³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD"

Transcript

1 63((&+ 'LVFRUVRGL5RPDQR3URGL Presidente della Commissione Europea ³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD Instituto de Empresa 0DGULGIHEEUDLR

2 È un grande onore per me ricevere il diploma di MBA Honoris Causa dall'instituto de Empresa. Mi fa particolarmente piacere, perché l'istituto svolge un ruolo importante nalla promozione della cultura e dell'iniziativa imprenditoriale in Spagna. L'istituto è chiaramente uno dei leader europei e mondiali nel campo dell'imprenditorialità sin dalla creazione del Dipartimento di Studi di Impresa circa 20 anni fa. La sua attività, fra l'altro, gli è valsa la partecipazione al prestigioso programma Global Entrepreneurship Monitor. Come hanno sottolineato Zoltan Acs e David Audretsch, due autorità accademiche del settore recentemente insignite dell'international Award for Entrepreneurship and Small Business Research, il ruolo dell'impresa è radicalmente cambiato nell'ultimo mezzo secolo. Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, sembrava che il ruolo dell'impresa dovesse affievolirsi. Oggi, dal mondo degli affari provengono segnali che indicano invece una rinascita dell'imprenditore. Personalmente concordo con chi sostiene che, nonostante il crollo delle imprese tecnologiche le cosiddette dotcom ci sono buone ragioni per credere che questo nuovo corso delle imprese non si esaurirà nel prossimo futuro. Negli anni '60 e '70 è sembrato per un certo periodo che il settore industriale si sarebbe concentrato nelle mani di poche società di dimensioni gigantesche. Era opinione corrente che le economie di scala globali avrebbero inevitabilmente prodotto la scomparsa delle piccole e medie imprese e che sarebbero sopravvissute solo quelle ad altissima specializzazione. Alcuni temevano questi sviluppi, molti altri guardavano alla crescente concentrazione industriale con occhio benevolo. Non solo si riteneva che la grande impresa fosse più efficiente, ma essa veniva considerata il motore dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione. Tali opinioni derivavano in gran parte dal pensiero di Schumpeter, espresso nel 1942 nel suo classico Capitalismo, Socialismo e Democrazia. Nel testo, Schumpeter affermava che: "ciò che abbiamo finito per accettare è che la grande impresa è diventata ormai il motore più potente del progresso." In Europa, molti opinion leader non temevano tanto la tendenza verso aziende di dimensioni gigantesche quanto il fatto che l'europa rischiava di perdere terreno rispetto agli Stati Uniti. Sospinta da opere come The American Challenge di Servan-Schreiber, la politica industriale europea ha cercato di creare super-imprese le cui dimensioni consentissero loro di competere con quelle degli Stati Uniti. L'inversione di tendenza e la frammentazione delle grandi imprese è iniziata negli anni '80 come conseguenza della concorrenza internazionale, di certi sviluppi tecnologici e della politica dei governi. Ancora una volta, tuttavia, le imprese americane si sono adattate ai cambiamenti più rapidamente di quelle europee. In un lavoro seminale pubblicato alla metà degli anni '80, il mio vecchio amico Alexis Jacquemin, anch'egli economista industriale, ha lanciato una prima salva di critiche alla politica industriale degli anni '60. Assieme a Paul Geroski, Jacquemin sosteneva che le nuove super-imprese non davano luogo a nuova efficienza competitiva in Europa. Anzi, la creazione di un gruppo di imprese con una grande presenza sul mercato proteggeva le stesse dalle forze di selezione del mercato: "è probabile che questa politica abbia consegnato all'europa una popolazione di pigri giganti industriali" male attrezzati a dare inizio ed a rispondere alle trasformazioni economiche. 2

3 Nel corso degli anni '80 e '90, la politica europea è riuscita in gran parte a consolidare il processo competitivo in cui operano le imprese europee. Grazie al programma del mercato unico e ad una vigorosa politica anti-trust e sulle fusioni, le barriere all'entrata dei mercati industriali europei hanno cominciato ad abbassarsi. Inoltre, le forze della globalizzazione e dello sviluppo tecnologico hanno posto le società europee sotto una maggiore pressione competitiva. Se da una parte la concorrenza fra le imprese europee attualmente in attività è indubbiamente aumentata a causa della globalizzazione, dello sviluppo tecnologico e delle politiche europee, l'europa segna ancora il passo nella creazione di nuove imprese, in altri termini dell'imprenditorialità. Le nostre lacune nel campo dell'imprenditorialità devono essere affrontate seriamente, in quanto esistono prove ridondondanti che la chiave della crescita economica e dello sviluppo della produttività è la capacità imprenditoriale di un'economia. Ad esempio, studi recenti da parte di David Audretsch e Roy Thurik dell'ocse dimostrano che la crescita dell'attività imprenditoriale tende a produrre un successivo aumento dei tassi di sviluppo ed una riduzione della disoccupazione. L'imprenditorialità è un fenomeno dinamico e complesso. La coesistenza di molti approcci che provengono da diverse discipline quali l'economia, la psicologia, la sociologia, l'antropologia, o gli studi regionali ne dimostrano la ricchezza e la complessità. L'imprenditorialità è di difficile quantificazione per sua stessa natura. Alcune ricerche utilizzano dei sondaggi per misurare la percentuale di individui che cercano di avviare una nuova attività o che lo hanno appena fatto. Altri invece guardano alla percentuale di lavoratori in proprio sulla popolazione attiva, alla preferenza dichiarata per le attività in proprio, o infine alla proporzione dell'attività economica imputabile alle piccole imprese. Qualsiasi definizione di imprenditorialità si voglia adottare, è utile distinguere fra l'imprenditorialità reale e quella latente, che è un indice della volontà di intraprendere un'attività imprenditoriale date le condizioni "giuste". Secondo la ricerca internazionale più estesa e recente, il livello reale di imprenditorialità nell'unione Europea è pari a circa la metà di quello degli Stati Uniti. Nel 2001 Global Entrepreneurship Monitor si legge che solamente il 7% degli adulti europei di età compresa fra i 18 e i 64 anni sta per avviare una nuova attività o l'ha appena fatto. Il tasso prevalente negli Stati Uniti è invece del 12%. Un divario analogo separa l'unione Europea e gli Stati Uniti per quanto riguarda l'imprenditorialità latente. Secondo i dati di un sondaggio condotto per conto della Commissione Europea nel settembre 2000, la percentuale di individui che, se potessero scegliere, deciderebbero di essere lavoratori in proprio piuttosto che dipendenti è del 50% nell'ue e del 70% negli Usa. Non c'è dubbio quindi che, nel complesso, l'imprenditorialità nell'unione Europea è più arretrata che negli Stati Uniti. Occorre però osservare che la situazione è molto più complessa di quanto appaia a prima vista. Dobbiamo introdurre due altre dimensioni. In primo luogo, è chiaro che l'unione Europea non è un insieme omogeneo. Il livello reale di imprenditorialità varia enormemente fra i paesi dell'unione. Secondo il 2001 Global Entrepreneurship Monitor, la percentuale di adulti che sta per avviare una nuova attività o l'ha appena fatto va da meno del 5% in Belgio a oltre il 10% in Irlanda ed Italia. Lo spirito imprenditoriale registra un divario simile. 3

4 In secondo luogo, anche all'interno dei singoli paesi, il livello di imprenditorialità varia enormemente da regione a regione. Si prenda ad esempio la regione di Bologna in Italia, dove ho vissuto e insegnato Organizzazione industriale per gran parte della mia vita. Come ha osservato Michael Porter oltre un decennio fa nel suo The Competitive Advantage of Nations, la provincia di Bologna è un caso di estremo successo di diversi distretti geografici. Ad esempio, nella regione di Bologna si trova la maggior parte dei produttori italiani di macchinari per il packaging e per la trasformazione alimentare. Molte imprese che si trovano nella cosiddetta Packaging Valley sono state fondate o dai collaudatori o dai progettisti delle macchine stesse. Questi individui di solito provengono da un ridottissimo numero di società incubatrici e sfruttano le loro conoscenze tecniche per mettersi in proprio. L'esperienza accumulata nel passato ha consentito a questi nuovi imprenditori di operare all'interno di una complessa rete di contatti personali con gli altri produttori, con i clienti potenziali e con i fornitori più innovativi. Per fortuna l'europa ha una lunga tradizione di distretti geografici di grande successo. In tutta l'unione, abbiamo molte regioni nelle quali l'imprenditorialità industriale fiorisce grazie alla concentrazione di produttori rivali, fornitori esperti e consumatori esigenti. Tuttavia abbiamo bisogno di molti altri distretti di questo tipo, in modo particolare nei settori dell'alta tecnologia. Silicon Valley è un'esperienza unica per molti versi ed è certamente il distretto ad alta tecnologia di maggior successo che il mondo abbia visto nei decenni passati. Come molti hanno osservato, la combinazione di domanda locale e di abilità tecniche e manageriali da parte delle principali imprese ha dato a Silicon Valley un vantaggio senza precedenti. A sua volta tale vantaggio ha sostenuto il primato degli Usa in molti settori di ciò che ora chiamiamo la tecnologia dell'informazione. Data l'unicità dell'opportunità tecnologica e i vantaggi derivanti dal fatto di essere stati i primi a sfruttarla, è sempre apparso improbabile che l'esperienza di Silicon Valley si potesse replicare altrove. Eppure si conta un certo numero di successi al di fuori di Silicon Valley o degli Stati Uniti.Un approccio particolarmenteriuscito è stato lo sviluppo di capacità che sono complementari piuttosto che competitive a quelle di Silicon Valley. Molte imprese asiatiche hanno mosso i primi passi come assemblatori a basso costo di prodotti americani per poi sviluppare una conoscenza propria nella progettazione e nella costruzione dei prodotti. In Irlanda è stato seguito un percorso in qualche modo diverso. Molte imprese ad alta tecnologia sono state fondate da imprenditori locali che avevano iniziato come dipendenti di società irlandesi controllate dagli Stati Uniti. Un altro approccio più difficile è stato lo sviluppo di segmenti del mercato delle tecnologie dell'informazione che non erano ancora dominati dalle grandi imprese americane. Questa è la strategia seguita dalla Nokia in Finlandia e dalla Ericsson in Svezia. I loro successi nella telefonia mobile hanno contribuito alla creazione di due vitali distretti attorno a Oulu in Finlandia e a Stoccolma che hanno attratto moltissime nuove imprese e gli investimenti di imprese straniere. Questi esempi dimostrano che le regioni europee sono in grado di sviluppare dei distretti nuovi e ad alta tecnologia. 4

5 Vediamo quindi che nonostante il nostro livello di imprenditorialità nel complesso insoddisfacente, le prospettive non sono poi nerissime per l'europa. Anzi, le condizioni strutturali che influenzano l'imprenditorialità stanno certamente migliorando all'interno dell'unione. Vorrei suggerire a questo punto, rischiando certo di generalizzare, che esistono due campi di forze che influiscono sul livello di attività imprenditoriale nelle nostre società. Il primo, quello più difficile da influenzare, riguarda l'ambiente socioculturale in senso lato, i principi che trasmettiamo ai bambini e agli studenti in famiglia o a scuola. Uno degli ostacoli principali all'imprenditorialità in molti paesi dell'unione è ancora un alto livello di avversione al rischio e la preferenza verso un reddito stabile. Contemporaneamente è ancora piuttosto basso il livello di accettabilità sia del successo che dell'insuccesso imprenditoriale. Avviare una nuova impresa dopo un fallimento viene spesso guardato con sospetto nel nostro continente. È stato osservato che: "se fondi una società a Londra o a Parigi e poi fallisci, ti sei giocato il futuro; se lo fai a Silicon Valley e penseranno solamente che hai imparato tutto ciò che serve ad un imprenditore. Modificare la struttura di valori e le motivazioni nella nostra società, ovviamente, è un lavoro di lungo periodo. Il compito ricade in parte sul sistema educativo. Nelle scuole di tutti i livelli dobbiamo dare più importanza ai valori imprenditoriali quali la creatività, l'assunzione di rischi e la responsabilità personale. In Olanda è in corso un esperimento interessante. Nel 2000 il Ministero degli affari economici e il Ministero dell'istruzione hanno varato una commissione sull'imprenditorialità e l'istruzione. Lo scopo è assicurare che la scuola svolga un ruolo attivo nella promozione dello spirito imprenditoriale. Il secondo campo di forze che influenza il livello di imprenditorialità nelle nostre società è di natura più immediata e, credo, più facile da trattare e modellare. Riguarda l'insieme di regole che governano le condizioni strutturali e il rendimento dell'attività imprenditoriale.tali regole sono direttamente influenzabili dalle decisioni politiche. E questo è un campo nel quale le istituzioni europee svolgono un ruolo vitale. L'Europa offre molti esempi di imprenditori di successo ma occorre che questi esempi si moltiplichino. Fra i responsabili politici c'è un sostanziale consenso sul fatto che la creazione e lo sviluppo di nuove imprese sia un fattore essenziale per il rinnovamento del tessuto economico europeo. La Commissione Europea svolge un ruolo importante in questo processo. Abbattendo le vecchie barriere nazionali e mettendo al loro posto nuove regole comuni, la missione economica della Commissione è la costruzione di uno spazio economico vasto e vitale a sostegno dell'impresa. Negli scorsi dieci anni è stato fatto molto. Nel 1992 si è realizzato il sogno di un mercato unico europeo. Nella maggior parte dei mercati dei prodotti, mercati nazionali frammentati hanno lasciato il posto a mercati autenticamente pan europei. Il mercato unico è importante non solo perché offre maggiori opportunità per le economie di scala, ma anche perché aumenta la concorrenza. Contemporaneamente, grazie alla nostra diversità cultura e di gusto, il mercato unico non rischia di diventare omogeneo. Questo mercato europeo unificato ma diversificato rappresenta una grande opportunità per gli imprenditori. La concorrenza e le diversità sono un impulso ed una fonte di innovazione, mentre la sua unità fornisce uno sbocco favorevole ai nuovi prodotti. 5

6 Negli scorsi dieci anni la Commissione ha sostenuto con forza l opinione che una politica di concorrenza attiva è una componente vitale di un mercato unico ben funzionante. Come tutti sanno, la politica di concorrenza dell'europa è concepita soprattutto per assicurare che il mercato unico si traduca nel massimo dei benefici per i consumatori europei. Per questo motivo abbiamo regole severe per la tutela delle forze di mercato contro le restrizioni e le distorsioni da parte degli Stati membri ad esempio sotto forma di aiuti di Stato e da parte dei grandi operatori economici. Tuttavia, una politica di concorrenza vigorosa va anche a beneficio delle piccole e medie imprese che sono la principale fonte di innovazione e di nuova occupazione in Europa. A causa del loro limitato potere di mercato, le piccole e medie imprese sono più esposte al comportamento anti competitivo dei governi e delle imprese più grandi, che possono adottare anche esse azioni anti competitive. Le piccole e medie imprese più intraprendenti hanno un forte interesse verso una politica di concorrenza vigorosa. Per questo motivo le imprese nuove o di recente istituzione cercano di mettere in pratica idee imprenditoriali che sono spesso in conflitto con gli interessi delle società più grandi e potenti. Il mese scorso si è realizzato un altro vecchio sogno. Con l'introduzione delle monete e delle banconote in euro, coronata da un grande successo, in Europa la nostra moneta è finalmente "entrata nel quotidiano". Con entusiasmo e decisione l'euro è diventato la moneta per oltre 300 milioni di cittadini europei. Un grande risultato. Possiamo tutti essere fieri del nostro successo che dimostra la capacità dell'europa di accettare il cambiamento. La moneta unica ha eliminato l'incertezza dei tassi di cambio all'interno della zona dell'euro. Ricordiamo l'instabilità dei tassi di cambio in Europa anche solo all'inizio degli anni '90. Ho ricordi dolorosi dei giorni in cui l'italia e la Spagna dovettero abbandonare il meccanismo di cambio e vennero accusate di praticare la svalutazione concorrenziale. Ricordo bene ciò che questo fatto significò per il mercato unico e per gli investimenti in Europa. Grazie al cielo tali episodi sono ora relegati nel passato! L'euro ha prodotto anche la stabilità dei prezzi, specialmente in paesi come l'italia e la Spagna che fino a poco tempo fa presentavano tassi di inflazione abbastanza alti. Grazie al consolidamento della finanza pubblica compiuto in preparazione all'euro e grazie alla politica della Banca centrale europea, i nostri due paesi godono ora di tassi di inflazione molto inferiori. L'euro è e rimarrà una valuta stabile. La Commissione, come ha dimostrato la settimana scorsa, è impegnata in pieno a svolgere la sua parte nell'attuazione del patto di stabilità e crescita in modo da assicurare la solidità delle finanze pubbliche e garantire la stabilità dell'euro. Contate pure su di noi! Il mercato unico, una decisa politica di concorrenza e la stabilità prodotta dall'euro rappresentano i tre cardini dello sviluppo dell'imprenditorialità europea. Tuttavia non possiamo nasconderci il fatto che esistono ancora alcune importanti barriere che ostacolano le nostre imprese più innovative. Consentitemi di puntare il dito su tre di esse. In primo luogo esistono ancora troppe barriere all'ingresso per le nuove imprese, specialmente nel settore dei servizi. 6

7 Ciò è particolarmente preoccupante in quanto i servizi sono la chiave della creazione di occupazione in Europa. In questo aspetto il confronto con gli Stati Uniti è particolarmente illuminante. Nel 1975, il tasso di occupazione era di circa il 64% nell'unione europea e del 63% negli Stati Uniti. Alla fine degli anni '90, il tasso americano era cresciuto al 74% mentre in Europa era sceso al 61%. Lo scarto si deve interamente all'aumento dell'occupazione nel settore dei servizi negli Stati Uniti. Una recente ricerca che ha interessato la Banca mondiale ed è stata condotta da Rafael La Porta e Andrei Shleifer dell'università di Harvard ha analizzato ciò che i governi chiedono agli imprenditori prima che questi possano avviare una attività. I ricercatori hanno scoperto che in molti paesi dell'unione Europea, un imprenditore deve attendere oltre 50 giorni e pagare più di dollari per ottenere tutti i permessi necessari. Negli Stati Uniti invece si possono portare a termine le pratiche in soli quattro giorni con un costo di 200 dollari! Per fortuna anche in Europa ci sono esempi positivi, segnatamente il Regno Unito, la Danimarca e la Svezia. In secondo luogo, la crescita delle società imprenditoriali è frenata dalla mancanza di un mercato di capitali europeo veramente integrato. In particolare, l'europa è assai più arretrata degli Stati Uniti nel campo del capitale di rischio. Nel 2000 la quota di capitale di rischio effettivamente investito rispetto al PIL è di quasi l'1% rispetto allo 0,2% nell'unione Europea. Non occorre che mi diffonda sull'enorme importanza di questa fonte di finanziamento per il sostegno di un ambiente favorevole per gli imprenditori e le aziende. Posso ricordare invece due esperienze importanti. La prima riguarda la straordinaria performance dell'economia americana nel corso degli anni '90 che è cresciuta su una interazione dinamica fra l'innovazione, la tecnologia e il capitale di rischio. Da sola, nessuna di queste tre condizioni sarebbe stata sufficiente per rafforzare e sostenere la crescita economica, insieme tuttavia hanno creato le circostanze necessarie alla crescita. Un secondo esempio in cui la presenza di capitale di rischio è stata cruciale per la leadership degli Stati Uniti è nel campo delle biotecnologie. Qui il capitale di rischio ha finanziato gli imprenditori accademici; un gran numero di PhD che ha finito per lavorare per le imprese finanziarie che fornivano questo capitale. Fortunatamente anche in Europa negli ultimi anni il capitale di rischio inizia ad affluire verso le piccole imprese di biotecnologia. La terza questione di cui intendo parlare è il problema della diffusione dell'innovazione attraverso i confini interni dell'unione. L'Unione è fortissima per quanto riguarda la ricerca accademica e di base, ma i ricercatori e le imprese europei non capitalizzano a sufficienza la conoscenza nelle tecnologie di punta. Il problema risiede in parte nella mancanza di integrazione dei mercati finanziari e dei capitali di rischio. L'assenza di un brevetto comunitario è anche essa un ostacolo per le imprese più innovatrici. Voglio aggiungere un'ultima cosa. Sono convinto che dare regole più efficienti e trasparenti al mondo degli affari sia essenziale per garantire la crescita armoniosa delle imprese europee. Ciò non significa armonizzare i nostri diversi regolamenti, significa piuttosto apprendere l'uno dall'altro e migliorare un po' tutti. 7

8 I leader europei sono perfettamente consapevoli che queste importanti barriere continuano a frenare le imprese innovatrici. Due anni fa, al Consiglio europeo di Lisbona, i capi di Stato e di governo si sono impegnati su un ambiziosa agenda di riforme che prevede, fra l altro, la rimozione di questi ostacoli. Come sapete, lo scopo della strategia di Lisbona è la trasformazione dell'europa nell'economia fondata sulla conoscenza più dinamica del mondo entro il L'obiettivo di Lisbona è molto ambizioso ed occorre fare molto e molto in fretta per garantire il raggiungimento dell'obiettivo. La Commissione europea ha esposto le proprie idee sullo stato di avanzamento delle priorità per il 2002 in una relazione approvata poche settimane fa. La relazione verrà presentata il prossimo mese al Consiglio europeo di primavera a Barcellona. Allo stato dei fatti, la Commissione ha identificato tre aree prioritarie sulle quali il Consiglio europeo di Barcellona dovrà dare un impulso deciso all'azione: portare avanti lo sviluppo delle politiche dell'occupazione, con particolare riguardo alle riforme del mercato del lavoro. Estendere le riforme e gli investimenti nei principali settori di rete nonché accelerare l'integrazione dei mercati finanziari tramite l'istituzione di una buona struttura di regolamentazione. Aumentare gli investimenti nella conoscenza e adottare un approccio integrato a favore della ricerca e dell'innovazione. Credo fermamente che questa strategia ad ampio spettro consenta di rafforzare le ambizioni imprenditoriali dell'europa e le possa tradurre in realtà. A Barcellona chiederò pertanto ai capi di Stato e di governo di raggiungere un accordo politico in questi campi. Chiederò anche che, tramite la loro azione di governo, diano corso alle riforme sulle quali esiste già un accordo di principio ma che non sono state ancora convertite in legge. Grazie. 8

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità Strategia europea dell'occupazione Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità La sfida dell'occupazione per l'europa L'Unione europea costituisce attualmente

Dettagli

CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 21 novembre 2008 (28.11) (OR. en) 16206/08 EDUC 272 JEU 111 SOC 717 MI 483

CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA. Bruxelles, 21 novembre 2008 (28.11) (OR. en) 16206/08 EDUC 272 JEU 111 SOC 717 MI 483 CO SIGLIO DELL'U IO E EUROPEA Bruxelles, 21 novembre 2008 (28.11) (OR. en) 16206/08 EDUC 272 JEU 111 SOC 717 MI 483 RISULTATI DEI LAVORI del: Consiglio "Istruzione, gioventù e cultura" n. doc. prec.: 14857/08

Dettagli

Italia: politiche e aspetti chiave

Italia: politiche e aspetti chiave Studi dell'ocse sulle PMI e sull imprenditorialità Italia: politiche e aspetti chiave La traduzione per estratto della sintesi è stata curata dalla Sezione linguistica italiana. Titolo originale: OECD

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona JOSÉ MANUEL DURÃO BARROSO HA STUDIATO LEGGE ALL UNIVERSITÀ DI LISBONA ED HA CONSEGUITO UN MASTER IN SCIENZE POLITICHE

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 15.4.2015 2014/2236(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO CLASSE I B RELATORI: GIANMARCO GRONELLI, AGNESE STAFUZZA, MATILDE CONTESSA, GIULIA CRISCITIELLO, MARTINA LOTITO. RICERCA E INNOVAZIONE CRESCITA

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

L'impatto economico della regolamentazione nel settore delle professioni liberali in diversi Stati membri

L'impatto economico della regolamentazione nel settore delle professioni liberali in diversi Stati membri L'impatto economico della regolamentazione nel settore delle professioni liberali in diversi Stati membri La regolamentazione dei servizi professionali Iain Paterson, Marcel Fink, Anthony Ogus et al. Sintesi

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione 1.2 Il quadro di riferimento europeo: obiettivi, strategie, raccomandazioni La scelta di inserire un breve approfondimento che estenda l analisi di contesto alla dimensione europea è stata dettata da più

Dettagli

e-learning Pensare all'istruzione di domani

e-learning Pensare all'istruzione di domani 1 COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE e-learning Pensare all'istruzione di domani Introduzione Durante il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi nei giorni 23 e 24 marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo,

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 2 L Unione Doganale e il Mercato Unico La prima grande politica europea

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico

Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico Impresa, Imprenditore, Imprenditorialità: modelli e scenari Serena Cubico Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e

Dettagli

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

Eurobarometro standard 80. OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA Autunno 2013 RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Eurobarometro standard 80. OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA Autunno 2013 RAPPORTO NAZIONALE ITALIA Eurobarometro standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA Autunno 2013 RAPPORTO NAZIONALE ITALIA Questo sondaggio è stato commissionato e coordinato dalla Commissione europea, Direzione generale

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti LIBRO VERDE Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile I punti salienti Nell ottica di migliorare i pagamenti elettronici (tramite carta di credito, internet

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici Politica dell Unione europea per le PMI Prof.ssa Ernestina Giudici Un inquadramento generale! Uno Small Business Act (SBA) per l Europa! Migliorare il contesto imprenditoriale! Promuovere l imprenditorialità!

Dettagli

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative

Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative INDEX 1. Base legale...3 2. Programmi cultura...3 2.1 Cultura 2007...3 3. Agenda europea per la cultura...4 4. Industrie Creative...6 4.1 Libro

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per la cultura e l'istruzione 14.4.2015 2015/2006(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla promozione dello spirito imprenditoriale nei giovani attraverso l'istruzione

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Provincia Regionale di Messina

Provincia Regionale di Messina Provincia Regionale di Messina Gabinetto di Presidenza EUROPANEWS Newsletter redatta a cura dell Ufficio Europa e Politiche Comunitarie 26 Novembre 2013 L'UE aiuta gli artisti europei a conquistare un

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca INTERVISTA L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca Gabriele Catania 10 novembre 2011 L apprendistato è una delle forze dell'economia tedesca, spiega a Linkiesta Klaus F. Zimmermann, uno dei

Dettagli

Aggiornamento in merito all'iniziativa. elaborato dalla Commissione europea per il Consiglio europeo di Nizza 7-8 dicembre 2000

Aggiornamento in merito all'iniziativa. elaborato dalla Commissione europea per il Consiglio europeo di Nizza 7-8 dicembre 2000 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Aggiornamento in merito all'iniziativa elaborato dalla Commissione europea per il Consiglio europeo di Nizza 7-8 dicembre 2000 1 1.

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica 14 a Commissione Politiche dell Unione europea Audizione Audizione sull Atto n. 227 Affare assegnato "Il Programma di lavoro della Commissione per il 2014 e la Relazione programmatica

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO

MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO MANIFESTO ELETTORALE PPE CONGRESSO DI DUBLINO 6-7 Marzo 2014 Dublino, Irlanda Manifesto del PPE Perché votare per il Partito Popolare Europeo? L'esito delle imminenti elezioni influenzerà l'orientamento

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4

PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4 PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4 Migliorare la competitività delle PMI nelle Economie in transizione e nei Paesi in via di sviluppo nell'economia globale e i loro partenariati

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole ANTONIO MARZANO Mercato e regole 1. E opinione diffusa che gli esperimenti scientifici si facciano solo in laboratorio e che siano quelli propri delle scienze naturali, della fisica e della chimica. Credo

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

I servizi educativi. Roma-8 novembre 2011

I servizi educativi. Roma-8 novembre 2011 I servizi educativi Roma-8 novembre 2011 Di quali servizi parliamo? Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali (Conferenza Regioni 2009), indipendentemente dalle denominazioni: asili

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA PRINCIPALI RISULTATI

GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA PRINCIPALI RISULTATI GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA CONOSCENZA, PERCEZIONE E ASPETTATIVE. UN INCHIESTA DELL AUSE PRINCIPALI RISULTATI Biblioteca Universitaria. Pavia, 22 maggio 2009 1 INFORMAZIONI GENERALI 18.572

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG Enterprise and Industry DG Vice-President Antonio TAJANI Speaking Point Ogni anno, il Quadro di valutazione dell'unione dell'innovazione (Innovation Union Scoreboard) misura la temperatura dell'innovazione

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE

LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE FORUM CSR RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA: IL VALORE DI RENDERE CONTO LA COMUNICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE PER L IMPRESA TRA STRATEGIA ED EMERGENZA INTERVENTO NELLA TAVOLA ROTONDA INFORMARE E

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

C'è un problema Euro (analisi settimanale)

C'è un problema Euro (analisi settimanale) C'è un problema Euro (analisi settimanale) www.moneyriskanalysis.com - 1 - Qualcosa sembra accomunare l'euro con il Bitcoin, ossia l'emissione limitata. A differenza della Fed la Bce non può stampare moneta

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

Teoria dell Unione Monetaria

Teoria dell Unione Monetaria Teoria dell Unione Monetaria Gli elementi costitutivi di un unione monetaria sono: LA PIENA ED IRREVOCABILE CONVERTIBILITÀ DI TUTTE LE VALUTE: Prima di entrare in un unione monetaria ogni paese aveva la

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

IP for SME s La integrazione transfrontaliera nella gestione della proprietà intellettuale (IP) come leva della competitività regionale

IP for SME s La integrazione transfrontaliera nella gestione della proprietà intellettuale (IP) come leva della competitività regionale IP for SME s La integrazione transfrontaliera nella gestione della proprietà intellettuale (IP) come leva della competitività regionale Newsletter n.3 Marzo 2014 Il broker tecnologico. intervista ad Alberto

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Quale aiuto per creare imprese innovative

Quale aiuto per creare imprese innovative Quale aiuto per creare Presidente della Fondazione Politecnico di Milano di Giampio Bracchi L imprenditorialità giovanile risulta sempre più centrale nelle politiche da attuare per la ripresa economica:

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Documento di seduta 10.4.2015 B8-0000/2015 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B8-0000/2015 a norma dell'articolo

Dettagli

IL CENTRO EUROPA RICERCHE

IL CENTRO EUROPA RICERCHE IL CENTRO EUROPA RICERCHE l Centro Europa Ricerche è una società di ricerca che elabora studi nel campo dell economia applicata. Le analisi del Cer comprendono previsioni di breve e medio periodo sulle

Dettagli

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World", cliccare qui.

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World, cliccare qui. CREDIT SUISSE AG Paradeplatz 8 Casella postale CH-8070 Zurigo Svizzera Telefono +41 844 33 88 44 Fax +41 44 333 88 77 media.relations@credit-suisse.com Comunicato stampa Credit Suisse Verso la fine della

Dettagli

Economia delle Istituzioni

Economia delle Istituzioni Economia delle Istituzioni LEZIONE 5 Federico Biagi federico.biagi@unipd.it L ISTRUZIONE 1 Contenuto della lezione Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli