Ora tutta l Europa è in frenata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ora tutta l Europa è in frenata"

Transcript

1 VENERDÌ 15 AGOSTO 2014 ANNO N In Italia (con Sette ) EURO 1,90 Milano, Via Solferino 28 - Tel Roma, Piazza Venezia 5 - Tel Fondato nel 1876 Servizio Clienti - Tel mail: Tempi liberi Lo chef pluristellato Bottura, stregato dalle donne «A mamma, moglie e cuoche devo tutto» di Angela Frenda a pagina 29 Numero speciale Sei scrittrici raccontano mille voci I progetti al femminile con Oxfam Domenica il magazine in edicola con il Corriere della Sera > Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano IL FERRAGOSTO DI UN PAESE IN BILICO ALLA RICERCA DELLA FIDUCIA di BEPPE SEVERGNINI Ferragosto è una festività romana, cristiana, italiana. Il riposo di Augusto (feriae Augustii) è diventato, per tradizione, quello di tutti noi. Un riposo che dovrebbe essere sereno. Quest anno la meteorologia, l economia e le armi l hanno reso, invece, ansioso. Ansia comprensibile: basta che non diventi rassegnazione. Matteo Renzi, al governo da sei mesi, appare preoccupato. L insistenza con cui chiede ottimismo inizia a somigliare a quella dei predecessori. Alcuni scatti denotano nervosismo. Non ne ha motivo. Non si cambia l Italia in sei mesi (né l economia, né l umore). Occorre procedere per gradi: spiegando, semplificando, rassicurando. L ottimismo a comando non esiste. Ha ragione, il giovane presidente del Consiglio, a ricordare che non siamo soli a faticare. Ieri è stato diffuso il dato della crescita del Pil per l eurozona: solo 0,7% su base annua. Fa altrettanto bene, Renzi, a ricordare che siamo un grande Paese la terza economia del continente, la seconda industria dopo la Germania e abbiamo motivi d essere orgogliosi. Fa meno bene a derubricare la preoccupazione come rassegnazione, e a liquidare i critici come «gufi». Sono frasi buone per Twitter o per la campagna elettorale. Ma col primo non si governa, e la seconda appare esclusa (proprio da lui). Forse il premier dovrebbe limitare gli obiettivi e, già che c è, le dichiarazioni, le celebrazioni e le inaugurazioni, che costringono a essere enfatici e un po generici. Qualcuno l ha fatto notare: se quel paragone tra la ripresa e l estate l avesse tirato fuori Silvio Berlusconi («Non è arrivata quando volevamo, magari non è bella come volevamo, arriva un po in ritardo, ma arriva») sarebbe stato deriso. Matteo Renzi è determinato. Ha costretto il Senato elettivo ad abolire se stesso, ed è come convincere i pesci rossi a togliere il tappo dell acquario: non facile. Perché non anticipa, come suggerito sul Corriere da Ferrera, Giavazzi e Alesina, la riforma sul lavoro? Introducendo un contratto a tutele crescenti dimostrerebbe al mondo che facciamo sul serio. Le preoccupazioni, nelle istituzioni internazionali e sui mercati, ci sono: è infantile nasconderselo. Mario Draghi ha chiesto «un segnale importante a settembre»? Bene: noi mandiamolo prima. Gli italiani che oggi si riuniscono a pranzo vogliono essere ottimisti. Il nostro vocabolario del disagio è ridotto, rispetto a quello di inglesi, tedeschi o francesi (niente gloom, nessuna Angst, poco malaise). Siamo una nazione reattiva. Siamo stati troppo poveri per sentirci depressi. Abbiamo resilienza, fantasia e coraggio. Ma non possiamo accettare che chi sta al governo dica va tutto bene! e chi sta all opposizione risponda va tutto male! (salvo scambiarsi i ruoli alla prima occasione). Non è giusto costringere gli italiani a scegliere tra trionfalismo e disfattismo. Molti di noi sono pronti a investire, a provare, ad assumere: ma occorrono norme e garanzie, non polemiche e promesse. La fiducia non si pretende, si conquista. Matteo Renzi deve capirlo. Ferragosto è un ottimo momento per ripartire. Tre splendidi racconti di Cesare Pavese sono riuniti sotto il titolo La bella estate. Siamo ancora in tempo. Con qualche dichiarazione in meno e un po di concretezza in più, potrebbe diventare la stagione della Calcio L ex della Juve guiderà la Nazionale. L ingaggio sarà di 4 milioni l anno Conte è il nuovo ct (con sponsor) Ai lettori Domani i quotidiani non usciranno. Il tornerà in edicola domenica 17 agosto. Il nostro sito funzionerà invece regolarmente. Alle lettrici e ai lettori, buon Ferragosto di ALESSANDRO BOCCI e MARIO SCONCERTI Antonio Conte è il nuovo allenatore della Nazionale: esordirà il 4 settembre nell amichevole di Bari con l Olanda. L ex tecnico della Juventus sarà anche coordinatore delle squadre giovanili. Il compenso, in base all accordo che coinvolge un pool di sponsor, si aggirerà attorno ai 4 milioni. ALLE PAGINE 50 E 51 Bonsignore Costa, Pasini, Perrone La Bce: «Niente ripresa senza cambiamenti strutturali». La Francia: meno vincoli europei Ora tutta l Europa è in frenata Si ferma anche la Germania. Renzi: non c è solo un caso Italia L economia tedesca è calata nel secondo trimestre dello 0,2%, contro il -0,1% delle stime. La Francia è in stagnazione, il Pil dell eurozona è a zero su base trimestrale. Parigi chiede all Ue di adattare le sue decisioni alla situazione. E Renzi sottolinea: «Non c è un caso Italia, l intera eurozona è in crisi». DA PAGINA 2 A PAGINA 5 Il foglietto nella tasca di Angela Merkel di DANILO TAINO D al 2010 l Europa ha vissuto nell emergenza, con l obiettivo di non fare crollare l euro. Ma i suoi vecchi mali, la famosa eurosclerosi, restano: oggi è l unica importante economia del pianeta a non crescere. A PAGINA 3 Giannelli Figlia di corridori, allevata da un francescano ad Assisi Piccola, albina E fa sognare il mondo del trotto Lo scrittore Conrad, i misteri del mare CHIARA DATTOLA di PIETRO CITATI Joseph Conrad perse la madre a 7 anni e il padre a 11. A 16 anni, fu travolto dal desiderio di diventare capitano di mare: ne parlava tanto da passare per folle. di LUIGI FERRARELLA Un Calimero al contrario. Negli ippodromi corrono soltanto cavalli scuri e lei è una trottatrice tutta bianca, albina con sottocute rosa. È nata ad Assisi all ombra della basilica di San Francesco nell allevamento di un frate francescano. Ora si spera che diventi vincente: essendo figlia di corridori, non è impossibile. A PAGINA 24 ALLE PAGINE 44 E 45 In primo piano Alfano: agire subito su Fisco e imprese Non ci sarà rimpasto di ANDREA GARIBALDI ALLE PAGINE 8 e 9 Il lavoro e i tagli, il piano del governo per il «segnale forte» di ENRICO MARRO L intervista A PAGINA 5 Emergenza e inerzie LA DEBOLEZZA È DELL UNIONE: C È UN VUOTO DA COLMARE di LUCREZIA REICHLIN Italia non è il solo L Paese che sta attraversando una fase di contrazione: la crescita del Prodotto interno lordo nel secondo trimestre è risultata negativa anche in Francia e in Germania; il Pil dell area dell euro nel suo insieme con una crescita dello 0,05 rispetto ai tre mesi precedenti è praticamente piatto e stride con lo 0,97 degli Stati Uniti e lo 0,8 del Regno Unito. CONTINUA A PAGINA 47 Il segretario Nunzio Galantino La Cei chiede riforme «Le lobby ostili bloccano il Paese» di PAOLO CONTI e riforme spesso si «L bloccano per l ostilità di singole lobby. Urge, per esempio, quella della Pubblica amministrazione e della burocrazia. E va riformata la burocrazia della mente e del cuore». Monsignor Nunzio Galantino, segretario della Conferenza episcopale italiana, risponde al Corriere sui temi di attualità: dal Medio Oriente («C è un tipo di fondamentalismo anche in Occidente che vorrebbe cogliere l occasione per distruggere ogni dialogo col mondo musulmano») alla fecondazione eterologa e al caso dei gemelli contesi da due coppie: «Come si fa a non tenere conto che tra la donna e il figlio che ha in grembo si creano emozioni comuni, empatie non solo fisiche?». A PAGINA 6 Funerali a Pitigliano Il cordoglio per il reporter ucciso a Gaza Un aereo della presidenza del Consiglio lo ha riportato in Italia. Ad accompagnare e accogliere il reporter Simone Camilli, morto a Gaza, la famiglia e la ministra Mogherini. A PAGINA 12 Frignani REUTERS

2 2 Primo Piano Venerdì 15 Agosto 2014 Corriere della Sera L Unione europea La frenata L Europa si ferma con la Germania Parigi (a crescita zero): meno vincoli Ue Il Pil tedesco cala dello 0,2%. Eurozona in stagnazione, ridotte le stime 2014 Sapin: quest anno il deficit francese oltre il 4%. Btp e Bund ai minimi storici Il settimanale Roma, il declino dell impero e il paragone di «Le Point» DALLA NOSTRA INVIATA BRUXELLES Peggio delle attese: l economia della Germania, la locomotiva d Europa, è calata nel secondo trimestre dello 0,2% a fronte del -0,1% delle stime. La Francia si è confermata in stagnazione. E dopo un anno dall uscita dalla recessione, il Pil dell Eurozona ha subito un nuovo stop: crescita zero su base trimestrale e +0,7% su base annua (questo in linea con le attese). Meglio per l Europa a 28 Paesi, che nel secondo trimestre ha messo a segno una crescita dello 0,2%. Mentre dell Italia in recessione lo si sa ormai da una settimana. È cauta la Commissione europea nei suoi commenti. Si tratta di «un quadro misto» e i dati «vanno considerati nel contesto economico di medio termine». Bruxelles ha sempre insistito sulla «natura fragile» della ripresa e data la situazione «ribadisce l importanza dell attuazione delle riforme». I Paesi che le hanno portate a termine hanno registrato «una crescita più marcata rispetto a quelli che non le hanno realizzate». La Commissione cita Spagna e Portogallo, che nel secondo trimestre sono cresciuti dello 0,6%. Ma non sono gli unici Paesi a riportare dati positivi. In recupero c è l Olanda e addirittura la Grecia, che è ancora sotto programma di salvataggio. Quanto alla Germania, ha risentito del calo del settore delle costruzioni dopo il più che positivo andamento invernale dovuto alle buone condizioni metereologiche, degli investimenti deboli e della frenata delle esportazioni che ha già registrato un primo impatto delle tensioni geopolitiche, in particolare della crisi ucraina. Tuttavia la domanda interna è leggermente cresciuta rispetto al primo trimestre. A Berlino sono attenti ma non preoccupati. Il ministro dell Economia tedesco Sigmar Gabriel ha detto che il Pil tornerà a crescere nel resto dell anno malgrado «i rischi dall estero siano senza dubbio aumentati». La Germania gode ancora della fiducia dei mercati. Tanto che ieri, appena resi noti i dati del Pil tedesco e dell eurozona, i tassi dei Bund decennali sono scesi per la prima volta nella loro storia sotto l 1%, svolgendo in pieno un ruolo di bene rifugio per gli investitori. Se la Francia sperava in un atteggiamento più dialogante della Germania dato il quadro economico generale, è rimasta delusa. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ha ribadito nei giorni scorsi che «la crescita deve venire dall interno: non Weidmann (Bundesbank) «La crescita deve venire dall interno: non è responsabilità della Bce, ma di ciascun governo» è responsabilità né dei governi vicini, né della Bce, ma di ciascun governo che deve creare uno scenario favorevole all occupazione e all innovazione» e che la politica monetaria della zona euro non dovrebbe puntare a indebolire la moneta unica. Ciononostante ieri il ministro delle Finanze francese, Michel Sapin, ha chiesto all Unione Europea che agisca «con fermezza e chiarezza adattando le sue decisioni alle circostanze profondamente particolari ed eccezionali», e in particolare di «adattare il ritmo di riduzione del disavanzo pubblico all attuale situazione economica». Mentre ha domandato alla Bce un intervento più deciso per far fronte al rischio di deflazione e per riportare il cambio dell euro a «un livello più favorevole». La Francia, che ha annunciato un ulteriore taglio della spesa pubblica per 50 miliardi, difficilmente riuscirà a rispettare la tempistica per il rientro del deficit che gli era stata accordata dalla Commissione. La crescita bassa e la frenata dell inflazione porteranno già quest anno il livello del deficit oltre il 4% del Pil, ben oltre il vincolo europeo del 3%. Fr. Bas. DALLA NOSTRA INVIATA PARIGI E se l Europa in stagnazione, lacerata da una guerra che oppone Est e Ovest, fosse su un crinale irreversibile come quello che portò alla caduta dell Impero Romano d Occidente oltre anni fa? Il parallelismo, soltanto accennato dall ultimo numero del settimanale francese Le Point (che dedica la copertina alla «Caduta di Roma») fa discutere. Un dossier storico che però ha la pretesa di diventare d attualità perché «il declino dell Impero Romano parla ancora ai nostri tempi», sostiene la testata. All origine della caduta c è «un problema strutturale», si legge: forze centrifughe che prevalgono su quelle aggreganti fino ad arrivare alla scissione tra Est e Ovest e all indebolimento di Roma. Viene da pensare a un Europa oggi divisa da troppi interessi nazionali contrastanti. A lacerare l Europa c è poi il conflitto in Ucraina che ha riportato il continente ai tempi della Guerra fredda, a 25 anni dallo smantellamento della cortina di ferro. Altro motivo all origine della decadenza di Roma la crisi economica, con un aristocrazia agiata incapace di produrre lavoro e ricchezza e il popolo ridotto alla fame. L Europa di oggi si dibatte tra stagnazione e recessione, con la disoccupazione in aumento, mentre la forbice tra ricchi e poveri si allarga. Infine l altro grande male che ha affossato l Impero, la corruzione. E dire che all epoca non c era la pletora di burocrati che c è oggi in Europa, dagli uffici di Bruxelles fino ai mille enti locali. Alessandra Muglia 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0-0,5-1,0 1,0 0,5 0-0,5-1,0 La crescita in Europa 0,7 Primo trimestre Germania Cipro -0,2-0,3-0,6 0,0-0,7 Francia Estonia 0,0 0,5 Secondo trimestre 0,8-0,3 Finlandia Gran Bretagna 0,8 0,1 0,4-0,9 Grecia Spagna 0,6-0,2 Variazione del Pil rispetto al trimestre precedente 0,1 0,6 Austria Lettonia 0,2 1,0 0,4 Belgio 0,1 Lussemburgo -0,4 Malta Olanda 0,8 0,9 0,5-0,6 0,7 Portogallo Slovacchia 0,6 0,6 2,7 Irlanda -0,3 Slovenia -0,1-0,2 ITALIA IL PIL NEGLI STATI UNITI IL PIL NELL AREA EURO +4% L intervista Il presidente del consiglio economico della Cdu, il partito della Cancelliera: dobbiamo fare le riforme «Più soldi in tasca ai tedeschi, Berlino tagli le tasse» Lauk: il nostro welfare troppo ricco toglie risorse agli investimenti «La contrazione dello 0,2% del Pil tedesco nel secondo trimestre è una sorpresa che pochi si aspettavano, ma è il prezzo che paghiamo per cattive politiche economiche. Facciamo l opposto di quello che predichiamo ai Paesi del Sud Europa: a loro diciamo di bere acqua e noi beviamo vino», afferma Kurt Lauk, 68 anni, presidente del Consiglio economico della Cdu e advisor della cancelliera Angela Merkel, ma anche uomo d affari, co-fondatore di Globe Cp, un fondo di private equity. Dottor Lauk, perché la Germania si è fermata? «Abbiamo introdotto il salario minimo, che entrerà in vigore dal prossimo primo gennaio; abbiamo abbassato l età pensionabile da 65 a 63 anni invece di alzarla a 67 anni; abbiamo esteso la rendita per le madri anche alle donne che hanno avuto figli prima del 1992, una novità che ci costerà 7-8 miliardi all anno. La Grosse Koalition ha aumentato in modo significativo i costi per il welfare. Ma ci sono altre ragioni per il declino». Quali? «Le sanzioni alla Russia ci costeranno 25 mila posti di lavoro in meno, soprattutto nelle piccole e medie imprese. E questo crea ulteriore incertezza. Ma c è anche un problema di investimenti. L energia tedesca costa troppo perciò le imprese preferiscono fare nuovi investimenti altrove, soprattutto negli Stati Uniti e in Cina. Succede in molti settori ad alta intensità energetica, dall acciaio alla chimica alla carta. I nostri investimenti netti sono troppo bassi da un decennio. Da mesi vediamo scendere l Indice Ifo, il più importante indicatore dell umore delle imprese tedesche: cade perché Kurt Lauk, 68 anni, presidente del Consiglio economico della Cdu e advisor di Angela Merkel con lui nella foto la nostra politica non è orientata alla crescita e agli investimenti». Quale strada suggerisce per invertire il trend? «L Europa deve aprire il mercato dei servizi, che porterebbe benefici non solo alla Germania ma anche a quei Paesi che hanno un vantaggio competitivo in questo settore, come Spagna e Portogallo. Poi abbiamo bisogno di negoziare con successo la Partnership Transatlantica (Ttip) con gli Usa, un accordo che farebbe crescere di 120 miliardi di euro all anno il Pil europeo». E Berlino cosa può fare? «Abbiamo bisogno di riformare il nostro sistema fiscale, per mettere più soldi nelle tasche dei tedeschi. Se aumentiamo i salari, dobbiamo appiattire il prelievo, realizzando quella che io chiamo progressione fredda. La nostra aliquota più alta è del 45%, ma se si aggiunge la tassa sulla Chiesa e la tassa di solidarietà introdotta per la riunificazione della Germania (1,2%) si arriva a una pressione un po sopra il 50%. Troppo, così si portano via risorse destinate ai consumi. Invece dobbiamo assolutamente far crescere la domanda domestica e creare un po di inflazione». Chi ferma la riforma del fisco? «Sia la cancelliera Merkel che il ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble sono contrari, perché farebbe saltare il pareggio del bilancio. Perciò vogliono rinviare la riforma alla prossima legislazione». Che cosa prevede per la Germania per il resto dell anno? «Restiamo l economia più forte in Europa, ma abbiamo raggiunto il picco: il declino è già cominciato, anche se sarà graduale. Il terzo tri- Bruxelles L Europa deve aprire il mercato dei servizi e stringere la partnership con gli Usa 0

3 Corriere della Sera Venerdì 15 Agosto 2014 Primo Piano 3 Le ultime misure Depositi negativi presso l Eurotower 1 Il 5 luglio, con il taglio del tasso di interesse allo 0,15%, per la prima volta la Bce ha dato il via libera ai tassi negativi delle banche presso l Eurotower (-0,10%) Tltro, i fondi agevolati alle banche 2 La Bce ha lanciato Tltro, un nuovo round di prestiti a lungo termine a tasso agevolato alle banche, ma con il vincolo di fare prestiti a famiglie (non per i mutui) e a imprese non finanziarie, pena la restituzione Abs, il quantitative easing europeo 3 Se l economia peggiorerà, la Bce è pronta a misure anticonvenzionali, con l acquisto di Abs (Asset backed securities), cioè titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui o obbligazioni La banca centrale Il rischio deflazione e le richieste ai governi per nuove politiche di crescita. I fondi alle banche per le imprese Bce accelera sulle misure straordinarie Francoforte: interventi per rianimare l economia se l inflazione resta bassa DALLA NOSTRA INVIATA BRUXELLES La debole ripresa dell eurozona non è minacciata solo dalla frenata della crescita del secondo trimestre. A chiudere due settimane di indici contrastanti, è arrivato anche il dato dell inflazione. Eurostat ha certificato che la media dei prezzi al consumo nei Paesi che hanno adottato la moneta unica è allo 0,4% in luglio su base annua, in arretramento dal +0,5% di giugno, il livello più basso dall ottobre Anche la Bce, nel suo bollettino mensile, ha rivisto al ribasso le stime per il 2014 e il 2015, portandole allo 0,7% e all 1,2% (da rispettivamente 0,9% e 1,3%), mentre ha lasciato invariate all 1,5% quelle per il Cifre comunque al di sotto della soglia del 2% fissata da Francoforte. Il timore diffuso è quello che l Europa scivoli in deflazione. Ieri la Francia ha chiesto Acquisti di titoli La Bce sarebbe pronta all acquisto di titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui e bond menti straordinari e ha confermato che il consiglio direttivo ha «intensificato i lavori preparatori» per acquisti definitivi nel mercato di titoli cartolarizzati garantiti da prestiti, mutui, obbligazioni o crediti commerciali (gli Abs, Asset backed securities), con l obiettivo di migliorare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Il quantitative easing, da molti richiesto con insistenza sul modello della Fed, non è però così facile da attuare in Europa e comporta anche delle complicazioni istituzionali, a cominciare ad esempio dalla decisione della scelta di quali titoli di Stato acquistare. La Bce ha avvertito che le azioni di politica monetaria sono inefficaci se gli Stati non fanno la loro parte, attuando le riforme strutturali indispensabili per promuovere gli investimenti privati e la creazione di posti di lavoro. Riforme Al vertice Il presidente della Bce Mario Draghi apertamente un intervento più deciso da parte della Bce, ma già nel suo discorso di giovedì scorso Mario Draghi aveva spiegato l intenzione di valutare prima i risultati delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (Tltro) annunciate a giugno: prestiti erogati alle banche dell area euro in due tranche, la prima a settembre a tasso agevolato e condizionati alla concessione di prestiti a imprese e famiglie. Ci vorrà del tempo perché si vedano gli effetti, la catena di trasmissione è lunga. La Bce ha però ribadito il suo impegno a ricorrere a struda mettere in campo nel rispetto dei vincoli di bilancio stabiliti dall Europa. Linea ribadita da Jens Weidmann, presidente della Bundesbank. Ma anche dalla Commissione europea ieri e la scorsa settimana, in occasione della pubblicazione dei dati del Pil dell Italia. I Paesi devono procedere nell attuazione delle riforme strutturali come indicato nelle raccomandazioni di giugno. Bruxelles si dà tempo fino all autunno per interpretare i dati macroeconomici usciti in queste settimane, che destano qualche preoccupazione al di là della cautela ufficiale. E lo farà sulla base delle sue nuove stime di novembre e in relazione alle leggi finanziarie che i Paesi dovranno presentare entro la metà di ottobre. In quella occasione per gli Stati, soprattutto per i «ripetenti», sarà difficile mentire. Francesca Basso LE BORSE IERI (dati in %) Milano Francoforte Parigi Londra -0,29 +0,29 +0,25 +0,43 IL CAMBIO EURO DOLLARO I RENDIMENTI DEI TITOLI DI STATO (dati in %) Btp (Italia) Bund (Germania) Oat (Francia) 2,674 0,998 1,383 Quale competitività Corrono solo le economie dei Paesi emergenti e degli Stati Uniti I numeri dell eurosclerosi Se il 7% della popolazione «brucia» il 50% del welfare 1,38 1,36 1,34 1,32 1,30 1,28 1,26 1,24 ott dic feb apr giu ago ott dic feb apr giu ago mestre potrebbe essere migliore del secondo, ma non credo che invertirà la tendenza. Le stime della Bundesbank, che prevede un Pil in salita dell 1,9-2%, sono molto ottimistiche. Per il 2014 mi aspetto una crescita minima, tra lo 0 e l 1%». Il rallentamento tedesco alleggerirà la pressione di Berlino sugli altri Paesi dell Eurozona? «Non cambierà nulla. I veri problemi nell area euro in questo momento sono prima la Francia e poi l Italia. La Spagna è tornata a crescere, il Portogallo è migliorato, e anche la Grecia sta meglio». Vuol dire che i tedeschi non ce l hanno più tanto con l Italia? «L Italia ha bisogno di riforme vere, come la Francia. Renzi vorrebbe imporre una nuova interpretazione del Patto di stabilità e di crescita: sta Roma Renzi? Parla bene di riforme, ma poi non le fa, mi sembra avviato sulla strada di Monti cercando di allentare i vincoli di bilancio, chiedendo di dedurre certi investimenti dal budget. È sempre la vecchia strada, che fa accumulare debito in nome della crescita». Com è visto il premier Renzi in Germania? «Finora abbiamo sentito tante parole giuste, ma visto pochi fatti: Renzi parla di riforme, però non le implementa. Mi sembra avviato sulla stessa strada di Monti, che è stato un enorme delusione». Crede che servano misure anticonvenzionali da parte della Bce per contrastare il rischio di deflazione a stimolare la crescita nell eurozona? «La Bce sta comprando tempo per i politici, che però non fanno le riforme, Germania inclusa. Finora la liquidità immessa dalla Bce nel sistema bancario non ha spinto le banche a prestare di più per l incertezza della situazione economica, anche in Germania. Ma Draghi deve stare attento a tenere i tassi di interesse bassi troppo a lungo, perché creano distorsioni. Per i tedeschi che risparmiano è un ulteriore pressione a consumare meno». Giuliana IERI 1,337 Chi è CORRIERE DELLA SERA Teologo con l Mba a Stanford Kurt Lauk, 68 anni, è nato a Stoccarda. Laurea in storia e teologia a Monaco, Mba a Stanford e PhD in Scienze politiche all Università di Kiel, ha iniziato la carriera al Boston Consulting Group. Dall 89 al 92 è stato vice Ceo e Chief financial officer di Audi. Nel 2000 ha co-fondato il fondo di private equity Globe Cp. Dal 2004 al 2009 è stato deputato all Europarlamento e membro del Comitato Affari economici e monetari Ma è boom di richieste per i jet privati Soprattutto grandi di FABIO SAVELLI Sembrerebbe l empirica conferma di una delle teorie macro-economiche più in voga, secondo la quale le disuguaglianze sociali uccidono la crescita perché diminuiscono gli investimenti delle imprese a tutto vantaggio della rendita. Così mentre l Europa naviga controcorrente tra recessione e deflazione il mercato dei jet privati vive una seconda rinascita dopo cinque anni sull ottovolante. Rileva il «Financial Times» che questo particolare mercato è accreditato di una crescita del 3% per quest anno polverizzando la soglia di 23 miliardi di dollari di giro d affari. Di più: le stime degli analisti prevedono un aumento del 10% anche nel 2015 trainato soprattutto dal boom dei jet più grandi, quelli con un valore compreso tra i 26 e i 400 milioni. Richiesti soprattutto dai super-ricchi russi. A ben vedere un mercato che dieci anni fa non esisteva nemmeno. Da anni, Angela Merkel tiene in tasca un foglietto con tre statistiche che cita in continuazione. Le permettono di inquadrare la posizione dell Europa nel mondo: il continente ha il 7% della popolazione, il 25% del Prodotto lordo, il 50% delle spese per Welfare State. Ieri, forse, la cancelliera ha dato un altra occhiata ai tre numeri, quando ha saputo che nel secondo trimestre dell anno l economia dell Eurozona è tornata a essere stagnante. A differenza di altre volte, però, le conseguenze dovrà almeno in parte trarle non solo per i partner europei ma per la stessa Germania, il cui Pil si è ristretto dello 0,2%. È che, dal 2008 e ancora di più dal 2010, l Europa ha vissuto nell emergenza, è passata da interventi di salvataggio a nuovi vincoli di bilancio senza soluzione di continuità, con l obiettivo di non fare crollare la moneta unica. Inevitabile: ma i vecchi mali di cui si discuteva prima, la famosa eurosclerosi, sono scivolati in secondo o in terzo piano. Restano però ancora lì: in buona parte anche in Germania, che è un economia forte, competitiva ma che non si può definire dinamica e sicura del futuro in tutti i settori. Il dato di fatto è che quella del Vecchio Continente è oggi l unica importante economia del pianeta (forse assieme a quella giapponese) a non crescere: immagine di un area in perdita continua di peso di fronte alla potente e dinamica economia americana e a quelle emergenti. La fotografia della stagnazione resa pubblica ieri da Eurostat ha già fatto dire a molti che alla sua origine ci sono le politiche di austerità volute da Berlino e Bruxelles negli anni della crisi. Ma, dal momento che molto difficilmente il «Fiscal Compact» europeo sarà rimesso in discussione, è forse meglio focalizzare l attenzione proprio sull eurosclerosi persistente, sulla storia raccontata dalle tre percentuali di Frau Merkel. La situazione si può riassumere così: la popolazione europea tende ad avere un peso sempre minore rispetto a quella mondiale perché gli europei fanno decisamente pochi figli (Germania e Italia sono i casi più acuti); la stagnazione farà diminuire, dal 25% di oggi, anche la quota di Pil prodotto; e, chiaramente, la generosità inefficiente del Welfare State europeo (il 50% delle spese mondiali per il 7% della popolazione) non può essere sostenuta ed è un elemento che pesa sulla competitività (i Paesi emergenti tendono ad aumentare la spesa per la sicurezza sociale, ma non illudiamoci che lo facciano a scapito della loro capacità concorrenziale). Un circolo vizioso. Nel 2000, Bruxelles lanciò l Agenda di Lisbona: interventi per fare della Ue «l economia della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo» entro il Un fallimento. Ora la questione si ripropone in termini probabilmente meno ambiziosi ma più urgenti. Cosa si tratta di fare è noto. L Ocse ha elaborato riforme finalizzate a migliorare la competitività di ogni Paese. E, fatto interessante, l Europa ha in casa i modelli di riforma più di successo, quelli applicati dai Paesi nordici che nei decenni scorsi sono usciti da una profonda apatia. Con scelte coraggiose che hanno abbassato le tasse e ridotto la spesa pubblica senza massacrare, anzi spesso migliorandola, la politica sociale. La Svezia, per dire, nel 1993 aveva una spesa pubblica pari al 67% del Pil: da allora l ha ridotta di quasi venti punti ma mantiene un sistema di protezione elevato perché ha fatto riforme serie, per esempio nell istruzione ha introdotto il sistema dei voucher universali che ha messo in concorrenza scuole pubbliche e private. La flexsecurity del mercato del lavoro danese è diventata un esempio. Non che i Nordici siano necessariamente modelli esportabili: dicono però che le riforme strutturali si possono fare. Vale anche per la Germania. Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha differenziato le difficoltà di crescita tedesche, «tecniche» dovute per esempio alla crisi in Ucraina, da quelle «strutturali» di Italia e Francia. Ed è vero che Berlino ha riformato il mercato del lavoro e ha una struttura dei salari che si adatta bene al ciclo economico. È però anche vero che ha un settore dei servizi ancora fortemente regolato, dagli orari dei negozi alle professioni. E che il governo di Grosse Koalition sta rimangiandosi alcune riforme, ad esempio con l abbassamento (parziale) dell età pensionabile. I tre numeri del foglietto di Frau Merkel, invece, dicono che, per prosperare, oggi occorre essere dinamici, flessibili, capaci di creare quella fiducia nel futuro senza la quale la gente fa pochi figli e si accontenta di un Welfare State che sarà sempre più difficile finanziare. Altrimenti è la vecchia eurosclerosi, che ieri si è ripresentata con la faccia della stagnazione, senza risparmiare nessuno. Danilo

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Rassegna del 20/04/2015

Rassegna del 20/04/2015 Rassegna del 20/04/2015 LAVORO 20/04/2015 Corriere della Sera Voucher più facili per pagare le colf - Voucher fino a 7 mila euro per pagare colf e badanti 20/04/2015 Corriere della Sera Economia 20/04/2015

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli