OBIETTIVO PERFORMANCE STRUTTURA E LIVELLO DI SODDISFAZIONE DELLE RETI AUTOMOBILISTICHE IN ITALIA SINTESI PUBBLICA DEI RISULTATI. Network Performance

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVO PERFORMANCE STRUTTURA E LIVELLO DI SODDISFAZIONE DELLE RETI AUTOMOBILISTICHE IN ITALIA SINTESI PUBBLICA DEI RISULTATI. Network Performance"

Transcript

1 Network Performance OBIETTIVO PERFORMANCE 2009 STRUTTURA E LIVELLO DI SODDISFAZIONE DELLE RETI AUTOMOBILISTICHE IN ITALIA SINTESI PUBBLICA DEI RISULTATI

2 Network Performance NETWORK BENCHMARKING SODDISFAZIONE DEI DEALER 02 STANDARD MONITOR TOOLBOX DI MIGLIORAMENTO Automotive Interactions

3 OBIETTIVO PERFORMANCE 2009 STRATEGIE DI RETE E PERFORMANCE Ritrovare efficacia ed efficienza SIGNIFICA ridare flessibilità operativa alle concessionarie Giuseppe Volpato è Professore Ordinario presso la Facoltà di Economia dell Università Ca Foscari Venezia e Presidente del Comitato Scientifico di Automotive Dealer Day. Dobbiamo essere consape voli che questo momento di crisi rappresenta anche l inizio di una nuova fase di cambiamento in molti campi. Per chi si occupa di commercializzazione automobilistica questo aspetto è evidente: la crisi ha mostrato che anche le reti distributive sono diventate estremamente fragili di fronte alla caduta delle immatricolazioni. Si pensava che potessero resistere meglio delle case automobilistiche e delle aziende produttrici di componentistica, invece anche le loro strutture di costo si sono ormai irrigidite e si è visto che le campagne di sostegno alle immatricolazioni stanno producendo gravi ripercussioni sul parco delle vetture usate la cui svalutazione rappresenta una minaccia per tutte le concessionarie finanziariamente meno solide. Ritrovare efficacia ed efficienza significa ridare flessibilità operativa alle concessionarie. Ormai si deve essere consapevoli che l alto livello di motorizzazione attuale, oltre 35 milioni di autovetture su una popolazione di 60 milioni di abitanti, ha reso molto volatile il mercato. Occorrerà quindi selezionare modalità operative, sia da parte delle case automobilistiche, che da parte delle reti distributive, per poter dilatare le attività nei momenti di spinta del mercato e ridurle, senza negativi colpi di frusta, nei momenti di stagnazione. La performance dipende dalla qualità delle relazioni 01 Leonardo Buzzavo è docente di Strategie d impresa e di Marketing Internazionale all Università Cà Foscari Venezia, socio fondatore e Presidente di Quintegia. La distribuzione automobilistica è caratterizzata da un grado di interconnessione tra gli operatori della filiera che è sia elevato che crescente. Esso si dipana su vari fronti (contratti, flussi di comunicazione, sistemi informatici, incentivazione, ecc.), e fa sì che oggi più che mai la performance dipenda dalla qualità delle relazioni e dal grado di allineamento su alcuni fattori chiave. Una scarsa o frammentaria attenzione a queste dinamiche tende a ridimensionare o addirittura annullare gli sforzi e le risorse dedicate ai miglioramenti. Mentre ci sono certamente dinamiche di frizione tra case e concessionari che sono intrinseche al business, vi sono anche ingenti potenziali di incremento della performance su cui lavorare nei mesi e anni che verranno. SCELTE EFFICACI RICHIEDONO INDICATORI ANALITICI Gabriele Maramieri in Quintegia è Project Manager DealerSTAT e si occupa in modo particolare dei progetti e delle relazioni con le case automobilistiche. Negli anni Quintegia ha sviluppato un osservatorio sulle reti molto ampio che analizza non solo dal punto di vista quantitativo ma anche qualitativo l organizzazione delle reti e le differenti strategie distributive, fornendo elementi a supporto per l individuazione di un sistema di indicatori necessari ad orientare correttamente le scelte e migliorare l interazione tra case e concessionari. Un primo ingrediente è Dealer Network Benchmarking, lo studio delle reti vendita e postvendita, attraverso il numero di mandati, imprenditori, outlet, il multibrand per sede e portafoglio marchi dei dealer. Esiste già l indagine sulla Dealer Satisfaction, che monitora dal 2004 il livello di soddisfazione dei concessionari nel rapporto con la casa. Inoltre vi sono progetti specifici come Toolbox di Miglioramento, rivolti a spazi di manovra ed incremento della performance e Standard Monitor, l analisi degli standard richiesti dai costruttori alle concessionarie.

4 NETWORK BENCHMARKING ANALISI DELLE RETI DISTRIBUTIVE IN ITALIA Per analizzare la struttura ed i profili delle reti distributive, Quintegia ha sviluppato un osservatorio che ha uno dei suoi pilastri in Dealer Network Benchmarking, la mappatura delle reti autorizzate in Italia, che nasce da un intenso lavoro di ricerca su fonti e rilevazioni dirette e da una forte collaborazione con gli operatori della filiera, sia concessionari che case automobilistiche. Il progetto prevede la caratterizzazione e lo studio dell evoluzione delle reti per quanto riguarda sia la struttura di vendita che di post-vendita, individuando i formati e le linee strategiche con riferimenti specifici alla storia di ogni marchio e del suo particolare contesto. Per studiare la composizione quali-quantitativa delle reti di distribuzione occorre prestare attenzione a: mandati (per avere un idea del legame contrattuale casa-dealer e casariparatore), imprenditori (per studiare la concentrazione proprietaria dei mandati e la composizione del portafoglio brand), caratteristiche delle strutture (per cogliere l aspetto dimensionale e l orientamento delle sedi di vendita e assistenza all esclusività o al multibrand, sia mono che multi costruttore). Di seguito è presentata una sintesi dell analisi per 19 marchi (rilevazione dicembre 2008). DIMENSIONE IMPRENDITORIALE E PORTAFOGLIO BRAND Fig. 1 - Imprenditori per marchio (dicembre 2008). Fonte: Dealer Network Benchmarking - Quintegia Considerando che attualmente in Italia operano circa imprenditori concessionari attraverso mandati di vendita e punti vendita, è essenziale studiare le reti dal punto di vista imprenditoriale, osservando il numero di soggetti titolari di almeno un mandato di vendita per ciascun marchio. Il grafico che segue evidenzia la dimensione della rete attraverso questo parametro: dalla più piccola con meno di 50 operatori (Lexus, Jaguar), alle più ampie che ne contano oltre 150 (Fiat, Opel, Peugeot, Volkswagen). Questa fotografia è il risultato di un processo di grande cambiamento, che dal 2006 ha interessato brand specialisti come Audi, Mercedes e BMW, oltre a Lexus, ma anche generalisti come Alfa Romeo, Citroen e Toyota, secondo logiche di riorganizzazione e contrazione del numero di operatori. Poiché lo scenario è in continua evoluzione, a velocità accelerata dall attuale crisi del settore, sarà fondamentale rilevare le variazioni ed approfondire i risultati attraverso l aggiornamento 2009 previsto nei prossimi mesi Un secondo aspetto interessante è la composizione del portafoglio brand degli imprenditori. La figura 2 mette in luce quanti dealer in ogni rete rappresentano più di un marchio (sia dello stesso costruttore che di altri). Come si può notare emergono due situazioni opposte: da un lato i marchi del gruppo PSA (Peugeot e Citroen) hanno concessionari tipicamente esclusivi (solo nel 20% dei casi la proprietà rappresenta altri mandati), dall altro vi sono brand come BMW e Audi caratterizzati da un numero di imprenditori esclusivi molto ridotto, con una tendenza al multibrand rivolto allo stesso gruppo automobilistico per beneficiare di sinergie nell assorbimento di risorse e processi comuni. Ogni

5 Fig. 2 Multibrand nel portafoglio marchi degli imprenditori (dicembre 2008). Fonte: Dealer Network Benchmarking - Quintegia marchio si distingue infatti per orientamenti differenti, in alcuni casi come sopra prevale l affiancamento di più brand dello stesso costruttore, in altri ha un peso maggiore il multibrand che coinvolge più case automobilistiche. L analisi Dealer Network Benchmarking, nella sua versione integrale, raccoglie questi approfondimenti specifici per ciascun marchio. 03 Fig. 3 Media punti vendita per imprenditore (dicembre 2008). Fonte: Dealer Network Benchmarking - Quintegia Tale dinamica per quanto riguarda le case automobilistiche viene gestita con approcci diversi: talvolta emerge una certa apertura al multibrand, altre volte prevale la ricerca dell esclusività, in particolare con riferimento alle sedi principali delle concessionarie. Toyota ad esempio, pur facendo registrare un elevato livello di multimarchismo nel portafoglio brand dei propri dealer, preferisce mantenere esclusive le proprie sedi di vendita. Analizzando infine l estensione imprenditoriale, attraverso il numero di outlet (fig. 3), per i brand premium si verifica una forte concentrazione di punti vendita nelle mani dei dealer Mercedes (2,9 punti vendita in media), Smart e a seguire BMW e Volvo. Fra i generalisti si osserva un elevato numero di punti vendita, in proporzione al numero di imprenditori, per Ford (2,5 punti vendita per ciascuno in media), Toyota, Fiat, Opel e Renault. Risulta più contenuto invece questo rapporto per Volkswagen e Audi ad esempio, dove è prevalente l aspetto della dimensione delle sedi primarie Per richiedere maggiori informazioni o la versione completa del Report di mappatura delle reti Dealer Network Benchmarking 2009 si prega di contattare Gabriele Maramieri Queste considerazioni fanno emergere alcuni tratti delle linee seguite dalle case nel bilanciare la strategia distributiva (nella pagina seguente sono presentati alcuni highlights per marchio). La performance di filiera è influenzata anche dalle scelte operative adottate dalle case automobilistiche per lo sviluppo e la gestione della rete che condizionano l attività del dealer. Tra queste in buona misura vi sono gli standard richiesti dal costruttore, che si articolano soprattutto in elementi di corporate identity, processi aziendali, ruoli organizzativi e struttura finanziaria, la cui analisi di posizionamento è oggi quanto mai necessaria per recuperare efficienza e flessibilità nella loro applicazione.

6 HIGHLIGHTS PER MARCHIO STRATEGIE E STANDARD MONITOR gruppo Fiat Nel corso degli ultimi due anni il Gruppo Fiat ha proseguito la politica di concentrazione delle proprie reti, agendo principalmente sulla sottorete di vendita e nel post-vendita. La riorganizzazione distributiva messa in atto ha portato al consolidamento dei dealer multibrand all interno del gruppo Fiat ( dual e trial ). Gli standard di vendita richiesti dalla casa sono diventati più restrittivi per tutti e tre i marchi ma meno costosi e più flessibili. gruppo BMW La politica di configurazione distributiva seguita dal gruppo nell ultimo biennio ha portato ad una contrazione della rete. Le sedi di vendita rimangono nel 90% dei casi multibrand monocostruttore anche se il 19% degli imprenditori rappresenta marchi di altre case auto. gruppo PSA I due marchi francesi sono accumunati da una storia simile per quanto riguarda le scelte distributive: in entrambi i casi ancor oggi in Italia la rete è piuttosto frammentata e costituita da dealer di piccole dimensioni in prevalenza esclusivi. Solo poche realtà aziendali rappresentano entrambi i marchi. Le differenze fra i brand si possono riscontrare negli standard di vendita e nel post-vendita a livello contrattuale gruppo Ford gruppo Tata Dopo la riorganizzazione iniziata circa 10 anni fa, i marchi del gruppo hanno mantenuto pressoché invariata negli ultimi anni la loro politica in termini di numero di mandati. Un cambiamento ha invece interessato il portafoglio marchi di molti dealer, dopo l uscita di Land Rover e Jaguar si è modificata la ripartizione del multibrand da mono a multi costruttore. Ford e Volvo si distinguono per standard in genere calibrati e flessibili, più orientati alla corporate identity invece quelli Mazda. Tata è presente in Italia da oltre 10 anni ma l ingresso di Land Rover e Jaguar ed i recenti accordi industriali con Fiat stanno ponendo presupposti di sviluppo interessanti. La rete Tata, gradualmente cresciuta, oggi conta meno di 70 mandati. I due marchi inglesi di recente acquisizione non presentano analogie nella configurazione della rete: Jaguar opera con un numero contenuto di concessionari, Land Rover ha invece una rete più numerosa e cresciuta di dimensione nell ultimo biennio grazie al successo dei propri modelli. 04 gruppo Renault Nissan Dopo la forte concentrazione della rete distributiva di Renault in Italia nei primi anni 2000, il numero di mandati è rimasto stabile nell ultimo triennio e lievemente diminuito nel L inserimento del marchio Dacia nel 2006 si è rivelato strategico per l ampliamento della gamma verso vetture low-cost e per il minimo investimento richiesto ai dealer. Ad oggi le sedi di vendita Renault che rappresentano più marchi del gruppo sono oltre il 70%. gruppo Toyota In Italia il gruppo Toyota, dopo essere cresciuto per diversi anni, nell ultimo biennio ha fatto registrare un inversione ed il numero di mandati è diminuito, principalmente per il marchio Lexus. La filosofia di rinnovamento Toyota si mantiene ed è orientata verso dealer multibrand multi costruttore di medio-grandi dimensioni, nonostante sia preferita l esclusività delle sedi. Gli standard richiesti dalla casa rimangono elevati anche nel postvendita, soprattutto in termini di processi. gruppo Volkswagen L annessione dei marchi Seat e Skoda al gruppo negli anni 80 e 90 ha portato ad una riorganizzazione delle reti Audi e Volkswagen con una logica di contrazione e allo sviluppo del multimarca all interno della stessa casa auto. Ai dealer Audi e, in misura inferiore, a quelli Volkswagen sono stati richiesti elevati standard per strutture di vendita dedicate. gruppo GM Tra i marchi generalisti Opel è quello che ha fatto registrare i minori cambiamenti nella propria rete in termini di mandati negli ultimi 10 anni. Nell ultimo triennio è invece diminuito il numero di punti vendita di quasi il 10%. gruppo Mercedes-Benz Storicamente la strategia distributiva adottata dal gruppo ha previsto dealer Mercedes esclusivi. In seguito alla nascita di Smart, il nuovo marchio è stato associato a Mercedes, tanto che la possibilità di incontrare concessionari esclusivi Smart è bassissima. Sono state, invece, sfruttate relativamente poche sinergie con il brand Chrysler, quando costituivano un unico gruppo, se non negli ultimi anni.

7 SODDISFAZIONE DEI DEALER INDAGINE DEALERSTAT DealerSTAT dal 2004 studia la soddisfazione dei concessionari nel rapporto con la casa automobilistica attraverso l indagine annuale condotta da Quintegia in collaborazione con alcuni docenti dell Università Ca Foscari Venezia. I risultati, presentati in anteprima in occasione del Forum di Automotive Dealer Day il 13 maggio, sono disponibili in forma sintetica in questo documento e su richiesta nella versione completa personalizzata per ogni singolo marchio. Si tratta di uno studio approfondito, che consente di tracciare un quadro dello stato della relazione tra case e reti, analizzando nel dettaglio le diverse aree gestionali: redditività, prodotto, politiche distributive, politiche di marketing, sistemi di incentivazione, suggerimenti dei dealer, management vendite e post-vendita, training vendite e post-vendita, servizio ricambi, sistemi informativi, programma usato e servizi finanziari. L analisi permette di identificare per ciascun marchio i punti di forza e di debolezza, di analizzare i trend, offrendo spunti per l individuazione delle aree critiche e degli spazi di miglioramento. L edizione 2009 ha inoltre introdotto una nuova sezione all interno del questionario definita Iniziative di Miglioramento Performance, nell intento valorizzare in ottica di performance suggerimenti ed indicazioni che provengono dalla rete, quale terminale di contatto intelligente con il mercato ed i clienti. Il questionario con oltre 90 domande si rivolge ai concessionari di 38 marchi automobilistici operanti nel territorio italiano, includendo per la prima volta anche Dacia e Dodge. Il Team DealerSTAT ha seguito l invio di questionari tramite fax, ed oltre telefonate di verifica (da gennaio ad aprile 2009). La rilevazione, realizzata anche quest anno con ampia disponibilità da parte dei dealer, ha raccolto questionari, un campione rappresentativo di oltre il 30% dei dealer italiani. L elevata partecipazione dei dealer conferma l interesse verso questa iniziativa per poter esprimere il proprio giudizio, come le crescenti richieste delle case di elaborazione dei report per marchio sottolineano le qualità dello strumento a supporto delle attività di miglioramento e della definizione delle strategie distributive. Il raggiungimento degli obiettivi è funzione dell impegno dei dealer e del personale della concessionaria che dipendono in larga misura dal loro livello di soddisfazione: poter contare su una forte relazione casaconcessionari rappresenta un elemento essenziale per la performance. Questo passaggio è riconosciuto da molti operatori come necessario: le tensioni in atto rendono ancor più prioritarie formule di cooperazione aprendo alle numerose opportunità finora poco sfruttate.

8 VALUTAZIONE PER AREA GESTIONALE I giudizi espressi dai concessionari attraverso il questionario di soddisfazione sono stati aggregati per area gestionale mediante la creazione di 14 indici sintetici, di cui di seguito sono proposti alcuni risultati. Per ciascun indice viene data evidenza degli aspetti che lo compongono e sono presentate le valutazioni medie rilevate dal 2005 al 2009, secondo una scala di giudizi che va da 1 (per nulla soddisfatto) a 5 (totalmente soddisfatto), dove 3 rappresenta la soglia di neutralità. Il valore riferito all indice è riportato alla base del grafico. Inoltre è possibile osservare i 5 marchi risultati più soddisfacenti negli ultimi cinque anni (Top 5). Rispetto alle aree gestionali non analizzate in dettaglio di seguito, emerge che i dealer italiani sono mediamente più insoddisfatti per le politiche di marketing della casa ed il training, sia vendite che post-vendita. Positive e stabili invece le valutazioni relative al prodotto ed alle politiche distributive mentre il programma usato si riconferma l area più insoddisfacente a giudizio dei dealer. Valutazione generale REDDITIVITÀ E VALORE DEL MANDATO L indice redditività e valore del mandato, nelle tre variabili rilevate, sintetizza l opinione media dei concessionari italiani circa la redditività dell investimento ed il valore del mandato, cogliendo anche la percezione in rapporto agli ultimi 12 mesi e le aspettative di crescita future. Il giudizio dei dealer, che solo nel 2007 si è avvicinato di più alla soglia di neutralità, ha raggiunto un punto di minimo pari a 2,46. Nonostante il calo di gradimento generalizzato, con riferimento ai singoli marchi si dimostrano in media piuttosto soddisfatti e ottimisti i dealer Subaru e Chevrolet. 06 Redditività e valore del mandato La redditività del mandato è un buon investimento Il valore del mandato è aumentato negli ultimi 12 mesi Il valore del mandato aumenterà nei prossimi 12 mesi Politiche del costruttore SISTEMI DI INCENTIVAZIONE I dealer italiani si dichiarano non ancora del tutto soddisfatti dei sistemi di incentivazione della casa ed esprimono in media una valutazione pari a 2,86. L indice, che dal 2007 non ha registrato variazioni significative, evidenzia lievi miglioramenti solo in termini di flessibilità delle incentivazioni a seconda dell andamento del mercato. Al vertice dei migliori in quest area ritroviamo Ford e Chevrolet, mentre per la prima volta tra i top5 figura il marchio Tata. Sistemi di incentivazione Chiarezza nella formulazione delle incentivazioni Equità nella formulazione delle incentivazioni Flessibilità incentivazioni a seconda dell andamento del mercato

9 Politiche del costruttore DISPONIBILITÀ A SUGGERIMENTI Maggiore disponibilità della casa ad accettare suggerimenti è da tempo tra le principali richieste espresse dai concessionari. Lo dimostrano le valutazioni medie rilevate negli anni, che si presentano ancora insoddisfacenti nel 2009 (2,37). Uno dei fattori che determinano maggiore insoddisfazione è lo scarso coinvolgimento dei dealer nello sviluppo del prodotto. Fra i 38 marchi analizzati, soltanto 4 evidenziano una maggiore apertura al dialogo con la rete, raccogliendo valutazioni poco più che neutrali. Disponibilità a suggerimenti In relazione allo sviluppo del prodotto In relazione alle campagne pubblicitarie a sostegno del prodotto Verso programmi di implementazione della customer satisfaction In relazione alle attività dei dealer In relazione al sistema informativo Management e sistemi della casa MANAGEMENT VENDITE 07 Il giudizio non ancora positivo espresso dai concessionari in quest area è in linea con la media degli ultimi 5 anni. Gli aspetti più critici a giudizio dei dealer sono il supporto per la vendita flotte ed il coordinamento con le altre funzioni aziendali. Quasi neutrale invece la capacità del management vendite di dialogare con la rete. I 5 marchi migliori per livello di soddisfazione della rete in quest area hanno tutti registrato valutazioni superiori al Management vendite Comprensione del mercato e gestione del business Raggiungimento degli obiettivi Coordinamento con le altre funzioni aziendali Dialogo con i dealer In termini di supporto per la vendita a flotte aziendali/aziende Management e sistemi della casa MANAGEMENT POST-VENDITA É stabile a quota 2,78 il giudizio medio dei concessionari nei confronti del management post-vendita dopo il miglioramento rilevato lo scorso anno. Dai risultati emerge ancora insoddisfazione per la variabile relativa alla gestione dei reclami dei clienti. Tra i top5, dove appare anche Skoda, Jaguar è il marchio migliore. Management post-vendita Comprensione del mercato e gestione del business Gestione dei reclami dei clienti Dialogo con i dealer

10 Management e sistemi della casa SERVIZIO RICAMBI Il gradimento dei dealer nei confronti del servizio ricambi della casa si attesta su valori più che positivi (3,35 nel 2009), caratterizzati da un trend in lieve flessione rispetto ai miglioramenti registrati fra il 2006 e il Tutti gli aspetti che compongono l indice presentano un andamento simile negli anni. Toyota in particolare si contraddistingue per un ottima valutazione da parte dei dealer della propria rete. Servizio ricambi Disponibilità ricambi per ordini stock Disponibilità ricambi per ordini urgenti Funzionamento complessivo del sistema di distribuzione Management e sistemi della casa SISTEMA INFORMATIVO Dopo il trend positivo registrato nel 2008 con giudizi medi prossimi alla neutralità, si attenua quest anno il gradimento nei confronti del sistema informativo della casa. Se da un lato il risultato in termini di semplicità ed efficacia è neutrale, d altro canto influisce negativamente l opinione dei concessionari rispetto al grado di integrazione del sistema con DMS ed altri software. 08 Sistema informativo Semplicità ed efficacia Supporto ricevuto dal costruttore Integrazione con DMS ed altri software Management e sistemi della casa SERVIZI FINANZIARI Nel 2009 si segnala un significativo calo di gradimento dei dealer nei confronti dei servizi finanziari proposti dalla casa. I concessionari esprimono giudizi non positivi in tutte le variabili rilevate, tra cui la tempestività nell approvazione della richiesta di apertura credito e la coerenza con le campagne promozionali ritenute soddisfacenti lo scorso anno. Con valutazioni più contenute rispetto al 2008 si confermano fra i marchi migliori in quest area Chevrolet, BMW e Saab. Servizi finanziari Campagne pubblicitarie nazionali di sostegno ai servizi finanziari Competitività rispetto all offerta di mercato Tempestività nell approvazione della richiesta di apertura di credito Coerenza con le campagne promozionali

11 VALUTAZIONE COMPLESSIVA: RANKING 2009 com è variata la soddisfazione nel 2009? In questa sezione sono presentati i risultati complessivi dei 20 marchi migliori per livello di soddisfazione dei concessionari ed i brand che nel 2009 hanno migliorato di più il gradimento della rete. La valutazione complessiva del mandato è l indicatore utilizzato per sintetizzare l opinione generale dei dealer rispondenti. Realizzato attraverso una media ponderata dei risultati delle domande delle prime due pagine del questionario (70%) ed il quesito finale sulla valutazione complessiva del marchio (30%), esprime un valore su scala crescente da 1 a 5. La variazione registrata nei giudizi complessivi è il risultato del confronto con i dati mandato n.1 I Top 20 brand sono riportati in ordine di valutazione complessiva nel grafico che segue. Considerando che il valore 3 rappresenta la soglia di neutralità, solo 11 marchi presentano valutazioni positive. Nell ordine Ford, Subaru e Chevrolet raccolgono giudizi elevati e mantengono le stesse posizioni del 2008 al vertice della classifica. Seguono alcuni specialisti (Jaguar, Porsche e Land Rover) e più di qualche marchio asiatico. Quasi neutrale invece il gradimento dei dealer BMW, così come quello rilevato per Dacia e Dodge introdotti quest anno nell indagine MAGGIOR INCREMENTO Il livello di soddisfazione dei dealer italiani si presenta in calo rispetto al 2008: soltanto 12 marchi presentano valori superiori al Il brand che nell ultimo anno ha migliorato di più la soddisfazione della rete è Hyundai, pur non entrando nei Top 20. Migliora anche Tata fra gli asiatici e compare fra i 10 marchi migliori, mentre è positivo il trend di alcuni specialisti come Audi, oltre a Jaguar. Cresce anche il giudizio medio di Ford, da tre anni n. 1 in soddisfazione dei dealer ,47 + 0,24 + 0,19 + 0,16 + 0,16

12 VALUTAZIONE PER MARCA BORSA DEI MARCHI La borsa dei marchi indica, per ognuno dei 38 brand esaminati, il posizionamento per grado di soddisfazione dei concessionari nel ranking delle 14 aree gestionali, distinguendo tre classi: Top 10 se fra i 10 marchi migliori,top 20 fino al 20 posto e Follower per le posizioni successive. Viene segnalata inoltre la variazione di posizione rispetto al 2008 (p e q, ad eccezione di Dacia e Dodge rilevati per la prima volta) e, solo per i Top 10, l esatto posizionamento e la valutazione media espressa dai dealer nel 2009 (su scala da 1, per nulla soddisfatto, a 5, totalmente soddisfatto, dove 3 rappresenta la soglia di neutralità).

13 Come termine di riferimento sono indicati nella prima riga la valutazione complessiva per marca (Top 20) e nella prima colonna i risultati medi nazionali di soddisfazione per area gestionale. Nella prima colonna, alla prima riga, è indicato il valore di soddisfazione complessiva 2009 a livello Italia, pari a 2,88. Tale indicatore sintetico riassume un giudizio non ancora positivo e in lieve calo rispetto al 2008 (-0,06 da 2,94). Un approfondimento dello studio dimostra infatti che i dealer che hanno partecipato all indagine negli ultimi due anni (553 rispondenti) si sono dimostrati per il 48% meno soddisfatti e nel 27% dei casi hanno espresso opinioni complessivamente invariate. Solo per il 25% dei concessionari sono state raccolte valutazioni più elevate.

14 MANDATO DESIDERATO Potendo ripartire da zero in questo business, quale mandato sceglierebbe? Questa domanda è stata posta ai concessionari italiani a partire dal Le risposte raccolte negli anni sono state aggregate in quattro classi: attuale mandato, altro mandato, uscita dal business e non so. Dai dati del 2009 emerge che il 24% dei dealer italiani ripartirebbe con il proprio marchio, mentre il 30% opterebbe per altri mandati. La quota di rispondenti che invece uscirebbe dal business è ancora rilevante, pari al 35%. Complessivamente negli ultimi tre anni le preferenze dei concessionari si presentano stabili. Evoluzione delle preferenze dei concessionari dal 2006 al uscita dal business altro mandato attuale mandato non so I dealer che si dimostrano intenzionati a proseguire in questa attività imprenditoriale, mantenendo o cambiando marchio, hanno dichiarato la loro scelta indicando uno dei 38 brand esaminati. Sono riportati quindi i 5 mandati preferiti dai concessionari italiani in ordine di segnalazioni sul totale in %. Nello stesso grafico è possibile osservare l indice di fedeltà al marchio, un indicatore che esprime la percentuale di dealer, fra quelli dello stesso marchio, che vorrebbero intraprendere nuovamente l attività con il mandato corrente. Con il 16% delle segnalazioni sul totale, Audi è il mandato preferito dai dealer italiani, a cui seguono Ford, che si caratterizza anche per un elevato tasso di fedeltà dei propri dealer, e Toyota. Qual è il mandato preferito dai dealer italiani? segnalazioni sul totale (%) indice di fedeltà al marchio (%) 12 Formato di concessionaria ideale Come si immagina il formato di concessionaria più efficace ed efficiente? A questa domanda della nuova sezione del questionario 2009 i dealer rispondono per il 39% esclusiva e per il 61% multibrand. Analizzando nel dettaglio l opinione dei rispondenti emergono orientamenti diversi: i dealer esclusivi preferirebbero un approccio monomarchio nel 57% dei casi mentre il restante 43% si spingerebbe verso una gestione che sviluppi sinergie fra più marchi; i dealer multibrand si dichiarano invece piuttosto convinti dei vantaggi del formato di concessionaria adottato (71%). Dealer esclusivi 57% 43% esclusiva multibrand Dealer esclusivi multibrand 57% 43% esclusiva multibrand

15 ALCUNI MESSAGGI DALLE CASE Dal 2007 TMI ha sentito il bisogno di analizzare in modo approfondito il livello di soddisfazione dei Concessionari nelle diverse aree gestionali che caratterizzano il rapporto con Toyota Motor Italia. Il progetto DealerPULSE, una survey di oltre 270 domande, ha lo scopo di individuare le più efficaci azioni di intervento per migliorare il livello delle relazioni con la Rete. Un iniziativa che viene replicata ogni anno per verificare, ragionando insieme ai Concessionari, dove e come intervenire in un ottica di miglioramento continuo. Toyota Motor Italia Una rete di Partner solida e soddisfatta è uno dei capisaldi della strategia Ford in Italia e che ha guidato il progetto CMA (Customer Marketing Area) per la ristrutturazione della rete conclusasi nell ottobre 2003 con 120 FordPartner. La condivisione delle strategie di marketing, il dialogo quotidiano e l attenzione alla profittabilità delle loro aziende sono obiettivi imprescindibili dal nostro operato ed il cui raggiungimento garantisce al marchio Ford una rappresentazione da leader nel mercato italiano. Ford Italia Gaetano Thorel, Presidente ed Amministratore Delegato La crisi economica degli ultimi tempi ha determinato la necessità di sviluppare nuovi modelli organizzativi, nei quali il dialogo tra casa madre e rete di vendita, e la reciproca soddisfazione, sono elementi fondamentali per sviluppare sinergie altrimenti irraggiungibili. La DealerSTAT è certamente uno degli strumenti di analisi e confronto più diretti per riallineare il dialogo tra le parti. Honda Automobili Italia Uno dei fondamenti della filosofia di Volvo Cars Corporation è, da sempre, lo spirito di collaborazione e rispetto verso tutti i componenti della filiera che parte dai fornitori ed arriva al cliente. In questo contesto, annettiamo la massima importanza al livello di soddisfazione raggiunto a tutti i livelli della catena: suppliers, dipendenti, clienti e dealers. Ecco perché analizziamo con grande attenzione gli indici di Dealer Satisfaction e li utilizziamo come una delle fondamenta del nostro rapporto con la Rete. Volvo Auto Italia La soddisfazione della Rete è un punto chiave della nostra policy aziendale; il rapporto di partnership con i nostri Concessionari si basa su quattro principiali obiettivi per il 2009: chiarezza nella comunicazione, snellimento amministrativo (approccio LEAN), definizione dei perimetri di azione, obiettivi e priorità condivise. La centralità del cliente, nello sviluppo dei principi di cui sopra, è la nostra garanzia di performance. Citroën Italia 13 INTERAZIONE CASA-DEALER ALCUNI MESSAGGI DALLA RETE PER LE CASE SODDISFAZIONE I suggerimenti dei concessionari qui riportati emergono dai questionari raccolti, in particolare dalla nuova sezione 2009 Iniziative di Miglioramento Performance che contiene consigli mirati per indirizzare l attività dei manager della casa (disponibili anche per ogni singolo marchio). PERFORMANCE SUPPORTO ALLE VENDITE Secondo i dealer, la competitività dei servizi finanziari è fra gli strumenti di supporto alle vendite attualmente più efficaci nei confronti dei clienti. Ai manager vendite della casa i concessionari chiedono nel 2009 maggior supporto per le vendite aziendali. COMUNICAZIONE Potendo orientare in modo più efficace il budget di comunicazione della casa, occorrerebbe potenziare gli sforzi per i prodotti ma anche per il service. STANDARD/RETE Di fronte ad un 2009 critico e nell ipotesi di dover operare sugli standard, oltre all adeguatezza dell entità i dealer chiedono interventi per snellirne la burocrazia e migliorarne la flessibilità. In particolare ritengono sia fondamentale agire sulla struttura finanziaria e gli oneri collegati, modulare gli investimenti in corporate identity dell area vendite, semplificare e rendere più flessibili i processi soprattutto nel post-vendita. Per individuare gli spazi di miglioramento ed aumentare l impatto delle opinioni e dell esperienza diretta dei dealer sulle strategie e sulle iniziative della casa, si chiede maggiore interazione casa-rete. Tra le azioni più efficaci, i dealer evidenziano incontri più frequenti con il management della casa riservati ad alcuni dealer o estesi a tutta la rete. Il 67% dei rispondenti ritiene inoltre che possano essere utili indagini, simili a questa, effettuate con maggiore frequenza.

16 Network Performance Automotive Interactions Project Manager Gabriele Maramieri Hanno Collaborato Alberto Bet Leonardo Buzzavo Elisa Giubilato Claudio Pizzi Giuseppe Volpato Viale Luzzatti, Treviso TV Tel Fax

Dealer/STAT 2004 17/01/2005. Gentile Concessionario,

Dealer/STAT 2004 17/01/2005. Gentile Concessionario, 17/01/2005 Gentile Concessionario, Automotive Dealer Day, con la collaborazione dell Università Ca Foscari di Venezia, ha realizzato nella primavera del 2004 Dealer/STAT, uno studio sulla soddisfazione

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE Chi siamo Visual Software nasce nel 1997 e oggi è un forte e strategico partner IT per molte aziende automobilistiche in Italia. Il core product è il DMS (Dealer Management System)

Dettagli

Mercato dell auto & ecologia

Mercato dell auto & ecologia Mercato dell auto & ecologia Tommaso Tommasi Direttore di InterAutoNews Sondaggio InterAutoNews H2Roma Roma, 5 novembre 2009 Chi ha risposto 774 CONCESSIONARI Pari al 18,24% dell universo dei concessionari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri In febbraio immatricolate 165.289 nuove auto (-24,5%) PRIMI SEGNALI DI RISVEGLIO DELLA

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

I brand automotive in rete. 1 gennaio 31 marzo 2014

I brand automotive in rete. 1 gennaio 31 marzo 2014 I brand automotive in rete 1 gennaio 31 marzo 2014 Indice SINTESI BRAND & TEMI FONTI SENTIMENT FACEBOOK TWITTER Blogmeter 2014 www.blogmeter.it 2 Perimetro di analisi 01 gennaio 31 marzo 2014 Periodo di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEI CONCESSIONARI NEL RAPPORTO CON LA CASA AUTOMOBILISTICA

INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEI CONCESSIONARI NEL RAPPORTO CON LA CASA AUTOMOBILISTICA INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEI CONCESSIONARI NEL RAPPORTO CON LA CASA AUTOMOBILISTICA Sintesi pubblica dei risultati Una iniziativa di: 1 www.dealerstat.it Quanto i dealer sono soddisfatti nei diversi

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri In ottobre immatricolate in Italia 195.545 auto (+15,7%) IL MERCATO CONFERMA L EFFICACIA DEGLI ECO-INCENTIVI

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Consumi di flotta (1989 2012)

Consumi di flotta (1989 2012) Basi e metodologia comparativa Ogni anno «auto-svizzera», l associazione degli importatori svizzeri di automobili, rileva il consumo medio delle marche più vendute sul mercato elvetico, il cosiddetto consumo

Dettagli

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare.

Il Franchising Bricofer. Corporate Profile. Tra il dire e il fare. Il Franchising Bricofer Corporate Profile Tra il dire e il fare. IL FRANCHISING DI BRICOFER Un fenomeno in crescita. Una solida realtà. Combinazioni vincenti. Protagonisti del mercato. La struttura. I

Dettagli

Automotive Online. Gennaio - Giugno 2012. Report sulla visibilità web. Semestrale. powered by extrapola

Automotive Online. Gennaio - Giugno 2012. Report sulla visibilità web. Semestrale. powered by extrapola Online Report sulla visibilità web Semestrale Analisi della visibilità di oltre 40 marchi automobilistici su 26 fonti web di settore italiane Qual è la rilevanza online dei marchi automobilistici? Qual

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani L indagine Obiettivo Approfondire il tipo di rapporto che le utenti di alfemminile hanno con la guida e con l automobile. Date 28 giugno 19 luglio

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa VOLA IL MERCATO AUTO A FEBBRAIO: +27,3% Un risultato frutto delle campagne promozionali delle Case auto che, insieme ai bassi tassi di interesse e al calo dei prezzi dei carburanti, hanno

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

www.quattroruotepro.it

www.quattroruotepro.it www.quattroruotepro.it holeinone.it Banche dati - Prodotti e servizi Soluzioni personalizzate Business Intelligence - Formazione Assicurazioni Automotive Autoriparazione Via Gianni Mazzocchi 1/3 20089

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009

L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009 L'AUTO A META' DEL GUADO NELL'ANNO ORRIBILE 2009 Gian Franco Soranna Direttore FEDERAICPA Bologna, 28 maggio 2009 1 CONCESSIONARI AUTOVETTURE PER MARCA (al 31.12.2008) 300 2007 286 250 2008 Conc. 2008

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa MERCATO AUTO ITALIANO POSITIVO ANCHE AD AGOSTO: +10,6% Nonostante un giorno lavorativo in più rispetto ad agosto 2014, i volumi di questo mese non erano così bassi dal 1964 Torino, 1

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Dati e soluzioni digitali per i professionisti dell automotive

Dati e soluzioni digitali per i professionisti dell automotive Quattroruote Professional è la divisione di Editoriale Domus che da anni realizza e offre ai professionisti dei settori automobilistico, assicurativo e autoriparativo una vasta gamma di soluzioni tra cui

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Contenuti: Quadro generale delle linee di servizio. Alcune referenze. Popolazioni su cui operiamo. Attività professionale svolta per i vari Marchi

Contenuti: Quadro generale delle linee di servizio. Alcune referenze. Popolazioni su cui operiamo. Attività professionale svolta per i vari Marchi Contenuti: Quadro generale delle linee di servizio Alcune referenze Popolazioni su cui operiamo Attività professionale svolta per i vari Marchi Riferimenti di contatto 2 Quadro generale delle linee di

Dettagli

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS dati provvisori/provisional data GIUGNO VAR. % GENNAIO/GIUGNO VAR. % JUNE % CHG. JANUARY/JUNE % CHG. MARCA/MAKE 2011 % 2010 % 11/10 2011

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

BRANDS & SOCIAL MEDIA

BRANDS & SOCIAL MEDIA ione BRANDS & SOCIAL MEDIA Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia a cura di OssCom Centro di Ricerca sui Media e la Comunicazione dell Università Cattolica per Digital

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani

Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani Survey Internazionale Tu e la tua auto Risultati italiani L indagine Obiettivo Approfondire il tipo di rapporto che le utenti di alfemminile hanno con la guida e con l automobile. Date 15 31 luglio 2011

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011 Indagine 2011 Customer Satisfaction Marzo 2011 Obiettivi Per il terzo anno consecutivo, l UFFICIO MARKETING DI FIRE ha SVOLTO un indagine sul grado di soddisfazione dei propri CLIENTI, in base a un sistema

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Focus: mercato automotive

Focus: mercato automotive Focus: mercato automotive 1. Osservatorio generale Lo stato dell arte - Mondo: le vendite globali, nonostante gli incentivi che hanno drogato gli acquisti sono in discesa in tutto il mondo occidentale.

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Comunicato stampa AUTO: QUINTEGIA, NELL ULTIMO BIENNIO IL 15% DEI CONCESSIONARI IN MENO. 3. Avvenire Mercato auto «trainato» dalle promozioni 5

Comunicato stampa AUTO: QUINTEGIA, NELL ULTIMO BIENNIO IL 15% DEI CONCESSIONARI IN MENO. 3. Avvenire Mercato auto «trainato» dalle promozioni 5 INDICE Comunicato stampa AUTO: QUINTEGIA, NELL ULTIMO BIENNIO IL 15% DEI CONCESSIONARI IN MENO. 3 Comunicato stampa AUTO: PRESENTATO IL 10 DEALER DAY DI VERONA. PARTECIPAZIONE + 500% IN 10 ANNI PER IL

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa UN BUON DEBUTTO PER L AUTO NEL 2016, CHE CHIUDE IL MESE DI GENNAIO A +17,4% Tra le priorità per il settore, una politica di rinnovo strutturale del parco circolante italiano, fattore

Dettagli

PROSPETTIVE PER LA DISTRIBUZIONE AUTOMOTIVE IN EUROPA ED IN ITALIA

PROSPETTIVE PER LA DISTRIBUZIONE AUTOMOTIVE IN EUROPA ED IN ITALIA PROSPETTIVE PER LA DISTRIBUZIONE AUTOMOTIVE IN EUROPA ED IN ITALIA Lube Day 2012 Milano, 9 Novembre 2012 Luca Montagner ICDP Quintegia Lube Day 2012 Milano, 9 Novembre 2012 1 CHI SIAMO? Società di ricerca,

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Top 10 delle marche in tutta la Svizzera 6.6% 6.2% 5.9% 5.9% 5.7% 5.6% 4.5% 4.0% 4.0% TOYOTA MERCEDES PEUGEOT 14% VOLVO FORD 10% 8.0% 7.

Top 10 delle marche in tutta la Svizzera 6.6% 6.2% 5.9% 5.9% 5.7% 5.6% 4.5% 4.0% 4.0% TOYOTA MERCEDES PEUGEOT 14% VOLVO FORD 10% 8.0% 7. Auto - una copertura assicurativa ottimale al miglior prezzo! Quali sono le marche e i modelli di auto più amati in Svizzera? Quali le differenze al volante tra uomini e donne? Tra Svizzeri romandi e Svizzeri

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa A GIUGNO IL MERCATO ACCELERA NUOVAMENTE IL PASSO: +14,3% Anche grazie ai positivi effetti di calendario, la domanda di vetture cresce, dando una prima benefica spinta al processo di rinnovo

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA

MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA Comunicato stampa MARZO ANCORA IN CRESCITA PER IL MERCATO ITALIANO DELL AUTO: +15,1% IN LINEA CON IL RAFFORZAMENTO DEI PRIMI SEGNALI DI RIPRESA DELL ECONOMIA ITALIANA Sarebbe opportuno attivare misure

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE La piattaforma SmartPlanner è una piattaforma software multitasking erogata in modalità SaaS,

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa SI CONSOLIDA IL TREND DI CRESCITA DEL MERCATO ITALIANO A OTTOBRE: +8,6% La filiera automotive incoraggia l introduzione di nuove norme per i test sulle emissioni, più aderenti all uso

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa GIUGNO IN RISALITA PER IL MERCATO DELL AUTO (+3,8%), MA I VOLUMI RIMANGONO BASSI Facilitare l accesso al credito per i consumatori e incoraggiare l aumento della quota di mercato delle

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa UN PASSO AVANTI SULLA STRADA DELLA RIPRESA, NEL 2015, PER IL MERCATO DELL AUTO, CHE CHIUDE, SECONDO LE ASPETTATIVE, A 1,57 MILIONI DI UNITA (+15,7%) Atteggiamento fiducioso per il 2016,

Dettagli

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Controllo di Gestione e Misurazione delle Performance: l integrazione delle competenze, la valorizzazione delle differenze e la tecnologia

Dettagli