Rassegna del 13/05/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 13/05/2014"

Transcript

1 Rassegna del 13/05/2014

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 13/05/2014 SI PARLA DI NOI Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 Presto il cantiere per via Bentivoglio 1 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 16 Due serate a Porto per fare il punto sulla differenziata 2 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 16 Basta allagamenti: partono i lavori 3 La Voce Di Mantova 13/05/14 P. 18 Due discariche a cielo aperto a Cerese 4 RIFIUTI Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 Sbarra e lucchetto per chiudere la via della monnezza 6 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 20 Le imposte comunali Tasi e rifiuti venerdì in consiglio 7 La Voce Di Mantova 13/05/14 P. 19 Goito, approvato il piano gestione dei rifiuti 8 La Voce Di Mantova 13/05/14 P. 12 Valletta Valsecchi, i palassi ex Aler "degli orrori" Antonio Cirigliano 9 ENERGIA Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 Le Rsu della Ies incontrano Martina 10 SERVIZI La Voce Di Mantova 13/05/14 P. 19 Gazoldo degli Ippoliti virtuosa: eliminate Imu e Tasi 11 POLITICA LOCALE Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 7 Crisi sempre più dura Dalla Provincia allarme licenziamenti Graziella Scavazza 12 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 Expo, la Regione stronca i progetti mantovani 13 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 13 Multe con lo sconto: il Comune perde soldi Sandro Mortari 15 ACQUA: SCENARIO Brescia Oggi 13/05/14 P. 21 Acquedotto e allarme nitrati I rubinetti a rischio chiusura Riccardo Caffi 16 Corriere Della Sera 13/05/14 P. 5 Ridotti Padiglione Zero e Vie d'acqua Le condizioni per salvare l'esposizione Elisabetta Soglio 17 Sole 24 Ore - Rapporti 24 / Impresa 13/05/14 P. 20 Tecnologie in alta quota, Sant'Anna investe ancora 19 RIFIUTI: SCENARIO Brescia Oggi 13/05/14 P. 25 Rifiuti porta aporia, piovono lamentele 20 Corriere Della Sera Brescia 13/05/14 P. 5 Tariffa rifiuti, inviati i bollettini. Fai da te per la Tasi Davide Bacca 21 L` Arena 13/05/14 P. 15 Rifiuti porta a porta a Borgo Roma,si parte in autunno 22 Sole 24 Ore 13/05/14 P. 40 Prove di rinvio per l'acconto Tasi Marco Mobili, Gianni Trovati 23 ENERGIA: SCENARIO Mf 13/05/14 P. 14 Agsm Verona apre ai residenti il capitale di parco eolico Francesco Colamartino 25 Repubblica 13/05/14 P. 24 Privatizzazioni Eni-Enel Il ministro Padoan "Valuto tutte le ipotesi" 26 Sole 24 Ore 13/05/14 P. 34 Sauditi pronti a supplire a carenze di petrolio russo Sissi Bellomo 27 SEGNALAZIONI Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 8 Il pm: «Montedison museo degli orrori» Giancarlo Oliani 28 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 13/05/2014 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 E ora la cartiera è transennata 30 Gazzetta Mantova 13/05/14 P. 11 Via libera ambientale per la Burgo Monica Viviani 31 Indice Rassegna Stampa Pagina II

4 Presto il cantiere per via Bentivoglio Aggiudicati i lavori per 229mila euro. Presto la gara per sistemare la piazza del lavatoio di Castelletto Sarà un'estate ricca di cantieri quella che si sta profilando per Mantova. Un'estate in cui il Comune porterà a termine due opere molto attese dai cittadini, di cui si parla da anni e finora sempre bloccate dal patto di stabilità che impedisce al Comune di utilizzare i soldi in cassa: la riqualificazione di via Bentivoglio, nel quartiere di Colle Aperto e la sistemazione della piazzetta del lavatoio a Castelletto Borgo. I lavori per via Bentivoglio sono stati aggiudicati all'impresa Reggiani srl di Mantova: ha avuto la meglio in un lotto di 19 concorrenti (21 quelli invitati) grazie ad un ribasso d'asta del 16,35%. Il che signifi- Entro il mese partiranno gli interventi per il parco Arcobaleno di Borgochiesanuova ca che la riqualificazione della strada costerà al Comune euro (Iva esclusa). L'impresa avrà tempo 126 giorni, dal verbale di consegna dei lavori, per terminare l'intervento. «Oggi - annuncia il dirigente del settore opere pubbliche Carmine Mastromarino - avremo una riunione operativa con la Reggiani e credo che ai primi di giugno il cantiere possa aprire. Il tempo a disposizione per chiudere i lavori è di quattro mesi, ma se la stagione tiene contiamo di chiudere prima». Il progetto prevede la sistemazione dei marciapiedi, l'asfaltatura della strada, la posa della nuova illuminazione pubblica, nuovi allacciamenti alle fognature e nuovi sottoservizi. Sarà, invece, quanto prima avviata la gara per individuare l'impresa che si occuperà della riqualificazione della piazza centrale di Castelletto Borgo. Una settimana fa il settore lavori pubblici, su impulso dell'assessore Marco Cavarocchi, ha deciso di procedere all'affidamento dei lavori per un importo di euro mediante procedura negoziata: «Inviteremo 15 imprese - dice Mastromarino -. Entro metà giugno riceveremo le varie offerte; il tempo, poi, di acquisire la documentazione necessaria da chi si aggiudicherà l'appalto e poi si potrà partire con i lavori, penso a luglio. L'obiettivo è di concludere il cantiere in quattro mesi, quindi entro l'anno». Entro il mese dovrebbero partire i lavori di riqualificazione del parco Arcobaleno, intervento che rientra nel Pru di Borgochiesanuova: si tratta di 6mila metri quadrati di verde all'interno del quartiere, tra la Spolverina e le vie Spiller e Rinaldo Mantovano, che saranno arricchiti da un campo di calcetto, lunetta per il basket, area per cani e giochi per i bimbi. I lavori, per un importo di 235mila euro, sono stati aggiudicati a Mantova ambiente del gruppo Tea. (Sa.Mor.) I lavori di manutenzione parziale in via Bentivoglio nel novembre 2013 Si parla di noi Pagina 1

5 Due serate per fare il punto sulla differenziata Due serate per parlare di raccolta differenziata insieme ai cittadini. II Comune di Porto Mantovano ha organizzato due appuntamenti, il primo stasera alle 21 nell'oratorio di Soave, mentre il secondo lunedì prossimo sempre alle 21 nella sala civica di Bancole, in piazza della Pace. Gli incontri pubblici saranno l'occasione per fare il punto della situazione su rifiuti, risultati, tariffe, novità e compostaggio. I risparmi realizzati nel Piano finanziario per il servizio di gestione rifiuti da lmilion e 953mila euro (140mila euro in meno rispetto all'anno precedente), si sono concretizzati nelle diminuzioni degli importi addebitati ai cittadini. La riduzione media stimata è del 4% per le utenze domestiche, e tra il 6 e il 10% per le utenze non domestiche. La produzione di indifferenziato è passata da tonnellate nel 2010 a tonnellate a fine 2012, sono state risparmiate bottiglie di plastica e distribuite compostiere. Agli incontri interverranno gli amministratori e i tecnici di Mantova Ambiente. (ele.car) RIiI,Areli h rkrr Si parla di noi Pagina 2

6 LEVATA Basta lavori Con un mese di ritardo apre il cantiere. Previsti disagi per 6 mesi CURTATONE(Levata) Con un mese di ritardo rispetto le previsioni indicate ad aprile dall'amministrazione, lunedì prossimo cominceranno i lavori del progetto che metterà fine agli allagamenti che da anni si verificano a Levata in ogni primavera e autunno, in particolare nei periodi di piogge abbondanti e improvvise, e che hanno spesso creato disagi ai residenti. Il cantiere da 350mila euro partirà nel tratto di via Levata da via Costituzione a via Pisanello, in cui dal 19 al 23 ci sarà il divieto di transito, ed interesserà per circa sei mesi la frazione. Le opere serviranno a riqualificare completamente la rete loil sindaco Antonio Badolato gnaria e quella di smaltimento delle acque piovane, ed il canti ere durerà fino alla fine di settembre e comprenderà la parte centrale del paese: i trecentocinquanta metri di strada sotto la quale si nasconde la rete fognaria da rimettere a nuovo sono quelli che vanno dal tratto di via Levata dove si trova via Verga e il passaggio a livello fino a via Costituzione, dove ci sono le scuole elementari. Al momento è attiva una linea mista, che raccoglie sia le acque delle fognature sia quelle piovane, mentre l'obiettivo è sdoppiare la rete. Cioè, ci sarà una divisione tra acque chiare ed acque scure, con il convogliamento verso il canale Esperimento, già allargato e preparato in precedenza. Gli enti che collaboreranno al progetto sono il Comune, Tea acque e Ato, che hanno messo a punto il Piano di interventi. (ele.car) Poit>.Aeelihacker 1 i,,k i..niiiiii Si parla di noi Pagina 3

7 Odori acri e topi che banchettano: i residenti chiedono telecamere per multare i responsabili Due discariche a cielo aperto a Cerese BORGO VIRGILIO - Rifiuti per strada, i residenti hanno segnalato tramite i siti del Comune e de l'altra Mantova due discariche abusive: la prima si trova in via Nenci, di fronte a un condominio, a due passi da un parco giochi e a cento metri in linea d'aria dall' Avis Park. Il secondo cumulo si è formato tra Cerese e Cappelletta, nel parcheggio adiacente la Cisa, di fronte al Bar Kalifornia, che sorge in un complesso residenziale recente. In via Cisa ieri pomeriggio erano visibili sacchetti della spazzatura, un passeggino e cartacce varie. L'odore è acre e fastidioso. «In via Cisa il problema dei rifiuti sparsi per terra si trascina da almeno tre mesi - afferma un residente al quale abbiamo chiesto alcuni chiarimenti - il Comune è stato avvisato e l'area è stata pulita ma, dopo qualche giorno, il problema si è ripresentato. Qualcuno del condominio ha visto diverse volte automobilisti lanciare dal finestrino sacchetti di plastica neri pieni di immondizia. Ma potrebbe essere anche qualche residente che non fa correttamente la raccolta differenziata. Il Comune ci ha invitato a prendere nota delle targhe e a segnalare queste persone incivili che lanciano i rifiuti dalle auto ma non possiamo stare alla finestra di casa tutto il giorno». Qualche cittadino di buona volontà ha raccolto due sacchi neri colmi di spazzatura che erano stati abbandonati nelle aiuole attigue alla Cisa e li ha adagiati nel cumulo di rifiuti che giace nel parcheggio. cill, TI 4 44,{i A'q Allarme sicurezza : sindaci dal Prefetto Due diuariche o cielo operlo o C- N Si parla di noi Pagina 4

8 «Uno spettacolo desolante e indecoroso - sottolinea un passante - la Tea fa il suo lavoro e raccoglie i rifiuti seguendo in modo diligente l'eco-calendario. Purtroppo il problema di queste piccole discariche non è degli ultimi giorni, ogni tanto i rifiuti vengono raccolti ma dopo due giorni il marciapiede è di nuovo ingombro di sacchetti». In via Nenci, una signora, madre di due bambine, accompagna le figlie al parco giochi passando di fronte ai rifiuti: «La puzza è insopportabile, non parliamo della scarsa igiene dovuta ai topi e agli insetti che banchettano nella spazzatura». Secondo questa cittadina, la soluzione potrebbe essere l'installazione di alcune telecamere per multare chi abbandona i sacchetti. (g. v.) La situazione in via Nenci... Si parla di noi Pagina 5

9 STRADA DIVERSIVO La scia della spazzatura si allunga ancora in via della Monnezza. Brandelli di valigie, seggiolini per auto, televisori a pelo d'acqua, giù nel fosso. Scarpe, bottiglie, divani, cibo guasto, il rovescio della nostra vita sazia. La beffa estrema è quella dei sacchi gialli. Plastica. Tutto differenziato a dovere, peccato che poi i rifiuti abbiano preso la strada sbagliata. Strada Diversivo. Già nei mesi scorsi la Gazzetta aveva documentato il degrado della via, una cerniera inceppata tra la campagna e l'asfalto. Bolla d'inciviltà e terra di nessuno, buona per lanciare la spazzatura dalle auto in corsa. L'ottusa barbarie di chi, un sacco alla volta, torna sempre ad alimentare la discarica. Hai voglia di pulire, serve una soluzione definitiva. A fine gennaio, d'intesa con il Parco e il Consorzio di bonifica Territori del Mincio, il Comune aveva annunciato la chiusura della via. Quattro mesi dopo la soluzione è vicina. La strada è di passaggio, c'è voluto un po' di tempo per capire come rnuoversi: alla fine si è deciso per una sbarra chiusa con un lucchetto. Le chiavi verranno consegnate a proprietari dei larghi fazzoletti di campagna che costeggiano la via e sarà garantito l'accesso anche ai mezzi di soccorso. Ai turisti della monnezza toccherà tenersi i sacchi in auto. (ig.cip) In strada Diversivo si allunga ancorala scia della spazzatura (foto Saccani) Rifiuti Pagina 6

10 OSTIGLIA Le imposte comunafi T1si e rifiuti vener in consiglio OSTIGLIA Venerdì alle 21 è convocato il consiglio comunale di Ostiglia con due punti all'ordine del giorno: istituzione dell'imposta unica comunale luc, disposizioni in merito all'effettuazione del versamento del tributo Tasi relativo all'anno 2014 nelle more dell'approvazione del relativo regolamento e aliquote vigenti per il medesimo anno; istituzione dell' imposta comunale luc e del corrispettivo peri rifiuti, determinazione scadenze e del numero delle rate di versamento del corrispettivo per i rifiuti anno Rifiuti Pagina 7

11 NELL'ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE II municipio di Goito Goito, approvato il piano gestione dei rifiuti GOITO - Approvato dal consiglio comunale di Goito il piano finanziario relativo al servizio di gestione dei rifiuti e di quelli assimilati avviati allo smaltimento che per il 2014 si attesta a poco meno di un milione e trecentomila euro. Rimane pressoché invariato per il cittadino il costo del servizio nonostante i vari aumenti intervenuti, aumenti dovuti in particolare dall' Istat e dalla volontà dell'ente di completare il pagamento della nuova piazzola ecologia, in via di realizzazione in zona Pedagno, nell' arco di tre anni. Questa scelta, abbinata all'accantonamento in questi anni di risorse da adibire al progetto in questione, consentirà al Comune di evitare di pagare interessi oppure di accedere ad un mutuo. Altro punto all'ordine del giorno di una certa rilevanza, che dopo un attento confronto tra la giunta, i consiglieri di maggioranza e quelli d'opposizione, ha ottenuto il via libera è il bilancio di consuntivo Questo è stato chiuso con una avanzo di circa 500mila euro, per il quale al momento non è stato ancora deciso quale possa essere la sua destinazione. Una volta approvato il bilancio consuntivo si è provveduto, nella medesima seduta, a rendere operativo quello di previsione per l'anno in corso e per il triennio 2014/2016. Ambedue i documenti sono stati predisposti tenendo in debita considerazione sia il rispetto del Patto di Stabilità e sia la necessità di garantire alla comunità tutta una serie di servizi. (p.b.) Prende 119milo euroallo zio, tondannota Rifiuti Pagina 8

12 Da via 8 marzo a via Scalarini Valletta Valsecchi, i palazzi ex Aler "degli orrori" Rifugi per disperati e discariche intollerabili. Appello dei Comitati di quartiere per allontanare gli abusivi di Antonio Cirigliano I palazzi Aler, ben noti come"palazzi dei profughi", collocati in via 8 Marzo e in via Scalarini, e ben visibili da via Brennero (arteria di accesso alla città) continuano a essere frequentati da abusivi. Inevitabili le proteste dei residenti del quartiere che vedono queste intrusioni come minacce al decoro. Qui da più di due anni - da quando cioè l'aler decise di svuotare gli edifici - la situazione è andata sempre più peggiorando dal punto di vista ambientale. Leimmondizie aumentano: c'è di tutto, dai mobili, agli attrezzi di artigianato e fai date, libri, riviste, cartoline, poltrone, sedie, lampadari, batterie per auto, fusti di colore, una carrozzina e tanti altri rifiuti. Il movimento degli inquilini abusivi è più visibile di sera, quando per farsi luce e frequentare le parti basse degli edifici usano candele. «Èun via vai di gente» spiega una residente. «La rete di recinzione è stata rovinata in diversi punti e gli abusivi con facilità riescono a ri - pararsi nella parte inferiore. Questi edifici sono diventati buoni alloggi per piccioni, topi e gatti. Non è possibile continuare con questo degrado. Noi paghiamo la disinfestazione per loro. Che si decida l'aler. Non si possono ammettere queste brutture e questo degrado nella città Unesco». A parere di un altro residente sono stati tanti gli annunci QUI PERSINO LA POLIZIA NON METTE PIÙ PIEDE... dell'aler, ma finora non è successo niente. «Vedete sono ancora qui. Questi edifici furono considerati pericolanti, ma a differenza delle nostre case non abbiamo notato nessun danno dopo il terremoto». Anna Zacchi, del comitato Valletta Valsecchi, fa notare che «la polizia non può entrare qui, perché considerati edificipericolanti. La sipuò chiamare solo nel momento in cui gli abusivi sono dentro». Anche Zacchi conferma che le immondizie aumentano giorno dopo giorno. Marina Galateo del Social Street Valletta Valsecchi aggiunge: «Sono stati inutilmente spesi soldi pubblici per costruire due orrori architettonici con materiali scadenti e già deteriorati. Parlo anche dello studentato. Servirà a chi? Attiriamo studenti esterni? No, credo che quei soldi avrebbero potuto essere decisamente spesi meglio per servizi e decoro del quartiere». Valktte Vnlsehi, i pl-i e Aler degli ortai" Rifiuti Pagina 9

13 Le RSu de Ha i ncontrano Martina C'erano anche tre rappresentanti della Rsu della les sabato ad incontrare il ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina a Gonzaga. Azelio Bacchetta, Paolo Spadaforae Flavio Frignani hanno consegnato al ministro l'accordo les firmato il 15 gennaio al Ministero dello sviluppo economico. Documento già consegnato anche ai ministri alle Infrastrutture Maurizio Lupi e al Lavoro Giuliano Poletti. La richiesta è sempre la stessa: fate qualcosa perla reindustrializzazione. A Gonzaga le Rsu les hanno quindi anche colto l'occasione per ricordare all'europarlamentare Antonio Panzeri l'impegno preso con loro ad aprile: un'interpellanza a Bruxelles perla riconversione. Energia Pagina 10

14 Gazoldo degli Ippoliti virtuosa : eliminate Imu e Tasi 3AZOLDO DEGLI IPPOLITI - Nel corso Iella sua ultima seduta il Consiglio comunale ia stabilito che a Gazoldo nel corso del 2014 sull'abitazione principale, oltre all'imu, elininata per legge, non si pagherà nemmeno la Fasi. L'agevolazione è stata estesa dall'amninistrazione comunale anche agli inquilini in affitto, che per legge dovrebbero pagare dal 10 al 30% della tassa complessivamente dovuta e per l'uso gratuito di abitazione concessa a parenti in linea retta di primo grado, quali i genitori e i figli. Sono stati, poi, confermati tutti i servizi alle famiglie erogati sul territorio, alle stesse tariffe degli anni precedenti e l'applicazione di un calo sensibile alle tariffe della tassa rifiuti nel 2014 per le utenze domestiche. (pa.zo.) Prende 119milo euroallo zio, tondannoto Servizi Pagina 11

15 Crisi sempre pin dura e e Dalla Provnina e hcenziainenti Preoccupa il boom della cassa integrazione straordinaria Corsi gratuiti di formazione per chi è rimasto senza lavoro Nel primo trimestre del 2014 sono state autorizzate nel Mantovano oltre 3 milioni di ore di cassa integrazione, esattamente , contro ore dello stesso periodo nel In prevalenza, l'aumento esponenziale si è registrato nella cassa straordinaria, passata dalle precedenti ore a da gennaio a marzo di quest'anno. Il grido d'allarme è stato lanciato ieri a Palazzo di Bagno, nel corso della riunione della commissione consiliare lavoro presieduta da Massimiliano Montagnini del Pd: se non ci sarà una ripresa arriverà la mobilità. Fino a quando reggeranno gli ammortizzatori sociali? Dal 2011 ad oggi la Provincia ha coordinato e seguito sul territorio, con le parti sociali ed altre istituzioni, un totale di 27 crisi aziendali che hanno visto coinvolti dipendenti, oltre ad altri lavoratori dell'indotto. Per arginare questa piaga che sembra non avere fine sono state attivate varie tipologie di interventi, in primis la sensibilizzazione dei rappresentanti politici mantovani e poi la richiesta al Ministero dello sviluppo economico di aprire tavoli di crisi. Sono seguiti incontri in Provincia, Prefettura, Regione, Ministero; è stata contattata l'azienda speciale regionale per l'istruzione, Formazione e Lavoro, e sono state fatte azioni di facilitazione verso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali in riferimento alla concessione degli ammortizzatori sociali. Coloro che sono rimasti senza occupazione hanno avuto l'opportunità di partecipare gratuitamente ai corsi di formazione organizzati dall' azienda speciale provinciale For.Ma e grazie al protocollo provinciale è stata anticipata la cassa integrazione. Nell'elenco delle operazioni messe in campo per fronteggiare l'emergenza venutasi a creare si è ricordata ieri anche la sottoscrizione degli accordi con enti accreditati al lavoro, utili alla gestione dei profili dei lavoratori collocati in mobilità. Sono stati realizzati contestualmente tre progetti di reimpiego in partenariato per specifiche categorie colpite da crisi aziendali, agevolando inoltre l'iscrizione gratuita presso i Centri per l'impiego provinciali. «Dal 2011 al 2014 la Provincia ha istituito pratiche per la cassa integrazione in deroga -ha dichiarato la vice presidente Francesca Zaltieri-. I dati ci dicono che le aziende che hanno presentato domanda sono state per ben lavoratori. Tra queste ci sono anche quelle con causale sisma». Nel primo trimestre del 2014 gli iscritti alle liste di mobilità erano 434 (contro i 441 dei primi 3 mesi dell'anno precedente), ma è un dato parziale in quanto ci sono ancora 44 richieste congelate. Si è appreso, infine, che è in fase di progettazione il Network delle Competenze in cui vengono raccolti i curricula dei diplomati, mentre ha dato ottimi risultati l'agricoltura sociale alla Bigattera. Graziella Scavazza 208CRIS.odr Mantova (Valdaro) feantova,, nírma ': /zara Poggio Rusco c;: friana Volta Mantovana +13"s Serravalle a Po tin Medolla (Modena) (tavolo coordinato da Regione Emilia Romagna a cui ha partecipato anche Provincia di Mantova) Castiglione Mantova p ;;ntava (ex Comprabene) Mantova, Bozzolo, Ostiglia i ' i Porto Mantovano e Marcaria Suzzara Volta Mantovana a Castiglione d/s Quistello I& 'Gonzaga e fan,iovanni del Dosso 1,1,r C, ïi (ün,ir e Asola asti; ainne Manta,,!ìoffiredo } ds Bagno Io San Vito San Benedetto Po Montagnini della commissione lavoro della Provincia con la zaltieri fsi,i umprc pil dim t1mla I'rocincin allormc Iiccnriamenl i Politica locale Pagina 12

16 Expo, la Regione stronca i progetti mantov Fava all'attacco dopo un incontro saltato: «II treno e partito e non fermerà qui» Nel mirino la Provincia: «Con l00mïla euro a Milano ci faranno solo le pulizie» La Regione stronca i progetti mantovani per l'expo: «Sarà uno dei territori dove andremo a finanziare qualche festicciola di paese: con i 100mila euro stanziati, la Provincia cosa pensa di fare a Milano, le pulizie? E il padiglione galleggiante è un'operazione costosa e inutile». Poche parole, quelle pronunciate ieri dall'assessore regionale all'agricoltura, Gianni Fava, per sistemare mesi di trattative tra enti che, però, non hanno ancora portato a presentare un programma ufficiale, ma solamente elenchi di progetti possibili. Proprio il rinvio dell'incontro che avrebbe dovuto segnare l'avvicinamento a qualcosa di più concreto è stata la scintilla che ha acceso le polveri dell'assessore. Anche perché, fa notare Fava, nessuno l'ha avvertito del rinvio. «Questo è l'unico caso in un anno di assessorato all'agricoltura in Lombardia in cui mi è capitato di presentarmi a un appuntamento col presidente della Provincia e si sono dimenticati di informarci di averlo rinviato senza alcuna altra data propo- Gianni Fava con il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala sta o condivisa» dichiara l'esponente leghista. Nel mirino, in particolare, la Provincia e il suo presidente, definito "a termine", Alessandro Pastacci. Cosi, Fava vuota il sacco e comincia a elencare cosa, secondo lui, non va: «Mantova è l'unica provincia dove non c'è uno straccio di progetto su Expo - attacca l'assessore -. Si continua a convocare riunioni e farle saltare all'ultimo minuto. E questo perché mancano le idee e i fondi. Con centomila euro messi a disposizione cosa pensa di fare la Provincia di Mantova ad Expo, le pulizie? Il treno per Expo è partito, ma ferma in altre stazioni. Mantova con Expo non esiste. Paradossalmente stiamo analizzando progetti interessanti di province non lombarde, ma Mantova è l'unica provincia Ionibarda che manca all'appello». Fava se la prende con i ritardi: «li calendario condanna Mantova. Manca meno di un anno, ormai è tardi: alla fine parteciperanno al bando in modo sconclusionato, come sempre, e sarà uno di quei territori dove andremo a finanziare qualche festicciola di paese, che serve a creare consenso politico, ma che non porterà nulla al territorio. Questa è la marginalità assoluta di Mantova». La critica a chi ha gestito l'avvicinamento all'expo approda poi al metodo seguito: «Nessuna associazione temporanea di scopo è stata realizzata, anche se basta andare cinque minuti da un notaio, mala verità è che non si sono mesi d'accordo su chi debba fare il presidente. E così, ancora una volta, viviamo un territorio dove le ambizioni personali dei singoli vengono prima degli in- Lq,o, L, Rcgfimc e1ronca w_aca; m.um,ca'ú Politica locale Pagina 13

17 stacci: getta fango sul lavoro degli altri ((Come al solito l'assessore Fava non perde occasione per gettare gratuitamente fango sul lavoro degli altri. Ne prendo atto, è il suo stile. Ma voglio anche precisargli che la riunione non è stata annullata per volontà della Provincia ma per impegni dei rappresentante camerale, il consigliere Alberto Righi». A rispondere a Fava è il presidente della Provincia, Alessandro Pastacci. Che spiega : «Righi, nei giorni scorsi, oltre a comunicare la sua indisponibilità per oggi (ieri per chi legge ndr ), proponendo come alternativa lunedì 19, al le 17, aveva anche chiesto che la convocazione partisse dalla Camera di Commercio. Se equivoco vi è stato mi scuso, ma Fava non usi anche un problema organizzativo per esprimere dubbi e disprezzo sul lavoro che invece, seppure tra tante difficoltà portiamo avanti. Noi come il Comune, la Cameradi Commercio egli altri enti e i privati che credono in Expo e vogliono coglierne le opportunità collegate. Vedo il tentativo di disprezzare e mettere in cattiva luce il territorio da cui lui stesso proviene. Abbiamo lavorato in questi mesi per arrivare al progetto di sintesi che avevamo già concordato di condividere con l'assessore e la Regione stessa. Nel prossimo incontro discuteremo proprio di questo e mi farebbe piacere condividerlo anche con Fava. Riguardo alla costituzione di un'associazione temporanea di scopo (Ats), si era condiviso con l'assessore stesso, a marzo, che la cabina di regia poteva essere una soluzione ottimale e flessibile rinnovando però nei successivi incontri col presidente Maroni che vi era la totale disponibilità di costituire anche a Mantova una Ats qualora fosse ritenuto dalla Regione uno strumento migliore. Quindi nessun problema di presidenze che sono solo nella mente dell'assessore Fava». teressi territoriali. Ancora più grave, poi, che nessuno pubblicamente si sia ancora lamentato di questo immobilismo». Infine, il padiglione galleggiante sul lago: «La piattaforma galleggiante è un tributo al Politecnico di Milano, non si sa bene a quale titolo, ma è un' operazione costosa e inutile». Fava non lo dice esplicitamente, ma fa capire che il ritardo nel varo della lista dei progetti potrebbe essere legato all'attesa della scadenza elettorale, perché forse qualcuno potrebbe rimanere escluso e, quindi, deluso. Politica locale Pagina 14

18 Multe con lo sconto: il Comune perde soldi Nei primi tre mesi della nuova norma il calo degli incassi e stato di 10Omìla euro Ma quelli che pagano entro i cinque giorni sono aumentati solamente del 3,9% di Sandro Mortari Pagare le multe subito con uno sconto del 30% piace ai cittadini, un po' meno al Comune. Che con questa nuova disposizione in vigore da agosto 2013 teme di perdere in un anno 400mila euro. Non siamo ancora all'allarme rosso, ma il problema per le casse di Via Roma esiste. I primi dati in possesso della Polizia locale relativi alla violazione del codice della strada induce alla riflessione. Confrontando i verbali delle multe elevate in settembre, ottobre e novembre 2013, appena dopo l'entrata in vigore della nonna che consente di risparmiare il 30% se si paga la contravvenzione entro cinque giorni, con quelli dei primi tre mesi dell'anno quando ancora vigeva la vecchia procedura (pagamento entro 60 giorni per evitare il raddoppio della sanzione), balza evidente una tendenza: aumenta il numero di chi paga subito, diminuiscono le entrate per il Comune. «Abbiamo tenuto in considerazione verbali emessi tra settembre e novembre - spiega il comandante della Polizia locale Paolo Perantoni - e abbiamo visto un aumento del 3,9% di quelli pagati entro i cinque giorni ; a questo corrisponde una diminuzione delle entrate dell'8,16%». Tradotto in soldoni, significa che il Comune in quei tre mesi del 2013 ha incassato 100mila euro in meno rispetto ai primi tre mesi dell'anno. Se il trend si confermasse, a fine anno Via Roma si troverebbe con 400mila euro in meno in cassa. Perantoni, però, tiene a ridimensionare l'allarme: «Per avere dei dati precisi bisogna considerare almeno 6-9 mesi, tenendo presente che nella stagione estiva le multe aumentano perché la gente sta di più fuori casa e perché le nostre pattuglie sono al lavoro anche di notte. Per esempio, nei primi tre mesi del 2014 abbiamo elevato contravvenzioni». Perantoni afferma anche che l 'aumento del 3,9% di chi paga subito la sanzione «fa ritenere che molti di coloro che anche prima pagavano entro i termini facciano lo stesso adesso, e chi prima non pagava non paghi nemmeno adesso». Per la cronaca, prima che scattasse lo sconto del 30% a pagare entro i termini di 60 giorni era il 57,64% dei multati: adesso siamo saliti al 61,54%. Rovesciando il dato, circa il 38% dei multati paga fuori tempo massimo o, addirittura, se ne dimentica. Con il risultato che ogni anno il Comune accumula un arretrato di 2 milioni di euro sempre più difficile, data la crisi economica, da recuperare. «Lo sconto del 30% è importante - ammonisce l'assessore alla mobilità nonchè il vice sindaco Espedito Rose -, ma non deve incentivare la violazione delle regole. Rispettarle è fondamentale per tutti». F VInlt con o «nnln: il <o,nunc p, rdc oidi Da agosto 2013 le multe sono scontate dei 30% se si paga entro cinque giorni Politica locale Pagina 15

19 ORZIVECCHI. Una lettera di richiamo inviata dallasl al Comune riaccende il caso delle infiltrazioni nella rete idrica Acquedotto e allarme nitrati I rubinetti a rischio chiusura Secondo le ultime analisi i parametri sono troppo vicini ai limiti di legge Subito un intervento o potrebbe scattare l'inte ione della fornitura... Riccardo Caffi Se il Comune non corre ai ripari, la popolazione di Orzivecchi rischia di rimanere senza acqua potabile proprio nella stagione più calda. «L'allarme viene direttamente da una lettera che l'asl ha trasmesso al Comune - informa il candidato sindaco Fulvio Cominotti -, protocollata il 18 aprile, ma di cui ho avuto notizia solo ieri». Nonostante l'impianto di denitrificazione attivo sui pozzi che alimentano la rete idrica, la qualità dell'acqua erogata è in continuo peggioramento e la percentuale di nitrato in essa contenuta sfiora il limite di 50 mgji posto a difesa della salute. «L'Asl avvisa il Comune che nel corso dei controlli disposti nel 2013 e nei primi mesi del 2014, sull'acqua fornita dall'acquedotto di Orzivecchi è stata in qualche caso accertata la presenza di nitrati con parametri analitici compresi tra i 40 e i 49 mgf l - prosegue Cominotti - e sollecita perciò l'attivazione di tutti gli interventi tecnico-impiantistici necessari per abbassare i valori, consideratalapericolosità che l'esposizione a concentrazioni superiori rappresenta soprattutto per i bambini. In caso contrario - aggiunge Cominotti -, l'asl avverte che potrebbe essere necessario ordinare l'interruzione della fornitura di acqua agli abitanti del paese». Appena ottenuta copia della lettera, Cominotti, ex assessore all'ambiente, e i consiglieri del gruppo «Unità e Rinnovamento» Giuseppe Garda e Moreno Micheli, hanno sottoscritto un'interpellanza da presentare al sindaco Liliana Ferrari. Chiedono di conoscere, «vista la gravità e l'urgenza del problema e l'ipotizzata possibilità di interruzione della fornitura idrica, quali passi l'amministrazione abbia intrapreso». LA CONCENTRAZIONE di azoto nei terreni, impregnati di liquami provenienti dalle stalle, mette a rischio la salubrità delle acque destinate ai cittadini. Gli sversamenti sui campi hanno prima compromesso le risorgive che, nella Bassa, alimentano rogge e canali, e minacciano ora la falda più profonda, alla quale si allacciano i pozzi degli acquedotti comunali. A Orzivecchi l'acqua che scende dai rubinetti si porta dentro concentrazioni di nitrati che in qualche caso sono già risultate superiori ai limiti di legge. Specialmente in estate, quando l'attività irrigua, probabilmente, provoca l'aumento delle infiltrazioni. «È un problema che il nostro gruppo ha evidenziato in tutte le occasioni, in Consiglio, nelle assemblee, a mezzo stampa - incalza Cominotti -. Attendiamo la risposta del sindaco e ci auguriamo che abbia già chiesto l'intervento diaob2 per risolvere il problema, anche se percorrere ai ripari ha aspettato che arrivasse una lettera di questo tenore dall'asl». La concentrazione massima tollerata di 50 mini rami per litro: di recente si sono re istrati valori tra i 40 e i 49 a,,11fl.,, i,,,«i, Acqua: Scenario Pagina 16

20 Le richieste affidate al premier Matteo Renzi nell'incontro di oggi con i soci istituzionali Ridotti Padiglione Zero e Vie d'acqua Le condizioni per salvare l'esposizione Più poteri all'ente Fiera. Appalti rivisti e accorpati per risparmiare MILANO - Semplificare il progetto; passare dalle parole ai fatti negli interventi che coinvolgono i diversi ministeri; rivedere il Dpcm (decreto del presidente del Consiglio dei ministri) che riguarda l'evento per coinvolgere maggiormente Fiera spa. C'era anche un quarto punto, fra le condizioni individuate dal commissario unico Giuseppe Sala per far nuovamente decollare Expo e superare la crisi seguita all'inchiesta sulle tangenti: avere le spalle coperte, diciamo così, da una autorità che garantisca la regolarità delle procedure seguite sugli appalti. Su questo Sala ha avuto subito la risposta che, considerata la situazione, è parsa più urgente: e oggi sarà presente anche il magistrato Raffaele Cantone che coordinerà la squadra legale di supporto a Expo all'incontro del premier Matteo Renzi con i rappresentanti istituzionali soci di Expo spa. II piano di semplificazione Si parte dal piano di semplificazione: Sala e i suoi uomini hanno riesaminato lo stato dell'arte delle varie opere, prese una ad una, da realizzare all'interno del sito espositivo per capire dove sia possibile limare o rendere più semplice. In particolare sono stati esaminati i padiglioni tematici: a partire dal Padiglione Zero che, affidato all'architetto Davide Rampello, aprirà l'expo. I lavori non sono ancora cominciati, anche se due mesi fa è stata assegnata la gara. Si tratta però di verificare come e quanto sarà possibile ridimensionare l'intervento previsto, accorciandone i tempi di realizzazione. Per quanto invece riguarda la parte degli allestimenti, non ancora avviata in nessun padiglione e in nessuna area di servizio, si terranno presenti due principi: limitare il numero degli appalti da assegnare accorpandoli e puntando sull'essenzialità e fare una valutazione di costi e benefici per valutare se in qualche caso valga la pena di rescindere un contratto già firmato pur di semplificare il progetto. C'è poi il punto di domanda delle Vie d'acqua già causa di polemiche e rinvii: l'appalto è uno di quelli finito nel mirino dei magistrati e assegnato all'impresa Maltauro. Sala aveva già precisato che non sarebbero state pronte per l'apertura di Expo. Alla luce di quanto avvenuto, diventano ancora meno urgenti e la società si accontenterebbe di una soluzione Il ruolo del miniisteril Da chiarire anche gli interventi chiesti ai vari ministeri: la Farnesina dovrà gestire il problema dei delegati in arrivo da aree «sensibili» idraulica per pompare l'acqua fuori dal sito. Gli impegni dei governo A 353 giorni dall'apertura dell'evento, non ci si può accontentare di promesse generiche. Sala segnalerà al premier i punti ancora in sospeso, a partire dai 6o milioni che il governo deve garantire in sostituzione della Provincia per il bilancio Dal momento che la gestione è stata avviata e che ci sono già molte spese da sostenere per l'anno in corso, la società ha bisogno di contabilizzare la cifra entro giugno, anche perché in caso contrario la Corte dei conti potrebbe avere qualcosa da eccepire sulla gestione economica complessiva. Ci sono poi gli interventi dei diversi ministeri: gli Interni devono preparare il piano sicurezza (la società fa solo la gara per la security privata agli accessi); gli Esteri devono gestire il problema dell'arrivo di molti Paesi «sensibili», garantire che non ci siano incidenti diplomatici che coinvolgano le delegazioni; le scuole stanno ancora aspettando indicazioni precise dal ministero dell'istruzione in merito ai programmi (ci sarà l'ora di educazione alimentare obbligatoria?) e la prenotazione delle visite delle classi al sito. E così via. Rivedere il decreto Sala chiederà anche di rivedere il Dpcm con cui gli erano stati assegnati i poteri straordinari per prevedere un maggior coinvolgimento di Ente Fiera spa. L'idea è di affidarsi alla società vicina di casa (i padiglioni della Fiera di Rho -Pero sono a un passo da quelli dell'esposizione e verranno collegati con una passerella) per la gestione di molti servizi. Un esempio? Tutto il capitolo delle pulizie potrebbero finire in capo a Fiera togliendo a Expo una preoccupazione e una grossa gara d'appalto da indire, valutare e assegnare. Fiera è disponibile ma ha a sua volta chiesto che questo ruolo venga specificato all'interno del Dpcm riguardante l'evento del Fin qui le richieste non più rinviabili. La premessa è garantire a Renzi che la società è pulita e può lavorare garantendo trasparenza. Elisabetta Soglio (J RIPRODUZIONE RISERVATA Acqua: Scenario Pagina 17

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli