Tecniche per il Restauro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche per il Restauro"

Transcript

1 Tecniche per il Restauro arch. Luisa De Marco Corso di laurea in Restauro Architettonico AA dicembre 2004

2 Insieme di operazioni e attività volte alla preparazione del manufatto da restaurare a ricevere gli interventi previsti per la sua conservazione, nonché delle opere necessarie ad assicurare il sostegno degli elementi pericolanti e ad operare in sicurezza. Esse includono: puntellature sbadacchiature protezioni provvisorie sostegni provvisori ponteggiature e allestimento area di cantiere documentazioni preliminari (foto, disegni, misurazioni, saggi, campionature) rimozioni, demolizioni, smontaggi Corso di T e c n i c h e d i R e s t a u r o - arch. Luisa De Marco

3

4

5

6

7 Castello Fieschi - Torrig

8 Castello Fieschi - Torriglia Alte Pinakotek / Monaco di B Frauen Kirche - Dresda

9 Castello Fieschi - Torriglia Alte Pinakotek / Monaco di B Frauen Kirche - Dresda

10 Sostegno e protezione balaustrata - Padova Sostegni semipermanen Padova Centinatura - ponti - Venezia

11 Via San Lorenzo: intervento di rifacimento della pavimentazione e di manutenzione straordinaria delle facciate.

12 Frauen Kirche - Dresda

13 RIMOZIONI: Insieme di interventi volti a rimuovere o demolire parti costruttive perché instabili, pericolanti e non più riparabili.

14 Insieme di interventi volti a separare e rimuovere temporaneamente manufatti o parti di essi in vista di un loro rimontaggio o riassemblaggio sul posto o altrove.

15 Scopo delle puliture è la rimozione di sostanze estranee dalla superficie di un manufatto. Alle puliture si associano, in genere, le desalinizzazioni, il cui scopo è la rimozione dei sali di neoformazione dalle superfici e dalla porosità dei materiali, e alcuni tipi di disinfestazioni, il cui scopo è la rimozione di infestazioni biologiche e l inibizione della loro successiva formazione. Nel campo del restauro, le operazioni di pulitura devono puntare a mantenere: l integrità fisica del manufatto; eventuali finiture di superficie, incluse le lavorazioni e le finiture, le patine che, nel tempo, si sono formate e che hanno assunto u significato artistico o storico o una funzione protettiva; l identità chimico-mineralogica del materiale. da La conservazione dei materiali la (Vasco Fassina Franco Vian La pulitura deve essere GRADUABILE, SELETTIVA E NON DANNOSA.

16 Prodotti e procedure in uso nella pulitura devono possedere, per quanto possibile, le seguenti caratteristiche: non essere reattivi nei confronti dei materiali da conservare; non provocare danni meccanici al manufatto (come erosioni, decoesion distacchi, fessurazioni ecc.); non lasciare sulla superficie del manufatto o al suo interno residui permanenti o sottoprodotti di reazione potenzialmente dannosi per la su conservazione; assicurare il massimo controllo nella velocità di azione, in modo che l operazione possa essere bloccata in qualsiasi momento; dar luogo ad una superficie il più possibile liscia e non rugosa; evitare la formazione di microfessure nella superficie trattata. da La conservazione dei materiali la (Vasco Fassina Franco Vian

17 I sistemi di pulitura sono generalmente suddivisi in: sistemi meccanici e fisico- meccanici sistemi fisici laser ultrasuoni... con spazzole/ penn bisturi vibroincisori/ microf sabbiature gommage microsabbiature... sistemi chimico- fisici sistemi chimici con impacchi+solventi per immersione con uso di enzimi... Idrosabbiature acqua nebulizzata/ atomizzata spray d acqua+vapo spazzole/ pennelli+ solventi Jos rispetto al principio di azione su cui si basano.

18 A bisturi Con microfres Per spazzolatura Con martelletti

19 La spazzolatura si basa sull azione abrasi delle setole di spazzole e spazzolini che riescono ad incidere e ad asportare i depositi (incoerenti e parzialmente coerenti) grazie allo strofinamento impre manualmente o mediante un motore (spazzole rotanti). Si usa per la pulitura di superfici di diver natura per rimuovere depositi incoerenti parzialmente coerenti. Non presenta particolari difficoltà di esecuzione, può essere usata a secco e a umido. La scelta del tipo di spazzola è associata alla natura del deposito da rimuovere e allo stato di conservazione del substrato. La spazzolatura è spesso usata in associazione con sistemi di pulitura di tipo chimico, per asportare i depositi ammorbiditi e per le rifiniture.

20 La pulitura con bisturi si basa sul fatto ch la sua lama, sottile e tagliente, può esse inserita tra lo strato da rimuovere e il supporto. La materia sovramessa viene rimossa facendo leva. Può anche essere usato come raschietto. Il metodo può essere estremamente selettivo, soprattutto se associato all uso del microscopio binoculare per ingrandir la parte sottoposta a pulitura. Si impiega per rimuovere strati sottili e molto aderenti al substrato, com depositi molto aderenti o tinteggiature, è infatti usato per riportare in vi fasi pittoriche obliterate da tinteggiature successive. Il bisturi va usato orientandolo parallelamente alla superficie e proceden scalzando i depositi dal substrato o assottigliandoli progressivamente. La pulitura a bisturi si usa soprattutto per piccole aree di intervento, in quanto richiede tempi lunghi di esecuzione.

21 La sabbiatura a secco sfrutta l azione abrasiva di polveri sospese in un getto aria compressa, emesso a pressioni variabili contro la superficie da pulire a mezzo di una lancia metallica. Parametri che incidono nell applicazion della tecnica sono: Tipo, quantità, dimensioni e forma abrasivo Pressione del getto Distanza dell ugello dalla superficie Angolo di impatto dell abrasivo Per assicurare la controllabilità dell azione, gli effetti abrasivi devono essere lenti e la sezione del getto abrasivo deve essere piccolo (po mm2) e ulteriormente riducibile. Va impiegato su incrostazioni e croste spese e su substrati in buono stat di conservazione.

22 E sempre opportuno eseguire alcune indagini prima durante e dopo gli interventi di pulitura allo scopo di: verificare le condizioni del substrato prima e dopo l intervento Verificare l efficacia del trattamento Accertarsi che non produca danni al substrato durante l esecuzione In base al principio funzionale di base, alla natura sostanze solventi al tipo di deposito o incrostazione da eliminare e alle caratteristiche allo stato conservativo del substrato, sono diverse le indagini utili per definire modi e tempi delle puliture: Osservazioni sulla morfologia della superficie (microscopio ottico e SEM Misure della rugosità della superficie Resistenza all attrito radente (puliture meccaniche) Misure di assorbimento capillare Misura della porosità del materiale Misura del contenuto di sali solubili Contenuto di sali nelle acque reflue delle puliture

23 L.a.s.e.r.*: classe di sorgenti di radiazione elettromagnetica che emettono un fascio di luce monocromatica, coerente e collimata. La pulitura laser si basa sull elevato e rapido riscaldamento della superficie colpita dal raggio che, in base al tipo di apparecchio laser provoca la vaporizzazione o l improvvisa espansione dello strato riscaldato, con conseguente distacco dal substrato. Il metodo è caratterizzato da alta selettività e precisione e consente di rimuovere lo sporco da superfici anche molto degradate. La pulitura laser è efficace soprattutto quando esiste una forte differenza nel caratteristiche chimico- fisiche e cromatiche tra deposito e substrato,ad es. p croste nere su marmi o altre pietre chiare. L uso su superfici dipinte o materi diversi da quelli lapidei è stato sperimentato ma pone ancora alcuni problem applicativi. Per migliorare i risultati dell azione ablatrice si possono bagnare le superfici d trattare, in quanto l acqua abbassa il punto di vaporizzazione delle sostanze d asportare. *light amplification by stimulated emission of r

24 Prima di effettuare una pulitura con il sistema laser è opportuno conoscere proprietà ottiche, termiche e meccaniche delle sostanze da asportare, dei materiali del substrato e delle superfici da trattare. A tal fine è possibile eseguire una serie di prove, tra cui: Osservazione al microscopio, Indagini mineralogico-petrografiche, Riflettometria ottica Colorimetria Rugosimetria Sulla base dei risultati dei saggi è possibile accertare se il metodo è applicabile e definire i parametri dell intervento: Il tipo di apparecchiatura laser da usare (a impulsi lunghi e bassa energia SFR o impulsi più brevi e alta energia radiante - QS), la lunghezza d onda la fluenza (rapporto tra energia della radiazione e superficie irraggiata) della radiazione. Definiti i parametri è opportuno svolgere alcuni saggi di pulitura di verifica e taratura dell applicazione. Dopo l intervento è possibile verificare lo stato delle superfici mediante analisi di cui sopra.

25 Impacco con AB57 Impacco con carbonato d ammonio e polpa di cellulosa Impacco con carbonat d ammonio e polpa di cellulosa Impacco con sepiolite

26 Impacco con AB5

27 Impacco con carbonato d ammonio e polpa di cellulosa

28 Impacco con sepiolite

29 Le puliture ad impacco sono puliture di tipo chimico. In esse il solvente è posto a contatto con la superficie da trattare per mezzo di una poltiglia c aderisce al supporto. Essa può essere costituita a polpa di cellulosa, argil carbossimetilcellulosa o silice micronizzata. L azione degli impacchi si esplica in due fasi: 1) solubilizzazione dei composti di deposito; 2) assorbimento di quanto disciolto nell impacco, grazie al progressiva evaporazione dell acqua o del solvente. Negli impacchi di argilla, il potere adsorbente dell argilla (attapulgite o sepiolite) favorisce la migrazione delle sostanze disciolte dal solvente e deg ioni dei sali dal substrato verso l impacco. Fasi di applicazione: Preparazione impacco Stesura fogli di carta giapponese su superficie da trattare Stesura dell impacco; per aree estese è possibile usare reti di plastica per sostenerlo Protezione impacco con fogli di polietilene A impacco essiccato, rimozione dello stesso e rifinitura superficie. Sono impiegati su depositi carboniosi coerenti ma non troppo spessi, altrime è necessario ripetere più volte l operazione.

30 La pulitura con impacco biologico sfrutta l azione di colonie di nitrobatteri sviluppate da una soluzione acquosa di glicerina e urea, supportata da argilla. I batteri contribuiscono alla solubilizzazione del gesso e degli altri leganti delle croste nere. A questa componente si associa la decomposizione dell urea in anidride carbonica e ammoniaca, composti in grado di reagire con i minerali costitutivi dei materiali lapidei. Il bio-pack è usato per la rimozione di depositi carboniosi coerenti e d un certo spessore. Si ricorre ad una sola applicazione applicata per periodi piuttosto lunghi (30-40 gg). Al termine può essere opportuno un trattamento con biocida per bloccare l azione dei batteri ed evitare lo sviluppo di biodeteriogeni.

31 Gli impacchi con carbonato di ammonio sfruttano l azione desolfatante questa sostanza. Esso infatti reagisce con il gesso dando luogo a solfato ammonio e carbonato di calcio. L impacco inoltre agisce sullo strato da rimuovere ammorbidendolo e facend rigonfiare e distaccandolo dal substrato. E utilizzato per rimuovere prodotti proteici e croste nere su marmi e intonac Le fasi operative sono: Preparazione del supportante mediante imbibizione con acqua distillata fin ad ottenere una pasta Addizione di carbonato di ammonio nella proporzione di 1/3 del peso dell impasto Apposizione di fogli di velina sulla parte da trattare Stesura dell impacco e protezione mediante fogli di polietilene o di allumini Rimozione dell impacco e successivo lavaggio. Per controllare meglio l azione pulente è opportuno stendere l impacco su ar di piccola estensione. Limiti d uso sono determinati dalla presenza di pigmenti a base di rame (malachite azzurrite), il quale reagisce col carbonato d ammonio e provoca viraggio del colore.

32 Le puliture e la desolfatazione sono state eseguite con impacchi di carbonato di ammonio (associato al consolidamento con idrossido di bario resine a scambio ionico (zone con pigmenti a base di rame) Solventi organici (per rimuovere i protettivi acrilici)

33 La pulitura con acqua nebulizzata si basa sull azione solvente ed emolliente dell acqua. Questa viene ridotta in finissime goccioline che penetrano all interno degli strati di deposito superficiale, solubilizzandolo. E una pulitura graduabile e non provoca la formazione di sottoprodotti dannosi per il substrato. La p. con acqua nebulizzata si avvale di una serie di ugelli posti a intervalli regolari da cui viene che nebulizzano l acqua. E adatta per la pulitura di pietre silicatiche e calcari teneri e compatti e su elementi scolpiti. Può risultare inadatta su pietre molto porose. Deve essere effettuata in estate e comunque con temperature esterne non inferiori ai 17. La pulitura procede per fasce orizzontali dall alto verso il basso. Nella pulitura con acqua atomizzata, il getto d acqua è associato ad aria, accorgimento che diminuisce la dimensione delle goccioline e questo aument superficie specifica dell acqua, consentendo una riduzione di consumi.

34 La tecnica sfrutta la capacità solvente dell acqu per rimuovere incrostazioni carboniose o altri depositi aderenti. Si avvale di ugelli usati per impianti di irrigazio o orticoltura. Questo tipo di pulitura ha il vantaggio di non richiedere impianto fisso ma richiede un accur selezione degli ugelli per garantire la gradualit selettività dell operazione. la pulitura va attuata dall alto verso il basso non va eseguita durante la stagione fredda, il getto non deve essere orientato direttame contro la superficie. Una variante della tecnica è costituita dall associazione con il vapore. In questo modo si riduce la quantità d acqua necessaria per la pulitura e attenua la variazione di temperatura prodotta dal vapore.

35 La tecnica è una variante della sabbiatura a secco. La tecnica sfrutta l capacità abrasiva di granuli sospesi in acqua e in quella solvente ed emolliente dell acqua. L azione è prodotta da una miscela di acqua aria e inerti fini, spruzzata sulla superficie da pulire a bassa pressione. L azione in questo caso è però prevalentemente di tipo meccanico. Il metodo è meno aggressivo della semplice sabbiatura a secco. Esso consente la rimozione di depositi di varia natura e incrostazioni carboniose di una certa consistenza. E impiegabile su pietre silicatiche e calcaree compatte, poco porose e in buono stato di conservazione. Non comporta la produzione di polveri nocive per gli operatori.

36 L efficacia del metodo migliora se prima il deposito viene ammorbidito mediante semplice nebulizzazione. Per eseguire in modo controllato la pulitura occorre tener conto di alcuni parametri per l esecuzione dell intervento: Quantità, dimensione, forma e durezza dell abrasivo Pressione del getto Distanza dell ugello dalla superficie. Il metodo liquabrade è una variante più delicata delle normali idrosabbiature e può essere impiegato, se ben controllato, anche su calcari teneri o paramenti scolpiti.

37 enomeni presenti Croste nere solfatazione Depositi coerenti e aderenti erosione Microfratturazioni della superf

38 La pulitura è stata eseguita con: Microsabbiatura di precisione con microsfere di carbonato di calcio come abrasivo. Impacco con AB57 (bicarbonato d ammonio, EDTA, desogen, carbossimetilcellulosa, acqua) per le parti più fragili e rifinitura a microsabbiatura Le parti aggredite da croste nere e con problemi di disgregazione sono state preconsolidate.

39 La tecnica rappresenta una evoluzione della microsabbiatura. Il metodo si basa sulla emissione di una miscela di aria e abrasivi (a secco), o aria, acqua e abrasivi (a umido), in cui il la traiettoria delle particelle è elicoidale. Questo consente alle particelle di colpire la superficie da pulire tangenzialmente, riducendo l impatto sulla superficie e agendo per strofinio. Il metodo è graduabile selettivo e molto delicato e può essere usato su metalli, legno, mosaici, pitture murali.

40 Pulitura della facciata con sistema Jos Stato della superficie della pietra croste nere, che si riscontrano prevalentemente in zone protette, non soggette a dilavamento; Depositi coerenti, spesso accompagnata da puntinature scure; solfatazione: in zone soggette a moderato dilavamento; Presenza di patine ad ossalato biofouling (presenza di alghe e specie fungine). Il metodo è stato impiegato con un abrasivo tenero (particelle globulari di carbonato di calcio in quanto assicurava gradualità e selettività, tenuto conto della presenza di tracce di coloriture.

41 Scopo delle desalinazioni è la riduzione del contenuto di sali solubili degli strati superficiali o profondi dei materiali. Può avvenire per lavaggio o mediante imp Desalinazione a impacco

42 La tecnica si basa sulla capacità di determinate sostanze di scambiare ioni con lo strato da eliminare, svolgendo un azione pulente. Il processo di scambio non comporta alcuna trasformazione permanente di queste sostanze che possono essere riattivate mediante passaggio in un liquido contenente lo ione di cui si devono ricaricare. Le resine a scambio ionico si distinguono in anioniche e cationiche. Le resine anioniche possiede ioni negativi incorporati nella struttura e quind può scambiare ioni positivi, viceversa per le r. cationiche. Le r. a scambio ionico: liberano ioni che conferiscono localmente acidità o basicità Scindono i sali Sono usate per: Eliminare solfati Rimuovere scialbature a base di calce Rimuovere patine ad ossalati Rimuovere la caseina Le procedure di applicazione sono simili a quelle dell impacco.

43 La disinfestazione ha l obbiettivo di eliminare piccoli anim come topi, uccelli, insetti, o vegetali che siano dannosi o invadenti mediante sistemi di lotta diversificati. I metodi di disinfestazione si distinguono in: sistemi chimici Si basano sull impiego di sostanze tossiche che, applicate in modo divers arrestano i processi vitali degli organismi parassiti (a spruzzo a pennello, iniezione, sottovuoto, a pressione, ecc.). Sistemi fisici Ricorrono alla variazione dei parametri ambientali fondamentali (temperatura, umidità e pressione) per uccidere gli infestanti. In uso soprattutto contro gli insetti (mediante calore, sottovuoto, atmosfera modificata, radiazioni ionizzanti, ); Sistemi meccanici Sono basate sulla rimozione manuale o mediante strumenti adatti (bistur raschietti, cesoie, ) delle forme vitali che inducono il degrado.

44 Sinteticamente, tra i danni più comuni provocati dagli infestanti ricordiamo: alghe Licheni Muschi e piante superiori azione coprente meccanica e corrosiva e creazione di ambiente adatto per altre infestanti copertura, decoesione, fratturazione, corrosione copertura, azione disgregante Insetti (legno) diminuzione della resistenza per asporto di materia Muffe (legni) trasformazione della struttura del legno volatili produzione di depositi aggressivi per i materiale e favorevoli all insediamento di altre infestanti Per valutare il grado di pericolosità delle piante superiori è stato definito l indice di pericolosità per i manufatti architettonici per diverse specie Esso varia da 0 a 10.

45 Prima di procedere ad interventi di disinfestazione, occorre: valutare il tipo di infestazione e il grado di pericolosità per la conservazione del manufatto Comprendere se è possibile agire sui parametri e sulle condizioni ambientali per eliminare o ridurre l azione degli infestanti Valutare le condizioni di conservazione del manufatto da trattare, anch con riferimento ad altri fenomeni di degrado Effettuare test di laboratorio per valutare l efficacia di prodotti disinfestanti sulle specie individuate sul manufatto e prove in situ, per determinare dosaggi e durata delle applicazioni ed eventuali effetti collaterali.

46 I sistemi di disinfestazione sono numerosi, tra essi si ricordano: Eliminazione meccanica (vegetali inferiori e superiori) Applicazione di biocidi - a immersione -a pennello - a spruzzo - pressione o sottovuoto -a iniezione - a impacco Fumigazione con gas tossici Variazione dei parametri ambientali (luce, umidità, temperatura) Eliminazione animali mediante trappole Trattamento con il calore Irradiazione con raggi gamma Trattamento in atmosfera modificata

47 Le sostanze biocide devono possedere le segeuenti caratterstiche: Essere incolori o trasparenti Essere poco solubili all acqua (per evitare la dispersione nell ambiente) Devono lasciare residui inerti dopo l applicazione Devono essere degradabili nel tempo senza dar luogo a sottoprodo dannosi per il manufatto o l ambiente Devono essere chimicamente neutri Devono avere un ampio spettro d azione (in questo caso la selettiv può dare problemi di reinfestazioni da organismi antagonisti) Non devono essere inquinanti o provocare danni alla salute degli operatori o della popolazione in genere Devono essere registrati presso gli uffici competenti preposti alla tutela della salute e dell igiene pubblica

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

Progetto di pulitura dai graffiti

Progetto di pulitura dai graffiti Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale Progetto di pulitura dai graffiti Luogo: Forlì Data: 24 febbraio 2009 Esecuzione progetto: LEONARDO S.R.L. Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale, Forlì. Progetto

Dettagli

analisi del degrado I - fenomeni di degrado

analisi del degrado I - fenomeni di degrado analisi del degrado I - fenomeni di degrado alterazioni - strutturali deformazioni cinematismi controlli strumentali diagnosi dei dissesti - della materia analisi interdisciplinari fisiche chimiche biologiche

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

Recupero dei rivestimenti esterni

Recupero dei rivestimenti esterni Pulitura delle superfici lapidee 1 La pulitura delle superfici lapidee delle facciate costituisce un tipo d intervento manutentivo molto impegnativo, sia sul piano tecnico sia su quello economico, che

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco

Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco CRIOSABBIATURA Sabbiatura criogenica con ghiaccio secco IDES COSTRUZIONI S.r.l. Via Crocifissa di Rosa, 80-25128 BRESCIA Tel. e Fax 030.5236621 - P.IVA e C.F. 03251290981 http://www.sabbiaturacriogenica.com

Dettagli

Che cos è un detersivo?

Che cos è un detersivo? Che cos è un detersivo? Miscela di sostanze chimiche che mischiate all acqua sono in grado di rimuovere lo sporco Agiscono sulle sostanze che non si sciolgono facilmente in acqua (idrofobe) I principali

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 192 RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 193 IL DEGRADO DELLA MURATURA Si manifesta con esfoliazione superficiale delle pitture, distacchi e disgregazioni dell intonaco soprastante e/o formazione di muschi,

Dettagli

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE

INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE Consegna dei lavori: i lavori sono stati consegnati il 21/05/2003 Data di ultimazione

Dettagli

[LEPATOLOGIEEDILIZIE]

[LEPATOLOGIEEDILIZIE] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LEPATOLOGIEEDILIZIE] Analisi delle patologie più comuni e causa della loro comparsa Le patologie edilizie più comuni Il degrado di un manufatto è correlato alla

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

TECNOLOGIE AVANZATE NEL TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI

TECNOLOGIE AVANZATE NEL TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI E L L E D I C I F R E P U S O D O T R T P I P R O F E S S I O N A L I O T N T E R M AT TA P E R I L TECNOLOGIE AVANZATE NEL TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI AZIENDA: A.G.E.P. Hydrosoft srl nasce nel 1982 come

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Alessandro Becattini

Alessandro Becattini IL RESTAURO DELLA VETRATA Alessandro Becattini La vetrata raffigura quattro santi e quattro imperatori a coppia: Silvestro e Costantino, Traiano e Gregorio, Girolamo e Teodosio, Graziano e Ambrogio, questi

Dettagli

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 INDICE Premessa p. 2 Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 Relazione tecnica conclusiva del Restauro conservativo p. 3 Operazioni preliminari p. 3 Superfici in pietra p. 3 Elementi decorativi in bronzo

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio MODULARIO B.C. - 130 MOD. 51 (Teste) MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio Caprarola (VT). Palazzo Farnese. Lavori di Restauro

Dettagli

BONDEX I DANNI PER IL LEGNO Nemici del legno Raggi - UV il legno diventa grigio. Usura, Inquinamento e temperature Umidità il carico dell umidità provoca lo scaturire e dimiminuire del legno e porta alla

Dettagli

PROTEZIONE ANTIGRAFFITE

PROTEZIONE ANTIGRAFFITE REV. 0 DEL 01/07/2001-IDL N.10 LA STORIA DEI MURALES LABORATORIO DI RICERCA E SVILUPPO - COLORIFICIO CIRPA - Capitolo 1 : INTRODUZIONE La chimica è una scienza al servizio dell umanità che incurante delle

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione L Arengario di Monza: interventi di restauro dal 1997/1998 Relazione Tecnica Con il progetto di restauro redatto nel 1984, si decise di suddividere gli interventi in due lotti il primo Lotto A che è stato

Dettagli

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA CAUSE DI DEGRADO CAUSE INTRINSECHE ALL EDIFICIO -CARATTERISTICHE GEOLOGICHE -QUALITÀ DEI MATERIALI -ERRORI DI ESECUZIONE -ETC. CAUSE ESTRINSECHE ALL EDIFICIO -EVENTI IMPROVVISI COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA,

Dettagli

Consigli per la pulizia dei vostri tessuti per esterni. Bisogno di proteggere e restituire splendore ai vostri tessuti per esterni?

Consigli per la pulizia dei vostri tessuti per esterni. Bisogno di proteggere e restituire splendore ai vostri tessuti per esterni? Consigli per la pulizia dei vostri tessuti per esterni Bisogno di proteggere e restituire splendore ai vostri tessuti per esterni? Perché proteggere e pulire il tessuto? Uno dei modi migliori per conservare

Dettagli

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali

L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali Sabino Di Pierro Fismet Industriale S.r.l. L'uso dell'anidride carbonica nella pulizia, nello sgrassaggio e nella preparazione delle superfici e dei manufatti industriali FISMET INDUSTRIALE S.r.l. VIA

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

Pittura traspirante per esterni a base di Pliolite Good Year

Pittura traspirante per esterni a base di Pliolite Good Year 1 Pittura traspirante per esterni a base di Pliolite Good Year INTRODUZIONE La GOODYEAR CHEMICALS EUROPE produce resine stirolo-acriliche da polimerizzazione in emulsione nell impianto di Le Havre in Francia.

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Le due superbe colonne di Marco e Todaro sorgono in quell incantevole spazio denominato piazzetta San Marco affacciata sul Bacino tra Palazzo Ducale e la

Dettagli

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Relazione Tecnica Introduzione e Descrizione delle Superfici Nei mesi di Giugno-Novembre 2009, su incarico

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO Stemma Francescano dell Altare di San Francesco INTERVENTO CONSERVATIVO SULLA PARTE SINISTRA DEL BASAMENTO

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

Cicli di finitura per interno con principi attivi resistenti alla crescita di. SOLUZIONI CERTIFICATE SECONDO LE NORME EUROPEE EN 15457 e 15458

Cicli di finitura per interno con principi attivi resistenti alla crescita di. SOLUZIONI CERTIFICATE SECONDO LE NORME EUROPEE EN 15457 e 15458 Cicli di finitura per interno con principi attivi resistenti alla crescita di SOLUZIONI CERTIFICATE SECONDO LE NORME EUROPEE EN 15457 e 15458 UMIDITà = MUFFA Nell aria e sulle pareti interne delle abitazioni

Dettagli

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento.

1) perdita del potere isolante delle murature con relativo aumento dei costi del riscaldamento. NOTA SULLE PITTURE SILOSSANICHE. dr. M.T. Rampini Premessa. Da sempre si è cercata una soluzione ottimale alla verniciatura di supporti minerali di facciate esterne, che permettesse sia di arrestare il

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

Tecnologia della conservazione dei materiali lapidei, degli intonaci e delle pitture murali

Tecnologia della conservazione dei materiali lapidei, degli intonaci e delle pitture murali Università IUAV di Venezia Corso di Restauro a.a. 2010 2011 prof. Paolo Faccio coll. arch. Paola Scaramuzza Tecnologia della conservazione dei materiali lapidei, degli intonaci e delle pitture murali Tecniche,

Dettagli

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI

SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI SCHEDA TECNICA EXT/ma/02 SCHEDA TECNICA MONOSTRATO AMALFI Qualità tecniche MONOSTRATO AMALFI è un rivestimento continuo per esterni, tipo intonachino, ad effetto frattazzato o spugnato. Grazie alla sua

Dettagli

TRASPARENZA del VETRO

TRASPARENZA del VETRO TRASPARENZA del VETRO LA REALTA DISATTENDE LE ASPETTATIVE? CHE FARE? TRASPARENZA del VETRO Il vetro dei pannelli perde la sua trasparenza e limita l attività delle celle fotovoltaiche. I principali imputati

Dettagli

I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI

I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI ESEMPIO D INTERVENTO Villa Manzoni a Cormano (MI) Ciclo di pitturazione: preparazione - Demolizione delle parti di intonaco sfaldanti e ammalorate. - Rinzaffo

Dettagli

PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE

PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE Vernici all acqua per esterno PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE PROCEDURE PER LA MANUTENZIONE Rev.30/04/2015 pag. 1/8 Introduzione La durata nel tempo e la funzionalità di manufatti in legno esposti all'esterno

Dettagli

Chiesa dell Angelo. Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano. Ing.Magario & Arch.Terlini. La Diagnosi Energetica Termografia

Chiesa dell Angelo. Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano. Ing.Magario & Arch.Terlini. La Diagnosi Energetica Termografia Chiesa dell Angelo Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano Termografia Blower Door Test Termoflussimetria PAG 2/50 Chiesa dell Angelo Neoneli Termografia Blower Door Test Termoflussimetria

Dettagli

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7

Proteggere le superfici dalla pioggia nelle prime 24-48 ore dall applicazione. Caratteristiche tecniche: il prodotto sez. 7 Scheda Tecnica EXT/ia/04 SCHEDA TECNICA ---------------------------------------- Exterior -------------------------------------- Intonaco Antico Qualità tecniche sez. 1 INTONACO ANTICO by OIKOS è un rivestimento

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PULITURE a.a. 2010-2011 prof. Stefano Francesco Musso PULITURE Intervento

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano Sistema antimuffa per interni Vivere bene in un ambiente sano Effetti negativi della muffa Muffa: cos è in realtà? Muffa è un termine generico per indicare tante diverse tipologie di funghi. La muffa consiste

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE P IANO T ER R A VANO 2_21 SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE 2-29 2-27b -4-2-28 2-26 2-18 2-19 2-21 2-25 Ubicazione: Soffitto voltato al primo piano nobile Soggetto: Volta a

Dettagli

Progetto Cobra. Il contributo delle tecnologie al restauro. Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC

Progetto Cobra. Il contributo delle tecnologie al restauro. Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC Progetto Cobra Il contributo delle tecnologie al restauro Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC Workshop ENEA Roma 26 gennaio 2016 Dalle tecnologie nucleari a. Cobra Tecnologie di origine nucleare, patrimonio

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

Protettivo antiacido per pietre naturali

Protettivo antiacido per pietre naturali Protettivo antiacido per pietre naturali Trattamento nanotecnologico antigraffiti Trattamento nanotecnologico per metallo Protettivo antiacido per pietre naturali La superficie da trattare deve essere

Dettagli

SCHEDA TECNICA MICOTRAL INT/MI/02

SCHEDA TECNICA MICOTRAL INT/MI/02 SCHEDA TECNICA INT/MI/02 SCHEDA TECNICA MICOTRAL INT/MI/02 Qualità tecniche MICOTRAL è una speciale pittura anticondensa per pareti interne. La condensa deriva dal vapore acqueo presente nell'aria che,

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni Pagina n.2 / 11 Sommario PULISCI PAVIMENTI... 3 DETERGENTE FORTE... 4 DETERGENTE ACIDO... 5 DETERGENTE BASICO... 6 CERA STUCCO...

Dettagli

Tintura. Tintura in botte

Tintura. Tintura in botte Tintura 1 Tintura Si conferisce a tutta la pelle nella sua sezione, la colorazione di base che poi sarà raggiunta in maniera definitiva con la fase di finissaggio (rifinizione) Tintura in botte 2 Le materie

Dettagli

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE Stucco minerale di terre colorate naturali a base di grassello selezionato di pura calce CL 90-S conforme alla norma EN 459-1.

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE COLORDOC Rev.01 del 21-04-13 COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE FINITURA AGGREGANTE MONOCOMPONENTE IN EMULSIONE ACQUOSA ANTIGRAFFIO, ANTIMACCHIA, BATTERIOSTATICO, IDRO-OLEOREPELLENTE- DOCCHEM S.r.l. Strada Della

Dettagli

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto

Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Pulizia, manutenzione e cura di rivestimenti ceramici, vetrosi e piastrelle d asfalto Memoriale I nostri Partner Unsere Partner Nos partenaires Pulizia e mantenimento 2 Gli autori di questo memoriale sono

Dettagli

LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO

LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO LISTA DELLE TIPOLOGIE DELLE ANOMALIE E DEI CASI DI GUASTO Patologia e Diagnostica Edilizia Enrico De Angelis Edificio via Folli (ang. via Rombon) Milano - Perizia diagnostica di Diego Valente (mat. 632530)

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

DI LUCE SEGNALI. FUTURi. di John Borell, Stephen Lee (*) (*)John Borell lavora alla Steel Art Company, costruttore Americano di insegne luminose.

DI LUCE SEGNALI. FUTURi. di John Borell, Stephen Lee (*) (*)John Borell lavora alla Steel Art Company, costruttore Americano di insegne luminose. FUTURi SEGNALI DI LUCE I SISTEMI PER TAGLIO LASER OFFRONO IMPORTANTI VANTAGGI RISPETTO ALLE TECNICHE TRADIZIONALI NELLA LAVORAZIONE DI MATERIALI ACRILICI CON CUI VENGONO REALIZZATE GRAN PARTE DELLE MODERNE

Dettagli

LA STAMPA TESSILE. La stampa tessile è una. tintura localizzata in cui i motivi grafici sono realizzati con stampi meccanici

LA STAMPA TESSILE. La stampa tessile è una. tintura localizzata in cui i motivi grafici sono realizzati con stampi meccanici La stampa tessile è una tintura localizzata in cui i motivi grafici sono realizzati con stampi meccanici Evoluzione delle principali forme di stampi: planches (tamponi in legno in rilievo) cilindri in

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02)

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) In Convenzione con l ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL'IDENTITA SICILIANA

Dettagli

BASILICA DI SANT APOLLINARE

BASILICA DI SANT APOLLINARE BASILICA DI SANT APOLLINARE Progetto di restauro conservativo del dipinto a olio su tela raffigurante San Giovanni Nepomuceno dinanzi alla Vergine con Bambino e angeli Relazione tecnica sullo stato di

Dettagli

Soluzioni Avanzate per la Pulizia. Manutenzione, riparazione e industria

Soluzioni Avanzate per la Pulizia. Manutenzione, riparazione e industria Soluzioni Avanzate per la Pulizia Manutenzione, riparazione e industria Per la pulizia professionale Affidatevi alla qualità Loctite I detergenti Loctite sono stati formulati per la pulizia di singoli

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP 205 Deossigenante a base di ascorbati che reagisce rapidamente con l ossigeno, eliminandolo completamente dall acqua e promuovendo la formazione di uno strato

Dettagli

intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga

intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga SERIE. 1.623 ard f.lli raccanello s.p.a. industria vernici e smalti intonaclima 0,5 mm rivestimento rustico acrilsilossanico antialga SCHEDA TECNICA N 90 CARATTERISTICHE INTONACLIMA 0,5 mm è un rivestimento

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix 615

Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix 615 PROFILPAS S.P.A. VIA EINSTEIN, 38 35010 CADONEGHE (PADOVA) ITALY TEL. +39 (0)49 8878411 +39 (0)49 8878412 FAX. +39 (0)49-706692 EMAIL: INFO@PROFILPAS.COM Profili per pavimenti in legno e laminato Alfix

Dettagli

Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com

Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com Scegli di essere il più veloce. www.roefix.com Sistemi di risanamento Per il recupero di murature umide Il degrado di intonaci e murature Le principali cause di degrado di intonaci e murature sono riassumibili

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat. Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati

Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat. Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati Tappeto adesivo per il controllo della contaminazione (con efficienza antibatterica)

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

DUROGLASS FU. La soluzione ai problemi di umidità per muri e pavimenti. materiali protettivi milano UMIDITÀ RESIDUA DEL NUOVO

DUROGLASS FU. La soluzione ai problemi di umidità per muri e pavimenti. materiali protettivi milano UMIDITÀ RESIDUA DEL NUOVO DUROGLASS FU La soluzione ai problemi di umidità per muri e pavimenti. 2 UMIDITÀ RESIDUA DEL NUOVO 1 UMIDITÀ DA RISALITA 3 UMIDITÀ FILTRANTE DALLE MURATURE CONTROTERRA 1 2 3 materiali protettivi milano

Dettagli

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO

INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO 05 INCAPSULAMENTO DELL AMIANTO Come ormai risaputo, l amianto che si disperde nell aria costituisce un reale pericolo cancerogeno per coloro che si trovano a inalarne le

Dettagli

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità

Generalità. Le cere dentali CERE NATURALI. Generalità Generalità Le cere dentali Prof. Silvia Recchia le cere dentali sono: utilizzate in numerosi impieghi, ma soprattutto per la modellazione di protesi (da riprodurre in lega o resina) materiali termoplastici

Dettagli

CAMPI Dì APPLICAZIONE

CAMPI Dì APPLICAZIONE KEDILASTIC Malta cementizia bi componente impermeabilizzante anticarbonatazione ad elevata elasticità per calcestruzzo, intonaci e massetti cementizi. Indicata per l applicazione in piscine, vasche, cisterne,

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it

CONFORMAL COATING. srl Via Villoresi 64 20029 Turbigo Mi Tel. 0331 177 0676 Fax 0331 183 9425 email: info@geatrade.it CONFORMAL COATING COSA SONO I CONFORMAL COATING? I C.C. sono prodotti (RESINE) utilizzati per la protezione dei circuiti stampati dalle influenze dell ambiente in cui vanno ad operare Il film di protezione

Dettagli

Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni

Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni 2 3 Riscaldamento a pavimento ciclo di preaccensione Operazione prevista dalle norme UNI 11371 e 1264.4 oltre al Manuale IL PARQUET Affinchè il risultato finale

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare.

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare. TECNICHE LITOGRAFICHE La litografia è un processo basilare nella realizzazione di circuiti integrati,esso consiste nel depositare un materiale detto resist sul wafer da processare che una volta esposto

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE!

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! MANUALE TECNICO IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! Indice : - Introduzione - Come si forma il calcare? - Processo di nucleazione - Azione dell inibitore sulla formazione del calcare

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli