³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD"

Transcript

1 63((&+ 'LVFRUVRGL5RPDQR3URGL Presidente della Commissione Europea ³9HUVR XQD QXRYD LPSUHQGLWRULDOLWj (XURSHD Instituto de Empresa 0DGULGIHEEUDLR

2 È un grande onore per me ricevere il diploma di MBA Honoris Causa dall'instituto de Empresa. Mi fa particolarmente piacere, perché l'istituto svolge un ruolo importante nalla promozione della cultura e dell'iniziativa imprenditoriale in Spagna. L'istituto è chiaramente uno dei leader europei e mondiali nel campo dell'imprenditorialità sin dalla creazione del Dipartimento di Studi di Impresa circa 20 anni fa. La sua attività, fra l'altro, gli è valsa la partecipazione al prestigioso programma Global Entrepreneurship Monitor. Come hanno sottolineato Zoltan Acs e David Audretsch, due autorità accademiche del settore recentemente insignite dell'international Award for Entrepreneurship and Small Business Research, il ruolo dell'impresa è radicalmente cambiato nell'ultimo mezzo secolo. Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, sembrava che il ruolo dell'impresa dovesse affievolirsi. Oggi, dal mondo degli affari provengono segnali che indicano invece una rinascita dell'imprenditore. Personalmente concordo con chi sostiene che, nonostante il crollo delle imprese tecnologiche le cosiddette dotcom ci sono buone ragioni per credere che questo nuovo corso delle imprese non si esaurirà nel prossimo futuro. Negli anni '60 e '70 è sembrato per un certo periodo che il settore industriale si sarebbe concentrato nelle mani di poche società di dimensioni gigantesche. Era opinione corrente che le economie di scala globali avrebbero inevitabilmente prodotto la scomparsa delle piccole e medie imprese e che sarebbero sopravvissute solo quelle ad altissima specializzazione. Alcuni temevano questi sviluppi, molti altri guardavano alla crescente concentrazione industriale con occhio benevolo. Non solo si riteneva che la grande impresa fosse più efficiente, ma essa veniva considerata il motore dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione. Tali opinioni derivavano in gran parte dal pensiero di Schumpeter, espresso nel 1942 nel suo classico Capitalismo, Socialismo e Democrazia. Nel testo, Schumpeter affermava che: "ciò che abbiamo finito per accettare è che la grande impresa è diventata ormai il motore più potente del progresso." In Europa, molti opinion leader non temevano tanto la tendenza verso aziende di dimensioni gigantesche quanto il fatto che l'europa rischiava di perdere terreno rispetto agli Stati Uniti. Sospinta da opere come The American Challenge di Servan-Schreiber, la politica industriale europea ha cercato di creare super-imprese le cui dimensioni consentissero loro di competere con quelle degli Stati Uniti. L'inversione di tendenza e la frammentazione delle grandi imprese è iniziata negli anni '80 come conseguenza della concorrenza internazionale, di certi sviluppi tecnologici e della politica dei governi. Ancora una volta, tuttavia, le imprese americane si sono adattate ai cambiamenti più rapidamente di quelle europee. In un lavoro seminale pubblicato alla metà degli anni '80, il mio vecchio amico Alexis Jacquemin, anch'egli economista industriale, ha lanciato una prima salva di critiche alla politica industriale degli anni '60. Assieme a Paul Geroski, Jacquemin sosteneva che le nuove super-imprese non davano luogo a nuova efficienza competitiva in Europa. Anzi, la creazione di un gruppo di imprese con una grande presenza sul mercato proteggeva le stesse dalle forze di selezione del mercato: "è probabile che questa politica abbia consegnato all'europa una popolazione di pigri giganti industriali" male attrezzati a dare inizio ed a rispondere alle trasformazioni economiche. 2

3 Nel corso degli anni '80 e '90, la politica europea è riuscita in gran parte a consolidare il processo competitivo in cui operano le imprese europee. Grazie al programma del mercato unico e ad una vigorosa politica anti-trust e sulle fusioni, le barriere all'entrata dei mercati industriali europei hanno cominciato ad abbassarsi. Inoltre, le forze della globalizzazione e dello sviluppo tecnologico hanno posto le società europee sotto una maggiore pressione competitiva. Se da una parte la concorrenza fra le imprese europee attualmente in attività è indubbiamente aumentata a causa della globalizzazione, dello sviluppo tecnologico e delle politiche europee, l'europa segna ancora il passo nella creazione di nuove imprese, in altri termini dell'imprenditorialità. Le nostre lacune nel campo dell'imprenditorialità devono essere affrontate seriamente, in quanto esistono prove ridondondanti che la chiave della crescita economica e dello sviluppo della produttività è la capacità imprenditoriale di un'economia. Ad esempio, studi recenti da parte di David Audretsch e Roy Thurik dell'ocse dimostrano che la crescita dell'attività imprenditoriale tende a produrre un successivo aumento dei tassi di sviluppo ed una riduzione della disoccupazione. L'imprenditorialità è un fenomeno dinamico e complesso. La coesistenza di molti approcci che provengono da diverse discipline quali l'economia, la psicologia, la sociologia, l'antropologia, o gli studi regionali ne dimostrano la ricchezza e la complessità. L'imprenditorialità è di difficile quantificazione per sua stessa natura. Alcune ricerche utilizzano dei sondaggi per misurare la percentuale di individui che cercano di avviare una nuova attività o che lo hanno appena fatto. Altri invece guardano alla percentuale di lavoratori in proprio sulla popolazione attiva, alla preferenza dichiarata per le attività in proprio, o infine alla proporzione dell'attività economica imputabile alle piccole imprese. Qualsiasi definizione di imprenditorialità si voglia adottare, è utile distinguere fra l'imprenditorialità reale e quella latente, che è un indice della volontà di intraprendere un'attività imprenditoriale date le condizioni "giuste". Secondo la ricerca internazionale più estesa e recente, il livello reale di imprenditorialità nell'unione Europea è pari a circa la metà di quello degli Stati Uniti. Nel 2001 Global Entrepreneurship Monitor si legge che solamente il 7% degli adulti europei di età compresa fra i 18 e i 64 anni sta per avviare una nuova attività o l'ha appena fatto. Il tasso prevalente negli Stati Uniti è invece del 12%. Un divario analogo separa l'unione Europea e gli Stati Uniti per quanto riguarda l'imprenditorialità latente. Secondo i dati di un sondaggio condotto per conto della Commissione Europea nel settembre 2000, la percentuale di individui che, se potessero scegliere, deciderebbero di essere lavoratori in proprio piuttosto che dipendenti è del 50% nell'ue e del 70% negli Usa. Non c'è dubbio quindi che, nel complesso, l'imprenditorialità nell'unione Europea è più arretrata che negli Stati Uniti. Occorre però osservare che la situazione è molto più complessa di quanto appaia a prima vista. Dobbiamo introdurre due altre dimensioni. In primo luogo, è chiaro che l'unione Europea non è un insieme omogeneo. Il livello reale di imprenditorialità varia enormemente fra i paesi dell'unione. Secondo il 2001 Global Entrepreneurship Monitor, la percentuale di adulti che sta per avviare una nuova attività o l'ha appena fatto va da meno del 5% in Belgio a oltre il 10% in Irlanda ed Italia. Lo spirito imprenditoriale registra un divario simile. 3

4 In secondo luogo, anche all'interno dei singoli paesi, il livello di imprenditorialità varia enormemente da regione a regione. Si prenda ad esempio la regione di Bologna in Italia, dove ho vissuto e insegnato Organizzazione industriale per gran parte della mia vita. Come ha osservato Michael Porter oltre un decennio fa nel suo The Competitive Advantage of Nations, la provincia di Bologna è un caso di estremo successo di diversi distretti geografici. Ad esempio, nella regione di Bologna si trova la maggior parte dei produttori italiani di macchinari per il packaging e per la trasformazione alimentare. Molte imprese che si trovano nella cosiddetta Packaging Valley sono state fondate o dai collaudatori o dai progettisti delle macchine stesse. Questi individui di solito provengono da un ridottissimo numero di società incubatrici e sfruttano le loro conoscenze tecniche per mettersi in proprio. L'esperienza accumulata nel passato ha consentito a questi nuovi imprenditori di operare all'interno di una complessa rete di contatti personali con gli altri produttori, con i clienti potenziali e con i fornitori più innovativi. Per fortuna l'europa ha una lunga tradizione di distretti geografici di grande successo. In tutta l'unione, abbiamo molte regioni nelle quali l'imprenditorialità industriale fiorisce grazie alla concentrazione di produttori rivali, fornitori esperti e consumatori esigenti. Tuttavia abbiamo bisogno di molti altri distretti di questo tipo, in modo particolare nei settori dell'alta tecnologia. Silicon Valley è un'esperienza unica per molti versi ed è certamente il distretto ad alta tecnologia di maggior successo che il mondo abbia visto nei decenni passati. Come molti hanno osservato, la combinazione di domanda locale e di abilità tecniche e manageriali da parte delle principali imprese ha dato a Silicon Valley un vantaggio senza precedenti. A sua volta tale vantaggio ha sostenuto il primato degli Usa in molti settori di ciò che ora chiamiamo la tecnologia dell'informazione. Data l'unicità dell'opportunità tecnologica e i vantaggi derivanti dal fatto di essere stati i primi a sfruttarla, è sempre apparso improbabile che l'esperienza di Silicon Valley si potesse replicare altrove. Eppure si conta un certo numero di successi al di fuori di Silicon Valley o degli Stati Uniti.Un approccio particolarmenteriuscito è stato lo sviluppo di capacità che sono complementari piuttosto che competitive a quelle di Silicon Valley. Molte imprese asiatiche hanno mosso i primi passi come assemblatori a basso costo di prodotti americani per poi sviluppare una conoscenza propria nella progettazione e nella costruzione dei prodotti. In Irlanda è stato seguito un percorso in qualche modo diverso. Molte imprese ad alta tecnologia sono state fondate da imprenditori locali che avevano iniziato come dipendenti di società irlandesi controllate dagli Stati Uniti. Un altro approccio più difficile è stato lo sviluppo di segmenti del mercato delle tecnologie dell'informazione che non erano ancora dominati dalle grandi imprese americane. Questa è la strategia seguita dalla Nokia in Finlandia e dalla Ericsson in Svezia. I loro successi nella telefonia mobile hanno contribuito alla creazione di due vitali distretti attorno a Oulu in Finlandia e a Stoccolma che hanno attratto moltissime nuove imprese e gli investimenti di imprese straniere. Questi esempi dimostrano che le regioni europee sono in grado di sviluppare dei distretti nuovi e ad alta tecnologia. 4

5 Vediamo quindi che nonostante il nostro livello di imprenditorialità nel complesso insoddisfacente, le prospettive non sono poi nerissime per l'europa. Anzi, le condizioni strutturali che influenzano l'imprenditorialità stanno certamente migliorando all'interno dell'unione. Vorrei suggerire a questo punto, rischiando certo di generalizzare, che esistono due campi di forze che influiscono sul livello di attività imprenditoriale nelle nostre società. Il primo, quello più difficile da influenzare, riguarda l'ambiente socioculturale in senso lato, i principi che trasmettiamo ai bambini e agli studenti in famiglia o a scuola. Uno degli ostacoli principali all'imprenditorialità in molti paesi dell'unione è ancora un alto livello di avversione al rischio e la preferenza verso un reddito stabile. Contemporaneamente è ancora piuttosto basso il livello di accettabilità sia del successo che dell'insuccesso imprenditoriale. Avviare una nuova impresa dopo un fallimento viene spesso guardato con sospetto nel nostro continente. È stato osservato che: "se fondi una società a Londra o a Parigi e poi fallisci, ti sei giocato il futuro; se lo fai a Silicon Valley e penseranno solamente che hai imparato tutto ciò che serve ad un imprenditore. Modificare la struttura di valori e le motivazioni nella nostra società, ovviamente, è un lavoro di lungo periodo. Il compito ricade in parte sul sistema educativo. Nelle scuole di tutti i livelli dobbiamo dare più importanza ai valori imprenditoriali quali la creatività, l'assunzione di rischi e la responsabilità personale. In Olanda è in corso un esperimento interessante. Nel 2000 il Ministero degli affari economici e il Ministero dell'istruzione hanno varato una commissione sull'imprenditorialità e l'istruzione. Lo scopo è assicurare che la scuola svolga un ruolo attivo nella promozione dello spirito imprenditoriale. Il secondo campo di forze che influenza il livello di imprenditorialità nelle nostre società è di natura più immediata e, credo, più facile da trattare e modellare. Riguarda l'insieme di regole che governano le condizioni strutturali e il rendimento dell'attività imprenditoriale.tali regole sono direttamente influenzabili dalle decisioni politiche. E questo è un campo nel quale le istituzioni europee svolgono un ruolo vitale. L'Europa offre molti esempi di imprenditori di successo ma occorre che questi esempi si moltiplichino. Fra i responsabili politici c'è un sostanziale consenso sul fatto che la creazione e lo sviluppo di nuove imprese sia un fattore essenziale per il rinnovamento del tessuto economico europeo. La Commissione Europea svolge un ruolo importante in questo processo. Abbattendo le vecchie barriere nazionali e mettendo al loro posto nuove regole comuni, la missione economica della Commissione è la costruzione di uno spazio economico vasto e vitale a sostegno dell'impresa. Negli scorsi dieci anni è stato fatto molto. Nel 1992 si è realizzato il sogno di un mercato unico europeo. Nella maggior parte dei mercati dei prodotti, mercati nazionali frammentati hanno lasciato il posto a mercati autenticamente pan europei. Il mercato unico è importante non solo perché offre maggiori opportunità per le economie di scala, ma anche perché aumenta la concorrenza. Contemporaneamente, grazie alla nostra diversità cultura e di gusto, il mercato unico non rischia di diventare omogeneo. Questo mercato europeo unificato ma diversificato rappresenta una grande opportunità per gli imprenditori. La concorrenza e le diversità sono un impulso ed una fonte di innovazione, mentre la sua unità fornisce uno sbocco favorevole ai nuovi prodotti. 5

6 Negli scorsi dieci anni la Commissione ha sostenuto con forza l opinione che una politica di concorrenza attiva è una componente vitale di un mercato unico ben funzionante. Come tutti sanno, la politica di concorrenza dell'europa è concepita soprattutto per assicurare che il mercato unico si traduca nel massimo dei benefici per i consumatori europei. Per questo motivo abbiamo regole severe per la tutela delle forze di mercato contro le restrizioni e le distorsioni da parte degli Stati membri ad esempio sotto forma di aiuti di Stato e da parte dei grandi operatori economici. Tuttavia, una politica di concorrenza vigorosa va anche a beneficio delle piccole e medie imprese che sono la principale fonte di innovazione e di nuova occupazione in Europa. A causa del loro limitato potere di mercato, le piccole e medie imprese sono più esposte al comportamento anti competitivo dei governi e delle imprese più grandi, che possono adottare anche esse azioni anti competitive. Le piccole e medie imprese più intraprendenti hanno un forte interesse verso una politica di concorrenza vigorosa. Per questo motivo le imprese nuove o di recente istituzione cercano di mettere in pratica idee imprenditoriali che sono spesso in conflitto con gli interessi delle società più grandi e potenti. Il mese scorso si è realizzato un altro vecchio sogno. Con l'introduzione delle monete e delle banconote in euro, coronata da un grande successo, in Europa la nostra moneta è finalmente "entrata nel quotidiano". Con entusiasmo e decisione l'euro è diventato la moneta per oltre 300 milioni di cittadini europei. Un grande risultato. Possiamo tutti essere fieri del nostro successo che dimostra la capacità dell'europa di accettare il cambiamento. La moneta unica ha eliminato l'incertezza dei tassi di cambio all'interno della zona dell'euro. Ricordiamo l'instabilità dei tassi di cambio in Europa anche solo all'inizio degli anni '90. Ho ricordi dolorosi dei giorni in cui l'italia e la Spagna dovettero abbandonare il meccanismo di cambio e vennero accusate di praticare la svalutazione concorrenziale. Ricordo bene ciò che questo fatto significò per il mercato unico e per gli investimenti in Europa. Grazie al cielo tali episodi sono ora relegati nel passato! L'euro ha prodotto anche la stabilità dei prezzi, specialmente in paesi come l'italia e la Spagna che fino a poco tempo fa presentavano tassi di inflazione abbastanza alti. Grazie al consolidamento della finanza pubblica compiuto in preparazione all'euro e grazie alla politica della Banca centrale europea, i nostri due paesi godono ora di tassi di inflazione molto inferiori. L'euro è e rimarrà una valuta stabile. La Commissione, come ha dimostrato la settimana scorsa, è impegnata in pieno a svolgere la sua parte nell'attuazione del patto di stabilità e crescita in modo da assicurare la solidità delle finanze pubbliche e garantire la stabilità dell'euro. Contate pure su di noi! Il mercato unico, una decisa politica di concorrenza e la stabilità prodotta dall'euro rappresentano i tre cardini dello sviluppo dell'imprenditorialità europea. Tuttavia non possiamo nasconderci il fatto che esistono ancora alcune importanti barriere che ostacolano le nostre imprese più innovative. Consentitemi di puntare il dito su tre di esse. In primo luogo esistono ancora troppe barriere all'ingresso per le nuove imprese, specialmente nel settore dei servizi. 6

7 Ciò è particolarmente preoccupante in quanto i servizi sono la chiave della creazione di occupazione in Europa. In questo aspetto il confronto con gli Stati Uniti è particolarmente illuminante. Nel 1975, il tasso di occupazione era di circa il 64% nell'unione europea e del 63% negli Stati Uniti. Alla fine degli anni '90, il tasso americano era cresciuto al 74% mentre in Europa era sceso al 61%. Lo scarto si deve interamente all'aumento dell'occupazione nel settore dei servizi negli Stati Uniti. Una recente ricerca che ha interessato la Banca mondiale ed è stata condotta da Rafael La Porta e Andrei Shleifer dell'università di Harvard ha analizzato ciò che i governi chiedono agli imprenditori prima che questi possano avviare una attività. I ricercatori hanno scoperto che in molti paesi dell'unione Europea, un imprenditore deve attendere oltre 50 giorni e pagare più di dollari per ottenere tutti i permessi necessari. Negli Stati Uniti invece si possono portare a termine le pratiche in soli quattro giorni con un costo di 200 dollari! Per fortuna anche in Europa ci sono esempi positivi, segnatamente il Regno Unito, la Danimarca e la Svezia. In secondo luogo, la crescita delle società imprenditoriali è frenata dalla mancanza di un mercato di capitali europeo veramente integrato. In particolare, l'europa è assai più arretrata degli Stati Uniti nel campo del capitale di rischio. Nel 2000 la quota di capitale di rischio effettivamente investito rispetto al PIL è di quasi l'1% rispetto allo 0,2% nell'unione Europea. Non occorre che mi diffonda sull'enorme importanza di questa fonte di finanziamento per il sostegno di un ambiente favorevole per gli imprenditori e le aziende. Posso ricordare invece due esperienze importanti. La prima riguarda la straordinaria performance dell'economia americana nel corso degli anni '90 che è cresciuta su una interazione dinamica fra l'innovazione, la tecnologia e il capitale di rischio. Da sola, nessuna di queste tre condizioni sarebbe stata sufficiente per rafforzare e sostenere la crescita economica, insieme tuttavia hanno creato le circostanze necessarie alla crescita. Un secondo esempio in cui la presenza di capitale di rischio è stata cruciale per la leadership degli Stati Uniti è nel campo delle biotecnologie. Qui il capitale di rischio ha finanziato gli imprenditori accademici; un gran numero di PhD che ha finito per lavorare per le imprese finanziarie che fornivano questo capitale. Fortunatamente anche in Europa negli ultimi anni il capitale di rischio inizia ad affluire verso le piccole imprese di biotecnologia. La terza questione di cui intendo parlare è il problema della diffusione dell'innovazione attraverso i confini interni dell'unione. L'Unione è fortissima per quanto riguarda la ricerca accademica e di base, ma i ricercatori e le imprese europei non capitalizzano a sufficienza la conoscenza nelle tecnologie di punta. Il problema risiede in parte nella mancanza di integrazione dei mercati finanziari e dei capitali di rischio. L'assenza di un brevetto comunitario è anche essa un ostacolo per le imprese più innovatrici. Voglio aggiungere un'ultima cosa. Sono convinto che dare regole più efficienti e trasparenti al mondo degli affari sia essenziale per garantire la crescita armoniosa delle imprese europee. Ciò non significa armonizzare i nostri diversi regolamenti, significa piuttosto apprendere l'uno dall'altro e migliorare un po' tutti. 7

8 I leader europei sono perfettamente consapevoli che queste importanti barriere continuano a frenare le imprese innovatrici. Due anni fa, al Consiglio europeo di Lisbona, i capi di Stato e di governo si sono impegnati su un ambiziosa agenda di riforme che prevede, fra l altro, la rimozione di questi ostacoli. Come sapete, lo scopo della strategia di Lisbona è la trasformazione dell'europa nell'economia fondata sulla conoscenza più dinamica del mondo entro il L'obiettivo di Lisbona è molto ambizioso ed occorre fare molto e molto in fretta per garantire il raggiungimento dell'obiettivo. La Commissione europea ha esposto le proprie idee sullo stato di avanzamento delle priorità per il 2002 in una relazione approvata poche settimane fa. La relazione verrà presentata il prossimo mese al Consiglio europeo di primavera a Barcellona. Allo stato dei fatti, la Commissione ha identificato tre aree prioritarie sulle quali il Consiglio europeo di Barcellona dovrà dare un impulso deciso all'azione: portare avanti lo sviluppo delle politiche dell'occupazione, con particolare riguardo alle riforme del mercato del lavoro. Estendere le riforme e gli investimenti nei principali settori di rete nonché accelerare l'integrazione dei mercati finanziari tramite l'istituzione di una buona struttura di regolamentazione. Aumentare gli investimenti nella conoscenza e adottare un approccio integrato a favore della ricerca e dell'innovazione. Credo fermamente che questa strategia ad ampio spettro consenta di rafforzare le ambizioni imprenditoriali dell'europa e le possa tradurre in realtà. A Barcellona chiederò pertanto ai capi di Stato e di governo di raggiungere un accordo politico in questi campi. Chiederò anche che, tramite la loro azione di governo, diano corso alle riforme sulle quali esiste già un accordo di principio ma che non sono state ancora convertite in legge. Grazie. 8

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson

LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson LIBRO BIANCO INSEGNARE E APPRENDERE - VERSO LA SOCIETÀ CONOSCITIVA di Edith Cresson L'istruzione e la formazione appaiono come l'ultimo rimedio al problema dell'occupazione. Obiettivi individuati dal documento:

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, xxx COM(2010) 614 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Una politica

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli