Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose "G. Scaramuzzi", Sez. Entomologia agraria, Università degli Studi di Pisa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose "G. Scaramuzzi", Sez. Entomologia agraria, Università degli Studi di Pisa."

Transcript

1 Indagini sulle popolazioni di roditori arvicolidi che provocano danni agli impianti di melo ed actinidia e sullo stato di utilizzo della strategia di difesa consigliata agli operatori Daniele Demaria 1, Fabrizio Vittone 1, Daniela Dutto 1, Graziano Vittone 1, Luciano Santini 2 1 CReSO Consorzio di Ricerca e Sperimentazione per l Ortofrutticoltura piemontese. 2 Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose "G. Scaramuzzi", Sez. Entomologia agraria, Università degli Studi di Pisa. Riassunto breve Nel comprensorio frutticolo del sud Piemonte si registrano danni agli apparati radicali di melo provocati da roditori Arvicolidi. Le indagini condotte negli anni avevano individuato come responsabile l arvicola del Savi (Microtus savii de Sèl. Longchamps). Dalle osservazioni condotte dalla rete di assistenza tecnica sembravano non più efficaci come un tempo le applicazioni con cariossidi di grano tenero imbevute di una soluzione oleosa a base del rodenticida anticoagulante Chlorophacinone. Inoltre, a causa del rinvenimento di fori di maggiori dimensioni, vi era il sospetto della presenza di una specie diversa da quella nota per la quale si ipotizzava una mancata efficacia del metodo. A partire dalla fine del 2005 sono pertanto state avviate delle sperimentazioni che hanno consentito di individuare la presenza di una seconda specie di arvicolide, l Arvicola scherman, della quale era ignota in precedenza la presenza nei frutteti del comprensorio cuneese. È importante tuttavia ricordare che M. savii resta la specie alla quale imputare la maggior parte dei danni agli impianti. Dagli approfondimenti condotti risulta che la difesa consigliata per M. savii è altrettanto valida per A. scherman. È stata poi effettuata un indagine presso gli operatori dalla quale sono emerse modalità di difesa pericolose e illegali oltre che inappropriate. È stata pertanto predisposta e distribuita una nota informativa con i risultati dell indagine, con l obiettivo di disincentivare tali pratiche e promuovere la tecnica a base di cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone. Infine è stata messa a punto una macchina distributrice che dovrebbe migliorare la distribuzione e rendere più facile l adozione del metodo di difesa basato su cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone, l unico efficace oltre che il solo ad essere legalmente impiegabile in pieno campo. Introduzione A metà degli anni 90 in molte aziende del comprensorio frutticolo del sud Piemonte erano stati rilevati danni economicamente significativi provocati da arvicolidi a carico degli apparati radicali di giovani impianti di melo messi a dimora su portainnesti nanificanti. Le indagini condotte in campo avevano consentito di individuare l arvicola del Savi (Microtus savii de Sèl. Longchamps) quale agente responsabile dei danni all apparato radicale e con conseguente morte delle piante. Su soggetti di altre specie (actinidia e pesco) non erano stati evidenziati danni anche se nell interfila erano evidenti i fori provocati dall attività dell arvicola. Le prove di lotta effettuate all epoca, distribuendo nei fori esche trattate secondo la tecnica messa a punto dal Coordinatore scientifico, avevano dato buoni risultati. La popolazione in campo delle 68

2 arvicole era sensibilmente diminuita e di conseguenza i danni si limitavano ai soggetti posti su file perimetrali disposte lungo canali di irrigazione, fossi ecc. A distanza di circa 10 anni il fenomeno si è riproposto in molte aziende con danni economicamente significativi sia a carico della specie melo che in impianti di actinidia. Questo ha indotto il CReSO a riprendere la sperimentazione relativa al contenimento di questi animali, già condotta a metà degli anni 90. Prima di esaminare i risultati emersi nell ultimo triennio , è necessario ricordare quelle che sono le più importanti condizioni favorenti la diffusione del fenomeno. Esse sono le seguenti: - l inerbimento permanente su tutta la superficie del frutteto, fatto che costituisce una fondamentale fonte di approvvigionamento di cibo vegetale per le arvicole. - altre pratiche agronomiche che, pur nella loro corretta applicazione, possono al tempo stesso favorire la diffusione di questi roditori. Fra tutte queste il ricorso esclusivo all irrigazione localizzata che, seppur validissima nell ottimizzare le risorse irrigue, non concorre al contenimento del proliferare delle arvicole che vivono nel suolo. - la difficoltà di agire nell ambito dei frutteti da parte dei predatori alati, diurni e notturni. Le arvicole hanno in effetti molti nemici naturali fra gli animali vertebrati. Fra questi alcuni mammiferi quali la Volpe, il Tasso e la Donnola, solo per citare i più attivi nell area in oggetto e, fra gli uccelli rapaci diurni, la Poiana e, fra quelli notturni, il Barbagianni, l Allocco e il Gufo comune. Per quanto riguarda in particolare gli uccelli rapaci citati, nonostante una loro presenza relativamente soddisfacente, in certi periodi dell anno essi trovano difficoltà ad esercitare la loro azione predatoria nel frutteto in quanto fortemente ostacolati dalle coperture antigrandine. Dalle osservazioni condotte dalla rete di assistenza tecnica sembravano non più efficaci come un tempo le applicazioni con cariossidi di grano tenero imbevute di una soluzione oleosa a base del rodenticida anticoagulante Chlorophacinone secondo il protocollo a suo tempo definito. Inoltre, a causa del rinvenimento di fori di maggiori dimensioni, vi era il sospetto della presenza di una specie diversa da quella nota per la quale si ipotizzava una mancata efficacia del metodo. Lo scorso anno è stato avviato un progetto col quale è stato possibile: - verificare, sebbene sulla base di due soli esemplari, la presenza di una specie, l Arvicola scherman, di cui non era nota la diffusione nel nostro areale; - Verificare che la tecnica di difesa a base di cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone è ancora efficace; - Migliorare una macchina per la distribuzione meccanica dell esca. Questa operazione infatti pare essere l unico limite alla diffusione del metodo di difesa appropriato che viene visto come eccessivamente oneroso dagli operatori. Quest anno il progetto è proseguito per: - Confermare la presenza della nuova specie mediante il reperimento di altri esemplari; - Migliorare ulteriormente la macchina distributrice di esca che aveva presentato problemi nel meccanismo di rilascio dell esca; - Condurre un indagine tra le aziende che presentano problemi da arvicolidi per registrare le modalità di difesa comunemente messe in opera e soprattutto verificare se vi sono criticità imputabili al metodo di difesa basato sulle cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone. 69

3 Materiali e metodi Ricerche della nuova specie Per confermare la diffusione di una specie di cui non era nota la presenza negli impianti del nostro areale è stata innanzitutto allertata la rete dei tecnici operanti sul territorio affinché venissero segnalate presenze di arvicole apparentemente differenti da Microtus savii. Inoltre sono state acquistate 20 trappole modello Sherman per la cattura un campi infestati. Le trappole posizionate in prossimità dei fori e con un pezzo di mela all interno (come esca) erano controllate per la presenza di arvicole quotidianamente nel periodo da fine ottobre a metà dicembre. Il monitoraggio prosegue inoltre nei primi mesi del Macchina distributrice Il prototipo di macchina spalleggiata per la distribuzione meccanica dell esca è stata messa a punto in stretta collaborazione con l officina meccanica Gerbaudo di Villafalletto (CN). In particolare è stata simulata in campo l operazione di distribuzione nei fori e sono state suggerite le migliorie all artigiano che ha provveduto ad ideare e realizzare le soluzioni tecnologiche necessarie. Indagine nelle aziende L indagine è stata effettuata in una ventina di aziende del comprensorio frutticolo del sud Piemonte con particolare riferimento all area saluzzese dove più frequente è la segnalazione dei danni a carico dei giovani impianti di melo. È stato indagato mediante un modulo appositamente predisposto: - Il livello di infestazione dell anno in corso e degli anni precedenti chiedendo la presenza di fori, il danno registrato e la difesa messa in campo - Il tipo di difesa impiegato e, nel caso fosse impiegato il metodo basato sulle cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone, che tipo di grano, quale principio attivo, quale dose, che tipo di miscelamento, quante ore di impregnazione, come viene conservata l esca, come è distribuita e se vengono chiusi i fori dopo l intervento e quando. Risultati Ricerche della nuova specie Come accertato nelle precedenti sperimentazioni i responsabili del deperimento e della morte delle piante da frutto (principalmente melo ed actinidia) sono le arvicole, un gruppo morfologicamente ed etologicamente ben distinto dai normali topi (Topo domestico, Fig. 1, e Topo selvatico), più facilmente osservabili in tali contesti. La loro presenza infatti può essere rilevata solo notando la presenza di più o meno numerosi fori di sbocco in superficie delle gallerie sotterranee (Fig. 2) da esse scavate in continuazione e, nei casi più gravi, constatando il deperimento (fino al disseccamento) delle piante da frutto (Fig. 3) che, una volta estratte dal suolo, presentano l apparato radicale più o meno completamente decorticato. Infatti, a differenza dei comuni topi anzi ricordati, le arvicole vivono e si spostano prevalentemente entro complesse gallerie sotterranee da esse stesse scavate e frequentano il soprasuolo per brevi tratti, solo quando è presente una abbondante coltre di piante erbacee, della parte verde delle quali esse si nutrono prevalentemente e la cui assunzione è fondamentale per consentire la loro riproduzione. Allorché l erba viene improvvisamente a mancare, soprattutto per le gelate invernali, sono le radici delle piante da frutto ad essere attaccate e decorticate, spesso fino ad esserne condotte a morte. Va infine detto che per le arvicole, contrariamente a quanto accade per i topi e per i ratti (generalmente onnivori e che non attaccano mai gli apparati radicali delle piante legnose), non risultano appetibili esche tossiche che non siano a base di prodotti vegetali freschi (inclusi i semi di Graminacee). 70

4 La specie più importante, perché più diffusa e responsabile dei danni maggiori nel contesto considerato, è l Arvicola del Savi (Microtus savii, Fig. 4), un roditore di piccola taglia (circa 20 gr. di peso e 4-5 cm di lunghezza del corpo, esclusa la coda che è molto breve) presente in tutti i comprensori frutticoli peninsulari italiani. Ogni femmina è in grado di portare a termine 3-4 parti all anno (di norma nell arco della buona stagione), con nidiate di 2, eccezionalmente 3, individui ciascuna. Nel corso dell anno è stato possibile catturare 5 esemplari determinati di volta in volta dal coordinatore scientifico come Arvicola scherman (Shaw, 1801 Fig. 5). Si tratta della stessa arvicola definita lo scorso anno Arvicola terrestris sottospecie scherman che in seguito a recenti studi molecolari, è stata distinta da Arvicola terrestris e attribuita alla nuova specie A. scherman. L esatta identità di 2 esemplari è stata anche accertata mediate tecnica molecolare grazie alla collaborazione con il dott. Giovanni Amori del CNR di Roma. Questa specie è presente nei medesimi contesti (ma apparentemente in modo molto localizzato) ed è di taglia più grande dell altra (mediamente di gr. di peso, di circa cm di lunghezza, esclusa la coda che è lunga da 5 a 7 cm), ma è anch essa in grado di procurare alle piante da frutto danni identici a quelli derivanti dall Arvicola del Savi avendo anch essa costumi fossori e le stesse abitudini alimentari. Essa è una specie diffusa largamente al di là delle Alpi, in particolare nelle praterie montane dell Alta Savoia. Tale specie è più prolifica dell altra, giungendo a compiere fino a 4-5 parti all anno, di 3-7 piccoli ciascuno. Il comportamento delle due specie è simile: entrambe vivono prevalentemente in gallerie nel suolo cui fanno capo sbocchi verso l esterno che vengono aperti e richiusi di frequente. Gallerie lungo il decorso delle quali sono sistemati i nidi dove le femmine si sgravano e dove tutti gli individui si trattengono nelle fasi di inattività. È da notare che, in occasione di inverni miti, quando l erba non viene mai a mancare, le femmine più anziane di entrambe le specie possono continuare a riprodursi. Macchina distributrice La macchina è stata modificata a fine anno secondo le indicazioni da noi fornite ed è in prova presso un agricoltore. In particolare è stato migliorata l espulsione dell esca mediante una spinta a pressione. Per questo la macchina deve essere collegata ad un compressore, ad esempio quello comunemente impiegato per l utilizzo delle cesoie da potatura meccaniche. Indagine nelle aziende Siccome la lotta contro le arvicole condotta impiegando grano trattato con Chlorophacinone da distribuire nei singoli accessi alle tane di fronte a forti infestazioni può apparire in prima applicazione gravosa, soprattutto per un eccessivo impiego di manodopera, sono state e sono spesso accettate proposte di applicare metodi di difesa alternativi fatte da operatori commerciali evidentemente non bene informati della reale natura del problema. Tali metodologie talvolta pericolose e in ogni caso da evitare, non si sono rivelate efficaci o, quantomeno, non hanno ridotto il problema in misura soddisfacente a detta degli stessi agricoltori. Sono qui di seguito ricordate. - Innanzitutto la pratica di distribuire diversi tipi di esca, compreso grano con Chlorophacinone, sotto tegole poggiate al suolo, è da sconsigliare in quanto, pur offrendo un apparente soddisfazione all operatore per l eliminazione soprattutto di topi domestici e selvatici, proteggendo al tempo stesso l esca dal consumo di altri animali da salvaguardare, in realtà non risulta utile per risolvere il problema delle arvicole che, come è stato detto, si muovono prevalentemente per mezzo di gallerie e visitano la superficie solo per brevi tratti e per approvvigionarsi d erba. 71

5 - Inoltre, benché in effetti tutti gli anticoagulanti alternativi al Chlorophacinone (quali ad esempio Warfarin, Bromadiolone, Difenacoum, Flocoumafen, Brodifacoum, Difetialone) siano potenzialmente efficaci anche contro le arvicole, ciascuno di essi non è autorizzato per un impiego in pieno campo e quindi il suo uso è da considerarsi illegale. A ciò va aggiunto che anche se per molte esche tossiche pronte in commercio sia dichiarato in etichetta la loro efficacia anche contro le arvicole, ciò non corrisponde a verità e sono comunque tutte classificate come presidi medicochirurgici, cioè materiali legalmente utilizzabili solo contro ratti e topi in ambienti confinati (cioè all interno o in stretta adiacenza di edifici). - È soprattutto importante sapere che le formulazioni rodenticide dei principi attivi di cui sopra, confezionate in bustine, in pellets o in blocchetti paraffinati, sono concepite e studiate per combattere topi e ratti e sono poco o nulla appetibili per le arvicole. Queste ultime infatti, contrariamente a topi e ratti, non sono attratte dalle varie sostanze e aromi che in tali prodotti vengono aggiunti al principio attivo, ma preferiscono supporti alimentari il più possibile simili a quelli che possono reperire in natura (quali radici, frutta a polpa soda, granaglie intere, ecc) e rifiutano qualsiasi sostanza troppo elaborata. - Risulta anche che venga proposto l uso di un prodotto (Magtaupe della Degesch) a base di fosfuro di magnesio, utilizzato in Francia per la lotta alle talpe (che non sono arvicole e neppure roditori). Questo prodotto, che gassifica a contatto con l umidità, oltre ad essere altamente tossico per tutti i mammiferi (uomo compreso), non può essere di alcuna utilità per combattere le arvicole, in quanto per essere efficace deve saturare l ambiente dove è presente l organismo da uccidere. In realtà è impossibile saturare in campo aperto tutte le gallerie delle arvicole, non solo per il loro ragguardevole sviluppo, ma soprattutto per l impossibilità che queste si identifichino con un ambiente confinato. - Risulta altresì abbastanza diffuso l impiego di Calciocianamide distribuita alla base delle piante quale repellente per le arvicole. In realtà non esiste evidenza sulla veridicità di tale effetto repulsivo e, a dosi elevate tale sostanza rischia di rappresentare un pericolo per l integrità delle piante da difendere. Infatti, se sovra-dosata, la Calciocianamide, per il suo alto contenuto in azoto e fosforo, può risultare fortemente caustica per le piante stesse. Va poi detto che sono stati messi in atto anche tentativi di meccanizzare le operazioni di applicazione della granella avvelenata al di sotto della superficie del suolo, ma ognuno di essi presenta aspetti negativi o, quantomeno, peggiorativi nei riguardi di questa operazione. - Anzitutto lo spargimento della granella imbevuta di olio al Chlorophacinone in superficie con qualsivoglia dispositivo meccanico è assolutamente da evitare, sia per il grande pericolo che essa costituirebbe per la fauna selvatica sia perché l esca così distribuita finisce per non essere disponibile in misura adeguata per le arvicole che, come è stato detto, sono attive per massima parte nel sottosuolo. - Un altro tentativo meno devastante nei confronti delle specie non bersaglio, ma difficilmente applicabile nello specifico contesto e poco efficace è quello di cercare di distribuire l esca entro gallerie artificiali realizzate con macchine simili a seminatrici. In altri stati (Stati Uniti, Francia e Svizzera) sono stati in realtà messi a punto diversi prototipi di macchine del genere, per combattere specie diverse di roditori fossori, ivi incluse arvicole. Queste macchine, in realtà, riuscivano a creare gallerie rettilinee a circa cm. di profondità e a distribuire nel contempo granella o altra esca vegetale avvelenata. Tuttavia questi tentativi, che apparentemente non presentavano controindicazioni, soprattutto negli ambienti di prateria per i quali erano stati inizialmente concepiti, sono risultati alla fine favorire l ampliarsi delle infestazioni, a fronte di 72

6 risultati insoddisfacenti, in quanto è stato di volta in volta verificato che tali gallerie artificiali finiscono per essere utilizzate dalle arvicole come comode vie di rapido spostamento da un punto all altro della superficie trattata. Apparecchi analoghi sarebbero comunque di dubbia efficacia e difficilmente utilizzabili nei frutteti considerati, dove gli apparati radicali sono piuttosto superficiali e finiscono per occupare anche buona parte degli interfilari. - Un ultima pratica, condannabile per l impatto negativo sulla microfauna del terreno, che risulta adottata da qualche agricoltore, è l utilizzo di prodotti ad elevata tossicità e/o persistenza, quali il paraquat o l endosulfan. A parte il citato aspetto ambientale negativo e le recenti revoche di questi prodotti proprio per l aspetto tossicologico problematico, resta comunque il fatto che il loro utilizzo non ha mai risolto il problema in modo evidente e soddisfacente. Conclusioni Con le indagini sinora effettuate possiamo dire che: - Oltre a Microtus savii è effettivamente presente una specie, A. scherman, della quale era ignota in precedenza la presenza nei frutteti del comprensorio cuneese. È importante ricordare che, sebbene ignoriamo ancora l entità della sua diffusione, è ipotizzabile con un certo margine di certezza che essa non sia ugualmente distribuita su tutto il territorio e che M. savii resti la specie alla quale imputare la maggior parte dei danni agli impianti; - Dagli approfondimenti condotti risulta che la difesa consigliata per M. savii è altrettanto valida per A. scherman. Non sembrano pertanto necessari approfondimenti sulla difesa; - Dall indagine sono emerse modalità di difesa pericolose e illegali oltre che inappropriate: con la diffusione di una nota informativa recante i risultati dell indagine ci auguriamo di disincentivare tale pratiche e promuovere la tecnica a base di cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone. - Lo sviluppo della nuova macchina distributrice dovrebbe migliorare la distribuzione e rendere più facile e soprattutto più economica l adozione del metodo di difesa basato su cariossidi di grano imbevute di Chlorophacinone che è l unico efficace oltre che il solo ad essere legalmente impiegabile in pieno campo. Si intende qui ricordare che il metodo di difesa per ridurre la presenza di entrambe le specie, che non ha mai mancato negli anni recenti di fornire risultati soddisfacenti, laddove applicato correttamente, è quello che si basa sulla distribuzione, nei fori nel suolo praticati dalla arvicole, di cariossidi di grano tenero imbevute di una soluzione oleosa a base del rodenticida anticoagulante Chlorophacinone. Il CReSO a metà anni 90 e, più recentemente, nel 2005 e 2006, ha condotto prove accurate e verifiche ripetute di questa metodologia, riportando ogni volta risultati più che soddisfacenti. Qui di seguito si forniscono le indicazioni per la preparazione e la distribuzione dell esca tossica: La preparazione. Mescolare accuratamente per almeno 5 minuti 1Kg di cariossidi intere di grano tenero fresco di buona qualità con 21 ml di Chlorophacinone, in formulazione di olio concentrato (allo 0,25%) (fig. 6). È necessario quindi lasciare a riposo il preparato per almeno 24 h affinché l olio tossico possa essere assorbito fino alla parte interna della cariosside. Da notare che le arvicole non consumano la parte corticale del seme, che scartano, ma solo la parte amilacea interna. È quindi importante che il principio attivo penetri a fondo. La distribuzione. Per distribuire all interno di ciascun sbocco di galleria individuato una piccola dose del preparato tossico (circa 20 gr.) occorre avvalersi di un semplice strumento che funga da 73

7 cucchiaio e che può essere realizzato anche estemporaneamente, come, ad esempio, un segmento di canna comune di circa 2-3 cm di diametro (ved. fig. 7) o una paletta. È importante distribuire tutta la granella tossica ben all interno del foro, evitando di lasciare una parte dell esca sparsa in superficie. Per favorire una più facile individuazione dei fori da trattare, può risultare utile il diserbo sulla fila, come diremo in seguito, o, ove disponibile, l uso di un rastrella-rami o di una spazzolatrice per rimuovervi il fogliame. Il periodo migliore per questo tipo di intervento è il tardo autunno e l inverno, fino alla ripresa vegetativa dei fruttiferi. In questo arco di tempo, infatti, le arvicole trovano più difficilmente alimenti erbacei e sono più facilmente attratte dall esca a base di cariossidi che risulta comunque appetita. È consigliabile effettuare due distribuzioni successive nell arco di un paio di settimane. Dopo di che è necessario effettuare un ulteriore passaggio per chiudere, con la pressione del tacco della scarpa, tutti i fori trattati. Dopo una ulteriore settimana è necessario controllare il numero dei fori riaperti, numero che ci darà un idea del grado di successo dell operazione. Un valore accettabile, che possiamo considerare come limite superiore della soglia di danno, è la presenza residua di fori a ettaro. È necessario tener presente che dopo i primi interventi su una popolazione estesa che sta facendo danno e che non è stata mai trattata, negli anni successivi, eseguendo una attenta opera di monitoraggio, gli interventi possono essere molto più rapidi in quanto miranti a intervenire solo su eventuali nuovi focolai, cioè gruppi di nuovi buchi che qua e là tendono a ricomparire. È essenziale, pertanto, dopo un primo risultato utile conseguito, non dimenticarsi del problema ed effettuare con una frequenza almeno mensile, un controllo della evoluzione della situazione. Ciò consentirà di evitare il formarsi piano piano di nuove infestazioni estese, con relativi danni e maggiori costi per la disinfestazione. In altre parole è importante non interrompere gli interventi negli anni a seguire anche a fronte di assenza di danno per evitare recrudescenze del problema come in taluni casi si è verificato. Nel corso del 2007 il CReSO ha svolto un indagine tra gli agricoltori per verificare se il metodo appena descritto, a suo tempo già consigliato, fosse un metodo ancora valido o se presentasse dei motivi di insoddisfazione anche per chi lo ha sempre impiegato correttamente. Le indicazioni raccolte hanno evidenziato che le aziende che hanno sempre impiegato questo metodo in modo corretto e con costanza, riescono a non avere più danni agli impianti pur in presenza di un numero esiguo di fori. Tali aziende confermano la gravosità del metodo, almeno nelle sue fasi iniziali, ma ritengono risarcito l impegno grazie ai risultati ottenuti. Alcune pratiche colturali, sebbene non sostitutive, ma solo integrative dell impiego di esca anzi descritta possono invece risultare utili al contenimento delle infestazioni. Esse vengono qui di seguito elencate: Lavorazione del terreno: se il tipo d impianto consente l operazione, la scalzatura sulla fila distrugge una parte delle gallerie in prossimità dei fruttiferi arrecando disturbo alle arvicole. Occorre però prestare attenzione alla profondità di lavorazione per non rovinare gli apparati radicali, in particolare negli impianti di 2-3 anni di età con apparati radicali non molto estesi. L irrigazione: laddove possibile, ricorrere di tanto in tanto all irrigazione a scorrimento può risultare utile in quanto vengono inondate le gallerie ed in particolare vengono affogate le nidiate. Questa importante azione di disturbo è tuttavia concentrata solamente nell interfilare mentre la fila, specie se rincalzata, può rappresentare in queste occasioni una zona di rifugio per le arvicole adulte. Il diserbo: questa pratica non ha un effetto diretto sul contenimento delle arvicole (ved. sopra) ma è utile nel mantenere pulito l appezzamento al fine di poter localizzare meglio i fori di apertura 74

8 freschi fatte dalle stesse. E consigliabile, qualora non si fosse optato per la scalzatura del filare di fine stagione, intervenire in autunno prima delle brinate mattutine. Una curiosità, suffragata però da molte osservazioni comprese quella del settore di frutticoltura biologica del centro sperimentale Laimburg in Alto-Adige, è rappresentata dal fatto che gli impianti frequentati da animali domestici (ad. esempio alcune razze di cani) risultano spesso esenti da danni imputabili ad arvicole. È necessario infine far rilevare che il Chlorophacinone è l unico principio attivo rodenticida oggi impiegabile legalmente e con successo in campo aperto, contro le arvicole. Nonostante questo, la revisione europea degli agrofarmaci ( Biocidi ) ne prevede la revoca a partire da inizio 2009, a meno che, su sollecitazione delle varie organizzazioni agricole nazionali che ne conoscano l utilità e l attuale sua insostituibilità, da parte della Casa produttrice venga presentata istanza di riconoscimento della sua essenzialità. Ciò, come già accaduto in Spagna, in Francia ed in Germania, potrebbe consentire di ottenere l autorizzazione ad usarlo ancora in futuro, oltre il Fig. 1 Fig. 4 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 5 Fig. 6 Fig. 7 75

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Daniele Demaria 1, Giuseppe Monge 1, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Guglielmo Costa 2 1 CReSO Consorzio

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

ScappaTopo. Il Bio-repellente per topi LIBERA DAI TOPI

ScappaTopo. Il Bio-repellente per topi LIBERA DAI TOPI ScappaTopo Il Bio-repellente per topi Premio Regione Lazio Azienda più innovativa per la Green Economy Premio Best Practice Up Start 2014 Confindustria Salerno 1 Premio Idea Innovativa Industria Camera

Dettagli

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori Marco Mingozzi Giovanni Zambardi Le Officine Mingozzi si occupano della costruzione, sperimentazione ed espansione dei campi

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI

Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Allegato parte integrante MISURE PER L'IMPIEGO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI NELLE AREE FREQUENTATE DALLA POPOLAZIONE O DA GRUPPI VULNERABILI Articolo 1 Principi e quadro normativo di riferimento

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

Servizi e prevenzione sul tema antincendio

Servizi e prevenzione sul tema antincendio Servizi e prevenzione sul tema antincendio Ogni azienda ed ogni istituzione deve essere necessariamente formata sul tema antincendio, non a caso nella moderna ed evoluta società la prevenzione lavorativa

Dettagli

Nota Tecnica n.19 del C.R.A.

Nota Tecnica n.19 del C.R.A. X Dipartimento del COMUNE DI ROMA via Cola di Rienzo 23 00192 ROMA Roma 7 maggio 2002 Protocollo n.9543 del X Dipartimento Nota Tecnica n.19 del C.R.A. da Fabrizio Calabrese Consigliere Tecnico del C.R.A.

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52

Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Estratto dal settimanale Terra e Vita n. 16/2004, pagg. 51-52 Ve.Pro.L.G. Esempio d applicazione del software, nell assistenza tecnica per ottimizzare l impiego di acqua e di energia negli impianti di

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

La gestione della difesa in orticoltura biologica

La gestione della difesa in orticoltura biologica Roma, 16 ottobre 2007 La difesa delle colture in agricoltura biologica La gestione della difesa in orticoltura biologica Sergio Gengotti ASTRA - Innovazione e sviluppo CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

SCHEDA TECINCA. BROMOTOP (esca fresca) 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti:

SCHEDA TECINCA. BROMOTOP (esca fresca) 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti: SCHEDA TECINCA BROMOTOP (esca fresca) 1 IDENTITA DEL PRODOTTO 1.1 Denominazione: Esca rodenticida pronto all uso. 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti: Bromadiolone: 0.005

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Linee tecniche di DIFESA INTEGRATA per l anno 2015 NORME GENERALI Le Linee Tecniche di difesa integrata predisposte dalla Provincia Autonoma di Trento e approvato dal Gruppo

Dettagli

Dr.ssa Chiara M. Dassi

Dr.ssa Chiara M. Dassi Topi e ratti in ambiente urbano Dr.ssa Chiara M. Dassi Un ombra segue l umanità: il topo G. Dassi, Un tesoro di Isole, Morgan Edizioni Tecniche I RODITORI TOPO SPECIE: Mus domesticus (topolino domestico)

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Cascina San Vittore in Canale Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Azienda agricola aderente al progetto Operation Pollinator Premessa La perdita

Dettagli

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso.

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso. Istruzioni per la pulizia e la conservazione dei pavimenti PANDOMO Terrazzo Indicazioni preliminari Una cura periodica e adeguata, così come una protezione specifica dei pavimenti pandomo TerrazzoBasic,

Dettagli

dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia B. Ubertini

dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia B. Ubertini Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini Indagini tossicologiche 2011-2012 Regione Emilia Romagna Dott. Alberto Biancardi, Dott.ssa Elena Faggionato, Dott.

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

Note sull agricoltura meridionale

Note sull agricoltura meridionale Note sull agricoltura meridionale Antonio Stola NOTE SULL AGRICOLTURA MERIDIONALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Antonio Stola Tutti i diritti riservati Vorrei dedicare questo mio lavoro

Dettagli

Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina. Premessa del traduttore:

Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina. Premessa del traduttore: Analisi dell impatto sull entomofauna delle trappole selettive impiegate contro Vespa velutina Premessa del traduttore: Con la presente traduzione abbiamo voluto portare all attenzione del lettore italiano

Dettagli

FREEPCB LIFE 03 / ENV / IT/000321. OSCAR DEL BARBA ARPA Lombardia

FREEPCB LIFE 03 / ENV / IT/000321. OSCAR DEL BARBA ARPA Lombardia LIFE 03 / ENV / IT/000321 Eliminazione di PCBs (bifenili policlorurati) dalla catena alimentare con tecniche di Bioremediation applicate a superfici agricole Milano, 12 settembre 2006 OSCAR DEL BARBA ARPA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

REGIONE LAZIO. BANDO PUBBLICO MISURA 10 Pagamenti Agro-climatico-ambientali

REGIONE LAZIO. BANDO PUBBLICO MISURA 10 Pagamenti Agro-climatico-ambientali REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA (In attuazione del Regolamento (UE) N. 1305/2013) BANDO PUBBLICO

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Linea Guida sulla buona pratica d uso delle esche rodenticide ad uso biocida nell Unione europea EBPF. European Biocidal Products Forum

Linea Guida sulla buona pratica d uso delle esche rodenticide ad uso biocida nell Unione europea EBPF. European Biocidal Products Forum Linea Guida sulla buona pratica d uso delle esche rodenticide ad uso biocida nell Unione europea EBPF European Biocidal Products Forum Indice dei contenuti 1. Introduzione 2. Comportamento dei roditori

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura

Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura Uso sostenibile dei fumiganti per il contenimento dei patogeni terricoli in orticoltura LIFE08 ENV/IT/00432 Paola Colla, M. Lodovica Gullino Centro di Competenza per l innovazione in campo agro-ambientale

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Area Servizi al Territorio Suzzara, 17/06/2014 Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Il Comune di Suzzara ha coordinato nei giorni scorsi le operazioni di accertamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

Lombardia Low cost. Frutta e verdura

Lombardia Low cost. Frutta e verdura Progetto realizzato nell ambito del Programma generale di intervento 2009 della Regione Lombardia con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Alla ricerca della qualità Supermercato

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 40b - 003 GANCI MR INFERIORE E SUPERIORE AD ATTACCO

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Contanti, tracciabilità, fisco, banche, legalità. I risultati di un indagine campionaria realizzata sulle imprese

Dettagli

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica OGGETVO: Brevettazione dl un perfezionamento riguardante I pressatori per mescolatori dl gomma Egregio dottore, Le invio una breve relazione

Dettagli

Esperimenti in vaso: disegni a randomizzazione completa

Esperimenti in vaso: disegni a randomizzazione completa Esperimenti in vaso: disegni a randomizzazione completa Andrea Onofri 10 marzo 2015 Indice 1 Disegno sperimentale 2 2 Analisi dei dati 3 2.1 Analisi della varianza (ANOVA).................. 4 2.2 Errore

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN 21/03/2015 Riservato 2 La nostra idea Partendo da un nucleo ridotto di aderenti al Gas, abbiamo pensato di cambiare ruolo:

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI

PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI PROGRAMMA FORMATIVO CORSI BASE E DI AGGIORNAMENTO PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI E CONSULENTI DEI PRODOTTI FITOSANITARI (COME STABILITO DALL ARTICOLO 6 DEL D.LGS 14/08/2012, N. 150 RECANTE: ATTUAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.lgs 214/2005 Criteri di monitoraggio e di gestione delle infestazioni dell organismo

Dettagli

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l.

Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria. Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Agenti biologici Agenti chimici Sorveglianza sanitaria Dott.ssa Claudia Berti New Servit S.r.l. Rischio da agenti biologici Normativa Titolo X del D. Lgs. 81 del 9 aprile 2008 Agente biologico definizione:

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.5 Coltivazione delle varietà

Dettagli

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE Progettazione della sicurezza antincendio IL CONTESTO DPR 151/2011! semplificazione dei procedimenti di prevenzione incendi DOPO: necessità di ulteriore snellimento

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA)

Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA) BION 50 WG Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA) BION 50 WG ha ottenuto la registrazione di emergenza fitosanitaria ai sensi dell art. 53,

Dettagli

Disugual: molto più che pet food nuova linea di alimenti di altissima qualità per cani e gatti filosofia amore e passione profonda per gli animali

Disugual: molto più che pet food nuova linea di alimenti di altissima qualità per cani e gatti filosofia amore e passione profonda per gli animali Disugual: molto più che pet food Disugual è una nuova linea di alimenti di altissima qualità per cani e gatti destinata a lasciare il segno nel cuore degli amanti degli animali. Disugual infatti non è

Dettagli