IL CATEGORY MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CATEGORY MANAGEMENT"

Transcript

1 IL CATEGORY MANAGEMENT Definizioni: Filosofia di management che riconosce le categorie di prodotto quali fondamentali aree strategiche d affari o Strategic Business Unit con l obiettivo fondamentale di soddisfare i bisogni del cliente/consumatore e conseguendo adeguati obiettivi economici a livello di impresa (Nielsen Marketing Research 1992); Riprogettazione dei processi aziendali (re-engineering) e di quelli inter-organizzativi in una logica category-based (Davenport, 1993;Valdani, 1997; Lugli 1997); Modalità di reingegnerizzazione del processo di marketing adottabile da imprese di produzione e distribuzione finalizzata a migliorare il livello di soddisfazione del consumatore attraverso la creazione e il trasferimento di maggior valore in un ottica customer-based (Castaldo e Bertozzi, 2000);

2 IL CATEGORY MANAGEMENT Metodo di razionalizzazione degli assortimenti (trade off tra ampiezza, profondità e varietà dell assortimento) finalizzato a migliorare il servizio al consumatore (Mauri, 1995); Processo interattivo tra industria e distribuzione che punta a organizzare, pianificare e gestire gli assortimenti come un insieme di SBU con l obiettivo di massimizzare le vendite e i profitti attraverso la soddisfazione dei bisogni dei consumatori e la riduzione dei costi di interfaccia (Fornari 1999).

3 SIGNIFICATI ATTRIBUITI AL CATEGORY MANAGEMENT Razionalizzazione e gestione della varietà di un assortimento o di una gamma di prodotti; Miglioramento della leggibilità a scaffale; Incremento del valore dato al consumatore e miglioramento dei risultati.

4 DIMENSIONE ORGANIZZATIVA DEL CATEGORY MANAGEMENT Il C.M. è un innovazione di natura organizzativa, che prevede il superamento del modello funzionale, accentrando presso un unica figura le competenze e le responsabilità relative agli acquisti, al marketing e alle vendite (Cristini, 1998). L adozione del C.M. per le imprese comporta: cambiamenti a livello di struttura e di processi organizzativi; l utilizzo di una nuova figura, il category manager e l articolazione di altre soluzioni organizzative (category team o la fila); problemi di gestione nelle strutture monocratiche della grande distribuzione e in quelle a più stadi della distribuzione organizzata; la revisione dei sistemi informativi.

5 Il processo di category management (Fonte: AcNielsen) DEFINIZIONE RUOLO VALUTAZIONE REVISIONE OBIETTIVI STRATEGIE TATTICHE IMPLEMENTAZIONE

6 DEFINIZIONE DEI CONFINI DELLA CATEGORIA Definire i confini della categoria o dell unità di business vuol dire: comprendere il significato e il contenuto della categoria quale area d affari rilevante; ridisegnare i processi manageriali, la struttura organizzativa e i meccanismi operativi per la gestione adeguata delle nuove aree strategiche d affari. La categoria può essere definita secondo un approccio product-based attraverso i seguenti criteri: di omogeneità merceologica di omogeneità sul piano logistico. La categoria può essere definita secondo un approccio customer-based attraverso l analisi dei comportamenti dell acquirente e del consumatore nonché l analisi dei processi cognitivi sottostanti.

7 COSTRUZIONE DELL ALBERO DELLE CATEGORIE Definire l albero delle categorie vuol dire delineare la macrostruttura dell assortimento partendo dai bisogni generici da soddisfare. Il numero e la varietà delle macro-categorie di offerta è in funzione del posizionamento dello store (relazioni di complementarietà nell ambito dei processi di acquisto e di consumo e/o sul piano simbolico e valoriale). Match cognitivo tra le macro-categorie e la rappresentazione mentale dell insegna sviluppata dal cliente.

8 LONGITUDINE DELL ALBERO DELLE CATEGORIE Le macro-categorie si scompongono in categorie e subcategorie ricostruendo i processi di consumo sulla base dei benefici ricercati dal cliente. Esempio Bisogno generico: vestirsi Benefici ricercati: sentirsi comodi vs sentirsi unici La latitudine e la longitudine dell albero si sostanziano nella costruzione delle catene mezzi-fini, ovvero delle sequenze cognitive con cui gli individui rappresentano i prodotti e le attività di consumo.

9 MODELLO DELLA SEQUENZA MEZZI-FINI Catena Catena teorica teorica Valori Valori terminali (pace, (pace, uguaglianza ecc.) ecc.) Valori Valori strumentali (coraggio, competenza, apertura apertura mentale mentale ecc.) ecc.) Conseguenze psicosociali (sentirsi forti, forti, seducenti ecc.) ecc.) Conseguenze funzionali (riposarsi, dissetarsi ecc.) ecc.) Attributi intangibili (il (il sapore, l estetica ecc.) ecc.) Attributi tangibili (dimensione, peso peso ecc.) ecc.) Esempio teorico teorico applicato alla alla racchetta da da tennis tennis Realizzazione e e piacere piacere personale Realizzazione delle delle proprie proprie ambizioni (essere il il vincitore) Migliorare il il proprio proprio posto posto in in classifica (essere esaminato) Giocare bene bene (permette d orientare i i colpi) colpi) Moderna/Efficace Racchetta leggera

10 CONCETTUALIZZAZIONE DELLA CATENA MEZZI-FINI L immagine del p.v. può essere rappresentata a più livelli di astrazione concatenati secondo una relazione gerarchica del tipo means-end. Un p.v., come pure i prodotti/servizi che offre, costituisce il mezzo per raggiungere un fine, che ai livelli di massima astrazione coincide con i valori personali dell individuo. La catena mezzi fini costituisce il legame cognitivo fra il p.v. da un lato, e l immagine che l individuo ha di se, dall altro.

11 L ALBERO DELLA CATEGORIA DEL PUNTO VENDITA TEAROSE Estetizzazione della vita Bisogno Macrocategorie Fashion Fiori Beauty Interior Editoria Servizio Easy to wear Prima Linea Per sentirsi importanti Ricerca per Esprimere la propria individualità Categorie Top Sub categorie Bottom Capospalla

12 SEGMENTAZIONE DELL OFFERTA La segmentazione dell offerta aiuta a tracciare i confini di una categoria e di conseguenza i confini dell azione di marketing e consiste nell aggregare i prodotti in cluster omogenei al loro interno ed eterogenei al loro esterno Le variabili di segmentazione più utilizzate nel grocery sono: l occasione di consumo; la funzione d uso; la tecnologia o modalità d uso; la shelf life; i materiali utilizzati; il gusto, il colore, il profumo; il formato di prodotto; il tipo di confezione.

13 Per occasione di consumo si intende il processo con cui vengono combinati i singoli beni complementari nella soddisfazione di bisogni legati al momento di fruizione e condivisi da tutta la clientela (es. prima colazione, fuori pasto, ricorrenze ecc.). Per funzione d uso si intende, invece, un insieme di beni sostituibili nella soddisfazione di un esigenza di definiti segmenti di clientela (es. prodotti poveri di grassi per colesterolemia, prodotti poveri di sodio per consumatori ipertesi, prodotti biologici per coloro che ricercano un alimentazione naturale e garantita).

14 FONTI DI INDIVIDUAZIONE DEI SEGMENTI PER DEFINIRE L ALBERO L DELLE CATEGORIE gli alberi standard (ECR, AC-Nielsen e IRI, Coop, Carrefour); le ricerche qualitative (motivazioni d acquisto e benefici ricercati attraverso indagini ad hoc); le ricerche quantitative (analisi ex post dei modelli d acquisto attraverso panel di clienti). Ricerche quantitative attraverso l overlap analysis L overlap analysis rileva le sovrapposizioni nei basket di spesa dei dati d acquisto delle famiglie ovvero la co-presenza, nel basket di spesa degli individui, di più prodotti appartenenti alla medesima categoria. Se due brand vengono acquistati sistematicamente in modo congiunto da uno stesso target di consumatori, essi appartengono potenzialmente allo stesso mondo.

15 La mappa delle sovrapposizioni della categoria vino (Fonte: AcNielsen)

16 L albero della categoria baby food (Fonte: AcNielsen) Baby food Latte Biscotti Omogeneizzati Pastine Cereali/Farine Liofilizzati Infusi Olio Succh i Latte 1 Normali Carne Farine lattee Camomilla Latte 2 Solubili Pesce Crema cereali Tisane Latte 3 Latti speciali Frutta Misti Verdure Semolino The Dessert Formaggio

17 COSTRUZIONE DELLE SINGOLE CATEGORIE PER LA FORMAZIONE DELL ASSORTIMENTO Definire l assortimento significa scegliere il tipo e il livello di servizio da offrire al cliente ovvero dimensionare la categoria in termini di ampiezza e profondità. I driver che influenzano la definizione dell assortimento sono: i clienti i fornitori i ruoli strategici delle categorie

18 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA Per definire il livello di servizio da offrire alle singole categorie e sub-categorie è importante analizzare: - il coinvolgimento psicologico - le conoscenze e i criteri che orientano le scelte di prodotto - Le procedure valutative adottate dal cliente nel processo di scelta - L effetto attrazione e l effetto compromesso

19 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA Il coinvolgimento psicologico dipende da diversi fattori: - l importanza attribuita alla categoria - Il grado di rischio percepito - La visibilità sociale dei processi di acquisto e di consumo

20 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA L analisi delle conoscenze e dei criteri che orientano le scelte può riguardare diversi tipi di categorie: Le categorie think product valutate sulla base di fattori razionali Le categorie feel product valutate sulla base di fattori di natura emozionali ed esperienziale.

21 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA Incrociando il tipo di beneficio ricercato con il livello di coinvolgimento psicologico possiamo distinguere quattro differenti categorie: Categorie razionali (ricerca benefici funzionali alto coinvolgimento); Categorie di routine (ricerca benefici funzionali basso coinvolgimento); Categorie affettive (ricerca benefici simbolicoesperienziali e alto coinvolgimento); Categorie edonistiche (ricerca benefici esperienziali basso coinvolgimento);

22 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA Le procedure valutative attivate dal consumatore nell approccio alla categoria sono le seguenti: - Procedure basate sull oggetto - Procedure basate su attributi

23 Criteri valutativi e costruzione dell assortimento di sub categoria Criterio adottato Sub categoria jeans Numero di varianti Colore Marca Colore Marca 1 6 6

24 L INFLUENZA DEL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA L effetto attrazione si verifica quando, aggiungendo ad un insieme composto da due alternative di scelta molto differenti tra loro una nuova alternativa, simile ad una delle due precedenti ma di valore inferiore per la domanda, la scelta ricadrà prevalentemente sul prodotto simile a quello introdotto per ultimo. L effetto compromesso si verifica quando i consumatori, trovandosi in condizioni di incertezza per la non conoscenza della categoria, minimizzano i rischi attraverso una scelta di compromesso.

25 Effetto attrazione Carati Purezza Prezzo Quota di preferenza senza la terza alternativa Quota di preferenza con introduzione terza alternativa 1 1,5 1,5 A A B % 50 % 34 % 63 % 3 % Effetto compromesso Jeans Qualità percepita Prezzo A B C

26 L INFLUENZA DEL FORNITORE NELLA COSTRUZIONE DELLA CATEGORIA Per costruire un assortimento bisogna conoscere il mercato, le sue esigenze, ma anche le marche e i prodotti già presenti. L analisi dell offerta industriale ci permette di selezionare i fornitori più coerenti con le necessità espresse dal cliente. Il punto vendita diventa portavoce del mercato e promuove, in una logica pull, l innovazione da parte dell industria.

27 ATTRIBUZIONE DEI RUOLI ALLA CATEGORIA In ottica customer-based i ruoli vengono assegnati considerando il leverage percettivo della categoria e il comportamento d acquisto del cliente. Il leverage percettivo esprime la capacità della categoria di incidere sulle associazioni che qualificano l immagine del p.v. (es. esclusività, varietà, ecc)

28 Attribuzione dei ruoli strategici alle categorie e sistema percettivo del mercato

29 ASSEGNAZIONE DEL RUOLO ALLE CATEGORIE ruoli strategici (linee guida ECR); ruoli economici (cross category analysis); ruoli consumer. Tipologie di ruoli strategici: destination; routine; seasonal; convenience. Tipologie di ruoli economici: nicchia di profitto; stella; problematico; generatore di traffico. Tipologie di ruoli consumer: nicchia; primario; marginale; necessario o edonistico.

30 I ruoli strategici della categoria vino (Fonte: AcNielsen) DESTINATION VINO ROUTINE ROUTINE DESTINATION Sfuso Brik Vetro DESTINATION ROUTINE ROUTINE 0,75 1,5 2 5 ROUTINE DESTINATION SEASONAL OCCASIONAL Frizzanti Fermi Spumante/champagne Liquorosi

31 La cross category analysis (Fonte: AcNielsen) alto NICCHIE DI PROFITTO STELLE MARGINE PROBLEMATICI GENERATORI DI TRAFFICO basso basse alte ROTAZIONI

32 La cross category analysis della categoria baby food NICCHIE DI PROFITTO 1,6 3 referenze 1,4 1,2 3,2 referenze Latti infanzia Infusi infanzial STELLE 1,0 Liofilizzati e disidratati Margini 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Olio Cereali infanzia 5,6 referenz.succhi infanzia Pastine infanzia 4,2 referenze Biscotti dietetici 6,8 referenze 6,6 referenze GENERATORI DI TRAFFICO 39,9 referenze Omogeneizzati PROBLEMATICI Volumi (milioni)

33 L analisi consumer delle categorie (Fonte: AcNielsen) alta NICCHIE Acquisti frequenti da parte di poche famiglie PRIMARI Acquisti principali della famiglia FREQUENZA bassa MARGINALI Acquisti saltuari di poche famiglie NECESSARI O EDONISTICI Acquisti comuni a gran parte delle famiglie ma dilatati nel tempo bassa alta PENETRAZIONE

34 L analisi consumer della categoria baby food 9 8 NICCHIE PRIMARI Latte infanzia (6,16) Pastine dietetiche infanzia (2,01) Omogeneizzati (6,56) Biscotti infanzia (3,78) Frequenza 4 3 Liofilizzati e disidratati (6,18) Succhi (3,29) Infusi infanzia (4,08) Oli e altri (4,25) Cereali e farine dietetiche infanzia(3,66) MARGINALI Penetrazione (%) NECESSARI O EDONISTICI

35 ASSEGNAZIONE DEI RUOLI - OBIETTIVI ALLE SUB- CATEGORIE Traffic builder: prodotti che attirano i consumatori e aumentano gli acquisti Transaction builder: prodotti dal prezzo elevato Margin contributor: prodotti con margini elevati e/o alta rotazione Cash generator: prodotti ad alta rotazione e alta frequenza d acquisto Excitement creator: prodotti atttrattivi/innovativi Image creator: prodotti che creano immagine

36 VALUTAZIONE DELLA CATEGORIA Obiettivo: identificare gli elementi sotto-performanti della catena attraverso il benchmarking tra i dati relativi alla categoria sia dell impresa commerciale che del mercato nel suo complesso Focus sui seguenti dati dell opportunity gap analisys: quota delle vendite a valore; indice di incidenza della categoria; trend della categoria Analisi dei dati relativi alle singole leve di retailing mix: assortimento prezzo promozione spazio

37 L opportunity gap analysis (Fonte: AcNielsen) alta SLEPPERS Opportunità di razionalizzazione WINNERS Le categorie di traino per la catena QUOTA INSEGNA bassa QUESTIONABLES Opportunità di razionalizzazione OPPORTUNITY GAP Le categorie di traino per la catena basso alto TREND MERCATO

38 16 SLEEPERS Un esempio di opportunity gap analysis WINNERS 15 Verdura 14 Quota VV catena Detersivi bucato Prodotti dolci da forno Igiene persona Olio Cartacei per igiene personale Acqua Bibite Igiene capelli Latte Vini Base animale Yogurt Base vegetale Formaggi freschi pi Formaggi stagionati pi Cioccolato Salumi asporto pi 8 QUESTIONABLES OPPORTUNITY GAP 5 2,5 0 2,5 5 7, , ,5 20 Trend mercato

39 Il processo di implementazione dei test Revisione Roll out Valutazione risultati TEST Monitoraggio

40 IL TEST DELLA PRIMA COLAZIONE CONAD Individuazione delle categorie consumate e la rispettiva penetrazione (incidenza dei consumi di prodotto); Analisi dell incidenza nelle vendite e nel margine complessivo delle singole categorie contestualizzate; Decisione delle categorie da contestualizzare aggregando quelle complementari e distanziando quelle sostituibili;

41 Penetrazione delle categorie nella prima colazione Yogur t Latte fresco Latte Uht Merende calde Merende freche Fette biscottate Creme spalm. Biscotti Iri 1999 Cermes 99 20% 38,9% 86,9% 45% 85,7% 10% 75,9% 90% 18,4% 65% 77,7% 34,6% Fonte: conferenza Cermes 2000 Dimensione delle categorie e penetrazione al consumo Consumo (Mld.) Spesa media Annua (lire) Penetrazione Universo Frequenza d acquisto Latte Caffè Merendine calde Yogurt Biscotti frollini Fette biscottate Cereali prima colazione Biscotti secchi Marmellata Tè in bustina Merendine fresche Modificatori del latte al cioccolato ,6 96,5 89,5 86,8 91,0 76,0 42,3 62,0 42,3 42,1 26,9 17,5 57,4 14,3 18,4 18,1 13,5 8,5 6,4 5,5 4,2 3,9 5,2 3,3

42 Yogurt Sapori intero Yogurt naturale intero Yogurt Sapori magro Yogurt naturale magro IL DISPLAY PRIMA COLAZIONE Succhi di frutta Pane Marmellata Miele Merende Dolcificanti Zucchero Brioche Bimbi Latte fresco arricchito Sostitu to pasto Prima infanzia Nutella Cereali Latte goloso Biscotti Fette biscottate Tè Caffè Latte Uht Latte fresco intero Latte fresco scremato Latte fresco parzial.scremato

43 RISULTATI DEL TEST CONAD Esposizione di 30 categorie selezionando 111 referenze (di cui 43 a marca commerciale) tra le 925 a scaffale; Fatturato complessivo medio settimanale di 73,5 milioni, di cui 25,4 milioni sono il sell out delle 111 referenze; L isola ha interessato il 12% delle referenze e il 34,6% del fatturato delle categorie coinvolte. Le referenze selezionate per allestire l isola sono state quelle a maggiore rotazione

44 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE TEST CONAD L incremento delle vendite generato dalle 111 referenze in doppia esposizione non è stato significativo. Motivazioni: La doppia esposizione ha riguardato tutti i prodotti, indipendentemente dalla penetrazione nell occasione di consumo; L isola è stata posizionata fuori dalla barriera casse; Le promozioni sono state effettuate solo sui prodotti esposti a scaffale; I prodotti della prima colazione sono ad acquisto programmato e un miglioramento della visibilità non aumenta le vendite.

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Maria Grazia Cardinali Crescere con la Fedeltà in Tempo di Crisi 25 ottobre 2013 COME CAMBIA IL COMPORTAMENTO D ACQUISTO

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio Università di Parma Facoltà di Economia IL VALORE DI POTER SCEGLIERE La possibilità di scegliere

Dettagli

IL MARKETING IN FARMACIA

IL MARKETING IN FARMACIA IL MARKETING IN FARMACIA 1 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge;

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Montelupo Fiorentino, 20 marzo 2014 Una nuova prospettiva di marketing: dai segmenti di consumo ai meeting - points

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015 Gianmaria Marzoli Retail Solutions 16 gennaio 2014 10 anni di MARCA Per VALORE DELLE VENDITE 3,6 miliardi di 9,7 miliardi di

Dettagli

OPTIMAL SHELF AVAILABILITY

OPTIMAL SHELF AVAILABILITY OPTIMAL SHELF AVAILABILITY OSA Shopper Survey Milano, Novembre 2014 Optimal Shelf Availability 1 Agenda 1 Premessa, Aree d analisi, Progetto di Ricerca 2 OOS per lo Shopper: definizione dei parametri di

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

Retailing e innovazione: il settore ottico

Retailing e innovazione: il settore ottico Retailing e innovazione: il settore ottico Autore Roberta De Sanctis Docente universitaria per le materie di marketing e distribuzione Responsabile scientifico Ottico optometrista. Docente di ottica e

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento MARKETING OPERATIVO E POLITICA DI PRODOTTO IL CONCETTO DI MARKETING OPERATIVO CONOSCENZE Il marketing operativo può essere definito come il complesso delle decisioni tattiche

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD MELTIN BOX GDOWeek THINKTANK Contest 2014 Progetto di Trade Marketing e Category Management Gruppo Foodastic Martina Ascoli, Anna Frassanito, Lara Mazzoleni, Giulia Moretto, Silvia Travaglini LA NOSTRA

Dettagli

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia CATEGORY MANAGEMENT Il modello operativo per il Sistema Italia Al servizio delle imprese Indicod-Ecr è una associazione di categoria senza scopo di lucro che raggruppa aziende industriali e distributive

Dettagli

Rapporto SAM2015 Università di Catania 2 Dipartimento di Economia e Impresa

Rapporto SAM2015 Università di Catania 2 Dipartimento di Economia e Impresa 2 Indice Introduzione 5 Ringraziamenti 6 Premessa metodologica 7 Il Questionario 8 Breve descrizione dei centri di rilevazione dell indagine 10 Localizzazione geografica dei centri di rilevazione dell'indagine

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 Il PRODOTTO arriva al CONSUMATORE attraverso la DISTRIBUZIONE La DISTRIBUZIONE è il più potente selettore di offerte e il parametro di questa selezione è la

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

La linea baby tutta biologica e tutta italiana.

La linea baby tutta biologica e tutta italiana. ALCE NERO BABY. GENERAZIONE BIO IL BUONO DEL BIOLOGICO DAL 1978 La linea baby tutta biologica e tutta italiana. Alce Nero, leader del biologico italiano da oltre trent anni, completa le sue linee di prodotto

Dettagli

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.8 Strategie di marca Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 2 Brand Management Costruzione del sistema della brand identity Definizione del

Dettagli

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI 1 Pane fresco confezionato (rosetta) da gr.70-80 Kg 45.000 2 Pane grattugiato- cf. gr. 500 Kg 300 1,03 3 Farina bianca tipo 00- cf. 1 Kg. Kg 250 0,47 4 Fette biscottate monodose 14-15 gr. circa Kg 3.500

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia

CATEGORY MANAGEMENT. Il modello operativo per il Sistema Italia CATEGORY MANAGEMENT Il modello operativo per il Sistema Italia La voce di 35mila aziende INDICOD-ECR, l associazione che raggruppa 35MILA aziende, si occupa della diffusione degli standard adottati a

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING Definizione di PMC (Promo Merchandising Complementare) Disciplina su cui convergono operazioni finalizzate a valorizzare

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Si ringrazia Si ringrazia il Gruppo Nestlé in Italia per il contributo alla ricerca. L approccio sensazionalistico Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 20 aprile 2007 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD

Figura Professionale codice FP107 ADDETTO VENDITA NO FOOD settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO AL DETTAGLIO, ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI;

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

fidelizzare, l arma vincente per il pranzo

fidelizzare, l arma vincente per il pranzo food&drink / occasioni di consumo 20% IL fatturato bevande del pranzo AL BAR -6% IL fatturato 2013 VS 2012 92 fidelizzare, l arma vincente per il pranzo occasioni di consumo / food&drink L identikit del

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

CATEGORY MANAGEMENT. Prof. Guido Cristini L ORGANIZZAZIONE DI CATEGORY MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DI MARCA

CATEGORY MANAGEMENT. Prof. Guido Cristini L ORGANIZZAZIONE DI CATEGORY MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DI MARCA CATEGORY MANAGEMENT Prof. Guido Cristini L ORGANIZZAZIONE DI CATEGORY MANAGEMENT NELL INDUSTRIA DI MARCA AGENDA 1. IL DISEGNO MACROSTRUTTURALE DELLA FUNZIONE SALES ED I MUTAMENTI INTERVENUTI 2. I RUOLO

Dettagli

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi 1 Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi Un indagine sui comportamenti e sulle attese, per attuare soluzioni vincenti Torino, 9 novembre 2004 3 OBIETTIVI DELLA RICERCA Rilevare: 1 la sensibilità

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

L ABC del Senza Glutine. per il Cake Designer

L ABC del Senza Glutine. per il Cake Designer L ABC del Senza Glutine per il Cake Designer Alimenti sempre permessi Aceto balsamico tradizionale DOP: di Modena, di Reggio Emilia, Aceto Balsamico di Modena IGP Aceto di Mele Agar Agar in foglie Burro,

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

in libertà ALLESTIMENTO BAR Personalizzazione di interni ed esterni con il nostro brand.

in libertà ALLESTIMENTO BAR Personalizzazione di interni ed esterni con il nostro brand. in libertà CAFFÈ CIELO Tra i prodotti agroalimentari che accompagnano le esperienze quotidiane di ognuno di noi, ai primi posti troviamo sicuramente il caffè. Questa esotica bevanda, originaria degli altipiani

Dettagli

Vending Responsabile Per Un Alimentazione Consapevole

Vending Responsabile Per Un Alimentazione Consapevole Vending Responsabile Per Un Alimentazione Consapevole 24 febbraio 2011 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini - Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158, Roma (Piazza San Silvestro) QUANDO I GIOVANI MANGIANO

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA!

I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! I PRODOTTI CON L EFFETTO AHA! LA LINEA DELLA MIGROS SENZA LATTOSIO NÉ LATTE Senza lattosio Senza latte I PRODOTTI DELLA MIGROS PER PERSONE ALLERGICHE, PER NON DOVER RINUNCIARE A NULLA ANCHE IN CASO D INTOLLERANZE.

Dettagli

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount Un canale in evoluzione Luglio 2015 L ingresso in Italia e l evoluzione negli anni In Italia, i discount sono apparsi negli anni 80 ma il primo ingresso significativo nel paese fu quello di Lidl che il

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

PRIVATE LABEL SEMPRE PIU AL CENTRO DELLE STRATEGIE DI SIMPLY

PRIVATE LABEL SEMPRE PIU AL CENTRO DELLE STRATEGIE DI SIMPLY Simply presente a Marca 2014 al padiglione 16 stand C35-D34 PRIVATE LABEL SEMPRE PIU AL CENTRO DELLE STRATEGIE DI SIMPLY Continua crescita della marca commerciale Simply. Sviluppo in ampiezza e profondità

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Obiettivo sui trend alimentari Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione

Obiettivo sui trend alimentari Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Obiettivo sui trend alimentari Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Tema «Alimentazione quotidiana con i bambini» Giugno 2010 Coop Thiersteinerallee

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

Indagine conoscitiva Educazione Alimentare Scuole Primarie e dell Infanzia Comune di Vittorio Veneto. Andrea Giomo

Indagine conoscitiva Educazione Alimentare Scuole Primarie e dell Infanzia Comune di Vittorio Veneto. Andrea Giomo Iagine conoscitiva Educazione Alimentare Scuole Primarie e dell Infanzia Comune di Vittorio Veneto Area Giomo 1 Distribuzione schede compilate M.Polo M.Polo Inf. Foscolo Crispi Costella Collodi Zanette

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONI N. 9 e 10 Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE IN COSA CONSISTE UN PRODOTTO E ILLUSTRARE LE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONI

Dettagli