Quaderni dell Ospedale Nr. 3/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderni dell Ospedale Nr. 3/2013"

Transcript

1 ISSN Quaderni dell'ospedale [Online] Quaderni dell Ospedale Nr. 3/2013 CUSTOMER SATISFACTION MANAGEMENT Pubblicazione curata da Ing. Roberta Irene Maria Bellini S.S.A. Sviluppo Strategico, Innovazione e Qualità

2 CUSTOMER SATISFACTION MANAGEMENT NELLE AZIENDE SANITARIE Presentazione Generale Il processo di aziendalizzazione delle Aziende Sanitarie, iniziato a partire dagli anni 90, ha inteso valorizzare l autonomia organizzativa e gestionale delle stesse e la possibilità di adottare le scelte più idonee a soddisfare i bisogni di salute della popolazione, come la possibilità del cittadino di usufruire delle cure in un mercato competitivo ; da ciò è derivata una maggiore responsabilizzazione delle Aziende e la necessità di accountabilty dei propri risultati. La capacità di un Azienda Sanitaria di raggiungere i propri obiettivi quindi non può essere misurata esclusivamente dal risultato economico e neppure esclusivamente dai risultati clinici: il soddisfacimento dei bisogni di salute della collettività deve essere valutato, in ultima istanza, attraverso la verifica del reale grado di soddisfacimento raggiunto. Per le Aziende nasce quindi la necessità di dotarsi di strumenti che misurino, e dimostrino, il grado di corrispondenza agli obiettivi di fondo dell Azione Sanitaria, cioè il grado di miglioramento di salute e di soddisfazione dei cittadini utenti, nel rispetto dei vincoli normativi ed economici; strumenti che quindi ne misurino il valore creato; strumenti che consentano, tra gli altri, di mettere davvero il paziente al centro del sistema, inserendo le sue valutazioni e i suoi bisogni all interno delle scelte strategiche e di programmazione aziendale. Riferimenti Normativi Il riferimento più significativo ed esplicito in tema di attenzione all utenza è l art.14 del D.Lgs 502/92 in cui si introducono i concetti di umanizzazione e personalizzazione dell assistenza sanitaria, diritto all informazione e alla partecipazione, qualità delle prestazioni alberghiere nelle strutture sanitarie e di soddisfazione del consumatore che diventa l obiettivo principale del sistema di erogazione. Il legislatore, con la legge di riforma del sistema sanitario ed i successivi provvedimenti, ha voluto orientare gli attori del sistema salute alle logiche e alle politiche di miglioramento continuo dei servizi e di controllo di qualità, individuando negli artt. 10 e 1

3 14 del D.Lgs. 502/92 smi i principi ed i criteri generali, auspicando un coinvolgimento dei cittadini e delle loro associazioni al fine di rilevare la soddisfazione del cliente ed i relativi bisogni. Ma la prima norma che propone in maniera assolutamente chiara e decisa il tema della soddisfazione del cliente nella Pubblica Amministrazione è la Circolare Sacconi del 27/04/93 che introduce l istituzione dell URP; i compiti di questo organismo sono la comunicazione, l analisi e la ricerca sull utenza. Secondo la norma le pubbliche amministrazioni hanno il dovere di rilevare sistematicamente il grado di soddisfazione dei propri clienti; se i dati non vengono raccolti in modo continuativo, non si è in grado di cogliere le tendenze ed individuare in modo chiaro le aree di crisi. Altro riferimento fondamentale è sicuramente la Legge 241/90 che definisce nuove regole per i rapporti fra il cittadino e l amministrazione, e la progressiva apertura dell amministrazione pubblica ai cittadini. Questa legge definisce i presupposti per il seguente DPCM che contiene i principi fondamentali a cui devono ispirarsi le Carte dei Servizi e per il DPCM che introduce la Carta dei Servizi nelle Aziende Sanitarie. Inoltre il D.Lgs. 229 del riconosce ai cittadini il diritto di partecipare alla verifica dell attività delle aziende sanitarie e a formulare proposte rispetto all accessibilità dei servizi offerti dal SSN e dispone l adozione sistematica della carta dei servizi. Per la prima volta in Europa gli indirizzi di politica sanitaria dell Unione Europea riportano l attenzione ai processi informativi per il cittadino-utente e alla rilevazione del grado di soddisfazione del medesimo, affrontando anche il delicato aspetto delle metodologie impiegate con la Direttiva 97/17 del Consiglio d Europa: attenzione ai processi informativi rivolti al cittadino-utente e alla rilevazione del grado di soddisfazione dello stesso La Norma UNI 11098:2003 affronta il tema dell individuazione e monitoraggio, da parte dell organizzazione, degli indicatori di prestazione sulla qualità percepita da parte del cliente; prevede l utilizzo di tali indicatori da parte delle direzioni aziendali per valutare strategie di marketing efficaci; definisce i requisiti del processo di raccolta e trattamento dati sulla soddisfazione; fornisce chiare definizioni operative dei principali fattori di 2

4 soddisfazione e della terminologia utilizzata; afferma l importanza di individuare specifici fattori di soddisfazione, effettuare la rilevazione di soddisfazione analiticamente per ciascun fattore osservato, che gli elementi di soddisfazione identifichino specifiche esigenze dei clienti e leve di miglioramento azionabili dall organizzazione. Sempre a livello normativo nazionale è poi intervenuta la Funzione Pubblica che, con specifiche direttive adottate negli anni 2004 e 2006, ha ritenuto di fornire supporto alle pubbliche amministrazioni con linee guida ed indicazioni anche a livello metodologico nella consapevolezza dell importanza di tale obiettivo generale. Tra gli ultimi orientamenti normativi sicuramente occorre citare il D.Lgs 150/09 conosciuto come Decreto Brunetta finalizzato all'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. La rilevazione della soddisfazione dei pazienti è uno degli elementi fondamentali del decreto. Anche nell ultimo PSSR si sottolinea come sia necessario sviluppare a livello delle ASR una rete di servizi che trattino le problematiche inerenti la Qualità, intesa in tutte le sue accezioni secondo le seguenti indicazioni: Qualità gestionale-organizzativa-manageriale: rivolta essenzialmente all efficienza (contenimento dei costi e aumento della produttività, intesa come rapporto tra volume di prestazioni e costi) e all integrazione tra i processi aziendali. Qualità professionale: esecuzione di interventi appropriati che tengano conto di evidenze scientifiche di provata efficacia (EBM), eseguiti in modo corretto e nel rispetto del paziente, finalizzati ad ottenere i migliori esiti di salute con i minori inconvenienti e disagi. Qualità percepita: relativa alle comunicazioni con gli utenti e all agevolazione dei loro rapporti con i servizi sanitari (aumento della soddisfazione degli utenti, riduzione delle attese). Cos è il Customer Satisfaction Management (CSM) Il CSM è una metodologia di gestione della soddisfazione dei propri clienti che mira alla rilevazione e al perseguimento della stessa. Un efficace gestione della customer satisfaction risiede nella capacità di trasformare le informazioni provenienti dai cittadini, attraverso i diversi canali di ascolto (indagini, raccolta reclami, raccolta suggerimenti,audit di seconda parte ), in informazioni utili per migliorare la qualità dei servizi erogati. 3

5 Si possono riconoscere due tipi di raccolta delle informazioni: di tipo attivo: tramite questionari/interviste predisposti dall organizzazione e compilati a cura dei clienti. di tipo passivo: raccolta effettuata tramite la registrazione, a cura dell organizzazione, di tutte le informazioni, segnalazioni e suggerimenti di ritorno dal cliente, e in base alla quale l organizzazione registra e gestisce i reclami. Esiste poi una metodologia tra l attivo e il passivo che è costituita dagli audit di seconda parte (che i clienti fanno sulle organizzazioni) e che in sanità si configurano con gli audit civici: l azienda apre le porte ai cittadini che verificano la stessa in base a criteri ritenuti importanti dai pazienti. Tali strumenti, e i risultati che produce la loro implementazione, per essere efficaci, devono essere integrati rendendo così completa la valutazione. Il CSM, però, non è soltanto un indagine sulla soddisfazione del cliente, ma il perseguimento della soddisfazione stessa, tenendo presente che una prestazione può essere definita efficace solo se soddisfa le esigenze di chi la riceve: l indagine di customer deve sempre rispondere ad una esigenza di conoscenza finalizzata ad interventi migliorativi oltre che costituire un indicatore di esito. La soddisfazione dei fruitori dei nostri servizi è indicatore di esito, insieme a quello clinico e all esito in termini economico-finanziari, della prestazione erogata. In questa logica ci si propone oggi una sfida particolarmente stimolante: realizzare metodologie in grado di veicolare la voce del cittadino nel cuore delle politiche agite e sviluppare metodi e strumenti di relazione mirati a seconda dei settori di intervento e del target da raggiungere. Il CSM permette infatti di introdurre i bisogni del cittadino nella determinazione delle scelte degli organi politici, potenziandone i canali di ascolto, ed è strumento per la direzione nell impostazione di strumenti di controllo e valutazione interni. Sotto questo ultimo aspetto, infatti, gli indicatori di customer possono essere utilizzati nei processi di programmazione e definizione degli obiettivi annuali e nei sistemi di valutazione dei risultati di gestione; infatti un sistema di valutazione del personale avanzato pone accanto alla valutazione effettuata dai vari responsabili, anche la valutazione dei cittadini clienti. 4

6 Puntare sul CSM significa quindi dotarsi di una leva per indirizzare il cambiamento sotto il profilo culturale, organizzativo e tecnico, orientando la cultura interna al servizio del cittadino e motivando il personale nel comprendere pienamente il proprio ruolo e i propri sforzi. Il contesto di riferimento Nel progettare l indagine di soddisfazione dei clienti di una azienda sanitaria occorre considerare le peculiarità del servizio oggetto di valutazione: Oggettiva difficoltà da parte dei pazienti che usufruiscono del servizio di individuare e valutare i reali benefici ottenuti da esso; La scarsa visibilità sui benefici ottenuti e i costi monetari e sociali sostenuti porta ad una difficile valutazione del reale valore delle cure ricevute. La capacità di erogazione dei servizi si fonda non soltanto sulle competenze specifiche ma anche su quelle organizzative e relazionali. La comunicazione svolge un ruolo fondamentale nella formazione dell opinione del cittadino rispetto all efficienza/efficacia dei servizi ottenuti, comunicazione che ha l obbligo di informare più che promuovere. Il paziente, proprio perché non ha le competenze per valutare i servizi fondamentali (capacità di cura) offerti, utilizza i servizi accessori per fondare la propria valutazione; essendo ipotizzabile che, per alcune patologie, la capacità di risoluzione del problema sia un fattore critico di sopravvivenza per la struttura sanitaria, i servizi accessori (alberghieri ed informativi) diventano i fattori critici di successo differenzianti nei riguardi di altre strutture sanitarie. Inoltre occorre considerare che il miglioramento delle condizioni di salute, per un paziente che riceve una prestazione sanitaria, è un requisito che Kano annovera tra i must be, quelli che ci devono essere, quelli che un paziente si aspetta come requisito di base; la sua presenza non genera molta soddisfazione, ma la sua assenza produce altissima insoddisfazione. Quindi, posto che se vado in ospedale a farmi curare mi aspetto, all uscita, di stare meglio e aver risolto il mio problema di salute, ecco che anche altri aspetti diventano fondamentali nella percezione di qualità del servizio. Inoltre, se la qualità è, come dice la UNI EN ISO 9000, la capacità di un insieme di caratteristiche inerenti ad un prodotto/servizio, sistema, o processo di ottemperare a 5

7 requisiti di clienti e di altre parti interessate, si capisce l importanza di raccogliere informazioni e perseguire la soddisfazione dei clienti. Fasi della progettazione Il percorso corretto per la rilevazione della soddisfazione del cliente attraverso un indagine di tipo attivo deve essere improntato a definire gli obiettivi, il programma di lavoro, le azioni di supporto, l attivazione dell intervento, la verifica dei risultati ed il miglioramento del processo; di fondamentale importanza è anche l indagine esplorativa preliminare (indagine di archivio), al fine di analizzare l eventuale esistenza di dati ed informazioni già disponibili. Definizione obiettivo di indagine Consiste nell individuazione del servizio, delle aree dell organizzazione e dei clienti da coinvolgere nell indagine. Il cliente può essere sia esterno (paziente) che interno (altri reparti/servizi dell azienda) Indagine di archivio Consiste nell analisi della letteratura e dei progetti esistenti a livello nazionale e nell analisi dello storico aziendale. Al fine di orientare l indagine, l Azienda deve valutare i risultati rilevati nelle precedenti indagini aziendali e di settore e le eventuali criticità emerse; le problematiche correlate alla modalità/strumento di rilevazione della soddisfazione effettuate negli anni precedenti e analizzare anche i reclami pervenuti negli anni precedenti. L analisi di archivio deve considerare eventuali criticità relative allo strumento e alle modalità organizzative con cui si sono svolte le rilevazioni negli anni precenti e riguardano principalmente: la comprensibilità dello strumento - nello specifico, il questionario - rispetto alla popolazione cui è destinato (semplificazione del linguaggio e riduzione degli item); la sua efficacia a descrivere e delimitare l oggetto d indagine (scelta delle aree e formulazione degli items, strumenti diversificati in relazione a diversi settori indagati); la modalità di distribuzione e di recupero (autorizzazione del direttore di SC, coinvolgimento del personale infermieristico addetto a presidiare le due fasi); il trattamento dei dati (dati trattati manualmente, in assenza di software e personale dedicato); 6

8 la reportistica e il feedback sulle azioni conseguenti (quali i soggetti interessati ai report, assenza di feedback sulle azioni migliorative eventualmente implementate). Individuazione dello strumento di indagine Definito l obiettivo ed effettuata l indagine di archivio, occorre decidere quale strumento utilizzare per indagare la soddisfazione dei clienti; le tecniche più utilizzate per questa attività sono: intervista telefonica intervista vis a vis o personale questionario Ciascuna tecnica presenta vantaggi e svantaggi e può essere più o meno adatta a seconda delle circostanze. Questionario Costo informazioni Intervista personale Intervista telefonica Qualità informazioni Quantità informazioni Il questionario consente, a fronte di un livello di qualità delle informazioni minore, di raggiungere una popolazione maggiore con costi contenuti. Il questionario può essere somministrato in maniera diretta alla dimissione/esecuzione esame o visita ambulatoriale in auto compilazione o con il supporto, ad esempio, di associazioni di volontariato o attraverso la compilazione on line su sito aziendale (con il noto problema dell autoselezione del campione: il campione non è casuale ma si autocandida chi ha qualcosa da comunicare). Il questionario dovrebbe inoltre essere tradotto in diverse lingue, per permettere una valutazione completa della popolazione, almeno per tipologia, e per garantire l equità di trattamento. 7

9 Coinvolgimento associazioni Nel progettare l indagine, come si diceva, sarebbe opportuno richiedere la partecipazione delle diverse associazioni di volontariato operanti in azienda, sia in fase di progettazione dello strumento, che in fase di somministrazione. Questo porterebbe diversi vantaggi: il cittadino si sentirebbe più coinvolto, i pazienti fragili avrebbero un supporto nella compilazione e l Azienda può valutare la congruenza tra le valutazioni in auto somministrazione e quelle date con il supporto dei volontari Predisposizione del questionario Consiste nella scelta del tipo di indagine, tipologie di domande, riferimento temporale, periodicità e lunghezza del questionario, metriche e scale di valutazione, identificazione dei fattori di soddisfazione. Nella costruzione del questionario occorre avere ben chiare le informazioni che si vogliono raccogliere e soprattutto la letteratura in tema di scelta della tipologia di domande da formulare. Tipologie di domande e fattori da considerare Le domande possono distinguersi in: Domande dirette rivolte direttamente ed indirette che l interessato percepisce più in termini generici che personali; Domande primarie e secondarie, dipendendo le seconde dalla risposta data alle prime; Domande filtro, formulate per riscontrare le caratteristiche dell intervistato in funzione di obiettivi di indagine; Domande di contrasto, che sono domande inserite nel questionario ad opportuna distanza dalla domanda che si vuole verificare per controllare la significatività ed attendibilità di una risposta ottenuta precedentemente; Domande aperte con modalità di risposta non definita a priori, cioè senza vincolo nella risposta e domande chiuse o precodificate, con risposte che vengono fatte rientrare nell ambito di categorie predeterminate in fase di impostazione; 8

10 I pregi ed i difetti di tali categorie Con le domande aperte si verifica una dispersione di concetti, con influenza dell intervistatore nel momento di interpretazione delle risposte e difficoltà di sintesi; la previsione delle domande aperte comporta altresì un lavoro aggiuntivo nell elaborazione dei risultati prima della codificazione e dell inserimento dei dati su un supporto informatico. Sono tuttavia utili per analizzare in profondità le questioni e per avere ricchezza di spunto e dettagli. Con le domande chiuse invece si ha difficoltà nel prevedere tutte le possibili categorie di risposte; per ovviare a ciò è possibile utilizzare le domande semichiuse aventi modalità di risposta precodificate e modalità aperte di libero contenuto (a titolo esemplificativo altro ). Se si sceglie la modalità dell autocompilazione è comunque preferibile la domanda chiusa; rappresenta un eccezione la richiesta finale di altre osservazioni e suggerimenti, necessaria per dimostrare comunque attenzione all intervistato e dare spazio a commenti su aspetti non presenti nel questionario o per fornire motivazioni ad eventuali valutazioni negative formulate nelle risposte chiuse. In sede di elaborazione dei risultati di tali domande dovrà essere effettuato comunque un elenco nel report finale. Il rischio è di porre eccessiva attenzione alle risposte libere, che magari si riferiscono ad un campione non significativo, in quanto formulate da pochi intervistati. Le domande possono anche essere formulate a risposta multipla, acquisendo così sicuramente maggiori spunti ma con notevoli difficoltà in sede di elaborazione ed interpretazione dei risultati. Nel caso delle domande chiuse occorre poi porre molta attenzione alla scala di valutazione, vale a dire alla sequenza delle possibili risposte, graduate secondo un preciso criterio. Una scala con molti livelli è più valida ma pone problemi di chiarezza ed univocità; è da preferirsi la scala da 1 a 4, anche se manca un baricentro, il punto di equità centrale. La progettazione della scala, inoltre, va definita tenendo conto dei seguenti elementi: numero di categorie della scala: nelle applicazioni si utilizzano tipicamente scale con 5 o 7 livelli (con metriche e scale assolute, relative o miste); esse costituiscono un buon compromesso tra la necessità di un numero di categorie non troppo 9

11 elevato tale da confondere il soggetto, ed un numero non troppo basso tale da limitarne la capacità di discriminazione. Le scale rating verbali ad elenco sono le scale più comuni utilizzate nelle indagini di mercato. L attributo (oggetto) da giudicare è presentato con una frase chiara e diretta. La scala è composta da un certo numero di categorie alle quali possono essere associate delle etichette, indicanti ognuna un determinato livello di prestazione. Esistono poi le scale a ideogrammi, che sono scale grafiche in cui i gradi di atteggiamento sono espressi attraverso disegni. Sono utili quando si ha a che fare con soggetti di lingue diverse, con bambini, oppure in situazioni in cui è difficile esprimere verbalmente le alternative di risposta. Numero pari o dispari di categorie e trattamento delle incertezze di giudizio dei soggetti. Si possono presentare 3 casi: scelta forzata presenza di un punto neutro categoria non so. Numero di descrizioni verbali di categorie da inserire e loro estensione: si possono inserire le etichette a tutte le categorie, oppure solo agli estremi e nella categoria centrale; quest ultima opportunità può lasciare a chi giudica una certa libertà di interpretazione degli spazi esistenti tra le categorie etichettate, per contro può spingere i soggetti ad utilizzare solo le categorie commentate. Bilanciamento di categorie tra favorevoli-non favorevoli. Richiesta di giudizi comparati. È importante ricordare che: Un numero troppo basso di alternative introduce un approssimazione sulle valutazioni che un soggetto è potenzialmente in grado di esprimere, (imprecisione). Un numero molto elevato di alternative aumenta invece il rischio di commettere un errore di valutazione (inaccuratezza). Le domande devono essere formulate in modo chiaro ed univocamente comprensibili; è meglio usare un linguaggio semplice e comune, anche se povero, proprio perché comprensibile. 10

12 Le domande devono essere concise e fluide, evitando doppi o tripli riferimenti. Le domande devono essere poste con toni e termini obiettivi, non superare determinati limiti di tempo, concise; non devono essere presenti troppi parametri perché dispersive. Occorre ricordarsi che l attenzione dell intervistato al termine del questionario è minore e pertanto si consiglia di non mettere le domande importanti alla fine. Attributi da sottoporre a valutazione A seguito di indagini su gruppi di clienti di vari servizi (focus group), la letteratura ha rivelato che il cliente non valuta il servizio nel suo complesso, ma ne valuta degli aspetti particolari che poi condensa in un giudizio globale e che i consumatori adottano fondamentalmente, a prescindere dal tipo di servizio, criteri simili per valutare la qualità. Questi rientrano in categorie chiave denominate fattori determinanti della percezione della qualità del servizio. I dati anagrafici dovrebbero essere posti alla fine del questionario affinché l intervistato non percepisca il questionario come un intrusione, tuttavia, data l importanza che tali informazioni posso avere soprattutto a livello statistico, visto che normalmente l attenzione al fondo del questionario scema, è possibile scegliere di inserire tali informazioni all inizio. Per quanto concerne la privacy se non si richiedono dati personali non esiste alcun problema legato al trattamento dei dati e all informativa di cui Codice in materia di tutela dati personali; è comunque necessario assicurare che i dati saranno tratti in modo collettivo ed aggregato. Inoltre occorre prestare attenzione ai seguenti aspetti, da far emergere all interno del questionario: Chi compila il questionario: la compilazione del questionario può essere fatta per conto del paziente, nel caso di pazienti con difficoltà motorie, psichiche (da un parente da un assistente) ma anche nel caso di pazienti minori (in genere dai genitori). In letteratura vengono riferite differenze di valutazione dei servizi, a seconda che il valutatore sia il paziente stesso o un accompagnatore. Di qui l opportunità di conoscere il dato. 11

13 L anagrafica (genere, nazionalità, età, titolo di studio, professione) ha lo scopo di fotografare l utenza e di permettere elaborazioni ulteriori dei risultati attraverso la segmentazione del campione. Si può scegliere di inserire all inizio del questionario la sezione anagrafica per più di un motivo: perché per alcuni Autori rappresenta un modo non traumatico di introdurre il paziente a domande più impegnative, specialmente quando, come in questo caso, non vengono richiesti dati sensibili; l importanza di tali informazioni ai fini statistici suggerisce che sia opportuno assicurarsene la completa e corretta compilazione, cosa che può non verificarsi a fine questionario, quando l attenzione tende a scemare. Il quesito riguardante la residenza (in questa o in altre ASL del territorio di riferimento o oltre il territorio di riferimentonte) ha lo scopo di consentire anche l analisi della mobilità intra ed exra regionale e l utilizzo della struttura da parte dell utenza del bacino di riferimento. Prestazione fruita: la distinzione fra ricovero, visita ambulatoriale, esame clinico/diagnostico ha lo scopo di collocare correttamente il rispondente quale utilizzatore di una delle tre aree di servizi erogati dall azienda e permettere elaborazioni statistiche dei risultati riferite alle singole aree. Un ulteriore segmentazione del campione tra vecchi e nuovi utilizzatori permette di verificare la costanza del gradimento nei successivi accessi alla struttura, mentre una domanda a risposta plurima indaga sulle determinanti della scelta, elencate in modo non esaustivo fra le più frequenti in letteratura e nelle precedenti indagini aziendali. Le macroaree in riferimento alle quali sono stati individuati gli item sono quelle suggerite dalla letteratura come influenzanti la percezione di qualità di un servizio: Accessibilità declinata negli aspetti della prenotazione (telefonica, prenotazione al CUP) dell accesso facilitato ai disabili, dell orientamento nella struttura, dei tempi di attesa (alla prenotazione telefonica, allo sportello, al momento della prestazione, per ritiro del referto), 12

14 Tempi di attesa Analizzando il percorso che fa il paziente, dal momento in cui decide di usufruire di una prestazione aziendale al momento in cui ritira il referto relativo alla prestazione stessa o viene dimesso, si intende in questa sezione valutare il gradimento relativamente ai tempi di attesa nei vari step del percorso: tempo di attesa per prenotare la prestazione (presso il CUP o i singoli ambulatori che prenotino direttamente); attesa in linea, nel caso di prenotazione telefonica; attesa per usufruire della prestazione, una volta prenotata, cioè quella che comunemente è conosciuta come lista d attesa ; attesa il giorno della prestazione, dall ora di prenotazione al momento dell effettiva erogazione; tempo d attesa necessario alla consegna dell eventuale referto,... Comfort: degli ambienti, servizi, arredi; pulizia; tranquillità e comfort; qualità, varietà, gradevolezza del cibo; In questa sezione si indaga il gradimento relativamente agli aspetti alberghieri e strutturali (adeguatezza della struttura fisica dove viene erogata la prestazione). Relazione: con il personale di front office/prenotazione (per gli aspetti di cortesia e sollecitudine); con il personale infermieristico (accoglienza ed assistenza); con il personale medico (ascolto e disponibilità) L aspetto relazionale della prestazione (cioè la qualità dell interazione fra paziente ed operatore di contatto o di erogazione) viene valutato in questa sezione, secondo alcuni parametri quali: cortesia, sollecitudine, accoglienza, ascolto e disponibilità. Tali parametri sono stati raggruppati (derogando con ciò dal principio generale dell univocità degli item per non appesantire il questionario con un numero eccessivo di domande) e riferiti a differenti categorie di operatori, sulla base delle specifiche mission professionali. Si ritiene che la relazione del personale di contatto (prenotazione, accettazione, portinerie) debba essere caratterizzata da cortesia e sollecitudine; quella del personale tecnicoinfermieristico da capacità di accoglienza ed accudimento; quella del personale medico da empatia, ascolto ed attenzione alle problematiche sia di salute che emotive del paziente. 13

15 Qualità dell assistenza: informazioni ricevute prima della prestazione; rispetto della privacy; informazioni sulla malattia; informazioni sulle terapie e i comportamenti successivi; organizzazione ospedaliera in relazione alla presa in carico del problema di salute (continuità delle cure); valutazione degli aspetti tecnico professionali del personale amministrativo, medico e sanitario, infermieristico e tecnico. L attività core dell azienda, cioè la prestazione sanitaria, viene valutata in questa sezione attraverso i parametri in letteratura ritenuti oggi importanti e caratterizzanti un servizio di qualità: l adeguatezza dell informazione preventiva; il rispetto della privacy; l informazione sulla malattia e sulle cure attuali e future; l organizzazione ospedaliera in relazione alla più efficace presa incarico globale del paziente; gli aspetti di competenza tecnica delle diverse professionalità, amministrativi, medici/sanitari, infermieri/tecnici. Aree di possibile miglioramento (punti di debolezza del servizio) Si chiede di evidenziare eventuali criticità, che vengono esemplificate in un elenco che tiene conto sia dei dati emersi dalle precedenti rilevazioni, sia di quanto riportato in letteratura. Si chiede al paziente di esprimere un massimo di tre risposte, con la possibilità di una risposta aperta. Area del miglior gradimento (punti di forza del servizio) Si fa riferimento ad una analoga griglia, che esemplifica una serie di aspetti ritenuti importanti dagli studi della letteratura, con la possibilità di un massimo di tre risposte, di cui una aperta. Soddisfazione generale complessiva, autopercezione sull adeguatezza del servizio e dello stato di benessere Si chiede di esprimere un giudizio complessivo di gradimento del servizio fruito. La percezione globale della qualità della prestazione fruita, pur comprendendo gli aspetti relativi alla qualità tecnico-professionale, relazionale ed alberghiera, non coincide con la loro sommatoria; infatti in ogni percezione interferiscono aspetti legati sia alla storia specifica dell individuo, che, nel caso del paziente, con la sua attribuzione di significato alla fruizione di un servizio sanitario. 14

16 Con una domanda dicotomica, riferita alla percezione di adeguatezza della cura, ed un altra aperta, relativa alla sensazione di benessere dopo la fruizione della prestazione, si intende conoscere le componenti precipuamente emotive della valutazione complessiva. Osservazioni/suggerimenti Area a compilazione libera, prevede la possibilità di inserire osservazioni non riconducibili ai precedenti items. E importante infine consentire al compilatore del questionario di esprimere eventuali osservazioni, pensieri, suggerimenti, reclami, non riconducibili agli schemi strutturati dell indagine, sia per ottenere ulteriori informazioni, sia perchè questa possibilità ha significato di valorizzare l interazione fra fruitore del servizio e azienda ospedaliera. Determinazione del campione rappresentativo dei clienti Consiste nell identificazione dell universo dei clienti di riferimento e nella scelta del campione rappresentativo di numerosità tale da fornire dati, nella precisione statistica voluta ad un certo grado di probabilità. L'esame di un campione, ossia di un numero ridotto di osservazioni, invece dell'intera popolazione consente di superare i problemi ora accennati. Un campione non è altro che un insieme di elementi tratti da una popolazione (o "universo"). Un universo consiste della totalità degli elementi che hanno certe caratteristiche. Il campione è soltanto una parte del tutto. Scegliere un campione da una popolazione significa effettuare un «campionamento». Esaminare ogni singolo individuo della popolazione significa effettuare un censimento; esaminare il livello di soddisfazione degli utenti appartenenti al campione significa effettuare una indagine (o inchiesta o sondaggio). Il principale obiettivo di un campionamento è quello di raccogliere dati che consentiranno di generalizzare, con un certo grado di certezza, all'intera popolazione le conclusioni ottenute dal campione (una parte del fenomeno). Questo processo di generalizzazione è detto «inferenza». 15

17 Metodi di campionamento Il principio informatore generale di un buon campionamento prevede di utilizzare lo stesso principio dell'estrazione a sorte, ossia quello della casualità assoluta, in modo tale che ciascun membro della popolazione abbia la stessa probabilità di entrare a far parte del campione. In tal caso il campione viene detto «randomizzato» o «casuale». Affidandosi al caso si ottiene, in una qualche misura, la garanzia che il campione sarà rappresentativo della popolazione stessa, ossia ne rifletterà le caratteristiche con una certa approssimazione. Un buon campionamento quindi offre a ciascun membro della popolazione ha la stessa probabilità di essere scelto. Fra i metodi di campionamento esistenti, per la tipologia di indagine, verrà utilizzato un campionamento per randomizzazione semplice (o campionamento casuale semplice) o al più un campionamento per randomizzazione sistematica (o campionamento sistematico). Fattori da considerare nel campionamento 16

18 Secondo l'opinione comune, la bontà dei risultati ottenibili da un campione (ad esempio i risultati di un sondaggio) dipende unicamente dal numero degli individui che compongono il campione stesso e non dal modo con cui essi sono stati selezionati. Un'altra opinione comune prevede che la dimensione del campione debba essere proporzionata alla dimensione della popolazione in studio. Le leggi della statistica dimostrano invece che questo assunto è completamente falso. Ad esempio, il fatto di voler fare un sondaggio sugli abitanti di una piccola cittadina di provincia, su quelli di una grande città o addirittura su tutta la popolazione italiana non ha nessuna influenza sul numero di persone necessario per ottenere un campione rappresentativo. Insomma, contrariamente a quello che l'intuito potrebbe suggerire, un campione di 1000 persone può, se scelto con un metodo appropriato, rappresentare con la stessa attendibilità e gli stessi limiti la popolazione di Torino, oppure quella del Piemonte, oppure quella dell'intera Italia, nel senso che il margine di errore dovuto al campionamento sarà sempre inferiore al 3% circa. D'altra parte, a questa stessa conclusione si può giungere in base al fatto che l'errore standard di una proporzione è in relazione inversa con la dimensione del campione, ma non dipende affatto dalla numerosità della popolazione in studio: E' abbastanza naturale che, prima di intraprendere un'indagine, ci si interroghi quante «unità di interesse» dovranno essere esaminate per raggiungere con sufficiente attendibilità l'obiettivo desiderato. Questa è una delle parti più delicate nella pianificazione di una indagine. Ovviamente, più grande sarà il campione e più precisi e attendibili saranno i risultati, a patto che il campione sia stato selezionato con un metodo corretto. Tuttavia, indagini su campioni di grandi dimensioni sono costose e richiedono più tempo. Quindi, bisogna accettare un compromesso. Il calcolo della dimensione del campione, più propriamente detta numerosità, è abbastanza complicato e, soprattutto, richiede la conoscenza di informazioni diverse. I principali fattori che da considerare nell'individuazione della numerosità del campione sono: la varianza ed l'intervallo di confidenza desiderato. La varianza è una misura del grado di variazioni o oscillazioni presenti, relativamente al parametro che vogliamo stimare, nella popolazione. 17

19 L'entità di queste variazioni può essere derivata, almeno approssimativamente, dai risultati di altre analoghe indagini effettuate in precedenza o dalla conoscenza del comportamento del fenomeno in esame. Una popolazione in cui il parametro da misurare presenta ampie oscillazioni ha una varianza elevata; una popolazione in cui le oscillazioni sono scarse ha una varianza bassa. È intuitivo che la precisione di un campione è maggiore quando la popolazione da cui è stato estratto è tendenzialmente omogenea, mentre è minore quando la popolazione è eterogenea. La varianza è un fattore importante nel calcolo della numerosità del campione. In una popolazione teorica composta da n individui tutti identici fra loro, lo studio di 1 solo individuo è sufficiente per ottenere una indicazione precisa riguardo alla intera popolazione. Al contrario, se la varianza è alta, sono necessari molti individui, poiché la valutazione di ciascuno di essi può essere molto diverso dalla media della popolazione. L'intervallo di confidenza rappresenta una misura della bontà di una stima. Un intervallo di confidenza molto ampio suggerisce che non siamo molto sicuri del punto in cui si trova il «vero» valore. Viceversa, un intervallo ristretto indica che siamo abbastanza sicuri che il valore trovato è piuttosto vicino al valore vero della popolazione; in questo caso la stima sarà, quindi, più precisa. Il livello di confidenza è una misura della sicurezza della stima: ad esempio, con un livello di confidenza 95% siamo sicuri al 95% che il valore vero cade nell'intervallo trovato. Cioè, se ripetessimo lo studio 20 volte, in media sbaglieremmo 1 volta ma saremmo nel giusto 19 volte. Per convenzione si utilizza generalmente il livello di confidenza 95%; talvolta si impiegano anche i livelli 90% o 99% o 99.9%. La scelta del livello di confidenza è spesso dettata da considerazioni pratiche (quantità di risorse e di tempo disponibili ecc.) più che dalla teoria. Anche la performance del test che verrà utilizzato gioca un ruolo importante nel calcolo della numerosità del campione. Se il test è poco affidabile (cioè a bassa sensibilità e/o specificità), allora la numerosità del campione dovrà essere alta. 18

20 A tal proposito è opportuno effettuare, prima della somministrazione vera e propria, un collaudo del questionario, per valutarne la comprensibilità e l affidabilità e, quindi, la sua performance. All'atto pratico, la determinazione della numerosità del campione dipende da considerazioni di tipo non-statistico e statistico. Le prime riguardano, ad esempio, le risorse disponibili. Le considerazioni di tipo statistico consistono nella precisione desiderata e nella frequenza attesa (ossia che si prevede di ottenere) della variabile che si vuole studiare. PRECISIONE DESIDERATA. Viene espressa attraverso l'errore massimo tollerabile e può essere calcolata in termini assoluti o relativi. PREVALENZA ATTESA. Sembra paradossale suggerire che occorre "indovinare" la prevalenza prima di effettuare un'indagine che ha lo scopo di accertare la prevalenza, ma... è proprio così. Molto spesso, però c'è qualche indizio che permette di avvicinarsi al valore reale. Se proprio non si ha idea della prevalenza attesa, si ipotizza una prevalenza 0.5 (ossia 50%): questo approccio è di tipo conservativo, nel senso che una prevalenza del 50% ti fa adottare un campione grande. La dimensione del campione, in definitiva, può essere calcolata, con un livello di confidenza 95%, attraverso la seguente formula: Se si desidera una confidenza più elevata, ad es. confidenza 99%, si sostituisce 1.96 con Un altro metodo di calcola della dimensione campionaria considera il valore massimo dell errore che è possibile fare nella determinazione di tale grandezza in termini percentuali: viene considerato variabile e funzione della dimensione dell universo da stimare, accettando un errore più grande sui piccoli universi (che daranno origine a piccoli 19

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Indagine qualita percepita

Indagine qualita percepita Sistema di Gestione per la Qualità - Ospedale M. G. Vannini Report sulla qualità percepita OSPEDALE M. G. VANNINI Direttore Sanitario Dott.ssa Maura Moreschini Sistema qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Direzione Generale per i Beni Librari, gli Istituti Culturali ed il Diritto d'autore Carta della qualità dei servizi Biblioteca 2008 I. PRESENTAZIONE CHE COS

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Indagine qualita percepita

Indagine qualita percepita Sistema di Gestione per la Qualità - Ospedale M. G. Vannini Report sulla qualità percepita OSPEDALE M. G. VANNINI Direttore Sanitario Dott.ssa Maura Moreschini Sistema qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION 2011

CUSTOMER SATISFACTION 2011 DIREZIONE REGIONALE MOLISE CUSTOMER SATISFACTION 2011 REPORT DI SINTESI DELLE SEDI DELLA REGIONE MOLISE CAMPOBASSO e sedi di pertinenza ( Isernia e Termoli) Rilevazione 2011 della soddisfazione dell utenza

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE ALLEGATO 1 al ddg n. del REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE Laboratorio di approfondimento Ruolo del Servizio

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati Il questionario Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale Modulo: Rilevazione dei dati IV lezione Simona Ballabio Federico Denti Le prime fasi del processo di ricerca 1 2 Teoria Ipotesi

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

PLUS. Syllabus rev. 1.04

PLUS. Syllabus rev. 1.04 PLUS Syllabus rev. 1.04 Al fine di facilitare il collegamento tra i Syllabus degli EQDL Start, Plus e quello del EQDL Full, nel testo che segue sotto il numero di codice di ogni sezione, tema e argomento

Dettagli

AUDIT. 2. Processo di valutazione

AUDIT. 2. Processo di valutazione AUDIT 2. Processo di valutazione FASE ATTIVITA DESCRIZIONE Inizio dell'audit Inizio dell attività Costituzione del gruppo di valutazione sulla base delle competenze generali e specifiche e dei differenti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE

S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE [PIANO DELLA PERFORMANCE] 2013 PRI NCIPI FO NDANTI Sulla base di quanto previsto dalla recente normativa in materia il Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

La mappatura dei servizi e la valutazione della loro qualità: aspetti metodologici. Maria Teresa Nardo Esperto Formez

La mappatura dei servizi e la valutazione della loro qualità: aspetti metodologici. Maria Teresa Nardo Esperto Formez Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 La mappatura

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Qualità dei siti Web Culturali

Qualità dei siti Web Culturali Qualità dei siti Web Culturali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Soggetto culturale pubblico (SCP) Un istituzione, organismo o progetto di interesse pubblico che abbia quale finalità statuita quella di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Applicazione e valutazione della tecnica di ispezione presso le imprese alimentari. Marco Luvisi 16-17_Luglio_2013

Applicazione e valutazione della tecnica di ispezione presso le imprese alimentari. Marco Luvisi 16-17_Luglio_2013 Applicazione e valutazione della tecnica di ispezione presso le imprese alimentari Marco Luvisi 16-17_Luglio_2013 1 Indice Contesto di riferimento; Descrizione della sessione di addestramento; Elementi

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego PREMESSA NOMV Nucleo Operativo Monitoraggio e Valutazione Provincia Oristano Provintzia de Aristanis RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego Pagina 1 PREMESSA Sommario

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance Sistemi di misurazione e valutazione delle performance 1 SVILUPPO DELL'INTERVENTO Cos è la misurazione e valutazione delle performance e a cosa serve? Efficienza Efficacia Outcome Requisiti minimi Indicatori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Carta della qualità dei servizi

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI. Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Biblioteca Carta della qualità dei servizi 2007 I. PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della qualità dei servizi risponde all

Dettagli