aziendali Il ruolo delle Service

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aziendali Il ruolo delle Service"

Transcript

1 Service Management Il ruolo delle Service Value Chain nelle strategie aziendali di E. Cogliati, G. Torresani Emilio Cogliati, manager Accenture Giorgio Torresani, senior executive Accenture Grazie alla creazione delle Service Value Chain è possibile migliorare l efficienza dei costi e massimizzare l utilizzo del capitale, oltre che stimare il valore dei servizi offerti al cliente. Uno strumento utile per ogni azienda interessata a migliorare la qualità e la redditività della propria organizzazione Service e la gestione delle Spare Parts sono riconosciuti da tutti come temi di importanza strategica per le aziende di L After-sale successo. Tuttavia è piuttosto raro trovare una gestione dell After-sale Service e delle Spare Parts che sia veramente in grado di portare valore all azienda (migliorare la Customer Satisfaction, contribuire significativamente agli obiettivi di fatturato e margine, e favorire una rigorosa efficienza dei costi). Generalmente, infatti,troviamo nelle aziende gestioni di tipo tradizionale che vedono l After-sale Service come un costo. Esse sono caratterizzate da forte impiego di manodopera, reattività e bassa importanza strategica. Questo scenario evidenzia immediatamente una serie di opportunità per le aziende di ottenere maggior valore dal proprio Service Aftersale e dalla gestione delle Spare Parts. Un modo efficace per cogliere queste opportunità è quello di creare una Service Value Chain, ovvero un approccio bidirezionale e crossfunzionale in grado di migliorare l efficienza dei costi, massimizzare l utilizzo del capitale, aumentare i margini e migliorare l immagine del proprio brand. Probabilmente la caratteristica di maggiore importanza per una Service Value Chain è la sua integrazione con tutte le funzioni aziendali che influenzano la propria capacità di fornire servizi ai propri clienti. Le funzioni aziendali più rilevanti sono il Sales & Contract Management, il Customer Service & Support e l Engineering. Una seconda caratteristica di una Service Value Chain è il focus sul valore che un servizio è in grado di generare. Un azienda di servizi post vendita, che vuole generare profitti, può pensare al valore di un servizio come: 1) la misura in cui esso contribuisce a una proficua relazione con il cliente 2) Quale livello di rendimento dell investimento possiamo ottenere dalla funzione Service. 6 5

2 In entrambi i casi è fondamentale soddisfare sia le esigenze del cliente in termini di costi, sia garantire una adeguata disponibilità del servizio. Per terzo si ha una rigorosa attenzione verso il valore totale del servizio lungo tutto il suo ciclo vita (ad esempio, contribuendo direttamente nella gestione dei costi di servizio o, ancora più importante, con la generazione di reddito associato a riparazioni, la sostituzioni e gestione delle garanzie. La potenzialità di questo di questo settore è grande: uno studio recente ha evidenziato che i ricavi ottenuti da servizi sono una parte poco significativa rispetto a quelli complessivi di una OEM. Fornitori di servizi a terzi, fornitori e riparatori posseggono circa il 75% del mercato delle Spare Parts e servizi ad essa connessi. Infine, le Service Value Chain sono strutturate in modo differente rispetto alle Product Value Chain, generalmente forward-focused. Una prima motivazione è la grande complessità legata alla previsione della domanda per quanto riguarda i servizi, oltre alla razionalizzazione delle Operations in area Service, dalla gestione del personale alle attività di back office, fino alle Operations nei depositi e nei magazzini delle Spare Parts. Inoltre, per mantenere bassi i livelli delle scorte e alti i tassi di utilizzo e la Customer Satisfaction, una Service Value Chain deve eccellere nella capacità di previsione per quanto riguarda i ricambi, nella gestione dei resi, nelle Operations di manutenzione/riparazione e nella schedulazione delle attività e degli interventi. Focalizzandosi su questi aspetti, la Service Value Chain è diventata sempre più vitale ma allo stesso tempo profittevole. Infatti, le aziende che costruiscono Service Value Chain trovano che il 50% o più dei loro profitti provengono da After-sale Service e supporto. Di seguito verrà trattato come raggiungere questi risultati. Per prima cosa si esamineranno gli svantaggi connessi ai modelli operativi tradizionali di After-sale Service e gestione Spare Parts. Poi si proseguirà spiegando come la Service Value Chain deve integrarsi con Sales & Contract Management, Customer Service & Support, and Engineering. Successivamente saranno identificati quattro elementi che caratterizzano l approccio Service Value Chain e infine verranno riesaminati i potenziali benefici per le aziende che intraprendono questo approccio. 1. I Modelli operativi tradizionali non possono soddisfare le esigenze odierne Le aziende sono sempre alla ricerca di nuovi metodi per aumentare le entrate, incrementare i margini e migliorare l efficacia del capitale investito. Tutti questi obiettivi possono essere indirizzati attraverso il miglioramento del modello operativo dell After-sales Service e della gestione spare parts. Tuttavia, generalmente, il Service e lo Spare Parts business tende ad essere gestito con approccio silos-oriented (Figura 1) anche tra le aziende che danno grande importanza a questo tema. Alcune di queste aziende sono in grado di mantenere un servizio di alta qualità, anche se questo comporta dei costi Figura 1 Figura 2 maggiori. Eppure, un studio fatto da Accenture ha rivelato che il Service Management deve ancora diventare realmente mission-critical nella maggioranza delle aziende. Infatti, solo il 42% degli intervistati ha attivato (e assegnato un budget a) programmi di trasformazione focalizzati sul Service Managament come fattore chiave per il miglioramento della Customer Experience. Alle aziende intervistate spesso manca un processo Service-Management centrico, ben definito, in quanto i modelli operativi aziendali erano stati definiti attorno alle funzioni di produzione o alla Supply Chain esistente, i quali generalmente erano più orientati al prodotto piuttosto che ai servizi o alle Solutions (unione di prodotti e servizi). Queste Operations non sono state progettate o disegnate per 6 6 > n o v e m b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

3 Le caratteristiche della Service Value Chain Integrare adeguatamente tra loro tutte le funzoni che influenzano la capacità aziendale di fornire il servizio al cliente (in particolare Sales & Contract Management, Customer Service & Support, Engineering); Evidenziare quantitativamente il valore che la funzione Service Management può portare all azienda; Focalizzarsi sul valore che un organizzazione service-oriented può portare in tutto il ciclo di vita del prodotto; Un approccio strutturalmente differente dalla maggior parte delle organizzazioni che continuano ad essere basate sul product value chains. Sviluppare sinergie tra la funzione Sales & Contract Management e la Service Value Chain Vendere affidabilità del prodotto anziché prodotti e interventi; Avere un approccio al Service e Spare Parts Management, in termini di costi e pricing, che guarda all intero ciclo di vita del prodotto; Valutare opportunità di contratti o servizi performance-based; Ottimizzare i profitti attraverso una strategia di Spare Parts Pricing. gestire flussi di resi o per gestire facilmente le Spare Parts relative a resi e riparazioni. Questo è un altro motivo per cui attivare un un iniziativa di Service Value Chain. Ci sono altri aspetti che nella struttura organizzativa di un azienda possono contribuire a portare inefficienze nell area Service: Mission non allineate. Diverse strutture organizzative sono in contrasto con la necessità di aver una visione globale, a livello aziendale, sul tema Service e Spare Parts. Il risultato frequente è che il livelli di servizio tra le singole business unit finiscono per non essere sempre garantiti. Molte aree finiscono per essere sovra o sotto-servite, ma poche sono ben allineate con le esigenze del cliente. Ad esempio quando, nel caso di interazione non ottimale cross-funzionale, gli Acquisti aggregano ordini di Spare Parts creando stock in eccesso. Oppure quando l Engineering progetta Spare Parts in risposta alle esigenze di un area come la Produzione ma senza una prospettiva di Serviceability che proviene invece dai tecnici sul campo o dal personale addetto alla manutenzione. Processi discontinui. Funzioni silosdriven possono causare visioni distorte delle caratteristiche della domanda, delle aspettative del cliente e delle sue reali necessità. Gli addetti alla pianificazione nella Supply Chain, ad esempio, necessitano di informazioni crossfunzionali e di cooperazione per effettuare le previsioni relative alle Spare Parts, monitorare e ottimizzare l inventario, coordinare gli ordini di Spare Parts con gli ordini di riparazione, gestire fornitori ed ordini di acquisto. Un altro esempio sono I responsabili del ciclo di vita del prodotto, i quali devono utilizzare i dati rilevati dai tecnici sul campo per stabilire i requisiti di Serviceability, sviluppare un adeguata documentazione di supporto alle riparazioni e fornire queste informazioni alle funzioni di Pianificazione e Sviluppo Prodotto. Queste informazioni sono un input importante per le aree della funzione Service che si occupano di coordinare la disponibilità delle Spare Parts, della strumentazione e dei tecnici specializzati. Sistemi legacy non adeguati. Le aziende hanno bisogno di software e sistemi specializzati per garantire l efficienza del servizio e la trasparenza nella gestione delle Spare Parts. Tuttavia, molti sistemi legacy in uso non sono all altezza del compito oggi richiesto, in quanto erano stati progettati per supportare delle Operations, Sales e Supply Chain orientate al prodotto. Questi sistemi non supportano adeguatamente le Service Demand Analytics, gestione degli stock per le Spare Parts, variazioni correlate a domanda sporadica, gestione dei Service Partner, schedulazione dei tecnici e rilevazione interventi. Fortunatamente non è difficile attuare la transizione che porta da un modello che considera il Service Management come un appendice ad un modello in cui proattivamente i temi Service vengono integrati lungo tutta la Supply Chain. Come viene dimostrato nella prossima sezione, la sfida più importante è sviluppare un modello di servizio integrato ed una interrelazione profonda con le altre funzioni Core dell azienda. 2. La Service Value Chain come elemento caratterizzante del nuovo modello operativo La Service Value Chain consiste nell integrare e far collaborare i diversi aspetti che influenzano il Service e la gestione delle Spare Parts in modo da coprire trasversalmente tutto il Ciclo di Vita del Prodotto (dalla progettazione del prodotto all acquisto delle Spare Parts, attraverso l uso del prodotto che ne fa il cliente e del supporto After-sales, fino al momento di end-of-life e disposition - Figura 2). Tuttavia, la Service Value Chain contribuisce anche a rendere le performance del Service Management il più possibile quantificabili e fruibili. Uno dei temi più ostici degli approcci tradizionali di Service Management riguarda la difficoltà di accesso a dati ed indicatori correlati. Questo è il motivo per cui l approccio Service Value Chain si focalizza su obiettivi di miglioramento che devono essere misurabili. Ad esempio: Aumento dal 10% al 20% delle Service Revenue; Miglioramento dal 10% al 20% della Customer Satisfaction; Riduzione dal 15% al 30% dei costi legati al Service; Incremento dal 25% al 40% nell utilizzo del capitale circolante; Incremento dal 15% al 30% nell efficienza dei tecnici. L elemento chiave per ottenere i benefici descritti consiste quindi nel re-ingegnerizzare il rapporto tra Service Management e le tre funzioni operative (Sales & Contract Management, Customer Service & Support, e Ingegneria). 6 7

4 Sviluppare sinergie tra Customer Service & Support e la Service Value Chain Correlare l approccio di Customer-Segmentation alle Offering di Customer Service; Sviluppare un portfolio di prodotti value-oriented service; Creare il giusto mix di service product basati su simulazione e modelling; Allineare il pricing dei service-related product al valore percepito dal cliente; Ridurre la complessità creando bundle e modularizzando i service-product; Tracciare e utilizzare efficacemente tutti i customer e service data. segmentazione nelle aree di servizio come la Customer Interface management, le Call Center Operations, il Self Help e il Documentation Support. I risultati di un recente sondaggio compiuto da Accenture sui temi di Service Management ha dimostrato quanto possa essere importante questa integrazione. I ricercatori hanno evidenziato che solo l 80% delle società, che hanno partecipato alla Survey, sono in grado di risolvere Integrazione con Sales & Contract Management Dal punto di vista del cliente, oggi, i prodotti e i relativi servizi After-sales non sono sempre strettamente correlati. Non solo i criteri di relazione tra i due elementi sono spesso confusi, ma vengono potenzialmente compromessi anche gli obiettivi di vendita e massimizzazione dei margini, redditività e fidelizzazione dei clienti. Un approccio più semplice e migliore consiste nel progettare prodotti di massima affidabilità e considerare gli aspetti di legame all intero ciclo di vita del prodotto, in termini di costi e pricing del Service e delle Spare Parts. Questo è il punto in cui il legame tra la funzione Service e la funzione Sales & Contract Management entra in gioco e tre sono gli elementi chiave che lo caratterizzano: I Managed Services consistono nel fornire al cliente un servizio completo di utilizzo del prodotto. Ad esempio, consideriamo un costruttore di carrelli per movimentazione merce che intende fornire una flotta ad una catena retail. Un contratto di tipo Managed Services consiste nel garantire i servizi di movimentazione merce al retailer (es. contratto per ore di lavoro dei mezzi o capacità di movimentazione). In base a questo tipo di contratto il costruttore di carrelli elevatori equipaggia la flotta, si occupa della manutenzione, del ri-carico delle batterie, ecc.). I contratti Performance-Based possono stimolare i costruttori a costruire prodotti più affidabili e spostano la responsabilità per la manutenzione agli OEM (es. BAE Systems ha un contratto Performance Based per le operazioni di manutenzione, riparazione e fornitura delle Spare Parts con il Ministero britannico della Difesa. Quest ultimo mantiene la responsabilità per la gestione dei contratti e garantisce la disponibilità dei velivoli in base alle esigenze del proprio cliente finale la Royal Air Force. Lo Strategic Parts Pricing comporta un Gli obiettivi di riduzione della complessità e la standardizzazione possono essere ulteriormente migliorati includendo una più forte connessione tra Engineering e Service in tutte le attività di progettazione dei prodotti e dei sistemi approccio service-oriented e product-lifecycle based, focalizzato alla massimizzazione dei profitti piuttosto che alla riduzione dei costi. Si consideri un produttore di heavy equipment che ha implementato un nuovo approccio di pricing dopo aver esaurito tutte le opzioni di cost-cutting. L azienda ha riposizionato diversi prodotti in base all elasticità del pricing dei segmenti chiave del mercato. È stato anche identificata una soglia oltre la quale si potrebbe risparmiare più in termini di rimborsi in garanzia ad un prezzo più basso rispetto al potenziale guadagno a fronte di un prezzo più alto. Infine, il costruttore ha istituito una product life cycle view per le decisioni relative al prezzo del prodotto focalizzandosi su price leadership e valore del prodotto piuttosto che seguire i comportamenti dei competitor. Questo nuovo approccio ha permesso di alzare di due punti percentuali il margine lordo nel corso di un anno. Integrazione con Customer Service & Support L obiettivo dell integrazione con il Customer Service & Support è quello di allineare le Operations del Service alle aspettative di ciascun segmento di clientela. La Segmentazione non è un concetto nuovo, ma spesso non è applicata all After-sale Service e allo Spare Parts Management. Integrare la Service Value Chain con l organizzazione Customer Service & Support comporta quindi l applicazione di approcci di completamente il problema alla prima uscita. In tutto il campione, il 10% delle chiamate è stato indicato come non risolto a causa della mancanza di parti, strumenti o informazioni. Vi sono altre considerazioni interessanti che sono emerse: I clienti di valore sono spesso alienati da un servizio insoddisfacente; Stratificando le esigenze del servizio clienti si potrebbero ottenere nuove opportunità di incremento delle revenue; Una più chiara comprensione delle esigenze dei clienti in ogni segmento potrebbe incrementare l efficienza del servizio. L indagine ha evidenziato anche una serie di aziende che primeggiano nell ambito del Service Management. Questi leader tendono ad essere particolarmente efficaci nella definizione di programmi di servizio, su misura per ogni cliente o segmento di clienti. Prendiamo ad esempio la divisione Aviation della General Electric, che ha un programma chiamato Intelligent Workscopes. La GE deve regolare le prestazioni del motore sulla base di ciò che i clienti aerei richiedono, e che generalmente varia in base alla compagnia aerea. Il personale della GE addetto alla manutenzione è pertanto in grado di pianificare ed eseguire le attività di servizio con una maggior efficacia dei costi e garantendo una miglior disponibilità di stock di Spare Parts. Anche le organizzazioni focalizzate sulle relazioni post-vendita ottengono buone 6 8 > n o v e m b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

5 performance, in quanto hanno lavorato per essere in grado di comprendere e stimare a livello finanziario, i requisiti dei clienti in termini di Service e Spare Parts, fornendo l opportunità di creare servizi profittevoli come la preventive-maintenance o i machine-overhaul package. Quelle stesse aziende inoltre sono in grado di capire come attraverso le simulazioni o la modellizzazione si possa creare il giusto mix di servizi e il relativo pricing. Queste organizzazioni sfruttano tutti i dati relativi al cliente o al Service (per esempio, richieste di intervento e informazioni relative all intervento di manutenzione) e sviluppano in modo proattivo strategie per il Service e le Spare Parts coerenti con le strategie del loro business. Come risultato, queste aziende soddisfano costantemente i requisiti di servizio e le aspettative di performance dei clienti. Integrazione con Engineering Nella maggior parte delle organizzazioni, la funzione Engineering e Service non sono strettamente collegate, nonostante ci siano molte buone ragioni per farlo. Per esempio, quando le due funzioni non comunicano bene, il Service può non essere in grado di prevedere correttamente le probabilità di failure dei prodotti, oppure avere un basso First-Time-Fix-Rate, lunghi LeadTime per service order e alti livelli di scorte di Spare Parts. Il modo migliore per evitare questo è una più forte connessione tra Engineering e Service, ed uno dei modi migliori per avviare questo cambiamento è attraverso un iniziativa di riduzione della complessità. Una società che eccelle in quanto a standardizzazione è Asus, un produttore hardware. Il suo vasto portafoglio prodotti significa che ha un enorme numero di parti che richiedono una pianificazione dettagliata, previsione e di rifornimento. Inoltre, diverse categorie hanno differenti caratteristiche della domanda. Questo ha creato un bisogno impellente di un programma di standardizzazione che ha portato a un minor numero di parti uniche e ad una maggiore razionalizzazione delle SKU. Asus ha constatato che un ambiente con un minor numero di referenze offre vantaggi come la minore complessità e costi inferiori. Inoltre, incentivi focalizzati su alcuni fornitori possono trascendere tematiche di volume e prezzo per includere tematiche di ingegneria che aiutano le aziende a massimizzare la serviceability. Nel caso in cui un componente sia parte di una macchina più grande, uno stretto legame tra Engineering e Service contribuirebbe ad aumentare livelli di interoperabilità, in modo da garantire che Sviluppare sinergie tra Engineering e la Service Value Chain Usare maggiori componenti standard e parti comuni tra diversi prodotti; Migliorare la raccolta delle informazioni e il trasferimento della conoscenza; Sviluppare maggiori sistemi di feedback e alert; Riduzione della complessità del prodotto (complexity for value); Collaborare con i fornitori per lo sviluppo di programmi di design-for-service. una tecnologia o piattaforma esistente non diventi ridondante ogni volta che viene rilasciata una nuova versione. Gli obiettivi di riduzione della complessità e la standardizzazione possono essere ulteriormente migliorati includendo ingegneri dell Area Service in tutte le attività di progettazione dei prodotti e dei sistemi (evitando così, ad esempio, di sostituire Spare Parts proprietarie con parti standard facilmente reperibili su mercati paralleli). Il potenziale impatto dato dalla riduzione della complessità su Spare Parts sono notevoli in termini di livello di inventario, efficienza dei tecnici sul campo e gestione dei costi di garanzia. Un altra valida modalità per collegare Engineering e Service è un processo di closed-loop feedback. Incrementare l acquisizione delle informazioni e il trasferimento di conoscenze a ogni nodo della Service Chain aiuta l Engineering a massimizzare la serviceability, dando al Service Management l opportunità di semplificare all Engineering le attività di progettazione. Per esempio, nell aftermarket service, le organizzazioni dovrebbero essere in grado di catturare feedback transazionali da parte di tecnici ed inviare le informazioni all Engineering. I tecnici possono fornire spunti importanti sottolineando le tematiche relative alla qualità ( Questo nuovo servizio di bordo non funziona come il precedente ) o di progettazione ( Questa chiusura non si muove facilmente, forse a causa del modo in cui il blocco sistema funziona nelle curve ). Lo stesso vale per la struttura di riparazione ( Questo telaio motore è stato progettato in modo da rendere estremamente difficile l estrazione della batteria. Una semplificazione delle operazioni di smontaggio potrebbe rendere possibile riparazioni sul posto ). Il sistema di feedback Closed-loop può essere supportato da alert che contribuiscono ad eliminare rapidamente difetti di progettazione. In sintesi, un rapporto stretto tra Service Management ed Engineering ha numerosi vantaggi: Se una Spare Part è stato progettata in ottica serviceability, le riparazioni programmate o impreviste possono procedere più velocemente e facilmente; La progettazione e lo sviluppo di nuovi prodotti può beneficiare delle informazioni raccolte durante gli interventi di manutenzione e garanzia, al fine di costruire prodotti sempre più affidabili; Ridotto rischio di garanzia e dei costi ad essa connessi. 3. Conclusione Tra tutte le caratteristiche della Service Value Chain riportate in questo articolo, la più importante potrebbe essere rappresentata dal fatto che le Service Value Chain debbano essere completamente allineate con i modelli di Value Chain aziendali (e non semplici estensioni). Tuttavia, le Service Value Chain sono arricchite da un orientamento end-to-end che permette di incorporare le conoscenze e le prospettive delle funzioni chiave dell azienda e i benefici che produce sono relativi a tutta l azienda in senso esteso, più che focalizzati per singola funzione. Questi benefici non sono per nulla trascurabili: l esperienza Accenture ha dimostrato che le aziende partecipanti al sondaggio e definite come High Performes nell ambito Service Management hanno costruito delle Service Value Chain capaci di innalzare notevolmente le revenue della funzione Service, aumentare la Customer Satisfaction, ridurre i costi di servizio, migliorare l utilizzo del capitale circolante, migliorare l efficienza dei tecnici e rafforzare la brand image. In conclusione, quali tipi di aziende possono essere dei candidati ottimali per sviluppare una Service Value Chain? In generale, ogni azienda interessata a migliorare la qualità e la redditività della propria organizzazione in ottica After-sale Service e Parts Management dovrebbe attivare un attenta indagine sui temi trattati. 6 9

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli