L ENERGIA CHE TI ASCOLTA. DIVISIONE MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENERGIA CHE TI ASCOLTA. DIVISIONE MERCATO"

Transcript

1 DIVISIONE MERCATO DIVISIONE MERCATO: NUOVO ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL CUSTOMER SERVICE PREMESSA Come noto nel giugno 2009 è stato varato il nuovo modello organizzativo della Divisione Mercato. In coerenza con la mission assegnata: Eccellere nella qualità dei servizi offerti ai clienti nel Mercato dell elettricità e del gas in Italia, l organizzazione divisionale si è sviluppata sostanzialmente su tre linee guida: focus sul Cliente di riferimento, compliance antitrust, valorizzazione dell attuale presenza sul territorio (Punti Enel). Con la modifica organizzativa si è dunque dato l avvio anche ad un cambiamento culturale volto a mettere il cliente al centro dell azione aziendale ed a fidelizzarlo attraverso la Qualità. Cambiamento ravvisabile anche nella terminologia utilizzata per denominare le nuove unità organizzative. L ex unità Operation diviene Customer Service ovvero unità di servizio al cliente, in modo da evidenziare il rilievo strategico dei compiti assegnati:offrire i delicati servizi post-sales ai Clienti di riferimento. Proprio nell ottica della focalizzazione sul Cliente il Customer Service è stato articolato nelle due unità Mercato Libero e Servizio di Maggior Tutela, mentre, successivamente, il Credito, è stato portato a riporto diretto del Responsabile del Customer Service, e focalizzato sui diversi segmenti di clientela ( Corporate e Mass market ). L organizzazione del 2009 ha avuto modo di confrontarsi da subito con un contesto economico sfavorevole. Tuttavia se da un lato il calo generalizzato della domanda di energia elettrica e di gas, ha determinato una riduzione del prezzo delle commodities ed un inasprimento della concorrenza su tutti i segmenti di mercato, dall altro il nuovo assetto organizzativo, le competenze e le persone della Divisione hanno permesso la conferma della leadership di Enel nel mercato libero dell energia elettrica e il consolidamento dei primi risultati sulla via della Qualità. Gli "indicatori chiave" della Qualità e cioè il Customer Satisfaction Index (che misura il grado di soddisfazione dei clienti), e l indice di reclamosità (che misura la percentuale di reclami ricevuti dai nostri clienti), hanno fatto registrare dei miglioramenti, confermando 1

2 che la Divisione ha intrapreso per il giusto verso la via dell eccellenza nella qualità dei servizi resi. Per divenire leader indiscussi nella qualità del servizio offerto ai clienti in un mercato ad alto tasso di competitività e variabilità, occorre però avvicinare ulteriormente l organizzazione al Cliente, contribuendo anche attraverso la leva organizzativa, alla fidelizzazione del Cliente ed alla riduzione del churn (tasso di abbandono). In questa ottica il nuovo modello di funzionamento del Customer Service, in linea di continuità con la riorganizzazione del 2009 e, nel rispetto delle medesime linee guida, prevede: una focalizzazione dei processi dell Unità Mercato libero (Attivazione, Fatturazione, Customer management) su specifici segmenti di clientela ( Business, Microbusiness e Mass Market ); un ulteriore valorizzazione della presenza Divisionale sul territorio, attraverso una nuova visione del Punto Enel, che, rimanendo compliant alle norme antitrust, può finalmente spiegare tutte le potenzialità di luogo deputato al contatto diretto con il Cliente; una rivisitazione organizzativa delle 4 Macro Aree,che, snellite nei processi fungano da sostegno del nuovo ruolo del Punto Enel, e coordinino specifici centri di competenza del back office del servizio di maggior tutela, ove impiegare le risorse e le competenze degli (ex) Contact Center. L EVOLUZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO Attualmente l Area di Business Customer Service prevede le seguenti unità: Supporto Normativo e Fiscale; Integration Manager; Mercato Libero; Servizio Maggior Tutela; Sistemi di Customer Service; Credito; Quattro Macro aree territoriali. 2

3 UNITÀ MERCATO LIBERO Con la struttura varata nel 2009 sono stati ricondotti sotto un unica responsabilità i processi relativi ai clienti del Mercato Libero ( ad eccezione del Credito e dei Sistemi di CS che operano trasversalmente all Area di Business Customer Service). La creazione di un Unità focalizzata sul mercato libero ha consentito nel 2009 il raggiungimento di buoni risultati sia sotto l aspetto delle performance, che sotto il profilo della chiarezza organizzativa dei ruoli e delle responsabilità. Nell ottica sopra accennata di perseguire l eccellenza nella qualità del servizio reso alla Clientela, si ritiene di poter acquisire ulteriori margini di miglioramento focalizzando i processi dell Unità Mercato Libero su segmenti specifici di clientela, riducendo per questa via il churn (tasso di abbandono). Come noto l Unità Mercato Libero risulta allo stato così articolata: Attivazione Clienti; Misura; Fatturazione Mercato Libero; Customer Care Mercato Libero; Rapporti con reti Mercato Libero; Implementazione prodotti; La rivisitazione organizzativa riguarda le seguenti articolazioni: Attivazione clienti L Unità già articolata in: Acquisition, Attivazione trasporto e Commissioni Canali, fornisce le linee guida e di indirizzo per l attivazione dei clienti del mercato libero, definendo obiettivi e carichi di lavoro e coordinando le strutture preposte. Nell ottica di focalizzare anche il processo di acquisizione per cliente l (ex) unità Acquisition viene scissa nelle unità Acquisition Clienti business e Acquisition Clienti micro business e mass market. Alle nuove Unità rimangono assegnati, in relazione al cliente di riferimento i seguenti compiti; fornire le linee guida e di indirizzo per l acquisizione dei clienti del mercato libero, definendo obiettivi e carichi di lavoro; gestire le richieste di fornitura relative ai contratti, dalla fase di caricamento dei dati alla validazione degli stessi, interfacciandosi con i canali di competenza; garantire la qualità delle attività svolte; realizzare il coordinamento degli outsourcer. 3

4 gestire il processo dei recessi e dei rapporti con i traders. Rimangono confermate responsabilità e compiti delle unità Attivazione Trasporto e Commissioni canali. Fatturazione Mercato libero L assetto definito al termine del confronto del 2009 ha favorito la diffusione di una cultura comune sul processo di fatturazione e ridotto la catena decisionale attraverso il riporto diretto dei poli territoriali al responsabile di processo. Risulta comunque necessario intervenire sotto il profilo organizzativo per separare le attività operative della fatturazione, dalle attività di analisi e studio del processo finalizzate ad un miglioramento continuo, e per focalizzare le attività di fatturazione sul Cliente servito. A tal fine a staff del Responsabile si prevede l istituzione di una nuova unità denominata Billing Process Improvement con il compito di analizzare il processo di fatturazione end to end, dalla fase di pre-billing al post- sales, di identificare aree ed azioni di miglioramento, di monitorare la performance complessiva del processo di fatturazione e di aggiornare le procedure, dei processi e dei sistemi in linea con le dinamiche del mercato e delle nuove offerte. Mentre nell ottica della focalizzazione sul Cliente servito: viene ridenominato il Polo specialistico di Milano in Unità Billing Power e Gas Business, con il compito di assicurare la fatturazione end-to-end dei clienti del mercato Business, incluse le attività di pre-billing e post-sales; curare le attività specialistiche di fatturazione dei clienti Business, supportando le Macro Aree Territoriali Vendita Corporate ed assicurando la risoluzione delle problematiche influenti sulla corretta fatturazione; coordinare attraverso i Partner Support gli outsourcer della fatturazione clienti business; vengono ridenominate l (ex) Unità Coordinamento operativo Mercato Elettrico (Roma) in Unità Billing Power microbusiness e mass market e l (ex) Unità Coordinamento operativo Mercato Gas (Talsano) in Billing Gas microbusiness e mass market ; ciascuna unità per la commodity e per la clientela di riferimento continua ad assicurare la fatturazione dei clienti del ML elettrico/gas, cura l aggiornamento dei corrispettivi e degli oneri di sistema e dei sistemi di fatturazione in base 4

5 alle disposizioni dell AEEG; coordina gli outsourcer della fatturazione power/gas; viene istituita l Unità Post Sales -, alla quale riportano le attività dei centri di post sales di Mestre, Udine, Ancona e Reggio Calabria (dislocazioni confermate), ed ai quali si aggiunge la dislocazione di Avellino (ex RCR) - che rimane incaricata di assicurare la gestione delle attività di post sales e il supporto operativo per la risoluzione delle problematiche di post fatturazione (provenienti da Pubbliche Amministrazioni, Comuni, Associazioni di Consumatori etc.) di competenza delle Macro Aree di Customer Service; il polo di Civitavecchia (ex control room) viene ridenominato Unità di Billing Collection per l effettuazione di attività di recupero di fatturazione in termini di lavorazione degli scarti e di caricamento delle anagrafiche dei clienti. Rapporti con reti Rimane sostanzialmente confermata la struttura e l articolazione territoriale (Poli Nord Ovest, Nord Est, Centro e Sud), salva l unificazione di responsabilità in un unico Coordinamento Operativo (Processi e coordinamento operativo) competente per entrambe le commodity. Implementazione prodotti Fermo restando le competenze già attribuite all unità, nell ottica di meglio definire e formalizzare l attività di Program Management Office e aumentare la responsabilità in termini di integrazione sistemi del mercato libero, vengono attribuite le seguenti nuove attività : a) supportare le unità del mercato libero nella stesura dei requisiti dei sistemi ed assicurare il coordinamento delle richieste di implementazione vs le strutture della Direzione Operativa ICT (Demand&Delivery); b) curare, in collaborazione con le unità interessate, lo studio e lo sviluppo di nuovi sistemi per il mercato libero e l aggiornamento di quelli esistenti; c) svolgere le attività di PMO per il Mercato libero. 5

6 Misura Responsabilità e compiti confermati. Customer Care mercato libero Nell ottica di focalizzare le attività di customer care per segmento clienti, l unità viene articolata come segue: Business Customer Management e Microbusiness e mass market Customer Management con il compito, per la diversa tipologia di clientela, di definire le strategie di customer management; monitorare la qualità della relazione con i clienti, garantendo con regolatorio e compliance antitrust - il rispetto delle procedure commerciali e della normativa regolatoria; aggiornare i processi, i sistemi di supporto e le procedure da diffondere attraverso il Knowledge Base Management System;supportare le strutture di macro area nel coordinamento operativo dei canali di contatto (Punti Enel, Rete indiretta, Partners) e nelle interfacce con le altre strutture del territorio per il segmento di clienti di competenza. Rapporti con associazioni e autorità, competente a definire le linee guida e il supporto per la gestione della conciliazione con le Associazioni di Consumatori, curare le attività di risarcimento danni e di richieste di informative provenienti dall Autorità e dall Acquirente Unico, in collaborazione con Regolatorio e compliance antitrust. Sviluppo rete indiretta con il compito di sviluppare la rete indiretta per le attività di gestione del mercato libero, fare scouting di nuovi Dealers, collaborando con l AdB Vendite Mass Market per sinergie punti indiretti e la rete di Enel.si; gestire le iniziative per i clienti del mercato libero (nuove offerte, loyalty, ecc) alla rete indiretta. Viene confermato il coordinamento funzionale delle strutture di Customer care ML delle macro Aree come sotto precisato. Vengono altresì confermate le dislocazioni di Napoli e Talsano. 6

7 MACRO AREE DEL CUSTOMER SERVICE Il nuovo assetto proposto per le 4 macro aree si muove su alcune linee guida fondamentali, ovvero: razionalizzazione organizzativa: superamento del layer organizzativo di customer care SMT di macro area e contestuale istituzione dei centri di competenza (vedi appresso), con attribuzione di responsabilità di tutte le attività di front-end a livello di singola regione o pluriregionale; focalizzazione dell Unità Mercato libero di Macro Area quale veicolo per la diffusione delle strategie del mercato libero a livello territoriale e quale presidio territoriale di post sales mercato libero ; creazione di centri di competenza SMT per la riallocazione delle attività di back office, nell ottica di creare dei centri di eccellenza finalizzati all efficientamento dei processi assegnati; definizione di una cabina di regia per il coordinamento dei formatori per entrambi i mercati e per la gestione dei partners. La nuova articolazione della Macroarea può essere così dettagliata : Gestione Patnership, Training e Quality assurance E prevista all interno di ogni macro area a staff del Responsabile. Tale Unità, oltre alle note attività di Quality Assurance, ha il compito di presidiare le attività di formazione su entrambi i mercati nonché di gestire le Partnership attive della macro area di competenza in termini di: controlli qualità, supervisione attività assegnate, uniformità comportamentali e supporto tecnico per entrambi i mercati (libero/servizio maggior tutela). In tale Unità confluiscono i c.d. formatori (chiamati ad interventi formativi presso le sedi dei partner), che, allo stato appaiono quantitativamente idonei al disimpegno delle attività. In sede di Commissione di Classificazione verranno quindi introdotte le figure di Formatore Junior di livello base BS evolutivo fino all A1 e Formatore Senior inquadrato in A1S ed evolutivo fino all ASS. L accesso alla carriera di Formatore Senior è possibile sulla scorta della professionalità e competenze maturate nel ruolo di Formatore Junior, avuto particolare riguardo all ampiezza delle conoscenze specialistiche ed all autonomia nello svolgimento del ruolo. Unità Mercato Libero E il riferimento a livello di Macro Area delle unità centrali. Ad essa sono affidati due processi fondamentali: 7

8 o Processo Customer management: in coerenza con le strategie di customer management definite dall Unità Centrale, il processo è finalizzato a favorire lo sviluppo del mercato libero a livello territoriale veicolando le modalità di contatto con i clienti a tutti i canali presenti sul territorio: Punti Enel Rete Indiretta; call center, KAM; inoltre si interfaccia con le Unità territoriali delle Vendite per garantire la risoluzione delle esigenze dei clienti del mercato libero; Processo Post Sales di Macro Area: è il riferimento territoriale per le attività di post sales del mercato libero,il processo è finalizzato a: favorire la comunicazione e l interfaccia con le altre strutture di Customer Service del mercato libero (es.: centri di competenza del credito), in logica one-stop-solution ; migliorare la qualità del servizio erogata ai clienti attraverso l integrazione del processo di vendita e post vendita a livello territoriale. Unità Front end: Il superamento dell unità organizzativa Customer Care del Servizio di Maggior Tutela comporta come primo effetto il diretto riporto al Responsabile di Macroarea delle Unità definite di Front End. Tali unità nella nuova organizzazione sono deputate alla gestione dei canali Face diretti e indiretti (Punti Enel e Rete indiretta) per entrambi i mercati presenti nel territorio di competenza. I Front end della nuova organizzazione sono riportati nel documento in allegato 2. Dal Responsabile di Macro Area dipendono poi 2 centri di competenza SMT Fatturazione (Billing, per il back office di fatturazione) e SMT Customer care (per il back office customer care). Punti Enel Tra gli aspetti più rilevanti di questa rivisitazione organizzativa, assume particolare importanza quello relativo alla ridefinizione del ruolo dei Punti Enel. 8

9 Lo scopo, in questa fase, è quello di far diventare il Punto Enel un punto di contatto affidabile, efficace e efficiente e di valorizzarne le attività di vendita, trasformandolo in un punto di riferimento a tutto tondo per clienti e territorio. Assetto attuale Punti Enel ed ex Contact center. Attualmente i P.E. svolgono compiti di gestione e acquisizione del cliente elettrico e sono organizzati in due differenti postazioni: la postazione A, dedicata esclusivamente al Servizio di Maggior Tutela, e la postazione B dedicata unicamente al Mercato libero (funzionalmente dipendente dall Unità Customer care mercato Libero). Sotto il profilo delle attività specifiche, le risorse sono oggi impegnate in misura prevalente in attività di back office SMT (ad es. rifatturazioni a seguito delibere, reclami e informative verbali, rettifiche manuali, controlli di gestione, fatturazione locale). Anche le risorse presenti nei siti di Contact Center risultano in prevalenza specializzate sui processi relativi ad attività del servizio di maggior tutela (reclami, stipula cessazioni contratti, rateizzazioni, richiesta preventivi, fatturato locale, gestione verifiche ecc.). Il nuovo assetto del Punto Enel Nell ottica di perseguire gli obiettivi di qualità sopra citati, ma anche sotto il profilo dell impiego ottimale delle risorse e dell ottimizzazione dei carichi di lavoro, la nuova organizzazione dei P.E. segue due direttrici essenziali : rafforzare il front end (attività di contatto diretto con i clienti) ed efficientare le attività di back office. Il Punto Enel alla luce del nuovo parere espresso dall Autorithy è organizzato con un unica postazione comune per le attività gestionali relative ai clienti del ML e SMT e per la vendita del gas, mentre le attività di vendita power e gas - in continuità con quanto oggi avviene con la postazione B - sono svolte in un corner dedicato. Per favorire la maggior focalizzazione sul front office delle risorse del Punto Enel si prevede di intervenire secondo le seguenti direttrici organizzative: riallocazione parziale dell attività di back office presso i Centri di competenza SMT. Sono mantenute presso i P.E. le attività di back office generate e 9

10 correlate al front office, in modo da fornire al cliente un servizio end to end. Di seguito un esemplificazione di massima di tali ultime attività: rifatturazioni automatiche richieste preventivi rateizzazioni rapporti con procure fatturato locale attività connesse alla gestione dei gruppi di misura attività commerciali e cessazioni controlli qualità AEEG dimostrati/dichiarati pagamenti; integrazione mirata delle risorse del Punto Enel anche con personale che risulti professionalmente idoneo, alla stregua delle competenze possedute e del potenziale espresso, proveniente dagli ex Contact Center; ulteriore estensione e diffusione del sistema in remoto denominato Videophone ustomer service (VCS) (già descritto del Documento di confronto di giugno 2009,pag.12). Alla stregua degli interventi organizzativi sopra descritti, nell ottica sopra cennata di ulteriormente avvicinare l organizzazione al Cliente e in aderenza al ruolo assegnato al Punto Enel nella nuova organizzazione, l orario di apertura al pubblico del Punto potrà essere esteso alla fascia pomeridiana, ove ciò risulti finalizzato a meglio soddisfare le esigenze della clientela. Le modalità di apertura al pubblico dei Punti Enel negli orari pomeridiani saranno oggetto di consultazione con le OO.SS. nazionali e successivamente con le competenti RSU. L adozione delle misure organizzative sopra descritte consente allo stato di confermare ferma restando la variabilità congenita delle dinamiche di mercato i riferimenti dimensionali dei Punti Enel di minori (5-7), medie (8-15) e maggior dimensioni (oltre 15). In ogni caso viene garantito il proficuo impegno delle risorse in forza ai Punti Enel. La maggior focalizzazione del Punto Enel sulle attività di Front office, e la nuova concezione delle postazioni ivi presenti ( postazione unica per le attività gestionali relative ai clienti del ML e SMT e per la vendita del gas, e corner dedicato per le attività di vendita power e gas) richiede una rivisitazione delle figure professionali del Punto Enel, da effettuarsi in sede di Commissione di Classificazione ai sensi del vigente Protocollo di Relazioni Industriali. 10

11 Infatti alle risorse che saranno impegnate anche sul front-office è richiesto l impiego di competenze supportato da idonei interventi formativi - gestionali e commerciali in riferimento ad entrambe le commodity (gas elettrico). Viene quindi meno la necessità di binari di carriera separati per SMT e per ML. Pertanto, nella nuova configurazione del Punto Enel, con riferimento alle risorse che saranno impiegate proficuamente e con continuità anche sul Front Office, superando ogni diverso profilo preesistente, si prevedono le seguenti figure professionali: o Consulente Front Office di livello base BS evolutivo verso la BSS (Consulente Front Office con compiti di maggior rilievo) secondo le regole del graduale progressivo ampliamento di mansioni. Nei casi di più completa maturazione della professionalità espressa nel ruolo, previa valutazione aziendale, tale figura professionale potrà evolvere verso la A1 (Consulente Senior Front Office) sempre secondo le regole del graduale progressivo ampliamento di mansioni. o Nei Punti Enel presenti nei seguenti capoluoghi di regione: Torino, Genova, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Cagliari, Bari, Napoli, Palermo, anche in ragione dei volumi di clienti attuali e previsti, si introduce il Consulente Senior Front Office Punti di Maggiori Dimensioni di inquadramento A1 che potrà evolvere, secondo le regole del graduale progressivo ampliamento di mansioni, verso la A1S. Considerata la configurazione organizzativa destrutturata del Punto Enel, si prevede di elevare la percentuale di figure professionali di gruppo A presenti nei Punti, oltre ai Team Leader, fissando orientativamente il range del 40-45% a livello nazionale. Per quanto concerne la figura del Team Leader del Punto Enel, si conferma l inquadramento base in AS evolutivo fino all ASS. Si conferma altresì la possibilità per i Team Leader responsabili di Punti caratterizzati da situazioni di particolare complessità organizzativa, di evolvere, previa valutazione del grado di professionalità maturato e manifestato, verso il livello Quadro. La sicurezza dei Punti Enel L Azienda conferma che la sicurezza dei Punti Enel e delle persone che vi lavorano è un interesse primario da tutelare con i mezzi necessari. In tale ottica sono già state illustrate alle OO.SS. le direttrici di implementazione della security: 11

12 sistema antintrusione ed antipanico in tutti i Punti Enel, indipendentemente da qualsivoglia considerazione di contesto; introduzione in alcuni Punti Enel in considerazione di parametri quali: la peculiarità del contesto locale, l afflusso di clienti e la tipologia di pratiche trattate, di un sistema di videosorveglianza a circuito chiuso in grado riprendere e registrare le immagini, previa attivazione del pulsante antipanico. con riferimento a Punti Enel che presentino particolari livelli di attenzione dei parametri sopra indicati, l Azienda, tenuto anche conto di particolari situazioni specifiche, potrà periodicamente ricorrere a servizi di guardia giurata. Si prevede di ulteriormente migliorare il sistema di sicurezza dei Punti collegando i pulsanti antipanico, compresi quelli che attivano i sistemi di videosorveglianza, ad un apposita postazione di monitoraggio remota presso la sede Enel S.p.a. di Viale Regina Margherita. L operatore di tale postazione - che nel caso di sistema con videosorveglianza potrà osservare gli accadimenti in presa diretta, ma non ha la possibilità di assumere il comando dei sistemi di sicurezza locali (ad esempio, effettuare zoom con le telecamere, modificare il loro orientamento, ecc.), né di registrare le immagini - una volta che il sistema antipanico è attivato contatterà immediatamente la Forze dell Ordine al fine di sollecitarne il pronto intervento. Con riguardo alla tematica l Azienda è disponibile ad un focus dedicato, da svolgersi anche nell ambito del costituendo Organismo Bilaterale (vedi infra). Centri di competenza SMT delle Macroaree Come sopra precisato presso ciascuna Macro Area sono istituiti i seguenti Centri di competenza del Sevizio di Maggior Tutela. Centro di Competenza Fatturazione (Billing) Servizio di Maggior Tutela Con il compito di assicurare tutte le attività di back office legate al processo di fatturazione del servizio della maggior tutela, secondo le linee guida e di indirizzo fornite dall Unità Servizio Maggior Tutela Centrale. Inoltre l Unità provvede a : effettuare le verifiche delle frodi e dei recuperi consumi; le rifatturazioni e rettifiche di fatturazione richieste dai clienti del servizio di maggior tutela; 12

13 presidiare le attività di controllo gestionale e degli adempimenti fiscali; supportare le Unità del Credito nella gestione del contenzioso. Centro di Competenza Customer Care Servizio di Maggior Tutela Con il compito di assicurare tutte le attività di back office legate al processo di customer care del servizio della maggior tutela, secondo le linee guida e di indirizzo fornite dall Unità Servizio Maggior Tutela Centrale. Inoltre l Unità provvede a: evadere le esigenze complesse del cliente originate dal contatto telefonico; la gestione dei reclami, informative scritte e preventivi; presidiare il processo della conciliazione per i clienti del servizio di maggior tutela; curare le attività di liquidazione degli indennizzi per mancato rispetto degli standard AEEG; gestire i rientri dei clienti nel servizio di maggior tutela, d intesa con le unità competenti. Come già accennato presso i Centri di competenza, ove saranno reimpiegate anche le risorse idonee degli (ex) siti di Contact Center non allocate presso i Punti, confluiscono anche le attività di back office stornate dai Punti Enel e riconducibili alle attività/ processi sopra elencati e le attività di VCS. I Centri di Competenza, e le relative dislocazioni territoriali (vedi appresso) hanno una configurazione organizzativa destrutturata. Le dislocazioni territoriali dei Centri di Competenza I Centri di competenza comprendono più dislocazioni territoriali operative. Rimangono geograficamente confermate le dislocazioni della precedente organizzazione, fatti salvi i limitati interventi di razionalizzazione precisati nell ambito dei riflessi sul personale (sedi con numero di risorse pari o inferiore a 6). Nelle dislocazioni territoriali dei Centri di Competenza ove siano presenti almeno 7 e fino a 19 dipendenti è individuata una figura di Supervisor di gruppo A evolutiva fino all ASS con compiti di coordinamento delle attività e delle risorse, mentre nelle dislocazioni con una consistenza superiore a 19 dipendenti il Supervisor è di livello Q. 13

14 Nelle dislocazioni ove siano presenti più di 30 risorse il Supervisor di livello Q è coadiuvato da un Supervisor Assistant di gruppo A. RIFLESSI SUL PERSONALE Le risorse dedicate ad una specifica attività seguiranno, di norma, la stessa nella nuova configurazione organizzativa, salvaguardando, in ogni caso, la professionalità, l ottimale utilizzazione delle competenze ed il proficuo impiego di tutte le risorse. Tali criteri presiederanno anche l allocazione delle risorse dagli (ex) siti di Contact Center nei Centri di Competenza SMT (Customer care e Fatturazione/Billing). Per quanto attiene a limitati interventi di razionalizzazione e riassetto degli ambiti/dislocazioni territoriali, che riguarderanno le attuali dislocazione territoriali delle Macro Aree con un numero di risorse pari o inferiore a 6, con esclusione dei Punti Enel, saranno comunque realizzati nel rispetto dei criteri sopra precisati ed adottando ogni possibile accorgimento idoneo a limitare l impatto sulle risorse interessate. In ogni caso si precisa che, fatti salvi i casi sopra citati ed i cambiamenti delle dipendenze gerarchiche e/o funzionali connessi all implementazione dell organizzazione, non si prevede in termini generali la variazione delle attuali dislocazioni territoriali delle risorse e quindi l insorgere di fenomeni di mobilità/reimpiego, fermo restando che le situazioni di attenzione derivanti dall implementazione della nuova organizzazione saranno valutate in occasione degli incontri territoriali, nell ambito della normativa contrattuale vigente e nel rispetto del richiamato principio della salvaguardia della professionalità dei lavoratori. La fase della consultazioni territoriali potrà costituire l occasione per valutare alla stregua delle esigenze di servizio eventuali pregresse situazioni di pendolarismo. Infine, a richiesta delle OO.SS., si conferma che il presupposto per l inserimento delle risorse ex CCNL GAS nel percorso di armonizzazione di cui al verbale di accordo dell 11 novembre 2009 è lo svolgimento effettivo di mansioni integrate elettrico/gas e ciò indipendentemente dall Unità di assegnazione. *** Il modello organizzativo di cui al presente documento sarà oggetto di una verifica a valle delle consultazioni territoriali e, comunque, decorsi almeno sei mesi dalla compiuta implementazione e piena operatività dell organizzazione *** LA FORMAZIONE 14

15 La Divisione conferma la propria vision della formazione come leva essenziale per il potenziamento del Know How e della competitività. In linea di continuità con quanto realizzato nel 2009, anche l implementazione della modifica organizzativa sopra illustrata sarà accompagnata da un importante attività formativa. Di seguito si richiamano i progetti più significativi che coinvolgeranno anche le risorse del Customer Service. Scuola di gestione del cliente Come noto nel 2009 e stata sperimentalmente avviata la Scuola di gestione del Cliente. Il progetto formativo prevede l erogazione di moduli relativi al contesto competitivo, alla cultura del cliente e alle skills correlate al ruolo. La Scuola, opererà anche nel corso del 2010: sono previste circa 30 edizioni. Scuola di formazione per formatori Per queste figure nel corso del 2010 saranno avviati tre percorsi formativi specifici. Un primo percorso relativo alle competenze di base, seguito da un secondo modulo specialistico e da una terza sessione relativa al team building. E prevista anche formazione a copertura delle skill di informatica. Tutti i formatori parteciperanno alla formazione Scuola Gestione Cliente Formazione sul mercato libero - Progetto One stop solution : finalizzato a fornire al cliente una risposta immediata ed esaustiva, con sperimentazione su alcuni P.E. e coinvolgimento anche delle risorse dedicate alle attività di Credito e Fatturazione; - Progetto Four ele, relativo al nuovo sistema di interfaccia tra Enel Energia e Enel Distribuzione (cosiddetto Front office Unico di Rete ) e ai processi Reclami/Informative e rettifiche/doppie fatturazioni elettrico-gas; - Progetto da Punto Enel a Store finalizzato allo sviluppo delle competenze per le attività di vendita dei prodotti del ML. Formazione sul SMT Nel corso del 2010 si è già dato avvio all erogazione di azioni formative di manutenzione /aggiornamento delle competenze tecnico professionali e sulle skills per il miglioramento della qualità del servizio al cliente ( es. sulle tematiche relative a delibere Autorità e normative SMT, alle regole di condotta antitrust, al 15

16 fatturato locale nel Punto Enel, ai contratti di fornitura di energia elettrica, alle tariffe e Sistema di fatturazione, alle rettifiche di fatturazione e ricostruzione consumi.) *** Relazioni Sindacali Tenuto conto della particolare dinamicità della Divisione Mercato più delle altre esposta alla concorrenza si pone l esigenza di seguirne le problematiche e l evoluzione organizzativa con strumenti più flessibili e veloci di quelli ordinari previsti dal Protocollo di Relazioni Industriali. A tal fine si costituirà un Organismo Bilaterale per consentire un osservazione congiunta, rapida e tempestiva dell evolversi dei fenomeni che riguardano la Divisione Mercato. Ciascuna Organizzazione Sindacale sarà rappresentata da un componente di livello nazionale e, in dipendenza delle tematiche trattate, potrà essere affiancato da uno o più componenti di livello territoriale (al massimo quattro, uno per Macro Area). Si prevede che l Organismo, che si affianca agli ordinari livelli di interlocuzione di cui al richiamato Protocollo di Relazioni Industriali, possa riunirsi con cadenza almeno trimestrale, salva motivata richiesta di convocazione di una delle Parti. Roma, 13 luglio 2010 All.n.1 Confluenze; All. n.2 Macro Aree: i Front End 16

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli