L Impresa Familiarmente Responsabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Impresa Familiarmente Responsabile"

Transcript

1 Convegno Nazionale - Roma, 4-5 giugno 2010 L Impresa Familiarmente Responsabile tra sostenibilità e competitività aziendale Roberto Sorrenti Responsabile Sviluppo e Innovazione Consorzio ELIS Maria Tringali Sviluppo e Innovazione Consorzio ELIS in collaborazione con

2 2 Agenda Il Consorzio ELIS e lo IESE Business School Perché intervenire sulla conciliazione tra lavoro e famiglia L'IFR TRA COMPETITIVITÀ E SOSTENIBILITÀ ORGANIZZATIVA LA RICERCA IFREI 2010 IN ITALIA IL GRUPPO DI STUDIO CONSEL E ALCUNI POSSIBILI INTERVENTI

3 3 Cos è il Consorzio ELIS E una scuola interaziendale nella quale i consorziati cooperano in ambiti di apprendimento, sviluppo della persona e delle organizzazioni, responsabilità sociale Nasce nel 1992, su iniziativa del Centro ELIS di Roma (attivo nella formazione dei giovani dal 1964) di cui condivide la missione della formazione integrale della persona (tecnica e comportamentale) E un ente no profit costituito da 35 grandi imprese Realizza programmi formativi d eccellenza per diplomati, studenti universitari, quadri e dirigenti d impresa

4 4 Cos è lo IESE E la Business School dell Università di Navarra, attiva dal 1958, entrata nella top five dell open executive education (secondo il ranking del Financial Time 2009). Ha un portfolio che comprende PHD, MBA, EMBA, Global MBA, AMP e molti altri programmi open e customizzati. Ha sedi a Barcellona, Madrid e New York e programmi attivi in Germania, Polonia, India. E collegata con un network internazionale di Business School, alcune delle quali ha contribuito a sviluppare negli oltre 50 anni di attività. Ha una community di circa alumni distribuiti in tutto il mondo. E attiva in diverse aree di ricerca e nello sviluppo di case study con un focus prioritario nell area del Managing People in Organization dove ha avviato diversi specifici centri d investigazione. Tra questi l International Center for Work and Family ICWF (presieduto dalla professoressa Nuria Chinchilla) che da oltre dieci anni ha elaborato l IFREI IESE Family Responsible Company Index in grado di fornire un assessment organizzativo su politiche, cultura e facilitatori della conciliazione tra vita lavorativa, familiare e personale. Nel 2008 Standford University ha dedicato il case study The power to change the workplace alla vita e l azione della professoressa Chinchilla.

5 5 Perché la conciliazione tra lavoro e famiglia La conciliazione si declina su 3 livelli: SISTEMA PAESE in termini di sostenibilità (dello sviluppo culturale e sociale) ORGANIZZATIVO in termini di competitività (Flexible & Family Responsible Organization) INDIVIDUALE in termini di equilibrio di vita (essere padroni del proprio destino)

6 L argomento negli studi di gestione aziendale IL FUTURO DELLE RISORSE UMANE IN EUROPA Boston Consulting Group & EAPM (2007)* Le aziende che vogliono raggiungere reali cambiamenti per avere un sostenibile vantaggio competitivo devono: Gestire i talenti Gestire le multiculturalità demografiche Diventare organizzazioni che apprendono (learning organization) Gestire il work-life balance Gestire il cambiamento culturale continuo * Survey among 1,355 executives from 27 countries in Europe Follow-up interviews with over 100 senior executives. 6

7 The talent model paradigm shift - Booz & Company (2009) 20 th Century Model 21 st Century Model Concentrazione in Nord America ed Europa Occidentale con forte dominanza maschile Occupazione continua in sincronia con l avanzamento di carriera Carriera lineare e a silos verticali Valutazione esclusivamente funzionale delle competenze Globalizzazione, diversità, equilibrio di genere Diversi impieghi lungo la carriera lavorativa Percorsi di carriera non lineari (laterali) Le aziende sono un insieme di competenze che possono essere usate ovunque e ogni qualvolta si renda necessario Valutazione multidimensionale delle competenze Il valore è attribuito sia sul piano tecnico e che sulla leadership Modelli di impiego full-time Interazione face-to-face sul lavoro Aspettativa (nei trentenni) per un avanzamento di carriera no ad una seconda possibilità LAVORO, FAMIGLIA e COMUNITÀ come ambiti separati Incentivi monetari centrali nella gestione della motivazione Modelli di impiego flessibili Part-time, alcune ore in specifici giorni, telelavoro, etc. Luogo di lavoro virtuale e face-to-face Ogni momento è buono per crescere finchè dura la prestazione lavorativa FAMIGLIA-COMUNITÀ-LAVORO come ambiti interconnessi Incentivi monetari e non monetari Questi ultimi possono avere un valore anche maggiore Ambiente stabile e prevedibile Cambiamenti incrementali Rigide gerarchie Ambiente dinamico ed imprevedibile Cambiamenti radicali Lavoro flessibile Fonte: Booz & Company analysis (2009) - Global Talent Innovation: Strategies for Breakthrough Performance 7

8 4. Risultati 8 L IFR (EFR ) - Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile 1. Policies 2. Facilitatori Flessibilità lavorativa Supporto professionale Leadership Comunicazione Servizi Familiari Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) L Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile (Empresa Flesible & Familiarmente Responsable - EFR ), dello IESE Business School, è un modello sistemico che permette alle persone che lavorano all interno dell organizzazione una conciliazione o armonizzazione tra lavoro, famiglia e vita personale. Tiene conto delle policies, degli elementi di facilitazione, della cultura (intesa come freni o impulsi), e dei risultati, con una prospettiva dinamica e di miglioramento continuo. Favorisce la flessibilità organizzativa, di imprese, ma anche di enti pubblici o noprofit, promuovendo modalità di lavoro in grado di conciliare i valori e i bisogni organizzativi, con la tutela del bagaglio culturale e sociale che ogni persona porta con sé.

9 4. Risultati 9 L IFR (EFR ) - Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Benefici extra-salariali Leadership Responsabilità 3. Cultura (Freni / Impulsi) Comunicazione Strategia Elemento Policies Obiettivi Definire la disponibilità e la formalizzazione di distinte policies imprenditoriali, classificate in quattro macrocategorie: flessibilità spazio-temporale del lavoro servizi familiari al personale supporto allo sviluppo professionale e personale benefici extra-salariali

10 4. Risultati 10 L IFR (EFR ) - Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Benefici extra-salariali Leadership Responsabilità 3. Cultura (Freni / Impulsi) Comunicazione Strategia Elemento Facilitatori Obiettivi Identificare come le imprese mettono in pratica le politiche di sviluppo attraverso una cultura organizzativa flessibile e responsabile e specifici aspetti di facilitazione creando un clima libero e favorevole alla conciliazione famiglia lavoro comunicando all interno e all esterno il piano di conciliazione responsabilizzando il personale incorporando nella mission aziendale la strategia di conciliazione

11 4. Risultati 11 L IFR (EFR ) - Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Benefici extra-salariali Leadership Responsabilità 3. Cultura (Freni / Impulsi) Comunicazione Strategia Elemento Obiettivi Cultura (Freni/ Impulsi) Riconoscere la presenza o assenza di practices comuni che condizionano la crescita dell organizzazione verso una cultura flessibile e responsabile. Ad esempio penalizzare chi antepone gli interessi familiari ad una proposta di mobilità geografica

12 4. Risultati 12 L IFR (EFR ) - Impresa Flessibile & Familiarmente Responsabile Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Benefici extra-salariali Leadership Responsabilità 3. Cultura (Freni / Impulsi) Comunicazione Strategia Elemento Obiettivi Risultati Misurare l impatto dei tre elementi precedenti, per stabilire aree di miglioramento continuo che consentano di sviluppare la conciliazione verso livelli superiori

13 13 Benefici organizzativi Dalle sperimentazioni ad oggi condotte si evince: MINORE RESISTENZA AL CAMBIAMENTO, un maggiore equilibrio di vita fa si che le persone si adattino più facilmente al cambiamento. Maturano una motivazione più profonda: contributiva, rispetto a quella estrinseca o intrinseca; CREATIVITÀ E CONTRIBUTO INDIVIDUALE AL PROCESSO DI INNOVAZIONE, la valorizzazione delle differenze, favorisce le complementarietà e supporta il pensiero creativo; INCLUSIONE DELLA Y GENERATION, la giovane generazione, nata nella community, vede il progetto professionale come uno dei progetti da realizzare come persone e, in molti casi, neanche il più importante; ATTRATTIVITÀ (IN TERMINI DI EMPLOYEER BRANDING) ED ENGAGEMENT, oltre alla possibilità di portare a bordo persone di talento e ridurre il livello di turnover, si può creano le condizioni per il flexible rightsizing; RIDUZIONE COSTI E AUMENTO DELLA PRODUTTIVITÀ DEI DIPENDENTI, il flexible workplace, riduce i viaggi di lavoro, i relativi costi e impatto ambientale. Promuove la cultura della performance grazie alla quale ogni persona è messa nelle condizioni di poter raggiungere a pieno il proprio potenziale; RIDUZIONE DEI TEMPI DI REINSERIMENTO DA LUNGA ASSENZA, il tempo della maternità e della malattia non è vissuto come una fase di evasione dal lavoro ma un elemento armonico della vita che la persona cerca di conciliare quanto prima con il rientro al lavoro;

14 14 Proposte e strumenti La ricerca IFREI in Italia Rilevazione 2010

15 15 L IFREI - International Family Responsible Employer Index Scopo della collaborazione tra IESE Business School e il Consorzio ELIS è stato l avvio in Italia, nel 2008, della ricerca IFREI INTERNATIONAL FAMILY RESPONSIBLE EMPLOYER INDEX. Un sistema on-line che consente alle organizzazioni (pubbliche o private) di fare un assessment rispetto a quanto favoriscono la conciliazione tra vita lavorativa e familiare. Il modello definisce quattro distinti livelli evolutivi delle organizzazioni in rapporto all ambiente aziendale e sociale: A. SISTEMATICAMENTE ARRICCHENTE possiede una cultura familiarmente responsabile B. OCCASIONALMENTE ARRICCHENTE sono presenti alcune politiche e pratiche di conciliazione C. OCCASIONALMENTE INQUINANTE sono presenti alcune politiche ma poco applicate D. SISTEMATICAMENTE INQUINANTE sono assenti politiche familiarmente responsabili Inquinante Arricchente Sistematica D A Occasionale C B

16 16 L IFREI nel mondo IFREI Global Network è l insieme dei partner che collaborano con lo IESE Business School per la diffusione del modello IFR 19 paesi 4 continenti Dal 2006 hanno partecipato circa 4200 imprese alla rilevazione IFREI nel mondo America Asia Europa Africa La ricerca IFREI consiste nella somministrazione di un questionario on-line che offre un feedback immediato. Funziona quindi come un assessment aziendale rispetto alla cultura familiarmente responsabile presente nell organizzazione. Per l Italia è sufficiente collegarsi a questo link.

17 17 L IFREI e il Dipartimento Pari Opportunità del Governo All inizio del 2009, il DPO ha affidato al Consorzio ELIS, di provvedere all adattamento dell IFREI all Italia, includendo specifici item d analisi riferiti al contesto culturale, giuridico e sociale del nostro Paese Azioni adattamento assessment IFREI - dello IESE alla cultura e legislazione italiana in materia; sensibilizzazione di imprese, organismi del terzo settore e PA all utilizzo dell assessment; elaborazione dei dati ottenuti attraverso la rilevazione e predisposizione di indicazioni su azioni da intraprendere per migliorare la conciliazione nelle organizzazioni italiane. Target Imprese, organismi del terzo settore e PA (di tutti i livelli dimensionali) operanti in vari settori che intendono conoscere lo stato di conciliazione tra lavoro e famiglia del proprio personale e condurre metodologie innovative nel processo di sviluppo organizzativo. Gruppo di lavoro (per l adattamento del questionario IFREI all Italia) L'adattamento all'italia del questionario IESE è frutto di un gruppo di lavoro composto da: Alessandra De Marco - Dipartimento Pari Opportunità Presidenza Consiglio dei Ministri Maria Pia Camusi - Responsabile Settore Lavoro del Censis Bruno Picker - Vice Presidente Consorzio ELIS Roberto Sorrenti - Responsabile Sviluppo Consorzio ELIS Enrico Squintani - Avvocato e Docente all Università Europea di Roma

18 Il campione IFREI Italia 2010 Hanno partecipato 216 organizzazioni italiane attraverso i loro HR Manager/Director Tra queste vi sono 92 PMI e124 Grandi Imprese. Solo 22 sono Pubbliche. Dal punto di vista territoriale c è un alta concentrazione in Lombardia 73 (61 sono di Milano) e Lazio 53 (50 sono di Roma) 43% GI 57% 10% PMI 4% 3% 5% 6% 7% 8% Lombardia Lazio 34% Piemonte Emilia Romagna Veneto Toscana 90% Private Pubbliche 9% 25% Abruzzo Liguria Sotto il 3% 18

19 19 L IFREI Italia 2010 I dati 2010 sono in linea con quelli 2008 Non ci sono stati progressi significativi Le IMPRESE ARRICCHENTI sono sempre il 21% del totale IFREI Italia 2010 A D 16% 2% B 19% C 63% IFREI Italia 2008 A D 3% 11% B 18% C 68% A. SISTEMATICAMENTE ARRICCHENTE B. OCCASIONALMENTE ARRICCHENTE C. OCCASIONALMENTE INQUINANTE D. SISTEMATICAMENTE INQUINANTE

20 20 L IFREI Italia 2010 Grandi Imprese e PMI Sono 92 (43%) le PMI hanno partecipato hanno preso parte alla ricerca, contro le 124 Grandi Imprese (che coprono il restante 57%). La sensibilità al tema nelle grandi imprese è maggiore, segno che stanno percependo per prime i trend internazionali sullo sviluppo organizzativo. Grandi Imprese PMI A D 2% 12% B 23% D 22% A 2% B 13% C 63% C 63%

21 21 L IFREI Italia 2010 I settori coinvolti Le imprese di SERVIZI hanno partecipato in 130 (60%) mentre quelle afferenti all INDUSTRIA sono state 86 (coprendo il restante 40%). L industria ha una sensibilità al tema di poco superiore a quella riscontrata nei servizi Industria Servizi A D 2% B 13% 21% D 18% A 2% B 18% C 64% C 62%

22 22 L IFREI Italia 2010 confronto con le rilevazioni internazionali I dati dell Italia 2010 sono ancora in dissonanza con quelli internazionali D 16% Italia A 2% B 19% C 63% Europa D 14% C 47% A 6% B 33% Africa D 10% C 28% A 20% B 42% America D 27% C 39% C 40% A 9% B 26% Asia D A 5% 10% B 45% Rispetto al nostro 21% di IMPRESE ARRICCHENTI, la media europea si attesta al 39% e quella americana al 34%. Asia e Africa sono posizionate rispettivamente al 55% e 62%

23 Totale CAMPIONE Imprese A e B ARRICCHENTI Imprese C e D INQUINANTI 23 Correlazione con gli indici economici FATTURATO UTILE NETTO ESPORTAZIONI 35,2% 29,6% 35,2% in aumento stazionario in diminuzione 37,0% 31,9% 31,0% 58,3% 13,0% 20,4% 8,3% in aumento stazionario in diminuzione non pertinente 33,3% 28,9% 37,8% in aumento stazionario in diminuzione 31,1% 33,3% 35,6% 57,8% 11,1% 22,2% 8,9% in aumento stazionario in diminuzione non pertinente 35,7% 29,8% 34,5% in aumento stazionario in diminuzione 38,6% 31,0% 30,4% 58,5% 13,5% 19,9% 8,2% in aumento stazionario in diminuzione non pertinente

24 Totale CAMPIONE Imprese A e B ARRICCHENTI Imprese C e D INQUINANTI 24 Correlazione con gli indici economici OCCUPAZIONE PRODUTTIVITÀ 38,4% 26,4% in aumento stazionario 16,7% 40,7% 35,2% in diminuzione 42,6% 11,1% 37,8% 26,7% 35,6% in aumento stazionario in diminuzione 42,2% 46,7% 38,6% 26,3% 35,1% in aumento stazionario in diminuzione 18,1% 42,7% 39,2%

25 4. Risultati Policies: 1. Flessibilità lavorativa Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) % di aziende (sul totale) che applicano in modo diffuso strumenti di flessibilità Mantenere lo stesso status lavorativo dopo una lunga assenza Sostituzione del personale in assenza prolungata Permesso di lasciare il lavoro a causa di emergenze familiari Possibilità di lavorare da casa Orario lavorativo flessibile Impegno a reintegrare il personale dopo lunga assenza Programma di ferie flessibile Video conferenze al posto di riunioni fisiche Lavoro part-time orizzontale (ovvero alcune ore al giorno) Giornata lavorativa ridotta a fronte di retribuzione minore Aspettativa retribuita (matrenità/paternità) oltre il minimo legale Permesso retribuito di maternità/parternità oltre il minimo legale Lavoro part-time verticale (alcuni giorni a settimana, al mese, all'anno) Mezza giornata libera recuperbile nei restanti giorni della settimana Permesso di assenza per assistere un familiare 84% 80% 72% 72% 64% 50% 47% 44% 31% 24% 17% 17% 14% 14% 13% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 25

26 4. Risultati 26 Policies: 2. Sostegno professionale Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) % di aziende (sul totale) che offrono in modo diffuso Sostegno professionale Counseling professionale 44% Counseling personale/famigliare 13% Assessment Center 6% 0% 20% 40% 60%

27 4. Risultati 27 Policies: 3. Servizi familiari Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) % di aziende (sul totale) che offrono in modo diffuso Servizi familiari Interventi di valorizzazione del genere dedicati ai lavoratori Formazione su temi familiari Informazioni su scuola e doposcuola Altri aspetti finanziati attraverso la legge 53/2000 Asili nido aziendali/interaziendali Formazione sulla gestione del tempo e dello stress Formazione sugli strumenti di conciliazione tra lavoro e vita privata Informazioni su centri per anziani e per handicappati Servizi di assistenza (domiciliare o sussidiaria) per i malati Palestre 15% 10% 10% 6% 5% 4% 4% 3% 23% 21% 0% 20% 40%

28 4. Risultati 28 Policies: 4. Benefici extra-salariali Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) % di aziende (sul totale) che offrono in modo diffuso Benefici extra-salariali Piano prevenzione salute per famigliari 64% Buoni pasto e altro servizio assimilabile 38% Assicurazione infortuni 31% Servizio outplacement e ricollocazione aziendale 20% Assicurazione sulla vita 19% Piano pensionistico 13% 0% 20% 40% 60% 80%

29 4. Risultati 29 Facilitatori Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) LEADERSHIP Management sensibile all importanza dell equilibrio tra lavoro e vita privata Management buon esempio di equilibrio tra lavoro e vita privata 47% 60% 53% STRATEGIA Sono state avviate delle politiche di responsabilità familiare E' stato stanziato un apposito budget per il Work-Family Balance 25% 14% 19% COMUNICAZIONE Vi è un piano di comunicazione per le iniziative di responsabilità familiare 14% 14% RESPONSABILITA' Vi è una persona designata alla funzione di Work-Family Balance 15% Esiste un supporto sindacale sul tema 13% 14%

30 4. Risultati 30 Cultura Flessibilità lavorativa Servizi Familiari 1. Policies 2. Facilitatori Supporto professionale Leadership Comunicazione Benefici extra-salariali Responsabilità Strategia 3. Cultura (Freni / Impulsi) ORARIO FRENO IMPULSO Rispetto alla disponibilità di tempo: ci si aspetta che i lavoratori portino il lavoro a casa Gli impiegati sono spinti ad andare a casa dopo una certa ora 7% 32% 20% CARRIERA FRENO IMPULSO Il rifiuto di una promozione o di un trasferimento per motivi familiari può compromettere la carriera dei lavoratori della vostra azienda Le decisione all interno della direzione HR sono prese tenendo conto della situazione personale o familiare dell impiegato 19% 66% 42% IMPEGNO FRENO IMPULSO Un lavoratore che, per motivi familiari, ha ottenuto un periodo di assenza o una riduzione dell orario lavorativo, è giudicato poco identificato con la mission aziendale Quadri e dirigenti stanno capendo quando gli impiegati danno priorità alle loro famiglie 16% 57% 36%

31 31 Problemi più frequenti riscontrati con l indagine 1 Difficoltà nel conciliare lavoro e famiglia 24% 2 I lavoratori non vogliono trasferirsi in altre città 20% 3 Assenza per motivi di stress 15% 4 Assenteismo 11% 5 I lavoratori non vogliono cambiare sede di lavoro 11% 6 Difficoltà nel trovare professionisti per ruoli chiave 10% 7 Mancanza di iniziativa del personale 8% 8 Mancanza di impegno del personale 2% TOTALE 100%

32 32 Esperienze e proposte Oltre l IFREI Esperienze e proposte

33 33 Il gruppo di lavoro delle aziende del Consorzio ELIS Il 13 maggio 2009, 11 aziende del Consorzio ELIS, assieme ad altri colleghi ed esperti, hanno avviato un gruppo di studio per: Fare sharing delle buone pratiche attive nelle organizzazioni partecipanti Discutere dell argomento attraverso un apposito blog Dare un contributo fattivo alla definizione di linee guida per una certificazione nazionale Valutare le possibilità di finanziare iniziative di conciliazione attraverso l articolo 9 della legge 53/2000 e altri strumenti legislativi Studiare i vantaggi del modello Impresa Familiarmente Responsabile ACEA, ALMAVIVA, AMA, ENEL, ENI, HP, IBM, POSTE ITALIANE, RAI, TELECOM ITALIA, VODAFONE AIDP, CENSIS, HRC, INAIL, INPS, FAMILIARIA, MANAGER ITALIA, STUDIO EQUALITAS, UNILEVER, UNIVERSITA' EUROPEA

34 34 Gli incontri maggio 2009 Avvio gruppo di lavoro Scambio di esperienze e buone pratiche tra le aziende Avvio riflessione sui vantaggi e vincoli dell adozione del modello Impresa Flessibile e Familiarmente Responsabile Avvio del blog 7 luglio 2009 Riflessioni sullo stato dell arte in Italia Presentazione della certificazione Family Friendly attiva a Trento e Bolzano Presentazione degli strumenti di finanziamento dell articolo 9 legge 53/

35 35 Gli incontri gennaio 2010 Conferenza stampa della Prof. Isabella Rauti per la presentazione dell IFREI Italia, a seguito dell adattamento del gruppo di esperti coinvolti dal Dipartimento Pari Opportunità del governo Presentazione di pratiche eccellenti delle aziende del Consorzio ELIS 20 Aprile 2010 Workshop sui finanziamenti del bando "Flexicurity di genere della Regione Laziowww.portalavoro.regione.lazio.it Gruppi di lavoro per la definizione di progetti d intervento organizzativo secondo il modello IFR e di servizi ad esso connessi

36 36 NCH&Partners e il Consorzio ELIS Nuria Chinchilla & Partners è una società di consulenza specilizzata nella gestione e nello sviluppo di organizzazioni e persone. E composta da una equipe di consulenti senior che apportano a organizzazioni e persone soluzioni efficaci per la loro integrazione, sviluppo e soddisfazione; aiutandoli ad ottenere l armonia tra vita lavorativa, vita familiare e vita personale. Offre un ampio porfolio di prodotti e servizi tra cui: Servizi per la conciliazione nell impresa e nelle PA Servizi per la gestione del capitale manageriale Servizi per la gestione dei team e delle persone Servizi per la gestione della cultura imprenditoriale Certificazione IFR Impresa Familiarmente Responsabile Consulenza per la direzione del personale e organizzazione Ha attivato una serie di partnership internazionali in Europa e America. Il Consorzio ELIS è il partner italiano Tra i clienti annovera:

37 37 La proposta Avviare una consulenza professionale per l implementazione di un modello di gestione familiarmente responsabile (IFR) Is Your Company Family Responsible?

38 38 Le fasi di un progetto IFR FASI DI UN PROGETTO DI CONCILIAZIONE Analisi e diagnosi Definizione processi e politiche d intervento Elaborazione Piano Integrale di Conciliazione Implemetazione e valutazione DETTAGLIO DELLE FASI DI LAVORO 1. Raccolta delle informazioni aziendali 2. Lavoro sul campo (questionari, focus group, ecc.) 3. Analisi delle necessità di conciliazione 4. Condivisione della diagnosi 5. Definizione processi e politiche d intervento 6. Validazione del sistema di gestione 7. Elaboraizone del Piano Integrale di Conciliaizone 8. Approvazione PIC 9. Implemetazione PIC 10. Valutazione E fondamenteale la figura del responsabile di progetto Le fasi 4, 6 e 8 prevedono l approvazione del management

39 39 Esempio di progetto IFR FASI DI UN PROGETTO DI CONCILIAZIONE Analisi e diagnosi Definizione processi e politiche d intervento Elaborazione Piano Integrale di Conciliazione Implemetazio -ne e valutazione GESTIONE RIENTRO MATERNITA Coaching responsabile diretto Tutorship e aggionamento donna che rientra Attivazione Asilo nido Attivazione call center servizi famiglia Valutazione efficacia e impatto organizzativo

40 40 Esempio di progetto IFR FASI DI UN PROGETTO DI CONCILIAZIONE Analisi e diagnosi Definizione processi e politiche d intervento Elaborazione Piano Integrale di Conciliazione Implemetazio -ne e valutazione FLEXIBLE WORKPLACE & TELELAVORO (Job sharing, job rotation, part time flessibile) Coaching responsabile diretto Predisposizione della piattaforma di virtual working e knowledge sharing Tutorship e addestramento Valutazione efficacia e impatto organizzativo Attivazione servizi caring a favore di familiari disabili, anziani, adolescenti Predispozione postazione di telelavoro in sicurezza

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000

Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Focus Isfol Conciliare famiglia e lavoro: un aiuto dai fondi Articolo 9 della Legge 53/2000 Donatella Gobbi ISSN: 1974-4986 collana Focus Isfol numero 2009/2 dicembre www.isfol.it tema coesione sociale

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

EXECUTIVE MBA LA VERA IMPRESA SEI TU. www.emba.it

EXECUTIVE MBA LA VERA IMPRESA SEI TU. www.emba.it EXECUTIVE MBA LA VERA IMPRESA SEI TU www.emba.it Favorendo valori quali imprenditorialità, innovazione, merito, impegno ed eccellenza, al MIB crediamo fermamente nell importanza di aiutare le persone a

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli