Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement"

Transcript

1 Management and System Integration

2 La nostra offerta Smart Media offre il necessario supporto ORGANIZZATIVO, METODOLOGICO ed APPLICATIVO alle aziende che intendono intraprendere un percorso di continuo miglioramento delle proprie performance aziendali nell ambito della SUPPLY CHAIN.

3 I livelli d intervento Il Business Assessment Partendo dalla definizione di precisi obiettivi di performance economica, fornisce una review dei processi aziendali unitamente ad un adeguamento della configurazione di SAP R/3. Il Solution Assessment Fornisce un review della configurazione del sistema unitamente a raccomandazioni dettagliate su come migliorare l utilizzo di SAP R/3.

4 Confronto Il Solution Assessment Il valore per il Cliente Vantaggi qualitativi Proposta di soluzione I deliverable Solution Design (Rough Cut) Identificazione delle aree di miglioramento La durata circa 5 / 6 giorni Il Business Assessment Il valore per il Cliente Vantaggi qualitativi Vantaggi quantitativi Proposta di soluzione I deliverable Analisi del ritorno sull investimento Solution Design Identificazione delle aree di miglioramento Piano d azione correttivo Definizione dello scopo Schedulazione progetto e valutazione dell effort La durata circa 6 settimane

5 Perchè preferire il Business Assessment! Focalizza la nostra collaborazione su definiti risultati aziendali, non semplicemente su una valutazione dell implementazione.! Costruisce la consapevolezza delle attività chiave nel ciclo di valutazione implementazione e di come queste si coniugano insieme.! Istituisce un impegno comune nel processo di valutazione che guiderà l implementazione.! Stabilisce la condivisione degli obiettivi che consentono alla Società di raggiungere quantificabili benefici finanziari.

6 La metodologia FRAIV VERIFICA: - valutazione dei risultati conseguiti Durata: 1 settimana ca. FOCUS: -definizione della Enterprise Vision del Cliente, delle strategie e delle tattiche aziendali in un formato che identifica come queste devono essere quantificate, misurate ed iniziate Durata: 2 settimane ca. V F IMPLEMENTAZIONE: - attuazione della proposta risolutiva ed ottimizzazione delle performance e/o miglioramento dell organizzazione Durata: 1/4 mesi I A R RILEVAZIONE: - raccolta di dati sulle prestazioni dei processi correnti finalizzata ad evidenziare le aree problematiche Durata: 2 settimane ca. ANALSI: - identificazione dei gap (in termini di performance e/o comportamento/organizzazione) e delle relative cause - formalizzazione delle proposte d intervento Durata: 2 settimana ca.

7 Fase 1: FOCUS Obiettivi di questa fase sono:! La definizione della Enterprise Vision del Cliente, delle strategie e delle tattiche aziendali in un formato che identifica come queste devono essere quantificate, misurate ed iniziate.! La correlazione di come la Supply Chain supporta e permette il conseguimento degli obiettivi Corporate.! La delimitazione dello scopo dell intervento.! La puntualizzazione delle aspettative del team di lavoro circa gli obiettivi e le attività.

8 Fase 2: RILEVAZIONE Obiettivi di questa fase sono:! La raccolta di informazioni relative ai processi aziendali e l estrazione di dati dal sistema gestionale.! L analisi delle performance finanziarie.! Individuazione delle possibili opportunità di miglioramento della Supply Chain.

9 Fase 3: ANALISI Obiettivi di questa fase sono:! La documentazione e l analisi dei processi aziendali nell ambito della Supply Chain.! L identificazione dei driver sottostanti i gap di performance nell ambito della Supply Chain.! La valutazione delle opportunità di miglioramento e la finalizzazione delle possibili soluzioni.! La segmentazione e la prioritizzazione delle opportunità finalizzata ad un rapido raggiungimento dei benefici.! L identificazione di appropriati KPI.

10 Fase 3: ANALISI La Gap Performance Analysis KPI Best Limiti Valori Performance Gap da Ricavi/Costi Practice Teorici Attuali Ambite Chiudere da chiusura del Gap Prioritizzazione delle opportunità e degli indicatori Quali sono i riferimenti aziendali? Se tutto fosse perfetto, cosa sarebbe possibile fare? Rilevazione dei valori attuali Quali sono i valori obiettivo ed entro quale periodo di tempo? Aspirazione meno i valori attuali Quantificazione dell impatto dovuto alla chiusura del gap

11 Fase 3: ANALISI Work Step Flow Identificazione delle opportunità di miglioramento Identificazione delle potenzialità di estendere SAP R/3 Allineamento dati con le ipotesi Confronto Benchmark con i valori medi aziendali Quantificazione delle opportunità di miglioramento Validazione delle opportunità e gap analisi Quantificazione dei benefici Identificazione delle potenzialità di APO

12 Fase 4: IMPLEMENTAZIONE Obiettivi di questa fase sono:! Lo sviluppo di una roadmap di progetto.! La definizione dello scopo di progetto, sia lato dei processi che lato delle tecnologie.! La stima delle risorse umane e finanziarie necessarie all implementazione di un progetto di Supply Chain Business Improvement.! Lo sviluppo di un Business Case.

13 Fase 4: IMPLEMENTAZIONE Work Step Flow Sviluppo Piano di Supply Chain Process Improvement Creazione Supply Chain Improvement Roadmap Sviluppo Piano di Upgrade di SAP R/3 Identificazione Cambiamenti Organizzativi Richiesti Calcolo Costi Progetto Sviluppo Business Case Definizione dello Scopo Sviluppo Piano per Progetto APO Valutazione Infrastruttura IT

14 Fase 5: VERIFICA Obiettivi di questa fase sono:! La rilevazione e l analisi dei KPI predefiniti.! La rilevazione e l analisi del feedback dagli utenti.

15 Possibili obiettivi Tra i possibili obiettivi: " la riduzione dei costi di possesso delle scorte attraverso il miglioramento dell indice di rotazione " l incremento della produzione attraverso il miglioramento del rendimento globale degli impianti produttivi " l incremento della customer satisfaction attraverso il miglioramento dell affidabilità delle consegne " miglioramento del processo previsionale della domanda

16 Una storia di successo FOCUS: incremento della Customer Satisfaction attraverso il miglioramento del processo di forecast della domanda RILEVAZIONE: misurazione dell indice di stabilità dei piani di produzione ANALISI: necessità di migliorare la previsione della domanda e modificarne la segmentazione IMPLEMENTAZIONE: riorganizzazione del processo gestionale di creazione ed analisi dei dati di forecast; realizzazione di un nuovo tool capace di aggregare i materiali in base ai dati di consumo e di individuare per ognuno dei gruppi creati il modello di previsione statistica più adatto VERIFICA: prevista a novembre 2003

17 Lo Strategy Assessment Lo Strategy Assessment Fornisce una valutazione dell applicabilità di soluzioni SAP avanzate quali SAP BW e SAP SEM, coerentemente con gli attuali obiettivi strategici aziendali.

18 Supply Chain Performance Management SCPM: la soluzione SAP che consente alle organizzazioni aziendali di monitorare, attraverso opportuni indicatori conformi allo SCOR model, la pianificazione, l approvvigionamento, la produzione e la spedizione. La soluzione utilizza il Corporate Performance Monitor (CPM) componente di Strategic Enterprise Management (SEM) integrando le funzionalità di Business Warehouse (BW).

19 Gli elementi di SCPM Strategic Planning Measurement Permette di implementare e gestire efficientemente i processi gestionali interni alla Supply Chain; consente di analizzare, monitorare, ottimizzare e comunicare le strategie aziendali sia verso i collaboratori interni che verso i partner esterni. Esso include il Management Cockpit, lo Scorecard Overview/Analisys ed il Measure Analisys. Tactical Execution Measurement Permette di confrontare i valori effettivi con i valori pianificati, consentendo in tal modo di sapere quando sorgono inefficienze all interno del dinamico ambiente che caratterizza la Supply Chain. Esso include il Supply Chain Cockpit ed il Business Explorer Analizer

20 SCOR model Il Supply Chain Operation Reference model, sviluppato dal Supply Chain Council (www.supply-chain.org) integra i concetti di Business Process Reengineering, di Benchmarking e di Best Practices. Business Process Reengineering Benchmarking Best Practices Analysis SCOR model Rileva Rileva lo lo stato stato AS-IS AS-IS di di un un processo processo e e deriva deriva il il futuro futuro stato stato TO_BE TO_BE desiderato desiderato Quantifica Quantifica le le performance performance operative operative di di aziende aziende simili simili e e stabilisce stabilisce obiettivi obiettivi interni interni basati basati sui sui valori valori delle delle aziende aziende best-in-class best-in-class Caratterizza Caratterizza le le pratiche pratiche gestionali gestionali e e le le soluzioni soluzioni informatiche informatiche utilizzate utilizzate dai dai best-inclass best-inclass Rileva lo stato AS-IS di un processo e deriva il futuro stato TO_BE desiderato Quantifica le performance operative di aziende simili e stabilisce obiettivi interni basati sui valori delle aziende best-in-class Caratterizza le pratiche gestionali e le soluzioni informatiche utilizzate dai best-in-class

21 SCOR model Lo SCOR model contiene: la descrizioni standard dei processi gestionali la struttura delle relazioni tra i processi standard le metriche standard per misurare le performance dei processi le pratiche gestionali che realizzano le migliori performance Una volta che un complesso processo gestionale è inquadrato all interno dello SCOR model, esso può essere: implementato espressamente per raggiungere un vantaggio competitivo descritto senza ambiguità e comunicato misurato, gestito e controllato sintonizzato con uno specifico obiettivo

22 SCOR model Lo SCOR model è fondato su cinque distinti processi gestionali Plan Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Make Deliver Source Return Return Return Return Return Return Return Return Supplier Your Company Customer Customer s Customer Internal or External Internal or External SCOR Model

23 SCOR model Plan P1 Plan Supply Chain P2 Plan Source P3 Plan Make P4 Plan Deliver P5 Plan Returns Suppliers Source S1 Source Stocked Products S2 Source MTO Products S3 Source ETO Products Make M1 Make-to to-stock M2 Make-to to-order M3 Engineer-to to-order Deliver D1 Deliver Stocked Products D2 Deliver MTO Products D3 Deliver ETO Products Customers Return Source Return Deliver

24 Acknowledgments Introduction # This Supply Chain Operations Reference-model (SCOR) has been developed and endorsed by the Supply-Chain Council (SCC) as the cross-industry standard for supply-chain management # The SCC is an independent not-for-profit trade organization dedicated to the development, promotion, and support of SCOR as the cross-industry standard # SCC operations and SCOR maintenance are funded by member dues # Members receive several important benefits, including six-month lead-time on access to the most recent release of SCOR, discounts to attend SCC conferences, and membership on SCC Technical Committees that manage SCOR development and maintenance # To join the SCC, please submit the application form available on the SCC s Web site at Requested acknowledgments # All who use the SCOR model are asked to acknowledge the SCC by placing these acknowledgments at the front of any documents describing or depicting the SCOR model and its use # All who use SCOR are encouraged to join the SCC, to both further model development and obtain the full benefits of membership

25 Avvertenza Le slide che seguono illustrano più dettagliatamente lo SCOR model e richiedono una discreta conoscenza delle tematiche inerenti il Supply Chain Management. Salta alla conclusione

26 SCOR model Lo SCOR model contiene 3 livelli di dettaglio Livello # Descrizione Schema Commenti Supply Chain Operations Reference model Top level (Tipi di processo) Configuration Level (Categorie di Processo) Process Element Level (Scomposizione dei processi P3.1 Identify, Prioritize, and Aggregate Production Requirements P3.2 Identify, Assess, and Aggregate Production Resources Source Return Plan Make P3.3 P3.4 Balance Production Resources with Production Requirements Establish Detailed Production Plans Deliver Return Il primo livello definisce gli obiettivi ed il contenuto del Supply Chain Operations Reference model Qui son definiti gli obiettivi di performance competitiva La supply chain di una specifica azienda può essere configurata al livello 2 utilizzando le 24 categorie di processo Le aziende implementano la loro strategia operativa attraverso una configurazione personalizzata della suplly chain Il livello 3 definisce l abilità di un azienda di competere con successo all interno del proprio mercat; per ogni elemento di processo sono indicati: la definizione la definizione delle informazioni in input ed in output I Key performance indicator Le Best Practices Le funzionalità sw richieste per supportare le best practices Le aziende perfezionano le loro strategie operative al Livello 3 Non in Scopo 4 Implementation Level (Implementazione degli elementi di processo) Le aziende implemetano specifiche pratiche gestionali a questo livello Il Livello 4 definisce le pratiche gestionali necessarie per raggiungere un vantaggio competitivo e per adeguare l azienda a mutevoli condizioni economiche

27 I 5 tipi di processo supportati dallo SCOR model PLAN Processi che bilanciano la domanda aggregata con l approvvigionamento per sviluppare un corso d azioni che meglio soddisfano i requisiti di rifornimento, produzione e spedizione SOURCE Processi che approvvigionano materiali e servizi per soddisfare la domanda attuale e quella pianificata MAKE Processi che trasformano i prodotti ad uno stadio finito per soddisfare la domanda attuale e quella pianificata DELIVER Processi che forniscono prodotti finiti e servizi per soddisfare la domanda attuale e quella pianificata, includendo la gestione degli ordini, dei trasporti e della distribuzione RETURN Processi associati ai resi ed al ricevimento di prodotti resi per qualsiasi ragione; questi processi si estendono ai servizi clienti postvendita

28 Performance ed indicatori del 1 livello Performance Descrizione Indicatori Affidabilità La performance della Supply Chain nelle consegne: il prodotto corretto, alla destinazione esatta, al tempo esatto, nelle corrette condizioni e imballaggio, nella corretta quantità, con la corretta documentazione al cliente esatto Performance Consegne Completezza Consegne Perfetta conformità ordini Risposta La velocità con cui la Supply Chain fornisce prodotti ai clienti Tempo completamento ordini Flessibilità Costi Cespiti L'agilità con cui una Supply Chain risponde ai cambiamenti del mercato per guadagnare o mantenere il vantaggio competitivo I costi associati alla gestione operativa della Supply Chain L'efficienza e l'efficacia di un'organizzazione nel gestire i cespiti per soddisfare la domanda; include la gestione di tutti i cespiti: fissi e capitale immobilizzato Tempo di risposta Flessibiltà di produzione Gestione costi Costo materiali venduti Produttività a valore aggiunto Costi garanzie e costi per gestione resi Tempo di ciclo liquidità Giorni di copertura stock Redditività dei cespiti

29 Configurazione dello SCOR model al 2 livello Processi SCOR PLAN SOURCE MAKE DELIVER RETURN Tipi Pianificazione P1 P2 P3 P4 P5 Categorie di Esecuzione S1 - S3 M1 - M3 D1 - D3 R1 - R3 di Processo Supporto EP ES EM ED ER Processo Pianificazione Processi che allineano le risorse previste per soddisfare i fabbisogni della domanda Esecuzione Supporto Processi provocati dalla domanda attuale o pianificata che modificano lo stato di un materiale; implicano: - la schedulazione e la sequenziazione - la trasformazione di prodotti - movimentazione dei prodotti verso i processi successivi Processi che preparano, mantengono o gestiscono informazioni e relazioni sulle quali si poggiano i processi di pianificazione e di esecuzione

30 Configurazione dello SCOR model al 3 livello Presenta dettagliatamente gli Elementi di Processo relazionati con le Categorie di Processo definite al 2 livello

31 Esempio di elemento di processo al 3 livello

32 Implementazione delle Best Practices al 4 livello Ogni società implementa le Best Practices gestionali della Supply Chain, e configura conseguentemente il proprio sistema ERP, ai livelli 4 e sottostanti.

33 La mappatura dei processi aziendali P1 P1 P1 P1 P1 P1 P2 P2 P3 P3 P4 P4 P3 P3 P2 P2 P2 P2 P4 P4 P4 P4 Fornitore Fornitore A A S2 M2 D2 Fornitore Fornitore B B S1 M1 S2 M1 D1 S1 D1 S1 D1 S1 FORNITORI DIVISIONI DI PRODUZIONE DIVISIONI DI DISTRIBUZIONE CLIENTI

34 La mappatura dei KPI Cycle Time Perfect Order Fulfillment Revenue Accounts Receivable Cash Flow Supplier on time delivery Schedule Achievement Perfect Order Fulfillment On Time On Time Fornitore Fornitore A A Fornitore Fornitore B B S2 M2 Delivery Performance D2 S2 In Full Docs Damage Supplier on time delivery In Full Docs Damage Perfect Order Fulfillment S1 M1 D1 M1 D1 S1 D1 S1 S1 FORNITORI DIVISIONI DI PRODUZIONE DIVISIONI DI DISTRIBUZIONE CLIENTI

35 La misurazione delle Performance Cycle Time Inventory Perfect Order Fulfillment Perfect Order Fulfillment Goal 95% Revenue Accounts Receivable Cash Flow Fornitore Fornitore A A Fornitore Fornitore B B Metrics Conflict S2 S1 M2 M1 Supplier on time Supplier delivery on time delivery Actual 85% Delivery Delivery Performance Performance Actual 99% D2 D1 S2 S1 Schedule Achievement Schedule Achievement Actual 95% Perfect Order Fulfillment Perfect Order Fulfillment On Time Actual 90% In Full Docs Under-performance Damage Process Systems Supplier on time delivery M1 D1 S1 Perfect Order On Time Fulfillment Actual - 85% In Full Docs Damage Perfect Order Fulfillment Under-performance D1 S1 Process Systems FORNITORI RM Suppliers DIVISIONI DI PRODUZIONE DIVISIONI DI DISTRIBUZIONE CLIENTI Consume r

36 SCOR Assessment Project Roadmap Analisi primaria della competitività Strategia operativa Requisiti in termini di Performance Competitiva Indicatori di Performance Supply Chain Scorecard Scorecard Gap Analysis Pianificazione progetto SCOR Livello 1 Configurazione della Supply Chain Flusso dei Materiali AS IS Mappa Geografica AS IS Diagramma di flusso Specifiche di Design TO BE Diagramma di flusso TO BE Mappa Geografica SCOR Livello 2 Allineamento di Performance Livelli, Practices, e del Sistema Informazioni e Work Flow AS IS Livelli 2, 3, e Mappe 4 Disconnesione Specifiche di Design TO BE Livelli 2, 3, e Mappe 4 SCOR Livello 3 Implementaqzione Implementaqzione dei dei processi processi e e dei dei sistemi sistemi Sviluppo, Test, e Roll Out Organizzazione Tecnologia Processi Risorse umane

37 Le 4 soluzioni proposte in sintesi Il Solution Assessment La soluzione immediata ai problemi applicativi delle PMI. value added Il Business Assessment La soluzione strutturata orientata alle Aziende che vogliono accrescere la loro competitività nel mercato globale. Lo Strategy Assessment La soluzione strategica studiata per le Aziende che fanno del Continuous Business Improvement la chiave del loro successo intenzionate a trarre vantaggio competitivo dai nuovi prodotti della mysap Business Suite: BW e SEM. complexity Lo SCOR Assessment La soluzione globale per i Gruppi Aziendali multi-plant e multi-country che necessitano di riorganizzare la loro Supply Chain secondo il paradigma dell Extended Enterprise.

38 Contatti Giampiero Gallarate M Luciano Scalabrini M T Lucio Zonca M

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Business Intelligence Trasformare l informazione in conoscenza e la conoscenza in profitto Prof. Luca Bolognini Luca.bolognini@aliceposta.it Nuove esigenze dieci anni fa le decisioni venivano prese sulla

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli