Lettera del Presidente. Lettera dell Amministratore Delegato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lettera del Presidente. Lettera dell Amministratore Delegato"

Transcript

1

2

3 Lettera del Presidente Lettera dell Amministratore Delegato La strategia della responsabilità sociale d impresa di GTECH integra il nostro obiettivo teso a gestire le attività di gioco con il più alto livello di integrità, trasparenza e sicurezza per i giocatori, i regolatori e le comunità servite. La nostra esperienza come operatore di gioco ci permette di offrire questi benefici ovunque operiamo. GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) riconosce che la responsabilità sociale d impresa è la chiave per essere un buon cittadino e operare con un business di successo. Sviluppando questo principio a livello globale, la società è impegnata a trasferire i benefici derivanti da tale approccio assistendo direttamente i clienti, i giocatori e i dipendenti laddove vivono e lavorano. L industria del gioco contribuisce in modo affidabile e sostenibile alle entrate dello Stato e delle agenzie governative al fine di garantire servizi essenziali, come la sanità e l educazione scolastica, attraverso programmi di gioco trasparenti, sicuri e regolati. La responsabilità d impresa è parte distintiva e al tempo stesso integrante della nostra identità e riconosciamo pienamente che questa impostazione deve caratterizzare tutte le nostre operazioni quotidiane. Per assicurare ciò la nostra strategia d impresa di lungo termine è costruita su tre pilastri: 1. Responsabilità sociale, che imposta l operatività sui principi del gioco responsabile e della protezione del giocatore, dedicando un focus particolare alle necessità della comunità, con una speciale enfasi su sport giovanili, cultura, ricerca e formazione professionale; 2. Responsabilità ambientale, che include il monitoraggio e la riduzione dell impatto ambientale delle attività aziendali, la compensazione delle emissioni attraverso progetti e investimenti specifici finalizzati a garantire una riduzione dei consumi di energia; 3. Responsabilità economica verso gli azionisti, che include un modello di governance bilanciato e trasparente fondato sull impegno a attuare una crescita sostenibile di lungo termine in un contesto globale. Il successo del programma di responsabilità sociale d impresa di GTECH continuerà, anche per gli anni a venire, a risiedere sull impegno della Società a vincere la sfida su queste tre aree. Considerando i tre pilastri che sostengono la nostra missione aziendale e il lavoro quotidiano di tutti i dipendenti, siamo fiduciosi di poter continuare a svolgere negli anni a venire un ruolo sempre più di supporto per le comunità di riferimento. Lorenzo Pellicioli Presidente Per GTECH la responsabilità sociale d impresa significa essere coerenti con i principi delineati nel nostro Codice di Condotta, oltre a incoraggiare un dialogo aperto con le persone e le comunità direttamente e indirettamente coinvolte nell attività del nostro business. Nell ottobre del 2011 la Commissione Europea ha pubblicato una policy completa sulla responsabilità sociale d impresa. Lo scopo di questa iniziativa è di assicurare che le aziende mettano in atto un processo di integrazione delle questioni ambientali, sociali, etiche, sui diritti umani e del consumatore nella propria strategia e nella gestione operativa del business, in stretta collaborazione con i loro stakeholder (European policy sulla CSR, ottobre 2011). Sono orgoglioso di poter dire che, molto prima della definizione di questa policy, GTECH è stata la prima società di giochi in Italia a perseguire con convinzione un programma di gioco responsabile, dal momento che abbiamo sempre creduto che la protezione del giocatore sia un principio basilare della responsabilità sociale nel mercato in cui operiamo. In seguito al percorso di crescita che abbiamo compiuto nel corso degli anni, questo approccio è stato esteso in modo da includere la riduzione dell impatto ambientale delle nostre attività come questione rilevante, ferma restando l attenzione costante rivolta alle comunità di riferimento attraverso modelli positivi di integrazione sociale realizzati con interventi a favore dello sviluppo della collettività. Oggi GTECH è una multinazionale impegnata a tutto campo in una strategia di lungo termine di responsabilità aziendale: è nostra intenzione continuare a promuovere questo approccio anche in futuro, rendendolo sempre di più il cardine della nostra vision aziendale. I risultati presentati in questo bilancio di sostenibilità 2012 sono di grande soddisfazione. Oltre alla conferma e al rafforzamento delle nostre politiche di approccio responsabile al gioco, in particolar modo a tutela delle fasce più deboli della popolazione, abbiamo ampliato la sezione dedicata alle politiche ambientali che è cresciuta considerevolmente grazie alla rendicontazione dei dati provenienti dai nostri uffici presenti in diversi Paesi del mondo. Un compito ambizioso per il quale è valsa la pena di lavorare. Il bilancio descrive, inoltre, gli sforzi compiuti dall azienda a supporto delle popolazioni colpite da eventi catastrofici, come il terremoto in Emilia e l uragano Sandy negli Stati Uniti. Oltre a un supporto finanziario, siamo stati in grado di mobilitare molti volontari il cui lavoro ha rappresentato un sostegno fondamentale per quelle comunità impegnate a ricostruire le proprie vite e le proprie case. Presento con piacere questo bilancio, compilato secondo le linee guida del Global Reporting Initiative che rappresenta, a livello mondiale, lo standard di reporting più diffuso. Il bilancio, revisionato da una terza parte indipendente, presenta un ampia gamma di iniziative realizzate i cui risultati testimoniano la leadership raggiunta da GTECH nella strategia di corporate responsibility. Vi invito a leggere e scoprire come, attraverso molteplici esempi da tutto il mondo, GTECH stia fornendo benefici tangibili e duraturi alle comunità che ha il privilegio di servire. Marco Sala Amministratore Delegato 4 5

4 IL PROFILO DI SINTESI IL GRUPPO GTECH Il profilo di sintesi 6 7

5 t IL PROFILO DI SINTESI IL 2012 IN BREVE Il 2012 in breve +3,8% 249 1,7 3,6 62% Contributo alle entrate erariali ( miliardi) ( milioni) in Italia Remunerazione della P.A. Imposte e tasse ( milioni) 100% +25% rinnovabili (Italia) Rifiuti inviati a riciclo (Italia) +81% 47% CONTRIBUTI Alberi piantati Energia da fonti ALLA P.A. uso ufficio (Italia) 5 Carta riciclata AMBIENTE r m o ISO 14001:2004 (sedi) a n VAR.% 2011 Certificazione c 2012 e Ricavi ( milioni) EBITDA PERFORMANCE ECONOMICA I 3.075,7 +3,4% n d i c a 1.031,8 +6,3% Valore aggiunto netto ( milioni) Utile netto ,5% Investimenti AZIONISTI 233,1 +34,7% Risultato 251,3 operativo per azione ( ) Dividendo unitario ( ) Road show 3,38 +8,0% 0,73 +2,8% 16 f ,9 +16,8% Presenza dei fornitori (Paesi) Costi intermedi ( miliardi) della produzione +2% 4,9 Totale fornitori FORNITORI gestite da N. di chiamate call center in Italia (milioni) in Italia N. retailer +4% r P e y RETAILER N. di interventi di e Retailer negli USA assistenza negli USA K COMUNITÀ ( milioni) - cultura - sport - sociale 3,5 o r della comunità di cui: 5,8 PERSONALE indeterminato gioco responsabile ( milioni) Contributi a favore 2,2 Investimenti nel 11,5 +2,2% Personale Personale femminile Presenza del personale (Paesi) Ore di formazione erogate Assunzioni Rapporti a tempo 1,8 +5,9% 98,4% ,3% ,8% ,8%

6 IL PROFILO DI SINTESI La strategia di sostenibilità di GTECH La strategia di sostenibilità di GTECH Corporate Governance Nel primo capitolo del bilancio viene analizzato il modello di corporate governance adottato, che persegue principi di trasparenza e integrità in considerazione della dimensione globale dell Azienda e delle varie norme alle quali è soggetto nei Paesi in cui opera. Gioco responsabile Gioco responsabile Nel secondo capitolo del bilancio vengono approfonditi i vari impegni e attività che afferiscono alla promozione di un contesto di gioco sano, moderato e responsabile, che rappresenta un elemento centrale della strategia di sostenibilità dell Azienda sia per quanto riguarda le attività italiane, che impattano direttamente sul giocatore, sia per quanto riguarda le attività in veste di fornitore di soluzioni e strumenti di gioco responsabile. Stakeholder engagement Nel quarto capitolo, relativo alla responsabilità sociale, vengono riportate le informazioni di dettaglio in riferimento a ciascun stakeholder, mentre una sintesi dei principali indicatori è riportata nelle tabelle che seguono; un particolare approfondimento è stato dedicato all informativa sul personale. Iniziative per la comunità Sempre nel quarto capitolo del bilancio sono descritte le iniziative dell Azienda dedicate al sostegno e allo sviluppo delle comunità locali nelle quali opera e in particolare in Italia e negli Stati Uniti, le aree operative più importanti di radicamento storico. Sostenibilità ambientale Fiducia Nel quinto capitolo del bilancio viene ampiamente rendicontato l impatto ambientale delle attività aziendali, i sistemi di gestione adottati nelle principali sedi in tutto il mondo e le certificazioni ottenute. Inoltre per quanto riguarda l Austria che rappresenta un altra sede importante di attività in Europa insieme all Italia, è stato effettuato un importante sforzo di misurazione degli impatti. Rendicontazione trasparente Anche questa sesta edizione del Bilancio di Sostenibilità (in precedenza Bilancio Sociale) è soggetta a revisione da parte di una società terza indipendente e in aggiunta, a una verifica diretta da parte del Global Reporting Initiative che ha riconosciuto il livello A+ (il più alto possibile) di accreditamento alle quattro edizioni precedenti. Tutto ciò a dimostrazione della volontà dell Azienda a rendicontare in modo trasparente e completo delle proprie performance sociali, economiche e ambientali verso i propri stakeholder. Crescita responsabile come premessa indispensabile per la creazione di valore costante e sostenibile nel tempo

7 IL PROFILO DI SINTESI Stakeholder engagement Stakeholder engagement PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI E INIZIATIVE AVVIATE NEL 2012 STAKEHOLDER IMPEGNI RISULTATI CONSEGUITI E INIZIATIVE AVVIATE REGOLATORI condividere le strategie di contrasto al gioco illegale e problematico garantire una gestione dei giochi in concessione secondo i criteri di sicurezza, affidabilità, integrità e efficienza rispondere in modo efficace alle tendenze di liberalizzazione dei mercati nazionali nel mondo adozione di un programma strutturato e condiviso con l Agenzia delle Dogane e Monopoli (ADM) di iniziative finalizzate alla prevenzione del gioco problematico e alla tutela delle categorie vulnerabili collaborazione nelle attività di prevenzione e lotta al gioco illegale implementazione di soluzioni tecnologicamente innovative volte a incrementare i livelli di sicurezza dei sistemi di gioco e dei presidi antifrodi crescente ricorso delle amministrazioni nazionali al know how e alle capacità dell Azienda di gestire in modo efficiente e flessibile l organizzazione dei giochi partecipazione attiva alle iniziative di auto-regolazione promosse dalle Associazioni internazionali di settore e dalla Federazione Giochi di Confindustria in Italia contributo di Lottomatica alle entrate erariali in Italia derivanti dai giochi: 44,4% AZIONISTI PERSONALE parità di trattamento informativo di tutte le categorie di azionisti e investitori rendicontazione completa, trasparente e tempestiva rispetto delle diversità valorizzazione del merito impegno alla crescita del capitale umano qualità dell ambiente di lavoro nel 2012 il patrimonio netto per azione è di 15,32 euro. la remunerazione degli azionisti con dividendo di 0,73 /cent per azione è stata incrementata rispetto al 2011 effettuati 216 incontri con investitori istituzionali, 16 road show, 3 incontri con la comunità finanziaria crescita dei livelli occupazionali complessivi di Gruppo (+6,8%) oltre il 98% del personale assunto a tempo indeterminato notevole riduzione dei differenziali retributivi di genere nelle sedi USA i tassi di infortunio sul lavoro e l assenteismo indicano un ottima qualità dell ambiente di lavoro nel 2012 più del 78% del personale di Lottomatica in Italia e il 96% del personale di GTECH Lotteries e SPIELO International è stato sottoposto a valutazione notevole incremento di ore di formazione erogate (+24,3%) per una media di 11,5 ore per partecipante (oltre ore totali erogate) in Italia sistema di gestione della salute e sicurezza certificato secondo la norma OHSAS 1800 canali di comunicazione attivati tra l azienda e i dipendenti: Integrity Line, Ask the board, Ufficio Compliance GIOCATORI assicurare un gioco divertente e sicuro perseguimento continuo della strategia di innovazione di prodotto tutelare il giocatore dalle pratiche di mantenimento di alti livelli di soddisfazione dei giocatori gioco improprie o dannose ulteriore miglioramento degli elevati standard di sicurezza e trasparenza nella comunicazione trasparenza per il giocatore realizzazione di biglietti e di procedure in grado di migliorare le garanzie contro le frodi ricerche di mercato continuative nel corso dell anno ( 51 ricerche di cui 13 qualitative per un totale di interviste) Contact Center b2c per l assistenza tecnica ai giocatori on line programma di iniziative sul gioco responsabile per prevenire il gioco problematico e il gioco minorile, tra le quali: sviluppo di best practice nell ambito della verifica dell età dei giocatori riconferma della partecipazione attiva di GTECH al National Council on Problem Gambling (NCPG) supporto alla ricerca e monitoraggio studi su gioco problematico: fattori di rischio e di protezione per i giocatori finanziamento della helpline GiocaResponsabile gestita da FeDerSerD per il sostegno ai giocatori problematici e loro familiari 12 13

8 IL PROFILO DI SINTESI Stakeholder engagement PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI E INIZIATIVE AVVIATE NEL 2012 STAKEHOLDER IMPEGNI RISULTATI CONSEGUITI E INIZIATIVE AVVIATE CITTADINI CLIENTI GESTORI DI GIOCHI RETAILER FORNITORI offrire servizi utili al cittadino in alternativa ai canali tradizionali con un ampia serie di vantaggi piena conformità con gli impegni contrattuali adesione ai regolamenti governativi provinciali, statali e nazionali offerta ai clienti di prodotti tecnologicamente avanzati, innovativi e sicuri supporto ai programmi di gioco responsabile garanzia di performance ottimali dei sistemi di gioco e servizio di assistenza superiore assistenza tempestiva e efficace formazione costante dei punti vendita instaurare delle partnership improntate all integrità, al rispetto e all eccellenza offerta di una vasta gamma di servizi integrati rapporti ispirati a principi di integrità, fiducia, rispetto e eccellenza orientamento verso il cittadino: con il progetto Reti Amiche è stato raggiunto l obiettivo di facilitare l accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione riducendo i tempi di attesa indagini di customer satisfaction e crescita dei livelli di soddisfazione newsletter con cadenza quindicinale per gli utenti iscritti al sito operativo il nuovo servizio di trasferimento di denaro Western Union che permette di inviare e ricevere denaro in modo sicuro e veloce in tempo reale GTECH Lotteries ha commissionato a uno studio di professionisti indipendenti di ricerche di mercato un indagine di soddisfazione dei suoi clienti in tutto il mondo adozione di strategie di assistenza tempestiva e completa a favore dei gestori, attraverso i GTECH Lotteries account team mantenimento di una posizione di operatore leader e fornitore di soluzioni tecnologiche ai mercati di gioco regolamentati attenzione ai principi di gioco responsabile attraverso lo sviluppo di soluzioni a tutela dei giocatori e delle categorie vulnerabili (es. minori) soddisfazione del cliente di GTECH Lotteries nel 2012: 75% dei clienti soddisfatto del proprio rapporto con GTECH Lotteries; 72% selezionerebbe nuovamente GTECH Lotteries strumento di gestione dei servizi che consente di seguire le richieste del cliente in tempo reale SMT mantenimento di elevati livelli di soddisfazione complessiva proseguimento dei programmi di formazione, con particolare attenzione al gioco responsabile assistenza capillare alla rete con rete dedicata di agenti supporto tecnico e gestione ordini attraverso canale outbounder il contact center dedicato ai retailer ha gestito in Italia chiamate negli Stati Uniti effettuati interventi di assistenza attuata una procedura di qualificazione per tutti i fornitori dell Azienda mantenimento di un attento monitoraggio della qualità dei fornitori, mediante aggiornamento costante dell indice di qualità del fornitore avviato nel 2012 un processo di archiviazione digitale di gran parte della documentazione cartacea utilizzata per la gestione dei fornitori valutazione delle forniture sulla basi di qualità, costo, capacità di soddisfare la domanda e solidità del fornitore analisi dei fattori di rischio, identificazione e qualificazione dei fattori critici di fornitura per la valutazione del fornitore aggiornamento annuale dei dati dei fornitori di forniture strategiche PRINCIPALI RISULTATI RAGGIUNTI E INIZIATIVE AVVIATE NEL 2012 STAKEHOLDER IMPEGNI RISULTATI CONSEGUITI E INIZIATIVE AVVIATE COMUNITà ITALIA COMUNITà USA E ALtRE COMUNITà AMBIENTE ITALIA, USA E CANADA gestione del business con attenzione agli impatti sociali del gioco e alle categorie vulnerabili sostegno alle associazioni attive nel Terzo Settore nell ambito dell infanzia, disabilità, ricerca e formazione promozione e diffusione della cultura, tutela del patrimonio artistico promozione dei valori dello sport di base creazione di opportunità formative promozione di iniziative comunitarie rafforzamento del coinvolgimento dei lavoratori dipendenti contributo allo sviluppo sostenibile con una riduzione di 440 ton di emissioni di CO2 grazie a una diminuzione dei consumi di energia elettrica e a un minor consumo di gas metano riduzione consumo carta per uso ufficio monitoraggio strutturato dell impatto ambientale e allargamento del perimetro rendicontazione trasparente sull impatto ambientale delle attività aziendali 10,5 milioni di euro distribuiti alle comunità locali in ambito sociale, sportivo e culturale interventi a sostegno delle specialità sportive che incarnano i valori aziendali: lealtà, rispetto, sacrificio, spirito di squadra prosecuzione partnership pluriennali con istituzioni culturali prosecuzione dei programmi a favore dell infanzia, della disabilità e della ricerca e formazione sviluppo e aggiornamento continuo del programma di gioco responsabile e investimento di 1,8 mln di euro su queste tematiche in Italia campagne informative per la prevenzione del gioco minorile in collaborazione con MOIGE e FIT iniziative e campagne informative e di prevenzione del gioco problematico sostegno alle comunità locali e iniziative a sostegno delle famiglie con problemi sociali e economici a partire dal 1999, anno del lancio del programma After School Advantage (ASA) di GTECH Lotteries, sono stati installati 194 laboratori informatici, di cui 23 nel 2012 avvio delle iniziative ASA 2012 a favore delle comunità locali in Columbia, in Canada, in Jamaica, nelle Isole Vergini americane, in Colombia e a Trinidad e Tobago partecipazione dei dipendenti GTECH Lotteries in programmi di volontariato per l assistenza ai bambini nel doposcuola (After School Advantage) e per l aiuto delle fasce disagiate. proseguimento delle iniziative volte a riconoscere e incoraggiare il contributo volontario dei propri collaboratori al benessere delle comunità locali (Community Involvement Programs) sostegno di iniziative per lo sviluppo di aree svantaggiate e povere del pianeta selezione di progetti attraverso un costante confronto con le comunità locali, articolato in incontri con gli enti interessati e valutazione di nuove proposte ottenimento della certificazione ambientale ISO 14001:2004 nelle sedi principali di Rhode Island negli stati Uniti e nelle sedi principali in Italia dove è concentrato il maggior numero di dipendenti raggiungimento della certificazione ISO 50001:2011, relativa all efficienza energetica in Italia partecipazione al Carbon Disclosure Project, volto a promuovere la gestione e il controllo della produzione di gas effetto serra sviluppo del progetto avviato per Parchi per Kyoto con il 5 parco del progetto parchi per l Italia (rimboschimento di alberi nella Zona a Protezione Speciale delle Valli Mirandolesi) allargamento del perimetro di monitoraggio dell impatto ambientale alle sedi austriache mantenimento dell adesione alla Direttiva Europea RoHS sul controllo nell utilizzo di sostanze pericolose negli impianti elettrici e elettronici 14 15

9 IL PROFILO DI SINTESI UN ANNO E OLTRE DI RESPONSABILITà SOCIALE Un percorso di responsabilità sociale 16 17

10

11 IL PROFILO DEL GRUPPO Struttura e attività del Gruppo MISSIONE Il profilo del Gruppo GTECH mira a realizzare i più alti livelli di soddisfazione del cliente promuovendo innovazione continua, fornendo prestazioni superiori e mettendo il cliente al centro delle nostre attività. Noi riconosciamo e promuoviamo un comportamento etico, il gioco responsabile e il servizio alla comunità come fondamento del nostro successo. Trattiamo i nostri dipendenti con rispetto, uguaglianza e equità, attenti a fornire a livello globale un ambiente di lavoro in cui possano eccellere. Cogliamo le opportunità e svolgiamo la nostra attività guidati dal principio della creazione di valore aggiunto per i nostri azionisti. Nel presente documento si farà riferimento a GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) e sue controllate con il termine GTECH Struttura e attività del Gruppo GTECH è un operatore commerciale leader, partner di riferimento e fornitore di soluzioni tecnologiche per l industria del gaming regolamentato a livello mondiale. Offre i migliori prodotti e servizi, con un impegno ai più alti livelli di integrità, responsabilità e creazione di valore per gli azionisti. Nel quadro della strategia dell Azienda di sviluppare il business su scala mondiale tra gli eventi successivi alla chiusura dell esercizio si precisa che in data 8 maggio 2013 l Assemblea dei Soci in sede ordinaria ha deliberato in merito alla variazione della ragione sociale della capogruppo Lottomatica Group S.p.A. in GTECH S.p.A. La nuova denominazione sociale è finalizzata a sfruttare il posizionamento raggiunto dal marchio GTECH nell industria del gioco a livello mondiale. Lottomatica e Spielo continueranno a essere utilizzati come marchi di riferimento per l offerta di prodotti e servizi nei segmenti nei quali operano. Al cambio di denominazione sociale si accompagna anche una nuova struttura organizzativa finalizzata a sostenere la crescita, aumentare l efficienza, dare impulso alla redditività e accelerare il processo di internazionalizzazione del Gruppo per sfruttare appieno le potenzialità di sviluppo. Al 31 dicembre 2012 la struttura del Gruppo si articola in 3 settori operativi: operazioni italiane (per le quali in questo documento si utilizzerà la denominazione Lottomatica); GTECH Lotteries; Spielo International. I dati e le informative del presente Bilancio sono esposti secondo i settori operativi in essere alla data di chiusura del bilancio 2012 e su indicati. A giugno 2013 Lottomatica Group S.p.A. è diventata GTECH S.p.A. La nuova organizzazione sarà incentrata su tre aree geografiche: Americhe; Internazionale; Italia. Ogni area geografica avrà la responsabilità commerciale e dello sviluppo del business per l intero portafoglio di prodotti e servizi dell Azienda, nonché della gestione operativa e amministrativa con servizi ai clienti delle lotterie, apparecchi da intrattenimento, scommesse sportive e giochi interattivi. Le tre aree geografiche saranno supportate da un organizzazione centrale dedicata al coordinamento dell offerta di prodotti e servizi che sarà responsabile dello sviluppo e del marketing per tutte le linee di prodotto oltre che del manufactoring e delivery. La nuova struttura organizzativa sarà progressivamente implementata nel corso del Nel corso degli ultimi anni abbiamo intrapreso diverse iniziative di integrazione. I clienti che inizialmente operavano in singoli segmenti di attività hanno iniziato progressivamente a proporre offerte di gioco sempre più integrate. Con questo nuovo assetto organizzativo stiamo compiendo l ultimo passo per rispondere ancora più efficacemente alle mutate esigenze dei nostri clienti e rafforzare la nostra leadership mondiale nella fornitura di soluzioni rivolte al mercato del gioco regolamentato. Marco Sala CEO GTECH S.p.A. FIG. 1 RICAVI DEL GRUPPO PER SETTORE ( MILIONI) (*) (*) Nei dati esposti in figura non vengono allocati i valori derivanti dalle acquisizioni/eliminazioni contabili (48,974 milioni di euro nel 2012 e 42,359 milioni di euro nel 2011). I ricavi consolidati nel 2012 sono pari a milioni di euro

12 IL PROFILO DEL GRUPPO Struttura e attività del Gruppo Operazioni italiane Spielo International Il settore fornisce e gestisce una gamma completa di servizi per giochi, suddivisa in cinque linee di business principali: significativa esperienza nella gestione di tutte le attività comprese nel ciclo del valore delle lotterie. L Azienda è concessionaria esclusiva del tradizionale gioco del Lotto, e del 10eLotto e dal 2004 di Gratta e Vinci e lotterie tradizionali attraverso la sua controllata lotterie nazionali S.r.l. della quale detiene direttamente o indirettamente il 51,5%; concessioni per la gestione di scommesse sportive e ippiche, nonché il diritto di gestire questo tipo di scommesse a distanza; Gestione diretta degli apparecchi da intrattenimento (AWP) e dei Video Lottery- Terminal (VLT); Offerta di giochi interattivi come skill games, giochi da tavola e fantacalcio; Offerta di servizi commerciali basati sul processing delle transazioni, come ricariche prepagate per telefonia cellulare, pagamento delle utenze, imposte e tributi locali, produzione e vendita di valori bollati, servizi di biglietteria sportiva e musicale. FIG. 2 OPERAZIONI ITALIANE: NUMERO DI TRANSAZIONI FIG. 3 OPERAZIONI ITALIANE: VALORE DELLE TRANSAZIONI Nel corso dell esercizio il settore di SPIE- LO International ha assorbito il segmento GTECH G2 (diventato ora SPIELO G2). SPIELO International e SPIELO G2 forniscono un integrata offerta di prodotti attraverso diversi canali, sia per gli operatori, sia per i giocatori. In particolare, il settore: progetta, sviluppa, produce e offre macchine, giochi, sistemi e software per il mercato regolamentato dei giochi a livello mondiale includendo: Giochi, Video Lottery Terminal (VLTs), sistemi centrali e software associati per la distribuzione sul mercato regolato dai Governi; Giochi e VLT, anche conosciuti come Video Gaming Terminals (VGT) o Video Gaming Machines (VGM) per operatori di mercato; Sistemi, software, giochi, e video slot per il mercato dei casinò; Giochi e cabinet vendute attraverso delle partnership per il mercato delle AWP; Servizi e prodotti di intrattenimento multicanale per casinò, poker, bingo e lotterie; Soluzioni per lo sviluppo di operazioni in tempo reale sistemi computerizzati per il mercato delle scommesse sportive. FIG. 4 STRUTTURA DEL GRUPPO al 31/12/2012 Nel 2012 Lottomatica ha gestito in Italia oltre 10 miliardi di transazioni per un valore di oltre 39 miliardi di euro con un incremento rispetto al 2011 del 12,8% e del 3,8%. GTECH Lotteries GTECH Lotteries è il principale operatore di lotterie e fornitore di servizi e tecnologie per i sistemi di elaborazione di elevata sicurezza per le lotterie online. Come operatore principale, GTECH Lotteries supporta i regolatori governativi che gestiscono le lotterie online. Nei contratti di gestione dei servizi, GTECH Lotteries supporta i retailer che sono qualificati a offrire prodotti di gioco e sono connessi con GTECH Lotteries tramite un sistema di lotteria centralizzato. GTECH Lotteries: sviluppa e progetta nuove tecnologie per i sistemi centrali delle lotterie; crea nuovi marchi di giochi che vengono autorizzati dalle giurisdizioni e dagli Enti regolatori; progetta, produce e distribuisce i biglietti per le lotterie istantanee; installa una grande varietà di software e di terminali di gioco per la distribuzione dei prodotti di gioco; fornisce servizi finanziari e commerciali che sono affidabili, sicuri e con un alto volume di transazioni. NOTA: In base alla delibera assembleare dell 8 maggio 2013, con efficacia dal 3 giugno 2013, la Società ha modificato la denominazione sociale da Lottomatica Group S.p.A. a GTECH S.p.A

13 IL PROFILO DEL GRUPPO La Corporate Governance e Compliance La Corporate Governance e Compliance La Società è organizzata secondo il modello tradizionale, che si articola nell Assemblea dei soci, nel Consiglio di Amministrazione e nel Collegio Sindacale. Per una più approfondita disamina delle modalità di governo societario e per un illustrazione dei profili degli Amministratori, si rimanda alla relazione sul governo societario e gli assetti proprietari per l esercizio 2012, predisposta ai sensi degli artt. 123-bis del Testo Unico della Finanza, 89-bis e 144-decies del Regolamento Emittenti di CONSOB, approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 12 marzo 2013 e pubblicata sul sito Di seguito vengono sinteticamente richiamati gli aspetti principali di funzionamento degli organi societari, con specifico riferimento alle novità apportate nel corso dell esercizio Nel corso dell esercizio la Società ha continuato a aderire al Codice di Autodisciplina degli Emittenti quotati emanato da Borsa Italiana S.p.A., recependo le novità di volta in volta apportate. A seguito delle novità introdotte dal Codice, il Consiglio di Amministrazione ha modificato il proprio regolamento, prevedendo in particolare un tetto massimo al numero di incarichi altrove detenuti dai consiglieri di amministrazione, soglie di rilevanza per le operazioni compiute dalla Società, anche per il tramite delle società controllate, da riservare al Consiglio di Amministrazione, nonché nuove competenze in materia di controlli interni e di gestione dei rischi. FIG. 5 LA STRUTTURA DI GOVERNANCE DI GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) AL 31 DICEMBRE 2012 GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) è risultata finalista nell ambito del Premio Speciale per la governance societaria dell Oscar di Bilancio edizione Il Consiglio di Amministrazione Come previsto dallo statuto, spettano al Consiglio di Amministrazione tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione della Società. In caso di urgenza il presidente, su proposta dell Amministratore Delegato, può prendere qualsiasi provvedimento di competenza del Consiglio di Amministrazione, informando il predetto organo nella seduta successiva. Degli attuali amministratori, otto sono stati nominati dall Assemblea degli azionisti del 28 aprile A seguito delle dimissioni del prof. Severino Salvemini, l assemblea del 28 aprile 2012 ha nominato la prof. Donatella Busso membro del Consiglio di Amministrazione, in qualità di amministratore indipendente. Tutti gli amministratori rimangono in carica per tre esercizi e sono rieleggibili. Il Consiglio ha recepito nelle Disposizioni in materia di operazioni con parti correlate, le disposizioni emanate dalla Consob in materia di operazioni con parti correlate e le mantiene costantemente aggiornate in modo da risolvere a vantaggio dell Azienda eventuali conflitti di interesse con i singoli amministratori. Nel corso del 2012 il Consiglio si è riunito otto volte e il tasso di partecipazione degli amministratori è stato complessivamente dell 84%, e del 95% per i soli amministratori indipendenti. Il Consiglio ha inoltre effettuato una valutazione in merito all adeguatezza dell organizzazione e del funzionamento del consiglio stesso e dei comitati interni. I risultati dell esercizio di valutazione hanno evidenziato l adeguatezza del mix tra amministratori esecutivi, non esecutivi e indipendenti e la loro positiva eterogeneità professionale; l adeguata frequenza delle riunioni del consiglio e il livello di cooperazione con i comitati; la chiarezza delle deliberazioni consiliari. Elementi di migliorabilità sono emersi riguardo al numero medio di incarichi assunti dagli amministratori non esecutivi e ai livelli di conoscenza di tutti gli aspetti della Società e del business. Per il secondo esercizio consecutivo, il Consiglio di Amministrazione, su proposta del Comitato per la remunerazione e le nomine, ha predisposto e presentato all Assemblea del 9 maggio 2012 la relazione concernente la remunerazione degli amministratori, del direttore generale e degli altri dirigenti con responsabilità strategiche della Società, ai sensi degli articoli 6 del Codice, 123-ter del TUF, e 84-quater del Regolamento Emittenti di Consob. La relazione è disponibile sul sito in inglese e in italiano. Il Comitato per la remunerazione e le nomine Il Comitato per la remunerazione e le nomine, istituito in data 29 aprile 2011, è composto esclusivamente da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti. Nella riunione del 26 luglio 2012 il Consiglio di Amministrazione ha modificato il regolamento del comitato per la remunerazione, attribuendogli nuove competenze consultive e propositive in materia di composizione e dimensione del consiglio, cooptazione di amministratori indipendenti e di verifiche iniziali e periodiche di sussistenza dei requisiti di indipendenza e onorabilità, nonché di assenza di cause di incompatibilità, ineleggibilità o decadenza in capo agli amministratori. Al comitato sono state inoltre attribuite nuove competenze in materia di remunerazione. Il comitato redige una relazione annuale sulla remunerazione, pubblicata insieme al bilancio della Società

14 IL PROFILO DEL GRUPPO La Corporate Governance e Compliance Il Comitato controllo e rischi A seguito dell ampliamento dei compiti attribuiti dal consiglio di amministrazione, nel corso dell esercizio, il comitato di controllo interno ha assunto la denominazione di comitato di controllo e rischi, allo scopo di assicurare il necessario coordinamento tra i diversi organi di controllo della Società e di includervi l identificazione, la misurazione e il monitoraggio dei rischi aziendali. Al fine di garantire un adeguato coordinamento tra i diversi organi, alle riunioni del comitato partecipano, di regola, Il sistema di controllo interno e gestione rischi il presidente del collegio sindacale o altro sindaco, il responsabile della internal audit e i funzionari che lo coadiuvano, il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, il chief compliance officer, il segretario del consiglio di amministrazione e, su invito del presidente eventualmente circoscritto a singoli argomenti all ordine del giorno, chiunque sia da questi ritenuto utile al proficuo svolgimento della riunione, anche se non dipendente della Società o di sue controllate. Il sistema di controllo interno e gestione dei rischi è l insieme di regolamenti e procedure mirate a identificare, misurare, gestire e monitorare i principali rischi cui la società è sottoposta. Il sistema è conforme alle raccomandazioni del Codice di Autodisciplina degli emittenti quotati emanato da Borsa Italiana S.p.A, e tiene inoltre conto dei requisiti stabiliti dal COSO ERM Framework, riconosciuto come best practice a livello nazionale e internazionale. Il sistema è composto da: - ruoli e responsabilità circa il controllo interno e la gestione dei rischi assegnati al Consiglio di Amministrazione, con particolare riferimento all istituzione del comitato controllo e rischi e alla nomina di un amministratore incaricato del sistema; - organi specifici dedicati alla compliance, come a esempio l organismo di vigilanza ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001, e il Global compliance and governance committee; - un programma di global compliance sotto la responsabilità del chief compliance officer; - una funzione legale specializzata sul monitoraggio del rischio di evoluzione normativa e regolamentare; - il presidio delle tematiche in materia di governo societario in capo alla funzione corporate affairs; - una funzione di risk management specializzata nella gestione del profilo di rischio assicurabile del business; - politiche e procedure specifiche per la gestione dei rischi finanziari; - attività di controllo interno sul processo di informativa finanziaria (L. n. 262 del 2005) a supporto delle attività del dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e finanziari. Il Comitato degli amministratori indipendenti Il Comitato degli amministratori indipendenti è stato investito della supervisione del sistema di governo societario, in aggiunta alla competenza sulle cosiddette operazioni con parti correlate. Nel corso del 2012, il Comitato degli amministratori indipendenti si è riunito un unica volta in occasione di due operazioni con parti correlate, ritenute dal comitato quali operazioni ordinarie e quindi escluse dal campo di applicazione delle relative disposizioni della Consob, come recepite dalla Società. Le procedure e le misure previste a tutela dell Azienda, contro i rischi di corruzione Nell ambito delle attività connesse al Modello 231/01, tutte le divisioni interne al Gruppo sono costantemente sottoposte a analisi dei rischi legati alla corruzione e nel 2012 è proseguita l attività di formazione rivolta al personale di GTECH sui diversi aspetti coperti dal Modello Il collegio sindacale Nel corso del 2012 si sono tenute 12 riunioni del collegio sindacale, con un grado di partecipazione pari al 100%. L organismo di vigilanza L organismo opera sulla base di principi di autonomia e indipendenza, è presieduto da un amministratore indipendente che ricopre anche la carica di presidente del comitato controllo e rischi e svolge funzioni di vigilanza e controllo sul funzionamento, sull efficacia, sull adeguatezza e l osservanza del modello di organizzazione, gestione e controllo. Nel corso del 2012 ci sono state cinque riunioni dell organismo di vigilanza, sempre assistite da tutti i suoi membri. Ciascuna società controllata ha istituito un proprio organismo di vigilanza, di solito composto da dirigenti della Società e professionisti esterni. 231, incluse le tematiche relative all anticorruzione. A conoscenza dell Azienda, nel corso dell esercizio 2012 non si sono verificati episodi di corruzione, né sono state concluse azioni legali riguardanti pratiche di corruzione contro l Azienda o i suoi dipendenti. Il programma di Compliance e Governance Per assicurare il rispetto dei più elevati standard di etica commerciale di integrità e di ottemperanza alle leggi e normative che disciplinano le proprie attività su scala globale, l Azienda ha adottato un programma unitario denominato global compliance e governance program, che è monitorato dal global compliance and governance committee. Questo comitato, tramite il chief compliance officer, riporta l attività della Società al comitato controllo e rischi e al collegio sindacale. In questo ambito, la Società ha approvato il global compliance and governance plan, al fine di assicurare l allineamento delle aspettative operative alle disposizioni di legge e ai regolamenti delle autorità di controllo di tutti i mercati in cui l Azienda opera. Il codice di condotta L attuale versione del codice di condotta, approvata dal consiglio di amministrazione nel settembre 2010, stabilisce gli standard di comportamento e il livello di integrità richiesto a tutti i dipendenti, amministratori, sindaci, funzionari, consulenti, partner commerciali, agenti, fornitori e altri rappresentanti o controparti del Gruppo e delle società controllate e collegate. Il documento si applica sia in Italia sia all estero, nel rispetto delle differenze culturali, sociali e economiche dei vari Paesi in cui la Società opera. Il codice di condotta del Gruppo può essere scaricato in varie lingue dalla sezione Governance del sito

15 IL PROFILO DEL GRUPPO Il mercato dei giochi nel mondo FIG. 6 ANDAMENTO DEL MERCATO MONDIALE DEI GIOCHI (MILIARDI DI DOLLARI) (2012E) Il mercato dei giochi nel mondo Il mercato mondiale Il valore del mercato mondiale dei giochi al netto dei premi nel 2012 è stato di 430 miliardi di dollari. L aree geografiche che hanno registrato il maggior incremento sono state l Asia e il Medio Oriente. Nel corso del 2012 il mercato mondiale dei giochi ha proseguito, sia pure a un ritmo più modesto (+1,8%) il trend positivo degli anni immediatamente successivi alla crisi del Le previsioni di GBGC per gli anni a venire vedono un ulteriore costante e moderata crescita, in tutti i continenti, tranne che in Europa. L area asiatica, in particolare, è destinata a ricoprire una porzione sempre più importante del mercato globale. Anche il ruolo dei giochi interattivi è destinato a crescere più che proporzionalmente rispetto alle altre tipologie di gioco. Le ragioni della crescita del settore a livello globale sono principalmente due, in parte complementari. Le aree in rapida espansione si giovano della crescita dei redditi individuali e di un mercato ancora poco sviluppato, che presenterà a lungo buone opportunità di sviluppo. In Cina, a esempio, le entrate dei giochi sono quasi raddoppiate tra il 2006 e il I governi occidentali, che si trovano in difficoltà finanziarie, a causa degli effetti della crisi, utilizzano in misura crescente le entrate fiscali derivanti dal gioco come importante contributo agli sforzi di risanamento dei conti pubblici. In questa direzione, a esempio, si sono mossi diversi Stati americani, che hanno autorizzato lo sviluppo delle attività di gioco nel loro territorio. I giochi interattivi sul totale del mercato mondiale hanno inciso per l 8,9% per un valore di 38 miliardi di dollari al netto dei premi. FIG. 7 IL MERCATO MONDIALE DEI GIOCHI PER TIPO DI GIOCO (2012E) FIG. 8 IL MERCATO MONDIALE DEI GIOCHI INTERATTIVI (MILIARDI DI DOLLARI) (2012E) 28 29

16 IL PROFILO DEL GRUPPO Il mercato dei giochi nel mondo Il mercato europeo FIG. 9 ANDAMENTO DEL MERCATO DEI GIOCHI IN EUROPA (MILIARDI DI EURO) (2012E) Il mercato italiano FIG. 12 ANDAMENTO DEL MERCATO DEI GIOCHI IN ITALIA (MILIARDI DI EURO) Il mercato europeo dei giochi nel 2012 si attesta sui 93,7 miliardi di euro con un incremento del 5,4% rispetto al Alcuni tipi di gioco hanno risentito di un ridimensionamento in termini di valore, tranne le gaming machine, che hanno guadagnato meno di mezzo punto percentuale. Il gioco interattivo sul valore del mercato dei giochi in Europa ha contribuito per il 10,7% con un valore di circa 10 miliardi di euro. Come effetto della nuova regolamentazione sul gioco iniziata nel 2006, il mercato del gioco in Italia è diventato uno dei più importanti e regolamentati d Europa. In Italia la filiera del gioco dà lavoro a persone. Nel imprese hanno impiegato persone. Le entrate erariali stimate per il 2012 sono state pari a 8,1 miliardi di euro, mentre la spesa stimata al netto dei premi è stata di 17,1 miliardi di euro. FIG. 10 IL MERCATO EUROPEO DEI GIOCHI PER TIPO DI GIOCO (2012E) FIG. 11 ANDAMENTO DEI GIOCHI INTERATTIVI IN EUROPA (MILIARDI DI EURO) (2012E) Il mercato europeo nel 2012 ha registrato un valore stimato al netto dei premi pari a 93,7 miliardi di euro, con un incremento del 5,4% rispetto al

17

18 LA STRATEGIA DI SOSTENIBILITà LA POLITICA DI SOSTENIBILITà La strategia di sostenibilità La politica di sostenibilità GTECH ha sposato da sempre il concetto di crescita sostenibile nella convinzione che è possibile garantire crescita in modo costante nel tempo solo grazie a uno sviluppo che presta la corretta attenzione alle comunità nelle quali l azienda opera, alle istanze dei vari stakeholder e ai possibili impatti sociali del gioco. Le teorie più recenti propongono il concetto di Creating Shared Value (CSV) 1 che implica la creazione di valore economico da parte delle aziende in modo da creare valore per la società soddisfacendo le necessità e le sfide che vengono dalla comunità; non tanto in un ottica filantropica ma di ridefinizione dei confini stessi dell azienda. Da ciò ne deriva che le scelte economiche dovrebbero tener conto anche di considerazioni di tipo sociale e ambientale, sul presupposto che i problemi e le debolezze della comunità possono tramutarsi in costi e mancati ricavi per le aziende. La competitività di un azienda e lo stato di benessere della comunità che la circonda sono strettamente interconnesse non solo in termini di creazione di domanda ma anche per fornire all azienda gli asset pubblici critici e un ambiente favorevole. D altro canto la comunità ha bisogno di aziende di successo per produrre lavoro, benessere e opportunità di sviluppo per la collettività. Questo concetto dello shared value che mira a identificare e valorizzare le connessioni tra progresso sociale ed economico è particolarmente vero nel caso di GTECH e in considerazione dello specifico settore nel quale si opera. La promozione di una cultura del gioco responsabile, attraverso il rispetto delle regole, l avversione per le forme illegali di gioco e lo sviluppo di una moralità fatta di trasparenza e integrità, costituiscono infatti i cardini della vision aziendale. Il 2012 è stato un anno di consolidamento dal punto di vista della sostenibilità. In termini di aree di intervento si confermano le priorità strategiche identificate già da qualche anno: in considerazione della dimensione globale dell Azienda e della varietà delle norme alle quali è soggetta nei vari Paesi in cui opera e in funzione dello specifico settore di attività, si persegue un modello di corporate governance improntato sui valori di eticità, integrità e trasparenza. Tale modello e presentato nel capitolo 1 e in una serie di documenti disponibili sul sito (1) Creating Shared Value: How to reinvent capitalism and unleash a wave of innovation and Growth by Michael Porter and Mark R. Kramer Harvard Business review. i rapporti con l articolata platea degli stakeholder dell Azienda sono presentati nel capitolo 4 del Bilancio con approfondimenti relativi a ciascun stakeholder. La mappa di sintesi, i canali di dialogo e le modalità di confronto con gli stessi sono invece riportati nell introduzione del Bilancio; in relazione al tema della sostenibilità ambientale, nel 2012 si è fatto un ulteriore sforzo di misurazione estendendo il monitoraggio dell impatto ambientale anche alle sedi austriache dell Azienda, che dopo l Italia rappresentano il più importante insediamento in Europa. Inoltre, nelle sedi più importanti in termini di concentrazione di dipendenti e attività produttive è stata raggiunta la Certificazione Ambientale ISO 14001:2004; ciò a riprova della solidità dell approccio adottato a livello globale. Di ciò si rendiconta nel capitolo 5; le iniziative a favore della comunità nei settori del sociale, dell arte e dello sport hanno rappresentato il primo tassello di una strategia di responsabilità aziendale oggi molto più ampia ma costituiscono un elemento ancora molto importante della stessa. In proposito si rimanda al paragrafo Comunità del capitolo 4; l impegno sul tema del gioco responsabile rappresenta ormai da diversi anni una priorità strategica direttamente correlata al core business dell Azienda. Consapevole di operare in un business che può creare degli impatti sociali, l Azienda ha deciso da tempo di dotarsi di risorse, know how a processi che permettano di gestire il business prestando la corretta attenzione alla tutela del giocatore e in particolare delle categorie vulnerabili. Il tema ha un impatto sia sulle attività svolte come operatore di gioco, quindi a diretto contatto con i giocatori come in Italia, sia sulle attività di fornitore di soluzioni e servizi di gioco ad altri operatori. Il tema è trattato in questo capitolo tenendo presente entrambe le prospettive. La responsabilità relativa alla definizione delle politiche e allo sviluppo di iniziative di Corporate Social Responsibility sono affidate in Italia alla struttura di CSR nell ambito della Direzione European and Italian Institutional Relations e negli Stati Uniti alla Direzione Corporate Affairs. L impegno di GTECH nasce dalla convinzione che una crescita responsabile è la premessa indispensabile per la creazione di valore costante e sostenibile nel tempo

19 LA STRATEGIA DI SOSTENIBILITà L IMPEGNO PER IL GIOCO RESPONSABILE IN ITALIA Riconoscimenti WORLD LOTTERY ASSOCIATION CERTIFIED WLA RESPONSIBLE GAMING FRAMEWORK LEVEL 4 / VALID UNTIL 2016 Da marzo 2010 GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) è stata inserita nel paniere di società costituenti l indice etico FTSE4Good, che conferma l utilizzo da parte della Società di criteri etici e socialmente responsabili universalmente riconosciuti. L inserimento viene sottoposto ad assessment ogni 6 mesi ed è stato confermato a marzo I Bilanci Sociali 2008, 2009, 2010 e 2011 hanno ricevuto dal Global Reporting Initiative il più alto livello di accreditamento (A+) che corrisponde a una completa applicazione delle richieste delle linee guida e una verifica indipendente esterna. Il GRI è lo standard di reporting sociale più diffuso a livello internazionale e definisce i principi e gli indicatori che un azienda deve utilizzare per rendicontare le performance sociali e ambientali. Il GRI prevede 6 possibili livelli di accreditamento A+, A, B+, B, C+, C. GTECH partecipa ormai da diversi anni al Carbon Disclousure Project (CDP). Scopo del CDP è incoraggiare le organizzazioni a misurare, rendere pubbliche e gestire le proprie emissioni di gas a effetto serra fornendo, in tal modo, informazioni utili agli investitori per far loro meglio comprendere le capacità delle imprese di far fronte a opportunità e rischi posti dal cambiamento climatico. Lottomatica è stato il primo operatore italiano e uno dei primi in Europa a ricevere la certificazione del Programma di Gioco Responsabile secondo il Responsible Gaming Standard della European Lotteries Association (ELA). Tale certificazione è stata rinnovata a fine 2012 a seguito di una nuova verifica completa del programma da parte di un ente esterno certificatore. La ELA è un associazione indipendente, creata nel 1999, che raggruppa le Lotterie di Stato e gli operatori di gioco legali presenti in Europa e mira a promuovere la cooperazione fra i membri. L associazione è impegnata a combattere il gioco illegale e a prevenire qualsiasi potenziale impatto sociale del gioco. Lottomatica ha già raggiunto il 4 livello del World Lotteries Association Responsible Gaming Framework, il più alto previsto, nel 2009; a inizio 2013 ha ricevuto la conferma della certificazione ottenuta a seguito di una nuova verifica da parte di un ente terzo di tutto il programma di gioco responsabile realizzato annualmente. Le altre aziende di GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.a.) che operano in qualità di gestore di giochi nel mondo si sono impegnate ad aderire a tale standard e a raggiungere nel più breve tempo possibile il 4 livello di compliance con il Framework. La WLA è un associazione internazionale di categoria che rappresenta gli operatori di giochi legali dei cinque continenti. Il WLA responsible Gaming Framework ha lo scopo di integrare i Principi di gioco responsabile nelle attività quotidiane degli operatori membri. Il Framework prevede 7 principi ispiratori, 10 aree del programma e quattro possibili livelli di certificazione. L impegno per il gioco responsabile in Italia L investimento di Lottomatica per le iniziative di gioco responsabile in Italia nel 2012 è stato di 1,8 milioni di euro. In Italia Lottomatica già da tempo ha declinato il proprio impegno sul tema del gioco responsabile in un programma di iniziative concreto che è andato arricchendosi e consolidandosi nel tempo; grazie anche all ascolto e al dialogo continuo con le associazioni e gli esperti di gioco problematico in Italia e all estero. Questi temi, che sono ormai inscindibilmente legati al core business, impattano su tutte le attività quotidiane, a tutti i livelli, e sono finalizzate alla prevenzione dei fenomeni di gioco problematico e alla tutela delle categorie vulnerabili, in particolare dei minori, impedendone l accesso al gioco. In particolare, al fine di identificare le soluzioni più efficaci, risulta molto utile il confronto con realtà europee ed extraeuropee nelle quali il tema degli impatti sociali del gioco è stato affrontato già da tempo anche grazie a una collaborazione aperta e costruttiva tra gli attori del settore e le altre aree della società civile, del mondo accademico e scientifico e i regolatori. Il programma di gioco responsabile adottato da Lottomatica è ispirato alle best practice internazionali e viene costantemente sviluppato anche grazie alla partecipazione al gruppo di lavoro sul gioco responsabile della European Lotteries Association che raggruppa gli operatori più impegnati su questi temi con l obiettivo di identificare gli standard e le azioni più efficaci. Anche la collaborazione con l associazione di settore Sistema Gioco Italia costituita nel 2011 all interno di Confindustria, è mirata a promuovere, sviluppare e diffondere una cultura della responsabilità in un clima di collaborazione e dialogo tra tutti gli attori del comparto. Le linee guida della strategia di gioco responsabile di Lottomatica Nel 2012 la campagna informativa 18+ c è un età giusta per ogni gioco promossa da Lottomatica in collaborazione con il MOIGE e FIT e finalizzata a prevenire il gioco minorile ha vinto il Premio d argento nazionale nella categoria «campagne sociali» alla XXV Edizione del Premio Agorà. I tre portali di gioco di Lottomatica: e hanno ricevuto nella primavera del 2012 la conferma della certificazione etica da parte della Società G4 (Global Gambling Guidance Group), un organizzazione formata da un gruppo internazionale di esperti specializzati in gioco responsabile in grado di fornire un protocollo d uso per lo sviluppo di portali di gioco tra i migliori in Europa. Facilitare una scelta consapevole e informata al giocatore grazie a una comunicazione chiara e completa sul gioco. Garantire l integrità e la sicurezza dei processi e delle infrastrutture di gioco. Disincentivare comportamenti di gioco eccessivi ed eventi suscettibili di nuocere l interesse stesso del consumatore. Fornire un ampia gamma di prodotti e un portafoglio giochi atti a soddisfare tutti i target al fine di prevenire la concorrenza del gioco illegale. Proteggere i gruppi di consumatori particolarmente vulnerabili in virtù dell età e della posizione sociale. Collaborare con gli stakeholder per costruire un ambiente di gioco responsabile. Promuovere continuativamente studi e ricerche volti ad aumen- tare la conoscenza e la comprensione del fenomeno garantendo la divulgazione sociale delle informazioni. Fornire adeguati livelli di formazione sul gioco responsabile a tutti i propri dipendenti e rivenditori. Assicurare un informazione diffusa e facilmente accessibile relativa a helpline, associazioni e strutture pubbliche e private di orientamento e counseling ai giocatori

20 LA STRATEGIA DI SOSTENIBILITà IL PROGRAMMA DI GIOCO RESPONSABILE Il programma di gioco responsabile 38 39

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 PROFILO DEL GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 CORPORATE GOVERNANCE E COMPLIANCE 15 12 Bilancio di Sostenibilità GTECH Il Profilo

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012 Principali dati economici e finanziari consolidati Ricavi e EBITDA + 6% Ricavi same store di GTECH + 7% EBITDA delle Attività Italiane +2% nonostante

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LOTTOMATICA: RISULTATI IN CRESCITA NEL 2009

COMUNICATO STAMPA LOTTOMATICA: RISULTATI IN CRESCITA NEL 2009 COMUNICATO STAMPA LOTTOMATICA: RISULTATI IN CRESCITA NEL 2009 Sintesi dei dati finanziari consolidati Ricavi pari a circa 2,2 miliardi, in crescita del 6% rispetto al 2008 EBITDA pari a 784 milioni, in

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pagina 1 GAS PLUS S.p.A. (nel seguito GAS PLUS o Società ) aderisce al nuovo Codice di Autodisciplina (di seguito il Codice ) elaborato dal Comitato per

Dettagli

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa INDICE 1. Premessa 2. La Composizione ottimale del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014)

Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) 25 giugno 2015 Giochi pubblici: le grandezze di riferimento (2014) Valori in Milioni di euro 90.000 RACCOLTA TUTTI I GIOCHI 90.000 RIPARTIZIONE RACCOLTA 80.000 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 Raccolta

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell art. 123-ter del D. Lgs. N. 58/98 ( TUF ) e dell Allegato 3A, schemi 7-bis e 7- ter della Delibera Consob 14 maggio 1999, n. 11971 e successive modificazioni

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato il Piano Strategico 2015-2019 del Gruppo A2A *** Importante rilancio degli investimenti 2,1 miliardi di euro di

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Anche nelle multiutility il cliente/cittadino guiderà le scelte organizzative e produttive delle aziende.

Anche nelle multiutility il cliente/cittadino guiderà le scelte organizzative e produttive delle aziende. 17 Giugno 2015 Sempre di più in futuro vinceranno le aziende che vendono ciò che chiedono i clienti/cittadini nelle forme e nelle modalità da loro richieste. Le aziende assumeranno un ruolo e una responsabilità

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Sisal è la Società pioniera nel mondo dei giochi in Italia, con il lancio nel 1946 della Schedina Sisal, diventata poi famosa come Totocalcio.

Sisal è la Società pioniera nel mondo dei giochi in Italia, con il lancio nel 1946 della Schedina Sisal, diventata poi famosa come Totocalcio. DAL 1946 UNA REALTÀ FONDATA SU UN SOGNO: RENDERE SEMPRE PIÙ SEMPLICE E DIVERTENTE LA VITA DEGLI ITALIANI, ATTRAVERSO VALORI, COMPORTAMENTI ETICI ED INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE Sisal è la Società

Dettagli

Comunicato stampa IL GRUPPO COMPLETA IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE E SI RIORGANIZZA PER GEOGRAFIE

Comunicato stampa IL GRUPPO COMPLETA IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE E SI RIORGANIZZA PER GEOGRAFIE Comunicato stampa IL GRUPPO COMPLETA IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE E SI RIORGANIZZA PER GEOGRAFIE Sarà sottoposto all Assemblea degli Azionisti il cambio di denominazione sociale in GTECH S.p.A ROMA (ITALIA)

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Linea Guida Pag. 1 di 6. Sommario

Linea Guida Pag. 1 di 6. Sommario Pag. 1 di 6 Titolo: Linea Guida per la Tutela dei Diritti Umani N LG ASCO 015 Vincoli di riservatezza: RISERVATO EDIPOWER LIBERO Sommario Distribuito a: Descrizione revisione: GADDI DE SIMONE SONCINI MINCUZZI

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Giugno 2012 Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Annuncio pubblicitario destinato al cliente ed al potenziale cliente al dettaglio. Prima dell adesione leggere il prospetto disponibile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

I nostri Principi di Responsabilità

I nostri Principi di Responsabilità I nostri Principi di Responsabilità I nostri Principi di Responsabilità Il messaggio del Presidente Jean-Pascal Tricoire, Presidente del Consiglio di Amministrazione e CEO La nostra Società interagisce

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2011

Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2011 Relazione finanziaria semestrale al 30 Giugno 2011 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2011 INDICE Pag. Relazione intermedia sulla gestione

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007

RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007 FRENI BREMBO S.p.A. Sede sociale: Curno (BG) via Brembo n 25 Capitale sociale: Euro 34.727.914,00 versato. REA di Bergamo e Codice fiscale: n 00222620163 (P. IVA). RELAZIONE CORPORATE GOVERNANCE 2007 PRINCIPI,

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana Parte Prima - Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana L art 6 comma 3 d.lg. 231 stabilisce che i Modelli di organizzazione, gestione e controllo possono essere adottati sulla base di Codici

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL VARIAZIONE DEL CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL VARIAZIONE DEL CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI COMUNICATO STAMPA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL VARIAZIONE DEL CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI L Assemblea degli Azionisti ha: approvato la nomina dei nuovi organi sociali approvato il bilancio

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Individuazione delle operazioni di maggiore rilevanza... 5 4. Operazioni esenti... 5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Questa Communication on Progress vuole descrivere sinteticamente come sono stati espressi dall Automatic Service Srl nel 2012 i Principi del Global Compact. L Automatic Service

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO 61 RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pirelli & C. aderisce al Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana 1 sin dalla sua prima emanazione e successivamente, nel marzo 2007, ha formalizzato la

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI Crediamo che un business sano possa unicamente fiorire in società in cui i diritti umani sono protetti e rispettati. Riconosciamo che qualsiasi tipo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Mezzo secolo di Unipol. Una storia scritta guardando

Dettagli

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio.

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio. Lo Studio Lo Studio De Marco è un organizzazione professionale di dottori commercialisti e revisori legali autonoma ed indipendente, che opera liberamente sul mercato dal 1972. Lo Studio De Marco è un

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE PREMESSA La responsabilità sociale d impresa (CSR) può essere definita

Dettagli

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Aggiornamento approvato dal consiglio di amministrazione dell 8 marzo 2011 INDICE 1. Premessa... 3 2. Definizioni...

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Programma anticorruzione

Programma anticorruzione Programma anticorruzione Questo Programma è nato e si è sviluppato anche grazie alla preziosa collaborazione di Pierluigi Vigna scomparso a Firenze nel settembre 2012 - che ha messo a disposizione la sua

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA Versione: 2 Stato: Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 20/06/2013 Data emissione: 20/06/2013 Sommario 1. INTRODUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE

REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE Edizione maggio 2015 1 PREMESSA Il presente Regolamento ( Regolamento ) disciplina le modalità di funzionamento

Dettagli