COMUNE DI PULA. IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PULA. IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio 2012-2014"

Transcript

1 COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Corso Vittorio Emanuele, 28 C.A.P Fax IL PIANO DELLA PERFORMANCE triennio Tracce d Anima Antica Pagina 1 di 84

2 Indice Il processo di costruzione del Piano... 4 Il Comune di Pula: dati relativi al contesto... 5 Il Comune di Pula: dati relativi all organizzazione... 6 La performance organizzativa... 7 Gli obiettivi... 8 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate... 9 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Settore Economico, Finanziario, Economato, Risorse umane e locali Settore Edilizia Privata, Demanio, Ufficio tutela del paesaggio Settore Lavori Pubblici, Urbanistica, Ambiente, Espropriazioni, Serv. Tecno-Inform. e Patrimonio46 Settore Polizia Municipale Settore Servizi alla Persona Settore Servizi alle Imprese, Turismo, Cultura e Sport Pagina 2 di 84

3 Premessa Il Piano della Performance è stato adottato per la prima volta con deliberazione di Giunta Comunale n. 105 del 28 luglio 2011 per il triennio , in ottemperanza alle disposizioni previste dal D. Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150 (meglio nota Riforma Brunetta) ed alle linee guida espresse dalla CIVIT (Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche) e dall ANCI. La scelta di redigere il Piano Triennale della Performance, integrandolo ed adeguandolo opportunamente agli attuali strumenti di programmazione e rendicontazione, è motivata dalla volontà di offrire un unico strumento, di facile lettura e comprensione, di tutta la programmazione politica dell Ente. L Amministrazione Comunale, in tal modo, tende a sviluppare un ciclo virtuoso della programmazione, nel corso del quale si è provveduto a negoziare, tra l Organo Politico ed i Responsabili Comunali, gli obiettivi operativi, i quali risultano coerenti ed in linea con il programma amministrativo di mandato e la Relazione Previsionale e Programmatica (di seguito RPP) allegata al Bilancio di Previsione Sarà poi cura della struttura amministrativa procedere all attuazione di quando programmato, attraverso un approccio creativo, propositivo e manageriale. I controlli a consuntivo verranno svolti sia dall Organo Politico, il quale supportato dal Nucleo di Valutazione, verificherà l effettivo raggiungimento o meno degli obiettivi, che dai cittadini, i quali verranno idoneamente coinvolti per valutare le azioni poste in essere dall Amministrazione Comunale. Si tende a precisare che il concetto di performance non è nuovo, in quanto è connesso alla quantità ed alla qualità dei servizi offerti dall Amministrazione. Al riguardo si analizza il contributo per il raggiungimento di un risultato, attraverso l utilizzo di capacità e competenze professionali da parte di uno o più soggetti (performance individuale) o di una o più unità organizzative (performance organizzativa). Con la redazione del Piano della performance, il Comune di Pula intende fornire: 1. un quadro degli obiettivi strategici ed operativi del triennio coerente con i documenti di programmazione economico-finanziaria; 2. un set di indicatori e target per la misurazione e la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi individuati. Il Piano della Performance rappresenta il documento grazie al quale l Amministrazione può misurare la validità e l incisività della propria azione politico-amministrativa e, per il cittadino, uno strumento di conoscenza per esercitare al meglio il proprio diritto di controllo e di scelta (ad esempio attraverso la propria preferenza elettorale). Pagina 3 di 84

4 Il processo di costruzione del Piano Per redigere il Piano della performance del Comune di Pula, l Amministrazione ha condotto diversi incontri intersettoriali, nel corso dei quali si è discusso sulle linee di carattere generale che dovranno caratterizzare le attività di programmazione nel prossimo triennio, con particolare attenzione all anno Gli obiettivi e le finalità generali individuate e che dovranno essere perseguite da ogni Settore Comunale sono state estrapolate dal programma amministrativo (ultima revisione del 4 gennaio 2012) del Sindaco, Dott. Walter Cabasino e risultano coerenti con quanto riportato nella RPP Ogni anno il Comune definisce gli indirizzi strategici e gli obiettivi operativi che perseguono la massima efficacia, efficienze ed economicità di funzionamento della propria struttura organizzativa. A tal fine, con cadenza annuale, l Organo Politico conduce una riunione tecnica-politica tesa a calendarizzare il proprio programma amministrativo e ove fosse necessario a revisionare e ricalibrare la programmazione strategica da adottare, in relazione alle nuove esigenze e necessità emerse dal contesto di riferimento. Durante gli incontri intersettoriali (tenuti il 24 ottobre 2011, 7 novembre 2011, 11 gennaio 2012, 20 gennaio 2012, 6 marzo 2012, 2 aprile 2012 e 25 maggio 2012) l Organo Politico ha evidenziato i macroobiettivi strategici, intersettoriali e trasversali, che dovranno essere perseguiti dall Ente, identificando e stabilendo in maniera condivisa gli obiettivi operativi e strategici di ogni singolo Settore Comunale. Il risultato del percorso condotto si traduce nella stesura di schede descrittive, riferite ad ogni singolo obiettivo operativo, facilmente comprensibili e di veloce consultazione. L Amministrazione Comunale, che persegue il fine di migliorare continuamente la propria attività e di affinare progressivamente il sistema di raccolta e comunicazione dei dati della performance, nel presente documento, che viene redatto per la seconda volta, ha inserito importanti integrazioni. Per ogni singolo obiettivo operativo è stato attribuito un peso, espresso in valore percentuale. E stato integrato e perfezionato il sistema degli indicatori, attraverso l individuazione di un target (ossia il valore atteso), al fine di renderli più adeguati a misurare il grado di raggiungimento dei singoli obiettivi. Particolare attenzione verrà riservata alla fase di divulgazione del presente documento, per garantirne la diffusione sia all interno dell Ente che alla collettività amministrata ed ai differenti stakeholder coinvolti, attraverso la pubblicazione nel sito internet istituzionale nell apposita sezione dedicata alla trasparenza. Di seguito si evidenzia, a grandi linee, l identità dell organizzazione e si delinea la performance organizzativa ed i connessi obiettivi. Per maggiori approfondimenti e dettagli sull organizzazione comunale e sull analisi del contesto interno ed esterno si rimanda alla lettura della RPP Pagina 4 di 84

5 Il Comune di Pula: dati relativi al contesto Abitanti: circa Superficie territoriale: 138,79 km 2 Densità: 53,35 ab./km 2 Provincia: Cagliari Pagina 5 di 84

6 Il Comune di Pula: dati relativi all organizzazione Sindaco: Dott. Walter Cabasino Giunta: 6 assessori Consiglio Comunale: 16 consiglieri Mandato Amministrativo: Segretario Comunale: Dott.ssa Maria Efisia Contini Pagina 6 di 84

7 La performance organizzativa I macro-obiettivi intersettoriali e trasversali del Comune di Pula, che troveranno una puntuale e precisa rappresentazione nelle singole schede di programmazione annuale settoriale, sono: forte responsabilizzazione nel completamento e nel presidio delle opere pubbliche, che richiedono un programma gestionale dettagliato, dove si dovranno evidenziare le scadenze programmate con le quali si potranno definire i nuovi bandi, collaudare e rendicontare tutte le opere in esecuzione e quelle che si prevede di portare a conclusione entro l anno. Eventuale rivisitazione del modello organizzativo del Settore Lavori Pubblici al fine di snellire e velocizzare l attività di avvio e controllo dei bandi; presidio delle entrate comunali, nel 2012, tenendo anche conto dell introduzione di nuove entrate (quali: imposta di soggiorno, IMU, aree di sosta a pagamento ed altre) si rinnova un forte coinvolgimento di tutti i Settori nel raggiungimento degli obiettivi di bilancio che dovrà essere fortemente orientato alla ricerca di entrate certe e ripetibili e nell ottimizzazione della gestione di riscossione delle stesse. Il presidio dovrà essere realizzato in termini di: valore assoluto atteso, congruità rispetto ai valori di mercato o al costo della vita e gettito effettivo riscontrato; informatizzazione dei rapporti con l utenza, si chiede di continuare il percorso di forte innovazione in tutti i rapporti con l utenza, prevedendo sistemi elettronici che abbiano il beneficio di eliminare la documentazione cartacea, semplificare le procedure e limitare l accesso agli uffici da parte dell utenza; maggiore trasparenza con gli stakeholder, al fine di poter misurare la capacità degli uffici di rispondere alle esigenze dei cittadini appare necessario introdurre sistemi di valutazione di risposta ai cittadini (partendo dal servizio di centralino e arrivando ai singoli uffici) e trasparenti sistemi di comunicazione, rivisitando, qualora fosse necessario, il sito istituzionale; trasferimento ed attivazione di alcuni servizi, in capo all Unione dei Comuni di Nora e Bithia, tra cui l attivazione della gestione associata dello Sportello Unico Attività Produttive. Nel corso degli ultimi anni, l Amministrazione Comunale ha impostato un percorso formativo volto a diffondere in capo ai singoli Responsabili una cultura di tipo manageriale/direzionale e di trasferire ai differenti Collaboratori un approccio lavorativo di tipo tecnico/burocratico. I diversi tavoli di lavoro intersettoriali hanno contraddistinto l attività di programmazione offrendo, inoltre, la possibilità di analizzare e risolvere le diverse problematiche gestionali attraverso un analisi dettagliata e puntuale sia dei problemi esaminati sia delle diverse soluzioni percorribili. Pagina 7 di 84

8 Al riguardo si chiede ai Responsabili di Settore di impostare le attività di gestione e di direzione dei propri Settori, in maniera innovativa, secondo un approccio creativo, propositivo e manageriale. I Responsabili dovranno assumere una funzione di impulso, coordinamento e controllo, secondo la quale ai propri collaboratori dovranno essere trasferite le attività operative ed esecutive. Gli obiettivi Di seguito si riportano gli obiettivi individuati per ogni singolo Settore Comunale, evidenziandone la tipologia (se si tratta di obiettivo di tipo operativo o strategico, se individuale o trasversale, se nuovo o di proseguimento), il peso ricoperto, le principali attività necessarie per la realizzazione, il risultato atteso, gli indicatori ritenuti più significativi ed i relativi target. Per un maggiore dettaglio degli obiettivi, in particolare i termini di risorse, si rimanda agli altri strumenti di programmazione. Pagina 8 di 84

9 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 1 RENDICONTAZIONE SOCIALE AL 31 DICEMBRE 2011 Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Predisporre ed attivare tutte le attività necessarie per la rendicontazione sociale relativa al periodo che va dall inizio del secondo mandato al 31 dicembre Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Pubblicazione e diffusione del documento di rendicontazione sociale al 31 dicembre Ottimizzare, anche attraverso il sito istituzionale, il dialogo e la partecipazione degli stakeholders alle attività dell Ente. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre 2012 II trimestre 2012 III trimestre 2012 IV trimestre 2012 Anno 2013 Anno Riunioni intersettoriali per verificare ed analizzare l attività amministrativa 2 Predisposizione delle schede report esplicative per ogni singolo intervento 3 Predisposizione documento di rendicontazione in bozza 4 Affidamento lavoro redazionale Pagina 9 di 84

10 5 Pubblicazione e diffusione documento Indicatori di misurazione Bozza del documento di rendicontazione sociale (Target: 31/12/2012); Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero riunioni realizzate per coinvolgere gli stakeholder (Target: valore minimo 2 riunioni valore massimo 6 riunioni). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Realizzazione indagine di customer satisfaction post pubblicazione del documento - Target: giudizio positivo pari al 80% degli utenti intervistati. Numero stakeholder da intervistare almeno 1 rappresentante (anche attraverso associazioni, circoli ed altri) di ogni categoria di stakeholder. Pagina 10 di 84

11 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 2 PRESIDIO E SUPPORTO TRASFERIMENTO SERVIZI E COMPETENZE IN CAPO ALL UNIONE NORA E BITHIA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Proseguire le attività di presidio ai processi di trasferimento dei servizi e delle competenze in capo all Unione dei Comuni Nora e Bithia, garantendo un forte impulso ed un monitoraggio costante a tutte le azioni necessarie. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Supportare costantemente tutti i Settori Comunali nella predisposizione delle attività e dei processi necessari al trasferimento dei servizi in capo all Unione dei Comuni Nora e Bithia. Contribuire alla creazione di un clima di forte collaborazione sia all interno dei Settori Comunali che nei confronti degli altri Comuni aderenti all Unione, al tal fine prevedere la realizzazione di momenti d incontro intercomunali dedicati alla formazione ed alla condivisione di procedure, documenti, modulistica e tecniche di lavoro. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Individuazione delle funzioni e dei servizi da trasferire in capo all Unione Riunioni intersettoriali/intercomunali per 2 divulgare e cercare la condivisione delle attività di trasferimento 3 Perfezionamento iter di trasferimento Pagina 11 di 84

12 Indicatori di misurazione Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero riunioni intercomunali realizzate (Target: valore minimo 2 riunioni valore massimo 4 riunioni). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Realizzazione indagine di customer satisfaction interna per verificare le modalità attuative applicate (Target: giudizio positivo pari al 80% degli intervistati. Numero intervistati pari a tutti i Responsabili dei quattro Comuni coinvolti). Pagina 12 di 84

13 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 3 REVISIONE SITO ISTITUZIONALE Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Supportare tutti i Settori Comunali nelle attività connesse alla revisione e valorizzazione del sito internet istituzionale, attraverso l inserimento di una serie di informazioni riguardanti le principali macro sezioni, in modo da rendere il sito sempre più trasparente e di facile consultazione da parte di tutti gli stakeholder. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Supporto ai diversi Settori al fine del concreto raggiungimento dell obiettivo. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Analisi e verifica dello stato attuale del sito internet 2 Riunioni intersettoriali 3 Proposte interventi da attuare 4 Inserimento delle informazioni-documentimodulistiche nel sito internet Indicatori di misurazione Pagina 13 di 84

14 Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: valore minimo 4 riunioni valore massimo 8 riunioni); Numero macro sezioni del sito internet da valorizzare (Target: valore minimo 4 sezioni valore massimo 8 sezioni); Numero di servizi telematici attivati (Target: almeno 3 servizi telematici rispetto ai 5 programmati - ad es. calcolo imposte; altre richieste on line). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) N. di segnalazioni negative/n. di fruitori dei servizi telematici. Target: < 5%; Questionario on line contenente una comparazione tra il grado di soddisfazione del sito internet nel 2012 rispetto al Pagina 14 di 84

15 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 4 INFORMATIZZAZIONE URP Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: In linea con il percorso, attuato negli anni precedenti, di forte innovazione dei rapporti instaurati con l utenza ci si propone l obiettivo di informatizzare le principali attività di competenza dell Ufficio Relazioni con il Pubblico. Si provvederà a posizionare, all ingresso della sede comunale, un monitor di grandi dimensioni, collegato al sito del Comune, in grado dare tutte le informazioni in tempo reale. Durante l orario di apertura al pubblico, è prevista la presenza di un operatore, in grado di guidare l utenza nella navigazione incentivando, l utilizzo dei diversi sportelli telematici. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Incremento del numero dei contatti sul sito internet. Incremento del numero dei servizi telematici avviati tramite il sito comunale. Sviluppo delle principali attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Num. Descrizione attività Anno 2013 Anno Analisi sullo stato attuale Selezione dell operatore che dovrà 2 supportare gli utenti nella navigazione dal monitor 3 Installazione monitor interattivo Pagina 15 di 84

16 4 Attivazione del servizio di connessione dal monitor Indicatori di misurazione Installazione del monitor (Target: 31/12/2012); Numero contatti al sito internet istituzionale (Target: > 20% rispetto al 31/12/2011); Numero servizi telematici attivi nel sito internet istituzionale (Target: > 20% rispetto al 31/12/2011); Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta a tutti gli utilizzatori monitor interattivo (Target: giudizio positivo espresso dal 70% degli intervistati). Pagina 16 di 84

17 Area Programmazione, Controllo di gestione, Rendicontazione sociale, Partecipate Obiettivo n. 5 ATTIVAZIONE GESTIONE ELETTRONICA DEL SISTEMA TELEFONICO Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Istituzione del servizio di centralino elettronico, attraverso il quale si provvede ad indirizzare e distribuire le chiamate in entrata, in relazione alle esigenze e richieste manifestate dall utente-interlocutore. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Snellire il traffico delle chiamate in entrata, con l obiettivo di migliorare il servizio di telefonia. In tal modo, il Comune sarà in grado di potenziare e perfezionare la capacità degli uffici nel rispondere tempestivamente alle esigenze dei cittadini e degli utenti e poter gestire le statistiche relative ai flussi del canale telefonico. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Preliminare analisi della situazione di stato Individuazione dell idoneo intervento da 2 attuare Realizzazione del nuovo sistema di 3 centralino informatico 4 Fase sperimentale del nuovo sistema Pagina 17 di 84

18 5 Attività del sistema di centralino informatico a regime Indicatori di misurazione Istituzione del centralino informatico entro i termini previsti (Target: 31/12/2012); Riduzione tempi di attesa per indirizzo-inoltro chiamate all Ufficio Comunale selezionato (Target: attesa < 20% rispetto all anno precedente). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta agli utenti che utilizzano il servizio telefonico (Target: giudizio positivo espresso dal 60% del totale degli utenti intervistati). Pagina 18 di 84

19 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 1 REVISIONE TOPONOMASTICA E NUMERAZIONE CIVICA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Il presente obiettivo prevede la catalogazione e l'apposizione delle nuove targhette, il controllo della nuova numerazione civica e l'inserimento dei dati anagrafici aggiornati relativi alla toponomastica stradale. L aggiornamento della numerazione civica si rende necessaria per limitare situazioni di incertezza e di disagio, nelle aree in cui la stessa è divenuta obsoleta, nonché per consentire maggiori livelli di sicurezza alla cittadinanza e al territorio in situazioni nelle quali occorre agire d urgenza (quali interventi di guardia medica, ambulanza, forze dell ordine ed altre). Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Operativo Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 10% Risultato atteso: Ottimizzazione della numerazione civica e della toponomastica stradale. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Costituzione gruppo di lavoro 2 Operazioni preliminari di verifica e controllo su tutto il territorio 3 Revisione della numerazione civica e della toponomastica stradale 4 Aggiornamento dei dati presenti in archivio Pagina 19 di 84

20 Indicatori di misurazione Revisione toponomastica e numerazione civica (Target: 31/12/2012); Numero interventi di revisione realizzati/totale numero interventi progettati (Target: 100%). Pagina 20 di 84

21 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 2 RAZIONALIZZAZIONE GESTIONE DEL CONTENZIOSO LEGALE Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Strutturare una procedura che consenta un presidio gestionale dei diversi contenziosi e che consenta una razionalizzazione delle spese legali sostenute dall Ente ed una rivisitazione delle cause pendenti al fine di predisporre un analisi costi/benefici che poi consenta l adozione delle scelte più opportune. Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 30% Risultato atteso: Uniformare le procedure e le pratiche per la gestione del contenzioso legale dei differenti Settori Comunali, al fine di razionalizzare le spese sostenute dall Amministrazione Comunale. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno 2014 Verifica delle indagini condotte nell anno 1 precedente Riunioni intersettoriali per valutare la 2 strategia più idonea ed efficiente Predisposizione atti e documenti uniformi 3 per tutti i contenziosi legali 4 Gestione pratiche contenziosi legali Pagina 21 di 84

22 Indicatori di misurazione N. contenziosi legali gestiti/n. tot. contenziosi legali sussistenti (Target: 100%); Razionalizzazione delle spese legali sostenute dall Amministrazione (Target: riduzione spese legali relative alle cause pendenti al 31/12/2011). Pagina 22 di 84

23 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 3 ISTITUZIONE UFFICIO CONTRATTI Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Con l obiettivo di centralizzare alcune importanti attività dell Ente, che richiedono un impegno costante ed a volte esclusivo specie nel Settore Lavori Pubblici, nell ambito della materia degli appalti, si procede all istituzione dell Ufficio Contratti. Tipologia obiettivo: Obiettivo Individuale Strategico Obiettivo nuovo Peso obiettivo (%): 30% Risultato atteso: Costituzione dell Ufficio Contratti, al fine di uniformare le procedure ad esso connesse e rendere più snelle ed immediate le differenti attività ad esso connesse. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Analisi della situazione attuale 2 Predisposizione della documentazione necessaria per la creazione dell Ufficio 3 Presentazione della proposta agli organi competenti 4 Costituzione Ufficio Pagina 23 di 84

24 Indicatori di misurazione Costituzione Ufficio Contratti (Target: 31/12/2012). Pagina 24 di 84

25 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 4 COMPLETARE IL TRASFERIMENTO DEI SERVIZI ALL UNIONE DEI COMUNI NORA E BITHIA Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Si dovranno portare a conclusione i processi necessari per il trasferimento dei servizi e delle competenze in capo all Unione dei Comuni di Nora e Bithia. Nello specifico si dovrà procedere con l attivazione della gestione associata di: Sportello Unico Attività Produttive, che vede direttamente coinvolti il Settore Servizi alle Imprese, Turismo, Cultura e Sport ed il Settore Edilizia Privata, Demanio, Ufficio tutela del paesaggio; Ufficio unico gestione per la gestione dei tributi, che vede direttamente coinvolto il Settore Economico, Finanziario, Economato, Risorse umane e locali. Il Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici sarà coinvolto per l espletamento delle attività di presidio e supporto giuridicoamministrativo per la gestione di tutti gli atti amministrativi all uopo necessari (quali ad esempio elaborazioni delibere di Giunta e/o Consiglio). I Settori Comunali saranno, inoltre, coinvolti nelle attività di presidio e monitoraggio dei servizi che sono già stati oggetto di associazione. Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 10% Risultato atteso: Contribuire attivamente per la realizzazione delle attività necessarie al trasferimento delle funzioni e dei servizi associati, cercando di instaurare un clima di collaborazione sia all interno dell Amministrazione che con i Responsabili degli altri Comuni aderenti all Unione, al fine di condividere i documenti e la modulistica necessaria. Sviluppo delle principali attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Num. Descrizione attività Anno 2013 Anno Individuazione dei servizi e delle funzioni 1 da trasferire in capo all Unione Pagina 25 di 84

26 Riunioni intersettoriali/intercomunali per 2 condividere il percorso di realizzazione necessario per il trasferimento 3 Perfezionamento iter di trasferimento Gestione servizi e funzioni in forma 4 associata Indicatori di misurazione Numero riunioni intersettoriali realizzate (Target: minimo 2 massimo 6) Numero riunioni intercomunali realizzate (Target: minimo 2 massimo 6); Numero servizi e funzioni trasferite all Unione/Totale numero servizi che si concordato di trasferire (Target: 100%); Grado di coinvolgimento del Settore coinvolto per il trasferimento (Target: 100%). Indicatori di valutazione della performance (Individuale - Organizzativa) Indagine di customer satisfaction rivolta ai Settori coinvolti (Target: giudizio positivo espresso dal 70% degli intervistati) Pagina 26 di 84

27 Settore Affari Istituzionali, Segreteria, Contratti e Legale, Demografici Obiettivo n. 5 RENDICONTAZIONE SOCIALE PERIODO 31 DICEMBRE 2011 Assessorato di riferimento: Sindaco Altri Settori -Assessorati coinvolti: Tutti Settori Comunali Programma di riferimento: Programma Amministrativo ; Relazione Previsionale e Programmatica Descrizione obiettivo: Supportare l Area Programmazione e Controllo nella predisposizione ed attivazione di tutte le attività necessarie per la rendicontazione sociale relativa al periodo che va dal secondo mandato sino al 31 dicembre 2011 (con riferimento ai progetti di competenza del presente Settore che dovranno trovare evidenza nel documento di rendicontazione sociale). Tipologia obiettivo: Obiettivo Trasversale Strategico Obiettivo di proseguimento Peso obiettivo (%): 20% Risultato atteso: Pubblicazione e diffusione del documento di rendicontazione sociale al 31 dicembre Ottimizzare, anche attraverso il sito istituzionale, il dialogo e la partecipazione degli stakeholders alle attività dell Ente. Sviluppo delle principali attività Num. Descrizione attività I trimestre II trimestre III trimestre IV trimestre Anno 2013 Anno Riunioni intersettoriali per verificare ed analizzare l attività amministrativa Predisposizione delle schede report 2 esplicative per ogni singolo intervento Predisposizione documento di 3 rendicontazione in bozza 4 Affidamento lavoro redazionale Pagina 27 di 84

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI

RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI 6y5gtt Luglio 2013 RAPPORTO GENERALE SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 2011 NEI COMUNI METROPOLITANI Il presente documento (*) fornisce un quadro sintetico delle risultanze dell analisi condotta

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli