ISTITUTO TECNICO E. Mattei Casamicciola Terme(Na) DISTRETTO SCOLASTICO n. 24 ISTITUTO TECNICO E. Mattei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO E. Mattei Casamicciola Terme(Na) DISTRETTO SCOLASTICO n. 24 ISTITUTO TECNICO E. Mattei"

Transcript

1 DISTRETT SCLASTIC n. 24 ISTITUT TECNIC E. Mattei Via Principessa Margherita, 25 - Tel Fax /83 Sito web: CD. UFF.NATD05000B CASAMICCILA TERME - NA Indirizzi: - Amministrazione, Finanza e Marketing - Costruzioni, Ambiente e Territorio - Informatica e Telecomunicazioni - Elettronica e Elettrotecnica PIAN DELL FFERTA FRMATIVA (P..F.) ANN SCLASTIC 2013/2014 (aggiornato al 07/10/2013) Pagina 1 di 49

2 SMMARI A) PREMESSA... 5 B) ATTUALE RDINAMENT SCLASTIC... 5 C) INDIRIZZI ATTIVATI NELL A.S. 2013/2014:... 7 SETTRE ECNMIC... 7 D) SETTRE TECNLGIC... 9 Costruzioni, Ambiente e Territorio... 9 Informatica e Telecomunicazioni Elettronica e Elettrotecnica E) VALUTAZINI PRIM BIENNI E SECND BIENNI DI NUV RDINAMENT F) INDIRIZZI AD ESAURIMENT Indirizzo Commerciale Indirizzo geometri progetto G) PRGETTI SVLTI IN ISTITUT NEGLI ULTIMI ANNI Dall a.s. 1993/94 all a.s. 2005/ a.s 2006/ a.s. 2007/ a.s. 2008/ a.s. 2009/ a.s. 2010/ a.s. 2011/ a.s. 2012/ A.S. 2013/ H) PIAN DELLE ATTIVITA Pagina 2 di 49

3 PIAN DI ACCGLIENZA PER LE CLASSI PRIME INIZIATIVE DI RIENTAMENT SCLASTIC E PRFESSINALE INIZIATIVE DI CNTINUITA STAGE VIAGGI DI ISTRUZINE E SCAMBI CULTURALI ATTIVITA INTEGRATIVE E CMPLEMENTARI INIZIATIVE DI FRMAZINE IN SERVIZI ATTIVITA SPRTIVE PRPSTE PER L AUTNMIA RGANIZZATIVA I) CRITERI CMUNI PER LA FRMULAZINE DEI GIUDIZI J) MDALITA DI ATTRIBUZINE DEL CREDIT SCLASTIC K) MDALITÀ DI RECUPER DEL DEBIT SCLASTIC L) ASSENZE M) MDALITÀ DI ATTRIBUZINE DEL CREDIT FRMATIV N) ATTIVITÀ INTEGRATIVE E CULTURALI PER GLI ALUNNI CHE NN SI AVVALGN DELL I.R.C ) SCELTE FINANZIARIE P) AZINI DI MNITRAGGI E DI AUTVALUTAZINE Q) MDALITA DI ATTUAZINE DEI RAPPRTI SCULA- FAMIGLIA R) ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E ALUNNI CN DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENT S) QUADR DELLE RISRSE T) RGANIGRAMMA U) ESTRATT DAL REGLAMENT DI DISCIPLINA DELL I.T. ENRIC MATTEI (PER I DETTAGLI SI RIMANDA ALLA VERSINE INTEGRALE RIPRTATA SUL SIT 46 Pagina 3 di 49

4 Pagina 4 di 49

5 a) PREMESSA L Istituto Tecnico E.Mattei, autonomo dal 1 ottobre 1961, è frequentato nell as 2013/2014 da 642 alunni suddivisi in 31 classi. Gli indirizzi attivati sono quattro: 1. Amministrazione, Finanza e Marketing, 2. Costruzioni, Ambiente e Territorio 3. Informatica e Telecomunicazioni 4. Elettronica e Elettrotecnica Il PF è il piano dell offerta formativa di un Istituto ed è il documento di identità culturale e progettuale della scuola(ai sensi del DPR 275/99): definisce i percorsi didattici; esprime l autonomia organizzativa della scuola; contiene il curricolo obbligatorio per i propri alunni; integra il curricolo obbligatorio con attività che tengono conto delle diverse esigenze formative degli alunni concretamente rilevate, della necessità di garantire efficaci azioni di continuità e di orientamento, delle esigenze e delle attese espresse dalle famiglie, dagli Enti locali, dai contesti sociali, culturali ed economici del territorio. A cosa serve? Ad effettuare scelte sul percorso didattico ed educativo da parte degli studenti e delle famiglie e ad informare circa le attività svolte dall Istituto. Il PF non è un documento definitivo, ma un documento aperto in quanto è adattato ai nuovi bisogni dell utenza e del territorio. b) ATTUALE RDINAMENT SCLASTIC Gli Istituti Tecnici dall a.s. 2010/2011 hanno un nuovo ordinamento didattico regolato dal D.P.R. n.88/2010 e relative Linee Guida. Nel nostro Istituto sono operativi quattro indirizzi: un indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing che confluisce nel settore economico e due indirizzi: Costruzioni, Ambiente e Territorio, Informatica e Telecomunicazioni, Elettronica e Elettrotecnica che afferiscono al Settore Tecnologico. vviamente sono ad esaurimento gli indirizzi Commerciale e la sperimentazione progetto cinque nell indirizzo Geometri. Pagina 5 di 49

6 L Istituto, nella persona del Dirigente, stipula un Patto di corresponsabilità con le componenti della comunità scolastica ai sensi dell art.3 del DPR 235/2007. Il modello di tale contratto è reperibile sul sito web dell Istituto. Per quanto concerne le azioni per il passaggio al nuovo ordinamento e l orientamento per l organizzazione del curricolo gli interessati potranno consultare le linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento degli istituti Tecnici di cui al DPR 15 marzo 2010 articolo 8 comma3. Pagina 6 di 49

7 c) INDIRIZZI ATTIVATI NELL A.S. 2013/2014: SETTRE ECNMIC 1) Amministrazione, Finanza e Marketing b) MATERIE 1 anno sett. 2 anno sett. 3 anno sett. 4 anno sett. 5 anno sett. Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze integrate (sc della terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Scienze integrate (fisica) Scienze integrate (Chimica) Geografia economica Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia politica TTALE RE L`area AMMINISTRAZINE, FINANZA E MARKETING attraversa tutti i settori produttivi: riguarda attività che interessano qualunque organizzazione aziendale. Sono i diplomi più richiesti dalle imprese. L`indirizzo AMMINISTRAZINE, FINANZA E MARKETING offre una solida base culturale e competenze tecniche per operare nel sistema aziendale, utilizzare gli strumenti per il marketing, gestire prodotti assicurativi e finanziari e lavorare nel settore dell economia sociale. Si impara a: - applicare i principi generali della programmazione e del controllo di gestione - orientarsi e operare nei mercati finanziari Pagina 7 di 49

8 - operare nel sistema delle rilevazioni aziendali con una visione d`insieme. Per comunicare con clienti, fornitori, colleghi che operano all estero bisogna: - sapere bene l inglese e una seconda lingua; - conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei e internazionali; - tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme. Ampio spazio all informatica. Nell indirizzo AMMINISTRAZINE, FINANZA E MARKETING, un ruolo cruciale hanno i laboratori, ma anche gli ambienti di lavoro dove ogni alunno frequenta stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro. Le ore settimanali saranno meno che nel passato: 32 a settimana, ma saranno ore effettive di 60 minuti. In totale 1056 ore di scuola all`anno. Al diploma si arriva in cinque anni: i primi quattro suddivisi in due bienni e un quinto anno finale. Gli apprendimenti sono articolati in: - un area di insegnamento generale, con discipline comuni agli indirizzi del settore. - aree di indirizzo specifiche, per formare le competenze tecniche e operative collegate agli ambiti produttivi. Pagina 8 di 49

9 d) SETTRE TECNLGIC Costruzioni, Ambiente e Territorio MATERIE 1 anno sett. 2 anno sett. 3 anno sett. 4 anno sett. 5 anno sett. Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze integrate (sc della terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Scienze integrate (fisica) Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Scienze integrate (Chimica) Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Tecnologie informatiche Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Scienze e tecnologie applicate Complementi di matematica Progettazione, costruzioni e impianti Geopedologia, economia ed estimo Gestione del cantiere e sicurezza dell ambiente di lavoro Topografia TTALE RE Pagina 9 di 49

10 L`indirizzo CSTRUZINI, AMBIENTE E TERRITRI è inserito nel settore tecnologico degli istituti tecnici. Nel settore delle Costruzioni lavorano oltre un milione di addetti in circa 230 mila imprese. Le principali aree di attività sono: progettazione e realizzazione di edifici ad uso residenziale e non; lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria; cantieri per l`edilizia e genio civile; risanamento del patrimonio edilizio degradato. L`edilizia moderna si trasforma, con grande attenzione al rapporto tra Progettazione e impatto ambientale. Edilizia biocompatibile, efficienza energetica, domotica: sono solo alcuni esempi delle possibilità di espansione delle innovazioni tecnologiche in questo settore. Si intravedono le enormi potenzialità, ma servono professionisti preparati. CSTRUZINI, AMBIENTE E TERRITRI è un indirizzo che sviluppa competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle Costruzioni, dalle attività di cantiere al prodotto finito. È la versione rinnovata della figura tradizionale del geometra e del perito edile. In questo percorso si impara a: - progettare e realizzare edifici e Costruzioni sia pubbliche che private. - stimare terreni e fabbricati attraverso valutazioni tecniche ed economiche. - amministrare immobili. - svolgere operazioni catastali. In questo indirizzo possono trovare uno spazio anche i geotecnici per sviluppare competenze per lavorare nei cantieri per le Costruzioni sotterranee di grandi opere, come tunnel stradali e ferroviari, viadotti, dighe, scavi per metropolitane. Indispensabile la conoscenza dell inglese, anche tecnico e le conoscenze grafiche-progettuali e informatiche. Un ruolo cruciale hanno i laboratori, ma anche gli ambienti di lavoro dove ogni alunno frequenta stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro. Le ore settimanali saranno meno che nel passato: 32 a settimana, ma saranno ore effettive di 60 minuti. Al diploma si arriva in cinque anni: i primi quattro suddivisi in due bienni e un quinto anno finale. Pagina 10 di 49

11 SETTRE TECNLGIC Informatica e Telecomunicazioni c) MATERIE 1 anno sett. 2 anno sett. 3 anno sett. 4 anno sett. 5 anno sett. Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze integrate (sc della terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Scienze integrate (fisica) Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Scienze integrate (Chimica) Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica Di cui in compresenza con insegnanti tecnicopratici Tecnologie informatiche Di cui in compresenza con insegnanti tecnico-pratici Scienze e tecnologie applicate Complementi di matematica Sistemi e reti Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni Gestione progetto, organizzazione d impresa Informatica Telecomunicazioni TTALE RE Pagina 11 di 49

12 INFRMATICA E TELECMUNICAZINI Informatica e telecomunicazioni, con le loro innovazioni tecnologiche, hanno cambiato radicalmente la vita quotidiana delle persone e degli ambienti di lavoro, in ogni settore e in ogni campo del sapere. L Informatica è la scienza che, attraverso l`elaborazione elettronica dei dati, ha determinato lo sviluppo della società dell`informazione. Le Telecomunicazioni progettano, organizzano e gestiscono sistemi di comunicazione a distanza di suoni, parole, immagini e dati. L`esplosione delle innovazioni ha trovato un punto di approdo nell`ict (Information Communication Technology). È un settore in pieno sviluppo di cui si intravedono le enormi potenzialità, ma servono professionisti preparati. Per questo, l indirizzo INFRMATICA E TELECMUNICAZINI è stato inserito nel settore TECNLGIC degli istituti tecnici. L indirizzo INFRMATICA e TELECMUNICAZINI ha ambiti di applicazione senza confini. Sviluppa competenze specifiche per analizzare, progettare e installare sistemi informatici e di telecomunicazioni. Si impara a: Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi informatici, elettronici e di telecomunicazione; Scegliere dispositivi e strumenti in base alle caratteristiche funzionali; Gestire progetti e processi produttivi correlati a funzioni aziendali. È indispensabile la conoscenza dell inglese, anche tecnico. Un ruolo cruciale hanno i laboratori, ma anche gli ambienti di lavoro dove ogni alunno frequenta stage, tirocini, alternanza scuola-lavoro. Le ore settimanali saranno meno che nel passato: 32 a settimana, ma saranno ore effettive di 60 minuti. Al diploma si arriva in cinque anni: i primi quattro suddivisi in due bienni e un quinto anno finale. Pagina 12 di 49

13 Elettronica e Elettrotecnica Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici, elettronici e delle macchine elettriche, della generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi per la generazione, conversione e trasporto dell energia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione; - nei contesti produttivi d interesse, collabora nella progettazione, costruzione e collaudo di sistemi elettrici ed elettronici, di impianti elettrici e sistemi di automazione. È in grado di: - operare nell organizzazione dei servizi e nell esercizio di sistemi elettrici ed elettronici complessi; - sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti, apparecchi e apparati elettronici; - utilizzare le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato; - integrare conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per intervenire nell automazione industriale e nel controllo dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all innovazione e all adeguamento tecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione; - intervenire nei processi di conversione dell energia elettrica, anche di fonti alternative, e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza; - nell ambito delle normative vigenti, collaborare al mantenimento della sicurezza sul lavoro e nella tutela ambientale, contribuendo al miglioramento della qualità dei prodotti e dell organizzazione produttiva delle aziende. Nell indirizzo sono previste le articolazioni Elettronica, Elettrotecnica e Automazione, nelle quali il profilo viene orientato e declinato. In particolare, sempre con riferimento a specifici settori di impiego e nel rispetto delle relative normative tecniche, viene approfondita nell articolazione Elettronica la progettazione, realizzazione e gestione di sistemi e circuiti elettronici; nell articolazione Elettrotecnica la progettazione, realizzazione e gestione di impianti elettrici civili e industriali e, nell articolazione Automazione, la progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di controllo. Pagina 13 di 49

14 A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1 Applicare nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature elettriche ed elettroniche i procedimenti dell elettrotecnica e dell elettronica. 2 Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura per effettuare verifiche, controlli e collaudi. 3 Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche delle macchine elettriche e delle apparecchiature elettroniche, con riferimento ai criteri di scelta per la loro utilizzazione e interfacciamento. 4 Gestire progetti. 5 Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 6 Utilizzare linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ad ambiti specifici di applicazione. 7 Analizzare il funzionamento, progettare e implementare sistemi automatici. In relazione alle articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica ed Automazione, le competenze di cui sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento. Pagina 14 di 49

15 Discipline del piano di studi anno anno anno anno anno Lingua e letteratura italiana Lingua straniera Storia, cittadinanza e costituzione Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze della terra 2 Biologia 2 Fisica 3 3 di cui laboratorio in compresenza 2 Chimica 3 3 di cui laboratorio 2 Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 3 3 di cui laboratorio in compresenza 2 Tecnologie informatiche 3 di cui laboratorio in compresenza 2 Scienze e tecnologie applicate 3 Complementi di matematica 1 1 Sistemi automatici 4* 5* 5* Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici 5* 5* 6* Elettrotecnica ed elettronica 7* 6* 6* *di cui laboratorio in compresenza Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Totale ore Pagina 15 di 49

16 E) VALUTAZINI PRIM BIENNI E SECND BIENNI DI NUV RDINAMENT Il primo biennio, ai sensi della tabella B-Istituti tecnici della CM n.94 del 18/10/2012 emanata dalla Direzione Generale per gli rdinamenti Scolastici del MIUR, prevede le seguenti prove: Insegnamento Prove Scritta rale Pratica Grafica Lingua e letteratura italiana S Lingua inglese S Storia Matematica S Diritto e Economia Scienze integrate(sc.della terra e biologia) Scienze integrate(fisica) P Scienze integrate(chimica) P Scienze motorie e sportive P Geografia Informatica S P Seconda lingua comunitaria S Tecnologie e Tecniche di rappresentazione grafica G Tecnologie informatiche S P Scienze e tecnologie applicate Considerato che per il biennio delle classi di nuovo ordinamento con la C.M. n. 94 del 18/10/2011 sono state fornite indicazioni per le valutazioni e non avendo avuto al momento indicazioni per le classi terze, il Collegio ha deliberato in data 8/10/2012 n.15 in relazione alla valutazione periodica degli apprendimenti per le materie del nuovo ordinamento, salvo eventuali nuove disposizioni ministeriali quanto segue: Pagina 16 di 49

17 CSTRUZINI, AMBIENTE E TERRITRI MATERIE 3 anno sett. Lingua e S letteratura italiana Lingua inglese S Storia Matematica S INFRMATICA E TELECMUNICAZINI MATERIE 3 anno sett. Lingua e letteratura italiana S Lingua inglese S Storia Matematica S Scienze motorie e sportiv P INFRMATICA E TELECMUNICAZINI MATERIE 3 anno sett. Lingua e letteratura italiana S Lingua inglese S Storia Matematica S Scienze motorie e sportiv P Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Complementi di matematica Progettazione, S costruzioni e impianti GEPEDLGIA, ECNMIA ED ESTIM GESTINE DEL cantiere e sicurezza sul lavoro topografia S P CMPLEMENTI DI MATEMATICA Religione cattolica o attività alternative SISTEMI E RETI S Tecnologie E S PRGETTAZINE DI SISTEMI INFRMATICI E DI TELECMUNICAZINI INFRMATICA S TELECMUNICAZINI CMPLEMENTI DI MATEMATICA Religione cattolica o attività alternative SISTEMI E RETI S Tecnologie E S PRGETTAZINE DI SISTEMI INFRMATICI E DI TELECMUNICAZINI INFRMATICA S TELECMUNICAZINI Considerato che per il biennio delle classi di nuovo ordinamento con la C.M. n. 94 del 18/10/2011 sono state fornite indicazioni per tale valutazioni, non avendo avuto al momento indicazioni per le classi quarte, il Collegio in data 07/10/2013 con delibera n. 11 ha deliberato in relazione alla valutazione periodica degli apprendimenti per le materie del nuovo ordinamento, salvo eventuali nuove disposizioni ministeriali. Pagina 17 di 49

18 CSTRUZINI, AMBIENTE E TERRITRI MATERIE 4 anno Lingua e S letteratura italiana Lingua inglese S Storia Matematica S INFRMATICA E TELECMUNICAZINI MATERIE 4 anno Lingua e letteratura italiana S Lingua inglese S Storia Matematica S Scienze motorie e sportiv P AMMINISTRAZINE FINANZA E MARKETING MATERIE 4 anno Lingua e letteratura italiana S Lingua inglese S Storia Matematica S Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Complementi di matematica Progettazione, S costruzioni e impianti GEPEDLGIA, S ECNMIA ED ESTIM GESTINE DEL cantiere e sicurezza sul lavoro topografia S P CMPLEMENTI DI MATEMATICA Religione cattolica o attività alternative SISTEMI E RETI S Tecnologie E S PRGETTAZINE DI SISTEMI INFRMATICI E DI TELECMUNICAZINI INFRMATICA S TELECMUNICAZINI Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative ECNMIA AZIENDALE DIRITT EC. PL Informatica Seconda lingua comunitaria S S P Pagina 18 di 49

19 f) INDIRIZZI AD ESAURIMENT Indirizzo Commerciale Il Perito commerciale deve: riconoscere i diversi modelli organizzativi elaborare dati contabili, interpretarli e rappresentarli efficacemente ricorrendo a strumenti informatici contribuire alla stesura del bilancio di esercizio analizzare i bilanci di impresa di diversi settori riferentesi agli aspetti economici, finanziari e patrimoniali collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema giuridico nazionale ed internazionale applicare i principi generali e fondamentali relativi al controllo aziendale orientarsi rispetto ai principali aspetti della normativa civilistica e fiscale riguardante la gestione aziendale riconoscere i macro fenomeni che caratterizzano il sistema economico nazionale ed internazionale connettendoli alle strategie di conduzione aziendale inquadrare l attività di marketing e riconoscere le principali articolazioni. Pagina 19 di 49

20 Quadro orario Commerciale Classi/rario settimanale Materie IV V Religione o materia alternativa Italiano Storia Matematica ^ Lingua 3 3 2^ Lingua 3 3 Scienza della materia - - Scienze della natura - - Diritto ed Economia - - Economia Politica(III e IV) e Scienza delle Finanze(V) 2 2 Diritto 3 3 Economia Aziendale 8 7 Geografia Economica 2 3 Trattamento Testi e Dati - - Educazione Fisica 2 2 TTALE RE Pagina 20 di 49

21 SBCCHI CCUPAZINALI del perito commerciale. Libera professione e consulenza del lavoro dopo un periodo di praticantato di tre anni presso un professionista abilitato ed un esame di abilitazione; Attività di amministrazione e controllo di Enti pubblici e di enti collegati; contabilità e gestione di Aziende; Intermediazione commerciale; Servizi bancari e assicurativi; peratori del commercio on-line(nuova figura professionale emergente); Settore marketing e analisi di mercato; Accesso a tutte le facoltà universitarie. Pagina 21 di 49

22 Indirizzo geometri progetto 5 La preparazione specifica del diplomato geometra si basa prevalentemente sul possesso di capacità grafico-progettuali relative ai settori del rilievo e delle Costruzioni e di concrete conoscenze inerenti l organizzazione e la gestione del territorio. La formazione, integrata da idonee capacità linguistico-espressive e logico-matematiche, sarà completata da buone conoscenze economiche, giuridiche ed amministrative e consentirà al diplomato l inserimento in situazioni di lavoro diversificate e/o la prosecuzione degli studi. Il livello di formazione, orientato verso una operatività professionale di grado intermedio, sarà raggiunto tramite l acquisizione dei principi e dei metodi fondamentali delle aree di competenza. Inoltre frequenti esercitazioni ed incontri con esperienze reali renderanno familiari all alunno le moderne tecniche operative e ne stimoleranno la propensione al continuo aggiornamento, dopo il conseguimento del diploma. Conseguentemente con queste finalità il diplomato dovrà essere in grado di : progettare anche con l ausilio di procedure CAD opere civili di caratteristiche coerenti con le competenze professionali recuperare il patrimonio edilizio esistente con interventi di miglioramento ed adeguamento in linea con la normativa tecnica in vigore anche per le zone sismiche dirigere i lavori inerenti opere civili di caratteristiche coerenti con le competenze professionali operare anche in gruppi di lavoro, nella organizzazione, assistenza, gestione e direzione dei cantieri, ivi comprese le procedure per l accertamento della qualità dei materiali organizzare e redigere computi metrici preventivi e consuntivi e tenere i regolamentari registri di cantiere, anche con l ausilio di mezzi informatici progettare e realizzare modesti impianti tecnologici (idrici, igienico-sanitari, termici, ad energia solare, geotermica e/o eolica, di condizionamento) anche in funzione del risparmio energetico effettuare rilievi utilizzando i metodi e le tecniche tradizionali e conoscendo quelle più recenti, con applicazioni relative alla rappresentazione del territorio urbano ed extraurbano elaborare carte tematiche ed inserirsi in gruppi di lavoro per progettazioni urbanistiche intervenire, sia in fase progettuale che esecutiva, sul territorio per la realizzazione di infrastrutture (strade, attraversamenti, impianti ecc.), di opere di difesa e salvaguardia, di interventi idraulici e di bonifica di modeste dimensioni Pagina 22 di 49

23 valutare, anche sotto l aspetto dell impatto ambientale, immobili civili ed interventi territoriali di difesa dell ambiente effettuare accertamenti e stime catastali Pagina 23 di 49

24 Quadro orario Geometra Progetto 5 Classi/rario settimanale Materie IV V Religione/alternativa Lingua e lettere italiane Storia ed ed. civica Lingua straniera Matematica e informatica Fisica e laboratorio Geografia,Scienze e laboratorio Chimica e laboratorio Disegno e progettazione Diritto ed economia Geopedologia Economia ed Estimo Costruzioni Topografia fotogrammetria Impianti Educazione fisica TTALE DELLE RE Pagina 24 di 49

25 SBCCHI CCUPAZINALI del geometra progetto 5. Settore riguardante il rilievo finalizzato alla redazione degli atti di aggiornamento catastale(tracciamenti, frazionamenti e tipi mappali, accatastamenti, misurazioni e riconfinamenti, volture catastali e visure, sistemi distanziometrici e satellitari, rilievi planoaltimetrici e cartografia), settore delle nuove tecniche di rilievo: fotogrammetria terrestre grazie all utilizzo dei sistemi informatici(rilievi edifici architettonici, etc), Libera professione, dopo un periodo biennale di praticantato presso un tecnico abilitato ed un esame di abilitazione, nel settore della progettazione e direzione dei lavori di opere civili, progettazione per eliminazione barriere architettoniche, impianti e valutazione dell Impatto ambientale(v.i.a.), progettazione risparmio energetico, prevenzione incendi ed infortuni, periti giudiziari(arbitrati, denunce di successione, divisioni, visure ipotecarie, amministrazioni condominiali e immobiliari, usi civici, benefici fiscali in edilizia, ecologia, consulenze tecniche), progettazione dei piani di sicurezza dei cantieri e responsabile per la sicurezza; accesso alle Facoltà Universitarie, certificazione energetica degli edifici. g) PRGETTI SVLTI IN ISTITUT NEGLI ULTIMI ANNI. Dall a.s. 1993/94 all a.s. 2005/2006 l adesione al Progetto Giovani la partecipazione annuale al concorso invito alla lettura con traguardi considerevoli (premio nazionale 1993) le ricerche nel settore ambientale i progetti di trasformazione del territorio progetto-ambiente per le classi del Progetto 5 (2 premio nazionale nel 1994 conferito dalla Banca Comm.le Italiana) l adesione ai progetti comunitari europei (Progetto Socrates, sez. Comenius, che prevede la collaborazione con Istituti europei sia nel settore ambientale che linguistico e che, nell ottica dello scambio nazionale ed europeo, permette la partecipazione e l ampliamento delle reciproche esperienze nel settore tecnico ed informatico) il progetto Educazione alla Salute il progetto Scuole in rete il progetto Vivere il Mare finalisti a.s.2003/2004 e 2004/2005 la partecipazione ai seminari dell I.S.S. di Roma in occasione della Settimana della Cultura scientifica PN Annualità 2000 Misure 1.B, 1.C Pagina 25 di 49

26 a.s 2006/2007 ISTITUT TECNIC E. Mattei Casamicciola Terme(Na) PN Annualità 2005 Misure 1.3, 7.1b, 7.2, 7.3 Progetto globale d Istituto avente come focus il disagio Giovanile e i comportamenti a rischio Agenda 21 a scuola limpiadi di matematica e scienze naturali Accordo in rete per un Progetto di vita per i diversamente abili con ASL Na 2 Il quotidiano in classe La Repubblica corso di psicologia corso di recitazione corso di ecologia marina corso tecniche multimediali e giornalismo valutazione dell apprendimento di Italiano,matematica e Scienze nelle classi 1 e 3 di entrambi gli indirizzi. progetto AMIC LEADER Progetto provinciale sulla legalità Ricomincio da te progetto Rete delle Scuole Flegree progetto Biblioteca per studenti Progetto Bioetica (I anno) GIS(Geographic Information System) Recupero edilizio e del territorio Energia in gioco Dichiarazioni fiscali sportello per le famiglie essere genitori Musica insieme progetto globale d Istituto avente come FCUS il disagio dei giovani e i loro comportamenti a rischio a cui afferiscono diverse aree di intervento. accordo in rete per un Progetto di vita per i diversamente abili con l A.S.L.Na 2 Progetto triennale(inizio A.S. 2005/2006) di prevenzione del disagio adolescenziale e preadolescenziale in collaborazione con ASL NA 2 partecipazione alle olimpiadi di Matematica e di Scienze Naturali sicurezza nei cantieri edili attività per il conseguimento di certificazione ECDL( Patente europea ) Pagina 26 di 49

27 il quotidiano in classe in collaborazione con l osservatorio permanente giovani editori Firenze Il Corriere della Sera Sanniti e Pithecusani potenziamento delle lingue: Francese, Tedesco, Inglese E-Bravo Web corsi di recupero pomeridiani per gli allievi che presentano lacune nella preparazione ( I. D. E.I ) rientamento corso pre-universitario per i test d ammissione P..N. annualità 2006: Misura 7.1b,7.2,7.3 a.s. 2007/2008 Per l anno scolastico 2007/2008 il Collegio Docenti, accogliendo le proposte formulate dai docenti, con delibera del 23/11/2007 accoglie le integrazioni al P..F. di seguito elencate: a) progetti educativi: educazione alla legalità: la famiglie e le successioni educazione stradale educazione ambientale educazione alla salute educazione interculturale: le religioni e le tradizioni. Tale progetto si svilupperà nelle ore curriculari per coloro che non si avvalgono della religione cattolica. Biblioteca didattica ed attività di biblioteca d Istituto Cineforum b) progetti del settore prevenzione e socio-pedagocico: CIC:centro d informazione e consulenza sportello per le famiglie essere genitori Musica insieme II anno Teatro d improvvisazione progetto globale d Istituto avente come FCUS il disagio dei giovani e i loro comportamenti a rischio a cui afferiscono diverse aree di intervento. accordo in rete per un Progetto di vita per i diversamente abili con l A.S.L.Na 2 Progetto triennale(inizio A.S. 2005/2006) di prevenzione del disagio adolescenziale e preadolescenziale in collaborazione con ASL NA 2 Pagina 27 di 49

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli