Caso Priebke, stalking prefettizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caso Priebke, stalking prefettizio"

Transcript

1 n dal 24 ottobre al 6 novembre tel GRATUITO dei CASTELLI POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Caso Priebke, stalking prefettizio Assurdo ordine dall alto che molesta vivi e morti. Parlano i figli di Pina a Genzanese, mitica staffetta partigiana Provocare è meglio che curare. Questo hanno dimostrato i creatori delle emergenze a tavolino: a casa di molte delle vittime trucidate alle Fosse Ardeatine si impone di portare la salma di uno degli autori di quell eccidio. In un Paese teso e bisognoso di unità, d un sol colpo si è creato altro scompiglio e mancato di rispetto ai vivi e ai morti. Solo la stupidità di certo potere può raggiungere tale macabra, molestante genialità. Sconcerto anche tra le forze dell ordine. Molti degli uccisi alle Fosse Ardeatine portavano la divisa (7 ufficiali e un maresciallo dei Carabinieri, un poliziotto). I loro colleghi di oggi costretti a marciare contro il popolo per scortare la salma di chi li ha uccisi e persino chi inneggiava al boia. Resta la memoria: Ornella e Ugo Pietrini raccontano la mamma partigiana. da pag. 4 Ritardi e sovraffollamento tra i problemi più frequenti Stazioni e treni, solito degrado e nuovi progetti a pag. 8 Alberi crollati, asfalto dissestato e allagamenti ovunque Città e strade messe ko da frane e piogge a pag. 22 Reparto di maternità del S. Giuseppe accorpato a Genzano A Marino non si nasce più Mucciaccio della Asl spiega: Manca il personale a pag. 24 Contratti rescissi entro il 2013 e vendita di immobili per rientrare con le spese comunali Dismissioni, i Comuni fanno cassa Importante scoperta a Nemi Ecco la villa di Caligola Scavi archeologici fanno emergere la reggia dell imperatore sulle rive del lago Il Comune di Albano non rinnoverà alcuni contratti per risparmiare 300mila euro; Ariccia mette in vendita gli storici immobili di proprietà dell Ente a pag. 35 Grottaferrata perde i fondi regionali Il Comune non fornisce i documenti e la Regione revoca il finanziamento di 75mila euro per recuperare un immobile mafioso a pag. 38 FORZE DELL ORDINE 30 nuovi poliziotti ai Castelli ni Mirko Carletti Segretario Prov. Sil Cgil Nei commissariati di Marino, Genzano, Frascati e Velletri a pag. 41 Troppo lavoro in nero e tasse alle stelle La Cgil: Non portate le aziende all estero, aiutatele ad assumere a pag. 11 a pag. 18 SOCIALE VIOLENZA SULLE DONNE, UNA LEGGE NON BASTA a pag. 19 VELLETRI PRECARI DEL TRIBUNALE SUL PIEDE DI GUERRA a pag. 40

2 2 LʼINCHIESTA n dal 24 ottobre al 6 novembre 2013 Troppo spesso acquistando il cibo ci facciamo guidare solo dal prezzo, cadendo in tranelli che minano la nostra salute Pericolo! Truffe alimentari in agguato La crisi aumenta il bisogno di risparmiare e il rischio di cadere in un imbroglio Renato Mastrella Frutta e verdura coltivate su terreni avvelenati, prodotti di base per l industria alimentare italiana provenienti da paesi stranieri senza alcuna garanzia, etichette falsificate, produzioni alimentari che ignorano le più elementari norme d igiene. E come dimenticare i maxi scandali come quello della mucca pazza o del vino all etanolo, della carne di cavallo spacciata per manzo o del latte in polvere cinese contaminato. Alla base di ogni scandalo c è sempre il motivo economico, la volontà cioè di guadagnare di più o di attirare il consumatore con un prezzo bassissimo a scapito però della sicurezza alimentare. E in tempi di crisi chi acquista tende ancora più a mettere nel carrello prodotti scelti solo in base al prezzo, non considerando che poi, però, potrebbe pagarne uno molto più alto in termini di salute. Secondo recenti stime i terreni agricoli contaminati dall'interramento di rifiuti tossici avrebbero raggiunto in Italia un'estensione pari a quella dell intero Friuli Venezia Giulia. E oggi sul problema della sicurezza alimentare si è aperto anche il fronte internet. Sul web si può acquistare di tutto, a prezzi anche stracciati, ma la truffa è sempre in agguato. Le frodi alimentari tramite l e-commerce, purtroppo sono in aumento esponenziale. Nonostante i tagli ai budgets, Nas, Guardia Forestale e Guardia di Finanza Alla base di ogni scandalo c è sempre la volontà di guadagnare, anche a scapito della salute altrui fanno un lavoro eccezionale di controllo, scoprendo quotidianamente truffe alimentari e togliendo dal mercato migliaia di tonnellate di cibo pericoloso. Ma la parte maggiore deve farla il consumatore, ponendo sempre massima attenzione alla tracciabilità del prodotto. Tracciabilità sembra una parola adatta più ai fissati del biologico o ai grandi chef, una cosa che non compete ai comuni consumatori di pane, frutta e latte. Invece dietro quel vocabolo c è la sicurezza di mangiare cose che non ci faranno ammalare. L unica nostra difesa è tenere occhi e orecchie ben aperti e diffidare appena ci propongono un prodotto col prezzo troppo basso, a meno che non sia all interno di una campagna promozionale. Si può comunque spendere poco in tutta sicurezza affidandosi a marchi di prodotti e di distribuzione ben conosciuti: dietro infatti ci sono controlli continui e una tracciabilità dei prodotti ben definita. Non giustificate nemmeno le piccole infrazioni. Facciamo l esempio dello zafferano: si stima che 2 confezioni su 3 siano contraffatte, cioè nella busta invece dello zafferano ci sono fiori e coloranti che garantiscono nel piatto un profumo simile e lo stesso colore giallo. Nulla di dannoso al nostro fisico, ma, chiedetevi, se questa azienda è disposta a truffarmi sugli ingredienti, chi mi garantisce che non mi stia truffando anche su cose più pericolose? Come ad esempio il materiale della confezione o le norme igieniche adottate? Insomma come fidarsi di un truffatore? Impossibile. L unica difesa è essere sempre scrupolosi e attenti nella scelta. Nel caso dello zafferano, ad esempio, dubitate dei piatti molto colorati a cui non corrisponde un intenso profumo: lo zafferano in partenza deve essere rosso e quando si mischia agli altri ingredienti deve diventare giallo molto lentamente, non subito, altrimenti è una truffa! Truffe in aumento Pane cotto con legna velenosa Napoli: sequestrati 17 forni e 200 chili di pane che veniva cotto in forni con la legna delle pedane a diretto contatto con chiodi e vernice o in forni situati in scantinati di tufo marcito, dove farina ed impasto sono stati trovati a contatto con escrementi di topi Alimenti scaduti allʼingrosso Forlì: sequestrati 250 mila euro di alimenti scaduti presso un'azienda che tratta la lavorazione e commercializzazione all'ingrosso. Tra questi funghi porcini, mirtilli congelati, carne di cervo e cosce di rana. Gelati scaduti pronti da vendere Milano: sequestrate 15 tonnellate di prodotti di gelateria (semifreddi, gelati, torte, pasticcini) scaduti di validità da circa 2 anni e pronti ad essere immessi nei canali di distribuzione di Lombardia e Piemonte. Farina tra muffe e ragni : sequestrate 30 tonnellate di alimenti in cattivo stato di conservazione, invasi da muffe e ragni. Anche sacchi di farina a diretto contatto con polvere, segatura e terriccio. Sushi e pesce crudo scaduti Lazio: ristoranti vendevano come pesce crudo fresco quello scaduto. Carne di squalo, alghe, anatre, scampi e mazzancolle alterati : sequestrati oltre 500 Kg di cibi etnici tra cui carne di squalo, alghe, anatre, mazzancolle e scampi conservati in condizioni igienico sanitarie carenti o perché alterati Pesce al mercato esposto al sole Gallipoli: sequestrato pesce perché in cattivo stato di conservazione: era esposto al sole, senza ghiaccio e senza riparo da contaminazioni Mozzarella blu, e Ostia: le mozzarelle provenienti dalla Germania erano infestate da batteri che la rendevano blu già allʼapertura della confezione. Mozzarelle blu anche nelle mense scolastiche di Anzio. Vino Dop falso Castelli ni: i Carabinieri scoprono cantine vinicole che vendevano vino comune da tavola spacciandolo per Dop, quindi ad un prezzo gonfiato. Olio spagnolo non extra-vergine L'olio spagnolo, che è il 30% di quello venduto in Italia, non è poi così limpido: nel 24% dei controlli la qualità e purezza non corrisponde a quella elencata nell'etichetta Si rischia l arresto fino a 12 mesi e la multa fino a euro Le pene e le sanzioni previste in caso di frode Con l'espressione frode alimentare si fa riferimento a produzione, detenzione, commercio, vendita, somministrazione di alimenti non conformi alla leggi vigenti. Le frodi alimentari si dividono in: frodi sanitarie che ledono il diritto alla salute del consumatore tramite fatti che rendono nocivi alimenti, bevande e materiali che vengono a contatto con alimenti; frodi commerciali che ledono i diritti contrattuali e patrimoniali del consumatore. TIPOLOGIA DI FRODI Adulterazione Messa in commercio di prodotti alimentari a cui sono stati sottratti componenti pregiati originari (esempi: latte scremato anziché latte intero; scarti di prodotti lattiero-caseari trattati e mescolati a formaggi destinati al consumo umano). Contraffazione Messa in commercio di prodotti alimentari con una composizione e valori differenti da quelli dichiarati, normalmente di minor qualità (esempi: olio di semi anziché olio di oliva; commercializzazione di vini da tavola generici come vini Igt). Sofisticazione Messa in commercio di prodotti alimentari a cui sono stati aggiunti componenti di minor pregio (esempi: acqua aggiunta al latte; metanolo aggiunto al vino; miele contenente zuccheri estranei). Alterazione Messa in commercio di prodotti alimentari che +170% L AUMENTO DELLE FRODI ALIMENTARI REGISTRATO NEI PRIMI 9 MESI DEL 2013 (Fonte: Coldiretti) hanno perduto le caratteristiche merceologiche, organolettiche e nutrizionali originarie (esempi: irrancidimento dell'olio; cessione di sapore e odore anomalo nell'acqua in Pet lasciata al sole). LE SANZIONI In caso di condanna per frode alimentare è previsto l arresto fino a 1 anno o l ammenda da 309 a nei casi in cui le sostanze alimentari sono: - private anche in parte dei propri elementi nutritivi o mescolate a sostanze di qualità inferiore o comunque trattate in modo da variarne la composizione naturale; - in cattivo stato di conservazione; - con cariche microbiche superiori ai limiti di legge; - con aggiunta di additivi chimici di qualsiasi natura non autorizzati. Previsto invece l arresto da 3 a 12 mesi o l ammenda da a se le sostanze alimentari sono: - insudiciate, invase da parassiti, in stato di alterazione o comunque nocive ovvero sottoposte a lavorazioni o trattamenti diretti a mascherare uno stato di alterazione; - che contengano residui di prodotti, usati in agricoltura tossici per l''uomo. A queste sanzioni e pene vanno naturalmente aggiunte quelle eventuali derivanti da ulteriori denunce di persone o aziende direttamente danneggiate dalla frode.

3 n dal 24 ottobre al 6 novembre 2013 LʼINCHIESTA 3 Ogni prodotto alimentare deve rispondere a precise regole ma tutti devono avere, per legge, l etichetta esposta La prima regola è diffidare dei prodotti a prezzo troppo basso: sono truffe Bianca Francavilla MASSIMO GARGANO Presidente Coldiretti Lazio (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti) «Il primo campanello d'allarme dev'essere il prezzo spiega Massimo Gàrgano, presidente di Unaprol e Coldiretti Lazio. Il costo troppo basso è spesso sinonimo di bassa qualità: se non c'è né sconto né meccanismo di 3x2 occorre dubitare». A questa regola basilare seguono leggi di cui i cittadini devono essere a conoscenza perché, per annusare quando c'è aria di truffa, occorre essere informati. L'etichetta, ad esempio. Non tutti sanno che è obbligatoria in ogni caso, nessun prodotto escluso, e deve attenersi a precise regole. Il cittadino può verificare personalmente se queste sono state rispettate per capire che, se manca qualche indicazione, il prodotto non è sicuro. Gli ingredienti, ad esempio, non appaiono in ordine casuale ma in ordine decrescente di quantità. Il primo che si incontra nella lista, dunque, è più pesante rispetto al secondo e così via. Tra due succhi, ad esempio, quello che presenta prima la frutta che l'acqua è migliore. Obbligatoria è anche la percentuale degli elementi caratterizzanti. Nei biscotti al cacao, ad esempio, per legge bisogna scrivere affianco al termine cacao quanto di questo ne è presente, perché è l'elemento più importante del prodotto. L'etichetta, quindi, è la carta di identità di ciò che acquistiamo. Prestare attenzione a cosa compare scritto è l unico modo per non essere truffati. PANE Una bottiglia di olio a meno di 3,53 euro al chilo non copre neanche i costi di raccolta delle olive Per quanto riguarda il pane sono obbligatorie per legge: denominazione commerciale (es: bignè, filoncino, ecc...), denominazione di vendita (pane tipo 0 o altre tipologie), ingredienti (in ordine di peso decrescente), peso netto, prezzo al kg, data di confezionamento (giorno, mese, anno), azienda di produzione o stabilimento di lavorazione. Le indicazioni sopra elencate sono l'etichetta minima: a queste possono esserne aggiunte altre come senza sale, senza lievito o integrale. Da Coldiretti spiegano: «Prezzi più bassi possono voler dire: locali senza adeguati requisiti igienici, farine di dubbia provenienza, presenza di sostanze non ammesse o non dichiarate e uso di materiali impropri di cottura (pedane in legno di magazzinaggio contrarie alla normativa)». FRUTTA E VERDURA È ormai all'ordine del giorno la questione dei rifiuti tossici speciali in alimenti come frutta e verdura. Alcuni servizi di Le Iene, ad esempio, hanno rivelato come ci siano zone, ad Sicurezza? Una questione di etichetta esempio tra Napoli e Caserta, dove il problema è accentuato. Nei mesi scorsi, poi, è scoppiato il caso dei frutti di bosco di varia provenienza (Bulgaria, Polonia, Serbia e Canada) che hanno causato epatite A. Sono stati individuati e ritirati dal commercio i produttori, ma queste confezioni, con scadenza a lungo termine, potrebbero trovarsi ancora nei congelatori di molte famiglie. Niente panico: per distruggere il virus basta un minuto di bollitura. PESCE Un'indagine condotta da Eurfishmarket ha evidenziato l'uso improprio di additivi nei prodotti ittici. In Italia ne è permesso l'uso, per dare al pesce un aspetto migliore, previa comunicazione sull'etichetta sia perché potrebbero esserci soggetti allergici, sia perché sono anche utili a far aumentare il peso (e quindi il prezzo) del pesce a causa dell'acqua che rilasciano. Tra i consigli c'è quello di preferire sempre il ghiaccio sotto ad ogni cassetta in modo che tutto il pesce prenda il freddo in maniera uniforme. L'etichetta con prezzo, denominazione, provenienza e metodo è essenziale. Per riconoscere se il prodotto è fresco si può ricorrere anche a tecniche fatte in casa e prediligere sempre il pesce che ha reazioni al tocco. OLIO L'olio è il prodotto più rappresentativo della dieta mediterranea. Grazie alla Legge Salva Olio, in vigore dallo scorso dicembre, c'è l'obbligo di esporre un'etichetta ben visibile rispetto al colore del fondo, posizionata sulla parte davanti, e senza immagini che evochino una zona geografica che non coincide con l'origine delle materie. Nel caso di miscele di olii di oliva, inoltre, è d obbligo utilizzare il termine miscela, stampato in maniera evidente rispetto alle altre indicazioni. «Un'ulteriore novità continua il presidente di Coldiretti riguarda l'importanza che viene data al Panel test, rappresentato da assaggiatori esperti riconosciuti che prima di quel momento non avevano visibilità». Al ristorante, infine, è vietato servire un'oliera senza comunicare al cliente la provenienza del prodotto all'interno. «Come dato indicativo possiamo considerare che la Puglia produce il 30% dell'olio italiano che costa 3,53 euro al chilo (circa un litro). Un prezzo al di sotto è impensabile perché non copre neanche i costi di raccolta delle olive in Italia. Il meccanismo deve essere trasferito a tutti i prodotti alimentari conclude Gàrgano. Da quelli trasformati, come le carni, al mangime per animali». DEGUSTAZIONE DI OLIO FAI DA TE Prima di tutto è importante la percezione visiva: il colore verde/giallo dell'olio è sinonimo di un raccolto giovane e maturo del frutto. L'odore da prediligere è quello intenso di oliva, verdura, frutta o erba. Al contrario di quanto possa sembrare il retrogusto amaro e piccante è un pregio perché vuol dire che ci sono molti antiossidanti e l'olio è adatto anche ad un utilizzo a crudo.

4 4 IL CASO PRIEBKE n dal 24 ottobre al 6 novembre 2013 Stalking istituzionale sulla popolazione che ancora piange le proprie vittime delle Fosse Ardeatine e del nazifascismo Un giorno di follia: quando lo Stato perde L assurda gestione delle esequie di colui che trucidò molte persone dei Castelli ni. Alla vigilia del 70 del rastrellamento degli ebrei a. Una cosa mai vista Daniele Castri e Francesco Buda «In una gerarchia, ogni dipendente tende a salire di grado fino al proprio massimo livello di incompetenza». È il principio di Peter, coniato dall'omonimo psicologo canadese nel Ci aiuta a comprendere la giornata del 15 ottobre. Una giornata di follia. A casa di molte delle vittime trucidate alle Fosse Ardeatine, in uno dei territori in cui la memoria della resistenza al nazi-fascismo è più radicata, si è imposto di celebrare le esequie di Erich Priebke, che organizzò ed allestì la macabra rappresaglia per trucidare 335 persone (2 le uccise lui con la sua pistola), compresi alcuni bimbi, alle Fosse Ardeatine. È l'epilogo di 65 anni di coperture, distrazioni, complicità e incapacità politiche e governative. Un carico di mediocrità istituzionale e disonore crollato addosso a un'intera comunità. Ancora una volta, si è visto cosa sono capaci di fare i professionisiti delle emergenze create a tavolino: una città assediata, caschi, scudi, manganelli, furgoni cellulari, urla, persino alcuni svenimenti in strada. Un disonorevole caos, un fantasma e un'assurda gestione caduti addosso anche agli agenti di polizia e carabinieri mandati a maneggiare questa bomba ad orologeria. Subito, tra il passaparola e internet, in poche ore circa 500 persone si sono radunate spontaneamente lungo via Trilussa, davanti i cancelli d ingresso della Fraternità sacerdotale San Pio X, i cosiddetti lefebvriani noti per le posizioni negazioniste sullo sterminio degli ebrei ad opera dei nazisti. Lì dalla Prefettura romana hanno ordinato di far ALBANO, 15 OTTOBRE 2013 La folla davanti la Fraternità S. Pio X, dove il Prefetto ha deciso di far celebrare il funerale di Priebke. A sin. il furgone della Polizia di Stato porta via la bara dell ex capitano SS protetto da agenti antisommossa 24 marzo 1944: fu lui a ordinare il fuoco Il 24 marzo 1944 soldati nazisti fucilano 335 persone, la maggior parte civili, nelle antiche cave delle Fosse Ardeatine. Gente comune, operai, artigiani, insegnanti e studenti, professionisti, impiegati e commercianti, giovani e vecchi. Tra i trucidati anche numerosi ufficiali dei Carabinieri, dell'esercito, Aeronautica e Marina. È la rappresaglia delle SS a seguito dell'attentato che a, in via Rasella, aveva ucciso 33 soldati nazisti. Fu Erich Priebke, capitano della Gestapo, la tremenda polizia di Hitler, ad organizzare e pianificare lʼeccidio, e a comporre, personalmente, la lista delle persone da trucidare. Fu proprio lui a dare ai soldati lʼordine di sparare e ad uccidere personalmente, con la propria pistola, con un colpo dietro la nuca, due persone. Priebke è stato latitante in Argentina dal 3 settembre del 1948 al novembre del 1995, quando venne finalmente arrestato, estradato in Italia e sottoposto ad un processo militare per crimini di guerra contro lʼumanità, ad 82 anni. Fu scovato da una troupe di giornalisti statunitensi della ABC: Scusi, è lei Erich Priebke?, chiese il giornalista Sam Donaldson, Sì, sono io, rispose. Non risulta che abbia mai chiesto scusa. Un incredibile non senso della pace sociale. In un solo colpo hanno calpestato vivi e morti. E la storia celebrare le esequie dell ex capitano SS per poi seppellirlo ad Albano. Il Prefetto ha poi vietato la sepoltura in provincia di. A mobilitarsi non solo persone di Albano, ma anche dal resto dei Castelli ni, soprattutto Genzano e Ariccia, e pure dal litorale. Sono arrivati anche da Ardea, Anzio, Nettuno e Pomezia per esprimere il loro forte dissenso ad una decisione di questa portata, calata dall alto in tutta fretta. In un solo colpo, si è mancato di rispetto ai vivi e ai morti, si è calpestato il nome della città, dei paesi vicini e della loro gente, la memoria delle vittime di ideologie letali e disturbato persino il nome di Dio. Anche se per la peggiore persona va fatto il funerale secondo i riti della sua religione.

5 n dal 24 ottobre al 6 novembre 2013 IL CASO PRIEBKE 5 SVENIMENTI E RISENTIMENTI Un uomo colto da malore viene soccorso dal 118. Giovani e anziani protestano all arrivo della salma di Priebke. CITTADINE BLOCCANO L USCITA Donne parenti di partigiani davanti il cancello di servizio della Pio X. Invitate dalla Polizia ad andarsene, sono rimaste Ma perché proprio nel territorio che ancora piange i propri cari massacrati alle Fosse Ardeatine? Quante lauree e concorsi bisogna vantare per una simile buia scelta? Su quali libri e poltrone, in quali uffici, presso quali organismi si matura tale non senso della pace sociale? La gente si è sentita provocata, in- Sconcertati anche poliziotti e carabinieri, costretti a scortare oggi - contro il popolo - l assassino di molti loro colleghi in quel 24/3/1944 sultata, schiaffeggiata. Tanto lo scombussolamento ed il disappunto e la profonda amarezza anche tra chi porta la divisa. Grande sconcerto ha provocato poi la presenza di un manipolo di seguaci del nazi-fascismo vicino all'ingresso principale della confraternita, dove la folla manifestava la contrarietà all'arrivo della bara dell'ex SS, rivendicando il rispetto per il dolore e la memoria storica. Le stesse forze dell'ordine su strada sono rimaste spiazzate, ancora una volta lasciate con il cerino in mano dai vertici. Del resto, tra le vittime delle Fosse Adeatine una trentina erano militari. Tra essi anche un poliziotto, 7 ufficiali, un maresciallo e un brigadiere dei Carabinieri. I loro attuali colleghi hanno dovuto scortare la bara del loro assassino fin dentro il cortile della Fraternità Pio X e pure il gruppetto di neofascisti-hitleriani, che volevano onorare il camerata Priebke. Secondo fonti dell ambiente della pubblica sicurezza, si sarebbe trattato di una sorta di manovra di ripiego, soprattutto per tenerli lontano dalla folla in cui si stava sviluppando una crescente tensione ed evitare il peggio. Gli estremisti sarebbero stati condotti lì, ma non è sicuro che abbiano partecipato al funerale. Le più alte istituzioni della Repubblica Italiana, i 68 governi che si sono succeduti da quando Priebke iniziò la sua latitanza, gli amministratori e politici nazionali e locali, non hanno saputo fare di più Chi sono? I LEFEBVRIANI La Fraternità sacerdotale San Pio X fu fondata dall'aricivescovo Marcel Lefebvre il 1º novembre 1970 a Friburgo, in Francia. È nota per l'intransigenza tradizionalista, chiusa al rinnovamento della Chiesa cattolica proposto dal Concilio ecumenico Vaticano II. La chiusura portò i lefebvriani a staccarsi dalla Santa Sede. Sono noti anche per le tesi che negano l'esistenza dell'olocausto, il famigerato, scientifico e meticoloso sterminio nazista nelle camere a gas. Nel 1988 lo scisma: Lefebvre nomina vescovi di testa sua 4 preti, tra i quali l'inglese Richard Williamson famoso per il suo antisemitismo e perché nega l'esistenza della Shoah. Giovanni Paolo II sospese a divinis Lefebvre e scomunicò i 4. La scomunica è stata revocata da Benedetto XVI nel Nel 2012 Williamson è stato escluso dalla Fraternità per insubordinazione. e fare meglio, allora come oggi. La giornata si è conclusa con un ragazzo che in tarda serata ha letto ad alta voce i 335 nomi e cognomi degli uccisi alle Fosse Ardeatine. Ma la gente se n è andata solo alle prime luci dell alba del 16 ottobre, dopo una violenta carica della polizia, che ha disperso i presenti, dopo ore ed ore di tensione. Proprio il giorno in cui il mondo intero ha celebrato il 70 tragico anniversario del rastrellamento del ghetto ebreo di.

6 6 CASO PRIEBKE n dal 24 ottobre al 6 novembre 2013 Ad attendere Priebke c erano anche Ornella e Ugo Pietrini, figli della mitica Pina a Genzanese : l eroica staffetta partigiana Noi, figli dei partigiani dei Castelli calpestati Il suo vero nome era Adriana e con la sorella Maria portava in segreto messaggi e vivande a chi resisteva Daniele Castri Erano sempre molto lunghi i tratti da percorrere a piedi, in giro per le antiche strade di terra battuta dei Castelli ni, spesso di notte. Con le squadracce fasciste, in camicia nera, che facevano la ronda in macchina o moto, armate fino ai denti. E la paura era davvero tanta. Non erano previsti, difatti, sconti per nessuno, nemmeno per le giovani donne. Le rappresaglie, come ben sappiamo, erano all ordine del giorno. Eppure, a disprezzo del pericolo, portarono a termine un infinità di missioni segrete senza il minimo cedimento, con coraggio e determinazione. Si tratta di Adriana Pesoli, più conosciuta come Pina a genzanese, nata il 24 giugno del 1921, e della sorella Maria, entrambe defunte da tanti anni. Non solo erano due bellissime e giovanissime ragazze, allora appena ventenni. Erano anche coraggiose. Erano loro le staffette rosa delle bande partigiane dei Castelli ni. Trasportavano quotidianamente messaggi assolutamente riservati, cibo ed acqua, per i tanti partigiani sparsi per la macchia, per il lago di Nemi ed Albano, per i Landi, ampia zona di campagna tra Genzano e Velletri, o nascosti per la campagna circostante, fin su, quasi a Rocca di Papa o a scendere, verso il mare. Ogni volta una corsa, guardinghe e determinate, a rischio della propria stessa vita, di quella di familiari, parenti, amici e vicini di casa. Di solito uscivano in coppia, e ognuna di LE FIGLIE DI PINA BLOCCANO L INGRESSO Ornella e Laura Pietrini pacificamente irremovibili davanti all'invito dei poliziotti di liberare il portone laterale dei lefebvriani Hanno rischiato la vita propria e dei loro cari per la libertà. La loro memoria non va oltraggiata loro faceva una strada diversa in modo che, al limite, almeno una delle due sarebbe riuscita ad arrivare a destinazione ed a recapitare i messaggi e le vivande. I dispacci a volte venivano recapitati a voce, per evitare inutili rischi, altre, invece, per iscritto. Il cibo ed i biglietti con le preziose comunicazioni, erano sempre ben nascosti sotto i vestiti. Pina e Maria vivevano, allora, entrambe con i propri genitori, a Genzano, un PINA CON LA FAMIGLIA AL COMPLETO, 1997 Con Edmondo, noto e stimato falegname che aveva il laboratorio in via dei Bolognesi... proprio vicino al cancello della San Pio X da dove è uscita la salma di Priebke ORNELLA E UGHETTO PIETRINI Attoniti per la vicenda Priebke ad Albano ADRIANA, LO SPOSO EDMONDO E I 5 FIGLI, 1956 Alla festa della Madonna della Rotonda (prima domenica di agosto), all altezza dell allora campo sportivo comunale, attuale liceo Foscolo BELLA E CORAGGIOSA Immagine inedita della Pesoli a 21 anni, quando rischiava la vita nella Resistenza territorio che costituiva una sorta di testa di ponte logistica naturale tra l area del litorale e la zona di Colleferro, Artena e Cassino, dove la resistenza assunse toni altrettanto eroici e drammatici. A Genzano l antifascismo era radicato più che altrove. Poi Pina, una volta maritata con l'apprezzato falegname Edmondo Pietrini di Albano, classe 1919, andò lì a vivere nel quartiere San Paolo. I rischi che correvano le due sorelle, quindi, erano davvero tanti. Volevano rendere un servizio utile per il raggiungimento dell obiettivo comune all indomani dell armistizio: liberarsi dall oppressore nazi-fascista e riconquistare, costi quel che costi, la libertà. Tra i partigiani cui portare comunicazioni ed avvisi di ogni tipo, oltre ai mezzi di sostentamento quotidiani, vi era anche l amato fratello maggiore Giacomo, detto Giacomino, militante della sezione del PCI, notoriamente ricercato dalle camicie nere. A raccontare al Caffè dei Castelli questa straordinaria ed inedita storia di resistenza, sono i figli di Pina a genzanese : Ornella e Ugo, più noto come Ughetto. Anche loro, con la sorella martedì pomeriggio 15 ottobre, erano presenti davanti l ingresso della confraternita dei lefevriani, comunità nota per le posizioni negazioniste, che si trova lungo via Trilussa, ad Albano. E dove si sono svolti, non senza forti polemiche, i funerali del boia delle Fosse Ardeatine. Lì a due passi, su via dei Bolognesi, papà Edmondo aveva la bottega di falegname. «Ho saputo la notizia dell arrivo ad Albano della salma di Erich Priebke da una vicina di casa, che l aveva letta su internet - sbotta Ornella -. Vi dico la verità, sono rimasta senza parole, atterrita! Ho sentito i miei fratelli e mia sorella, e siamo andati sul posto di corsa...». Le fa eco Ughetto, classe 1945, che rincara la dose: «Mi commuovo al solo pensiero dei racconti di mia madre, che ha rischiato la vita sua e quella dei cari per riconquistare la libertà. I cittadini dei Castelli ni hanno subìto torture, sono stati oppressi, fucilati e, anche alle Fosse Ardeatine, trucidati. Hanno riconquistato, col sangue, la propria dignità, il diritto ad una vita ed un futuro migliore. E quei valori e princìpi che mia madre, mio padre e tutta la mia famiglia mi hanno trasmesso, sono ancora ben vivi dentro di me. La loro memoria, la memoria dei rischi che hanno corso per tutti noi, non può né deve essere oltraggiata da scelte indecenti, come quella di portare le spoglie dell ex ufficiale nazista proprio qui, ai Castelli. Ma chi ha avuto questa brillante idea? Più che un funerale, mi è sembrata una vera e propria farsa. Forse le esequie avrebbero dovuto e potuto fargliele altrove, magari all ospedale Gemelli, dove si trovava il corpo del boia, o ancora meglio in un carcere o cimitero militare, ma non certo qui. Qui, dove le medaglie alla Resistenza ce l abbiamo tutti appiccicate non sul petto s'infervora il figlio di Pina -, ma sul cuore. Eravamo in moltissimi alla manifestazione spontanea di Albano, tra cui io ed i miei tre figli». Riprende la parola Ornella: «Subito dopo lo sbarco di Anzio e Nettuno, a casa dei miei nonni, dove vivevano mamma e zia Maria prima di sposarsi, vennero ospitati, per diverse settimane, soldati americani arrivati a Genzano passando sull antichissima via Astura, che collegava il porto di Anzio ai Castelli e, in modo particolare, a Civita (attuale Lanuvio, ndr). L intera quinta divisione americana, passò proprio su Ponte Loreto che però non si spostò di un solo millimetro». Un ponte del II secolo avanti Cristo. Una solidità che rievoca nei ricordi di Ughetto e Ornella, la rocciosa forza e amore di libertà della mamma Adriana. «Gli offrirono da dormire e mangiare», raccontano i figli della partigiana. «L oppressione nazi-fascista, a Genzano, dove viveva mamma con la sua famiglia, fu particolarmente violenta ricordano ancora -, e fu necessario versare altro sangue per liberarsi dal giogo delle camicie nere e delle truppe naziste che tentavano, invano, di rallentare l avanzata alleata e, quindi, la Liberazione». «I giovani militari americani prosegue Ornella - mi raccontavano sempre mamma e nonna, ricambiavano la cortesia con sigarette e cioccolata, tanto rare in tempo di guerra. E con la musica, che mettevano per le piazze. La fame era tanta, allora, raccontavano sempre...». E piange, Ornella, insieme al fratello Ughetto. Si intrecciano ricordi e sentimenti comuni, e la commozione diventa disperazione quando si arriva all elenco e alla conta delle vittime di famiglia, ai giustiziati del paese, a tutte le vittime dei Castelli ni, trucidate senza pietà dai nazi-fascisti. Un sentimento di pietas, struggente, toglie il fiato ad entrambi. Chiosa Ughetto: «Ho letto sui giornali che il corpo del boia verrà sepolto in un luogo segreto, lontano da qui. Questa è proprio la distanza giusta. Noi abbiamo i nostri, di morti ammazzati, da pregare e da piangere, che ci hanno restituito la libertà...». Mostra, infine, la foto della madre, allora giovanissima e bellissima. E le lacrime, sul suo viso, si sono trasformate subito, per fortuna, in un sorriso. L SS Hass sepolto a Castel Gandolfo Anche l'ex ufficiale nazista Karl Hass fu processato per l'eccidio delle Fosse Ardeatine e, nel marzo 1998, fu condannato assieme ad Erich Priebke all'ergastolo da una Corte d'appello militare. Sentenza confermata nel successivo novembre dalla Corte di Cassazione. Hass si è spento a 92 anni, il 21/4/2004, mentre scontava l'ergastolo ai domiciliari presso una Casa di riposo di Castel Mamma e zia arrivavano a piedi fino al litorale con biglietti e cibo nascosti sotto i vestiti IL SEPOLCRO AI CASTELLI La lapide del maggiore SS Karl Hass Gandolfo. Fu sepolto (ed è tuttora lì) nel cimitero comunale di Castel Gandolfo. Perché allora il Prefetto non vietò questa sepoltura? Perché non ci furono le stesse barricate?

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello Unità 10 La segnaletica di sicurezza CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere testi in cui si parla di sicurezza sul lavoro a conoscere parole relative alla segnaletica di sicurezza negli ambienti di

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

I CONSIGLI ANTITRUFFA

I CONSIGLI ANTITRUFFA Città di Polizia di Stato Cologno Monzese Questura di Milano I CONSIGLI ANTITRUFFA a tutela dei nostri ANZIANI Presentazione Cologno Monzese ha da sempre a cuore e ben presenti le esigenze della Terza

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Servizio "112" numero unico Europeo di Emergenza. Numero di pronto intervento dei Carabinieri: 112

Servizio 112 numero unico Europeo di Emergenza. Numero di pronto intervento dei Carabinieri: 112 1) QUANDO SIETE IN CASA A ATTENTI ALLE TRUFFE Non fidatevi di coloro che, presentandosi come dipendenti di uffici vari (ENEL, POSTE, GAS, TELECOM, BANCA ) vi chiedono soldi in contanti e/o di verificare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 12.35.

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 12.35. 1/7 MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 12.35. PRESIDENTE. Buongiorno, avvocato. Lei è stato Presidente del Consorzio CE/3. FRANCESCO CUNDARI,

Dettagli

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Compiti delle vacanze estive per chi in agosto sarà al livello 3 Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Questi compiti

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

VALLE PO. Balma Boves (Sanfront)

VALLE PO. Balma Boves (Sanfront) VALLE PO Balma Boves (Sanfront) Domenica Eccoci qui, in Valle Po, e precisamente a Sanfront, per andare a visitare Balma Boves. La borgata è raggiungibile tramite due sentieri. Il più battuto è quello

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra.

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. 3 unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. Casa indipendente nel verde Bellissimo appartamento in Borgo dei Mulini Stupenda casa in campagna a 10 chilometri

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello Unità 10 La segnaletica di sicurezza In questa unità imparerai: a leggere testi in cui si parla di sicurezza sul lavoro a conoscere parole relative alla segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Tutto è bene quel che finisce bene

Tutto è bene quel che finisce bene Tutto è bene quel che finisce bene Ciao a tutti, mi chiamo Riccio Pasticcio, un nome un programma. Spesso e volentieri combino guai, per questo mi chiamano così, ma a volte faccio anche qualcosa di buono.

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli