COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO"

Transcript

1 COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e dati ad alta velocità. È costituito da un insieme di apparecchiature radio trasmittenti e riceventi e di tratte hertziane, generalmente in visibilità ottica, interposte, mediante stazioni ripetitrici, tra le stazioni terminali, e costituenti le campate del ponte. I primi ponti radio furono installati in Italia alla fine degli anni 60 per applicazioni di teleselezione telefonica: prima le comunicazioni telefoniche avvenivano attraverso la centrale telefonica, dove interveniva manualmente un operatore che collegava i due circuiti interessati alla comunicazione. Il rapido sviluppo dei collegamenti in ponte radio si deve anche al fatto che l Italia usciva dalla II guerra mondiale che aveva causato la distruzione di quei pochi collegamenti via cavo che erano presenti: solo grazie all installazione dei ponti radio fu possibile creare una dorsale per le telecomunicazioni in breve tempo! La figura seguente mostra uno schema di un tipico collegamento in ponte radio: la tratta radio ha una lunghezza che varia da qualche Km a Km; i ripetitori intermedi hanno il compito di ricevere il segnale, convertirlo in frequenza, amplificarlo e quindi inviarlo al ricevitore; osserviamo che la frequenza di trasmissione in ponte radio è diversa da quella in ricezione per evitare fenomeni di interferenza: infatti il segnale in ricezione risulta molto attenuato e se quello in trasmissione fosse inviato alla stessa frequenza, essendo ad un livello molto elevato potrebbe offuscare il segnale ricevuto (potrebbero aversi i cosiddetti rientri d antenna, o autooscillazione). Le bande di frequenza che vengono comunemente utilizzate nei ponti radio sono dell ordine dei GHz: siamo nel campo delle microonde! La tabella seguente evidenzia le varie bande di frequenza utilizzate e i servizi corrispondenti: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 175

2 Classificazione delle bande di frequenza a microonde --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 176

3 Come abbiamo già detto prima, il collegamento in ponte radio può essere ad una tratta se la distanza tra stazione trasmittente e ricevente è inferiore a 50 Km, oppure a più tratte se le distanze sono superiori a 50 Km. Le figure che seguono raffigurano queste due situazioni. Abbiamo già detto che la stazione ripetitrice converte la frequenza della portante; il CCIR (che poi diventerà l ITU- R) definì il piano di canalizzazione dei ponti radio analogici. Schematizziamo brevemente il contenuto di tale intervento del CCIR. Consideriamo la generica banda di frequenza B (p.e. con banda 4 GHz si intende l intervallo di frequenze che va da 3600 a 4200 MHz) e suddividiamola in due sottobande a, b. In ognuna di queste sottobande si definiscono delle portanti f 1a, f 2a f 1b,f 2b ognuna delle quali dista di una banda L c dall altra; definiamo inoltre una banda di guardia L g che separa la prima frequenza portante della sottobanda b dall ultima frequenza portante della sottobanda a. Di seguito riportiamo alcuni valori di canalizzazione per ponti radio telefonici analogici: Osserviamo che la propagazione può avvenire non soltanto utilizzando una sola frequenza portante tra trasmettitore e ricevitore ma utilizzandone più di una, tenendo conto che la banda passante della antenna è molto elevata: si possono utilizzare, quindi, più trasmettitori che trasmettono a frequenza portante diversa, in analogia alle fibre ottiche dove diversi fasci luminosi corrispondenti a diverse lunghezze d onda vengono inviati in fibra consentendo un maggiore trasferimento di informazione. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 177

4 Poiché per ogni collegamento devo utilizzare due frequenze diverse (per evitare interferenze) queste si alterneranno di tratta in tratta: cioè se trasmetto un segnale a frequenza f 1a, il ricevitore al momento di inoltrare il segnale alla tratta successiva trasmetterà a frequenza f 1b, quindi nuovamente si trasmetterà a frequenza f 1a e poi ancora f 1b e così via. Ma, per quanto detto prima, si ha la possibilità di trasmettere altre frequenze portanti f 2a -f 2b, f 3a -f 3b Definiamo ognuna di tali coppie f 1a -f 1b, f 2a -f 2b, f 3a -f 3b Fascio Hertziano o fascio bidirezionale. Per esempio nella banda a 2 GHz si hanno 6 Fasci Hertziani: ognuno di tali fasci ha capacità di canali telefonici. Il discorso è analogo nelle altre bande. Schema di un ponte radio multifascio Vediamo in questo schema come è possibile trasmettere tre fasci hertziani f 1, f 2, f 3 ; osserviamo che ci sono tre circuiti, ossia tre sistemi di multiplazione, ognuno con portante diversa, capaci sia di multiplare che di demultiplare i segnali: tali circuiti sono presenti in ogni antenna sia come trasmettitori che come ricevitori. I vari flussi multiplati f 1, f 2, f 3 vengono mandati ad un filtro a microonde, detto filtro di Branching, che permette di selezionare queste tre portanti e trasmetterle attraverso l antenna in polarizzazione orizzontale. Ovviamente in ricezione il discorso è analogo: l antenna ricevente converte le frequenze f 1a, f 2a, f 3a in f 1b, f 2b, f 3b e le invia ad un filtro a microonde che le separa e le invia nei circuiti demultiplatori. Ripartizione delle frequenze di trasmissione Per una determinata zona geografica le frequenze dei canali radio vengono scelte in modo che le frequenze di trasmissione si trovino tutte nella semibanda superiore o in quella inferiore, come riassunto nel seguente schema: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 178

5 Lo scopo di tale ripartizione è, come già detto, quello di evitare le interferenze: analizziamo quindi quali sono le possibili interferenze che possono aversi nei collegamenti in ponte radio. Tipi di interferenze RF Supponiamo di trovarci nella situazione in figura (a) : si può verificare che, in determinate condizioni atmosferiche, la frequenza f 1 venga ricevuta, anche se molto attenuata, dal ripetitore D che dovrebbe ricevere solo la frequenza f 2, causando fenomeni di interferenza. (a) Per questo motivo tre ripetitori non vengono mai posti sulla stessa retta, ma su una linea immaginaria spezzata. Un altra situazione che può generare interferenze è quella raffigurata in figura (b): dato un ripetitore che trasmette a frequenza f 2 in due direzioni opposte, può verificarsi che, in presenza di oggetti esterni, un segnale venga riflesso nella direzione opposta causando in ricezione interferenze. Bisogna quindi posizionare il ponte radio in modo strategico. (b) Schema a blocchi di un trasmettitore di un ponte radio telefonico analogico I segnali di ingresso sono costituiti dai numerosi canali telefonici che devono essere trasmessi tutti dallo stesso ponte radio. La prima operazione è quindi quella della multiplazione secondo la tecnica --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 179

6 FDM, che comporta una traslazione in frequenza dei vari canali a mezzo di modulatori bilanciati, per ottenere la cosiddetta banda base, che deve essere modulata per essere poi trasmessa. La banda base così ottenuta viene poi sottoposta alla operazione di preenfasi: infatti nel caso di modulazione FM, la densità spettrale di potenza del rumore termico ha un andamento di tipo parabolico, cioè la d.s.p. aumenta all aumentare della frequenza! Ciò significa che nella modulazione di diversi canali telefonici, quelli a frequenza più alta sono caratterizzati da un SNR più basso. Poiché vogliamo garantire un SNR uguale per tutti i canali telefonici multiplati, utilizzeremo un circuito di preenfasi che ha lo scopo, esaltando i livelli dei segnali a frequenza più alta nella fase di trasmissione, di mantenere costante il rapporto segnale/rumore. Si ha quindi un modulatore FM con una portante a 70 MHz (frequenza intermedia): quindi il segnale multiplato FDM modula una portante a 70 MHz tale che in uscita avremo un segnale modulato FM che viene inviato ad un amplificatore a frequenza intermedia: la domanda che ci si deve porre adesso è perché si passa attraverso una modulazione a frequenza intermedia e non si va direttamente ad una modulazione a radiofrequenza? La risposta è che gli amplificatori a frequenza intermedia presentano delle caratteristiche migliori di quelli a radiofrequenza, permettendo una migliore amplificazione del segnale modulato FM a frequenza intermedia di 70 MHz. Segue una conversione dalla frequenza intermedia alla radiofrequenza che viene inviata ad un amplificatore a radiofrequenza che immette il segnale nell antenna parabolica trasmittente. Schema a blocchi di un ricevitore di un ponte radio telefonico analogico In esso si evidenziano l antenna parabolica ricevente, il filtro di banda, in grado di selezionare esclusivamente il segnale utile eliminando il rumore e quindi favorendo un aumento del SNR. Selezionato il canale radio opportuno, si procede all operazione di abbassamento di frequenza attraverso un mixer che collegato ad un oscillatore locale permette una traslazione in basso portando la frequenza a livello della frequenza intermedia standard di 70 MHz. Il segnale viene inviato ad un amplificatore a frequenza intermedia che è comandato da un sistema automatico di controllo del guadagno. Si ha quindi il blocco della demodulazione FM preceduto dall operazione di deenfasi che consente di restituire le debite proporzioni a tutte le righe spettrali corrispondenti alla parte alta dello spettro della banda base, che in fase di trasmissione, erano state amplificate. Si ha quindi il segnale in banda base multiplato FDM che viene inviato ad un demultiplatore che da in uscita i vari canali telefonici demultiplati. Stazioni ripetitrici Le stazioni ripetitrici semplici hanno il compito di ricevere il segnale, convertirlo a F.I. e amplificarlo a F.I., convertirlo ad una radiofrequenza diversa da quella di ricezione, amplificarlo e quindi ritrasmetterlo, come schematizzato nel seguente schema a blocchi. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 180

7 Nel caso in cui, invece, vogliamo estrarre o inserire dei canali (telefonici, televisivi ) dobbiamo effettuare oltre alla conversione a frequenza intermedia anche la demodulazione per portare il segnale in banda base. Quindi bisogna selezionare tramite un filtro i canali di interesse e inviarli ad un MPX in ricezione, ossia un demultiplex, che da in uscita i canali desiderati. Discorso analogo per inserire dei canali nel nostro collegamento. Il seguente schema a blocchi sintetizza quanto detto per un generico ripetitore di un ponte radio. Come si può osservare, la parte ricevente è del tutto analoga alla prima sezione del ponte radio ricevente, mentre la seconda parte è analoga alla parte finale del ponte radio trasmittente. È da osservare però che la frequenza intermedia è sempre quella standard, cioè 70 MHz e che la portante in trasmissione è sempre diversa da quella in ricezione per il solito motivo di evitare l autooscillazione. Esistono poi nel campo dei ponti radio anche i ripetitori passivi, detti anche specchi elettromagnetici, che hanno la funzione di riflettere il fascio verso il ricevitore quando deve superare un ostacolo. Questi sono costituiti da superfici metalliche realizzate in alluminio delle dimensioni che si aggirano intorno a 100 m 2. E chiaro che a differenza dei ripetitori attivi che amplificano il segnale, quelli passivi introducono una piccola attenuazione. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 181

8 PONTI RADIO NUMERICI Con l evoluzione tecnologica anche i ponti radio sono passati da analogici a numerici. I ponti radio numerici sono quelli in cui la banda base è costituita da segnali digitali organizzati in una trama del tipo PCM. Oggi si tende sempre più a preferire la trasmissione di dati sotto forma numerica per i numerosi vantaggi che questo tipo di modulazione ha rispetto a quella analogica e che si schematizzano di seguito. Minore sensibilità alle interferenze, il che consente di riutilizzare i canali radio sfruttando la polarizzazione ortogonale; Minor costo degli apparati numerici rispetto a quelli analogici; Qualità di trasmissione elevata tramite i ripetitori rigenerativi; Conseguente possibilità di sfruttare gamme di frequenza più elevate (>11GHz) con qualità accettabile; ciò comporta dei vantaggi per i guadagni delle antenne: infatti il guadagno delle antenne paraboliche aumenta all aumentare della frequenza; Possibilità di affasciare segnali informativi di natura diversa (telefonia, dati, video, ecc,), mentre un ponte radio analogico televisivo non poteva trasmettere segnali telefonici, ad esempio; - Possibilità di una efficace protezione delle informazioni da trasmettere mediante codici crittografici. Esistono naturalmente degli svantaggi nelle trasmissioni di tipo numerico e riguardano la maggiore larghezza di banda necessaria per trasmettere uno stesso numero di canali telefonici o televisivi ed anche nella maggiore complicazione circuitale richiesta dal più vasto numero di operazioni da effettuare. Nel complesso comunque, i sistemi numerici risultano molto più convenienti di quelli analogici, per questo motivo quasi tutti i nuovi ponti radio sono di tipo numerico. Lo schema a blocchi è analogo a quello analogico, con la differenza che qui abbiamo un multiplatore PCM. Generalmente i segnali numerici PCM su cavo hanno una codifica di linea di tipo AMI o HDB3 ma nei ponti radio si preferisce una codifica NRZ (Non Ritorno a Zero): per questo motivo si ha la presenza di un convertitore. La modulazione A.S.K. è usata solo nei ponti di piccola capacità, mentre la P.S.K. m-aria ed ancor più la Q.A.M. è usata in tutti gli altri casi. Supponiamo che i dati da trasmettere via ponte radio siano di tipo telefonico, allora la centrale telefonica invia i suoi dati, ad esempio via cavo coassiale o via fibra ottica, già organizzati in tecnica P.C.M., cioè già multiplati. Ogni canale del P.C.M. di solito è modulato in codice A.M.I. oppure l H.D.B.3. Questo tipo di modulazione è adatto per superare i problemi dei traslatori differenziali delle centrali telefoniche e della tele-alimentazione dei rigeneratori, ma non è il più adatto per la trasmissione via etere, per cui viene convertito, di norma, in codice N.R.Z., lo stesso che viene usato all interno delle apparecchiature di centrale. Il segnale viene quindi inviato ad un modulatore PSK, ad esempio, quindi amplificato e inviato all antenna trasmittente. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 182

9 Discorsi analoghi valgono per il blocco in ricezione di seguito schematizzato. Anche qui, per quanto riguarda la canalizzazione delle varie portanti c è una normativa emessa dagli organismi internazionali. Per esempio la canalizzazione per ponte radio numerico nella banda GHz consiste nel dividere la banda principale in due sottobande. I flussi 1-1 costituiscono un fascio hertziano e così via gli altri. I ponti radio numerici possono trasmettere sia flussi plesiocroni che flussi sincroni. Principali caratteristiche dei ponti radio numerici con flussi plesiocroni --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 183

10 Principali caratteristiche dei ponti radio numerici con flussi sincroni PROGETTO DI UN COLLEGAMENTO IN PONTE RADIO Il progetto di un collegamento in ponte radio si svolge secondo i seguenti passi principali: 1. Determinazioni delle prestazioni richieste. 2. Selezione dei siti e individuazione del profilo del collegamento per determinare l altezza delle antenne. 3. Analisi del collegamento (linkbudget). 4. Rilevamento dei siti e del collegamento. 5. Test del sistema installato. Dimensionamento dei ponti radio analogici La qualità di un collegamento analogico si valuta in base al rapporto segnale-rumore in ricezione. Nel caso di segnali FDM/FM (cioè segnali multiplati a divisione di frequenza e modulati in FM), il rapporto segnale-rumore dopo demodulazione FM è: (1) se f x = B. (2) se f x >> B --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 184

11 Passando ai db e indicando con L R = 10 log S R dove S R è la potenza in ricezione, poiché la differenza tra potenza in trasmissione e attenuazione di tratta è proprio L R cioè: L R = L T -A T e la potenza di rumore vale L N = 10 log (KT 0 B) si ha che le (1) e (2) diventano: se f x =B se f x >> B RACCOMANDAZIONI DEL CCIR PER LE POTENZE DI RUMORE AMMISSIBILI IN UN CIRCUITO IPOTETICO DI RIFERIMENTO Valori ammissibili per sistemi telefonici FDM per un circuito di riferimento lungo 2500 km: La potenza di rumore misurata psofometricamente in un punto a livello relativo zero non deve superare, in qualsiasi ora di un mese e nell 80% dei minuti di un mese il valore medio di 7500 pw! Pertanto in un collegamento avente lunghezza L > 250 km la potenza di rumore misurata psofometricamente in un punto a livello relativo zero non deve superare, in qualsiasi ora di un mese e nell 80% dei minuti di un mese il valore medio di 3L pw. Inoltre la potenza di pw può L essere superata in non più di 0,1% 2500 del tempo di un mese! Dato il tipo di trasmettitore (dato L T ) e per un dato rapporto di deviazione, si verifica che la somma del rapporto segnale-rumore e dell attenuazione del collegamento è una costante S, detta cifra di sistema o figura di merito. S è un dato fornito dal costruttore, dipende dal tipo di sistema e varia tra 140 e 160 db. Procedura per il dimensionamento: 1. Dal valore di S e dal richiesto S/N si trova At: 2. Conoscendo D e λ si calcola A iso (attenuazione di spazio libero); 3. Conoscendo le attenuazioni delle connessioni di antenna(che dipendono dalla lunghezza dei cavi d antenna e quindi dall altezza delle antenne e che dipendono dal tipo di cavo d antenna utilizzato) e determinando facilmente il margine di fading, si può calcolare il guadagno G che devono avere le antenne trasmettente e ricevente (supposte uguali). La tabella seguente fornisce le attenuazioni in db per 100 m di cavo coassiale al variare della frequenza (Z = 60 Ω): --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 185

12 Se invece di un cavo coassiale volessi utilizzare delle guide d onda, tenendo conto che si possono avere guide d onda di tipo flessibile o guide d onda rigide, allora tornano utile le seguenti tabelle: Calcolati i guadagni delle antenne necessari per soddisfare le specifiche, posso andare a cercare l antenna sul mercato che soddisfa le mie esigenze; la tabella seguente sintetizza le principali caratteristiche delle antenne più utilizzate per i ponti radio: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 186

13 Consideriamo per esempio un riflettore parabolico del diametro di 3 m a 4 GHz. Il guadagno di un antenna a riflettore parabolico risulta: Dove: D = diametro dell antenna; r = efficienza dell apertura; λ=lunghezza d onda ; Ponendo r = 0,55, il guadagno in db è: Con D in metri ed f in GHz! Diagramma dei livelli di un collegamento in ponte radio Nel progetto di un collegamento in ponte radio, torna molto utile rappresentare la situazione del collegamento tramite un Diagramma dei Livelli. Consideriamo per esempio il diagramma in figura: si riferisce ad un collegamento in ponte radio tra due antenne paraboliche poste a distanza di 20 miglia. Si parte da un segnale che è al livello di 0 dbw cioè 1Watt, che viene inviato tramite un cavo di antenna (attenuazione di 2,5 db) ad un antenna trasmittente con guadagno di 30 db. Avremo così un EIRP (potenza isotropica irradiata equivalente) di 27.5 dbw, cioè è come se fosse la potenza irradiata da un antenna isotropica; in realtà tale potenza è irradiata nella direzione di massima direttività dell antenna. Tra le due antenne abbiamo quindi uno spazio vuoto che causa una certa attenuazione di tratta: in questo esempio si ha un attenuazione di tratta di 140 db. Pertanto in ingresso all antenna ricevente avremo un livello di segnale pari a dbw. Poiché l antenna presenta un guadagno di 30 db e poiché si avrà una perdita di 2.5 db dovuta all attenuazione del cavo d antenna, il livello di segnale in ingresso al ricevitore sarà -85 dbw. Dimensionamento dei ponti radio numerici Gli obiettivi prestazionali dei ponti radio numerici in una rete ISDN (CCIR Rec ) con una --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 187

14 TA del 99,9% di un mese (cioè il collegamento è disponibile per il 99,9 % del tempo in un mese) sono i seguenti: 1) BER > 10-3 L per non più di 0,054% 2500 di ogni mese (tempo di integrazione 1 secondo); 2) BER > 10-6 L per non più di 0,4% 2500 di ogni mese (tempo di integrazione 1 minuto). Guadagno di sistema Definiamo Guadagno di Sistema la differenza, in db, tra la potenza di uscita del trasmettitore P T (in dbm) ed il minimo livello L mr del segnale richiesto in ricezione (in dbm) per ottenere un prefissato BER: G S =P T -L mr. L mr è detto anche soglia o sensibilità del ricevitore e dipende dal livello di rumore al ricevitore e dal S/N richiesto per ottenere il prefissato BER. Pertanto vale: Il guadagno di sistema è un utile fattore di merito per il confronto delle apparecchiature radio digitali. E desiderabile un alto valore di G S. Ovviamente G S deve essere maggiore dell attenuazione di tratta, cioè deve valere: dove: A 0 = attenuazione di spazio libero tra le antenne A l = attenuazione della linea di antenna G = guadagno dell antenna A s = attenuazione supplementare M F = margine di fading Rapporto Energia per bit/densità di rumore E b /N 0 è uno dei più importanti parametri di valutazione di un sistema radio numerico. Permette di confrontare sistemi digitali aventi differenti larghezze di banda, schemi di modulazione o tecniche di codifica. Si ha: Che in db si può scrivere: Calcoliamo, seguendo lo schema seguente, quanto vale questo rapporto E b. N SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 188

15 In base al rapporto E N b 0 posso andare a determinare il BER del collegamento: Per concludere in sede di progetto i parametri di partenza che abbiamo sono: 1) Potenza del trasmettitore (1-10 W); 2) Figura di rumore del ricevitore (F=8-12 db); 3) Bit-rate rb; 4) Tipo di modulazione (M-PSK, M-QAM); valori comunemente utilizzati sono QAM. Prima cosa da fare per il calcolo di una tratta radio è che: 1) Il primo ellissoide di Fresnel sia libero da ostacoli; 2) Se lavoriamo a frequenze superiori a 10 GHz dobbiamo considerare anche l attenuazione per pioggia e per assorbimento atmosferico, che, invece, a frequenze inferiori a 10 GHz sono trascurabili; Passi della procedura: 1) Scelta della frequenza f (dal piano di ripartizione delle frequenze); 2) Determinazione della lunghezza della tratta D ( e posizione delle antenne); --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 189

16 3) Calcolo dell attenuazione dei cavi d antenna (A l1, A l2 ); 4) Calcolo dell attenuazione di spazio libero tra le antenne A 0 ; 5) Potenza in uscita del trasmettitore P T (circa 40 dbm); 6) Livello di soglia del ricevitore L mr (circa 60 dbm); 7) Guadagno di sistema G S =P T -L mr (circa 100 db); 8) Margine di Fading 9) Guadagno delle antenne richiesto ; 10) Determinazione del diametro delle antenne. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- IL PONTE RADIO 190

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775

MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 MODIFICHE APPARATI COMMERCIALI SPERIMENTAZIONE ROOFING FILTER SU IC775 Giancarlo Moda, I7SWX & Nicola Milillo, IZ7ANL Carissimi amici, non so se l esempio d ingresso e in linea con la storiella che intendo

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo 5 Impianti televisivi quadro riassuntivo EMITTENTE OBIETTIVI PROPOST E STATO TELENORBA TELEPUGLIA TELEDUE Trasferimento in sito fuori del centro abitato Rimozione antenne radianti non attiv e con conseguente

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

TRANSITORI BJT visto dal basso

TRANSITORI BJT visto dal basso TRANSITORI BJT visto dal basso Il transistore BJT viene indicato con il simbolo in alto a sinistra, mentre nella figura a destra abbiamo riportato la vista dal basso e laterale di un dispositivo reale.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi hanno collaborato: per l'iscti Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta per l'iss Paolo Vecchia per l'ispra Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi Grafica di copertina e disegni: Franco Iozzoli

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

ALLEGATO A (articolo 10) Al Sindaco/Alla Sindaca del comune territorialmente competente DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

ALLEGATO A (articolo 10) Al Sindaco/Alla Sindaca del comune territorialmente competente DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLEGATO A (articolo 10) Al Sindaco/Alla Sindaca del comune territorialmente competente p.c. Provincia Autonoma di Bolzano Agenzia provinciale per l ambiente Unità di coordinamento KIS Via Amba Alagi,

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA

SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA SWL ACTIVE HULA-HOOP & SQUARE LOOP RX ANTENNA Giancarlo Moda I7SWX + SWL I1-10089 i7swx@yahoo.com A.R.I. Sezione Cassano delle Murge IQ7MU Tra i radioamatori, oltre ai pigia bottoni, ai superoperatori,

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri.

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri. Propagazione sui 20 metri Dopo la serie di articoli precedentemente pubblicati, inizia qui una nuova collana dedicata allo studio della propagazione sulle gamme amatoriali più alte delle onde corte, questa

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Propagazione sui 10 metri

Propagazione sui 10 metri Propagazione sui 10 metri Caratteristiche generali Sono possibili collegamenti a brevi distanza sfruttando una moderata curvatura delle onde dovuta alla troposfera, che permette collegamenti oltre la portata

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli