MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA"

Transcript

1

2

3 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale 2007/2013 febbraio 2014

4

5 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE INDICE Cos è l Obiettivo Competitività regionale e occupazione... 1 L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività... 3 L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività - FSE... 5 L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività - FESR... 7 L attuazione distinta per Temi Prioritari I

6

7 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Cos è l Obiettivo Competitività regionale e occupazione L'Obiettivo Competitività regionale e occupazione, previsto nell'ambito della politica di coesione 2007/2013 e della nuova programmazione dei Fondi strutturali, va a sostituire i precedenti Obiettivi 2 e 3 della Programmazione 2000/2006. Beneficiano degli aiuti dell'obiettivo Competitività le Regioni non ammesse ai programmi dell' Obiettivo Convergenza o che escono per meriti propri dall'obiettivo 1. Rientrano inoltre nell Obiettivo Competitività a titolo transitorio le Regioni che avrebbero dovuto far parte dell' Obiettivo 1 ma il cui PIL nominale pro capite supera il 75% del PIL medio dell UE a 15 Stati Membri. I programmi relativi alla Competitività e all'occupazione hanno lo scopo di assistere le Regioni nel miglioramento del proprio tessuto produttivo e nella creazione di nuove attività, in linea con quanto stabilito dalla Strategia di Lisbona. L Obiettivo Competitività regionale e occupazione mira, infatti, ad accelerare i cambiamenti economici e sociali, a dare impulso all'innovazione, all'imprenditorialità, alla tutela dell'ambiente ed allo sviluppo di mercati del lavoro. Tale obiettivo si propone, quindi, un duplice compito. Da un lato, il rafforzamento della competitività e dell attrattiva delle Regioni attraverso programmi di sviluppo regionale finanziati dal FESR, anticipando i cambiamenti economici e sociali e sostenendo l innovazione, la società della conoscenza, l imprenditorialità, la protezione dell ambiente e la prevenzione dei rischi. Dall altro, mediante programmi nazionali o territoriali finanziati dal FSE, si tende a potenziare l adattabilità dei lavoratori e delle imprese alle nuove sfide provenienti dai mercati globali, nonché a garantire lo sviluppo di mercati del lavoro per rafforzare l inclusione sociale, in linea con la strategia europea per l occupazione. Il fondo FESR, in sintesi, è destinato a contribuire alla correzione dei principali squilibri regionali esistenti, mentre il fondo FSE punta a rafforzare la coesione economica e sociale, migliorando la possibilità di occupazione. L Obiettivo Competitività svolge, quindi, un ruolo essenziale per evitare l insorgere di nuovi squilibri a svantaggio di regioni che, altrimenti, verrebbero penalizzate da fattori socioeconomici sfavorevoli senza poter contare su sufficienti aiuti pubblici. L Obiettivo Competitività viene attuato in Italia attraverso 16 Programmi Operativi Regionali (POR) e 1 Programma Operativoi Nazionale (PON) finanziati dal Fondo sociale europeo (FSE) e da 16 Programmi Operativi Regionali (POR) finanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). 1

8

9 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività L ammontare complessivo destinato all Obiettivo Competitività è di circa 15,20 Mld di euro per il periodo di programmazione 2007/2013. Di tale ammontare più di 8,87 Mld di euro sono cofinanziati dallo Stato attraverso il Fondo di Rotazione per l attuazione delle politiche comunitarie di cui alla legge 16 aprile 1987, n.183, mentre 3,14 Mld sono cofinanziati dal fondo FESR e 3,18 Mld dal fondo FSE. Le risorse finanziarie programmate sono, pertanto, così ripartite: 1. Fondo di Rotazione 58,38%; 2. FESR 20,69%; 3. FSE 20,93%. Il livello di attuazione complessivo dell Obiettivo Competitività è, rispettivamente, del 66,55% per i pagamenti, del 94,15% per gli impegni. Per questa rilevazione si registra una diminuzione complessiva del totale programmato 2007/2013 per circa 618,01 milioni di euro, di cui: 514,45 milioni sono ascrivibili all adesione al Piano di Azione e Coesione (PAC) dei Programmi Sardegna e Valle d Aosta; 103,56 milioni sono da imputare alla riprogrammazione del PO Toscana FESR attraverso una riduzione della quota del cofinanziamento a carico degli altri soggetti pubblici (Enti locali, Organismi di diritto pubblico) che, unitamente alle risorse dello Stato e della Regione, compongono la quota del finanziamento nazionale pubblico. 3

10

11 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività - FSE Il livello di attuazione complessivo al 31/12/2013 degli Interventi comunitari cofinanziati dal FSE è pari al 69,69% degli stanziamenti complessivi, essendo stati spesi in valori assoluti 5.267,92 Ml di euro, a fronte di 7.035,53 Ml di euro di impegni giuridicamente vincolanti pari al 93,08% del contributo totale. Gli assi che, in termini assoluti, hanno la migliore performance rispetto agli impegni sono Inclusione sociale e Occupabilità con percentuali pari, rispettivamente, al 101,47% e al 96,57%. Rispetto al bimestre precedente, sempre sul versante degli impegni, è l asse Interregionalità e transnazionalità ad aver registrato il maggior incremento, con un + 6,81%. Rispetto ai pagamenti l asse Inclusione sociale ha, in termini assoluti, la migliore performance di attuazione pari al 76,15%. Rispetto al bimestre precedente, tra i pagamenti, è l asse Adattabilità ad aver registrato il maggior incremento, con un + 4,53%. 5

12

13 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE L attuazione finanziaria dell Obiettivo Competitività - FESR Il livello di attuazione complessivo al 31/12/2013 degli Interventi comunitari cofinanziati dal fondo FESR è pari al 63,45% degli stanziamenti totali, essendo stati spesi in valori assoluti 4.845,66 Ml di euro, a fronte di 7.271,20 Ml di euro di impegni giuridicamente vincolanti, pari al 95,20% del contributo totale 2007/2013. La diversità degli assi afferenti ai vari programmi non consente di effettuare un analisi aggregata per assi così come per i programmi finanziati dal FSE. Ogni Regione, infatti, ha individuato assi specifici attraverso i quali dare attuazione al proprio programma operativo. In linea generale, comunque, tutti i programmi devono tendere alla realizzazione degli obiettivi strategici definiti del Quadro Strategico Nazionale 2007/2013 attraverso l attiviazione di progetti specifici da finanziare all interno dei vari assi. 7

14 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Contributo Totale 2007/2013 Obiettivo Competitività: attuazione finanziaria per fondo al 31/12/2013 Dati in euro di cui Importo Nazionale Pubblico Attuazione finanziaria di cui FSE di cui FESR Impegni Pagamenti Impegni Pagamenti (a) (b) (d) (b/a) (d/a) , , , , ,06 95,20% 63,45% , , , , ,46 93,08% 69,69% , , , , , ,52 94,15% 66,55% ASSE Dati in euro Obiettivo Competitività FSE: attuazione finanziaria per asse al 31/12/2013 Contributo Totale Attuazione finanziaria 2007/2013 Impegni Pagamenti Impegni Pagamenti (a) (b) (c) (b/a) (c/a) 1 - Adattabilità , , ,45 91,01% 69,11% 2 - Occupabilità , , ,45 96,57% 72,67% 3 - Inclusione sociale , , ,07 101,47% 75,15% 4 - Capitale umano , , ,97 90,60% 67,47% 5 - Interregionalità e transnazionalità , , ,09 60,51% 38,97% 6 - Assistenza tecnica , , ,43 84,13% 61,85% TOTALE , , ,46 93,08% 69,69% 8

15 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Dati in euro Obiettivo Competitività FSE: attuazione finanziaria per intervento al 31/12/2013 INTERVENTO Contributo Totale Attuazione finanziaria 2007/2013 Impegni Pagamenti Impegni Pagamenti (a) (b) (c) (b/a) (c/a) 2007IT052PO001 - Abruzzo , , ,35 67,20% 54,04% 2007IT052PO002 - Emilia Romagna , , ,17 107,05% 78,26% 2007IT052PO003 - Friuli Venezia Giulia , , ,82 103,38% 75,53% 2007IT052PO004 - Lazio , , ,61 84,34% 59,42% 2007IT052PO005 - Liguria , , ,93 92,38% 62,26% 2007IT052PO006 - Lombardia , , ,61 90,58% 67,92% 2007IT052PO007 - Marche , , ,52 94,78% 73,24% 2007IT052PO008 - Molise , , ,11 76,70% 60,52% 2007IT052PO009 - PA di Bolzano , , ,19 104,48% 63,62% 2007IT052PO010 - P.A. Trento , , ,66 114,36% 93,87% 2007IT052PO011 - Piemonte , , ,18 98,34% 74,45% 2007IT052PO012 - Toscana , , ,28 91,42% 71,38% 2007IT052PO013 - Umbria , , ,22 80,65% 63,81% 2007IT052PO014 - Valle d'aosta , , ,99 111,05% 71,42% 2007IT052PO015 - Veneto , , ,22 91,99% 66,22% 2007IT052PO016 - Sardegna , , ,70 85,65% 71,15% 2007IT052PO017 - Azioni di Sistema , , ,90 91,30% 71,43% TOTALE , , ,46 93,08% 69,69% (1) La certificazione di spesa relativa all'ultima domanda di pagamento, pari ad euro ,05, è superiore al dato dei pagamenti di monitoraggio 9

16 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Obiettivo Competitività FESR: attuazione finanziaria per intervento al 31/12/2013 INTERVENTO Contributo Totale 2007/2013 Attuazione finanziaria Impegni Pagamenti Impegni Pagamenti (a) (b) (c) (b/a) (c/a) 2007IT162PO001 - Abruzzo , , ,00 76,89% 62,10% 2007IT162PO002 - Emilia Romagna , , ,70 111,57% 66,66% 2007IT162PO003 - Friuli Venezia Giulia , , ,57 97,05% 64,12% 2007IT162PO004 - Lazio , , ,66 83,40% 59,02% 2007IT162PO005 - Liguria , , ,55 88,56% 61,63% 2007IT162PO006 - Lombardia , , ,72 91,23% 64,26% 2007IT162PO007 - Marche , , ,55 107,42% 60,48% 2007IT162PO008 - Molise , , ,80 75,74% 58,16% 2007IT162PO009 - PA di Bolzano , , ,20 107,58% 62,22% 2007IT162PO010 - P.A. Trento , , ,59 101,11% 62,25% 2007IT162PO011 - Piemonte , , ,15 92,17% 65,94% 2007IT162PO012 - Toscana , , ,04 117,16% 68,53% 2007IT162PO013 - Umbria , , ,85 105,07% 60,39% 2007IT162PO014 - Valle d'aosta , , ,85 117,71% 62,83% 2007IT162PO015 - Veneto , , ,72 106,09% 60,81% 2007IT162PO016 - Sardegna , , ,11 83,31% 62,89% TOTALE , , ,06 95,20% 63,45% (1) La certificazione di spesa relativa all'ultima domanda di pagamento, pari ad euro ,49, è superiore al dato dei pagamenti di monitoraggio. Dati in euro 10

17 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE L attuazione distinta per Temi Prioritari Nell ambito del programmazione 2007/2013 è stata conferita particolare rilevanza a determinate tematiche atte a favorire lo sviluppo, a diminuire l impatto ambientale delle politiche industriali e ad aumentare l occupazione e la competitività dell economia europea. I Temi Prioritari puntano, infatti, ad attuare le strategie proposte dall Agenda di Lisbona, mirante, in prima istanza, a rendere quella europea l'economia basata sulla conoscenza più competitiva al mondo. E quindi possibile effettuare un analisi dei dati di attuazione, proponendone una lettura dell avanzamento finanziario vista dall angolo visuale dei Temi Prioritari definiti nei vari Programmi Operativi. Il grafico n. 1 mette a raffronto la distribuzione in percentuale del totale programmato rispetto ai pagamenti effettuati. Si evince che più del 40% delle risorse programmate per l obiettivo competitività sono state appostate per realizzare progetti che puntano alla Ricerca e all Innovazione (21,92%) e a Migliorare l'accesso all'occupazione e della sostenibilità (19,22%). A fronte di tali risorse risultano effettuati pagamenti ammissibili pari al 29,13% (15,98% Ricerca e 13,15% Migliorare l'accesso all'occupazione e della sostenibilità). Il successivo il grafico n. 2 dettaglia la voce altro che ingloba tutti i temi prioritoari che non superano la soglia dell 1,30% dei pagamenti sul totale programmato. 11

18 MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Grafico n.1 Temi prioritari Obiettivo Competitività: Temi Prioritari 25,00% 20,00% Programmato Pagamenti 19,22% 21,92% 15,98% 15,00% 11,60% 12,46% 13,15% 10,00% 5,00% 6,60% 3,82% 2,92% 1,41% 4,68% 1,98% 3,47% 2,21% 5,34% 2,85% 7,03% 3,67% 4,77% 4,07% 7,00% 7,82% 0,00% Grafico n.2 Temi prioritari Altro Obiettivo Competitività - Temi Prioritari: Altro Serie1 Serie2 2,50% 1,91% 2,03% 2,00% 1,50% 1,00% 0,50% 0,09% 0,07% 0,74% 0,15% 0,45% 0,40% 0,70% 1,29% 1,38% 1,22% 0,00% Consolidamento delle capacità istituzionali a livello nazionale, regionale e locale Mobilitazione a favore delle riforme nei settori dell'occupazione e dell'inclusione Investimenti nelle infrastrutture sociali Trasporti Cultura Turismo 12

19

20

21

22

23

24

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa N. 34 - L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa La presente nota fornisce un quadro generale e sintetico della programmazione e della

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 30 giugno 2016 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020

Supporto alle Politiche Sociali nella Programmazione nazionale e regionale 2014-2020 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia

L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia L attuazione delle politiche di coesione 2007-2013 al 30 giugno 2015: un focus sul turismo nelle politiche comunitarie in Italia Al 30 giugno 2015, i progetti finanziati dagli strumenti programmatici delle

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione -------------------- ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 La politica regionale nazionale del FAS

Dettagli

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 Direzione Affari economici e Centro Studi Ing. Romain Bocognani «I finanziamenti europei diretti ed indiretti per il settore delle

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

CONFCOMMERCIO INTERNATIONAL

CONFCOMMERCIO INTERNATIONAL LA POLITICA DI COESIONE E I SUOI STRUMENTI PER IL PERIODO 2007-2013 BRUXELLES, 28 NOVEMBRE 2006 CONFCOMMERCIO INTERNATIONAL ASBL 30 AVENUE MARNIX 1000 BRUXELLES TEL. +32 2 2896230 FAX +32 2 2896235 EMAIL

Dettagli

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia Fondi strutturali Europei Da Wikipedia I Fondi strutturali sono un complesso di interventi e di linee guida, che si traducono in appositi Regolamenti, ideati e programmati dall'unione Europea per realizzare

Dettagli

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari

Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Tipologie di Azioni attivabili con fondi comunitari Fondi Comunitari Contenuti Tipologia di azioni Programma d'azione integrato per l'apprendimento continuo 2007-2013 Nell ambito di tale programma sono

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE Cagliari 14 ottobre 2010 PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007/2013 STATO DI ATTUAZIONE DEI PO: EVOLUZIONE DAL 31/12/2009 AL 31/8/2010 STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Lanusei 6 giugno 2008 Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità Provincia di Torino Provincia dell Ogliastra Sviluppo locale orientato alle pari opportunità:

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 (ai sensi della delibera CIPE 6 agosto 2015, n.65) L anno 2016, il giorno 11 del mese di febbraio,

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E INIZIATIVE COMUNITARIE I N T R O D U Z I O N E INTERREG III Cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale volta a incentivare uno sviluppo e un assetto armonioso ed equilibrato del territorio

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

AGENZIA PER LA COESIONE TERRITORIALE. "Metodologia di Pesatura delle Posizioni" @k_

AGENZIA PER LA COESIONE TERRITORIALE. Metodologia di Pesatura delle Posizioni @k_ AGENZIA PER LA COESIONE TERRITORIALE "Metodologia di Pesatura delle Posizioni" @k_ r v 1Hl.LVS3:d IQ VIDO'lOQOl 3:W z r vss3:wt111d 1 'li:jigni l. PREMESSA Il presente documento illustra il modello di

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE D.D. 1709\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO IL DIRETTORE GENERALE VISTA la Legge 21 dicembre 1978 n. 845 recante Legge quadro in materia di formazione professionale

Dettagli

4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI

4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI 4 Convegno Nazionale I Confidi a sostegno del credito alle PMI Le politiche regionali e il Fondo Centrale di Garanzia Marco Nicolai i 18 febbraio 2010 1 Gli operatori finanziari in Italia e in Lombardia

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione delle poli che di sviluppo

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Rapporto Annuale 2007

Rapporto Annuale 2007 Rapporto Annuale 007 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sugli interventi nelle aree sottoutilizzate Appendice Tavole statistiche territoriali, cartine e note metodologiche Presentato

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa Un primo bilancio: le esperienze di successo nelle regioni italiane Tiziana Lang, MLPS-ISFOL Quadro nazionale Un anno fa

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA. Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 COMITATO DI SORVEGLIANZA Punto 3 odg Presentazione sintetica del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Giovedi, 11 Giugno 2015 Ore 10.30 Piazza Gardone Riviera Pescara - Europaurum Il POR

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita

Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita Strettamente riservato Napoli, 25 settembre 2015 Il Sud Italia: da zavorra a strumento di crescita Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014

VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione VERSIONE CONSOLIDATA DEL DECRETO DIRETTORIALE N. 1709\Segr D.G.\2014 (Il Decreto Direttoriale n. 1709\Segr D.G.\2014

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO Direzione Generale Servizio Programmazione, monitoraggio, valutazione PROT. N. 188 DETERMINAZIONE N. 9 DEL 11/01/2011 Oggetto: L. 135/2001, art. 5, comma

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3 POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME SULL ART. 1, COMMI 122 E 123, DELLA LEGGE 190 DEL 2014 (LEGGE STABILITÀ 2015) IN MATERIA

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici Cosimo Antonaci 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione (o politica regionale comunitaria) è la politica

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Le linee guida per la valutazione ex-ante. Primi elementi di discussione

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Le linee guida per la valutazione ex-ante. Primi elementi di discussione Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Le linee guida per la valutazione ex-ante. Primi elementi di discussione Iolanda Anselmo, Federica Bertamino, Oriana Cuccu UVAL DPS Roma 11

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

DAL DOCUP AL POR FESR

DAL DOCUP AL POR FESR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE 2007-2013 DAL DOCUP AL POR FESR VADEMECUM NOVEMBRE 2007 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE 2007-2013 DAL DOCUMENTO

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi del contesto 1. Il lavoro femminile in Calabria L analisi del mercato del lavoro secondo

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

74AD.2012/D.00939 25/10/2012

74AD.2012/D.00939 25/10/2012 DIPARTIMENTO FORMAZIONE, LAVORO, CULTURA E SPORT UFFICIO SISTEMA SCOLASTICO ED UNIVERSITARIO E COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE 74AD 74AD.2012/D.00939 25/10/2012 P.O. Basilicata FSE 2007-2013. Asse - V Transnazionalità

Dettagli