$ ( $$ (! (+ $ *$ % ' ' $ % & * ' " ' " '$ & - '$ % $ $ ($ $./ & & $ 0 $ $ % ' & 1 $ * & $ ' ' ' ' ' $ 23 * & 4 5 ' &./ &

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "$ ( $$ (! (+ $ *$ % ' ' $ % & * ' " ' " '$ & - '$ % $ $ ($ $./ & & $ 0 $ $ % ' & 1 $ * & $ ' ' ' ' ' $ 23 * & 4 5 ' &./ &"

Transcript

1 ! "# % % & &! ( (! )!*# (+ ",## * % % & * " " & - % (./ & & % & 1 * & 3 * & 4 &./ & % ((% % *3 (6 & 7 ) 1 Sabina Nuti è professore associato di Economia e gestione delle imprese presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. E direttore del Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna costituito in collaborazione con la Regione Toscana che è responsabile del sistema di valutazione della performance delle aziende sanitarie toscane. Cfr la Relazione Sanitaria Regione Toscana 3-, parte seconda, cap.7 Il sistema sanitario regionale: un attore importante del sistema economico toscano a cura dell Irpet, pag

2 ,8)69! ( :);, % ( ( (! % % & ( 79-<: 9==) & * ( & & ) % &>( &> &. / & &> & & %? & & &./!& &!% % & ( %,# +A & (6, ( & (6% (6 ) (6 <*# ) (6 <* + 6 (6 B < )? &>C 3 Nel 7 le aziende ospedaliero-universitarie della Toscana sono diventate. Si è aggiunta la Fondazione Monasterio costituita congiuntamente con il CNR. 4! (6 ( % * % D 6 D 3 * 3 - D D * & & 6 3:

3 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66;# G # G 6 #)(6B<)% & & ( ; ( ( & *, % &&( *(&& 6 6 % & # )% ( %!% * 3 & % % % ; ) 3H4? -6!& ( (6 &./ & &? " 4? * 3 3H) && & ( % ) # * % ) 3H4) 6 ( 67(& 6! 3-7&:31) (< G6D (<3 D -- (<) *% (6

4 8)69! % & 3 (6!! B 4 : &>&&& 9 I+ * % % ( &! % && 3 % %. / % * &J ( == (B + & &>! * & );C A!!,6C 6B<)!! 6- -6! 6B<! 6<* 6B<! 6<* ),;#; & 4 (! &!!"!!#!! 7 Confronta La valutazione della sanità toscana: report 6 a cura di Sabina Nuti, Laboratorio Management e Sanità, Scuola Superiore Sant Anna, Ets Pisa 7. + III K

5 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66; % &./ ( & ( B & ( & ( ) ( & ( ( ( ( ( & & % (& -: &? % C ( % G % G ( G % % *% ( 6 C BG ( &> K L4G )!!% " MC ( 4 & ( & ( G ( G ( ( G ( ( (&% G

6 +8)69! J G & B & 4 * ( & & B % ( ( & ( ) % ( ) &!"! % #!#! "! Figura 1! (6 & ( 4 & ( % ( &? & (6 %

7 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66;= ) % % * C * 64 ) &% % & & ( * D4 * & & % %!% & *4! % % ( *-4!% ( % &( *94!% B ) % * ( 4 % (% (%!% & ( ( ( % L4 ( L4

8 8)69! ) & ( ( ) % (. / &"./! *3& &" & N &./ % *( " *% C "! %,#G G % ( *1G %( ) % C C (B34G J O ( 4 B % # *./" 6 & ( % % & *

9 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66; * %! 1 &> 1 & (!! * & * 3 ( & 1 ( 6 %&! & ( &> & M " +,- 7 3 B--!6E!B9 B3)*9!7633: : %./ & 1!! 7! & & ( & ( - 1 & % & &

10 8)69! 1 & 1 ( ( 1 & & &! % ( 1 &&.&/ % & +,-? 3;& 9!93!6. ) 1 6-KB )? D ) % 1 & % %! % 1 & * %&( %./ * M : & %. /! % 1 C -G G A

11 :.&/ C % ( G C% ( A & G % (G % (A! & & *? & & & 1 " :K % &" % 1 &% %" " 1./& ) (!&& 1 & & ( *( ( % ##,! & ( ( # &( * %./% % 6 *!*3& %

12 ,8)69! 3 )7)>./()76)..)>./;)< ) ) 3 ) 3 ) 3+ ) ) ) 3))3)=(17/../)/1./);4< ) (7 4, 4 ( 4 4! 4" 4" 3 4" 4" 4# 6 4# 39& 4# : 3) 4 : 48 ( 49 : 49 ) 49 ) 49 B 49 4! ) 4! 4 3 ;).7< 4 ) - 4 )- 4 * ;).7< 4!P67 4!P67 4!P 4!P ); 4 ) 4 ); 4 4" 3 4!!" 4!!# 4!..*!!# 4.*!!!!

13 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66;# 3 4!!" 4!!#.*!!# 4.*!!!! )7)>./()/));3< K 3 -K 3" -K& 3# " -!36 3# & B-K4 3 &-H; H 3 -*96& C 3 -*963C 3" : 3" ; 3" 3" 3" 3 3"" 3 3"# H;6B<4 3" 6B<4 3"8 &6B<4 3#, " 3# CB-K 3 & 38 = " 38# && 38 B&& 39 = 39!C & 39 C 39 ;C 39 C --- 3! 3! 3! 676B<4 3!

14 8)69! 3 )7)>./(/);6< 6 6 * 6 ) * 6 ) 6" ( 68 ( 68 ) 68 6H 68 ) 69 ** 6! 6! ) 6! 6H 6! ) 6? = ( ( : !& 6 ) 6 3* 6 B 6 ) 6 6 : 6" B )7)>.///);< = 3 *! * " * " "! " * # 3! * 8 9 ) 4!!" 6# !!#.*!!# 4.*!!!!

15 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66; 3 )7)>./3./.3.%/)/>))6%%3/>).));%< % : * % 9%9: % 9%9: % B! % : * %! % %! %! %" : * % %"! %" %" %" - % ( %8 4 %! 1 % % %!C % C % ;C9 % 6C %" 6C % % % 9 % 6 %!9) %"!)! %#! % ( ** % 6) % %? & % - %", %" %" 9) 4!!" 4!!#.*!!# 4.*!!!!

16 +8)69! * * 3 % (6 % ( *3&&!!# &? & & % (! % "&*!!# B3 Tempi di attesa visite specialistiche (>.()/). B4 Strategie per il controllo del dolore A4 Tasso di Mortalità per suicidi 1./) B Estensione ed adesione A3 Tasso di Mortalità per malattie cardio-circolatorie allo screening oncologico A Tasso di Mortalità per tumori B6 Gestione processo donazioni organi 3 A1 Tasso di Mortalità infantile B7 Grado di copertura vaccinale ()7 B8 Tempestività dati SIR ()1 B9 Equità ed accesso F1 PISLL 1./) B1 Percorso assistenziale F14 Sanità pubblica veterinaria del ricovero ospedaliero B11 Complessità della casistica F13 Procedure di controllo magazzino B1 Mobilità B13 Continuità assistenziale: percorso materno infantile B1 Capacità attività ricerca (.3. ()/)) C1 Capacità di governo della domanda C Efficienza nell attività di ricovero! 8 & +4 C3 Efficienza preoperatoria C4 Appropriatezza C Qualità clinica C7 Percorso D D=, # + = D D# D D D# D, D+ - 6, 6 6 C8 Efficacia sanitaria azioni territoriali -= 9 C9 Appropriatezza prescrittiva farmaceutica C1 Percorso oncologico - 9!!# (/) D8 Pronto soccorso D9 % abbandoni dal pronto soccorso D1 % Insoddisfatti pronto soccorso ) D11 Qualità dell assistenza nel ricovero D14 Comfort ed ambiente nel ricovero ) D1 Umanizzazione nel ricovero D13 Comunicazione sanitaria nel ricovero , 9# 9 F1 Efficienza prescrittiva farmaceutica F11 Indice di compensazione F1 Governo della spesa farmaceutica F8 Budget F7 Servizi interni F3 Equilibrio finanziariopatrimoniale F1 Equilibrio economico 3./.3. %/)/>)) E7 Management M per i dipendenti E Management M per i responsabili E3 Tasso di infortuni dei dipendenti E Tasso di assenteismo //) E1 Tasso di risposta all indagine clima

17 !*!936-!76*<6E!B9-9**6)9B369-9**66!FB66;= C! 6 =: +C! (6 9 B3 Tempi di attesa visite specialistiche )7(9 B4 Strategie per il controllo del dolore A4 Tasso di Mortalità per suicidi A3 Tasso di Mortalità per malattie cardio-circolatorie 1 B Estensione ed adesione allo screening oncologico 6, A Tasso di Mortalità per tumori B6 Gestione processo donazioni organi A1 Tasso di Mortalità infantile B7 Grado di copertura vaccinale ()7 3 ()11./) F1 Efficienza nel B8 Tempestività dati SIR PISLLL F14 Efficienza ed efficacia SPV B9 Equità ed accesso 6 F13 Procedure di B1 Percorso assistenziale del ricovero ospedaliero D# controllo magazzino D 6 B13 Continuità assistenziale: percorso materno infantile (.3. ()/)) C1 Capacità di governo della domanda C Efficienza nell attività di ricovero C3 Efficienza preoperatoria C4 Appropriatezza C Qualità clinica C7 Percorso Maternoinfantile C8 Efficacia sanitaria azioni territoriali C9 Appropriatezza prescrittiva farmaceutica, # C1 Percorso oncologico!!# (/) D8 Pronto soccorso ) ) C1 Capacità di governo della domanda C Efficienza nell attività di ricovero C3 Efficienza preoperatoria C4 Appropriatezza C Qualità clinica C7 Percorso Maternoinfantile C8 Efficacia sanitaria azioni territoriali D= = D9 % abbandoni dal pronto soccorso C1 Percorso oncologico!!# (/) D8 Pronto soccorso D1 % Insoddisfatti pronto soccorso D D+ + D, - -= , - 9 9# D11 Qualità dell assistenza nel ricovero D14 Comfort ed ambiente nel ricovero D1 Umanizzazione nel ricovero D13 Comunicazione sanitaria nel ricovero, # = + D9 % abbandoni dal pronto soccorso D, D# # + F1 Governo della spesa farmaceutica F7 Servizi interni F3 Equilibrio finanziariopatrimoniale F1 Equilibrio economico 3./.3. %/)/>)) E7 Management M per i dipendenti E Management per i responsabili E3 Tasso di infortuni dei dipendenti E Tasso di assenteismo //) E1 Tasso di risposta all indagine clima 4 " %! & ( B &# & ) -4 D4 6 & ( 9 & ( C & F1 Efficienza prescrittiva farmaceutica F11 Indice di compensazione F8 Budget )&> F11 Indice di compensazione F8 Budget B3 Tempi di attesa visite specialistiche B4 Strategie per il controllo del dolore A4 Tasso di Mortalità per suicidi )7( B Estensione ed adesione allo A3 Tasso di Mortalità per malattie cardio-circolatorie screening oncologico A Tasso di Mortalità per tumori B6 Gestione processo donazioni organi A1 Tasso di Mortalità infantile B7 Grado di copertura vaccinale ()7 3 ()11./) F1 Efficienza nel B8 Tempestività dati SIR PISLLL F14 Efficienza ed efficacia SPV B9 Equità ed accesso B1 Percorso assistenziale del ricovero ospedaliero B13 Continuità assistenziale: percorso materno infantile (.3. ()/)) C9 Appropriatezza prescrittiva farmaceutica ) D -= D1 % Insoddisfatti pronto soccorso 6 # D= D 6, D D+, D11 Qualità dell assistenza nel ricovero D14 Comfort ed ambiente nel ricovero D1 Umanizzazione nel ricovero D13 Comunicazione sanitaria nel ricovero -, 9# F13 Procedure di controllo magazzino F1 Efficienza prescrittiva farmaceutica F1 Governo della spesa farmaceutica F7 Servizi interni F3 Equilibrio finanziariopatrimoniale F1 Equilibrio economico 3./.3. %/)/>)) E7 Management M per i dipendenti E Management M per i responsabili E3 Tasso di infortuni dei dipendenti E Tasso di assenteismo //) E1 Tasso di risposta all indagine clima

18 @8)69! ; 1 & & & & # & ; #+ * & & % &&!% & % 9!!#!!" )7().7 6& %!( # * # # # % % & = + # 6<* 6B<

19 & % % & N& &%! &> (./! & ( 6 &" (!%"./* & % (! ; 1 & ; ; %!!!"!!"!!# ) 7( ; < 9 D, =, D# = 36<*# + D D + # 9 # -;# D+ D# D D# D D#

20 @8)69! %!!# ) 7( ; + =, D# D, D D= + 9#D # , -- 36<*! ( & & - B -B4 ##, = ( & " & & & = (6.!!#!!" -= D = + -B === =# #,= :; :;3 :; :;- -B A,A -B AA -B AA -B,AA

21 8 3 * % & % & &1 % &./ < D% ( % 9( &&R9( ( % DR 6 & ( BH ===4 %!% % " & " % D 6D *;&&,4 % D #4 ( S & & 1& %./? 1 % ( ( & ( ( B#4 " % & " ( & -* 4* & D % ( *( & 1! & (&(& &

22 @,8)69! D D! 3:IK 3# - * ) T ) HR & 9 * *;&&,&<6&) 3K&C*!U) +SD <HS 3* & )SH6-D H K&3I# I * C99) B *T & K& B BP PJ &&* BH-===.CIJ H&/3 79-<:9==) H)) &ID IJ EU T &BK&H3HK&*B #

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013 (Confronto 2012) Pistoia Azienda USL 3 Pistoia 17 Giugno 2014 Sistema di Valutazione delle Perfromance Sistema

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MARCACCI LINDA linda.marcacci@sssup.it Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 6 Livorno Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI

PIANI ATTUATIVI AZIENDALI PIANI ATTUATIVI AZIENDALI Il Piano attuativo delle Aziende sanitarie del Servizio Sanitario regionale è, ai sensi dell art.5 della legge regionale 14 aprile 2009, n.5, atto della programmazione sanitaria

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 7 Siena Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue:

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: C U R R I C U L U M V I T A E Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: INFORMAZIONI PERSONALI

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Si trasmettono le competenze delle posizioni organizzative nell ambito della DAIORT da inserire nei contratti individuali.

Si trasmettono le competenze delle posizioni organizzative nell ambito della DAIORT da inserire nei contratti individuali. Roma, 12 novembre 2012 Al Direttore Sanitario Al Direttore UOC Gestione Risorse Umane Oggetto: competenze posizioni organizzative Si trasmettono le competenze delle posizioni organizzative nell ambito

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA DOTT. GIOVANNI BARBAGLI Presidente ARS Toscana ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA Dai valori e dai principi generali del Piano sanitario regionale toscano all organizzazione dell offerta

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA:

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: DAI DATI ALLE SCELTE La valutazione dei risultati delle aziende territoriali toscane a cura di: Sabina Nuti Direttore Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant'Anna

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE AZIENDALE Pago l di 2 UOC SVILUPPO 2014-2015 RISORSE UMANE E COMUNICAZIONE

PIANO DELLA PERFORMANCE AZIENDALE Pago l di 2 UOC SVILUPPO 2014-2015 RISORSE UMANE E COMUNICAZIONE Re" Il. 26/0()/2014 PIANO DELLA PERFORMANCE AZIENDALE Pago l di 2 UOC SVILUPPO 2014-2015 RISORSE UMANE E COMUNICAZIONE PlANO DL:Ll.j\ PERFORMANCE AZI DAL!: (I),Lgs 150/2009 e DCìRT 486/2005) N. Revisione

Dettagli

Indagine di clima interno Regione Toscana Anno 2014

Indagine di clima interno Regione Toscana Anno 2014 Indagine di clima interno Regione Toscana Anno 2014 Scuola Superiore Sant Anna di Pisa In Regione Toscana 2004 2005 2006 2007 2008 2009 In Toscana già nel 2004 l indagine di clima interno trova spazio

Dettagli

CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2014-2015 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2014-2015 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2014-2015 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SESSIONE GENNAIO-FEBBRAIO 2015 1 ANNO CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Corso di Anatomia Microbiologia, Patologia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VASTA FEDERICA Nazionalità Italiana Data di nascita 27/05/1983 Sesso Femminile ESPERIENZE LAVORATIVE Date

Dettagli

CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2015-2016 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2015-2016 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CALENDARIO DEGLI ESAMI DI PROFITTO A.A. 2015-2016 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SESSIONE GENNAIO-FEBBRAIO 2016 1 ANNO CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Corso di Anatomia Microbiologia, Patologia

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Antonina Ristagno Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 11 giugno 2013 La conservazione: obiettivi Fin dal 2005, anno della prima stesura del Codice

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. n. 384. del 12/02/2014

AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. n. 384. del 12/02/2014 Comuni di Venezia, Cavallino-Treporti, Marcon e Quarto d Altino DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 384 del 12/02/2014 Il Direttore Generale di questa U.L.S.S. dott. Giuseppe Dal Ben, nominato con

Dettagli

Il Governo Clinico delle Cure Primarie

Il Governo Clinico delle Cure Primarie Il Governo Clinico delle Cure Primarie Proposta 1.0 del 15 dicembre 2011 1. Obiettivo generale Acquisire metodologie, strumenti e modelli organizzativi per implementare il Governo Clinico nelle cure 2.

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanita. Responsabile scientifico del progetto Prof.ssa Sabina Nuti

A cura del Laboratorio Management e Sanita. Responsabile scientifico del progetto Prof.ssa Sabina Nuti Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Indagine di clima Interno Regione Basilicata Questionario Dipendenti Anno 212 A cura del Laboratorio Management e Sanita Responsabile scientifico del

Dettagli

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino stati generali della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Razionale lunedì 14 scientifico ottobre stati generali della sanità ORE 10:00 SALONE

Dettagli

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Dr. Clemente Ponzetti Dr. Clemente Ponzetti Direzione Sanitaria Aziendale AUSL della Valle d Aosta www.ausl.vda.it Politica

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ANTONIO NAVA Data di nascita 17/11/1955 Dirigente Amministrativo

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ANTONIO NAVA Data di nascita 17/11/1955 Dirigente Amministrativo CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONIO NAVA Data di nascita 17/11/1955 Qualifica Dirigente Amministrativo Amministrazione ASL Lodi Incarico attuale Direttore Dipartimento PAC Responsabile

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Cecilia Berni Arezzo, 12 febbraio 2011 1 Diritto Diritti di cittadinanza e coesione

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Anna Gigli Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS-CNR) Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari:

Dettagli

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 15 La soddisfazione dell' Anaao 1 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 18 CORSO

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

FONDAZIONE STELLA MARIS BILANCIO SOCIALE 2009

FONDAZIONE STELLA MARIS BILANCIO SOCIALE 2009 FONDAZIONE STELLA MARIS BILANCIO SOCIALE 2009 95 Una delle scelte strategiche che caratterizza e qualifica l approccio adottato nell implementazione del bilancio sociale è stata quella di introdurre un

Dettagli

SEZIONE II ATTI DI PROGARMMAZIONE 2 30.7.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 25. SOMMARIO - Ordini del giorno

SEZIONE II ATTI DI PROGARMMAZIONE 2 30.7.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 25. SOMMARIO - Ordini del giorno 2 30.7.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 25 SEZIONE II ATTI DI PROGARMMAZIONE Consiglio Regionale - Deliberazioni SOMMARIO - Ordini del giorno Ordine del giorno n. 10 approvato nella

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 3 Pistoia Questionario Responsabili Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

.CE 1BH=JEL +6 4,1)41 ) +57 +J?HHAJA =?IK HEIAHL=J =E?EAJE?IK=JHE 1.4)11 57) *)+) +0 +5 1 +6 +446 54811 +/)61 ) +6 +446 +,111 +1+0 )64 +,111 +1+0 *1.1+1 1 2)46) )4) 75 *1.1+1 1 2)46) )4) :64) 75 *1.1+1

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 675 del 28-9-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 675 del 28-9-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 675 del 28-9-2015 O G G E T T O Adesione al servizio CoreReports Real World Evidence (RWE) fornito dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

1 / 1 MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

1 / 1 MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Bevere Data di nascita 21/06/1956 Qualifica DIRETTORE GENERALE Amministrazione Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Porretto Simone Lazzaro Data di nascita 20/03/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Direttore di Struttura Complessa ASL AL ALESSANDRIA Direttore

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 SCHEMI ECONOMICI Ex Dlg.s 118/2011 CE secondo DM 20/03/2013 Delibera n. 184 del 14/7/2015 Azienda USL di Ferrara Previsione economica 2015 CONTO ECONOMICO Importi Euro

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

Preconsuntivo al Preventivo al. 31/12/2014 Variazione. Preconsuntivo al. Preventivo al. 31/12/2014 Variazione 31/12/2014.

Preconsuntivo al Preventivo al. 31/12/2014 Variazione. Preconsuntivo al. Preventivo al. 31/12/2014 Variazione 31/12/2014. Conto Economico (D.Lgs. 23/6/211 n. 118) Anno: 214 Nome dell'azienda 98 A.O. DELLA VALTELLINA E DELLA VALCHIAVENNA Dati in /1. Anno: 214 Preventivo Codice SCHEMA DI CONTO ECONOMICO PreConsuntivo Totale

Dettagli

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania INFORMAZIONI PERSONALI DI FRANCO, Maria Antonina numero telefonico aziendale: 0952545746 numero telefonico aziendale: 3356005678 Viale Regina Margherita, 38-95024, Catania, Acireale Data di nascita [ 31

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità

See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità See and Treat in Pronto Soccorso: l esperienza dei pazienti toscani - REGIONE TOSCANA - A cura del Laboratorio Management e Sanità Anno 2011 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 M.C. Escher XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 I TRE SNODI CRUCIALI DI UNA STRATEGIA IPOTIZZATA/ATTUATA

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA

ATTO AZIENDALE STRUTTURA ORGANIZZATIVA ATTO AZIENDALE Allegato n. 1 STRUTTURA ORGANIZZATIVA REGIONE SICILIANA Ufficio Programmazione e Controllo di gestione- All.1 Atto Az.le def. appr.to da Ass..to 1 Ufficio Programmazione e Controllo di gestione-

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Maria Giovanna Pellegrino Via Venere 5-95042 Grammichele (CT) - Italia Telefono 3356005889-093339631 Fax 0933 23037 E-mail

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO Area Dipartimentale Gestione e Sviluppo Risorse Umane UOSD Comunicazione Integrata aziendale tel 0773/6553404 - fax 0773/6553461 comunicazioneintegrata@ausl.latina.it PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI

Dettagli

U.O. Ostetricia e Ginecologia. Documento di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia

U.O. Ostetricia e Ginecologia. Documento di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia Pag. 1/6 di presentazione della U.O. Ostetricia e Ginecologia 1. Emissione... 1 2. Presentazione... 1 3. Mission... 3 4. Vision... 4 5. Obiettivi generali... 5 1. Emissione Rev. 0 Descrizione modifiche

Dettagli

20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155

20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155 FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI 20133 Milano via Venezian, 1 tel. 02 2390.1 codice fiscale 80018230153 partita IVA 04376350155 PROT. N. PG/U 0001435 13/02/ REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MEDICI Dirigente medico a rapp.esclusivo. Amministrazione Azienda Ulss n.20

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MEDICI Dirigente medico a rapp.esclusivo. Amministrazione Azienda Ulss n.20 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] Data di nascita Qualifica TROIANI MONICA 22-apr-62 MEDICI Dirigente medico a rapp.esclusivo Amministrazione Azienda Ulss n.20 Incarico attuale

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE

ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE QUARTA EDIZIONE MEDMAL CLAIMS ANALYSIS Emanuele Patrini Healthcare Practice Leader Marsh Risk Consulting Healthcare Risk Manager - Marsh Spa Milano

Dettagli

Pubblicazione a fini di trasparenza

Pubblicazione a fini di trasparenza INFORMAZIONI PERSONALI XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX l.cei@usl6.toscana.it Sesso Data di nascita Nazionalità POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE POSIZIONE RICOPERTA OCCUPAZIONE DESIDERATA TITOLO DI STUDIO PER LA

Dettagli

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani

Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Curriculum vitae e studiorum del Dr. DAI Ivano Giuliani Lo scrivente Ivano Giuliani, nato a Terracina il 22/02/1963, ed ivi residente in via Arene n 158, tel. 0773/723069, dichiara nel seguente curriculum

Dettagli

Dott.ssa Alessandra Rocco Medico Chirurgo, specialista in Medicina Legale

Dott.ssa Alessandra Rocco Medico Chirurgo, specialista in Medicina Legale C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Titolo, Nome, Cognome, Professione Dott.ssa Alessandra Rocco Medico Chirurgo, specialista in Medicina Legale Residenza Telefono Fax E-mail Strada Brughiera,

Dettagli

sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Chi è Afea Nata dall incontro fra professionisti dell Information Technology e della consulenza

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE NELL AMBITO DELLE ASL

ORGANIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE NELL AMBITO DELLE ASL ORGANIZZAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE NELL AMBITO DELLE ASL Elaborato del Gruppo di Lavoro Regionale dei tecnici della Prevenzione e degli Assistenti Sanitari. SCENARI ED EVOLUZIONE

Dettagli

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket.

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Area d'interesse: Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Data pubblicazione: giovedì

Dettagli

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Il Risk Management in sanità come opportunità di sviluppo EXPOSANITA Bologna, 25-26 Maggio 2006 Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Alessandro Ghirardini Ministero della

Dettagli

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome EMANUELE GRIMALDI Data di nascita 26 gennaio 1962 Qualifica Infermiere coordinatore Amministrazione Fondazione IRCCS CA GRANDA Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Convegno CARD Veneto Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Padova 7 aprile 2014 Maria Chiara Corti e Luca Greselin Maggiore

Dettagli

Dott.ssa Daniela Nicolosi

Dott.ssa Daniela Nicolosi Il concetto di appropriatezza in Sanità Dott.ssa Daniela Nicolosi UO Governo dei Servizi Sanitari Territoriali e Politiche di Appropriatezza e Controllo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia APPROPRIATEZZA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014

BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014 BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Corso di formazione Manageriale per Direttori Generali, Sanitari, Amministrativi delle Aziende Sanitarie - di Nuova Nomina II edizione

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

FIRENZE, Fortezza Da Basso 31 Maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE ANMCO

FIRENZE, Fortezza Da Basso 31 Maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE ANMCO //////////////////// Formazione MultiprofessionalE e Multidisciplinare in Area Critica CORSO DI SIMULAZIONE AD ALTA FEDELTA' CON PRINCIPI DI CRM: CRISIS RESOURCE MANAGEMENT Segreteria Organizzativa: Centro

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese Contributo PASSI per il Piano della Prevenzione Roma, ISS CNESPS 27 marzo 2014 Esperienze promettenti di uso della sorveglianza per perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale della Prevenzione, in Regioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

PRINCIPI DI ORGANIZZAZIONE SANITARIA RIFERITI AL CONTESTO ITALIANO

PRINCIPI DI ORGANIZZAZIONE SANITARIA RIFERITI AL CONTESTO ITALIANO PRINCIPI DI ORGANIZZAZIONE SANITARIA RIFERITI AL CONTESTO ITALIANO IL MODELLO SANITARIO ITALIANO (D.L. 502/92 E 517/93) USL imposte e tasse prestaz. Aziende ospedaliere Case di cura tariffe budget su tariffe

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter

GIMBE. Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter GIMBE Dr. Giuseppe Donato Medico di Famiglia ASL RmF Responsabile Area Formazione Cooperativa Medi.Ter Le esigenze culturali emerse tra i MMG 1. ampliare i contenuti della conoscenza 2. applicare la conoscenza

Dettagli

Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo

Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo Premessa Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo Il Piano Oncologico Nazionale (PON) 2010-2012 conferma che i Programmi organizzati

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli