L ATTIVITÀ OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTIVITÀ OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI"

Transcript

1 5 Supplemento al numero di Monitor Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Poste Italiane SpA Spedizione in Abbonamento Postale 70% - Roma Elementi di analisi e osservazione del sistema salute L ATTIVITÀ OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI

2 Elementi di analisi e osservazione del sistema salute L ATTIVITÀ OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI

3 Quaderno di Monitor n. 5 2 Elementi di analisi e osservazione del sistema salute Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Anno VIII Numero Direttore Fulvio Moirano Direttore responsabile Chiara Micali Baratelli Comitato scientifico Coordinatore: Gianfranco Gensini Componenti:Aldo Ancona,Anna Banchero, Antonio Battista, Norberto Cau, Francesco Di Stanislao, Nerina Dirindin, Gianluca Fiorentini, Elena Granaglia, Roberto Grilli, Elio Guzzanti, Carlo Liva, Sabina Nuti, Francesco Ripa di Meana, Federico Spandonaro, Francesco Taroni Editore Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Via Puglie, ROMA Tel Progetto grafico, editing e impaginazione Via V. Carpaccio, Roma Stampa Cecom Bracigliano (Sa) Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 560 del Finito di stampare nel mese di febbraio 2010 Periodico associato all Unione Stampa Periodica Italiana L Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali è un ente con personalità giuridica di diritto pubblico che svolge un ruolo di collegamento e di supporto decisionale per il Ministero della Salute e le Regioni sulle strategie di sviluppo del Servizio sanitario nazionale. Questa funzione si articola nelle seguenti specifiche attività: la valutazione di efficacia dei livelli essenziali di assistenza; la rilevazione e l analisi dei costi; la formulazione di proposte per l organizzazione dei servizi sanitari; l analisi delle innovazioni di sistema, della qualità e dei costi dell assistenza; lo sviluppo e la diffusione di sistemi per la sicurezza delle cure; il monitoraggio dei tempi di attesa; la gestione delle procedure per l educazione continua in medicina. L Agenzia oggi Presidente Renato Balduzzi Direttore Fulvio Moirano Consiglio di amministrazione Carlo Lucchina, Pier Natale Mengozzi, Filippo Palumbo, Giuseppe Zuccatelli Collegio dei revisori dei conti Emanuele Carabotta (Presidente), Nicola Begini, Bruno De Cristofaro I settori di attività dell Agenzia Monitoraggio della spesa sanitaria Livelli di assistenza Organizzazione dei servizi sanitari Qualità e accreditamento Innovazione, sperimentazione e sviluppo Documentazione, informazione e comunicazione Affari generali e personale Ragioneria ed economato Sul sito dell Agenzia sono disponibili tutti i numeri di

4 Sommario L ATTIVITÀ OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI PRESENTAZIONE R. Balduzzi...6 INTRODUZIONE F. Moirano ANALISI DEI DATI SDO 2006/2008 a cura del Gruppo Remolet - Agenas...11 UNA NUOVA MISURA DELL ATTIVITÀ OSPEDALIERA C. Cislaghi, G.De Giacomi, E.Di Virgilio, I. Morandi...27 I COSTI DELL OSPEDALIZZAZIONE G.Tavini, E. Di Virgilio...37 SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE: L ULTIMA VERSIONE DI ICD E DRG P. Cacciatore, L. Lispi, E.Verdini, C.Visser...51 LE TARIFFE NAZIONALI E REGIONALI I. Morandi, L.Arcangeli...60 COMPLESSITÀ ED APPROPRIATEZZA COME CRITERI PER IL RIPARTO C. Cislaghi, I. Morandi, E. Di Virgilio, G. De Giacomi e Gruppo Remolet - Agenas...74 ANALISI DELLA CASISTICA SECONDO PROPRIETÀ E AMPIEZZA C. Cislaghi, G. De Giacomi, E. Di Virgilio, I. Morandi e Gruppo Remolet - Agenas...82 GEOGRAFIA DELL OSPEDALIZZAZIONE DA MACRO A MICRO A. Petrelli, N. Gennaro, M. Demaria,T. Landriscina, C. Gallo, C. Zocchetti...92 POSTI LETTO E ANDAMENTO GIORNALIERO DEI RICOVERI G. De Giacomi, R. Di Domenicantonio, M.Aguilar Matamoros,A.Angelastro, E. Pieroni LA MOBILITÀ OSPEDALIERA C. Cislaghi, I. Morandi, E. Di Virgilio, G.Tavini RICOVERI IN INTRAMOENIA E A PAGAMENTO C. Zocchetti, E. Di Virgilio L OSPEDALE:ACCESSO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE NELL INDAGINE MULTISCOPO ISTAT L. Gargiulo, L. Iannucci, L.L. Sabbadini, C. Cislaghi L ANDAMENTO DELLA DEOSPEDALIZZAZIONE NEI RICOVERIA RISCHIO DI INAPPROPRIATEZZA I. Morandi, G.Tavini EQUITÀ NELL OSPEDALIZZAZIONE G. Costa, F.Vannoni,T. Landriscina, R. Onorati, C. Marinacci LE RETI OSPEDALIERE: STRUMENTI E MODELLI PER LA PROGRAMMAZIONE G. De Giacomi, E. Di Virgilio, M. Aguilar Matamoros, R. Di Domenicantonio, A. Angelastro, QUALITÀ ED EQUITÀ DEL SSN R. Gnesotto, N. Gennaro, C. Gallo, L. Pressato, F.A. Compostella, L. Lispi LE POLITICHE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ASSISTENZA SANITARIA a cura del Gruppo Remolet - Agenas...231

5 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI PRESENTAZIONE L ANALISI DEI DATI, ELEMENTO INDISPENSABILE PER MIGLIORARE L ASSISTENZA SANITARIA 6 di Renato Balduzzi Presidente, Agenas - Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali i Quaderni di Ècon molto piacere che colgo l occasione di presentare questa nostra pubblicazione in cui sono raccolti studi, ricerche e riflessioni sull attività ospedaliera per soffermarmi brevemente sul ruolo che l ospedale ricopre non solo nella vita di ciascuno di noi, ma anche nell ambito delle strategie complessive e delle politiche da attuare per migliorare il livello dell assistenza sanitaria nel nostro Paese. A questo proposito, tengo a precisare che, nel contribuire a tracciare alcune linee programmatiche che riguardino in toto l assistenza sanitaria, e in particolare, in questo caso, l ospedale, credo molto possa fare l Agenas, cui è stato attribuito il compito di raccogliere ed analizzare i dati utili a monitorare e a valutare la situazione nazionale dell assistenza sanitaria, nonché a formulare proposte e gestire le procedure per la formazione continua in medicina (ECM). Un ruolo sicuramente impegnativo e di grande impatto, dal momento che l Agenzia si propone di raccogliere il testimone di molteplici iniziative, sicuramente innovative, realizzate sia a livello centrale che regionale, tutte rivolte al miglioramento dell efficienza delle strutture, ma che, tuttavia, non sempre riescono ad essere veicolate nel modo più appropriato a causa, forse, della difficoltà che viene da più parti indicata di esplicitare indirizzi operativi che siano chiari, strutturali e comunicabili in modo semplice e stringato. Per quanto attiene all ospedale, ci si è occupati molto, negli ultimi tempi, del contenimento dei costi e della riduzione delle inappropriatezze, ma l oggetto di questi sforzi spesso non è stato orientato al miglioramento dell ospedalizzazione, bensì al raggiungimento di altri obiettivi (spesso di natura finanziaria ed economica), sicuramente legittimi, ma necessariamente da raccordare contestualmente con quelli di salute. Inoltre, dobbiamo considerare che gli interventi riguardanti gli ospedali sono frequentemente nati da specifiche emergenze e non da provvedimenti sistematici, mentre oggi sarebbe finalmente necessario ridefinire organicamente una politica dell assistenza ospedaliera che si inquadri in un più vasto disegno di riequilibrio con le altre componenti dell assistenza sanitaria, quali, ad esempio, le iniziative di prevenzione e di assistenza territoriale, tenendo sempre presente il principio dell equità. Un principio fondamentale, quello dell equità, garantito trent anni fa dalla legge n. 833, che si proponeva di uniformare i livelli di accesso e la qualità dell offerta su tutto il territorio nazionale, obiettivo confermato dalla legislazione successiva e generalizzato a livello costituzionale con la previsione della competenza legislativa statale in tema di livelli essenziali delle prestazioni di cui alla lettera m) del

6 Presentazione terzo comma dell art. 117 Cost. a seguito della revisione del 2001; purtroppo, però, all effettività della garanzia dell accesso per tutte le classi sociali non si è accompagnata una corrispondente riduzione delle differenziazioni territoriali sul versante della qualità delle prestazioni erogate. Confidiamo con questo Quaderno di Monitor di offrire uno strumento di lavoro e di ricerca sull attività ospedaliera, dedicato insieme ai decisori e agli studiosi, così da migliorare la possibilità di individuare soluzioni concrete alle criticità esistenti, le quali non sempre e non solo sono di natura economica, ma spesso hanno carattere prevalentemente culturale e organizzativo. 7

7 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI INTRODUZIONE 8 di Fulvio Moirano Direttore, Agenas - Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali i Quaderni di Tra i cambiamenti organizzativi più significativi che hanno riguardato la sanità negli ultimi anni il più importante è sicuramente quello relativo al settore ospedaliero. L ospedale da luogo di confinamento della malattia e da domicilio protetto dei malati è diventato sempre di più un presidio di erogazione di prestazioni, mediche e principalmente chirurgiche, di alta complessità, e la degenza, in quanto tale, ha per lo più perso il significato assistenziale. I posti letto si sono ridotti in Europa negli ultimi venticinque anni di un terzo ed una riduzione simile ha riguardato anche la durata della degenza, il che significa che i giorni di degenza della popolazione si sono più che dimezzati. La situazione italiana, come descritto in un contributo di questo quaderno, ha avuto un trend ancora più accentuato. I principali obiettivi di questa operazione sono stati la riduzione dei costi dell assistenza ospedaliera, la riduzione dei rischi clinici associati al soggiorno ospedaliero, la crescente preferenza dei pazienti di non dover passare troppi giorni nell ospedale. L opinione diffusa è che questi obiettivi si stiano raggiungendo ma in realtà non sono disponibili ancora misure e valutazioni complete dell impatto delle politiche di deospedalizzazione. Sicuramente sono diminuiti i ricoveri ordinari per acuti, ma non è diminuita la spesa ospedaliera, né in valore assoluto né in valore proporzionale rispetto alla spesa sanitaria globale, e ciò Trend dei posti letto e della durata della degenza negli ospedali per acuti in Europa EU: Member States EU: Member States CIS EU: Member States EU: Member States before May 2004 since 2004 or before May 2004 since 2004 or 2007 CIS EU: European Union CIS: Commonwealth of Independent States EU: European Union CIS: Commonwealth of Independent States Source: WHO Regional Office for Europe 2008

8 Introduzione dovrebbe significare che se si stanno facendo meno ricoveri, questi però sono sempre più complessi e costosi. Si sono sicuramente ridotti i ricoveri organizzativamente meno appropriati, ma non è possibile sapere se sia aumentata o meno l appropriatezza clinica.vi è l opinione che la maggior complessità si accompagni ad una maggiore appropriatezza clinica, ma in realtà può essere clinicamente non appropriato tanto un ricovero di bassa complessità quanto uno di elevata complessità. Alcuni dei recenti episodi di mala sanità che hanno denunciato ricoveri e interventi per patologie inesistenti o sopra valutate per gravità confermano che sul piano dell appropriatezza clinica dei singoli ricoveri molto resta ancora da fare. È evidente che non si può considerare appropriato un sistema in cui, ad esempio, sono presenti aree e presidi dove la percentuale di parti cesarei supera i due terzi di tutti i parti! La popolazione sembra ancora preferire l ospedale sotto casa anche se di qualità scadente rispetto all ospedale di eccellenza lontano dal proprio domicilio: ciò significa che l ospedale è ancora visto come un luogo di primo intervento per ogni emergenza sanitaria improvvisa e quindi la sua lontananza aumenta la percezione di insicurezza. Parallelamente sembra che se il paziente deve raggiungere un ospedale che dista alcuni chilometri, allora preferisca farne anche molti di più per raggiungere ospedali ritenuti di qualità maggiore anche se dislocati in altra parte del Paese. Peraltro non si può genericamente dire che oggi gli ospedali siano veramente sotto casa in quanto si calcola che in media i ricoverati hanno impiegato quasi un ora per raggiungerli dal proprio domicilio, e nel calcolo non sono compresi i tempi all interno delle varie città. Il problema vero è allora quello della riorganizzazione della sanità extra ospedaliera ed in particolare della riqualificazione del ruolo del Medico di medicina generale, della diffusione di strutture di prima assistenza, della predisposizione di servizi per il completamento dell assistenza post ospedaliera, servizi che possano essere avvertiti dalla popolazione come luoghi della propria protezione sanitaria. L ospedale sta cambiando ruolo e funzioni ma nell immagine della popolazione è ancora soprattutto il luogo di assistenza per gli episodi acuti, disponibile notte e giorno. Non basta mettere i ticket ai codici bianchi e verdi; bisogna creare delle reali alternative e contemporaneamente far sì che queste siano capite ed accettate dalla popolazione. Un altro problema degli ospedali consiste nell efficienza tecnica nella produzione delle prestazioni: su questo punto l introduzione del sistema tariffario legato alla classificazione dei DRG ha dato un largo e positivo contributo, ma molto resta ancora da fare. I pochi studi che hanno misurato analiticamente i costi di alcuni reparti hanno evidenziato una elevatissima variabilità, assolutamente non attribuibile a differenze causate da diversità strutturali e ambientali. Ultimamente si è parlato molto di costi standard e, forse, si è giunti alla conclusione che non possono essere lo strumento per definire il riparto di risorse all interno di un sistema sanitario basato sul federalismo fiscale; non vorremmo però che non si parlasse più di costi standard di produzione che sono invece essenziali per valutare le capacità produttive dei diversi presidi. Acquista sempre più rilievo affrontare la questione dell umanizzazione degli ospedali: il ricoverato desidera sentirsi realmente a casa sua, bene accolto da una struttura attenta ai suoi problemi. I costi alberghieri di un ospedale sono sicuramente molto superiori ai costi di un buon albergo dove trascorrere dei giorni di vacanza, ma in questo l accoglienza è quasi sempre ottima, mentre negli ospedali lascia molto a desiderare. Il problema sta spesso nella contrattualità del rapporto, cioè nell attenzione per il soggetto che sostiene il pagamento; il fatto che nel Ssn vi sia un terzo pagante riduce molto gli stimoli a migliorare l assistenza. D altra parte, il senso etico e professionale del personale medico garantisce spesso, an- 9 i Quaderni di

9 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI 10 che se non sempre, che le diagnosi e le cure siano le migliori possibili ma non che il paziente abbia tutti i comfort necessari. La soluzione dovrebbe esser trovata all interno delle strutture, altrimenti si dovranno attivare dei procedimenti valutativi che portino a tariffare non solo in rapporto alla complessità del ricovero, ma anche alla qualità del servizio erogato. Infine, dovrà essere portata a compimento la realizzazione del sistema a rete degli ospedali: per molte patologie, e particolarmente per quelle chirurgiche ma non solo, è più opportuno che ci siano pochi centri di riferimento ben attrezzati, sia sul piano delle competenze cliniche che delle attrezzature, piuttosto che sparpagliare la casistica su tutti o quasi i presidi ospedalieri esistenti. Perché ciò possa realizzarsi devono esser risolti molti problemi tecnici di comunicazione e politici di collaborazione funzionale, problemi che a prima vista potrebbero sembrare banali ma che in realtà sono molto complessi. Come si vede, nonostante da sempre l ospedale costituisca il cuore di ogni servizio sanitario, c è ancora molto da fare: mettere allora a tema la sua attività, come si è cercato di fare in questo Quaderno di Monitor, deve essere considerato un ulteriore contributo di idee e di informazioni perché il ripensamento dell organizzazione della rete ospedaliera proceda, appoggiandosi a fondamenta solide e condivise.

10 Analisi dei dati SDO 2006/2008 ANALISI DEI DATI SDO 2006/2008 a cura del gruppo Remolet 1 * Gruppo di lavoro Agenas - Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali 11 Remolet (REte di MOnitoraggio dei LEa Tempestiva) è un programma di un gruppo di lavoro formato da esperti delle Regioni, che è stato attivato da Agenas allo scopo di rendere disponibili per le Regioni e per gli enti istituzionali interessati informazioni aggiornate per la valutazione e il confronto, dispone oggi dei dati relativi ai ricoveri per acuti (volume di ricoveri e di giornate di degenza erogate) per il triennio relativi a tredici Regioni (Piemonte,Valle d Aosta, Lombardia,Veneto, Emilia Romagna,Toscana,Umbria,Marche,Lazio,Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia), un gruppo di Regioni che si può considerare rappresentativo delle tendenze della sanità nazionale: esse, infatti, rappresentano l 85% della popolazione italiana e l 84% dei ricoveri. Per dieci di tali Regioni (mancanotoscana, Puglia e Basilicata) si dispone anche dei dati standardizzati per età relativi al Si stanno ora acquisendo i dati del primo semestre L analisi dei dati raccolti nell ambito del gruppo Remolet non intende essere una alternativa ai dati ufficiali raccolti dal Ministero della Salute; Remolet è solo un gruppo dove le Regioni partecipanti intendono condividere i loro dati in tempi il più ridotti possibile, ed utilizzarli per una attività di benchmarking reciproca orientata ad una valutazione finalizzata alla programmazione. Le analisi qui presentate hanno l obiettivo di descrivere l attività ospedaliera erogata nelle regioni e valutarne l evoluzione nel triennio Molteplici sono i fenomeni che possono essere analizzati. Poiché la normativa nazionale e gli accordi Stato-Regioni pongono regole e fissano obiettivi in relazione al contenimento del tasso di ospedalizzazione, alla riduzione dell inappropriatezza e all incremento dell efficienza, si è scelto di analizzare le dimensioni correlate a tali intenti e fra loro molto interdipendenti. Ci siamo chiesti quali siano i trend del triennio per i volumi di attività e per i tassi di ospedalizzazione e quali siano le differenze tra le singole regioni, anche in relazione alle modalità di erogazione dell assistenza.variazioni proporzionalmente analoghe possono assumere nelle diverse regioni importanza differente, ad esempio se la riduzione dell uno per cento del volume dei ricoveri in regime ordinario può rappresentare il raggiungimento degli obiettivi in regioni in cui il tasso di ospedalizzazione è già nei limiti previsti, per altre realtà è solo un primo passo verso la razionalizzazione del Ssr; o ancora l incremento del day hospital può costituire un evento positivo in regioni in cui il processo di trasferimento del setting assistenziale verso regimi di analoga efficacia ma di maggiore efficienza è ancora in fase iniziale, mentre in altre la riduzione del day hospital i Quaderni di 1 La stesura dell articolo è dovuta ad Isabella Morandi. * Vedi scheda pag. 25

11 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI 12 i Quaderni di può rappresentare la conseguenza del processo di deospedalizzazione. I volumi di attività non sono però in grado di spiegare quale sia il case mix trattato.tutte le Regioni producono prestazioni dello stesso livello o invece in alcune vengono erogate prestazioni più complesse e in altre meno complesse? E quale è la proporzione di ricoveri a rischio di inappropriatezza? Avendo a disposizione i soli dati SDO, l unica informazione per valutare l efficienza è la durata della degenza, considerata per i ricoveri una proxy dell assorbimento di risorse.vi sono differenze tra le regioni? L analisi congiunta della complessità del case mix e dell efficienza evidenzia situazioni differenziate tra le regioni? Quali sono i trend del triennio? L ATTIVITÀ DI RICOVERO NEL TRIENNIO Volume dei ricoveri Complessivamente i dati del gruppo di Regioni evidenziano un trend di riduzione per il volume di ricoveri erogati nei loro ospedali, più lieve per il regime ordinario (-3,8%), più accentuato per il day hospital (-9,1%) (figura 1). Le variazioni sono tuttavia molto diversificate tra le regioni. I ricoveri in regime ordinario evidenziano, nella maggioranza delle regioni, una tendenza alla riduzione contenuta entro il 5% nel triennio, ma in Basilicata e Sicilia la riduzione è maggiore, e supera gli 8 punti percentuali. Fa eccezione la Valle d Aosta in cui, invece, i ricoveri in regime ordinario aumentano del 10%. Se la riduzione del day hospital è accentuata in Lombardia,Veneto, Um- FIGURA 1 - Ricoveri per acuti anni volumi e variazioni per regione di produzione e regime di ricovero ricoveri dh totale ricoveri dh totale ricoveri dh totale ordinari ordinari ordinari Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo reg % 15% 10% 5% 0% -5% -10% -15% -20% -25% -30% Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Ricoveri Ordinari 2007 Ricoveri Ordinari 2008 DH 2007 DH 2008 Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni

12 Analisi dei dati SDO 2006/2008 bria, Lazio e Sicilia, si osserva, al contrario, una tendenza all aumento molto decisa in Puglia (+18%), meno incisiva in Piemonte,Valle d Aosta, Marche e Campania (con incrementi compresi tra il 3,5% e il 6%). Nel gruppo di Regioni si riduce la proporzione di ricoveri in day hospital (figura 2), che passa dal 33% al 31% del complessivo numero di ricoveri. La proporzione di ricoveri in day hospital rimane sostanzialmente stabile (con variazioni inferiori all 1%) in Piemonte, Emilia Romagna,Toscana e Umbria; nelle altre Regioni le variazioni sono di segno contrapposto, la proporzione si riduce invalle d Aosta (-1%), Lombardia (-6%),Veneto (-3%), Lazio e Sicilia (-2%), ma aumenta in Marche, Campania, Basilicata (+2%), Puglia (+4%). La proporzione di ricoveri ordinari erogati dalle Regioni e relativi a non residenti è molto diversificata (figura 3), superiori al 10%, nel 2008, in Valle d Aosta, Emilia Romagna, Umbria e Basilicata, inferiori al 5% in Campania, Puglia e Sicilia, compresi tra il 7% e il 10% nelle altre. La proporzione di non residenti è sostanzialmente stabile nel triennio. Anche per i ricoveri in day hospital, come si vede ancora dalla figura 3, la proporzione di non residenti è molto diversificata tra le Regioni ma è sostanzialmente stabile. Le sole variazioni di ri- 13 FIGURA 2 - Proporzione ricoveri in day hospital - anni % 45% % DH % % DH % 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni FIGURA 3 - Anni % di ricoveri relativi a non residenti per regime di ricovero 20% ric ov e ri ord ina ri 20% ricoveri in day hospital 18% 18% 16% 16% 14% 14% 12% 12% 10% 10% 8% 8% 0% Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni 0% Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni 6% 6% 4% 4% 2% 2% % non residenti 2006 % non residenti 2008 % non residenti 2006 % non residenti 2008

13 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI 14 lievo riguardano la riduzione in Umbria (-1,2%) e l incremento osservato nelle Marche (+2%) e nel Lazio (+1,1%). Il complessivo volume di ricoveri relativi a casi chirurgici si riduce nel triennio in misura pari al 3%, passando da circa 4 milioni di casi a circa 3,8 milioni, e contestualmente la complessità del case mix aumenta del 3%, ma con importanti differenze tra le Regioni, come si evidenzia in figura 4. I ricoveri di tipo chirurgico rappresentano nel 2008 circa il 39% dei complessivi ricoveri in regime ordinario, con un range diversificato tra le Regioni, compreso tra il 31% (Basilicata) e il 45% (Lombardia), evidenziando una sostanziale stabilità nel tempo tranne che in Puglia e Sicilia, in cui aumenta di circa il 2%. I casi chirurgici rapppresentano nel triennio circa il 46% dei ricoveri in day hospital. Per analizzare il diverso livello di evoluzione dei Ssr è necessario valutare anche le variazioni dei ricoveri chirurgici secondo il regime e, per i ricoveri in regime ordinario, analizzando separatamente i ricoveri con degenza di 0-1 giorni e quelli con degenza maggiore. La variazione dei volumi e della complessità sono frequentemente di segno e di entità differente tra le Regioni (fig. 5). Distinguendo i ricoveri secondo il regime, si osserva che per il day hospital la decisa contrazione dei volumi (-6%) è associata ad un incremento della complessità pari al 6,5%, mentre per i ricoveri in regime ordinario la riduzione dei volumi, pari a circa l 1,5%, è associata ad una riduzione della complessità del 2,3%. Per i ricoveri in regime ordinario con durata inferiore a 2 giorni alla riduzione dei volumi (-2,8%) è associato un incremento della complessità (1,7%). Per i ricoveri con durata superiore la moderata variazione dei volumi, compresa tra -3% e il +2% (ad eccezione divalle d Aosta e Basilicata), è associata ad una maggiore complessità in tutte le Regioni, compresa tra il 4% e il 6% (ad esclusione di Valle d Aosta e Marche). La modalità di gestione dei ricoveri chirurgici secondo il regime e la durata della degenza sono differenti tra le Regioni (figura 6) e si modificano nel triennio secondo trend diversi. In particolare, a causa dello spostamento della casistica trattata in day hospital verso il regime ambulatoriale, la proporzione di casi trattati in day hospital si riduce in Lombardia (-9%) e nel Lazio (- 3%), mentre aumenta la quota di casi trattati in regime ordinario con degenza maggiore di un giorno (+7% in Lombardia, + 3% nel Lazio). In altre Regioni (Piemonte,Toscana, Campania, Puglia e Basilicata) si osserva un contenuto spostamento (pari a circa il 2%) dal regime ordinario verso il day hospital. InVeneto ed Emilia Romagna non si osservano variazioni. FIGURA 4 - Ricoveri chirurgici - differenze nei volumi e nella complessità - anni % ricoveri chirurgici in regime ordinario e day hospital % variazione complessità 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% -2% -4% Lombardia Lazio Puglia Sicilia Basilicata Veneto UmbriaPiemonte Emilia R Campania Toscana Marche VdA -6% -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri chirurgici

14 Analisi dei dati SDO 2006/2008 FIGURA 5 - Ricoveri di tipo chirurgico - anni 2006 e ord <2g ord 2+g dh tot ord <2g ord 2+g dh tot Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo reg % variazione complessità % variazione complessità 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% -2% -4% -6% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% -2% -4% -6% ricoveri chirurgici in regime ordinario Basilicata Puglia Lazio Campania Sicilia Piemonte Veneto Toscana Lombardia Umbria Emilia R Marche VdA -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri chirurgici ricoveri chirurgici in regime ordinario con degenza 2+gg Basilicata Puglia Campania Piemonte Lazio Sicilia Toscana Veneto Umbria Lombardia Marche Emilia R VdA -40% -30% -20% -10% 0% 10% % variazione volume ricoveri chirurgici 20% 30% % variazione complessità % variazione complessità 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% -2% -4% -6% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% -10% -20% ricoveri chirurgici in regime ordinario con degenza <2gg VdA Lazio Sicilia Basilicata Veneto Lombardia Puglia Umbria Campania Marche Emilia R Piemonte Toscana -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri chirurgici Lombardia ricoveri chirurgici in day hospital Lazio Sicilia Veneto Umbria Toscana Piemonte Emilia R Marche VdA Puglia Basilicata Campania -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri chirurgici FIGURA 6 - Ricoveri chirurgici - modalità di organizzazione dell assistenza - anni 2006 e % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo reg 2006 ord 2+g 2006 ord <2gg 2006 dh 2008 ord 2+g 2008 ord <2gg 2008 dh

15 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI 16 FIGURA 7 - Ricoveri di tipo medico - anni 2006 e 2008 Il volume di ricoveri di tipo medico (fig. 7) si riduce nel triennio del 12%, a causa della forte contrazione (-11%) sia dei ricoveri ordinari (con -17% per i ricoveri con durata inferiore a 2 giorni e -10% per gli altri ricoveri) sia dei ricoveri in day hospital (-15%). Aumenta la complessità sia dei ricoveri ordinari con durata di due o più giorni (+2%),sia dei ricoveri in day hospital (+17%). La riduzione dei volumi dei ricoveri medici con degenza di 2 o più giorni è superiore al 3% inveneto, Toscana,Lazio,Campania,Puglia,Basilicata e Sicilia, nelle altre Regioni la riduzione è compresa tra il - 1% e il -2%; l unica eccezione è costituita dallavalle d Aosta in cui si osserva un incremento del 12%. La riduzione dei ricoveri di 0-1 giorno è molto evidente in tutte le Regioni (con l eccezione dellavalle d Aosta), è superiore al 20% in Piemonte, Basilicata e Sicilia,compresa tra il -6% e l 11% nelle altre,ed è associata ad un incremento della complessità superiore al 4% nelle Marche, del 3% in Sicilia, inferiore al 2% nelle altre Regioni; in Piemonte evalle d Aosta la complessità si riduce in misura superiore al 14%. In sintesi, quindi, riguardo ai volumi si osserva la riduzione del numero di ricoveri in tutte le Regioni, anche se di entità differenziata (ad eccezione di Piemonte,Valle d Aosta e Puglia),sia con riferimento ai casi medici che chirurgici (tranne che in Piemonte, Emilia,Toscana, Umbria, Marche e Puglia), sia in regime ordinario (ma non invalle d Aosta), che in day hospital (con l eccezione di Piemonte, Valle d Aosta, Marche, Campania e Puglia). Si modifica la composizione dell attività: la proporzione ord 1g ord>1g dh tot ord 1g ord>1g dh tot Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo reg % variazione complessità 4% 0% -4% -8% ricoveri medici in regime ordinario con degenza <2gg Marche Sicilia Campania Basilicata Toscana Veneto Lombardia Emilia R Umbria Puglia Lazio -12% Piemonte -16% VdA -1% -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri % variazione complessità 70% ricoveri medici in day hospital 60% Veneto 50% 40% 30% Lombardia Sicilia 20% Lazio Basilicata 10% Piemonte Toscana Umbria 0% Emilia R Campania VdA -10% Marche Puglia -20% -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri % variazione complessità 3% 1% ricoveri medici in regime ordinario con degenza 2+gg Basilicata Piemonte Lazio Sicilia Puglia Marche Toscana Campania Emilia R Umbria Veneto Lombardia VdA -40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% % variazione volume ricoveri

16 Analisi dei dati SDO 2006/2008 di ricoveri chirurgici diminuisce in Lombardia (a causa dello spostamento verso il regime ambulatoriale), è stabile inval d Aosta,Emilia Romagna e Lazio, subisce un incremento in Piemonte,Veneto,Toscana, Umbria, Marche, Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia. Per comprendere le cause di tali variazioni sarebbe necessario analizzarle congiuntamente ai dati della produzione specialistica ambulatoriale; infatti solo tale informazione consentirebbe di valutare se il fenomeno è determinato esclusivamente da una variazione del setting assistenziale, ovvero se si tratta di effettive variazioni nella composizione del case mix regionale. La quota di ricoveri relativi a non residenti, pur molto differenziata tra le regioni, rimane sostanzialmente stabile tranne che in Basilicata in cui si riduce del 6%. Si osservi da ultimo che la riduzione del numero dei ricoveri non equivale necessariamente alla riduzione del volume dell attività che invece è molto influenzata dalla complessità dei ricoveri che si sta dilatando. Tasso di ospedalizzazione: grezzo e standardizzato Per confrontare correttamente il tasso di ospedalizzazione tra le Regioni nel triennio sarebbe opportuno standardizzarlo rispetto alla composizione per età della popolazione. È noto, infatti, che i consumi sanitari, e quelli ospedalieri in particolare, sono differenziati secondo l età.tuttavia, poiché disponiamo, nell ambito del programma Remolet, dei dati standardizzati solo per l anno 2008 e solo per dieci delle tredici Regioni, abbiamo ritenuto opportuno analizzare sia il tasso grezzo sia quello standardizzato. Il tasso standardizzato è stato calcolato rispetto ai soli pazienti ricoverati nella Regione di residenza ipotizzando che la moblità passiva sia sostanzialmente costante nel tempo, in quanto i dati relativi alla mobilità sanitaria interregionale 2008 non sono ancora disponibili in forma definitiva. Il tasso grezzo di ospedalizzazione (figura 8) si riduce nel triennio, passando nel gruppo di Regioni per i ricoveri in regime ordinario da 123 a 17 FIGURA 8 - Tasso grezzo di ospedalizzazione relativo a ricoveri ordinari e in day hospital - anni Piemonte Piemonte ricoveri ordinari 2006 residenti2006 mob pass2007 residenti2007 mob pass2008 residen V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria day hospital 2006 residenti2006 mob pass2007 residenti2007 mob pass2008 residen V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Marche Lazio Lazio Campania Campania Puglia Puglia Basilicata Basilicata Sicilia Sicilia Gruppo Regioni Gruppo Regioni

17 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI ricoveri per mille abitanti, per i ricoveri in day hospital da 61 a 55 ricoveri.tuttavia si osservano forti differenze tra le singole realtà. Nel 2008 per i ricoveri ordinari ben sei Regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia) presentano un tasso superiore al valore del gruppo, anche se in diminuzione rispetto al 2006; per il day hospital sono 5 le Regioni che presentano tassi superiori, in crescita in Piemonte e Campania, in riduzione in Lazio, Basilicata e Sicilia. Analizzando i soli ricoveri chirurgici (figura 9) si osserva che per i casi in regime ordinario il tasso grezzo è in aumento in Piemonte,Valle d Aosta, Umbria e Puglia, per i casi trattati in day hospital è in aumento in Piemonte,Valle d Aosta, Marche, Campania, Puglia e Basilicata, in riduzione in Lombardia,Veneto, Lazio e Sicilia. Per l anno 2008, nelle Regioni analizzate, il tasso standardizzato (figura 10) è inferiore al tasso grezzo 2 sia per i ricoveri in regime ordinario che in day hospital, con l eccezione di Campania e Sicilia in cui si verifica il fenomeno opposto, e ciò dipende dalla composizione per età delle popolazioni regionali. La differenza negativa tra tasso grezzo e standardizzato è per i ricoveri in regime ordinario di circa 3 punti invalle d Aosta, Lombardia,Veneto e Lazio, mentre varia tra i 7 e i 10 punti in Piemonte, Emilia Romagna, Umbria e Marche. Per i ricoveri in day hospital le differenze tra tasso grezzo e standardizzato sono sostanzialmente analoghe. La standardizzazione aumenta le differenze dei tassi tra le regioni meridionali e quelle settentrionali. Complessità del case mix e degenza media Per valutare le Regioni tra loro e nel triennio rispetto all efficienza e alla complessità della casistica trattata, avendo a disposizione i soli dati relativi alle SDO, sono stati utilizzati l Indice Comparativo di Performance (ICP) e l Indice di Case Mix (ICM), che consentono di standardizzare i dati delle singole Regioni rispetto ad un riferimento esterno, individuato, in questo caso, nei da- 2 Entrambi i tassi sono qui calcolati rispetto ai soli pazienti ricoverati nella Regione di residenza. FIGURA 9 - Tasso grezzo di ospedalizzazione relativo a ricoveri chirurgici ordinari e in day hospital - anni ricoveri ordinari 2006 residenti2006 mob pass2007 residenti2007 mob pass2008 residen Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni 80 day hospital residenti2006 mob pass2007 residenti2007 mob pass2008 residen Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Gruppo Regioni

18 Analisi dei dati SDO 2006/2008 ti relativi al gruppo di Regioni per l anno L ICP esprime l efficienza, in termini di degenza media, di una Regione in rapporto all efficienza media del riferimento con analoga composizione della casistica. L ICM esprime la complessità dei casi trattati da una Regione in rapporto alla complessità nel riferimento. Per i ricoveri in regime ordinario (figura 11), nel FIGURA 10 - Tasso di ospedalizzazione grezzo e standardizzato per regione Anno 2008 ricoveri in regime ordinario e day hospital 160 ricoveri ordinari 160 day hospital Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Umbria tasso grezzo Marche Lazio tasso std Campania Sicilia Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Umbria tasso grezzo Marche Lazio tasso std Campania Sicilia FIGURA 11 - Distribuzione delle regioni secondo l Indice di Case Mix (ICM) e l Indice Comparativo di Performance (ICP) per il complesso dei ricoveri in regime ordinario, per i ricoveri chirurgici e per i ricoveri di tipo medico - Anni 2006 e 2008 ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 Basilicata Puglia anno 2006 Lazio Veneto V.Aosta Piemonte Marche Toscana Gruppo Reg Lombardia Umbria Emilia R Sicilia Campania 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM 1,30 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 0,85 Puglia ricoveri chirurgici - anno 2006 Lazio Basilicata Campania Sicilia Marche Veneto V.Aosta Piemonte Gruppo Reg Umbria Lombardia Emilia R Toscana 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 1,30 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 0,85 Lazio Campania anno 2008 Veneto V.Aosta Piemonte Gruppo Reg Marche Lombardia Puglia Basilicata Toscana Sicilia Umbria Emilia R 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM ricoveri chirurgici - anno 2008 Puglia Campania Lazio Basilicata V.Aosta Veneto Sicilia Gruppo Reg Umbria Marche Lombardia Emilia R Piemonte Toscana 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 0,85 0,80 ricoveri medici - anno 2006 Piemonte Veneto V.Aosta Lazio Marche Gruppo Reg Lombardia Puglia Emilia R Toscana Umbria Basilicata Sicilia Campania 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 0,90 0,85 0,80 ricoveri medici - anno 2008 Campania Veneto Piemonte Lazio V.Aosta Lombardia Marche Gruppo Reg Emilia R Puglia Toscana Umbria Basilicata Sicilia 0,85 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM

19 L ATTIVITA OSPEDALIERA: DATI E RIFLESSIONI 20 triennio nel gruppo di Regioni aumenta la complessità ma peggiora la performance, ma in modo differenziato tra le regioni. La maggiore complessità è associata a maggiore performance in Toscana, Emilia Romagna, Umbria e Lombardia, anche se per quest ultima la performance sembra ridursi leggermente nel Piemonte,Valle d Aosta e Veneto, pur presentando una complessità superiore alla media del gruppo ed in aumento nel triennio, dimostrano una performance inferiore, sostanzialmente stabile nel periodo. In Puglia e Sicilia la complessità è inferiore ma è associata ad una migliore performance. Campania e Lazio associano alla ridotta complessità una efficienza inferiore, anche se in miglioramento nel Analizzando distintamente i ricoveri ordinari di tipo chirurgico e di tipo medico si osservano alcune differenze. Nel gruppo di Regioni la complessità aumenta per entrambe le tipologie di ricoveri, la performance è stabile per i ricoveri chirurgici ma peggiora per quelli di tipo medico. Anche a livello di singole Regioni, rispetto ai ricoveri di tipo chirurgico aumenta la complessità e migliora la performance, tranne che nel Lazio e in Campania in cui la performance peggiora. Per i ricoveri di tipo medico le sole Regioni in cui la performance migliora nel triennio sono Emilia Romagna e Toscana. Per i ricoveri in day hospital le valutazioni hanno riguardato solo i ricoveri di tipo chirurgico. Per il day hospital di tipo medico, infatti, l analisi della performance misurata attraverso la durata della degenza è poco significativa a causa delle differenti modalità di gestione delle schede di dimissione ospedaliera adottate dalle Regioni e dalle singole strutture di ricovero: in alcune realtà le SDO vengono compilate alla chiusura del ciclo di accessi (la cui durata può talvolta essere influenzata dal sistema tariffario), in altre la SDO è compilata in occasione di ciascun accesso. Le Regioni in cui nel 2008 la maggiore performance è associata alla maggiore complessità del case mix (fig. 12) sonovalle d Aosta, Emilia Romagna, Toscana (stabili nel triennio), Lombardia (che mostra un evidente trend di aumento della complessità),veneto (lievemente meno efficiente del gruppo, ma in miglioramento), Umbria (in cui la complessità è in aumento). Il Lazio, anche se decisamente meno efficiente e con una complessità inferiore al gruppo di Regioni, nel triennio fa rilevare un miglioramento per entrambi i parametri. Così come per i ricoveri in regime ordinario, anche per valutare le variazioni intervenute nel tempo sarebbe opportuno disporre dei volumi di produzione in regime ambulatoriale. L Indice di case mix non consente tuttavia di com- FIGURA 12 - Distribuzione delle regioni secondo l Indice di Case Mix (ICM) e l Indice Comparativo di Performance (ICP) per il complesso dei ricoveri in day hospital chirurgico Anni 2006 e 2008 ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore day surgery - anno ,80 Lazio 1,60 Ca mpa nia 1,40 Basilicata 1,20 S icilia Piemonte Veneto 1,00 Gruppo Reg Puglia Emilia R 0,80 Umbria Tos ca na Ma rche Lombardia V.Aos ta 0,60 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 m inore <-- COMP LES S ITA' --> maggiore ICM ICP maggiore <-- EFFICIENZA --> minore 1,80 1,60 1,40 1,20 Campania Basilicata day surgery - anno 2008 Lazio S icilia Veneto 1,00 Gruppo Reg Puglia Umbria Emilia R 0,80 Tos cana Piemonte Ma rc he V.Aosta Lombardia 0,60 0,90 0,95 1,00 1,05 1,10 1,15 1,20 minore <-- COMPLESSITA' --> maggiore ICM

20 Analisi dei dati SDO 2006/2008 prendere se le differenze tra le Regioni siano o meno concentrate su specifiche classi di complessità. Se si considerano tre classi di complessità delle prestazioni (alta, ricoveri a rischio di inappropriatezza ai sensi del DCPM , altri DRG), si osservano forti differenze tra le Regioni (fig. 13), sostanzialmente stabili nel triennio, ad eccezione della Sicilia. Sia per il complesso della casistica che per i ricoveri chirurgici si osservano interessanti differenze rispetto alla classe alta complessità, in cui la proporzione dei casi in alcune Regioni è molto superiore alle altre: in Piemonte, Lombardia,Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio tali prestazioni costituiscono una proporzione della casistica (compresa tra il 7% e il 10% per il complesso dei casi) maggiore o uguale alla mediana (pari al 7% per il complesso dei casi, al 17% per i casi chirurgici), nelle altre (Valle d Aosta, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia) rappresentano una proporzione inferiore al 7%. La concentrazione della casistica nella classe altri DRG è sostanzialmente omogenea tra le Regioni. Ricoveri a rischio di inappropriatezza organizzativa Il volume di ricoveri a rischio di inappropriatezza ai sensi del DPCM in regime ordinario (fig.14) si riduce nel triennio del 13% nel gruppo di Regioni (si osserva un in- FIGURA 13 - Ricoveri in regime ordinario - distribuzione della casistica secondo classi di complessità delle prestazioni - Anno totale casi 2008 casi chirurgici 2008 casi medici alta altri rischio alta altri rischio alta altri rischio complessità drg inappropriatezza complessità drg inappropriatezza complessità drg inappropriatezza Piemonte 10% 79% 10% 22% 66% 12% 2% 90% 9% V.Aosta 6% 86% 8% 13% 78% 9% 1% 92% 7% Lombardia 9% 74% 17% 18% 64% 18% 1% 83% 16% Veneto 9% 79% 12% 22% 69% 10% 1% 85% 13% Emilia R 9% 78% 14% 18% 67% 15% 2% 86% 12% Toscana 10% 80% 9% 26% 66% 8% 1% 89% 10% Umbria 9% 78% 13% 23% 67% 10% 1% 84% 15% Marche 7% 78% 15% 16% 63% 21% 1% 88% 10% Lazio 7% 78% 15% 17% 69% 14% 1% 83% 15% Campania 5% 76% 19% 13% 69% 19% 1% 79% 20% Puglia 6% 77% 17% 14% 67% 19% 1% 83% 16% Basilicata 6% 81% 13% 17% 69% 13% 2% 86% 12% Sicilia 6% 82% 12% 16% 75% 9% 1% 85% 14% TOTALE 8% 78% 15% 18% 67% 15% 1% 84% 14% 21 FIGURA 14 - Ricoveri a rischio di inappropriatezza - anni ord>1g ord<2g tot dh tot ord>1g ord<2g tot dh tot ordinari ord+dh ordinari ord+dh Piemonte V.Aosta Lombardia Veneto Emilia R Toscana Umbria Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia GruppoRegioni

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Assistenza ospedaliera

Assistenza ospedaliera Assistenza ospedaliera Gli indicatori dell Assistenza Ospedaliera presentati nelle ultime edizioni del Rapporto Osservasalute hanno mostrato che il processo di modernizzazione e modifica dell organizzazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELL ASSISTENZA SANITARIA EROGATA AGLI IMMIGRATI: METODOLOGIA E PRIMI RISULTATI Isabella Morandi, Annabella Pugliese Progetto CCM La salute della popolazione immigrata: il monitoraggio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre La procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza per garantire prestazioni uniformi e trasparenti nel servizio sanitario nazionale a cura dell avv. Maria Paola Costantini (referente

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO VI PROGRAMMA OPERATIVO APPROPRIATEZZA

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 Aziende Sanitarie del Veneto QUADRO ANALITICO LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 FONTI 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Datawarehouse Regionale - Flusso Anagrafe (i dati provengono

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia

Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia Osservatorio sulla Sanità Privata in Italia e in Lombardia Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Merceologico Sanità di Assolombarda Rapporto di ricerca Introduzione Il fine istituzionale di tutela

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino La crisi economica fa male alla salute? I trend sociali e di salute nella serie storica dell Indagine annuale Istat sugli aspetti della vita quotidiana. Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*,

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Sistema nazionale linee guida Roma, 31.01.2012 Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Serena Donati Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G)

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) 6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) Fonti informative: Istat. Indagine multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana. Roma 1999. Regione Marche. Piano

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente ARAT (Associazione Residenze Anziani Toscana) Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente Firenze 24 Febbraio 2014 A cura di Giancarlo Girolami Chiara Bartolini

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini Diminuiscono i medici di medicina generale. I medici di famiglia sono passati dai 47.262 del 1999 ai 46.97 del. Infatti, per garantire una

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia 18 Statistica & Società/Anno 2, N. 3/ Demografia, Istruzione, Welfare I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia Carlo Zocchetti Direzione Generale Salute Regione

Dettagli

Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali I QUADERNI DI LA MOBILITÀ SANITARIA

Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali I QUADERNI DI LA MOBILITÀ SANITARIA 9 Supplemento al numero 29 2012 di Monitor Trimestrale dell Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Poste Italiane SpA Spedizione in Abbonamento Postale 70% - Roma Elementi di analisi e osservazione

Dettagli

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei TAVOLA ROTONDA La Tutela delle coppie infertili ed il SSN. Roma, 5 giugno 2014, Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio Francesco Tomei Direttore Centro PMA _ Azienda Ospedaliera Pordenone Componente del Gruppo

Dettagli

Riformare il sistema di sostegno agli studenti universitari

Riformare il sistema di sostegno agli studenti universitari Riformare il sistema di sostegno agli studenti universitari Politecnico di Milano In ambito europeo si va diffondendo la convinzione che la strada più corretta, per migliorare il funzionamento del sistema

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute LEA Li v e l l i Esse nz i a l i di A ssi st e nz a Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AO Direzione Generale della programmazione

Dettagli

IL SSN: finanziamento e strategia. Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it

IL SSN: finanziamento e strategia. Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it IL SSN: finanziamento e strategia Francesco Longo Direttore CERGAS-Bocconi francesco.longo@unibocconi.it INDICE Le aziende del SSN I direttori generali Evoluzione infrastrutturale Il finanziamento e i

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. A Quattro. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. A Quattro. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria A Quattro Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 A Quattro Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

Ripartizione del Fondo Sanitario Nazionale: quota capitaria e costo standard. Per saperne di più

Ripartizione del Fondo Sanitario Nazionale: quota capitaria e costo standard. Per saperne di più Ripartizione del Fondo Sanitario Nazionale: quota capitaria e costo standard. Per saperne di più di Milena Vainieri Laboratorio Management e Sanità. Scuola Superiore S. Anna, Pisa Pubblicato su www.saluteinternazionale.info

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare Bruxelles, 26 Febbraio 2013 Ing. Paolo Di Loreto Representative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA n. 26/2004. del 16 luglio 2004

COMUNICATO STAMPA n. 26/2004. del 16 luglio 2004 COMUNICATO STAMPA n. 26/2004 del 16 luglio 2004 Corte dei conti Sezione delle autonomie Presidente F. Staderini - Relatore G. Larosa Deliberazione n. 9/2004 inviata al Parlamento il 16 luglio 2004 Relazione

Dettagli

Come va la nostra Sanità?

Come va la nostra Sanità? Come va la nostra Sanità? Dopo un lungo periodo di commissariamento imposto dai governi centrali per correggere gli sprechi di molte regioni,quasi sempre meridionali, la Campania, per bocca del suo governatore,

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli