Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010"

Transcript

1 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010 PRESIDENTE CALLARI Iniziamo la seduta del Consiglio comunale con l appello. Prego, Segretario. Il Segretario Generale procede all appello nominale dei Consiglieri. PRESIDENTE CALLARI 17 presenti, 13 assenti, la seduta è valida. Propongo scrutatori i Consiglieri Galvano Angela, Alfano e Saeva. Chi è d accordo rimanga seduto, chi è contrario si alzi. Approvato all unanimità dei presenti con 16 voti favorevoli perché è uscita la Consigliera Vaiana. Dal momento in cui siamo in fase di trattazione del 42 punto all ordine del giorno "Relazione previsionale e programmatica 2010/2012 Bilancio di previsione 2010 Bilancio pluriennale 2010/2012, metto a conoscenza dei consiglieri comunali che c è stata una nota inviata al Presidente del Consiglio comunale e ai Consiglieri comunale per conoscenza al Sindaco, al Segretario, al Ragioniere Generale, alla Giunta comunale e al Collegio dei Revisori dei Conti da parte del Commissario ad acta, appunto per il bilancio del 2010 di previsione, dottore Giuseppe Petralia, che leggo. Oggetto: Approvazione bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2010 e documenti allegati, diffida ad adempiere. Con decreto assessoriale 571 del 4 agosto 2010, notificato 1

2 in data odierna alla Segreteria Generale, significa in data odierna 30 agosto 2010, quindi ieri, lo scrivente è stato nominato Commissario ad acta con l incarico di curare sostitutivamente gli adempimenti relativi al bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2010 di questo ente. Ciò premesso, si prende atto che il Consiglio comunale, giusta disposizione protocollo 502 dell 8 luglio 2010 del suo Presidente, era stato convocato per il 15 e il 20 di luglio e che, successiva disposizione del medesimo, protocollo 548 del 23 luglio, è stato integrato l ordine del giorno con l inserimento dei seguenti punti riguardanti il punto 41 Approvazione il piano dell alienazione immobiliare, il punto 42 Relazione previsionale e programmatica , Bilancio di previsione 2010, Bilancio pluriennale , il punto 43 Approvazione programma triennale delle opere pubbliche ed elenco annuale anno Preso atto altresì che con la deliberazione 108 del 5 agosto il Consiglio comunale ha approvato all unanimità dei presenti, come determinato dalla conferenza dei capigruppo con verbale del 4 agosto, il prosieguo dei lavori del Consiglio comunale, con gli stessi punti all ordine del giorno per il 25, 30 e 31, cioè oggi, ed il Consiglio comunale, come da verbale della seduta del 25/08, ha rinviato i lavori come da calendario per il 30 agosto. In esecuzione del citato incarico, si avvertono i signori consiglieri comunali che il bilancio di previsione 2010, con relativi documenti allegati previsti dovrà essere approvato nel termine massimo di 30 giorni, decorrenti dalla data della prima adunanza utile del Consiglio comunale. Quindi oggi è il primo giorno utile, il primo dei trenta giorni. Che decorso infruttuosamente tale termine lo scrivente provvederà in via sostitutiva in applicazione del secondo comma dell Art. 109 bis dell Orel e del citato Dia 571 del 4 agosto 2010; che l esercizio dell azione sostitutiva con 2

3 l adozione delle deliberazioni commissariali e approvazione dei citati documenti comporta l applicazione delle sanzioni previste dai commi 3 e 4 del citato articolo 209 bis dell Orel. Il signor Segretario Generale è incaricato di curare la notifica del presente avviso a tutti i soggetti destinatari, informando tempestivamente lo scrivente dell esito degli adempimenti posti in essere. Il Presidente del Consiglio comunale vorrà provvedere alla lettura del presente avviso all inizio dei lavori della seduta consiliare già disposta. È quello che ho fatto. Perviene un altra nota per la Presidenza del Consiglio a firma del Vice Segretario, Dottoressa Inglima, che scrive: Per come richiesto dal Commissario ad acta, dottor Giuseppe Petralia, si chiede di voler notificare al Presidente del Consiglio comunale e a tutti i consiglieri la seguente documentazione, che è quella che poi avete avuto notificato oggi qui in aula e per gli assenti direttamente nelle loro abitazioni. Quindi, il Commissario si è insediato, ma noi siamo già alla trattazione del punto che riguarda appunto il commissariamento. Ieri c era stata una relazione dell ufficio di Ragioneria circa il bilancio. Possiamo proseguire nell ordine dei lavori, comunicazioni non ce ne sono, mi sembra che siano inopportune in questo momento le comunicazioni. Quindi vogliamo continuare, dando via ai lavori per l approvazione, quindi entriamo pienamente nel 42 punto all ordine del giorno. Commissione consiliare competente se vuole intervenire? (intervento fuori microfono) Bene, aspettiamo di avere il dottore Mantione qui in aula per avere i pareri sugli emendamenti. I primi emendamenti vengono trattati, quelli dell ufficio, gli emendamenti tecnici. Ne diamo lettura, io ho detto infatti se c è qualcuno della Commissione, l ho invitato a intervenire, ma se non c è nessuno che mi fa cenno, non posso fare altro, Consigliere Cirino, che quantomeno parlare degli 3

4 emendamenti tecnici. Infatti ho detto in questo momento gli emendamenti tecnici che possono essere fonte del dibattito. DOTTORESSA INGLIMA Gli emendamenti sono emendamenti presentati dall ufficio di Ragioneria, quindi emendamenti tecnici di ufficio. Il primo emendamento, che sono stati elencati in base al numero degli interventi, quindi progressivo, emendamento tecnico N. 1 alla proposta di deliberazione pluriennale. Leggo l emendamento. Testo dell emendamento: premesso che con deliberazione N. 89 del 12 luglio 2010 la Giunta comunale ha deliberato la relazione previsionale e programmatica , bilancio di previsione 2010 e bilancio pluriennale , che la relativa proposta è stata trasmessa per la sua approvazione al Consiglio comunale; considerato che il settore Affari Legali ha comunicato a questo settore l esistenza di ulteriori debiti fuori bilancio, per maggiori oneri di espropriazione, ditte Salamone, Lena, D Alessandro Francesco, che pertanto si rende necessario apportare le relative modifiche allo schema di bilancio di previsione 2010, sia nella parte entrata che nella parte spesa, prevedendo l accensione di mutui presso la Cassa Depositi e Prestiti, si propone, per quanto detto sopra, di apportare al bilancio di previsione 2010 le seguenti variazioni: parte entrata, risorsa , mutui per debiti fuori bilancio, un aumento di euro; parte uscita, intervento , espropriazione in aumento ; di apportare altresì al bilancio pluriennale 20/12 le seguenti variazioni, parte uscita intervento , interventi passivi e oneri finanziari diversi, in aumento euro, intervento , rimborso di quota capitale mutui in aumento, , intervento , attività culturali varie, una diminuzione di Firmato il dirigente, dottor Giovanni Mantione. Sull emendamento c è 4

5 il parere favorevole del dottore Lattuca, il dirigente del settore assegnatario dei capitoli, del dottore Mantione, il Collegio dei Revisori. Do la parola al dottore Mantione per il parere del Collegio dei Revisori che è favorevole. PRESIDENTE CALLARI Siccome ritengo che queste siano delle variazioni che sono parte del bilancio, io metto in votazione immediatamente questi emendamenti tecnici, di modo che vanno a completare lo schema generale del bilancio. E poi iniziamo con gli emendamenti tecnici dei consiglieri. Questo emendamento va a variare il bilancio tecnico. È giusto che venga, prima di apportare i nostri emendamenti, tant è che il nostro regolamento parla che prima vengono trattati gli emendamenti tecnici, vengono approvati proprio per diventare corpo del bilancio, e poi iniziamo la discussione. Quindi, se ci sono interventi su questo emendamento tecnico? Prego, Consigliere Arnone, ne ha facoltà. Gli emendamenti tecnici sono 4. CONSIGLIERE ARNONE C è il Ragioniere Capo? PRESIDENTE CALLARI Dottore Mantione, è necessaria la sua presenza stabile e permanente almeno per tutta la seduta poiché si parla di bilancio. Prego, Consigliere Arnone. CONSIGLIERE ARNONE La mia è una sollecitazione che può essere accolta in sede di emendamento tecnico su un tema che ritengo essere di notevole importanza. Noi in questa fase siamo fortemente penalizzati anche sotto il profilo economico, oltre che quello dell immagine della qualità della vita, della qualità ambientale, dal diffusissimo fenomeno delle discariche abusive. A noi le discariche abusive costano letteralmente un occhio della testa, perché poi devono essere rimosse a carico del Comune. Su questo tema mi sono 5

6 confrontato anche con il Comando dei Vigili Urbani, che mi dicono: per arginare questo fenomeno in modo effettivamente incisivo sarebbe opportuno che l ente si dotasse di videocamere mobili che hanno un costo molto contenuto rispetto ai costi che andiamo ad affrontare per rimuovere le discariche abusive; non solo, ma accoppiando l azione repressiva con le telecamere mobili, con una azione di comunicazione mediatica in ordine alle multe che si vengono a realizzare a carico dei trasgressori, grazie alle telecamere mobili, con ogni probabilità noi riusciremmo a stroncare questo fenomeno. Mettere per qualche ora la telecamera mobile, ad esempio a Maddalusa dove si realizzano le discariche abusive nella Valle dei Templi (intervento fuori microfono) Ora possiamo mettere in bilancio le somme per acquistare Io sono certo che l intero Consiglio, anche lei, Consigliere Burgio, è sensibilissimo a questo problema, però i Vigili Urbani per acquistare le telecamere mobili e svolgere questo servizio hanno la necessità di avere i soldi per effettuare l acquisto. Si tratta di poche decine di migliaia di euro, per cui io chiedo all Amministrazione e al Ragioniere Capo, in sede di emendamento tecnico, di inserire la voce specifica anche limitata a ,00 euro per acquisto telecamere mobili al fine di stroncare il fenomeno delle discariche abusive. Credo che l intero Consiglio possa essere favorevole ad un provvedimento di questo tipo e quindi, raccogliendo la volontà del Consiglio, chiedo che l ufficio possa provare a riformulare in questa sede, nell ambito dell emendamento tecnico, la previsione di spesa. (intervento fuori microfono) PRESIDENTE CALLARI Facciamo intervenire chi c è di seguito segnato. Il Consigliere Marchetta, prego. 6

7 CONSIGLIERE MARCHETTA Signor Presidente, signori Assessori, colleghi Consiglieri. L intervento del Consigliere Arnone in linea di massima mi trova favorevole, però anche io potrei proporre una spesa che per me è importantissima, un capitolo di spesa per la lotta al randagismo. Quindi chiedo anche al Ragioniere di trovare ,00 euro per dare soluzione a questo problema. Consigliere Arnone, purtroppo abbiamo un bilancio striminzito. Questa è un altra emergenza che ormai si è appalesata anche in questo mese, quindi se ci fosse pure questa possibilità in corner, io sarei grato al Ragioniere se trovasse i fondi. Il dibattito è abbastanza serio e abbastanza delicato, quindi merita secondo me attenzione perché io sto intervenendo sull emendamento tecnico, perché per ora intervengo su questo, poi la trattazione sul bilancio la farò. Indubbiamente credo che il Consiglio comunale non può che prendere atto di questo emendamento, come non si può essere favorevoli a un emendamento del genere, che dinanzi a due sentenze giustamente il dottore Mantione ci dice: dobbiamo coprire questi debiti fuori bilancio che sono già emersi ad appena 12 giorni dell approvazione della bozza della Giunta. Signori Consiglieri, praticamente stiamo parlando che la Giunta approva oggi una bozza, dopo appena dodici giorni emerge già la necessità di correggere quella stessa bozza. Questo dimostra l inattendibilità di questo bilancio previsionale, perché a questo punto io dico al dottore Mantione, e mi rifaccio alla relazione dei Revisori, come dobbiamo andare a coprire i restanti, perché i Revisori parlano di 3 milioni ,40, già ne sono emersi 600 mila, io dico, dottore Mantione, quale è l emendamento tecnico per coprire i restanti due milioni e mezzo di debiti fuori bilancio? Lo voglio sapere ora, perché è ora che stiamo approvando noi il bilancio previsionale. È ora che noi dobbiamo dare copertura ai debiti. 7

8 Non è che dobbiamo dare poi con le variazioni di bilancio chissà ci sono economie. I Revisori mi dicono che ci sono 3 milioni 101 mila di debiti fuori bilancio. Io voglio sapere ai sensi delle leggi costituzionali come dobbiamo dare copertura alla differenza, a 2 milioni e mezzo, fermo restando che io sono e se lei già lo sa proponga l emendamento perché lo deve proporre, è inutile che noi per ora discutiamo di 600 mila e ne mancano 2 milioni e mezzo. Inoltre io ho mandato preventivamente, perché c è tutta la volontà del gruppo del Movimento per l Autonomia di addivenire ad un bilancio di previsione condiviso. Io ho mandato una lettera giorni addietro, il 10 agosto, dove mi chiedo come si dà copertura e se si dà copertura al debito fuori bilancio emergente dal fatto che la Regione ha appena approvato nel mese di maggio un decreto assessoriale con il quale viene ratificata la tariffa a favore del Comune di Siculiana e che già era stata stralciata nel consuntivo Cosa è successo, signori Consiglieri? Nel 2008 avevamo in bilancio un debito verso il Comune di Siculiana. Siccome si riteneva che la tariffa fosse stata valutata, computata dal Comune di Siculiana in maniera errata e siccome c era un contenzioso in corso, in maniera maldestra gli uffici di questo Comune hanno stralciato nel 2008 questo debito come se non c era, perché chiaramente poi i conti a livello consuntivo dovevano quadrare, sono circa 2 milioni di euro. Purtroppo per il Comune di Agrigento, ahimè, e forse ritengo anche, non so se a torto o a ragione, ma purtroppo la Regione nel mese di maggio ha riapprovato la tariffa con effetto retroattivo per il valore che il Comune di Siculiana aveva computato. Che significa? Significa che a giorni il Comune di Siculiana torna a battere cassa, perché chiaramente è forte di una legge regionale che gli approva una tariffa. Per questo il Comune è debitore di 2 milioni. Dottore Mantione, come 8

9 copriamo questi altri due milioni di debiti fuori bilancio che si sommano agli altri 2 milioni e mezzo di debiti fuori bilancio che sono sostanzialmente relativi, i 2 milioni e mezzo, alla solidarietà sociale? Qui il dottore Mantione è stato illuminato, devo dire che per la prima volta nella storia del Comune di Agrigento ha preteso di mettere un punto fermo e dire: ma quanto è questa situazione debitoria nel Comune di Agrigento? Perché mi dicono che era consuetudine in passato che le prestazioni relative alla solidarietà sociale vengono spesse liquidate al momento di presentazione della fattura e non venivano inserite le somme negli anni di competenza. Questo ha fatto sì che nel corso del tempo sembrerebbe, almeno a quello che avevano detto anche i Revisori, perché non possiamo avere contezza ben precisa, sembrerebbe che vi sono 2 milioni e mezzo di debiti emergenti, latenti, potenziali, e questo ce lo dicono i Revisori nella loro relazione. E noi dobbiamo fare un emendamento che cerchi di coprire questo. Se questo emendamento non è possibile, se il bilancio del Comune non ha queste potenzialità, signori, dobbiamo prenderne atto e non nasconderci, come abbiamo fatto sino ad ora, rinviando sempre il problema, rinviando di bilancio in bilancio e siamo arrivati al risultato storico di essere ente strutturalmente deficitario. Ormai è il tempo delle scelte, delle scelte forti, delle scelte vere in materia di bilancio. Chiedo conforto ai Revisori, noi abbiamo praticamente già a occhio, così, in maniera sintetica, senza sapere altri debiti, altre cause, sono emersi già 4 milioni e mezzo di debiti fuori bilancio, e io oggi lo metto a verbale che ci sono 4 milioni e mezzo di debiti fuori bilancio che non hanno copertura in questo bilancio previsionale. Innanzitutto chiedo al dirigente di ragioneria se è vero quello che hanno detto i Revisori che vi erano 3 milioni 101 mila di debiti potenziali; secondo, se è vero che è stato stralciato il 9

10 debito verso il Comune di Siculiana per 2 milioni di euro, e quindi che dobbiamo probabilmente rimetterlo, quindi se è così, è chiaro che già il bilancio. (intervento fuori microfono) Sì, già sono 4 milioni e mezzo e 600 mila euro perché c è l emendamento tecnico. In questa maniera, se è vero questo, secondo me, per le piccole cognizioni che ho, il bilancio lede quella che è una delle sue caratteristiche, quella del pareggio. Questa è la prima considerazione che faccio, io aspetto notizie per comprendere, prima di approvare questo bilancio di previsione, per comprendere quale è la strategia che l Amministrazione intende dare per coprire questi debiti che mi vengono attestati da documenti esterni, dai Revisori. Non è che qua me li sto sognando io. Io ho letto la relazione dei Revisori che mi dicono 3 milioni 101 mila. Trovo un emendamento di sole di 600 mila euro, la differenza dove è? Come è coperta? Questo è uno; il secondo che è stata una legge regionale che ha approvato la tariffa di Siculiana, che ridetermina quel debito che era stato stralciato, chiedo come far fronte? Tolto questo problema, tolto questo dubbio, poi possiamo continuare con la discussione, perché mi sembra che sia pregiudiziale un argomento del genere sul dibattito futuro. VICE PRESIDENTE LAURICELLA Consigliere Gramaglia. CONSIGLIERE GRAMAGLIA Presidente, Sindaco, come gruppo consiliare dell UDC vorremmo che si faccia un emendamento, così come esposto dai colleghi Arnone e Marchetta, un emendamento che possa essere finalizzato, ho avuto un colloquio privato con il dottore Mantione e lui mi sosteneva che i presupposti non ci sono, vista la labilità economica di questo bilancio previsionale, ma noi come gruppo consiliare sicuramente non facciamo una pregiudiziale sull approvazione o meno del bilancio previsionale, ma ci sta 10

11 a cuore, e dico ci sta a cuore, la situazione dei giochi, dei bambini in tutta la città di Agrigento, perché si assiste ancora a situazioni di nocumento, e mi riferisco per esempio ai giochi di Villa Bonfiglio, ai giochi del Villaggio Peruzzo, ai giochi di San Leone, dove il rischio di nocumento per i bambini che giocano è notevole e non si è fatto niente per cercare di sistemarli. All epoca avevo fatto una interrogazione all Assessore Rosalda Passarello in merito ai giochi del Villaggio Peruzzo. Personalmente ho assistito a un bambino, che scivolando dallo scivolo del Villaggio Peruzzo, siccome manca la spalliera, è stato spinto da altri bambini ed è caduto, con rischi di trauma cranico e di conseguenze che possono essere anche importanti. Quindi, ci appare opportuno che come si combatte il randagismo, che come si combatte le discariche e anche a suo tempo noi siamo stati, a proposito delle discariche, abbiamo avuto una nostra visibilità e una nostra lotta sulla discarica di via Alfredo Capitano, ci sembra opportuno che l Amministrazione riesca a trovare dei fondi per cercare di sistemare questa situazione incresciosa dei giochi dei bambini. Una città è vivibile allorquando è possibile dare anche un contributo per ciò che concerne la salute psichica e fisica dei nostri bambini, perché è un momento di preparazione culturale, un momento di svago, un momento di confronto sulle famiglie e come diceva ieri il Cardinale Bagnasco: ricordiamoci sempre che la famiglia e i giochi fanno parte di questo contesto, è il grembo della vita, e se una famiglia funziona bene, sicuramente anche la società civile può esprimere degnamente quei lavori che sono importanti anche nell ambito del contesto della società. VICE PRESIDENTE LAURICELLA Consigliere Cirino. 11

12 CONSIGLIERE CIRINO Signor Presidente, colleghi Consiglieri, signor Vice Sindaco. Come tutti sappiamo il bilancio è l atto più importante che arriva in Consiglio comunale per l approvazione, perché, appunto, permette all Amministrazione attiva di potere esprimere politicamente le azioni già prefissate e come tutti sappiamo generalmente il bilancio previsionale dovrebbe essere approvato nei primi mesi dell anno, appunto per dare l opportunità all Amministrazione di portare avanti le iniziative politiche nell interesse della nostra città. Un bilancio previsionale portato in aula a fine agosto ha più un sapore di bilancio consuntivo che preventivo. Chiaramente io non voglio essere critico, polemico, anche perché, come tutti sappiamo, questa aula è abituata ad approvare bilanci di previsione quasi a fine anno e questa problematica è una problematica che interessa maggiormente le città del Meridione, più le città siciliane per una mancanza di programmazione ma soprattutto per una mancanza di liquidità. Purtroppo, cari Colleghi, mi dispiace che non c è il Sindaco, io desidero che ci sia qualcuno dell Amministrazione che ascolti gli interventi dei Consiglieri comunali, ascolti il dibattito per quantomeno riferire al capo dell Amministrazione le iniziative che portano in aula i consiglieri comunali. VICE PRESIDENTE LAURICELLA Consigliere Cirino, a quanto pare è venuto il Prefetto e fra poco scende il Sindaco. CONSIGLIERE CIRINO Io poc anzi ho detto che noi stiamo votando l atto più importante che il Consiglio comunale si appresta Caro Vice Sindaco, dicevo che dobbiamo cambiare la mentalità, perché la nostra mentalità purtroppo non ci porta a valorizzare, a fare fruttare i beni del nostro territorio. Il mio vuole essere soltanto un suggerimento. Bisogna cambiare mentalità perché 12

13 bisogna iniziare a programmare quelle iniziative, quelle azioni politiche che vanno inserite in un bilancio di previsione che permettono di valorizzare il nostro territorio. Un esempio, e questo volevo che lei l ascoltasse anche perché Assessore alla Cultura, un esempio potrebbero essere i proventi dei ticket della Valle dei Templi, che fino ad oggi sono stati utilizzati, sono stati impegnati da tutte le Amministrazioni, da questa Amministrazione ma anche dalle Amministrazioni precedenti solo e soltanto per attività culturali, mentre lei sa meglio di me che dovrebbero servire per creare servizi, abbellire le zone limitrofe alla Valle dei Templi e dare più conforto ai turisti che magari resterebbero qualche giorno in più nella nostra città. Non possiamo soltanto chiedere aiuti allo Stato e alla Regione e poi non programmare quelle attività che servono al rilancio della città. Dobbiamo incentivare e valorizzare le nostre risorse anche per incrementare gli introiti che ci consentono di amministrare meglio le attività ordinarie e straordinarie della nostra città. Agrigento si deve adeguare ai tempi, caro Vice Sindaco. Non ci possiamo permettere di rimanere indietro e poi lamentarci che risultiamo una delle ultime città d Italia. Agrigento non si può permettere di impiegare 6 anni per ammodernare il parcheggio dei pullman, io non so di chi è la responsabilità, mentre a Roma la Stazione Termini viene costruita in un mese. Oggi le Amministrazioni devono essere più attente e a volte più severe, perché questi ritardi contribuiscono a danneggiare l immagine della nostra città, non possiamo permettere che il centro storico venga ripulito una volta la settimana, che l acqua arrivi una volta la settimana, che mancano le indicazioni per gli orari dei mezzi pubblici. Tutto questo, come dicevo, è un immagine sbagliata della nostra città e contribuisce alla brevissima permanenza dei turisti in Agrigento. Dobbiamo, quindi, iniziare a valorizzare il 13

14 nostro territorio, la Valle dei Templi, il centro storico, ma anche i quartieri periferici. Ad Agrigento vediamo arrivare ogni giorno migliaia di turisti, centinaia di pullman e di macchine che sporcano la Valle dei Templi e subito ritornano nella loro residenza turistica. Quindi, bisogna iniziare a pensare come fare per avere nuovi introiti straordinari che chiaramente non pesino nelle tasche dei nostri concittadini. Oggi bisogna pensare a fare cose nuove. I Comuni come tutti sappiamo non hanno più le entrate, gli introiti dell idrico, dei rifiuti. I cittadini si sono visti aumentare le tasse, somme che non vanno tra l altro nelle casse del Comune di Agrigento ma vanno nelle casse degli Ato. Io ricordo che con la gestione comunale chiaramente il servizio veniva a costare all incirca dagli 8 ai 9 milioni di euro e in bilancio venivano inserite delle somme, circa 5 milioni di euro che servivano per alleviare, appunto, le tasse ai nostri cittadini. Invece oggi ci ritroviamo con gli Ato che gestiscono questi servizi, li gestiscono male, le città sono più sporche e le tasse aumentano per i nostri cittadini. Ci vuole un maggiore controllo, una maggiore programmazione da parte dell Amministrazione. Per quanto riguarda il bilancio, caro Muglia, c è poco da dire, perché chiaramente le poche disponibilità finanziarie hanno ridotto notevolmente i margini di gestione, oggi siamo ridotti soltanto a gestire le spese obbligatorie. Purtroppo chi piangerà le conseguenze di tutto questo sono i comparti della solidarietà sociale, dei beni culturali e della pubblica istruzione. Comunque io ne approfitto, approfitto della presenza del Sindaco, un appunto lo voglio fare per dire che non è possibile pensare che in un bilancio di 125 milioni di euro non è stato possibile trovare ,00 euro per l acquisto di sollevatori o di piccoli ascensori per disabili, al fine di garantire il pieno diritto alla funzione degli impianti scolastici e dare la possibilità a un ragazzo disabile di 14

15 non sentirsi inferiore ad un altro suo compagnetto. Noi come Commissione Bilancio abbiamo predisposto due emendamenti di ,00 euro ciascuno sia per le scuole elementari sia per le scuole medie, per dare l opportunità ai disabili di fruire di tutte le attività scolastiche con il massimo confort. Io ancora non so i pareri come sono, mi hanno riferito che ci sono forse pareri anche negativi, non favorevoli. Questo chiaramente mi dispiace perché non è possibile preferire fare uno spettacolo o una manifestazione culturale in più e non trovare le poche decine di migliaia di euro per l acquisto di un macchinario che serve a garantire il normale vivere quotidiano di un ragazzo disabile. Quindi, questo mi sembra inaccettabile, non è una cosa che si può permettere la città di Agrigento, perché non siamo chiaramente al terzo mondo. Quindi, rientro nel discorso, la Commissione Bilancio ha avuto dei voti diversi l uno dall altro. Il Consigliere Alfano e il Consigliere Cirino hanno votato favorevolmente facendo proprie le conclusioni dei Revisori dei Conti, mentre il Consigliere Hamel e il Consigliere De Francisci si sono astenuti. Io voglio ribadire che la mia non è una polemica, è soltanto un suggerimento e annunzio già da adesso il voto favorevole a questo bilancio. Grazie. VICE PRESIDENTE MARCHETTA - Grazie, Consigliere Cirino. Ha chiesto di intervenire il Vice Sindaco Professore Muglia. VICE SINDACO Colgo con favore la sollecitazione del Consigliere Cirino sulle questioni relative al Parco archeologico perché diceva delle cose giuste ma delle cose che già sono state fatte. Ricordo soltanto che con il 30% dello sbigliettamento del Parco e del Museo, noi abbiamo realizzato proprio le cose che diceva il Consigliere Cirino negli anni passati, abbiamo realizzato il sottopasso per il cambio della fruizione e del circuito di fruizione della Valle, 15

16 abbiamo approntato i parcheggi, abbiamo approntato e realizzato il piazzale Hardcastle, e ci accingiamo a un piano generale per fare l arredo urbano e tutti i marciapiedi e tutti i muri perimetrali lungo le strade all interno del parco. Per cui è vero solo in parte quello che dice il Consigliere Cirino, la norma parla chiaro che bisogna fare queste cose, ma bisogna badare anche, oltre che alla fruizione corretta e migliore possibile per i turisti e per il decoro del Parco, anche alla programmazione di iniziative culturali perché bisogna anche rivitalizzare e valorizzare, pubblicizzare il parco anche con attività culturali di elevato spessore. Debbo dirvi che molto spesso alcuni consiglieri me l hanno chiesto una cifra pressappoco, perché poi dipende dai biglietti venduti, è di ,00 euro all anno, su questa cifra noi sulle manifestazioni culturali abbiamo programmato e speso ogni anno circa ,00 euro. Questo fa capire che siamo attorno al 15% sulle attività promozionali e all 85% invece su iniziative di investimento per il decoro della Valle e per la sua migliore fruizione. C è stato, e chiudo veramente perché ritengo che il mio intervento sia soltanto relativo a questo punto, un blocco quest anno relativo alle vicende interne al parco, cioè a dire alla scadenza del mandato della Presidente Camerata Scovazzo che ha reso per alcuni mesi impossibile procedere sia all approvazione del bilancio, che è stato approvato tardivamente, ma anche alla programmazione di alcune cose. Adesso da pochi giorni abbiamo ripreso questo contesto. Il problema non è stato assolutamente nostro ma tutto interno al Parco. Peraltro questa nuova norma che riduce il Consiglio del Parco ha creato un vuoto all interno. Solo per questo la programmazione degli interventi ha subito un ritardo di qualche mese, ma ritengo che già nel mese di settembre, caro Consigliere Cirino, siamo in condizioni di programmare e proporre al parco e 16

17 stabilire la nuova convenzione aggiuntiva per realizzare esattamente le cose che dice lei, anche se, per esempio alcune problematiche ci sono, noi volevamo realizzare l anno scorso, l Ingegnere Buscaglia è qua, me l aveva proposto, per esempio un paio di marciapiedi, uno scandaloso vicino il quartiere ellenistico romano e la chiesa di San Nicola, siamo stati bloccati dal Parco perché c erano delle emergenze archeologiche in quel punto e non ci hanno reso possibile nemmeno né con i nostri soldi, né con un cantiere scuola, né con i soldi stessi del Parco di realizzare questo marciapiede. Dunque siamo in contesti di grande delicatezza e dunque le opere murarie e infrastrutturali dobbiamo necessariamente farle con i tecnici del Parco e l okay della Soprintendenza. Grazie. VICE PRESIDENTE MARCHETTA - Grazie, Vice Sindaco. Per mozione d ordine ha chiesto di intervenire il Consigliere Calabrese. CONSIGLIERE CALABRESE Grazie signor Presidente, colleghi Consiglieri, signor Sindaco, signori della Giunta e signori tutti. Presidente, io intervengo perché mi pare che abbiamo preso un modo di procedere che non è consono a quelle che sono le procedure, perché dovete sapere, cari consiglieri e signori tutti, che questo Consiglio comunale ha avuto depositato il bilancio il 4 di agosto e la legge prevede e assegna un termine ai consiglieri per presentare eventuali emendamenti al bilancio, termine previsto in 20 giorni, termine abbastanza congruo per potere presentare emendamenti al bilancio. Ora io capisco che le segnalazioni che sono state fatte possono essere condivisibili, i giochini, le telecamere, però capisco, anche che se passa un concetto di questo tipo il bilancio, lo approveremo a dicembre, perché il primo io sono pronto a fare altre mille segnalazioni al Ragioniere Capo, agli uffici e a quant altro. 17

18 Quindi, cosa voglio dire con questo? Se qualcuno è stato preso dall attività balneare o da spot pubblicitari e non ha avuto la possibilità di studiarsi il bilancio, non può pretendere oggi di venire a imporre di chiedere emendamenti tecnici agli uffici, al massimo posso capire che scaduti i termini, scaduto quanto vogliamo, si possano fare delle segnalazioni al signor Sindaco, dicendo che in sede di variazione di bilancio o di Peg o di assestamento di bilancio o di formazione di Peg vengano tenute in considerazione queste esigenze, perché altrimenti vi posso garantire, Presidente, che se passa il concetto di poter presentare richieste di emendamenti tecnici agli uffici, sono pronto a presentarne almeno 500. Quindi non può passare questo concetto, noi siamo qua con il bilancio da più di un mese, tutti conoscevamo il bilancio, evidentemente dovevamo essere pronti a studiarcelo e a presentare gli emendamenti così come ha fatto la Commissione, così come ha fatto il Consigliere Marchetta e qualche altro Consigliere, Alfano, che ha studiato il bilancio e ha cercato di presentare degli emendamenti a loro giudizio migliorativi al bilancio stesso. Ma se passa questo concetto che ogni Consigliere si alza per fare una richiesta, non avendo avuto il tempo, perché impegnato forse in altre attività, allora non si può andare avanti. Quindi, Presidente, io ritengo che tutte le segnalazioni che possono venire migliorative al bilancio, debbano essere, se condivise dall Amministrazione, fatte proprie dall Amministrazione e poi, signor Sindaco, se lei lo riterrà opportuno, in sede di formazione dei vari Peg, di assestamento del bilancio, eventualmente calarli nel bilancio stesso. Ma voi comprendete come io mi alzo e dico: questa cosa Allora, si deve riunire il dirigente capo, deve chiamare l altro dirigente competente del capitolo, dobbiamo sottoporlo alla Commissione dei Revisori 18

19 dei Conti, ci areniamo, il bilancio lo approveremo a dicembre. Quindi, Presidente, ritengo che questa mia segnalazione debba avere necessariamente una risposta, perché altrimenti mi metto là seduto e comincio a scrivere tutta una serie di richieste all Amministrazione. Grazie. VICE PRESIDENTE MARCHETTA Anche il Consigliere Arnone chiede di intervenire per mozione d ordine, a questo punto non più sull emendamento. CONSIGLIERE ARNONE Presidente, io mi associo alla richiesta del Consigliere Calabrese, con la mia proposta del tutto ovvia non intendevo minimamente aprire una discussione come quella che si è aperta, che chi aveva una idea veniva qui a proporla. Non ho fatto un emendamento preventivo semplicemente perché mi va bene la strutturazione operata dall Amministrazione e dagli uffici del Bilancio e pertanto ritenevo che l acquisto delle telecamere potesse essere individuato come operazione da realizzarsi, tra l altro necessitano pochissimi soldi, direttamente dall Amministrazione attiva. Mi associo al Consigliere Calabrese nel senso che non condivido l apertura di un festival su quella che era una indicazione che voleva essere semplicemente efficiente e operativa e funzionale al risparmio dell ente, visto che noi spendiamo per rimuovere le discariche abusive molte centinaia di migliaia di euro all anno. Quindi, per quanto mi riguarda io sono pronto per votare questo emendamento e mi iscrivo per una brevissima dichiarazione di voto. VICE PRESIDENTE MARCHETTA - Grazie, Consigliere Arnone. Anche perché io ritengo che la voce attrezzature c è in bilancio, quindi poi in sede di Peg, sarà l Amministrazione ad accogliere gli indirizzi se li ritiene, appunto, condivisibili. Il Consigliere Picarella ha chiesto di intervenire. Consigliere 19

20 Picarella, le ricordo che la discussione è sull emendamento, ancora non è iniziata la discussione sulla trattazione generale del bilancio. CONSIGLIERE PICARELLA - Non è sul discorso del bilancio, ne abbiamo sul bilancio. Il problema è uno, che la gente, i cittadini ci guardano e noi discutiamo come se fossimo nel mese di gennaio per il bilancio. Giustamente mi ha preceduto il Consigliere Calabrese. Noi abbiamo un bilancio che gli emendamenti sono scaduti il giorno 20 di agosto, di conseguenza oggi non è più possibile fare emendamenti e non è possibile fare i primi della classe oggi, dopo che sono scaduti. Noi sappiamo che non abbiamo un bilancio preventivo, siamo nel mese di agosto, tre mesi, le somme sono state impegnate tutte in dodicesimi, cioè non c è stata una programmazione, un indirizzo politico sul da fare a inizio d anno, perché una Amministrazione a inizio anno, a gennaio programma, io quest anno voglio fare questo. Qua non possiamo improvvisarci in pochi mesi che non ci sono somme, non ci sono soldi. Ora il problema tecnico è un problema di ufficio, non è un problema politico di indirizzi, perché gli emendamenti dicono: io vorrei fare questo, però per fare questo, essendo il bilancio fatto, debbo prendere le somme di un altro capitolo e debbo mettere nell altro capitolo, mi deve dare il parere il tecnico, il funzionario, allora se è possibile trovo il parere positivo, si va avanti, altrimenti resta il da fare, perché non è possibile dire facciamo questo, facciamo telecamere, non è possibile dire questo perché tante volte, se noi acquistiamo alcune attrezzature, niente di strano che vengono a costare di più della spesa della pulizia degli scarichi abusivi. Ora per questi motivi io dico ci vuole una seria programmazione. Il bilancio che già è fatto, ci sono degli emendamenti, a quanto pare non hanno avuto il parere favorevole, è 20

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli