TRENT ANNI DAL TERREMOTO. Trent anni, e pare ieri! Sono trascorsi NUMERO SPECIALE. ...E pare ieri!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1976-2006 TRENT ANNI DAL TERREMOTO. Trent anni, e pare ieri! Sono trascorsi NUMERO SPECIALE. ...E pare ieri!"

Transcript

1 i l c o m u n e d i TREPPO NUMERO SPECIALE GRANDE ANNO XX - NUMERO 1 - MAGGIO Semestrale d'informazione del Comune di Treppo Grande distribuito gratuitamente a tutte le famiglie del Comune e agli emigranti - Reg. Trib. UD 22/87 - Sede redazione, Uffici Comunali: Piazza Marconi, Treppo Grande TRENT ANNI DAL TERREMOTO...E pare ieri! Trent anni, e pare ieri! Sono trascorsi proprio tre decenni da quella afosa serata del 6 maggio 1976, allorché l orcolat ci cambiò letteralmente la vita. Da quel momento il nostro destino e la storia di ognuno di noi subì un radicale ed improvviso scossone. La paura e l ansia dei primi momenti lasciò ben presto spazio alla consapevolezza di ciò che stavamo vivendo, seppur con molte incognite ed interrogativi. L ingegno ed il sapersi arrangiare emersero con prepotenza, e la necessità di crearsi un riparo, al di fuori del potenziale pericolo di crolli, fece spuntare una miriade di abitazioni d emergenza. Poi venne il tempo delle tende, per molti dello sfollamento sul litorale, e successivamente dei prefabbricati. Quante storie dietro questi periodi, quanti ricordi e quanti episodi che hanno segnato indelebilmente il destino di tutti noi! Il decentramento amministrativo e le leggi regionali sulla ricostruzione segnarono la fine della fase dell emer- genza per dare inizio a quella della ricostruzione. A distanza di tre decenni il volto del nostro Comune appare profondamente mutato rispetto a quel tempo. Le ristrutturazioni delle case e la costruzione di nuovi edifici, unitamente alla realizzazione di moltissime opere pubbliche, hanno generato un aspetto nuovo, pulito, ordinato, funzionale e paesaggisticamente piacevole al nostro territorio ed al nostro piccolo mondo. Allorché mi capita di attraversare qualche paese della bassa friulana, dove i marciapiedi presentano qualche discontinuità, le facciate delle case non sono tutte fresche di pittura, la vetustità di tante strutture fa trasparire i segni del tempo, ritorno a vedere i nostri paesi di un tempo: chi si ricorda l aspetto delle nostre strade e piazze di allora? L immagine delle pareti sbiadite delle case in linea lungo le vie centrali, intercalate da qualche portone consumato sotto i portici d accesso, con i marciapiedi sconnessi I tre Sindaci del dopo terremoto (da sinistra a destra: Menis, Ponta, Ioseffini) durante le celebrazioni per il ventennale del sisma. ed irregolari sono oramai un lontano ricordo. Le moltissime opere nel settore viario, fognario, cimiteriale, sportivo, delle strutture scolastiche, istituzionali e dell edilizia pubblica hanno rappresentato in questi anni un impegno che solo pensando a quanto è costato ci fa capire le dimensioni e la portata. Oltre nove miliardi delle vecchie lire attinti dai fondi per la ricostruzione delle opere pubbliche. L edilizia privata ha potuto contare su contributi pubblici per oltre quindici miliardi delle vecchie lire. Le Ammi- Il Sindaco Giordano Menis segue a pag. 2

2 2 IL COMUNE DI TREPPO GRANDE Numero speciale sommario trent anni dal terremoto comuni sconvolti 3 Scatta l emergenza 4-5 Vivere nella tendopoli 6-7 Modello Friuli 8 Sfollati a Lignano 9 TESTIMONIANZE... A Vendoglio si racconta 10 A Treppo Piccolo si racconta 11 A Treppo Grande si racconta A Zeglianutto si racconta 14 A Carvacco si racconta Pinsîrs 15 L ansia di chi era lontano Terra, aria, fuoco e acqua 18 Volontari di Protezione civile 19 Il gruppo di Protezione civile 20 Un maestro severo e prezioso 21 La ricostruzione nel nostro comune Nel tempo, una diversa cultura dell ambiente Maggio 76 attraverso gli occhi di un ex dodicenne 26 Cultura friulana e terremoto 27 Mamma, papà raccontatemi il terremoto 28/30 Le poesie di Guerrino 31 Grazie Vogliamo dire grazie a tutti coloro che hanno dedicato il loro tempo prezioso per contribuire alla realizzazione di questa pubblicazione. Nel ragionare su come svilupparla, abbiamo riflettuto sul significato che ha oggi quell evento in parte lontano, ma che così spesso ricorre nei discorsi della gente. A cominciare dai giovani e dai bambini che lo conoscono solamente attraverso i racconti di genitori e nonni. Abbiamo quindi pensato di coinvolgere gli alunni della nostra scuola in questa ricerca di testimonianze. E il loro lavoro, correttamente indirizzato dalle insegnanti, è stato ottimo. Quel forte senso di comunità che l avvenimento calamitoso aveva risvegliato, quello spirito di sacrificio e quel sentimento di gioia nel darsi vicendevolmente una mano, quel magnifico, impagabile aiuto offerto da volontari, organismi, associazioni, enti di tutto il mondo che in queste pagine non abbiamo rappresentato nella sua totalità, visto il gran numero di realtà diverse implicate vorremmo non fossero dimenticati nemmeno dai più piccoli. Abbiamo cercato di dare agli approfondimenti un taglio umano, soffermandoci anche su aneddoti e dettagli che ambiscono a far addentrare il lettore con gli occhi e con il cuore nella quotidianità di quel periodo. Grazie quindi a quanti ci hanno riferito le proprie esperienze, grazie a chi ci ha fornito prezioso materiale fotografico, grazie a coloro che con palpiti di vita vissuta ci hanno fatto rivivere quei momenti così tragici eppure così intensi. Grazie a quanti hanno scritto queste pagine, riaprendo a volte capitoli della propria vita momentaneamente chiusi, o affacciandosi a una finestra da cui spesso amano ammirare l orizzonte. E si è trattato frequentemente di primi protagonisti nella ricostruzione fisica e sociale del nostro paese. Spesso, questi scritti sono costati faticose ricerche, in un tram tram quotidiano sempre più pressante; perciò, il nostro, è un grazie che vorremmo ripetere mille volte. La redazione AVVISO. Si comunica che questo numero speciale sostituisce il notiziario comunale consuetamente edito in giugno. Vista l importanza di questa commemorazione, infatti, si è pensato di dare priorità a una pubblicazione che dedichi i dovuti approfondimenti e i giusti spazi a un evento che ha segnato profondamente la comunità. 1976: Treppo ricorda PROGRAMMA CELEBRAZIONI TRENTENNALE TERREMOTO VENERDI 28 APRILE ore Sede municipale Scoprimento opera artistica in legno realizzata e donata dallo scultore Luciano Spizzo Inaugurazione MOSTRA FOTOGRAFICA Treppo 1976: la terra trema, la vita cambia Presentazione numero speciale Notiziario comunale Trent anni dal terremoto Incontro IO C ERO, IO NO Parlano i testimoni di allora e chi ne ha solo sentito parlare VENERDI 5 MAGGIO ore Piazza Marconi Proiezione filmato sul terremoto in Friuli e a Treppo SABATO 6 MAGGIO Scuole elementari - Prova di evacuazione e testimonianze ore Chiesa parrocchiale SS. Messa commemorativa dalla prima pagina nistrazioni che si sono susseguite, con Sindaci ed Assessori in testa, hanno attuato un programma di investimento che mai la storia del nostro Comune aveva registrato. Oggi ciò che consegniamo alle nuove generazioni può certamente farci inorgoglire. Io credo che accanto alla dedizione, sacrificio ed impegno della popolazione tutta un riconoscimento particolare lo dobbiamo agli amministratori pubblici, in particolare a quelli che hanno vissuto l emergenza ed i primi anni della ricostruzione. Assumendosi responsabilità enormi hanno dedicato ogni ora del proprio tempo per far risorgere il nostro tessuto sociale ed abitativo. Grazie! Un pensiero commosso lo rivolgiamo a quegli Amministratori che dopo aver tanto dato purtroppo ci hanno lasciato. Una così grande opera, segnata da sacrifici e dedizione, realizzata da tutti indistintamente, ha avuto purtroppo un momento di mortificazione. Mi riferisco al momento in cui al nostro Comune, assieme ad altri sette, fu decretata l assegnazione della medaglia d argento al valor civile per gli eventi sismici. Diversamente dagli altri 38 comuni classificati disastrati, come il nostro, a cui venne conferita la medaglia d oro. Questa sminuizione creò la convinzione nella cittadinanza di essere stati oggetto di un ingiustizia e fu proprio sulla spinta della Comunità intera che ingaggiammo una vera e propria contesa con le Autorità dello Stato al fine di rivedere detta Trent anni... E pare ieri! assegnazione. Scrivemmo al Presidente della Repubblica, motivando le nostre ragioni con dati oggettivi, e Ciampi ci capì. Dopo un frenetico periodo di incontri, iniziative, richieste, articoli sulla stampa arrivò finalmente l invito ad un audizione presso il Ministero degli Interni a Roma. Le nostre ragioni furono condivise ed il suono delle campane a distesa, il pomeriggio del 6 febbraio 2003, annunciarono l assegnazione della medaglia d oro. Il 25 febbraio dello stesso anno, al Quirinale, nel corso di una cerimonia solenne, sono state consegnate ai 46 Comuni disastrati del Friuli, tra cui il nostro, le medaglie d oro al merito civile. La motivazione che appare sul decreto di conferimento della medaglia d oro al Comune di Treppo Grande recita: In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, morale ed economico. Splendido esempio di valore civico e di alto senso del dovere, meritevole dell ammirazione e della riconoscenza della Nazione tutta. Ora questa preziosa medaglia è appuntata sul gonfalone comunale a riconoscente memoria di tutti coloro che con la loro opera hanno contribuito al conseguimento di un così alto riconoscimento. Tutti gli Amministratori comunali succedutisi dal 1976 al 2003, in occasione dell incontro dedicato al conferimento della medaglia d oro al valor civile per gli eventi sismici al nostro Comune. Il Sindaco Giordano Menis

3 IL COMUNE DI TREPPO GRANDE comuni sconvolti: tutti i dati del sisma del 76 6 MAGGIO 1976 ORE 21: una scossa pari all undicesimo grado della scala Mercalli della durata di 52 secondi, con epicentro il monte San Simeone, sconvolge un area di kmq. Viene devastato il territorio di 137 comuni del Friuli. Di questi, 45 furono classificati disastrati: Amaro, Artegna, Attimis, Bordano, Buja, Cassacco, Cavazzo Carnico, Chiusaforte, Colloredo di Monte Albano, Faedis, Forgaria nel Friuli, Gemona del Friuli, Lusevera, Magnano in Riviera, Majano, Moggio Udinese, Montenars, Nimis, Osoppo, Pontebba, Ragogna, Resia, Resiutta, San Daniele del Friuli, Taipana, Tarcento, Tolmezzo, Trasaghis, Tricesimo, Treppo Grande, Venzone, Villa Santina; Castelnovo del Friuli, Cavasso Nuovo, Clauzetto, Fanna, Frisanco, Meduno, Pinzano al Tagliamento, Sequals, Spilimbergo, Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto, Travesio, Vito d Asio. 40 gravemente danneggiati: Ampezzo, Arta Terme, Cercivento, Cividale del Friuli, Comeglians, Dogna, Enemonzo, Fagagna, Lauco, Ligosullo, Malborghetto, Martignacco, Moimacco, Moruzzo, Ovaro, Pagnacco, Paluzza, Paularo, Povoletto, Prato Carnico, Premariacco, Preone, Pulfero, Ravascletto, Raveo, Reana del Roiale, Remanzacco, Rive d Arcano, San Pietro al Natisone, Socchieve, Sutrio, Torreano, Treppo Carnico, Verzegnis, Zuglio; Andreis, Arba, Maniago, Montereale Valcellina, Vivaro. 52 danneggiati: Basiliano, Buttrio, Campoformido, Corno di Rosazzo, Coseano, Dignano, Drenchia, Flaibano, Forni Avoltri, Forni di Sopra, Forni 7 maggio Titolo di testa della prima pagina del Messaggero Veneto di Sotto, Grimacco, Lestizza, Manzano, Mereto di Tomba, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Prepotto, Rigolato, San Giovanni al Natisone, San Leonardo, San Vito di Fagagna, Sauris, Savogna, Sedegliano, Stregna, Tarvisio, Tavagnacco, Udine; Arzene, Aviano, Barcis, Budoia, Caneva, Cimolais, Claut, Cordenons, Fontanafredda, Polcenigo, Porcia, Pordenone, Roveredo in Piano, Sacile, San Giorgio della Richinvelda, San Martino al Tagliamento, San Quirino, Valvasone; Cormons, Dolegna del Collio, San Floriano del Collio. La popolazione coinvolta fu di persone, 989 furono i morti, più di i feriti, oltre i senza tetto. IL 15 SETTEMBRE 1976: due scosse pari al decimo grado della scala Mercalli, registrate alle 5.20 e alle 11.15, costrinsero oltre persone ad abbandonare la zona disastrata. Il commissario straordinario del Governo, on. Zamberletti, organizzò in pochi giorni l esodo verso la costa adriatica dove persone trovarono ospitalità. Lignano, Grado, Bibione e Jesolo diventarono per molti friulani il loro secondo paese. Per dare un tetto provvisorio alle popolazioni così duramente colpite, la Regione realizzò alloggi capaci di accogliere persone. Il commissario straordinario integrò tale intervento con altri alloggi. Vennero così a crearsi 350 villaggi, dove al 1 maggio 1977 avevano trovato sistemazione oltre persone furono le case distrutte, mentre risultarono quelle da riparare. Si ristruttura il municipio Il castello di Zegliacco gravemente danneggiato (foto Alvio Baldassi).

4 4 IL COMUNE DI TREPPO GRANDE Numero speciale Nel ventennale del terremoto, nel 1996, ebbi a scrivere che, in una cerimonia a villa Manin, i sindaci del Friuli riconsegnarono simbolicamente i comuni ricostruiti al presidente della Repubblica Scalfaro. L attuale presidente Ciampi, l anno scorso, ha insignito di medaglia d oro al valore civile i comuni del terremoto. Sono stati premiati il lavoro, la dedizione e la volontà di ricostruire dei sindaci e degli amministratori succedutisi dal 76. Trent anni dopo quel 6 maggio, certe immagini e certi ricordi mi sembrano di pochi giorni fa, mentre invece ne è passata di acqua sotto i ponti. Cercherò di rendere un immagine di come era la situazione prima e cosa è cambiato dopo. Tre impiegati, un segretario in consorzio con Cassacco, due persone addette alla manutenzione strade ed edifici pubblici, un geometra della Comunità Collinare, due ore alla settimana svolgevano egregiamente tutto il lavoro. Il 6 maggio 76 la mia agenda prevedeva due appuntamenti: alle 10 un matrimonio civile ed alle una riunione, a Maiano, con la Comunità Collinare. Sindaco dall agosto 75, era il primo matrimonio che celebravo. Segretamente, ero più emozionato degli sposi, che erano alla seconda esperienza. Al secondo appuntamento, a Maiano, io e Mario Castenetto (allora vicesindaco) saremmo arrivati un po più tardi. Alle faceva buio (a quel tempo non c era l ora legale): eravamo a qualche decina di metri dal campanile di Maiano e con la Fiat 124 stavo facendo retromarcia per entrare in una laterale. Un ondeggiamento strano dell auto mi fece pensare ad un vento fortissimo; l ondeggiamento dei pali dell illuminazione pubblica e delle case alla luce dei fari per 57 secondi ci rese consapevoli del terremoto. Nel precipitoso ritorno a Treppo, trovammo ostruita la strada a Casasola e a Buia, ma finalmente per Carvacco e Vendoglio giungemmo a casa. Eravamo meno sfortunati di tanti altri, ma la paura ci fece passare la notte all aperto. Al primo chiarore ci trovammo nella piazza del municipio e incominciammo a organizzarci su cosa fare. Le scuole elementari rimaste agibili e l adiacente campo sportivo furono adibiti ad ospitare il consiglio comunale, i primi interventi sanitari e la sede dell ambulatorio. Giunsero anche i primi soccorsi militari con tende, viveri, generi alimentari e vestiario inviati dalla Prefettura. Il verbale ciclostilato del primo consiglio dice: Il consiglio comunale riunitosi in seduta urgente straordinaria, oggi 9 maggio c.a. (1976, ndr), alle 10.00, presso un aula dell edificio scolastico elementare del Capoluogo, ha esaminato la situazione del comune a seguito dell evento del 6 maggio c.a. Esaminata la situazione con particolare riguardo: Scatta l emergenza Ringraziamento pubblico, presso le scuole elementari, per i prefabbricati Portakabin donati dagli inglesi. Da sinistra a destra si possono scorgere il senatore Beorchia, il console inglese di Venezia Jacques, l ambasciatore inglese di Roma Campbell, una alunna delle scuole di Treppo, il commissario straordinario del Governo Zamberletti, il sindaco Ponta (archivio Enrico Ponta). a) Approvvigionamento acqua potabile; b) Sistemazione nuclei abitativi in tende; c) Approvvigionamento viveri; d) Situazione sanitaria; e) Situazione logistica ed edilizia. HA DELIBERATO Di prendere i seguenti specifici provvedimenti: a) In merito all approvvigionamento di acqua potabile: - è stato accertato l utilizzo per uso potabile dell acqua delle rete idrica del Cornappo; - è vietato l uso potabile dell acqua dei pozzi artesiani e simili; b) In merito alla sistemazione dei nuclei abitativi sfollati: saranno sistemati presso due tendopoli: - una tendopoli verrà installata presso il campo sportivo di Treppo Grande (Capoluogo); - la seconda tendopoli verrà installata presso il campo sportivo di Vendoglio (di fronte all attuale parco festeggiamenti, non esisteva il nucleo di abitazioni attuale, ndr); c) Approvvigionamento viveri: presso le due tendopoli di cui sopra funzionerà la distribuzione di viveri, i cui responsabili sono: - VIDONI PAOLO e PICCOLI ENRICO per la tendopoli di Vendoglio; - DANELUTTI ATTILIO ed ERMACORA EFREM per la tendopoli di Treppo Grande. Casa inagibile di Zegliacco: si osservi la scritta no apposta sul muro (foto Alvio Baldassi). Detti responsabili coordineranno il proprio compito con l E.C.A. (Ente Comunale Assistenza). d) In merito alla situazione Sanitaria: - si provvederà immediatamente alla riapertura della Farmacia Pederzolli per dar modo alla popolazione di servirsi dei medicinali più urgenti; - si accerterà lo stato di igienicità degli immobili (case, stalle, ecc.) per provvedere eventualmente alla loro disinfestazione; - si cercherà di ottenere il fabbisogno necessario di vaccini, per continuare le vaccinazioni già in corso della popolazione tutta; e) In merito alla situazione edilizia: - è stata costituita una commissione composta da due periti, un ingegnere, due impresari edili, per ac-

5 IL COMUNE DI TREPPO GRANDE 5 LE PRIME MISURE URGENTI PER TUTELARE LA POPOLAZIONE. IL RACCONTO DEL SINDACO D ALLORA Delegazione della Provincia di Pavia, che progettò e realizzò il centro anziani del capoluogo pensato per ospitare anziani (nuclei familiari o singoli) che difficilmente avrebbero potuto gestire la ricostruzione della casa e l edificio con gli ambulatori medici, collocati sul fondo dell ex Braide di Menocio (archivio Enrico Ponta). certare nei prossimi giorni lo stato di agibilità delle case lesionate. Il Sindaco Enrico Ponta Volontari della Croce Rossa con medici e personale sanitario si installarono nella tendopoli. Si fecero delle vaccinazioni a tutti per evitare possibili epidemie. Si eseguirono delle prime classificazioni sulle abitazioni, sulle strutture portanti e sulla possibilità di eventuali crolli su strade pubbliche. La Regione inviò dei tecnici per verificare edifici pubblici, ponti, strade danneggiate, possibili zone franose, un controllo generale sul territorio ed eventualmente delimitare zone ed intervenire con squadre di addetti. Le linee elettriche a Treppo vennero ripristinate dopo tre giorni. Si potevano ascoltare notizie con radio a batteria, i giornali arrivarono regolarmente, i telefoni erano sempre occupati ed era impossibile comunicare visto che i telefonini non esistevano. Le prime notizie del disastro sono state trasmesse da radioamatori. La base operativa venne fatta in Prefettura; i primi giorni vennero chiuse le strade di accesso delle zone disastrate: venivano lasciati entrare solo mezzi autorizzati. Dalla Prefettura furono creati centri di coordinamento. Treppo faceva parte di quello di Maiano, assieme al comune di Moruzzo e di Colloredo. Ogni giorno ci si trovava al mattino sotto le tende in piazza a Maiano per verificare lo stato della situazione e le necessità di ogni comune, nonché prendere ordini, istruzioni e direttive dal Commissario straordinario del Governo, Zamberletti. Nei magazzini c era di tutto e serviva un po di tutto, ma la necessità maggiore era quella di avere tende per sistemare le persone. Molti si organizzarono da soli in box e mezzi di fortuna fatti con legname e teli di plastica. Fabbriche fermate, alcune distrutte; uffici, negozi, scuole, laboratori chiusi. Squadre dell Enel di altre Regioni ripristinarono il più velocemente le linee elettriche e lentamente si riprese il lavoro. Avvisi sui muri, scritti con lo sprai, avvertivano di far bollire acqua e verdure prima del consumo. Su alcune case si scrisse SÌ oppure NO, che voleva dire abitabile o meno. Ai rappresentanti del Governo fu subito chiesto di ripristinare le fabbriche, di assicurare il lavoro e le case. Vennero sistemati negozi e attività artigianali in box o prefabbricati di legno, in zone delimitate secondo le esigenze dei vari comuni. Nel nostro comune c erano circa venti aziende commerciali di vario genere, varie aziende edili, di servizi, artigiani del legno, due latterie; l economia di molte famiglie si basava sia su attività agricole e di allevamento bovini sia su lavoro dipendente. In Comune funzionava, una volta alla settimana, l ufficio dei coltivatori diretti, che tramite un suo funzionario svolgeva pratiche burocratiche e sindacali per gli addetti. Al giorno d oggi l agricoltura è ancora una componente importante per l economia locale, ma concentrata solo in poche aziende. Mentre nel nostro Comune si cercava quasi di non accettare i prefabbricati della Regione, per il timore che, una volta sistemati i senza casa nelle baracche, ci si dimenticasse di loro e facessero la fine di altri terremotati che dopo anni vivevano ancora in situazioni precarie, le forti scosse del 15 settembre ci fecero capire la realtà dell imminente inverno e dell impossibilità di ricostruire in breve tempo. La popolazione, a sua richiesta, venne sistemata in appartamenti a Lignano e Grado. Venne varata la legge regionale per la ricostruzione e poi quella per la riparazione, un po più articolata e Montaggio nei pressi dell attuale ecopiazzola di Carvacco - di uno dei Portakabin donati dal Governo inglese. Questi prefabbricati avevano caratteristiche particolari, tarate sugli standard del Paese di provenienza (per quanto riguarda, per esempio, le spine e l elettricità) ed erano stati pensati per essere trascinati persino nel deserto, grazie alla presenza di particolari barre sul fondo (arch. Enrico Ponta). più complessa, in quanto si operava sull esistente. Fino al 1968 si costruiva con regole nazionali; da quella data lo Stato imponeva ai comuni di dotarsi di piani regolatori. Treppo si era dotato di un programma di fabbricazione e di un progetto di massima di opere pubbliche. Grazie alla solerzia del sindaco precedente abbiamo potuto sistemare nel 76 l attuale scuola materna donata dalla Provincia di Mantova, perché il piano prevedeva un ampliamento dell area scolastica, come pure abbiamo potuto usufruire subito di contributi regionali perché dotati di un progetto generale di fognature. La concessione al sindaco, funzionario delegato della Regione, dell importo totale dei tre lotti delle fognature e l inizio dei lavori furono passi importanti per l inizio della ricostruzione. Nelle imprese edili locali, oberate di lavoro, vennero inseriti lavoratori di altre regioni, ed anche stranieri, specialmente dalla vicina Slovenia. La mole di contributi concessi attirava l attenzione di tante ditte ed il Comune doveva porre molta attenzione ad offerte e richieste di lavoro, proposte di case prefabbricate, metodi di costruzione e di riparazione nuovi, non sempre adatti alla nostra zona climatica. Si era creato un volano economico non indifferente; c era molto lavoro e molto diversificato, che creava benessere per tutti. Dobbiamo dire che la ricostruzione del Friuli è stato un esempio di buona amministrazione e che possiamo portare con orgoglio la medaglia d oro concessaci. Voglio citare, con la ricostruzione, anche la nascita dell università di Udine, il congiungimento dell autostrada Udine-Tarvisio, la valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e monumentale del nostro Friuli. Anni fa c era uno slogan Il Friûl al ringrazie e nol dismentee ; con questo spirito un grazie ai tanti volontari e a quanti con il loro contributo ci hanno permesso di costruire: gli alloggi per gli anziani a Treppo (CENTRO PAVIA), il CENTRO CICHAGO di Vendoglio (voluto dagli emigranti degli Stati Uniti), la scuola materna AMICIZIA MANTOVANA. La nostra riconoscenza, inoltre, va al Governo inglese per i prefabbricati e alla Caritas di Alessandria per il CENTRO COMUNITARIO di Vendoglio. Enrico Ponta

6 6 IL COMUNE DI TREPPO GRANDE Numero speciale Vivere nella Esattamente trenta anni fa, alle 21 di quell infausto, afoso 6 maggio, le forze della Natura si sono scatenate con violenza sfrenata contro la nostra terra e pochi secondi sono stati sufficienti per sconvolgere e snaturare ogni cosa, per mutare radicalmente, profondamente l aspetto dei nostri paesi e delle nostre città, non solo dal lato esteriore e fisico, ma modificando totalmente il nostro secolare modo di vivere sotto il profilo e nel contesto non solo economico e sociale, ma anche familiare e ambientale. Quali sono state le conseguenze immediate e le ripercussioni più evidenti e rilevanti? Come ha saputo reagire e rispondere la popolazione? La nostra Regione aveva immediatamente preso alcune misure e subito istituito appositi centri di coordinamento per facilitare e snellire e programmare l invio di aiuti e soccorsi alle Amministrazioni comunali che ne avessero fatto richiesta. Treppo, assieme ai comuni limitrofi, faceva riferimento al centro di Majano, al quale aveva subito fatto richiesta urgente di assegnazione di tende da campo, per dare immediato riparo alle tante persone rimaste senza casa. Il consiglio comunale era stato convocato dal sindaco Enrico Ponta, in seduta urgente-straordinaria, per le 10 di domenica 9 maggio (nei locali della scuola elementare, fortunatamente rimasta agibile); tra gli altri argomenti all ordine del giorno discussi, tutti inerenti la grave situazione in cui si era venuta a trovare la nostra comunità in seguito all evento calamitoso, aveva deliberato di allestire due tendopoli nei campi sportivi, rispettivamente, di Treppo - per la gente di Treppo, di Zeglianutto e di Zegliacco - e di Vendoglio per la popolazione di quella frazione, di Treppo Piccolo e di Carvacco (allora anche a Vendoglio c era un campo di calcio, di ridotte dimensioni, che si trovava nelle vicinanze della locale scuola elementare, edificio successivamente demolito in quanto irrimediabilmente lesionato dai sommovimenti del 6 maggio e più tardi del 15 settembre dello stesso anno). Per l approvvigionamento e la successiva distribuzione dei viveri nelle due tendopoli erano stati designati: Paolo Vidoni ed Enrico Piccoli per Vendoglio, Attilio Daneluttti ed Efrem Ermacora per Treppo (ma come vedremo in seguito, la loro opera si risolverà dopo pochi giorni, grazie all entrata in funzione di cucine da campo militari). Le prime tende assegnate alla nostra comunità furono CINQUE, consegnate la sera di sabato 8 maggio e subito montate dai militari: tre a Treppo e due a Vendoglio, attività svolta sotto una pioggia scrosciante, insistente, di eccezionale intensità, che rendeva l operazione faticosa e difficoltosa. Erano tende spaziose, benché veri avanzi di magazzino - senz altro residui dell ultima guerra - ma furono ugualmente accettate ed accolte con sollievo e gioia. Era soltanto l inizio di un periodo che tutti si auguravano breve, di poca durata. Le tende vennero giustamente ed ovviamente assegnate a famiglie con bambini, od anziani, od infermi e subito prese in consegna ed occupate da più persone: in ciascuna, membri di diversi nuclei familiari, ma per il momento tutti amici, rispettosi, pronti e disposti a fraternizzare e a dimostrarsi cordiali, affabili e cortesi (chiaro e lampante esempio di come la necessità renda possibili e vivibili le coabitazioni più strane, inconsuete ed a prima vista impensabili ed impossibili). Pur di avere un semplice, piccolo riparo si era disposti a superare invidie, animosità preesistenti tra famiglie, rivalità; di colpo si mise da parte ogni motivo di risentimenti, riaffiorarono sentimenti di solidarietà da troppo tempo sopiti o (volutamente) dimenticati. Nei giorni successivi i militari consegnarono un secondo e più consistente quantitativo di tende, che furono subito sistemate dai soldati ed equamente divise tra le due tendopoli e messe accanto alle precedenti, così da completarle. Questa seconda assegnazione comprendeva tende meno spaziose delle prime cinque, ma più maneggevoli, pratiche e funzionali, così da richiedere meno impegno e lavoro per sistemarle; erano tutte fornite di intercapedine che evitava infiltrazioni di umidità, in quanto isolava il suo interno dal terreno. Assieme alle tende furono fornite brande con relativi materassini, cuscini, coperte e qualche sacco a pelo: in tal modo il vivere in tenda era diventato meno spiacevole. Verso la metà di maggio si poterono distribuire alla popolazione altre tende, che i beneficiari provvidero a sistemare nel cortile di casa propria o nel vicino orto. Erano tende di varia provenienza: quelle americane col telo di colore blu, ben impermeabili, sufficientemente spaziose e comode, con finestrelle trasparenti che lasciavano filtrare la luce del sole e potevano essere chiuse con cerniere lampo ; altre inviate dall Unione Sovietica (con telo molto spesso di colore marrone, pesanti e molto robuste, ottime per climi freddi, meno adatti per la nostra imminente e prevedibile estate piuttosto calda e afosa); altre ancora donate da Paesi arabi, di tela celeste e bianca molto leggera, ampie e spaziose, non impermeabili, idonee per Paesi con clima caldo ed asciutto. Due di tali tende, poste all inizio della tendopoli, ospitarono per alcuni mesi i piccoli alunni della scuola materna, in quanto l edificio che li accoglieva (la Villa Bellavitis) era stato dichiarato inagibile perché fortemente danneggiato e pericolante. Contemporaneamente alla consegna delle tende, i militari fornirono le due tendopoli di cucine da campo e reparti di soldati provvidero subito a metterle in funzione e a preparare, cucinare e distribuire tre volte al giorno ottimi pasti caldi non solamente agli ospiti delle tendopoli, ma a tutti i cittadini, residenti nel comune, che ne facessero richiesta (ed erano parecchi, perché la stragrande parte delle abitazioni del territorio era inagibile e pertanto le famiglie si erano trovate senza possibilità di cucinare). L encomiabile opera degli addetti alle cucine fu apprezzata ed assai gradita indistintamente da tutti gli abitanti. Gli spogliatoi dell allora campo sportivo erano stati adibiti dai militari a deposito di alimentari di pronto consumo, come pane, carne, burro, latte, ecc., mentre la parte più consistente di derrate di largo consumo e di maggior durata, erano state sistemate e conservate nello scantinato dell edificio scolastico attiguo. Come si viveva nella tendopoli? Se affermassi che tutto era bello e le giornate scorrevano serenamente A sinistra, la tendopoli allestita nel campo sportivo di Treppo Grande; a destra, la tenda che ospitò per alcuni mesi i bimbi della scuola materna, in quanto l edificio che li accoglieva (Villa Bellavitis) era inagibile (archivio Licia Ponta).

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia 00466330305 AIELLO DEL FRIULI UD FRIULI VENEZIA GIULIA 51 1.050,92 84002950305 AMARO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 30 364,25 84001250301 AMPEZZO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 36 483,56 81000570937 ANDREIS PN FRIULI

Dettagli

INFORMASALUTE UDINE. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE UDINE. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015 La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo Gennaio 2015 osservatorio della montagna friulana ANALISI SOCIO ECONOMICA DELLA MONTAGNA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA gennaio 2015 Via Morpurgo 4-33100

Dettagli

INDICE DEGLI ALLEGATI

INDICE DEGLI ALLEGATI ALLEGATI 122 INDICE DEGLI ALLEGATI 1 Allegato 1. Metodo di calcolo della quantità di rifiuti speciali di imballaggio prodotti 124 2 Allegato 2. Questionario 125 3 Allegato 3. Approfondimento sulle modalità

Dettagli

ALLEGATO 5 Criteri localizzativi

ALLEGATO 5 Criteri localizzativi ALLEGATO 5 Criteri localizzativi 260 Provincia di Udine Direzione d Area Ambiente Servizio Risorse Ambientali Programma provinciale attuativo del Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali

Dettagli

Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia

Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia Allegato 1 Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia (Ordinanza n. 3519 del 28.04.2006 pubblicata sulla G.U. n. 108 del 11.05.2006 - Decreto del Ministro delle infrastrutture del

Dettagli

Archivio di Stato di Udine

Archivio di Stato di Udine Ministero per i Beni e le Attività Culturali Archivio di Stato di Udine SCHEDA FONDO 3.1.3 Data/e 3.1.4 Livello di descrizione 3.1.5 Consistenza e supporto dell'unità archivistica 3.2.1 Denominazione del

Dettagli

ASSOCIATI AREA UDINE AL PER COMUNE CON RAFFRONTO SUL QUINQUENNIO

ASSOCIATI AREA UDINE AL PER COMUNE CON RAFFRONTO SUL QUINQUENNIO Soci - Scheda n. 1 ASSOCIATI AREA UDINE AL 31.12.2012 PER COMUNE CON RAFFRONTO SUL QUINQUENNIO Aiello 29 26 11,5% Amaro 20 15 33,3% Ampezzo 20 15 33,3% Aquileia 31 30 3,3% Arta Terme 26 20 30,0% Artegna

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2014 Settore residenziale. UDINE a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2014 Settore residenziale. UDINE a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di data di pubblicazione: 26 giugno 2015 periodo di riferimento: secondo semestre

Dettagli

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 Tab. 1 Reddito imponibile per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 n. Regione Reddito imponibile N. di contribuenti 1 Lombardia 22.970 7.080.404 2 Lazio 21.836 3.850.722 3 Emilia-Romagna 21.079 3.349.347

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULI VENEZIA GIULIA LEGENDA PR: provincia Z: zona climatica GR-G: gradi-giorno ALT: altitudine PR Z GR-G ALT COMUNE GO E 2288 49 CAPRIVA DEL FRIULI GO E 2283 56 CORMONS GO E 2365 92 DOBERDO' DEL LAGO

Dettagli

ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE

ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE ELENCO MONUMENTI suddivisi per COMUNE 1 GORIZIA Capriva del Friuli 2 GO Cormons 3 GO Doberdò del Lago 4 GO Dolegna del Collio 5 GO Farra d'isonzo 6 GO Fogliano-Redipuglia 7 GO Gorizia 8 GO Grado 9 GO Gradisca

Dettagli

COMUNIVERSO: Lista Comuni [elaborazione Ancitel 2015] Regione Provincia Comune Superficie Densita' demografica Popolazione Friuli-Venezia Giulia

COMUNIVERSO: Lista Comuni [elaborazione Ancitel 2015] Regione Provincia Comune Superficie Densita' demografica Popolazione Friuli-Venezia Giulia COMUNIVERSO: Lista Comuni [elaborazione Ancitel 2015] Regione Provincia Comune Superficie Densita' demografica Popolazione Friuli-Venezia Giulia Gorizia Dolegna del Collio 12,49 30,90 386 Friuli-Venezia

Dettagli

indirizzo sede legale (via) (n.) (cap) (Comune di) (Provincia di)

indirizzo sede legale (via) (n.) (cap) (Comune di) (Provincia di) Modello di domanda ai sensi dell art. 20 della LR 29/2007 e del regolamento emanato con DPReg. 0279/2011 1 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO (da non utilizzare) data di arrivo SPAZIO RISERVATO AL BOLLO Nota

Dettagli

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006)

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA 33028 TOLMEZZO (UD) Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) Pag. 1 di 12 Il presente report

Dettagli

NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O.

NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O. NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O. Compilato: F. Fabbro Rivisto: Autorizzato: M. Colonello D. Licursi Versione: 1 Variante: 9 IL PRESENTE DOCUMENTO COSTITUISCE REGISTRAZIONE

Dettagli

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 1 2 Comuni di: AMPEZZO, COMEGLIANS, ENEMONZO, FORNI AVOLTRI, FORNI DI SOPRA, FORNI DI SOTTO, LAUCO, OVARO, PRATO CARNICO, PREONE, RAVASCLETTO, RAVEO, RIGOLATO,

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Maria Deganutti (referente OMI) data di pubblicazione: 29 novembre 2013 periodo

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI DIMENSIONAMENTO DELLA RETE SCOLASTICA A.S. 2014/15 ELENCO ISTITUTI COMPRENSIVI DELLA PROVINCIA DI UDINE

PIANO PROVINCIALE DI DIMENSIONAMENTO DELLA RETE SCOLASTICA A.S. 2014/15 ELENCO ISTITUTI COMPRENSIVI DELLA PROVINCIA DI UDINE 1 AQUILEIA FIUMICELLO TERZO D'AQUILEIA VILLA VICENTINA "DON LORENZO MILANI" AQUILEIA 2 CERVIGNANO DEL FRIULI CERVIGNANO DEL FRIULI 3 4 5 PORPETTO SAN GIORGIO DI NOGARO TORVISCOSA CARLINO MARANO LAGUNARE

Dettagli

Descrizione della Rete di Telecomunicazioni

Descrizione della Rete di Telecomunicazioni Allegato A Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica facenti parte Rete Pubblica Regionale del Friuli Venezia Giulia _CSAG Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica Pag.2

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

CENTRI PER L IMPIEGO

CENTRI PER L IMPIEGO CENTRI PER L IMPIEGO Provincia di Udine CPI Recapiti telefonici Fax E-mail Indirizzo UDINE 0432 209450 e 209453 0432 209430, 209431 e 209451 informazioni aziende 0432 209433 e 209460 informazioni mobilità

Dettagli

La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015)

La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015) A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale di Confartigianato Udine La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015)

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Progetto formativo INPS Comuni in collaborazione con ANCI Friuli Venezia Giulia Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Progetto formativo INPS Comuni in collaborazione con ANCI Friuli Venezia Giulia Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione regionale Friuli Venezia Giulia Progetto formativo INPS Comuni in collaborazione con ANCI Friuli Venezia Giulia Regione autonoma Friuli Venezia Giulia FINALITÀ DEL PROGETTO Integrare i flussi

Dettagli

Le dichiarazioni Irpef 2015

Le dichiarazioni Irpef 2015 4 aprile #economia Rassegna stampa Messaggero Veneto 01apr2016 Il Piccolo 01apr2016 Le dichiarazioni Irpef 2015 Il Friuli Venezia Giulia, in base alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche presentate

Dettagli

La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini

La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini La Protezione civile a Manzano: 20 anni al fianco dei cittadini Istituita nel 1991, la Squadra di Pc del Comune di Manzano festeggia il suo compleanno ricordando il passato pionieristico e premiando i

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZO 2012 ALLEGAT ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZ 2012 Regolamento per la concessione e l erogazione di contributi per il sostegno alla costituzione di nuove imprese avvenuta nell ambito del Progetto Imprenderò,

Dettagli

SOS servizi in Alto Friuli

SOS servizi in Alto Friuli SOS servizi in Alto Friuli Gemona del Friuli, 12 Marzo 2015 Sos Servizi in Alto Friuli 1 Il futuro assetto territoriale UTI N. COMUNI POPOLAZIONE SUPERFICIE DENSITA CARNIA 28 38.554 1.223,9 31,50 ALTO

Dettagli

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CONVEGNO: IMPARARE DALL ESPERIENZA. L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE MAXIEMERGENZE INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ZANHOTEL EUROPA VIA BOLDRINI,

Dettagli

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE Area del sisma: 58 comuni (di cui 4 capoluoghi) due comuni per i danni produttivi e comuni limitrofi con danni puntuali a edifici pubblici e privati 2% del Pil italiano 19.000 famiglie hanno lasciato le

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Caratteristiche dell attività professionale richiesta

Art. 1 Finalità. Art. 2 Caratteristiche dell attività professionale richiesta BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER SOLI TITOLI, PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI RILEVATORI DEL 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA Art. 1 Finalità L Ufficio Regionale di

Dettagli

Sangue cordonale. Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione

Sangue cordonale. Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione Sangue cordonale Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione Hanno aderito 120 Comuni oltre 700 volontari Grazie!!! Tempi di consegna Le unità di sangue cordonale raccolte

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 Fondo Montagna 2015: distribuiti 555 mila euro,

Dettagli

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA ENTE RICHIEDENTE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 TRIESTE TS Scuole

Dettagli

Incontro con Manager e Mediatori

Incontro con Manager e Mediatori Incontro con Manager e Mediatori FORMAZIONE Progetto di formazione permanente rivolto agli operatori di protezione civile Prima fase: 2002 2003 Impostazione del progetto e formazione teorica di alcune

Dettagli

Le dichiarazioni Irpef 2014

Le dichiarazioni Irpef 2014 3 aprile #Economia Rassegna stampa Messaggero Veneto 04apr2015 Il Piccolo 04apr2015 Il Gazzettino 04apr2015 Le dichiarazioni Irpef 2014 Il Friuli Venezia Giulia, in base alle dichiarazioni dei redditi

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Consorzio per il Centro di Biomedicina Molecolare - Soc.cons. a r.l. Società 3.000,00 6,00 % COLLOREDO DI MONTE ALBANO CONSORZIO COMUNITA' COLLINARE DEL

Dettagli

Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias

Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias La Provincia di Carbonia Iglesias ha offerto il proprio contributo per aiutare le popolazioni colpite

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 (CONSUNTIVO)

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 (CONSUNTIVO) AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Consorzio per il Centro di Biomedicina Molecolare - Soc.cons. a r.l. Società 6.000,00 6,00% AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Pharmadiagen

Dettagli

Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA

Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA PREMESSE Il progetto Terra dei Patriarchi della Provincia di Udine, finanziato dalla

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Sintesi delle attività della CRI in occasione del terremoto del Molise del 31 ottobre 2002 A cura del Capitano Roberto Baldessarelli Funzionario Delegato C.R.I. per l emergenza terremoto

Dettagli

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo ATTUALITÀ Presente e vicina alle popolazioni aquilane ed emiliane duramente colpite dai terremoti, Barilla - orgoglio

Dettagli

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia DEC. N. 506 /DRPC/98 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE VISTA la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, che disciplina l organizzazione delle strutture ed interventi

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO 1. Quadro Generale L area del così detto cratere sismico, ovvero la zona colpita dal sisma del 6 aprile 2009, è molto vasta. Nonostante

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO

Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE ALL INIZIATIVA LAVORI IN CORSO - EDIZIONE 2015 Progetto di avvicinamento dei giovani al mondo del lavoro attraverso un

Dettagli

Paolo Blarasin. Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD)

Paolo Blarasin. Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Indirizzo studio professionale Paolo Blarasin Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD) Via Nazionale

Dettagli

Associazione Castelli di Carta luglio 2015. Pino Ungaro. il nostro Presidente Onorario, Pino Ungaro il nostro ricordo

Associazione Castelli di Carta luglio 2015. Pino Ungaro. il nostro Presidente Onorario, Pino Ungaro il nostro ricordo Pino Ungaro il nostro Presidente Onorario, Pino Ungaro il nostro ricordo Parole e gesti Qui, dove c è solo il bisogno Non si può iniziare che con questa frase, che racchiude il suo percorso nel mondo del

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

Deliberazione n. 261

Deliberazione n. 261 Protocollo RC n. 16673/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di lunedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

Se il rapporto banca - agricoltori è consolidato anche dal formaggio

Se il rapporto banca - agricoltori è consolidato anche dal formaggio Credito agrario Se il rapporto banca - agricoltori è consolidato anche dal formaggio di Giorgio Setti Tavola rotonda organizzata a Modena da Bper Banca su agricoltura e prodotti tipici, con la partecipazione

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 3 : RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA TOMO 4 : RISCHIO SISMICO TOMO 5 : RISCHIO NIVOLOGICO MARZO 2014 1 Indice TOMO

Dettagli

Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola

Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola LO STATO DELLE COSE Quanti sono e di chi sono gli edifici scolastici italiani? Circa 43.000, dove vivono circa 9 milioni

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA Trieste, 26 agosto 2003 DIREZIONE E REDAZIONE: PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - TRIESTE - PIAZZA UNITÀ D ITALIA, 1 - TEL. 3773607

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (59_60-61)

LEGGE REGIONALE N. (59_60-61) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 2 ottobre 2014 -----

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 144 del 14/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

Dettagli

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012

Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 83 del 5 Dicembre 2012 Riparazione con

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

GENERALITA' E DEFINIZIONI

GENERALITA' E DEFINIZIONI GENERALITA' E DEFINIZIONI ARTICOLO 1 (Natura e contenuti dei Criteri) Le presenti norme contengono i Criteri per l'insediamento sul territorio del Comune di Reana del Rojale delle medie strutture di vendita

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA Il terremoto del 20 e del 29 maggio ha danneggiato in modo significativo la sede della comunità. Si è rimediato con una sistemazione provvisoria di una tenda e due roulotte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Report dei lavori di ristrutturazione eseguiti presso l asilo Solnishko e la parrocchia del Sacro Cuore del villaggio di Polovinnoe - Siberia-

Report dei lavori di ristrutturazione eseguiti presso l asilo Solnishko e la parrocchia del Sacro Cuore del villaggio di Polovinnoe - Siberia- Report dei lavori di ristrutturazione eseguiti presso l asilo Solnishko e la parrocchia del Sacro Cuore del villaggio di Polovinnoe - Siberia- Progetto finanziato da Associazione Cooperazione Internazionale

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli