Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C"

Transcript

1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1

2 Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT Service Level Management 2

3 IT Service Level Management È la disciplina per la gestione della qualità e quantità del servizio offerto ai clienti dell organizzazione dei servizi IT L essenza del SLM è il Service Level Agreement (SLA), un contratto virtuale fra l organizzaizone IT ed i clienti che stabilisce in dettaglio quali servizi devono essere offerti e con quali caratteristiche di qualità e quantità, quali le loro performance e la loro availability 3

4 IT Service Level Management Quando è ben articolato, lo SLA fornisce all organizzazione IT un criterio di valutazione definitivo rispetto al quale le attività dell organizzazione possono essere misurate I dettagli dello SLA facilitano la misurazione delle reali dinamiche del sistema, dando all organizzazione IT dei numeri concreti per considerazioni e successive azioni 4

5 IT Service Level Management Questa disciplina è forse una delle più complesse dal punto di vista delle sue implicazioni organizzative e culturali È tanto potente quanto complesso formalizzare relazioni tra il cliente e l organizzazione IT Lo SLA può fungere da catalizzatore per introdurre altre discipline di ITSM valevoli anche in termini del loro contributo all adempimento dello SLA 5

6 IT Service Level Management - Obiettivi Il SLM è essenziale quando i dipartimenti IT vogliono dimostrare il loro impegno verso una fornitura di servizi al business che siano orientati al cliente (customer oriented) Poiché l IT serve solo per fornire servizi, e tutte le attività all interno dell IT hanno un impatto sulla fornitura del servizio, il team dell SLM deve avere un ruolo centrale nella gestione dell IT La mission per il SLM è quella di mantenere e migliorare gradualmente la qualità dei servizi IT, attraverso un costante ciclo di accordi, il monitoraggio ed i report sui risultati del servizio IT e l esortazione a compiere azioni per non avere un servizio scandente 6

7 IT SLM - Responsabilità Service Catalog Contiene i dettagli su tutto lo spettro di servizi che il dipartimento IT può offrire e i differenti livelli di servizio a disposizione dei clienti Service Level Agreement (SLAs) Viene negoziato per raggiungere un accordo attraverso un compromesso fra SLRs del cliente e la capacità del dipartimento IT di fornire servizi richiesti con le risorse a sua disposizione Service Level Requirements (SLRs) Sono documenti che forniscono una dettagliata visione delle necessità del cliente e vengono usati per definire, aggiustare e rinnovare i servizi Questo documento può servire come punto di partenza per disegnare un servizio e il suo corrispondente SLA e può essere firmato come un ordine per un piano, se necessario 7

8 IT SLM - Responsabilità Operational Level Agreement (OLA) e Underpinning Contract (UC) Sono documenti che supportano lo SLA e sono fatti in base agli OLA interni e UC con fornitori esterni, per descrivere le modalità di erogazione di uno o più componenti dell intero servizio Service Specsheet È un documento dettagliato che fa da ponte tra ciò che è stato concordato nello SLA e le specifiche tecniche interne necessarie a fornire il servizio Fornisce anche degli input per lo SLA, gli OLA e i contratti in generale 8

9 IT SLM - Responsabilità Service Quality Plan È un documento molto importante che contiene tutte le informazioni necessarie al management per guidare l organizzazione IT Nell SQP vengono registrati i parametri del processo di Service Management della gestione operativa Per ogni target di processo vengono definiti dei valori nella sezione delle Performance Indications. In questo modo si definiscono i tempi di risoluzione ed i livelli di impatto per l IM, per il CM vengono definiti i tempi per la continuità e i costi di un fermo per delle modifiche e per tutti i processi vengono decisi quali report sono necessari ed in che momento Le Performance Indications vengono prese dai SLRs e documentate nel Service Specsheets 9

10 IT SLM - Responsabilità Quando dei fornitori esterni sono coinvolti nella fornitura dei servizi, i.e Service Desk in outsourcing, allora le Performance Indications vengono registrate anche negli UC Monitoraggio, Review e Report Service Improvement Programs (SIP) È formalmente realizzato come un progetto Vengono documentate le azioni, le fasi ed i dati di release che servono per migliorare un servizio IT Customer Relationship Management (CRM) Serve al mantenimento delle relazioni con il cliente 10

11 Il processo di Service Level Management Il processo è un ciclo completo di qualità Una volta che lo SLA è stato definito, il ciclo inizia Establish Function Implement SLAs Periodic Review Manage the ongoing process 11

12 Il processo di Service Level Management Definire la funzione Se il SLM non è ancora presente, allora il primo passo da fare è quello di pianificare il processo stesso Attività come la definizione delle procedure, la creazione del Service Catalogue, la stesura della bozza dello SLAs e le campagne informative rientrano tra le cose che devono essere pianificate - Pianificazione iniziale delle attività - Pianificare la capacità di monitoraggio - Rilevare la percezione iniziale dei servizi - Definire/Controllare gli UCs e gli OLAs 12

13 Il processo di Service Level Management Implementazione dello SLAs Nella fase di implementazione si deve fare quanto segue: - Produrre un Service Catalog - Gestire le aspettative del Management - Pianificare la struttura dello SLA - Definire i SLRs e preparare la bozza dello SLA - Redigere lo SLAs - Creare un accordo - Stabilire le capacità di monitoraggio - Rivedere gli UCs e gli OLAs - Definire i processi di Reporting e Review - Pubblicizzare l esistenza dello SLAs 13

14 Il processo di Service Level Management Managing Gestire il processo in corso d opera In questa fase devono essere condotte le seguenti attività: - Monitoraggio e Reporting - Incontri di Service Review ad-hoc Revisioni periodiche In questa fase devono essere condotte le seguenti attività: - Incontri di Service Review periodici - Creazione di Service Improvement Programs (SIP) - Manutenzione dello SLA, dei contratti e degli OLAs 14

15 Service Level Requirements (SLRs) La definizione di SLRs appropriati è uno dei fattori critici di successo (Critical Success Factors) È consigliabile coinvolgere i clienti sin dall inizio, ma piuttosto che partire da zero, è meglio produrre una prima bozza di schema come punto di partenza per poi entrare più nel dettaglio nel corso della discussione con il cliente Si deve stare attenti a non andare troppo lontano e presentarsi al cliente con un fatto compiuto 15

16 Service Level Requirements (SLRs) Può essere difficile progettare i requisiti, poiché il cliente potrebbe non sapere cosa vuole, specialmente se non gli è stato chiesto prima Inoltre, potrebbe aver bisogno di aiuto per comprendere e definire le proprie esigenze di business Si osservi che i requisiti espressi all inizio potrebbero non essere quelli su cui ci si accorda alla fine è più probabile che subiscano delle modifiche una volta che il Charging è stato introdotto Possono essere necessarie molte sedute di negoziazione prima di avere un bilancio accettabile tra ciò che è desiderato e ciò che è effettivamente reggiungibile ed ottenibile 16

17 Agreements e Contracts Customer IT Organization Internal Suppliers (departments) External Suppliers 17

18 Agreements e Contracts I contratti e gli OLAs devono essere sviluppati in modo tale da permettere che gli obiettivi dello SLA siano raggiungibili I fornitori interni forniscono solitamente servizi di infrastruttura e varie forme di supporto tecnico Se necessario gli SLAs possono essere modificati affinché siano allineati ai contratti esistenti, in tal caso è comunque preferibile rinegoziare i contratti Ovvi benefici derivano dal gestire i contratti con i fornitori affinché siano rigorosamente allineati a livello organizzativo con il Management degli SLAs 18

19 Agreements e Contracts Un Operational Level Agreement è un impegno preso con un altro dipartimento IT interno nel quale gli accordi sulla manutenzione di certi componenti di un servizio vengono stabiliti, i.e. uno SPA sulla availability della rete o dei server di stampa. Uno SPA funge da supporto per l organizzazione IT che fornisce il servizio Un Underpinning Contract è un contratto con un fornitore esterno con il quale vengono determinati gli accordi sulla manutenzione di certi componenti di un servizio. Ciò è paragonabile a uno SPA esterno con l obiettivo, i.e., di raggiungere un accordo con un fornitore esterno sull eliminazione di problemi tecnici sulle WS o sull availability di una connessione perm. 19

20 Multilevel SLA Model Alcune organizzazioni scelgono di adottare strutture di SLA multi-level i.e. una struttura a 3 livelli del tipo seguente: 1. Corporate Level: copre tutte le problematiche di SLM a carattere generico. Queste problematiche sono spesso meno variabili e pertanto il loro aggiornamento è meno frequente 2. Customer Level: copre tutte le problematiche di SLM relative ad un particolare gruppo di Clienti, a prescindere dal servizio utilizzato 3. Service Level: copre tutte le problematiche di SLM relative ad uno specifico servizio, e ad uno specifico gruppo di clienti (uno Service Level per ogni servizio coperto dallo SLA) 20

21 Service Quality Plan Il SQP è una descrizione interna di tutto ciò che deve essere fatto per poter fornire la qualità concordata di servizio ai clienti Contiene la responsabilità in termini di tempistiche interne di erogazione per raggiungere il livello di servizio concordato È disegnato per lo staff IT Descrive le azioni da intraprendere quando non viene fornito il giusto livello di qualità 21

22 Service Improvement Program (SIP) Obiettivo Miglioramento controllato Impiegato ogni qual volta si rivela necessario Deviazione dai livelli concordati Scelte strategiche Continuo miglioramento Anche più di uno contemporaneamente 22

23 Service Improvement Program (SIP) Il processo di SLM spesso rappresenta un buon punto di partenza per un SIP, ed il processo di revisione può fungere da guida per esso Laddove viene identificato un problema di base che sta impattando negativamente la qualità del servizio, il SLM deve, in collaborazione con il PM e l AM, indurre all impiego di un SIP per identificare e implementare qualunque azione sia necessaria per superare le difficoltà e ripristinare la qualità del servizio Le iniziative di tipo SIP possono anche focalizzarsi su problemi quali la formazione agli studenti, test e documentazione di sistemi 23

24 Service Improvement Program (SIP) In tali circostanze le persone di pertinenza devono essere coinvolte e deve essere necessaria una valutazione obbiettiva ed adeguata per realizzare migliorie per il futuro In ogni momento possono essere in corso iniziative in parallelo che costituiscono un SIP al fine di affrontare difficoltà in certi servizi 24

25 Elementi di uno SLA I Service Level Agreement sono accordi tra l organizzazione IT ed il cliente e sono determinati sulla base dei servizi che è necessario fornire Il SLA descrive il servizio in termini non tecnici ed è impostato nella lingua del cliente Il SLA, durante la fase operativa, funge da norma rispetto alla quale misurare ed orientare il servizio IT L ambito e l impostazione di uno SLA può cambiare in corso d opera Le clausole devono riflettere il fatto che ci sono degli obblighi sia da parte del cliente che da parte del fornitore 25

26 Elementi di uno SLA Le misure incluse nello SLA devono essere significative Anche se le misure incluse nello SLA dovessero rappresentare solo il minimo accettabile, gli obiettivi previsti sui livelli di servizio devono essere chiaramente dichiarati È, inoltre, importante specificare quali servizi non sono forniti, così come lo è specificare quali servizi lo sono i.e. un cliente deve sapere se un servizio ha dei sottosistemi di sicurezza inclusi 26

27 Elementi di uno SLA General Introduction Parties Signatures Service Description Period / Lease Reporting & Review Content Frequency Incentives & Penalties Support Service Hours Support Change Procedures Escalation Delivery Availability Reliability Transaction Response Times Throughput Batch Turnaround Times Contingency & Security Charging 27

28 Elementi di uno SLA Esempi di elementi di servizi di supporto Orario di servizio: 24x7, 5x8, con intervento, senza, etc. Supporto: orario di supporto, extra, estensioni, tempi di risposta, tempi di riparazione, etc. Sistema di Escalation: chi, quando, come, per cosa, etc. Change: Categoria, tempo medio, numerosità, standard requests, etc. 28

29 Elementi di uno SLA Esempi di elementi di Erogazione del Servizio Availability: 99%, target durante le ore di servizio, etc. Reliability: quante volte si verifica un interruzione di servizio in un certo periodo, MTBF, MTBSI, etc. Continuity e Security: cosa, come, ruoli, responsabilità, procedure, etc. Charging: formule, pricing, metodologia, etc. Tempi di esecuzione dei Batch: input ed output: quando, dove, come, etc. Tempi di risposta delle Transazioni: tempo di apertura di 1 documento da 1Mb<=15 sec., nel 95% dei casi il tempo è <= 2 sec., etc. Carico di lavoro sostenibile (Throughput): volume, num. utenti, traffico di rete, pagine, etc. 29

30 Sommario Obiettivi Migliorare la qualità del servizio Livelli di servizio misurabili Bilancio tra la domanda del cliente e le capacità dell IT Responsabilità Gestire le relazioni con il cliente Creare / mantenere un Service Catalog Determinare i SLRs Negoziare, preparare e monitorare gli SLAs e gli OLAs e i Service Improvement / Quality Plans Generale Gli SLAs devono tener conto degli UC laddove esistano Livelli di uno SLA: Corporate, Customer, Service Gli SLAs devono essere monitorati e rivisti regolarmente 30

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL A Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT Che cos è ITIL Sessione didattica su ITIL per Studenti di Ingegneria Informatica Politecnico di Torino Introduzione ad ITIL 17 Ottobre 2006 Information Technolgy Infrastructure Library COGITEK s.r.l. Via

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 5 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL B Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008

modello d esame Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 modello d esame IS20F.IT Foundation in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 edizione Giugno 2008 contenuto 2 introduzione 3 modello d esame 13 chiave delle risposte 31 valutazione EXIN International

Dettagli

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia La sicurezza secondo ITIL Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia Agenda itsmf Italia: cos è e che cosa fa; Cos è l IT Service Management; Introduzione a ITIL v3; Il

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Incident Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Incident Management Obiettivi Obiettivo dell Incident Management e di ripristinare le normali operazioni di servizio nel piu breve tempo possibbile e con il minimo impatto sul business, garantendo il mantenimento

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Paolo Gandolfo Asset & Service Management per il governo dell'infrastruttura IT

Paolo Gandolfo Asset & Service Management per il governo dell'infrastruttura IT Paolo Gandolfo Asset & Service per il governo dell'infrastruttura IT La visione strategica IBM Tivoli si impegna a fornire una soluzione di Asset & Service management capace di indirizzare i business goal

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Il Project Management nell Implementazione dell'it Service Operations

Dettagli

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Ing. Filippo Ermini Ing. Andrea Pini Chi è Boehringer Ingelheim MONDO: Medicina umana e veterinaria Ingelheim

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Ing. Stefano

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT GOVERNANCE, Risk & Security

IT GOVERNANCE, Risk & Security IT GOVERNANCE, Risk & Security Direzione Generale Via Giacomo Luvini 2a CH-6900 Lugano Sede Principale Via Maggio 1 CH-6900 Lugano www.bps-suisse.ch free call 00800 800 767 76 Relatore Paolo Camponovo

Dettagli

GESTIONE LIVELLO DI SERVIZIO Perché la gestione del livello di servizio è essenziale per la missione di tutti i fornitori di servizi IT

GESTIONE LIVELLO DI SERVIZIO Perché la gestione del livello di servizio è essenziale per la missione di tutti i fornitori di servizi IT GESTIONE LIVELLO DI SERVIZIO Perché la gestione del livello di servizio è essenziale per la missione di tutti i fornitori di servizi IT LEN DICOSTANZO SENIOR VICE PRESIDENT, AUTOTASK CORPORATION 1 GESTIONE

Dettagli

PLANETEL. Service Level Agreement. Qualità dei servizi. Punti di Contatto. Per. Servizi Planetel di

PLANETEL. Service Level Agreement. Qualità dei servizi. Punti di Contatto. Per. Servizi Planetel di PLANETEL Service Level Agreement - Qualità dei servizi - Punti di Contatto Per Servizi Planetel di Trasmissione DATI Chiamate vocali VoIP CS - CPS Housing, Hosting e Server Virtuali Indice Service Level

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

European e-competence Framework versione 2.0

European e-competence Framework versione 2.0 CWA Parte I European e-competence Framework versione 2.0 Indice Introduzione...2 European e-competence Framework (e-cf) struttura e stile...3 Materiale integrativo: linee guida per l utente, documentazione

Dettagli

Funzioni aziendali Antony. Funzioni, processi, servizi. Es. Enel. Funzioni aziendali. Business functions CEO. Engineering Marketing Manufacturing

Funzioni aziendali Antony. Funzioni, processi, servizi. Es. Enel. Funzioni aziendali. Business functions CEO. Engineering Marketing Manufacturing Funzioni aziendali Antony Funzioni, processi, servizi SALES & MANUFACTURING FINANCE ACCOUNTING HUMAN MARKETING RESOURCES Business functions 2 Funzioni aziendali Es. Enel 3 4 Es. Enel Es. San Paolo IMI

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

UMB IT-Audit. Stefano Bianchera Senior Consultant Sales stefano.bianchera@umb.ch

UMB IT-Audit. Stefano Bianchera Senior Consultant Sales stefano.bianchera@umb.ch UMB IT-Audit Stefano Bianchera Senior Consultant Sales stefano.bianchera@umb.ch 1 Le nostre competenze 2 Le sfide delle PMI Progresso tecnologico Complessità IT Requisiti business Sicurezza Strategia IT

Dettagli

Usare il Cloud in sicurezza: spunti tecnici

Usare il Cloud in sicurezza: spunti tecnici Usare il Cloud in sicurezza: spunti tecnici Cesare Gallotti Milano, 24 gennaio 2012 Sotto licenza Creative Commons creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/ 1 Agenda Presentazione relatore Definizioni

Dettagli

UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese. TST Roberto Ibba

UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese. TST Roberto Ibba Pagina: 1 di 11 PREPARATO VERIFICATO APPROVATO UNITA / NOME FIRMA DATA TST Massimo Calabrese TST Massimo Firme Calabrese riportate sull originale agli atti TST Roberto Ibba Registro delle modifiche Data

Dettagli

The Open Source Ticket Request System

The Open Source Ticket Request System The Open Source Ticket Request System Powered by Powered by Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente Würth Phoenix IT Management, Business Software and Process Consulting Società

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Quando parliamo di analisi dei rischi esaminiamo il cosiddetto concetto di information security risk management. Per

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 POWER Indice Motivazioni di questa organizzazione Alstom - Organizzazione IS&T Governance Organizzazione ITSSC ITSSC Modalità

Dettagli

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 Sicuritalia: quadro di una realtà innovativa Sicuritalia è leader in Italia nel settore della sicurezza

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio Audit & Sicurezza Informatica Linee di servizio Application Control Consulting Molte organizzazioni hanno implementato applicazioni client/server integrate, come SAP e Oracle Queste applicazioni aumentano

Dettagli

Certificazione BS7799-ISO17799 per i Sistemi di Gestione della Sicurezza Informatica

Certificazione BS7799-ISO17799 per i Sistemi di Gestione della Sicurezza Informatica Certificazione BS7799-ISO17799 per i Sistemi di Gestione della Sicurezza Informatica Certificazione valida per servizi e i sistemi presso i Data Centre Europei di COLT (Internet Solution Centre), i servizi

Dettagli

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni Change Management Obiettivi Obiettivo del Change Management è di assicurarsi che si utilizzino procedure e metodi standardizzati per una gestione efficiente ed efficace di tutti i cambiamenti, con lo scopo

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

Servizi su misura Edizione 2015

Servizi su misura Edizione 2015 Servizi su misura Edizione 2015 Qualitas Informatica All rights reserved 1 RISPOSTE RAPIDE, GESTIONE DELLE SITUAZIONI MISSION CRITICAL I servizi su misura comprendono estensione degli orari di assistenza,

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti BUDGET ICT SCG-L11 Pagina 0 di 17 OBIETTIVI DELLA LEZIONE SPIEGARE LE LOGICHE DI COSTRUZIONE DEL BUDGET ICT

Dettagli

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino Agenda Introduzione; Definizioni generali; ITIL nel mercato, richieste; Organizzazioni coinvolte; Modelli di miglioramento, Metodi e loro integrazione; ITIL:

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

Accordo di definizione dei livelli del servizio di supporto Service Level Agreement (SLA)

Accordo di definizione dei livelli del servizio di supporto Service Level Agreement (SLA) Accordo di definizione dei livelli del servizio di supporto Service Level Agreement (SLA) Numero SLA per: da: Gestionale Toscana Srl In vigore dal: 02/01/2013 Versione Versione Data Descrizione Autore

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Tunisia Le opportunità sono più vicine di quanto si pensi

Tunisia Le opportunità sono più vicine di quanto si pensi Company Profile Xpand your Business lmediterranean Global Services Sarl Tunisia Le opportunità sono più vicine di quanto si pensi dott. Massimo Bonfiglioli Resp.le Partnership MGS 1 Il Progetto Premessa

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli