Ora tutta l Europa è in frenata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ora tutta l Europa è in frenata"

Transcript

1 VENERDÌ 15 AGOSTO 2014 ANNO N In Italia (con Sette ) EURO 1,90 Milano, Via Solferino 28 - Tel Roma, Piazza Venezia 5 - Tel Fondato nel 1876 Servizio Clienti - Tel mail: Tempi liberi Lo chef pluristellato Bottura, stregato dalle donne «A mamma, moglie e cuoche devo tutto» di Angela Frenda a pagina 29 Numero speciale Sei scrittrici raccontano mille voci I progetti al femminile con Oxfam Domenica il magazine in edicola con il Corriere della Sera > Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano IL FERRAGOSTO DI UN PAESE IN BILICO ALLA RICERCA DELLA FIDUCIA di BEPPE SEVERGNINI Ferragosto è una festività romana, cristiana, italiana. Il riposo di Augusto (feriae Augustii) è diventato, per tradizione, quello di tutti noi. Un riposo che dovrebbe essere sereno. Quest anno la meteorologia, l economia e le armi l hanno reso, invece, ansioso. Ansia comprensibile: basta che non diventi rassegnazione. Matteo Renzi, al governo da sei mesi, appare preoccupato. L insistenza con cui chiede ottimismo inizia a somigliare a quella dei predecessori. Alcuni scatti denotano nervosismo. Non ne ha motivo. Non si cambia l Italia in sei mesi (né l economia, né l umore). Occorre procedere per gradi: spiegando, semplificando, rassicurando. L ottimismo a comando non esiste. Ha ragione, il giovane presidente del Consiglio, a ricordare che non siamo soli a faticare. Ieri è stato diffuso il dato della crescita del Pil per l eurozona: solo 0,7% su base annua. Fa altrettanto bene, Renzi, a ricordare che siamo un grande Paese la terza economia del continente, la seconda industria dopo la Germania e abbiamo motivi d essere orgogliosi. Fa meno bene a derubricare la preoccupazione come rassegnazione, e a liquidare i critici come «gufi». Sono frasi buone per Twitter o per la campagna elettorale. Ma col primo non si governa, e la seconda appare esclusa (proprio da lui). Forse il premier dovrebbe limitare gli obiettivi e, già che c è, le dichiarazioni, le celebrazioni e le inaugurazioni, che costringono a essere enfatici e un po generici. Qualcuno l ha fatto notare: se quel paragone tra la ripresa e l estate l avesse tirato fuori Silvio Berlusconi («Non è arrivata quando volevamo, magari non è bella come volevamo, arriva un po in ritardo, ma arriva») sarebbe stato deriso. Matteo Renzi è determinato. Ha costretto il Senato elettivo ad abolire se stesso, ed è come convincere i pesci rossi a togliere il tappo dell acquario: non facile. Perché non anticipa, come suggerito sul Corriere da Ferrera, Giavazzi e Alesina, la riforma sul lavoro? Introducendo un contratto a tutele crescenti dimostrerebbe al mondo che facciamo sul serio. Le preoccupazioni, nelle istituzioni internazionali e sui mercati, ci sono: è infantile nasconderselo. Mario Draghi ha chiesto «un segnale importante a settembre»? Bene: noi mandiamolo prima. Gli italiani che oggi si riuniscono a pranzo vogliono essere ottimisti. Il nostro vocabolario del disagio è ridotto, rispetto a quello di inglesi, tedeschi o francesi (niente gloom, nessuna Angst, poco malaise). Siamo una nazione reattiva. Siamo stati troppo poveri per sentirci depressi. Abbiamo resilienza, fantasia e coraggio. Ma non possiamo accettare che chi sta al governo dica va tutto bene! e chi sta all opposizione risponda va tutto male! (salvo scambiarsi i ruoli alla prima occasione). Non è giusto costringere gli italiani a scegliere tra trionfalismo e disfattismo. Molti di noi sono pronti a investire, a provare, ad assumere: ma occorrono norme e garanzie, non polemiche e promesse. La fiducia non si pretende, si conquista. Matteo Renzi deve capirlo. Ferragosto è un ottimo momento per ripartire. Tre splendidi racconti di Cesare Pavese sono riuniti sotto il titolo La bella estate. Siamo ancora in tempo. Con qualche dichiarazione in meno e un po di concretezza in più, potrebbe diventare la stagione della Calcio L ex della Juve guiderà la Nazionale. L ingaggio sarà di 4 milioni l anno Conte è il nuovo ct (con sponsor) Ai lettori Domani i quotidiani non usciranno. Il tornerà in edicola domenica 17 agosto. Il nostro sito funzionerà invece regolarmente. Alle lettrici e ai lettori, buon Ferragosto di ALESSANDRO BOCCI e MARIO SCONCERTI Antonio Conte è il nuovo allenatore della Nazionale: esordirà il 4 settembre nell amichevole di Bari con l Olanda. L ex tecnico della Juventus sarà anche coordinatore delle squadre giovanili. Il compenso, in base all accordo che coinvolge un pool di sponsor, si aggirerà attorno ai 4 milioni. ALLE PAGINE 50 E 51 Bonsignore Costa, Pasini, Perrone La Bce: «Niente ripresa senza cambiamenti strutturali». La Francia: meno vincoli europei Ora tutta l Europa è in frenata Si ferma anche la Germania. Renzi: non c è solo un caso Italia L economia tedesca è calata nel secondo trimestre dello 0,2%, contro il -0,1% delle stime. La Francia è in stagnazione, il Pil dell eurozona è a zero su base trimestrale. Parigi chiede all Ue di adattare le sue decisioni alla situazione. E Renzi sottolinea: «Non c è un caso Italia, l intera eurozona è in crisi». DA PAGINA 2 A PAGINA 5 Il foglietto nella tasca di Angela Merkel di DANILO TAINO D al 2010 l Europa ha vissuto nell emergenza, con l obiettivo di non fare crollare l euro. Ma i suoi vecchi mali, la famosa eurosclerosi, restano: oggi è l unica importante economia del pianeta a non crescere. A PAGINA 3 Giannelli Figlia di corridori, allevata da un francescano ad Assisi Piccola, albina E fa sognare il mondo del trotto Lo scrittore Conrad, i misteri del mare CHIARA DATTOLA di PIETRO CITATI Joseph Conrad perse la madre a 7 anni e il padre a 11. A 16 anni, fu travolto dal desiderio di diventare capitano di mare: ne parlava tanto da passare per folle. di LUIGI FERRARELLA Un Calimero al contrario. Negli ippodromi corrono soltanto cavalli scuri e lei è una trottatrice tutta bianca, albina con sottocute rosa. È nata ad Assisi all ombra della basilica di San Francesco nell allevamento di un frate francescano. Ora si spera che diventi vincente: essendo figlia di corridori, non è impossibile. A PAGINA 24 ALLE PAGINE 44 E 45 In primo piano Alfano: agire subito su Fisco e imprese Non ci sarà rimpasto di ANDREA GARIBALDI ALLE PAGINE 8 e 9 Il lavoro e i tagli, il piano del governo per il «segnale forte» di ENRICO MARRO L intervista A PAGINA 5 Emergenza e inerzie LA DEBOLEZZA È DELL UNIONE: C È UN VUOTO DA COLMARE di LUCREZIA REICHLIN Italia non è il solo L Paese che sta attraversando una fase di contrazione: la crescita del Prodotto interno lordo nel secondo trimestre è risultata negativa anche in Francia e in Germania; il Pil dell area dell euro nel suo insieme con una crescita dello 0,05 rispetto ai tre mesi precedenti è praticamente piatto e stride con lo 0,97 degli Stati Uniti e lo 0,8 del Regno Unito. CONTINUA A PAGINA 47 Il segretario Nunzio Galantino La Cei chiede riforme «Le lobby ostili bloccano il Paese» di PAOLO CONTI e riforme spesso si «L bloccano per l ostilità di singole lobby. Urge, per esempio, quella della Pubblica amministrazione e della burocrazia. E va riformata la burocrazia della mente e del cuore». Monsignor Nunzio Galantino, segretario della Conferenza episcopale italiana, risponde al Corriere sui temi di attualità: dal Medio Oriente («C è un tipo di fondamentalismo anche in Occidente che vorrebbe cogliere l occasione per distruggere ogni dialogo col mondo musulmano») alla fecondazione eterologa e al caso dei gemelli contesi da due coppie: «Come si fa a non tenere conto che tra la donna e il figlio che ha in grembo si creano emozioni comuni, empatie non solo fisiche?». A PAGINA 6 Funerali a Pitigliano Il cordoglio per il reporter ucciso a Gaza Un aereo della presidenza del Consiglio lo ha riportato in Italia. Ad accompagnare e accogliere il reporter Simone Camilli, morto a Gaza, la famiglia e la ministra Mogherini. A PAGINA 12 Frignani REUTERS

2 2 Primo Piano Venerdì 15 Agosto 2014 Corriere della Sera L Unione europea La frenata L Europa si ferma con la Germania Parigi (a crescita zero): meno vincoli Ue Il Pil tedesco cala dello 0,2%. Eurozona in stagnazione, ridotte le stime 2014 Sapin: quest anno il deficit francese oltre il 4%. Btp e Bund ai minimi storici Il settimanale Roma, il declino dell impero e il paragone di «Le Point» DALLA NOSTRA INVIATA BRUXELLES Peggio delle attese: l economia della Germania, la locomotiva d Europa, è calata nel secondo trimestre dello 0,2% a fronte del -0,1% delle stime. La Francia si è confermata in stagnazione. E dopo un anno dall uscita dalla recessione, il Pil dell Eurozona ha subito un nuovo stop: crescita zero su base trimestrale e +0,7% su base annua (questo in linea con le attese). Meglio per l Europa a 28 Paesi, che nel secondo trimestre ha messo a segno una crescita dello 0,2%. Mentre dell Italia in recessione lo si sa ormai da una settimana. È cauta la Commissione europea nei suoi commenti. Si tratta di «un quadro misto» e i dati «vanno considerati nel contesto economico di medio termine». Bruxelles ha sempre insistito sulla «natura fragile» della ripresa e data la situazione «ribadisce l importanza dell attuazione delle riforme». I Paesi che le hanno portate a termine hanno registrato «una crescita più marcata rispetto a quelli che non le hanno realizzate». La Commissione cita Spagna e Portogallo, che nel secondo trimestre sono cresciuti dello 0,6%. Ma non sono gli unici Paesi a riportare dati positivi. In recupero c è l Olanda e addirittura la Grecia, che è ancora sotto programma di salvataggio. Quanto alla Germania, ha risentito del calo del settore delle costruzioni dopo il più che positivo andamento invernale dovuto alle buone condizioni metereologiche, degli investimenti deboli e della frenata delle esportazioni che ha già registrato un primo impatto delle tensioni geopolitiche, in particolare della crisi ucraina. Tuttavia la domanda interna è leggermente cresciuta rispetto al primo trimestre. A Berlino sono attenti ma non preoccupati. Il ministro dell Economia tedesco Sigmar Gabriel ha detto che il Pil tornerà a crescere nel resto dell anno malgrado «i rischi dall estero siano senza dubbio aumentati». La Germania gode ancora della fiducia dei mercati. Tanto che ieri, appena resi noti i dati del Pil tedesco e dell eurozona, i tassi dei Bund decennali sono scesi per la prima volta nella loro storia sotto l 1%, svolgendo in pieno un ruolo di bene rifugio per gli investitori. Se la Francia sperava in un atteggiamento più dialogante della Germania dato il quadro economico generale, è rimasta delusa. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ha ribadito nei giorni scorsi che «la crescita deve venire dall interno: non Weidmann (Bundesbank) «La crescita deve venire dall interno: non è responsabilità della Bce, ma di ciascun governo» è responsabilità né dei governi vicini, né della Bce, ma di ciascun governo che deve creare uno scenario favorevole all occupazione e all innovazione» e che la politica monetaria della zona euro non dovrebbe puntare a indebolire la moneta unica. Ciononostante ieri il ministro delle Finanze francese, Michel Sapin, ha chiesto all Unione Europea che agisca «con fermezza e chiarezza adattando le sue decisioni alle circostanze profondamente particolari ed eccezionali», e in particolare di «adattare il ritmo di riduzione del disavanzo pubblico all attuale situazione economica». Mentre ha domandato alla Bce un intervento più deciso per far fronte al rischio di deflazione e per riportare il cambio dell euro a «un livello più favorevole». La Francia, che ha annunciato un ulteriore taglio della spesa pubblica per 50 miliardi, difficilmente riuscirà a rispettare la tempistica per il rientro del deficit che gli era stata accordata dalla Commissione. La crescita bassa e la frenata dell inflazione porteranno già quest anno il livello del deficit oltre il 4% del Pil, ben oltre il vincolo europeo del 3%. Fr. Bas. DALLA NOSTRA INVIATA PARIGI E se l Europa in stagnazione, lacerata da una guerra che oppone Est e Ovest, fosse su un crinale irreversibile come quello che portò alla caduta dell Impero Romano d Occidente oltre anni fa? Il parallelismo, soltanto accennato dall ultimo numero del settimanale francese Le Point (che dedica la copertina alla «Caduta di Roma») fa discutere. Un dossier storico che però ha la pretesa di diventare d attualità perché «il declino dell Impero Romano parla ancora ai nostri tempi», sostiene la testata. All origine della caduta c è «un problema strutturale», si legge: forze centrifughe che prevalgono su quelle aggreganti fino ad arrivare alla scissione tra Est e Ovest e all indebolimento di Roma. Viene da pensare a un Europa oggi divisa da troppi interessi nazionali contrastanti. A lacerare l Europa c è poi il conflitto in Ucraina che ha riportato il continente ai tempi della Guerra fredda, a 25 anni dallo smantellamento della cortina di ferro. Altro motivo all origine della decadenza di Roma la crisi economica, con un aristocrazia agiata incapace di produrre lavoro e ricchezza e il popolo ridotto alla fame. L Europa di oggi si dibatte tra stagnazione e recessione, con la disoccupazione in aumento, mentre la forbice tra ricchi e poveri si allarga. Infine l altro grande male che ha affossato l Impero, la corruzione. E dire che all epoca non c era la pletora di burocrati che c è oggi in Europa, dagli uffici di Bruxelles fino ai mille enti locali. Alessandra Muglia 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0-0,5-1,0 1,0 0,5 0-0,5-1,0 La crescita in Europa 0,7 Primo trimestre Germania Cipro -0,2-0,3-0,6 0,0-0,7 Francia Estonia 0,0 0,5 Secondo trimestre 0,8-0,3 Finlandia Gran Bretagna 0,8 0,1 0,4-0,9 Grecia Spagna 0,6-0,2 Variazione del Pil rispetto al trimestre precedente 0,1 0,6 Austria Lettonia 0,2 1,0 0,4 Belgio 0,1 Lussemburgo -0,4 Malta Olanda 0,8 0,9 0,5-0,6 0,7 Portogallo Slovacchia 0,6 0,6 2,7 Irlanda -0,3 Slovenia -0,1-0,2 ITALIA IL PIL NEGLI STATI UNITI IL PIL NELL AREA EURO +4% L intervista Il presidente del consiglio economico della Cdu, il partito della Cancelliera: dobbiamo fare le riforme «Più soldi in tasca ai tedeschi, Berlino tagli le tasse» Lauk: il nostro welfare troppo ricco toglie risorse agli investimenti «La contrazione dello 0,2% del Pil tedesco nel secondo trimestre è una sorpresa che pochi si aspettavano, ma è il prezzo che paghiamo per cattive politiche economiche. Facciamo l opposto di quello che predichiamo ai Paesi del Sud Europa: a loro diciamo di bere acqua e noi beviamo vino», afferma Kurt Lauk, 68 anni, presidente del Consiglio economico della Cdu e advisor della cancelliera Angela Merkel, ma anche uomo d affari, co-fondatore di Globe Cp, un fondo di private equity. Dottor Lauk, perché la Germania si è fermata? «Abbiamo introdotto il salario minimo, che entrerà in vigore dal prossimo primo gennaio; abbiamo abbassato l età pensionabile da 65 a 63 anni invece di alzarla a 67 anni; abbiamo esteso la rendita per le madri anche alle donne che hanno avuto figli prima del 1992, una novità che ci costerà 7-8 miliardi all anno. La Grosse Koalition ha aumentato in modo significativo i costi per il welfare. Ma ci sono altre ragioni per il declino». Quali? «Le sanzioni alla Russia ci costeranno 25 mila posti di lavoro in meno, soprattutto nelle piccole e medie imprese. E questo crea ulteriore incertezza. Ma c è anche un problema di investimenti. L energia tedesca costa troppo perciò le imprese preferiscono fare nuovi investimenti altrove, soprattutto negli Stati Uniti e in Cina. Succede in molti settori ad alta intensità energetica, dall acciaio alla chimica alla carta. I nostri investimenti netti sono troppo bassi da un decennio. Da mesi vediamo scendere l Indice Ifo, il più importante indicatore dell umore delle imprese tedesche: cade perché Kurt Lauk, 68 anni, presidente del Consiglio economico della Cdu e advisor di Angela Merkel con lui nella foto la nostra politica non è orientata alla crescita e agli investimenti». Quale strada suggerisce per invertire il trend? «L Europa deve aprire il mercato dei servizi, che porterebbe benefici non solo alla Germania ma anche a quei Paesi che hanno un vantaggio competitivo in questo settore, come Spagna e Portogallo. Poi abbiamo bisogno di negoziare con successo la Partnership Transatlantica (Ttip) con gli Usa, un accordo che farebbe crescere di 120 miliardi di euro all anno il Pil europeo». E Berlino cosa può fare? «Abbiamo bisogno di riformare il nostro sistema fiscale, per mettere più soldi nelle tasche dei tedeschi. Se aumentiamo i salari, dobbiamo appiattire il prelievo, realizzando quella che io chiamo progressione fredda. La nostra aliquota più alta è del 45%, ma se si aggiunge la tassa sulla Chiesa e la tassa di solidarietà introdotta per la riunificazione della Germania (1,2%) si arriva a una pressione un po sopra il 50%. Troppo, così si portano via risorse destinate ai consumi. Invece dobbiamo assolutamente far crescere la domanda domestica e creare un po di inflazione». Chi ferma la riforma del fisco? «Sia la cancelliera Merkel che il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble sono contrari, perché farebbe saltare il pareggio del bilancio. Perciò vogliono rinviare la riforma alla prossima legislazione». Che cosa prevede per la Germania per il resto dell anno? «Restiamo l economia più forte in Europa, ma abbiamo raggiunto il picco: il declino è già cominciato, anche se sarà graduale. Il terzo tri- Bruxelles L Europa deve aprire il mercato dei servizi e stringere la partnership con gli Usa 0

3 Corriere della Sera Venerdì 15 Agosto 2014 Primo Piano 3 Le ultime misure Depositi negativi presso l Eurotower 1 Il 5 luglio, con il taglio del tasso di interesse allo 0,15%, per la prima volta la Bce ha dato il via libera ai tassi negativi delle banche presso l Eurotower (-0,10%) Tltro, i fondi agevolati alle banche 2 La Bce ha lanciato Tltro, un nuovo round di prestiti a lungo termine a tasso agevolato alle banche, ma con il vincolo di fare prestiti a famiglie (non per i mutui) e a imprese non finanziarie, pena la restituzione Abs, il quantitative easing europeo 3 Se l economia peggiorerà, la Bce è pronta a misure anticonvenzionali, con l acquisto di Abs (Asset backed securities), cioè titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui o obbligazioni La banca centrale Il rischio deflazione e le richieste ai governi per nuove politiche di crescita. I fondi alle banche per le imprese Bce accelera sulle misure straordinarie Francoforte: interventi per rianimare l economia se l inflazione resta bassa DALLA NOSTRA INVIATA BRUXELLES La debole ripresa dell eurozona non è minacciata solo dalla frenata della crescita del secondo trimestre. A chiudere due settimane di indici contrastanti, è arrivato anche il dato dell inflazione. Eurostat ha certificato che la media dei prezzi al consumo nei Paesi che hanno adottato la moneta unica è allo 0,4% in luglio su base annua, in arretramento dal +0,5% di giugno, il livello più basso dall ottobre Anche la Bce, nel suo bollettino mensile, ha rivisto al ribasso le stime per il 2014 e il 2015, portandole allo 0,7% e all 1,2% (da rispettivamente 0,9% e 1,3%), mentre ha lasciato invariate all 1,5% quelle per il Cifre comunque al di sotto della soglia del 2% fissata da Francoforte. Il timore diffuso è quello che l Europa scivoli in deflazione. Ieri la Francia ha chiesto Acquisti di titoli La Bce sarebbe pronta all acquisto di titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui e bond menti straordinari e ha confermato che il consiglio direttivo ha «intensificato i lavori preparatori» per acquisti definitivi nel mercato di titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui, obbligazioni o crediti commerciali (gli Abs, Asset backed securities), con l obiettivo di migliorare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Il quantitative easing, da molti richiesto con insistenza sul modello della Fed, non è però così facile da attuare in Europa e comporta anche delle complicazioni istituzionali, a cominciare ad esempio dalla decisione della scelta di quali titoli di Stato acquistare. La Bce ha avvertito che le azioni di politica monetaria sono inefficaci se gli Stati non fanno la loro parte, attuando le riforme strutturali indispensabili per promuovere gli investimenti privati e la creazione di posti di lavoro. Riforme Al vertice Il presidente della Bce Mario Draghi apertamente un intervento più deciso da parte della Bce, ma già nel suo discorso di giovedì scorso Mario Draghi aveva spiegato l intenzione di valutare prima i risultati delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (Tltro) annunciate a giugno: prestiti erogati alle banche dell area euro in due tranche, la prima a settembre a tasso agevolato e condizionati alla concessione di prestiti a imprese e famiglie. Ci vorrà del tempo perché si vedano gli effetti, la catena di trasmissione è lunga. La Bce ha però ribadito il suo impegno a ricorrere a struda mettere in campo nel rispetto dei vincoli di bilancio stabiliti dall Europa. Linea ribadita da Jens Weidmann, presidente della Bundesbank. Ma anche dalla Commissione europea ieri e la scorsa settimana, in occasione della pubblicazione dei dati del Pil dell Italia. I Paesi devono procedere nell attuazione delle riforme strutturali come indicato nelle raccomandazioni di giugno. Bruxelles si dà tempo fino all autunno per interpretare i dati macroeconomici usciti in queste settimane, che destano qualche preoccupazione al di là della cautela ufficiale. E lo farà sulla base delle sue nuove stime di novembre e in relazione alle leggi finanziarie che i Paesi dovranno presentare entro la metà di ottobre. In quella occasione per gli Stati, soprattutto per i «ripetenti», sarà difficile mentire. Francesca Basso LE BORSE IERI (dati in %) Milano Francoforte Parigi Londra -0,29 +0,29 +0,25 +0,43 IL CAMBIO EURO DOLLARO I RENDIMENTI DEI TITOLI DI STATO (dati in %) Btp (Italia) Bund (Germania) Oat (Francia) 2,674 0,998 1,383 Quale competitività Corrono solo le economie dei Paesi emergenti e degli Stati Uniti I numeri dell eurosclerosi Se il 7% della popolazione «brucia» il 50% del welfare 1,38 1,36 1,34 1,32 1,30 1,28 1,26 1,24 ott dic feb apr giu ago ott dic feb apr giu ago mestre potrebbe essere migliore del secondo, ma non credo che invertirà la tendenza. Le stime della Bundesbank, che prevede un Pil in salita dell 1,9-2%, sono molto ottimistiche. Per il 2014 mi aspetto una crescita minima, tra lo 0 e l 1%». Il rallentamento tedesco alleggerirà la pressione di Berlino sugli altri Paesi dell Eurozona? «Non cambierà nulla. I veri problemi nell area euro in questo momento sono prima la Francia e poi l Italia. La Spagna è tornata a crescere, il Portogallo è migliorato, e anche la Grecia sta meglio». Vuol dire che i tedeschi non ce l hanno più tanto con l Italia? «L Italia ha bisogno di riforme vere, come la Francia. Renzi vorrebbe imporre una nuova interpretazione del Patto di stabilità e di crescita: sta Roma Renzi? Parla bene di riforme, ma poi non le fa, mi sembra avviato sulla strada di Monti cercando di allentare i vincoli di bilancio, chiedendo di dedurre certi investimenti dal budget. È sempre la vecchia strada, che fa accumulare debito in nome della crescita». Com è visto il premier Renzi in Germania? «Finora abbiamo sentito tante parole giuste, ma visto pochi fatti: Renzi parla di riforme, però non le implementa. Mi sembra avviato sulla stessa strada di Monti, che è stato un enorme delusione». Crede che servano misure anticonvenzionali da parte della Bce per contrastare il rischio di deflazione a stimolare la crescita nell eurozona? «La Bce sta comprando tempo per i politici, che però non fanno le riforme, Germania inclusa. Finora la liquidità immessa dalla Bce nel sistema bancario non ha spinto le banche a prestare di più per l incertezza della situazione economica, anche in Germania. Ma Draghi deve stare attento a tenere i tassi di interesse bassi troppo a lungo, perché creano distorsioni. Per i tedeschi che risparmiano è un ulteriore pressione a consumare meno». Giuliana IERI 1,337 Chi è CORRIERE DELLA SERA Teologo con l Mba a Stanford Kurt Lauk, 68 anni, è nato a Stoccarda. Laurea in storia e teologia a Monaco, Mba a Stanford e PhD in Scienze politiche all Università di Kiel, ha iniziato la carriera al Boston Consulting Group. Dall 89 al 92 è stato vice Ceo e Chief financial officer di Audi. Nel 2000 ha co-fondato il fondo di private equity Globe Cp. Dal 2004 al 2009 è stato deputato all Europarlamento e membro del Comitato Affari economici e monetari Ma è boom di richieste per i jet privati Soprattutto grandi di FABIO SAVELLI Sembrerebbe l empirica conferma di una delle teorie macro-economiche più in voga, secondo la quale le disuguaglianze sociali uccidono la crescita perché diminuiscono gli investimenti delle imprese a tutto vantaggio della rendita. Così mentre l Europa naviga controcorrente tra recessione e deflazione il mercato dei jet privati vive una seconda rinascita dopo cinque anni sull ottovolante. Rileva il «Financial Times» che questo particolare mercato è accreditato di una crescita del 3% per quest anno polverizzando la soglia di 23 miliardi di dollari di giro d affari. Di più: le stime degli analisti prevedono un aumento del 10% anche nel 2015 trainato soprattutto dal boom dei jet più grandi, quelli con un valore compreso tra i 26 e i 400 milioni. Richiesti soprattutto dai super-ricchi russi. A ben vedere un mercato che dieci anni fa non esisteva nemmeno. Da anni, Angela Merkel tiene in tasca un foglietto con tre statistiche che cita in continuazione. Le permettono di inquadrare la posizione dell Europa nel mondo: il continente ha il 7% della popolazione, il 25% del Prodotto lordo, il 50% delle spese per Welfare State. Ieri, forse, la cancelliera ha dato un altra occhiata ai tre numeri, quando ha saputo che nel secondo trimestre dell anno l economia dell Eurozona è tornata a essere stagnante. A differenza di altre volte, però, le conseguenze dovrà almeno in parte trarle non solo per i partner europei ma per la stessa Germania, il cui Pil si è ristretto dello 0,2%. È che, dal 2008 e ancora di più dal 2010, l Europa ha vissuto nell emergenza, è passata da interventi di salvataggio a nuovi vincoli di bilancio senza soluzione di continuità, con l obiettivo di non fare crollare la moneta unica. Inevitabile: ma i vecchi mali di cui si discuteva prima, la famosa eurosclerosi, sono scivolati in secondo o in terzo piano. Restano però ancora lì: in buona parte anche in Germania, che è un economia forte, competitiva ma che non si può definire dinamica e sicura del futuro in tutti i settori. Il dato di fatto è che quella del Vecchio Continente è oggi l unica importante economia del pianeta (forse assieme a quella giapponese) a non crescere: immagine di un area in perdita continua di peso di fronte alla potente e dinamica economia americana e a quelle emergenti. La fotografia della stagnazione resa pubblica ieri da Eurostat ha già fatto dire a molti che alla sua origine ci sono le politiche di austerità volute da Berlino e Bruxelles negli anni della crisi. Ma, dal momento che molto difficilmente il «Fiscal Compact» europeo sarà rimesso in discussione, è forse meglio focalizzare l attenzione proprio sull eurosclerosi persistente, sulla storia raccontata dalle tre percentuali di Frau Merkel. La situazione si può riassumere così: la popolazione europea tende ad avere un peso sempre minore rispetto a quella mondiale perché gli europei fanno decisamente pochi figli (Germania e Italia sono i casi più acuti); la stagnazione farà diminuire, dal 25% di oggi, anche la quota di Pil prodotto; e, chiaramente, la generosità inefficiente del Welfare State europeo (il 50% delle spese mondiali per il 7% della popolazione) non può essere sostenuta ed è un elemento che pesa sulla competitività (i Paesi emergenti tendono ad aumentare la spesa per la sicurezza sociale, ma non illudiamoci che lo facciano a scapito della loro capacità concorrenziale). Un circolo vizioso. Nel 2000, Bruxelles lanciò l Agenda di Lisbona: interventi per fare della Ue «l economia della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo» entro il Un fallimento. Ora la questione si ripropone in termini probabilmente meno ambiziosi ma più urgenti. Cosa si tratta di fare è noto. L Ocse ha elaborato riforme finalizzate a migliorare la competitività di ogni Paese. E, fatto interessante, l Europa ha in casa i modelli di riforma più di successo, quelli applicati dai Paesi nordici che nei decenni scorsi sono usciti da una profonda apatia. Con scelte coraggiose che hanno abbassato le tasse e ridotto la spesa pubblica senza massacrare, anzi spesso migliorandola, la politica sociale. La Svezia, per dire, nel 1993 aveva una spesa pubblica pari al 67% del Pil: da allora l ha ridotta di quasi venti punti ma mantiene un sistema di protezione elevato perché ha fatto riforme serie, per esempio nell istruzione ha introdotto il sistema dei voucher universali che ha messo in concorrenza scuole pubbliche e private. La flexsecurity del mercato del lavoro danese è diventata un esempio. Non che i Nordici siano necessariamente modelli esportabili: dicono però che le riforme strutturali si possono fare. Vale anche per la Germania. Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha differenziato le difficoltà di crescita tedesche, «tecniche» dovute per esempio alla crisi in Ucraina, da quelle «strutturali» di Italia e Francia. Ed è vero che Berlino ha riformato il mercato del lavoro e ha una struttura dei salari che si adatta bene al ciclo economico. È però anche vero che ha un settore dei servizi ancora fortemente regolato, dagli orari dei negozi alle professioni. E che il governo di Grosse Koalition sta rimangiandosi alcune riforme, ad esempio con l abbassamento (parziale) dell età pensionabile. I tre numeri del foglietto di Frau Merkel, invece, dicono che, per prosperare, oggi occorre essere dinamici, flessibili, capaci di creare quella fiducia nel futuro senza la quale la gente fa pochi figli e si accontenta di un Welfare State che sarà sempre più difficile finanziare. Altrimenti è la vecchia eurosclerosi, che ieri si è ripresentata con la faccia della stagnazione, senza risparmiare nessuno. Danilo

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro 17-01-2015 Numero 15-3 NOTA DAL CSC La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro Nella crisi tutti i paesi euro in deficit hanno aggiustato i conti con l estero. Il saldo dell

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Indice italiano FTMIB40, sceso da 22.590 di giugno 2014 a 18.885 dell 8 agosto 2014

Indice italiano FTMIB40, sceso da 22.590 di giugno 2014 a 18.885 dell 8 agosto 2014 Settimanale valute e mercati 8 agosto 2014 Correzione o inversione di tendenza? DowJones e FTMIB scesi sui livelli di dicembre 2013, Dax negativo da inizio anno. La BCE lascia i tassi invariati. Il dollaro

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

PER SCONFIGGERE CRISI E JIHADISTI L EUROPA EMETTA PROJECT BOND

PER SCONFIGGERE CRISI E JIHADISTI L EUROPA EMETTA PROJECT BOND 981 PER SCONFIGGERE CRISI E JIHADISTI R. Brunetta per Il Giornale 29 novembre 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente

Dettagli

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta

LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 833 LETTERA APERTA A MARIO DRAGHI: O LA GERMANIA LA SMETTE CON LE SUE OSSESSIONI O FINISCE IL SOGNO EUROPEO di Renato Brunetta 20 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Paper Economia Reale. Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco

Paper Economia Reale. Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco Nessun male sociale può superare la frustrazione e la disgregazione che la disoccupazione arreca alle collettività umane Federico Caffè Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco I primi

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta 605 www.freenewsonline.it www.freefoundation.com i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Con il decreto 101 del 31 agosto, il governo ha avviato

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2011 CONSIGLIO COMUNALE DEL 12/01/2011 L allarme che qualche mese fa avevamo lanciato sui tagli ai comuni oggi è diventato certezza, e non è stata cosa semplice, per

Dettagli

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 NOVITA Prima di iniziare a descrivere quanto è accaduto in settimana e valutare alcune opportunità, volevo parlarvi delle novità di Money Risk Analysis. Questo sito ha preso

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino?

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? Ambrosetti Club Economic Indicator Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? 3 settembre 2015 I primi sei mesi del 2015 si chiudono con un Prodotto Interno Lordo che torna finalmente col segno più (+0,3%),

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Presentazione della relazione: "Proposte per nuove misure di contrasto alla povertà"

Presentazione della relazione: Proposte per nuove misure di contrasto alla povertà Presentazione della relazione: "Proposte per nuove misure di contrasto alla povertà" Roma, 18 settembre 2013 Senato della Repubblica Intervento del Ministro Enrico Giovannini Buongiorno a tutti, oggi ci

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli