I modelli multidimensionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I modelli multidimensionali"

Transcript

1 I modelli multidimensionali di Saverio Bozzolan, Università degli Studi di Padova 1 I limiti del modello del bilancio e del modello del valore nella valutazione della performance I modelli di misurazione della performance basati su dati contabili e parametri economico-finanziari sono stati per lungo tempo i più diffusi nelle aziende; ciò per la capacità del linguaggio contabile, pur nella parzialità della prospettiva di analisi, di determinare, quantificare e permettere l interpretazione dei risultati aziendali in relazione ai fattori critici di successo delle aziende stesse. Negli ultimi anni sono state mosse però alcune critiche a questi modelli. Tali critiche sono state fondate sul presupposto che le misure economico-finanziarie, in qualunque modo calcolate, presentano dei limiti riconducibili alla matrice contabile dei valori, alla mancanza di attenzione rispetto alla variabile rischio e all orientamento principalmente di breve periodo dei risultati stessi. Con la nascita e la diffusione dell approccio del valore si sono proposti una serie di indicatori per la misurazione della performance che superano alcuni di questi limiti. In questo paragrafo, oltre a riprendere alcuni degli elementi che hanno portato verso il superamento delle misure contabili con quelle riconducibili al modello del valore, si mette in evidenza come vi siano elementi critici, anche nel modello del valore, che a loro volta, possono essere superati adottando modelli multidimensionali di misurazione della performance. Con riferimento al modello del bilancio è stato evidenziato che la parzialità dela rappresentazione è una sua caratteristica intrinseca in quanto il modello contabile si fonda sulle operazioni di scambio; adottando questa prospettiva non tutti i fatti rilevanti relativi a un azienda sono colti in modo soddisfacente poiché le rilevazioni contabili rappresentano in modo parziale le dinamiche di un sistema (Zappa G., 1939). L inadeguatezza dei risultati contabili a rappresentare la performance complessiva di un azienda è, inoltre, riconducibile al fatto che il modello del bilancio trascura i fattori immateriali delle attività aziendali di cui non è in grado di coglierne correttamente le dinamiche di creazione o consumo (Onida P., 1951). Sebbene vi fossero queste consapevolezze, il modello contabile veniva comunemente adottato perché questi limiti intrinseci non avevano effetti sulla qualità della misurazione della performance delle aziende o, almeno, questi effetti erano limitati. Infatti, gli asset che all epoca guidavano la formazione dei vantaggi competitivi erano in prevalenza impianti, attrezzature, macchinari, terreni ecc. cioè elementi rappresentati in modo appropriato nel capitale di funzionamento; allo stesso modo, veniva adeguatamente rappresentato il loro contributo alla determinazione del risultato di periodo (l ammortamento). Altri fattori critici di successo per le aziende potevano essere individuati in dimensioni come l efficienza produttiva, la struttura finanziaria, il tasso di rinnovamento degli impianti o il loro grado di obsolescenza

2 I modelli multidimensionali 2 ecc. tutti elementi che erano, a loro volta, rappresentabili nei valori di bilancio e che potevano essere colti tramite opportune analisi. Il modello contabile non si è più dimostrato sufficiente quando i processi di cui non era in grado di dare una consona rappresentazione erano quelli più significativi nel determinare e nello spiegare il raggiungimento della condizione di economicità. Tale insoddisfazione è emersa nel momento in cui fattori come la perdita di competitività, il ritardo tecnologico, il fallimento di una innovazione ecc. hanno cominciato ad acquisire sempre più importanza nella determinazione e nella spiegazione della performance. Nel 1993, un autorevole studioso statunitense di management, Peter Drucker affermò in un articolo sul Wall Street Journal che le informazioni economico-finanziarie provenienti dal bilancio e dalla contabilità analitica sono come una radiografia tramite la quale si evidenzia solo lo scheletro di una azienda e che i sintomi delle malattie che in quegli anni cominciavano a colpire le aziende non erano individuabili da una radiografia. Con i modelli contabili, infatti, si misura il reddito e il capitale di funzionamento ma non si è in grado, o lo si è in misura molto parziale, di misurare la creazione o il consumo di risorse organizzate necessarie per il mantenimento della redditività prospettica e fornire, quindi, informazioni sulla qualità del reddito (Coda V., 1991). Tali risorse organizzate costituiscono i fattori intangibili (più avanti si approfondirà questo argomento) e sono una delle determinanti fondamentali per l ottenimento di un vantaggio competitivo sostenibile e per il raggiungimento di risultati economico-finanziari futuri. Infatti, se non si tengono in considerazione i processi di consumo delle risorse organizzate non rappresentate in bilancio può accadere che si consegua un reddito di periodo soddisfacente grazie a una riduzione degli investimenti (in marketing, in ricerca e sviluppo, in formazione del personale ecc.), che però sono alla base della realizzazione di risultati futuri, penalizzando di conseguenza le prospettive di sviluppo. Questo fenomeno noto come management miopia (Merchant K.A., Burns W.J., 1986) ha portato le aziende a considerare risultati economici di breve periodo come indicatori delle prospettive di lungo termine senza considerare, appunto, che il conseguimento di tali performance economiche poteva avvenire a scapito del consumo di risorse organizzate. Oltre alla centralità dei fattori immateriali, negli ultimi anni si è assistito a un incremento del livello di concorrenza dovuto alla diminuzione dei mercati protetti e alla globalizzazione dei mercati stessi; si pensi, per esempio, alla scomparsa delle barriere doganali e al fenomeno di Internet che ha portato le singole aziende a competere su scala mondiale. La maggiore concorrenza ha avuto come principale effetto un incremento dei rischi, intesi nel senso di incertezza e variabilità dei risultati, che l azienda deve essere in grado di fronteggiare e tenere in considerazione nei propri calcoli di convenienza economica. Anche in questa direzione il modello contabile si è mostrato carente in quanto il risultato di periodo non è ponderato in alcun modo con la sua rischiosità (Invernizzi G., Molteni M., 1991). Conseguire un utile di 1 milione di euro, o meglio, un ROE pari al 15% può essere allo stesso tempo un risultato soddisfacente e insoddisfacente in funzione della variabilità sottostante al risultato. Infatti, se l azienda opera in un sistema competitivo tale per cui la variabilità del ROE è attorno al 10% (significa che il ROE è molto probabile che assumerà valori compresi tra 13,5 e 16,5%) il livello di remunerazione per i soci è soddisfacente. Al contrario, se la variabilità del ROE è al 150%, perché vi è la minaccia di nuovi entranti, perché si è appena introdotto un nuovo prodotto ecc., un livello del 15% non è più soddisfacente in quanto i soci si attendono e pretendono, solamente a fronte del rischio sostenuto, un rendimento molto maggiore.

3 I modelli multidimensionali 3 Oltre a non considerare il livello del rischio, il modello del bilancio non tiene conto del momento nel quale si manifestano i risultati aziendali; tratta allo stesso modo flussi di risultato che si manifestano ora rispetto a quelli che si manifesteranno in futuro (Buttignon F., 1990), a differenza del modello del valore che li corregge utilizza il tasso di attualizzazione. Questi limiti sono stati superati ponendo al centro dei modelli di valutazione della performance il concetto di valore economico che si fonda sui flussi futuri di risultato e tiene conto, ricordiamo, del momento temporale in cui si manifestano e del livello del rischio associato ai flussi stessi (Bozzolan S., 2001). Anche il modello del valore non è però esente da limiti (Invernizzi G., Molteni M., 1991; Guatri L., 1998; Olivotto L., 2000): i principali sono stati individuati nell unicità della prospettiva che consiste nell obiettivo di massimizzazione della ricchezza degli azionisti e nella serie di ipotesi necessarie relativamente al tasso di attualizzazione, alla individuazione dei flussi di risultato nei singoli periodi per poterlo applicare alle realtà aziendali e alle problematiche per la misurazione del valore residuo. I risultati di un azienda vengono valutati in relazione alla capacità di offrire un rendimento del capitale proprio almeno pari a quello garantito per investimenti caratterizzati dallo stesso livello di rischio oppure maggiore del costo ponderato del capitale acquisito dall azienda (Stewart G.B., 1991). Obiettivo primario di ogni impresa diviene la massimizzazione del valore per l azionista; ciò ha conseguenze sui modelli per la determinazione del capitale economico in quanto pone in una situazione di centralità l apportatore del capitale di rischio, trascurando quasi completamente gli altri stakeholder e sostenendo che, tramite una adeguata remunerazione del capitale, si soddisfano contemporaneamente le attese di tutti i gruppi di stakeholder (Copeland T., Koller T., Murrin J., 2000). Molte sono inoltre le ipotesi che devono essere formulate per la misurazione del valore economico tenendo conto che la sua determinazione deve avere origine dall analisi e dall individuazione di come si sta modificando la posizione competitiva e di quali sono le attività aziendali che generano tali vantaggi competitivi (Donna G., 1999). Nei processi di costruzione delle previsioni analitiche necessarie al calcolo del valore ci si scontra con il fatto che molti flussi futuri si presentano con livelli di incertezza elevata in contesti competitivi in rapido cambiamento. In queste situazioni di estrema variabilità si deve determinare il tasso di attualizzazione in funzione del premio per il rischio e ipotizzare i flussi di risultato annuali sulla base dell evoluzione del mercato. L arco temporale che si sceglie (3-5 anni) per effettuare valutazioni prospettiche analitiche, è troppo breve per valutare correttamente i flussi di cassa, di economic profit che l impresa metterà a disposizione degli azionisti in quanto i flussi di risultato dei primi anni risentono degli investimenti effettuati e, in questo modo, si rischia di sottostimare il valore economico. Allo stesso tempo procedere su un intervallo temporale più ampio comporta che le ipotesi alla base delle previsioni siano poco ancorate alla realtà. Di conseguenza, la stima del valore è una quantità che risente pesantemente delle ipotesi di partenza e dei metodi impiegati da parte di colui che conduce la stima; ciò spiega la volatilità del prezzo di mercato (anche se le determinanti non sono le stesse) di molti titoli azionari non appena accade qualcosa nel mercato che non è in linea con lo scenario predisposto dagli analisti finanziari. La critica più importante al modello del valore è però riconducibile alle motivazioni alla base della nascita dei value based management systems: la misura del valore, nonostante sia l elemento centrale nell orientare le scelte del management, è un valore troppo sintetico (è un numero) che pur integrando in modo utile la qualità dell informazione contabile non permette di individuare le cause di quel determinato risultato.

4 I modelli multidimensionali 4 Di conseguenza, una sempre maggiore attenzione deve essere rivolta alla identificazione di quelle che vengono definite la giustificazione delle determinanti del valore piuttosto che continuare a porre attenzione al calcolo del valore (Olivotto L., 2000). In questo modo, si può agire sui processi che determinano il successo competitivo e che devono ancora avere un chiaro effetto sui valori economico-finanziari. Avviene quindi uno spostamento dell interesse verso una dimensione pragmatica con il tentativo di orientare decisioni e comportamenti individuali verso il raggiungimento degli obiettivi. Si rivolge una maggiore attenzione agli eventi operativi rispetto agli eventi amministrativi e si passa dalla base dati contabile all area dei sistemi direzionali che permettono l attento monitoraggio di quanto accade quotidianamente all interno dell azienda e nel suo ambiente di riferimento. Il passaggio verso adeguati sistemi di misurazione della performance deve muovere verso un sistema di indicatori, a supporto del processo decisionale (operativo e strategico), coerente con la formula imprenditoriale e finalizzato a monitorare, nel breve come nel lungo termine, il perseguimento degli obiettivi stabiliti dalla strategia aziendale. Pertanto, se il management opera con la finalità di creare valore deve porre la propria attenzione su quelle variabili che effettivamente lo determinano: è indispensabile individuarle, conoscerle e misurarle. Le determinanti del vantaggio competitivo, pur essendo riconducibili a schemi interpretativi di tipo generale, risentono delle peculiarità di ciascuna realtà in quanto ogni azienda si confronta con il proprio mercato, con i propri concorrenti, facendo leva sulle proprie risorse e con modalità individuate dalle proprie strategie. È necessario quindi specificare tali variabili in modo da rendere evidente le relazioni intercorrenti tra cause (decisioni e azioni) ed effetti (valori assunti dalle determinanti del valore o value driver) e collegare questi ultimi con i processi di generazione del valore. L identificazione dei driver, l esplicitazione tramite parametri e indicatori, il loro monitoraggio sono quindi elementi fondamentali per verificare e gestire il valore. Alcune di queste relazioni sono chiaramente individuabili nei loro effetti sui risultati economico-finanziari e sul valore; altre relazioni sono mediate, non chiaramente esplicitabili e quindi il loro effetto sui risultati aziendali è difficilmente valutabile. Questi nuovi indicatori, ottenuti per mezzo degli strumenti propri dei value based management systems, integrano pertanto quelli contabili, ma soprattutto conducono verso l identificazione delle cause della formazione del valore economico, ricercando le relazioni intercorrenti tra variabili esterne (ambientali e competitive) e interne e collegando i risultati con la decisione relativa alle operazioni di interna gestione day to day. Di conseguenza, un azienda che voglia raggiungere risultati soddisfacenti deve utilizzare un sistema di misurazione della performance in grado di individuare le determinanti ultime della performance stessa (Toscano G., 2000) in modo da riuscire a identificare, nei tempi adeguati, gli eventuali scostamenti e aiutare il management ad agire in modo rapido ed efficace attuando le decisioni più opportune. 2 I modelli multidimensionali per la valutazione della performance aziendale È quindi evidente ormai che per una corretta valutazione della performance economico-finanziaria non è più sufficiente analizzare il ROI oppure il risultato di periodo, oppure ancora il valore economico. Nella costruzione dei modelli per la misurazione della performance si è quindi rivolta l attenzione verso la definizione di nuove misure in grado di coniugare risultati consuntivi con risultati prospettici,

5 I modelli multidimensionali 5 di porre attenzione al breve come al medio lungo termine, di identificare e misurare, integrando indicatori finanziari con indicatori non finanziari, le variabili determinanti del vantaggio competitivo indispensabili per il raggiungimento di una performance di successo. L integrazione con modelli multidimensionali si è resa necessaria perché le prestazioni che determinano la performance economico-finanziaria devono essere misurate tramite indicatori qualitativi e quantitativi di tipo operativo. Infatti, quanto più le misure rappresentano il fenomeno secondo le esigenze dell utilizzatore, nel senso di essere collegate alle sue attività quotidiane, tanto maggiori saranno le opportunità di miglioramento dei processi di gestione e quindi della performance stessa. In questo modo si anticipano le dinamiche future perché i risultati economico-finanziari dipendono dall efficienza e dall efficacia con la quale vengono svolti quotidianamente i processi aziendali. Pertanto, un insieme di variabili non finanziarie diventano il complemento di quelle finanziarie, arrivando al paradosso che, talvolta, il modo migliore per guidare un azienda verso il raggiungimento di determinati risultati economico-finanziari sia quello di non avere tra i propri parametri obiettivo quelli economico-finanziari (Epstein M.J., Birchard B., 2000). Ci si pone quindi in una prospettiva non solamente di valutazione della performance ottenuta ma anche di governo dell azienda. Non tenendo in considerazione variabili come la customer satisfaction, la qualità, la soddisfazione delle risorse umane, la quota di mercato e altre dimensioni rilevanti per la determinazione della performance, il management può decidere in modo non corretto e gli analisti arrivare a giudizi non validi sulla capacità di un impresa di produrre ricchezza o di un istituzione di raggiungere i propri fini. Appare chiaro che va sviluppata una sorta di scheda di valutazione in grado di cogliere le differenti dimensioni della performance all interno della quale la prospettiva economico-finanziaria è una delle componenti. Questa necessità è, ovviamente, sentita in quelle istituzioni nelle quali i risultati economico-finanziari non sono una parte rilevante della performance complessiva ma è anche rilevante nelle aziende che si pongono come finalità principale la creazione di valore. Un approccio bilanciato alla misurazione della performance permette di coniugare lo sviluppo di quelle condizioni (competenze, conoscenze ecc.) che hanno un impatto negativo sui risultati di breve periodo ma che, al contrario, costituiscono delle fonti di successo per le dinamiche future riducendo il pericolo della miopia del management. Utilizzare parametri e indicatori non riconducibili alla dimensione economicofinanziaria non rappresenta nulla di nuovo nell analisi delle dinamiche aziendali; molti tipi di indicatori sono stati individuati da tempo sia da parte di imprese sia di enti e istituzioni pubbliche. La differenza risiede principalmente nel focus su un definito insieme di indicatori, pochi ma sufficienti a tenere sotto controllo lo svolgersi dei processi aziendali secondo differenti prospettive, e nell utilizzarli per il miglioramento dei processi, consapevoli del fatto che sono in stretta relazione con i risultati economico-finanziari. Questi modelli hanno quindi l obiettivo di permettere un migliore controllo del futuro utilizzando un sistema di misurazione della performance in grado di orientare, sulla base della individuazione di obiettivi chiari e definiti per ogni unità organizzativa, il comportamento e le scelte dei differenti responsabili aziendali. Pertanto, tali modelli si fondano su una serie di indicatori correlati alle specifiche attività e, quindi, strettamente dipendenti dalle modalità di svolgimento dei processi aziendali. Il principale problema è pertanto diventato l individuazione di parametri e di indicatori conformi alle esigenze aziendali. Agli indicatori economico-finanziari, sono state associate variabili qualitative e quantitative necessarie a descrivere il

6 I modelli multidimensionali 6 fenomeno oggetto di studio secondo rilevanza e adottando quelle prospettive critiche per la singola realtà aziendale. Ciò ha avuto come effetto che parametri indistinti e comuni per tutte le aziende, come quelli contabili, vengano integrati oppure sostituiti da indicatori non finanziari che devono essere tagliati su misura in relazione alle specifiche aziende. In sostanza, l innovazione principale dei nuovi modelli di misurazione delle performance è divenuta la capacità di legare direttamente le attività day to day alla strategia aziendale; si tratta di definire in quale modo il legame tra strategia e sistema di misurazione può concretizzarsi nel processo di individuazione delle misure da adottare. 2.1 La piramide della performance Uno dei modelli più diffusi che integra misure finanziarie e misure non finanziarie è stato proposto da Lynch e Cross (1991) ed è noto come la piramide della performance. Si presenta come una piramide a tre livelli di obiettivi e misure, orientati verso l efficacia esterna e l efficienza interna e al cui vertice trova spazio un ulteriore livello nel quale è presentata la vision dell azienda (Figura 1). Figura 1 - La piramide della performance (Fonte: Lynch R.L., Cross K.F., 1991).

7 I modelli multidimensionali 7 Due sono le ipotesi sulle quali si fonda il modello della piramide della performance: la prima riguarda il fatto che le attività svolte siano collegate agli obiettivi e la seconda il fatto che le singole misure, soprattutto a livello di unità organizzativa, devono essere definite in modo che sia possibile, facendo riferimento a queste, migliorare lo svolgimento dei processi aziendali e quindi il raggiungimento dei risultati. Con questo modello si vuole pertanto tradurre la strategia aziendale nelle attività svolte day to day tramite un sistema di obiettivi e di misure. Si può evidenziare il circuito degli obiettivi che, dall alto verso il basso, porta dagli obiettivi della strategia a quelli delle strategic business unit, dei sistemi operativi aziendali fino a quelli delle singole unità organizzative. Al contrario, il sistema delle misure muove dal basso verso l alto con l individuazione delle misure prima a livello operativo, poi di strategic business unit fino a quello aziendale. Questo circuito permette di individuare gli obiettivi con una logica top down e il sistema delle misure, per la rilevazione del raggiungimento degli obiettivi e la valutazione della coerenza delle attività svolte con la strategia adottata, con una logica bottom up. Nel dettaglio, a livello del top management viene individuata e definita la vision aziendale. A livello inferiore vengono specificati in modo analitico gli obiettivi sia in termini finanziari (ROI, ROE, flussi di liquidità, costo di prodotto, livello di indebitamento ecc.) sia di mercato (quota di mercato assoluta e relativa, gradi di concentrazione, posizionamento ecc.) delle strategic business unit o delle divisionidipartimenti. La preminenza ai singoli indicatori viene determinata dall importanza dei soggetti a cui questi indicatori si riferiscono: i clienti, piuttosto che gli azionisti, piuttosto che altre categorie di stakeholder. Le misure non finanziarie possono essere differenti per le singole strategic business unit poiché tendono a individuare i fattori determinati ed esplicativi della performance economico-finanziaria di ognuna di queste. Tali misure saranno orientate verso la misurazione dei fattori critici di successo e dei punti di forza e di debolezza aziendale in una prospettiva sia di analisi consuntiva sia di potenzialità future. Le misure finanziarie, al contrario, sono necessariamente uguali per le singole strategic business unit al fine di permettere il consolidamento dei risultati a livello aziendale, anche se nulla vieta che ogni strategic business unit possa essere monitorata con quozienti calcolati su dati contabili specifici. A livello dei sistemi operativi aziendali, che consistono nelle funzioni e nelle attività necessarie a tradurre operativamente una strategia aziendale per fornire un prodotto o un servizio al cliente, è possibile individuare i legami tra gli indicatori di sintesi a livello di strategic business unit e le misure operative. Si mettono in relazione i processi interni con le istanze che provengono dal mercato ed è a questo livello che vengono identificati molti dei driver che determinano il vantaggio competitivo dell azienda. La soddisfazione del cliente, la flessibilità e la produttività sono le tre dimensioni nelle quali vengono articolati tali obiettivi. Dalle dimensioni di livello superiore discendono gli obiettivi delle singole unità organizzative che sono anche le determinanti dei risultati: la soddisfazione del cliente è connessa con la qualità e i tempi di consegna; la produttività è riconducibile all efficienza produttiva e ai tempi di ciclo e la flessibilità viene posta in relazione con tempi di consegna e tempi di ciclo. Nelle singole unità organizzative l attenzione è indirizzata a misure di prestazione di tipo non finanziario e la performance è misurata con intervalli temporali molto ridotti. A mano a mano che si sale nella piramide, i processi di misurazione diventano meno frequenti e acquistano sempre maggiore rilevanza le misure finanziarie. Il modello di Lynch e Cross integra le misure non finanziarie di tipo operativo con quelle finanziarie individuando alcune relazioni di causa ed effetto che legano le prime alle seconde. In questo modo, il management è in grado di capire quali sono i

8 I modelli multidimensionali 8 fattori che spiegano particolari valori delle stesse misure finanziarie e, a seconda del livello organizzativo in cui ci si colloca, quali sono le variabili da monitorare per valutare il comportamento dei soggetti responsabili delle singole unità operative. Pertanto, le informazioni finanziarie si integrano con variabili di tipo fisico in funzione del livello organizzativo; è necessario tenere in considerazione, però, che tanto più è elevato il livello organizzativo maggiore deve essere il dominio coperto dalle informazioni che a esso si riferiscono e, quindi, la capacità di sintesi richiesta alle informazioni stesse. Per questo motivo, al vertice della piramide vengono adottate misure finanziarie in grado di riassumere aspetti relativi a dimensioni diverse in un unico valore. Questa separazione del tipo di informazioni richieste in funzione del livello gerarchico è necessaria perché, solamente per questa via, i manager sono in grado di monitorare i fattori critici di successo utilizzando indicatori collegati allo svolgimento delle attività operative per le quali è chiaro quali siano i correttivi da effettuare al fine di migliorare i processi in modo da conseguire risultati migliori, permettere la comparazione tra le differenti strategic business unit e identificare a quali tra queste è da ricondurre il raggiungimento degli obiettivi aziendali. 2.2 Il balanced scorecard L idea alla base del balanced scorecard è la stessa della piramide della performance; è riassumibile nel fatto che l analisi di un azienda deve essere condotta da differenti prospettive con la finalità di costruire un legame tra la performance di breve termine (legata allo svolgimento delle attività quotidiane) e la strategia complessiva. Solamente in questo modo, si è in grado di monitorare le operazioni day to day e capire come queste influiscano sulle condizioni future di economicità. Il balanced scorecard è il modello basato su indicatori non finanziari che ha avuto negli anni recenti maggiore diffusione nelle aziende; si fonda sul superamento di una impostazione gerarchica della definizione degli obiettivi sia da un punto di vista organizzativo sia secondo una prospettiva temporale. Si è visto in precedenza che il modello della piramide della performance è legato a una concezione che vede gli obiettivi strutturati per livelli: strategico, direzionale e operativo. A livello operativo i parametri finanziari hanno lasciato spazio a quelli non finanziari che, come detto, sono i mattoni (le cause) della performance finanziaria dell azienda. Allo stesso modo, i risultati finanziari sono quelli di lungo termine, obiettivi che vengono conseguiti solamente se vengono raggiunti gli obiettivi di breve termine (operativi e a livello di strategic business unit). Con il balanced scorecard si esce da una impostazione gerarchica nella definizione degli obiettivi (e quindi delle misure di performance) in quanto si propone che l azienda debba essere monitorata costantemente e contemporaneamente da differenti prospettive: finanziarie e non, interne ed esterne, di breve e di lungo termine ecc. le quali vengono tutte poste allo stesso piano (Figura 2). Oltre alla prospettiva finanziaria, il balanced scorecard vuole quindi misurare i punti di forza e di debolezza aziendali sulla base di altre tre dimensioni: la prospettiva del cliente, la prospettiva dei processi interni e la prospettiva dell innovazione e dell apprendimento. Queste dimensioni, che congiuntamente determinano la performance aziendale, pongono attenzione al passato (prospettiva finanziaria), al presente (prospettiva dei processi interni e del cliente) e al futuro (prospettiva dell innovazione e dell apprendimento).

9 I modelli multidimensionali 9 Figura 2 - Il balanced scorecard (Fonte: Kaplan R.S., Norton D.P., 1992). La prospettiva del cliente porta il management a riflettere e a interrogarsi su quali siano i fattori che i clienti giudicano effettivamente importanti, quali le azioni da effettuare al fine di garantire ai clienti il soddisfacimento delle loro aspettative e, infine, quali gli indicatori in grado di dare una rappresentazione adeguata dei risultati raggiunti. L attenzione allo svolgimento dei processi caratteristici aziendali permette di passare alla prospettiva interna nella quale devono essere valutati gli elementi che hanno un maggiore impatto sulla soddisfazione del cliente come i tempi di produzione e di consegna, la qualità, la produttività, la flessibilità ecc. Se queste due dimensioni individuano le categorie che l azienda deve perseguire oggi per raggiungere un vantaggio competitivo sostenibile, queste stesse determinanti possono modificarsi nel tempo. La prospettiva dell apprendimento e dell innovazione concorre allo sviluppo di competenze distintive che mantengono e accrescono la capacità competitiva dell azienda e, di conseguenza, diventa un ulteriore elemento da tenere in considerazione nella valutazione della performance soprattutto in chiave prospettica. In questo quadro, la dimensione economico-finanziaria esprime l esigenza che il perseguimento di obiettivi di lungo periodo sia il risultato di una serie di equilibri economico-finanziari di breve termine, di orientamenti e decisioni sulla base delle istanze che provengono dal mercato, di valutazione delle competenze interne (remunerazione del personale ecc.) e dello svolgimento dei processi di gestione (costi, efficienza ecc.).

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE

NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE NECESSITA E FINALITA DELLA VALUTAZIONE Crescita degli eventi e loro complessità determinano la necessità di valutare il valore reale di un evento sia a valle che a monte Vuoto cognitivo facendo riferimento

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

Progetto di ricerca: La balanced scorecard nelle aziende di trasporto pubblico locale

Progetto di ricerca: La balanced scorecard nelle aziende di trasporto pubblico locale Richiesta di assegno di ricerca cofinanziato Responsabile: prof. Giovanni Liberatore Progetto di ricerca: La balanced scorecard nelle aziende di trasporto pubblico locale 1. Premessa...2 2. Oggetto della

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

L uso della Balanced Scorecard nel processo di Business Planning

L uso della Balanced Scorecard nel processo di Business Planning L uso della Balanced Scorecard nel processo di Business Planning di Marcello Sabatini www.msconsulting.it Introduzione Il business plan è uno strumento che permette ad un imprenditore di descrivere la

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard

Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Misurazione delle Performance e Balanced Scorecard Come tradurre la strategia in azione a cura di Alessandro Saviotti - saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Costi Cash Flow EVA Return on investmen

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Il gap 2: la progettazione del servizio e gli standard operativi visibili e misurabili dai clienti 22 P f ROBERTO PAPA GAP 2: il gap di progettazione del servizio Il secondo gap

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 18 Marzo 2015 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore?

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore? L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L approccio del valore l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento : TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente: dott.ing.giampaolo

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese

Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese Evoluzione dei sistemi di dominanza delle imprese Responsabilità sociale dell impresa Orientamento alla clientela Sistemi di creazione del valore Orientamento verso la produzione Orientamento verso la

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli