COMUNE DI PULA. IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PULA. IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio 2012-2014"

Transcript

1 COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Corso Vittorio Emanuele, 28 C.A.P Fax IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio Tracce d Anima Antica Pagina 1 di 84

2 Indice Il processo di costruzione del Piano... 4 Il Comune di Pula: dati relativi al contesto... 5 Il Comune di Pula: dati relativi all organizzazione... 6 La performance organizzativa... 7 Gli obiettivi... 8 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate... 9 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Settore Economico, Finanziario, Economato, Risorse umane e locali Settore Edilizia Privata, Demanio, Ufficio tutela del paesaggio Settore Lavori Pubblici, Urbanistica, Ambiente, Espropriazioni, Serv. Tecno-Inform. e Patrimonio46 Settore Polizia Municipale Settore Servizi alla Persona Settore Servizi alle Imprese, Turismo, Cultura e Sport Pagina 2 di 84

3 Premessa Il Piano della Performance è stato adottato per la prima volta con deliberazione di Giunta Comunale n. 105 del 28 luglio 2011 per il triennio , in ottemperanza alle disposizioni previste dal D. Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150 (meglio nota Riforma Brunetta) ed alle linee guida espresse dalla CIVIT (Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche) e dall ANCI. La scelta di redigere il Piano Triennale della Performance, integrandolo ed adeguandolo opportunamente agli attuali strumenti di programmazione e rendicontazione, è motivata dalla volontà di offrire un unico strumento, di facile lettura e comprensione, di tutta la programmazione politica dell Ente. L Amministrazione Comunale, in tal modo, tende a sviluppare un ciclo virtuoso della programmazione, nel corso del quale si è provveduto a negoziare, tra l Organo Politico ed i Responsabili Comunali, gli obiettivi operativi, i quali risultano coerenti ed in linea con il programma amministrativo di mandato e la Relazione Previsionale e Programmatica (di seguito RPP) allegata al Bilancio di Previsione Sarà poi cura della struttura amministrativa procedere all attuazione di quando programmato, attraverso un approccio creativo, propositivo e manageriale. I controlli a consuntivo verranno svolti sia dall Organo Politico, il quale supportato dal Nucleo di Valutazione, verificherà l effettivo raggiungimento o meno degli obiettivi, che dai cittadini, i quali verranno idoneamente coinvolti per valutare le azioni poste in essere dall Amministrazione Comunale. Si tende a precisare che il concetto di performance non è nuovo, in quanto è connesso alla quantità ed alla qualità dei servizi offerti dall Amministrazione. Al riguardo si analizza il contributo per il raggiungimento di un risultato, attraverso l utilizzo di capacità e competenze professionali da parte di uno o più soggetti (performance individuale) o di una o più unità organizzative (performance organizzativa). Con la redazione del Piano della performance, il Comune di Pula intende fornire: 1. un quadro degli obiettivi strategici ed operativi del triennio coerente con i documenti di programmazione economico-finanziaria; 2. un set di indicatori e target per la misurazione e la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi individuati. Il Piano della Performance rappresenta il documento grazie al quale l Amministrazione può misurare la validità e l incisività della propria azione politico-amministrativa e, per il cittadino, uno strumento di conoscenza per esercitare al meglio il proprio diritto di controllo e di scelta (ad esempio attraverso la propria preferenza elettorale). Pagina 3 di 84

4 Il processo di costruzione del Piano Per redigere il Piano della performance del Comune di Pula, l Amministrazione ha condotto diversi incontri intersettoriali, nel corso dei quali si è discusso sulle linee di carattere generale che dovranno caratterizzare le attività di programmazione nel prossimo triennio, con particolare attenzione all anno Gli obiettivi e le finalità generali individuate e che dovranno essere perseguite da ogni Settore Comunale sono state estrapolate dal programma amministrativo (ultima revisione del 4 gennaio 2012) del Sindaco, Dott. Walter Cabasino e risultano coerenti con quanto riportato nella RPP Ogni anno il Comune definisce gli indirizzi strategici e gli obiettivi operativi che perseguono la massima efficacia, efficienze ed economicità di funzionamento della propria struttura organizzativa. A tal fine, con cadenza annuale, l Organo Politico conduce una riunione tecnica-politica tesa a calendarizzare il proprio programma amministrativo e ove fosse necessario a revisionare e ricalibrare la programmazione strategica da adottare, in relazione alle nuove esigenze e necessità emerse dal contesto di riferimento. Durante gli incontri intersettoriali (tenuti il 24 ottobre 2011, 7 novembre 2011, 11 gennaio 2012, 20 gennaio 2012, 6 marzo 2012, 2 aprile 2012 e 25 maggio 2012) l Organo Politico ha evidenziato i macroobiettivi strategici, intersettoriali e trasversali, che dovranno essere perseguiti dall Ente, identificando e stabilendo in maniera condivisa gli obiettivi operativi e strategici di ogni singolo Settore Comunale. Il risultato del percorso condotto si traduce nella stesura di schede descrittive, riferite ad ogni singolo obiettivo operativo, facilmente comprensibili e di veloce consultazione. L Amministrazione Comunale, che persegue il fine di migliorare continuamente la propria attività e di affinare progressivamente il sistema di raccolta e comunicazione dei dati della performance, nel presente documento, che viene redatto per la seconda volta, ha inserito importanti integrazioni. Per ogni singolo obiettivo operativo è stato attribuito un peso, espresso in valore percentuale. E stato integrato e perfezionato il sistema degli indicatori, attraverso l individuazione di un target (ossia il valore atteso), al fine di renderli più adeguati a misurare il grado di raggiungimento dei singoli obiettivi. Particolare attenzione verrà riservata alla fase di divulgazione del presente documento, per garantirne la diffusione sia all interno dell Ente che alla collettività amministrata ed ai differenti stakeholder coinvolti, attraverso la pubblicazione nel sito internet istituzionale nell apposita sezione dedicata alla trasparenza. Di seguito si evidenzia, a grandi linee, l identità dell organizzazione e si delinea la performance organizzativa ed i connessi obiettivi. Per maggiori approfondimenti e dettagli sull organizzazione comunale e sull analisi del contesto interno ed esterno si rimanda alla lettura della RPP Pagina 4 di 84

5 Il Comune di Pula: dati relativi al contesto Abitanti: circa Superficie territoriale: 138,79 km 2 Densità: 53,35 ab./km 2 Provincia: Cagliari Pagina 5 di 84

6 Il Comune di Pula: dati relativi all organizzazione Sindaco: Dott. Walter Cabasino Giunta: 6 assessori Consiglio Comunale: 16 consiglieri Mandato Amministrativo: Segretario Comunale: Dott.ssa Maria Efisia Contini Pagina 6 di 84

7 La performance organizzativa I macro-obiettivi intersettoriali e trasversali del Comune di Pula, che troveranno una puntuale e precisa rappresentazione nelle singole schede di programmazione annuale settoriale, sono: forte responsabilizzazione nel completamento e nel presidio delle opere pubbliche, che richiedono un programma gestionale dettagliato, dove si dovranno evidenziare le scadenze programmate con le quali si potranno definire i nuovi bandi, collaudare e rendicontare tutte le opere in esecuzione e quelle che si prevede di portare a conclusione entro l anno. Eventuale rivisitazione del modello organizzativo del Settore Lavori Pubblici al fine di snellire e velocizzare l attività di avvio e controllo dei bandi; presidio delle entrate comunali, nel 2012, tenendo anche conto dell introduzione di nuove entrate (quali: imposta di soggiorno, IMU, aree di sosta a pagamento ed altre) si rinnova un forte coinvolgimento di tutti i Settori nel raggiungimento degli obiettivi di bilancio che dovrà essere fortemente orientato alla ricerca di entrate certe e ripetibili e nell ottimizzazione della gestione di riscossione delle stesse. Il presidio dovrà essere realizzato in termini di: valore assoluto atteso, congruità rispetto ai valori di mercato o al costo della vita e gettito effettivo riscontrato; informatizzazione dei rapporti con l utenza, si chiede di continuare il percorso di forte innovazione in tutti i rapporti con l utenza, prevedendo sistemi elettronici che abbiano il beneficio di eliminare la documentazione cartacea, semplificare le procedure e limitare l accesso agli uffici da parte dell utenza; maggiore trasparenza con gli stakeholder, al fine di poter misurare la capacità degli uffici di rispondere alle esigenze dei cittadini appare necessario introdurre sistemi di valutazione di risposta ai cittadini (partendo dal servizio di centralino e arrivando ai singoli uffici) e trasparenti sistemi di comunicazione, rivisitando, qualora fosse necessario, il sito istituzionale; trasferimento ed attivazione di alcuni servizi, in capo all Unione dei Comuni di Nora e Bithia, tra cui l attivazione della gestione associata dello Sportello Unico Attività Produttive. Nel corso degli ultimi anni, l Amministrazione Comunale ha impostato un percorso formativo volto a diffondere in capo ai singoli Responsabili una cultura di tipo manageriale/direzionale e di trasferire ai differenti Collaboratori un approccio lavorativo di tipo tecnico/burocratico. I diversi tavoli di lavoro intersettoriali hanno contraddistinto l attività di programmazione offrendo, inoltre, la possibilità di analizzare e risolvere le diverse problematiche gestionali attraverso un analisi dettagliata e puntuale sia dei problemi esaminati sia delle diverse soluzioni percorribili. Pagina 7 di 84

8 Al riguardo si chiede ai Responsabili di Settore di impostare le attività di gestione e di direzione dei propri Settori, in maniera innovativa, secondo un approccio creativo, propositivo e manageriale. I Responsabili dovranno assumere una funzione di impulso, coordinamento e controllo, secondo la quale ai propri collaboratori dovranno essere trasferite le attività operative ed esecutive. Gli obiettivi Di seguito si riportano gli obiettivi individuati per ogni singolo Settore Comunale, evidenziandone la tipologia (se si tratta di obiettivo di tipo operativo o strategico, se individuale o trasversale, se nuovo o di proseguimento), il peso ricoperto, le principali attività necessarie per la realizzazione, il risultato atteso, gli indicatori ritenuti più significativi ed i relativi target. Per un maggiore dettaglio degli obiettivi, in particolare i termini di risorse, si rimanda agli altri strumenti di programmazione. Pagina 8 di 84

9 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 1 RENDICONTAZIONE SOCIALE AL 31 DICEMBRE 2011 Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Predisporre ed attivare tutte le attività necessarie per la rendicontazione sociale relativa al periodo che va dall inizio del secondo mandato al 31 dicembre Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Pubblicazione e diffusione del documento di rendicontazione sociale al 31 dicembre Ottimizzare, anche attraverso il sito istituzionale, il dialogo e la partecipazione degli stakeholders alle attività dell Ente. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre 2012 II trimestre 2012 III trimestre 2012 IV trimestre 2012 Anno 2013 Anno Riunioni intersettoriali per verificare ed analizzare l attività amministrativa 2 Predisposizione delle schede report esplicative per ogni singolo intervento 3 Predisposizione documento di rendicontazione in bozza 4 Affidamento lavoro redazionale Pagina 9 di 84

10 5 Pubblicazione e diffusione documento Indicatori di misurazione Bozza del documento di rendicontazione sociale (Target: 31/12/2012); Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero riunioni realizzate per coinvolgere gli stakeholder (Target: valore minimo 2 riunioni valore massimo 6 riunioni). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Realizzazione indagine di customer satisfaction post pubblicazione del documento - Target: giudizio positivo pari al 80% degli utenti intervistati. Numero stakeholder da intervistare almeno 1 rappresentante (anche attraverso associazioni, circoli ed altri) di ogni categoria di stakeholder. Pagina 10 di 84

11 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 2 PRESIDIO E SUPPORTO TRASFERIMENTO SERVIZI E COMPETENZE IN CAPO ALL UNIONE NORA E BITHIA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Proseguire le attività di presidio ai processi di trasferimento dei servizi e delle competenze in capo all Unione dei Comuni Nora e Bithia, garantendo un forte impulso ed un monitoraggio costante a tutte le azioni necessarie. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Supportare costantemente tutti i Settori Comunali nella predisposizione delle attività e dei processi necessari al trasferimento dei servizi in capo all Unione dei Comuni Nora e Bithia. Contribuire alla creazione di un clima di forte collaborazione sia all interno dei Settori Comunali che nei confronti degli altri Comuni aderenti all Unione, al tal fine prevedere la realizzazione di momenti d incontro intercomunali dedicati alla formazione ed alla condivisione di procedure, documenti, modulistica e tecniche di lavoro. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Individuazione delle funzioni e dei servizi da trasferire in capo all Unione Riunioni intersettoriali/intercomunali per 2 divulgare e cercare la condivisione delle attività di trasferimento 3 Perfezionamento iter di trasferimento Pagina 11 di 84

12 Indicatori di misurazione Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero riunioni intercomunali realizzate (Target: valore minimo 2 riunioni valore massimo 4 riunioni). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Realizzazione indagine di customer satisfaction interna per verificare le modalità attuative applicate (Target: giudizio positivo pari al 80% degli intervistati. Numero intervistati pari a tutti i Responsabili dei quattro Comuni coinvolti). Pagina 12 di 84

13 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 3 REVISIONE SITO ISTITUZIONALE Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Supportare tutti i Settori Comunali nelle attività connesse alla revisione e valorizzazione del sito internet istituzionale, attraverso l inserimento di una serie di informazioni riguardanti le principali macro sezioni, in modo da rendere il sito sempre più trasparente e di facile consultazione da parte di tutti gli stakeholder. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Supporto ai diversi Settori al fine del concreto raggiungimento dell obiettivo. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Analisi e verifica dello stato attuale del sito internet 2 Riunioni intersettoriali 3 Proposte interventi da attuare 4 Inserimento delle informazioni-documentimodulistiche nel sito internet Indicatori di misurazione Pagina 13 di 84

14 Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero macro sezioni del sito internet da valorizzare (Target: valore minimo 4 sezioni valore massimo 8 sezioni); Numero di servizi telematici attivati (Target: almeno 3 servizi telematici rispetto ai 5 programmati - ad es. calcolo imposte; altre richieste on line). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) N. di segnalazioni negative/n. di fruitori dei servizi telematici. Target: < 5%; Questionario on line contenente una comparazione tra il grado di soddisfazione del sito internet nel 2012 rispetto al Pagina 14 di 84

15 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 4 INFORMATIZZAZIONE URP Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: In linea con il percorso, attuato negli anni precedenti, di forte innovazione dei rapporti instaurati con l utenza ci si propone l obiettivo di informatizzare le principali attività di competenza dell Ufficio Relazioni con il Pubblico. Si provvederà a posizionare, all ingresso della sede comunale, un monitor di grandi dimensioni, collegato al sito del Comune, in grado dare tutte le informazioni in tempo reale. Durante l orario di apertura al pubblico, è prevista la presenza di un operatore, in grado di guidare l utenza nella navigazione incentivando, l utilizzo dei diversi sportelli telematici. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Incremento del numero dei contatti sul sito internet. Incremento del numero dei servizi telematici avviati tramite il sito comunale. Sviluppo delle principali attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Num. Descrizione attività Anno 2013 Anno Analisi sullo stato attuale Selezione dell operatore che dovrà 2 supportare gli utenti nella navigazione dal monitor 3 Installazione monitor interattivo Pagina 15 di 84

16 4 Attivazione del servizio di connessione dal monitor Indicatori di misurazione Installazione del monitor (Target: 31/12/2012); Numero contatti al sito internet istituzionale (Target: > 20% rispetto al 31/12/2011); Numero servizi telematici attivi nel sito internet istituzionale (Target: > 20% rispetto al 31/12/2011); Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta a tutti gli utilizzatori monitor interattivo (Target: giudizio positivo espresso dal 70% degli intervistati). Pagina 16 di 84

17 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 5 ATTIVAZIONE GESTIONE ELETTRONICA DEL SISTEMA TELEFONICO Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Istituzione del servizio di centralino elettronico, attraverso il quale si provvede ad indirizzare e distribuire le chiamate in entrata, in relazione alle esigenze e richieste manifestate dall utente-interlocutore. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Snellire il traffico delle chiamate in entrata, con l obiettivo di migliorare il servizio di telefonia. In tal modo, il Comune sarà in grado di potenziare e perfezionare la capacità degli uffici nel rispondere tempestivamente alle esigenze dei cittadini e degli utenti e poter gestire le statistiche relative ai flussi del canale telefonico. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Preliminare analisi della situazione di stato Individuazione dell idoneo intervento da 2 attuare Realizzazione del nuovo sistema di 3 centralino informatico 4 Fase sperimentale del nuovo sistema Pagina 17 di 84

18 5 Attività del sistema di centralino informatico a regime Indicatori di misurazione Istituzione del centralino informatico entro i termini previsti (Target: 31/12/2012); Riduzione tempi di attesa per indirizzo-inoltro chiamate all Ufficio Comunale selezionato (Target: attesa < 20% rispetto all anno precedente). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta agli utenti che utilizzano il servizio telefonico (Target: giudizio positivo espresso dal 60% del totale degli utenti intervistati). Pagina 18 di 84

19 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 1 REVISIONE TOPONOMASTICA E NUMERAZIONE CIVICA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Il presente obiettivo prevede la catalogazione e l'apposizione delle nuove targhette, il controllo della nuova numerazione civica e l'inserimento dei dati anagrafici aggiornati relativi alla toponomastica stradale. L aggiornamento della numerazione civica si rende necessaria per limitare situazioni di incertezza e di disagio, nelle aree in cui la stessa è divenuta obsoleta, nonché per consentire maggiori livelli di sicurezza alla cittadinanza e al territorio in situazioni nelle quali occorre agire d urgenza (quali interventi di guardia medica, ambulanza, forze dell ordine ed altre). Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Operativo Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 10% Risultato atteso: Ottimizzazione della numerazione civica e della toponomastica stradale. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Costituzione gruppo di lavoro 2 Operazioni preliminari di verifica e controllo su tutto il territorio 3 Revisione della numerazione civica e della toponomastica stradale 4 Aggiornamento dei dati presenti in archivio Pagina 19 di 84

20 Indicatori di misurazione Revisione toponomastica e numerazione civica (Target: 31/12/2012); Numero interventi di revisione realizzati/totale numero interventi progettati (Target: 100%). Pagina 20 di 84

21 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 2 RAZIONALIZZAZIONE GESTIONE DEL CONTENZIOSO LEGALE Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Strutturare una procedura che consenta un presidio gestionale dei diversi contenziosi e che consenta una razionalizzazione delle spese legali sostenute dall Ente ed una rivisitazione delle cause pendenti al fine di predisporre un analisi costi/benefici che poi consenta l adozione delle scelte più opportune. Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 30% Risultato atteso: Uniformare le procedure e le pratiche per la gestione del contenzioso legale dei differenti Settori Comunali, al fine di razionalizzare le spese sostenute dall Amministrazione Comunale. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno 2014 Verifica delle indagini condotte nell anno 1 precedente Riunioni intersettoriali per valutare la 2 strategia più idonea ed efficiente Predisposizione atti e documenti uniformi 3 per tutti i contenziosi legali 4 Gestione pratiche contenziosi legali Pagina 21 di 84

22 Indicatori di misurazione N. contenziosi legali gestiti/n. tot. contenziosi legali sussistenti (Target: 100%); Razionalizzazione delle spese legali sostenute dall Amministrazione (Target: riduzione spese legali relative alle cause pendenti al 31/12/2011). Pagina 22 di 84

23 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 3 ISTITUZIONE UFFICIO CONTRATTI Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Con l obiettivo di centralizzare alcune importanti attività dell Ente, che richiedono un impegno costante ed a volte esclusivo specie nel Settore Lavori Pubblici, nell ambito della materia degli appalti, si procede all istituzione dell Ufficio Contratti. Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 30% Risultato atteso: Costituzione dell Ufficio Contratti, al fine di uniformare le procedure ad esso connesse e rendere più snelle ed immediate le differenti attività ad esso connesse. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Analisi della situazione attuale 2 Predisposizione della documentazione necessaria per la creazione dell Ufficio 3 Presentazione della proposta agli organi competenti 4 Costituzione Ufficio Pagina 23 di 84

24 Indicatori di misurazione Costituzione Ufficio Contratti (Target: 31/12/2012). Pagina 24 di 84

25 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 4 COMPLETARE IL TRASFERIMENTO DEI SERVIZI ALL UNIONE DEI COMUNI NORA E BITHIA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Si dovranno portare a conclusione i processi necessari per il trasferimento dei servizi e delle competenze in capo all Unione dei Comuni di Nora e Bithia. Nello specifico si dovrà procedere con l attivazione della gestione associata di: Sportello Unico Attività Produttive, che vede direttamente coinvolti il Settore Servizi alle Imprese, Turismo, Cultura e Sport ed il Settore Edilizia Privata, Demanio, Ufficio tutela del paesaggio; Ufficio unico gestione per la gestione dei tributi, che vede direttamente coinvolto il Settore Economico, Finanziario, Economato, Risorse umane e locali. Il Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici sarà coinvolto per l espletamento delle attività di presidio e supporto giuridicoamministrativo per la gestione di tutti gli atti amministrativi all uopo necessari (quali ad esempio elaborazioni delibere di Giunta e/o Consiglio). I Settori Comunali saranno, inoltre, coinvolti nelle attività di presidio e monitoraggio dei servizi che sono già stati oggetto di associazione. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 10% Risultato atteso: Contribuire attivamente per la realizzazione delle attività necessarie al trasferimento delle funzioni e dei servizi associati, cercando di instaurare un clima di collaborazione sia all interno dell Amministrazione che con i Responsabili degli altri Comuni aderenti all Unione, al fine di condividere i documenti e la modulistica necessaria. Sviluppo delle principali attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Num. Descrizione attività Anno 2013 Anno Individuazione dei servizi e delle funzioni 1 da trasferire in capo all Unione Pagina 25 di 84

26 Riunioni intersettoriali/intercomunali per 2 condividere il percorso di realizzazione necessario per il trasferimento 3 Perfezionamento iter di trasferimento Gestione servizi e funzioni in forma 4 associata Indicatori di misurazione Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: minimo 2 massimo 6) Numero riunioni intercomunali realizzate (Target: minimo 2 massimo 6); Numero servizi e funzioni trasferite all Unione/Totale numero servizi che si concordato di trasferire (Target: 100%); Grado di coinvolgimento del Settore coinvolto per il trasferimento (Target: 100%). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta ai Settori coinvolti (Target: giudizio positivo espresso dal 70% degli intervistati) Pagina 26 di 84

27 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 5 RENDICONTAZIONE SOCIALE PERIODO 31 DICEMBRE 2011 Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Supportare l Area Programmazione e Controllo nella predisposizione ed attivazione di tutte le attività necessarie per la rendicontazione sociale relativa al periodo che va dal secondo mandato sino al 31 dicembre 2011 (con riferimento ai progetti di competenza del presente Settore che dovranno trovare evidenza nel documento di rendicontazione sociale). Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Pubblicazione e diffusione del documento di rendicontazione sociale al 31 dicembre Ottimizzare, anche attraverso il sito istituzionale, il dialogo e la partecipazione degli stakeholders alle attività dell Ente. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Riunioni intersettoriali per verificare ed analizzare l attività amministrativa Predisposizione delle schede report 2 esplicative per ogni singolo intervento Predisposizione documento di 3 rendicontazione in bozza 4 Affidamento lavoro redazionale Pagina 27 di 84

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 COMUNE DI BELPASSO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 COMUNE DI BELPASSO PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE COMUNE DI MAGIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Il documento è stato redatto dal N.V.P. - Nucleo di Valutazione delle Performance - della Gestione Associata tra i Comuni di tra

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA

RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA RELAZIONE PROGETTO CERTIFICAZIONE QUALITA L amministrazione comunale di Fabriano insediatasi nel mese di maggio 2012 ha intenzione di dare attuazione al programma un amministrazione moderna per i cittadini

Dettagli

PIANO DI PERFORMANCE Premessa

PIANO DI PERFORMANCE Premessa PIANO DI PERFORMANCE Premessa In base a quanto disposto dall art. 3 del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, le pubbliche amministrazioni devono adottare metodi e strumenti idonei a misurare, valutare

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Adottato dalla Giunta Municipale con deliberazione n. 6 del 30.01.2014, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Città di Lecce SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA INDICE 1. Introduzione... 4 2. Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa... 4 2.1. L Albero

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Castelvetrano Regolamento per la gestione, misurazione e valutazione della

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona 1 SOMMARIO 1.- DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE----------------------3 1.1.- Aspetti generali ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 (PRIMA EDIZIONE) Il seguente Programma Triennale della Trasparenza e Integrità si struttura attraverso le seguenti sezioni: 1) Premessa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ISTITUTO AUTOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALER PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 (art. 10, D. Lgs. n. 33 del 14.03.2013) INDICE Parte Prima - Introduttiva I.

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Allegato alla delib. G.C. n. 118/2013 COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Il Piano delle Risorse e degli Obiettivi viene adottato

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU Provincia di Cagliari METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1 PREMESSA Presupposti del sistema di valutazione sono la definizione degli obiettivi e delle fasi del ciclo di

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 del 29.01.2015 1 SOMMARIO 1. Introduzione:

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA e DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO III 18 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE ISTRUZIONE IN ETA ADULTA Via OLMATA,

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

Programma per la trasparenza e l integrità

Programma per la trasparenza e l integrità Programma per la trasparenza e l integrità Periodo 2015-2017 ARAN - Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Approvato dal Collegio di indirizzo e controllo con delibera

Dettagli

COMUNE DI UMBERTIDE ORGANIGRAMMA Allegato D G.C. N. 250 DEL 23/11/2012 S I N D A C O SEGRETARIO GENERALE 5^ SETTORE 4^ SETTORE

COMUNE DI UMBERTIDE ORGANIGRAMMA Allegato D G.C. N. 250 DEL 23/11/2012 S I N D A C O SEGRETARIO GENERALE 5^ SETTORE 4^ SETTORE S I N D A C O SERVIZIO Polizia Municipale SEGRETARIO GENERALE VICE SEGRETARIO GENERALE 1^ SETTORE 2^ SETTORE 3^ SETTORE 4^ SETTORE 5^ SETTORE 6^ SETTORE 7^ SETTORE 8^ SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER L INTEGRITA E TRASPARENZA 2014/2016 ( Approvato con deliberazione G.C. n. del )

PROGRAMMA TRIENNALE PER L INTEGRITA E TRASPARENZA 2014/2016 ( Approvato con deliberazione G.C. n. del ) C O M U N E D I C U R C U R I S Provincia di Oristano 09090 Via Chiesa n. 14 - C.F. 80006660957 - P.I. 00478550957 bozza PROGRAMMA TRIENNALE PER L INTEGRITA E TRASPARENZA 2014/2016 ( Approvato con deliberazione

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente

Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente COMUNE DI NOVARA Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente - metodologia e procedure - PROPOSTA DELL ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1/16 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO V Via Goldoni, 12-00042 ANZIO (RM) 06/9873230 fax 06/9873230 rmic8c600p@istruzione.it-

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 ALLEGATO A PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 1. PREMESSA Con la redazione di questo Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE DEL PARTENIO Via Borgonuovo, 25-83010 - SUMMONTE (AV)

ENTE PARCO REGIONALE DEL PARTENIO Via Borgonuovo, 25-83010 - SUMMONTE (AV) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2014-2015-2016 Premessa ( D.Leg.vo n. 150/2009 D. Leg.vo n. 33/2013) Le novità normative nell ambito del progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011. Provincia di Cosenza. Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance

Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011. Provincia di Cosenza. Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance Allegato alla Delibera n. 409 del 30/12/2011 Provincia di Cosenza Proposta di Sistema di misurazione e valutazione della performance Sommario Premessa... 52 Sezione 1... 52 Descrizione del Sistema di misurazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Misurazione della soddisfazione e qualità dei servizi nella valutazione delle performance. L'esperienza di Reggio Calabria.

Misurazione della soddisfazione e qualità dei servizi nella valutazione delle performance. L'esperienza di Reggio Calabria. Misurazione della soddisfazione e qualità dei servizi nella valutazione delle performance. L'esperienza di Reggio Calabria. Dott. Pierluigi D apice Responsabile Controllo di Gestione Comune di Reggio Calabria

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Piano della performance

Piano della performance CITTA DI ALTAMURA Piano della performance Valutazione della performance dell ente locale Ente : COMUNE DI ALTAMURA PRESENTAZIONE DELL ENTE INQUADRAMENTO TERRITORIALE Dove: Provincia: Zona: Regione Puglia

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

COMUNE DI NARNI Provincia di Terni SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI NARNI Provincia di Terni SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI NARNI Provincia di Terni SISTEMI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Delibera di Giunta 172 del 20 settembre 2012 Sistema di misurazione e valutazione della performance 1 SISTEMA DI

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 CITTA DI SANTENA Provincia di Torino ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75 IN DATA 18.06.2015 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 2015-2017 Ente con Sistema Qualità

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA ED INTEGRITÀ 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA ED INTEGRITÀ 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA ED INTEGRITÀ 2014-2016 Comune di Mandanici Pagina 1 PREMESSA Il presente Programma triennale per la trasparenza e l integrità ha la finalità di garantire da parte

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA REDENZIALE DI POTENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10, D. Lgs. n. 33 del 14.03.2013) Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111

Dettagli

COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROURE PROVINCIA DI TORINO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 (sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) INDICE.. Introduzione: organizzazione e

Dettagli

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012)

IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. (revisione Luglio 2012) IL CICLO DELLA PERFORMANCE ED IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (revisione Luglio 2012) 1 INDICE i. PREMESSA pag. 4 ii. DEFINIZIONI E CONCETTI BASE pag. 6 1. LA PIANIFICAZIONE DELLA

Dettagli

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con D.G.P. n. 36 del 20/03/2014 INDICE 1. PREMESSA... pag. 1 2. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE... // 3

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità 2014 2016 Delibera del consiglio d Istituto no 21 del 28 gennaio 2014 La redazione del Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturata

Dettagli

UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016

UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 UNIONE COLLINE MATILDICHE Provincia di Reggio Emilia PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE. Il ciclo della performance 14 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Il ciclo della performance APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 465 REG./.499 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 15/12/2010 TITOLO I Programmazione, controllo,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Comune di Vigevano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 266 del 6 dicembre 2012 Indice: Premessa....3 1. Trasparenza, integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 Pagina 1 Comune di SPINEA Provincia di Venezia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PERIODO 2014/2016 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16 INDICE 1. Premessa 2. Supporto normativo 3. Introduzione: organizzazione e funzioni dell Amministrazione 4. Le principali

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

COMUNE DI SAINT DENIS

COMUNE DI SAINT DENIS COMUNE DI SAINT DENIS PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione online da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune 2015 /

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150 COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA Provincia di Avellino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150 Cod. SAS-SMVP01 Data: 22/02/2012 Adottato Deliberazione di Giunta

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 5 7

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 5 7 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 5 7 OGGETTO: Convenzione fra i Comuni di Domus de Maria, Pula, Villa S. Pietro, Teulada e l'unione di Comuni "Nora e Bithia" per la gestione associata

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR.

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR. AGLI UTENTI ANNO 0 * POLIZIA LOCALE 9.,00.0,00 attivita' di informazione e rilascio documenti per autorizzazioni pubblicita' fonica giorni attivita' di rilascio atti conseguenti ad incidenti stradali 0

Dettagli

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari IL SEGRETARIO COMUNALE Prot. n. 1575 San Vito 03/02/2014 Ai Responsabili di Servizio e p.c. Al Sindaco Agli Assessori SEDE OGGETTO: direttiva n. 2/2014:

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013

RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 Giugno 2013 RAPPORTO INDIVIDUALE SULL AVVIO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE PER L ANNUALITÀ 2013 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Il presente documento fornisce informazioni di dettaglio

Dettagli

OGGETTO: Approvazione programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2014-2016. Art. 10 D.Lgs. n. 33/2013. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: Approvazione programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2014-2016. Art. 10 D.Lgs. n. 33/2013. LA GIUNTA COMUNALE G.C. n. 15 del 25/01/2014 OGGETTO: Approvazione programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2014-2016. Art. 10 D.Lgs. n. 33/2013. LA GIUNTA COMUNALE Visti gli ari 7 e 48, comma 3, del T. U. 18

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 20.04.2011 in vigore dal 26.05.2011 TITOLO

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013) LICEO STATALE GIULIANO DELLA ROVERE Via Monturbano, 8 17100 SAVONA tel. 019/850424 fax 019/814926 e-mail : segreteria@liceodellarovere.it Prot. n. 249 /A19 Savona, 23 Gennaio 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 72/2014 SERVIZIO: DELIBERE C.C. E G.C. E CONTROLLI AMMINISTRATIVI

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 72/2014 SERVIZIO: DELIBERE C.C. E G.C. E CONTROLLI AMMINISTRATIVI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 72/2014 SETTORE: SEGRETERIA E DIREZIONE GENERALE SERVIZIO: DELIBERE C.C. E G.C. E CONTROLLI AMMINISTRATIVI ASSESSORATO: SINDACO OGGETTO: ANALISI DEL PROCESSO DELIBERATIVO

Dettagli