MONITOR STATISTICO SU INDUSTRIA E AREE DI CRISI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITOR STATISTICO SU INDUSTRIA E AREE DI CRISI"

Transcript

1 MONITOR STATISTICO SU INDUSTRIA E AREE DI CRISI MAGGIO 21

2 2

3 INDICE INTRODUZIONE INDUSTRIA E AREE DI CRISI Premessa: panorama congiunturale Le performance dell industria manifatturiera nel periodo La mappa delle aree di crisi industriale secondo l indice di crisi occupazionale L analisi grafica dei singoli indicatori L evoluzione della struttura economico-finanziaria delle imprese tra il La mappa delle gravi crisi aziendali L ANALISI DEI SETTORI MANIFATTURIERI Il quadro di sintesi Alimentari, bevande e tabacco Tessile Abbigliamento Pelli e cuoio Legno Carta Editoria e stampa Chimica Gomma e plastica Vetro, ceramica e altri materiali Metallurgia Prodotti in metallo Meccanica Macchine per ufficio Macchine elettriche n.c.a Apparecchi per le comunicazioni Apparecchi di precisione Autoveicoli Altri mezzi di trasporto Mobili e altre manifatturiere L ANALISI ECONOMICO-INDUSTRIALE PER REGIONE Il quadro di sintesi Piemonte Valle d Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna APPENDICE STATISTICA

4 INTRODUZIONE Il presente rapporto statistico semestrale elaborato dal Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione - Direzione generale per la politica industriale e la competitività del Ministero dello Sviluppo economico, con la collaborazione di Fabrizio Carapellotti e Paola Ribaldi dell Istituto della Promozione Industriale (IPI), è articolato in tre sezioni che contengono tabelle, mappe territoriali e analisi statistiche sulle aree di crisi industriale e sulle caratteristiche strutturali e dinamiche del sistema imprenditoriale italiano. L obiettivo del rapporto è quello di effettuare un costante monitoraggio statistico del tessuto industriale e delle situazioni di crisi, presentando in forma sintetica ed esaustiva le informazioni aggiornate sulla base di nuovi dati pubblicati e organizzati in database consultabili sul portale STATINDUSTRIA nel sito Nella prima sezione Industria e Aree di crisi vengono presentati i principali dati relativi alle caratterisitche dell industria manifatturiera, evidenziando sia l andamento nel periodo 2-29 degli indicatori strutturali, sia di quelli congiunturali, che di quelli economico-finanziari. Viene poi illustrata la mappa delle aree di crisi industriali (sulla base di un indice sintetico di crisi occupazionale) e la mappa delle gravi crisi aziendali trattate nell ultimo anno dal Ministero. Nella seconda sezione Analisi dei settori manifatturieri vengono presentati i principali dati sulle caratteristiche dei settori industriali, le mappe settoriali sulle aree di crisi e le prime 5 aziende in cigs nel 21 (in termini di mesi-uomo). Nella terza sezione Analisi economico-industriale per regione viene presentata prima un ampia selezione di indicatori per regione, l andamento dei principali indicatori economici per provincia e per ripartizione territoriale, poi la mappa dei sistemi locali della regione secondo l indice di crisi occupazionale, ed infine le prime 5 aziende in cigs nel 21. I risultati si riferiscono alle informazioni disponibili a febbraio 21. 4

5 1. INDUSTRIA E AREE DI CRISI 1.1 Premessa: panorama congiunturale OCSE: Alcuni segnali incoraggianti indicano una lieve ripresa economica, con un mercato del lavoro fragile e possibili turbolenze sui mercati finanziari, che sottolineano la necessità di essere cauti nel rimuovere le misure di sostegno, secondo quanto riportato nel documento Outlook economic: an interim assessment (aprile). Resta la necessità di risanare i conti pubblici e di attuare programmi di consolidamento nel medio termine in molti Paesi, anche se il consolidamento dei conti dovrebbe partire nel 211, o prima dove necessario, ed essere graduale per non minare la ripresa. Per quanto riguarda l'andamento dei prezzi il documento sottolinea come l'inflazione stia mostrando una dinamica moderata, nonostante le pressioni associate all'aumento dei prezzi delle materie prime negli ultimi mesi. Sul fronte del mercato del lavoro, gli indicatori si sono stabilizzati il tasso di disoccupazione ha raggiunto il suo picco massimo negli Stati Uniti, mentre l'aumento della disoccupazione è stato più contenuto nell'area dell'euro. La domanda privata risentirà ancora del peso della crescita lenta del credito e dalla debolezza del mercato del lavoro, mentre più in generale la crescita globale beneficia soprattutto delle buone performance di alcuni Paesi emergenti tra cui Cina, Brasile ed India. ISTAT: Timidi segnali positivi per l'economia europea e in particolare per quella italiana (maggio). Nel primo trimestre del 21 in Italia il Pil è aumentato dello,5% rispetto al trimestre precedente e dello,6% rispetto al primo trimestre del 29. Dal confronto con gli altri principali paesi della zona euro l'italia esce bene ed appare come l'economia più dinamica, sia pure in un contesto di ripresa a bassa velocità. L'Istat ha pubblicato anche i dati rivisti a partire dal 25, che confermano la recessione del 29. Il pil è diminuito del 2,9% congiunturale e del 6,5% tendenziale nel primo trimestre 29, rispettivamente dello,3% e del 6,1% nel secondo, mentre è aumentato dello,4% congiunturale e sceso del 4,7% tendenziale nel terzo ed è sceso, infine, dello,1% e del 2,8% negli ultimi tre mesi dello scorso anno. Crescita in tutti i settori L'aumento congiunturale del Pil è il risultato di un aumento del valore aggiunto dell'agricoltura, dell'industria e dei servizi. Il primo trimestre del 21 ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative del primo trimestre 29. La crescita acquisita per il 21 è pari allo,6%. 5

6 Il confronto con gli altri Il dato italiano di oggi si confronta con quelli dei partner europei e in particolare della zona euro. La crescita media nell'area della moneta unica nel primo trimestre è stata dello,2% su base congiunturale (contro una crescita pari a zero nell'ultimo trimestre del 29). Nell'intera Ue il Pil è aumentato in media dello,2%, in miglioramento rispetto allo,1% del trimestre precedente. Rispetto al primo trimestre del 29 (confronto tendenziale) il Pil è cresciuto dello,5% nell'eurozona e dello,3% nella Ue (dopo -2,2% e -2,3%). Nello stesso periodo negli Usa il Pil è cresciuto dello,8% su base trimestrale e del 2,5% su base annua. In Germania, invece, il Pil è cresciuto dello,2% nel primo trimestre e dell'1,6% su base annua. Dati che superano le attese degli analisti i quali si aspettavano crescita zero trimestrale e +1,2% annua. Nel quarto trimestre 29 è stato rivisto a +,2% (da zero) sul trimestre precedente e a -2,2% da -2,4% su base annua con una correzione quindi a -4,9% da -5% del Pil del 29. Crescita modesta in Francia L'economia francese ha registrato un rallentamento della crescita rispetto al quarto trimestre del 29. Il Pil infatti è aumento solo dello,1 nel primo trimestre contro il +,5% del trimestre precedente (comunque rivisto al ribasso). Eurostat: la produzione industriale è cresciuta a marzo rispetto al mese precedente dell'1,3% nei 16 paesi dell'area euro e dell'1,2% nell UE27. In Germania la produzione industriale è cresciuta a marzo del 2,6% rispetto a febbraio, in Francia dell 1%, invece in Italia è diminuita dello,1%. Rispetto a marzo dello scorso anno, invece, la produzione industriale è cresciuta del 6,9% nell'area euro, del 6% nell UE27, del 9,1% in Germania, e del 6,4% in Francia e Italia. Confindustria. Nonostante la crisi l'industria manifatturiera tiene e l'italia è la quinta potenza industriale. Anzi, addirittura la seconda se si guarda la produzione pro-capite (giugno 21 dal rapporto "Scenari industriali, Nuovi produttori, filiere e mercati globali ). Le imprese italiane cambiano assetto. L'Italia ha il 3,9% della produzione manifatturiera globale, ha mantenuto il distacco dalla Germania (6,5%) ma l'ha ridotto rispetto agli Usa (secondi con il 15,1% e nel 2 primi con 24,8%) e ai terzi, il Giappone (8,5% nel 2 secondi con il 15,8). Ma il nostro Paese ha aumentato il vantaggio nei confronti della Francia (settima con il 3,6%) e il Regno Unito (decimo con il 2,3). Anche se siamo incalzati dalla Corea del Sud, con il 3,6. Salda in vetta è la Cina, balzata al 21,5% dall'8,3 di nove anni fa. Ci sono altri fattori positivi: per esempio è cambiata la composizione settoriale, evidente se si guarda le esportazioni. Il made in Italy più tradizionale moda abbigliamento, arredo rappresenta oggi il 15% dell'export, mentre il 53% viene da macchine, metallurgia, autoveicoli, chimica, apparecchi elettrici. Quei beni intermedi che trainano la domanda mondiale e che ci stanno consentendo di mantenere la quota di export a 4,8% nella media

7 Si è arrestato il calo di dimensione delle imprese (dal punto di vista del valore aggiunto) che si stava verificando da anni. Questi segnali di vitalità, dice il rapporto, non bastano a mutare la lenta crescita della produzione, dovuta al contesto poco competitivo. C'è un problema forte di produttività e di competitività, sottolineando che la nostra competitività è scesa del 18% e che abbiamo perso 27 punti rispetto alla Germania. Di fronte alla concorrenza, per non perdere quote di mercato le aziende hanno eroso la redditività. Il margine operativo lordo è calato dal 33,2% del valore aggiunto nel 2 al 27,4 nel 25, fino a precipitare al 18,8% per la recessione. Le imprese hanno riorganizzato le produzioni, riportato all'interno segmenti prima esternalizzati, stanno andando su nuovi mercati, come Africa, Est Europa, Emirati. ma ancora poco presenti in Cina e altri Paesi emergenti. Per questo non basta guardare ai conti ma servono anche misure per la crescita. Per questo bisogna tagliare la spesa improduttiva, rendere più efficiente il sistema Paese: il manifatturiero pesa per il 18% del Pil. Uniocamere-InfoCamere: Secondo i dati relativi al I trimestre del 21 rilevati da Movimprese (aprile), si registra un sensibile rallentamento delle chiusure che, sempre tra gennaio e marzo, sono state di poco superiori a 139mila unità, oltre 1mila in meno rispetto al corrispondente periodo del 29. Conseguentemente, il saldo tra aperture e chiusure di imprese nei primi tre mesi dell anno si è attestato a unità, risultato che si avvicina molto a quello registrato nel 27 e che, soprattutto, dimezza quello del 29 quando il buco all anagrafe delle imprese, nei primi tre mesi dell anno, era stato di oltre 3mila imprese. Ripresa delle aperture e rallentamento delle chiusure hanno determinato l attestarsi del tasso di crescita trimestrale dello stock delle imprese al valore di,27% (contro il,5% fatto registrare nel primo trimestre dello scorso anno), portando il numero delle imprese presenti nei registri camerali a fine marzo al valore di unità. Inps: Rallentamento congiunturale in aprile per la cassa integrazione anche se la situazione continua a peggiorare nel confronto con lo scorso anno. Mentre infatti in aprile le richieste di Cig sono calate del 5,7%, il confronto con l'analogo periodo del 29 mette in evidenza un balzo del 52,9%, in gran parte attribuibile alla cassa integrazione in deroga (Cigd). Inoltre l Inps sottolinea, come più significativo, il calo per la cassa integrazione ordinaria (Cigo): - 22,5% su marzo. E ancora di più nell'industria, dove la flessione congiunturale è stata del 27,3% (nell'edilizia si è però registrato un lieve incremento: +2,3%). Un segnale preoccupante, perché è l'indicatore di chiusure o profonde ristrutturazioni aziendali, arriva invece dall'aumento della Cigs, la cassa integrazione straordinaria (+8% su base mensile, +192% sul 29). 7

8 In aprile sono state 25,6 milioni le ore di Cigd autorizzate, che valgono quasi il 25% del totale del mese (in leggero calo rispetto a marzo: -5,9%). Per circa due terzi si tratta di commercio e artigianato (19,9% e 44%) Ministero dello Sviluppo economico: Dall analisi sulla situazione dell economia reale, in base alle vertenze aziendali aperte, emergono numerosi casi di crisi strutturali. Più di 15 tavoli per gestire crisi aziendali e di settori che, nel corso dell'anno, hanno coinvolto oltre 3 mila lavoratori. È il consuntivo dell'attività della task force sulle imprese in crisi, attivato nel 29 per contenere gli effetti della congiuntura economica internazionale sul Sistema Paese e soprattutto sull'occupazione. Si è trattato di crisi che hanno riguardato tutto il territorio nazionale e con particolare intensità il Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Lazio, Marche, Campania, Abruzzo, Sardegna e Sicilia. Seppure il quadro economico stia mettendo in evidenza l'inversione delle tendenze negative del 29, restano in piedi iniziative e misure per contrastare l'onda lunga della congiuntura anche sul fronte occupazionale. Tra i tavoli di confronto su gruppi nazionali spiccano quelli su Eutelia-Agile (1.9 lavoratori a rischio), sul comparto della ceramica (15. addetti), del mobile imbottito (5.) e della Omnia Network (1. lavoratori). E per quanto riguarda la situazione nelle singole regioni si va dai 1.35 addetti coinvolti nel tavolo sulla Natuzzi Divani in Puglia agli 85 della Videocon nel Lazio, passando dai 1.1 della Bertone in Piemonte e dai 75 della Ixfin in Campania. Situazioni diverse che sono state affrontate dalla task force in sinergia con le altre istituzioni coinvolte. Sono state anche gestite le crisi di 72 gruppi in amministrazione straordinaria, come la Antonio Merloni, la Maflow, la Vinyls, Ittierre, Legler, M. Burani, Siltal e Finmek, che hanno interessato 215 imprese con quasi 4 mila dipendenti, riuscendo già a ricollocare oltre 15 mila persone. 8

9 1.2 Le performance dell industria manifatturiera nel periodo L industria manifatturiera registra in Italia un tasso medio annuo della produzione industriale paria a -3,8%, e nell'ue15 registra in media una variazione pari a -2,4%. In Germania il settore evidenzia un tasso medio annuo pari a -1,2%, in Francia è pari a -3,2%, in Spagna è pari a - 4,6%, e nel Regno Unito risulta pari a -2,7%. In particolare analizzando l'evoluzione del tasso annuo negli ultimi tre anni si osserva che in Italia si passa da 2,3% nel 27, a -3,3% nel 28, e a -18,1% nel 29. Tab.1 Andamento dell indice di produzione industriale nel manifatturiero per i paesi europei 1) Produzione industriale in Europa UE15 ITA LIA GERM ANIA FRANCIA SPAGNA R. UNITO Indici di produzione industriale (2=1) UE15 99,8 98,8 98,8 1,8 12,1 16,4 11,1 17,8 91,3 ITALIA 98,8 96,9 95,7 95, 93,7 97,3 99,6 96,3 78,8 GERMANIA 1,5 99,4 99,7 12,9 16,9 113,5 12,9 121,3 99,9 FRANCIA 1,5 98,5 96,9 98,1 98,3 99,9 11,4 98,4 85,7 SPAGNA 98, 98,1 99,3 1,7 11,1 15,4 17,6 99, 82,5 R. UNITO 98,3 95,8 95,6 97,7 97,9 99,9 1,4 97,5 87,4 Tassi annui di crescita med.6-9 UE15-1, -,1 2, 1,3 4,3 3,5-2,1-15,3-2,4 ITALIA -2, -1,2 -,7-1,3 3,8 2,3-3,3-18,1-3,8 GERMANIA -1,1,3 3,2 3,9 6,2 6,5,3-17,6-1,2 FRANCIA -1,9-1,7 1,2,2 1,7 1,5-3, -12,9-3,2 SPAGNA,1 1,2 1,4,4 4,3 2,1-8, -16,6-4,6 R. UNITO -2,6 -,2 2,2,3 2,1,5-2,9-1,4-2,7 FONTE: elaborazione IPI su dati Eurostat Il manifatturiero si compone di imprese e di addetti. Nella composizione della struttura produttiva emerge che le microimprese rappresentano il 83,9%, le piccole imprese il 13,8%, e le medio-grandi il 2,2%. In termini occupazionali si osserva che nelle microimprese si concentrano il 27,9% degli addetti, nelle piccole imprese il 32,5%, e nelle medio-grandi il 39,6%. 9

10 Dall'analisi sulla dinamica delle principali variabili strutturali si osserva che il valore aggiunto passa da milioni di euro nel 26 a nel 29, con un variazione media annua pari a - 1,5%. Il numero degli occupati, nello stesso periodo, registra un tasso medio annuo pari a -1%, e le imprese attive pari a -,3%. Per quanto riguarda la spesa in R&S si registra una variazione media annua pari a 5,9%. Tab.2 I principali indicatori strutturali e congiunturali dell industria manifatturiera 2) Il quadro strutturale Classi dimensionali Micro (1-9 addetti) Piccole (1-49 addetti) Medio-Grandi (5 e oltre) Totale FONTE: elaborazione IPI su dati ISTAT Unità locali 27 Addetti Comp.% UL 27 Comp.% Addetti 27 9,4 42,5 8,3 25,2 1,3 32,3 1, 1, Variabili strutturali Valore aggiunto (mln euro correnti) , , , , , , , , ,9 Occupati totali Imprese attive Quote di mercato 4, 4,3 4,4 4,4 4,3 4,3 4,2 4,1 n.d. Spesa per R&S (mln euro) n.d. n.d. 17,2 83,1 87,3 127,1 135,4 137,3 138,7 Tassi annui di crescita med.6-9 Valore aggiunto 7, -,3 2,6-3,2 -,2 4,8 1, 2,8 2,1 Occupati totali 1,7 1,7 3,2-2,1 2,2 1,9 1,3-4,1,3 Imprese attive 3,5 2,8 3,2 2,8 2, 1,1 2,8 1,7 1,9 Quote di mercato 7,5 2,3, -2,3, -2,3-2,4 n.d. -1,6 Spesa per R&S n.d. n.d. -22,5 5, 45,6 6,6 1,4 1, 13,7 FONTE: elaborazione IPI su dati ISTAT, ICE, Infocamere 3) I principali indicatori congiunturali - Industria manifatturiera Indicatori Produzione (indice) 15,7 13,7 11,8 12,5 1, 13,3 16,5 13,1 83,3 Fatturato (indice) 96,3 96,2 94,3 98, 1, 18,6 115,7 117,5 95,5 Ordinativi (indice) n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Prezzi alla produz. (indice) n.d. n.d. n.d. n.d. 1, 13,6 16,7 111,4 16,1 Export (indice) 91,5 9,2 88,3 95, 1, 11,9 121,7 121,4 96,3 Export (mln euro) , , , , , , , , , Import (mln euro) , , , , , , , , ,6 Saldo comm.le (mln euro) , , , , , , , , ,4 Occup. g.i. (indice) 112,3 18,5 15,3 11,9 1, 99,3 99,3 97,3 87,7 Costo lavoro g.i. (indice) 89,3 91,7 94,2 98,6 1,1 13,9 17,3 112,4 114,9 Retribuzioni l. g.i. (indice) 88,9 91,8 94,5 98,8 1,1 14,5 17,8 112,8 115,3 CIG g.i. (ore Cig/1 ore lav 15,1 19,6 24,8 27, 29,1 26,2 25,7 38,3 128,8 Variazioni % Produzione -,8-2, -1,8,7-2,5 3,3 3,1-3,2-19,2 Fatturato 1, -,1-2, 3,8 2,1 8,6 6,5 1,6-18,8 Ordinativi n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Prezzi alla produzione n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 3,6 3, 4,4-4,8 Export 5,1-1,5-2,1 7,6 5,3 1,9 9,7 -,2-2,7 Import 2,7 -,1 -,3 7,9 4,9 12, 8, -4, -19,5 Occupaz. g.i. (netto CIG) -1,8-3,3-3, -3,2-1,9 -,7, -2, -9,9 Costo del lavoro g.i. 2,2 2,7 2,8 4,7 1,5 3,8 3,3 4,8 2,2 Retribuzioni lorde g.i. 2,5 3,2 2,9 4,6 1,3 4,4 3,2 4,7 2,2 CIG g.i. 17, 3, 26,7 9, 7,6-1, -1,8 49, 236,1 FONTE: elaborazione IPI su dati ISTAT 1

11 1.3 Le mappa delle aree di crisi industriale secondo l indice di crisi occupazionale 1 Su 686 SLL si individuano 113 SLL in elevata crisi, e 136 SLL in medio-alta crisi. Le aree in elevata crisi risultano concentrate nel Mezzogiorno (con 35 SLL) e nel Nord ovest (con 33 SLL). Fig1. SLL in crisi secondo l indice di crisi occupazionale Fonte: elaborazioni su dati Istat, Ministero Lavoro, Infocamere, Italia Lavoro N.B I SLL sono riferiti al 21. L indice sintetico di crisi occupazionale è stato classificato nel modo seguente: in crisi elevata se l indice è superiore al 5% della media nazionale, in medio-alta crisi se l indice è compreso tra la media nazionale e il 5% della media nazionale, in medio-bassa crisi se l indice è compreso tra la metà della media nazionale e la media nazionale, e in bassa crisi se l indice è inferiore alla metà della media nazionale. 1 Vedi nota metodologica in Appendice 11

12 a) L indice di crisi occupazionale Tab.3 SLL per livello di crisi secondo l indice di crisi occupazionale Ripartizione Nord-ovest Nord-est Centro Mezzogiorno Regione SLL con bassa SLL con mediobassa crisi alta crisi crisi SLL con medio- SLL con elevata crisi Totale SLL Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Liguria Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia - Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord-ovest Nord-est Centro Mezzogiorno ITALIA Tab.4 SLL in elevata crisi per regione Regione 113 SLL in elevata crisi occupazionale Piemonte Alessandria, Asti, Biella, Borgomanero, Borgosesia, Casale Monferrato, Ivrea, Novara, Novi Ligure, Pinerolo, Rivarolo Canavese, Susa, Torino, Verbania, Vercelli Valle d'aosta Saint-Vincent Lombardia Liguria Albino, Asola, Bergamo, Brescia, Busto Arsizio, Chiari, Como, Lecco, Luino, Milano, Piazza Brembana, Robbio, Seregno, Sesto Calende, Varese, Vigevano Genova Trentino-Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia - Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Brunico Arzignano, Bassano Del Grappa, Castelfranco Veneto, Conegliano, Feltre, Padova, Rovigo, San Bonifacio, Schio, Thiene, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza Gemona Del Friuli, Gorizia, Maniago, Pordenone, Tarvisio, Trieste, Udine Argenta, Bobbio, Bologna, Cento, Copparo, Imola, Sassuolo Firenze, Livorno, Prato Gualdo Tadino Ascoli Piceno, Fabriano, Jesi, San Benedetto Del Tronto Cassino, Civita Castellana, Colleferro, Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Tarquinia L'aquila, Sulmona Molise - Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Agropoli, Avellino, Calitri, Caserta, Napoli, Nocera Inferiore, Salerno, Sant'Agata de' Goti, Sessa Aurunca Bari, Casarano, Ceglie Messapica, Taranto, Tricase Brienza, Matera, Pisticci, Potenza Belvedere Marittimo, Crotone, Praia A Mare, Rocca Imperiale Palermo, Patti, Riesi, Sinagra, Siracusa Cagliari, Carbonia, Macomer, Nuoro, Sassari, Siniscola 12

13 b) Le aziende e i settori in cigs in Italia nel 21 (ordinati per mesi-uomo) Le prime 5 aziende in cigs nel 21 ILVA BERCO OERLIKON GRAZIANO ELICA TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI ELECTROLUX ITALIA PLASTAL FMA SILTAL COOPERATIVA CERAMICA DI IMOLA MACHINERY ANTONIO MERLONI ITALTEL IVECO AZIMUT - BENETTI AFV ACCIAIERIE BELTRAME KME ITALY (GIA' EUROPA METALLI) VM MOTORI TELECOM ITALIA ACCIAIERIE BERTOLI SAFAU SAFILO FERROLI GRIMECA (GIA' BASSANO GRIMECA) C.F. GOMMA LORO PIANA MAC MAFLOW LEAR CORPORATION ITALIA FORALL CONFEZIONI ELETTROMECCANICA GETRAG HOTELPLAN ITALIA SILVERSTAR FABBRICA D'ARMI PIETRO BERETTA PARKER HANNIFIN THYSSENKRUPP ACCIAI SPECIALI TERNI FERCAM FERRIERE NORD INDESIT COMPANY MAGNA CLOSURES EMILCERAMICA GKN DRIVELINE BRUNICO ELCO ITALTRACTOR OPERATIONS INDUSTRIE ILPEA CARRIER BOTTO FILA IN.CO. RATTI POMPEA I primi 5 settori (3 dig.) dell'industria in cigs in Italia nel 21 DM-34.3FABBRICAZIONE DI PARTI ED ACCESSORI PER AUTOVEICOLI E LORO MOTORI DJ-28.5TRATTAMENTO E RIVESTIMENTO DEI METALLI; LAVORAZIONI DI MECCANICA GENERALE DJ-27.1SIDERURGIA DK-29.2FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE DI IMPIEGO GENERALE DK-29.5FABBRICAZIONE DI ALTRE MACCHINE PER IMPIEGHI SPECIALI DH-25.2FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN MATERIE PLASTICHE DK-29.1FABBRICAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHI PER LA PRODUZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA, ESCLUSI I MOTORI PER AEROMOBILI, VEICOLI E MOTOCICLI DB-18.2CONFEZIONE DI VESTIARIO IN TESSUTO ED ACCESSORI DN-36.1FABBRICAZIONE DI MOBILI DI-26.3FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI DB-17.2TESSITURA DC-19.3FABBRICAZIONE DI CALZATURE DK-29.7FABBRICAZIONE DI APPARECCHI PER USO DOMESTICO DB-17.3FINISSAGGIO DEI TESSILI DB-17.1PREPARAZIONE E FILATURA DI FIBRE TESSILI DH-25.1FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA DJ-28.4FUCINATURA, IMBUTITURA, STAMPAGGIO E PROFILATURA DEI METALLI; METALLURGIA DELLE POLVERI DJ-27.5FONDERIE DJ-28.7FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI METALLICI DK-29.4FABBRICAZIONE DI MACCHINE UTENSILI F -45.2EDILIZIA E GENIO CIVILE DJ-27.4PRODUZIONE DI METALLI DI BASE NON FERROSI DE-22.2STAMPA ED ATTIVITÀ DEI SERVIZI CONNESSI ALLA STAMPA DI-26.1FABBRICAZIONE DI VETRO E DI PRODOTTI IN VETRO DJ-28.1FABBRICAZIONE DI ELEMENTI DA COSTRUZIONE IN METALLO LA TELEVISIONE E DI APPARECCHI PER LA TELEFONIA DL-31.6FABBRICAZIONE DI ALTRE APPARECCHIATURE ELETTRICHE DB-17.5ALTRE INDUSTRIE TESSILI SEMIRIMORCHI DM-35.1INDUSTRIA CANTIERISTICA: COSTRUZIONI NAVALI E RIPARAZIONI DI NAVI E IMBARCAZIONI DJ-28.2FABBRICAZIONE DI CISTERNE, SERBATOI E CONTENITORI IN METALLO; FABBRICAZIONE DI RADIATORI E CALDAIE PER IL RISCALDAMENTO CENTRALE DK-29.3FABBRICAZIONE DI MACCHINE PER L AGRICOLTURA E LA SILVICOLTURA DI-26.2FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CERAMICI NON REFRATTARI, NON DESTINATI ALL EDILIZIA E DI PRODOTTI CERAMICI REFRATTARI DG-24.1FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI DI BASE DM-35.4FABBRICAZIONE DI MOTOCICLI E BICICLETTE DL-31.1FABBRICAZIONE DI MOTORI, GENERATORI E TRASFORMATORI ELETTRICI DJ-28.6FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI COLTELLERIA, UTENSILI E OGGETTI DIVERSI IN METALLO DE-22.1EDITORIA DG-24.7FABBRICAZIONE DI FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DM-34.1FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI CB-13.2ESTRAZIONE DI MINERALI METALLICI NON FERROSI, AD ECCEZIONE DEI MINERALI DI URANIO E DI TORIO DL-33.4FABBRICAZIONE DI STRUMENTI OTTICI E DI ATTREZZATURE FOTOGRAFICHE INFORMATICI DJ-27.3ALTRE ATTIVITÀ DI PRIMA TRASFORMAZIONE DEL FERRO E DELL ACCIAIO DB-17.7FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI MAGLIERIA DE-21.2FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI CARTA E DI CARTONE DI-26.6FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CALCESTRUZZO, CEMENTO O GESSO F -45.3INSTALLAZIONE DEI SERVIZI IN UN FABBRICATO DG-24.4FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI E DI PRODOTTI CHIMICI E BOTANICI PER USI MEDICINALI DN-36.2GIOIELLERIA E OREFICERIA Fonte: elaborazioni IPI su dati Ministero Lavoro 13

14 1.4 L analisi grafica dei singoli indicatori: 2 a) Mesi Uomo di CIGS nell industria (28-21) Fonte: elaborazioni IPI su dati Ministero del Lavoro 2 I SLL sono riferiti al 21. I valori degli indicatori sono stati classificati nel modo seguente: A) se il valore è superiore al 5% della media nazionale, B) se il valore è compreso tra la media nazionale e il 5% della media nazionale, C) se il valore è compreso tra la media nazionale e la metà del valore nazionale, e D) se il valore è inferiore alla metà della media nazionale. 14

15 b) Percentuale dei lavoratori in CIGS nell'industria sul totale addetti (26-21) Fonte: elaborazioni IPI su dati Ministero del Lavoro 15

16 c) Mesi uomo di CIGS (cause gravi) nell'industria (28-21) Fonte: elaborazioni IPI su dati Ministero del Lavoro 16

17 d) Percentuale dei lavoratori in CIGS gravi nell'industria (26-21) Fonte: elaborazioni IPI su dati Ministero del Lavoro 17

18 e) Mesi uomo di CIGS e mobilità in deroga totali (artigiane, industriali sotto 15 addetti, commercio e servizi) (28-21) Fonte: elaborazioni IPI su dati Italia Lavoro 18

19 f) Indice di disoccupazione (media Ripartizione) (28) Fonte: elaborazioni IPI su dati Istat 19

20 g) Indice di densità delle imprese in procedura fallimentare (media Rip.) (29) Fonte: elaborazioni IPI su dati Infocamere 2

21 h) Indice di variazione del tasso di cessazioni (28-29) Fonte: elaborazioni IPI su dati Infocamere 21

22 1.5 L evoluzione della struttura economico-finanziaria delle imprese 3 a) Le società industriali Per valutare l evoluzione della struttura economico-finanziaria delle imprese e le conseguenze sull assetto industriale del paese, sono state realizzate in questa parte alcune elaborazioni del bilancio aggregato delle società industriali analizzate dall Ufficio Studi di Mediobanca nei Dati cumulativi (Mediobanca, 29) per il decennio dal 1999 al Innanzitutto si osserva che il rapporto tra valore aggiunto e valore della produzione, indicatore del contenuto manifatturiero delle imprese, è sceso dal 22% nel 2 al 16% nel 28. Ciò porta a sostenere che nell ultimo decennio l industria italiana sia andata perdendo le proprie peculiarità manifatturiere. Al tempo stesso la vita utile degli impianti si è allungata, passando da 14 a 23 anni. Quando la vita utile si allunga, significa che le imprese fanno meno ammortamenti perché confidano in una riduzione del rischio di obsolescenza dei loro impianti produttivi. L età media, cioè l anzianità del patrimonio tecnico, è aumentata da 9 nel 2 a 15 anni nel 28; questo dato rivela che le imprese hanno fatto insufficienti investimenti di rinnovamento. Ampliando il ragionamento, il flusso di cassa entrante (utili reinvestiti più ammortamenti) cumulato nel decennio, pari a 183 miliardi, ha superato di molto quello uscente (investimenti tecnici e finanziari più la variazione dell attivo corrente netto) cumulato, pari a 143 miliardi. In generale, quando il flusso di cassa netto è negativo, vuol dire che le imprese stanno tentando una crescita superiore a quella consentita dall autofinanziamento, e viceversa quando il flusso di cassa netto è positivo, fanno meno investimenti. Il cumulo negli anni del flusso di cassa netto, pari a 4 miliardi (183 meno 143), è andato a ridurre l incidenza percentuale dell indebitamento finanziario. Infatti l indice di indebitamento delle imprese industriali è sceso da,69 nel 2 a,62 nel 26, per poi risalire nei due anni successivi e passare a,83 nel 28, per effetto di un aumento del costo del danaro. Le aziende hanno migliorato in efficienza. La gestione del magazzino, ad esempio, è stata in parte razionalizzata, essendo diminuito il numero di giorni di copertura delle scorte, in particolare da 76 nel 22 a 71 giorni nel Carapellotti F., Gallo R., (29), Struttura economico-finanziaria dell industria italiana: ruolo degli incentivi pubblici. Economia e politica industriale, 1/29. 4 Le società industriali analizzate da Mediobanca hanno un tasso di rappresentatività, misurato sul fatturato complessivo delle 46mila imprese industriali con 2 e più addetti censite dall Istat, pari al 47%. 22

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese Rapporto di ricerca a cura dell'osservatorio ICT Calabria Luglio 2013 Il Rapporto è realizzato dall Osservatorio

Dettagli