Parte il mega depuratore dei Castelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte il mega depuratore dei Castelli"

Transcript

1 n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio tel GRATUITO dei CASTELLI Parte il mega depuratore dei Castelli Rifiuti in comune Tutto pronto per l impianto che servirà Albano, Ariccia, Lanuvio, Nemi e Genzano Èormai imminente l avvio del grande depuratore intercomunale dei Castelli ni, realizzato nel territorio di Ardea, sull Ardeatina vicino la discarica di Roncigliano (Cecchina). Attesa da decenni, l opera è costata oltre 16 milioni di euro e i tecnici ne stanno effettuando le ultime operazioni di collaudo. Tratterà i reflui di 5 Comuni castellani, Albano, Ariccia, Lanuvio, Nemi e Genzano, oltre ad una parte di quelli di Ardea. Ed è proprio da quest ultimo Comune che potrebbe arrivare un veto: il Sindaco Di Fiori annuncia che non firmerà l autorizzazione all allaccio se la Regione Lazio non darà al suo Ente i circa 9 milioni di euro promessi come compensazione per realizzare acquedotto, fogne e collettori. a pag. 6 I CASTELLI CHE ISPIRARONO I GRANDI SCRITTORI VELLETRI Luigi Cosimo Prete è il nuovo Procuratore Capo Insediatosi, ha subito incontrato i suoi collaboratori più stretti a pag. 35 FRASCATI Bagarre politica sull uso del mercato coperto Parte della struttura nel degrado a pag. 18 I Comuni uniti nella gestione dei rifiuti, ma anche del trasporto e dell urbanistica a pag. 30 Albano, Palazzo Pamphilj da horror Il gioiello architettonico in pieno centro è a rischio crollo, ma accessibile a chiunque a pag. 11 La passione di D Annunzio e Barbarella ad Albano, Goethe a spasso per i boschi di Castel Gandolfo e l Infiorata di Andersen: i Castelli che affascinarono i grandi autori a pag. 38 CASTEL GANDOLFO Saverio Petrillo lascia il Palazzo papale a pag. 26 POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB A Genzano, Rocca di Papa, Ariccia e Albano effettuate bonifiche agli istituti Scuole senza (o quasi) amianto Situazione critica a Velletri dove servono 150 mila euro per sanare il tetto della palestra alla Marcelli a pag. 8 Una nuova scuola a Cecchina Aperto il cantiere dei lavori della scuola elementare e media. Resta però la preoccupazione per il cattivo odore dei rifiuti Ennesima tragedia in strada Niente piste, Castelli off limits per le bici Torna la polemica sull assenza di piste ciclabili ai Castelli: i ciclisti rischiano la vita a pag. 31 a pag. 23 Il fondo de ilcaffè Miliardi di euro per l editoria: fermiamoli! di Stefano Carugno Il Caffè non prende contributi per l editoria. L abbiamo detto e ridetto, ma voglio ancora ribadirlo: dei miliardi di euro di tasse versate dai cittadini che lo Stato ha dirottato, senza alcun controllo, verso piccole e grandi testate giornalistiche, noi non abbiamo chiesto nemmeno 1 solo euro. Siamo... a pagina 4

2 2 INCHIESTA n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 Tutti i comuni hanno aree a rischio frana e alluvione. Fenomeni naturali diventano disastri perché non si fa prevenzione I geologi denunciano e lanciano un appello: «Curate il territorio!» Francesco Buda Si è costruito a ritmo forsennato ovunque, portando la popolazione a crescere. In alcuni casi con veri e propri boom demografici in una manciata di anni, come ad Ardea, Pomezia, Aprilia, Anzio. Spesso e volentieri ignorando rischi e pericoli legati alla conformazione del suolo. Ecco, così si è costretti a guidare su strade allagate, a contare le vittime e i danni perché gli edifici cedono o vengono investiti dall'acqua. Siamo tra le regioni con il più alto consumo di suolo in Italia (tra il 7,5 e il 9%, dati Ispra) con 372 dei 378 Comuni, il 98% del totale, in cui vi è almeno un'area con elevata probabilità di alluvioni e/o frane. BISOGNA FARE PREVENZIONE «Di solito sono fenomeni definiti impropriamente catastrofi. In natura si sono sempre verificati, perché l'uomo occupa sempre più superficie e poi perché il suolo è abbandonato all'incuria. La quantità d'acqua che cade ogni anno è grosso modo la stessa negli ultimi 50 anni; semmai c'è stato un aumento della piovosità a settembre ed ottobre (a fronte di una riduzione nei mesi estivi) con violenti nubifragi tra ottobre e novembre. Ma soprattutto, è cambiata la capacità del territorio di assorbirla. Non si può prevedere la quantità di millimetri d'acqua, ma Rischio idrogeologico, i Sindaci si sveglino ROBERTO TRONCARELLI Presidente dell Ordine dei geologi laziali Puntano al consenso elettorale anziché alla sicurezza del suolo. Così nascono le emergenze certo è prevedibile un nubifragio. Quindi bisogna tornare a prendersi cura del suolo, prima di tutto facendo davvero prevenzione». Lo sta gridando con i suoi colleghi da tempo Roberto Troncarelli, presidente dell'ordine dei geologi. Una categoria che spunta periodicamente, ma solo dopo danni e tragedie. «Noi invece dovremmo essere i tecnici del giorno prima, non quelli interpellati per rincorrere l'emergenza», spiega a il Caffè l'esperto. «Quello che serve innanzitutto è dunque la prevenzione, che però politicamente non paga, anche se fa risparmiare. È un problema che riguarda la classe politica, la quale investe solo in termini di consenso elettorale e nel breve periodo. Asfaltare un pezzo di strada o fare un parcheggio, lasciando però il quartiere nell'insicurezza, significa fare bella figura e prendere voti. Anche se poi se quelle porzioni di città diventano ancora più impermeabilizzate. Le alluvioni di solito nascono così». INTERVENTI PARZIALI E PROGRAMMAZIONE SBALLATA A che punto è la pianificazione? «Questo è il vero problema si duole il presidente dei geologi laziali i politici continuano ad autorizzare co- Burocrazia lenta e cittadini furbetti La messa in sicurezza del territorio è ancora rallentatissima. Si interviene poco e a singhiozzo. Anche quando i soldi ci sono si va come lumache. Di 204 interventi finanziati dallo Stato nel Lazio, solo il 48% erano stati realizzati nel lo rileva il dossier sul rischio idrogeologico nel Lazio curato dalla dottoressa Tiziana Guida, consigliere dell'ordine dei geologi della nostra regione. È cambiato qualcosa? «Il trend è rimasto quello spiega a il Caffè l'esperta, anche se altri interventi sono stati finanziati. Le procedure sono estenuanti e le trafile burocartiche sono lunghissime, mentre questi lavori dovrebbero avere una corsia preferenziale. Dobbiamo però anche dire che la popolazione è chiamata in prima persona alla mitigazione del rischio: è ora che il cittadino si assuma certe responsabilità. Ancora ci chiedono di non far risultare a rischio una certa area per poterci costruire o non si vuol dire che la propria casa ha delle crepe per timore di essere evacuati... Durante i nubifragi, poi, si deve stare lontani dall'acqua invece di uscire o addirittura di mettere in salvo le cose negli scantinati!». TIZIANA GUIDA Geologa, ha curato il dossier Rischio idrogeologico nel Lazio La truffa delle ecotasse. Solo l 1% utilizzato per l ambiente Tutti lamentano che mancano i fondi per mettere in sicurezza l'assetto idrogeologico del territorio. Ma c'è un altro paradosso: dal 1990 al 2011 ci siamo svenati per pagare circa 800 miliardi di imposte ambientali, che dovrebbero essere destinate alla salvaguardia del nostro habitat. E invece sono state sistematicamente dirottate per altri scopi. Dei circa 44 miliardi di euro l'anno, meno delle briciole sono andate alla cura dell'ambiente. Solo l'1% dell'immenso fiume di tasse ambientali viene destinato a tale scopo. Il dato viene dalla recente analisi dell'associazione artigiana Cgia di Mestre su dati Istat. «Non si può sostenere che le sciagure accadono perché non ci sono le risorse finanziarie disponibili per la tutela e la manutenzione del nostro territorio ha detto Giuseppe Bortolusis, segretario dell'associazione -: i soldi ci sono, peccato che da ormai quasi un ventennio vengano utilizzati per fare altre cose».

3 INCHIESTA n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio Entro ottobre 2012 dovevano approvare il nuovo Piano di Protezione Civile, per individuare i rischi e le attività di soccorso Solo 4 Comuni su 10 hanno il Piano di emergenza Entro il 14 ottobre 2012 ogni Comune doveva approvare, con apposita deliberazione consiliare, il Piano di Emergenza Comunale di protezione civile secondo i criteri e le modalità riportate nelle indicazioni operative del Dipartimento della Protezione Civile e delle Giunte regionali. Un importante strumento per individuare rischi e pericoli legati anche alla conformazione del suolo, quindi ai fattori di rischio idrogeologico, e delle misure da mettere in campo nel caso di necessità, ad esempio dove e come struzioni in zone di cui si conosce la propensione al dissesto. Manca una visione ed una programmazione organica, di solito si procede con pezzettini di interventi senza affrontare e risolvere il problema alla radice e in modo strutturale, quindi l'intervento si rivela inutile. Alla Regione Lazio spesso si muovono così. Occorre una armonizzazione fra l'attuale massa enorme di impiegati dentro una grande quantità Una selva di uffici ed impiegati in cui non sa chi deve fare cosa. Il primo responsabile rimane il Sindaco di enti ed organismi, dove non si più chi deve fare cosa. Per non parlare dell'intricatissima selva di norme e regole: roba da matti!». E in Regione confermano: manca un quadro d'insieme organico. Non a caso, nel 2012 un miliardo e 404 milioni di euro disponibili per interventi urgenti contro il dissesto idrogeologico in tutta Italia sono rimasti inutilizzati. Colpa della burocrazia e della carenza progettuale. «La prima Sul web puoi verificare se casa tua è in zona a rischio cosa è prevenire e programmare bene ribadisce Filippo Milazzo, ingegnere capo del Genio Civile di -, in tal modo si spende molto meno, mentre ricostruire è assai più costoso. Quello che non facciamo oggi, ce lo ritroviamo peggiorato domani. Purtroppo noi siamo a corto di tecnici e gli interventi con somma urgenza riguardano spese di massimo 200mila euro e così camminiamo a suon di emergenze anche per la mancata programmazione... andiamo tamponando». APPELLO AI SINDACI In che area è costruita la nostra casa? È sicuro il terreno dove sorge quel capannone o quella strada o quella ferrovia? Per scoprirlo basta andare sul sito internet il Portale cartografico nazionale. Presenta le mappe di tutta Italia con i rischi ed i pericoli idrogeologici: in azzurro e blu quelli relativi alle alluvioni, mentre i colori dal giallo al rosso si riferiscono alle frane. Una volta aperto il sito, basta cliccare sul rettangolo rosso in alto Cartografia 2 D per far apparire la cartina dell'italia. Quindi cliccare due volte sulla voce Vettoriale nella finestrella in alto e poi fare doppio clic su Unità amministrative regionali, provinciali e comunali in tal modo avremo i nomi dei luoghi, a partire dalle regioni. Per zoommare fino a vedere il luogo che ci interessa, basterà fare doppio clic più volte fino al punto desiderato. Per evidenziare le aree critiche, basta un doppio clic sulle due voci PAI Rischio Idrogeologico e PAI Pericolosità idrogeologica, voci che si trovano nella solita tendina Vettoriali. Se volete un po' di indicazioni in più per riconoscere i luoghi, potete anche inserire i Toponimi IGM, le Infrastrutture stradali e quelle ferroviarie. evacuare la popolazione alluvionata, con tanto di esercitazioni pubbliche. Stando agli elenchi ufficiali della Protezione civile, solo il 40% dei Comuni laziali gli ha però trasmesso tale Piano (dati aggiornati al 20 settembre 2013); parlano di un 40% di Comuni laziali dotati del piano di emergenza, 153 su 378 (a dicembre 2012 erano 114, il 30%). Il Piano potrebbe essere stato approvato da altri Comuni non ancora inseriti negli elenchi. Noi abbiamo provato a chiedere a qualche sindaco, ma ne sapevano meno di noi... FILIPPO MILAZZO Ingegnere capo del Genio Civile di «Il vero responsabile del territorio è il sindaco ricorda l'ingegnere -, chiamato anche a dotarsi di una struttura di protezione civile comunale. Prima di fare scelte urbanistiche, bisognerebbe fare un'attenta diagnosi dei rischi». «L'appello è quindi ai sindaci conlcude Troncarelli -, loro sono i responsabili per legge, loro sono a capo dei Comuni che autorizzano l'edificazione e dipendo molto da loro la pianificazione urbanisitica: devono circondarsi di consulenti e collaboratori che non siano pirati ma abbiano a cuore l'ambiente e la popolazione. Più che la visibilità a fini elettorali, curino la sicurezza idrogeologica delle loro città, lascino ai loro figli e nipoti un territorio ordinato e sicuro». Piano di protezione civile, chi ce l ha Anzio * Ariccia * Ciampino Frascati Grottaferrata Marino Nettuno Pomezia Rocca di Papa Velletri Aprilia * Cisterna di (incompleto) * Norma Pontinia Priverno Rocca Massima Roccagorga Sermoneta * Non presente nella Mappa della Protezione Civile sul sito del Governo

4 Il fondo de ilcaffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 Miliardi di euro per l editoria: fermiamoli! CONTRIBUTI DIRETTI A QUOTIDIANI E PERIODICI DAL 2004 AL CONTRIBUTI DIRETTI ALLE TV LOCALI DAL 1999 AL 2011 di Stefano Carugno (dalla prima) fessi o onesti? A mio giudizio è sbagliato proprio il concetto di spargere a pioggia contributi a fondo perduto per l editoria. Qual è stato il risultato? Gli editori copiosamente annaffiati di euro si sono cullati, restando attaccati alla mammella pubblica, generando nella stragrande maggioranza dei casi due tipi di giornalismo: quello sfacciatamente di parte (legato a quegli stessi partiti che gli consentono di ottenere i contributi) e quello inesistente, composto da pubblicazioni pressocché inconsi- Il Caffè lo leggi ma non lo paghi; altri giornali li paghi senza leggerli mai stenti, senza più nessuna impostazione imprenditoriale e quindi di sviluppo, ma aventi come unico scopo quello di passare a fine anno alla cassa pubblica per ritirare i contanti. Sono aziende mai nate, senza lettori o senza futuro. Noi abbiamo un presente, un futuro e (DATI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - ELABORAZIONE IL CAFFÈ) GdF: RESTITUITE QUEI 64 MILIONI Dopo i controlli della Guardia di Finanza e gli accertamenti giudiziari, la Presidenza del Consiglio ha disposto lʼannullamento dei contributi erogati e chiesto la restituzione Testata Periodo sanzionato Importo da restituire AVANTI ,25 LIBERO ,64 LINEA ,22 LA PROVINCIA ,31 IL NUOVO RIFORMISTA ,18 ROMA ,26 PUGLIA ,93 OFFICINA ,70 RISK FILADELFIA ,98 FORUM ITALIA ,48 RINASCITA ,43 TEMPI ,74 LA PAGINA ,41 Totale ,53 I contributi per l editoria, miliardi di euro sottratti all economia sana Per il 2010 lo Stato chiede indietro ,82 Testate che hanno evidenziato irregolarità e carenza dei requisiti, a cui è stata richiesta la restituzione di parte dei contributi L'UNITÀ ,17 AVVENIRE ,43 ITALIA OGGI ,22 LA PADANIA ,78 CRONACA QUI.IT ,67 IL MANIFESTO ,67 IL FOGLIO ,56 LIBERAZIONE ,19 EUROPA ,66 CONQUISTE LAVORO ,33 CORR. CANADESE ,35 SECOLO D'ITALIA ,82 AMERICA OGGI ,24 IL CITTADINO ,24 CORRIERE DI FORLÌ ,24 CORR. MERCANTILE ,24 LA DISCUSSIONE ,24 NUOVO CORRIERE ,24 (DATI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - ELABORAZIONE IL CAFFÈ) tanti lettori: pensate ancora che siamo stati fessi a non cercare di frodare gli italiani per attaccarci ai contributi per l editoria? Ma di che cifre stiamo parlando? L assurdo è che non lo sa nemmeno lo Stato, oppure le conosce, ma preferisce nasconderle (per vergogna?). Come fai a dire al cittadino di tirare la cinghia e poi ammettere di aver elargito miliardi e miliardi di euro a testate fittizie o di partito? Anche noi nella ricerca di quanti fondi siano stati elargiti e a chi, abbiamo trovato innumerevoli difficoltà, dovendo elaborare dati spesso nascosti o resi di difficile consultazione. Nessuno ad oggi ha saputo ancora rispondere alla domanda: Quanti contributi avete regalato? I dati che riportiamo sono il risultato di anni di ricerche e, statene certi, sono stime che VOCE DI MANTOVA ,24 TERRA ,20 IL CITTADINO OGGI ,70 IL DENARO ,83 IL GLOBO ,31 IL CORRIERE LAZIALE ,34 PRIMORSKI DNEVNIK ,93 METROPOLIS ,06 SCUOLA SNALS ,27 DOLOMITEN ATHESIA ,73 OTTOPAGINE ,96 IL ROMANISTA ,56 BUONASERA ,03 MOTOCROSS ,90 LA NUOVA ECOLOGIA ,90 RASSEGNA SINDACALE ,90 SPRINT E SPORT ,90 MODUS VIVENDI ,87 possono sbagliarsi per difetto, cioè in realtà i soldi elargiti sono molti di più. Il Caffè è un giornale completamente gratuito per i lettori, quegli stessi lettori che, invece, in quanto cittadini italiani, sono costretti a pagare centinaia di giornali senza averli mai letti: un assurdità tutta italiana. IL MUCCHIO SELVAGGIO ,13 DC BALENA BIANCA ,92 CAR AUDIO & FM ,72 CHITARRE ,59 L'AGO E IL FILO ,47 SUONO STEREO HI FI ,46 PANEACQUA ,44 NEXT EXIT 7.015,78 VITA TRENTINA 6.817,50 IL GRANCHIO 5.341,12 L'ORTOBENE 4.935,74 AERONAUTICA 4.138,20 DALLʼALBA AL TRAMONTO 3.318,10 ITALIA ORNITOLOGICA 2.708,64 BUDDISMO E SOCIETÀ 1.925,52 LA GRANDE FAMIGLIA 817,16 RIVISTA CINEMATOGRAFO 791,90 Altre testate ,51

5 n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 TASSE 5 Colpiti molti cittadini dei Comuni che hanno alzato l aliquota base del 4 per mille. Gli altri invece non pagheranno nulla IMU 1 a casa: chi la deve pagare il 24 gennaio? Ai Castelli non pagano solo Frascati e Ariccia. Aliquota massima a Velletri, perché è in dissesto Renato Mastrella Provincia di ROMA Comune Aliquota Aliquota da pagare 1 a casa il 24/01/14 VELLETRI 6,0 per mille 0,80 per mille ROCCA DI PAPA 5,0 per mille 0,40 per mille LARIANO 5,0 per mille 0,40 per mille POMEZIA 5,0 per mille 0,40 per mille ARDEA 5,0 per mille 0,40 per mille ROMA 5,0 per mille 0,40 per mille MARINO 4,9 per mille 0,36 per mille ALBANO 4,9 per mille 0,36 per mille GENZANO 4,9 per mille 0,36 per mille GROTTAFERRATA 4,8 per mille 0,32 per mille CASTEL GANDOLFO 4,6 per mille 0,24 per mille NEMI 4,5 per mille 0,20 per mille CIAMPINO 4,4 per mille 0,16 per mille LANUVIO 4,4 per mille 0,16 per mille FRASCATI 4,0 per mille Non dovuta ARICCIA 4,0 per mille Non dovuta NETTUNO 4,0 per mille Non dovuta ANZIO 3,8 per mille Non dovuta Provincia di LATINA Comune Aliquota Aliquota da pagare 1 a casa il 24/01/14 SEZZE 6,0 per mille 0,80 per mille SAN FELICE CIRCEO 6,0 per mille 0,80 per mille TERRACINA 6,0 per mille 0,80 per mille ROCCA MASSIMA 5,0 per mille 0,40 per mille NORMA 5,0 per mille 0,40 per mille SABAUDIA 5,0 per mille 0,40 per mille LATINA 4,0 per mille Non dovuta APRILIA 4,0 per mille Non dovuta BASSIANO 4,0 per mille Non dovuta ROCCAGORGA 4,0 per mille Non dovuta PONTINIA 4,0 per mille Non dovuta SERMONETA 3,7 per mille Non dovuta CISTERNA 3,5 per mille Non dovuta CORI 3,0 per mille Non dovuta Dicembre 2013 verrà ricordato come il mese delle tasse: si sono concentrate scadenze di ogni tipo, per i privati e per le aziende, con nomi e tariffe che cambiavano fino all ultimo giorno e i commercialisti ormai sull orlo di un esaurimento nervoso. Ad esempio la tanto discussa IMU (Imposta municipale Unica) ha ormai 2 vite: Imu prima casa e Imu altri fabbricati e terreni. E se nel secondo caso il saldo è già stato versato (per chi ce l ha fatta a pagarlo) lunedì 16 dicembre, per l Imu sull abitazione principale i discorsi non sono ancora conclusi definitivamente. Al momento ( il Governo poterebbe ancora ripensarci) le cose stanno così: l Imu per la prima casa non si paga, a meno che il Comune dove è situata non abbia applicato un aliquota superiore al 4 per mille. In quel caso va preso in considerazione il 40% della maggiorazione che il Comune ha deliberato: il risultato sarà l aliquota da applicare per calcolare quanto bisogna pagare di Imu. Facciamo un esempio. A l amministrazione ha deciso che l aliquota Imu per la prima casa è del 5 per mille, dunque di 1 punto superiore a quella standard del 4 per mille. Il 40% dell 1 per mille è pari allo 0,40 per mille: questa dunque è l aliquota da applicare per calcolare la tassa che i romani dovranno pagare a gennaio sulla prima casa. Qui però c è una sorpresa: le detrazioni del 2012 restano per intero, ovvero ogni (tar)tassato può scalare dal conto da pagare 200 euro + 50 euro per ogni figlio a carico che abbia meno di 26 anni. Se si fa un veloce calcolo, si capisce che la rata del 24 gennaio 2014 saranno ben pochi a doverla pagare, toccherà solo chi abita case con davvero molti metri quadrati o che sono considerate di lusso, e comunque saranno cifre ridotte di molto. Inoltre vale la pena ricordare che se il risultato dei calcoli comporta una tassa sotto i 12 euro, può non essere pagata, senza incorrere in alcuna sanzione. Tra i Comuni presi in considerazione l aliquota più alta (lo 0,80 per mille) toccherà ai cittadini di Velletri, Terracina e San Felice (obbligati ad alzarla perché falliti) e a Sezze. Altri Comuni pagheranno meno, mentre non pafheranno nulla a gennaio i cittadini di, Aprilia, Anzio, Nettuno, Frascati, Ariccia, Cisterna, Sermoneta, Pontinia, Cori, Roccagorga e Bassiano Restano le detrazioni di 200 euro per tutti e di 50 euro per ogni figlio under26 a carico

6 6 SERVIZI n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 IL DEPURATORE DEI CASTELLI ROMANI Immerso nella vasta area di campagna del litorale laziale, a ridosso del quartiere Montagnano di Ardea Tutto pronto per avviare l impianto intercomunale atteso da decenni. Servirà Albano, Ariccia, Lanuvio, Nemi e Genzano Parte il megadepuratore dei Castelli. Forse Ma sull entrata in funzione incombe un patto della Regione con Ardea Daniele Castri Stavolta ci siamo, o quasi. Il nuovo depuratore dei Castelli ni realizzato a valle, nel territorio di Ardea, si trova finalmente in fase avanzata di collaudo. Un'opera attesa da decenni interi sia dai cittadini di Albano, Lanuvio, Ariccia, Nemi e Genzano, che da chi vive ai piedi dei Castelli dove confluiscono i reflui di quei comuni che alla fine si riversano in mare. La messa in esercizio, in realtà, era attesa entro giugno Ma, di rinvio in rinvio, è trascorso invano già un anno e mezzo. A testarlo, nei giorni scorsi, soprattutto nel corso delle ore notturne, sono stati gli ingegneri responsabili dell ambizioso progetto finanziato dalla Regione Lazio e, in modo particolare, dall assessorato all Ambiente. Una grossa ipoteca è però quella del Sindaco di Ardea: è seriamente intenzionato a non firmare l autorizzazione all allaccio se la Regione non rispetta i patti (vedi articolo in basso). Il nuovo impianto, che si trova a poche centinaia di metri della discarica Costruito dagli stessi che fecero male il depuratore di Aprilia (che inquinava) A costruire il megadepuratore ad Ardea è la società Siba spa, collegata alla multinazionale francese Veolia, cioè quelli che comandano il gestore idrico Acqualatina. Sono gli stessi che fecero il nuovo depuratore di Aprilia: progettato male e costruito peggio (mai completato nella parte dei biofiltri) non solo funzionava male, ma addirittura ha inquinato le acque fino a (cosa che costò una condanna penale per il gestore idrico e a 100mila euro di provvisionale a favore del Comune). Tutto è finito in una transazione tra Comune e ditta. Ed ora i cittadini aspettano l'ampliamento di quell'impianto. Coi soldi pubblici, naturalmente. VIA ARDEATINA, KM 27 Ingresso del depuratore dei Castelli ni di Roncigliano, è destinato a cambiare, per sempre, la qualità delle acque del mare nostrum a sud di. Un opera pubblica costata oltre 16 milioni di euro, che riceverà e tratterà tutte le acque chiare e scure dei citai 5 comuni dei Castelli e parte di quelle di Ardea. Secondo il progetto, è in grado di depurare i liquami in arrivo con un sofisticato sistema di trattamento e filtraggio, liberandoli dalle sostanze indesiderate. Ma, soprattutto, capace di restituire all intera comunità acqua sicura e ben pulita. Invece, ancora oggi, circa il 30% dei Castelli ni scarica il putridume fognario civile ed industriale direttamente nei fossi. Un inquinamento elevato, pericoloso per la salute umana e l ambiente, ma anche per l agricoltura e per la flora e fauna locali. Un problema che riguarda intere e popolose frazioni, come Cecchina e Pavona e grossi quartieri residenziali, come Tor Paluzzi e Roncigliano ad Albano, Villaggio Ardeatino, Montagnano e Montagnanello nel territorio di Ardea; ma anche ampie e note aree industriali come Cancelliera. Molte di queste zone, sorte abusivamente nei decenni passati, sono prive, ancora oggi, dei servizi minimi igienico-sanitari: ovvero l accesso all acqua potabile e alla fogna. Eppure, tutti questi cittadini hanno pagato ai Comuni un corrispettivo economico denominato tecnicamente onere di urbanizzazione. Un obolo che è obbligatorio sborsare per le nuove costruzioni, per l ampliamento degli edifici preesistenti e persino per le ristrutturazioni. Ma anche, e questo è davvero molto importante, nei casi di sanatoria. Cosa avrebbero dovuto farci, certo, gli Enti locali, con tutti questi soldi? Ce lo dice la legge: Strade, marciapiedi, parcheggi, fognature, illuminazione pubblica, collegamenti alle reti di distribuzione di acqua, gas, elettricità. Ma anche spazi di verde attrezzato, scuole, asili, impianti sportivi di quartiere, centri sociali e culturali. Un corrispettivo economico che, in buona sostanza, viene pagato anche Un opera da oltre 16 milioni di euro. Ora occorre dotare di fogne, collettori ed acquedotti l intera zona da chi ha costruito abusivamente la propria casa e poi, grazie a un apposita legge, ha sanato e regolarizzato la propria posizione giuridica davanti allo Stato.Invece, ancora oggi, in molte zone dei Castelli ni e del litorale mancano servizi che costituiscono, senza paura di esagerare, veri e propri diritti civili. Sarà necessario quindi, molto presto, costruire una rete fognaria adeguata al territorio e un collettore che metta in collegamento queste aree con il nuovo depuratore. Ma, soprattutto, portare subito dappertutto l acquedotto pubblico, che ancora manca per migliaia di cittadini. Si preannuncia, in sostanza, con l avvio del nuovo depuratore, un vero toccasana per una lunga fascia di litorale laziale, ma restano comunque davvero tanti i problemi di carattere economico, igienico-sanitario e ambientale. Il nuovo impianto per molti non rappresenta, quindi, un punto di arrivo ma, molto più semplicemente, un punto di partenza. C è, quindi, per i nostri amministratori e politici, ancora davvero tanto da fare. Nella speranza che, alla prima inaugurazione pubblica, se lo ricordino, tra una foto ricordo e un taglio di nastro. Se la Regione non dà i 9 milioni promessi per fogne e acquedotto, lui non firma Il veto del sindaco di Ardea Residenti scontenti: c è già la discarica LUCA DI FIORI Sindaco di Ardea FLAVIO GABBARINI Sindaco di Genzano Il sindaco di Ardea, Luca Di Fiori, ha le idee chiare sul nuovo impianto di depurazione ed è disposto a fermarlo se non ottiene ciò che chiede: «Qualche anno fa, il Comune diede il via libera alla costruzione del nuovo depuratore per garantire un livello adeguato di pulizia delle acque che finiscono nel litorale. Ma anche a fronte d una compensazione economica che la Regione si era impegnata a garantirci, con un accordo di programma pari a circa 9 milioni di euro. Soldi necessari per costruire sia le fogne sia i relativi collettori. Ma necessari anche per portare l acquedotto pubblico in ampie fasce di territorio che, al momento, sono sprovviste. In queste settimane è in corso una trattativa con l Assessore all Ambiente regionale Refrigeri». E se non sarà fruttuosa, il sindaco Di Fiori è disposto ad arrivare anche davanti al magistrato: «Per quanto mi riguarda, non ho intenzione di firmare l autorizzazione di allaccio allo scarico fino a quando non mi verranno date garanzie economiche. Un depuratore, difatti, come sappiamo, porta con sé anche disagi. Il Comune ha deciso di accettarli a fronte, almeno, d un rientro economico per la realizzazione di opere di urbanizzazione visto che, già ora, subiamo la presenza e la puzza della discarica di Roncigliano ed il passaggio continuo di camion locali e romani». Interviene sul punto, anche il sindaco di Genzano, Flavio Gabbarini: «Ho scritto, insieme agli altri sindaci di bacino, sia all assessore regionale Refrigeri sia al Prefetto Riccardo Carpino, Commissario Straordinario della Provincia di, che dovremmo incontrare i primi giorni di gennaio. Oltre al grave problema igienico-sanitario e ambientale della depurazione delle acque reflue urbane, civili e industriali, è a rischio lo sviluppo commerciale e imprenditoriale dei comuni coinvolti. Al momento, difatti, sono bloccati tutti i nuovi allacci in fogna. Presto, al massimo entro gennaio, incontreremo il Prefetto Carpino, per tentare di risolvere sia i problemi della compensazione economica promessa al Comune di Ardea; sia il contenzioso tra l Acea, che gestirà il depuratore, e Idrica, la società che attualmente gestisce il servizio idrico ad Ardea. Speriamo, entro poche settimane, di trovare una soluzione a questi problemi». D.C. Alfonso, Giovanna e Sonia Brunetti vivono a Montagnano, in una grossa e bella casa costruita dal nonno, nel comune di Ardea. Unʼarea dalla fortissima vocazione agricola che si allunga tutto intorno, per centinaia di ettari, in vigneti, uliveti, campi di frutta, ed anche coltivazioni biologiche. Ma ora lamentano sonni meno tranquilli. «Da quando è iniziato il collaudo notturno del nuovo depuratore dei Castelli ni, a casa nostra non si dorme più - dice Alfonso -. Un sibilo forte, continuo, assillante, che non ci permette di riposare in pace. E, tra un poʼ, arriverà anche la puzza. Hanno voluto costruire questo impianto proprio a ridosso delle abitazioni del quartiere di Montagnano, eppure a poche centinaia di metri di distanza, nello stesso lotto di terreno, avrebbero potuto garantire un minore impatto igienico-sanitario ed ambientale. Non ci hanno forse pensato?». «Senza dimenticare la svalutazione economica della nostra casa, che si trova a 60 metri dal nuovo depuratore afferma la signora Giovanna -, ma anche a due passi dalla discarica di Roncigliano, che riceve la monnezza locale e romana». Sonia, la figlia, chiosa infine: «Io mi sto trasferendo, ma lasciare i miei genitori in questa situazione è, per me, fonte di grossa preoccupazione. Spero che le autorità preposte garantiscano unʼattenzione assoluta ai rumori prodotti, di notte e di giorno, dallʼimpianto e, cosa altrettanto importante, dalla puzza che sprigiona dal trattamento dei liquami. Ci basta già quella della discarica».

7 il Caffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio pag. 7

8 8 Marco Montini SCUOLE n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 Situazione critica in molte strutture, come a Velletri dove servono 150mila euro per sanare il tetto della palestra alla Marcelli Amianto nelle scuole, l impegno dei Comuni Tante bonifiche effettuate invece ad Genzano, Rocca di Papa, Ariccia e Albano Anche a Ciampino le scuole Nobile e Bachelet sono state liberate dalle lastre di amianto Gli alunni di Marino tra topi e scarafaggi. Succede anche questo alle pendici castromeniensi dei Castelli ni. Due episodi deprecabili accaduti nei plessi marinesi hanno riacceso l attenzione di famiglie e amministratori su un tema, quello igienico-sanitario, sentitissimo in città. Il primo fatto in ordine di tempo si è verificato alla Silvestri di Castelluccia, piccola frazione di mille anime. A raccontarlo è direttamente la mamma di un alunno dell istituto: «Il giorno 21 ottobre, dopo che si era diffusa la voce della presenza di topi nella Silvestri - racconta Claudia - ho mandato una e- mail all'assessore Esposito per chiederle informazioni ufficiali. Molto gentilmente l'assessore, si è messa subito a disposizione, rassicurandomi che erano stati già fatti interventi di derattizzazione. Dopo esattamente un mese, ovvero il 21 novembre, entrando a scuola abbiamo trovato una parte transennata con dei banchi con escrementi di topo. Ho scritto nuovamente all'assessore, la quale nel pomeriggio ha anche fatto una riunione per spiegare quali azioni fossero in programma». Questa la risposta telematica della Esposito: «Già da alcune settimane siamo intervenuti per la derattizzazione, ma evidentemente non è servito a risolvere il problema. Pertanto abbiamo deciso di bonificare la parte retrostante la scuola con taglio dell'erba per poi proseguire con il taglio del Amianto, scuole e Comuni. Un trinomio delicato per una questione, quella dell eternit, sempre d attualità ai Castelli ni. Sebbene siamo ancora lontani dall avere un vero ed efficace piano regionale che tuteli cittadini e lavoratori da questa forma fibrosa cancerogena, le amministrazioni locali da tempo si sono messe in moto per contrastare il fenomeno dell amianto sugli edifici pubblici di proprietà comunale. In particolare qual è la situazione delle bonifiche nei plessi scolastici del territorio? Dall analisi e dalle parole degli assessorati competenti esce fuori una situazione non così emergenziale, almeno su scala castellana. È vero, non mancano le situazioni critiche, ma tutto sommato poteva andare peggio. Fermo restando che anche nelle poche realtà in cui l amianto è presente, i governi cittadini si stanno rimboccando le maniche, magari sperando in qualche finanziamento regionale che sinora non è arrivato. Come a Velletri, dove è l assessore ai Beni Comuni Andreozzi a fare il punto: «La situazione più importante riguarda la scuola elementare Marcelli, in pieno centro cittadino e frequentata da più di 500 alunni. Il tetto della palestra, frequentata anche da atleti della società sportiva di arti marziali, ha la copertura in eternit. Per la sua sostituzione occorrono circa 150mila euro. Abbiamo richiesto più volte un finanziamento alla Regione. L'ultima volta rispondendo al bando sul decreto del Fare che citava proprio queste situazioni: il finanziamento non è stato concesso. Ora abbiamo chiesto di utilizzare un ribasso d'asta di un finanziamento regionale di 5 anni fa per la manutenzione scolastica. Probabilmente non ci sarà concesso neanche questo». Situazioni senz altro più rosee a Genzano e Rocca di Papa, dove - stando alla comunicazione proveniente dai due Comuni - non emerge nessun problema legato alla presenza di amianto. Un po come ad Albano Laziale ed è l assessore all istruzione Alessandra Zeppieri ad assicurarcelo. Notizie positive giungono anche da Ariccia: «L ultimo plesso che presentava presenza di eternit lo abbiamo bonificato nella scorsa primavera», fanno sapere dalla città del Bernini. Stesso percorso pure per Ciampino, dove l ex assessore Testa conferma che «scuole come Nobile e Bachelet, che presentavano tali problematiche, sono state bonificate tempo fa». Positivo lo stato dell opera a Lanuvio: «Nelle 5 scuole comunali (Rodari-Campus, Terracini, Galieti, Bellavista, Marianna Dionigi) non ci sono problemi Trovati escrementi di roditori sui banchi della scuola Silvestri e un insetto nella verdura alla mensa della Verdi Gli alunni di Marino tra topi e scarafaggi MAMMA CLAUDIA Malgrado l opera di derattizzazione, abbiamo trovato ancora tracce di topi a scuola ARIANNA ESPOSITO Assessore alla Pubblica Istruzione SCARAFAGGIO A MENSA L immagine dell insetto nel piatto ha fatto il giro del web canneto. Ci auguriamo di poter risolvere così questo grave e spiacevole problema nell'ottica di una reciproca collaborazione che, come già le accennavo, ha come unico e fondamentale obiettivo il far studiare il più possibile i nostri ragazzi in luoghi sani e sicuri». Ora si rimane in attesa di capire se, come e quando l amministrazione si attiverà per la derattizzazione interna del plesso: forse durante le vacanze di Natale approfittando dell assenza degli scolari? Vedremo. Il secondo fattaccio, invece, si è verificato qualche giorno fa presso la scuola Verdi, dove nel piatto di un alunno si è materializzato uno scarafaggio morto. A lanciare il tam tam sui social network il segretario Idv Comandini: «Come è possibile che accada una cosa del genere? Le verdure sono lavate correttamente? I locali sono a norma? È raccapricciante». Dal Comune di Marino si dicono profondamente dispiaciuti per l episodio dell insetto rinvenuto nella mensa: «Il fatto è grave e merita di essere approfondito per capire con chiarezza cosa sia effettivamente accaduto. Per questo abbiamo attivato una procedura di autocontrollo che permetta agli organi competenti di effettuare i dovuti rilievi nel centro cottura di via della Repubblica, dove comunque, da una prima analisi, non sono state rilevate situazioni anomale. Solo in questo modo sarà possibile capire l origine del problema. In ogni caso abbiamo deciso di sospendere, in maniera cautelativa, la fornitura di bieta e spinaci surgelati da parte della ditta di distribuzione nell attesa che gli organi preposti chiariscano l origine di quanto accaduto. La zona mensa e il centro cottura sono state comunque sottoposte, di concerto con la Multiservizi, a una disinfestazione contro roditori e agenti striscianti». In questi giorni Palazzo Colonna è in attesa delle analisi sui campioni prelevati dall azienda sanitaria. legati alla presenza di amianto negli stabili - spiega l assessore Andrea Volpi -. L'amministrazione ha presentato diversi progetti di richiesta di finanziamento per la messa in sicurezza degli edifici più vecchi, in particolare per la messa in sicurezza della Dionigi. Attualmente abbiamo dei problemi nella scuola Terracini (inaugurata nel 2007) a causa di infiltrazioni d'acqua. Stiamo ultimando il computo metrico per intervenire d'urgenza anche su quest'ultima scuola». Nella vicina Lariano Caliciotti comunica che non c è nessuna emergenza eternit nei plessi scolastici. Cosi come nella piccola Nemi: «I nostri edifici comunali, scuole, centri anziani e uffici - sostiene il primo cittadino Bertucci - non vivono questo tipo di questione. Amianto che invece è presente nelle discariche abusive, che intercettiamo nei sentieri, sulle rive del lago, nei parcheggi». Non male infine Castel Gandolfo: «Non ci sono problemi di eternit nelle scuole - rimarca la sindaca Monachesi-: avevamo dei cassoni dell acqua che però abbiamo dismesso e isolato. Proprio in questi giorni ho firmato una richiesta di contributo alla Regione per trasferirli. Ci tengo a sottolineare che quei cassoni non danno nessun problema per la salute ambientale e collettiva: sono chiusi da tempo e sostituiti con altri idonei». Amianto, quando il piano regionale? Amianto, non solo un problema ambientale, ma soprattutto una questione di salute. Sono trascorsi anni dallʼapprovazione della legge nazionale che ha messo al bando lʼamianto e nel Lazio poco è stato fatto per garantire ai cittadini la tutela della salute e per rimuovere questa forma fibrosa nociva per il territorio. Sullʼiter che porterà al piano regionale amianto ha fatto il punto il consigliere regionale Adriano Palozzi: «Ad oggi sono depositate in Regione due proposte di legge. Lʼobiettivo, che sono convinto sia condiviso da tutti i gruppi regionali, è arrivare in tempi rapidi ad un piano che disciplini in maniera rigida e minuziosa la prevenzione e la tutela della salute umana, il risanamento dellʼambiente e definisca la bonifica e lo smaltimento dellʼamianto. Altro punto fermo su cui la nuova legge deve puntare è la protezione dei lavoratori dai rischi derivanti dallʼesposizione allʼamianto». Esistono linee guida per la mappatura dei siti? «La Regione non ha approvato il progetto per la realizzazione della mappatura nelle zone del proprio territorio interessate dalla presenza di amianto. Ma da quanto emerge non tutto il territorio regionale sarebbe stato mappato e negli ultimi 13 anni sono stati segnalati quasi 800 casi di mesotelioma maligno. Numeri allarmanti che ci mettono in obbligo di accelerare lʼiter normativo regionale, concludere la mappatura e velocizzare la bonifica», chiosa il consigliere regionale.

9 il Caffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio pag. 9

10 il Caffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio pag. 10

11 STORIA n dal 5 al 15 dicembre L imponente gioiello storico architettonico giace abbandonato ed accessibile a tutti. Può divenire un pericolo pubblico Albano, Palazzo Pamphilj: degrado colossale La struttura torna alla ribalta dopo la denuncia della Prof Lucarini Daniele Castri Sulla sommità del tridente seicentesco, ad Albano, c'è uno degli edifici monumentali più rinomati del popoloso e popolare quartiere San Paolo: palazzo Pamphilj. Si erge tra Piazza San Paolo (nei pressi del seminario vescovile), via San Gaspare del Bufalo e via Leonardo Murialdo. Quest'ultima via, già inserita nel catasto gregoriano, collegava anticamente chiesa e piazza San Paolo al Duomo, sede del patrono cittadino, San Pancrazio. Da tempo l imponente palazzo viene considerato a rischio crollo, tant è che è a metà novembre si sono verificati dei crolli,dopo essere stato imbragato per un decennio da un vistoso ponteggio di contenimento che ha oscurato la grazia dell incantevole piazza su cui affaccia la testata principale della struttura. Qualche settimana fa, però, nonostante non vi siano in corso lavori di ristrutturazione o consolidamento, Palazzo Pamphilj è stato liberato dalle impalcature, tornando di nuovo interamente visibile e finendo inaspettatamente alla ribalta, a causa di due denunce pubbliche su facebook. A lanciarle la stimatissima Tolti i ponteggi di contenimento, è saltata fuori una galleria degli orrori. E dentro c è chi ci vive professoressa del liceo Joyce di Ariccia, Corinna Lucarini, cittadina adottiva di Albano. «Come potete vedere, la straordinaria bellezza di questo palazzo è deturpata dallo stato di degrado e sporcizia in cui si trova. Quando ho visto la facciata del palazzo, subito dopo tolti i ponteggi, ancora coperta di sudiciume, ho pensato: ora basta, e ho pubblicato il primo post, con le foto». Un mucchio gigantesco di pattume prima nascosto alla vista e che, all improvviso, è saltato fuori. In poche ore, questo sfogo personale si è trasformato in un caso pubblico. «Sono stata inondata di post e messaggi, anche da parte di amministratori e politici locali. Sta di fatto che la mattina successiva la municipalizzata si è precipitata sul posto per le pulizie richieste, alla DISCARICA SULLA PUBBLICA VIA Cumuli di rifiuti sotto la testata principale di Palazzo Pamphilj, che affaccia sulla rinomatissima piazza San Paolo. 7 ottobre TETTI SFONDATI E RISCHI DI CROLLO Gli stalloni, il cortile della cavallerizza. Sullo sfondo, il centro storico. Ben visibili il Duomo, cui si giungeva percorrendo via Leonardo Murialdo, la terza via del tridente; e la chiesa della Rotonda, raggiungibile percorrendo via San Gaspare del Bufalo, la seconda via del tridente. presenza di autorità comunali, vigili urbani, assessori, consiglieri e politici di maggioranza e opposizione». Due giorni dopo, però, la professoressa è tornata alla carica con un nuovo post: «Con la mia seconda denuncia pubblica, invece, ho voluto segnalare che uno degli ingressi laterali di palazzo Pamphilj (ndr, quello di via Leonardo Murialdo), a due passi dal vicino comprensorio scolastico e sportivo, è completamente aperto, di giorno e di notte, col pericolo d ingresso sia di ragazzini, che sono liberi di compiere scorribande in giro per la gigantesca struttura, sia di senzatetto. Lo stato precario della muratura costituisce un pericolo reale e concreto per tutti costoro. Alcune ali del palazzo sono crollate, altre stanno per cedere. I solai sono andati completamente distrutti e buona parte delle scalinate sono sul punto di implodere su se stesse. Ma penso, non da ultimo, anche al rischio di incendi accidentali o dolosi, considerata la presenza di materiali di varia natura sparsi un po ovunque. In questo caso, però, non ho ricevuto ancora risposta. Perché?». E, in effetti, si accede indisturbati nel palazzo, e si può visitarlo per intero. Il Caffè ha documentato quanto sostenuto dalla professoressa e constatato la presenza di stanze adibite a vere e proprie camere private con letti, mobili e televisione. «Lo stato di incuria di questo palazzo, certo chiosa la prof Lucarini - grida vendetta. Ma, purtroppo continua la prof - anche il resto del centro storico non se la passa meglio. Penso alla limitrofa via San Filippo Neri, chiusa al traffico da due anni a causa dello stato rovinoso in cui si trova un altro palazzo storico. O alla pittoresca Via Saffi, in cui buona parte della carreggiata stradale è impedita al transito a causa di edifici ridotti a un mucchio di macerie. O al 'corso di sopra' (corso De Gasperi, ndr), in cui si trova un palazzo con ancora ben visibili i segni dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, anch esso a rischio cedimento. O proprio a piazza San Paolo, divenuta un parcheggio di servizio. Per non parlare, infine affonda la docente - della pulizia e illuminazione delle strade del centro storico, del tutto insufficiente. Era stato promesso un piano urbanistico di recupero e riqualificazione, ma tutti noi residenti stiamo ancora aspettando». Tanta, ma davvero tanta volumetria abbandonata a se stessa che potrebbe e dovrebbe essere, invece, recuperata, riutilizzata e valorizzata per scopi pubblici, privati e commerciali. DA VIA SAN GASPARE Altro scorcio desolante 70 anni di incuria Fu costruito agli inizi del 1700 dal cardinale Benedetto Pamphilj al posto di alcune case di campagna, il maestoso edificio fu oggetto di numerose espansioni fino allʼultima, e più recente nei primi anni del '900. Palazzo Pamphilj è disabitato da circa 70 anni, da quando, subito dopo la guerra, lʼamministrazione comunale pro-tempore lo mise a disposizione di 54 famiglie senzatetto. Poi lʼoblio. Ed ora anche il pericolo pubblico. Le macerie che non ha prodotto la guerra, le hanno fatte l'incuria e la miopia amministrativa. LA FACCIATA SFIGURATA La testata principale di palazzo Pamphilj, che affaccia su piazza San Paolo. Tolti i ponteggi,non è in corso alcun lavoro di ristrutturazione e/o consolidamento CORINNA LUCARINI La docente ha segnalato il caso SUITE IN CENTRO All utlimo piano di Palazzo Pamphilj c è chi ci vive e guarda la tv Le caratteristiche del Palazzo Il lotto di palazzo Pamphilj, ha un perimetro di 350 metri, per un totale di metri quadrati. Gli stabili ricoprono un'area di mq. Ma è il volume complessivo ad essere davvero incredibile: metri cubi, disposti a forma di V. Lʼequivalente di 70 villette a schiera. Che si trovano attualmente in un stato di completo abbandono e degrado, ed a rischio di crollo.

12 12 ANIMALI n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 LANUVIO, CANE TROVATO MORENTE IN UN CASSONETTO Le volontarie dei Castelli ni hanno riportato in vita il cane APRILIA, STRADA STATALE PONTINA Cane incidentato soccorso dall Ass. Amici di Birillo Onlus APRILIA, RANDAGIO SEDATO, STERILIZZATO E RIMESSO IN LIBERTÀ Sterilizzato dopo 10 cucciolate in 6 anni. Ora i volontari lo sfamano e curano L aumento dei cani abbandonati (+40%) è un costo che pagano i volontari a proprie spese e i cittadini attraverso tasse I numeri crescono nei periodi di vacanza, parola dei volontari dei canili di e Bianca Francavilla «Con la crisi che c'è non possiamo più permetterci un cane», «ci siamo separati e non siamo riusciti a metterci d'accordo su chi dovesse tenerlo», «è troppo vecchio, ne voglio uno più giovane», «dovevo tornare nel mio paese e non sapevo dove lasciarlo». Queste le scuse più gettonate per giustificare l'abbandono del proprio cane. Qualunque sia la motivazione, nella maggior parte dei casi vuol dire condannarlo a morte. CANILE DI LATINA Momento ricreativo per i cani di taglia grande ABBANDONI: +40% NEL 2013 Secondo le statistiche di Aidaa nel 2013 il fenomeno dell'abbandono di animali è cresciuto del 40%. Maglia nera per il Lazio, che è al quarto posto in classifica dietro Puglia, Campania e Calabria. Tenere un cane in canile, oltretutto, è un costo. Per il Comune e, di conseguenza, per noi che paghiamo le tasse. Secondo la legge ogni Comune deve provvedere a identificazione e microchippatura di tutti i cani, canili e rifugi pubblici, campagne per promuovere le adozioni e controllo delle nascite per contenere il numero. La normativa però è vaga ed ogni Comune si comporta in maniera differente: «se il Comune di Marino stanzia euro forfettari, il Comune di Lanuvio - spiega una delle volontarie che ha commesso atti eroici - non stanzia niente». Il lavoro delle associazioni in questo senso ha importanza oltre che umana anche economica: trovare famiglia ad un amico a quattro zampe abbatte i costi del Comune e, di conseguenza, dei cittadini. «Ad Aprilia -, spiega una volontaria dell'ass. Amici di Abbandono dei cani, fenomeno in crescita Birillo Onlus - di positivo c'è il grandissimo aiuto da parte di Comune e Asl che sterilizzano gratuitamente cani privati e randagi e di negativo i continui abbandoni che compensano e superano le pur numerosissime adozioni». LA MISSIONE DEI VOLONTARI A differenza di quanto si immagina l'attività dei volontari ha molte sfaccettature. Tutto parte da un affiancamento per capire come potersi muovere anche se, spiegano, basta un po' di pratica e un cuore grande. Alla cattura degli animali dalla strada segue l'importantissima sensibilizzazione alla sterilizzazione. Attraverso siti internet, social network, siti di annunci animali e visite dirette in canile vengono mossi i primi passi verso l'adozione del cane. A questo punto i volontari effettuano colloqui telefonici, controlli pre-affido a casa, test con semplici domande utili ad avere la certezza che il cane sarà ben accolto con domande tipo dove pensi di tenere il cane?. «Il cane spiega una volontaria del canile di deve trovare la famiglia giusta. A chi non ne ha mai avuto uno consiglio un animale dal carattere tranquillo, così come cerco di non dare ad un anziano un cucciolo». Alle spese dove non arriva il Comune, inoltre, arrivano gli stessi volontari che «sono una manna dal cielo: il loro operato abbatte i costi». Una volta al mese effettuano staffette e viaggi a proprie spese per portare i cani dove richiesti. Curano, dunque, personalmente la delicata fase dell'adozione fino alla firma di tutte le carte. DA 300 A 1000 GLI EURO SPESI DAI COMUNI ALL ANNO PER MANTENERE OGNI CANE IN CANILE (Fonte: Zoomafia) VACANZE: GLI ABBANDONI CRESCONO I numeri crescono esponenzialmente durante le vacanze. Si pensi che in Italia da giugno ad agosto sono stati circa 20 mila i cani abbandonati al giorno: uno ogni due minuti. Occorre ricordare che portare un amico a quattro zampe in vacanza è semplicissimo: basta il passaporto che rilasciano alla Asl in pochi giorni previa certificazione del microchip e vaccinazione antirabbia ed è possibile viaggiare anche in aereo e verso ogni dove. Prima, però, gli abbandoni si concentravano in particolari periodi di tempo (vacanze estive e natalizie e a marzo e settembre nel periodo delle cucciolate) spiega una volontaria del canile di : «oggi gli abbandoni ci sono in ogni periodo. Se prima la prassi era che nel mese di marzo e settembre trovavamo davanti al canile cuccioli abbandonati, oggi questo accade in tutti i mesi. Ogni cane, infatti, va in calore in periodi diversi e i cagnolini arrivano ininterrottamente». Nel periodo invernale, inoltre, crescono i problemi del resto dell'anno. Occorre un gran numero di piumoni, coperte e maglioni caldi che si possono portare direttamente nelle sedi dei canili. A questi ultimi, ad esempio, vengono tagliate le maniche e trasformati in cappottini per quelli di taglia più piccola. Per i cani più anziani, che soffrono di dolori alle ossa, il freddo può infatti essere letale. CANILI - GLI INDIRIZZI LATINA ASSOCIAZIONE AMICI DEL CANE via Congiunte Destre 0773/ OSPEDALE VETERINARIO PACIFICO via Fontana Murata 75 (Sermoneta) 0773/ CANILE GALILEI via Bastianese 335/ ADOTTA PELOSO via Migliara 57 (Terracina) 388/ APRILIA CANILE DI APRILIA PELLINI via Torre del Padiglione 06/ ARDEA/POMEZIA ALBADOG via delle Monachelle Vecchia, 47 (Pomezia) 06/ CASA DELL'ARMI via dell'armi, 3 (Ardea) 06/ CASTELLI CANILE SANITARIO HOTEL DEGLI ANIMALI via Nettunense 73 (Marino-Pavona) CLINICA VETERINARIA VELLETRI via Ariana 06/ REATI BESTIALI Uccisione di animali per crudeltà o senza necessità: reclusione da 3 o 18 mesi Maltrattamento di animali: da 3 mesi a 1 anno e con multa da a euro Spettacoli che provocano strazio per animali: reclusione da 4 mesi a 2 anni e con multa da a euro Organizzazione di combattimenti tra animali che mettono in pericolo l'integrità fisica: reclusione da 1 a 3 anni e multa da a euro Abbandono animali domestici: reclusione fino ad un anno o multa da a euro Uso di cani e gatti per pelli e pellicce: arresto da 3 mesi a 1 anno o multa da a euro

13 il Caffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio pag. 13

14 14 n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 Oggi anche le persone più anziane in buona salute possono riavere i denti fissi grazie a tecniche meno invasive DENTI FISSI? CHE PROBLEMA C È! INFORMAZIONE PUBBLICITARIA meriterebbe di finire con una dentiera Nessuno dentro un bicchiere di acqua : con questa famosa frase il Prof. Branemark spesso terminava i suoi congressi scientifici sull implantologia già alla fine degli anni 70. Teniamo sempre in mente che per non perdere i propri denti è fondamentale prendersi cura della propria bocca sin da piccoli, iniziando proprio Abbiamo deciso di pubblicare una storia di un uomo di 91 anni, Armando Giorgi, che per 60 lunghi anni è stato portatore di due protesi mobili ovvero di due dentiere. La storia clinica remota del paziente è una storia di piorrea avanzata non curata e che per mano di dentisti abusivi dell epoca si è conclusa con la dentiera. Armando Giorgi si trova molto bene con la dentiera superiore che per altro non gli crea nessun disagio, mentre la dentiera inferiore cominciava già da tempo a creare problemi di tenuta. Tutto questo però non è mai stato un problema per Armando che sin dopo la seconda guerra mondiale ha sempre vissuto e lavorato in campagna, avendo una vita sociale limitata esclusivamente alla sua famiglia. Il disagio per la dentiera inferiore è diventato insostenibile da quando il Signor Armando Giorgi ha cominciato ad essere invitato a cene e pranzi sociali in quanto reduce di guerra di Russia. Armando si distingue in modo particolare per la sua stoica serenità ed ha sempre un gran sorriso per tutti e se c è una frase che può rappresentarlo appieno è...e che problema c è!. Per lui non ci sono mai problemi e da sempre qualsiasi cosa l ha affrontata con una forza d animo che non ha eguali. Armando però ora ha un desiderio: «il mese prossimo mi dalla prevenzione: Prevenire è meglio che curare ed è l unico modo per spendere economicamente il meno possibile e per non perdere la propria preziosa salute orale. Nonostante questo, invece della prevenzione della salute orale oggi si parla di denti fissi e di implantologia dentale ovunque, anche su riviste, non scientifiche come appunto questo giornale che state leggendo ora. Se ne parla in quanto tutti devono sapere che oggi è possibile riavere i propri denti senza dover necessariamente limare denti sani per fare i ponti su denti naturali sani come si faceva prima che si scoprissero gli impianti. Inoltre se oggi non abbiamo più i denti, possiamo riaverli La vita intensa di Armando Giorgi La salute della bocca dei pazienti va difesa con la professionalità e la coscienza del dottore curante Un esempio di protesi fissa su impianti che non sono visibili ad occhio nudo ricorrendo all implantologia eliminando così la dentiera: è questa la possibiltà di cui il Prof. Branemark già parlava alla fine degli anni '70. Nessuno però poteva immaginare né tanto meno prevedere che in Italia si inserissero così tanti impianti. Oggi ci sono intere campagne pubblicitarie e imprenditori che investono negli studi dentistici che propongono impianti e denti a basso costo. Ma la bocca dei pazienti non è un tiro al bersaglio, né tanto meno un posto dove speculare, mettendo il maggior numero di impianti perché più ce n è meglio è. Ma soprattutto la salute dei pazienti non è un prodotto, né tantomeno un luogo dove poter liberamente speculare. La salute della bocca dei pazienti va difesa con la professionalità e la coscienza del dottore curante. Lo Specialista, il Dottore regolarmente iscritto all' hanno fissato un incontro dove ci sarà il sindaco di Aprilia ma come faccio con questa dentiera di sotto che mi scappa via mentre parlo o mangio?». Armando Giorgi è un artigliere reduce di Russia, nato nel 1922 ed originario di Cingoli (Macerata). A maggio del 1942 è partito per la Russia, affrontando un viaggio di 14 giorni e 14 notti per arrivare fino a Voronez, nei pressi del fiume Don. Il suo lavoro in prima linea consisteva nello studiare lʼalfabeto Morse e i segni segreti per comunicare poi ai compagni artiglieri il punto preciso in cui sparare: 3 anni di guerra in continua tensione. Il ritorno in patria fu poi lungo, faticoso (in parte anche fatto a piedi per centinaia di chilometri) e pericoloso, dovendo sfuggire ai tedeschi dopo lʼarmistizio. Scampato più volte alla cattura, dovette rifugiarsi con la famiglia nelle grotte, dove morì la madre Maria a causa dello scoppio di una granata. Albo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, valutando attentamente le condizioni generali di salute del paziente può sottoporlo ad una riabilitazione e ad una cura completa della bocca. Oggi il desiderio delle persone, anche le più anziane in buona salute, di riavere i denti fissi può essere realizzato con tecniche di implantoprotesi all'avanguardia e con interventi meno invasivi. Per approfondire: Tel Siamo stati tutti onorati e molto orgogliosi nel rispondergli:... e che problema c è!. Armando Giorgi ha 91 anni, presenta un buono stato di salute, assume regolarmente molti farmaci come tutte le persone anziane, ma è sempre sotto controllo medico generale ed è quindi ben compensato. È stata eseguita una unica chirurgia implantare mininvasiva con ricostruzioni ossee minimali e l inserimento di 4 impianti dentali. L intervento è durato circa 3 ore e non c è stato nessun problema. Tra l altro il paziente abituato a ben altri sacrifici non si è nemmeno minimamente stancato. Nelle ore successive il decorso postoperatorio è stato molto buono e dopo qualche giorno è stata fissata una protesi totale sugli impianti inseriti. In pochi giorni Armando è tornato ad avere i denti fissi inferiori ed è potuto andare all incontro con il sindaco di Aprilia senza il disagio della dentiera. La competenza non s improvvisa Dr. ANDREA PANDOLFI Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria cum laude presso lʼuniversità degli Studi di Siena. Iscritto allʼordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di al n In Italia la Laurea per diventare Dottori Odontoiatri esiste dal Un buono stato generale di salute è l unico requisito per sostenere un intervento che migliora notevolmente la qualità della vita Nonno Armando: I miei denti fissi a 91 anni LO STAFF DELLO STUDIO PANDOLFI CON NONNO ARMANDO: da sin., Marisa, Roberta, Tiziana, Francesca, Andrea, nonno Armando, Simona, Adelaide, Fabiola PIÙ VOLTE PREMIATO Armando Giorgi col sindaco di Aprilia

15 n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 NOTIZIE DALLA REGIONE AMBIENTE L annuncio in Regione: ampliamento degli impianti esistenti e nuove centrali biogas a rifiuti Ampliano discariche e inceneritori Commercio Saldi al via il 4 gennaio Non si farà l inceneritore dei Castelli ad Albano. Zingaretti:«Differenziata al 65% nel 2020». Ma per legge c è tempo fino al Era, ormai, il segreto di Pulcinella ma finalmente la notizia è divenuta pubblica ed ufficiale durante il convegno in Regione Rifiuti e Piano regionale del Lazio, dallo scenario all attuazione, promosso da Confservizi Lazio, - la nota Associazione di Aziende ed Imprese private che gestiscono servizi pubblici quali rifiuti, acqua, gas, energia e trasporti, il 13 dicembre. È stato niente meno che Giuseppe Labarile, potente presidente di Confservizi-Lazio, a darne notizia, ancora prima del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e dell Assessore Regionale ai rifiuti, Michele Civita: «Non appare necessario procedere alla costruzione di nuovi impianti di incenerimento nella regione Lazio, ma solo ampliare od ultimare quelli già esistenti». Tradotto in parole povere, è molto probabile che i pezzi delle due linee di incenerimento del gassificatore di Albano parcheggiati, da tre lunghi anni, nella discarica di Roncigliano (nel comune di Albano, vicino Ardea, Pomezia e Aprilia), finiranno presto a Malagrotta, dove dovrebbero essere integrati, quanto prima, all unica linea pre-esistente, costruita nel corso del 2009 e ferma ormai da 2 anni e mezzo. In sostanza, si cambia solo sito, ma l incenerimento resta, oggi come domani, un vero e proprio caposaldo del nuovo Piano rifiuti regionale. Tant è vero che il materiale bruciato ogni anno crescerà dalle attuali 500 mila tonnellate, a circa 720 mila. Per il resto, un film già POLITICI E LOBBY SVELANO IL NUOVO PIANO REGIONALE RIFIUTI da sin. l assessore all'ambiente Civita, il presidente Zingaretti, il presidente di Confservizi, G. Labarile e Sergio Leone presidente della fondazione Sviluppo Sostenibile espressione della lobby dei rifiuti ed inceneritori ed altri settori industriali visto e rivisto: «In conseguenza della forte crisi economica - dichiara lapidario, poco dopo, il Presidente Zingaretti - c è stata una significativa riduzione dei rifiuti prodotti nella Regione Lazio. Inoltre la differenziata ha avuto, negli ultimi due anni, un incremento del 4% su base regionale». Ancora troppo poco, questo risultato non è in linea con gli obiettivi di legge italiani ed europei. Eppure, roba da non crederci, la Regione Lazio sta portando a compimento istruttorie amministrative per raddoppiare, tonnellata più, tonnellata meno, la capacità volumetrica complessiva delle discariche regionali. Che significa? Attualmente nelle discariche del Lazio sono disponibili circa 2 milioni e mezzo di metri cubi residui di spazio per seppellire l'immondizia urbana indifferenziata (anziché riciclare i materiali). Sono in via di autorizzazione definitiva, presso l Ufficio rifiuti della Regione, circa altri 2 milioni di nuovi metri cubi. Fatevi un po i conti. Stesso, inoltre, dicasi per gli impianti di compostaggio, le cosiddette centrali a biogas (o biomassa) alimentate a rifiuti. Al 2010 risultavano autorizzati 19 impianti, per un totale di 290 mila tonnellate di rifiuti trattati all anno. Sono in corso di istruttoria ed autorizzazione impianti per il trattamento di altre 400 mila tonnellate all anno. Ancora mortificata, invece, la vera, unica, efficace e sostenibile soluzione, cioè raccolta differenziata porta a porta con il conseguente recupero delle materie (carta, cartone, metalli, vetro, oli, plastiche ecc.). «Il piano prevede il raggiungimento dell ambizioso obiettivo del 65% di porta a porta al 2020 al livello regionale», ha spiegato il Presidente Zingaretti. Un risultato assai più modesto, il 35% di differenziata, andava raggiunto entro il Ora è arrivata la leggina salva-casta: il Governo, appena pochi giorni fa, ha approvato una disposizione che obbliga i Comuni italiani a raggiungere il 65% di porta a porta entro e non oltre il 31 dicembre 2016? Daniele Castri e Francesco Buda Il 4 gennaio 2014 partono i saldi invernali nel Lazio e dureranno fino al 15 febbraio Ma in attesa degli sconti, per ora si pensa agli acquisti natalizi. La Confesercenti fa sapere che la crisi si fa sentire e lo shopping natalizio è partito un po' sottotono. Si fa più attenzione al prezzo e si cercano prodotti sotto i 70 euro. Brilla invece su tutti il settore hi-tech, poiché la tecnologia è molto richiesta, soprattutto tra i giovani. Rifiuti e falda inquinata a Processo B. Montello, Regione parte lesa All'udienza del processo per la discarica di Borgo Montello di è stata accolta la richiesta di costituzione di parte offesa della Regione Lazio. Secondo quanto riferito dal pentito di mafia Carmine Schiavone, in quell'area potrebbero essere stati interrati anche rifiuti tossici che causerebbero gravi danni al territorio. Il processo ripartirà il 12 febbraio 2013 con il deposito della perizia da parte del consulente tecnico del Gup. Legambiente ha chiesto con urgenza la costituzione della DDA a, investimenti in favore dei Tribunali e delle Forze dell'ordine e assunzioni di responsabilità da parte della politica per liberare il territorio pontino dal cappio della criminalità organizzata. La costituzione in giudizio della Regione Lazio è un segnale importante. ECONOMIA Solo 4 imprese iscritte nelle white list presso le Prefetture Ditte col bollino antimafia, Lazio a zero. Forse un flop Si chiama Elenco dei fornitori prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, la cosiddetta white list prevista oltre un anno fa dalla cosiddetta Legge anticorruzione (n. 190 del 6 novembre 2012). Da agosto scorso l'imprenditore può richiedere alla prefettura in cui ha sede la ditta l'iscrizione in questo elenco delle aziende pulite. I settori ai quali si riferisce sono 9 e riguardano prevalentemente i cantieri. In pratica si riferiscono a movimento terra, servizi di trasporto materiali e rifiuti, fornitura di calcestruzzo, bitume e ferro, noleggio di attrezzature (con o senza conducente) e guardiania dei cantieri. L'iscrizione in questi elenchi si traduce in una sorta di vaglio preventivo, passato il quale le aziende possono lavorare senza intoppi burocratici in fatto di legalità. L'inserimento in queste liste certifica che l impresa ha assolto agli obblighi antimafia negli appalti. Quindi un bollino antimafia che per l'impresa iscritta significa poter ottenere, per 12 mesi, contratti di appalto superiori a 5 milioni e subappalti oltre 150mila euro senza dover superare altri controlli. Può essere un utile strumento per una sana economia, specialmente in comparti altamente esposti e più sensibili alle contaminazioni del crimine organizzato, come quelli dei rifiuti e dell'edilizia. Non a caso le Fillea Cgil, il ramo edile del sindacato rosso, ha LATINA La Prefettura. Nessuna ditta ancora iscritta nella lista antimafia svolto un'indagine su 104 prefetture per verificare se avessero rispettato l'obbligo di pubblicare sui loro siti internet le white list ed ha riscontrato che solo 19 le avevano pubblicate e ben 75 avevano sotanto i moduli per richiedere l'iscrizione. La stampa ha gridato al flop, sottolineando che l'iniziativa non è decollata, con l'aggravante che sono rarissime le adesioni nelle aree a maggiore presenza mafiosa, come Sicilia, Calabria e Campania. Anche nel Lazio, dove da tempo 'ndrangheta a camorra hanno nesso le radici, pessimi segnali: la Cgil ha registrato una sola ditta iscritta alla white presso la prefettura romana, una pioneristica Srl di Albano Laziale L iscrizione evita all impresa che si occupa di appalti altri controlli in materia di antimafia per un anno che si occupa d trasporto e smaltimento materiali a discarica e rifiuti di trasporto terra, inerti, calcestruzzo e bitume nonché di fornitura attrezzature e ferro lavorato. Il Caffè è andato a verificare se nel frattempo si è mosso qualcosa. I primi di dicembre sono diventate 2 le ditte col bollino antimafia nella provincia di, dove risultano iscritte alla Camera di Commercio oltre le imprese nei settori previsti dal nuovo istituto. Presso la prefettura di ancora zero iscrizioni alle white list, mentre le richieste sarebbero una ventina, da quanto riferisce una funzionaria prefettizia. Un mortorio anche nelle altre 3 province laziali, Frosinone, Rieti e Viterbo. Solamente in quest'ultima risultano un paio di aziende nell'elenco delle ditte con marchio antimafia e in due soli àmbiti: una cooperativa nei settori Trasporto di materiali a discarica per conto terzi ed Autotrasporto per conto terzi, ed una Srl soltanto nella prima di queste due attività. Ad occuparsi per legge di queste liste è la prefettura in ciascuna provincia perciò ad essa che devono rivolgersi gli imprenditori che vogliono richiedervi l'iscrizione, che è facoltativa. E proprio qui starebbe la falla, almeno secondo l'ex prefetto di, Bruno Frattasi, che ora è coordinatore del Comitato di coordinamento per l'alta sorveglianza delle grandi opere. «C'è una sola strada per evitare che le white list restino un guscio vuoto - ha detto al quotidiano economico Il Sole 24 Ore - : bisogna renderle obbligatorie». I moduli per la richiesta di iscrizione, alla quale segue una necessaria istruttoria prefettizia, si trovano sui siti delle prefetture all'interno della sezione Amministrazione trasparente, alla voce Attività e procedimenti. Nella stessa sezione, ma sotto la dicitura Provvedimenti è possibile consultare le (finora deserte) liste delle imprese non contaminate da mafiosi. Francesco Buda

16 16 Il Magistrato scrittore di e il suo noir La misteriosa ed affascinante atmosfera di Praga entro cui si snoda un'altrettanto GUIDO MARCELLI Magistrato affascinante e misteriosa trama che vede protagonista il signor K. Cercando Kafka è lʼultimo romanzo di Guido Marcelli, magistrato in servizio al tribunale di con la passione ed il talento della scrittura letteraria: una avvincente trama di un apparentemente semplice impiegato di banca, giunto a Praga sulle orme di Kafka per un pellegrinaggio mistico-letterario, che si troverà al centro di una serie di misteriose vicende affollate da personaggi stravaganti e mai limpidi, agenti della polizia segreta, claustrofobiche aule di tribunale. Per le vie della vecchia Praga, fatti inspiegabili spingono K. a ripercorrere alcune delle tappe vere o presunte della vita artistica di Kafka. E in un apparente gioco dellʼassurdo si materializzano i personaggi letterari del romanziere. Spettro dopo spettro, la verità su K. e sullʼintero sistema in cui è stato risucchiato verrà finalmente alla luce. nzo estroso, surreale, ironico, Cercando Kafka è un tributo appassionato ad uno dei più grandi scrittori del Novecento reso attraverso una storia coinvolgente sin dalle prime righe ed uno stile narrativo avvincente. Marcelli, dunque, dà seguito alla tradizione dei grandi uomini di legge-narratori da John Grisham o, per restare in ambito italiano, da Gianrico Carofiglio a Giancarlo De Cataldo. Nel 2005 ha pubblicato una raccolta di racconti dal titolo "Passeggiando tra gli scavi" e nel 2011 la raccolta La fucina delle nebbie. Eʼ giunto finalista in diversi premi letterari. IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 La pianista pontina supera le selezioni per il famoso talent culinario e approda su Sky Andreina, da a Masterchef Andreina Nascani, 44 anni, docente di scuola superiore, pianista pontina che si esibisce in Italia e all estero, parteciperà alla terza edizione di Masterchef in onda su Sky Uno a partire dal 19 dicembre alle 21:10. Un traguardo davvero ambito da molti che qualche mese fa sembrava irraggiungibile. «È iniziato tutto per gioco commenta Andreina Nascani adoro la creatività di Masterchef, non è una normale trasmissione di cucina, e perciò ho deciso di fare domanda. Tutto è iniziato così, un po per scherzo, nonostante una vita piena di responsabilità (5 figli!) e un po per mettersi alla prova in un campo dove servono passione e talento, proprio come per la musica. E così, dopo qualche giorno arriva la telefonata in cui la redazione di Masterchef li. Questo ed altro ancora hanno fatto sì che gli mi invita per un provino a. Certo che autori del programma, insieme ai temutissimi vengo, dico senza esitare, pensando di trascorrere comunque una giornata diversa dalle guerritissimi concorrenti, provenienti da tutta chef, la selezionassero tra più di ag- solite in mezzo a tanti aspiranti chef». Italia per l attesissima prima puntata della La passione per la cucina, insieme a quella per nuova serie di Masterchef: quella dei cento. I la musica che la accompagna da tutta la vita, cento migliori aspiranti cuochi d Italia, naturalmente. Speriamo che riesca a strappare le hanno permesso di creare un piatto creativo dal gusto tradizionale ma dal tema musica- La 44enne tra i 100 partecipanti che si sfideranno l ambito grembiule. Buona fortuna Andreina! ANDREINA NASCANI le, proprio come un compositore tra i fornel- tra i fornelli di Masterchef, in onda dal 19 dicembre L attore apriliano, nel cast di Colpi di fortuna, ora al cinema, vestirà i panni di un maldestro arabo Paoletti, da Aprilia al cinema con De Sica Èuscito nei cinema italiani prese di Squadra Antimafia 6, che andrà Colpi di sfortuna, il cinepanettone con Cristian De Sica, sarà un affiliato della banda dei Ragno e in onda il prossimo autunno su Canale 5: Lillo e Greg, Luca e Paolo e Francesco Mandelli. In questo cast stellare flitto a fuoco. «Ho lavorato molto anche morirà tragicamente nel corso di un con- compare anche l'attore di Aprilia come Stuntman in questa serie spiega Francesco Paoletti, che da un anno : per me è stata una esperienza nuova». ormai è stato promosso da comparsa Paoletti debutterà anche come regista di a ruoli di primo piano. Nella pellicola un cortometraggio da lui scritto ed interpretato, Giù come un'ancora, girato du- natalizia, per la regia di Neri Parenti, Paoletti è un arabo che avrà uno rante i festeggiamenti del Santo Patrono scambio di battute ed equivoci di Aprilia e che ha ricevuto il patrocinio con Mandelli. Per Francesco Paoletti, del Comune. Il corto sarà presentato ai laureato al Dams, questo è un periodo prossimi festival del corto in programma a e nel Lazio. L attore apriliano ha recitato al fianco DE SICA E PAOLETTI fortunato: ha da poco terminato le ri- dell attore comico romano Questi giorni sono i più convenienti dell anno per chi deve acquistare un mobile. Infatti entro fine anno, oltre ai benefici del bonus fiscale sulle ristrutturazioni, che ora è molto più facile ottenere, il grande mobilificio Errequ di Ardea propone addirittura di acquistare il tuo mobile usato a fronte dell acquisto di uno nuovo. Anzi, il pagamento dell usato viene anticipato in contanti anche nel caso di acquisto rateizzato. Si possono realizzare fino a euro subito, rimodernando l arredamento della propria abitazione e poi recuperare negli anni successivi anche il 50% della spesa grazie al bonus fiscale. L esposizione di Errequ Arredamenti si sviluppa su una superficie di mq, articolata su tre piani interamente dedicati alle soluzioni d'arredo per la casa. Errequ Arredamenti presenta un allestimento speciale dove trovare idee regalo e articoli di design e arredo per il vostro Natale Ce n è davvero per tutti i gusti, e per tutti i budget. Quadri, vasi, lampade, candelabri, cornici, oggetti, cuscini, tappeti, piccoli complementi d'arredo e idee per una casa natalizia originale da regalare ai propri cari, ma anche a se stessi. Senza sprechi e con grande creatività, a Natale, trovare il regalo giusto è uno scherzo da ragazzi: guardate sotto l'albero di Errequ Arredamenti e troverete le idee regalo perfette per i vostri cari e per gli amici. Inoltre, come sempre i creativi e gli architetti di Errequ Arredamenti vi aiuteranno a rendere INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Come rifare il look alla propria casa e mettersi in tasca fino a IL MOBILE USATO VALE ANCORA MOLTI SOLDI la vostra casa speciale, per condividerla con gli amici durante le feste e oltre. Errequ Arredamenti Ardea - Via Laurentina Km 30 Numero verde La band castellana tra creatività e live di grande successo Nuovo video degli Eva Mon Amour Le cose continuano a muoversi per gli Eva Mon Amour, punta di diamente dell'indie rock dei Castelli ni. Il nuovo video, Nascondigli Per I Cani (brano tratto da Lo Specchio E L'Aspirina) è uscito da poche settimane e rappresenta un ottimo compendio tra musica ed animazione. «Il video è nato grazie all'amicizia con Cristiana Cerretti, una ragazza che abbiamo conosciuto proprio ai nostri concerti -, dice Emanuele Colandrea, voce e chitarra degli Eva. «Abbiamo scoperto che Cristiana era anche un'ottima disegnatrice e quindi ci è sembrato naturale proporle il lavoro sul video, visto che volevamo fare qualcosa di diverso. L'intervento degli animatori Andrea Di Cesare e Marco Cilenti ha reso tutto perfetto. Il risultato è piaciuto parecchio». Il gruppo ha avuto modo di suonare per la prima volta insieme a Rodrigo D'Erasmo (Afterhours). «Conosciamo Rodrigo da 12 anni ed abbiamo collaborato con lui diverse volte. Ma questa è stata la prima volta che ci esibivamo insieme su un palco. Il suono che è uscito è stato più psichedelico». Che progetti ci sono per il futuro degli Eva Mon Amour? «Abbiamo gli ultimi live in programma; poi, visto che è un bel po' che giriamo in tour, ci fermeremo. Vorremmo rientrare in studio la prossima primavera». Ed invece tu, Emanuele, ti stai muovendo in altre direzioni? «Il progetto più imminente è quello di Galoni (altro cantautore dei Castelli ni) dove suono la batteria ed il cui disco uscirà a breve». E. Chiti Vincono le audizioni nazionali della Gioventù Musicale d Italia I pontini Cellacchi suonano a Milano Igiovani musicisti Andrea e Riccardo Cellacchi di hanno vinto le Audizioni Nazionali 2013 indette dalla Gioventù Musicale d Italia. Entrambi allievi del Conservatorio di Musica O. Respighi, i due fratelli si sono esibiti con successo nel Concerto di Premiazione presso il Teatro Dal Verme di Milano. I finalisti della VI edizione delle Audizioni Nazionali sono il risultato di una severa selezione tra circa 150 partecipanti. La Gioventù Musicale da sempre sostiene i giovani musicisti che hanno fatto della musica il loro sogno per il futuro. Ha tra le sue finalità il sostegno e la valorizzazione dei giovani musicisti. I fratelli Cellacchi verranno immessi nel circuito dei concerti che si organizzano in tutta Italia. I Cellacchi, 16 e 14 anni, hanno fatto parte della JuniOrchestra dell Accademia Nazionale di S. Cecilia.

17 il Caffè n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio pag. 17

18 I COLLABORATORI: Marco Montini, Elisa Pellegrini Luciano Sciurba, Silvia Dragone, Maristella Bettelli, Luca Priori Michela Emili, Emanuele Chiti, Francesca Ragno FRASCATI L opposizione attacca l amministrazione: Uso improprio dei locali del mercato per ospitare le Primarie Pd Accesa polemica sull uso del mercato coperto La situazione in cui versa il mercato coperto è nota da tempo: al piano sotterraneo sono rimasti solo pochi banchi di frutta e verdura, mentre al piano superiore c è il deserto assoluto, gli stand che prima lo riempivano non ci sono più e lo stato di fatiscenza e abbandono è totale. Ad andare all attacco sulla gestione dell immobile e ad interrogarsi sull uso fatto dall amministrazione comunale di alcuni locali comunali, tra cui sono la coordinatrice di Forza Italia Anna Delle Chiaie, il capogruppo Marco Boldrini e il presidente del gruppo consiliare Mirko Fiasco. «È singolare che questi locali, in stato di abbandono, siano stati oggetto di improvvisi lavori di pulitura e di riqualificazione, tanto da aver costretto la Sts (Società Tusco- DA TEMPO NEL DEGRADO La municipalizzata Sts è dovuta intervenire con uomini e mezzi per ripulire e rendere fruibile il mercato coperto per le Primarie del Pd La riqualificazione della struttura dovrebbe essere obiettivo primario dell amministrazione lana Servizi), la municipalizzata del Comune di Frascati, ad intervenire con un uso intensivo di uomini e mezzi, in corrispondenza dell uso di tali locali per le primarie. La riqualificazione del mercato coperto dovrebbe essere un obiettivo primario per la Città, non una necessità ad uso di attività politiche. La frettolosa pulizia effettuata è l ennesima toppa che non risolve i problemi presenti nei locali, come la presenza di fili scoperti, i registratori di cassa lasciati a terra ed i banconi impolverati. Questi locali - si chiedono servono per fornire un servizio di mercato coperto alla cittadinanza oppure per fornire locazioni gratuite per altre destinazioni?». Insomma, la questione mercato coperto continua a far discutere. La struttura, infatti, sembrava dovesse essere concessa in utilizzo all associazione di commercianti Frascati vive e imprende proprio in occasione di queste festività natalizie per realizzare al suo interno una sorta di piccolo villaggio di Babbo Natale. Saltato però l accordo, è stato il Pd a chiedere di poterne disporre degli spazi per le primarie del partito. Il rischio adesso è che il mercato coperto ritorni nell incuria in cui è piombato da diversi anni. Maristella Bettelli GROTTAFERRATA Per le comunali 2014 Forza Italia sceglie Fontana come candidato Il centro-destra si prepara per affrontare le amministrative 2014 lanciando la candidatura di Giampiero Fontana, sostenuto dalla rigenerata Forza Italia e dalla lista civica Grottaferrata per Noi. Il candidato è stato presentato agli esponenti del centrosinistra locale. Inoltre anche il consigliere regionale Palozzi, ex sindaco di Marino, esprime il proprio sostegno alla candidatura di Fontana. GIAMPIERO FONTANA Candidato della rinnovata Forza Italia FRASCATI Riconoscimento ai laboratori Infn L acceleratore Ada è un luogo storico Il Sindaco Stefano Di Tommaso, il Presidente del Consiglio Comunale Paolo Ciuffa e l assessore alle Politiche Culturali Gianpaolo Senzacqua hanno partecipato, nei Laboratori Nazionali di Frascati dell INFN, all evento di celebrazione dell'ada, il primo acceleratore particelle-antiparticelle del mondo. L Anello di Accumulazione ADA, ha rappresentato una rivoluzione per la fisica delle particelle portando alla costruzione di circa acceleratori. «Quello ricevuto dalla European Physical Society è un ulteriore riconoscimento conferito ai laboratori di Frascati - dichiara il Sindaco Stefano Di Tommaso -. I laboratori hanno dato a Frascati un grandissimo impulso culturale ed internazionale». «Strettissimo è inoltre il legame con altri laboratori degli enti presenti sul territorio nazionale - afferma l Assessore alle Politiche culturali Senzacqua - che rendono l area anche un importante esempio delle principali attività di ricerca del nostro Paese». INFORMAZIONE PUBBLICITARIA ESODO DEI LAVORATORI: LE ISTRUZIONI INPS In data 5 novembre 2013, l INPS ha pubblicato il Messaggio n con il quale fornisce ulteriori indicazioni sul cd. esodo dei lavoratori anziani dalle aziende in caso di eccedenza del personale, possibilità prevista dalla riforma del lavoro e già trattata dall Istituto con la Circolare n. 119/2013. La Riforma del mercato del lavoro, attuata dalla Legge n. 92/2012, all articolo 4, commi 1 7 ter ha introdotto la possibilità in caso di eccedenza di personale, per i datori di lavoro che occupino mediamente più di 15 dipendenti, di stipulare accordi con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale, per promuovere l uscita dal mercato del lavoro di personale che raggiunge i requisiti minimi per il pensionamento, di vecchiaia o anticipato, nei 4 anni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro. Al fine di incentivare l esodo dei lavoratori più anziani, il datore di lavoro si impegna a: garantire loro la corresponsione di una prestazione di importo pari al trattamento di pensione VITO RICCARDI Consulente del lavoro presso Esservi.it srl che spetterebbe in base alle regole vigenti, che viene erogata ai lavoratori dall INPS e per la quale il datore di lavoro versa all INPS la cd. provvista mensile ; corrispondere all INPS la contribuzione fino al raggiungimento dei requisiti minimi per il pensionamento. Gli accordi con le organizzazioni sindacali possono essere raggiunti anche all interno della concertazione prevista ai sensi degli articoli 4 e 24 della Legge n. 223/1991 (procedura di mobilità) e può riguardare anche i lavoratori inquadrati come dirigenti, fermo restando la sottoscrizione dell Accordo di una delle Parti firmatarie il CCNL di riferimento. All azienda interessata è richiesta la presentazione di apposita domanda all INPS, unitamente ad una fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità in relazione agli obblighi assunti. L Istituto verifica l esistenza dei requisiti in capo al lavoratore ed al datore di lavoro con apposita istruttoria e, a seguito della sua validazione, l accordo diviene efficace. Per quanto riguarda la contribuzione è il datore di lavoro che provvede al versamento mensile all Istituto previdenziale della provvista per la prestazione e per la contribuzione figurativa. In assenza di tale versamento, l INPS è tenuto a non erogare le prestazioni al lavoratore. In caso di mancato versamento, l Istituto provvede a notificare un avviso di pagamento e, trascorsi inutilmente 180 giorni da tale notifica, procede all escussione della fideiussione. Esservi.it S.r.l fornisce attività di consulenza alle imprese ed ai professionisti. Gli interessati al nostro servizio di consulenza possono contattare i nostri consulenti ai numeri: o scrivere una mail a: -

19 n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 FRASCATI - GROTTAFERRATA 19 FRASCATI Chiunque avesse negato il voto sarebbe uscito dalla coalizione di centrosinistra. L opposizione ha votato contro Maggioranza unita per approvare il bilancio Il Bilancio previsionale 2013 del Comune di Frascati ha ottenuto il placet con il voto compatto della maggioranza di centro sinistra. Un passaggio scontato dopo il richiamo alla fedeltà delle segreterie di Pd, Sel, Psi Idv, che con una nota avevano lanciato un monito: chiunque avesse fatto mancare il proprio sostegno all amministrazione nella votazione del bilancio era da considerarsi fuori dalla coalizione di centro sinistra attuale e futura. Altrettanto compattamente la minoranza ha votato contro. Carente sulla problematica degli impianti sportivi, sulla riqualificazione del mercato coperto e sulle mancate dismissioni degli immobili. Non possiamo avallare il modus operandi della maggioranza che governa Frascati che non ha predisposto un piano di rientro sui debiti di alcune società sportive ne ha risolto alcune concessioni degli impianti sportivi palesemente fuori norma è stato il giudizio dei consiglieri di Forza Italia Marco Boldrini e Mirko Fiasco. Il conto lo pagheranno nuovamente i cittadini, non posso assolutamente votare questo bilancio - ha obiettato, invece il collega di minoranza Simone Carboni che, recentemente, ha aderito al Nuovo Centro Destra. Un bilancio che in questo periodo di grande criticità per le casse degli locali deve necessariamente fare i conti con i numeri che non tornano. E allora? Il documento fa riferimento al decreto Salvaimprese per portare una boccata d ossigeno alle casse comunali, attraverso l accensione ROBERTO MASTROSANTI Assessore al Bilancio di un mutuo di 15 milioni di euro presso la Cassa Depositi e Prestiti approvato attraverso una delibera di giunta. La prima tranche pari a 7,5 milioni di euro è già stata versata e con essa il Comune sta effettuando i pagamenti ai fornitori, in maniera graduale e rigorosamente, secondo l ordine cronologico delle fatture da saldare, come del resto prevede il decreto. L altre metà del finanziamento dovrebbe - invece - arrivare a gennaio. Una apertura di credito importante - dunque da rimborsare con una rata annuale da 800 mila euro per 30 anni. Una rata - spiega l assessore al Bilancio Roberto Mastrosanti - da pagare con i residui attivi, un anticipo cioè dei crediti che dobbiamo riscuotere. Ricordo, inoltre che, indipendentemente dal finanziamento della Cassa Depositi e Prestiti abbiamo provveduto a pagare molti più debiti rispetto all anno precedente, impegnando molte più risorse sia in conto capitale che nella spesa corrente. In una situazione non certo facile per gli enti locali- tiene ancora a precisare Mastrosanti questo bilancio non mette le mani nelle tasche dei cittadini e non intacca l alta percentuale di spesa che il Comune investe nel sociale, dove non ci sono stati aumenti di tasse: il gettito Tares (nuova tassa sui rifiuti e servizi) sarà nel complesso più basso del gettito Tarsu dello scorso anno. Insomma, su questo fronte i contribuenti frascatani tirino un sospiro di sollievo e dormano sonni tranquilli. Maristella Bettelli FRASCATI Iscrizioni entro il 20 dicembre Botteghe storiche, censimento al via Fino al 20 dicembre sarà possibile per gli operatori delle attività produttive di Frascati inserire le loro botteghe storiche nell elenco del Comune. L iniziativa servirà a fotografare precisamente tutte le realtà produttive locali. Questo per promuovere iniziative e progetti dedicati al commercio e al turismo. Il Comune perciò invita gli operatori del settore a comunicare l appartenenza della propria attività alla categoria delle botteghe storiche, indicando nome dell'attività, indirizzo e numero di telefono, documentazione fotografica e qualsiasi altro documento che possa accertare la reale presenza dell attività da almeno 50 anni. Ogni comunicazione dovrà pervenire esclusivamente a mezzo e mail, all'indirizzo CRONACA Nei negozi Arrestata banda di ladri Carabinieri e Polizia Locale portano a termine delle attività di controllo, arrestando componenti di una banda di ladri che aveva colpito le attività produttive dei Castelli romani e di. La banda, residente a, era esperta in furto e ricettazione di auto, abbigliamento, materiale elettronico, fotografico, assegni. Anche grazie all esame di filmati di telecamere sono riusciti ad individuare un membro della banda. Nelle case dei malfattori è stata rinvenuta refurtiva rubata in negozi di Frascati, Ciampino, Morena e.

20 20 CIAMPINO n dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 CIAMPINO Il gestore ADR presenta in Regione il piano per abbattere il frastuono degli aerei: cittadini e Comuni delusi Aeroporto, arriva il piano contro il rumore Il2 dicembre è stato finalmente consegnato da Adr, Aeroporti di Spa, l'atteso "piano di contenimento ed abbattimento del rumore" per l'aeroporto di Ciampino (avevano 3 anni di tempo, scaduti il 1 luglio scorso). Piano bocciato dal Comitato per la riduzione dell'impatto ambientale dell'aeroporto. «È una bufala - tuonano i cittadini -, un atto inutile, vergognoso e provocatorio nei confronti sia dei cittadini che delle Isituzioni, e non sana l illegalità in cui opera il G.B. Pastine. Chiediamo perciò alla Regione e ai Comuni di Ciampino, Marino e di respingerlo immediatamente, per evitare che passi con silenzio - assenso». A far infuriare il Comitato e i residenti è il mancato abbattimento del numero di voli. «Chiediamo di portarli dagli attuali a 60 (30 decolli e 30 atterraggi) giornalieri, come quanitificato da Arpa Lazio - spiega Roberto Barcaroli del Comitato -. Invece Adr propone sigillare dentro casa la popolazione più esposta. Vorrebbero, a spese loro, insonorizzare in 5 anni quei 150 palazzi più vicini alla pista. Ma ormai tutti hanno già i doppi vetri». Per le zone meno aggredite dai decibel, poi, vorrebbero spostare le rotte di decollo e atterraggio verso. «Cosa già tentata senza successo - affonda il Comitato - e che metterebbe i cittadini gli uni contro gli altri. L Arpa ha già verificato che ciò non risolve, ma semplicemente amplia l area sottoposta al rumore. C è solo una cosa da fare: riportare la legalità cioè consentire solo 60 voli al giorno. I tecnici regionali - sottolinea Barcaroli - a fine ottobre al convegno pubblico su questo tema hanno domandato come mai la Procura non intervenga». VERDE Per garantirne la sicurezza e il decoro Parchi pubblici chiusi la notte Dal 2 dicembre è entrato in vigore il nuovo orario di apertura dei parchi cittadini. Per garantire un corretto utilizzo dei giardini pubblici, a tutela della sicurezza dei cittadini, è stata predisposta la chiusura notturna invernale ed estiva di tre parchi e cinque giardini comunali. Un servizio di vigilanza è già attivo negli orari di chiusura a beneficio della sicurezza della città. Si potrà continuare ad usufruire degli spazi verdi dalle ore 8 alle 20 in inverno e dalle 7 alle 23 in estate. Unica eccezione per il Parco comunale Aldo Moro di via Mura dei Francesi, che sarà aperto tutte le mattine a partire dalle 6 e fino alle 21 nel periodo invernale. CRONACA Fuga di gas e camino, salvi 2 nonni Due anziani salvati dal gas e dal monossido di carbonio a Ciampino. Una donna, residente in via Monte Grappa 68, una anziana, ha acceso una stufa per scaldarsi, ma l'ambiente si è subito riempito di gas a causa di una perdita. Fortunatamente i Vigili del Fuoco sono intervenuti prontamente. A Marino i pompieri sono intervenuti per salvare, in via Due Santi, un anziano disabile lasciato solo a casa con il camino acceso: la casa si era riempita di monossido di carbonio, ma grazie al telefono di emergenza l'uomo è riuscito a chiamare i Vigili del Fuoco. Elezioni 2014 Boccali annuncia la candidatura a Sindaco Il consigliere comunale di Ciampino Ivan Boccali ha annunciato la propria candidatura a Sindaco con la lista civica Gente Libera. La lista dice di voler rappresentare un gruppo di persone che desiderano agire in concreto a sostegno della città, sui problemi sicurezza, verde, cementificazione, viabilità, commercio, cultura, campo nomadi, aeroporto. 6 gennaio 2014 Il Mercatino dell antiquariato Il prossimo mese il Mercatino dell'antiquariato natalizio è in programma per il 6 gennaio 2014 nel piazzale del Municipio, in Largo Felice Armati, dalle ore 8 alle 20. Soltanto in caso di cattive condizioni meteo, l'appuntamento sarà rinviato alla prima domenica disponibile. Informazioni: dicembre Uno spettacolo dedicato alla donna al Volterra Il 20 dicembre a Ciampino si svolgerà lo spettacolo La libertà di non essere donna presentato dall'associazione Progettiamo Insieme a favore delle donne. L'evento, con balletti, musica e parole, ha l'obiettivo di trasmettere l'immagine di donna come persona con la propria dignità e i propri diritti. L'appuntamento è alle ore 21 presso il liceo Vito Volterra.

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE Gazzettino 18/11/14 P. 6 A rischio 6.600 comuni, in Friuli il 92% 1 PROTEZIONE CIVILE Gazzettino 18/11/14 P. 6 L'Italia è fragile, sono 6.600 i comuni a rischio 2 Gazzettino

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di APRILIA

n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di APRILIA n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di APRILIA POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Tares

Dettagli

Lega Nazionale per la Difesa del Cane sezione di Palermo Viale Diana, 3 90142 Palermo. Lega Anti Vivisezione Via Piave, 7 00187 Roma

Lega Nazionale per la Difesa del Cane sezione di Palermo Viale Diana, 3 90142 Palermo. Lega Anti Vivisezione Via Piave, 7 00187 Roma Lega Nazionale per la Difesa del Cane sezione di Palermo Viale Diana, 3 90142 Palermo Lega Anti Vivisezione Via Piave, 7 00187 Roma Ente Nazionale Protezione Animali Sezione di Palermo Via Brunetto Latini

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO

VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO VERDI DI ROMA DOSSIER NUOVO STADIO ROMA CALCIO STADIO SI' CEMENTIFICAZIONE NO A cura di Gianfranco Mascia CoPortavoce dei Verdi di Roma Per info: verdidiroma@gmail.com Pubblica utilità? In realtà noi Verdi

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La prossima sarà una femminuccia randagia che ha appena partorito... aspetteremo che finisca di allattare.

La prossima sarà una femminuccia randagia che ha appena partorito... aspetteremo che finisca di allattare. LILLY E' STATA STERILIZZATA GRAZIE ALLE PRIME DONAZIONI RICEVUTE!!! GRAZIE...Lilly si è rivelata una cagnolina dolcissima, molto giovane (poco più di un anno), di taglia medio piccola (sui 13 kg.) con

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI VENERDÌ 17 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI VENERDÌ 17 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/7 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Fraternità Francescana Missionaria. Scuola Regina della Pace. Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince

Fraternità Francescana Missionaria. Scuola Regina della Pace. Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince Fraternità Francescana Missionaria Scuola Regina della Pace Progetto «Madame A» Vilaj Italyen Waf Jeremie Port au Prince Haïti, maggio 2011 WAF JEREMIE 70.000 abitanti, centinaia e centinaia di baracche

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA

n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA n. 280 - dal 17 dicembre 2013 al 15 gennaio 2014 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA indebitata dalle privatizzazioni Immigrati, l altra faccia del lavoro A sono 36.000: molti

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8 1/8 MISSIONE IN SICILIA 1 OTTOBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 10,23. PRESIDENTE. Ovviamente la ringraziamo. La relazione da lei predisposta ci consentirà di abbreviare

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

LA SINDACA, MARIA FERRUCCI, INCONTRA LA CLASSE 2^ B DELLA S.M.S. VERDI. di Autori Vari classe 2^ B

LA SINDACA, MARIA FERRUCCI, INCONTRA LA CLASSE 2^ B DELLA S.M.S. VERDI. di Autori Vari classe 2^ B LA SINDACA, MARIA FERRUCCI, INCONTRA LA CLASSE 2^ B DELLA S.M.S. VERDI Autori Vari classe 2^ B Lunedì 4 febbraio, alle ore 11:00, durante la lezione Storia, come previsto, è venuta a farci visita la sindaca

Dettagli

Valorizzazione-conservazione di Lucardo e del suo territorio 1. Valorizzazione di Poggio Pagano: Parco urbano archeologico L'idea del parco, promossa dall associazione Italia Nostra, è stata da tempo discussa

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione

Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci. Interrogazione Gruppo consiliare Partito della Rifondazione Comunista di Scandicci Interrogazione Oggetto: amianto negli edifici pubblici In relazione alla mia interrogazione sull amianto e alla sua risposta, dove mi

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia:

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia: Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490 CODICE FISCALE 974 6561 0158

Dettagli

Concorso L'Italia incompiuta. Titolo dell'opera: L'altra Vecellio

Concorso L'Italia incompiuta. Titolo dell'opera: L'altra Vecellio ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO" Viale S.Marco, 67-30173 VE-MESTRE tel. 041/958791 fax 041/952921 Scuola primaria Tiziano Vecellio Concorso L'Italia incompiuta Titolo dell'opera: L'altra Vecellio

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Mantova e dintorni Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Lunedi' 1 giugno - Firenze - Dozza - Maranello Partiamo da Firenze in tarda mattinata.

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto...

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Continuano ad arrivarci in redazione fotografie, documenti, storie di ordinaria follia nella vita (in)civile

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte.

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte. Mino Costabile un semplice appassionato con un ruolo istituzionale di Grandi Responsabilità. Amici del motocross Puglia, doverosamente penso di dover fornire delle spiegazioni in merito alle posizioni

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia?

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Quello che sta accadendo nel nostro comparto è drammatico: siamo di fronte a una vera e propria deindustrializzazione del settore, con un calo vertiginoso

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

Unità di Protezione Civile

Unità di Protezione Civile CAMELOT PIEMONTE?! E una Unità di Protezione Civile -iscritta nel registro delle Onlus di P.C. della Regione Piemonte -Si occupa di messa in sicurezza di animali da reddito e compagnia e di aiuto ai loro

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

COMUNE DI CARREGA LIGURE (AL)

COMUNE DI CARREGA LIGURE (AL) COMUNE DI CARREGA LIGURE (AL) IL SINDACO GUIDO GOZZANO Relazione di Fine Mandato D.Lgs. 149/2011 articolo 4 Comma 4 Presentazione del Sindaco Sono stato eletto Sindaco, per la seconda volta, 5 anni fa.

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli