FOTO DEL MESE SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOTO DEL MESE SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE"

Transcript

1 Periodico di: Attualità, Informazione Politica, Eventi e Cultura Anno 3 Numero 1 Gennaio 2010 Direttore Responsabile: Francesco Siino Registrazione Tribunale di Palermo - autorizzazione n 45 del 04 Novenbre 2008 copia gratuita FOTO DEL MESE SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE Con Ordinanza Sindacale n 75 del 17 Settembre del 2009 è stata vietata la distribuzione e l affissione, fuori dagli spazi previsti, di volantini, depliant, manifesti o altro materiale pubblicitario, per motivi di igiene e decoro. In particolare è stata bandita la diffusione di volantinaggio pubblicitario nelle vie, nelle piazze, nei portoni, sui parabrezza delle autovetture in sosta, causa un enorme quantità di rifiuti di difficile raccolta ed un evidente degrado dell igiene e del decoro dell intero territorio comunale. Tra le forme pubblicitarie vietate dall Ordinanza in oggetto, va annoverata anche quella relativa ad eventi, effettuata con collocazione di manifesti ed affissione degli stessi sui pali dell illuminazione e della segnaletica stradale, nonché su muri o altri posti non autorizzati. La citata Ordinanza che porta la firma del Sindaco non può che riscontrare il favore di tutti quei cittadini che amano vedere il proprio paese pulito. Ma purtroppo dobbiamo constatare ancora una volta, con grande amarezza, >>>>> DISAGI NELLE SCUOLE DI CAPACI Mai come in questi giorni è stata registrata nel nostro Paese una situazione di assoluta emergenza quale quella che sta vivendo la scuola di Capaci: innumerevoli e gravissimi sono, infatti, i disagi presenti nei vari Istituti scolastici, i quali sembrerebbero abbandonati al loro destino! Disagi provocati dalla scarsa attenzione prestata dagli attuali amministratori nei confronti di una sana e prudente attività programmatica; problemi che palesano con grande evidenza la scarsissima sensibilità del Sindaco e della Sua Giunta nei confronti di quei tanti bambini, ogni giorno costretti a recarsi in aule non riscaldate ed anzi, a volte, grondanti d acqua e piene di infiltrazioni!!! Una situazione, quella appena descritta, che, al di là della critica politica (peraltro inevitabile nei confronti di una Giunta che sta dimostrando, giorno dopo giorno, di non avere assolutamente idea di come si amministra un Paese e che navigando a vista, nel tentativo di rimanere a galla, sta affondando Capaci ed i suoi servizi essenziali) ha messo in serio allarme ed in grande difficoltà l intera popolazione scolastica e più in generale tutti coloro che ruotano attorno al sistema scuola. Il corpo docente, gli operatori scolastici nel loro complesso, i bambini e di riflesso le famiglie, che da un giorno all altro si vedono costrette a dover convivere con soluzioni-tampone quali quelle della chiusura di diverse aule, quale stato d animo possono provare in questi momenti??? Eppure la Giunta un forte campanello d allarme l aveva ricevuto, non molto tempo fa: appena quest estate, allorquando il crollo del controsoffitto nel plesso di via Kennedy, soltanto per un caso fortuito, non aveva provocato conseguenze più gravi. Ma evidentemente ciò non è bastato: si preferisce continuare a sfidare la sorte, in una rischiosissima roulette russa che vede però quali vittime innocenti, quanti frequentano la scuola ogni giorno. La gravità della situazione e l improcrastinabilità degli interventi, hanno fatto sobbalzare sulla sedia perfino il Cons. Sebastiano Siino che, pur fedelissimo alla Giunta, non ha potuto non rilevare l assoluta mancanza di programmazione e l inadeguatezza del modus agendi di Sindaco&Co. Perché come degli struzzi si preferisce affondare la testa sotto la sabbia? Perché tanta approssimazione e sufficienza nell affrontare i problemi? Come si può ostentare tanta sicurezza e con quale faccia tosta lo si fa davanti ad una situazione, eufemisticamente definibile, disastrosa e disastrata??? Si è ancora convinti che tutto possa sempre risolversi con sorrisi e pacche sulle spalle??? Nessuno vuole che si verifichino incidenti ma qualcuno in giunta dovrebbe ricordarsi di quello slogan per cui prevenire è meglio che >>>> Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 1

2 >>>>l incapacità dell Amministrazione comunale, di non rispettare quanto dalla stessa stabilito (dimezzamento indennità docet). Proprio così, l Amministrazione Salvino predica bene e razzola male : infatti, la stessa, in occasione della pubblicizzazione dell inaugurazione del Palazzo Conti Pilo, ha provveduto ad acquistare dei gonfaloni pubblicizzanti la manifestazione che, in assoluto dispregio a quanto previsto dall ordinanza n 75 del 2009, sono stati affissi nei pali dell illuminazione pubblica arrecando pregiudizio al decoro urbano. Ebbene si cari concittadini: siamo al paradosso, quella che altrove sembrerebbe una barzelletta a Capaci, grazie a Benedetto Salvino e maggioranza, diventa realtà! L Amministrazione comunale non è la prima volta che agisce in dispregio di ciò che predica; infatti tutti ricorderete i manifesti che pubblicizzavano il concerto di Paola e Chiara affissi in via Mons. Siino. Ma i nostri Amministratori quale esempio hanno dato ai destinatari dell Ordinanza? Forse pensano di essere al di sopra delle Ordinanze? Che ne pensa di ciò l Assessore al decoro urbano, sicuramente persona di alto profilo politico? Come si può pretendere che i cittadini, le aziende e gli esercizi commerciali rispettino il decoro urbano quando l Amministrazione è la prima a calpestarlo? Evidentemente anche Loro devono avere così poca considerazione delle proprie (in verità poche) iniziative, da non prestarvi attenzione!!!! Peccato: questa, come quella del dimezzamento delle indennità, rappresentava una buona occasione di riscatto, ma, ahinoi..non è stata colta!!! C. BOLOGNA / N. SPECIALE >>>> curare!!!! Cosa ne pensa l Assessore alla Pubblica Istruzione, anzi sarebbe il caso di dire: qualcuno l ha visto??? Né tantomeno si può sempre scaricare la colpa sulla mancanza di fondi ai Comuni o sulle precedenti Amministrazioni!!! Ed infatti: quali insormontabili sacrifici economici avrebbe comportato provvedere alla disinfestazione delle scuole durante le festività natalizie (quando poi si sono spesi ben 2500,00 euro di dolci, per giunta rivolgendosi ad un attività non di Capaci, per l inaugurazione di Palazzo Conti Pilo)? In cosa erano impegnati il sindaco e l Assessore al ramo??? Perché i nostri figli, che il Primo Cittadino indica sempre come il futuro di Capaci, hanno dovuto convivere al rientro dalle vacanze, con i topi in classe??? E forse questo il futuro auspicato da Benedetto Salvino? Un futuro in compagnia dei topi??? Solo successivamente al rientro (dopo alcuni giorni) sono state interrotte le lezioni per provvedere alla disinfestazione: è questo il modo di programmare secondo i nostri Amministratori??? I quali, non contenti, dopo non aver mosso un dito durante i tre mesi estivi, non hanno neanche pensato, durante il periodo natalizio, di provvedere a qualche intervento di manutenzione nel primo piano del plesso scolastico di Corso Isola delle Femmine, piano che al rientro, dopo le abbondanti piogge natalizie, è stato chiuso dai Vigili del Fuoco di Palermo. E purtroppo, quasi richiamando il detto per cui: se Atene piange, Sparta non ride, neanche sul versante mensa scolastica le cose sono andate per il verso giusto; basti pensare che in merito, per il tempo prolungato alla scuola materna, la Giunta Salvino ha deliberato solo poco tempo fa. Ed ancora: ricordate il liceo sociopsicopedagogico, situato nei locali del centro sociale San Rocco? Per intenderci: quello affittato ad ore, a pochi giorni dall insediamento della Giunta Salvino, senza uno straccio di bando pubblico??? Ebbene: le lezioni sono state interrotte per assenza di acqua!!!! E tornando ancora una volta alle elementari: che dire dei bambini che hanno dovuto affrontare, gran parte del periodo invernale, senza termosifoni e patendo il freddo a causa degli irritanti comodi con cui un tecnico comunale di grande spessore insieme ad un Assessore di alto profilo tecnico/politico hanno provveduto alla sostituzione delle caldaie a gasolio con quelle a metano??? Scommettiamo che nei loro uffici i riscaldamenti non mancano?????????????????????????? Ciò ha provocato la reazione scomposta di un consigliere comunale che recatosi a Palazzo Conti Pilo, dove ha sede l Ufficio del Sindaco, a quanto pare aveva pensato bene di portare via le stufe che riscaldavano gli stessi Uffici ma, innervositosi, ne ha rotto, con un pugno, una, dopo essersi rivolto in mala maniera (dimenticando i modi che la carica di Consigliere comunale impone sempre) ad un impiegata. Qual è la posizione dell Amministrazione in proposito??? Pensa di prendere provvedimenti in merito???? Non si può riversare tutta l attenzione sull inaugurazione di Palazzo Pilo, gettando fumo negli occhi dei Cittadini, al fine di nascondere i problemi che attanagliano la nostra scuola... Facendo un rapido riepilogo, ad oggi lo stato della Scuola a Capaci è il seguente: 1) CONTROSOFFITTO CROLLATO NEL PLESSO DI VIA KENNEDY!!!! 2) LEZIONI INTERROTTE AL LICEO SOCIO- PSICOPEDAGOICO PER ASSENZA DI ACQUA!!!! 3) MESI SENZA RISCALDAMENTI NEI PLESSI SCOLASTICI!!!! 4) MENSA INIZIATA CON NOTEVOLE RITARDO!!!! 5) TOPI CHE TRANQUILLAMENTE GIRANO PER LE CLASSI!!!! 6) UN INTERO PIANO CHIUSO PER INFILTRAZIONI D ACQUA!!!!! 7) TRAPPOLE PER TOPI SOTTO GLI ARMADI DELL ASILO Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 2

3 A questo punto la domanda sorge spontanea: Ma l Assessore Raveduto, Assessore con delega alla Pubblica Distruzione, si interessa delle problematiche della scuola? Ha una qualche sensibilità nei confronti dei bambini che frequentano i nostri plessi? Quali interventi ha fatto durante il periodo estivo (prima) e natalizio (poi) nelle strutture scolastiche? Ha una programmazione in materia di edilizia scolastica e di servizi? Eppure dovrebbe essere motivato, tenuto conto che trattasi di uno di quegli Assessori che ha disatteso il programma elettorale, non dimezzandosi l indennità!!! Ed il Sindaco, che voto da al suo Assessore? Cosa aspetta a revocare le deleghe? A cosa dobbiamo ancora assistere prima che si inverta questa direzione che ci sta portando al collasso!!! Nell affrontare i problemi della gente, l Amministrazione Salvino, perché non fa appello a quella celerità con cui, a pochi giorni dall insediamento, ha provveduto ad affittare a ore e senza alcuna traccia di bando pubblico i locali del centro sociale San Rocco per svolgere le lezioni del Liceosociopsicopedagogico. Forse il fatto che Sindaco ed Assessori non abbiano figli che frequentano la scuola a Capaci, può giustificare un simile atteggiamento menefreghista??? Per cosa credono di ricevere l indennità? Non sarebbe forse il caso che la giunta Comunale trascorresse qualche giorno presso i locali della scuola?? E domanda finale: ma anche per Capaci vale quel detto per cui : Un po fari cchiù scuru ri menzannotti???? MOVIMENTO AMACAPACI L IMPEGNO SOCIALE DELL AZIONE CATTOLICA DEI RAGAZZI L Azione Cattolica dei Ragazzi, comunemente chiamata A.C.R., è uno dei settori formativi della grande famiglia dell Azione Cattolica Italiana. Essa si rivolge ai ragazzi con il fine di offrire ad essi e ai preadolescenti che vi aderiscono l organica esperienza di vita ecclesiale e di impegno missionario propria dell ACI, realizzata a misura delle varie età (art. 35 dello Statuto). Oggi, forse l ACR è poco conosciuta, non tanto a livello di movimenti ecclesiali, ma dai molti fedeli di Parrocchie che probabilmente da piccoli hanno fatto parte della antica suddivisione in Piccolissimi, Beniamini, Giovanni; infatti l ACR nasce sul rinnovamento delle varie sezioni di età degli aderenti, nei primi anni 60 ed oggi la moderna articolazione è così strutturata: Baby ACR 4/5, 6/8, 9/11, 12/14 anni. Oggi più che mai i ragazzi devono avere, come bagaglio personale, il Vangelo come fondamento di vita in quanto i modelli sociali fuorvianti rischiano di falsificare il significato stesso della esistenza umana. L ACR può rappresentare così un forte strumento operativo e di crescita per i ragazzi del nostro tempo. IL PERCORSO FORMATIVO Per raggiungere tale scopo l ACR propone ai ragazzi i percorsi formativi annuali che sono la caratteristica sostanziale di questo settore giovanile. Tali percorsi si basano sui seguenti fondamenti: Il gruppo è il luogo, l ambiente in cui si vive concretamente il cammino di fede;. - Le attività di gruppo si realizzano su esperienze attive di fede e non su un nozioni religiose; Il ragazzo è il vero protagonista di queste esperienze:l educatore propone e orienta il cammino in modo che sia a misura della loro età, ma sono essi che le animano con l impegno personale - Il cammino annuale è scandito sui tempi liturgici ed è suddiviso in quattro tempi;.. 1) Primo tempo: dalla fine di Settembre al Battesimo di Gesù; 2) Secondo Tempo: da Gennaio a Pasqua;... 3) Terzo Tempo: dal Tempo di Pasqua alla Pentecoste; 4) Quarto Tempo: Estate Eccezionale..... All interno di questi Tempi di catechesi si realizzano poi tre attività di forte contenuto spirituale che sono: Mese del Ciao ( Novembre), Mese della Pace ( Gennaio), Mese degli incontri ( Aprile - Maggio). MESE DEL CIAO Si sviluppa il tema della amicizia non solo tra i ragazzi, ma anche verso l umanità, intesa come prossimo, partendo dalla amicizia di Gesù con gli uomini; MESE DELLA PACE Si preparano e si vivono esperienze di Pace, nel gruppo, in Parrocchia e con le persone che si incontrano tutti i giorni; MESE DEGLI INCONTRI I ragazzi delle varie Parrocchie della Diocesi intessono nuove relazio ni di amicizia con altri ragazzi di altri gruppi durante incontri diocesani, affinchè cresca il senso della universalità della Chiesa. In un successivo articolo verranno illustrate le attività dei ragazzi di ACR riguardanti l impegno per realizzare in questo mese di Gennaio, il Mese della Pace, argomento di urgente attualità. A.C.R. FRANCESCO DI NATALE Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 3

4 L ANNO CHE E PASSATO Sono andati via insieme al 2009 dodici mesi che, nel bene e male, hanno segnato un tratto di storia di cui si parlerà a lungo. Si è ultimato, con la fine di quest anno, il primo decennio del nuovo secolo. Molti eventi li ricorderemo nel tempo perché sono stati di un anticonformismo storico così imprevedibile e di un importanza così profonda da rimanere scalfiti nella nostra memoria. A cominciare dall elezione di Barack Obama quale 44.esimo presidente degli Stati Uniti. In gennaio il giuramento. Il suo proponimento di tendere una mano al mondo islamico, che colpevolizza l occidente dei mali della loro società, doveva essere una svolta epocale, ma si è rivelato col senno di poi (rapimenti, fallito attentato aereo di Detroit di fine anno etc.) poco efficace, tant è che il neo presidente, il primo afroamericano nella storia degli states, incoraggerà un azione di forza contro lo stato dello Yemen e comunque una più ferrea difesa da, sempre possibili, attentati. E notizia recente, ma successivamente smentita, quella di aver catturato il capo di Al Queida dello Yemen. Nel febbraio del 2009 abbiamo assistito al dramma collettivo di Eluana Englaro. C è stato chi si è schierato a favore della morte veloce e chi invece, invocando il cristianissimo inno alla vita, si è schierato contro. Tutti però abbiamo indistintamente sofferto davanti all immagine di quella ragazza col cappellino nero di diciassette anni fa. E inutile che ci fate vedere quell immagine: la persona che oggi divide l Italia non ha più quel sorriso! E vero. Ma non per questo doveva morire. Tra chissà quali sofferenze fisiche, ha subito l omicidio legalizzato. Ciò avveniva proprio, mentre al Senato si discuteva il progetto di legge attraverso cui il Governo cercava di evitare la sospensione dell alimentazione e dell idratazione che la teneva in vita. Per i mesi a venire, la nostra citazione, scritta all inizio di questo articolo ( nel bene e nel male ), lascia molto spazio al secondo caso: nel male per la morte, in marzo, di un bambino, avvenuta a causa dei morsi di un branco di cani randagi, nel ragusano; nel male per il terremoto in Abruzzo che dal mese di Aprile ha riempito pagine di giornali ed ha colmato il nostro cuore di tristezza; nel male per la psicosi da influenza A iniziata in maggio e che ha dato conseguenze letali per le 146 vittime accertate. Molte. Sarebbero state molte, anche se vi fosse stata una sola vittima, è vero, ma alla resa dei conti, le previsioni, che erano quelle di una pandemia, si sono rivelate eccessive, tant è che, alla fine dell anno, è rimasta inutilizzata una grande quantità di vaccino, con conseguenti polemiche sull errore di valutazione, sullo spreco etc., che ancora oggi, ad inizio del nuovo anno non si sono sedate. Non si sa, inoltre, se siamo o non siamo, a tutt oggi, fuori pericolo, quindi prudenza. Giugno, ancora un lutto: il mondo piange la grande star del pop Michael Jackson. Cinquant anni, vita controversa, il più celebre cantante della storia della musica di oggi. Ma non è finita. V è stata l esplosione del treno a Viareggio, con le sue trentadue vittime, di cui un ultima è stata confermata recentemente per non aver superato il decorso delle ustioni allora subite. Basta!!! Dateci una buona notizia please! Eccola. In settembre arrivano i primi segnali di una ripresa economica mondiale di cui, secondo l Ocse, l Italia è il paese trainante. E vero. Cresce la produzione industriale, alcuni settori dell economia mostrano un ritorno all espansione, le previsioni cominciano ad essere ottimistiche, ma l eredità di un così lungo periodo di recessione resta pesante e la ripresa rimane destinata a svilupparsi in un termine ancora lungo. Ma se ne intravedono già indicazioni certe. E tanto rispetto all ossessione condizionante e devastatrice ostentata da alcune frange politiche. Tornano le brutte notizie. Il primo settembre è morta a Milano Teresa Sarti Strada, fondatrice, insieme al marito Gino, di Emergency, l associazione per la cura e la riabilitazione delle vittime di guerra. L otto settembre si spegne, per infarto, il decano della televisione italiana: Mike Bongiorno, 84 anni e tanti progetti. A Lui abbiamo dedicato, a suo tempo, ampio spazio. Ottobre, scandalo Marrazzo e alluvione di Messina (vedi L Informatore di Ottobre), e Novembre primo anniversario del nostro giornale! Già! A Novembre c è un altra notizia: la Corte Suprema dei diritti dell uomo di Strasburgo accoglie il ricorso, di una cittadina italiana di origini finlandesi, che si era opposta alla presenza dei crocifissi a scuola. Motivazione: Violazione della libertà di religione degli alunni. Il nostro commento: Affossamento, totale ed offensivo, del diritto degli alunni italiani a rispettare la propria cristianità in armonia coi Patti Lateranensi. La Gelmini ha presentato ricorso. Staremo a vedere. Noi intanto siamo costretti a non dilungarci su questo (ed altri) argomenti perché il nostro giornale è autofinanziato, non gode, in altre parole, di favori economici pubblici, e non possiamo, per questo, aumentare a dismisura le pagine! Purtroppo. Dicembre. Aggressione a Silvio Berlusconi. Anche in questa occasione dobbiamo ribadire il concetto di non aver nessun finanziamento per parlare un po di più. Abbiamo però detto, in proposito, quel che abbiamo potuto, nel numero di dicembre. Ma dicembre, prima di finire, ci ha riservato altre brutte sorprese: prima l aggresione al Papa da parte di una donna che per difendersi sostiene di esserne una fan che voleva toccarlo. Alla Michael! Sarà vero? Poi il fallito attentato aereo di Detroit, per Natale. Questi ultimi sono tutti eventi che impongono al mondo intero una maggiore attenzione alla parola del momento che è. sicurezza. Buon 2010 a tutti. OPERE PUBBLICHE FRANCESCO SIINO Nella scorsa seduta consiliare abbiamo appreso con soddisfazione che nel Piano Territoriale della Provincia Regionale di Palermo sono state inserite, grazie all azione svolta dall Assessore D Agostino, due importanti opere pubbliche che riguardano la nostra Capaci: il prolungamento del Lungo mare con via Rapallo e la Cittadella dello Sport....LA REDAZIONE Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 4

5 CORTO blu Consegnato al Comune di Capaci il cortometraggio a tema sociale dal titolo L Uomo di Sabbia, prodotto dall Associazione di Produzione Cinematografica CORTOblu Produzione, con la regia di Ignazio Favaloro, alla sua seconda opera dopo Istruzioni per l uso prodotto nel 2008 dalla stessa Associazione. Il progetto è stato totalmente finanziato dal Comune e patrocinato dall Assessorato al Turismo. Il tema è quello dell inquinamento ambientale, un problema particolarmente sentito dalla comunità locale a causa della vicinanza del cementificio di Isola delle Femmine. Nello specifico il film racconta dell indifferenza dell uomo nei confronti della natura che ha indotto la stessa a reagire, materializzandosi nella figura dell uomo di sabbia, creato per contrastare, seguendo dei criteri a volte surreali, tale disinteresse. Attraverso degli incubi tormenta il sonno di un bambino, che metaforicamente rappresenta l umanità, incutendo terrore nei suoi sogni. La scelta del bambino non è casuale. La mancanza di preconcetti e malizia permettono una semplice ricettività del messaggio che la natura vuole trasmettere. In questo rapporto discordante il bambino cerca incoscientemente aiuto, dapprima, nella preghiera, e poi nella madre giornalista attraverso un messaggio in codice contenuto in un disegno. Protagonisti del corto sono stati Marco Cinà, nel ruolo de L Uomo di Sabbia; Maria Enea, nel ruolo di Giulia, giornalista e mamma del piccolo attore Francesco Favaloro, nel film Danny, il bambino che rappresenta appunto l umanità. Di spicco anche gli attori non protagonisti di cui Vincenzo Costanzo e Gioacchino Giunta. Imminente la prima proiezione pubblica del cortometraggio prevista per fine gennaio presso Palazzo Conti Pilo a Capaci, sede del Municipio. CORTO blu INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL CONS. S. SIINO Preso atto della determinazione dirigenziale di Giunta Municipale n del 17/12/2009, avente per oggetto Impegno spesa per ferie non godute della Dott.sa Melchiorre Eliana anno 2008 e Visto che con la predetta determina si è proceduto alla monetizzazione delle ferie residue non godute alla predetta Responsabile della Farmacia Comunale, in seguito alle dimissioni volontarie e alla consequenziale risoluzione del rapporto di lavoro con decorrenza 01/07/2009. Considerato che, in forza di ciò, l ex dipendente di che trattasi avrà liquidato la somma complessiva di 6.624,77, compreso oneri riflessi, per 40 giorni di ferie non godute per gli anni Dato atto che la giurisprudenza contabile ritiene il pagamento delle ferie non godute ai dipendenti della pubblica amministrazione come comportamento censurabile e quindi configurabile come danno erariale, con proprie conseguenze sul piano delle responsabilità amministrative. Per quanto sopra, si chiede a codesta Amministrazione Comunale di conoscere le cause che hanno determinato il pagamento delle ferie non godute all ex farmacista comunale, considerato tra l altro che i termini di preavviso, per la cessazione del rapporto di lavoro, avrebbero potuto consentire uno smaltimento delle ferie residue. Si chiede, altresì, di conoscere l ammontare delle ferie maturate negli anni precedenti ed ancora ad oggi non godute dai nostri Responsabili di Area, che notoriamente dispongono di un ingente eccedenza di ferie residue per motivi di servizio. Si chiede, inoltre, di sapere se esiste un Piano per il godimento delle ferie residue nel corrente anno da parte dei citati Responsabili. Si coglie l occasione per invitare il Segretario Generale, nella sua qualità di garante della correttezza dell azione amministrativa dell Ente, ad impartire le dovute direttive ed a vigilare sulla corretta applicazione delle stesse per evitare il riproporsi del pagamento di ferie non godute ai dipendenti comunali che andranno in quiescenza, scongiurando pertanto l insorgere di debiti fuori bilancio che possono implicare responsabilità patrimoniale per colpa grave e per palese violazione di legge. Certo di un vostro sollecito risconto ed augurandomi che sia da Voi colto lo spirito propositivo della presente interrogazione, si porgono cordiali saluti. CAPACI li 04 /01/2010 Il Consigliere Comunale (ing. Sebastiano SIINO) RELAZIONE ANNUALE DEL SINDACO SALVINO Sono trascorsi ben 18 mesi dall insediamento del Sindaco Salvino ed ancora ad oggi, dopo i numerosi annunci fatti dal Sindaco anche in Consiglio, la relazione annuale sull operato dell Amministrazione Salvino non approda in Consiglio per essere dibattuta. Forse c è poco da scrivere?..movimento AMACAPACI Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 5

6 XXXII ANNIVERSARIO DELL UCCISIONE DI GAETANO LONGO Giorno 17 Gennaio u.s., in occasione dell anniversario dell uccisione di Tannino Longo, presso la Chiesa Madre di Capaci si è tenuta una cerimonia di commemorazione in onore di Gaetano Longo, vittima innocente della mafia. Gaetano Longo nasce a Capaci il 16 Novembre Laureato in Legge e funzionario di banca, ha ricoperto la carica di Sindaco di Capaci ininterrottamente per 14 anni, dal 1962 al 1976, nonché quella di Consigliere Comunale per ben 26 anni consecutivi dal 1951 al 1978, anno in cui fu assassinato dalla mafia proprio davanti casa sotto gli occhi della sua famiglia. Ha dedicato tutta la vita politica alla comunità del suo Paese in un periodo, dal dopoguerra in poi, in cui ci si doveva rimboccare le maniche per ricostruire l economia e per restituire alla popolazione una vita dignitosa. Non è cosa facile ricordare ed elencare tutte le opere che sono state realizzate durante l arco di tempo del suo mandato. Molte delle strutture che ancora oggi sono fondamentali per lo svolgimento della nostra vita quotidiana sono opera sua: impianti idrici prima completamente assenti, fognari, elettrici, strade, strutture sportive, villa comunale, edilizia popolare, valorizzazione del nostro mare con il suo lungomare e della nostra collina con la realizzazione della strada Zercate. Purtroppo trentadue anni fa il miracolo Gaetano Longo è stato interrotto per mano della mafia. Per tantissimi anni la scomparsa di Tanino Longo è rimasta nell ombra a causa di un lungo periodo di silenzio. Il 09 Settembre 2002, grazie all impegno degli inquirenti, il Sindaco Longo è stato riconosciuto ufficialmente dallo Stato, con decreto del Ministero dell interno, vittima innocente della mafia ma i suoi assassini sono tuttora impuniti. Il suo nome, insieme a quello di altre 652 persone vittime innocenti di mafia, è inciso in una stele che il Comune di Roma ha inaugurato il 21 Aprile 2005 per onorarne la memoria. Il Comune di Roma inoltre ha conferito la cittadinanza onoraria della capitale. Il 17 Gennaio 2006, in occasione del 28 anniversario della sua scomparsa i comuni di Capaci e di Isola delle Femmine hanno intestato al Sindaco, rispettivamente, il plesso scolastico di via Kennedy e la strada dove fu ucciso, durante una speciale cerimonia commemorativa, molto partecipata, organizzata con la collaborazione dei due Comuni. La famiglia Longo, in occasione del XXXI anniversario dell uccisione del loro congiunto, a partire dall anno 2009, ha istituito e sovvenzionato quattro borse di studio annuali, intitolate al loro congiunto, di cui due di euro 250,00 per la scuola elementare di Capaci ed Isola delle Femmine e due di euro 500,00 per la Scuola Media di Capaci e di Isola delle Femmine. La famiglia, continua, specificando che tale progetto, oltre ad avere un evidente scopo benefico, si pone l ulteriore fine di fare memoria fra le nuove generazioni circa l operato dell ex Sindaco. La borsa di studio sarà assegnata all allievo delle quinte per la scuola elementare e delle terze per la scuola media, che avrà svolto il miglior tema o poesia, o disegno artistico, sulla traccia che di anno in anno sarà data sull argomento della legalità e/o della lotta alla mafia. La premiazione avverrà ogni anno il 17 Gennaio durante la giornata di commemorazione dell uccisione. Per il 2010 la traccia scelta in collaborazione con i docenti è la seguente: SINDACO PER UN GIORNO. A quanto pare, anche quest anno, l Amministrazione Comunale di Capaci non ha intrapreso alcuna iniziativa per patrocinare la manifestazione o forse lo ha fatto con grande ritardo. Ciò si nota dai manifesti che, pubblicizzando l evento, presentano il logo del Comune di Isola delle Femmine, unico Ente patrocinante economicamente e moralmente. Riteniamo che l assenza del Comune di Capaci, ad una ricorrenza importante come questa, sia illogica, ingiustificabile ed incomprensibile. Addirittura l Amministrazione ancora nemmeno si è attivata per liquidare le borse di studio assegnate alle classi che hanno partecipato alla scorsa edizione; classi che ormai hanno completato il ciclo di studi e che quindi non hanno potuto usufruire dei benefici di tali somme. Alla manifestazione hanno preso parte il Sindaco e tutta l Amministrazione comunale di Isola delle Femmine, i presidi delle rispettive scuole, il Senatore Orlando, l Europarlamentare Sonia Alfano e il Sindaco di Capaci, qualche consigliere del comune di Capaci, i ragazzi delle scuole e tantissimi semplici cittadini che hanno partecipato spontaneamente per ricordare il loro concittadino. Durante la manifestazione si è tenuto il concerto del Coro di voci Bianche del Conservatorio V. Bellini di Palermo diretto dal M A. Sottile e al Piano il M A. Fiorino. È con rammarico dover constatare anche quest anno l assenza del patrocinio da parte del Comune e vedere l entusiasmo e l interesse con cui l Amministrazione di un altro Paese si attiva per ricordare il sacrificio di un cittadino che ha operato in un altra comunità. Del resto quest atmosfera è stata notata anche da altri: infatti l europarlamentare Sonia Alfano ha sottolineato il disagio che si prova a commemorare un proprio familiare in un luogo dove tutti non la pensano allo stesso modo. Caro Sindaco Salvino, quando un Amministrazione non ha interesse a ricordare un suo Cittadino ucciso in quanto oppositore del potere mafioso, quale messaggio trasmette ai giovani? Ebbene che sappia che questo disinteresse ad organizzare un simile evento è stato percepito anche dai ragazzi delle scuole ed a dimostrazione di ciò citiamo un passaggio, amaramente sarcastico, di un tema svolto dai ragazzi delle nostre scuole: È vergognoso l entusiasmo e la partecipazione dimostrata dall amministrazione comunale di Capaci nei confronti di un tale cittadino. Forse l Amministrazione Comunale, ritiene giusto snobbare simili ricorrenze e patrocinarne altre, quasi distinguendo tra vittime innocenti della mafia di serie A e di serie B? Noi del Movimento AmaCapaci ci uniamo all augurio della famiglia Longo affinché la commemorazione non rimanga fine a se stessa, ma sia occasione di riflessione e di impegno per difendere e diffondere, soprattutto nei giovani, la cultura della legalità. Ciò è possibile Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 6

7 unendo le due cose insieme: legalità e cultura. Tale fine è possibile raggiungerlo con il Concorso Gaetano Longo - una vita per Capaci destinato agli alunni delle scuole elementari e medie di Capaci ed Isola delle Femmine, iniziativa con cui si rende il giusto onore alla memoria di Tanino Longo. Siamo sicuri che in questo modo il suo operato ed il suo impegno continueranno ad essere utili anche alle future generazioni a dispetto di coloro che il suo operato e la sua vita hanno voluto barbaramente stroncare ed a cui non piace neanche che si faccia memoria! Seconda Edizione CONCORSO GAETANO LONGO UNA VITA PER CAPACI ELENCO DEI PREMIATI Scuola elementare Alcide De Gasperi di Capaci. Borsa di studio Longo (250 euro):ex-aequo Elena Provenza 5^D e Dario Di Maggio 5^E.. Menzioni Speciali: Luigi Boneli 5^G, Benedetto Longo 5^D, Rossana Puccio 5^F.. Scuola Media Biagio Siciliano di Capaci Borsa di studio Longo (500 euro): ex-aequo Fiordalisa Melodia 3^F e Noemi Davì 3^D.. Menzioni Speciali: Giulia Marchiafava 3^E, Agata Marchese 3^A e Azzurra Federica Puccio 3^C.. Scuola elementare Francesco Riso di Isola delle Femmine. Borsa di studio Longo (250 euro): Federica Lucido 5^A Menzioni Speciali: Giuseppe Trumino Borsa di studio Comune di Isola delle Femmine (500 euro): exaequo classi 5^A, 5^B, 5^C.. Scuola Media Francesco Riso di Isola delle Femmine. Borsa di studio Longo (500 euro): ex-aequo Simona Cannella 3^B e Dario Oliveri 3^D... Menzioni Speciali: Anna Lucido 3^C, Irena Zangara 3^A Borsa di studio Comune di Isola delle Femmine: classe 3^A. TEMI VINCITORI Elena Provenza P 5^D Scuola Elementare A. De Gasperi - Capaci Mi sono ritrovata a leggere la storia di uno dei più importanti sindaci di capaci, che ha lasciato il segno nella storia del nostro paese. Sto parlando di Gaetano Longo. Quest uomo durante i suoi incarichi ha speso le sue conoscenze culturali, le sue capacità di fare, le sue idee e il suo altruismo a favore del popolo di Capaci. Infatti è riuscito a svolgere il suo incarico con grande responsabilità e senso del dovere.. Il popolo è stato così fortunato da avere avuto un Sindaco come Gaetano Longo che e stato capace di dare una svolta a ciò che non funzionava o andava migliorato o cambiato, del nostro Paese. Se fossi sindaco per un solo giorno non riuscirei a fare molto, potrei solo fare una grande riunione in piazza con tutte le istituzioni con gli impiegati comunali con tutto il popolo grandi e piccoli e griderei ad alta voce basta dobbiamo finirla di dormire, di dire solo che tutto va male solo perché non abbiamo la forza il coraggio e la volontà di impegnarci. Dobbiamo cercare di costruire un futuro ai giovani, che tutti i giorni si guardano attorno e vedono solo pessimismo. Dobbiamo rimboccarci le maniche, ognuno nel suo ruolo deve dare il meglio di se stesso. La società ha bisogno di stimoli positivi che lasciano sperare nuovi posti di lavoro. MOVIMENTO AMACAPACI Dario Di Maggio 5^E Scuola Elementare A. De Gasperi - Capaci "Le cose buone non durano", questo dice sempre mio padre! Questa frase sembra fatta apposta per riassumere la vita di Gaetano Longo. Uomo tutto d'un pezzo che, tanto ha dato al paese di Capaci,e molto altro avrebbe dato ancora se nel 1978 non fosse stato brutalmente assassinato davanti alla sua famiglia. Dalla voce di mio nonno apprendo che è stato il "Sindaco di Capaci per eccellenza", gli altri che l'hanno succeduto non sono stati sicuramente alla sua altezza. Era un uomo concreto e non uno che faceva promesse che non poteva mantenere. Strade,scuole,villa comunale, cimitero, strutture sportive, sono opere sue. La scuola che io frequento, dal 2006 porta il suo nome, così come la strada dove è stato ucciso. Dava molto spazio ai giovani, infatti gran parte delle sue iniziative riguardano proprio i giovani. Mi piacerebbe essere per un giorno Sindaco di Capaci, per continuare in qualche modo quello che la mafia ha interrotto nel Però che schifo questa mafia! Quando la finirà di uccidere persone innocenti? Questo di certo non lo so, ma la giustizia ha fatto dei grandi passi avanti visti gli arresti che si sono susseguiti negli anni a partire da Totò "u curtu" ai giorni nostri. Fiordalisa Melodia 3^F Scuola Media B. Siciliano Capaci Avevo già sentito a casa, qualche volta, il nome di Tanino Longo, ma non avevo mai prestato attenzione a quello che si raccontasse su di lui, anche perché mi sembrava si parlasse di un tempo troppo lontano per me, un tempo di cui non conoscevo niente e nessuno. Un giorno alla scuola elementare si cominciò a parlare di volere cambiare il nome dell istituzione scolastica, non sarebbe stata più dedicata ad Alcide De Gasperi, ma ad un nuovo personaggio cioè Tanino Longo. Il nome quindi non mi era nuovo, ma adesso c era qualcosa in me che mi diceva di saperne di più. Cominciai a provare curiosità, voglia di conoscere, di sapere, di ricevere quante più informazioni possibili su questa persona. Gaetano Longo conosciuto, come già l avevo sentito chiamare tante volte, Tanino Longo fu sindaco del mio paese per ben 14 anni dal 1962 al Un tempo molto lontano che mi faceva riflettere su come mai una persona avesse avuto una persona avesse avuto la possibilità di fare il sindaco in un paese per tanti anni di seguito. Credo che quegli anni siano stati molto importanti per la comunità capacense grazie alla fortuna di avere avuto una persona come lui a governare la nostra comunità si è avuto un discreto sviluppo economico così come stava avvenendo in quegli anni in (1960/70) tutta la società italiana. Non dobbiamo dimenticare che non fu soltanto il sindaco, ma anche il direttore dell unica anca del paese, questo ci fa capire che la sua influenza fu molto ampia sia dal punto di vista politico che dal punto di vista economico. Tanta gente, sicuramente, ha avuto la possibilità di risolvere i loro gravi problemi grazie all intervento di Tanino Longo che si prodigava per il bene di tutti e questo è stato il motivo della sua riconferma a sindaco del paese per tanti anni. In questo periodo, grazie al suo intervento, il Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 7

8 paese cambiò completamente avvenne una vera e propria rivoluzione in campo urbanistico, economico e sociale. Nel paese si cominciarono a realizzare delle opere che resero Capaci un paese moderno tra queste: le prime strutture pubbliche e le prime strade asfaltate con bei marciapiedi, moderni sistemi di illuminazione e di raccolta fognaria, ecc. Purtroppo quella strada intrapresa allora credo non sia più stata seguita da nessuno e anche se qualcuno ha cercato di emulare il suo esempio l ha fatto senza successo. Soltanto per un breve periodo credo ci sia stato qualche sforzo più concreto per cercare di dare una sferzata al timone e regolare la direzione della barca per non farla andare allo sbando. In queste poche righe ho cercato di mettere in evidenza quello che provo adesso dopo aver sentito diverse storie su questo personaggio raccontatemi da persone che hanno vissuto nello stesso periodo in cui è vissuto lui e che l hanno conosciuto di persona. Con i loro aneddoti mi hanno fatto capire che era un uomo di grande prestigio, che veniva stimato tantissimo anche dai suoi avversari politici ed era amato da tutti. Questo uomo di grande valore venne a mancare un mattino di Gennaio in modo veramente tragico per mano della mafia ucciso in auto con accanto il figlio, davanti la sua casa. Un delitto di mafia come tanti altri che hanno insanguinato il nostro paese e che come tanti altri è rimasto un mistero, con esecutori e mandanti ancora impuniti. Di recente è stato riconosciuto ufficialmente vittima della mafia e il suo uomo è inciso su una lapide con tanti altri a Roma. Tanti anni sono passati dalla sua morte ben 31 sono certa che i mandanti hanno fatto l impossibile perché non si arrivasse alla verità, verità che anno dopo anno si allontana sempre di più. La mafia uccide la nostra società, non solo eliminando fisicamente gli uomini come Tanino Longo che credevano e cercavano di portare a compimento i loro programmi nel rispetto della legge, ma anche sperando che tali esempi vengano dimenticati ed è proprio per questo che dobbiamo commemorare le persone oneste che si sono impegnate per il bene sociale e non dimenticarle. Quale sogno è più bello se non quello di vivere in un paese dove il bene degli altri e anche il proprio si realizzi e dove gli sforzi di tutti tendono a migliorare la vita del paese, questo Tanino Longo l aveva capito e si era impegnato seriamente per realizzare tale proposito. Noemi Davì 3^D Scuola Media B. Siciliano Capaci Se devo essere sincera non conoscevo affatto la storia del sindaco Gaetano Longo quindi l idea della famiglia di istituire questa borsa di studio è un modo costruttivo per far conoscere l operato di questo Sindaco a noi giovani di Capaci. Mi chiedo come mai siamo arrivati al 31 anniversario della sua uccisione e non ho mai visto a Capaci una cerimonia di commemorazione in favore di un personaggio che da quanto ho potuto leggere in questi giorni ha fatto tanto per il nostro paese. È vergognoso l entusiasmo e la partecipazione dimostrata dall amministrazione comunale di Capaci nei confronti di un tale cittadino. Se fossi Sindaco ecco cosa farei : innanzi tutto per migliorare la qualità della vita della mia cittadina, cercherei di portare l acqua potabile in tutte le case. Piuttosto che lasciare che l acqua della fontana grande, detta anche i cannoli, scorra interrottamente e vederla andare sprecata perché non provare ad incanalarla? E pensare che a scuola, in TV ecc non fanno altro che farci notare che l acqua è un bene prezioso,forse qualche lezione andrebbe fatta anche a chi amministra il Paese. Un altro problema di cui vorrei occuparmi è la raccolta differenziata. Siamo quasi nel 2010, tutti sappiamo cos è ma vi sembra che a Capaci ci sia la raccolta differenziata? In realtà mi sembra proprio che a volte non ci sia alcun tipo di raccolta altro che differenziata, eppure sappiamo tutti che differenziando e riciclando i rifiuti si può risparmiare molto e salvaguardare il nostro pianeta. Dunque cercherei di organizzare una volta per tutte questa raccolta differenziata. Mi piacerebbe costruire un ospedale, un posto dove poter correre per un primo soccorso e non mi dite che c è la guardia medica, perché loro dicono che possono usufruire solo i turisti. A proposito di turisti, cercherei di attrarne tanti a Capaci sfruttandole nostre risorse tra cui il mare, creando nuove attrazioni su tutto il lungomare da Capaci a Isola, come per esempio hotel, ristoranti, piscine con giochi acquatici, scuole di surf, canoa, immersioni, escursioni in barca, ecc Altra cosa a cui mi dedicherei è la nascita di nuovi istituti superiori, ciò darebbe al Paese un immagine migliore e darebbe a tutti i ragazzi una grande opportunità. Gli edifici se si vuole si trovano, per esempio ci sono degli edifici confiscati alla mafia però il comune di Capaci preferisce vederli cadere a pezzi piuttosto che sfruttarli, come quel vecchio hotel a mare ormai distrutto. Costruirei anche una palestra e una piscina comunale perché lo sport è molto importante per noi giovani. Molte discipline insegnano a rispettare le regole anche nella vita e magari si potrebbero creare delle squadre di basket, di moto ecc con lo scopo di portare alto il nome di Capaci, magari domani lo potremmo sentire nominare anche alle olimpiadi. Penso che tutto quello che ho elencato renderebbe Capaci un paese più moderno e ricco di opportunità e di occupazione, migliorando la qualità della vita. Una delle cose che vorrei cambiasse nella mentalità della gente è che si può ottenere tanta soddisfazione anche quando si fanno delle opere per il bene comune, purtroppo oggi ognuno pensa a fare per se stesso. Ai miei coetanei auguro di seguire esempi come Tanino Longo, di lottare per ciò in cui si crede, di non arrendersi davanti alle prepotenze ma di ribellarsi e se siamo in tanti a pensarlo in questo modo l onestà e la legalità trionferanno e sarà per merito di quelle persone che in passato hanno contribuito e ci hanno insegnato a combattere per il bene del nostro Paese ma soprattutto per il nostro bene. Forse combattendo tutti assieme ci sarà un futuro migliore. Federica Lucido 5^A Scuola Elementare F. sco Riso - Isola Delle Femmine Quando si è piccoli i genitori sono i nostri eroi, sono forti, ci aiutano a sconfiggere i mostri e i cattivi sogni. Ci danno il coraggio di guardare sotto il letto e di frugare dentro l armadio. Io i mostri non li ho mai trovati ma ci sono bambini che hanno visto da vicino una creatura cattiva che chiamiamo mafia. Va a caccia di persone giuste, si nutre del lavoro e della paura degli altri. Sono i figli di Gaetano Longo. Chissà come gli avranno spiegato che questo mostro ha portato via il loro papà! Ma allora non è vero che bisogna essere buoni? Non è vero che bisogna lottare contro i malvagi? Non è vero che la vita deve essere mossa da un ideale di giustizia? Gaetano Longo è divenuto eroe di un intera comunità, questo sacrificio li avrà consolati? Quando si è piccoli come me tutto ciò che si vuole è il proprio papà vicino. I piccoli di Gaetano Longo sono cresciuti privati di quell abbraccio e di quell amore che solo un papà può dare. Ogni sera prima di addormentarsi avranno cercato di recuperare un ricordo del loro papà, di una carezza, di un suo insegnamento? Adesso i suoi figli sono persone adulte e quello che hanno vissuto li ha resi forti e sicuri. I dubbi e le domande che si sono posti crescendo hanno lasciato il posto ad un unica certezza: il loro papà continua a vivere nel cuore di chi ha aiutato, nella coscienza della gente, nella storia di un paese che ha deciso di cambiare. Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 8

9 Simona Cannella 3^B Scuola Media F.sco Riso - Isola Delle Femmine Con un pezzo di carta e una penna, non posso di certo coprire il tremendo dolore dei familiari di quest'uomo, Gaetano Longo. Come ci ha raccontato la famiglia, viveva per il suo paese, lottando ogni giorno di più contro problemi che lo affiancavano per amministrarlo. Tanino era un grande ostacolo per la mafia, e proprio per questo, la sua vita si concluse nelle viscide e schifose mani di questa organizzazione. A scuola, siamo stati onorati dalla presenza della signora Longo, che ci ha parlato di suo marito e delle grandi opere che ha fatto per il suo paese. In quella donna viveva dentro, ancora una speranza. Noi, solo noi, possiamo aiutarla, noi giovani, perché saremo proprio noi a lottare contro questo fenomeno umano, che come diceva Falcone ha un' inizio ed una fine, anche se fa ancora parte della nostra realtà. Insieme alla signora, abbiamo inoltre visto un video. All'interno di questo c'era un'intervista realizzata al figlio, che era presente al momento dell'uccisione. E pensare che aveva solo la mia età, un periodo della nostra vita, dove è importante la figura di un padre al fianco, per crescere e fare le proprie scelte. Non si può descrivere con delle semplici parole, il dolore che vive e vivrà per sempre dentro quel ragazzo che adesso è diventato un grande uomo, seguendo i valori della sua più importante figura maschile. So che non è facile convivere con questo dolore ma bisogna continuare a lottare e a non fermarsi mai, perchè tutto è possibile se ci credi davvero e combatti per averlo. Questo video è stato veramente toccante e ha fatto nascere forti emozioni dentro tutti facendo scendere ad alcuni anche qualche lacrima. La cosa che fa arrabbiare di più è che gli assassini di quest'uomo sono ancora liberi, di sicuro ad uccidere altra gente che pensa solo a fare del bene per la nostra comunità. Solo nel 2002 Longo è stato dichiarato vittima della mafia. Io se oggi, fossi sindaco vorrei realizzare il sogno di Tanino Longo che in fondo è quello di tutti. Sviluppare la nostra terra ricca di opportunità. Vorrei soprattutto maggiormente coinvolgere i giovani a cambiare il modo di vedere e intraprendere le cose, anche se è difficile, sviluppando dentro ognuno lo spirito di legalità e di rispetto attraverso iniziative promosse dal comune e dalla scuola, coinvolgere i ragazzi ad ampliare la, loro istruzione perché alla base di tutto c'è questo, offrire più posti di lavoro, migliorare il turismo e rendere il paese più accogliente con la pulizia. Dentro di me c'è molto altro da dire, ma non c'è il tempo e non ci sono le parole adatte. Tutte le battaglie nella vita, servono a insegnarci qualcosa. Voglio concludere questo discorso ricordando tutte le vittime della mafia che stanno lassù con un saluto e un pensiero. Dario Oliveti 3^D Scuola Media F.sco Riso Isola Delle Femmine Dopo aver conosciuto la vicenda relativa all' uccisione di Gaetano Longo, esprimi le tue impressioni e riflessioni e prova a esporre cosa faresti se fossi tu sindaco per continuare a realizzare il suo sogno. Come miglioreresti la qualità generale della tua cittadina? Cosa cambieresti nella mentalità della gente e dei tuoi cotanei per ottenere un vero rispetto della legalità e del bene comune. Una delle piaghe della nostra società é la mafia che nasce agli inizi del XIX secolo dai ceti dei braccianti dei trattori e dei gabbellotti che, per svolgere meglio il loro lavoro, si circondavano di scagnozzi. Ma la vera crescita la mafia l' ebbe con l' unificazione d' Italia. Dato che il re tentava di togliere i latifondi ai signori che possedevano terre, questi chiedevano protezione alle cosche. Da lì in poi la mafia è andata crescendo di forza, potere e criminalità finché gente coraggiosa iniziò a opporsi alla sua oppressione. Tra questi ricordiamo Falcone e Borsellino, morti per aver istituito il maxi processo grazie a cui molti mafiosi sono stati condannati all' ergastolo; ricordiamo anche padre Puglisi che cercava di allontanare i giovani dalla mafia; insieme a lui, ricordiamo Peppino Impastato che ridicolizzava la mafia in attraverso una radio che trasmetteva da Cinisi. in questi giorni abbiamo ricordato Gaetano Longo che per 14 anni fu sindaco di Capaci e consigliere comunale dal 1951 fino alla sua morte che avvenne il 17 gennaio del 1978 mentre accompagnava il figlio a scuola. Il sindaco Longo fece molto per Capaci in quanto costruì impianti idrici, fognari, elettrici, scuole, illuminazione, strutture sportiva, villa comunale, edilizia popolare e si curò della valorizzazione delle coste. La mafia lo uccise poiché non accettava il piano regolatore che stava ideando. Longo era molto amato sia dalla sua famiglia che dai suoi cittadini che di lui dicevano "Tanino non promette ma costruisce sempre". Cosa Nostra come le altre organizzazioni criminali risolve tutte le questioni con la violenza. Una delle cose che mi a colpito é che lo Stato ha riconosciuto Longo vittima innocente della mafia solo nel 2002 ovvero 24 anni dopo la sua morte. La cosa ancora più ingiusta è che i suoi assassini sono a piede libero. Detto questo, concludo con quello che farei per continuare il suo sogno. Se io fossi sindaco di Isola, valorizzerei le risorse naturali e storiche per incrementare di più il turismo, pulirei le strade, bonificherei le coste e migliorerei il porto anzi, costruirei il porto, dato che a Isola la struttura che esiste non è degna di tale nome. Promuoverei inoltre la raccolta differenziata con degli incentivi, ad esempio con la diminuzione della tassa sulla spazzatura. Stimolerei la gente ad incrementare il commercio con l apertura di negozi che divulghino la cultura e gli usi siciliani tramite i suoi prodotti tipici. La parte antica di Isola è costituita da vecchi palazzi molti dei quali sono in cattivo stato: farei i modo che questi palazzi vengano ristrutturati per ridare a quelle vie l antico splendore di quel borgo marinaro che è sempre stato Isola delle Femmine. Donerei dei fondi alla scuola per migliorare le palestre e la sala di informatica, inoltre valorizzerei la struttura della biblioteca comunale in modo che sia lo studente che l anziano possano trovare qualsiasi testo gli serva.organizzerei qualcosa per i giovani, in modo che possano divertirsi e socializzare tra di loro. Sfrutterei la pista di pattinaggio per organizzare competizioni e gare come veniva fatto negli anni Ottanta. Farei costruire impianti energia rinnovabile come quella solare o elica, edificherei un canile per radunare tutti i cani che attualmente da randagi circolano per le strade. Ristrutturerei le strade e i marcia piedi che non sono in ottime condizioni. Per gli adulti organizzerei corsi di specializzazione per chi non ha lavoro, in modo da dare loro una maggiore qualificazione professionale. Infine spingerei la gente a inquinare meno e magari coinvolgerei nei miei progetti i comuni limitrofi... SONO SICILIANO Sono siciliano e ne sono orgoglioso non lo dico invano NON SONO MAFIOSO! Questa mia terra che mi ha dato i natali non vuole la guerra ma solo le ali. Ali per volare lontano dai crimini nefasti e dalla violenta mano che ha ucciso uomini onesti. Parlo per non dimenticare chi ha dato una prova per sconfiggere ed arrestare l orrenda piovra. Per chi ha immolato la propria vita per degli ideali di pace e di amore uccisi come animali dai cosiddetti uomini d onore. E ancor oggi questi innocenti ci tengono per mano. Sono presenti! Non sono morti invano! Le loro ali spezzate per sempre continuano a volare nel presente. Il loro messaggio arriva lontano: SONO ORGOGLIOSO DI ESSERE SICILIANO Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 9

10 ALCUNI CARTELLONI REALIZZATI IN OCCASIONE DEL CONCORSO GAETANO LONGO UNA VITA PER CAPACI MERITANO DI ESSERE PUBBLICATI SOLIDARIETA L alunna Simona Cannella, classe 3^B della Scuola media "F. Riso"di Isola delle Femmine ha devoluto interamente la borsa di studio di 250 euro assegnata dalla famiglia Longo in favore dei terremotati di Haiti. Gesto assolutamente encomiabile! STRADA SETTIOLA / CONTRADA SUSINNA Quale tecnico di alto spessore o Assessore tecnico/politico ha avuto la brillante idea di asfaltare la strada Settiola? La Soprintendenza, ha dato il Nulla Osta di competenza? Tale intervento è compatibile con i luoghi? Gli autori, saranno le stesse menti che hanno predisposto la costruzione abusiva del muro in cemento armato in fondo a via P. Carnera????????? LA REDAZIONE Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 10

11 VINCENZO CONSOLO A CAPACI, SOCIO EMERITO DELL E.L.I.O.S. Un evento culturale di rilievo al palazzo Pilo, nella cornice del retro accesso e sala suggestivamente adeguati, dove abbiamo avuto l onore di ospitare (il 20 Dicembre) lo Scrittore di Sant Agata ed uno dei maggiori italiani viventi. Iniziamo dal finale del convegno letterario, che prevedeva anche un momento celebrativo di coronamento, con la consegna d attestato di Socio Emerito della capacense ELIOS e motivazione della cooptazione, letta dal presidente del Consiglio comunale Lino Foti. Citiamo l illustrazione dell onorificenza. Nella veste associativa di rappresentanza culturale della città di Capaci, esterniamo la pubblica ammirazione per il grande Narratore Vincenzo Consolo, al quale ci lega un sodalizio dal primo convegno del 2001, culminando nell odierno con la nomina a Socio Emerito dell ELIOS. L inclusione di V. Consolo nel novero delle Persone Esemplari della Culturale Capacense è motivato non secondariamente dalla vicinanza umana trasmessaci con peculiarissima immediatezza coniugata a stile. È l eloquente segno di generosità morale e civile che lo contraddistingue. Il tratto d Animo che rende il Poeta sensibilmente impegnato nel vivere comune, particolarmente contro il malcostume nostrano d antico, per un nuovo oriente della Sua Sicilia. All importante e lungamente atteso momento di ritorno del Nostro l ELIOS ha voluto dare un impronta degna d approfondimento di studi, modestamente all altezza della fama e valore della sua opera. Questo onere è caduto nelle competenze della Professoressa Francesca Morana del Liceo Classico Garibaldi di Palermo, che ha disegnato magistralmente il percorso della poetica con l originalissima ricerca di scrittura del grande Narratore. Ne è venuto fuori un contributo di lettura critica ragguardevole, insieme ad un coinvolgente eloquio nella rassegna testuale (consigliata la lettura de Il sorriso dell ignoto marinaio, Lo spasimo di Palermo ), affascinando il pubblico presente (anche da Palermo e provincia) ed esplicitamente commuovendo lo stesso Autore. Il Professore e Dirigente scolastico Guido Gambino ha completato il quadro di riferimento del convegno di studio, tracciando l impegno civile dello Scrittore di denuncia storica dell immobilismo del potere col sonno della società del consumismo. La risposta, in tal senso, di V. Consolo ad una domanda del giornalista, con trasmissione su Tele Occidente, è stata netta nel sottolineare l indifferentismo dell uomo d oggi, al Nord ancor più che a Sud, nella dissoluzione del tessuto tradizionale dei valori e dell imperativo della solidarietà. Nell attesissimo intervento al convegno dall alto rappresentante della narrativa poetica contemporanea, successivamente anche in risposta alle domande e curiosità di estimatori, ci è venuto un saggio di esemplare sapienza con la semplicità di un discorso tra amici in mirabile profondità. Ci ha intrattenuti sul suo riconoscibile interesse ad una vena speciale di lungo corso poetico leopardiano (già insignito dell ambito premio intestato al Recanatese). Ci ha raccontato della fraterna amicizia con Sciascia, come lo additasse candidamente a parricida nei suoi confronti all uscita del Il sorriso dell ignoto marinaio, significativo di una ricerca poetica già dall inizio tutta d ancestralità consoliana. Ci ha deliziati della conpartecipazione dei fatti del conversario fra i grandi Siciliani, Quasimodo con Sciascia e Lui stesso, insieme ad un certo poeta di nome Piccolo ( piccolo, diceva Quasimodo). Ci ha edificato e soddisfatti al massimo dell aspettazione, col contributo particolare di Francesca Morana nel creare il clima adatto, per quella che è stata un inusuale festa culturale a Capaci, da leggersi sul viso dei presenti abbastanza incantati. La chicca finale l hanno inaspettatamente regalata il Maestro Vitale e il Prof. Russo con la banda musicale di Capaci, scesi dirimpetto dalla cerimonia in Chiesa Madre nell acciottolato d ingresso allo storico palazzo a suonare le natalizie nenie siciliane. Guarda un po con le strofe risapute dietro e una di più recitate da un certo Consolo di Sant Agata. Il Poeta e l Amico di Capaci. A cura dell Associazione E.l.i.o.s. COMPLIMENTI AI VINCITORI DEL PREMIO PROF. ERASMO SIINO Si è messa in moto nel 2008 una bella iniziativa da un semplice gesto di sensibilità, purtroppo insolito in politica, da parte del presidente del Consiglio comunale Lino Foti, mettendo a disposizione dalla sua indennità di carica un fondo per la promozione dell interesse allo studio dei giovani di Capaci... Il 19 Dicembre scorso presso la Scuola Media B. Siciliano si è concluso l itinerario della prima edizione con l assegnazione relativa al 2009 del premio intestato Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 11

12 alla benemerita memoria del Prof. Siino. A nome del presidente del Consiglio la promozione viene curata dall Associazione culturale capacense E.L.I.O.S., con la nomina da parte dello stesso della Commissione esaminatrice, che del premio è il fiore all occhiello per la sua elevata rappresentatività nel nostro Paese. Presidente, nella bella rosa dei nomi prescelti, è il Dirigente scolastico C. Mendola, con gli altri componenti: Dirigente G. Pellegrino, Dirigente G. Gambino, Dirigente L. Bugnano, Prof.ssa E. Bongiovanni, Prof. G. Di Lorenzo, Prof. M. Iacona, Prof. S. Riccobono, Dott.ssa G. Di Maggio, Dott.ssa G. Rizzo, Dott.ssa U. Romano, Dott.ssa S. Solazzo...La premiazione dei vincitori dalla V Elementare sino alla Laurea Magistrale, per regolamento secondo l esclusivo criterio del merito scolastico, è stato un momento d incontro e riscontro di felice realtà per la comunità di Capaci. Una gran bell occasione edificante per tutti si è offerta, con la partecipazione di famiglie unite al seguito dei loro ragazzi, venuti per ricevere il meritato riconoscimento, ma anche con tanti altri semplici concorrenti interessati culturalmente alla manifestazione. Opportunamente la si è impreziosita con un recital di poesie della buonanima del Prof. Siino da parte degli stessi vincitori. La finale del premio si è celebrata alla presenza della moglie Pina col figlio Ermanno e zia Anna Siino che hanno incoronato i vincitori, insieme al promotore Lino Foti, il Presidente con la Commissione al completo (un assente giustificata), il coordinatore e presentatore Giuseppe Di Gangi... La Commissione ha autonomamente deciso di conferire un attestato elogiativo del profitto negli studi a tutti i partecipanti anche non vincitori. Il previsto premio in denaro è stato assegnato ai vincitori, nell ordine.. Chiara Inzerillo e Fabiana Gagliardi (V Elementare), Cristiana Vassallo (I Media), Orazio Di Maggio ( II Media), Alessandra Chiacchio e Ambra Filpo (I Sup.), Claudia Caruso (III Sup.), Fabiola Castello (IV Sup.), Domenico Vassallo e Flavia Drago (Maturità), Alba Castello (I università), Sharon Giacalone (II Università), Beatrice Drago e Margherita Lo Bello (III Università), Luisa Sciortino e Alessandra Siino (Laurea Magistrale). A cura dell Associazione E.l.i.o.s. SINDACO BASTA CHIACCHIERE SI ASSUMA LE SUE RESPONSABILITA Nella scorsa seduta consiliare abbiamo appreso che il Sindaco ha invitato con una nota i responsabili della società Torriglione, vista la presentazione di tre Piani di lottizzazione, per trovare un intesa per la realizzazione di un parcheggio. Nella stessa nota il Sindaco scriveva che la precedente Amministrazione aveva mostrato poco interresse a tale proposta. Anche questa volta si tratta di chiacchiere a cui ormai siamo abituati. Infatti il Sig. Sindaco dovrebbe sapere che al momento che del suo insediamento vie era depositata, in segreteria, una proposta di variante provvista di tutti i pareri di legge pronta per essere inviata in Consiglio comunale per l approvazione. La stessa prevedeva la realizzazione di un parcheggio di circa 5000 mq dietro la piazza Cataldo ed era provvista anche del parere favorevole (circa Euro di vantaggio per la collettività) dell Ufficio tecnico comunale. Sindaco, perché non spiega ai cittadini che fine ha fatto questa delibera? Perchè cercate un intesa dopo 18 mesi dall insediamento solo quando già vi sono tre Piani di lottizzazione presentati? BASTA CHIACCHIERE, VOGLIAMO FATTI. MICHELE GUASTELLA SOLIDARIETA ALL ASSESSORE PAOLO D AGOSTINO Il Consigliere comunale del gruppo Democratici per Capaci Sebastiano Siino esprime piena solidarietà all Assessore all Urbanistica Paolo D Agostino, per gli attacchi spropositati ricevuti durante la scorsa seduta consiliare da parte del Cons. Salvo Puccio. Inoltre invita lo stesso Assessore a proseguire, nel rispetto delle norme urbanistiche e delle procedure di legge, nella sua opera volta a definire l iter tecnico-amministrativo del PRG, attraverso la predisposizione della relativa delibera di adozione da sottoporre per l approvazione in Consiglio Comunale. Il tutto per dotare finalmente il nostro Comune di questo importante strumento urbanistico. CONS. SIINO SEBASTIANO Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 12

13 NORD SUD note di giusto di lorenzo TIFIAMO ABEL Nel linguaggio comune è passata la definizione degli storici di Nord e Sud del mondo, supergeograficamente ad indicare il polo statunitense dei Paesi ricchi o l estremo opposto sahariano dei più poveri. La denominazione trova applicazione nella stessa Europa del Nord, con la comunità economica dell Euro finanziatrice dei progetti privilegiati di sostegno allo sviluppo di un suo Sud povero. Il nostro Meridione vi rientra di diritto, con i fondi di stanziamento validi sino al 2013, vogliamo sperare per il nostro Comune di Capaci che non si faccia lasciare a terra dall ultimo treno che vale Dopodichè passerà solo per gli Europei ancora più poveri dei Paesi ex comunisti......il titolo di questo diario mensile è tutta una presentazione, tra polo Nord e Sud occupandomi di rintracciare di volta in volta, a tutto tondo del vecchio mondo impenitente, i nuovi fattori di ingiustizia a dovizia, ma con indizi buoni che non lasciano disperare per l emancipazione degli uomini e popoli. Anzi, senza sterili piagnistei, nell inguaribile utopia coltivata che il Caino imponderabilmente demorderà prima o poi per l ideal Abele......Non solo dal primario punto di vista economico e sociale vi accompagneremo nella trepida osservazione dello spettacolo dell umanità, dichiaratamente da tifosi Abelani, più generalmente sulle orme degli uomini e donne sovente con gli uni prepotenti sulle altre sottomesse, modernamente incluso il contrario. Analogamente li pedineremo, benintesi, normalmente nelle innumerevoli forme del vivere e con ruoli sociali vari, anche tra gli stessi sessi, né naturali né civili, piuttosto resi d assalto e sopraffazione. Ma l Abelano per deformazione buonista scaverà ancora più a fondo, oltre le apparenze delle false relazioni anche civili e pacifiche, tanto epidermicamente quanto col malcelato torbido covato tra sé reciprocamente, di un ostentata superiorità acrimoniosa o dell inferiorità naturalmente mal sofferta. Quali vicoli del vivere tortuosi da cui improvvisamente ti sbucano gli insofferenti selvaggi, pronti a farsi all occorrenza violenti, a volte da visionari avventati contro l ingiustizia, quando non usciti pazzi netti a carneficine. L Abelano è l Abelano, mite solo e sempre non violento, tiferà senza mezzi termini per i sani rimasti di Nord Sud, contro l altezosità di pazzia o sue bassezze ugualmente, chissà per dove credibili samaritani a rinsavirsi. Eppure con la stessa giusta ragione per mano degli stinti savi d araldo intrepido s incamminerà sino a scoprirvisi il torto insinuante riposto, inconfessabilmente financo da questa parte o un po maledettamente dappertutto. Di proposito in contrappesi principalmente l Abel a mestiere si preoccuperà del farsi bell incontro umano a metà, nel riconoscimento almeno del proprio pelo con l altrui trave. Il Nord e Sud umano e sociale o universale non verranno attraversati quali poli pregiudizialmente contrapposti, piuttosto realisticamente nella dinamicità di una medaglia del mondo del bene col suo rovescio del male, dovunque almeno parzialmente ad incrocio fatale. Tutto qui l importante è da ripescarsi e decifrare impegnativo, nondimeno per lo scrivente con quanti sedicenti tifosi, quel punto d incontro ideal dell Abel dovunque controcorrente. Unicamente del di Lui vero ideale conta universalmente, prima di qua Sud sperabilmente che ci si sbracci lungimiranti, con lena sfiancando senza colpo ferire il fin troppo tondo Caino, se non insperatamente contravvenisse una mano anche di là suo stesso Nord di letto. Un po di questo mix esemplarmente si è verificato dentro la tragedia del terremoto dell Aquila, il piccolo miracolo d unità italiana, non tanto per scontato dell oceanica solidarietà di gente comune (Capaci, con la Protezione civile, c era), s aprano gli orecchi per quanto d inaudito, nell esser disceso dall alto dei poli politici contrapposti di colpo a ritrarre gli artigli, congiunti gli intenti costruttivi. Così per la prima volta nel Meridione abbiamo ammirato lo Stato protagonista di una mezza veloce ricostruzione (i decenni del Belice!).. Non ci scorderemo del punto privilegiato di situazione nostra, nello sguardo sui due poli mondiali del Sud e Nord, particolarmente attenzionandolo sul territorio della cara Capaci, nella rassegna sentimentalmente interessata degli spigoli normalmente d ogni ordine, chiaramente ancor di più a casa da inguaribili Abelani dell ideal. Vogliamo credere che nel nostro piccolo teoricamente dovrebbe riuscire meno arduo assecondarli, gli spigolini di Paese o quand anche sul momento spigolosi, al contrario un po tutti nel non lasciarseli pervicacemente confliggere, per di più con caina o fors anche stupida malafede azzannante. Ma innanzitutto non rilasciamoli miserabilmente a vanvera, proliferare aguzzi a forbice allor ingovernabili, ahimè ad abbandonarci nella primitiva malora caina del più recente e purtroppo acquisito vezzo politico e sociale del tu tir a campà.... LA RUBRICA IDEAL E REDATTA A CURA DEL PROF. GIUSTO DI LORENZO Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 13

14 SE VUOI LA PACE CUSTODISCI IL CREATO TEMA DETTATO DA PAPA BENEDETTO XVI PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 1 GENNAIO 2010 La pace e il creato: un rapporto profondo, un legame inscindibile, eppure spesso sottovalutato, nonostante l esperienza di Francesco d Assisi e di quella comunità operosa e operante da secoli, in suo nome. È merito di Benedetto XVI se il messaggio per la Giornata Mondiale della Pace inviato all inizio del 2010 sia stato tutto incentrato sulla relazione che si stabilisce fra queste due parole cariche di un significato polisemico: pace e creato. Pace esterna come assenza e come soluzione di conflitti; pace interna come capacità interiore di stabile una corretta relazione con se stessi, gli altri e il mondo circostante. Creato come esito della creazione che, a sua volta, è l inizio e il fondamento di tutte le opere di Dio. Il Papa comincia da qui il percorso concettuale del suo messaggio per ricordare, nella premessa al suo profondo ed articolato ragionamento, che ci sono le minacce che incombono sulla pace e lo sviluppo integrale dell uomo (guerre, terrorismo, violazione dei diritti umani) ma ci sono anche le minacce originate dalla noncuranza e dall abuso dell uomo nei confronti della terra e dei beni naturali come dono di Dio. L argomentare di Ratzinger ruota intorno ai limiti della teoria evoluzionista che, quando presentata in modo enfatico ed esclusivo a discapito di quella creazionista (centrale nella cultura dei credenti), finisce per attenuare le responsabilità dell umanità intera. Responsabilità verso chi e verso che cosa? Responsabilità dell uomo verso se stesso e verso l ambiente naturale. Già Giovanni Paolo II aveva dedicato a questo tema un messaggio per la Giornata Mondiale della Pace di vent anni fa, sottolineando il valore della pace con Dio creatore e quello della pace con tutto il creato. Prima di lui lo aveva fatto Paolo VI, ma il documento di quest anno presenta un articolazione teologica originale e carica di interesse, anche alla luce dei cambiamenti climatici in atto, della desertificazione, dell inquinamento, delle ricadute sull occupazione. Il Papa ricorda i cosiddetti profughi ambientali, persone che a causa del degrado ambientale sono costrette a spostarsi, lasciando le proprie terre d origine, molto efficacemente pone questa situazione in relazione alla necessità di quella che definisce revisione profonda e lungimirante del modello di sviluppo. Che vuol dire tutto ciò? Che la salvaguardia del creato, il rispetto dell ambiente, la risposta a quella che Giovanni Paolo II aveva definito crisi ecologica richiedono una strategia che consideri contemporaneamente questioni culturali ed antropologiche, questioni economiche (specie se l economia è capace realmente di coniugarsi all etica), maggiore e migliore capacità di discernimento e nuove progettualità. Si chiede e ci chiede il Santo Padre: non è vero che all origine di quella che chiamiamo natura vi è un disegno di amore e di verità?. La differenza fra la risposta che può trovare un credente rispetto a questa difficile ricerca di equilibrio fra la pace e il creato e quella che riesce a trovare un non credente sta proprio nella disponibilità a considerare l uomo, il mondo, la terra, il cielo, gli animali come il frutto della volontà di Dio e, quindi, come tali sacri e inviolabili. E ciò è inevitabilmente fonte di pace interna e, di conseguenza, anche di pace esterna: assenza e soluzione di conflitti nell umanità, come ricordavo in precedenza. In questo quadro va ricordata altresì l esigenza di un impegno globale e coordinato, una sorta di governo responsabile sull ambiente e dell ambiente. Il vertice di Copenaghen, nonostante l impegno in prima persona di Obama, purtroppo non ha segnato un passo in avanti e una reale inversione di tendenza rispetto a questioni cruciali per il pianeta. Benedetto XVI parla, a tal proposito, della necessità di una leale solidarietà inter-generazionale : i costi derivanti dalle risorse ambientali comuni ricorda il Papa non possono essere a carico delle generazioni future, questo tipo di solidarietà deve proiettarsi nello spazio e nel tempo. Si inserisce qui la discussione sul differente piano delle responsabilità nell ambito del divario sempre più marcato fra i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo, la discussione sull uso della tecnologia e della ricerca scientifica con il corollario analitico sui rischi connessi ad una loro profonda distorsione, quando entrambe prescindono dalla dignità della persona. E si inserisce qui anche la riflessione sulla necessità di imprimere nuovi stili di vita con quella disponibilità alla ricerca del vero, del bello e del buono che sono stati pilastri della cultura francescana. Far emergere tutto ciò in un momento di distrazione dell opinione pubblica dai problemi reali, farlo in un modo deideologizzato è una sfida di non poco conto. Una sfida che Benedetto XVI ci invita a compiere muniti delle sole armi dell amore per il prossimo e per il creato e della determinazione a percorrere il sentiero della verità. LA PAGINA DI SPIRITUALITA E REDATTA A CURA DI ROCCO BATTAGLIA LA CONFRATERNITA DEL SS. SACRAMENTO ANNI DI STORIA Il 4 luglio 1556 Gilberto Beccadelli di Bologna viene investito del titolo di Barone di Capaci, Cefalà e Marineo e come primo atto, il 16 dello stesso mese, presso il suo Palazzo di Palermo, fonda, con atto pubblico, le Confraternite del SS. Sacramento di Capaci e Marineo, con il medesimo Statuto e con le stesse finalità. Nel I capitolo dell antico Statuto (di cui ho potuto visionare una copia conservata nell Archivio Storico della Diocesi di Mazara) è infatti codificata la sua finalità: 1) di coltivare ed accrescere la fede e la devozione del SS. Sacramento;. 2) di solennizzare col massimo decoro, le feste in onore del Santissimo, per manifestare la propria fede ed incrementare la pietà dei fedeli. Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 14

15 L istituzione delle confraternite della Dottrina Cristiana e del SS. Sacramento erano fortemente volute dalla Chiesa e vennero raccomandate dai dettami del Concilio di Trento, per le loro finalità formative ed apostoliche, soprattutto come mezzo di opposizione alle dottrine protestanti provenienti dal nord Europa. I componenti del nuovo sodalizio laicale come prima opera si impegnarono nella edificazione di un proprio Oratorio dove espletare le funzioni liturgiche e gli incontri formativi, infatti nella Relazione della Visita Pastorale del 1590 di Mons. Bernardo Gash, Vescovo di Mazara del Vallo (diocesi da cui dipese Capaci sino al 1844), viene menzionato l Oratorio di S. Agostino di proprietà dei confrati del SS. Sacramento. L oratorio in questione era una chiesa semipubblica in cui cioè si svolgevano delle funzioni liturgiche aperte a tutti i fedeli e delle cerimonie private riservate ai soli membri della confraternita, esso era ubicato di fronte al Castello dei Beccadelli Bologna e all antica Chiesa Madre (sui ruderi della quale nel 1768 venne edificata la Chiesa dell Addolorata) e quindi nel luogo in cui nel 1683 sorse l attuale Matrice di S. Erasmo. Dalla relazione di un'altra visita pastorale (1632) sappiamo che l Oratorio era di forma rettangolare con una sola navata ed un solo altare in marmo sul quale era posta una preziosa statua lignea cinquecentesca della SS. Vergine del Rosario, mentre alle pareti laterali trovavano posto quattro tele raffiguranti i Dottori della Chiesa latina: S. Agostino e S. Ambrogio, S. Girolamo e S. Gregorio. La devozione alla Madonna del Rosario era molto diffusa nel nostro paese e non stupisce il fatto che proprio la confraternita del Santissimo ne propagasse il culto. Da un atto notarile originale, conservato nell Archivio Storico della nostra Chiesa Madre, si legge testualmente: la confraternita ha il compito di organizzare la festa della prima domenica di ottobre in onore della Nostra Signora Maria del SS. Rosario, di fare celebrare due Messe cantate in detto giorno e di processionarne la Venerata Immagine, inoltre in detto giorno si procederà al giuramento dei nuovi confrati innanzi all altare di Nostra Donna e ad approntare il corredo per maritare o monacare una povera fanciulla di questa Terra di Capaci. La grande devozione dei nostri antenati verso la Madonna del Rosario portò alcuni confrati del SS. Sacramento a staccarsi dalla Confraternita per dar vita nel 1842 alla Compagnia del SS. Rosario che si dotò di un proprio statuto e di cui abbiamo notizie sino al Ma la festa della Madonna del Rosario era solamente uno dei tanti impegni annuali della Confraternita la quale preparava in maniera solenne i riti della settimana santa e la festa del Corpus Domini con la relativa ottava. I riti quaresimali erano aperti il martedì grasso con la sfilata della confraternita in pompa magna che raggiungendo la Chiesa Madre dava inizio all esposizione del SS. Sacramento e alle Sante Quarantore di preghiera, quindi la domenica delle palme si ripeteva il giro del centro storico e il giovedì santo dopo la lavanda dei piedi vi era la visita e la guardia ai Sepolcri. Ma l apoteosi era ed è ancora oggi rappresentata dalla manifestazione del giorno di Pasqua, quando a mezzogiorno nella piazza antistante la Matrice si svolge il tradizionale incontro del Cristo Risorto con la Madonna, rito unico nella diocesi di Monreale (oltre a Capaci si svolge solo a Prizzi) e che affonda le sue radici nella prima metà del Altrettanto importante era la Solennità del Corpus Domini. Questa festa sino al Concilio Vaticano II, si celebrava il giovedì dopo la SS. Trinità e aveva un ottavario che prolungava le celebrazioni sino al giovedì successivo vigilia della festa del Sacratissimo Cuore di Gesù, in ogni sera dell ottavario si svolgeva una breve processione che raggiungeva un Chiesa o una Cappella. Di queste processioni le più importanti erano due: quella del giovedì (giorno proprio della festa) e quella della domenica (infra ottava). In questi due giorni le processioni erano solennissime e il SS. Sacramento era accompagnato, oltre che dal clero, dalle autorità, da tutte le confraternite e dal popolo, anche, dalle statue dei Santi che si veneravano nelle chiese del paese, che procedevano in un ordine prestabilito a cui non si poteva apportare alcuna modifica, apriva il corteo la statua in cartapesta dell Arcangelo Gabriele a cui i fedeli rivolgevano questa giaculatoria: Vui nsignatimi la via pi sarbari l armuzza mia, seguivano nell ordine: S. Rita da Cascia, S. Antonio da Padova, S. Lucia, S. Rosalia, S. Eligio, S. Francesco di Paola (u santu Patri), S. Rocco, S. Sebastiano, S. Vito, S. Pietro, S. Giuseppe (non la statua della Matrice ma quella più piccola della Chiesa di S. Rocco), S. Erasmo a cui spettava il posto d onore, prima della Madonna, in quanto patrono del paese, e infine la Madonna del Rosario che chiudeva il corteo, precedendo il baldacchino con l Ostensorio. Questa processione sopravvisse, osteggiata dal clero, fino al secondo dopoguerra quando venne soppressa per decreto arcivescovile in tutti i paesi della diocesi. La storia di questa confraternita è un alternarsi di crisi e di riprese apostoliche, organizzative e strutturali. Ad un intenso fervore, inculcato dagli Arcipreti, subentrò nel 1900 una tale crisi da corrersi il pericolo della sua estinzione. Quali le cause? Mancanza di cultura religiosa, rapida mutazione delle condizioni sociali, carenza di iniziative. Anche l Oratorio, sede della confraternita, cadeva a pezzi tanto che nel 1910 venne acquistato dall Arciprete Don Benedetto Bruno che lo trasformò in sacrestia per la Matrice. Nel 1913 lo stesso Arciprete Bruno, per scongiurare lo sciogliersi del sodalizio, si interessò presso la Curia affinché la nostra Confraternita fosse aggregata alla Compagnia della Carità di Palermo. Con l aiuto della suddetta Compagnia si riuscì a superare le difficoltà economiche e sfidando la povertà del dopoguerra la Confraternita iniziò a rinascere. L Imprimatur alla rinascita venne dato da Mons. Francesco Carpino, Arcivescovo di Monreale che nel 1958 dotò la Confraternita di un nuovo Statuto. Non posso concludere questo articolo senza citare alcuni personaggi che, in questi ultimi anni, hanno dato lustro alla Confraternita, quali i Superiori Francesco Paolo Di Maggio, Giovanni Ferrante e Giovanni Costanzo (attualmente in carica) a cui si deve il ripristino dei tradizionali altari durante la processione del Corpus Domini, la realizzazione delle nuove statue in legno del Cristo e della Madonna per l incontro pasquale, la Volata degli Angeli e il ritorno della ninanedda durante la novena del Santo Natale, tradizioni queste da custodire e conservare quale patrimonio inestimabile di cultura e di rilancio turistico per la nostra comunità. A questi personaggi che ho citato vanno aggiunti tutti coloro, superiori, congiunti, confrati e sacerdoti, che da 454 anni con la loro devozione e il loro impegno apostolico, ci hanno tramandato un profondo amore a Cristo e alla Chiesa. LA RUBRICA UOMINI E STORIA E REDATTA A CURA DI ROCCO BATTAGLIA LE BUGIE HANNO LE GAMBE CORTE Non sono passati neanche 2 anni (bensì appena 19 mesi) eppure i nostri cari amministratori non hanno saputo resistere alla tentazione forte ( davvero troppo forte evidentemente) di fare un passo (e che passo) indietro, rimangiandosi (non sarebbe la prima volta d altronde) la promessa (una delle tante) fatta alla Cittadinanza!!! Un vecchio proverbio sostiene, a ragione, che il tempo sia Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 15

16 galantuomo noi del Movimento AmaCapaci, forse proprio consapevoli della bontà dei detti popolari, eravamo convinti (anche se speravamo di sbagliarci) che anche questa volta il vero spirito della Maggioranza sarebbe uscito fuori, facendo ricredere i Cittadini, della scelta fatta nell ultima tornata elettorale. Con delibera di Giunta n. 8 del 22/01/2010, a seguito di nota protocollo n. 241 del 7/01/2010, su iniziativa del Sindaco (già: proprio del Primo Cittadino, avete letto bene), l Amministrazione Comunale ha revocato, all UNANIMITA e dando IMMEDIATA ESEGUIBILITA all atto, la propria delibera n. 145/08 con la quale, la stessa aveva provveduto a ridurre del 50% le indennità di carica degli Amministratori locali. A seguito della nuova trovata di Benedetto Salvino e dei suoi Assessori: le indennità di funzione per l espletamento del mandato elettorale sono state rideterminate per l intero e si è dato mandato all Ufficio di Ragioneria di adeguare lo stanziamento del pertinente capitolo di spesa del bilancio di previsione per l anno 2010!!!! Ma facciamo qualche passo indietro. La delibera oggi revocata (quella che riduceva a metà i compensi) rappresentava in realtà un atto dovuto: non fosse altro perché costituiva la naturale ed inevitabile conseguenza di una campagna elettorale martellante, monotona, autoreferenziale, con la quale la maggioranza che oggi ci governa, gettando fumo negli occhi e giocandosi il tutto per tutto, durante entrambi i turni elettorali, ad ogni occasione utile (comizi, porta a porta, dibattiti televisivi), non faceva altro che promettere, una volta eletta, quale primo atto deliberativo, il taglio delle indennità di carica degli amministratori. Tali decurtazioni, avrebbero consentito,a dire della maggioranza, un notevole risparmio di spesa (ammontante circa a euro all anno) da dirottare verso altre esigenze comunali: la promozione di nuovi servizi, la maggiore cura del Paese, ecc, ecc,ecc Ebbene oggi si spiegano tante cose, prima fra tutte la resistenza dimostrata, sin da subito, a tradurre in atti quanto promesso in campagna elettorale; i mal di pancia nei confronti di quello che evidentemente era un passo più lungo della gamba ; l indisponibilità a dare seguito a quella che da li a poco si sarebbe dimostrata la bufala per antonomasia, una sparata (è il caso di dirlo) davvero grossa, con conseguenze, (successivamente ciò sarebbe emerso) evidentemente troppo onerose per le aspettative economiche di Benedetto Salvino&Co. La storia amministrativa di questo Paese ha, in seguito, registrato l adesione a quanto previsto dalla delibera, soltanto da parte di alcuni amministratori (tra cui il Sindaco) e, con una lettura al contrario, il totale menefreghismo e mancanza di rispetto da parte di altri (vari Assessori e vertici del Consiglio Comunale). Tutto ciò avveniva tra lo stupore generale della Cittadinanza ed i tanti, puntuali articoli di denuncia emersi dalle pagine di questo giornale. L indignazione dinanzi ad un simile atteggiamento era dovuta alla spudoratezza con la quale parte della Maggioranza, si faceva beffe degli elettori, non dando alcun seguito ad una promessa che, è bene sottolinearlo, non era stata richiesta dalla Cittadinanza, ma che (ed è forse questa la cosa più intollerabile) era uscita dal cilindro ed utilizzata (i fatti successivi ci danno ragione) solo per prendere in giro Capaci. La delibera del 22/01, non rappresenta che l ultima puntata di questa squallidissima vicenda: evidentemente una volta raggiunto l obiettivo ed occupata la poltrona è divenuto impossibile rinunciare all indennità anche per Benedetto Salvino e tutti gli altri Assessori. Forse non è più necessario destinare tali somme ad altre finalità? Non erano indispensabili per erogare nuovi servizi e migliorare quelli già esistenti (cosa peraltro mai avvenuta)? E quali ripercussioni vi saranno, adesso, in merito? La legge prevede che a fronte dell impegno degli amministratori sia riconosciuta un indennità e nessuno si sarebbe mai sognato di chiedere un sacrificio simile: perché dunque tale pantomima? Perché avallare un patto che non si sarebbe voluto mantenere? Non si rendono conto della magrissima figura fatta nei confronti dei Capacensi? In realtà la Giunta Salvino ha dimostrato, con disarmante spudoratezza, un triste, desolante e misero esempio di uso demagogico della politica, finalizzato esclusivamente a carpire la buona fede dell elettorato. A questo punto chiediamo ai Cittadini di fermarsi un momento a riflettere circa la situazione di assoluto disfacimento che attraversa oggi Capaci (basti pensare alla desolante condizione delle scuole); ebbene, quale credito possono ancora avere i nostri Amministratori? Quale credibilità possono ancora rivendicare? Come possono, alla luce dell ennesima gaffe, continuare a guardare ancora la Cittadinanza negli occhi? Con quale serietà credono di poter prendere impegni? Come pensano di poter recuperare il tanto, troppo terreno perduto, in termini di affidabilità? Non credono questa volta di averla fatta davvero grossa, al punto che la loro incoerenza risulta scritta nero su bianco, in un atto importante qual è una delibera? Perché neanche un amministratore (la delibera ripetiamo è stata votata all unanimità) ha avvertito la decenza di dissentire? Perché non si è provata alcuna vergogna nel prendere con tanta solerzia una simile decisione, glissando sui reali problemi del Paese? In verità il tentativo di ritoccare, con un rapido colpo di spugna, le regole del gioco in proprio favore è stato tanto goffo quanto maldestro. Ma forse era un atto meritato: d altronde non è forse vero che non esiste alcuna emergenza scolastica? Che il paese brilla in pulizia e decoro? Che è stato riaperto il sottopassaggio? Che Capaci ha finalmente un PRG? Magari, ci verrebbe da dire!!! In realtà sperando che l attenzione dell opinione pubblica fosse calata, a 19 mesi dall elezione, confidando nell anonimato e nel silenzio, si è giocata la carta del basso profilo, offendendo, o meglio tentando di offendere l intelligenza dei cittadini. Evidentemente questa amministrazione non ha capito che i Capacensi non sono degli stupidi; evidentemente questa amministrazione non si è resa conto che la gente di questo Paese vale molto di più; evidentemente il Sindaco Salvino e la sua maggioranza credono di potersi permettere tali atteggiamenti offensivi nei confronti degli elettori. Forse la giunta è convinta che Capaci meriti ciò? Noi siamo convinti che Capaci non meriti questa Giunta; Capaci non merita una conduzione simile della cosa pubblica; Capaci merita una classe dirigente all altezza della situazione e non dei dilettanti allo sbaraglio che stanno relegando il Paese ai minimi storici in termini di vivibilità ed efficienza dei servizi. Non si spiegherebbe altrimenti il malessere diffuso che si respira in Paese dinanzi ai tanti, troppi disservizi, verificatisi in diversi settori. Non si spiegherebbero altrimenti il malcontento e la delusione che ogni giorno montano sempre con maggiore convinzione nei Cittadini, Ma forse ciò di cui non si accorge la nostra classe di governo è quella decadenza dei costumi e quel cattivo modo di sentire la cosa pubblica di cui si sta rendendo protagonista e che lentamente, giorno dopo giorno, sta allontanando i governati da governanti. Il malessere, la disaffezione, la mancanza di fiducia, stanno lasciando spazio ad un sentimento amaro: l indignazione verso un modo di fare privo di rispetto. Già rispetto, perché se un significato può essere dato all etica nella politica è quantomeno quello del rispetto delle promesse fatte ai Cittadini. In ciò sta la gravità di una promessa tradita: nella presa in giro; nell utilizzo del consenso al fine di andare al potere calpestando, un attimo dopo,le aspettative di chi ha dato il voto; nella mancanza di rispetto, appunto. quel rispetto che, evidentemente, a Capaci ha oggi il prezzo di qualche centinaia di euro in più a fine mese!!! MOVIMENTO AMACAPACI Gli articoli de l Informatore è possibile leggerli nel sito e mail 16

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli