PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. a.s Amministrazione Finanza Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing Turismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. a.s. 2014-2015. Amministrazione Finanza Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing Turismo"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s Amministrazione Finanza Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing Turismo 1

2 INDICE 1. NUMERI E INFORMAZIONI pag UN PO DI STORIA pag IL NOSTRO PROGETTO FORMATIVO pag LE FINALITA DIDATTICHE pag IL PATTO DI CORRESPONSABILITA pag I BES E IL PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA pag PROFILO FINALE DEGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO pag CRITERI DI VALUTAZIONE AGLI SCRUTINI INTERMEDI E FINALI pag LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI pag ORGANIGRAMMA DELL ISTITUTO pag FUNZIONI STRUMENTALI pag I PROGETTI DELL ANNO SCOLASTICO Pag LE ATTIVITA CONSOLIDATE DEL PIOVENE pag LA RETE DI ALLEANZE CON AZIENDE ED ENTI pag. 31 2

3 1.NUMERI E INFORMAZIONI Classi 32 Studenti 765 Docenti 80 Distretto 32 Sede centrale: Corso SS. Felice e Fortunato, 225 Succursale: Via G. D Annunzio, 13 Centralino Sede: 0444/ Fax: 0444/ Sito internet: Codice Scuola: VITD09000X Codice Fiscale: ORARIO UFFICI MATTINO dal lunedì al venerdì: 07:30-09:00 / 11:30-13:00 POMERIGGIO dal lunedì al mercoledì: 14:30 18:15 3

4 2. UN PO DI STORIA L'Istituto Tecnico Commerciale "Guido Piovene", fondato nell'anno scolastico 1974/1975, è nato con l'indirizzo di "Commercio Estero", in sintonia con la realtà socio-economica del tempo, in crescente sviluppo e fortemente propensa ai rapporti con l'estero. Le competenze nelle specifiche discipline di indirizzo e la conoscenza di tre lingue straniere hanno fatto la fortuna della scuola, i cui punti di forza sono da sempre la spendibilità del titolo di studio nel mondo del lavoro e la possibilità di proseguire con successo gli studi all'università, con una preparazione specifica ai corsi di laurea degli ambiti giuridico economico aziendale e linguistico. In questo lungo periodo, la scuola ha immesso nel mondo del lavoro più di 6000 diplomati, accomunati da una valida formazione umana e professionale. I docenti del "Piovene", infatti, hanno sempre posto al centro dell'attenzione gli aspetti pedagogici e formativi della didattica, come la crescita morale e civile della persona, che hanno reso il "Piovene" una scuola apprezzata e nota per la serietà del suo impegno nella formazione. A seguito delle riforme ministeriali degli Istituti Tecnici avviate dall'autonomia didattica e gestionale e, di recente, dalla Riforma Gelmini, l'offerta Formativa in ordinamento è stata diversificata, prima con gli Indirizzi IGEA e ITER, ancora in vigore per le classi quinte, e a decorrere dall anno scolastico , con gli indirizzi del Settore Economico: Amministrazione, Finanza e Marketing, Relazioni Internazionali per il Marketing e Turismo. 4

5 3. IL NOSTRO PROGETTO FORMATIVO Fondamentale del POF è il riferimento all art. 3 della Carta Costituzionale: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavora tori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Il Progetto Formativo dell ITC "Piovene" esprime l identità culturale e progettuale di una scuola attenta ai bisogni del contesto socio-economico della città di Vicenza e della sua provincia, che sono parte di un area, il Nord-Est, che si caratterizza per l elevata dinamicità della sua struttura produttiva. Oggi, come già in passato, si riscontra una crescente domanda di figure professionali connesse all area economico-aziendale e turistica, con particolare attenzione verso l innovazione, rappresentata dallo sviluppo delle reti di internet ed intranet. La conoscenza di due o tre lingue straniere, con certificazione esterna riconosciuta in ambito europeo (ottenibile tramite corsi specifici previsti dall offerta formativa) e le competenze economico-aziendali, sono requisiti richiesti dalle aziende del territorio come strumenti indispensabili, a fianco di abilità trasversali, quali le capacità relazionali, il sapere lavorare in gruppo, la capacità di risolvere problemi. Tuttavia l attenzione del corpo docente non si rivolge solo alla formazione specialistica delle discipline di indirizzo, ma privilegia anche gli aspetti pedagogici, connessi alla crescita morale e civile degli studenti, affinché possano trovare nell Istituto "Guido Piovene" un ambiente idoneo alla propria formazione personale e culturale, oltre che professionale. 5

6 I tre concetti guida, con cui l'istituto si sforza di consolidare la propria azione formativa sono: Coerenza Flessibilità nelle scelte formative con il contesto sociale, culturale ed economico del territorio, con il potenziamento degli stages in azienda, degli scambi culturali, della partecipazione a reti di scuole per la Formazione Integrata Superiore e di corsi post-diploma FSE, dell Alternanza scuola-lavoro (A.S.L.) e di progetti ministeriali o promossi dalle Associazioni di categoria, che siano rispondenti alle aspettative delle famiglie e del territorio; nell orario della didattica, per effettuare specifiche sperimentazioni metodologiche, basate su gruppi di livello e su discipline opzionali o aggiuntive, se previste dalla riforma e richieste dalle famiglie; Responsabilità dei docenti e della progettazione della scuola nell attività di orientamento, nel passaggio dalla scuola media alla secondaria superiore, dal biennio al triennio, fino all orientamento in uscita nel mondo del lavoro o dell università. 6

7 4. LE FINALITA DIDATTICHE Il Progetto Formativo si propone le seguenti finalità: Finalità educativo formative Educare alla legalità ed al senso di appartenenza ad una società che riconosce la propria identità nel rispetto dei valori fondamentali della Costituzione Sensibilizzare i giovani all integrazione e alla valorizzazione delle diversità, garantendo il pluralismo culturale Favorire la libera espressione e le capacità critiche delle studentesse e degli studenti Finalità didattiche Far apprendere le conoscenze e acquisire le abilità specifiche di ciascuna disciplina Stimolare la capacità di utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite attraverso l operatività e l analisi di casi concreti Sviluppare l abitudine mentale alla risoluzione dei problemi e alla gestione delle informazioni Potenziare la capacità di accrescere il proprio sapere (apprendere ad apprendere) Acquisire competenze nell uso delle nuove tecnologie Sviluppare abilità trasversali, al fine di migliorare le capacità comunicativo/relazionali e i comportamenti professionali Favorire l attenzione alla società esterna, attraverso momenti di contatto con la realtà del mondo del lavoro e con le istituzioni scolastiche di altre nazioni. 7

8 5. IL PATTO DI CORRESPONSABILITA L impegno del Dirigente Scolastico, dei Docenti e del personale ATA Dal DPR 235/2007 art.3: 1. Contestualmente all iscrizione alla singola Istituzione scolastica, è richiesta la sottoscrizione da parte dei genitori e degli studenti di un Patto educativo di corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra l Istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie. 2. I singoli Regolamenti di istituto disciplinano le procedure di sottoscrizione nonché di elaborazione e revisione condivisa, del Patto di cui al comma Nell ambito delle prime due settimane di inizio delle attività didattiche, ciascuna Istituzione scolastica pone in essere le iniziative più idonee per le opportune attività di accoglienza dei nuovi studenti, per la presentazione e la condivisione dello statuto delle studentesse e degli studenti, del piano dell offerta formativa, dei regolamenti di istituto e del patto educativo di corresponsabilità. (Roma, 21 novembre 2007). La scuola è l ambiente di apprendimento in cui si promuovono la formazione e la crescita civile dei giovani; l Istituzione scolastica Guido Piovene si propone di costruire una alleanza educativa con tutte le componenti, mediante interazioni costanti, nel rispetto dei diversi ruoli. Il Dirigente Scolastico, responsabile dell ITC G. Piovene si impegna a: Realizzare i curricoli disciplinari nazionali e le scelte progettuali previste dal Piano dell offerta formativa, ponendo studenti, docenti, genitori e personale ATA nella condizione di esprimere il meglio del proprio ruolo Creare un ambiente sereno e corretto, per favorire la maturazione dei comportamenti e dei valori, ivi compresi l accompagnamento nelle situazioni di disagio e la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione Garantire e favorire il dialogo, la collaborazione e il rispetto tra le diverse componenti della comunità scolastica Comunicare regolarmente con le famiglie, secondo le scadenze previste dal calendario dell attività didattica, in merito ai risultati, alle difficoltà, ai progressi nelle diverse discipline, oltre che ad aspetti inerenti il comportamento e la condotta. Fornire ai genitori dei momenti di ascolto e attenzione a problemi personali degli studenti, così da promuovere l interazione pedagogica con le famiglie Favorire la realizzazione di momenti di incontro con la partecipazione attiva degli studenti. 8

9 I Docenti, quale parte attiva del processo di formazione, si impegnano a: Essere puntuali e precisi nei compiti di pertinenza: programmazione didattica, verbali e ogni adempimento previsto dalla propria funzione Realizzare un clima scolastico positivo fondato sul dialogo e sulla collaborazione Assumere atteggiamenti costruttivi con gli alunni, le famiglie, il personale non docente Informare correttamente studenti e genitori del proprio intervento educativo e del livello di apprendimento degli alunni Esplicitare e comunicare con chiarezza a studenti e genitori i criteri di valutazione utilizzati nelle verifiche Correggere e consegnare i compiti entro 15 giorni e, comunque, prima della prova successiva Favorire nei propri alunni le capacità di iniziativa, decisione e assunzione di responsabilità Lavorare in modo sereno e costruttivo nelle riunioni collegiali dei consigli di classe, dei dipartimenti e del collegio docenti Pianificare il proprio lavoro, prevedendo attività di recupero e sostegno di gruppo e/o personalizzate Vigilare sulla condotta degli studenti, testimoniando esempi di comportamenti autorevoli e coerenti Farsi carico, secondo i compiti assegnati dal Dirigente S., di una corretta e completa informazione presso tutte le componenti scolastiche delle attività didattiche e progettuali che si svolgono all interno dell Istituto Il personale ATA si impegna a : Conoscere l offerta formativa e le attività della scuola, collaborare per la loro realizzazione, per quanto di competenza Essere puntuale e svolgere con precisione il lavoro assegnato Garantire il necessario supporto alle attività didattiche, con puntualità e diligenza Segnalare ai docenti e al Dirigente scolastico eventuali disservizi Favorire un clima collaborativo tra tutte le componenti presenti e operanti a scuola 9

10 L impegno degli studenti e delle famiglie Lo studente si impegna ad attenersi ai seguenti indicatori di comportamento: Rispetto: delle persone, delle regole, delle consegne, degli orari e delle strutture Correttezza: di comportamento, di linguaggio, di utilizzo dei media Attenzione: ai compagni e alle proposte educative dei docenti Lealtà: nei rapporti con le persone, nelle verifiche, nelle prestazioni Disponibilità: a migliorare, a partecipare, a collaborare In particolare, le studentesse e gli studenti del Piovene si impegnano a: Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità Non usare il cellulare a scuola, salvo casi eccezionali, previa autorizzazione Conoscere l offerta formativa presentata dagli insegnanti Rispettare se stessi, i compagni, il personale della scuola Rispettare le diversità culturali e la sensibilità altrui Conoscere e rispettare il Regolamento d Istituto, le norme sulla sicurezza e sul divieto del fumo Non assumere comportamenti lesivi della propria e altrui sicurezza Rispettare l ambiente scolastico: gli spazi, gli arredi e il materiale didattico Partecipare al lavoro scolastico individuale e di gruppo Svolgere regolarmente il lavoro assegnato Agevolare la comunicazione scuola-famiglia Presentarsi con un abbigliamento consono all ambiente La famiglia si impegna a: Conoscere l Offerta formativa della scuola Collaborare al progetto formativo partecipando in modo propositivo a riunioni, assemblee, consigli di classe e colloqui individuali Instaurare un dialogo costruttivo con i docenti, rispettando la loro libertà di insegnamento e la loro competenza Tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative scolastiche Controllare costantemente il libretto personale e le comunicazioni scuola famiglia 10

11 Far rispettare l orario d ingresso a scuola, limitare le uscite anticipate, giustificare in modo plausibile le assenze (con la necessaria certificazione medica dopo 5 giorni di assenza) Verificare che il/a proprio/a figlio/a segua gli impegni di studio e le regole della scuola Intervenire con coscienza e responsabilità, rispetto ad eventuali danni provocati dal/la figlio/a a carico di persone, arredi, materiale didattico, anche con eventuale risarcimento del danno Sviluppare nel/la figlio/a il senso di responsabilità personale e sociale 11

12 6. BES e Piano Annuale per l Inclusione L Istituto Tecnico Guido Piovene si propone di offrire iniziative didattiche e di integrazione volte a potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di ogni alunno che, con continuità o per determinati periodi, manifesti Bisogni Educativi Speciali (Dir. Min ), ovvero delle difficoltà che si evidenziano in età evolutiva negli ambiti di vita dell educazione e/o degli apprendimenti. L intervento a favore dell inclusione scolastica riguarda tre grandi sotto-categorie di svantaggio scolastico: la disabilità (L. 104/92); i Disturbi Evolutivi Specifici che ricomprendono i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA, L. 170/10), i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, quelli dell attenzione e dell iperattività, il funzionamento cognitivo limite; lo svantaggio socio-economico, linguistico, culturale. Aspetti organizzativi e gestionali coinvolti nel cambiamento inclusivo Come indicato nel Regolamento per l attuazione dell inclusione scolastica dei BES dell Istituto, gli organi collegiali e i servizi della scuola interessati sono: 1. il Gruppo di Lavoro per l inclusione di Istituto (GLI), che si occupa di tutte le tipologie di BES e del Piano Annuale per l Inclusività della scuola; 2. i Gruppi di Lavoro Operativi (GLH-O), con competenze in merito alla disabilità (L. 104/92); 3. i Consigli di Classe a cui sono attribuiti compiti in merito ai DSA (L.170/10), agli altri disturbi evolutivi specifici e allo svantaggio socio-economico, linguistico e culturale; 4. la Segreteria Didattica; 5. il Collegio dei Docenti. Ad inizio anno scolastico il Dirigente nomina i docenti referenti di istituto per le diverse tipologie di BES (disabilità, DSA, altre tipologie di BES) che, insieme ad altri docenti, costituiscono la Commissione di supporto al GLI. La Commissione si occupa degli aspetti inerenti l inclusività della Scuola e può essere strutturata in sottogruppi di lavoro in relazione ai diversi ambiti tematici. Possibilità di strutturare percorsi specifici di formazione e aggiornamento degli insegnanti La Scuola garantisce, nei limiti delle risorse finanziarie a disposizione, la possibilità di strutturare specifici corsi di formazione e aggiornamento per i docenti sulle tematiche relative ai Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) e alle altre tipologie di disabilità presenti nell Istituto. A tal fine farà riferimento anche ai servizi di formazione e consulenza dell Ufficio Scolastico Territoriale di Vicenza e dei Centri Territoriali per l Integrazione (CTI). L aggiornamento dei docenti si avvarrà anche di materiale bibliografico, informatico e software. Infine, la Commissione di supporto al GLI informa i docenti riguardo le diverse proposte di aggiornamento sul territorio relative alle metodologie e alle tematiche concernenti la didattica inclusiva. Adozione di strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive Per gli alunni in difficoltà la Scuola adotta modelli di progettualità didattica orientati all inclusione che prevedono l adozione di strategie e metodologie favorenti, quali l apprendimento cooperativo, il lavoro di gruppo e/o a coppie, il tutoring, l apprendimento per scoperta, l utilizzo di mediatori didattici, di attrezzature e ausili informatici, di software e sussidi specifici. 12

13 L inclusione in un contesto di relazioni e di apprendimento è tale quando si effettuano esperienze e si attivano apprendimenti insieme agli altri, quando si condividono obiettivi e strategie di lavoro. Per agevolare il processo inclusivo è indispensabile il coinvolgimento di tutto il gruppo di lavoro (docenti, famiglia e altre agenzie educative) nella progettazione dell intervento didattico educativo più adeguato alle esigenze degli allievi. Gli obiettivi, le metodologie, le strategie, le attività didattiche individualizzate e personalizzate, le modalità di verifica e i criteri di valutazione vengono individuati in sede di progettazione nei PEI (Piani Educativi Individualizzati) e nei PDP (Piani didattici Personalizzati). La valutazione degli alunni in difficoltà, effettuata con criteri che tengono conto dell approccio inclusivo, coinvolge in modo responsabile sia tutti i singoli docenti che il consiglio di classe nella sua interezza. Essa verrà effettuata in accordo con le modalità i criteri e in relazione agli obiettivi, educativi e di apprendimento, definiti nel PEI/PDP. Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all interno della scuola La scuola favorisce la sinergia fra tutte le risorse presenti al suo interno. A tal fine è stata creata la Commissione BES con il compito di supportare l attività del Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI), dei Gruppi di Lavoro Operativi e dei Consigli di Classe. Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all esterno della scuola, in rapporto ai diversi servizi esistenti Sulla base delle esigenze connesse ai diversi bisogni, la scuola si propone di attivare e utilizzare i servizi forniti dal CTS, CTI, l UST provinciale, la Provincia e i servizi sanitari. Ruolo delle famiglie e della comunità nel dare supporto e nel partecipare alle decisioni che riguardano l organizzazione delle attività educative L approccio di intervento integrato prevede il coinvolgimento di tutte le agenzie educative (docenti, famiglie, servizi sanitari, ecc.) in sede di elaborazione dei piani didattici-educativi e nella condivisione di strategie e metodi. Il monitoraggio continuo dei processi e dei risultati conseguiti viene effettuato mediante incontri dove vengono individuati anche delle azioni di miglioramento. Sviluppo di un curricolo attento alle diversità e alla promozione di percorsi formativi inclusivi Lo sviluppo del curricolo degli allievi con bisogni educativi speciali terrà conto del potenziamento delle abilità e della valorizzazione dei punti di forza mediante contesti di apprendimento inclusivi quali lavori di gruppo, tutoring, apprendimento cooperativo, ecc. Valorizzazione delle risorse esistenti L Istituto si propone di attivare tutte le risorse esistenti, sia professionali che strutturali, in grado di favorire il raggiungimento degli obiettivi educativi e formativi nell ottica dell inclusività. Per quanto riguarda gli stranieri, L Istituto aderisce alla rete Intreccio di Fili Colorati che offre agli allievi neogiunti la possibilità di seguire un corso di italiano ad integrazione e a sostegno del percorso personalizzato individuato dai docenti delle classi coinvolte. Infine la Scuola è capofila a livello provinciale (Scuola Secondaria di Secondo Grado) del progetto ex. Art. 7 D.L. 104/13 in merito agli interventi contro la dispersione scolastica. 13

14 Acquisizione e distribuzione di risorse aggiuntive utilizzabili per la realizzazione dei progetti di inclusione La scuola favorirà le azioni volte all acquisizione di risorse aggiuntive esterne che potrebbero essere utili per la realizzazione di progetti per l inclusione. Attenzione dedicata alle fasi di transizione che scandiscono l ingresso nel sistema scolastico, la continuità tra i diversi ordini di scuola e il successivo inserimento lavorativo. Per gli alunni con BES: le famiglie che vogliono conoscere l offerta formativa dell Istituto è prevista la possibilità di partecipare alle giornate di scuola aperta e, attraverso la rete di contatti con le scuole medie, alle iniziative di orientamento che consentono agli allievi di visitare la scuola e assistere alle lezioni in orario scolastico; le famiglie possono contattare la Scuola e richiedere colloqui con i referenti BES dell istituto per avere informazioni e consulenza; formalizzata l iscrizione e depositata l eventuale documentazione, la Scuola predispone tutte le azioni per l accoglienza e l inizio dell attività scolastica; i referenti BES collaborano con gli insegnanti curricolari al fine di creare un clima di collaborazione e di inclusione. Nell ambito delle attività di alternanza scuola lavoro, di stage e di orientamento in uscita si progetteranno attività che tengano conto delle peculiarità specifiche dell alunno. 14

15 7. PROFILO FINALE DEGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Forma una figura professionale con conoscenze ampie e sistematiche dei processi economici, giuridici e organizzativi, che caratterizzano la gestione aziendale. La moderna metodologia delle discipline favorisce nello studente l abitudine a costruire e a confrontare modelli, a privilegiare i momenti di scoperta, a formulare ipotesi, a operare sistematizzazioni, a concretizzare progetti. Le lezioni nei laboratori multimediali favoriscono lo studio delle materie tecniche specializzanti. Nel triennio lo studente può scegliere il piano di studi in ordinamento, oppure l articolazione Relazioni internazionali per il marketing, che si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. Al termine del percorso lo studente acquisisce una professionalità specialistica, ma al tempo stesso flessibile, sempre molto richiesta dal mondo del lavoro. Può inoltre iscriversi a qualsiasi corso di laurea, con una approfondita preparazione di base per i corsi di laurea in Economia, Commercio Internazionale, Discipline Giuridiche e Lingue Straniere. TURISMO E uno specifico canale formativo, volto a preparare figure professionali con forte connotazione relazionale, con particolare attenzione alla cultura umanistica, all area linguistico-espressiva e alla conoscenza del territorio. A fianco delle abilità formali e trasversali, le competenze professionali sono mirate ai bisogni dell azienda turistica (marketing, progettazione, consulenza, documentazione) e favoriscono l auto-imprenditorialità. L indirizzo turistico vede potenziate tutte quelle attività che, inserite nella didattica curricolare, garantiscono una costante relazione con il territorio e i suoi molteplici aspetti ambientali, artistici, economici: visite a siti culturali e luoghi significativi, visite ad esposizioni temporanee, partecipazione a conferenze, incontri con operatori qualificati del settore. Al termine del percorso, lo studente acquisisce competenze specifiche nelle lingue straniere e nella gestione dell azienda turistica, con buone possibilità di collocazione nel mondo del lavoro. Può inoltre accedere a qualsiasi corso di laurea, con una approfondita preparazione per la laurea in Economia del Turismo, Lingue Straniere, Scuola per Interpreti, Scienza della Comunicazione. 15

16 16

17 8. CRITERI DI VALUTAZIONE AGLI SCRUTINI INTERMEDI E FINALI Il D.M. 80/07 e la successiva O.M. 92/07 hanno abolito la promozione con debito/i formativo/i, introdotta dalla L.352/1995. Per gli studenti che in sede di scrutinio finale presentino in una o più discipline valutazioni insufficienti, il consiglio di classe, sulla base di criteri preventivamente stabiliti, procede ad una valutazione della possibilità dell alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate entro il termine dell anno scolastico (31 agosto), mediante lo studio personale svolto autonomamente o attraverso la frequenza di appositi interventi di recupero (O.M. 92, art.6 comma 3). In tal caso il consiglio di classe rinvia la formulazione del giudizio finale e provvede, sulla base degli specifici bisogni formativi, a predisporre le attività di recupero (O.M. 92, art.6 comma 4). La sospensione del giudizio di promozione, prevede che, alla luce degli esiti dei corsi di recupero e delle relative verifiche, il consiglio di classe deliberi, entro il termine stabilito dalla norma vigente, l integrazione dello scrutinio finale con la ammissione o non ammissione alla classe successiva (O.M. 92, art.8 comma 4). La programmazione dei corsi di recupero da parte dell Istituzione scolastica viene elaborata sulla base dei bisogni degli alunni e della disponibilità di risorse finanziarie. SUDDIVISIONE DELL ANNO SCOLASTICO 1 TRIMESTRE: dal al (84 gg.) 2 PENTAMESTRE: dal al (121 gg.) CRITERI DI PROMOZIONE Ai fini di una completa valutazione dell andamento del percorso scolastico, il consiglio di classe tiene conto degli esiti dello scrutinio intermedio del trimestre, degli interventi di recupero seguiti dall alunno, nonché degli esiti delle verifiche conclusive degli stessi. L alunno è promosso alla classe successiva qualora il consiglio di classe, al momento dello scrutinio finale, ritenga che l alunno raggiunga sostanziale sufficienza nelle diverse discipline e possa seguire proficuamente il programma di studio dell anno successivo, raggiungendo gli obiettivi formativi e di contenuto previsti. Durante lo scrutinio finale del pentamestre, il giudizio viene sospeso nel caso di insufficienze non gravi (per insufficienza non grave si intenda insufficienza valutata con il voto 5), per un numero limitato di materie, indicativamente fino a quattro, o in presenza anche di insufficienze gravi (valutazione inferiore a 5), ma con un bonus complessivo massimo di 5 punti (la somma dei punti da aggiungere ai voti riportati dall alunno per raggiungere la sufficienza in ogni materia), e qualora il Consiglio ritenga che l alunno 17

18 possa seguire proficuamente il programma di studio dell anno successivo e raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto, propri delle discipline interessate. L alunno non è promosso qualora il Consiglio di classe riscontri, rispetto agli obiettivi formativi e di apprendimento, carenze diffuse (più di quattro materie) e/o gravi (voto < 5) e ritenga che l alunno non possa seguire proficuamente il programma di studio dell anno successivo. Durante lo scrutinio della sessione di agosto, l alunno è ammesso alla classe successiva qualora il consiglio di classe, al momento dello scrutinio finale, ritenga che l alunno raggiunga sostanziale sufficienza nelle diverse discipline e possa seguire proficuamente il programma di studio dell anno successivo, raggiungendo gli obiettivi formativi e di contenuto previsti. In presenza di miglioramenti da parte dello studente, anche se permangono in alcune materie insufficienze, applicando un ulteriore bonus di due punti, purché risulti un evidente progresso rispetto la situazione di giugno l alunno sarà ammesso alla classe successiva. In questi casi il suo bonus nello scrutinio estivo dell anno immediatamente successivo (inizialmente di 5 punti) sarà ridotto dei punti di bonus utilizzati durante lo scrutinio di agosto. DEBITI FORMATIVI Costituiscono debito formativo: le insufficienze del trimestre (O.M. 92, art.3); per le materie con valutazione scritta, orale o pratica, è insufficiente la valutazione media = 5 oppure < 5 le insufficienze nello scrutinio finale che si ritiene possano essere recuperate durante il periodo estivo e danno luogo a sospensione del giudizio. Le carenze riscontrate durante i consigli al termine del trimestre sono di norma comunicate alle famiglie con le indicazioni riguardanti le modalità di recupero. Il recupero e le verifiche per il superamento dei debiti del trimestre si tengono nella prima metà del pentamestre o, indicativamente, entro il mese di febbraio e l esito viene reso noto con comunicazione alle famiglie ed esposizione all Albo d Istituto. Nell anno sc. 2011/2012 il recupero in oggetto sarà effettuato durante la settimana di sospensione delle normali attività formative. Tutte le classi saranno interessate, ad eccezione della classi quinte. 18

19 PIANO PER IL RECUPERO OBIETTIVI: 1. Prevenzione dell insuccesso scolastico (sostegno allo studio). 2. Recupero delle insufficienze sulla base di un patto formativo tra docenti, studenti e famiglie, secondo la responsabilità che a ciascuno compete. TIPOLOGIA DELL ATTIVITA DI RECUPERO: 1. Corsi di recupero per le insufficienze (voto 5) in orario di lezione, da svolgere dal 20 gennaio 2014 al 24 gennaio Gli studenti insufficienti saranno suddivisi in gruppi omogenei interclasse. Gli studenti sufficienti partecipano ad attività integrative (lezioni di informatica, cineforum, gruppi di lavoro, attività sportive, progetti, ) e il lunedì pomeriggio saranno esonerati dalle lezioni. In questo periodo si sospenderà lo svolgimento del programma scolastico della singola materia; l alunno ha l obbligo di sottoporsi alla verifica finale elaborata dal docente titolare della disciplina entro il 28 febbraio 2013; 2. Corsi di recupero (fino a 12 ore) per le insufficienze gravi (voto 4) in orario aggiuntivo pomeridiano, da svolgere nel periodo estivo e solo per una materia scelta dal consiglio di classe tra quelle insufficienti. Le famiglie che non intendono avvalersene, sono tenute a fornire dichiarazione scritta alla scuola; permane l obbligo dell alunno di sottoporsi alla verifica finale elaborata dal docente titolare della disciplina; 3. Corsi di sostegno (O.M.92 art 2 comma 3) di breve durata (6-8 ore), da svolgere durante tutto l anno scolastico, per prevenire l insuccesso nelle discipline in cui si registra il maggior numero di insufficienze, in orario aggiuntivo pomeridiano (compatibilmente con i corsi di recupero e con le risorse disponibili) con verifica finale e comunicazione dei risultati alla famiglia 4. Attività di sportello, gestite autonomamente dal docente e comunicate al Dirigente Scolastico, con verifica finale e comunicazione dei risultati alla famiglia, se fatto per sanare delle insufficienze. 5. Recupero in itinere (intracurriculare), con interruzione dello svolgimento del programma, all inizio del pentamestre o, a discrezione del docente, al termine di una parte consistente di programma. Al termine del recupero curricolare il docente avrà l obbligo di predisporre una verifica idonea ad accertare il recupero delle carenze per gruppi omogenei di insufficienze, il cui esito andrà comunicato alle famiglie. Solamente i docenti che hanno una doppia valutazione (ad es. scritto/orale) con un voto sufficiente e l altro con una insufficienza non grave (cinque) sono esonerati dalla verifica. 19

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli