da un SNR più basso. Poiché vogliamo garantire un SNR uguale per tutti i canali telefonici multiplati, utilizzeremo un circuito di preenfasi che ha lo scopo, esaltando i livelli dei segnali a frequenza più alta nella fase di trasmissione, di mantenere costante il rapporto segnale/rumore. Si ha quindi un modulatore FM con una portante a 70 MHz (frequenza intermedia): quindi il segnale multiplato FDM modula una portante a 70 MHz tale che in uscita avremo un segnale modulato FM che viene inviato ad un amplificatore a frequenza intermedia: la domanda che ci si deve porre adesso è perché si passa attraverso una modulazione a frequenza intermedia e non si va direttamente ad una modulazione a radiofrequenza? La risposta è che gli amplificatori a frequenza intermedia presentano delle caratteristiche migliori di quelli a radiofrequenza, permettendo una migliore amplificazione del segnale modulato FM a frequenza intermedia di 70 MHz. Segue una conversione dalla frequenza intermedia alla radiofrequenza che viene inviata ad un amplificatore a radiofrequenza che immette il segnale nell antenna parabolica trasmittente. Schema a blocchi di un ricevitore di un ponte radio telefonico analogico In esso si evidenziano l antenna parabolica ricevente, il filtro di banda, in grado di selezionare esclusivamente il segnale utile eliminando il rumore e quindi favorendo un aumento del SNR. Selezionato il canale radio opportuno, si procede all operazione di abbassamento di frequenza attraverso un mixer che collegato ad un oscillatore locale permette una traslazione in basso portando la frequenza a livello della frequenza intermedia standard di 70 MHz. Il segnale viene inviato ad un amplificatore a frequenza intermedia che è comandato da un sistema automatico di controllo del guadagno. Si ha quindi il blocco della demodulazione FM preceduto dall operazione di deenfasi che consente di restituire le debite proporzioni a tutte le righe spettrali corrispondenti alla parte alta dello spettro della banda base, che in fase di trasmissione, erano state amplificate. Si ha quindi il segnale in banda base multiplato FDM che viene inviato ad un demultiplatore che da in uscita i vari canali telefonici demultiplati. Stazioni ripetitrici Le stazioni ripetitrici semplici hanno il compito di ricevere il segnale, convertirlo a F.I. e amplificarlo a F.I., convertirlo ad una radiofrequenza diversa da quella di ricezione, amplificarlo e quindi ritrasmetterlo, come schematizzato nel seguente schema a blocchi. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 180

7 Nel caso in cui, invece, vogliamo estrarre o inserire dei canali (telefonici, televisivi ) dobbiamo effettuare oltre alla conversione a frequenza intermedia anche la demodulazione per portare il segnale in banda base. Quindi bisogna selezionare tramite un filtro i canali di interesse e inviarli ad un MPX in ricezione, ossia un demultiplex, che da in uscita i canali desiderati. Discorso analogo per inserire dei canali nel nostro collegamento. Il seguente schema a blocchi sintetizza quanto detto per un generico ripetitore di un ponte radio. Come si può osservare, la parte ricevente è del tutto analoga alla prima sezione del ponte radio ricevente, mentre la seconda parte è analoga alla parte finale del ponte radio trasmittente. È da osservare però che la frequenza intermedia è sempre quella standard, cioè 70 MHz e che la portante in trasmissione è sempre diversa da quella in ricezione per il solito motivo di evitare l autooscillazione. Esistono poi nel campo dei ponti radio anche i ripetitori passivi, detti anche specchi elettromagnetici, che hanno la funzione di riflettere il fascio verso il ricevitore quando deve superare un ostacolo. Questi sono costituiti da superfici metalliche realizzate in alluminio delle dimensioni che si aggirano intorno a 100 m 2. E chiaro che a differenza dei ripetitori attivi che amplificano il segnale, quelli passivi introducono una piccola attenuazione. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 181

8 PONTI RADIO NUMERICI Con l evoluzione tecnologica anche i ponti radio sono passati da analogici a numerici. I ponti radio numerici sono quelli in cui la banda base è costituita da segnali digitali organizzati in una trama del tipo PCM. Oggi si tende sempre più a preferire la trasmissione di dati sotto forma numerica per i numerosi vantaggi che questo tipo di modulazione ha rispetto a quella analogica e che si schematizzano di seguito. Minore sensibilità alle interferenze, il che consente di riutilizzare i canali radio sfruttando la polarizzazione ortogonale; Minor costo degli apparati numerici rispetto a quelli analogici; Qualità di trasmissione elevata tramite i ripetitori rigenerativi; Conseguente possibilità di sfruttare gamme di frequenza più elevate (>11GHz) con qualità accettabile; ciò comporta dei vantaggi per i guadagni delle antenne: infatti il guadagno delle antenne paraboliche aumenta all aumentare della frequenza; Possibilità di affasciare segnali informativi di natura diversa (telefonia, dati, video, ecc,), mentre un ponte radio analogico televisivo non poteva trasmettere segnali telefonici, ad esempio; - Possibilità di una efficace protezione delle informazioni da trasmettere mediante codici crittografici. Esistono naturalmente degli svantaggi nelle trasmissioni di tipo numerico e riguardano la maggiore larghezza di banda necessaria per trasmettere uno stesso numero di canali telefonici o televisivi ed anche nella maggiore complicazione circuitale richiesta dal più vasto numero di operazioni da effettuare. Nel complesso comunque, i sistemi numerici risultano molto più convenienti di quelli analogici, per questo motivo quasi tutti i nuovi ponti radio sono di tipo numerico. Lo schema a blocchi è analogo a quello analogico, con la differenza che qui abbiamo un multiplatore PCM. Generalmente i segnali numerici PCM su cavo hanno una codifica di linea di tipo AMI o HDB3 ma nei ponti radio si preferisce una codifica NRZ (Non Ritorno a Zero): per questo motivo si ha la presenza di un convertitore. La modulazione A.S.K. è usata solo nei ponti di piccola capacità, mentre la P.S.K. m-aria ed ancor più la Q.A.M. è usata in tutti gli altri casi. Supponiamo che i dati da trasmettere via ponte radio siano di tipo telefonico, allora la centrale telefonica invia i suoi dati, ad esempio via cavo coassiale o via fibra ottica, già organizzati in tecnica P.C.M., cioè già multiplati. Ogni canale del P.C.M. di solito è modulato in codice A.M.I. oppure l H.D.B.3. Questo tipo di modulazione è adatto per superare i problemi dei traslatori differenziali delle centrali telefoniche e della tele-alimentazione dei rigeneratori, ma non è il più adatto per la trasmissione via etere, per cui viene convertito, di norma, in codice N.R.Z., lo stesso che viene usato all interno delle apparecchiature di centrale. Il segnale viene quindi inviato ad un modulatore PSK, ad esempio, quindi amplificato e inviato all antenna trasmittente. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 182

9 Discorsi analoghi valgono per il blocco in ricezione di seguito schematizzato. Anche qui, per quanto riguarda la canalizzazione delle varie portanti c è una normativa emessa dagli organismi internazionali. Per esempio la canalizzazione per ponte radio numerico nella banda GHz consiste nel dividere la banda principale in due sottobande. I flussi 1-1 costituiscono un fascio hertziano e così via gli altri. I ponti radio numerici possono trasmettere sia flussi plesiocroni che flussi sincroni. Principali caratteristiche dei ponti radio numerici con flussi plesiocroni --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 183

10 Principali caratteristiche dei ponti radio numerici con flussi sincroni PROGETTO DI UN COLLEGAMENTO IN PONTE RADIO Il progetto di un collegamento in ponte radio si svolge secondo i seguenti passi principali: 1. Determinazioni delle prestazioni richieste. 2. Selezione dei siti e individuazione del profilo del collegamento per determinare l altezza delle antenne. 3. Analisi del collegamento (linkbudget). 4. Rilevamento dei siti e del collegamento. 5. Test del sistema installato. Dimensionamento dei ponti radio analogici La qualità di un collegamento analogico si valuta in base al rapporto segnale-rumore in ricezione. Nel caso di segnali FDM/FM (cioè segnali multiplati a divisione di frequenza e modulati in FM), il rapporto segnale-rumore dopo demodulazione FM è: (1) se f x = B. (2) se f x >> B --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 184

11 Passando ai db e indicando con L R = 10 log S R dove S R è la potenza in ricezione, poiché la differenza tra potenza in trasmissione e attenuazione di tratta è proprio L R cioè: L R = L T -A T e la potenza di rumore vale L N = 10 log (KT 0 B) si ha che le (1) e (2) diventano: se f x =B se f x >> B RACCOMANDAZIONI DEL CCIR PER LE POTENZE DI RUMORE AMMISSIBILI IN UN CIRCUITO IPOTETICO DI RIFERIMENTO Valori ammissibili per sistemi telefonici FDM per un circuito di riferimento lungo 2500 km: La potenza di rumore misurata psofometricamente in un punto a livello relativo zero non deve superare, in qualsiasi ora di un mese e nell 80% dei minuti di un mese il valore medio di 7500 pw! Pertanto in un collegamento avente lunghezza L > 250 km la potenza di rumore misurata psofometricamente in un punto a livello relativo zero non deve superare, in qualsiasi ora di un mese e nell 80% dei minuti di un mese il valore medio di 3L pw. Inoltre la potenza di pw può L essere superata in non più di 0,1% 2500 del tempo di un mese! Dato il tipo di trasmettitore (dato L T ) e per un dato rapporto di deviazione, si verifica che la somma del rapporto segnale-rumore e dell attenuazione del collegamento è una costante S, detta cifra di sistema o figura di merito. S è un dato fornito dal costruttore, dipende dal tipo di sistema e varia tra 140 e 160 db. Procedura per il dimensionamento: 1. Dal valore di S e dal richiesto S/N si trova At: 2. Conoscendo D e λ si calcola A iso (attenuazione di spazio libero); 3. Conoscendo le attenuazioni delle connessioni di antenna(che dipendono dalla lunghezza dei cavi d antenna e quindi dall altezza delle antenne e che dipendono dal tipo di cavo d antenna utilizzato) e determinando facilmente il margine di fading, si può calcolare il guadagno G che devono avere le antenne trasmettente e ricevente (supposte uguali). La tabella seguente fornisce le attenuazioni in db per 100 m di cavo coassiale al variare della frequenza (Z = 60 Ω): --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 185

12 Se invece di un cavo coassiale volessi utilizzare delle guide d onda, tenendo conto che si possono avere guide d onda di tipo flessibile o guide d onda rigide, allora tornano utile le seguenti tabelle: Calcolati i guadagni delle antenne necessari per soddisfare le specifiche, posso andare a cercare l antenna sul mercato che soddisfa le mie esigenze; la tabella seguente sintetizza le principali caratteristiche delle antenne più utilizzate per i ponti radio: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 186

13 Consideriamo per esempio un riflettore parabolico del diametro di 3 m a 4 GHz. Il guadagno di un antenna a riflettore parabolico risulta: Dove: D = diametro dell antenna; r = efficienza dell apertura; λ=lunghezza d onda ; Ponendo r = 0,55, il guadagno in db è: Con D in metri ed f in GHz! Diagramma dei livelli di un collegamento in ponte radio Nel progetto di un collegamento in ponte radio, torna molto utile rappresentare la situazione del collegamento tramite un Diagramma dei Livelli. Consideriamo per esempio il diagramma in figura: si riferisce ad un collegamento in ponte radio tra due antenne paraboliche poste a distanza di 20 miglia. Si parte da un segnale che è al livello di 0 dbw cioè 1Watt, che viene inviato tramite un cavo di antenna (attenuazione di 2,5 db) ad un antenna trasmittente con guadagno di 30 db. Avremo così un EIRP (potenza isotropica irradiata equivalente) di 27.5 dbw, cioè è come se fosse la potenza irradiata da un antenna isotropica; in realtà tale potenza è irradiata nella direzione di massima direttività dell antenna. Tra le due antenne abbiamo quindi uno spazio vuoto che causa una certa attenuazione di tratta: in questo esempio si ha un attenuazione di tratta di 140 db. Pertanto in ingresso all antenna ricevente avremo un livello di segnale pari a dbw. Poiché l antenna presenta un guadagno di 30 db e poiché si avrà una perdita di 2.5 db dovuta all attenuazione del cavo d antenna, il livello di segnale in ingresso al ricevitore sarà -85 dbw. Dimensionamento dei ponti radio numerici Gli obiettivi prestazionali dei ponti radio numerici in una rete ISDN (CCIR Rec ) con una --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 187

14 TA del 99,9% di un mese (cioè il collegamento è disponibile per il 99,9 % del tempo in un mese) sono i seguenti: 1) BER > 10-3 L per non più di 0,054% 2500 di ogni mese (tempo di integrazione 1 secondo); 2) BER > 10-6 L per non più di 0,4% 2500 di ogni mese (tempo di integrazione 1 minuto). Guadagno di sistema Definiamo Guadagno di Sistema la differenza, in db, tra la potenza di uscita del trasmettitore P T (in dbm) ed il minimo livello L mr del segnale richiesto in ricezione (in dbm) per ottenere un prefissato BER: G S =P T -L mr. L mr è detto anche soglia o sensibilità del ricevitore e dipende dal livello di rumore al ricevitore e dal S/N richiesto per ottenere il prefissato BER. Pertanto vale: Il guadagno di sistema è un utile fattore di merito per il confronto delle apparecchiature radio digitali. E desiderabile un alto valore di G S. Ovviamente G S deve essere maggiore dell attenuazione di tratta, cioè deve valere: dove: A 0 = attenuazione di spazio libero tra le antenne A l = attenuazione della linea di antenna G = guadagno dell antenna A s = attenuazione supplementare M F = margine di fading Rapporto Energia per bit/densità di rumore E b /N 0 è uno dei più importanti parametri di valutazione di un sistema radio numerico. Permette di confrontare sistemi digitali aventi differenti larghezze di banda, schemi di modulazione o tecniche di codifica. Si ha: Che in db si può scrivere: Calcoliamo, seguendo lo schema seguente, quanto vale questo rapporto E b. N SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 188

15 In base al rapporto E N b 0 posso andare a determinare il BER del collegamento: Per concludere in sede di progetto i parametri di partenza che abbiamo sono: 1) Potenza del trasmettitore (1-10 W); 2) Figura di rumore del ricevitore (F=8-12 db); 3) Bit-rate rb; 4) Tipo di modulazione (M-PSK, M-QAM); valori comunemente utilizzati sono QAM. Prima cosa da fare per il calcolo di una tratta radio è che: 1) Il primo ellissoide di Fresnel sia libero da ostacoli; 2) Se lavoriamo a frequenze superiori a 10 GHz dobbiamo considerare anche l attenuazione per pioggia e per assorbimento atmosferico, che, invece, a frequenze inferiori a 10 GHz sono trascurabili; Passi della procedura: 1) Scelta della frequenza f (dal piano di ripartizione delle frequenze); 2) Determinazione della lunghezza della tratta D ( e posizione delle antenne); --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 189

16 3) Calcolo dell attenuazione dei cavi d antenna (A l1, A l2 ); 4) Calcolo dell attenuazione di spazio libero tra le antenne A 0 ; 5) Potenza in uscita del trasmettitore P T (circa 40 dbm); 6) Livello di soglia del ricevitore L mr (circa 60 dbm); 7) Guadagno di sistema G S =P T -L mr (circa 100 db); 8) Margine di Fading 9) Guadagno delle antenne richiesto ; 10) Determinazione del diametro delle antenne. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 190

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 - classe V- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Ponti radio terrestri e satellitari ---- alunna De Filippis Fortunata Felicia prof. Ing.

Dettagli

PONTI RADIO E SISTEMI SATELLITARI

PONTI RADIO E SISTEMI SATELLITARI Capitolo IX del Testo Ettore Panella Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido PONTI RADIO E SISTEMI SATELLITARI 1. Introduzione Per Ponte Radio PR si intende un sistema che consente

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Materia: Telecomunicazioni. prof. Ing. Zumpano Luigi I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ----Impianti trasmittenti radiotelevisivi ---- Aunni: Filippelli Maria Fortunata Lautieri Mariacaterina prof. Ing. Zumpano

Dettagli

Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33

Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33 Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33 RIC. SATELLITARE Introduzione a TV via satellite 3 Satelliti per telecomunicazioni 2 Posizione satelliti-puntamento 6 Frequenze utilizzate e LNB Scelta della

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

Sistemi di Radio-ricezione

Sistemi di Radio-ricezione Sistemi di Radio-ricezione Segnale RF B f 0 f B f 0 1 Formulazione analitica: cos sin cos s t V t t V t t V t t t RF I 0 Q 0 M 0 Inviluppo complesso (banda base): sbb t VI t jvq tvm texp jt Schema generale

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2 Esercizio 1 Il Ranger Smith del parco di Yellowstone ha deciso di rafforzare il sistema di sorveglianza a causa dei continui furti di cestini di picnic dei visitatori del parco da parte dell orso Yoghi

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente:

I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: I RICEVITORI IN FM Lo schema di principio di un semplice ricevitore è il seguente: Questo sistema elementare si chiama ricevitore radio ad amplificazione accordata (TRF) o ad amplificazione diretta ed

Dettagli

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001 Edizione italiana BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia R Prese e satellite UNI EN ISO 9001 G 2597 Prese e satellite L evoluzione della tecnologia e delle tecniche installative Con l avvento

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

Simulazione n. 2 della seconda prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 2 della seconda prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 2 della seconda prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Lo sviluppo delle applicazioni Internet ha posto il problema della velocità nella

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1

Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Traccia n 1 Simulazione N. 3 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Il candidato scelga e sviluppi una tra le seguenti tracce. Traccia n 1 Dopo aver rivoluzionato

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI Caratteristiche e parametri di misura Ricevitori tradizionali Dopo l invenzione del triodo amplificatore, nacquero i primi Rx ad amplificazione diretta. Figura

Dettagli

LE TRASMISSIONI VIA ETERE

LE TRASMISSIONI VIA ETERE LE TRASMISSIONI VIA ETERE B.Bortelli Indice 0.1 Trasmissione via etere......................... 2 0.1.1 Le onde elettromagnetiche................... 2 0.1.2 Le onde radio.......................... 5 0.1.3

Dettagli

La linea di comunicazione ottica

La linea di comunicazione ottica ARCHITETTURA DEL SISTEMA Abbiamo considerato i componenti principali di un sistema di trasmissione a fibra ottica, cioè la fibra, il trasmettitore, il ricevitore, e l amplificatore. Si discute ora brevemente

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Antenne. Generatore HF

Antenne. Generatore HF Antenne I V I Generatore HF 1 V I I Generatore HF Dipolo λ/2 Massima impedenza minima impedenza TX 2 trasmettitore linea a n t e n n a d i p o l o λ Lunghezza dipolo = 0,98 ------------- 2 Si dimostra

Dettagli

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio)

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Progetto ARISS ITIS ˆE.fermi Lucca Andrea Ghilardi 2011 The fascinating world of Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Onde Elettromagnetiche Un elettrone immobile genera, a causa della sua carica,

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 INDICE TELECOMUNICAZIONI I: I MEZZI DI COMUNICAZIONE INTRODUZIONE..... pag.2 IL SEGNALE.. pag.2 Il segnale sonoro. pag.2 Il segnale immagine... pag.3 Il segnale dato. pag.3 IL CANALE DI COMUNICAZIONE....

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE  VILLAGGIO DEI RAGAZZI  (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO Anno scolastico 2005/2006 Materia di insegnamento: TELECOMUNICAZIONI Ore settimanali: 3 Classe: 4^ Sezione: A Docente

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

IW2CEC INTRODUZIONE ATV

IW2CEC INTRODUZIONE ATV Chi ha letto il capitolo dedicato alle microonde si sarà reso conto che ho evidenziato i vantaggi delle alte frequenze vantaggi dovuti essenzialmente al ruolo che le antenne ricoprono in un sistema di

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni

Apparati di radiodiffusione AM ed FM. Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni Apparati di radiodiffusione AM ed FM Tratto dal testo di Cecconelli Tomassini Le Telecomunicazioni 1 Trasmettitori a modulazione di ampiezza Un trasmettitore per radiodiffusione ha il compito di convertire

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV Sommario Prefazione all edizione italiana Prefazione Basi teoriche Applicazioni pratiche Simboli Funzioni definite Notazione degli operatori Acronimi XV XVII XVII XVIII XXI XXIV XXIV XXV Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Didattica delle Telecomunicazioni: i Mezzi Trasmissivi ESERCIZI DI VERIFICA

Didattica delle Telecomunicazioni: i Mezzi Trasmissivi ESERCIZI DI VERIFICA Didattica delle Telecomunicazioni: i Mezzi Trasmissivi ESERCIZI DI VERIFICA 1. Materiali dielettrici e conduttori 1.1. Sulla base del diverso comportamento rispetto ai fenomeni elettrici, i corpi vengono

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE?

POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? A.R.I. Sezione di Parma Conversazioni del 1 Venerdì del Mese POLARIZZAZIONE ORIZZONTALE O VERTICALE? Venerdi, 7 dicembre, ore 21:15 - Carlo, I4VIL Oscillatore e risuonatore di Hertz ( http://www.sparkmuseum.com

Dettagli

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia

Sorgenti e ricevitori. Impiego delle fibre ottiche in telefonia Argomenti relativi alle fibre ottiche. Fibre ottiche: Costituzione delle fibre Propagazione di energia ottica Sorgenti e ricevitori Impiego delle fibre ottiche in telefonia Frequenza normalizata Apertura

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

MEZZI DI TRASMISSIONE DATI

MEZZI DI TRASMISSIONE DATI MEZZI DI TRASMISSIONE DATI Per scambiare dati tra due unita' (computer o altri apparecchi) occorre un collegamento. La caratteristica principale di un mezzo di trasmissione telematico e' la velocita' di

Dettagli

[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm

[ dbm] = 0 dbm  0,2 #100 db =  20 dbm Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 00 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata. Supponiamo poi di avere una

Dettagli

Antenne Wireless: dalla teoria alla pratica passando per le patatine

Antenne Wireless: dalla teoria alla pratica passando per le patatine Antenne Wireless: dalla teoria alla pratica passando per le patatine Alessandro Pasta AKA Pastus pasta.a@virgilio.it A cosa servono le antenne? Un antenna è un trasduttore di segnale. Il suo compito è

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

PONTE RADIO STL-N0411

PONTE RADIO STL-N0411 Il sistema in ponte radio digitale a microonde IRTE STL-N0411 è stato concepito per trasportare dei flussi numerici di Banda Base (BB) provenienti da sorgenti diverse. - La configurazione standard di base

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 7: Propagazione Radio Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Trasmissione radio dell informazione Ci occuperemo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Telecomunicazioni COORDINATORE B. Favaro Sono presenti i proff. Favaro, Maisto I docenti appartenenti al gruppo disciplinare,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO. Radio FM INDICE

Gruppo. Bertelli Nicolò Miotto Filippo. Classe. 5^A Elettronica. Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO. Radio FM INDICE Gruppo Bertelli Nicolò Miotto Filippo Classe 5^A Elettronica Anno Scolastico 2013-2014 PROGETTO Radio FM INDICE Descrizione generale schema a blocchi...pag.2 Ricevitore Cenni teorici...pag.3 Ricevitore

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 19: modulazioni m-qam

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 19: modulazioni m-qam 01CXGBN Trasmissione numerica parte 19: modulazioni m-qam 1 Modulazioni m-qam: caratteristiche 1. Modulazioni in quadratura modulazioni in anda-passante 2. Costellazione i-dimensionale: m segnali disposti

Dettagli

Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI

Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI Corso di Comunicazioni Mobili Comunicazioni Mobili: CONCETTI FONDAMENTALI Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] A. Bernardini, Sistemi di Telecomunicazione - Lezioni, Capitolo 1, Edizioni

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Telecomunicazioni Radio

Telecomunicazioni Radio Corso base per operatori di Protezione Civile Telecomunicazioni Radio alcuni elementi di teoria delle trasmissioni radio Ughi Gilberto Il corso è rivolto agli operatori di Protezione Civile che intendono:

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione TEORIA DEI SEGNALI Introduzione L obiettivo principale di un servizio di telecomunicazione è il trasferimento dell'informazione emessa da una sorgente agli utenti cui è destinata, nell'ambito di una particolare

Dettagli

MISURE SULLE ANTENNE di Giovanni G. Turco, ik0ziz

MISURE SULLE ANTENNE di Giovanni G. Turco, ik0ziz MISURE SULLE ANTENNE di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le misure sulle antenne si possono eseguire in vari modi, anche su modelli di esse, realizzate in scala quando sono in realtà di dimensioni molto grandi.

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Introduzione Indispensabili per l esistenza delle reti, sono spesso sottovalutati mezzi fisici o guidati (conducted

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI Vantaggi delle tecniche di comunicazione digitali Schema a blocchi generale sintetico di un sistema di TLC digitale La codifica di sorgente

Dettagli

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche.

Inoltre, sempre grazie alla linea bilanciata, il cavo UTP ha una maggiore resistenza alle scariche atmosferiche. GUIDA ALL UTILIZZO DEI VIDEO BALUN INTRODUZIONE Il Video balun è un sistema composto da dispositivi, normalmente dotati di trasformatore di linea, che connettono una linea bilanciata (a due fili) ad una

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

LE ANTENNE INTRODUZIONE

LE ANTENNE INTRODUZIONE LE ANTENNE INTRODUZIONE Le antenne sono dispositivi impiegati nella trasmissione e nella ricezione di onde elettromagnetiche. La forma di un antenna è molto variabile e dipende dal tipo di impiego: radiotelegrafia,

Dettagli

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive La rivoluzione digitale nella Televisione I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive Da un passato con poche e ben definite soluzioni ad un mondo variegato per il futuro. Vannucchi, Politecnico

Dettagli

Struttura Analizzatore di Reti

Struttura Analizzatore di Reti ANALZZATOE D ET truttura Analizzatore di eti test generazione DUT incidente riflesso trasmesso rivelazione visualizzazione e controllo ezione di Generazione Oscillatori spazzolati Oscillatori sintetizzati

Dettagli

Le Antenne Verticali

Le Antenne Verticali Le Antenne Verticali principi e funzionamento illustrati da Gioacchino IW9DQW Generalità. S intende per antenna un organo atto ad irradiare nello spazio energia elettromagnetica, quando venga percorso

Dettagli

BEACON. D- Che polarizzazione si deve usare? R- Polarizzazione Orizzontale, normalmente Omnidirezionale e, per determinati casi, Direzionale

BEACON. D- Che polarizzazione si deve usare? R- Polarizzazione Orizzontale, normalmente Omnidirezionale e, per determinati casi, Direzionale Come, dove e quando BEACON Sono trascorsi due lustri da quando mi sono preso l onere di fare il Coordinatore Beacon V-U-SHF e devo affermare che la gestione non sarebbe difficile, se tutti i responsabili

Dettagli

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna*

Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* Approfondire INTERFERENZE LTE Stima dell interferenza generata al centralino d antenna* L articolo che segue è una versione di sintesi del più approfondito contenuto pubblicato nel numero di agosto 2013

Dettagli