Gente di mare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "452-833. Gente di mare"

Transcript

1 Circ. 18 febbraio 1998 n. 38. L. 27 dicembre 1997 n. 449, art. 59. Riflessi sulla normativa in materia pensionistica dei fondi sostitutivi ed integrativi dell assicurazione generale obbligatoria. Con circolare n. 2 del 5 gennaio 1998 diramata in pari data con messaggio n. 3117, sono state fornite le più urgenti istruzioni per l applicazione delle disposizioni dell art. 59 della legge 27 dicembre 1997 n. 449, alle pensioni di anzianità del regime generale e delle forme sostitutive gestite dall Istituto. Al punto 1 di tale circolare dovrà pertanto farsi riferimento per tutto ciò che concerne i requisiti per il diritto alla pensione di anzianità e la decorrenza della stessa, salvo quanto precisato al punto 1.4 della presente circolare. Vengono ora fornite istruzioni per le parti dell art. 59 che riguardano specifiche normative dei fondi sostitutivi (volo, telefonici, elettrici e dazieri), integrativi ( esattoriali e gas), del fondo clero, nonchè i lavoratori marittimi iscritti all assicurazione generale obbligatoria. 1 - Iscritti al fondo di previdenza per il personale di volo Limiti di retribuzione pensionabile (art. dal 1 gennaio 1998, a tutti i lavoratori iscritti alle forme pensionistiche obbligatorie sostitutive, esclusive ed esonerative, qualora non già previsto, si applica la tabella di cui all art. 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503; lo stesso art. stabilisce che a decorrere dalla medesima data è abrogato il comma 3 dell art. 12 del decreto legislativo n. 503/1992. Com è noto, il decreto legislativo 24 aprile 1997 n. 164, art. 3, comma 12, ha già esteso agli iscritti nel fondo volo i limiti di retribuzione pensionabile stabiliti percentuale annua di rendimento di cui all art. 12, comma 1, del decreto n. 503/1992, relativamente alle anzianità contributive maturate dal 1 luglio 1997 (v. circolare n. 246 del 28 novembre 1997 punto 9). Per quanto riguarda il comma 3 dell art. 12, ora abrogato, la disposizione non trovava applicazione nell ambito del fondo volo (v. circolare n. 243 del 27 ottobre 1993 punto 6) Arrotondamento all anno della frazione superiore a sei mesi (art. 59, comma 1, lett. b)). L art. 59, comma 1, lett. b) stabilisce che per la determinazione dell anzianità contributiva ai fini sia del diritto che della misura della prestazione le frazioni di anno non danno luogo ad arrotondamento Il decreto legislativo n. 164, all art. 3, comma 17, ha già previsto che per le pensioni con decorrenza dal 1 agosto 1997 in poi non trovano più applicazione le norme del fondo medesimo che prevedevano l arrotondamento ad anno intero della frazione di anno pari o superiore a sei mesi (v. circolare n. 246 del 28 novembre 1997 punto 12) Liquidazione in capitale di una quota di pensione (art. 59, comma 2). L art. 59, comma 2, stabilisce che per i trattamenti da liquidarsi a decorrere dal 1 gennaio 1998 a carico delle forme obbligatorie sostitutive, esclusive o esonerative non trovano applicazione le disposizioni che prevedono la trasformazione di quote di pensione in capitale, fatti salvi i trattamenti previsti per gli iscritti al fondo di previdenza per il personale di volo, di cui al decreto legislativo 24 aprile 1997 n. 164, per i quali continuano ad applicarsi le disposizioni di cui all art. 3, comma 12, del medesimo decreto n Queste ultime disposizioni, secondo quanto previsto dal menzionato comma 2, trovano applicazione limitatamente agli iscritti al fondo volo che, alla data di decorrenza della pensione, possono far valere, quale somma di età e di anzianità contributiva, il parametro 87 e almeno 30 anni di anzianità contributiva. per coloro che possono far valere, quale somma di età e di anzianità contributiva, il parametro 89, fermo restando il requisito dei 30 anni di anzianità contributiva, la quota di pensione liquidabile in forma capitale viene erogata nella misura percentuale maturata alla data del 31 dicembre Pertanto: per gli iscritti che possono far valere all atto del pensionamento il suddetto parametro 87 resta confermato che la quota di pensione trasformabile in capitale dovrà essere determinata nel modo indicato al punto 10 della circolare n. 246 del 28 novembre 1997 tenendo conto delle riduzioni percentuali previste per gli anni successivi al 1997 dal citato art. 3, comma 12, del decreto n. 164; per gli iscritti che possono far valere il parametro 89 la quota di pensione liquidabile in capitale, determinata sempre tenendo presente quanto indicato al predetto punto 10 della circolare n. 246, verrà erogata nella misura percentuale stabilita alla data del 31 dicembre 1997 e quindi senza apportare le riduzioni percentuali previste per gli anni successivi al 1997; per gli iscritti che non possono far valere nessuno dei due parametri innanzi menzionati non verranno liquidate quote di pensione in forma di capitale Pensione di anzianità (art. 59, commi 6 e 12). Con la circolare n. 2 sono state fornite istruzioni per l applicazione dell art. 59, comma 6, che stabilisce che con effetto sui trattamenti pensionistici di anzianità decorrenti dal 1 gennaio 1998 a carico dell assicurazione generale obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia ed i superstiti per i lavoratori dipendenti e autonomi e delle forme di essa sostitutive ed esclusive, il diritto per l accesso al trattamento si consegue, salvo quanto previsto al successivo comma 7, al raggiungimento dei requisiti di età anagrafica e di anzianità contributiva indicati nella tabella c allegata alla legge per i lavoratori dipendenti iscritti all assicurazione generale obbligatoria ed alle forme di essa sostitutive. Tenuto presente quanto previsto dall art. 3, comma 2, del decreto n. 164, gli iscritti al fondo volo conseguono quindi il diritto a pensione di anzianità al raggiungimento dei requisiti innanzi indicati sempreché possano far contestualmente valere almeno 20 anni di contribuzione obbligatoria o volontaria presso il fondo medesimo. L art. 59, comma 12, lettera a), della legge n. 449 apporta modificazioni all art. 3, comma 3, del decreto n. 164 del 1997 il quale stabilisce che gli iscritti al fondo volo possono richiedere la pensione di anzia-

2 2208 Capitolo X nità al conseguimento di requisiti di età e di contribuzione ridotti rispetto a quelli previsti dalla normativa in vigore nell assicurazione generale obbligatoria. In base alla norma quale risulta a seguito della modifica, le pensioni di anzianità con decorrenza dal 1 gennaio 1998 possono essere corrisposte ai lavoratori in possesso di requisiti anagrafici e contributivi ridotti, rispetto a quelli previsti dalla normativa in vigore nell assicurazione generale obbligatoria, di un anno ogni cinque anni interi di lavoro svolto con obbligo di iscrizione al fondo, fino ad un massimo di cinque e sempreché il lavoratore possa far valere 20 anni di contribuzione obbligatoria e volontaria al fondo ovvero, relativamente ai lavoratori appartenenti alle categorie dei tecnici di volo e dei piloti collaudatori, i periodi minimi di iscrizione al fondo richiesti dalla previgente normativa. In concreto, avuto riguardo a quanto indicato nella citata tabella c, i lavoratori che possono far valere la riduzione massima di 5 anni per aver svolto almeno 25 anni di lavoro con obbligo di iscrizione al fondo potranno ottenere la pensione di anzianità, nell anno 1998, al conseguimento del duplice requisito di 49 anni di età e di 30 anni di contribuzione ovvero, in alternativa, del solo requisito di 31 anni di contribuzione, requisiti gradualmente elevati per gli anni successivi sino a giungere a regime nell anno 2008 a 52 anni di età e 30 di contribuzione ovvero alla sola contribuzione di 35 anni. Ai fini della determinazione delle percentuali di riduzione della pensione liquidata a decorrere dal 1 gennaio 1998 ai sensi dell art. 3, comma 3, del decreto n. 164 del 1997, come modificato dall art. 59, comma 12, lettera a), della legge n. 449, dovrà pertanto farsi riferimento alla somma dei requisiti di età e anzianità contributiva indicati nella tabella c allegata alla legge n. 449 e non più a quelli previsti dalla legge n. 335 del Per i lavoratori che rientrino in una delle situazioni previste dal comma 7 dell art. 59 (es. lavoratori precoci ) dovrà farsi riferimento, sia ai fini dell individuazione dei requisiti sia per la determinazione della percentuale di riduzione della pensione, alla tabella b allegata alla legge n. 335 del In merito a quanto precede si ritiene comunque utile formulare un esempio per la individuazione della data di perfezionamento del diritto a pensione e per la determinazione della percentuale di riduzione da applicare in conseguenza del collocamento a pensione con ridotti requisiti di età e contribuzione. Iscritto nato il , con anzianità contributiva utile a pensione di 30 anni in dipendenza di lavoro svolto con obbligo di iscrizione al fondo volo. Decorrenza pensione I requisiti previsti dalla normativa in vigore nell assicurazione generale obbligatoria per acquisire il diritto a pensione di anzianità alla data del (tabella c allegata alla legge n. 449) sono: 55 anni di età anagrafica e 35 anni di anzianità contributiva per un parametro di 90. L interessato potendo avvalersi, per il lavoro effettivamente svolto con obbligo di iscrizione al fondo, della riduzione massima di cinque anni dei requisiti di età e contribuzione prevista dalla norma in precedenza illustrata, risulta aver perfezionato i requisiti per il diritto a pensione; ha compiuto infatti 50 anni di età e possiede 30 anni di contribuzione per un parametro di 80. Gli anni mancanti al valore 90 sono pertanto 10, per cui la percentuale di riduzione da applicare sulla quota di pensione, desunta dalla tabella b allegata al decreto legislativo n. 164 del 1997, è pari all 8 per cento. L esempio appena formulato è valido per tutti i casi in cui, ai fini del diritto a pensione, occorra fare riferimento alla tabella c allegata alla legge n. 449, mentre per i casi in cui continua a trovare applicazione per l accesso al trattamento pensionistico la tabella b allegata alla legge n. 335 del 1995, illustrati al punto 1.3 della circolare n. 2 del 5 gennaio 1998 occorre ovviamente considerare il valore costituito dalla somma di età e anzianità contributiva indicati nella stessa tabella b. Per quanto riguarda la decorrenza delle pensioni liquidate ai sensi dell art.59, comma 6, della legge n. 449, si rinvia alla menzionata circolare n. 2 del 5 gennaio 1998 mentre per la decorrenza delle pensioni liquidate ai sensi dell art. 3, comma 3, del decreto n.164 del 1997, come modificato dall art.59, comma 12, lettera a), della medesima legge n. 449 si fa riserva di successive istruzioni. 2 - Lavoratori marittimi (art. 59, comma 35). L art. 59, comma 35, modifica con effetto dal 1 gennaio 1998 il comma 2 dell art. 5 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503 che, come noto, stabilisce tra l altro che per i casi di cui all art. 31 della legge 26 luglio 1984 n. 413, (lavoratori marittimi che possano far valere 1040 settimane di contribuzione marittima, di cui almeno 520 settimane di effettiva navigazione al servizio di macchina o di radiotelegrafia di bordo) continuano a trovare applicazione ai fini del diritto a pensione di vecchiaia i limiti di età stabiliti dalle disposizioni vigenti al 31 dicembre 1992 e cioè l età di 55 anni. Con la modifica prevista dal comma 35 anche per i lavoratori marittimi di cui all art. 4, comma 2, lettera c) e comma 3 della predetta legge n. 413 e cioè, rispettivamente, per i piloti del pilotaggio marittimo, riuniti in corporazioni presso i porti italiani, e per il personale abilitato al pilotaggio ai sensi dell art. 96 del codice della navigazione, trova applicazione, per le pensioni con decorrenza dal 1 gennaio 1998, ai fini del diritto a pensione di vecchiaia il preesistente limite di età di 60 anni per gli uomini e 55 anni per le donne. 3 - Iscritti al fondo telefonici Limiti di retribuzione pensionabile (art. dal 1 gennaio 1998 a tutti i lavoratori iscritti alle forme pensionistiche obbligatorie sostitutive, esclusive ed esonerative, qualora non già previsto, si applica la tabella di cui all art. 12 del decreto n. 503 del 1992; lo stesso art. stabilisce che a decorrere dalla medesima data è abrogato il comma 3 dell art. 12 del citato decreto legislativo n. 503/1992. Per quanto concerne l applicazione della tabella di cui all art. 12 del decreto n. 503 del 1992, si precisa che i limiti di retribuzione pensionabile stabiliti percentuale di rendimento sono già stati estesi agli iscritti al fondo con il decreto di armonizzazione 4 dicembre 1996 n. 658, art. 3, comma 4, relativamen-

3 2209 te alle anzianità contributive maturate successivamente all 8 gennaio 1997, data di entrata in vigore del decreto stesso (v. circolare n. 94 del 17 aprile 1997 parte II, punto 1.1). Per quanto riguarda gli effetti dell abrogazione del comma 3 del predetto art. 12, che disciplinava i coefficienti di rendimento relativi alle anzianità maturate dal 1 gennaio 1993 in poi (v. circolare n. 243 del 27 ottobre 1993 parte I, punto 6), si fa riserva di istruzioni relativamente ai coefficienti da utilizzare per la liquidazione delle pensioni con decorrenza successiva al 31 dicembre Arrotondamento all anno della frazione superiore a sei mesi (art. 59, comma 1, lett. b) L art. 59, comma 1, lettera b), stabilisce che per la determinazione dell anzianità contributiva ai fini sia del diritto che della misura della prestazione, le frazioni di anno non danno luogo ad arrotondamento Peraltro lo stesso art. stabilisce che sono fatte salve le domande presentate ai sensi dell art. 3, comma 9, del decreto legislativo 4 dicembre 1996 n Al riguardo si richiamano i criteri impartiti con circolare n. 94 del 17 aprile parte II, punto 6 - esplicativa del citato decreto n. 658/1996. Pertanto continueranno a beneficiare dell arrotondamento all anno della frazione superiore a sei mesi, indipendentemente dalla data di decorrenza della pensione: i lavoratori i quali alla data di entrata in vigore del decreto n. 658/1996 (8 gennaio 1997) abbiano cessato il rapporto di lavoro o che, pur non avendo cessato il rapporto di lavoro entro tale data, abbiano presentato domanda di dimissioni già accettata dall azienda; i lavoratori che abbiano presentato entro la data del 30 giugno 1997 domanda di dimissioni accettata entro la stessa data dall azienda. 4 - Iscritti al fondo elettrici Limiti di retribuzione pensionabile (art. dal 1 gennaio 1998 a tutti i lavoratori iscritti alle forme pensionistiche obbligatorie sostitutive, esclusive ed esonerative, qualora non già previsto, si applica la tabella di cui all art. 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503; lo stesso art.stabilisce che a decorrere dalla medesima data è abrogato il comma 3 dell art. 12 del citato decreto legislativo n. 503/1992. Per quanto concerne l applicazione della tabella di cui all art. 12 del decreto n. 503 del 1992, si precisa che i limiti di retribuzione pensionabile stabiliti percentuale di rendimento sono già stati estesi agli iscritti al fondo con il decreto di armonizzazione 16 settembre 1996 n. 562, art. 3, comma 4, relativamente alle anzianità contributive maturate successivamente al 16 novembre 1996, data di entrata in vigore del decreto stesso (v. circolare n. 41 del 22 febbraio 1997 parte II, punto 1.1). Per quanto riguarda gli effetti dell abrogazione del comma 3 del predetto art. 12, che disciplinava i coefficienti di rendimento relativi alle anzianità maturate dal 1 gennaio 1993 in poi (v. circolare n. 243 del 27 ottobre 1993 parte I, punto 6), si fa riserva di istruzioni relativamente ai coefficienti da utilizzare per la liquidazione delle pensioni con decorrenza successiva al 31 dicembre Arrotondamento all anno della frazione pari o superiore a sei mesi (art. L art. 59, comma 1, lett. b), stabilisce che per la determinazione dell anzianità contributiva, ai fini sia del diritto che della misura della prestazione, le frazioni di anno non danno luogo ad arrotondamento Al riguardo si rileva che l art. 3, comma 9, del decreto n. 562/1996, ha già abrogato a decorrere dal sesto mese successivo a quello della sua entrata in vigore l arrotondamento all anno della frazione pari o superiore a sei mesi previsto dall art. 6 della legge 27 febbraio 1978 n. 41. Pertanto l arrotondamento non trova più applicazione per le pensioni del fondo con decorrenza dal 1 maggio 1997 in poi (v. circolare n. 41, parte II, punto 6 del 22 febbraio 1997). 5 - Iscritti al fondo di previdenza per il personale addetto alle gestioni delle ex imposte di consumo Limiti di retribuzione pensionabile (art. Le disposizioni dell art. 59, comma 1, secondo cui, con effetto sulle anzianità contributive maturate a decorrere dal 1 gennaio 1998, a tutti i lavoratori iscritti alle forme pensionistiche obbligatorie sostitutive, esclusive ed esonerative, qualora non già previsto, si applica la tabella di cui all art. 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503, hanno effetto anche sulle pensioni a carico del fondo di previdenza dazieri, non interessato fino all entrata in vigore della legge n. 449 in esame da provvedimenti di armonizzazione. Pertanto il comma 1 del predetto art. 59 estende agli iscritti al fondo dazieri, relativamente alle anzianità contributive maturate dal 1 gennaio 1998 in poi, i limiti di retribuzione pensionabile stabiliti nel regime generale e le relative riduzioni della percentuale annua di rendimento di cui all art. 12, comma 1, del citato decreto n Si indicano di seguito i rendimenti relativi alle quote di retribuzione pensionabile eccedenti il tetto che trovano applicazione per le anzianità maturate a far tempo dal 1 gennaio 1998 e quindi per le pensioni con decorrenza 1 febbraio 1998: - sino al 33% oltre il tetto 1,60% - dal 33% al 66% oltre il tetto 1,35% - dal 66% al 90% oltre il tetto 1,10% - oltre il 90% 0,90% (v. circolare n. 50 del 23 febbraio 1993 punto 6 e circolare n. 266 del 24 dicembre 1997, allegato 1, tabella l) Pensione di anzianità (art. 59, commi 3, 6 e 7). che a decorrere dal 1 gennaio 1998 per i soggetti iscritti al fondo di previdenza per il personale addetto alle gestioni delle ex imposte di consumo, il trattamento pensionistico si consegue esclusivamente in presenza dei requisiti e con la decorrenza previsti dalla disciplina dell assicurazione generale obbligatoria di appartenenza. Con l entrata in vigore della predetta disposizione non trova più applicazione la disciplina di cui all art. 37 della legge 11 luglio 1980 n. 312, che aveva

4 2210 Capitolo X esteso agli iscritti al fondo in oggetto, tutti pubblici dipendenti, le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 dell art. 42 del D.P.R. 29 dicembre 1973 n Conseguentemente per gli iscritti al fondo trova applicazione la disciplina prevista dal comma 6 dell art. 59 che stabilisce che il diritto per l accesso ai trattamenti pensionistici di anzianità decorrenti dal 1 gennaio 1998 si consegue al raggiungimento dei requisiti di età anagrafica e di anzianità ovvero di sola anzianità contributiva indicati nella tabella c della legge n Nei casi in cui ricorrano le condizioni previste dal comma 7 del citato art. 59 trova applicazione, per l individuazione dei requisiti di accesso alla pensione di anzianità, la tabella b) allegata alla legge n. 335 del 1995 (v.circolare n. 2 del 5 gennaio 1998, punto e segg.) Pensione di vecchiaia (art. 59, comma 3). Sulla base della specifica normativa del fondo (art. 11 del r.d n. 1863, comma 1), gli iscritti al fondo di che trattasi potevano conseguire il trattamento di vecchiaia con il requisito dei 30 anni di assicurazione e 55 anni di età, attualmente elevati a 58 anni, sia per gli uomini che per le donne. Con l entrata in vigore della norma di cui al comma 3 dell art.59 la pensione di vecchiaia a carico del fondo, a decorrere dal 1 gennaio 1998, si consegue nella assicurazione generale e, quindi, attualmente, al compimento di 63 anni di età per gli uomini e di 58 anni di età per le donne, con un anzianità contributiva di 18 anni. dal 1 luglio 1998 l età sarà di 64 anni per gli uomini e di 59 per le donne. Si precisa, peraltro, che gli iscritti che hanno maturato i requisiti per il diritto a tale prestazione entro il 31 dicembre 1997, secondo la specifica normativa del fondo, compresa la cessazione dal servizio, potranno accedere al pensionamento con decorrenza 1 gennaio ciò tenuto conto dei criteri forniti dal ministero del lavoro in occasione dell applicazione del decreto legislativo n. 503/1992 alle pensioni del regime generale (v. circolare n. 258 del 16 novembre Arrotondamento all anno della frazione superiore a sei mesi (art.59, comma 1, lett. b) L art. 59, comma 1, lett. b), prevede che con effetto dal 1 gennaio 1998 per la determinazione dell anzianità contributiva ai fini sia del diritto che della misura della prestazione, le frazioni di anno non danno luogo ad arrotondamenti per eccesso o per difetto; pertanto dalla medesima data deve considerarsi abrogato l art. 11, comma 2, del regio decreto n. 1863/1939, secondo cui per raggiungere il diritto a pensione la frazione di anno superiore si considerava come anno intero. 6 - Iscritti al fondo di previdenza per gli impiegati dipendenti dai concessionari del servizio di riscossione dei tributi e delle altre entrate dello stato e degli enti pubblici (art. 59, commi 3 e 4) Pensione di vecchiaia (art. 59, comma 3). che a decorrere dal 1 gennaio 1998 per gli iscritti al fondo esattoriali il trattamento pensionistico si consegue esclusivamente in presenza dei requisiti e con la decorrenza previsti dalla disciplina dell assicurazione generale obbligatoria di appartenenza. Il predetto comma 3 dispone inoltre che entro il 30 giugno 1998 il governo è delegato ad emanare un decreto legislativo per la armonizzazione della disciplina previdenziale del personale iscritto al fondo esattoriali con quella vigente nell assicurazione generale obbligatoria. Secondo quanto previsto dallo stesso comma 3, fino alla data di entrata in vigore del citato decreto al predetto personale si applicano le disposizioni proprie dell assicurazione generale obbligatoria. Com è noto, il fondo in questione, fino all emanazione della legge n. 449, non è stato interessato dal decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 503, e successive modificazioni e, pertanto, non sono stati modificati i requisiti previsti dall ordinamento specifico del fondo stesso per il conseguimento del trattamento pensionistico di vecchiaia. Quindi la pensione di vecchiaia a carico del fondo poteva essere conseguita con i soli requisiti previsti dalla legge 2 aprile 1958 n. 377 e cioè con un età di 60 anni, per gli uomini, e di 55 anni, per le donne, e con un anzianità contributiva di 15 anni. Con l entrata in vigore della norma di cui al comma 3 dell art. 59 la pensione di vecchiaia a carico del fondo, a decorrere dal 1 gennaio 1998, si consegue nella predetta assicurazione generale e, quindi, attualmente, al compimento di 63 anni di età per gli uomini e di 58 anni di età per le donne, con un anzianità contributiva di 18 anni. Dal 1 luglio 1998 l età sarà di 64 anni per gli uomini e di 59 per le donne. Si potrà pertanto accedere al pensionamento di vecchiaia a carico del fondo, in presenza dei requisiti previsti dalla specifica normativa, a condizione che sussista il diritto a pensione nel regime generale. Anche per il predetto fondo gli iscritti che hanno maturato i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 1997, secondo la specifica normativa del fondo medesimo, compresa la cessazione dal servizio, potranno accedere al pensionamento dal 1 gennaio La pensione di anzianità non è prevista dalla normativa del fondo di che trattasi Cumulo della pensione con i redditi da lavoro (art. 59 comma 4). L art. 59, comma 4, stabilisce, fra l altro, che con effetto sui trattamenti liquidati a decorrere dal 1 gennaio 1998 alle forme pensionistiche integrative si applicano le disposizioni in materia di cumulo tra prestazioni pensionistiche e redditi da lavoro dipendente o autonomo previste dalla disciplina dell assicurazione generale obbligatoria. Pertanto per le prestazioni erogate dal fondo da liquidare con decorrenza dal 1 gennaio 1998 si richiamano le disposizioni impartite al riguardo per le pensioni del regime generale Esercizio della facoltà di cui al comma 2 dell art. 32 della legge 2 aprile 1958 n.377 ed agli artt. 7 ed 8 della legge 29 luglio 1971 n In ordine alla facoltà dell iscritto al fondo, che cessi dal prestare servizio alle dipendenze di esattorie o ricevitorie delle imposte dirette, di richiedere il pagamento, una volta tanto, di una somma pari al 75 per cento dell importo dei contributi versati al fondo stesso, ricorrendo le condizioni previste dal comma 2 dell art. 32 della legge n.377/1958 ed agli

5 2211 art. 7 ed 8 della legge n. 587/1971, si fa riserva di istruzioni. 7 - Iscritti al fondo di previdenza per il personale dipendente dalle aziende private del gas (art. 59, commi 3 e 4) Pensione di vecchiaia (art. 59, comma 3). che a decorrere dal 1 gennaio 1998 per il personale dipendente dalle aziende private del gas il trattamento pensionistico si consegue esclusivamente in presenza dei requisiti e con la decorrenza previsti dalla disciplina dell assicurazione generale obbligatoria di appartenenza. Anche il fondo in questione non è stato interessato dal decreto n. 503 del 1992, e successive modificazioni e, pertanto, non sono stati modificati i requisiti previsti dall ordinamento specifico del fondo stesso per il conseguimento del trattamento pensionistico di vecchiaia. Quindi la pensione di vecchiaia a carico del fondo poteva essere conseguita con i soli requisiti previsti dalla legge 6 dicembre 1971 n e successive modificazioni e cioè con un età di 60 anni, sia per gli uomini che per le donne, e un anzianità contributiva di 15 anni. Con l entrata in vigore della norma di cui al comma 3 dell art. 59 la pensione di vecchiaia a carico del fondo, a decorrere dal 1 gennaio 1998, si consegue nella predetta assicurazione generale e, quindi, attualmente, al compimento di 63 anni di età per gli uomini, con un anzianità contributiva di 18 anni. dal 1 luglio 1998 l età per gli uomini sarà di 64 anni. Per le donne, ferma restando la necessità del possesso dei requisiti per il pensionamento nel regime generale, la pensione di vecchiaia a carico del fondo non può essere conseguita prima del compimento del 60 anno di età. Anche per il predetto fondo gli iscritti che hanno maturato i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 1997, secondo la specifica normativa del fondo medesimo, compresa la cessazione dal servizio, potranno accedere al pensionamento dal 1 gennaio Pensione di anzianità (art. 59, comma 3). La pensione di anzianità a carico del fondo è disciplinata in base alle norme dell assicurazione generale e, pertanto, è soggetta alle modifiche introdotte in materia dalla legge n. 449 (v. circolare n. 2 del 5 gennaio 1998) Cumulo della pensione con i redditi da lavoro (art. 59, comma 4). Per il fondo gas l art. 59, comma 4, ha introdotto le disposizioni sul cumulo tra prestazioni pensionistiche e redditi da lavoro dipendente o autonomo vigenti nell assicurazione generale obbligatoria, alle quali pertanto si fa rinvio. 8 - Iscritti al fondo di previdenza del clero secolare e dei ministri di culto delle confessioni religiose diverse dalla cattolica (art. 59, comma 1, lett. b) l art. 59, comma 1, lett. b), prevede che con effetto dal 1 gennaio 1998, per la determinazione dell anzianità contributiva ai fini sia del diritto che della misura della prestazione, le frazioni di anno non danno luogo ad arrotondamenti per eccesso o per difetto; pertanto dalla medesima data devono considerarsi abrogati il comma 2 dell art. 11 ed il comma 6 dell art. 12 della legge 22 dicembre 1973 n Per ogni altro aspetto resta in vigore la normativa specifica del fondo (legge n. 903/1973).

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni.

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni. Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 31-12-2007 Messaggio n. 30923 Allegati 2 OGGETTO: Legge 24 dicembre 2007, n. 247 Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e

Dettagli

La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri

La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri decreto che ha sancito il passaggio al Fondo lavoratori dipendenti dell'inps La soppressione del Fondo degli autoferrotranvieri (Dlgs 414/96) Con il DLgs 29 giugno 1996, n. 414, sono state emanate disposizioni,

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI SEDE Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 1, DEL 14/01/2009

Dettagli

1 - Premessa. Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

1 - Premessa. Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale Prestazioni Roma, 9 Dicembre 2008 Circolare n. 108 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Articolato legislativo sulla totalizzazione (testo concordato - 1 luglio 2003) Articolo 1 Totalizzazione dei periodi assicurativi

Articolato legislativo sulla totalizzazione (testo concordato - 1 luglio 2003) Articolo 1 Totalizzazione dei periodi assicurativi Articolato legislativo sulla totalizzazione (testo concordato - 1 luglio 2003) Articolo 1 Totalizzazione dei periodi assicurativi 1. Ferme restando le vigenti disposizioni in materia di ricongiunzione

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Pensioni. Roma, 16/03/2011

Premessa. Direzione Centrale Pensioni. Roma, 16/03/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 16/03/2011 Circolare n. 53 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Allegato 1 Oggetto: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1

Dettagli

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214)

(art. 24, comma 18, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214) Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico (art. 24, comma 18, decreto-legge

Dettagli

Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.)

Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.) Opzione al Sistema Contributivo ( art. 1, comma 23, legge n. 335/1995 e s.m.i.) I lavoratori che alla data del 31.12.1995 hanno un anzianità contributiva inferiore a 18 anni possono optare per il sistema

Dettagli

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

NOTA DIVULGATIVA. Direzione Centrale Previdenza. Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Roma, 03/08/2010 Prot. n.10560 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

INPS.HERMES.06/03/

INPS.HERMES.06/03/ INPS.HERMES.06/03/2008.0005726 Mittente 0013 /D.C. Prestazioni Ufficio Area Dei Trattamenti Dei Fondi Speciali Messaggio N. 005726 del 06/03/2008 11.20.39 Tipo Messaggio Standard Classificazione Destinatari

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, Messaggio n OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Direzione Centrale Pensioni. Roma, Messaggio n OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Direzione Centrale Pensioni Roma, 20-07-2009 Messaggio n. 16380 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1 - PREMESSA L'articolo 10 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.

Dettagli

Ricostruzione percorso su Armonizzazione pensioni per i macchinisti. Art. 24 Comma 18 manovra Monti

Ricostruzione percorso su Armonizzazione pensioni per i macchinisti. Art. 24 Comma 18 manovra Monti Ricostruzione percorso su Armonizzazione pensioni per i macchinisti. Art. 24 Comma 18 manovra Monti ABROGAZIONE L. 425/58 da parte del D.LGS. 13 DICEMBRE 2010, N. 212 (in vigore dal 16 dicembre 2010) LEGGE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 56 25.03.2015 INPS: i nuovi requisiti pensionistici Dal 1 gennaio 2016, per accedere alla pensione di vecchiaia serviranno

Dettagli

Riforma del sistema pensionistico Informativa riepilogativa a seguito delle Istruzioni fornite dall INPS con circolare n.

Riforma del sistema pensionistico Informativa riepilogativa a seguito delle Istruzioni fornite dall INPS con circolare n. N.4/2008 Riforma del sistema pensionistico Informativa riepilogativa a seguito delle Istruzioni fornite dall INPS con circolare n. 60 del 15/5/2008 Il 29 dicembre 2007 è stata pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016 PRIMA e DOPO La legge di stabilità 2016 Art. 24, comma 10, DL 201/2011 Art. 1, comma 113, L. 190 /2014) La pensione anticipata La pensione anticipata si consegue con un requisito contributivo uguale per

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di accesso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Sono esclusi dal diritto alla pensione supplementare nell Assicurazione Generale Obbligatoria:

Sono esclusi dal diritto alla pensione supplementare nell Assicurazione Generale Obbligatoria: È una prestazione economica liquidata, a domanda, al lavoratore che può far valere contribuzione versata all Inps non sufficiente a perfezionare il diritto ad un altra pensione (vecchiaia o assegno ordinario

Dettagli

Pubblicato il: 31/01/2016

Pubblicato il: 31/01/2016 Pubblicato il: 31/01/2016 Chi può richiederla, quali sono i requisiti, come si calcola il trattamento: tutto quello che c'è da sapere per andare in pensione a 63 anni. A spiegarlo è Noemi Secci, consulente

Dettagli

Rinnovo 2007 - Tabelle

Rinnovo 2007 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2007 - Tabelle Decreto del 20 novembre 2006 Gazzetta ufficiale n. 294 del 19 dicembre 2006 A cura della Direzione Centrale

Dettagli

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE

Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Roma, 07/10/2008 Prot. n. 0054528 A tutto il Personale SEDE Oggetto: L. n. 247/2007 - Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l equità e

Dettagli

Vademecum sui requisiti per l'accesso alla pensione di vecchiaia - Archivio News -

Vademecum sui requisiti per l'accesso alla pensione di vecchiaia - Archivio News - 25/03/2011 Precedentemente alla riforma delle pensioni del 1995, i requisiti per l accesso alla pensione di vecchiaia erano stabiliti dall art. 2 l. 503/1992 (c.d. Riforma Amato). Art. 2 l. 503/1992 Riforma

Dettagli

Rinnovo 2008 - Tabelle

Rinnovo 2008 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2008 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,6 % Limiti di reddito INVCIV totali 1,6 % Indennità

Dettagli

Rinnovo 2009 - Tabelle

Rinnovo 2009 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale pensioni Rinnovo 2009 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 3,3% Limiti di reddito INVCIV totali 2,8% Indennità INVCIV

Dettagli

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16

Scritto da Perziani Domenica 01 Aprile 2012 18:18 - Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 08:16 IL VECCHIO MONDO - I DIRITTI ACQUISTI di PIETRO PERZIANI (Aprile 2012) La legge 214/2011 fissa i confini tra il vecchio e il nuovo sistema, tra il vecchio e il nuovo mondo, al comma tre dell art. 24, primo

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 24/06/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 24/06/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 24/06/2011 Circolare n. 90 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224

Direzione Centrale delle Prestazioni. Roma, 04-12-2007. Messaggio n. 29224 Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 04-12-2007 Messaggio n. 29224 OGGETTO: legge 23 agosto 2004, n. 243. Nuove disposizioni in materia di accesso alla pensione di anzianità nel sistema retributivo

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni

Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 25 Marzo 2005 Circolare n. 52 Allegati Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

In attesa dell emanazione della circolare, si trasmettono in allegato le tabelle utilizzate per il rinnovo delle pensioni per l anno 2005.

In attesa dell emanazione della circolare, si trasmettono in allegato le tabelle utilizzate per il rinnovo delle pensioni per l anno 2005. Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 22-12-2004 AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Messaggio n. 41682 Allegati 1 OGGETTO: Tabelle del rinnovo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE

NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE NORMATIVA E DISPOSIZIONI OPERATIVE IN MATERIA PREVIDENZIALE Considerata la moltitudine di norme e di disposizioni operative in materia previdenziale che hanno sostanzialmente modificato, nel corso del

Dettagli

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare.

Si fa riserva di fornire ulteriori approfondimenti interpretativi delle norme in esame con apposita circolare. Direzione Centrale Pensioni Roma, 05-08-2011 Messaggio n. 16032 OGGETTO: novità legislative in materia previdenziale, introdotte dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 di conversione in legge, con modificazioni,

Dettagli

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici

MANOVRA MONTI. Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici MANOVRA MONTI Conversione in legge del DL 6 dicembre 2011, n.201 Articolo 24 Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici Dal 1 gennaio 2012 sistema contributivo per tutti Quindi tutti coloro che

Dettagli

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016

Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Circolare N. 29 del 24 Febbraio 2016 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 14 dell 29.11.2016,

Dettagli

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA Ricongiunzione gratuita (l. 322/58; art. 1, l. n. 29/79) Ricongiunzione onerosa (art. 2, l. n. 29/79; l. n. 45/90) L eliminazione della

Dettagli

RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO A cura di Fabrizio GOSTI Coordinam. Nazionale Previdenza FALCRI

RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO A cura di Fabrizio GOSTI Coordinam. Nazionale Previdenza FALCRI RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO A cura di Fabrizio GOSTI Coordinam. Nazionale Previdenza FALCRI 1. Premessa Il 29 dicembre 2007 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale le legge 24 dicembre 2007,

Dettagli

Tabelle rinnovo 2004

Tabelle rinnovo 2004 Direzione Centrale Per le Prestazioni Tabelle rinnovo 2004 Indice di perequazione applicato al 2,5% (2,44% per indennità INVCIV) A cura della Direzione Centrale per le Pensioni - Gruppo Controllo Elaborazione

Dettagli

Gli interessati, titolari di pensione, sono invitati a verificare limiti e condizioni; gli eredi dovranno presen

Gli interessati, titolari di pensione, sono invitati a verificare limiti e condizioni; gli eredi dovranno presen Gli interessati, titolari di pensione, sono invitati a verificare limiti e condizioni; gli eredi dovranno presen > 1) Documentazione (sito esterno) INPS, 25 giugno 2015, Circolare 125» Istituto Nazionale

Dettagli

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti.

Pertanto, i lavoratori ricompresi tra i soggetti salvaguardati possono accedere alla pensione qualora siano in possesso di tali requisiti. ALLEGATO N. 1 DISCIPLINA IN MATERIA PENSIONISTICA PER IL DIRITTO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA VIGENTE ANTERIORMENTE AL 6 DICEMBRE 2011 CHE CONTINUA AD APPLICARSI NEI CONFRONTI DELLE CATEGORIE

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO

LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino DI NALLO GUIDA PRATICA per conoscere la data in cui lasciare il lavoro, la decorrenza

Dettagli

SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011).

SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011). SCHEDA DELLE NOVITA PREVIDENZIALI INTRODOTTE DALLA L. 111/2011 (D.L. 98/2011) E DALLA L. 148/2011 (D.L.138/2011). Modifiche per chi dovrà accedere alla pensione (dipendenti del settore pubblico) 1. Anticipo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 02/02/2010 Circolare n. 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE INPGI

PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE INPGI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma PRIMI CHIARIMENTI SU COSA CAMBIA DOPO L APPROVAZIONE DEI MINISTERI VIGILANTI DELLA RIFORMA PREVIDENZIALE

Dettagli

La Riforma del sistema previdenziale

La Riforma del sistema previdenziale La Riforma del sistema previdenziale Decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 Manovra del governo Monti Dal 1 gennaio 2012: introduzione del metodo contributivo di calcolo delle pensioni, secondo il meccanismo

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI. AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE DI PRODUZIONE 1 - PREMESSA

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI. AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE DI PRODUZIONE 1 - PREMESSA Direzione Centrale Pensioni Roma, 21-09-2010 Messaggio n. 23710 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. DIREZIONE CENTRALE PENSIONI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI

Dettagli

INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600

INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600 INPS - Messaggio 13 dicembre 2012, n. 20600 Decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111; decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

Dettagli

Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale Prestazioni Roma, 14 Novembre 2008 Circolare n. 100 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Messaggio inps 15738/2013

Messaggio inps 15738/2013 Messaggio inps 15738/2013 Oggetto: Istruzioni operative: circolare n 120/2013 - Nuova disciplina sul Cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti ai sensi dell art. 1, commi da 239 a 246, della Legge

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016. SETTORE Organizzazione Interna

DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016. SETTORE Organizzazione Interna Citta' Metropolitana di Firenze DETERMINAZIONE N. 9 DEL 19/01/2016 SETTORE Oggetto: COLLOCAMENTO A RIPOSO D'UFFICIO DEL DIPENDNTE FELICE PIETRO PASQUALE, PER SUPERATI LIMITI ORDINAMENTALI Responsabile

Dettagli

VALORI PREVISIONALI PER L ANNO 2003. Importi in euro dall anno 2002

VALORI PREVISIONALI PER L ANNO 2003. Importi in euro dall anno 2002 Allegato 2 Versione del 6 dicembre 2002 TABELLE PER IL CALCOLO DELLE PENSIONI VALORI DEFINITIVI PER L ANNO 2002 VALORI PREVISIONALI PER L ANNO 2003 Importi in dall anno 2002 Decreto ministeriale del 20

Dettagli

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008

Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 1 Il D.L. n 112/2008 in legge n 133/2008 Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. Articolo

Dettagli

Le novità del 2010 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

Le novità del 2010 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO Le novità del 2010 La legge n. 247 del 23 luglio 2007 ha modificato in parte la disciplina pensionistica introdotta dalla legge n. 243 de 23 agosto 2004 (Legge Maroni); di seguito riportiamo una sintesi

Dettagli

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria

La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria R.S.U. Siae Microelettronica La riforma Tremonti sulla previdenza obbligatoria Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito in Legge 30 luglio 2010, n. 122, art. 12. In sintesi la riforma prevede: 1

Dettagli

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare

Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Circolare Informativa Confcommercio Imprese per l Italia Settore Politiche Legislative e Welfare Oggetto: Manovra Finanziaria Novità in materia previdenziale Facciamo seguito alle precedenti comunicazioni

Dettagli

Per l accesso alla pensione di vecchiaia è richiesto il possesso dei seguenti requisiti anagrafici:

Per l accesso alla pensione di vecchiaia è richiesto il possesso dei seguenti requisiti anagrafici: 1 ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI OGGETTO: Art. 24, Legge n 214/11 ex D.L. n 201/11: Nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici. - Artt. 6 e 6-bis,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18/10/2012 Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 29/01/2016 Circolare n. 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Pensioni Inps: chiarimenti in merito alla corresponsione della somma aggiuntiva (Inps, Circolare n. 119)

Pensioni Inps: chiarimenti in merito alla corresponsione della somma aggiuntiva (Inps, Circolare n. 119) Pensioni Inps: chiarimenti in merito alla corresponsione della somma aggiuntiva (Inps, Circolare 8.10.2007 n. 119) Sul supplemento ordinario n.182 alla Gazzetta Ufficiale n.190 del 17 agosto 2007 è stata

Dettagli

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007)

I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) I.n.p.d.a.p. - Circolare n. 7 1 del 13 maggio 2008 (applicazione legge 247/2007) Tab. 1 nuovi requisiti per le pensioni di anzianità ANNO REQUISITI (età + anni di contribuzione) Dal 1/1/08 al 30/6/09 58

Dettagli

Trattamento di Fine servizio e Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine servizio e Trattamento di Fine Rapporto Trattamento di Fine servizio e Trattamento di Fine Rapporto di Alberto Forti A tutti i dipendenti pubblici assunti con contratto a tempo indeterminato prima del 31 dicembre 2000 l INPDAP eroga la cosiddetta

Dettagli

OGGETTO: Articolo 5, commi da 1 a 4, del decreto legge 2 luglio 2007, n.81, convertito con modificazioni nella legge 3 agosto 2007, n.127.

OGGETTO: Articolo 5, commi da 1 a 4, del decreto legge 2 luglio 2007, n.81, convertito con modificazioni nella legge 3 agosto 2007, n.127. Direzione Centrale Prestazioni Roma, 8 Ottobre 2007 Circolare n. 119 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali

Dettagli

e, per conoscenza, Contributi volontari anno 2014: lavoratori dipendenti non agricoli, lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata.

e, per conoscenza, Contributi volontari anno 2014: lavoratori dipendenti non agricoli, lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata. Direzione Centrale Entrate Roma, 16/04/2014 Circolare n. 51 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INPS, Messaggio 1 aprile 2014, n. 3795

INPS, Messaggio 1 aprile 2014, n. 3795 INPS, Messaggio 1 aprile 2014, n. 3795 Pensioni in regime di cumulo. Art. 1, dai commi 239 al comma 246, legge 24 dicembre 2012 n. 228. Rilascio delle procedure di liquidazione delle pensioni. L art. 1,

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Circolare del 15 maggio 2008, n. 60

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Circolare del 15 maggio 2008, n. 60 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare del 15 maggio 2008, n. 60 Legge 24 dicembre 2007, n. 247 "Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività". Nuovi

Dettagli

Oggetto: Regolamento armonizzazione requisiti pensionistici (D.P.R. n. 157/2013)

Oggetto: Regolamento armonizzazione requisiti pensionistici (D.P.R. n. 157/2013) Dipartimento Politiche Previdenziali, Rapporti con gli Enti e i CIV Roma, 26 febbraio 2014 Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

15 MARZOO 2012 Numero 2

15 MARZOO 2012 Numero 2 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://www.cgil.bergamo.it/sito_inca/index.htm 15 MARZOO 2012 Numero 2 CIRCOLARE INPS n 35-14 MARZO 2012 LEGGE 214

Dettagli

OGGETTO: artigiani ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l anno 2008.

OGGETTO: artigiani ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l anno 2008. Direzione centrale delle Entrate contributive Roma, 1 Febbraio 2008 Circolare n. 13 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Si fa seguito alla circolare n. 16 del 27 gennaio 2003 e si forniscono ulteriori precisazioni in merito a particolari problematiche.

Si fa seguito alla circolare n. 16 del 27 gennaio 2003 e si forniscono ulteriori precisazioni in merito a particolari problematiche. Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 6 marzo 2003 Messaggio n. 76 OGGETTO: Articolo

Dettagli

SOMMARIO: Misura delle aliquote contributive e di computo in vigore dal 1 gennaio 2006 per gli iscritti alla Gestione separata.

SOMMARIO: Misura delle aliquote contributive e di computo in vigore dal 1 gennaio 2006 per gli iscritti alla Gestione separata. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 1 Febbraio 2006 Circolare n. 11 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente

I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente I NUOVI TRATTAMENTI PENSIONISTICI disciplina vigente DL 201 DEL 6/12/2011 E N 216/2011 E DELLE PRIME INDICAZIONI AMMINISTRATIVE (circolare INPS 14 marzo 2012, n 35) 1995 - DINI L. 335 (CONTRIBUTIVO/GESTIONE

Dettagli

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA

LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA LA GARANZIA DELLA MOBILITÀ PENSIONISTICA DEL LAVORATORE IN ITALIA Ricongiunzione gratuita (l. 322/58; art. 1, l. n. 29/79) Ricongiunzione onerosa (art. 2, l. n. 29/79; l. n. 45/90) L eliminazione della

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 06/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 06/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 06/06/2012 Circolare n. 77 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi.

Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Spiegate le novità per la finestra mobile e i tempi. Pubblicata dall INPDAP, in data 9 novembre 2011, la circolare n 16, avente come oggetto Interventi in 1.1) Documentazione disponibile > INPDAP, 9 novembre

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Pensioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione Centrale Pensioni Roma, 3 Aprile 2009 Circolare n. 49 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il sistema previdenziale

Il sistema previdenziale Il sistema previdenziale di Alberto Forti Il sistema previdenziale italiano è oggi distinto nella: previdenza obbligatoria, comunemente detta primo pilastro ; previdenza complementare, comunemente detta

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto Anche questo anno ho cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2016, in modo schematico e il più chiaro possibile. Spero di esservi riuscito. Ringrazio

Dettagli

Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali. Al Presidente e ai Membri del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza

Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali. Al Presidente e ai Membri del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Riforma delle pensioni: i chiarimenti dell'inps Circolare INPS 19.09.2005 n. 105 Con la circolare n. 105 del 19 settembre 2005 l'inps fornisce taluni chiarimenti in merito alle nuove disposizioni in materia

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione Roma, 23/12/2014 Circolare n. 180 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 78 27.04.2015 Benefici amianto: i nuovi destinatari La maggiorazione dell anzianità assicurativa e contributiva si applica

Dettagli

Il Direttore Generale Nori

Il Direttore Generale Nori Direzione Generale Roma, 02-07-2012 Messaggio n. 11010 Allegati n.1 OGGETTO: personale viaggiante iscritto al soppresso Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto Pensione

Dettagli

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio)

INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) INDENNITÀ DI BUONUSCITA (Trattamento di fine servizio) L indennità di buonuscita è una somma di denaro corrisposta d ufficio al lavoratore dall Istituto previdenziale quando termina il servizio. È regolata

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Messaggio 11 marzo 2016, n Liquidazione delle pensioni con decorrenza nell'anno 2016.

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Messaggio 11 marzo 2016, n Liquidazione delle pensioni con decorrenza nell'anno 2016. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 11 marzo 2016, n.1130 Liquidazione delle pensioni con decorrenza nell'anno 2016. Coefficienti di rivalutazione delle retribuzioni e dei redditi pensionabili

Dettagli

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici.

04/03/2011. La nuova decorrenza dei trattamenti pensionistici. 04/03/2011 Come noto, con il recente d.l. del 31 maggio 2010, n. 78 (conv. in l. 30.07.2010, n. 122) il legislatore ha nuovamente disciplinato la regolamentazione delle decorrenze di accesso per i trattamenti

Dettagli

Oggetto: Cessazioni dal servizio con decorrenza 01/09/ Termini e modalità di presentazione e/o revoca delle istanze di cessazione

Oggetto: Cessazioni dal servizio con decorrenza 01/09/ Termini e modalità di presentazione e/o revoca delle istanze di cessazione Prot. n. 6017 Forlì, 20/12/2016 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi Oggetto: Cessazioni dal servizio con decorrenza 01/09/2017 D.M.

Dettagli

NOTA DIVULGATIVA. OGGETTO: Legge 23 agosto 2004, n Riforma del sistema pensionistico.

NOTA DIVULGATIVA. OGGETTO: Legge 23 agosto 2004, n Riforma del sistema pensionistico. ISTITUTO Roma, 4/10/2004 NAZIONALE Prot n. 13188 DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMM INISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori

Dettagli

Circolare N. 17 del 7 Febbraio 2017

Circolare N. 17 del 7 Febbraio 2017 Circolare N. 17 del 7 Febbraio 2017 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2017 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 12 dell 27.1.2017,

Dettagli

1. COSTITUZIONE DELLA POSIZIONE ASSICURATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 238, LEGGE N 228/12

1. COSTITUZIONE DELLA POSIZIONE ASSICURATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 238, LEGGE N 228/12 ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. COSTITUZIONE DELLA POSIZIONE ASSICURATIVA AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 238, LEGGE N 228/12 1.1 DISCIPLINA Nella circolare l Istituto

Dettagli

LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti)

LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti) LA PREVIDENZA DI BASE (Le modifiche introdotte dal Decreto Monti) pagina 1 INDICE INDICE: La Previdenza di base Evoluzione storica Iscrizione e contributi Gestione Speciale Commercianti Il procedimento

Dettagli

Prot.n Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012.

Prot.n Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012. Prot.n. 1458 CIRC.n. 305 del 05.12.2012 A TUTTE LE IMPRESE ASSOCIATE Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell anno 2012 Versamento acconto entro il 17 dicembre 2012. Come noto, le

Dettagli

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015

Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Circolare N. 54 del 9 Aprile 2015 Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la recente circolare n. 57 dell 11.03.2015,

Dettagli

Approvata la Manovra Finanziaria: NOVITA' per le PENSIONI

Approvata la Manovra Finanziaria: NOVITA' per le PENSIONI CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI - UIL C.A. Aderente a Union Network International UNI email uilca.varese@uilca.it fax 02/70034510 internet: www.uilcavarese.it SEGRETERIA PROVINCIALE di VARESE Approvata

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEI VERSAMENTI VOLONTARI Deliberato 18 dicembre 2007 Modificato il 28 febbraio 2008 Modificato l 8 ottobre 2008 Modificato 06 luglio 2010 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA

Dettagli

NON È GIUSTO! TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI

NON È GIUSTO! TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI TFS/TFR: BASTA FARE CASSA CON I DIRITTI DEI LAVORATORI PUBBLICI La liquidazione è un diritto di ogni lavoratore certo ed esigibile dal momento in cui cessa dal servizio Il datore di lavoro privato è tenuto

Dettagli

OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti all'inpdai. Modalità di calcolo.

OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti all'inpdai. Modalità di calcolo. Roma, 15 luglio 2003 Alle Aziende Associate Prot. n. 0114/03/F.2.5. Circ. n. 17572 L o r o S e d i OGGETTO: Confluenza INPDAI - INPS. Pensioni successive al 1 gennaio 2003 per i dirigenti già iscritti

Dettagli

Alle Strutture Regionali UILP Alle Strutture Territoriali UILP. Roma, 22 luglio 2014 CIRCOLARE N 40

Alle Strutture Regionali UILP Alle Strutture Territoriali UILP. Roma, 22 luglio 2014 CIRCOLARE N 40 Roma, 22 luglio 2014 Alle Strutture Regionali UILP Alle Strutture Territoriali UILP Oggetto: DPR n. 157/2013: regolamento per l armonizzazione all assicurazione generale obbligatoria dei requisiti minimi

Dettagli