Si definiscono sinantropi quegli animali che, pur non appartenendo all uomo, ne condividono gli spazi e da cui possono trarre sostentamento.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si definiscono sinantropi quegli animali che, pur non appartenendo all uomo, ne condividono gli spazi e da cui possono trarre sostentamento."

Transcript

1 EVENTO FORMATIVO Gli intrusi nella scuola Conoscerli per evitarli Dipartimento di Prevenzione - Servizi Veterinari Dott. Claudio Anconitani I volatili di interesse igienico sanitario

2 Si definiscono sinantropi quegli animali che, pur non appartenendo all uomo, ne condividono gli spazi e da cui possono trarre sostentamento. Famiglia degli artropodi: Aracnidi: zecche, acari, scorpioni, ragni; Insetti: zanzare, mosche, tafani, formiche, vespe, calabroni, blatte, pidocchi, pulci, cimici, pappataci; Famiglia dei rettili: vipere, altri serpenti non velenosi, tartarughe. Famiglia degli anfibi: rane, rospi. Famiglia dei mammiferi: ratti, topi, volpi, cani randagi, gatti che vivono in stato di libertà, ecc.

3 Famiglia degli uccelli: Specie dell avifauna italiana: 500 Specie osservate nelle città italiane: 356 Specie nidificanti nelle città italiane: specie che pongono comunemente problemi: 7 specie che pongono comunemente problemi: cormorano, gabbiano reale, colombo di città, gazza, cornacchia grigia, storno, passera d Italia. 1,4% dell'avifauna italiana

4 La città è un ecosistema in rapida espansione in tutto il mondo, contemporaneamente si sono inurbate numerose specie d animali selvatici. I più diffusi, oltre i roditori e gli insetti, sono gli uccelli: la facoltà di volare permette loro di superare con più facilità edifici strade ed altre infrastrutture. Per alcune specie l inurbamento è attivo, per altre passivo: in questo caso è l espansione urbanistica che raggiunge e circonda gli habitat delle periferie.

5 Le città sono preferite: Per il clima più mite (minore escursione termica, temperatura media maggiore, soprattutto in inverno con 4/5 gradi in più rispetto alla campagna); Per l allungamento del fotoperiodo; Per la varietà di habitat (parchi, fiumi, giardini, edifici, incolti, ecc.); Per la maggior sicurezza (no caccia, predatori naturali scarsi, abbondanza dei siti dove nidificare); Per la maggior possibilità di alimentarsi (cassonetti, mercati, zoofili, ecc.);

6

7

8

9

10 Cos è un animale problematico? Per indicare questa categoria, in genere si utilizza il termine pest species ( dal latino pestis = piaga o malattia contagiosa), definibile come organismi che causano un disagio economico, ambientale o sanitario.

11 Il conflitto tra uomo e sinantropi può essere reale o soltanto percepito, di natura economica oppure estetica, sociale o politica. In ogni caso, è la società umana a determinare, spesso senza criteri consistenti, quando una specie diventa problematica (colonie feline, sciami in prossimità d abitazioni, nidi nei sottotetti e balconi). Si deve ricordare che un animale è percepito problematico (causa disturbo e/o danno) quando diventa particolarmente abbondante; quindi il problema dipende soprattutto dalla densità e dalla concentrazione.

12

13 Può essere percepito come problematico anche quando un animale non si trova nel suo habitat naturale quindi fuori posto.

14

15

16 Inoltre una specie può essere vissuta come problematica o meno, secondo la percezione, della sensibilità e delle esigenze della persona che abbiamo di fronte. Categorie socioeconomiche differenti ("stakeholders ) mostrano percezioni diverse rispetto alla presenza di uno stesso animale: una piazza piena di colombi può essere motivo di soddisfazione per un anziano che vive solo o per un bambino, mentre è un elemento di preoccupazione per un commerciante o una casalinga.

17

18 Piccione domestico Columba livia domestica

19 La forma domestica deriva dal Piccione selvatico Columba livia, localizzato in Italia nell Appennino Centro Meridionale, nel Carso Triestino e nelle isole. L origine più prossima è rappresentata sia dalle numerose varietà domestiche fuggite alla cattività ed insediatesi nei centri urbani, sia all inurbamento di soggetti selvatici.

20

21 Nelle epoche antiche e fino al 1930 la presenza dei colombi nelle città non ha mai costituito un problema, considerate le sue basse densità; al contrario, dall ultimo dopoguerra, grazie alla maggiore disponibilità di cibo e di luoghi per la riproduzione si è verificato un rapido incremento del loro numero.

22 Normalmente nelle grandi città le concentrazioni maggiori d individui si riscontravano nel centro storico, mentre nelle zone periferiche i piccioni erano scarsi od addirittura assenti; attualmente la massiccia colonizzazione interessa anche la periferia e le zone industriali. Il piccione è caratterizzato da un alta performance riproduttiva indotta dalle favorevoli condizioni ambientali, con una media di 5-6 accoppiamenti annuali ed eccezionalmente fino a nove covate annue, protratte per tutto l anno, con due uova per covata. Annualmente si riproduce in media il 40% della popolazione adulta e fortunatamente la mortalità è alta nei giovani.

23 Tali animali non appartengono alla fauna selvatica e dunque non soggetti alla normativa in vigore nel settore: Legge 157/92; quindi le Amministrazioni comunali sono investite delle competenze gestionali della specie sulla base dei doveri loro attribuiti in materia sanitaria: Legge 833/78 e Legge 149/90. Sono pertanto libere di intraprendere iniziative di Sono pertanto libere di intraprendere iniziative di controllo del piccione, non prima di avere documentato attraverso censimenti o monitoraggi sanitari la necessità degli interventi. Questi ultimi devono essere attuati nel rispetto della Legge 189/2004 sul maltrattamento animale.

24 Il colombo di città è la specie problematica per eccellenza:si può dire che gran parte delle città, in ogni parte del mondo, ha un problema piccione, più o meno percepito. Dal punto di vista sanitario il piccione non è una specifica fonte d infezione, ma può trasmettere direttamente o indirettamente agenti patogeni. Il potenziale pericolo per la salute pubblica è dovuto soprattutto al fatto che quest uccello costituisce un vasto serbatoio d agenti infestanti, permettendone la sopravvivenza e la trasmissione.

25 Dalla bibliografia disponibile sui potenziali pericoli per la salute pubblica è interessante valutare alcuni dati indicativi. Tipo materiale siero Clamydia psittaci Toxoplasma gondii Borrelia burgdoferi Esaminati % , , V. Grelloni e coll. Perugia

26 Salmonelle Campylobacter Tipo materiale Esaminati Positivi % Esaminati Positivi % pool feci raccolte ,00 campioni singoli feci raccolte ,01 non effettuato feci di animali catturati , ,43 fegato e milza di animali catturati ,37 non effettuato V. Grelloni e coll. Perugia

27 In concreto il rischio di trasmissione delle malattie è più potenziale che reale, i rischi sanitari sono quelli derivanti dalla contaminazione fecale dell ambiente, aggravata dalla polverizzazione del materiale di deiezioni con rischio di infezione soprattutto in presenza di fasce deboli della popolazione (bambini, donne in gravidanza, anziani e immunodepressi).

28 Il sovraffollamento su ristrette aree, quali una città, aumenta il grado di parassitismo e determina un peggioramento delle condizioni generali di tutti gli individui, con problemi di carattere igienico a causa delle deiezioni, dei residui di penne e piume, nonché carcasse ed ectoparassiti.

29 Argas reflexus

30 La puntura dell acaro può comportare l insorgenza di una sintomatologia polimorfa che può essere schematizzata come segue: Reazioni allergiche flogistico/tossiche, localizzate o generalizzate, di diversa gravità. Sindromi a carattere infettivo da agenti patogeni trasmessi.

31 Ceratophyllus columbae

32 La puntura della pulce può comportare l insorgenza di varie forme cliniche che possono essere schematizzate in: Papule pomfoidi, circondate talora da un piccolo alone emorragico, isolate o multiple. In alcuni soggetti si circondano di un edema o presentano una vescicola centrale. Rari casi di crisi asmatiche ed edema angioneurotico.

33 Oltre che all uomo i colombi possono trasmettere agenti patogeni ad altri uccelli o mammiferi; si pensi ad esempio alla pseudopeste aviare, al difterovaiolo aviare ed alla tubercolosi aviare. In ultimo, non sono da sottovalutare il deperimento dei materiali lapidei e dei materiali da costruzione dovuto sia all azione meccanica del becco e unghie per procurarsi calcio e per aiutare le digestione nel ventriglio, che all accumulo del guano (si stima che ogni piccione produca circa 2,5 kg di feci all anno). Le feci sono degradate da agenti microbici, che acidificano e attaccano i materiali calcarei, arenari, ecc..; composti contenuti nel guano sono in grado di reagire chimicamente con i componenti delle strutture dei monumenti.

34

35

36 Un piano di gestione della popolazione di piccioni, potrà dare risultati soltanto prefiggendosi la riduzione o l eliminazione delle risorse che sono alla base del suo incremento. Le metodiche possono essere individuate con: fase 1 Censimento monitoraggio sanitario dei piccioni informazione e sensibilizzazione della cittadinanza fase 2 bonifica e disinfezione di solai e sottotetti infestati riduzione dei siti di nidificazione predisposizione di dissuasori o sistemi anti-appoggio sui posatoi abituali riduzione delle risorse alimentari. fase 3 censimento

37 DISSUASORI MECCANICI

38

39

40

41

42

43 DISSUASORI ELETTRICI

44

45

46

47

48 Il Comune di Roma in due commi dell art. 48 del regolamento sulla tutela del benessere degli animali ha indicato quanto segue: 2. Al fine di contenere l incremento delle colonie dei colombi Columbia livia domestica, per salvaguardarne la salute, per tutelare l aspetto igienico sanitario e il decoro urbano, nonché per perseguire l equilibrio dell ecosistema territoriale: è fatto divieto su tutto il territorio comunale di somministrare in modo sistematico alimenti ai colombi allo stato libero. Il Comune incentiverà, per le persone che stabilmente forniscono mangime a questi animali, la distribuzione di mangime adatto che dovrà essere somministrato in apposite aree individuate; è fatto obbligo ai proprietari degli stabili di porre in essere quanto necessario per evitare l insediamento e la nidificazione dei colombi, nel rispetto del benessere degli animali. A tal fine può essere consultato l Ufficio competente per la tutela degli animali. 3. Le azioni di contenimento del numero dei volatili in libertà o tutela di talune aree, non possono essere esercitate con metodi cruenti e comunque devono ottenere autorizzazione dell Ufficio competente per la tutela degli animali

49 LO STORNO Sturnus vulgaris

50 Oggi è diffuso in quasi il 30% delle terre emerse, con una popolazione stimata in circa 600 milioni di individui. In Italia lo storno (Sturnus vulgaris) è principalmente una specie svernante, giunge nel nostro paese tra la fine di settembre e l inizio d ottobre provenendo per lo più dalle regioni dell Europa nord-orientale. Col sopraggiungere della primavera, tra la fine di marzo e la metà del mese d aprile, la maggior parte della popolazione fa ritorno ai luoghi di nidificazione, mentre una parte rimane in Italia per riprodursi nelle nostre campagne.

51

52

53 È una specie ad ampia valenza ecologica, in costante espansione numerica e territoriale, in grado di trovare rapidamente soluzioni efficaci a situazioni ambientali mutevoli. È onnivoro: in primavera si nutre soprattutto di invertebrati, in autunno ed inverno prevalentemente di vegetali (frutti e semi), ma è in ogni modo in grado di adattarsi ai più diversi tipi di cibo che può trovare nell ambiente, sia sugli alberi che sul suolo

54 L home range dello Storno può essere suddiviso in tre parti: o area di attività diurna o assembramenti e pre-roost, dove gli uccelli sostano e si alimentano mentre si aggregano verso il dormitorio o il cosiddetto dormitorio collettivo roost, utilizzato, tra l altro, come centro d informazione su quali sono i più vicini siti d alimentazione reperiti durante la giornata appena terminata.

55

56

57

58 Le problematiche riguardano: 1) le zone rurali principalmente per le abitudini alimentari. In Italia è stato calcolato che gli storni potrebbero sottrarre giornalmente una quantità di olive pari allo 0,7% dell intera produzione stagionale di un annata molto buona. L alimentazione onnivora coinvolge anche diverse colture, alberi da frutto e mangimi destinati al bestiame, la cui perdita può raggiungere il 12%, in particolare quando possono essere raggiunti con facilità.

59 2) I problemi che coinvolgono i dormitori ( roost ) all interno delle città. In questo caso i disagi sono provocati dalle abbondanti deiezioni con conseguente accumulo di guano, oltre a problemi igienico sanitari, danni diretti alle cose e disagi alle persone che vivono e lavorano nell area dormitorio.

60

61

62

63

64 Sebbene qualche studio sia stato compiuto, non esiste purtroppo ancora una ricerca organica e duratura di monitoraggio microbiologico condotto su roost urbani di storno. Fra i vari lavori esistenti, quello di Weber è allo stato attuale, il più approfondito; secondo questo lo storno sarebbe portatore, dimostrato (pasteurellosi) o potenziale ( toxoplasmosi, clamidiosi, salmonellosi) di diversi agenti patogeni.

65 Tra le città italiane la capitale è sicuramente quella dove oggi è più elevata la presenza di storni svernanti. Nel corso degli anni il numero degli storni a Roma è andato progressivamente aumentando fino ad arrivare all attuale consistenza numerica che ha toccato anche punte di circa 5 milioni d individui. I dormitori più problematici che si sono formati in questi ultimi anni sono quelli di: Prati : via Andrea Doria, via delle Milizie, via Barletta, viale Angelico, via Monte Santo, via Sabotino, piazzale Clodio, piazza dei Quiriti; Piazza Cavour ; Re di Roma : piazza Re di Roma, via Appia Nuova; EUR : viale Europa, viale America; Ostia : via della Stazione Vecchia; Stazione Termini : piazza dei Cinquecento - via Terme di Diocleziano - piazza della Repubblica;

66 Il D.P.C.M. del 21/03/1997 modifica la Legge 157/92, recependo la Dir. CEE 79/409, ovvero proibendo la caccia sul territorio nazionale a quelle specie che invece figuravano cacciabili nella Legge 157/92; in queste specie è stato appunto inserito lo storno.

67 Lo strumento a disposizione rimane pertanto la campagna d allontanamento incruento dai grandi dormitori, in zone meno problematiche. Per la campagna, elaborata dal Comune di Roma, di quest anno oltre il metodo di stress call (grido d allarme), con megafoni fissi, megafoni mobili, supporti acustici digitali ed il contemporaneo uso di dissuasori luminosi; si utilizzerà la metodologia degli interventi in simultanea su dormitori problematici limitrofi per ottenere un risultato ancora più efficace.

68

69

70 IL GABBIANO Larus michahellis

71 La maggior parte delle colonie italiane si trova lungo le coste. L abitudine di abitare e nidificare nelle città si è diffusa dapprima nel nord Europa, e nel 1971 si è avuta la prima nidificazione urbana in Italia (Roma), per poi diffondersi anche in altre città italiane: Cremona, Genova,Venezia, Trieste, Livorno, ecc.

72 Il gabbiano reale è una tra le specie di Laridi più adattabili, in grado di affrancarsi in buona parte dell ambiente marino, spingendosi nell entroterra, risalendo i fiumi e colonizzando ambienti antropizzati e degradati. Abbondanza di risorse trofiche. Siti riproduttivi adatti e assenza di predatori. Un adulto vive in media anni e la sopravvivenza è del 90%, del 70-80% negli individui del primo anno. Le colonie urbane hanno un successo di involo elevato, in media si ha un giovane involato/coppia/anno.

73

74

75

76

77 Il problema non è recente, già nel 1939 in Olanda e nel 1950 negli Stati Uniti venivano intrapresi programmi per ridurre le popolazioni di tali animali. Gli inconvenienti principali riguardano: Disturbo presso edifici, aggressività nei confronti dell uomo; Danni a strutture pubbliche e private; potenziali rischi sanitari per esseri umani e animali domestici; Pericoli per la sicurezza aerea; Interferenza e predazione di altre specie di avifauna e loro nidi; recupero e gestione dei pulli caduti dai tetti.

78

79

80

81

82

83 Al momento nessuna delle tecniche messe a punto in tutto il mondo, per gestire i gabbiani nelle città ed in altri ambienti, ha prodotto risultati pienamente soddisfacenti, e non si conosce ancora un metodo efficace per ridurre una popolazione di gabbiani su di un area vasta o in un area urbana, sebbene i problemi locali possano esser ridotti e persino eliminati.

84 Dissuasione dalla nidificazione sui tetti: Reti antintrusione Serie di fili sospesi Dissuasione ( scaring )

85 Modifiche ambientali Gli ambienti ottimali per i gabbiani sono le aree aperte, ampie e con buona visibilità. Le modifiche ambientali hanno lo scopo di eliminare le fonti artificiali di cibo, che i gabbiani hanno imparato a sfruttare negli ultimi decenni, oltre ai siti utilizzati per il riposo e la nidificazione.

86 Per le discariche può essere realizzata una copertura mobile di rete.

87

88 Il ricercatore finlandese Nuorteva definì disordine dei cicli biologici l aumento di alcune specie d uccelli nelle aree urbane, innescato dalla dispersione di sostanze alimentari d origine antropica. Alla fine dei conti, le specie problematiche sono un sottoprodotto del consumismo.

89 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Direzione Agricoltura Direzione Sanità

Direzione Agricoltura Direzione Sanità Direzione Agricoltura Direzione Sanità LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL COLOMBO DI CITTÀ Indice ANALISI DEI RISCHI DA SOVRAPPOPOLAZIONE DEL COLOMBO 3 RISCHIO AMBIENTALE 3 RISCHIO ECOLOGICO 3 RISCHIO SANITARIO

Dettagli

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland)

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) Per trattare l'argomento occorre una definizione precisa di tre termini, in

Dettagli

GESTIONE DELLA FAUNA URBANA NEL RISPETTO DEI DIRITTI ANIMALI

GESTIONE DELLA FAUNA URBANA NEL RISPETTO DEI DIRITTI ANIMALI GESTIONE DELLA FAUNA URBANA NEL RISPETTO DEI DIRITTI ANIMALI 1 Fino al 1991 il randagismo era affrontato esclusivamente con un ottica antropocentrica: l animale libero rappresentava soprattutto un problema

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana. Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni

Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana. Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni A07 Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

In alcune città (Londra, Vienna) è stato documentato un incremento fino a 12 volte, soprattutto a causa del cibo fornito dall'uomo.

In alcune città (Londra, Vienna) è stato documentato un incremento fino a 12 volte, soprattutto a causa del cibo fornito dall'uomo. Colombo di città Columba livia forma domestica CHI È (biologia) I colombi che si osservano nelle piazze di tutte le città discendono da colombi domestici: individui sfuggiti o abbandonati dalle colombaie,

Dettagli

Regolamento comunale sulla tutela degli animali

Regolamento comunale sulla tutela degli animali COMUNE DI VILLABATE Provincia di Palermo ASSESSORATO IGIENE E SANITA Regolamento comunale sulla tutela degli animali APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 7 DEL 27/01/2009 Titolo I - I PRINCIPI Art. 1

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti Benvenuti Michele Davi Saccone Menichet ti Sistemi meccanici e fisici per l allontanamento incruento di specie ornitiche problematiche I motivi della colonizzazione L ambiente cittadino, cittadina rispetto

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI MORSI DI ANIMALI OBIETTIVI SAPERE: - i pericoli legati ai morsi di animali - principali animali con cui abbiamo a che fare SAPER FARE: - riconoscere

Dettagli

LO STORNO Come limitare i danni alle coltivazioni agricole. Descrizione abitudini e prevenzione

LO STORNO Come limitare i danni alle coltivazioni agricole. Descrizione abitudini e prevenzione LO STORNO Come limitare i danni alle coltivazioni agricole Descrizione abitudini e prevenzione Lo Storno (Sturnus vulgaris, Linnaeus 1758) è un uccello dell'ordine dei passeriformi. Lo Storno (Sturnus

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA. Piano provinciale di limitazione dei danni arrecati da Piccione di città e Tortora dal collare orientale

PROVINCIA DI MANTOVA. Piano provinciale di limitazione dei danni arrecati da Piccione di città e Tortora dal collare orientale PROVINCIA DI MANTOVA Piano provinciale di limitazione dei danni arrecati da Piccione di città e Tortora dal collare orientale 1 Premessa Sul territorio della Provincia di Mantova persistono numerosi e

Dettagli

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO

DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO DA OLTRE 30 ANNI AL VOSTRO FIANCO PRONTO INTERVENTO FOGNATURE H24 Chi Siamo La società Cavallaro 83 opera da oltre 30 anni nel settore degli spurghi civili ed industriali, garantendo un servizio di pronto

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti

Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti SERVIZI PER L AMBIENTE Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti Presentazione Società La Veloce Espurghi è stata

Dettagli

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE Convivere con un animale Nel nostro Paese la popolazione degli animali familiari si sta ormai numericamente equiparando a quella umana, tanto

Dettagli

Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano

Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano Kate Vincent (BSC), Will Peach (RSPB), Jim Fowler (DMU) & Phil Grice (NE) Metodologia Area di studio Risultati chiave Riassunto

Dettagli

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Acari sistematica, biologia, importanza sanitaria Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Opilioni Arachnida Scorpioni Ragni Acari Acari: sistematica

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi:

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi: Quegli ospiti SGRA Con la bella stagione molti proprietari non perdono l opportunità di uscire con il proprio cane. Ciò favorisce senz altro il benessere di entrambi ma può comportare degli inconvenienti.

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Premessa Le diverse specie animali possono rappresentare una fonte di allergeni per gli individui suscettibili. In particolare gli animali, sia quelli

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

Toxocara canis. Un passeggero clandestino

Toxocara canis. Un passeggero clandestino Dipartimento di Scienze veterinarie Dipartimento di Biologia molecolare, cellulare, animale Dipartimento Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Veterinaria, Igiene, Sicurezza e Qualità Nutrizionale

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche Zoonosi tradizionali e malattie trasmesse da zecche Prevenzione delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Dott Vito Perremuto Definizioni Sorgente d infezione Serbatoio d infezione portatore

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato:

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato: Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e naturale, gestione faunistica Provincia di Lodi Via Fanfulla, 14 26900 Lodi C.F. 92514470159 tel. 0371.442.1 fax 0371.416027 pec: provincia.lodi@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

UNA PASSEGGIATA ALL OASI

UNA PASSEGGIATA ALL OASI UNA PASSEGGIATA ALL OASI Cartina illustrativa dell Oasi Ingresso 1. INGRESSO Note storiche L oasi prende il nome dalle buche, le Foppe in dialetto milanese, create dalle attività di estrazione dell argilla

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

cinghiali gabbiani & piccioni in città che fare?

cinghiali gabbiani & piccioni in città che fare? cinghiali gabbiani & piccioni in città che fare? 1 , gli animali selvatici in citta Introduzione L uomo, sin dall epoca dei castellieri ha scelto di vivere in forma stabile sul territorio triestino trovandosi

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

a cura del Servizio Politiche Ambientali dell UCMAN a cura dell Assessore all Ambiente dell UCMAN Rudi Accorsi

a cura del Servizio Politiche Ambientali dell UCMAN a cura dell Assessore all Ambiente dell UCMAN Rudi Accorsi ALLEGATO 1 - AL PIANO DI PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DI ANIMALI INFESTANTI QUALI TOPI, RATTI, INSETTI EMATOFAGI E COLOMBI DELL UCMAN ANNI 2016-2017 VADEMECUM PER LE SCUOLE E PER I CITTADINI

Dettagli

8.- CONTROLLO DEGLI ANIMALI SINANTROPI NEI CAMPI DI RACCOLTA DURANTE LE EMERGENZE NON EPIDEMICHE

8.- CONTROLLO DEGLI ANIMALI SINANTROPI NEI CAMPI DI RACCOLTA DURANTE LE EMERGENZE NON EPIDEMICHE 8.- CONTROLLO DEGLI ANIMALI SINANTROPI NEI CAMPI DI RACCOLTA DURANTE LE EMERGENZE NON EPIDEMICHE 8.1.- Premessa Si definiscono animali sinantropi quegli animali che, pur non appartenendo all uomo, ne condividono

Dettagli

IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA

IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA IL BAMBINO CON TUMORE O LEUCEMIA QUANDO C È UN ANIMALE IN CASA PER GENITORI E OPERATORI Pubblicato dalla CCLG Childrens Cancer and Leukaemia Group www.cclg.org.uk Si ringrazia di cuore il CCLG che ha prodotto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA Premessa Prevenzione della Collettività e cura del singolo individuo appartengono alla medesima Azienda Sanitaria, ma

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI. 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti

CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI. 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti CANI E GATTI: ARRIVA LA PRIMAVERA, ATTENZIONE AI PARASSITI CUTANEI 1. Il problema degli ectoparassiti di cani e gatti L arrivo della bella stagione invoglia spesso chi ha scelto un cane per amico a trascorrere

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci PROTECTIVE CANE - GATTO Il rischio per gli animali domestici di essere infestati da parassiti è sempre presente. Il cane e il

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE. fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS

SCHEMA DI CONVENZIONE. fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE fra il Comune di Ala e l Associazione Animalista LE FUSA ONLUS per il programma finalizzato al contenimento della popolazione felina randagia gatti

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Direzione Generale della Sanità animale e dei Farmaci Veterinari Lupi e cani nel territorio rurale: prospettive e strategie per una gestione efficace del randagismo e del fenomeno

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali

Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza. Fattori di rischio principali A S V A S pt V Libe Movi Scheda B12: Allontanamento o cattura di roditore con indicazioni di movimentazione in situazione di emergenza Descrizione Roditori (Rattus norvegicus, Rattus rattus, Mus musculus

Dettagli

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra

L anno 2015 (duemilaquindici), il giorno ( ) del mese di dicembre in Lecco presso la Residenza Municipale. fra CONVENZIONE FRA COMUNE DI LECCO ED ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI (E.N.P.A.) ASSOCIAZIONE ZAMPAMICA 2010 ONLUS ASSOCIAZIONE NATURALISTICA LOMBARDA, PER L ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA IN MATERIA DI SANITÀ

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Biosicurezza e benessere animale. Andrea Fabris Medico Veterinario. Treviso 17 maggio

Biosicurezza e benessere animale. Andrea Fabris Medico Veterinario. Treviso 17 maggio Biosicurezza e benessere animale Andrea Fabris Medico Veterinario Protezione Sanitaria Automezzi Allevamento Protezione sanitaria Pesci - Uova Fattori di rischio punti critici Visitatori tecnici veterinari

Dettagli

PERCHE GLI ANIMALI MIGRANO? OBIETTIVO SOPRAVVIVERE!!

PERCHE GLI ANIMALI MIGRANO? OBIETTIVO SOPRAVVIVERE!! Le migrazioni sono spostamenti che gli animali compiono in modo regolare, periodico (stagionale), lungo rotte ben precise (ed in genere ripetute), e che coprono distanze anche molto grandi, ma che, poi,

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI TORRE DE PASSERI Provincia di Pescara REGOLAMENTO COMUNALE SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 31 in data 30/11/2011 COMUNE DI TORRE DE PASSERI - REGOLAMENTO

Dettagli

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali 6schede per la gestione in sicurezza degli animali in condizioni di emergenza 6.1 Le schede operative per la gestione degli animali Le seguenti schede suggeriscono i comportamenti più adeguati che le diverse

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

Pianificazione delle Linee Guida

Pianificazione delle Linee Guida Capitolo Pianificazione delle Linee Guida 1.1 Il piano dell opera p. 15 1.2 I passi del Controllo Ufficiale Alimenti «CUA Pest in Food» p. 16 1.3 Finalità e limiti p. 16 1.4 Struttura delle Linee Guida

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Regolamento sulla tutela degli animali

Regolamento sulla tutela degli animali All. A alla deliberazione consiliare n 100 del 2/10/2001 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento sulla tutela degli animali Regolamento sulla tutela degli animali 1 COMUNE DI RIPOSTO Provincia

Dettagli

CHI SIAMO IPest Control nasce nel 2013 dalla partnership di alcuni esperti con decennale esperienza nel settore.

CHI SIAMO IPest Control nasce nel 2013 dalla partnership di alcuni esperti con decennale esperienza nel settore. Via Brodolini, 22 30014 Cavarzere (VE) Tel/fax 0426 52903 www.ipestcontrol.it - info@ipestcontrol.it - PEC: ipestcontrol@pec.it Cap. Soc 10.000,00 C.F./P.IVA 04193810274 R.I. di Venezia C.C.I.A.A.nr REA

Dettagli

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2

INTERAZIONI TRA POPOLAZIONI COMPETIZIONE COMPETIZIONE INTERSPECIFICA COMPETIZIONE INTERSPECIFICA 2 Tipo di interazione Specie 1 Specie 2 Natura dell interazione Commensalismo + 0 Popolazione 1, commensale, avvantaggiata, popolazione 2 non influenzata Protocooperazione + + Interazione favorevole ad entrambe

Dettagli

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione;

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione; REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 40-5094 Approvazione del Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza

Dettagli

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012

Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo. Ferrara, 16 maggio 2012 Tutela degli animali da compagnia - aggiornamenti normativi e strumenti operativi per il controllo Ferrara, 16 maggio 2012 Legge regionale 17.02.05, n. 5 Norme a tutela del benessere animale Finalità La

Dettagli

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI

R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA R E G O L A M E N T O DI TUTELA DEGLI ANIMALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 10/04/2007 INDICE Art. 1 Definizioni ed ambito di applicazione

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

SCIENZE - CLASSE PRIMA

SCIENZE - CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 SCIENZE - CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Utilizza i

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

COMUNE DI SANDIGLIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA CURA DEGLI ANIMALI DOMESTICI E DI AFFEZIONE.

COMUNE DI SANDIGLIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA CURA DEGLI ANIMALI DOMESTICI E DI AFFEZIONE. COMUNE DI SANDIGLIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA E LA CURA DEGLI ANIMALI DOMESTICI E DI AFFEZIONE. Approvato con Deliberazione del C.C. n. 5 del 30.03.2010 Titolo I I PRINCIPI... 3 Art. 1 Profili

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI Contro pulci, zecche, zanzare e pappataci IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI I più comuni parassiti TRASMETTERE Le malattie trasmesse da vettore Pulci, zecche, zanzare e anche pappataci sono un problema per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

Acqua e territorio: problematiche e soluzioni

Acqua e territorio: problematiche e soluzioni Acqua e territorio: problematiche e soluzioni Nel Comune di Trieste sono presenti 31 fontane artistico - monumentali. Le più antiche sono nate come tratti terminali dell acquedotto teresiano che dal rione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE n. 47 REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 75 del 22 settembre 2003 - Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del

Dettagli

proposta di legge n. 376

proposta di legge n. 376 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 376 a iniziativa del Consigliere Solazzi presentata in data 25 novembre 2013 TUTELA DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO SOGGETTO A PREDAZIONE pdl 376 REGIONE

Dettagli

CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO VIVIBILITA' QUOTIDIANITA'

CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO VIVIBILITA' QUOTIDIANITA' CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoli) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO VIVIBILITA' QUOTIDIANITA' DETERMINAZIONE n. Jj_g del 2 4 NOV. 2014 OGGETTO: INTERVENTO IN ECONOMIA PER MESSA IN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI Il comune di Coredo, al fine di proteggere gli animali e di tutelare la salute pubblica e l ambiente, promuove un corretto rapporto dell uomo con gli animali

Dettagli