I paesaggi minimi. 282 I paesaggi minimi Scheda 11. Opportunità. Ambito di riferimento: Contesti dell edificato denso e/o storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I paesaggi minimi. 282 I paesaggi minimi Scheda 11. Opportunità. Ambito di riferimento: Contesti dell edificato denso e/o storico"

Transcript

1 Ambito di riferimento: Contesti dell edificato denso e/o storico 11 Tipologia territoriale: Paesaggi minimi I paesaggi minimi Opportunità Cfr. Linee guida per la qualificazione architettonica e urbanistica degli interventi di trasformazione territoriale - Schede Abaco progettuale: 1.1; 1.2; 1.3; 5.1; 6.1; 6.2 *Cfr. Piano di Settore per la Rete Ecologica Schede Linee guida per la pianificazione comunale: A1 *non ancora recepita ufficialmente e quindi suscettibile di perfezionamenti Per paesaggio minimo (Ferlinghetti, 2009) si intende un area costituita da superficie esigua, frutto della trasformazione umana, inserita in contesti ad elevata antropizzazione e caratterizzata da originalità, specificità geografica, valore storico-paesaggistico e identitario, habitat di biocenosi di pregio naturalistico poco diffuse nell ambito territoriale contermine. Rientrano nei paesaggi minimi i muri e i selciati tradizionali, le siepi interpoderali, l equipaggiamento vegetale del reticolo idrografico minore (rogge, canali, fontanili), i numerosi manufatti tradizionali disseminati nel paesaggio rurale e urbano ed altro ancora. Carattere distintivo dei paesaggi minimi è l essere frutto della trasformazione umana e quindi di non costituire elemento della matrice originaria del luogo, ma di essere il risultato della sua reificazione antropica in stretto collegamento con il contesto tradizionale, dotato cioè di particolari caratteri, per le tecniche esecutive, per i materiali utilizzati che lo rendono specifico in senso geografico. I paesaggi minimi sono caratterizzati da una lunga persistenza e da forme di gestione costanti. Tali aspetti hanno determinato la stabilizzazione del popolamento biologico, normalmente costituito da specie d interesse naturalistico, in continuità con le biocenosi degli ambienti tradizionali, in forte contrazione nei grandi territori urbanizzati. Nei paesaggi minimi la naturalità si appoggia all artificialità dimostrando che la contrapposizione natura-cultura, società ambiente era già ampiamente superata nella storia del paesaggio lombardo. Un paesaggio minimo scaturisce dal fondersi e confondersi della razionale progettualità umana con l imprevedibile azione della natura. L attività antropica è quindi capace di generare paesaggi minimi, quando non pretende di esaurire la totalità della progettualità, ma, più o meno consciamente, lascia che la natura partecipi liberamente completando l opera dell uomo, arricchendola e caratterizzandola. Un paesaggio minimo è quindi un paesaggio a progettazione e a realizzazione compartecipata uomo-natura, è il risultato di un sinergico connubio tra attività umana e naturale. I paesaggi minimi, tessere minute, ma non minori del paesaggio, rispondono a logiche di accumulo in essi si sedimentano le testimonianze del paesaggio tradizionale e peculiari espressioni della diversità biologica. Questa innovativa chiave di lettura permette di riconoscere, anche nel tessuto urbanizzato denso, manufatti che per le loro tecniche costruttive e 282 I paesaggi minimi Scheda 11

2 di manutenzione, costituiscono l habitat di consorzi vegetali di pregio naturalistico la cui conservazione e valorizzazione permette una duplice funzione: la salvaguardia della biodiversità e della trama fine dei caratteri distintivi dei luoghi. Inoltre i paesaggi minimi presentano elevata capacità penetrativa nei tessuti urbani densi, esercitando un rilevante ruolo di continuità e connettività tra sistemi seminaturali, rurali e urbani. Criticità I paesaggi minimi non sono ancora considerati nella prassi territoriale. Spesso gli interventi di manutenzione straordinaria o la realizzazione di nuovi paesaggi minimi sono attuati con materiali e tecniche che non consentono più l insediamento dei preziosi consorzi vegetali che li caratterizzano e non dialogano, e non fanno proprie alcuni dei caratteri materici e delle tecniche locali. Il risultato è la realizzazione di chiusure (recinzioni, muri, siepi), pavimentazioni ecc. che assolvono in senso stretto la funzione per cui sono stati progettati, ma non permettendo l insediamento di popolamenti biologico significativi. Tra le cause che concorrono al degrado dei paesaggi minimi possiamo ricordare: - la distruzione dei manufatti tradizionali; - l abbandono di tecniche costruttive tradizionali; - il limitato uso nella progettazione e nella realizzazione di manufatti di tecniche che permettano l insediamento di significativi consorzi vegetali; - l uso di tecniche di manutenzione che privilegiano il diserbo chimico sui manufatti e le pavimentazioni, e il taglio con le frese nelle siepi e nelle cortine vegetali tradizionali. L utilizzo di materiali, luci e strutture che confondono la fauna costituiscono un forte elemento di pericolo per la fauna che abita gli ambienti urbani. Amministrazioni e progettisti devono progettare e organizzarsi tenendo conto del fatto che le città sono ecosistemi urbani nei quali sono presenti molte altre specie oltre a quella umana. Il singolo cittadino è chiamato a operare con sensibilità per esempio nel caso di ristrutturazioni edilizie scegliendo con attenzione i periodi di intervento (evitando interventi in pieno periodo riproduttivo) e modalità realizzative in grado di conservare ambienti idonei alla presenza di fauna, mantenendo per esempio edifici in coppi e tegole, che offrono fessure e cavità utilizzate da uccelli e pipistrelli. 283 I paesaggi minimi Scheda 11

3 Galleria iconografica esemplificativa di un tipo territoriale (Rovari tra Osio Sotto e l asta del Brembo) Aerofoto (Google Maps) Carta Tecnica Regionale 284 I paesaggi minimi Scheda 11

4 Bergamo, cavo della roggia Nuova a margine del Parco Suardi, i manufatti rappresentati nell immagine costituiscono esempi di paesaggi minimi. 285 I paesaggi minimi Scheda 11

5 Asta del Canale Serio a Redona (Bergamo). L argine costruito con tecniche tradizionali costituisce un paesaggio minimo ed è sede di uno specifico popolamento vegetale, il parapetto superiore realizzato in cemento armato si presenta spoglio. 286 I paesaggi minimi Scheda 11

6 L argine è realizzato con materiali tipici del luogo (pietre e borlanti) ed è popolato da piante erbacee di interesse naturalistico, il parapetto non dialoga con i materiali del luogo e non costituisce un ambiente idoneo all insediamento della vegetazione. 287 I paesaggi minimi Scheda 11

7 Bergamo, specie tipiche dei selciati tradizionali di interesse naturalistico. A sinistra Saxifraga tridactylites, a destra Erophila verna. 288 I paesaggi minimi Scheda 11

8 Specie tipiche dei selciati tradizionali di interesse naturalistico. A sinistra Plantago coronophus, a destra Poa bulbosa. 289 I paesaggi minimi Scheda 11

9 BUONE PRATICHE Aspetti floristico-vegetazionali I paesaggi minimi accolgono una nutrita schiera di specie di interesse naturalistico. Sono specie generalmente erbacee, nemorali, rupicole o di altri ambienti spesso assenti nelle aree urbane che trovano condizioni a loro confacenti sui manufatti tradizionali (muri, selciati, partitori del reticolo idrico), lungo le rogge, nelle siepi e nei giardini, parchi e broli storici. Spesso la moderna manutenzione della vegetazione in tali ambiti, basata su erbicidi non selettivi o altri interventi invasivi, ne mette a rischio la persistenza. Inoltre le opere edilizie moderne raramente permettono l insediarsi di significativi consorzi vegetali. E quindi necessario per la salvaguardia della componente vegetale dei paesaggi minimi: - effettuare diserbi manuali o con tecniche tradizionali evitando l uso di erbicidi; - salvaguardare i manufatti tradizionali caratterizzati da popolamenti erbacei di interesse naturalistico; - recuperare tecniche di restauro tradizionale per in manufatti tradizionali (selciati, scalette, muri in pietra, siepi, bordure di giardini e parchi storici, ecc.), atte a conservare le specifiche caratteristiche architettoniche e il popolamento vegetale presente. Questi interventi possono rivitalizzare economie di nicchia a basso impatto ambientale; - sperimentare innovative forme di progettazione che permettano di attualizzare il concetto di paesaggio minimo e realizzare opere in cui la razionalità progettuale venga completata dalla imprevedibile azione della natura. 290 I paesaggi minimi Scheda 11

10 Bergamo, Roggia Morlana. Le tecniche utilizzate nella realizzazione del manufatto a sinistra impediscono l inserimento di popolazioni nemorali e vegetali significatie. 291 I paesaggi minimi Scheda 11

11 A sinistra una muratura che oltre a dialogare con i materiali e le tecniche tradizionali, accoglie una fitocenosi di interesse naturalistico, assente nel manufatto a destra. 292 I paesaggi minimi Scheda 11

12 Bergamo, versanti della Maresana. La trama locale dei paesaggi minimi (a destra), costituita da muri in pietra sormontati da siepi polispecifiche è stata sostituita (a sinistra) da monotone cortine di lauroceraso di basso valore naturalistico, paesaggistico e identitario. 293 I paesaggi minimi Scheda 11

13 BUONE PRATICHE Aspetti faunistici Per una lucertola muraiola un muretto a secco rappresenta un luogo ideale nel quale trovare rifugio mentre un sottotetto libero può essere utilizzato da un barbagianni. Ecco che gli spazi dimenticati dall uomo divengono luoghi vitali per la fauna. Buone pratiche proposte: A. Attenzione alle superfici vetrate degli edifici; B. Inquinamento luminoso e fauna: il caso di Malpensa; C. Interventi a favore dei pipistrelli; D. Gestione di specie problematiche: l esempio del piccione. 294 I paesaggi minimi Scheda 11

14 A. Attenzione alle superfici vetrate degli edifici Venticinque milioni di uccelli sono vittime ogni anno in Italia della collisione contro le vetrate trasparenti di edifici, case, pannelli fonoisolanti e altre strutture. Gli uccelli non sono in grado di percepire il vetro come ostacolo e quindi si schiantano rimanendo spesso vittime della collisione. Questa è diventata, nel mondo, la prima causa di mortalità per gli uccelli a causa di attività condotte dall uomo. Se un volatile vede attraverso l immagine riflessa di un albero, di un pezzo di cielo o di un paesaggio aperto vi si dirige con un volo diretto colpendo con forza la superficie. E importante valutare già in fase di progettazione l impatto sugli uccelli delle superfici riflettenti. Alcuni accorgimenti possibili sono: - utilizzo di tende o punti, reticoli e linee (min su 25% di superficie con Ø min 5 mm), strisce (meglio verticali con min 15 % di copertura) che, se collocate sulle vetrate nel modo corretto, rendono visibili le superfici agli uccelli, che così le evitano; - ricorso a superfici inclinate e bombate (lucernari, tettoie, piastrelle) e alle superfici traslucide o alle mattonelle in vetro. - evitare vetrate agli angoli degli edifici Ecco alcuni esempi positivi da: (Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli, Schmid et. Al.,2008): Superfici riflettenti confondono gli uccelli: la presenza di vegetazione vicino a una superficie riflettente (notare l albero nella fotografia) è da evitare in quanto attira gli uccelli (se si progetta in un area ricca di vegetazione bisognerà utilizzare superfici non riflettenti o vetrate traslucide. A sinistra corretto e scorretto posizionamento di vetrate trasparenti, a destra un corridoio trasparente. Schema e immagine tratte dal sito: 295 I paesaggi minimi Scheda 11

15 Interventi per ridurre la trasparenza: a sinistra mattonelle in vetro, a destra pannelli traslucidi. Pannnelli fonoassorbenti con strisce verticali (larghezza 2 cm, luce 10 cm, oppure larghezza 1 cm, luce 5 cm). Interventi per ridurre la riflessione: a sinistra retina anti insetti, a destra reticolo fine di punti. I ponti su corsi d acqua intercettano spesso traiettorie di volo: è importante quindi rendere visibili tutte le parti della struttura. 296 I paesaggi minimi Scheda 11

16 L inquinamento luminoso è in grado di agire sui ritmi circadiani (giornalieri), circannuali (ciclo riproduttivo e letargo) e comportamentali (alcune specie sono attirate dalla luce e altre sono lucifughe), di molte specie. Inoltre le leggi contro l inquinamento luminoso tengono conto solo della luce irradiata verso l alto e non dell impatto che essa ha sulle specie e gli ecosistemi. Ad esempio e stato dimostrato per i pipistrelli un ritardo nell uscita per la caccia in luoghi illuminati artificialmente, con conseguente diminuzione del periodo più favorevole per l alimentazione (quello crepuscolare più ricco di insetti). Il problema è in aumento a livello globale ed è da tempo studiato soprattutto nell America del Nord, dove gli uccelli si schiantano contro i grattacieli perché attratti dall illuminazione interna dell edificio. Il fenomeno si accentua in caso di cattive condizioni meteorologiche e nebbia, ed è noto anche per i fari marini, le piattaforme petrolifere, gli edifici illuminati sui passi alpini e i piloni di illuminazione. Secondo uno studio effettuato in Italia all aeroporto di Malpensa 2000, la luce confonde gli uccelli migratori facendogli deviare il percorso e ne blocca il viaggio, causando negli animali un pericolo di collisione contro edifici e strutture luminose, un dispendio inutile di energie e una conseguente perdita di peso che può essere fatale. Si dovrebbe quindi: - contenere l illuminazione nelle ore crepuscolari e notturne; - tutelare l oscurità su corpi idrici, vegetazione e edifici che ospitano colonie di pipistrelli; - utilizzare luci a risparmio energetico evitando quelle a ampio spettro. Aeroporto Malpensa 2000: è importante informare e sensibilizzare i cittadini circa gli effetti dell inquinamento luminoso sulla fauna (immagine da Fornasari L., 2003 La migrazione degli uccelli nella valle del Ticino e l Impatto di Malpensa ). Da sinistra a destra: dal peggio al meglio (tratto da La luce artificiale all esterno dovrebbe essere: - ottenuta da lampade schermate chiuse; - utilizzata solo nei periodi di bisogno e dove è necessaria; - dotata di una corretta intensità; - indirizzata verso il basso e progettata con coni ristretti; - realizzata prevedendo temperature superficiali non maggiori di 60 C; - gestita negli edifici dall organizzazione aziendale; - vietata per laser e riflettori pubblicitari verso l alto. 297 I paesaggi minimi Scheda 11

17 C. Interventi a favore dei pipistrelli Oltre agli uccelli è possibile realizzare una serie di interventi tecnici e gestionali in grado di favorire la presenza dei chirotteri, a cui appartengono diverse specie di interesse conservazionistico, in grado, tra l altro, di effettuare una lotta biologica contro alcune specie indesiderate come le zanzare e altri insetti. I pipistrelli non godono di una diffusa simpatia. Per informare circa l importanza di questo gruppo di animali sono state realizzate diverse campagne di comunicazione. Tra queste ricordiamo i progetti LIFE Natura realizzati dal Parco Regionale del Campo dei Fiori e il progetto un pipistrello per amico realizzato dal Museo di Storia Naturale di Firenze in collaborazione con Unicoop Firenze e scaricabile dal sito I pipistrelli comprendono, infatti, numerose specie minacciate di estinzione a livello europeo e la loro conservazione rappresenta una priorità anche in ambito urbano, dove i pipistrelli trovavano, soprattutto in passato, ambienti favorevoli in quanto ricchi di rifugi utilizzati da alcune specie nel periodo da aprile ad ottobre come nursery per i piccoli e da altre specie in inverno come luoghi adatti all ibernazione (letargo invernale) da novembre a marzo. L associazione FaunaViva, in collaborazione con il Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, ha sviluppato delle misure pratiche di conservazione dei chirotteri da applicarsi nel caso di interventi in habitat antropico raccolte in un manuale tecnico divulgativo. Da tale documento (Annoni R. et al., 2004) sono tratte le indicazionie i disegni che seguono. In realtà interventi di sistemazione e ristrutturazione degli edifici rendono spesso inaccessibili luoghi dove la presenza dei Buone norme operative a seconda delle diverse tipologie di intervento sugli stabili. 298 I paesaggi minimi Scheda 11

18 pipistrelli avveniva in maniera stabile. Le condizioni ideali affinché un sito sia adatto ai pipistrelli sono: presenza di fessure (anche di pochi centimetri) e superfici ruvide adatte ad arrampicarsi; presenza di un ambiente caldo in assenza di correnti d aria; presenza di ambienti bui; assenza di disturbo da parte dell uomo. La presenza dei pipistrelli all interno di un edificio è osservabile tramite la ricerca del guano, cioè delle feci, cilindriche e nere di 4-5 mm, simili a quelle dei topi ma più friabili per la presenza dei resti degli esoscheletri degli insetti di cui i pipistrelli si nutrono. In generale la salvaguardia di pipistrelli dipende dall attenzione che si pone nei momenti in cui si interviene su edifici in cui è stata riscontrata la presenza di chirotteri. Un indicazione fondamentale va posta alla programmazione del periodo di realizzazione dei lavori al fine di salvaguardare le nursery in estate e le colonie in letargo d inverno. Per favorire la presenza di pipistrelli all interno degli edifici è possibile: consentire l ingresso tramite aperture in sottotetti e cantine con aperture di 20 x 30 cm per gli ingressi in volo e di ingressi in arrampicata (anche di pochi cm); prevedere rivestimenti interni scabri (muri in mattoni, intonaco rustico e rivestimenti in legno grezzo); creare nuovi ripari. A destra parti di edifici utilizzati dai chirotteri, a sinistra punti di accesso e riparo. A sinistra tegole di areazione utilizzate come punti di ingresso al sottotetto, a destra predisposizione di rifugi per pipistrelli in spazi non abitabili. 299 I paesaggi minimi Scheda 11

19 Nel caso sia necessario allontanare i chirotteri da un edificio è necessario operare con cautela ricorrendo possibilmente alla consulenza di personale esperto, al fine di consentire un allontanamento che garantisca la sopravvivenza dei singoli individui. Si tratta in sostanza di aspettare che gli individui si allontanino dal sito di riposo per le attività di caccia notturna e bloccare le vie di ingresso tramite reti in plastica a maglie fini. Creazione di ripari artificiali utilizzando tavole di legno grezzo. Metodi per evitare il passaggio dei Piccioni e consentire il passaggio dei Chirotteri. A sinistra creazione di ripari utilizzando mattoni forati da porre vicino al soffitto delle cantine, a destra schema per la realizzazione di una cassetta nido per pipistrelli (spessori esterni 1,2 cm e telaio interno 2,5 cm), da notare le tavole interne ruvide per favorire la possibilità di arrampicata. 300 I paesaggi minimi Scheda 11

20 D. gestione di specie problematiche: l esempio del piccione Alcune specie, denominate sinantropiche, trovano negli ambienti antropizzati condizioni ideali di vita in quanto in grado di trovare cibo, rifugio e di riprodursi con un successo tale da costituire popolazioni in grado di provocare problemi all uomo (es. danneggiamento a monumenti con guano, ). Un esempio è quello del piccione (Colomba livia) per il cui controllo l Università degli Studi di Milano Bicocca ha messo a punto un progetto basato su: realizzazione di torri piccionaie nelle quali favorire la nidificazione dei piccioni; posizionamento di reti per evitare l accesso e la nidificazione in luoghi ritenuti non idonei (es. monumenti storici); azioni di sensibilizzazione e ordinanze ai cittadini per attuare sistemi di dissuasione alle presenza dei piccioni nei propri edifici; monitoraggio da una parte della dinamica delle popolazioni e dall altra della messa in atto delle misure dissuasive al fine di valutare l efficacia dell iniziativa. A destra una torre piccionaia installata a Pandino in un luogo decentrato: immagine tratta dal sito L utilizzo della piccionaia consente di: - attirare in aree decentrate e quindi a minor impatto gli uccelli che normalmente frequentano il centro abitato; - consentire un accesso alle uova deposte, in modo da poterne sottrarre una parte al fine di controllare la popolazione, evitando l'abbattimento cruento di individui adulti; - avere gli strumenti per applicare un controllo veterinario continuativo; Il comune di Bologna, invece, ha realizzato un progetto, denominato Falchi in città, che ha previsto il posizionamento di nidi artificiali per il falco pellegrino (Falco peregrinus) per favorire la nidificazione di questa specie in ambiente urbano a fini di conservazione, ma anche in funzione della capacità di contenimento delle popolazioni di Piccione domestico operata da questa specie. Altri progetti si basano invece sulla ricostituzione di una catena alimentare anche in città favorendo la presenza di uccelli rapaci. 301 I paesaggi minimi Scheda 11

21 RASSEGNA MANUALISTICA, RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI E GESTIONALI Rassegna manualistica In questo sezione si propone una rassegna manualistica di alcune pubblicazioni internazionali e nazionali di riferimento. I testi selezionati offrono un quadro della complessità legata agli interventi, fornendo metodi e tecniche orientate all azione che favoriscono uno sguardo allargato alla trattazione dei temi e degli ambiti territoriali di interesse. Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli Hans Schmid, Petra Wladburger & Daniela Heynen - Sezione ornitologica svizzera Sempach, La guida inizia descrivendo le particolarità ecologiche degli uccelli tra le quali quella di avere un ristretto campo visivo coperto da entrambi gli occhi con una conseguente limitazione della visione steroscopica. Vengono quindi evidenziati i tipi di pericoli per gli uccelli in riferimento ai fenomeni di riflessione e trasparenza delle superfici realizzate dall uomo e alla presenza di luce quale fenomeno attrattivo per l avifauna. Di seguito la guida mostra numerosi esempi si buona e cattiva progettazione di edifici e infrastrutture in genere indicando le numerose possibili soluzioni alle diverse esigenze dei progettisti. Si sottolinea l importanza di considerare la problematica dei possibili impatti dell avifauna già in fase di progettazione di una nuova opera. 302 I paesaggi minimi Scheda 11

22 Giungla sull asfalto. La flora spontanea delle nostre città D. Fazio, Blu, Torino Il manuale illustra la flora delle aree urbane descrivendone l ecologia e la diversità con particolare attenzione agli ambienti più comuni evidenziandone il ruolo biologico. Quando l occhi si posa sull erba pioniera che sporge dal marciapiede, sul fiore accanto al tombino, sulla ghianda che mette le radici in una zolla di terra dimenticata, anche attraverso le pagine di un libro che li indica con garbo, vuol dire riconoscere alla natura il suo ruolo. Lei non ha bisogno di grande clamore per segnalare che c è, sempre e dappertutto, pronta a ricominciare. Le basta un erbaccia. (Caterina Gromis di Trana, Dal volume p. 7). 303 I paesaggi minimi Scheda 11

23 Sky Garden: il giardino sul tetto M. Corrado (a cura di), Macro ed., Cesena (FC), Il manuale illustra esempi concreti e riporta numerose informazioni su cosa sono, come si costruiscono e quali tecniche si possono usare per la realizzazione di sky garden, giardini sul tetto. Il manuale presenta inoltre numerose esperienze nazionali e internazionali. 304 I paesaggi minimi Scheda 11

24 Riferimenti bibliografici e gestionali AGNELLI P., MARTINOLI A., PATRIARCA E., RUSSO D., SCARAVELLI D. E P. GENOVESI, 2004, Linee guida per il monitoraggio dei Chirotteri: indicazioni metodologiche per lo studio e la conservazione dei pipistrelli in Italia.Quaderni conservazione della Natura 19. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. ANDREOTTI A., BACCETTI N., PERFETTI A., BESA M., GENOVESI P. E V. GUSBERTI, 2001, Mammiferi ed uccelli esotici in Italia: analisi del fenomeno, impatto sulla biodiversità e linee guida gestionali. Quaderni di Conservazione della Natura 2. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. Tipolitografia F.G. Savignano sul Panaro (Mo). ARLETTAZ R., GODAT S., MEYER H., Competition for food by expanding pipistrelle bat populations (Pipistrellus pipistrellus) might contribute to the decline of lesser horseshoe bats (Rhinolophus hipposideros). Biological Conservation, 93: 55-60, BIDWELL T., GOERING P., DICKINSON B., FRENCH R., 2003, SCOTOBIOLOGY, the biology of the darkness.the science of dark-dependent biological systems. BOLDOGH S., DOBROSI D., SAMU P., 2007, The effects of the illumination of buildings on housedwelling bats and its conservation consequences. Acta Chiropt., 9(2): BOANO G., 2001, Vetrate e finestre killers di uccelli. Piemonte Parchi 104: 32. BULLINI L. (ed.),ecosistemi urbani. Convegno nell ambito della Conferenza annuale della Ricerca (Roma, ottobre 2001). Atti dei convegni Lincei 182, BULLINI L. (ed.), 2005, Convegno ecosistema Roma (Roma, aprile 2004). Atti dei convegni Lincei 218. CAIRO E., 2008, Mortalità di avifauna per collisione contro barriere in PMMA: indagine prima e dopo l applicazione di sagome di rapaci. Picus 34 (1): CENCINI C. e M. L. DINDO (eds.), 1993, Ecologia in città. Alla scoperta dell ambiente urbano. Unione Bolognese Naturalisti. Editrice Lo scarabeo, Bologna, pp I paesaggi minimi Scheda 11

25 CHIRICHELLA R., MATTIROLI S., NODALI M., PREATONI D., TOSI G. E A. MARTINOLI, 2004, Chiroptera in urban areas: conflicts and coexistency. A pilot project in Varese province (Lombardy, N Italy). In Biancardi C., Di Cerbo A.R. e E. Razzetti (eds.). Ecosistemi urbani ecologia e gestione della fauna in città. Atti della giornata di studio (Milano, 8 marzo 2003). Natura 94 (1), pp CRISALDI M. E L.A. IERADI, 2002, L ambiente antropico e il controllo di topi e ratti nelle città. In Bullini L.(ed.). Ecosistemi urbani. Convegno nell ambito della conferenza annuale della Ricerca (Roma, ottobre 2001). Atti dei Convegni Lincei 182, pp DEBERNARDI P. E E. PATRIARCA. Guida alla tutela dei pipistrelli negli edifici. Regione Autonoma Valle D Aosta, Assessorato Agricoltura e Risorse Naturali, senza data. DINETTI M., 1998, Uccelli e vetri. Ali notizie 33 (4): 14. DINETTI M., 2002, Il Gabbiano reale: un indicatore per monitorare la sostenibilità dello sviluppo. Disinfestazione e Igiene Ambientale 5: DINETTI M., 2002, Il Gabbiano reale: problemi e tecniche di gestione. Disinfestazione e Igiene Ambientale 6: 1-6. DINETTI M., 2002, La gestione delle specie ornitiche problematiche negli spazi urbanizzati. In Brichetti P. e A.L. Gariboldi(eds.). Manuale di ornitologia. Volume 3. Edagricole, Bologna, pp DINETTI M., 2003, Uccelli e aereoporti.. Disinfestazione e Igiene Ambientale. 4: DINETTI M. 2004, Il valore delle aree urbane per la conservazione della biodiversità e dell avifauna. Picus 30 (2): DINETTI M., 2006, Picchi: manuale pratico di gestione, Ecologia urbana 18 (2):3-20. DINETTI M., 2009, Atti Convegno Internazionale Passeri in crisi? Da pest a species of conservation concern : biologia, problematiche e conservazione dei passeri (Pisa, 20 marzo 2009). Ecologia Urbana 21 (1). DINETTI M. E U. GALLO- ORSI, 1998, Colombi e storni in città: manuale pratico di gestione. Il Verde Editoriale, Milano. DINETTI M., GUSTIN M. E C. CELADA, 2007, I passeri. Come riconoscerli, studiarli, cosa fare per proteggerli ed evitarne il declino. LIPU. Edizioni Belvedere, Latina. 306 I paesaggi minimi Scheda 11

26 DINETTI M., LICITRA G., CHESI A., LICCIARDELLO C., CHIARI C., CENNI M., DEL LUNGO C. E S. D ANTONI, 2008, Analisi della conoscenza sulla biodiversità nelle città italiane e applicazione dell Atlante ornitologico per la valutazione della qualità degli ecosistemi urbani. In : Chiesura A., Mirabile M. e C. Serafini (eds.). Qualità dell ambiente urbano. IV Rapporto APAT Edizione Focus su La Natura in città. APAT, Roma, pp DOWNS N.C., BEATON V., GUEST J., POLANSKI J., ROBINSON S.L., RACEY P.A., 2003, The effects of illuminating the roost entrance on the emergence behaviour of Pipistrellus pygmaeus. Biological Conservation, 111: DOMENICINI A. E A. CROVETTI, 1989, Entomologia Urbana. UTET Torino. DUVERGÉ P.L., JONES G., RYDELL J., RANSOME R.D., 2000, Functional significance of emergence timing in bats. Ecography, 23: EINSENBEIS, 2006, Artificial night lighting and insects. IN: RICH C. E LONGCORE T. EDS., Ecological Consequences of Artificial Night Lighting, Island Press, Washington, EKLÖF J., 2003, Vision in echolocating bats. PhD th. University of Göteborg, Sweden. EKLÖF J., JONES G., 2003, Use of vision in prey detection by brown long-eared bats, Plecotus auritus. Anim. Behav., 66: FERLINGHETTI R., Paesaggi minimi e spazi urbani, in CESARETTI P. E FERLINGHETTI R., Gli spazi urbani tra immaginario e realtà, DINTORNI, rivista di letteratura e culture dell Università degli Studi di Bergamo, 6/2009, pp FORNASARI L., 2003, La migrazione degli uccelli nella valle del Ticino e l impattto di Malpensa. Consorzio Parco Lombardo della Valle del Ticino. FORNASARI L., E. DE CARLI, 2003, I chirotteri della città di Milano. In: Castiglioni R., (ed.). FRANK K.D., 2006, Effects of artificial night lighting on moths. In: Rich C. e Longcore T. eds.,ecological Consequences of Artificial Night Lighting, Island Press, Washington, FURE A., 2006, Bats and lighting. The London Naturalist 85, 20 pp. 307 I paesaggi minimi Scheda 11

27 GALUPPO C., E. BORGO, 2006, Vetrate: una minaccia invisibile per gli uccelli. Picus 32 (1): JONES G., RYDELL J., 1994, Foraging strategy and predation risk as factors influencing emergence time in echolocating bats. Phil. Trans. R. Soc. Lond. B, 346: JONES J., 2000, Impact of lighting on bats. KUIJPER D.P.J., SCHUT J, VAN DULLEMEN D., TOORMAN H., GOOSSENS N., OUWEHAND J., LIMPENS J.G.A., 2008, Experimental evidence of light disturbance along the commuting routes of pond bats (Myotis dasycneme). Lutra, 51 (1): LONGCORE T., RICH C., Ecological light pollution. Front. Ecol. Environ., 2(4): MANN S.L., STEIDL R.J., DALTON V.M., 2002, Effects of cave tours on breeding Myotis velifer. J. Wildl. Manage., 66(3): MARTINOLI A., CHIRICHELLA L., MATTIROLI S., NODARI M., WAUTERS L., PREATONI D. E G. TOSI, 2003, Linee guida per una efficace conservazione dei Chirotteri. Il contributo delle esperienze nei Progetti Life Natura. Edizioni Consorzio di Gestione del Parco Regionale del Campo dei Fiori. NATOLI E., SCHMID M., FANTINI C., SAY L., FROMONT E. E D. PONTIER, 2002, Colonie feline urbane: aspetti ecologici e comportamentali. In Bullini L. (ed.) ecosistemi urbani. Convegno nell ambito della Conferenza annuale della Ricerca (Roma, ottobre 2001). Atti dei Convegni Lincei 182, pp NOVA M., CARUGATI C. E M. CONTINI, Fauna Urbana. Comune di Milano, Settore Educazione, Milano, senza data. PRATESI F., 1975, Clandestini in città. Arnoldo Mondadori Editore, Verona. RACEY P.A., SWIFT S.M., 1985, Feeding ecology of Pipistrellus pipistrellus (Chiroptera: Vespertilionidae) during pregnancy and lactation. I. Foraging behaviour. Journ. Anim. Ecol., 54: REITER G., ZAHN A., 2006, Bat roosts in the alpine area: guidelines for the renovation of buildings. INTERREG IIIB Project Habitat Network. Pp I paesaggi minimi Scheda 11

NON METTETELI IN CATTIVA LUCE! PROPOSTE PER ADEGUARE LE NORMATIVE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO ALLA CONSERVAZIONE DEI CHIROTTERI.

NON METTETELI IN CATTIVA LUCE! PROPOSTE PER ADEGUARE LE NORMATIVE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO ALLA CONSERVAZIONE DEI CHIROTTERI. Estratto da: Dondini G., Fusco G., Martinoli A., Mucedda M., Russo D., Scotti M.,Vergari S. (eds.). Chirotteri italiani: stato delle conoscenze e problemi di conservazione. Atti del Secondo Convegno Italiano

Dettagli

Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma..

Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma.. Sono considerati brutti e antipatici, a molti di noi fanno paura, ma.. Sono mammiferi antichissimi: allattano i loro piccoli e hanno il corpo ricoperto di pelo; anziché camminare e correre, volano, grazie

Dettagli

This document has been produced as part of the project Bats and lighting of monumental buildings

This document has been produced as part of the project Bats and lighting of monumental buildings This document has been produced as part of the project Bats and lighting of monumental buildings in the framework of the EUROBATS Projects Initiative (EPI; http://www.eurobats.org/news_events/news/eurobats_projectinitiative.htm)

Dettagli

Appendice. Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000

Appendice. Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000 Appendice Schede tipologici per interventi in siti Natura 2000 Le schede riportate nelle pagine seguenti, intendono essere strumento operativo di supporto all Ufficio Tecnico Comunale in sede di valutazione

Dettagli

CONVEGNO: Le Reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progeto LIFE+ T.E.N. Trentino Ecological Network

CONVEGNO: Le Reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progeto LIFE+ T.E.N. Trentino Ecological Network CONVEGNO: Le Reti ecologiche nella pianificazione territoriale: il contributo del progeto LIFE+ T.E.N. Trentino Ecological Network Trento 23 maggio 2013 La Rete Ecologica della Lombardia e il Progetto

Dettagli

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA SEZIONE DI ASTI SETTORE EDUCAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA Provincia di Alessandria Provincia di Asti Comune di Asti UNA PENNA PER AMICO Ormai da diversi anni la

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE/LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO

IL CONSIGLIO COMUNALE/LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO APPROVAZIONE DI MISURE PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA IN AMBITO COMUNALE A DIFESA DI RONDONI, RONDINI E BALESTRUCCI. ADOZIONE DI INDIRIZZI IN MATERIA DI MODIFICHE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE. IL

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

Biodiversità e sviluppo sostenibile

Biodiversità e sviluppo sostenibile Biodiversità e sviluppo sostenibile R. Venanzoni, D. Gigante, M. Lorenzoni, E. Goretti, G. La Porta, F. Maneli Gruppo di Ricerca Biodiversity & Ecology Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana. Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni

Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana. Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni A07 Pasquale Trematerra Luciano Süss Prontuario di entomologia merceologica e urbana Con note morfologiche, biologiche e di gestione delle infestazioni Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree

ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree scheda 5.5 ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree Ai fini della funzionalità delle reti ecologiche, il problema posto dalle infrastrutture trasportistiche lineari è quello della frammentazione

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Committee Against Bird Slaughter (CABS) Finestre, pannelli trasparenti e vetro

Committee Against Bird Slaughter (CABS) Finestre, pannelli trasparenti e vetro Committee Against Bird Slaughter (CABS) Finestre, pannelli trasparenti e vetro Gheppio morto per impatto contro la finestra. Si noti come il vetro sia riflettente. Se qualcuno pensa che cacciatori, auto,

Dettagli

Il recupero naturalistico degli edifici

Il recupero naturalistico degli edifici Il recupero naturalistico degli edifici Il recupero, la conservazione ed il restauro naturalistico di edifici e manufatti moderni, rurali e storici Bruno Bedonni (Lipu ) - Marco Preziosi (Ars et Natura

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali

PROGETTO LIFE09 NAT/IT/000093 ECORICE AZIONE D8 Seminari locali Criticità relative alla diminuz ione di biodive rsità in area risicola MATRICE ARGOMENTAZIONI Soluzioni/Interventi Prassi comuni Prassi proponibili Carenze conoscitive Strumenti finanziari Attori principali

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA

Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA killer involontari di uccelli e biodiversità tecniche e approcci progettuali di prevenzione e mitigazione La Spezia, Venerdì 7 Giugno 2013 Sala Dante, Via Ugo Bassi

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell inquinamento luminoso Rispettare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE DISTESE ESTERNE DELLE ATTIVITà IN SEDE FISSA NEL COMUNE DI CASALGRANDE Art. 1. CONTENUTI E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Nell ambito della riqualificazione del centro di

Dettagli

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti Benvenuti Michele Davi Saccone Menichet ti Sistemi meccanici e fisici per l allontanamento incruento di specie ornitiche problematiche I motivi della colonizzazione L ambiente cittadino, cittadina rispetto

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO AZIONI DI RISPARMIO TERMICO La maggior parte degli edifici esistenti sono caratterizzati da elevati consumi termici, sia a causa delle dispersioni di calore per trasmissione attraverso le pareti, i tetti,

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

Rifugi in crepe. INTERREG III B Linee guida per il risanamento QUESTIONARIO living space network di rifugi nelle Alpi

Rifugi in crepe. INTERREG III B Linee guida per il risanamento QUESTIONARIO living space network di rifugi nelle Alpi Rifugio [nome denominazione dati nel foglio base] Specie di chirottero [si prega di compilare per ogni specie] Tipo di rifugio Rifugi di riproduzione rifugio invernale rifugio intermedio rifugio di accoppiamento

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

PdG Carso Misure proposte Programmi didattici e divulgazione. PD - 1 Generale Localizzata. Programmi divulgazione 1

PdG Carso Misure proposte Programmi didattici e divulgazione. PD - 1 Generale Localizzata. Programmi divulgazione 1 divulgazione 1 Animazione economica, assistenza tecnica e formazione, incubatoio nuove iniziative PD - 1 Localizzata attuale e Descrizione dell azione e programma operativo Agricoltura e gestione del bosco

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS)

Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Codice sito: IT1205034 NATURA 2000 Data Form NATURA 2000 FORMULARIO STANDARD PER ZONE DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) PER ZONE PROPONIBILI PER UNA IDENTIFICAZIONE COME SITI D'IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC)

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACCOMUNALE BRUGHIERA BRIANTEA Via D. Aureggi, 25 20823 Lentate sul Seveso (MB) Tel. 0362.569116 info@parcobrughiera.it - edambientale@parcobrughiera.it PROGRAMMI DI EDUCAZIONE

Dettagli

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO Progetto di recupero naturalistico di un terreno confiscato ANNO SCOLASTICO 2010/2011 V Bando di concorso Regoliamoci

Dettagli

Parchi e giardini storici di Parma: habitat per gli uccelli

Parchi e giardini storici di Parma: habitat per gli uccelli Parchi e giardini storici di Parma: habitat per gli uccelli Viale centrale del Giardino Ducale Nel centro della città la biodiversità è accentuata dalla vicinanza tra diversi habitat: aree verdi di vecchio

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Proposta per l istituzione di un Parco Astronomico nelle Valli Piemontesi

Proposta per l istituzione di un Parco Astronomico nelle Valli Piemontesi Proposta per l istituzione di un Parco Astronomico nelle Valli Piemontesi Pro Natura Piemonte, in considerazione che le Valli piemontesi presentano alcuni tra i migliori siti per le osservazioni astronomiche

Dettagli

Dispensa ragionata dei materiali del corso di formazione

Dispensa ragionata dei materiali del corso di formazione Dispensa ragionata dei materiali del corso di formazione A cura di Marco Terranova, Pietro Spadoni, Cristian Guidi Contatti: L.I.P.U. Pesaro: e mail: lipupesaro@yahoo.it sito: http://www.lipu.it Blog:

Dettagli

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!!

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!! COMUNE DI PISA Ufficio Ambiente e-mail: ambiente@comune.pisa.it Tel.050 910551 Fax 050910416 sito internet: www.comune.pisa.it ~ orario di apertura: martedì: 9.00 13.00 giovedì: 15.00 17.00 Palazzo Pretorio

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio,

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio, LA BIOEDILIZIA Costruire in armonia con l ambiente significa riconoscere che la casa fa parte di un ecosistema che si estende al di là delle pareti domestiche. Risulta fondamentale, pertanto, scegliere

Dettagli

Rifugi nella capriata / sotto il tetto

Rifugi nella capriata / sotto il tetto / sotto il tetto Rifugio [nome denominazione dati nel foglio base] Specie di chirottero [si prega di compilare per ogni specie] Tipo di rifugio rifugio di riproduzione rifugio invernale rifugio intermedio

Dettagli

Pipistrelli e inquinamento luminoso

Pipistrelli e inquinamento luminoso c/o Ente di Gestione del Parco Naturale Laghi di Avigliana, via M. Pirchiriano 54, 10051 Avigliana (TO) info@centroregionalechirotteri.org www.centroregionalechirotteri.org Pipistrelli e inquinamento luminoso

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DI GERENZANO

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DI GERENZANO PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER LE SCUOLE DI GERENZANO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 2014 Dall anno scolastico 2013/2014, l associazione Il Gelso Gerenzano enzano e la cooperativa Ardea propongono un

Dettagli

Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo

Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo Chirotteri: gli unici mammiferi a volo attivo Le omologie nei vertebrati volatori Le particolarità del piede: appendersi a testa in giù Evoluzione: le forme ancestrali Evoluzione: la ecolocalizzazione

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA

Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA Convegno nazionale VETRI & AVIFAUNA killer involontari di uccelli e biodiversità tecniche e approcci progettuali di prevenzione e mitigazione La Spezia, Venerdì 7 Giugno 2013 Sala Dante, Via Ugo Bassi

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio TERMO INDAGINI SAGL La società Termo Indagini Sagl è in grado di acquisire immagini termiche all infrarosso con l ausilio di apposite apparecchiature all avanguardia. Le immagini ottenute forniscono importanti

Dettagli

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO Collana prodotta dal Servizio Pianificazione Energetica e incentivi Agenzia Provinciale per l Energia Testi: F. Pocher - Servizio

Dettagli

OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE

OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE OSSERVATORIO FAUNISTICO DIDATTICO REMOVIBILE LIFE 09/NAT/IT/000095 EC SQUARE AZIONE D2 CARATTERISTICHE TECNICHE LIFE09 NAT/IT/095 EC-SQUARE Project, realized with the contribution of the LIFE Partner:

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese Comune di Villar Perosa WWF Sezione pinerolese con il patrocinio di Comunità montana Valli Chisone e Germanasca Istituto comprensivo F. Marro Villar Perosa in collaborazione con Comune di San Germano Chisone

Dettagli

Rondoni MONUMENTI VIVI

Rondoni MONUMENTI VIVI Rondoni! Ornitho.it un mezzo potente ed unico per costituire una raccolta dati sui rondoni, in particolare sulla loro migrazione e sulla localizzazione delle colonie. Vi proponiamo ora di arricchire le

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Claudio Garbo, Vice Sindaco Due Carrare Buone pratiche per concretizzare un Paes

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI COMUNE DI BOCENAGO PIANO REGOLATORE GENERALE ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI ALLEGATO AI CRITERI DI TUTELA PAESAGGISTICO-AMBIENTALE INDICE: Premessa...2 Tetto...3 Tettoie esterne per ingresso...6

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

Autorità di bacino del fiume Po

Autorità di bacino del fiume Po Autorità di bacino del fiume Po incontro delle Reti Locali interessate da processi di pianificazione strategica partecipata per la riqualificazione dei bacini fluviali Titolo dell Esperienza da agenda

Dettagli

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Regolamento ai sensi dell art. 9.2 delle Disposizioni di attuazione del Piano dei Servizi Comune di Cernusco sul Naviglio Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b Scheda aa5 Cascina Villa Sottoambito b

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER

Ottimizzare l efficienza energetica degli edifici esistenti: il Progetto AFTER SiTI Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l Innovazione mariagiovanna.dongiovanni@siti.polito.it Seminario HORIZON 2020 Federcasa ATC Torino Scholé SiTI Roma, 10 aprile 2014 Ottimizzare l efficienza

Dettagli

LA GESTIONE DELLE ACQUE REFLUE IN UN AREA PROTETTA: ELEMENTI DI ATTENZIONE E OPPORTUNITÀ

LA GESTIONE DELLE ACQUE REFLUE IN UN AREA PROTETTA: ELEMENTI DI ATTENZIONE E OPPORTUNITÀ Parco Ticino LA GESTIONE DELLE ACQUE REFLUE IN UN AREA PROTETTA: ELEMENTI DI ATTENZIONE E OPPORTUNITÀ CONVEGNO LA DISINFEZIONE NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE orientamenti e criticitá Giovedì 28 Maggio

Dettagli

CONCORRENTE III B. Figura 1: Planimetria area di intervento. Pagina 1 di 10

CONCORRENTE III B. Figura 1: Planimetria area di intervento. Pagina 1 di 10 CONCORRENTE 1 INTRODUZIONE La presente relazione tecnica, intende illustrare le proposte progettuali, avanzate dagli alunni della classe TERZA sezione B, finalizzate al recupero e valorizzazione di spazi

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

C era una volta un giardino. Storia del giardino delle farfalle e degli uccelli. Area verde scuole media statale A. Fiori sede di Magreta

C era una volta un giardino. Storia del giardino delle farfalle e degli uccelli. Area verde scuole media statale A. Fiori sede di Magreta C era una volta un giardino Storia del giardino delle farfalle e degli uccelli. Area verde scuole media statale A. Fiori sede di Magreta AREA VERDE CORTILIVA DELLE SCUOLE MEDIE A. FIORI, SEDE DI MAGRETA

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli