ANAAO TOSCANA Sabato, 21 febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANAAO TOSCANA Sabato, 21 febbraio 2015"

Transcript

1 ANAAO TOSCANA Sabato, 21 febbraio 2015

2 ANAAO TOSCANA Sabato, 21 febbraio /02/2015 Corriere Fiorentino Pagina 8 Sanità Cura per l' epatite C gratis a malati 1 21/02/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 5 Alt ai medicinali di fascia C nella Gdo, ma in farmacia entrano le /02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 15 Pronti a chiedere i danni alla Società della salute 4 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 Corsi Oss, pronte le graduatorie definitive 5 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 SANITÀ Cure palliative, si cambia 6 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 UNA CONQUISTA DI CIVILTÀ E LE PROMESSE DI MARZO 8 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 Diagnostiche aperte 24 ore altro che accordi coi privati 9 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 Primo incontro tra i sindaci e il dg Porfido 11 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Cecina) Pagina 16 Si rinnovano le Rsu seggi aperti il 3, 4 e 5 marzo 12 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 16 «Escrementi di topi in sala operatoria» Protesta in ospedale 13 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 16 Contratti illegittimi, la Asl deve risarcire la farmacista 15 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 16 Meno vaccinazioni, più rischi di malattie 16 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 16 Trasfusione sbagliata A giudizio due sanitari 18 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 19 Asl, necessarie le proroghe approvate 20 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 19 Comparto, l' Asl assegna sei incarichi 21 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Massa Carrara) Pagina 15 Neonato morto, i consulenti mettono nei guai il medico 22 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Piombino Elba) Pagina 17 IL DIRITTO DI NASCERE IN SICUREZZA 23 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Piombino Elba) Pagina 21 «Rafforzare l' ospedale elbano senza accorparlo con Piombino» 25 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pisa) Pagina 16 «Borbotti non si sente bene ora dice cose inattendibili» 27 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pisa) Pagina 16 «Se avessi avuto dei sospetti sarei andato dai magistrati» 28 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 15 Fondazione Maic Appello dei sindacati alle istituzioni 30 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 17 Ceppo, demolizioni al via entro fine anno 32 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 17 L' Asl a caccia dei 18 milioni e il rebus dei conti economici 34 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 23 «Ospedale carente perché così è il /02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 23 La Regione promette letti e infermieri in più 36 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 23 Rassicurazioni sulla maxi Asl, ma la preoccupazione è grande 38 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Pontedera) Pagina 31 «C' è bisogno di donatori» L' Asl 11 lancia l' appello 39 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Viareggio) Pagina 15 Azienda e sindacati trattano sui tagli 40 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Viareggio) Pagina 15 Liste d' attesa chiuse per visite ed esami Ma non si può dire 41 21/02/2015 Il Tirreno (ed. Viareggio) Pagina 15 La denuncia: «Ho la bronchite, ma mi visitano a luglio» 43 21/02/2015 La Repubblica (ed. Firenze) Pagina 11 Marroni: da dicembre i medici prescrivono il nuovo farmaco Sovaldi contro... 44

3 Pagina 8 Corriere Fiorentino Sanità Cura per l' epatite C gratis a malati In Toscana i pazienti affetti da epatite C possono curarsi gratuitamente con il nuovo farmaco Sovaldi. Il medicinale è disponibile da dicembre (quando è stato autorizzato dall' Aifa); i medici possono prescriverlo «senza limitazione nelle quantità e nella disponibilità» ha assicurato l' assessore regionale Luigi Marroni. I pazienti dovranno rivolgersi ai centri ospedalieri, una quindicina in Toscana. Un ciclo di trattamenti costa euro a persona. La Regione stima che nel 2015 i malati da curare possano essere 1.700; la spesa, circa 50 milioni, sarà coperta dal fondo previsto dalla Finanziaria 2015 per i farmaci innovativi e attraverso una «riorganizzazione del sistema sanitario» spiega Marroni. La percentuale di guarigione con il Sovaldi è fra l' 80 e il 95%. (Ivana Zuliani) 1

4 Pagina 5 Il Sole 24 Ore FARMACI. Alt ai medicinali di fascia C nella Gdo, ma in farmacia entrano le società di capitali E alla fine la montagna partorì la tigre. Evitata in extremis la perdita dell' esclusività della vendita dei farmaci C con ricetta a favore anche di parafarmacie e della Gdo, le farmacie private convenzionate col Ssn devono ora guardarsi da un nemico ben più insidioso: le società di capitali, che potranno fare shopping e acquistarle senza limite di licenze che oggi è di 4 al massimo anche per i singoli purché a dirigerle ci sia un farmacista. Pur senza aumentare il numero di farmacie, insomma, l' Italia va verso modelli già diffusissimi in Europa. Con catene di vendita finale di farmaci dalla formidabile forza finanziaria che potranno fare incetta di farmacie in crisi al posto di chi voglia cedere il passo e fare subito cassa. Una chance che secondo il Governo permetterebbe economie di scala «tali da consentire l' abbassamento dei costi per i consumatori». Quello sulle farmacie è stato tra i capitoli più caldi del Cdm sulla concorrenza di ieri, con due ministre contro Federica Guidi pro liberalizzazioni e Beatrice Lorenzin su sponda opposta e un testo d' ingresso che confermava ancora i farmaci C con ricetta anche fuori farmacia e l' improvviso ingresso delle società di capitali. La mediazione finale arriva dopo un lungo confronto in Consiglio dei ministri. Dove ciascuna delle parti ha ceduto qualcosa, anche se è chiaro che la partita sul Ddl (prevedibilmente lunga e complicata) si sposta in Parlamento. «Vittoria dei cittadini, una garanzia per la salute» ha twittato Lorenzin; «Non tocchiamo i farmaci, andiamo verso la modernità» la soddisfazione di Guidi. Di mezzo le categorie, con tutti i pro e i contro del caso. I genericisti contestano il passo indietro sull' ingresso rapido dei loro prodotti sul mercato che non accorcia i brevetti. I farmacisti titolari di Federfarma che brindano amaro alla vittoria sulla conferma dell' esclusività dei farmaci C e che ora temono gli effetti dell' ingresso dei colossi mondiali (e non solo) della distribuzione, quelle merger che già «preoccupano» la categoria. Come preoccupano l' Ordine dei farmacisti: «Si trasformano le farmacie in lavanderie. Di capitali», l' accusa a Renzi. Masticano amaro la Gdo con le Coop e le parafarmacie: «Un' occasione persa per i cittadini, avrebbero risparmiato. Premiato il capitale, non la professionalità». E il Codacons: «Un regalo alla casta dei farmacisti, un danno enorme per i cittadini». Il mercato in farmacia, secondo i dati di Ims Health, ha chiuso il 2014 con un fatturato totale di 24,8 miliardi ( 0,3%), con la classe C con ricetta giù del 2% a quota 2,9 miliardi e +3% in libera vendita. Una chiusura flat che secondo il general manager Sergio Liberatore «ha una valenza positiva se Continua > 2

5 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore confrontato con la situazione macroeconomica e con i risultati di altri settori». Va da sé che Credifarma, la società che fa credito alle farmacie (sono circa le associate su oltre 16mila private) è in grave sofferenza e nel mirino per non essere in regola con Basilea 3. Il che significa una massa non piccola di farmacie che potrebbero presto finire sotto scacco. Non mancano i colossi in campo, come quelli che già hanno in gestione per 99 anni centinaia di farmacie comunali in tutta Italia su totali. Gestiscono, non possiedono. Ma ora potrebbero gettarsi nell' affare delle farmacie private, a partire dalla Celesio Admenta ora sotto la statunitense McKesson. Ma nel mondo ci sono catene come quelle di Walmart o quella guidata dall' italiano Stefano Pessina, mister mille miliardi, il terzo uomo più ricco d' Italia secondo Forbes, fondatore di Alliance Boots, collegata al colosso Wallgreen. Compratori motivati non mancano insomma per le farmacie. RIPRODUZIONE RISERVATA Roberto Turno. 3

6 Pagina 15 Il Tirreno (ed. Cecina) Pronti a chiedere i danni alla Società della salute Scoprono che dal 2010 avrebbero diritto a un assegno integrativo dell' Inps Nell' ambito dell' Asl 6 sono esclusi solo i residenti nella Bassa Val di Cecina. di Manolo Morandini wcecina Lo scopre per caso. Sua sorella che vive in Sardegna e si sta occupando della mamma riceve dall' Inps un assegno. Una sorta di welfare integrativo, a costo zero per gli enti locali, di cui possono beneficiare i dipendenti o i pensionati del pubblico impiego. Per accedere al beneficio però la Società della salute deve aderire al bando dell' Istituto di previdenza. E l' assurdo è che in tutta l' area dell' Azienda sanitaria 6 di Livorno gli unici a non essersi mai attivati sono i Comuni della Bassa Val di Cecina. Dal 2010, moltiplicato per quanti avrebbero potuto accedere al beneficio, significa aver fatto perdere tanti soldi, gli assegni in base all' Isee vanno dai 200 ai euro. La signora chiama a raccolta conoscenti nella sua stessa condizione. Si attiva il passa parola e se ci saranno le condizioni sono pronti a fare una class action contro la Società della salute. Più che la faccia a farli parlare sono la rabbia e la delusione. Oltretutto anche per il prossimo anno non potranno beneficiare dell' assegno perché i termini per la Società della salute di adesione al nuovo bando sono già scaduti. Nel dettaglio il progetto si chiama Home Care Premium ed è riservato ai dipendenti e i pensionati pubblici, per i loro conviventi, per i loro familiari di primo grado, non autosufficienti. E quest' anno garantirà un assegno per nove mesi, da marzo a novembre. In pratica, è una forma di intervento mista: da un lato la concessione di contributi economici alla famiglia per pagare familiari o badanti, dall' altro l' ottenimento di prestazioni integrative e complementari erogate dalla Società della salute (operatori socio assistenziali, centro diurno, servizi di accompagnamento e trasporto, consegna pasti a domicilio, percorsi di integrazione scolastica o di inserimento lavorativo, servizi alla persona come parrucchiere, podologo e simili). «Perdiamo un diritto affermano perché la Società della salute a cui i Comuni hanno delegato il settore socio sanitario in questi anni non si è mai attivata. Un' apparente distrazione gravissime e che è difficile da comprendere». E aggiungono: «L' assurdo è che neppure all' interno della stessa azienda sanitaria gli uffici si parlano. Il territorio della Bassa Val di Cecina è l' unico ad essere escluso dall' accesso a questo beneficio». L' effetto si traduce in sacrificio economico che almeno in parte avrebbe potuto essere alleviato. «Le famiglie si impoveriscono per tenere i propri cari a casa concludono e ci troviamo anche a fare i conti con l' istituzione competente che è distratta». 4

7 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) Corsi Oss, pronte le graduatorie definitive CHI CE L' HA FATTA. CECINA. Sono state pubblicate sul sito dell' Asl 6 (www.usl6.toscana.it) le graduatorie definitive degli idonei ai corsi per Operatore Socio Sanitario (due i corsi: quello cosiddetto Percorso Abbreviato e quello Percorso 1000 ore) banditi dall' Azienda Usl 6 di Livorno. Come previsto dal bando, i candidati aventi diritto sono i primi 30 della graduatoria. L' unità operativa Formazione provvederà a convocare, con lettera raccomandata, i candidati collocati utilmente nelle graduatorie, scorrendo in caso di rinuncia. Sul sito internet del Tirreno sono pubblicati tutti i nomi in graduatoria. Al corso 1000 ore hanno partecipato 197 candidati. Di questi sono risultati idonei in tutto 77, la graduatoria però è diventata definitiva solo dopo la prova di italiano per i cittadini stranieri risultati idonei. Al corso abbreviato hanno partecipato 139 candidati. Di questi sono risultati idonei in

8 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) SANITÀ Cure palliative, si cambia di Anna Cecchini CECINA Inaugurato l' ambulatorio di Cure palliative al' interno dell' ospedale cittadino. Ieri mattina la presentazione ufficiale della nuova attività, che garantirà consulenze ospedaliere e principalmente accoglierà pazienti esterni che avranno necessità di avviare terapie del dolore. Il nuovo ambulatorio. «Con questo nuovo servizio spiega Eugenio Porfido, direttore generale dell' Asl 6 continuiamo il progetto di rafforzamento della rete delle Cure palliative che, lo ricordo, si struttura su tre livelli: un primo legato ai servizi territoriali e domiciliari, portato avanti anche con i medici di base. Un secondo come quello appena attivato su Cecina che offre servizi sia dentro che fuori dall' ospedale e un terzo livello di gestione ospedaliera offerta tramite l' hospice livornese». Quello presentato ieri è quindi un servizio ambulatoriale, al quale potranno ricorrere sia gli specialisti interni all' ospedale che hanno in cura, anche per un ricovero, pazienti che necessitano di terapie del dolore. Non un hospice, ma posti letto disponibili. Quanto all' attivazione di un vero e proprio hospice, durante la presentazione del nuovo servizio a cui erano presenti anche Giovanna Poliseno (direttore dell' ospedale di Cecina e Paolo Lucchesi (direttore zona Bvc), Porfido sottolinea che in verità «posti letto di questo tipo, ossia del terzo livello di Cure palliative, esistono in tutti i presidi ospedalieri. A Cecina ci sono quattro posti letto all' interno dell' ospedale di comunità, come del resto ce ne sono a Piombino e Portoferraio». Undici i posti letto dell' hospice di Livorno, guidato dalla dottoressa Costanza Galli, responsabile del servizio Cure palliative dell' Asl 6, a cui i pazienti della provincia possono accedere anche attraverso il nuovo ambulatorio dell' ospedale di Cecina. «Abbiamo un continuo contatto con l' hospice livornese sottolinea Giovanni Soldano, responsabile dell' ambulatorio di Cure palliative in modo da capire se i nostri pazienti possono accedere a quel servizio». «Con questo nuovo ambulatorio prosegue Porfido il servizio diventa ancora più diffuso e capillare su tutto il territorio dell' Asl 6. Questo non sarebbe possibile senza l' aiuto fondamentale dell' associazionismo e in particolare del professor Aligi Carnicelli, in qualità di presidente dell' associazione Cure palliative di Cecina che supporta e indirizza i nostri sforzi». Oltre 250 malati oncologici ogni anno. Un servizio particolarmente importante quello dell' ambulatorio di Cure palliative, se si considera, come spiega Franco Berti, coordinatore sanitario della zona Bvc, «che ogni anno nella nostra zona ci sono oltre 250 malati oncologici, e che oltre la metà di questi ricorrono al servizio di Cure palliative». Continua > 6

9 Pagina 16 < Segue Il Tirreno (ed. Cecina) L' ambulatorio offre principalmente l' attività di gestione della terapia del dolore, «sia di malati oncologici che di pazienti con patologie non oncologiche», precisa Soldano. Orario dell' ambulatorio e modalità di accesso. A parte le consulenze interne all' ospedale, potranno utilizzare l' ambulatorio i pazienti esterni. Come? «Il medico curante deve fare un' apposita richiesta spiega ancora Berti e poi deve esser effettuata la prenotazione al Cord. Si può andare allo sportello o telefonare (i numeri sono e ), attivo dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30». Dopo il primo accesso, il paziente viene in pratica preso in carica dall' ambulatorio, che gestirà la terapia del dolore in modo specifico per ogni malato, restando in contatto anche con il medico di base. Quanto all' orario di attività dell' ambulatorio, situato al secondo piano dell' ospedale cittadino nell' area del Cord, resta aperto il lunedì e mercoledì (10 13) e il venerdì (11 13), con possibilità di controllo del funzionamento delle terapie anche in orari diversi. Anche perché in genere prosegue Soldano l' avvio delle terapie prevede un controllo dell' andamento dopo 72 ore». «Il progetto dice ancora Soldano è stato istituzionalizzato a fine gennaio, e da allora abbiamo in cura alcuni pazienti, sui quali abbiamo registrato un buon risultato sul controllo del dolore, grazie all' impegno delle dottoresse Fantei, Giannetti, Fraschi e della psicologa Smulizza». RIPRODUZIONE RISERVATA. 7

10 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) UNA CONQUISTA DI CIVILTÀ E LE PROMESSE DI MARZO di MARIA MEINI Ma alla fine non si è capito quando sarà operativo il parto indolore all' ospedale di Cecina. Sembrava che i corsi di formazione fossero terminati e che a marzo, con l' arrivo di un altro anestesista a potenziare l' organico, si potesse attivare il nuovo servizio. Nuovo per Cecina perché l' epidurale è una pratica ormai sperimentata e praticata da decenni in tutta Italia e nei paesi del mondo occidentale. Nel nord Europa è una prassi, la prima offerta che viene proposta alla partoriente: lì, al contrario, è la donna che chiede il parto naturale se non desidera ricorrere all' epidurale. Lo ripetiamo: è una scelta, nessuna forzatura. Il parto è un atto talmente personale e naturale che non ci devono essere interferenze con le decisioni della donna. Ma se scelta dev' essere devono coesistere entrambe le opportunità. Ed è anche una disposizione di legge: il ministero della salute include infatti il parto indolore nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Quindi se l' ospedale di Cecina, che oltretutto per i numeri quasi 700 parti l' anno e sarebbero di più se non ci fossero le fughe proprio verso i centri in cui si pratica l' indolore è il primo punto nascita della provincia, vuole stabilizzare la propria posizione deve necessariamente attivare l' epidurale. Invece l' Asl prima è partita dall' Elba, poco più di cento parti l' anno, ma per ragioni organizzative ha detto: lì il personale era già formato. Poi sono stati attivati i corsi per Cecina, buon ultimo Piombino. La direzione sanitaria locale ha annunciato che a marzo si può cominciare. Ma il direttore generale Porfido in un fuori onda in commissione consiliare ha rimesso in discussione tutto dicendo che a Cecina siamo dovuti partire da zero, formare gli operatori... Unica certezza resta la data dell' 8 marzo, che guarda caso è la festa della donna, ma per la presentazione del progetto epidurale. Presentazione, che ci auguriamo non sia solo uno spot con le mimose; da lì all' applicazione potrebbero passare mesi. Forse in estate le partorienti che scelgono di far nascere il proprio bambino a Cecina potranno usufruire dell' epidurale. Una riflessione a margine di una bella giornata per l' ospedale cecinese, con l' inaugurazione delle nuove Cure palliative. La cura del dolore è una conquista di civiltà, che umanizza la medicina. È un controsenso che per le donne si continui a pensare che devono per forza "partorire con dolore". RIPRODUZIONE RISERVATA. 8

11 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) Diagnostiche aperte 24 ore altro che accordi coi privati Camelli (Uil) sulle liste d' attesa: «Occorre investire, il ritorno sta nei ticket» L' ospedale? «Insieme con Piombino e Elba, potenziando la medicina d' urgenza» di Andrea Rocchi wcecina Partiamo da un problema che sta a cuore dei cittadini più di tanti discorsi: le attese infinite per un' ecografia, una Tac o un doppler. Più di sei mesi, se va bene. Il diggì Eugenio Porfido ha appena annunciato nuove convenzioni coi privati da parte dell' Asl 6 per snellire le agende. Paolo Camelli, segretario Uil Fp, è netto: «Pannicelli caldi, non è questa la cura». E allora qual è? «Quello che noi come Uil insieme a Cgil e Cisl, andiamo ripetendo da tempo: occorre investire nelle diagnostiche e nelle specialistiche ambulatoriali, facendole viaggiare H24. L' azienda dirà che è una spesa, ma la maggior parte dei cittadini in lista d' attesa paga il ticket. L' Asl recupererà questo investimento e limiterà le fughe verso altri ospedali. Perchè quando un cittadino va a fare un esame in un altro ospedale poi è probabile che venga preso in cura da specialisti di quella zona. Noi proponiamo l' apertura diurna per gli esami, la notte per l' attività interna». Però quello delle liste d' attesa è uno dei problemi della sanità locale che sconta un taglio (regionale) di 240milioni. E con l' ex decreto Balduzzi, più che mai vegeto, che dice che sotto 150mila abitanti non esiste ospedale. A proposito Camelli spiega: «Restano due strade, o diventiamo tutti una depandance di Livorno, oppure Cecina, Piombino e l' Elba si mettono insieme e formano un bacino di 180mila abitanti. E questa è la soluzione che proponiamo. Noi crediamo che i tre ospedali insieme possono costruire una rete partendo dall' emergenza urgenza. Cioè, potenziamento dei pronto soccorso e mantenimento delle specialistiche di secondo livello come la chirurgia, l' ortopedia, l' oculistica, l' otorino...il pronto soccorso, tuttavia, deve lavorare col metodo della medicina e chirurgia d' urgenza per trattare i casi più frequenti di patologie legate all' ictus e all' infarto». Camelli ricorda che per avere un' unità operativa complessa di pronto soccorso occorre superare i 60mila accessi all' anno. «Ecco perchè i tre ospedali devono stare insieme». Il modello, per la Uil, potrebbe essere quello delle direzioni uniche "magari pensando a Cecina per la direzione del materno infantile, a Piombino per la chirurgia, all' Elba per l' emergenza". Infine Camelli sostiene che le medicine "generiche" così come concepite non hanno più futuro ma occorre andare verso specializzazioni, formando il personale capace di trattare malattie respiratorie, diabete, malattie cardiologiche, ictus, patologie più frequenti nei degenti in queste aree. Continua > 9

12 Pagina 16 < Segue Il Tirreno (ed. Cecina) 10

13 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) Primo incontro tra i sindaci e il dg Porfido ipotesi unione con la val di cornia. Doveva essere il primo faccia a faccia ufficiale tra Asl, Regione e sindaci della Bassa Val di Cecina e della Val di Cornia, per cominciare a discutere dell' ipotesi di integrazione dei servizi socio sanitari, compreso quelli in ospedale, tra le due aree. L' assessore regionale alla salute Luigi Marroni, però, impegnato a Firenze, non è potuto intervenire. E quindi l' incontro è stato rinviato (al 5 o al 12 marzo). Comunque, ieri pomeriggio, un primo passo verso l' unione delle attività socio sanitarie tra bassa Val di Cecina (nella foto l' ospedale cittadino)e Val di Cornia, è stato fatto. All' appuntamento, che si è svolto in ospedale, c' erano il direttore generale dell' Asl Eugenio Porfido e i sindaci (o i loro rappresentanti) di tutti i Comuni delle due aree interessate da un' ipotesi di riorganizzazione sanitaria su cui sembra puntare in particolar modo il primo cittadino di Cecina Samuele Lippi. «Non sta a me spiega Porfido all' uscita dall' incontro dare giudizi su ipotesi che i sindaci possono ritenere di percorrere. Se quest' idea va avanti, ho consigliato di prevedere un percorso, definendo modalità e obiettivi intermedi. L' idea alla base è l' unificazione della parte socio sanitaria di due zone in una sola». Sulla proposta di Lippi di unire anche le attività ospedaliere suddividendole sui due presìdi, Porfido non si sbilancia, limitandosi a dire che si tratta di una possibilità. «L' incontro spiega invece il sindaco di Cecina è stata la prima vera riunione per confrontarsi sull' idea di strutturare il territorio creando un bacino più ampio, con un ospedale unico su due presìdi, che consenta d dare più servizi Una scelta di questo tipo significherebbe superare gli steccati, in una logica di rete sicuramente migliore». Vista la vastità del tema (attività e reparti ospedalieri da suddividere, servizi socio sanitari territoriali da integrare), «è stato deciso sottolinea Lippi di sintetizzare il progetto preparando un documento che poi vorremmo discutere sul territorio, con le associazioni. Si tratta di un argomento su cui aprire un confronto». La settimana prossima è in programma la Conferenza dei sindaci, e nei giorni successivi dovrebbe prendere corpo il documento, che di fatto servirà a mettere nero su bianco la proposta politica di unione tra le due zone sanitarie. (a.c. ) 11

14 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Cecina) Si rinnovano le Rsu seggi aperti il 3, 4 e 5 marzo CECINA. Si svolgeranno nei giorni 3, 4 e 5 marzo le elezioni delle Rappresentanze sindacali unitarie (RSU) dell' Azienda USL 6 di Livorno. I lavoratori potranno votare dalle 7 alle 18. Sul sito aziendale sono state caricate le liste dei candidati. Questo l' elenco dei seggi. È importante ricordare che la Commissione consente, ad ogni modo, all' elettore di votare in un seggio diverso da quello stabilito, al fine di facilitare le operazioni di voto. Zona Bassa Val di Cecina : due seggi Dove si vota: presidio ospedaliero di Cecina (Sala Riunioni ex Biblioteca) Chi vota: personale P.O. Cecina, Centro Direzionale, Sert e CSS Donoratico Dove si vota: Css Rosignano (locale al 2 piano nella sala corso preparazione al parto). Chi vota: personale Rosignano Zona livornese (3 seggi) Dove si vota: P.O. di Livorno (stanza n 3 al Terzo padiglione piano Terreno), Css di via Impastato (via Impastato stanza n 2 stanza del medico distrettuale al piano terra); Css Nord Fiorentina (via Fiera di Sant' Antonino stanza n 4 stanza coordinatore infermieristico al piano terra). 12

15 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Grosseto) «Escrementi di topi in sala operatoria» Protesta in ospedale Il problema segnalato al 3º piano del Misericordia L' Asl 9 si attiva: «Fatta ogni verifica ma nessuna traccia» di Elisabetta Giorgi wgrosseto Escrementi di topi in sala operatoria. La segnalazione giunge dall' ospedale Misericordia di Grosseto dove intorno ai primi di febbraio, come emerge dal racconto di alcuni operatori sanitari, qualcuno ha avvistato «tracce inequivocabili dei roditori» nei pressi dei lettini operatori. La notizia ha rapidamente percorso i corridoi dell' ospedale creando scompiglio. Il giorno dopo l' avvistamento sono state posizionate trappole. Il fatto risale al 1º febbraio: era domenica quando è arrivata la segnalazione dei lavoratori del terzo piano, giunta dritta alla direzione dell' Asl 9 e che puntava il dito sulla presenza di feci di topi nel pavimento: in molti si sono infuriati perché se il giorno dopo sono state posizionate trappole nessun provvedimento è invece scattato per la chiusura della sala operatoria. L' Asl 9 risponde illustrando l' esistenza di una procedura interna, messa a punto dal Dipartimento della Prevenzione e che viene sempre attivata nel caso in cui vengano segnalati elementi che facciano ipotizzare la presenza di «animali infestanti» all' interno delle strutture sanitarie. «Questa procedura spiega l' Asl si affianca a una serie di azioni di prevenzione del fenomeno che, per quanto riguarda l' ospedale di Grosseto, tengono conto delle difficoltà legate alla localizzazione del presidio (in campagna), agli innumerevoli accessi (per gli utenti e di servizio) che mettono in comunicazione i piano terra e i seminterrati con i piani superiori, alla presenza di cantieri dentro e fuori la struttura». La presenza di topi in ospedale insomma non sarebbe del tutto ingiustificata, anzi è messa in conto dalla stessa direzione sanitaria pronta a scattare nell' eventualità in cui spuntino topi in zona. Da qui, «la scelta dell' Asl 9 è stata quella di affidare il servizio di eventuale disinfestazione, internamente, ai professionisti della Zoologia ambientale che intervengono nel caso di segnalazioni con una procedura che prevede un protocollo ben preciso, ovvero l' analisi del problema e la pianificazione del sopralluogo; il sopralluogo con la collaborazione di altri servizi della Asl e della ditta di manutenzione o delle pulizie; il prelievo e l' analisi di eventuali campioni biologici e ambientali; la verifica della necessità di effettuare un immediato intervento di bonifica igienico sanitaria e la comunicazione degli esiti del sopralluogo (o della bonifica igienico sanitaria, se necessaria ed effettuata) al responsabile della struttura richiedente e alla Direzione sanitaria. Tutto in un tempo massimo di 48 ore». Continua > 13

16 Pagina 16 < Segue Il Tirreno (ed. Grosseto) Fin qui la procedura e il protocollo che l' Asl contempla in casi del genere. Ma nel merito e nel caso specifico? Qui l' azienda risponde che c' è stata sì la segnalazione, ma che «non riguardava le sale operatorie bensì i locali adibiti allo stoccaggio di materiale che proviene dall' esterno dell' ospedale. Come da procedura aziendale prosegue l' azienda sono stati avvertiti i servizi competenti che hanno fatto le verifiche negli stessi locali e in quelli immediatamente adiacenti (anche con apposite trappole)». Alla fine «non sono state trovate tracce di topi», conclude l' Asl specificando che «ovviamente, se fossero venuti meno anche i minimi requisiti di sicurezza, la sala operatoria sarebbe stata immediatamente chiusa». Questo è quanto risponde l' azienda, anche se gli operatori cui non è andata giù la faccenda sostengono che le trappole sono rimaste nei locali del 3º piano per alcuni giorni e che solo sul finire della settimana è intervenuta una squadra di operatori, per toglierle e sanificare gli ambienti. 14

17 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Grosseto) Contratti illegittimi, la Asl deve risarcire la farmacista GROSSETO È illegittima la successione di contratti a termine intercorsi tra il 2002 e il 2012 tra la Asl e una farmacista. Lo ha stabilito il giudice del lavoro Antonella Casoli, che ha anche condannato l' azienda sanitaria al risarcimento della ex dipendente per un danno pari a 20 mensilità dell' ultima retribuzione di fatto, più interessi e rivalutazione. Compensate le spese di lite. Il giudice ha accolto il ricorso di Alessandra Rispoli, un nome conosciuto perché è la vedova di Niccolò Campo, il medico del 118 morto nella tragedia di Pegaso del 2001; dopo la tragedia venne assunta dalla Asl 9 proprio come farmacista. Assistita dall' avvocato Alessio Scheggi, la farmacista ha chiesto al giudice di accertare l' illegittimità del contratto a tempo determinato rinnovato di biennio in biennio, fino al 2012, quando l' azienda non ha proceduto a ulteriori rinnovi. La Asl si era opposta portando vari argomenti. Il giudice ha però accolto il ricorso di Rispoli, analizzando la legislazione nazionale ed europea. «Non può che rilevarsi argomenta la chiara violazione della normativa applicabile, avendo pacificamente l' amministrazione proceduto alla stipula di un contratto a tempo determinato avente durata complessiva decennale e in assenza di allegazione e prova della esistenza di esigenze temporanee ed eccezionali che potessero costituire una ragione obiettiva per il ricorso al contratto a tempo determinato». Perché per la dirigenza sanitaria il termine massimo dei contratti è quello di cinque anni. Chi è assunto con contratto a termine illegittimo nel settore pubblico non può aspirare alla conversione in un contratto a tempo indeterminato ma può «vantare il diritto al risarcimento del danno». E così il giudice ha liquidato le 20 mensilità. (p.s. ) 15

18 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Grosseto) Meno vaccinazioni, più rischi di malattie I numeri parlano di un calo del 3 per cento. Dai medici un appello ai genitori destinato ai bambini. GROSSETO Cala in maniera significativa, anche in provincia, il numero dei vaccini consigliati: quelli cioè non obbligatori, ma che la comunità scientifica internazionale raccomanda di fare ai bambini e, in alcuni casi, agli adulti. Nel 2014, la percentuale è stata del 92%, con tre punti in meno rispetto al Un dato che ha indotto i sanitari della Asl 9, che si occupano di Igiene e sanità pubblica, a lanciare un appello ai cittadini affinché si rivolgano ai centri aziendali per far vaccinare i propri bambini contro malattie infettive come morbillo, varicella e rosolia. «L' obbligo di legge spiegano i medici della Asl 9 è di far vaccinare i neonati contro difterite, tetano, poliomelite e, da alcuni anni, anche contro l' epatite B. Sono invece non obbligatori, ma raccomandati dalla comunità scientifica, i vaccini per malattie infettive meno gravi, ma che possono produrre complicanze molto serie, come ad esempio il morbillo; o che possono produrre conseguenze dannose per il feto se contratte in gravidanza, come avviene per la rosolia. L' obiettivo principale dei programmi vaccinali contro la rosolia, ad esempio, è proprio la prevenzione dell' infezione in gravidanza e, di conseguenza, della rosolia congenita. La strategia della vaccinazione di tutti i bambini al secondo anno di vita si è dimostrata efficace, ma si stima che per eliminare la rosolia congenita a livello internazionale, la percentuale di donne in età fertile immune alla malattia dovrebbe essere superiore al 95 per cento». Il discorso può essere esteso al morbillo. «Purtroppo aggiungono i sanitari della Asl 9 una cattiva informazione, i timori dei genitori verso i vaccini, alcune tesi, poi smentite dalla ricerca, sul collegamento tra la somministrazione del vaccino trivalente MPR e l' insorgenza dell' autismo, possono avere indotto un senso di sfiducia delle famiglie nei confronti dei vaccini. Eppure, per rimanere sullo stesso esempio, il morbillo provoca danni permanenti in 1 caso su 1000, la morte in 1 caso su 10 mila». In calco anche la somministrazione dell' antinfluenzale: a partire dalla stagione , in provincia di Grosseto si è vaccinato circa il 60% della popolazione a rischio (l' obiettivo minimo secondo le raccomandazioni del ministero della Salute è del 75 %). Nella campagna vaccinale , si teme che il numero dei vaccinati sia anche più basso. In provincia, il numero delle persone colpite dall' influenza nel è allineato al dato toscano, con un picco di circa 10 casi su abitanti, la scorsa settimana, poi sceso intorno agli 8 su abitanti. Per info: dalla home Continua > 16

19 Pagina 16 < Segue Il Tirreno (ed. Grosseto) cliccare su "Sapere dove e come", poi "Come fare per" "vaccinazioni" (http://www. usl9.grosseto.it/default.asp? idlingua=1&idcontenuto=4543). 17

20 Pagina 16 Il Tirreno (ed. Grosseto) Trasfusione sbagliata A giudizio due sanitari Medico e infermiera devono rispondere di cooperazione in omicidio colposo Sergio Fiorini, 76 anni, morì in rianimazione nell' agosto di due anni fa di Pierluigi Sposato wgrosseto È un' ipotesi di cooperazione colposa in omicidio colposo, in termini giuridici, quella di cui devono rispondere il dottor Alessandro Panella e l' infermiera Giuliana Tondini, entrambi in servizio nel reparto di rianimazione dell' ospedale di Grosseto. In altre parole, sono loro due i sanitari che potrebbero avere responsabilità nella morte di Sergio Fiorini, 76 anni, deceduto il 25 agosto 2013 dopo una somministrazione di sangue incompatibile: oltre tutto una trasfusione erronea, secondo l' accusa, perché Fiorini non ne aveva bisogno. Il giudice dell' udienza preliminare Marco Bilisari ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Laura D' Amelio e ha ritenuto necessario il dibattimento, che si terrà a partire dal 9 giugno davanti al giudice Andrea Stramenga. Il giudice non ha accolto la richiesta di perizia avanzata dai difensori dei due sanitari (gli avvocati Luciano Giorgi e Carlo Valle), finalizzata a comprendere in termini di giorni le chances di sopravvivenza del paziente già dalla salute compromessa per le complicazioni di una polmonite se non ci fosse stato l' errore: la richiesta sarà rinnovata in dibattimento. Perché la richiesta? Perché la consulenza del pm ha accertato una chance del 25%, mentre quella fatta eseguire dalla difesa è arrivata a percentuali molto più basse, non superiori ai 2 3 giorni di vita. Tra l' altro la difesa nota leggendo la consulenza fatta eseguire dalla Procura che Fiorini, pur essendo stato seguito intensamente e professionalmente in altri reparti, aveva visto un aggravamento progressivo della sua patologia. Chi ha ragione? Il pm ha chiesto il processo per i due sanitari dopo che la consulenza e il supplemento avevano escluso possibili responsabilità di altri sanitari inizialmente coinvolti, e la cui posizione è stata archiviata (erano 11 gli indagati complessivamente). Ciò che la Procura contesta è l' inosservanza del protocollo per le trasfusioni. Perché l' infermiera non avrebbe verificato l' identità del paziente mediante il braccialetto; non avrebbe verificato la corrispondenza dei dati sulla sacca, come il gruppo sanguigno, con il modulo del paziente; non avrebbe verificato la compatibilità del gruppo sanguigno di Fiorini con quello della sacca. In particolare, l' infermiera avrebbe interrotto per un' emergenza la trasfusione a un paziente vicino di letto e l' avrebbe poi iniziata erroneamente con Fiorini, non accorgendosi tra l' altro che quest' ultimo non aveva lo stesso gruppo A Rh positivo della sacca destinata al primo paziente. Sarebbero stati Continua > 18

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 15 La soddisfazione dell' Anaao 1 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 18 CORSO

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Pagina 1 di 7 rassegna stampa Data 5 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Lettere & opinioni Rossi proprio come Renzi non si confronta con il sindacato Codogno

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì, 28.01.2015. Il Sole 24 Ore 1 Nuovi Lea: controlli sui medici spreconi

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì, 28.01.2015. Il Sole 24 Ore 1 Nuovi Lea: controlli sui medici spreconi RASSEGNA STAMPA Mercoledì, 28.01.2015 Il Sole 24 Ore 1 Nuovi Lea: controlli sui medici spreconi La Repubblica 1 Scatta l obbligo per le Regioni di garantire eterologa ed epidurale 2 Sanità, funziona la

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott.

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott. 10 Venerdì 2 settembre 2011 CAMPOBASSO LA REPLICA Malasanità, l Asrem si difende Lʼospedale Cardarelli di Campobasso CAMPOBASSO. In relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 6 Livorno Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che:

Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati. La Camera, La Camera, premesso che: premesso che: Atti Parlamentari 81 Camera dei Deputati al comma 3 dell articolo 1 della presente legge è previsto: i pazienti terminali o in condizioni di morte prevista come imminente hanno diritto a essere assistiti

Dettagli

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente INDICE Parte I La responsabilità del medico 1 Professione medica e diritti del paziente 1.1 La professione medica 1.2 I diritti del malato nella Carta di Nizza 1.3 Il diritto alla salute e all assistenza

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale.

CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale. CITTADINI E SALUTE In Italia attraverso il Servizio Sanitario ad ogni cittadino è garantita la salute secondo i livelli essenziali di assistenza (LEA). Con la legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3,

Dettagli

Il 2007 Un anno di scelte importanti

Il 2007 Un anno di scelte importanti Il 2007 Un anno di scelte importanti Liberalizzazione, rinnovo contrattuale, elezioni RSU e previdenza complementare. Queste le sfide che impegneranno l Slp Cisl nell anno appena cominciato. Molte le decisioni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO TURNI DI GUARDIA E PRONTA DISPONIBILITÀ QUESITO (posto in data 4 gennaio 2014) Lavoro in una struttura complessa di Cardiologia con unità di terapia intensiva coronarica in un'azienda Ospedaliera

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA'

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' Abbiamo deciso di organizzare questo convegno per fare alcune considerazioni e valutazioni sul sistema socio sanitario

Dettagli

Procedimenti ad istanza di parte

Procedimenti ad istanza di parte richiesta cartella clinica dichiarazione di nascita certificazione di ricovero esenzione dal contributo di digitalizzazione Accesso civico Autocertificazione per la determinazione del ticket per prestazioni

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

Autore: Anna Messia Milano Finanza

Autore: Anna Messia Milano Finanza Autore: Anna Messia Milano Finanza Compagnie in perdita e medici che hanno il terrore di operare per non pagare di tasca propria eventuali indennizzi. Intanto scoppia il caso di AmTrust, che ha assicurato

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO MEDICO DI FAMIGLIA Molte persone si rivolgono al medico di base (o medico di famiglia ) come ad un medico che compila e fornisce ricette per farmaci

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DISTRETTO SANITARIO 17 RIVIERA VAL DI VARA Per informazioni sui servizi 0187/533842 giorni feriali ore 08.00-12.00 Redatto dalla funzione Comunicazione S.C. Sistema

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL Ansa SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL 2012 'EFFETTO BLOCCO DEL TURN-OVER, TAGLIO DEI COSTI PER 25 MILIONI' BOLOGNA, 28 GIU - A fine 2012, come effetto del blocco del turn-over, il sistema

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

CLINICAL RISK MANAGEMENT AND TRIAGE: A SURVEY ON ITALIAN MINISTERIAL RECOMMENDATIONS

CLINICAL RISK MANAGEMENT AND TRIAGE: A SURVEY ON ITALIAN MINISTERIAL RECOMMENDATIONS CLINICAL RISK MANAGEMENT AND TRIAGE: A SURVEY ON ITALIAN MINISTERIAL RECOMMENDATIONS V Marinelli1, G. Beltrami2, F Lari3, A Vesprini4, F Giostra2 1 Università Politecnica delle Marche; 2 UOC MCAU ASUR

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA CARTA DEI SERVIZI CASA DI RIPOSO MARIA LUISA COSENTINO Casa di Riposo M. L. Cosentino Via Napoli 85042 Lagonegro (PZ) Tel. 0973/21356 0973/41330 Fax 0973/21930

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin

Il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin 1 14 giugno 2014 Le novità in sanità delle norme approvate dal Governo. Dalla Riforma PA alle ricette per le patologie croniche. E per i medici del Ssn niente obbligo assicurazione. Albo nazionale per

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI -

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007 Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Cari Amici, come a tutti voi noto, presso la nostra sede nazionale

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Dott. Claudia Mognaschi Via S. Cristoforo, 44-21047 SARONNO Tel. 3663819473 / 0296702270 - Fax 0287153169 e-mail: cmognaschi@alice.it (Ultimo aggiornamento 18.03.2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa OSTETRICIA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Le dimensioni, la complessità organizzativa e la presenza di una forte componente universitaria

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci

C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci C È CHI DICE NO: RICARDO ANTONINI Di Giuliano Marrucci Riccardo Antonini è un ferroviere e anche portavoce dell assemblea 29 giugno, nata dopo la strage di Viareggio, con lo scopo di contribuire alla ricerca

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Liste di attesa e spesa privata: i cittadini pagano le inefficienze di un SSN sempre meno accessibile. Necessaria politica nazionale per l accesso ai servizi. Presentato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 Cari Soci, Siamo qui a presentare il bilancio consuntivo del terzo anno, sembrano pochi tre anni ma se volgiamo lo sguardo all indietro sembra passata una eternità. INTRODUZIONE

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Unità Operativa di Chirurgia

Unità Operativa di Chirurgia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University

Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Il mio Master in Medicina Interna alla Uganda Martyrs University Dr. Nakandha Esther Magumba Trainee Internal Medicine Il programma è iniziato nel Novembre 2010, con la partecipazione di 17 studenti: 5

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Medicina di Gruppo Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Dott. C. Campiglia (referente) Dott. M. Budelli Dott. M. Corio Dott. G. Gorletta Dott. C. Grassi Dott. R. Stella Indice Presentazione

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA Ministero della Salute - Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie (CCM) Progetti applicativi al programma CCM 2009 Presa in carico precoce nel primo anno di

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa aggiornamento di mercoledì 9 aprile Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida.

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida. SERVIZI BASE ( estesi gratuitamente al nucleo famigliare) CONVENZIONI SPECIALISTICHE ED OSPEDALIERE Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli