SCHEMA PER CERTIFICAZIONE FORENSE TECHNICAL CONSULTANT FORENSIC EXPERT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEMA PER CERTIFICAZIONE FORENSE TECHNICAL CONSULTANT FORENSIC EXPERT"

Transcript

1 ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. Sede Legale: via del Prato n Montepulciano Siena Codice Fiscale Partita I.V.A SCHEMA PER CERTIFICAZIONE ESPERTO CONSULENTE TECNICO FORENSE TECHNICAL CONSULTANT FORENSIC EXPERT IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI PER ORGANISMI CHE ESEGUONO LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE «CODICE DI PROCEDURA CIVILE» DISPOSIZIONI DEL CODICE DI PROCEDURA CIVILE «CODICE DI PROCEDURA PENALE» DISPOSIZIONI DEL CODICE DI PROCEDURA PENALE REVISIONE RESPONSABILE MOTIVAZIONE VERIFICATO APPROVATO DATA 00 RGS Prima emissione SGS DG RGS Revisione a seguito della norma 17024:2012 SGS DG RGS Modifica denominazione e contenuti SGS DG SC_010_TU-REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 1 DI 10

2 FIGURA Il Consulente Tecnico Forense (CTF) è la persona in possesso delle conoscenze, capacità e competenze necessarie per svolgere l attività di Consulente Tecnico d Ufficio (CTU), Esperto, Perito e di Consulente Tecnico di Parte (CTP). Il CTF è quella persona che fornisce attività di coadiuvante in procedimenti giudiziali o stragiudiziali o in ADR; coadiuvando i giudici, i legali o i privati. Poichè le materie a cui può essere chiamato un CTF sono molteplici il presente schema, per una maggiore definizione dei campi di competenza della figura professionale, ha ritenuto di dover prevedere macroattività specializzate (sezioni): CTF sezione medico legale, per consulenze in ambito di medicina legale CTF sezione industriale, per consulenze in ambito industriale ed artigianale (a titolo esemplificativo ma non esaustivo vertenze sulla qualità dei prodotti, su processi/attrezzature/macchinari di tipo industriale/artigianale, valutazioni di danni, valutazione di costi di produzioni e simili) CTF sezione commerciale-bancaria-consulenza del lavoro, per consulenze in ambito commerciale, bancario e di consulenza del lavoro (a titolo esemplificativo ma non esaustivo vertenze in merito a problematiche commerciali, fiscali, tributarie, fallimentari, in ambito di lavoro, valutazioni di beni e servizi, contratti bancari in genere e simili) CTF sezione agricola, per consulenze in ambito agricolo (a titolo esemplificativo ma non esaustivo vertenze su diritti di proprietà, d usucapione, servitù di passaggio, servitù di elettrodotto, servitù di fognatura, riconfinazioni, bilanci di aziende agricole e simili) CTF sezione assicurativa, per consulenze in ambito assicurativo (a titolo esemplificativo ma non esaustivo vertenze su contratti assicurativi, arbitrati previsti in contratti di assicurazioni, infortunistica stradale, cinematica, ricostruzioni di sinistri stradali, determinazioni di danni da circolazioni o da incendio e simili) CTU sezione criminologia e psicologia forense, per consulenze in ambito criminologico e psicologico forense (a titolo esemplificativo ma non esaustivo vertenze sull affidamento figli, separazioni, divorzi, valutazioni psicodiagnostiche, relazionali, omicidi, alcolismo, tossicodipendenza e simili) CTF sezione interpreti e traduzioni, per consulenze in ambito di traduzioni (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, traduzioni di documenti, interrogatori, testimonianze e simili) CTF sezione valutazioni immobiliari, per consulenze in ambito di valutazioni immobiliari (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, ricerca di valori di beni immobili civili, industriali, artigianali, indennità di espropriazioni, attività di due diligence, indennità per servitù e simili) CTF sezione informatica, per consulenze in ambito di attività informatica (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, pirateria informatica, accessi abusivi ad un sistema informatico, firma digitale, verifica originalità di software, rispondenza di software alla licenza concessa e simili) CTF sezione edilizia, per consulenze in ambito edile (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, lavori a regola d arte, vizi dell opera, quantificazione di danni, immissioni, distanze dai confini, edificazione dei suoli, atti di compravendita, calcoli statici, appalti e simili) CTF sezione acustica, per consulenze in ambito di acustica ambientale e requisiti acustici dei fabbricati. CTF sezione ambiente-ecologia, per consulenze in ambito ambientale ed energetico (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, VIA. VAS, danni ambientali, interventi di ripristino ambientale, vertenze su aspetti geologici, geotecnici, problematiche inerti l ambiente e simili ) SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 2 DI 10

3 FIGURA CTF sezione energia, per consulenze in ambito energetico (a titolo esemplificativo ma non esaustivo, audit energetici, diagnosi energetiche, certificazione e simili ) CTF sezione impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento per consulenze in ambito di impianti idraulici di riscaldamento e di condizionamento (a titolo esemplificativo ma non esaustivo progettazione, direzione lavori, realizzazione e simili) CTF sezione impianti elettrici per consulenze in ambito di impianti elettrici (a titolo esemplificativo ma non esaustivo progettazione, direzione lavori, realizzazione e simili) CTF sezione impianti di sollevamento per consulenze in ambito di impianti di sollevamento (a titolo esemplificativo ma non esaustivo progettazione, direzione lavori, realizzazione e simili) CTF sezione balistica per consulenze in ambito di balistica (a titolo esemplificativo ma non esaustivo moto di un proiettile, attività peritali attinenti alle armi da fuoco relative alle indagini penali e simili) CTF sezione grafologia per consulenze in ambito di grafologia ( a titolo esemplificativo ma non esaustivo confronto di grafia, autenticità di grafia e di firma e simili) CTF sezione chimica per consulenze in ambito chimico ( a titolo esemplificativo analisi chimiche su materiali, qualità dell aria, inquinamento e simili) CTF sezione veterinaria per consulenze in ambito veterinario (a titolo esemplificativo danni ad animali, responsabilità civile del veterinario, danni da animali e simili) CTF sezione marittima per consulenze in ambito di attività marittime (a titolo esemplificativo ma non esaustivo progettazione, direzione lavori, realizzazione di natanti, problematiche sulla navigazione nautica e simili) CTF sezione aereonautica per consulenze in ambito di attività aereonautica (a titolo esemplificativo ma non esaustivo progettazione, direzione lavori, realizzazione di aereo mobili, problematiche sulla navigazione aerea e simili) CTF sezione antiquariato e collezionismo per consulenze in ambito di antiquariato e collezionismo (a titolo esemplificativo ma non esaustivo valutazione di oggetti di antiquariato e collezionismo, inventari di beni caduti in successione, eredità, attribuzione di età e simili) CTF sezione topografica per consulenze in ambito di rilievi topografici e ufficio del territorio (a titolo esemplificativo ma non esaustivo rilievi plano-altimetrici, riconfinazione, redazione di tipi conservazione e aggiornamento dell ufficio del territorio, rilievi stradali, DOCFA, PREGEO e simili) Lo schema di certificazione in Esperto Consulente Tecnico Forense di en.i.c. prevede tre livelli (junior, senior e master) tale suddivisione nasce per dare maggiore evidenza delle competenze maturate con l esperienza maturata SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 3 DI 10

4 REQUISITI FORMATIVI SCOLASTICI PROFILO 1 Diploma di scuola media PROFILO 2 Diploma di scuola media superiore PROFILO 3 Diploma di laurea o laurea triennale o laurea specialistica o laurea magistrale o laurea vecchio ordinamento Sono accettati tutti i titoli, corsi e diplomi riconosciuti equipollenti a quelli italiani, ai sensi delle vigenti disposizioni di Legge RIFERIMENTI NORMATIVI Codice di Procedura Civile Disposizioni di Attuazione del Codice di Procedura Civile Codice di Procedura Penale Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Penale UNI CEI EN ISO/IEC :2012 PROFILO I requisiti che devono caratterizzare il profilo del C.T.F. sono identificati in: - una situazione di apprezzamento, ossia una reputazione solida e comprovata dell inesistenza di condanne penali o/e procedimenti pendenti - una strategia gestionale, ossia una propria copertura finanziaria, che consenta di garantire i propri assisti - uno stato relativo alle risorse umane,ossia attraverso un organizzazione definita ed apprezzata che migliori la professionalità, la diversificazione e l impegno FORMAZIONE SPECIFICA (Prerequisito per accesso al PV) SOLO PER JUNIOR PROCEDURA ORDINARIA (per tutti i profili in REQUISITI FORMATIVI SCOLASTICI) Fornire l evidenza di aver frequentato uno o più dei seguenti percorsi di formazione/addestramento: corso qualificato en.i.c. per ESPERTO CONSULENTE TECNICO FORENSE al fine del miglioramento del sapere e delle competenze tecnico specialistiche corso (con relativo programma) per ESPERTO CONSULENTE TECNICO FORENSE conforme nei contenuti allo schema di qualificazione SQ_010_TU corsi (con relativi programmi) con o senza esame finale e durata complessiva non inferiore a 24 ore corso di formazione/addestramento (con relativo programma) in FAD (elearning e AVC) o misto con o senza esame finale e durata assimilabile alle 24 ore o superiore GRANDE PROFESSIONALITA (per tutti i profili in REQUISITI FORMATIVI SCOLASTICI) Avere maturato un esperienza lavorativa specifica nel settore di competenza della certificazione almeno doppia rispetto ai requisiti indicati di seguito SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 4 DI 10

5 ESPERIENZA PROFESSIONALE E LAVORATIVA IN RIFERIMENTO AL PRESENTE SCHEMA [in riferimento ai requisiti formativi scolastici] (Prerequisito per accesso al PV) JUNIOR (I livello) Per tutti i profili REQUISITI FORMATIVI SCOLASTICI fornire evidenza della formazione specifica SENIOR (II livello) PROFILO 1 Diploma di scuola media evidenza di esercizio da almeno 10 anni di attività tecnico forense fornire l evidenza di almeno 5 consulenze tecniche forensi nella specifica sezione PROFILO 2- Diploma di scuola media superiore evidenza di esercizio da almeno 5 anni di attività tecnico forense fornire l evidenza di almeno 5 consulenze tecniche forensi nella specifica sezione PROFILO 3 Diploma di laurea o laurea triennale o laurea specialistica o laurea magistrale o laurea vecchio ordinamento evidenza di esercizio da almeno 3 anni di attività tecnico forense fornire l evidenza di almeno 5 consulenze tecniche forensi nella specifica sezione MASTER (III livello) PROFILO 2- Diploma di scuola media superiore evidenza di esercizio da almeno 10 anni di attività tecnico forense fornire l evidenza di almeno 10 consulenze tecniche forensi nella specifica sezione fornire evidenza di aver svolto attività di formazione/addestramento come docente o/e aver pubblicato articoli, recensioni, libri o/e aver redatto norme. PROFILO 3 Diploma di laurea o laurea triennale o laurea specialistica o laurea magistrale o laurea vecchio ordinamento evidenza di esercizio da almeno 5 anni di attività tecnico forense fornire l evidenza di almeno 10 consulenze tecniche forensi nella specifica sezione fornire evidenza di aver svolto attività di formazione/addestramento come docente o/e aver pubblicato articoli, recensioni, libri o/e aver redatto norme. SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 5 DI 10

6 ARGOMENTI: Comuni a tutte le sezioni ed oggetto della prima prova di esame ESAME DI CERTIFICAZIONE LA CONSULENZA TECNICA e IL CONSULENTE TECNICO FORENSE Il mercato della consulenza in Italia e la figura del consulente tecnico forense: CTU e CTP Le qualità di un buon consulente Nozioni di consulenza tecnica con particolare riferimento alle controversie giudiziarie La redazione della consulenza tecnica d ufficio Differenza tra consulenza tecnica e progettazione La responsabilità professionale del Consulente Tecnico Forense La privacy per il Consulente Tecnico Forense LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO Definizione Iscrizione all albo dei consulenti tecnici I compiti ed i requisiti del CTU Nomina, astensione, ricusazione e sostituzione del CTU L udienza di comparizione del CTU Privacy per il CTU e i periti LE OPERAZIONI DI CONSULENZA L inizio delle operazioni e la tutela del principio di contradditorio Lo svolgimento delle operazioni di sopralluogo e delle indagini presso i pubblici uffici Rilievi delle parti nel corso delle operazioni ed eventuale rinvio innanzi al giudice istruttore Redazione del verbale di sopralluogo Rapporti tra il CTU e il GI Rapporti tra il CTU ed i CTP I COMPENSI SPETTANTI AL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO Disposizioni generali Disposizioni particolari Chiarimenti del Ministero di Grazia e Giustizia sulla nuova tariffa giudiziaria Redazione della parcella onorario e spese LE CAUSE DI NULLITA DELLA RELAZIONE DEL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO I casi di nullità Risoluzione delle questioni e intervento del giudice Valutazione della CTU da parte del giudice Responsabilità del CTU e relative sanzioni ALTRE FORME DI CONSULENZE TECNICHE D UFFICIO L accertamento tecnico preventivo LA CONSULENZA TECNICA DI PARTE Introduzione La nomina Le responsabilità Il rapporto con la parte e il legale Il rapporto con il CTU SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 6 DI 10

7 ESAME DI CERTIFICAZIONE LA PERIZIA STRAGIUDIZIALE Introduzione L attività del perito Il verbale di giuramento IL CONSULENTE TECNICO NEL PROCESSO FALLIMENTARE E DI ASTA GIUDIZIARIA Generalità Compensi L Asta giudiziaria L ARBITRATO, LA MEDIAZIONE E LA CONCILIAZIONE Generalità LA PERIZIA E LA CONSULENZA TECNICA NEL PROCESSO PENALE Generalità Specifici per le singole sezioni ed oggetto della seconda prova di esame ARGOMENTI/TEMI SPECIFICI RIFERITI ALLA SEZIONE PRESCELTA STRUTTURA Prima prova, scritta, di carattere generale sulle materie oggetto delle conoscenze richieste alla figura professionale, costituita da n. 30 domande a risposta multipla, su un monte domande complessivo costituito da almeno 150 quesiti Le domande della prima prova di esame saranno sorteggiate nei 5 giorni lavorativi antecedenti lo svolgimento a cura dell OdC e riposte in busta chiusa da consegnare all esaminatore/responsabile della commissione che l aprirà al momento della somministrazione davanti ai candidati ESAME DI CERTIFICAZIONE Seconda prova, orale, finalizzata alla verifica delle competenze e degli atteggiamenti/abilità del Candidato consisterà in un colloquio, incentrato sull attività, riferita alla sezione/i scelta/e, desumibili dai CV, dei singoli candidati, e, ove richieste per dimostrare l esperienza lavorativa, sulle consulenze fornite come evidenza dell esperienza COMMISSIONE DI ESAME almeno un esaminatore per un numero di candidati fino a 20, oltre i 20 candidati almeno due esaminatori ESAMINATORI/COMMISSARI Gli esaminatori/commissari, alle prove di esame per la certificazione, dovranno rispondere ai seguenti requisiti minimi: laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento evidenza di almeno 10 anni di esperienza nel settore delle consulenze tecnico forensi o svolgere da almeno 10 anni l attività legale aggiornamento professionale nei tre anni precedenti sui temi oggetto del corso oppure essere docente universitario conoscenza delle procedure e dei documenti di esame conoscenza degli argomenti e dello schema di certificazione fluente conoscenza, parlata e scritta, della lingua in cui si tiene la prova finale SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 7 DI 10

8 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE Prima prova ogni riposta esatta ha un punteggio di 100/30 mentre le risposte errate e non date non hanno punteggio nt = n. risposte esatte x 100/30= Seconda prova, orale Conoscenze di base 30% Conoscenze specifiche 70% Testo Domanda Voto 1 Testo Domanda Voto 1 1 domanda 1 domanda 2 domanda 2 domanda 3 domanda 3 domanda Punteggio parziale (0-6) Punteggio parziale (0-6) Punteggioparziale in Vca Punteggio parziale in % Vcb SAME DI CERTIFICAZIONE Punteggio complessivo raggiunto della prova np 2 1 La valutazione è 0= risposta errata, 1=risposta parziale e 2=risposta esatta espresso in centesimi 2 np rappresenta la valutazione della seconda prova orale Np= Vca x 30% + Vcb x 70%= VALUTAZIONE/SUPERAMENTO La valutazione delle singole prove sarà espressa in centesimi, l esame sarà superato se per ogni prova sarà raggiunto il punteggio pari o superiore a 60/100. Il candidato per essere idoneo alla certificazione deve ottenere una valutazione minima pari a 60/100 in entrambe le prove e una valutazione complessiva di 70/100. La valutazione complessiva N deve essere calcolata secondo la seguente formula: N=0,40 nt + 0,60 np dove : - nt è la valutazione della prima prova teorica - np è la valutazione della seconda prova orale DURATA Le prove non potranno avere durata inferiore a 60 minuti NORME DEONTOLOGICHE E REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO L iscrizione nei registri en.i.c. prevede la sottoscrizione ed il rispetto delle Norme Deontologiche [NR_001] e del Regolamento d Uso del Marchio di Certificazione [NR_002] SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 8 DI 10

9 ISCRIZIONE AL REGISTRO en.i.c. DELLE PERSONE CERTIFICATE Il candidato che: - ha dimostrato il possesso dei requisiti formativi scolastici - ha dimostrato il possesso dei requisiti di formazione specifica - ha dimostrato l esperienza professionale e lavorativa in riferimento al presente schema - ha superato l esame di certificazione in riferimento al presente schema - ha dimostrato il pagamento delle quote previste - risulta in regola con gli altri adempimenti previsti nel Regolamento Generale dell OdC (RG_001 art. 4.5) è iscritto nel registro delle persone certificate en.i.c. degli ESPERTI CONSULENTI TECNICI FORENSI nella sezione scelta per il livello (junior, senior o master), riceve il certificato delle competenze e il logo dell Organismo di Certificazione PASSAGGIO LIVELLO (da junior a senior o da senior a master) E previsto il passaggio di livello (da junior a senior o da senior a master), al momento della maturazione dei requisiti di cui dell ESPERIENZA PROFESSIONALE E LAVORATIVA, su richiesta della persona certificata al mantenimento o al rinnovo fornendo la relativa evidenza DURATA DELLA CERTIFICAZIONE La certificazione en.i.c. ha una durata di cinque (5) anni La decisione sulla certificazione è presa unicamente dall OdC in base alle informazioni raccolte nel corso del processo di certificazione. I membri dell Organo di Valutazione non devono aver partecipato all esame del candidato o alla sua formazione DURATA MANTENIMENTO ANNUALE MANTENIMENTO Annualmente, trenta (30) giorni prima della scadenza annuale, come previsto all art. 5 del Regolamento Generale dell Ente (RG_001 art. 5), il Personale Esperto iscritto dovrà produrre a en.i.c.: - autocertificazione di assenza reclami [AUT_002] - evidenza dell aggiornamento professionale e del miglioramento continuo (vedi AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E MIGLIORAMENTO CONTINUO) - evidenza dell attività professionale svolta nell anno precedente nel settore specifico della figura - evidenza del pagamento della quota di mantenimento prevista dal tariffario [TP_001] Al Personale Esperto che, nell anno precedente, non ha svolto nessuna attività professionale viene sospesa la certificazione per un periodo variabile da 3 a 6 mesi, per consentire la frequenza ad attività di formazione/addestramento, di almeno 4 ore, oltre a quanto previsto nel pn. AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E MIGLIORAMENTO CONTINUO SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 9 DI 10

10 RINNOVO ALLA SCADENZA DEI 5 ANNI La procedura di rinnovo prevede che, trenta (30) giorni prima della scadenza di validità del certificato, il Personale Esperto proponga domanda di rinnovo come previsto all art. 5 del Regolamento Generale dell Ente (RG_001 art. 5) producendo: - almeno 3 consulenze relative all ambito della certificazione richiesta per la valutazione in campo - evidenza dell aggiornamento professionale e del miglioramento continuo (vedi AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E MIGLIORAMENTO CONTINUO) - evidenza dell esperienza professionale e lavorativa nel periodo di validità del certificato - autocertificazione di assenza reclami [AUT_002] - evidenza del pagamento della quota di istruttoria e della quota esame prevista dal tariffario [TP_001] - superamento di un esame di rinnovo consistente in una prova orale che potrà riguardare anche l analisi dell attività svolta durante il periodo di validità della certificazione - interviste strutturate - copia della contabile di pagamento della quota di iscrizione al registro ed espletamento degli altri adempimenti previsti nel Regolamento Generale dell OdC (RG_001 art. 4.5) AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E MIGLIORAMENTO CONTINUO L aggiornamento professionale e il miglioramento continuo, rivolto specialmente all identificazione delle aree di miglioramento personale e tecnico/normativo, dovrà essere documentato tramite evidenze attestanti la formazione specifica effettuata per almeno 4 ore/anno in alternativa essere docente universitario SC_010_TU -REV. 02 DEL 06/05/2013 DOCUMENTO DI PROPRIETÀ DI EN.I.C. SRL NE È VIETATA LA DIFFUSIONE E LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA PAG. 10 DI 10

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

News versione 6.0.0. Parte Generale:

News versione 6.0.0. Parte Generale: News versione 6.0.0 Parte Generale: 1. Coesistenza sul PC delle diverse release; 2. Aggiornamento delle modalità di duplicazione, esportazione ed importazione della specifica professionale prescelta; 3.

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice)

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) All Università degli Studi di Udine Ripartizione del personale Ufficio Concorsi Via Palladio 8 33100 UDINE Il sottoscritto...

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ISTITUTO REGIONALE COMPETITOR, VIA MARCONI 92 RECALE (CE) 81020 Tel. 0823.1541534 oppure cell. 3317278344 info@altaformazionecompetitor.

ISTITUTO REGIONALE COMPETITOR, VIA MARCONI 92 RECALE (CE) 81020 Tel. 0823.1541534 oppure cell. 3317278344 info@altaformazionecompetitor. In collaborazione con ssociazione dei edici legali e delle ssicurazioni remessa:: Il aster intende fornire ai partecipanti strumenti, tecniche e competenze per operare come consulenti nell ampio settore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ A CURA DI PAOLO FREDIANI PREMESSA La figura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli