SICUREZZA: SOLO PAROLE IL PERSONAGGIO: LUCIA ROSSI GIUGNO 1928 NASCEVA IL CHE MANUTENZIONE LATITANTE STRADE. Caffè. Torrefazione dal 1921

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA: SOLO PAROLE IL PERSONAGGIO: LUCIA ROSSI GIUGNO 1928 NASCEVA IL CHE MANUTENZIONE LATITANTE STRADE. Caffè. Torrefazione dal 1921"

Transcript

1 MICHELE CRUCELI TRASLOCHI e MODIFICHE COMPLETE 25 anni di esperienza ACQUE MINERALI E OLIGOMINERALI VINI DOC - D.O.CG DELLE MIGLIORI ZONE ITALIANE ABBIATEGRASSO (MI) Tel VIGEVANO (PV) Tel Cell l altra voce per Vigevano Anno 2 o n o 9 - giugno 2002 Da tre generazioni al vostro servizio. Per pronta consegna: Telefono Via Valle S. Martino, 20 - VIGEVANO Redazione: Via Dante, 25 - Vigevano - Amministrazione: Edizioni Agorà di Salluzzo Davide, Via Bellini 28, Vigevano - Stampa: Edizioni Tipografia Commerciale, Corso Roma 200, Cilavegna - Spedizione in abb. post. 45% art. 2 comma 20/B legge 662/96 Pavia Iscritto nel Registro Periodici n 4, 11 settembre 2001, Tribunale di Vigevano - Commerciale: 36 mm x 1 colonna L a modulo - Finanziari, legali, sentenze, concorsi: L al millimetro - Propaganda elettorale: L a modulo MENSILE - F 1,00 a pag. 4 STRADE SICUREZZA: SOLO PAROLE a pag. 6 IL PERSONAGGIO: LUCIA ROSSI a pag. 18 a pag. 10 MANUTENZIONE LATITANTE GIUGNO 1928 NASCEVA IL CHE a pag. 26 Caffè VIGEVANO Torrefazione dal 1921 Via trivulzio, 45 - Tel

2 2 N 9 - GIUGNO 2002 VOCE AI LETTORI - EDITORIALE LE VOSTRE LETTERE PACIFICAZIONE E GIUSTIZIA Ho sempre pensato che un articolo di giornale o una mostra oltre che a far prevalere il criterio estetico della scrittura o della visibilità, dovesse esprimere dei contenuti che non legittimassero la pubblica espressione di odio e di idee illiberali e razziste, preoccupata dal fatto che mostre e giornali sono aperti e tutti e, quindi, potessero avere effetti negativi sui giovani. Ma, forse, questo mio punto di vista arriva da una deformazione professionale (ho esercitato per più di quarant anni il lavoro di maestra di scuola). Così, quando ho ricevuto il biglietto d invito all inaugurazione della mostra in corso nella seconda Scuderia del Castello, sul quale è riportato un manifesto con scritto in alto L invasore non deve passare sopra una figura femminile che allarga le braccia a difendere una porta spalancata, sono addirittura trasecolata. "Questo è un falso" ho pensato, poichè (come tutti sanno ma i ragazzi no) fu Mussolini il 10 giugno 1940 a consegnare agli ambasciatori di Francia e d Inghilterra la dichiarazione di guerra, guerra che portò anche in Africa col duplice scopo di indebolire il colonialismo inglese e di appropriarsi del controllo completo del Mediterraneo, fu Mussolini che ritirò fuori la necessità di annettere all impero italiano i Balcani e fu Mussolini che il 28 ottobre fece partire un contingente italiano per la facile conquista della Grecia, conquista che invece non fu facile poiché si dovette richiedere l intervento delle truppe germaniche. Quindi, mi sono domandata, e domando ai vigevanesi che hanno vissuto la guerra come me, chi deve essere considerato l invasore? Se ai ragazzi - poiché l invito è esteso alle scolaresche - non viene spiegata per bene la storia, cosa essi potranno dedurre da questa visione? Preoccupata, mi sono rivolta a uno dei curatori della mostra. Mi ha risposto che in archivio comunale è stato trovato questo materiale, tanto bello ed efficace stilisticamente, per cui valeva la pena di far conoscere quei manifesti alla cittadinanza. Per la verità noi li avevamo visti dal vivo, uno per volta e non in mostra, e le infatuazioni le abbiamo pagate di persona. Mi è stato risposto anche che il Comune di Sansepolcro (Arezzo), diretto dal centro-sinistra, aveva fatto pure una mostra di questo genere. E anche questo non corrisponde ad una completa verità, perché, mentre la mostra di Sansepolcro è intitolata Immagini e retorica di regime. Bozzetti originali di propaganda fascista 1935/42 (sul mio vecchio dizionario la parola retorica vuol dire "ricerca eccessiva di armamenti formali e quindi mancanza di sincerità nel parlare e nello scrivere"), la mostra di Vigevano è intitolata solamente Manifesti di propaganda dalle collezioni civiche vigevanesi 1927/45 per cui solo gli adulti, a mio avviso, possono intendere, dalle date di fattura, che sono manifesti fascisti. Sullo stesso tasto, per confutare le polemiche da sinistra, batte pure l Assessore dottor Prati di An, il quale dice: "Molti manifesti esposti sono già stati utilizzati, negli scorsi anni, nel corso di mostre organizzate da amministrazioni di centro-sinistra, come ad esempio quella del maggio 1999 presso la biblioteca civica curata dall assessore Carlo Santagostino: come mai, allora non suscitò alcun clamore?". Rispondo subito. Quella mostra era intitolata: Guardare la guerra 1943/45 e aveva tutt altro scopo: il no! alla guerra. Potrei continuare con rilievi su tantissime altre cose esposte e non ben spiegate. Quando si mostrano attraverso i manifesti gli orrori dei bombardamenti sulle città e non si dice una parola sulla scarsa efficacia delle difese del nostro sventurato Paese, governato da chi aveva voluto una guerra non preparandola, con un cinismo o, al minimo, con un dilettantismo ai limiti della criminalità, è tradire ancora una volta quei bambini, quelle donne, quei vecchi, quei civili caduti sotto le bombe. Quando si passa alla IV Sezione, dove si rappresenta la donna-sposa-madre, tutta dedita alla casa e alla famiglia e al padre che lavora e che mantiene gli altri, e, anche qui, il commento tace sui lunghi periodi di disoccupazione degli operai e dei contadini per gli enormi problemi economici dell Italia e della miopia di Mussolini, il quale nei suoi sogni di grandezza, non aveva tenuto conto dell impossibilità economica di far fronte ad una guerra contro due potenze quali l Inghilterra e l America; quando si espongono i manifesti con le razioni di supplemento di marmellata o di patate e non si espone quello importantissimo dei cinque chili di sale o delle cinquemila lire assegnate quale premio per la delazione di un renitente o di un ricercato, è presentare, con i manifesti, la realtà di quei tempi in un altro modo. Così non si è esposto l altro manifesto d avviso ai cittadini di Vigevano dell avvenuta fucilazione per rappresaglia di Giovanni Leone. Finisco, ma sarebbero molti i rilievi da formulare su questo modo di esporre, un modo tra conoscenza e reticenza che, a mio avviso, non forma certamente la coscienza per arrivare a capire da dove veniamo per decidere dove vogliamo andare. Infine, per quanto riguarda quanto detto dal Ministro Tremaglia e riportato dall Informatore del 16 maggio, e cioè: "E ora, la pacificazione", come ha ben scritto Agnes Heller "si può dimenticare autenticamente, se si è prima autenticamente ricordato". Noi italiani abbiamo ancora da ottenere giustizia per quei atti processuali che furono scoperti nel cosiddetto Armadio della Vergogna nel 1994 e che non hanno ancora avuto risposta neanche per la formazione di una Commissione Parlamentare affinché i morti civili, bambini, donne, vecchi trucidati dai tedeschi e dai fascisti (e si conoscono i nomi e i cognomi) possano riposare in pace. Non si trova il tempo per far conoscere la verità su chi dette l ordine di occultare quelle centinaia di fascicoli, contenenti le denunce di tremendi reati, eccidi, omicidi, violenze, stupri, torture e delle stragi di Cefalonia, di Spalato, e in tante altre località diverse? È giunto il momento di aprire l armadio della vergogna, questo sì che l impone la storia! Caro signor Ministro Tremaglia, prima la giustizia e poi la pacificazione, anche se, a mio parere, pacificazione c è già stata in questo mezzo secolo di democrazia, in cui vi è stato permesso di creare un vasto movimento, di avere rappresentanti in Parlamento e nel Governo e Sindaci nelle città, di coltivare la vostra memoria storica, di pubblicare libri e giornali, in una parola, di esercitare democraticamente le forze delle vostre idee. Il che non vuol dire cancellare le verità storiche e mettere sullo stesso piano il fascismo intollerante e illiberale e l antifascismo democratico! Noemi Tognaga NIDI E MATERNE PRIVATE RECLAMANO PARI DIGNITÀ Egregio Direttore, scriviamo in merito all articolo pubblicato sul vostro mensile nello scorso mese di aprile avente ad oggetto gli asili privati della nostra città, con il seguente titolo: L asilo nido Gusberti finirà in mano ai privati?. L autore dello scoop giornalistico che si firma M. Tekel P.!!! dopo aver enunciato i pregi degli asili nido e delle scuole materne comunali, dove il vitto è buono e controllato e, addirittura, vi sono le cucine interne pronte a soddisfare ogni singola necessità del bambino, dove le insegnanti hanno una esperienza ventennale e partecipano periodicamente a corsi di aggiornamento, al contrario muove aspre critiche alle parallele strutture private. Premesso che nessuno intende mettere in dubbio la professionalità e l esperienza delle insegnanti degli asili e delle scuole materne comunali né tanto meno la qualità del vitto ivi servito anche se sinceramente, dal complessivo tenore dello scritto, parrebbe che l autore dell articolo abbia recentemente frequentato gli asili comunali con sua piena La rubrica continua a pag. 28 Editoriale Opposizione e democrazia Democrazia, dal greco demokratia (demos-popolo, kratos-potere): forma di governo in cui la sovranità risiede nel popolo che la esercita per mezzo delle persone e degli organi che elegge a rappresentarlo. Diceva anche Churchill che la democrazia è la peggior forma di governo ma che sino ad ora è la migliore che abbiamo trovato. Opposizione: atto, effetto dell opporre o dell opporsi, mezzo con cui ci si oppone. Abbiamo voluto iniziare queste righe con la spiegazione di due parole, citando fedelmente quanto riportato dal dizionario, per rispondere indirettamente al signor sindaco quando si lamenta che le forze politiche non collaborano, innescano inutili polemiche, osano criticare l operato della giunta e pretendono continui chiarimenti. Vogliamo ricordare all illustrissimo signor sindaco che è stato eletto dal popolo, in forma democratica, che deve sentirsi il sindaco di tutti i vigevanesi, come più volte ha precisato in campagna elettorale, e che l opposizione non fa altro che il suo dovere. Cioè si oppone. Un atteggiamento simile ci ricorda un paio di personaggi. Il primo è un signore romagnolo che...anta anni fa considerava il parlamento un aula sorda e vuota, mentre il secondo si veste sempre con giacca e cravatta, vive in diverse ville sparse per il mondo, sfoggia un eterno sorriso, governa l Italia come fosse una proprietà privata e considera il parlamento un aula dove si fanno solo chiacchiere. Cos hanno in comune il signor sindaco Cotta, l ex dittatore Benito e il presidente del Consiglio attuale? Forse nulla (?) ma è sempre bene ricordare loro (almeno al primo e al terzo, dato che il secondo è passato a miglior vita) che se occupano quella poltrona è perché sono stati eletti liberamente e democraticamente e che nonostante una larga fetta di elettori non li abbia scelti quali loro rappresentanti hanno il dovere morale e politico di governare, o amministrare nella massima trasparenza. Sì, perchè il compito di una opposizione seria e responsabile è anche quello di fungere, oltre che da stimolo, anche come una sorta di autorità di controllo. Ma per controllare occorre disporre degli strumenti adatti, che solo chi è al volante della macchina è in grado di mettere a disposizione. Se questo non avviene l impalcatura della democrazia inizia a scricchiolare. Per concludere, caro signor sindaco, accetti senza remore e timori il gioco democratico e se ne faccia una ragione. Daniele Perboni

3 OSSERVATORIO N 9 - GIUGNO maggio maggio Prati, Luttazzi, cacche e mutande Presentando le iniziative culturali per l estate vigevanese, l assessore Antonio Prati si è premurato di far sapere alla città che Daniele Luttazzi qui non lo vedrete mai... Non mi piace la satira a senso unico e con la cacca servita nel piatto. Eh beh... Prati le cacche di solito le pesta. Mangiarle, certo, è tutt altra cosa. Purtroppo per lui però, nonostante le sue preferenze gastronomiche, sembra proprio che dopo le sue dichiarazioni sulla multisala cinematrografica e la piega che ha preso la vicenda, una bella cacca, gli piaccia o no, sia costretto ad ingoiarla. Il problema vero è che anche ad ogni vigevanese ne spetterà un pezzetto ogni qualvolta si dovrà trasferire a Parona per vedere un film in una struttura moderna che soppianterà le vecchie sale cittadine.nessun accenno, da parte dell assessore, a quando il comico ha fatto togliere le mutande ad Anna Falchi. Evidentemente, come noi, ha gradito. Che la cultura delle mutande possa indurre il nostro schizzinoso gastronomo ad un ripensamento? maggio Chi vive sperando Il ministro delle infrastrutture Lunardi ha dato via libera alla priorità del raddoppio della linea ferroviaria Milano-Mortara. E soddisfatto il sindaco Cotta che intravede un nuovo motivo per sperare di essere pronti nel Soddisfatto anche il vice sindaco Merlo che si accontenta di sapere che a breve ci sarà una conferenza di servizi e spera, genericamente, in tempi più rapidi. Beati loro Chi vive sperando Purtroppo la giusta chiave di lettura è un altra, e nemmeno tanto sottintesa, la Regione Lombardia ha proposto la definizione dell accordo di programma regionale per le tratte Milano-Albairate e Parona- Mortara; Vigevano, insieme ad Abbiategrasso, rimane tagliata fuori fino ad una successiva fase di approfondimento ancora tutta da definire. Berlusca insegna L assenza di numerosi consiglieri di maggioranza ha causato la sospensione del consiglio comunale per mancanza del numero legale. A differenza di quanto accaduto numerose volte in passato, l opposizione, che per sua definizione non è al governo della città ma, come è facile evincere dalla parola stessa, all opposizione, questa volta non ha dato il suo sostegno per garantire il regolare svolgimento dell assise. Il coordinatore cittadino di F.I. si è giustamente sentito in dovere di scusarsi con la città e con gli elettori. Onore al merito a lui. Singolare invece l opinione del sindaco Cotta che giustifica i suoi assenti per impegni professionali e personali e, dimenticando i numerosi precedenti, accusa l opposizione di avere perso un occasione per dimostrare spirito di collaborazione!!! A noi pare che lui, dal canto suo, abbia perso un ottima occasione per tacere. Evidentemente il berlusconiano sproloquiare contro le forze di opposizione ha trovato un eccellente interprete. Prof., un consiglio... se non vuole aggiungere figuraccia a figuraccia, la collaborazione la chieda ai partiti di maggioranza che Lei rappresenta, invece di parlare a vanvera maggio Quando pagherà l'azienda Comune? Il Comune " è come un'azienda, riceve una fattura e la mette lì, per pagarla più avanti " Parola di Pacinotti che vuole smorzare le polemiche e gli allarmi sulla salute del bilancio comunale. Bene siamo più tranquilli. Chissà se lo saranno anche i creditori che aspettano il pagamento di quelle fatture "messe lì" chissà fino a quando? mab

4 4 N 9 - GIUGNO 2002 PRIMO PIANO Un altra bella fiaba della giunta LEONARDO IN CASTELLO Abbandonato il progetto Gregotti. Avrebbe portato troppo turismo. Castello è sinonimo di favola e l Assessore al Castello, il non più giovanissimo avv. Sparano che deve sicuramente avere qualche nipotino, si sta allenando a raccontare ai vigevanesi delle belle storie. Da ormai due anni Sparano sostiene che tutto quanto fatto prima di lui erano cosette di poco conto e l ex Sindaco Bonecchi uno scalatore che giunto vicino alla vetta infila la testa in un buco. Con la sua nomina a Castellano invece ecco l arch. Gregotti, universalmente noto, pronto a ripensare tutte le funzioni degli spazi del nostro maniero, Leonardo da Vinci, ancora più celebre di Gregotti, pronto a rivivere quasi fisicamente nelle sale e, udite udite, addirittura Bill Gates (si, proprio lui!) pronto ad investire nei grandi progetti della Giunta Cotta, esperta in effetti speciali o, meglio, in flop! Può darsi che l ass. Sparano sappia piantare le bandiere in cima alle vette e non infili la testa nei buchi ma è certo che ha pestato una bella! Sentite che bella fiaba ci raccontava: in una intervista che risale all 8 novembre 2000 sosteneva che sino ad allora Vigevano aveva subito le decisioni altrui (Stato, Regione, Sovrintendenza) trovandosi con un pugno di mosche (attenzione Assessore che le mosche si posano su quella cosa che Lei ha pestato!) ma ora, finalmente, c è una grande idea, il parco tematico interattivo che dovrebbe mettere insieme Leonardo e Bill Gates, Caramuel e Microsoft E quindi occorreva per Sparano rinegoziare l accordo di programma per recuperare parti del monumento che definiva un deposito di carta (cioè la Braidense!) o il Museo Archeologico aperto solo 5 giorni l anno. Non sarebbe compito di un Assessore (e di una Giunta) far sì che il Museo, decisamente bello, importante ed istruttivo, in particolare per le Scuole, aprisse un po di più? Evidentemente Cotta, Sparano e soci preferiscono farci sognare cose impossibili piuttosto che mettere mano a quelle concrete. Il 12 dicembre del 2000 Sparano ribadisce che l idea di un intervento del magnate di Microsoft non è una boutade giornalistica che Gregotti lo ha contattato e che l idea è forte perché riesce a coniugare perfettamente arte e mercato poi conclude con un malinconico l ideale sarebbe avere il Castello tutto per noi. Viene da chiedere, per fare cosa? Per ridurlo a magazzino di materiale dismesso, come da noi documentato con tanto di foto? Oppure per ospitare mostre e iniziative non certo di rilievo nazionale come sta avvenendo? O ancora per vedere spesso chiusi al pubblico spazi stupendi quali la Falconiera? Per il momento Leonardo da Vinci resta un fantasma, di Gregotti non si sa più nulla, Bill Gates, per fortuna, lo abbiamo intervistato noi e, ovviamente, è molto amareggiato, per il L assessore Umberto Sparano. resto il Castello con la gestione Sparano è veramente molto cambiato! L Assessore ha mutato rotta: ora dice che Vigevano non è attrezzata a ricever i massicci flussi turistici che i suoi progetti avrebbero portato in Città, non si parla più di squallidi accordi di programma ma ci sono delle bellissime fioriere in stile, quale stile preciso non sapremmo dire, forse Microsoft! FERRUCCIO QUARONI Fanta intervista a Bill Gates Bill Gates ci riceve con una certa, ovvia diffidenza nella sua stupenda villa nella quale fanno bella mostra modernariato di computer Sapete ci dice durante l intervista un po come Paperon de Paperoni non riesco a separarmi dai miei numeri uno!, modellini di macchine di Leonardo da Vinci ci confesserà nell intervista che ci avevo quasi creduto! Quel Mister Sparano mi sembrava proprio credibile - e, infine sulla scrivania, ma Gates ci ha assicurato che la toglierà domani, una foto del Sindaco Cotta con lo sfondo di Piazza Ducale. Mr Gates non vogliamo farle perdere del tempo ci interrompe subito con un ecco, bravo, voi di Vigevano me ne avete fatto perdere abbastanza Riprendiamo: Mr. Gates ma lei veramente ha pensato di realizzare un parco tematico interattivo su Leonardo a Vigevano? Il magnate di Microsoft ci guarda con occhi increduli e poi, calmo, ci risponde. Dio mio, pensavo che la situazione italiana e di Vigevano in particolare fosse migliorata nell ultimo anno! Ancora qui a chiedermi questa cosa? Noi americani abbiamo una sola parola, non so voi lomellini.. Lo interrompiamo No guardi Mr. Gates, non ci offenda, noi siamo di un altra parrocchia, come si dice dalle nostre parti: l assessore Sparano proprio non lo filiamo né lo votiamo! Rassicurato Gates riprende ah ma allora è tutta un altra cosa! Guardi, io di Gregotti mi fido, è un tecnico a livello mondiale, una persona seria e poi, sa, le macchine di Leonardo mi sono sempre piaciute. Era un vero genio, quasi come me! O.K. Mr. Gates ma allora come mai questo ambizioso progetto è naufragato? Lo sguardo di uno degli uomini più famosi e potenti del mondo si posa interrogativo sull intervistatore: E quello che vorrei sapere anche io! Si figuri che avevamo già studiato un progetto che dava la birra a tutti i parchi tematici d Europa! Avevamo già previsto come animare i modellini delle macchine di Leonardo: elicotteri in volo, carri armati che si muovono una meraviglia! E poi il marchio Leo-Soft, grandioso! E allora? incalziamo noi E allora allora! Lo sa benissimo anche lei: quello Sparano dice che Vigevano non è pronta, che i turisti sarebbero troppi, insomma la solita manfrina all italiana! E io che pensavo che un po dello spirito logico e scientifico di Leonardo si fosse trasmesso ai suoi pronipoti vigevanesi! Meno male che il vostro Sindaco mi ha mandato una lettera di scuse! Veramente? facciamo noi Si conclude Gates solo che è un po strana: alla mia richiesta di risarcimento per il tempo perso mi risponde valuteremo ; le sembra normale? Tutto tranquillo Mr. Gates lei non è su Scherzi a parte, la nostra Città rischia di finirci F. Q. TURISMO: CESSATO PERICOLO Orde di turisti che invadono la città. Centinaia di migliaia di persone armate di telecamere e macchine fotografiche che occupano anche gli angoli più sperduti di Vigevano. Bar, attività commerciali, ristoranti e alberghi presi d assalto da nuovi barbari che, calando da ogni dove sulla nostra cittadina indifesa, spendono a destra e a manca i loro denari... maga- Invasori, profughi, pestilenze ri addirittura valute diverse dall ormai familiare euro. Vigevanesi che dopo essere sopravvissuti perfino all immigrazione extracomunitaria, vengono costretti alla resa da questi eserciti della cultura spendacciona. Carovane di profughi che, portando a spalle o su qualche mezzo di fortuna le poche masserizie che riescono a salvare, abbandonano la città incamminandosi verso luoghi più sicuri. E come non mettere in conto qualche epidemia di vaiolo o di colera che queste invasioni si portato sempre dietro? È certamente uno scenario inquietante e condividiamo le preoccupazioni che l avvocato Sparano, assessore con delega al castello, ha prospettato nel caso fosse andato a buon fine il suo piano di riutilizzo del nostro maniero. Nemmeno il Beato Matteo, con ogni probabilità, avrebbe potuto salvarci da un evento così catastrofico. Ma fortunatamente la lungimiranza dell assessore ci ha messo al riparo da ogni sventura, abbandonando appena in tempo il pericoloso progetto. Un sentito ringraziamento assessore ma... la prossima volta, si faccia un poco i cacchi suoi! mab

5 PRIMO PIANO N 9 - GIUGNO Voto favorevole ai centri commerciali UNA PRECISA SCELTA POLITICA È quanto ha rivelato il tecnico incaricato dalla Giunta Finalmente. Sì, finalmente anche Vigevano avrà i suoi sfavillanti Centri commerciali e dovrà ringraziare l attuale maggioranza che in campagna elettorale aveva scatenato una vera e propria guerra contro la precedente amministrazione, rea di aver aperto la porta al nuovo mondo della distribuzione. La svolta è avvenuta nella notte tra lunedì 27 maggio e martedì 28, in Consiglio comunale, quando i consiglieri della Casa delle Libertà hanno votato quasi all unanimità a favore dell apertura dei due mega store voluti da Esselunga e Coop Lombardia. Fin qui tutto rientra nella normale amministrazione. Ciò che lascia perplessi è il modo a cui si è giunti a questa decisione. Infatti la maggioranza, dopo che l assessore Ferdinando Merlo aveva illustrato all assise il piano, ha lasciato la parola al Dottor Mauro Anzini, il tecnico incaricato dalla giunta di procedere all adeguamento del piano commerciale. Candidamente Anzini ha snocciolato le conclusioni a cui era arrivato: A Vigevano c è spazio per due centri. Sguardi perplessi hanno percorso l aula. Ma come, si sono domandati dai banchi della minoranza, abbiamo perso due anni, avete pagato un consulente per sentirvi dire ciò che noi stessi sostenevamo e voi avevate contrastato con tutte le vostre forze. A che gioco giochiamo?. In pratica, il dottor Anzini è giunto alle stesse conclusioni cui era arrivato, anni fa, il geometra Cavalli, allora consulente della giunta Bonecchi. Ma ciò che ha lasciato ancor più perplessi, pubblico e consiglieri, è stata la rivelazione, piuttosto ingenua, del Dottor Anzini. In pratica ha rivelato che dare il via libera ai centri è stata una scelta politica. Così come si è scelto di studiare la possibilità di aprire un outlet. In poche parole si può tranquillamente affermare che hanno pagato qualcuno per farsi dire quanto la precedente giunta ha sempre sostenuto. Denaro pubblico speso inutilmente? La risposta arriva indirettamente dall intervento del capogruppo di Forza Italia, Alberto Cavarsaschi, il quale ha sostenuto che la Giunta si è trovata a dover gestire un eredita scomoda ed è stata praticamente costretta a questa scelta per non dover, poi, trovarsi di fronte all eventualità di far pagare ai cittadini centinaia di milioni di penali che Coop ed Esselunga potevano richiedere se non fossero riusciti a completare i centri. Insomma, hanno pagato per sentirsi dire ciò che hanno sempre sostenuto di combattere: i centri commerciali si possono e si devono fare. Così, alla faccia della coerenza ecco il voto favorevole. L unica consolazione è la momentanea riduzione della metratura di vendita. Solo per il momento, perché in futuro i due giganti del Le due aree dove sorgeranno i centri commerciali. Sopra: l ex area Magni che ospiterà l Iper Coop. A fianco i terreni in via Santa Maria dove nascerà la nuova Esselunga. commercio potranno rinegoziare l ampliamento e non è detto che, ancora una volta, saranno accontentati nonostante le solenni promesse lanciate in campagna elettorale. investimenti per oltre 77 miliardi Questo è uno studio che dimostra il ritorno, in termini di investimenti e di posti di lavoro, la ricaduta economica sulla nostra città. Si trattava del più grande investimento realizzato sul nostro comune dal dopoguerra. In termini monetari, l Amministrazione avrebbe introitato oltre sei miliardi e mezzo. Tutto quel denao sarebbe stato utilizzato dal comune per investimenti inerenti i servizi di urbanizzazione primaria e secondaria. Per meglio comprendere l entità dell investimento, le cifre si riferiscono alle vecchie lire. L opinione di VALERIO BONECCHI La Giunta comunale ha finalmente portato, nei giorni scorsi, al voto del Consiglio Comunale la variante di piano urbanistico - commerciale. Si tratta di uno strumento obbligatorio per legge per tutti i comuni della Lombardia, per consentire lo sviluppo futuro delle attività commerciali. Peccato che la Giunta Cotta abbia elaborato questo piano con un anno e mezzo di ritardo sui tempi previsti dalla normativa; periodo nel quale nessuna attività commerciale di medie e grandi dimensioni ha potuto insediarsi o svilupparsi in città. Anche il primo voto del Consiglio non è che l' inizio di un iter di applicazione del piano che non potrà avere effetto che tra un anno, bloccando ancora per tutto questo tempo la possibilità di insediamenti commerciali significativi, sia in posti di lavoro, sia in dimensioni di vendita, in città. Questo piano contiene però almeno tre significative novità rispetto alle posizioni sempre sostenute dai partiti (Lega, Forza Italia, AN) che formano la Giunta: 1) Fino ad ora tutti gli esponenti della maggioranza hanno sostenuto in tutte le sedi, a partire dalla campagna elettorale, che i due centri previsti dalla Giunta precedente (COOP ed ESSE LUNGA) o non si sarebbero mai fatti oppure se proprio si dovevano fare erano una "sciagurata" eredità del passato che andava subita. Bene oggi scopriamo, dalla relazione che la Giunta ha allegato al piano, che la realizzazione dei centri commerciali "non avrà effetti destabilizzanti sulla rete distributiva esistente, ma contribuirà a modernizzare la stessa contenendo le evasioni verso altri poli commerciali", tesi sempre avversata dal centro destra. 2) Sempre dalla stessa relazione apprendiamo che Vigevano sarebbe la sede ideale per un "FACTORY OUTLET" ( villaggio commerciale di grandi dimensioni con capannoni di 800/1000 metri quadri l'uno gestiti direttamente dai produttori) contro il quale gli attuali amministratori si sono scagliati con veemenza in passato. 3) Nel piano sono inoltre inserite aeree agricole i cui proprietari non sono commercianti, che vedranno moltiplicarsi il valore dei loro terreni che, grazie all'inserimento nel piano, diventeranno commerciali. QUESTO E' INACCETTABILE! Soprattutto quando la stessa relazione della Giunta dice che si intendono "soddisfare solo le immediate esigenze degli operatori commerciali". Per questo come gruppi del centro sinistra, con l'intenzione di contribuire alla definizione di uno strumento importante per lo sviluppo della città, abbiamo proposto alla maggioranza di votare il piano stralciando tutte le posizioni di operatori non commerciali che intendono speculare sul valore dei terreni, rimandando queste situazioni alla valutazione del piano regolatore generale; lasciando nel piano urbanistico-commerciale solo coloro che essendo già commercianti hanno la necessità di ampliare in loco o spostare altrove la loro attività già avviata. Ci è stato risposto che non era opportuno modificare un provvedimento già definito; ma che in sede di riesame del provvedimento le nostre proposte saranno valutate. Bene, da questo impegno della maggioranza dipenderà il nostro atteggiamento in Consiglio e su questo verificheremo la dichiarata volontà di confrontarsi anche su altre scelte per la città.

6 6 N 9 - GIUGNO 2002 PRIMO PIANO Vigevano più sicura con la giunta di centro destra? PRATI DIMETTITI Dall assessore sempre e solo parole Da due anni nella nostra città è entrato in funzione un assessorato che ha un obiettivo chiaro e ben definito: rendere Vigevano una città più sicura. Stiamo parlando della creatura propagandistica dell Assessore Prati, l assessorato alla sicurezza appunto, fortemente voluto da Alleanza Nazionale per riportare Vigevano alla normalità dopo che per anni le pagine dei giornali locali erano pieni di titoli e articoli di cronaca sui fatti criminosi che accadevano in città. Furti, scippi, rapine venivano continuamente utilizzati dal signor Prati e dai suoi per cavalcare un sentimento di insicurezza che si stava diffondendo nella pubblica opinione senza tuttavia che vi fosse un reale riscontro dell aumento di tale fenomeno nella nostra città, come le forze dell ordine hanno sempre dimostrato con i dati ufficiali. Ciò nonostante i paladini dell ordine pubblico sono riusciti a infondere nel senso comune dei cittadini il bisogno di ritornare ad una normalità di quieto vivere e per rendere l operazione ancora più efficace hanno illuso i cittadini di dare una efficace risposta a tale sentimento creando il già citato assessorato. Cosa è successo in questi due anni? A leggere i giornali niente. Abbiamo curiosato tra i titoli di cronaca apparsi sul più diffuso settimanale locale e abbiamo scoperto che nulla di fatto è cambiato. Scippi, furti, rapine, sequestri lampo continuano come se nulla fosse accaduto. Addirittura pochi mesi fa anche i media nazionali si sono interessati alla nostra città per il fenomeno degli assalti alle ville, ma dall assessorato alla sicurezza non si è levato neanche un valuteremo, come spesso si sente dalla Giunta Cotta. Dopo due anni di assessorato alla sicurezza i risultati della lotta al crimine non ci sono. Oggi quindi siamo si tornati alla normalità, ma per il semplice fatto che nessuno più ne parla o meglio nessuno più strumentalizza a fini propagandistici questi episodi, come faceva Prati dai banchi della opposizione e come hanno fatto a livello nazionale i vari Fini e Berlusconi con l aiuto dei media amici. Dopo questi due anni di assessorato alla sicurezza quindi i risultati della lotta al crimine non ci sono, fatta eccezione per il silenzio che avvolge Prati, il suo partito e quanti altri si stracciavano le vesti invocando una città più sicura, che a nostro avviso è l unico risultato meritevole che ha avuto questa invenzione di Prati & Co. Meglio poi non parlare della squadra investigativa speciale che il nostro assessore ha costituito utilizzando quattro agenti della Polizia Municipale. Visti i risultati ci sembra si tratti di una iniziativa inutile che ha solo tolto quattro agenti a compiti più normali che il Vigile urbano deve svolgere, oltretutto il corpo dei vigili di Vigevano si trova in una situazione di sotto organico. Dopo due anni l assenza di risultati sul fronte sicurezza ci induce a chiedere le dimissioni di Prati da assessore alla sicurezza e l abolizione di questo inutile assessorato, investendo le risorse destinate a questo settore per più attente e mirate politiche sociali. Invitiamo inoltre i nostri amministratori ad impegnarsi di più per avere più uomini delle forze dell ordine sul territorio (Polizia di Stato, Carabinieri) e non improvvisate squadre speciali composte da chi fino a qualche mese fa dirigeva il traffico o comminava multe. M.A. Antonio Prati, assessore alla sicurezza. Antonella Marsiglia, comandante dei Vigili. La sicurezza non abita qui Questo è solo un assaggio dei fatti criminosi che sono accaduti e tutt oggi accadono in città da quando è stato istituito l Assessorato alla Sicurezza. (Fonte: 3/5/2001 rapina al discount LD di Viale Industria 321; 18/1/2001 rapina a tabaccheria in Via Gravellona; 2/11/2001 scippata pensionata in Via Gramsci; 6/12/2001 rapina in banca San Paolo IMI di Corso Torino; 5/4/2001 rapina Banca Commercio Industria di Via del Carmine; 20/9/2001 baby rapinatori al Luna Park; 25/1/2001 rapina Cariparma Corso Milano; 24/5/2001 furto in appartamento in Corso Genova; 24/5/2001 furto in appartamento in Via San Giovanni; 24/5/2001 rapiti 2 cani in Via Cavalotto; 5/4/2001 furto in appartamento in Via del Popolo; 4/1/2001 rubati 100 quintali di alluminio in Via Perugino; 22/2/2001 furto nel bar La perla di Via Riberia; 27/12/2001 furto all Istituto Casale; 12/12/2001 maxi furto a negozio in Piazza Ducale; 22/11/2001 furto cassaforte Istituto Leonardo da Vinci; 23/5/2002 rapina in villa in Via Omegna; 4/4/2002 colpo da 700 milioni in Via Madonna sette Dolori; 9/5/2002 furto in villa in Via Dell Agogna; 9/5/2002 furto in abitazione di Via Marconi; 9/5/2002 rapinato volontario CRI in Via Castellana; 18/4/2002 rapina Banca Cassa di Risparmio Parma e Piacenza in Corso Milano; 23/5/2002 rapina Banca Commercio Industria di Corso Genova; 14/2/2002 rapina in villa in Via Tessera 2; 28/2/2002 aggredite in una villetta in Viale Artigianato 95 e tenute in ostaggio da 4 rapinatori;

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli