RASSEGNA WEB DEL 9 ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA WEB DEL 9 ottobre 2013"

Transcript

1 RASSEGNA WEB DEL 9 ottobre 2013 POLITICA E ISTITUZIONI... 3 DEF. COMMISSIONE AFFARI SOCIALI: PARTICOLARMENTE APPREZZATA L ATTENZIONE SU GIOCO PATOLOGICO... 3 DECRETO IMU: COMMISSIONE NON APPROVA NESSUN EMENDAMENTO SU SANATORIA SLOT... 3 IMU, SOTTOSEGRETARIO BARETTA: "TERMINE ADESIONE 15 OTTOBRE NON È DA RIVEDERE"... 3 PENE NON CARCERARIE, ALL ESAME DELLA COMMISSIONE IN SENATO TRE EMENDAMENTI SUL GIOCO... 4 IL DEPUTATO BORDO (SEL) ILLUSTRA AI SINDACI LE NOVITÀ PER LA LOTTA ALLE LUDOPATIE E ALLA DIFFUSIONE DELLE SALE DA GIOCO... 4 NEWSLOT E VLT... 4 BLACK SLOT: AL VIA LA CONFISCA DEGLI APPARECCHI... 4 NEWSLOT E VLT: INTRALOT GAMING MACHINE CONQUISTA QUOTE DI MERCATO. PER MOLTI GESTORI È GIÀ UN PUNTO DI RIFERIMENTO AFFIDABILE E CONSOLIDATO... 5 ADM: NIENTE SLOT NEI BAR SENZA BILIARDINI... 5 FAENZA. CONFESERCENTI PERPLESSA SU PREMI AI LOCALI CHE INTRAPRENDONO LA DESLOTTIZZAZIONE... 6 GENOVA, COMUNE VALUTA ORARI MENO RIGIDI PER BINGO E AGENZIE SCOMMESSE, MA NESSUN ALLENTAMENTO SULLE SLOT... 6 REGOLAMENTO GENOVA, ESERCENTI CONTRO MODIFICA ORARI D'APERTURA: "DISCRIMINATORIA E SCORRETTA"... 6 PUCCI (AS.TRO): A GENOVA LA DISFATTA DEL GIOCO LECITO E DELLA SICUREZZA... 7 GENOVA, DOPO REGOLAMENTO ANTI-SLOT ARRIVA LA GIORNATA DI MOBILITAZIONE CONTRO IL GIOCO... 8 SCOMMESSE, POKER E ONLINE... 9 LA PROPOSTA DI LEGGE DEL PD PUÒ FERMARE IL POKER LIVE PER 5 ANNI... 9 CORTE COSTITUZIONALE SU QUESTIONE DEI MINIMI GARANTITI: SENTENZA NEL GIRO DI POCHE SETTIMANE OPINIONI E COMMENTI LORUSSO (SINDACO BOLLATE): SU ORARI SALE GIOCHI, ENNESIMO CONTROSENSO DEL CONSIGLIO DI STATO VISTO CHE POI SONO I SINDACI A DOVER INTERVENIRE CONTRO IL GAP CRONACA EMILIA ROMAGNA. UNA BANCA NO SLOT CHE INIBISCE I PAGAMENTI DELLE CARTE DI CREDITO IN SALE GIOCHI E SITI ONLINE ENADA 2013: LA FILIERA DEL GIOCO AI PADIGLIONI DELLA FIERA DI ROMA MONDO CRESCITA A DUE CIFRE PER IL MERCATO DEL GAMING A LIVELLO MONDIALE ENTRO IL CORTE COSTITUZIONALE UNGHERESE RESPINGE RICORSO CONTRO LEGGE CHE METTE AL BANDO LE SLOT NORVEGIA, CON IL NUOVO GOVERNO SI PARLA DI APERTURA DEL MERCATO DEL GIOCO ONLINE A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI DEF. COMMISSIONE AFFARI SOCIALI: PARTICOLARMENTE APPREZZATA L ATTENZIONE SU GIOCO PATOLOGICO (JAMMA 09/10/2013) La Commissione Affari Sociali della Camera ha espresso parere favorevole alla Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2013 e apprezzamento per quel che concerne la particolare attenzione che il documento in titolo riconosce alle misure legate alla prevenzione, anche attraverso l adozione di un nuovo Piano Nazionale della Prevenzione, che dovrà porre attenzione alla prevenzione di tutti i comportamenti a rischio (sedentarietà, alimentazione eccessiva, fumo) con particolare attenzione alle tossicodipendenze tradizionali nonché alle emergenti dipendenze da gioco patologico, e abuso di bevande alcooliche in età giovanile; ritenuto altresì che vi sia una contraddizione tra diminuzione, in termini reali, del finanziamento del Ssn e l impegno assunto verso il perfezionamento, in tempi brevi, di un nuovo Patto per la Salute. DECRETO IMU: COMMISSIONE NON APPROVA NESSUN EMENDAMENTO SU SANATORIA SLOT (AGIMEG - 09/10/2013) L articolo 14 del decreto Imu, che prevede una sanatoria sulle penali slot, non dovrebbe essere modificato nel corso dell esame in Commissione. Nel corso della seduta notturna di ieri, Rocco Palese (Pdl), relatore del testo per la Commissione Bilancio, ha infatti espresso parere contrario su tutti gli emendamenti che riguardavano la santoria, e il sottosegretario all Economia Pier Paolo Baretta ha espresso parere conforme a quello dei relatori. In particolare, per quanto riguarda l emendamento del Pdl che chiedeva uno slittamento del termine per l adesione alla sanatoria, Baretta ha fatto notare che non è possibile differire il termine del 14 ottobre 2013, come richiesto dalla proposta emendativa, dal momento che la conversione in legge del provvedimento in esame avrà comunque luogo successivamente al predetto termine. L emendamento del Pd che chiedeva di fissare al 35% della somma quantificata in primo grado il limite massimo la sanatoria, secondo Baretta, avrebbe potuto produrre un effetto dissuasivo rispetto alla presentazione delle richieste. Gli emendamenti sono stati tutti ritirati dai deputati che li avevano presentati, tranne due che sono stati accantonati: il 14.11, che chiede di portare al 50% l importo minimo per la sanatoria, e il 14.12, che esclude dalla sanatoria chi non abbia presentato domanda entro i termini stabiliti. Le Commissioni Bilancio e Finanze della Camera sono convocate alle 14 di oggi per dare il via libera al provvedimento; entro le 10 è fissato il termine per la presentazione di subemendamenti agli emendamenti dei relatori, nessuno dei quali riguarda però l articolo 14. rov/agimeg IMU, SOTTOSEGRETARIO BARETTA: "TERMINE ADESIONE 15 OTTOBRE NON È DA RIVEDERE" (GIOCONEWS 09/10/2013) È proseguita ieri nelle commissioni riunite Bilancio e Finanza la discussione sugli emendamenti al decreto Imu che, all articolo 14, contiene la famosa sanatoria sulle maxi penali New Slot. Il testo dovrebbe volare oggi pomeriggio in Aula. Rocco Palese (PdL), relatore per la V Commissione, fa presente che, allo stato attuale, sono già pervenute diverse richieste di definizione agevolata del contenzioso e che non è dunque ora possibile modificare le regole in corso d opera. Alessio Mattia Villarosa (M5S) chiede al rappresentante del Governo di poter fornire dati quantitativi circa l ammontare delle richieste sinora pervenute. A rispondere è il sottosegretario Pier Paolo Baretta il quale, nel concordare con le osservazioni svolte dall onorevole Palese, ribadisce la contrarietà del Governo sull emendamento in questione, suscettibile di produrre dissuasivo rispetto alla presentazione delle richieste. "Non è corretto rivedere la disciplina per la definizione agevolata in corso d opera, sia con riferimento al termine (15 ottobre, ndr) per la presentazione delle domande sia con riferimento agli importi". Osserva inoltre come "non sia rilevante, nella presente discussione, il numero di soggetti che hanno sinora aderito alla definizione agevolata". Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 3

4 PENE NON CARCERARIE, ALL ESAME DELLA COMMISSIONE IN SENATO TRE EMENDAMENTI SUL GIOCO (GIOCONEWS 09/10/2013) Potrebbero essere votati oggi, i tre emendamenti in materia di gioco presentati ai disegni di legge sulle pene detentive non carcerarie e messa alla prova, all esame in sede referente della seconda commissione Bilancio del Senato. Il primo, presentato dai senatori del M5S Buccarella, Airola, Cappelletti e Giarrusso, prevede che i reati in materia di giochi e scommesse per i quali è prevista la pena della reclusione non superiore a cinque anni siano esclusi dalla misura (alternativa alla detenzione in carcere) della reclusione presso il domicilio, anche per fasce- orarie o giorni della settimana, in misura corrispondente alla pena irrogata. Il secondo e il terzo si riferiscono invece alla trasformazione in illeciti amministrativi di numerosi reati, escludendo rispettivamente i giochi d azzardo e i giochi e le scommesse. A presentarli, i senatori Lumia, Capacchione, Cirinnà, Filippin, Ginetti, Lo Giudice, Manconi, del Pd. IL DEPUTATO BORDO (SEL) ILLUSTRA AI SINDACI LE NOVITÀ PER LA LOTTA ALLE LUDOPATIE E ALLA DIFFUSIONE DELLE SALE DA GIOCO (JAMMA 09/10/2013) Il deputato cremasco di Sel Franco Bordo scrive una lettera ai sindaci del territorio per parlare di un problema che colpisce centinaia di persone: la ludopatia e metterli al corrente della novità a livello di legislazione. La Camera dei Deputati, nell ambito dell approvazione della Legge di delega fiscale al Governo, all art.14 relativo la riorganizzazione dei giochi pubblici, ha approvato tre importanti emendamenti, richiesti e sostenuti da tutti quei soggetti, tra cui associazioni e comuni, impegnati nell attività di contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico. Gli emendamenti, che ho contribuito a presentare e a fare approvare in qualità di parlamentare dell intero gruppo attivo su questa tematica, prevedono: che vengano garantite forme vincolanti di partecipazione dei Comuni competenti per territorio al procedimento di autorizzazione e di pianificazione relativamente alla dislocazione di sale gioco e all installazione di apparecchi idonei per il gioco, assicurando la salvaguardia delle discipline regolatorie nel frattempo emanate a livello locale. Il divieto di pubblicità nelle fasce protette delle trasmissioni radiofoniche e televisive per i giochi con vincita in denaro; introduzione di modalità di pubblico riconoscimento agli esercizi commerciali che si impegnano, per un determinato numero di anni, a rimuovere o a non installare apparecchiature per giochi con vincita in denaro. In particolare il primo punto è particolarmente utile a quelle Istituzioni Locali, Comuni e Regioni, come la nostra, impegnate ad adottare strumenti normativi finalizzati al contrasto del fenomeno. Inoltre si prevede l istituzione di un Fondo finalizzato al contrasto delle ludopatie, a valere su quota parte delle risorse erariali derivanti dai giochi pubblici. Si tratta di un primo passo, perché ora aspettiamo il passaggio al Senato ma, soprattutto, perché la Legge Delega prevede che il Governo adotti specifici decreti legislativi che recepiscano quanto indicato dal Parlamento. Vi scrivo perché in questi passaggi come movimento noslot, associazioni, sindaci e parlamentari dell intergruppo contro il gioco d azzardo dovremo essere tutti particolarmente attenti e vigili affinché il lavoro svolto e risultati conseguiti alla Camera dei Deputati non vengano vanificati in fase attuativa da parte del Governo. Sarà mia cura fornirvi ulteriori notizie in merito all iter di approvazione e adozione dell apposito Decreto Legislativo. NEWSLOT E VLT BLACK SLOT: AL VIA LA CONFISCA DEGLI APPARECCHI (JAMMA 09/10/2013) Sono in corso su tutto il territorio nazionale le operazioni di confisca degli apparecchi sequestrati nel 2007 nell ambito dell inchiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia denominata caso Black Slot, dal nome di una delle schede di gioco oggetto di indagine. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 4

5 Il processo si è concluso nel dicembre 2012 con la assoluzione nel merito perché il fatto non sussiste per tutti gli imputati per i reati contestati di associazione per delinquere, falso e truffa, è stata pronunciata sentenza di assoluzione, però per intervenuta prescrizione, per il reato di gioco d azzardo: a tale pronuncia consegue la confisca obbligatoria degli apparecchi da gioco e del denaro in essi contenuto. Il Tribunale di Venezia ha limitato la confisca alla scheda elettronica del gioco, con restituzione del mobile, e al denaro in essi contenuto (ove fossero presenti somme all interno degli apparecchi). Non sono oggetto di confisca i nulla osta per la messa in esercizio che sono affissi sugli apparecchi, che quindi devono essere restituiti al concessionario cui sono intestati, unitamente ad una copia del verbale di confisca della scheda elettronica, onde permettere al concessionario di definire le relative pratiche amministrative. NEWSLOT E VLT: INTRALOT GAMING MACHINE CONQUISTA QUOTE DI MERCATO. PER MOLTI GESTORI È GIÀ UN PUNTO DI RIFERIMENTO AFFIDABILE E CONSOLIDATO (JAMMA 09/10/2013) Il 20 marzo scorso l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha comunicato l avvenuta firma delle nuove convenzioni di concessione per la gestione telematica delle Newslot e delle Videolotterie. Oltre ai precedenti concessionari, nove a marzo e successivamente dieci con la parziale risoluzione del caso Bplus, il nuovo bando di gara ha portato l accesso al mercato di tre nuove società concessionarie che in questi ultimi mesi sono state impegnate a raggiungere il quantitativo minimo di apparecchi Newslot (5.000 terminali)previsto per il conseguimento delle diverse fasi di collaudo e per l avvio definitivo delle attività in concessione. Prima tra le nuove società per importanza e potenzialità, c è la multinazionale Intralot che, con l investimento nel settore degli apparecchi, consolida la sua presenza in Italia; il Gruppo Intralot è ora in grado di sviluppare la sua offerta grazie ad un portafoglio prodotti completo, che comprende una rete fisica già presente con più di 500 negozi, all interno dei quali sarà ora possibile installare AWP e VLT gestite attraverso una propria Concessione e che sfrutterà le sinergie con il mondo delle scommesse e dei virtual games, prodotto di recente introduzione in cui il Gruppo può vantare un offerta ai vertici grazie alla propria controllata Vermantia. Inutile negare le difficoltà di acquisizione e sviluppo della Concessione, in un segmento di mercato maturo all interno dell industria del Gioco Legale e oggetto di numerosi attacchi mediatici favoriti dalla demagogia di un certo tipo di politica. Nonostante le criticità iniziali, grazie ad una innovativa politica di mercato che punta sulla collaborazione con gli street operator italiani, di cui si riconosce l importanza in termini di valore aggiunto derivante dalla conoscenza del territorio e dalla sensibilità alle esigenze del mercato, Intralot Gaming Machines con la sua politica commerciale vincente è stata in grado in pochi mesi (da marzo a oggi) di collegare circa apparecchi, che sarebbero potuti essere molti di più in assenza di pratiche ostruzionistiche applicate da altri operatori di mercato. Il piano industriale di Intralot Gaming Machines prevede per il futuro il rafforzamento della collaborazione con i Gestori, con l installazione di almeno apparecchi all interno dei 600 punti di raccolta di proprietà, parte dell ambizioso obiettivo di collegare nel medio periodo Newslot, grazie ad una infrastruttura tecnologica avanzata in grado di gestire più di apparecchi. ADM: NIENTE SLOT NEI BAR SENZA BILIARDINI (GIOCONEWS 09/10/2013) Secondo l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, calcio balilla, biliardini, freccette e gru con pupazzi di peluche o altri premi in palio sono "apparecchi di puro intrattenimento, senza vincita in denaro" e per legge deve essercene almeno uno nei locali in cui sono presenti le slot machine. In risposta a un quesito della Federazione Italiana Pubblici Esercizi (Fipe), l Adm precisa, che Resta in vigore la prescrizione di cui al comma 3, dell'articolo 3, del Decreto Interdirettoriale 27/10/2003, relativa alla modalità di offerta del gioco: dunque, presso gli esercizi richiamati dall'articolo 2 del Decreto Interdirettoriale 27/10/2003 e presso gli esercizi assimilabili, l'offerta complessiva di gioco tramite apparecchi o congegni non deve riguardare esclusivamente l'installazione di apparecchi comma 6, rendendosi necessaria l'installazione di almeno un apparecchio senza vincita in denaro idoneo per il gioco Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 5

6 lecito. Non solo nei bar, ma anche nelle tabaccherie e in ogni altro esercizio pubblico che offre slot machine, per garantire una effettiva diversificazione di offerta del gioco tramite apparecchi. FAENZA. CONFESERCENTI PERPLESSA SU PREMI AI LOCALI CHE INTRAPRENDONO LA DESLOTTIZZAZIONE (JAMMA 09/10/2013) Confesercenti nell esprimere un commento sicuramente positivo circa l adesione del Comune di Faenza al Manifesto dei Sindaci contro il gioco d azzardo, rimane fortemente perplessa di fronte alla proposta di premiare i pubblici esercizi che intraprendano la deslottizzazione nei propri locali, ritenendo che il problema delle ludopatie non possa essere di certo alleviato attraverso provvedimenti estemporanei lasciati alla sensibilità del singolo operatore. Confesercenti rileva ancora una volta quanto spesso venga demandata all imprenditore una responsabilità enorme, così come nel caso della somministrazione degli alcolici e del riconoscimento della clientela minorenne, a fronte di un problema sociale che è impensabile venga risolto con l eliminazione dello strumento, della macchina. A tale proposito ci preme sottolineare che il gioco nei pubblici esercizi è solamente la punta dell iceberg di un fenomeno che si esprime sempre di più nel sicuro delle proprie case con i siti di gioco online. Riteniamo pertanto che sia soluzione troppo facile demandare all imprenditore la responsabilità di problema che in minima parte si manifesta con il gioco alle slot machine, tanto più quando è proprio nei pubblici esercizi che semmai si possono monitorare comportamenti ludopatici e segnalarli alle autorità competenti. L Associazione ritiene pertanto inadeguata e superficiale la proposta di insignire i pubblici esercizi che eliminano le slot dai propri locali, non tanto e non certo perché queste siano fonte di parziale reddito per l impresa, quanto perché si tratterebbe di una NON soluzione, per i motivi già espressi. Il singolo imprenditore riteniamo debba poter agire liberamente secondo le proprie logiche etiche e commerciali senza sentire su di se il peso di un problema che certamente non contribuisce ad alimentare e per il quale non deve e non può sentirsi responsabile. Da questa considerazione nasce la forteperplessità circa la proposta di istituzione di una forma premiante verso i locali Slot free. Confesercenti, già da tempo attiva in iniziative di contrasto alla malavita e al gioco d azzardo, è disponibile a discutere e concertare a tutti i livelli istituzionali azioni che favoriscano un corretto e sano rapporto con i giochi in cui si scommette denaro. GENOVA, COMUNE VALUTA ORARI MENO RIGIDI PER BINGO E AGENZIE SCOMMESSE, MA NESSUN ALLENTAMENTO SULLE SLOT (AGIMEG - 09/10/2013) Orari di apertura più elastici per sale bingo e agenzie di scommesse ippiche, ma non per gli apparecchi da intrattenimento. E la soluzione che sta valutando il comune di Genova che a maggio aveva varato un regolamento per limitare le attività di gioco. Lo ha detto, nel corso dei lavori del consiglio comunale, l assessore allo Sviluppo Economico Francesco Oddone. A livello nazionale ha spiegato, stanno accadendo le cose che auspicavamo da tempo : il Parlamento sta iniziando timidamente a legiferare in senso positivo, all interno della delega fiscale è contenuto un provvedimento che confermerà l impianto del regolamento del Comune di Genova. Per Oddone, non verrà modificato l orario massimo d apertura delle macchinette elettroniche per il gioco d azzardo. Contro iol regolamento sono stati intentati una serie di ricorsi che il Tar Liguria discuterà il 30 ottobre prossimo nel merito. rg/agimeg REGOLAMENTO GENOVA, ESERCENTI CONTRO MODIFICA ORARI D'APERTURA: "DISCRIMINATORIA E SCORRETTA" (GIOCONEWS 09/10/2013) A pochi giorni di distanza dall'annuncio dell'assessore allo Sviluppo del Comune di Genova, Francesco Oddone, di una possibile revisione degli orari di esercizio delle agenzie di scommesse ippiche e delle sale bingo Gioconews.it ha raccolto le reazioni dei sindacati degli esercenti genovesi, Federazione Italiana Tabaccai e Ascom in testa. Intanto, oggi pomeriggio, nella seduta del consiglio comunale la Consulta sul gioco presenterà l'informativa sull'ultimo anno di attività. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 6

7 FIT, MODIFICA SCORRETTA "Quella avanzata dall'assessore Oddone dichiara Giorgio Pastorino, presidente della Federazione Italiana Tabaccai di Genova e vice presidente nazionale del Sindacato Totoricevitori Sportivi è un'ipotesi alquanto scorretta perché porterebbe a una forte discriminazione fra le attività aperte da tanti anni a Genova come le tabaccherie o i locali pubblici, che forniscono anche altri servizi alla popolazione e le sale dedicate, per le scommesse o il bingo. È una scelta di cui non capisco proprio il perché". L'intenzione dell'associazione è quella di chiedere un tavolo di confronto con l'assessorato allo Sviluppo economico, in cui "siano presenti tutti i tipi di attività commerciali puntualizza Pastorino e magari anche i gestori delle sale Vlt, visto che l'amministrazione comunale si è sentita in dovere di fare regolamento solo a partire dalla loro comparsa. Prima di loro, a Genova, di regole sul gioco non se ne parlava proprio". ASCOM, CHIUSURA POSTICIPATA ANCHE PER LOCALI PUBBLICI "La questione è indubbiamente controversa ricorda Silvio Seghi, presidente Vicario dell Associazione Bar Ascom Confcommercio Genova - : siamo in attesa della sentenza del Tar di Genova, chiamato ad esprimersi (il 30 ottobre, ndr) sui ricorsi presentati da esercenti ed operatori del gioco, e delle misure del Governo centrale, ma indubbiamente sarebbe bene estendere la modifica agli orari proposta da Oddone anche ai pubblici esercizi". Sul tema, Seghi si limita a chiedere una chiusura ritardata di almeno mezz'ora, "per non mettere in difficoltà gli esercenti, che già dalle 19 si trovano a dover chiedere ai loro clienti di smettere di giocare, con il rischio di litigi e del ricorso ad interventi delle forze dell'ordine, come già accaduto più volte". I LAVORI DELLA CONSULTA - Intanto, oggi pomeriggio, nella seduta del consiglio comunale la Consulta sul gioco presenterà l'informativa sull'ultimo anno di attività. Ad illustrare i contenuti dell'intervento a Gioconews.it è il presidente Pierclaudio Brasesco. "Presenteremo una relazione delle attività di approfondimento svolte sul tema, grazie ad una serie di incontri con rappresentanti di Questura, Monopoli, Guardia di finanza, e di quanti hanno collaborato alla stesura del regolamento comunale sul gioco, poi passeremmo alle nostre proposte sul piano della prevenzione e dell'educazione, che per essere messe in atto necessitano anche del concorso del consiglio comunale e degli assessorati: pensiamo al lancio di un logo per gli esercizi commerciali no slot una sorta di premio morale, visto che la strada degli incentivi economici al momento non sembra praticabile - poi la prossima primavera organizzeremo una giornata sul gioco con eventi in varie parti della città, per sensibilizzare giovani e famiglie sulla ludopatia ma anche per parlare di divertimento nel senso più proprio del termine". PUCCI (AS.TRO): A GENOVA LA DISFATTA DEL GIOCO LECITO E DELLA SICUREZZA (GIOCONEWS 09/10/2013) Quello che sta accadendo a Genova è un primo segnale di apertura nei confronti del nostro settore, ma come rappresentante del comparto degli apparecchi da intrattenimento, non posso certo assistere a questa disfatta generale, perché di disfatta si tratta. Con queste parole Massimiliano Pucci, Presidente di As.Tro, associazione di categoria afferente a Sistema Gioco Italia, commenta le anticipazioni offerte a GiocoNews.it dall'assessore di Genova Francesco Oddone in merito a una possibile revisione della norma comunale sul gioco lecito. E' evidente come abbiamo stretto la cinghia fino ad oggi, ma non possiamo più farcela perché le nostre aziende devono fare i conti con un fatturato dimezzato e dopo il trenta ottobre dovranno iniziare a licenziare se non cambieranno le cose. UN FAVORE ALL'ILLEGALITA' - E aggiunge: Non riesco a capire come la città di Genova possa prestare il fianco al gioco illegale, visto che dopo le l'unica offerta di gioco presente sul territorio è per forza di cose quella di natura illecita, vanificando gli sforzi compiuti negli ultimi anni per la messa in sicurezza del nostro comparto. IL 25 OTTOBRE UN INCONTRO PUBBLICO - Il leader di As.Tro torna così ad occuparsi del 'caso Genova', sul quale ha puntato i riflettori fin dagli arbori dei lavori comunali e annuncia un incontro pubblico, in programma per il 25 ottobre all'hotel Sheraton, per illustrare non solo le cause, ma soprattutto gli effetti di questa situazione: Il 25 ottobre saremo a Genova come As.Tro, con un incontro che riteniamo fondamentale per dare i numeri di quello che sta accadendo e quello che accadrà con questo regolamento comunale, spiega Pucci. E conclude: Se il gioco lecito indietreggia, il rischio più evidente è che quei 5000 giocatori a rischio patologia certificati dai Sert potranno moltiplicarsi rapidamente, facendo scomparire le aziende che hanno investito e stanno investendo sulla sicurezza e sulla prevenzione. E non credo che il Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 7

8 Comune di Genova potrà parlare di prevenzione e gioco responsabile con la criminalità che andrà a gestire l'offerta di gioco in sostituzione delle nostre aziende. GENOVA, DOPO REGOLAMENTO ANTI-SLOT ARRIVA LA GIORNATA DI MOBILITAZIONE CONTRO IL GIOCO (JAMMA 09/10/2013) Una campagna contro il gioco d azzardo attraverso un adesivo sulle vetrine dei negozi per identificare le attività commerciali senza slot machine. E stata annunciata oggi dalla Consulta sul gioco d azzardo con premi in denaro durante i lavori del consiglio comunale di Genova. La Consulta prevede di organizzare una giornata di mobilitazione cittadina contro il gioco d azzardo in programma il 20 maggio, data in cui nel 1423 a Bologna, santo Bernardino da Siena lanciò una campagna contro il gioco d azzardo. L idea è quella di far emergere una sensibilità a livello diffuso sul tema del gioco. Nella giornata, che diventerebbe un grande contenitore di iniziative, troverebbero spazio momenti di formazione, informazione, sensibilizzazione rivolti ai diversi target. L aiuto di media partner scelti tra i principali quotidiani e le tv cittadine, nonché di testimonial darebbero alla giornata grande visibilità. Il consiglio comunale si impegna a invitare i rappresentanti delle squadre di calcio Genoa e Sampdoria a iniziative contro il gioco d azzardo dal momento che entrambe annoverano tra i propri sponsor operatori del settore del gioco. Monitoraggio delle iniziative svolte nel corso dell anno 2012 sul territorio del Comune di Genova Al fine di evitare ogni possibile spreco di risorse nella duplicazione di interventi e iniziative già in atto, nonché favorire la riduzione degli eventuali costi di realizzazione la Consulta sul gioco d azzardo propone a tutti i soggetti membri della Consulta di segnalare le proprie iniziative e quelle di cui sono a conoscenza, già svolte o previste sul territorio per i prossimi mesi. In questo modo sarà possibile valorizzare le specifiche competenze dei diversi soggetti che partecipano alla Consulta, nonché la messa a sistema dei loro progetti e iniziative per una più efficace ed efficiente ricaduta sul territorio. Sarebbe efficiente riuscire a mettere in linea e in rete gli interventi già esistenti e costruire un programma di iniziative alle quali di volta in volta attingere secondo le necessità e le priorità individuate: in questo senso sarà fondamentale il ruolo dei Municipi per la migliore organizzazione delle attività nel loro ambito geografico di competenza. Gli stessi Municipi sono invitati anche a condividere le loro proposte e iniziative (es.: vetrofania no slot). La Consulta, in questa fattispecie, opererebbe dunque come facilitatore delle iniziative proposte e organizzate dai diversi soggetti. In particolare vengono identificati i seguenti ambiti di competenza (l elenco non è, ovviamente, esaustivo): ASL gioco e patologia Libera gioco e criminalità Associazione Lighthouse gioco e dinamiche psico-sociali Fondazione Antiusura Onlus gioco e sue conseguenze a livello economico Giovani e scuola La Consulta chiede anche di valutare la necessità di individuare uno specifico progetto rivolto ai giovani, nella fascia di età anni, anche in considerazione della loro maggiore predisposizione al gioco on line. Come viene osservato, è spesso difficile costruire canali di comunicazione efficaci nella fascia di età in oggetto, se non si utilizzano linguaggi e modalità di comunicazione comprensibili per i destinatari e nei quali possano riconoscersi. Si individua l opportunità che siano i giovani a rivolgersi ai giovani nelle modalità che sono loro tipiche. Si ipotizza dunque la possibilità di costruire un progetto di prevenzione che parta dai giovani per i giovani. Si tratterebbe di coinvolgere le scuole superiori che a seguito di un bando dovrebbero progettare uno (o più) strumenti (video, opuscolo, manifesto ) e il relativo piano di comunicazione. All iniziativa potrà essere collegato un premio alla scuola vincitrice. Monitoraggio del fenomeno nel Comune di Genova: i giocatori. Per individuare i target più colpiti e costruire su di loro proposte mirate la Consulta ritiene fondamentali i dati su numero e tipologia dei giocatori, sebbene più difficili da ottenere e soprattutto parziali, in quanto Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 8

9 fanno riferimento a situazioni denunciate di disagio e patologia. A livello di ASL è prevista la prossima entrata a regime di una cartella di rilevazione da parte del dipartimento Politiche antidroga che consentirà la raccolta dei dati di tutti e 5 i SERT della Provincia di Genova. Poiché questo strumento consentirà solamente la raccolta dei dati relativi alle persone che si rivolgono ai SERT, si propone il coinvolgimento di altri osservatori esterni (Fondazione Antiusura, Giocatori anonimi, ecc ) per una più esaustiva e capillare raccolta dei dati. Monitoraggio del fenomeno nel Comune di Genova: i luoghi del gioco. La Consulta ha suggerito oggi al Comune, al fine di orientare più consapevolmente le azioni di intervento e prevenzione, la mappatura del territorio comunale in termini di presenza di sale gioco e di locali commerciali con videoslot. Si propone quindi una rilevazione che consenta di fotografare la realtà comunale ad una certa data, con la previsione di un aggiornamento periodico (annuale). Per questa operazione sarà fondamentale la collaborazione dei Municipi, ognuno dei quali dovrebbe indicare le sale da gioco e gli esercizi commerciali più significativi sul proprio territorio, segnalando anche le situazioni di maggiore criticità (inserimento in contesti sociali altamente problematici, vicinanza a scuole, ecc ). Anche la Questura potrà essere positivamente coinvolta in questa fase. I componenti della consulta sul gioco con premi in danaro istituita dal Comune di Genova nel 2012 Pierclaudio Brasesco Presidente Consulta Gabriele Taddeo A.R.C.I. Matteo Campora Vice Presidente Consulta Andrea Bagnasco A.C.L.I. Renata Paola Dameri Assessore alle Politiche Socio Paolo Merello Forum Terzo Settore Sanitarie Adriano Bianchi C.S.I. Francesco Oddone Assessore allo Sviluppo del Silvio Seghi Confcommercio Sistema Economico Cesare Groppi Confesercenti Maria Rosa Scala Direzione Politiche Sociali Maurizio Galeazzo Associazioni Consumatori Luisa Gallo Direzione Sviluppo Economico e Giorgio Pastorino Sindacato Totoricevitori (STS_FIT) Commercio I nove municipi di Genova Mirella Stefanini Dipartimento Dipendenze Azienda Libera Genova Sanitaria Locale 3 Genovese Comunità S.Benedetto al Porto Assunta Mattiello Fondazione Antiusura S. Maria del Soccorso Onlus SCOMMESSE, POKER E ONLINE LA PROPOSTA DI LEGGE DEL PD PUÒ FERMARE IL POKER LIVE PER 5 ANNI (GIOCONEWS 09/10/2013) Una proposta di legge che, qualora dovesse passare al vaglio delle Camere, potrebbe eliminare il progetto di regolamentazione di poker live per ben 5 anni. E' questa la proposta di legge in materia di gioco avanzata ieri nel corso del seminario 'A che gioco giochiamo' alla Camera dei deputati dai vertici del Partito Democratico di Camera e Senato. CINQUE ANNI SENZA NUOVI GIOCHI - Due le proposte che mettono comunque al centro vari divieti tra cui, specie nella 'Garavini-Speranza', la previsione del divieto di pubblicità e del divieto di introdurre per cinque anni nuovi giochi con vincite. Il clima contro il gioco pubblico è davvero negativo. Dopo aver spinto come il peggior biscazziere lo Stato ora ingrana la retromarcia. Gli stessi esponenti che prima avevano firmato con nonchalance i decreti e leggi per il varo di tutto il palinsesto dei giochi, ora abbassano il capo e denunciano con drammaticità l'emergenza sociale. Come al solito l'italia non riesce a varare leggi durature e soprattutto impermeabili alla demagogia e senza uno straccio di previsione di quelli che potranno essere gli effetti. Tuttavia siamo in una fase in cui il Pd propone giustamente tutta una serie di evidenze senza contare che, il gioco lecito, nasce proprio da queste considerazioni. Che le regole ci sono e andrebbero solo applicate. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 9

10 CHI E' DENTRO E' DENTRO MA FUORI RIMANE SOLO IL POKER LIVE - Dopo 4 anni e 4 mesi il poker dal vivo non viene regolamentato. Il settore prolifera e procrea sale come se piovesse. Ma delle concessioni di gioco neanche l'ombra. Il poker era rimasto fuori dal 'cancello' della legalizzazione che aveva ormai completato tutto il palinsesto di giochi. Ora addirittura rischia di vedere azzerate le speranze da qui a 5 anni. Sempre che, ricordiamolo, la proposta di legge del PD venga accolta. Tuttavia se il Movimento a 5 stelle conferma le sue opinioni allora il Parlamento potrebbe trovarsi d'accordo su queste bozze di legge. LA PROPOSTA GARAVINI SPERANZA - In quella che vede come primi firmatari Laura Garavini e Roberto Speranza presentata in parallelo come ddl in Senato da Vannino Chiti e Luigi Zanda, si recano le disposizione in materia di gioco al fine di incrementare le risorse in favore della cura del gioco patologico, al rafforzamento della tutela dei minori e dei soggetti vulnerabili, alla previsione del divieto di pubblicità e del divieto di introdurre per cinque anni nuovi giochi con vincite, al contrasto dell'evasione fiscale, del riciclaggio dei proventi di attività illecite e dell'infiltrazione della criminalità organizzata nella gestione dei giochi anche mediante il rafforzamento delle norme sui controlli in materia di concessioni e la ridefinizione delle autorità competenti e delle limitazioni ai fini dell'autorizzazione per l'esercizio del gioco lecito; nonché per il rafforzamento delle sanzioni per il contrasto del gioco illegale e per il potenziamento di norme volte alla trasparenza dei flussi finanziari in tale settore. La proposta chiede poi il fondo per la prevenzione e per la cura istituito da Mef e Ministero della Salute. LA PROPOSTA BASSO SPERANZA - Nella proposta di legge presentata da Basso, Speranza e altri si propone una modifica dell'articolo 7 della legge Balduzzi, introducendo il divieto di qualsiasi tipo di pubblicità per i giochi con vincita. Sono confermate le norme sull'obbligatorietà delle formule di avvertimento in schedine e tagliandi giochi, ma si specifica che tali formule debbono coprire almeno il 20 percento della superficie complessiva, come previsto per I tabacchi. Poi si individua nel sindaco l'autorità competente per l'autorizzazione all'esercizio dei giochi previo parere del questore e fatte salve le competenze previste dagli articoli 88 e 86. Si prevedono limitazioni al rilascio di autorizzazione per l'apertura di sale giochi e scommesse. Queste non possono nascere a meno di trecento metri da luoghi sensibili come scuole, luoghi di culto, impianti sportivi. CORTE COSTITUZIONALE SU QUESTIONE DEI MINIMI GARANTITI: SENTENZA NEL GIRO DI POCHE SETTIMANE (JAMMA 09/10/2013) Si è discussa questa mattina l udienza di fronte alla Corte Costituzionale sulla norma contenuta nel decreto Semplificazioni Finanziarie n. 44 del 2012 che puntava a risolvere la questione dei minimi garantiti, riconoscendo ai concessionari delle scommesse ippiche uno sconto del 5% sulle somme dovute. La vicenda dei minimi complessivamente un centinaio di milioni è stata al centro di un lungo contenzioso amministrativo, il Tar Lazio con una serie di sentenze emesse a partire dal 2009 ne ha dichiarato l inesigibilità fino all adozione delle cosiddette misure di salvaguardia. La norma del decreto Semplificazioni ha quindi stravolto il giudicato, spingendo il giudice amministrativo nel gennaio scorso a chiedere l intervento della Consulta. Accesa la requisitoria dell Avvocato di Stato, Giuseppe Fiengo: richiamando la giurisprudenza comunitaria ha sostenuto che i concessionari storici delle scommesse ippiche abbiano finora goduto di una serie di privilegi, prime fra tutte le proroghe delle concessioni. Le difese delle concessionarie hanno invece messo in evidenza le condizioni di mercato in cui le compagnie hanno operato finora e hanno smontato i riferimenti alla giurisprudenza comunitaria. La sentenza potrebbe essere emessa nel giro di alcune settimane. OPINIONI E COMMENTI LORUSSO (SINDACO BOLLATE): SU ORARI SALE GIOCHI, ENNESIMO CONTROSENSO DEL CONSIGLIO DI STATO VISTO CHE POI SONO I SINDACI A DOVER INTERVENIRE CONTRO IL GAP (JAMMA 09/10/2013) Come molti altri sindaci italiani, il sindaco di Bollate Stefania Lorusso domani sarà presente a Milano per il lancio e la sottoscrizione della proposta di legge di iniziativa popolare di tutela della salute tramite disposizioni in materia di gioco d azzardo. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 10

11 L appuntamento è alle ore 16:00 in Sala Alessi a Palazzo Marino, presenti i 249 sindaci che hanno lavorato insieme alla proposta di legge Disposizioni per la tutela del diritto degli individui alla salute, come garantita dall articolo 32 della Costituzione quale diritto fondamentale dell individuo e interesse della collettività, tramite disposizioni in materia di gioco d azzardo. «Si tratta di un azione importante ha spiegato Stefania Lorusso soprattutto, di fronte all ennesima, ultima sentenza del Consiglio di Stato (26 settembre 2013) che stabilisce che non devono essere i sindaci a determinare l orario delle sale con videoterminali per i giochi, bensì i questori. Un controsenso, come facile intuire, dato che sono poi i sindaci in prima linea a combattere gli effetti devastanti di questa piaga sociale». CRONACA EMILIA ROMAGNA. UNA BANCA NO SLOT CHE INIBISCE I PAGAMENTI DELLE CARTE DI CREDITO IN SALE GIOCHI E SITI ONLINE (JAMMA 09/10/2013) La Banca popolare dell Emilia Romagna ha inviato una circolare ai suoi 11 mila dipendenti, in cui spiega come individuare i clienti che rischiano di svuotare il conto corrente alle slot machine o ai giochi on line e come aiutarli a uscire dal tunnel. Non solo. Le sue carte di credito (tranne quelle per chi ha conti correnti a sei zeri) sono inibite a fare pagamenti nelle sale gioco o su siti internet dedicati al gioco d azzardo. Infine, non venderà mai nelle sue filiali biglietti delle lotterie o i Gratta e vinci. Una banca deve essere consapevole che le sue azioni hanno influenza sulla comunità locale spiega Andrea Cavazzoli, responsabile delle relazioni esterne -, anche perché non è interesse di una banca lavorare un sistema sociale disgregato, in cui le persone si giocano tutto. Tra i correntisti della Banca popolare dell Emilia Romagna ci saranno quasi sicuramente anche tabaccai, baristi e gestori di sale da gioco. La nostra campagna di sensibilizzazione non è contro di loro -sottolinea Cavazzoli-. Ma contro il gioco d azzardo patologico, quello che appunto porta sul lastrico le famiglie. Nella circolare inviata ai dipendenti sono elencati i comportamenti sospetti che possono far capire che un cliente si stia giocando tutto alle slot. Per esempio se all inizio del mese fa frequenti prelievi con il bancomat, tanto da esaurire il plafond mensile. Oppure se usa spesso la carta di credito per chiedere contanti. L allarme inoltre può scattare se il correntista paga cifre consistenti con il bancomat o con assegno in tabaccherie, bar, sale da gioco o casinò. Spetta poi al direttore della filiale contattare il cliente a rischio - spiega Andrea Cavazzoli-. Potrà reagire in tanti modi: magari ammette il problema, oppure nega e si arrabbia perché la ritiene un ingerenza nella sua vita. Di certo è più facile intervenire se il cliente ha una posizione debitoria con la banca, in quanto non può liquidare la cosa dicendo che sono fatti suoi. Finora sono tre i casi segnalati. Al cliente vengono forniti indirizzi di associazioni e asl che possono aiutarli a liberarsi dalla dipendenza del gioco, conclude Cavazzoli. ENADA 2013: LA FILIERA DEL GIOCO AI PADIGLIONI DELLA FIERA DI ROMA (JAMMA 09/10/2013) ENADA, manifestazione leader in Europa per la filiera del gioco, terrà la sua edizione autunnale 2013 alla Fiera di Roma da mercoledì 16 a venerdì 18 ottobre. La fiera è organizzata da Rimini Fiera e promossa da SAPAR, Associazione Nazionale Sezioni Apparecchi per Pubbliche Attrazioni Ricreative, con il patrocinio di AAMS, il supporto di EUROMAT e in collaborazione con di Ascob, Fidart, Anesv e Sicon. La manifestazione si estenderà nei padiglioni 5 e 6, con accesso dall ingresso Est della Fiera di Roma (Via A.G. Eiffel, traversa Via Portuense). In mostra si potranno ammirare le innovazioni tecnologiche e creative delle principale aziende italiane e straniere del comparto su prodotti, tecnologie e servizi. Al solito, nutrita la presenza di espositori esteri, provenienti da Austria, Gran Bretagna, Taiwan, Svizzera, Lussemburgo e Repubblica di San Marino. I macro settori merceologici dell esposizione riguardano il nucleo centrale delle slot machines, le VLT, l ampio panorama degli apparecchi di abilità e intrattenimento, attrazioni e giostrine, biliardi, bingo, bowling, ecc. Spazio ad hardware e software applicati ai giochi, i-gaming, accessori e ricambi, sistemi di pagamento, servizi, sistemi di sicurezza, articoli promozionali, vending e arredamento. Completano la rassegna gli Enti di certificazione e l editoria specializzata, oltre ad una rappresentanza dei Concessionari. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 11

12 MONDO CRESCITA A DUE CIFRE PER IL MERCATO DEL GAMING A LIVELLO MONDIALE ENTRO IL 2018 (JAMMA 09/10/2013) Secondo una recente analisi valore del mercato del gioco d azzardo crescerà del 28% a livello mondiale nel giro di 5 anni. Secondo la Companies & Markets, che si occupa di ricerche di mercato, l industria globale del gaming varrà circa 110 miliardi di sterline (174,1 miliardi di dollari, se preferite) entro il La previsione è sicuramente enorme, e se confermata significherebbe un aumento del 28% rispetto all attuale valore del mercato. A conti fatti, staremmo parlando di circa il 5,5% di crescita su base annuale, da qui a cinque anni. Uno dei motori di questo nuovo boom del gaming sarà la regolamentazione dei mercati negli Stati Uniti d America, come ad esempio quelli del Nevada, del New Jersey e del Delaware. In particolare questi ultimi due, che dovrebbero aprire ufficialmente entro la fine dell anno, potrebbero fare da traino ad altri stati, che ne seguirebbero l esempio, scatenando così un effetto domino positivo. Un altro motivo principale dietro a questa enorme crescita (prevista) è l economia in rapida ascesa dei mercati asiatici, dove il gioco sta assumendo un ruolo sempre più dominante. Macao si sta espandendo a ritmi che neppure la Las Vegas dei tempi d oro ed è già un mercato multi-miliardario. E anche in questo caso il futuro prossimo non dovrebbe essere diverso dal recente passato, fatto di crescita a colpi del 15-20% su base annuale. Ma oltre a Macao, altri progetti contribuiranno alla crescita esponenziale del mercato globale del gioco d azzardo. Pure la Russia potrebbe diventare un fattore, una volta che saranno sviluppati i recenti piani di costruzione di sale da gioco nei pressi di Vladivostok e di altre aree strategiche. CORTE COSTITUZIONALE UNGHERESE RESPINGE RICORSO CONTRO LEGGE CHE METTE AL BANDO LE SLOT (GIOCONEWS 09/10/2013) La Corte costituzionale ungherese ha respinto i ricorsi di alcune aziende di gioco contro il divieto del governo di mettere le slot machine in locali diversi dai casinò. Lo Stato ha introdotto una legge lo scorso ottobre che stabilito che le macchine da gioco possono funzionare solo in casinò autorizzati. Due società e un osservatorio per i diritti fondamentali hanno chiesto il parere della Corte superiore, mettendo in evidenza la perdita di migliaia di posti di lavoro il poco tempo concesso alle aziende per recepire tale cambio di regole. Venerdì scorso, il giudice ha stabilito che lo Stato non ha violato alcuna legge, quando ha posto un termine alle concessioni di gioco per le slot machine. La Corte non ha affrontato la questione relativa alla possibile richiesta di risarcimento da parte degli operatori di slot machine. NORVEGIA, CON IL NUOVO GOVERNO SI PARLA DI APERTURA DEL MERCATO DEL GIOCO ONLINE (JAMMA 09/10/2013) Meno di un mese fa in Norvegia si sono tenute le elezioni politiche con un risultato che ha sorpreso l intera comunità internazionale. Dopo 8 anni di maggioranza al Parlamento la coalizione socialista, guidato da ex primo ministro Jens Stoltenberg, è stata sconfitta dalla coalizione di centro-destra. I nuovi politici di centro-destra, nel corso della campagna elettorale, non hanno mancato di ripetere la loro intenzione di inserire la liberalizzazione del mercato del gioco online tra i punti del programma di governo. Attualmente in Norvegia lo Stato norvegese detiene il monopolio su tutte le forme di gioco d azzardo e vieta, di fatto, ogni forma di concorrenza privata. Alle società sportive e agli atleti che ricevono sponorships dai casinò online viene vietato di partecipare a competizioni di qualsiasi livello. Il monopolio statale non è esclusivamente un modo per controllare il mercato e l offerta ma, soprattutto, uno strumento che garantisce entrate ritenute indispensabili per finanziare le società sportive norvegesi. A poco sono servite le iniziative via via intraprese da operatori e associazioni di imprese che hanno presentato appelli all Unione Europea perché mettesse mano a questa situazione. La Norvegia è sempre riuscita a trovare scappatoie. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 12

13 A quanto pare però le cose potrebbero cambiare. La compagnia statale norvegese sta preparando il proprio casino online, e al lancio di questo, potrebbe coincidere l apertura ai concorrenti europei. Il casinò di Norsk doveva fare il suo debutto nell agosto scorso, ma è non è escluso che questo ritardo sia stato voluto dal governo socialista per cercare di salvaguardare il divieto. Oggi con il cambio al governo potrebbero non volerci che soli mesi prima di vedere approdare sul mercato del gioco online le maggiori imprese europee. Rassegna WEB di mercoledì 9 ottobre 2013 Pag. 13

Attività svolte dalla Consulta sul gioco con premi in danaro. Dal 6 dicembre 2012 al 8 ottobre 2013

Attività svolte dalla Consulta sul gioco con premi in danaro. Dal 6 dicembre 2012 al 8 ottobre 2013 Attività svolte dalla Consulta sul gioco con premi in danaro Dal 6 dicembre 2012 al 8 ottobre 2013 Come richiesto dalla Delibera C.C. 13/2012, istitutiva della Consulta sul gioco con premi in danaro, il

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE

PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE PROPOSTA DI LEGGE ALLE CAMERE AI SENSI DELL ARTICOLO 121 DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA E DELLA LETTERA N), COMMA 4), ART. 26 DELLO STATUTO DELLA REGIONE CAMPANIA concernente DISPOSIZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Gruppo Consiliare LEGGE REGIONALE 21 OTTOBRE 2013 - N. 8 NORME PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO INDICE Le finalità della Legge... pag. 4 Le squadra... pag. 5 I destinatari...

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI.

Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI. Riportiamo a tutti i nostri clienti quanto scritto da SAPAR sulle disposizioni riguardanti il Decreto BALDUZZI. In osservanza delle disposizioni dettate dal Decreto Balduzzi ai comma 5 e 8 dell art. 7,

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA N. 9 Del 29/01/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI FUNZIONAMENTO DEGLI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI CON VINCITA

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE

GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE GIOCHI, GINESTRA (ASSOSNAI): "AGENZIE IN CRISI: VIA LE TABACCHERIE SCOMMESSE DA BAR E ROMA - Razionalizzare la rete di scommesse in Italia che "non può sopportare più di 3 mila punti fisici (contro gli

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

L esperienza del Comune di Bolzano

L esperienza del Comune di Bolzano Seminario nazionale: La diffusione del gioco d azzardo nei territori urbani. Riflessioni sulle competenze amministrative e sociali degli enti locali L esperienza del Comune di Bolzano Mauro Randi Assessore

Dettagli

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale

Le conseguenze della legge regionale ligure n.17/2012 e del regolamento comunale di Genova sul gioco legale CONFINDUSTRIA SISTEMA GIOCO ITALIA FIEPeT Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici di Genova, aderente a Confesercenti Federazione Italiana Tabaccai della provincia di Genova CONFERENZA STAMPA

Dettagli

9 marzo 2016. Tassazione giochi

9 marzo 2016. Tassazione giochi Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Nota a cura di Paola Serra Tassazione giochi 9 marzo 2016 Introduzione La tassazione dei giochi ha subito profondi cambiamenti nel tempo, rispondendo alle mutate

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 )

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Ente cui è attribuita la riserva Governance Esercizio Scelte politiche Art. 1 D.Lvo. 496 del 14/4/48 L'organizzazione e l'esercizio di giuochi di abilità e

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni

Il lavoro del nuovo esecutivo in materia di giochi e scommesse. Di Stefano Sbordoni Dl fiscale. Versamento Preu con F24, tassa sulla vincite e requisiti antimafia. Tutte le modifiche per il settore giochi In: Politica, Primopiano 4 aprile 2012-16:47 Le peculiarietà del sistema concessorio.

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo

Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.bxm.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.02 Giu 23 2011 Lettera al Comparto Una nuova iniziativa ANDI contro l'abusivismo Ogni giorno nel nostro Paese migliaia di cittadini

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

Malati d azzardo, facciamone una malattia

Malati d azzardo, facciamone una malattia Doc. 1/ Ottobre 2012 Malati d azzardo, facciamone una malattia di Francesco Chiavarini Sommario Decreto legge del governo sul gioco: ridimensionato rispetto agli intenti iniziali, disciplina la pubblicità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1353

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1353 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 1353 Misure di contrasto al fenomeno della ludopatia e razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico 17/08/2015-14:05 Indice

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

AVVERTENZE PER I GIOCATORI

AVVERTENZE PER I GIOCATORI AVVERTENZE PER I GIOCATORI In applicazione della Legge 8 novembre 2012, n. 189, art 7 - comma 5 Il gioco d azzardo può creare dipendenza patologica Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che varie persone

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini.

Assiste il Vice Segretario Generale Dott. Mauro Donini. C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 068 DEL 21 LUGLIO 2015 OGGETTO: MOZIONE SU GIOCO D AZZARDO L anno duemilaquindici il giorno ventuno del mese di luglio alle ore

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Protocollo n 2011/30011/giochi/UD Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CONTRO LE SALE DA GIOCO E VIDEO-POKER. L'anno Duemilatredici il giorno Ventinove del mese di Maggio alle ore 17.30, nella sala delle adunanze consiliari

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] AL COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) Servizio SUAP INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI GIOCHI LECITI presso esercizi non in possesso di Autorizzazione ex artt.86 o 88 TULPS R.D. 18/6/1931 n.773 domanda

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

MOZIONE. Il Senato, considerato che:

MOZIONE. Il Senato, considerato che: MOZIONE Il Senato, considerato che: in questi ultimi anni il mercato dei giochi nel nostro Paese è cresciuto a livelli esponenziali. Non c'è angolo delle nostre città dove non siano sorti game point ad

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio Al Presidente del Consiglio Comunale dott. Carmine MESSAGGIERO Piazza Giovanni Paolo II 20832 DESIO (MB) e per conoscenza, al Sindaco di Desio ing. Roberto Corti e per conoscenza, ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Comune di Rosà (VI) Allegato 1) C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento in attuazione di quanto disposto

Dettagli

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso

Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude il 19 alla Casa del Jazz con Camusso APPUNTI RELAZIONE METTIAMO IN GIOCO LA LEGALITA NEL TERRITORIO Segretario Gervasio Capogrossi Roma 17 febbraio 2015 Ringraziamento agli invitati Iniziativa in ambito Carovana della Legalità che si conclude

Dettagli

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Di Paola Manca 1 Il mio intervento analizzerà gli effetti della diffusione

Dettagli

Corte dei Conti. SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010

Corte dei Conti. SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010 N. 2 /2010/CONS Corte dei Conti SEZIONI RIUNITE Adunanza del 24 maggio 2010 Vista la nota n. 37901 del 21 marzo 2008 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello StatoIspettorato Generale di Finanza

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO

IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. promulga. la seguente legge: PREAMBOLO Legge Regionale Toscana L.R. 18 ottobre 2013, n. 57 Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT

ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ANALISI MERCATO DEL GIOCO E DEL SETTORE NEWSLOT ELABORAZIONE DATI A CURA DEL CENTRO STUDI AUTOMAT INDICE DEL DOCUMENTO AUDIZIONE DR. MAGISTRO ALLA COMMISSIONE FINANZE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI...2 SCENARIO

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.

APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18. Al Sindaco del Comune di OSTUNI APPARECCHI PER IL GIOCO LECITO DI CUI AGLI ARTT. 86 E 110, COMMI 6 E/O 7 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA, APPROVATO CON R. D. 18.06.1931, N. 773 Denuncia

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO

NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME PER LA PREVENZIONE DEI DANNI CAUSATI DALLA LUDOPATIA E LA REGOLARIZZAZIONE DEL GIOCO Gian Luca VIGNALE (primo firmatario) Relazione Con la presente proposta di legge,

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLE FINANZE D.M. 31 gennaio 2000, n.29 Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della (G.U. 22 febbraio 2000, n. 43) IL MINISTRO DELLE FINANZE Visto il decreto legislativo

Dettagli

AGENZIA IPPICA WINNER-4094.,

AGENZIA IPPICA WINNER-4094., SENT. 46/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti giudici: dott. Ivan DE MUSSO Presidente dott. Enrico

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 93 Operativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza.. Pubblica sicurezza e ordine pubblico

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 169 del 20/12/2013 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2013, n. 43 Contrasto alla diffusione del gioco d azzardo patologico (GAP). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Senato della Repubblica. n. 312 Supplemento. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA

Senato della Repubblica. n. 312 Supplemento. RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati. Giunte e Commissioni GIUNTE E COMMISSIONI XVII LEGISLATURA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO SOMMARIO Resoconti Allegati n. 312 Supplemento GIUNTE E COMMISSIONI Sedute di mercoledì 19 novembre 2014 19 novembre 2014 Indice

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI

C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI C O M U N E D I B R I N D I S I SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE UFFICIO ESERCIZI PUBBLICI OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA, AI SENSI DELL ART.19 DELLA L. N.241/90, DI INIZIO ATTIVITA DI SALA PUBBLICA PER

Dettagli

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1).

D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). D.Dirett. 27 luglio 2011 (1). Determinazione dei criteri e parametri numerico quantitativi per l'installabilità di apparecchi di cui all'articolo 110, comma 6 del T.U.L.P.S. (2) (1) Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AI SOCI Quando si parla di somministrazione di alimenti e bevande all interno di circoli privati ci si riferisce alla possibilità di avere all interno della sede

Dettagli

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18 Note Esplicative Di seguito vengono riportate brevi note esplicative sulle attività connesse all esercizio e all utilizzo degli apparecchi di cui al comma 6 lettera a), art. 110 T.U.L.P.S. Ai soli fini

Dettagli

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1%

Ing.%Giovanni%Carboni% %3%ottobre%2013%% 1% STORIA%E%ATTUALITÀ%DEL%GIOCO%A%DISTANZA%ITALIANO% Abstract( La presente scheda fornisce una sintesi della storia del gioco a distanza con vincita in denaro in Italia,interminidinormativaedidimensionietrenddelmercato.

Dettagli

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI 15 - SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE ORDINANZA N. 362 del 26/11/2015 OGGETTO: Disciplina comunale degli orari di esercizio delle sale giochi autorizzate ai sensi

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

VI COMMISSIONE PERMANENTE

VI COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 11 settembre 2013 32 Commissione VI VI COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze) S O M M A R I O INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA: Variazione nella composizione della Commissione... 32 5-00974 Busin:

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (30)

LEGGE REGIONALE N. (30) approvata dal Consiglio regionale nella seduta dell 1 febbraio 2014 -----

Dettagli

RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011

RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011 Premessa RELAZIONE GIOCO D AZZARDO Anno 2011 Il gioco d azzardo ha assunto, negli ultimi anni, una dimensione molto significativa su tutto il territorio nazionale. La Provincia di Lecco è passata, nel

Dettagli

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008

Il contrasto al gioco illegale online RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 AAMS Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2008 SOMMARIO 3 LA REALTÀ VIRTUALE 4 IL QUADRO NORMATIVO 5 IL PANORAMA INTERNAZIONALE 7 LE AZIONI DI AAMS 11 RISULTATI OTTENUTI

Dettagli

XII COMMISSIONE PERMANENTE

XII COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 18 giugno 2015 151 Commissione XII XII COMMISSIONE PERMANENTE (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ).

Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ). D.M. 31 gennaio 2000, n. 29 (1). Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ). ------------------------ (1) Pubblicato

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3012 Seduta del 16/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI. Mercoledì 11 giugno 2014. Finanze (VI)

CAMERA DEI DEPUTATI. Mercoledì 11 giugno 2014. Finanze (VI) INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA CAMERA DEI DEPUTATI Mercoledì 11 giugno 2014 Finanze (VI) Mercoledì 11 giugno 2014. Presidenza del vicepresidente Michele PELILLO. Interviene il Sottosegretario di Stato

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Comune di Galliera rovincia di Bologna DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 49 del 29/07/2015 Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO ER LA DISCILINA DEGLI ORARI ER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI GIOCO LECITO SUL

Dettagli

02-08-2007 Tolleranza zero contro gli abusi - Il contributo Fipe nella lotta al disagio giovanile e sociale

02-08-2007 Tolleranza zero contro gli abusi - Il contributo Fipe nella lotta al disagio giovanile e sociale 02-08-2007 Tolleranza zero contro gli abusi - Il contributo Fipe nella lotta al disagio giovanile e sociale TOLLERANZA ZERO CONTRO GLI ABUSI Il contributo di Fipe nella lotta al disagio giovanile e sociale

Dettagli